Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /web/htdocs/www.autosomma.it/home/adzone/include/config.php:194) in /web/htdocs/www.autosomma.it/home/rss.php on line 7 NEWS E AUTOhttp://www.autosomma.itAUTOSOMMACopyright 2011 www.autosomma.it http://blogs.law.harvard.edu/tech/rssIT-it autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/20/toyota_prodotti_10_milioni_di_esemplari_della_land_cruiser/gallery/2019-Toyota-Land-Cruiser-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27263 Toyota - Prodotti dieci milioni di esemplari della Land Cruiser http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27263&tipo=fv La TOYOTA [1] ha raggiunto il traguardo dei dieci milioni di esemplari prodotti della LAND CRUISER [2]. Il modello è nato nel 1951, ma le esportazioni sono iniziate solo nel 1955. Oggi viene proposto in 170 paesi con un volume di circa 400.000 unità allanno. DA 68 ANNI SULLA CRESTA DELLONDA. Qualità come robustezza e affidabilità hanno fatto della Land Cruiser un riferimento a livello mondiale, inoltre levoluzione del modello nei suoi 68 anni di storia ha permesso di realizzare varianti tali da assecondare le più disparate esigenze. Oltre ai modelli attuali, come la HERITAGE EDITION [3] proposta recentemente sul mercato americano esistono mercati dove la Toyota propone varianti della generazione precedente, come la LAND CRUISER NAMIB [4] appena annunciata in Sud Africa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TOYOTA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOYOTA-LAND-CRUISER [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/23/TOYOTA_LAND_CRUISER_LA_HERITAGE_EDITION_CELEBRA_LA_STORIA_DELLA_FUORISTRADA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/16/TOYOTA_LAND_CRUISER_79_NAMIB.HTML 2019-09-20 12:52:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/19/gestione_flotte_geotab_apre_una_sede_a_roma/gallery/2019-geotab-device.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27264 Gestione flotte - Geotab apre una sede a Roma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27264&tipo=fv Continua a crescere il business di GEOTAB [1] che, dopo lACCORDO CON VODAFONE AUTOMOTIVE [2], annuncia lapertura di una nuova sede a Roma, da cui curerà la sua espansione in tutta Italia. La società canadese, con 1.000 dipendenti e oltre 400 partner globali, conta già più di 40.000 clienti per la sua piattaforma open di FLEET MANAGEMENT [3], con oltre 1,5 milioni di device installati. Con lElectric Vehicle Suitability Assessment, capace di monitorare le prestazioni dei modelli elettrici o ibridi, punta anche alla gestione delle flotte elettrificate. ESPANSIONE SEMPRE PIù GLOBALE. La nuova sede italiana a Roma è lennesimo tassello dellespansione globale della società con sede a Oakville, Ontario, presente anche negli Stati Uniti (Las Vegas), in Messico (Ciudad Juarez), nel Regno Unito (Londra), in Germania (a Herzogenrath, città natale di importanti aziende anche dellautomotive come SCHAEFFLER [4]), in Spagna (Madrid), in Australia (Adelaide) e in Cina (Shenzen). "Non solo possiamo vantare uno sviluppo costante e annunci di importanti partnership nellambito delle flotte e della mobilità, ma siamo entusiasti di poter accelerare ladozione della piattaforma Geotab in Italia, Paese che per la sua crescita eccezionale si annovera tra i mercati più forti in Europa", afferma Edward Kulperger, European Vice President di Geotab, a cui fa eco Fabio Saiu, Leasing and Renting European Director di Geotab "Lapertura della nostra sede di Roma è lultima conferma dellimpegno di Geotab nei confronti dellattuale rete di partner e clienti in Italia". Geotab ha anche aderito allANIASA [5] (Associazione Nazionale Industria dellAutonoleggio e Servizi Automobilistici) al fine di condividere il know-how con i principali player del settore, ed è membro fondatore del Digital Automotive Group per la gestione dei dati dei veicoli connessi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GEOTAB [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NOLEGGIO/2019/09/12/FLEET_MANAGEMENT_VODAFONE_SI_ALLEA_CON_GEOTAB_PER_LA_GESTIONE_DELLE_FLOTTE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FLEET-MANAGEMENT [4] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SCHAEFFLER [5] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ANIASA 2019-09-20 12:52:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/20/volkswagen_e_porsche_la_kba_ordina_il_richiamo_di_227_000_vetture/gallery/2019-volkswagen-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27261 Volkswagen e Porsche - La Kba ordina il richiamo di 227.000 vetture http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27261&tipo=fv La Kba, lautorità federale tedesca per i trasporti, ha ordinato alla VOLKSWAGEN [1] e alla PORSCHE [2] di richiamare circa 227.000 veicoli per un problema agli airbag e al pretensionatore delle cinture di sicurezza. SERVE UN AGGIORNAMENTO DEL SOFTWARE. Lordine riguarda, nello specifico, 203.400 esemplari delle Volkswagen Tiguan, Sharan e CC prodotte nel 2015 e 23.550 delle Porsche 911, Boxster, Cayman e Panamera assemblate tra il 2015 e il 2016. Nella sola Germania il richiamo interessa 51.200 modelli della Casa di Wolfsburg e poco meno di 3.900 esemplari della sua associata di Zuffenhausen. Le vetture, secondo quanto imposto dalla Kba, dovranno essere sottoposte a interventi di aggiornamento del software dei moduli di controllo degli airbag, che da alcune verifiche hanno mostrato segnali di funzionamento limitato o difettoso. Al momento lautorità tedesca è a conoscenza di tre casi relativi a modelli Volkswagen in cui gli airbag sono entrati in funzione nonostante lauto non abbia subito alcun incidente. possibile, pure, che nel caso di un sinistro gli airbag e i pretensionatori non funzionino del tutto, con i relativi rischi per il conducente o i passeggeri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE 2019-09-20 12:52:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/20/f_1_gp_di_singapore_verstappen_davanti_a_tutti_nelle_libere_1/gallery/2019-red-bull-verstappen.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27262 F.1, GP di Singapore - Verstappen davanti a tutti nelle Libere 1 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27262&tipo=fv La PRIMA SESSIONE DI PROVE LIBERE ha ufficialmente dato il via al weekend del GRAN PREMIO DI SINGAPORE [1], quindicesima prova del Mondiale di Formula 1 2019. Il più veloce in pista, durante i primi novanta minuti di prove, è stato MAX VERSTAPPEN: lolandese della Red Bull ha fermato il cronometro sull1:40.259, precedendo di poco più di un decimo la Ferrari di SEBASTIAN VETTEL [2]. Un po più staccate le due Mercedes, con Hamilton a sei decimi e Bottas a un secondo. Il finlandese ha però girato meno dei suoi colleghi, perché finito contro le barriere, danneggiando seriamente la sua Mercedes. QUALCHE PROBLEMA ANCHE IN CASA FERRARI. Il vincitore di Spa e Monza, Charles Leclerc, ha potuto fare solamente 12 giri oggi e ha chiuso in diciannovesima posizione, davanti solo alla Williams di Russell. Il monegasco ha accusato un problema al cambio, che si è bloccato in quarta marcia, dopo il quale non è più potuto tornare in pista. Vettel ha così dovuto portare avanti da solo il lavoro di comparazione del nuovo pacchetto aerodinamico che, secondo le prime stime, sembra aver dato sensazioni positive. La SF90 è apparsa competitiva e anche i sorrisi nel box della Rossa lasciano presagire che sia stata trovata la giusta direzione per lo sviluppo della monoposto, che ha sempre sofferto in piste da alto carico come Singapore. HULKENBERG PROTAGONISTA ANCHE IN PISTA. Alle spalle di Red Bull, Ferrari e Mercedes troviamo la Renault di Nico Hulkenberg. Il tedesco è attualmente sotto i riflettori del mercato piloti perché, dopo esser stato scaricato dalla sua squadra e non essere riuscito a trovare un accordo con la Haas, adesso rischia di rimanere a piedi per la prossima stagione. Nico ha preceduto oggi le due McLaren di Sainz e Norris che, a loro volta, sono rimaste davanti alle Toro Rosso di Kvyat e Gasly, che completano la Top 10. GUARDA LA CLASSIFICA COMPLETA DELLE LIBERE 1 A SINGAPORE [3] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?SINGAPORE_STREET_CIRCUIT_131 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?VETTEL_SEBASTIAN_523794 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2019-09-20 12:52:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/20/formula_e_nel_2020_si_correra_anche_a_giacarta/gallery/2019-giacarta-formula-e.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27259 Formula E - Nel 2020 si correrà anche a Giacarta http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27259&tipo=fv LIndonesia ospiterà un EPRIX DI FORMULA E: il prossimo 6 giugno 2020, le monoposto totalmente elettriche si sfideranno lungo le vie della CAPITALE GIACARTA. Il layout e la configurazione del tracciato saranno svelati solo dopo lomologazione della Federazione e la ratifica del nuovo calendario da parte del Consiglio Mondiale. VERSO NUOVI MERCATI. Il calendario della prossima stagione era già speciale, ma con laggiunta della gara in Indonesia lo sarà ancora di più, ha detto Alberto Longo, co-founder e chief championship officer della Formula E. LIndonesia è un mercato emergente per i veicoli elettrici, con tanti investimenti già fatti per spingere la produzione e rendere più vivibili le città. La Formula E vuole essere parte di questo cambiamento e non vediamo lora di essere a Giacarta il 6 giugno. 2019-09-20 12:20:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/20/bosch_ecco_perche_puntare_sui_carburanti_sintetici_/gallery/2019-bosch-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27260 Bosch - Ecco perché puntare sui carburanti sintetici http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27260&tipo=fv La BOSCH [1] ha pubblicato uno studio sui carburanti sintetici, ritenuti fondamentali per contribuire alla riduzione di CO2 per alimentare i veicoli endotermici che coesisteranno con quelli elettrificati nei prossimi anni. CARBURANTI SINTETICI GIà PRONTI PER IL MONDO DI OGGI. La multinazionale tedesca ha voluto descrivere la situazione attuale per sostenere la causa e fornire indicazioni anche al grande pubblico sullevoluzione dei carburanti, confermando le concrete possibilità di sviluppo di questa tecnologia. già possibile produrre benzina, gasolio e cherosene totalmente sintetici e i processi sono svolti usando esclusivamente energia elettrica ottenuta da fonti rinnovabili. I test hanno dimostrato che le infrastrutture attuali e i propulsori dei veicoli già in commercio possono utilizzare questi carburanti senza subire modifiche, un elemento cruciale per la loro diffusione. COSTI ANCORA TROPPO ALTI. Il lato negativo, per il momento, è rappresentato dal costo dellenergia e da quello di produzione, che superano in maniera netta i carburanti fossili. Le previsioni parlano di un costo netto di 1,2 euro al litro nel 2030 e di circa 1 euro nel 2050, ma laumento esponenziale della fabbricazione e adeguate modifiche legislative potrebbero consentire di invertire la rotta. molto importante anche considerare lo scenario di fuori del mondo automotive: secondo la ricerca della Bosch, infatti, la diffusione dei sistemi fuel-cell e dei motori elettrici non sarà estesa anche al mondo nautico e a quello aeronautico, i quali continueranno a generare una domanda importante per i carburanti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BOSCH 2019-09-20 12:20:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/20/audi_a1_citycarver_prezzo_motorizzazioni_allestimenti/gallery/2019-audi-a1-citycarver-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27258 Audi A1 citycarver - In Italia con prezzi a partire da 23.950 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27258&tipo=fv Si aprono in Italia gli ordini della AUDI A1 CITYCARVER [1]. La vettura ha debuttato al Salone di Francoforte e sarà disponibile a partire da 23.950 euro. I clienti potranno scegliere la sola motorizzazione 1.0 TFSI in versione 95 CV e 175 Nm (25 TFSI) e 116 CV con 200 Nm (30 TFSI), con questultima disponibile in opzione anche con cambio automatico S tronic. I manuali sono invece cinque e sei marce in base al livello di potenza del motore a cui si abbinano. I consumi, infine, variano da 5,9 a 6,7 l/100 km (133-152 g/km) nel ciclo Wltp in base allallestimento. COME RICONOSCERE LA CITYCARVER. La versione citycarver prende ispirazione dal mondo delle crossover e dona alla A1 un look diverso dalle altre varianti. Troviamo infatti lassetto rialzato di 40 mm, gli ammortizzatori con taratura specifica, i pneumatici con spalla maggiorata su cerchi di lega da 16", i passaruota maggiorati, le finiture esterne con verniciatura a contrasto, la griglia single frame specifica, le protezioni in tinta argento del sottoscocca integrate nei paraurti e lo spoiler posteriore. La A1 citycarver sarà offerta in dieci tinte esterne da abbinare al tetto Nero Mythos o Grigio Manhattan. BASE E ADMIRED. Nel listino sono presenti lallestimento base e quello denominato Admired, che richiede un esborso superiore di 900 euro. La versione base offre di serie gli specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, il bracciolo anteriore, i rivestimenti in tessuto Delta, il volante rivestito in pelle, il climatizzatore manuale, linfotainment MMI Plus con display da 8,8 pollici con radio Dab, il Digital Cockpit con display da 10,25 pollici, il Lane Departure Warning, lAudi Pre-Sense Front e i sensori luci e pioggia. La Admired aggiunge i cerchi da 17" con finitura bicolore, le finiture interne in alluminio, il volante multifunzione, il climatizzatore automatico, lAudi Smartphone Interface e i sensori di parcheggio posteriori. Tra gli optional qualificanti troviamo gli ammortizzatori a controllo elettronico, lAudi Drive Select, la verniciatura nero lucido delle finiture esterne, i gruppi ottici Led, linfotainment con display da 10,1 pollici MMI Touch, limpianto audio B O, lAudi phone box con servizi Audi Connect, lassistente al parcheggio, la retrocamera e lAdaptive Speed Assist. LA A1 CITYCARVER EDITION ONE. In occasione del lancio è prevista infine la possibilità di ordinare il pacchetto Edition One, proposto a 5.500 o 6.800 euro in base alla versione di partenza. Lofferta include i cerchi da 18" Audi Sport, la tinta esterna Arancio Pulse o Grigio Zinco, i gruppi ottici anteriori e posteriori a Led bruniti, il pacchetto interno S line, i loghi esterni e le griglie anteriori nero lucido, gli interni in tessuto e similpelle, le finiture interne arancio satinato o argento e lassetto a controllo elettronico. AUDI A1 CITYCARVER 25 TFSI 95 CV: 23.950 euro 25 TFSI 95 CV Admired: 24.850 euro 30 TFSI 116 CV: 24.700 euro 30 TFSI 116 CV Admired: 25.600 euro 30 TFSI 116 CV S tronic: 26.550 euro 30 TFSI 116 CV S tronic Admired: 27.450 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/29/AUDI_A1_CITYCARVER_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI.HTML 2019-09-20 10:54:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/20/tesla_tempo_model_s_plaid_nurburgring/gallery/2019-Tesla-Model-S-P100D-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27257 Tesla - "La Model S Plaid può girare in 7:20 al Ring" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27257&tipo=fv Dopo giorni di indiscrezioni, più o meno fondate, la TESLA [1] ha confermato i tempi fatti segnare dai prototipi delle MODEL S PLAID [2] al Nürburgring. Secondo i rilevamenti cronometrici della Casa, la versione più estrema della quattro porte a batterie sarebbe in grado di completare un giro del Nordschleife in circa SETTE MINUTI E 20 SECONDI, ovvero 22 secondi in meno rispetto alla RIVALE PORSCHE TAYCAN [3]. Vanno però fatte delle precisazioni. Durante i turni di prova riservati ai costruttori (quindi con altre vetture in pista), lelettrica di Elon Musk avrebbe girato al Ring in configurazione prototipale, senza interni e con componenti non definitive. Oltre a questo, i tempi sono stati rilevati dai tecnici della Casa e non da organizzazioni indipendenti: non è inoltre chiaro se sia stato effettuato un vero e proprio giro in 7:20 oppure se questo tempo sia stato calcolato come potenziale somma teorica dei migliori settori rilevati sul tracciato (come già accaduto in passato con altri brand). Bisognerà quindi aspettare prima di poter gridare al record. OBIETTIVO 7:05. Differentemente a quanto previsto, i prototipi delle Model S P100D+ non dovrebbero tornare in pista al Ring questo sabato. La Casa, infatti, ha dato appuntamento agli appassionati per il prossimo mese, quando tornerà sul Nordschleife con una versione aggiornata della berlina. I numerosi giri effettuati nelle scorse settimane sarebbero stati utilizzati per mettere a punto diversi dettagli della vettura e, secondo le stime dei tecnici di Palo Alto, la nuova versione dei prototipi potrebbe essere in grado di completare un giro completo del tracciato tedesco in sette minuti e cinque secondi. Un crono davvero ambizioso: oltre che essere inferiore di quasi 40 secondi rispetto a quello della Porsche Taycan, questo tempo sul giro sarebbe in linea con quello di vetture come lultima Porsche 911 GT3 RS o la Mercedes-AMG GT R Pro. TRE MOTORI E SETTE POSTI. I prototipi impegnati nei collaudi al Nürburgring sono caratterizzati da diverse modifiche estetiche e tecniche rispetto alle Model S attualmente in commercio. Oltre alle carreggiate allargate, accompagnate da nuovi passaruota e da paraurti con prese daria maggiorate, le versioni Plaid utilizzate in pista dispongono di uno spoiler posteriore e di novità meccaniche che debutteranno in gamma entro la fine del prossimo anno. Lo stesso Elon Musk ha annunciato che le Model S P100D+ di produzione avranno tre motori elettrici (due dei quali, probabilmente, sul retrotreno) e una versione evoluta del telaio, con la possibilità di optare anche per una configurazione a sette posti con la terza fila di sedili orientata nel verso opposto alla marcia, proprio come sulle versioni attuali. Non mancheranno, infine, dettagli specifici per la guida in pista, come un impianto frenante maggiorato con dischi carboceramici e un assetto più basso e rigido. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/12/TESLA_IN_ARRIVO_UNA_MODEL_S_PIU_SPORTIVA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/08/26/PORSCHE_TAYCAN_7_MINUTI_E_42_SECONDI_AL_NURBURGRING.HTML 2019-09-20 10:54:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tempo_sul_giro/2019/09/19/bentley_il_giro_a_vairano_della_continental_gt_video/gallery/2019-Bentley-Continental-GT-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27255 Bentley - Il giro a Vairano della Continental GT - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27255&tipo=fv Il dodici cilindri della BENTLEY CONTINENTAL GT [1] non è pensato solo per muovere con estrema grazia la muscolosa gran turismo britannica. Con 635 CV, il 6.0 biturbo può dire la sua anche in pista, soprattutto grazie alla nuova configurazione tecnica di questa coupé, che nella sua terza generazione è diventata più atletica, snella e divertente da guidare. PIù DINAMICA CHE MAI. Pur non essendo concepita per i cordoli, la Continental GT non delude affatto nella guida spinta. Sia per il motore, che spinge con veemenza fino ai 6.000 giri/min, sia per lassetto, dotato di barre antirollio attive. Anche i potenti freni hanno una buona risposta, così come lo sterzo, rapido ma non eccessivamente preciso: buono pure linserimento in curva, come anche il comportamento dinamico, rassicurante ma lievemente orientato al sottosterzo nella guida al limite, nonostante la trazione integrale privliegi le ruote posteriori. Ma basteranno queste caratteristiche per staccare un tempo sul giro in linea con le rivali? Per scoprirlo non vi resta che guardare il video. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BENTLEY-CONTINENTAL-GT 2019-09-20 10:28:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/20/audi_a1_citycarver_prezzo_motorizzazioni_allestimenti/gallery/2019-audi-a1-citycarver-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27256 Audi A1 Citycarver - In Italia con prezzi a partire da 23.950 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27256&tipo=fv Si aprono in Italia gli ordini della AUDI A1 CITYCARVER [1]. La vettura ha debuttato al Salone di Francoforte e sarà disponibile a partire da 23.950 euro. I clienti potranno scegliere la sola motorizzazione 1.0 TFSI in versione 95 CV e 175 Nm (25 TFSI) e 116 CV con 200 Nm (30 TFSI), con questultima disponibile in opzione anche con cambio automatico S tronic. I manuali sono invece cinque e sei marce in base al livello di potenza del motore a cui si abbinano. I consumi, infine, variano da 5,9 a 6,7 l/100 km (133-152 g/km) nel ciclo wltp in base allallestimento. COME RICONOSCERE LA CITYCARVER. La versione Citycarver prende ispirazione dal mondo delle crossover e dona alla A1 un look diverso dalle altre varianti. Troviamo infatti lassetto rialzato di 40 mm, gli ammortizzatori con taratura specifica, i pneumatici con spalla maggiorata su cerchi di lega da 16", i passaruota maggiorati, le finiture esterne con verniciatura a contrasto, la griglia single frame specifica, le protezioni in tinta argento del sottoscocca integrate nei paraurti e lo spoiler posteriore. La A1 Citycarver sarà offerta in dieci tinte esterne da abbinare al tetto Nero Mythos o Grigio Manhattan. BASE E ADMIRED. Nel listino sono presenti lallestimento base e quello denominato Admired, che richiede un esborso superiore di 900 euro. La versione base offre di serie gli specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, il bracciolo anteriore, i rivestimenti in tessuto Delta, il volante rivestito in pelle, il climatizzatore manuale, linfotainment MMI Plus con display da 8,8 pollici con radio Dab, il Digital Cockpit con display da 10,25 pollici, il Lane Departure Warning, lAudi Pre-Sense Front e i sensori luci e pioggia. La Admired aggiunge i cerchi da 17" con finitura bicolore, le finiture interne in alluminio, il volante multifunzione, il climatizzatore automatico, lAudi Smartphone Interface e i sensori di parcheggio posteriori. Tra gli optional qualificanti troviamo gli ammortizzatori a controllo elettronico, lAudi Drive Select, la verniciatura nero lucido delle finiture esterne, i gruppi ottici Led, linfotainment con display da 10,1 pollici MMI Touch, limpianto audio B O, lAudi phone box con servizi Audi Connect, lassistente al parcheggio, la retrocamera e lAdaptive Speed Assist. LA A1 CITYCARVER EDITION ONE. In occasione del lancio è prevista infine la possibilità di ordinare il pacchetto Edition One, proposto a 5.500 o 6.800 euro in base alla versione di partenza. Lofferta include i cerchi da 18" Audi Sport, la tinta esterna Arancio Pulse o Grigio Zinco, i gruppi ottici anteriori e posteriori a Led bruniti, il pacchetto interno S line, i loghi esterni e le griglie anteriori nero lucido, gli interni in tessuto e similpelle, le finiture interne arancio satinato o argento e lassetto a controllo elettronico. AUDI A1 CITYCARVER 25 TFSI 95 CV: 23.950 euro 25 TFSI 95 CV Admired: 24.850 euro 30 TFSI 116 CV: 24.700 euro 30 TFSI 116 CV Admired: 25.600 euro 30 TFSI 116 CV S tronic: 26.550 euro 30 TFSI 116 CV S tronic Admired: 27.450 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/29/AUDI_A1_CITYCARVER_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI.HTML 2019-09-20 10:28:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/20/emissioni_usa_stop_ufficiale_ai_poteri_della_california/gallery/2019-California-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27254 Emissioni Usa - Stop ufficiale ai poteri della California http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27254&tipo=fv Il presidente degli Stati Uniti, DONALD TRUMP [1], lo aveva ANNUNCIATO DUE GIORNI FA [2] e ora è arrivata lufficializzazione: la California non potrà più legiferare su materie legate alle emissioni inquinanti delle automobili. Le agenzie federali Nhtsa (National Highway Traffic Safety Administration) ed Epa (Environmental Protection Agency) hanno emesso un provvedimento definitivo, denominato "One National Program Rule", che consentirà al governo federale di stabilire standard per i consumi e le emissione di gas serra uniformi a livello nazionale per automobili e veicoli commerciali leggeri. UN PRIMO PASSO VERSO UNA NUOVA NORMATIVA. Il provvedimento è soltanto il primo passo verso la definizione di una proposta di legge intitolata SAFE (Safer, Affordable, Fuel-Efficient Vehicles Rule), che nelle intenzioni dellAmministrazione Trump è destinata a stabilire un nuovo quadro normativo per lintero settore automobilistico americano. Lobiettivo dellattuale inquilino della Casa Bianca, come affermato in una nota dalle due agenzie, è quello di "garantire che un numero maggiore di americani abbia accesso a veicoli più sicuri, più accessibili e più puliti che soddisfino le esigenze delle loro famiglie. Gli standard della norma SAFE sono progettati per risparmiare miliardi di dollari e rafforzare la base produttiva interna degli Stati Uniti con milioni di nuove vendite di auto. Ancor più importante, poiché le auto nuove sono più sicure che mai, i nuovi standard sono progettati per salvare migliaia di vite e impedire a decine di migliaia di americani di essere ricoverati in ospedale per incidenti stradali". Inoltre, per lamministratore dellEpa, Andrew Wheeler, liniziativa garantirà leggi a livello nazionale che forniscano "la necessaria certezza normativa per lindustria automobilistica", eliminando lattuale dicotomia tra leggi federali e statali. LO SCONTRO CON LA CALIFORNIA. Il provvedimento, tuttavia, rappresenta anche lapice dello scontro in atto da mesi con la California, che ora sarà esautorata dai poteri concessi dal governo di Washington sin dagli anni 70 del secolo scorso. Con il Clean Air Act del 1970, lallora Amministrazione Nixon ha voluto riconoscere limpegno del Golden State per risolvere gli enormi problemi legati allinquinamento atmosferico autorizzando Sacramento a stabilire in autonomia norme con vincoli molto più stringenti rispetto a quelle federali. Da allora la California è diventata un punto di riferimento per unaltra dozzina di Stati e soprattutto per un settore intenzionato a non rischiare di dover abbandonare il mercato singolo più importante di tutto il territorio statunitense. Negli ultimi anni, però, Trump ha deciso di mettere mano allattuale sistema normativo con lobiettivo di cancellare, o comunque di sospendere, i limiti sempre più stringenti su consumi ed emissioni varati dal suo predecessore Barack Obama. Le iniziative dellex tycoon, COME SPIEGATO DAL NOSTRO DIRETTORE [3], hanno aperto un fronte caldo non solo con la California ma anche con i costruttori, che da sempre chiedono un alleggerimento delle normative ma non una loro cancellazione. Recentemente le autorità statunitensi hanno perfino APERTO UNINDAGINE [4] per verificare se la Ford, la Honda, la BMW e la Volkswagen abbiano rispettato le leggi federali sulla concorrenza firmando un accordo volontario con il California Air Resources Board per adottare gli standard locali sulle emissioni. Ora, dopo il provvedimento della Nhtsa e dellEpa, si fa sempre più concreto il rischio di una lunga battaglia legale con il ricorso, già paventato da molti, alla Corte Suprema. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DONALD-TRUMP [2] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2019/09/18/donald_trump_pronto_a_revocare_autonomia_california_su_emissioni_auto.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/08/21/EMISSIONI_USA_PERCHE_TRUMP_SE_LA_PRENDE_CON_LE_CASE_CHE_CHIEDONO_NORME_PIU_SEVERE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/06/EMISSIONI_USA_PATTO_CON_LA_CALIFORNIA_L_AMMINISTRAZIONE_TRUMP_APRE_UN_INDAGINE_SU_QUATTRO_CASE_.HTML 2019-09-20 09:56:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/26/subaru_levorg_una_settimana_con_la_2_0i_lineartronic_premium/gallery/2019-Subaru-Levorg-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27253 Subaru Levorg - Una settimana con la 2.0i Lineartronic Premium [Day 5] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27253&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SUBARU LEVORG [1] 2.0i Lineartronic AWD in allestimento Premium, il più completo della gamma. Lunico motore disponibile è il nuovo quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV a 6.200 giri/min e 198 Nm a 4.200 giri/min: abbinato al cambio automatico Cvt e alla trazione integrale, permette alla station di scattare da 0 a 100 km/h in 11,7 secondi e di toccare una velocità massima di 195 km/h. Il consumo medio dichiarato è pari a 7,3 l/100km nel ciclo misto. Proposta a 34.500 euro, la versione Premium dispone di tutte le dotazioni presenti in gamma e costa 2.500 euro in più dellaltro allestimento disponibile (lo Style), rispetto al quale aggiunge i sedili rivestiti di pelle e il navigatore satellitare. Tra gli altri accessori di serie, troviamo i cerchi di lega da 18", i fari a Led adattivi, lEyeSight, il tetto apribile e il touchscreen da 7" dellimpianto di infotainment con radio DAB, retrocamera e supporto per Android Auto e Apple CarPlay. Su tutte le versioni sono inoltre presenti tre differenti pacchetti pensati per migliorare la sicurezza e il confort di guida: lAdvanced Safety Package include lEyeSight Assist Monitor, lHigh Beam Assist, il Subaru Rear Vehicle Detection e lo specchietto retrovisore fotocromatico; il Safety View Package comprende la telecamera frontale e lo specchietto retrovisore con telecamera, mentre il Cold Weather Package prevede i sedili anteriori riscaldabili, lo sbrinatore delle spazzole tergicristallo e gli specchietti retrovisori esterni riscaldabili. Lunga quattro metri e 69 cm, alta 149 cm e larga 178 cm, la Levorg ha un bagagliaio con una capacità di carico di 522 litri che, alloccorrenza, può essere ampliato fino a 1.446 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. AGILE E SICURA [DAY 1]. Ci si ritrova in fretta, al volante della Subaru Levorg AWD. E si sta comodi, ben sostenuti dal sedile sportivo e supportati dalle regolazioni elettriche. Il volante, dalla corona spessa e tagliata nella parte inferiore, piace, anche se si presenta con troppi comandi. un po strana solo la sensazione di trovarsi, da fine corsa del sedile, rialzati rispetto alla strumentazione e alla plancia. Quello che mi attira è labbinamento tra il quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV e la trasmissione Cvt Lineartronic. Ricordiamo che nella serie precedente, la Levorg adottava l1.6 turbo, sempre boxer, da 170 CV, con maggiore spinta ai bassi e prestazioni più brillanti. Il Cvt, però, risponde bene allacceleratore e tende a riempire il meno favorevole arco di utilizzo del duemila aspirato, tanto che in città la giap risulta pronta e gradevole. E quando mi serve più potenza, labbinamento tra motore e cambio risulta riuscito, senza distonie o disagi. Le dimensioni sono importanti si sfiorano i quattro metri e 70 , però la Levorg è facile da guidare e mi segue bene, quasi fosse molto più corta (merito pure del baricentro basso). In più, grazie allampia vetratura, la visibilità è buona anche dietro. Dicevamo che la marcia in città è fluida e gradevole: cè la possibilità di disporre di un kickdown simulato piuttosto efficace e risultano convincenti i sette intervalli di cambiata, gestibili tramite i paddle. In viaggio la Levorg dà il meglio (nonostante il sottofondo di rotolamento) e riesco a procedere a 130 poco sopra i 2.000 giri, col piede destro leggero: così, vedo i consumi calare a razzo rispetto ai valori elevati della città. Le sospensioni denotano unescursione, non eccessiva però: la Levorg assorbe piuttosto bene le irregolarità secche e brevi, potendo contare su una gommatura 225/45 da 18. La guida risulta precisa e sincera anche per via del passo (2,65 metri), corto rispetto agli ingombri della carrozzeria e dello sterzo. Il quale si rivela pronto e progressivo. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE FLUIDA E CONFORTEVOLE [DAY 2]. Confesso, ero un po prevenuto. Per me, prendere in mano le chiavi di una Subaru significa proiettarmi subito in unaltra dimensione. Potete immaginare quale: un universo fatto non solo di Pleiadi, lammasso di stelle simboleggiate nel marchio della Casa giapponese, ma anche, se non soprattutto, dImpreza Wrc, di rally mondiali, del compianto Colin McRae. Ergo, non è difficile capire lo scetticismo con il quale mi sono accostato alla Levorg, paciosa station wagon? A essere sincero, non saprei come definirla. Ma non è tanto importante. Perché la cautela con la quale apro la portiera svanisce presto. Seduto al posto guida, prima di mettere in moto, percepisco una sensazione di gradevole solidità, di consistenza della proposta. Sulla carta, anche il layout tecnico della vettura non mispirava: un due litri aspirato da 150 CV, potenza oggi alla portata di un turbobenzina di cubatura decisamente inferiore (per esempio, il recente 1.3 della FCA), perdipiù abbinato a un cambio Cvt che non amo. E invece, nel momento in cui la Levorg si mette in movimento, tutto si trasforma. Certo, niente invoglia a insistere più di tanto con lacceleratore, ma linsieme si svolge con una fluidità sorprendente e un po inaspettata (guai ai pregiudizi!), che si aggiunge allindiscutibile confort. Il mio test drive è, in realtà, piuttosto breve, ma ho la sensazione che con questa Levorg si possa viaggiare a lungo, bene senza stancarsi e - cosa non meno importante - vegliati da un pacchetto importante di Adas. Insomma, con lei non andrei di sicuro a farmi una prova speciale: ma un viaggio, anche di parecchie ore, quello sì. EMILIO DELEIDI, REDAZIONE INCHIESTE CURATA E ACCOGLIENTE [DAY 3]. Chi, come me, ama film e spettacoli teatrali del trio di comici Aldo, Giovanni e Giacomo, non può avvicinarsi a unauto delle Pleiadi senza che gli riecheggi nella mente la frase pronunciata in "Tel chi el telùn": "Hai preso la Subaru baracca!". Ma al di là della battuta, nata proprio perché Giovanni Storti è un affezionato cliente della Casa (lo ha confermato egli stesso), basta accomodarsi nellabitacolo della Levorg per pensare a tutto fuorché a un oggetto poco curato. E non si tratta solo di attenzione per i dettagli, qualità dei materiali e confort generale, ma anche e soprattutto di contenuti: a livello tecnologico e non solo. Dietro si sta meglio in due, con lo spazio che abbonda in ogni direzione (un eventuale quinto passeggero dovrebbe fare i conti col tunnel e lo schienale centrale, trasformabile in un comodo bracciolo portavivande). Buona anche la capacità del bagagliaio, che aggiunge dei piccoli vani sotto il pavimento e, in caso di oggetti lunghi e ingombranti, consente il ribaltamento degli schienali con il pratico sistema di sgancio "one touch": lampio piano di carico che si ottiene è perfettamente livellato. Pratica, inoltre, è la possibilità di rimuovere la cappelliera e di ripiegarla in un apposito scomparto. Anche il posto di guida è confortevole ed è facile trovare la posizione più adatta alle proprie esigenze. In marcia nessun problema, sia nel traffico sia in manovra. Apprezzabili, poi, sono i tanti Adas in dotazione, basati sul noto sistema EyeSight: si va dal cruise control attivo al mantenimento della corsia, dalla frenata automatica demergenza allhigh beam assist, il quale regola automaticamente i fari in base al traffico e alle condizioni di guida. Infine, una volta entrati nel box, la telecamera anteriore e quella posteriore facilitano anche i parcheggi più ostici. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO UN CVT DIFFERENTE [DAY 4]. Non sono tipo da Cvt. Per me il cambio automatico ideale o ha un convertitore di coppia o è un doppia frizione. Sulla Levorg, dunque, sono partito con qualche pregiudizio nonostante molti mi avessero decantato le doti di questa trasmissione a variazione continua. E in effetti già dopo i primi chilometri ho capito che il Lineartronic non è un Cvt come gli altri. Simulando gli innesti delle marce con sette differenti intervalli di cambiata, non ha tutto quelleffetto di trascinamento tipico di questo tipo di automatici, proponendo comunque grande fluidità di marcia e una buona reattività. Pur rimanendo scettico su questa tipologia di trasmissioni, devo ammettere che il Lineartronic si abbina bene al boxer aspirato della Levorg, rendendolo scattante alle basse andature e mantenendo attorno ai 2.000 giri/min il regime del due litri una volta raggiunte velocità autostradali, a tutto vantaggio di consumi e silenziosità (questultima intaccata solo dal rotolamento dei pneumatici). Una combinazione, aspirato più Cvt, che potrebbe sembrare quasi anacronistica in un mondo fatto di piccoli motori turbo e cambi doppia frizione, ma che in realtà risulta piuttosto efficace: lautomatico compensa la mancanza di brio del quattro cilindri ai bassi regimi, rendendolo più vivace e reattivo. A bordo ho apprezzato la comodità dei sedili e lassemblaggio particolarmente curato della plancia, che propone uno stile semplice pur integrando due schermi, uno per linfotainment e uno supplementare per il computer di bordo che, in manovra, riporta le immagini della videocamera anteriore, una funzione particolarmente utile per evitare i piccoli urti. Il volante, ricoperto di morbida pelle con cuciture a contrasto, mi ha stupito per la quantità di pulsanti presenti sulle razze: in totale comandano ben 21 differenti funzioni, se si includono anche i tre bottoni del satellite sinistro e i paddle della trasmissione. Per trovare il tasto giusto, però, si è costretti a distogliere più volte lo sguardo dalla strada: bisogna prenderci la mano. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE SENSIBILE AL CONTESTO DI GUIDA [DAY 5]. Difficile scrivere cose tanto diverse da quanto hanno già sottolineato i colleghi, perché i temi fondamentali, parlando della Levorg, sono quelli: laccoppiata motore-cambio nella guida di tutti i giorni e i consumi. Alla prima questione posso rispondere senza esitazioni: mi piaceva di più la versione precedente, con il Cvt Lineartronic che, per inciso, resta uno dei migliori variazione continua sul mercato abbinato all1.6 turbo da 170 cavalli, più potente e con più coppia in basso. Una combinazione che premiava la reattività e il piacere di guida. Ricordando quella Levorg, qui ho ritrovato la medesima agilità e gradevolezza, ma sono rimasto un po deluso dalla mancanza di quel brio che avevo archiviato in un cassetto della memoria. Ma tantè: alla Subaru hanno deciso di cambiare filosofia, con unauto più orientata alla comodità che alle prestazioni. Per ottenere una risposta più convincente alle richieste del piede destro bisogna utilizzare le levette al volante dei rapporti virtuali e farla lavorare a regimi elevati, il che ci porta dritti dritti alla seconda questione: i consumi. Ho guidato questa Levorg in due occasioni diverse, in città (con laggiunta di qualche incursione in statale) e in montagna. Nel primo caso, tra partenze, frenate, riprese, sorpassi, fermate e ripartenze, lautonomia iniziale di circa 180 km (calcolata dal computer di bordo in base alla guida di chi mi aveva preceduto) è scesa rapidamente. Ben diverso il caso del viaggio in montagna, in tutto circa 350 km tra andata e ritorno, di cui una sessantina su strade in pendenza: ero preparato a fare almeno una sosta per rifornimento, ma in realtà non mi sono fermato neppure una volta, chiudendo il tragitto con quasi la metà del serbatoio. La Levorg mi ha permesso di viaggiare a un ritmo elevato, quello che sportivamente parlando si direbbe un buon passo gara, consumando meno di 8 litri per 100 km: non male, per un duemila a benzina con trazione integrale. In conclusione, il consumo della giapponese sembra piuttosto sensibile al contesto di marcia: se state considerando di acquistarne una, pensate bene in quali condizioni fate più chilometri. ROBERTO LO VECCHIO, REDAZIONE AUTONOTIZIE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU-LEVORG 2019-09-20 08:55:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/19/renault_clio_cup_a_vallelunga_riparte_la_battaglia/gallery/2019-Renault-Clio-Cup-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27252 Renault Clio Cup - A Vallelunga riparte la battaglia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27252&tipo=fv RENAULT CLIO CUP [1]: dove eravamo rimasti? A Misano, 14 luglio, cui è seguita la pausa estiva. Ma ora ci siamo, questo fine settimana, allAutodromo Vallelunga Piero Taruffi, tornano ad accendersi i motori. Si tratta del quinto e penultimo appuntamento del trofeo italiano, perché proprio dal circuito romano prende il via la fase clou della stagione, che si concluderà a Imola il 13 ottobre. JELMINI AL COMANDO. In testa alla classifica troviamo sempre Felice Jelmini, il giovane pilota del team Composit Motorsport reduce da quattro vittorie di fila e salito sul podio in tutte le otto gare disputate. Il lombardo ha accumulato 63 punti di vantaggio su Matteo Poloni (Essecorse), nella circostanza assente. Ciò significa che a Vallelunga Jelmini potrebbe conquistare matematicamente il titolo. A contendergli le due corse ci proverà comunque Filippo Distrutti, della NextOneMotorsport, terzo in campionato con un successo stagionale. TRA RIENTRI E NOVITà. In evidenza nei due più recenti round di Monza e Misano, Fabrizio Ongaretto, leader tra i Gentlemen, punta alla prima vittoria dellanno alla guida della Clio schierata dal team Composit Motorsport. Da tener docchio anche Due, con lOregon Team terzo sul circuito brianzolo. La squadra di Cremosano schiererà al via anche unaltra RS 1.6 turbo per la 17enne Francesca Raffaele, seconda nella classifica Junior a dieci lunghezze da Distrutti. Due gli alfieri anche per la MC Motortecnica, con Lorenzo Vallarino e Saetta McQueen, questultimo protagonista nella gara della Clio Cup Open che è stata disputata in luglio a Hockenheim, come contorno del G.P. di Germania di F.1. Con il team campione in carica Faro Racing è confermata la presenza di Andrea Mosca, a Misano due volte in top 5. Ma va anche segnalata la presenza di Simone Di Luca, vincitore del titolo 2018 e al suo rientro come wild card. Punta in alto anche la Explorer Motorsport, con Giacomo Trebbi sul podio in Romagna. Rientrano Manuel Stefani e la Lema Racing, che schiererà una vettura per lo sloveno Zorgan Poglajen. IL PROGRAMMA DI VALLELUNGA. Il programma di Vallelunga inizierà sabato mattina con i due turni di prove libere di mezzora ciascuno. Nel pomeriggio, dalle 14.25, sono previste le due sessioni di qualifica (ognuna della durata di 20 minuti) in base alle quali verranno stabiliti gli schieramenti di partenza. La prima delle due corse di 25 minuti prenderà il via domenica alle 9, con Gara 2 che scatterà alle 17.15. Entrambe saranno in diretta streaming su renaultsportitalia.it. LA CLASSIFICA. La classifica top 10 dopo quattro appuntamenti: 1. Felice Jelmini (Composit Motorsport) 183 punti; 2. Matteo Poloni (Essecorse) 120; 3. Filippo Distrutti (NextOneMotorsport) 84; 4. Fabrizio Ongaretto (Composit Motorsport) 74; 5. Due (Oregon Team) 73; 6. Fulvio Ferri (Faro Racing) 61; 7. Massimiliano Danetti (Essecorse) 52; 8. Lorenzo Vallarino (MC Motortecnica) 39; 9. Andrea Mosca (Faro Racing) 9; 10. Giacomo Trebbi (Explorer Motorsport) 33. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RENAULT-CLIO-CUP 2019-09-19 19:01:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/19/opel_astra_2020_prezzo_versioni_motori/gallery/2019-opel-astra-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27251 Opel Astra - Il restyling in Italia a partire da 23.800 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27251&tipo=fv Dopo lanteprima al Salone di Francoforte la OPEL [1] ha diffuso il listino italiano dellAstra recentemente sottoposta a un restyling. Nella versione aggiornata, la media tedesca sarà disponibile in Italia a partire da 23.800 euro per il modello cinque porte e da 24.800 euro per la Sports Tourer. Lauto, che abbiamo GIà GUIDATO IN ANTEPRIMA [2], è stata rivista in maniera molto leggera a livello stilistico ma propone motori benzina e diesel rinnovati, abbinate a nuovi cambi. DUE BENZINA E UN DIESEL PER CINQUE POTENZE. Nella fattispecie si parla di due propulsori benzina e un diesel, cinque livelli di potenza e tre opzioni per la trasmissione. Il tre cilindri 1.2 Turbo benzina da 110 CV e 195 Nm, 130 CV e 225 Nm e 145 CV e 225 Nm (da 99 a 101 g/km) è disponibile solo con cambio manuale, mentre il 1.4 turbo da 145 CV e 236 Nm (115-116 g/km) adotta solo il cambio automatico Cvt. Il diesel 1.5 CDTI eroga 105 CV e 260 Nm e 122 CV e 300 Nm (92-111 g/km), ma solo il più potente può essere abbinato anche al nuovo automatico nove marce AT9. Tutti i valori di emissioni sono ricalcolati sul ciclo Nedc. LA DOTAZIONE DI SERIE DEI TRE ALLESTIMENTI. Gli allestimenti sono denominati GS Line, Business Elegance e Ultimate, con questultimo riservato solo alle versioni più potenti benzina 145 CV e diesel 122 CV. La GS Line offre di serie lHill Start Assist, lEcoFlex Aero Pack, le finiture in tessuto Formula, i sedili sportivi AGR anteriori, il volante in pelle, il padiglione Jet Black, linfotainment con display touch da 7" completo di Bluetooth, radio DAB+ e compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, i cerchi di lega da 16", gli specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, il Black Pack esterno, i gruppi ottici anteriori EcoLed, il climatizzatore automatico bizona, il cruise control, i sensori di parcheggio e il sistema Opel Eye con avviso superamento e mantenimento della corsia e frenata automatica. La Business Elegance aggiunge i vetri posteriori termoriflettenti, le finiture esterne cromate, gli interni in tecnopelle Marrocana e tessuto Athena, i pacchetti Safety Net e Versatility, il bracciolo posteriore, linfotainment con display da 8 pollici, il freno a mano elettrico, il parabrezza acustico, il sistema di parcheggio automatizzato con retrocamera e sensori per langolo cieco, i gruppi ottici anteriori Intellilux Matrix Led, i freni posteriori Led e il sistema Keyless. La Ultimate, infine, completa la dotazione con i cerchi di lega da 17", i fendinebbia, i vetri posteriori oscurati, lHigh gloss Black Pack esterno, i rivestimenti interni in Alcantara, i battitacco personalizzati e lo sport pack OPC Line interno che include volante rivestito in pelle e pedaliera in metallo. GLI OPTIONAL. Tra i principali optional troviamo gli interni foderati in pelle Siena II Jet Black, il portellone elettrico keyless, il pacchetto di navigazione per linfotainment base, limpianto audio Bose, la piattaforma di ricarica wireless, il sistema E-Call, lAdaptive Cruise Control, il riconoscimento dei segnali stradali, il Dynamic Chassis, il parabrezza e il volante riscaldati, il tetto apribile, il gancio di traino e una vasta scelta di cerchi di lega (fino a 18") e tinte esterne, inclusa la possibilità di ottenere il tetto in tinta nera a contrasto. OPEL ASTRA 1.2 Turbo 110 CV GS Line 23.800 euro 1.2 Turbo 110 CV Business Elegance: 25.800 euro 1.2 Turbo 130 CV GS Line: 25.800 euro 1.2 Turbo 130 CV Business Elegance: 26.600 euro 1.2 Turbo 145 CV GS Line: 25.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Business Elegance: 27.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Ultimate: 29.900 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT GS Line: 26.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Business Elegance: 28.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Ultimate: 31.200 euro 1.5 CDTI 105 CV GS Line 25.350 euro 1.5 CDTI 105 CV Business Elegance: 27.350 euro 1.5 CDTI 122 CV GS Line: 26.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Business Elegance: 28.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Ultimate: 30.550 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 GS Line: 28.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Business Elegance: 30.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Ultimate: 32.550 euro OPEL ASTRA SPORTS TOURER 1.2 Turbo 110 CV GS Line 24.800 euro 1.2 Turbo 110 CV Business Elegance: 26.800 euro 1.2 Turbo 130 CV GS Line: 26.800 euro 1.2 Turbo 130 CV Business Elegance: 27.600 euro 1.2 Turbo 145 CV GS Line: 26.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Business Elegance: 28.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Ultimate: 30.900 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT GS Line: 27.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Business Elegance: 29.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Ultimate: 32.200 euro 1.5 CDTI 105 CV GS Line 26.350 euro 1.5 CDTI 105 CV Business Elegance: 28.350 euro 1.5 CDTI 122 CV GS Line: 27.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Business Elegance: 29.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Ultimate: 31.550 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 GS Line: 29.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Business Elegance: 31.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Ultimate: 33.550 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/09/04/OPEL_ASTRA_AL_VOLANTE_DEL_FACELIFT.HTML 2019-09-19 17:58:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/19/gruppo_fca_accordo_con_terna_per_lo_sviluppo_del_v2g/gallery/2019-gruppo-FCA-Terna-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27250 Gruppo FCA - Accordo con Terna per lo sviluppo del V2G http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27250&tipo=fv Il GRUPPO FCA [1] ha avviato una collaborazione con Terna per la sperimentazione di un sistema Vehicle-to-Grid (V2G) per la ricarica intelligente dei veicoli elettrici. Nella sede Terna di Torino, infatti, sorgerà una struttura denominata E-Mobility Lab, dove si studieranno le soluzioni di ricarica in funzione della rete energetica nazionale. Oltre a verificare la stabilità e la flessibilità della rete verranno sperimentati i sistemi bidirezionali per far interagire i veicoli con la rete, ricevendo e inviando energia in base alle condizioni. DUE INFRASTRUTTURE E UNA FLOTTA DI VEICOLI PER STUDIARE LA RETE ELETTRICA. In parallelo nascerà a Mirafiori unaltra infrastruttura V2G e verrà realizzata una flotta di veicoli elettrici per avviare la sperimentazione sul campo. In questo modo sarà possibile valutare i picchi di richiesta della rete e di sfruttare il V2G per stabilizzarla, riducendo allo stesso tempo il costo per lutente finale. Nonostante la Fiat Chrysler Automobiles non abbia approfondito il tema dei veicoli scelti per la sperimentazione è interessante notare che nel render diffuso insieme al comunicato stampa sono raffigurati alcuni esemplari della CENTOVENTI [2], presentata come concept allo scorso Salone di Ginevra. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/03/05/FIAT_CENTOVENTI_COSI_SARA_LA_NUOVA_PANDA.HTML 2019-09-19 17:00:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/19/milano_monza_tutti_i_dettagli_dell_open_air_motor_show/gallery/2019-Milano-Monza-Open-Air-Motor-Show-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27249 Milano Monza Motor Show - Presentata la prima edizione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27249&tipo=fv I numeri sono ambiziosi: 500 mila visitatori, 10.000 auto di appassionati e collezionisti attese in pista, almeno 40 Case automobilistiche presenti. E poi il motor sport e lheritage automobilistico, ma anche moto, yacht, natanti e velivoli, sia storici sia contemporanei. Insomma, una formula che nasce sì dalle ceneri del Parco Valentino di Torino, ma che, come ha sottolineato il presidente dellAci, Angelo Sticchi Damiani oggi a Milano nel corso della presentazione del MILANO MONZA OPEN-AIR MOTOR SHOW è una nuova storia, non un trasferimento. Un nuovo capitolo, nella lunga storia delle manifestazioni automobilistiche italiane, che ha lambizione di far rientrare il Bel Paese nel circuito dei grandi eventi motoristici internazionali, come ha sottolineato Andrea Levy, presidente e ideatore dellevento in programma a Milano e a Monza tra il 17 e il 21 giugno 2020. SI PARTE DA MILANO IL 17 GIUGNO. Levento si aprirà nel capoluogo della Lombardia il 17 giugno con la cosiddetta president parade tra il castello Sforzesco e pizza del duomo, che vedrà sfilare anteprime mondiali e italiane guidate dai massimi esponenti delle case automobilistiche, fusione, sottolinea lorganizzazione, tra lo spirito innovativo dellevento e lanima fashion e glamour della città. DAL 18 GIUGNO CANCELLI APERTI IN PISTA. Ma cuore pulsante del Motor Show sarà, ovviamente, lautodromo del capoluogo brianzolo, in cui dal 18 giugno le case automobilistiche esporranno su unarea di 60.000 metri quadrati, con la stessa formula del Valentino, cioè con stand uguali per tutti e forniti dallorganizzazione ("non cè competizione, non si mostrano i muscoli", ha sottolineato Levy), le anteprime e le novità di prodotto. Ma dove, grazie alla presenza del circuito, il pubblico potrà guidare le auto e assistere a esibizioni sportive. I test drive, di tutte le motorizzazioni incluse quelle elettriche, partiranno dalla zona del paddock e si svilupperanno su quattro percorsi: city, cross country, sulla pista di Formula 1 e sulla vecchia sopraelevata. Per gli amanti del fuoristrada ci sarà unintera area dedicata alla prova di 4x4, lExperience Off-Road. Tuttintorno, promettono gli organizzatori, vi saranno esposizioni di supercar, hypercar e prototipi, di auto classiche e come accennato, anche di moto, yacht, natanti e velivoli contemporanei e depoca. Con spazi e momenti riservati ai collezionisti. Tutto quanto fa motori, insomma. A MILANO SI PARLERà DI AUTO ELETTRICHE. In contemporanea a Milano, dal 18 al 21 giugno, si svolgerà il Focus Auto elettriche, lapprofondimento sulla mobilità sostenibile gratuito per il pubblico, con possibilità di effettuare test drive di tutti i modelli elettrici e ibridi plug-in, oltre a tavole rotonde e convegni sulle tematiche ambientali, sulle motorizzazioni green, la componentistica del motorsport e la micromobilità. BIGLIETTO DINGRESSO A 20 EURO. A differenza del Parco Valentino, però, il Motor Show non sarà gratuito. Lingresso giornaliero a Monza (i cancelli saranno aperti dalle 10 alle 24), già acquistabile sulla piattoforma TicketOne, non costerà poco: 20 euro (21,50 euro in prevendita) quello intero e 15 euro (16,50 in prevendita) quello ridotto. Cè poi la possibilità di acquistare labbonamento per le quattro giornate, rispettivamente a 50 euro (53 in prevendita) e a 40 euro (43 in prevendita). Vi sarà anche la possibilità di optare per il solo ticket serale, valido dalle 19 alle 24 (ma la pista dei test drive chiuderà alle 20.30) a 15 euro. Un cambiamento netto di strategia rispetto alla manifestazione torinese, gratuita, e che rappresenta una scommessa non priva di rischi per lorganizzazione. Che però può contare sul fascino e sullappeal dellAutodromo, del parco e della Villa Reale di Monza, oltre che sul peso specifico, diciamo così, delle istituzioni che sulla manifestazione hanno messo il proprio cappello: LAci, la regione Lombardia, i comuni di Milano e Monza. 2019-09-19 16:40:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/19/_1000_miglia_green_a_brescia_la_prima_gara_di_regolarita_per_elettriche_e_ibride/gallery/2019-volkswagen-e-beetle-03.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27248 1000 Miglia Green - A Brescia la prima gara di regolarità per elettriche e ibride http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27248&tipo=fv Cè una MILLE MIGLIA [1] che si corre con le auto del futuro, le ibride e le elettriche, ma volendo anche con esemplari storici: purché alimentati a batteria o, quantomeno, elettrificati. la Mille Miglia Green, al via venerdì 27 settembre da Brescia per poi raggiungere prima il centro di Milano e quindi lautodromo di Lainate al termine di una tre giorni allinsegna della mobilità sostenibile. Levento è organizzato in collaborazione con lassessorato allagricoltura, alimentazione e sistemi verdi della Regione Lombardia. IL PERCORSO. La competizione che ammette un massimo di 40 vetture inizierà alle 19.45 di venerdì sera con un circuito cittadino di 5 km. Gli equipaggi ripartiranno nella mattinata di sabato 28 alla volta dei territori della Franciacorta, poi per Bergamo e Treviglio fino a raggiungere il sito Unesco del Villaggio Operaio di Crespi dAdda, dove è prevista una sosta per ricaricare le auto (per regolamento si possono utilizzare solo colonnine presenti sul territorio). Il percorso si snoderà poi a Merate prima e Monza poi, con arrivo in Piazza Gae Aulenti a Milano previsto verso le ore 18. Domenica 29, lultima giornata di gara, porterà la carovana attraverso il centro di Milano (in Piazza del Duomo il transito e previsto per le 10:30) prima di giungere a destinazione a Lainate, allinterno dellAutodromo ACI Guida Sicura, cornice delle ultime prove cronometrate e delle premiazioni. UN EVENTO ECO-FRIENDLY. Sullo sfondo della corsa cè un contorno di ospitalità e intrattenimento. In Piazza Gae Aulenti, per esempio, sarà allestito un villaggio in cui verranno esposti in anteprima modelli elettrici. Il tema della sostenibilità non interessa soltanto le vetture in gara ma permea lintera organizzazione della Mille Miglia Gree. Compresi le hospitality, realizzate in legno e alluminio, e i materiali utilizzati nella gara: dai pass personali allabbigliamento, passando per i bolli adesivi e i roadbook, tutto è a basso impatto ambientale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/05/15/MILLE_MIGLIA_2019_PARTENZA_DA_BRESCIA.HTML 2019-09-19 16:24:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/19/gruppo_volkswagen_a_breve_la_decisione_sul_nuovo_impianto_europeo_multi_brand_/gallery/2019-gruppo-Volkswagen-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27247 Gruppo Volkswagen - A breve la decisione sul nuovo impianto europeo multi brand http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27247&tipo=fv Il GRUPPO VOLKSWAGEN [1] è prossimo a decidere dove realizzare un nuovo impianto multi brand: secondo il responsabile della produzione della SKODA [2], Michael Oeljeklaus, la decisione sulla località dovrebbe essere presa entro la fine di ottobre. IN LIZZA TURCHIA E BULGARIA. Il processo di ricerca del miglior sito è limitata ormai a due Paesi. Oeljeklaus, in particolare, ha parlato di due siti turchi e di un terzo non meglio precisato, ma comunque in territorio europeo. Secondo diverse indiscrezioni lanciate negli ultimi mesi dalla stampa tedesca, si tratterebbe di una località bulgara. La Turchia sembra in pole grazie alla posizione geografica, alla presenza di un forte settore automobilistico e a una serie di garanzie e concessioni fatte ai dirigenti di Wolfsburg, soprattutto in materia fiscale: nel Paese anatolico sono in vigore tasse elevate sulle auto di grandi dimensioni e in particolare sui modelli dotati di motori con cilindrata superiore agli 1.6 litri. SERVE NUOVA CAPACITà. Lo stabilimento, realizzato sotto la supervisione della Volkswagen ma condiviso con altri brand come la stessa Skoda e la Seat, rientra nel quadro di una più ampia riorganizzazione delle attività produttive dellintero gruppo. Per esempio, i tedeschi hanno scelto di localizzare la produzione delle prossime vetture elettriche in Germania e di spostare modelli ad alimentazione convenzionale in altre fabbriche europee. La maggior parte degli stabilimenti del Vecchio continente, però, ha raggiunto la massima capacità: nel caso della Skoda, tale saturazione ha costretto il management a limitare la produzione tra Mlada Boleslav e Kvasiny, in Repubblica Ceca, e determinato limpossibilità di soddisfare appieno la domanda. SI PARTE NEL 2023. I lavori di costruzione della nuova fabbrica dovrebbero iniziare lanno prossimo, mentre le attività di assemblaggio partiranno nei primi mesi del 2023. Pochi mesi fa, Maier ha indicato la capacità produttiva in 350 mila unità lanno. Dalle nuove catene di montaggio dovrebbero uscire diversi modelli: si è parlato della SKODA KAROQ [3] e della SEAT ATECA [4]. La decisione finale sullallocazione dei modelli dovrebbe comunque arrivare a novembre, durante un incontro tra i massimi livelli del gruppo. In quelloccasione, la Volkswagen dovrebbe anche decidere se spostare la produzione della PASSAT [5] dalla fabbrica tedesca di Emden a Kvasiny, dove oggi viene assemblata la Skoda Superb. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/(HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TUTTE-LE-AUTO/SKODA/KAROQ) [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/08/10/SEAT_ATECA_PRIMI_TEST_PER_IL_FACELIFT.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/11/15/VOLKSWAGEN_PASSAT_LA_PRODUZIONE_POTREBBE_ESSERE_SPOSTATA_IN_REPUBBLICA_CECA.HTML 2019-09-19 16:24:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/19/formula_1_marina_bay_ospita_il_gp_di_singapore/gallery/2019-singapore-f1-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27246 Formula 1 - Marina Bay ospita il GP di Singapore http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27246&tipo=fv Dopo aver salutato lEuropa con lappuntamento di Monza, la FORMULA 1 è pronta ad affrontare lultima parte della stagione, uno sprint che vedrà team e piloti impegnati in altri sette appuntamenti. Si comincia già questo fine settimana, con il 12 GRAN PREMIO DI SINGAPORE. IL MARINA BAY STREET CIRCUIT. Questo è il circuito cittadino che conta il maggior numero di curve di tutta la stagione, ben 23, ed è anche lunico evento che si tiene interamente in notturna. Seppur sia un circuito lento, le alte temperature e i tassi di umidità nellaria porteranno i piloti allo stremo delle loro forze durante le quasi due ore di gara. Non a caso, quella di Singapore è definita la più difficile della stagione, sia dal punto di vista fisico, sia per quello meccanico: la scarsa ventilazione dovuta alle caratteristiche della pista non aiuta di certo. Il CIRCUITO DI SINGAPORE [1] viene utilizzato solamente una volta allanno, proprio per il Gran Premio di Formula 1, dunque lasfalto sarà molto sporco al venerdì - per le prime due sessioni di libere - ma subirà una grande evoluzione durante larco del weekend. Tombini e linee bianche saranno le trappole che i piloti dovranno evitare, proprio come a Monaco. VETTEL IN CERCA DI RISCATTO. Lewis Hamilton e Sebastian Vettel sono i piloti che hanno vinto di più nella storia del GP di Singapore e vantano quattro vittorie a testa. Inutile dire che, dopo gli ultimi due successi di Leclerc a Spa e Monza, Sebastian vorrebbe sfruttare il buon feeling con Singapore per buttarsi alle spalle quello che è un periodo nero della sua carriera. La Ferrari qui ha vinto solamente due volte, pur essendo partita in testa in quattro occasioni: nella testa dei tifosi della Rossa, non può che esserci quella partenza disastrosa del 2017, con Vettel e Raikkonen fuori alla prima curva. Il tedesco è fiducioso e non vede lora di provare il nuovo pacchetto aerodinamico che il team del Cavallino Rampante avrà a disposizione questo fine settimana a Singapore. In un campionato ormai a senso unico, dove Hamilton difficilmente potrà perdere il suo vantaggio nei confronti dei rivali, non si guardano più le classifiche e si ragiona gara per gara: vincere, per Sebastian, sembra essere lunica via per vedere la luce in fondo al tunnel. MERCATO PILOTI IN FERMENTO. Nel paddock di Singapore si pensa anche al 2020 e alla vigilia del weekend di gara sono giunti due importanti annunci in ottica futura. Stamattina la HAAS HA CONFERMATO GROSJEAN E MAGNUSSEN [2] per il prossimo anno, mentre ROBERT KUBICA [3] ha annunciato di aver deciso di lasciare la Williams al termine di questa stagione. Il polacco vorrebbe rimanere in F1, ma ha specificato che sta guardando anche altrove per il suo futuro sportivo. IL GP DI SINGAPORE IN TV. Sarà la pay-tv Sky a trasmettere, come di consueto, tutto levento in diretta esclusiva. Qualifiche e gara saranno trasmesse su TV8 a partire dalle 18:00. VENERDì 20 SETTEMBRE Prove Libere 1 | dalle 10.30 in diretta su Sky Sport F1 Prove Libere 2 | dalle 14:30 in diretta su Sky Sport F1 SABATO 21 SETTEMBRE Prove Libere 3 | dalle 12 in diretta su Sky Sport F1 Qualifiche | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1. Differita TV8 ore 18 DOMENICA 22 SETTEMBRE Gara | partenza alle 14:10 in diretta su Sky Sport F1. Differita TV8 ore 18 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?SINGAPORE_STREET_CIRCUIT_131 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/09/19/F_1_MERCATO_PILOTI_LA_HAAS_CONFERMA_GROSJEAN_E_MAGNUSSEN.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/09/19/FORMULA_1_KUBICA_LASCIA_LA_WILLIAMS_A_FINE_STAGIONE.HTML 2019-09-19 16:24:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/19/beneficenza_la_panda_si_fa_in_mille_per_l_aisla/gallery/2019-Panda-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27245 Beneficenza - La Panda si fa in mille per lAisla http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27245&tipo=fv Sabato 28 e domenica 29 settembre, a Sansepolcro, in provincia di Arezzo, si terrà un evento ambizioso: il raduno di mille Fiat Panda a scopo benefico. INSIEME CONTRO LA SLA. Liniziativa si chiama Le mille Panda ed è nata dallidea di unassociazione di amanti dellautomobilismo, il Gruppo Gasatori di Sansepolcro: lobiettivo è radunare una nutritissima schiera di esemplari dellutilitaria torinese (esclusivamente il modello prodotto fino al 2003) e devolvere parte del ricavato ottenuto dalle quote di iscrizione alla sezione di Arezzo dellAisla, lAssociazione italiana sclerosi laterale amiotrofica. PRIMO GIORNO, SOLO 4X4. Sabato, a partire dal pomeriggio, si raduneranno unicamente le vetture a trazione integrale, pronte ad affrontare strade e percorsi off-road nella suggestiva cornice della Valtiberina Toscana. Dopo cena, la carovana accenderà nuovamente i motori per viaggiare in notturna e tornare a Sansepolcro. IL GRANDE RADUNO. Domenica mattina, le Panda 4x4 accoglieranno le versioni a trazione anteriore: tutte assieme, le vetture partiranno per il Pandagiro, un percorso di 50 km che toccherà Sansepolcro, Pieve Santo Stefano, Caprese Michelangelo e Anghiari. Entro lora di pranzo, le Panda torneranno a Sansepolcro dove verranno assegnati vari premi, come quelli dedicati allesemplare più anziano e quello più sportiveggiante. Maggiori informazioni sono disponibili sul SITO [1] dellevento. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.LEMILLEPANDA.IT/ 2019-09-19 15:25:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/19/formula_1_kubica_lascia_la_williams_a_fine_stagione/gallery/2019-robert-kubica.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27244 Formula 1 - Kubica lascia la Williams a fine stagione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27244&tipo=fv La WILLIAMS HA CONFERMATO oggi che ROBERT KUBICA HA DECISO DI LASCIARE IL TEAM alla fine della stagione 2019 di Formula 1. VERSO NUOVE AVVENTURE. Il pilota polacco, dopo quel terribile incidente del 2011 durante un rally, è riuscito a tornare in Formula 1 prima come riserva e poi come pilota titolare alla Williams. Lunico punto attualmente conquistato dal team inglese porta la sua firma, ma è un risultato lontano dalle ambizioni di Robert. "Vorrei ringraziare tutto il team per gli ultimi due anni e per aver contribuito a rendere possibile il mio ritorno in Formula Uno. Mi sono divertito molto, ma sento che adesso è il momento di passare al prossimo capitolo della mia carriera", ha dichiarato Kubica. Claire Williams, vice team principal della squadra inglese, tramite la nota ufficiale della squadra ha dichiarato: "Vorrei ringraziare Robert per il suo duro lavoro. Rispettiamo la sua decisione di lasciare la squadra al termine di questa stagione. Robert è stato un elemento importante per la squadra e vogliamo ringraziarlo per i suoi continui sforzi: gli auguriamo il meglio per il suo futuro". AL SUO POSTO CI SARà UN GIOVANE. La Williams ha fatto sapere che annuncerà a tempo debito la sua formazione di piloti per il 2020. Secondo le ultime indiscrezioni circolate nel paddock, George Russell resterà ancora con la Williams e al suo fianco ci sarà il giovane Nicholas Latifi, attualmente impegnato in Formula 2. 2019-09-19 15:25:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/19/scuderia_cameron_glickenhaus_scg_007_lmp/gallery/2019-scg07-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27243 Scuderia Cameron Glickenhaus - Svelato il design della SCG 007 LMP http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27243&tipo=fv La SCUDERIA CAMERON GLICKENHAUS [1] continua a investire nel settore delle competizioni diffondendo le informazioni relative alla SCG 007. La biposto nasce per partecipare alla categoria Hypercar che sarà istituita nel mondiale Wec 2020/2021 e che correrà anche alla 24 Ore di Le Mans, equipaggiata con un V6 3.0 biturbo, del quale però non sono stati svelati i dettagli tecnici e soprattutto il costruttore. Glickenhaus sfiderà lAston Martin e la Toyota che hanno già confermato la loro presenza. DESIGN ISPIRATO AL PASSATO. La vettura era stata annunciata in anteprima nel mese di agosto ed è ora stata ufficializzata diffondendo i render definitivi. Due esemplari costituiranno il team della Casa americana, la quale offrirà anche ai team privati la possibilità di acquistare una SCG 007. Saranno inoltre costruite anche delle versioni omologate per luso stradale. E evidente come il progetto prenda ispirazione dalle sport prototipo del passato: pur cercando la prestazione assoluta e la massima efficienza aerodinamica, questa hypercar sfoggia linee tondeggianti che ricordano i modelli degli anni 60. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/SCUDERIA_CAMERON_GLICKENHAUS_BAJA_BOOT.HTML 2019-09-19 14:31:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/19/audi_rothenpieler_elettrificazione_ed_endotermico_viaggiano_in_parallelo_/gallery/2019-Audi-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27242 Audi - Rothenpieler: "Elettrificazione ed endotermico viaggiano in parallelo" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27242&tipo=fv Elettrificazione e alimentazioni tradizionali, diesel compreso: sono i temi che abbiamo affrontato al SALONE DI FRANCOFORTE [1] con Hans-Joachim Rothenpieler, membro del consiglio di amministrazione dellAudi e responsabile dello sviluppo tecnico della Casa. Qual è, secondo lei, il mix ideale di vendita dei diversi tipi di propulsione che lAudi ha a listino per raggiungere gli obbiettivi di emissioni di CO2 fissati dallUnione europea salvaguardando i profitti? Abbiamo motori a combustione molto efficienti e puliti come quello della RS6, grazie alla disattivazione dei cilindri e al mild hybrid, e con le ibride e plugin offriamo un livello intermedio che dà anche la possibilità di guidare a zero emissioni in città. Con la e-tron e i modelli che seguiranno abbiamo poi fatto un salto di qualità e siamo ben posizionati nella mobilità a zero emissioni. In questa fase di transizione ciò ci garantirà di rientrare nei limiti fissati per la CO2. Naturalmente, il margine di contribuzione delle EV è più ridotto rispetto a quello delle auto convenzionali e dipenderà anche dai volumi di vendita. E il fatto di avere diverse tecnologie di propulsione disponibili ci lascia dei gradi di libertà. Per ora studiamo la reazione della clientela: la e-tron ha prestazioni interessanti ed emissioni zero, ma la diffusione dellinfrastruttura di ricarica e lautonomia limitata sono tuttora un freno alla diffusione delle elettriche pure con cui tutti i costruttori si devono confrontare. Ma serve uno sforzo anche dei legislatori per raggiungere assieme una sorta di normalità della mobilità elettrica. OLTRE A QUESTO, CI POTRà ESSERE IL PROBLEMA DEL SOVRACCARICO LOCALE SE TUTTI TORNANO A CASA LA SERA E CARICANO NELLO STESSO MOMENTO, PERTANTO SARANNO NECESSARIE LE SMART GRID. SECONDO LEI LA POLITICA HA BEN CHIARA QUESTA ESIGENZA? ancora tutto in discussione, anche se non penso che questo sia il vero problema. Prendiamo Braunschweig, per esempio: là oggi ci vogliono in media 20 minuti per trovare dove parcheggiare, tra cinque anni un quarto degli automobilisti con le EV oltre al parcheggio cercherà pure una colonnina, quindi serviranno molti più punti di ricarica, visto che parecchi clienti anche se usano la vettura su brevi percorsi si preoccupano se la batteria scende sotto il 60%, mentre non badano quando vanno in riserva con le vetture normali Riguardo il costo delle batterie, visto che siete parte del gruppo Volkswagen, che produrrà a breve molte EV, pensate che potrete ottenere riduzioni di prezzo? E ci saranno progressi nella densità di energia? Partendo dalla capacità produttiva delle batterie e dalle previsioni sulla domanda, nei prossimi anni ci sarà una disponibilità limitata. Poi, la tecnologia è giovane, si avranno rapidi miglioramenti di prestazioni con le prossime generazioni, ma si dovrà investire in nuove fabbriche e per questi motivi il prezzo non scenderà rapidamente. Naturalmente, stiamo lavorando a pieno regime per migliorare la densità di energia delle batterie, ma anche nella strategia di ricarica, come il precondizionamento, per ottimizzarla e sfruttare al 100% il potenziale degli accumulatori. E come le altre Case, stiamo studiando il reale comportamento dei clienti per ottimizzare il ciclo di vita delle batterie. Quindi, ci saranno molti piccoli miglioramenti e, comunque, non si vedono salti epocali di densità di energia, neppure con le batterie allo stato solido. E IL DIESEL? SECONDO NOI, PER DIVERSE APPLICAZIONI è TUTTORA LA SOLUZIONE MIGLIORE Non solo secondo voi. Oggi i diesel sono estremamente puliti ed efficienti, ma la questione è politica. Va detto, però, che ultimamente la discussione si è fatta più concreta, basata sui fatti e non sugli slogan. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-19 14:25:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/19/ferrari_sf90_stradale_trailer_del_making_of/gallery/2019-Ferrari-SF90-Stradale-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27241 Ferrari SF90 Stradale - Una serie di video racconta la nascita dellibrida http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27241&tipo=fv La FERRARI [1] realizzerà una serie di otto video sulla SF90 STRADALE [2], raccontando il "making of" del modello. Per il momento la Casa di Maranello ha diffuso un breve trailer che anticipa alcuni dei contenuti, mostrando le fasi di progettazione e produzione dei componenti e il montaggio della biposto. Laccento è puntato sullartigianalità delle lavorazioni e, allo stesso tempo, sul travaso di tecnologia dalla Formula 1. 1.000 CV PER LA PRIMA PLUG-IN HYBRID FERRARI. La SF90 Stradale rappresenta un passaggio molto importante per la Ferrari. Pur avendo già introdotto la tecnologia ibrida sulla LAFERRARI [3] a tiratura limitata, la nuova sportiva è infatti la prima vettura di serie a offrire lelettrificazione, per di più con un sistema plug-in capace di garantire una potenza di 1.000 CV e 25 km di autonomia a emissioni zero. Questo powertrain basato sul motore V8 4.0 da 780 CV è il primo di una serie di unità che vedremo in futuro anche su altri modelli del Cavallino e rappresenta lapice della ricerca tecnologica della Casa di Maranello. Anche il design apre un nuovo corso, sia per la linea avveniristica della carrozzeria, studiata in funzione dellaerodinamica, sia per limpostazione degli interni e del cockpit digitale curvo da 16". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/04/FERRARI_VETTEL_E_LECLERC_A_FIORANO_CON_LA_SF90_STRADALE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2015/05/28/DOSSIER_SPORTIVE_E_CABRIO_IN_PISTA_CON_LAFERRARI_VIDEO_.HTML 2019-09-19 13:05:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/19/f_1_mercato_piloti_la_haas_conferma_grosjean_e_magnussen/gallery/magnussen-grosjean-2020.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27240 F.1, mercato piloti - La Haas conferma Grosjean e Magnussen http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27240&tipo=fv Un altro tassello del MERCATO PILOTI si va a sistemare in vista del Mondiale di Formula 1 2020: il team HAAS ha confermato che i suoi piloti per la prossima stagione saranno ancora ROMAIN GROSJEAN E KEVIN MAGNUSSEN. CONTRO OGNI ASPETTATIVA. Nonostante le scintille tra i due e le altalenanti prestazioni di Grosjean, che ha rischiato davvero di essere sostituito da Hulkenberg, il team americano ha preferito proseguire sulla strada della continuità confermando la propria formazione di piloti per il quarto anno consecutivo. Guenther Steiner, team principal della Haas F1 Team, ha detto: "Lesperienza è uno dei pilastri su cui si basa la nostra squadra. Con Romain e Kevin continueremo ad avere due piloti veloci che offrono una base solida per a nostra crescita. Il 2019 è stato un anno difficile per noi, ma ci aiuterà ad essere più forti nel 2020". HULKENBERG VERSO LALFA ROMEO. Con la conferma dei due piloti della Haas, sfumano le possibilità di un sedile per Nico Hulkenberg. Il tedesco, DOPO AVER PERSO IL SUO POSTO IN RENAULT PER LARRIVO DI OCON [1], non si è perso danimo e ha iniziato le trattative con lAlfa Romeo Racing dove potrebbe prendere il posto di Giovinazzi, ancora in bilico per la prossima stagione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/08/29/F_1_MERCATO_PILOTI_BOTTAS_IN_MERCEDES_E_OCON_IN_RENAULT.HTML 2019-09-19 11:33:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/19/opel_astra_2020_prezzo_versioni_motori/gallery/2019-opel-astra-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27239 Opel - Il restyling in Italia a partire da 23.800 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27239&tipo=fv Dopo lanteprima al Salone di Francoforte la OPEL [1] ha diffuso il listino italiano dellAstra recentemente sottoposta a un restyling. Nella versione aggiornata, la media tedesca sarà disponibile in Italia a partire da 23.800 euro per il modello cinque porte e da 24.800 euro per la Sports Tourer. Lauto, che abbiamo GIà GUIDATO IN ANTEPRIMA [2], è stata rivista in maniera molto leggera a livello stilistico ma propone motori benzina e diesel rinnovati, abbinate a nuovi cambi. DUE BENZINA E UN DIESEL PER CINQUE POTENZE. Nella fattispecie si parla di due propulsori benzina e un diesel, cinque livelli di potenza e tre opzioni per la trasmissione. Il tre cilindri 1.2 Turbo benzina da 110 CV e 195 Nm, 130 CV e 225 Nm e 145 CV e 225 Nm (da 99 a 101 g/km) è disponibile solo con cambio manuale, mentre il 1.4 turbo da 145 CV e 236 Nm (115-116 g/km) adotta solo il cambio automatico Cvt. Il diesel 1.5 CDTI eroga 105 CV e 260 Nm e 122 CV e 300 Nm (92-111 g/km), ma solo il più potente può essere abbinato anche al nuovo automatico nove marce AT9. Tutti i valori di emissioni sono ricalcolati sul ciclo Nedc. LA DOTAZIONE DI SERIE DEI TRE ALLESTIMENTI. Gli allestimenti sono denominati GS Line, Business Elegance e Ultimate, con questultimo riservato solo alle versioni più potenti benzina 145 CV e diesel 122 CV. La GS Line offre di serie lHill Start Assist, lEcoFlex Aero Pack, le finiture in tessuto Formula, i sedili sportivi AGR anteriori, il volante in pelle, il padiglione Jet Black, linfotainment con display touch da 7" completo di Bluetooth, radio DAB+ e compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto, i cerchi di lega da 16", gli specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, il Black Pack esterno, i gruppi ottici anteriori EcoLed, il climatizzatore automatico bizona, il cruise control, i sensori di parcheggio e il sistema Opel Eye con avviso superamento e mantenimento della corsia e frenata automatica. La Business Elegance aggiunge i vetri posteriori termoriflettenti, le finiture esterne cromate, gli interni in tecnopelle Marrocana e tessuto Athena, i pacchetti Safety Net e Versatility, il bracciolo posteriore, linfotainment con display da 8 pollici, il freno a mano elettrico, il parabrezza acustico, il sistema di parcheggio automatizzato con retrocamera e sensori per langolo cieco, i gruppi ottici anteriori Intellilux Matrix Led, i freni posteriori Led e il sistema Keyless. La Ultimate, infine, completa la dotazione con i cerchi di lega da 17", i fendinebbia, i vetri posteriori oscurati, lHigh gloss Black Pack esterno, i rivestimenti interni in Alcantara, i battitacco personalizzati e lo sport pack OPC Line interno che include volante rivestito in pelle e pedaliera in metallo. GLI OPTIONAL. Tra i principali optional troviamo gli interni foderati in pelle Siena II Jet Black, il portellone elettrico keyless, il pacchetto di navigazione per linfotainment base, limpianto audio Bose, la piattaforma di ricarica wireless, il sistema E-Call, lAdaptive Cruise Control, il riconoscimento dei segnali stradali, il Dynamic Chassis, il parabrezza e il volante riscaldati, il tetto apribile, il gancio di traino e una vasta scelta di cerchi di lega (fino a 18") e tinte esterne, inclusa la possibilità di ottenere il tetto in tinta nera a contrasto. OPEL ASTRA 1.2 Turbo 110 CV GS Line 23.800 euro 1.2 Turbo 110 CV Business Elegance: 25.800 euro 1.2 Turbo 130 CV GS Line: 25.800 euro 1.2 Turbo 130 CV Business Elegance: 26.600 euro 1.2 Turbo 145 CV GS Line: 25.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Business Elegance: 27.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Ultimate: 29.900 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT GS Line: 26.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Business Elegance: 28.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Ultimate: 31.200 euro 1.5 CDTI 105 CV GS Line 25.350 euro 1.5 CDTI 105 CV Business Elegance: 27.350 euro 1.5 CDTI 122 CV GS Line: 26.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Business Elegance: 28.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Ultimate: 30.550 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 GS Line: 28.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Business Elegance: 30.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Ultimate: 32.550 euro OPEL ASTRA SPORTS TOURER 1.2 Turbo 110 CV GS Line 24.800 euro 1.2 Turbo 110 CV Business Elegance: 26.800 euro 1.2 Turbo 130 CV GS Line: 26.800 euro 1.2 Turbo 130 CV Business Elegance: 27.600 euro 1.2 Turbo 145 CV GS Line: 26.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Business Elegance: 28.400 euro 1.2 Turbo 145 CV Ultimate: 30.900 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT GS Line: 27.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Business Elegance: 29.700 euro 1.4 Turbo 145 CV CVT Ultimate: 32.200 euro 1.5 CDTI 105 CV GS Line 26.350 euro 1.5 CDTI 105 CV Business Elegance: 28.350 euro 1.5 CDTI 122 CV GS Line: 27.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Business Elegance: 29.050 euro 1.5 CDTI 122 CV Ultimate: 31.550 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 GS Line: 29.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Business Elegance: 31.050 euro 1.5 CDTI 122 CV AT9 Ultimate: 33.550 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/09/04/OPEL_ASTRA_AL_VOLANTE_DEL_FACELIFT.HTML 2019-09-19 11:00:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/12/tesla_in_arrivo_una_model_s_piu_sportiva/gallery/2019-Tesla-Model-S-P100D-Nurburgring-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27238 Tesla Model S - A caccia di record al Nürburgring http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27238&tipo=fv Dopo le versioni Ludicrous Performance delle MODEL S [1] e MODEL X [2], la TESLA [3] continua a puntare in alto ed è pronta a lanciare un nuovo allestimento ad altissime prestazioni. La Casa californiana continuerà a seguire la tradizione dei nomi derivati da Space Balls di Mel Brooks, uno dei film culto di Elon Musk, battezzando la nuova variante con il nome di "Plaid", vale a dire la velocità superiore alla Ludicrous. La versione di serie della quattro porte ad alte prestazioni arriverà sul mercato entro la fine del prossimo anno, anche in configurazione sette posti, con la terza fila di sedili aggiornata ma comunque orientata in senso opposto a quello di marcia. TEMPI PROMETTENTI. Le foto spia scattate al Nürburgring mostrano un muletto con passaruota allargati, cerchi dal design inedito con pneumatici sportivi (al Ring la Casa ha utilizzato delle Goodyear Eagle F1 SuperSport RS e delle Michelin Pilot Sport Cup 2), un nuovo paraurti anteriore con prese daria più ampie rispetto a quelle dei modelli di serie e un grande spoiler posteriore. Il prototipo della berlina sportiva, aggiornato a livello di powertrain, assetto e aerodinamica, ha già fatto segnare un giro veloce a Laguna Seca, conquistando il record fra le auto elettriche con un tempo di 1:36.555. Lo stesso modello, in versione sette posti, sarà probabilmente utilizzato per cercare di segnare un nuovo tempo di riferimento al Nürburgring per le quattro porte a batteria: lobiettivo è battere il tempo di SETTE MINUTI E 42 SECONDI [4] fatto segnare dalla Porsche con un prototipo della TAYCAN [5] e, per il momento, i rilevamenti cronometrici sembrano essere promettenti. Sempre più case automobilistiche hanno infatti iniziato a inseguire le massime prestazioni anche con le auto a zero emissioni per cercare di staccare tempi sul giro da record, nonostante lo scopo dei powertrain a batteria dovrebbe essere ben diverso. TRE PILOTI PER I COLLAUDI. Durante i collaudi sul Nordschleife, la Tesla ha affidato a tre piloti i prototipi della Model S P100D+: il tedesco Thomas Mutsch e gli svedesi Andreas Simonsen e Carl Rydquist. Per il momento, tuttavia, non è chiaro chi sarà al volante della berlina durante il tentativo di record che, secondo le prime indiscrezioni, sarebbe fissato per il tardo pomeriggio di sabato 21 settembre, dopo un primo turno di prova con pista in esclusiva effettuato mercoledì 18 settembre, del quale, per il momento, non sono trapelati dei rilevamenti cronometrici ufficiali. TRE MOTORI PER TUTTE. La nuova versione sportiva della berlina arriverà sul mercato il prossimo anno e potrebbe prendere il nome di Model S P100D+ (rispolverando la denominazione della 85D+, che aveva anticipato larrivo della Performance), proponendo carreggiate allargate, nuovi componenti aerodinamici, compreso uno spoiler posteriore più pronunciato, e delle modifiche a livello meccanico. Il sistema propulsivo sarà aggiornato e impiegherà tre motori elettrici per garantire prestazioni più elevate: la nuova meccanica sarà raffreddata da prese daria integrate nel paraurti anteriore. Non mancheranno modifiche allassetto e allimpianto frenante (probabilmente aggiornato con pinze maggiorate e dischi carboceramici), così come agli interni. Il Plaid powertrain sarà poi proposto anche sulle Model X e Roadster (non su Model 3 e Model Y) con prezzi più elevati rispetto agli attuali ma, a detta di Elon Musk, comunque inferiori rispetto alle concorrenti. UN NUOVO SUPERCHARGER AL RING. Per ricaricare i prototipi la Tesla ha installato un nuovo Supercharger al Nürburgring che rimarrà operativo anche dopo il termine dei collaudi. La Casa ha comunicato il completamento dei lavori su Twitter, mostrando unimmagine della stazione di ricarica a cui è collegato uno dei prototipi della Model S P100D+ che il costruttore di Palo Alto ha inviato in Europa. Non dovrebbe però trattarsi di un Supercharger V3 da 250 kW: la nuova versione delle colonnine non è ancora disponibile in Germania e i cavi di ricarica sembrano essere quelli, più spessi, delle versioni V2 da 150 kW. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-S [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-X [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/08/26/PORSCHE_TAYCAN_7_MINUTI_E_42_SECONDI_AL_NURBURGRING.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/04/PORSCHE_TAYCAN_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_USCITA.HTML 2019-09-19 10:29:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/bentley_bentayga_stetson_edition/gallery/2019-Bentley-Bentayga-Stetson-Edition-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27237 Bentley Bentayga - Debutta negli Usa la Stetson Special Edition http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27237&tipo=fv Il reparto Mulliner ha realizzato una serie speciale della BENTLEY BENTAYGA [1] su richiesta del concessionario ufficiale di Dallas, in Texas, coinvolgendo anche il brand americano Stetson nelloperazione. E nata così la Bentayga Stetson Special Edition, che sarà prodotta su ordinazione e che per il momento sarà realizzata in tre esemplari, proposti a 246.578 dollari, pari a 223.000 euro al cambio attuale. TINTE ISPIRATE AI FAMOSI CAPPELLI STATSON. La personalizzazione include la tinta esterna White Sand, i loghi sul montante posteriore, la finitura cromata dei cerchi in lega e gli stemmi Bentley personalizzati per i 100 anni del marchio. La carrozzeria potrà essere ordinata anche nelle tinte Dark Cashmire e Onyx: le tre tinte sono state scelte perchè richiamano tre modelli dei cappelli Stetson rimasti nellimmaginario collettivo nel corso della storia del marchio. GLI INTERNI BICOLORE. Labitacolo è rivestito in pelle nelle tinte Camel e Saddle con finiture Burnt Oak e dettagli cromati. Le cuciture incrociate sono uniche di questo allestimento e si ispirano a quelle dei cappelli Stetson e del mondo dei cowboy, inoltre tutti i dettagli sono estesi anche al volante. Il battitacco riporta il doppio logo, Mulliner e Stetson, questultimo ricamato anche sui sedili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/03/BENTLEY_BENTAYGA_DEBUTTANO_DUE_VERSIONI_SPECIALI_BY_MULLINER_HUNTSMAN_.HTML 2019-09-19 09:35:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/26/subaru_levorg_una_settimana_con_la_2_0i_lineartronic_premium/gallery/2019-Subaru-Levorg-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27236 Subaru Levorg - Una settimana con la 2.0i Lineartronic Premium [Day 4] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27236&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SUBARU LEVORG [1] 2.0i Lineartronic AWD in allestimento Premium, il più completo della gamma. Lunico motore disponibile è il nuovo quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV a 6.200 giri/min e 198 Nm a 4.200 giri/min: abbinato al cambio automatico Cvt e alla trazione integrale, permette alla station di scattare da 0 a 100 km/h in 11,7 secondi e di toccare una velocità massima di 195 km/h. Il consumo medio dichiarato è pari a 7,3 l/100km nel ciclo misto. Proposta a 34.500 euro, la versione Premium dispone di tutte le dotazioni presenti in gamma e costa 2.500 euro in più dellaltro allestimento disponibile (lo Style), rispetto al quale aggiunge i sedili rivestiti di pelle e il navigatore satellitare. Tra gli altri accessori di serie, troviamo i cerchi di lega da 18", i fari a Led adattivi, lEyeSight, il tetto apribile e il touchscreen da 7" dellimpianto di infotainment con radio DAB, retrocamera e supporto per Android Auto e Apple CarPlay. Su tutte le versioni sono inoltre presenti tre differenti pacchetti pensati per migliorare la sicurezza e il confort di guida: lAdvanced Safety Package include lEyeSight Assist Monitor, lHigh Beam Assist, il Subaru Rear Vehicle Detection e lo specchietto retrovisore fotocromatico; il Safety View Package comprende la telecamera frontale e lo specchietto retrovisore con telecamera, mentre il Cold Weather Package prevede i sedili anteriori riscaldabili, lo sbrinatore delle spazzole tergicristallo e gli specchietti retrovisori esterni riscaldabili. Lunga quattro metri e 69 cm, alta 149 cm e larga 178 cm, la Levorg ha un bagagliaio con una capacità di carico di 522 litri che, alloccorrenza, può essere ampliato fino a 1.446 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. AGILE E SICURA [DAY 1]. Ci si ritrova in fretta, al volante della Subaru Levorg AWD. E si sta comodi, ben sostenuti dal sedile sportivo e supportati dalle regolazioni elettriche. Il volante, dalla corona spessa e tagliata nella parte inferiore, piace, anche se si presenta con troppi comandi. un po strana solo la sensazione di trovarsi, da fine corsa del sedile, rialzati rispetto alla strumentazione e alla plancia. Quello che mi attira è labbinamento tra il quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV e la trasmissione Cvt Lineartronic. Ricordiamo che nella serie precedente, la Levorg adottava l1.6 turbo, sempre boxer, da 170 CV, con maggiore spinta ai bassi e prestazioni più brillanti. Il Cvt, però, risponde bene allacceleratore e tende a riempire il meno favorevole arco di utilizzo del duemila aspirato, tanto che in città la giap risulta pronta e gradevole. E quando mi serve più potenza, labbinamento tra motore e cambio risulta riuscito, senza distonie o disagi. Le dimensioni sono importanti si sfiorano i quattro metri e 70 , però la Levorg è facile da guidare e mi segue bene, quasi fosse molto più corta (merito pure del baricentro basso). In più, grazie allampia vetratura, la visibilità è buona anche dietro. Dicevamo che la marcia in città è fluida e gradevole: cè la possibilità di disporre di un kickdown simulato piuttosto efficace e risultano convincenti i sette intervalli di cambiata, gestibili tramite i paddle. In viaggio la Levorg dà il meglio (nonostante il sottofondo di rotolamento) e riesco a procedere a 130 poco sopra i 2.000 giri, col piede destro leggero: così, vedo i consumi calare a razzo rispetto ai valori elevati della città. Le sospensioni denotano unescursione, non eccessiva però: la Levorg assorbe piuttosto bene le irregolarità secche e brevi, potendo contare su una gommatura 225/45 da 18. La guida risulta precisa e sincera anche per via del passo (2,65 metri), corto rispetto agli ingombri della carrozzeria e dello sterzo. Il quale si rivela pronto e progressivo. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE FLUIDA E CONFORTEVOLE [DAY 2]. Confesso, ero un po prevenuto. Per me, prendere in mano le chiavi di una Subaru significa proiettarmi subito in unaltra dimensione. Potete immaginare quale: un universo fatto non solo di Pleiadi, lammasso di stelle simboleggiate nel marchio della Casa giapponese, ma anche, se non soprattutto, dImpreza Wrc, di rally mondiali, del compianto Colin McRae. Ergo, non è difficile capire lo scetticismo con il quale mi sono accostato alla Levorg, paciosa station wagon? A essere sincero, non saprei come definirla. Ma non è tanto importante. Perché la cautela con la quale apro la portiera svanisce presto. Seduto al posto guida, prima di mettere in moto, percepisco una sensazione di gradevole solidità, di consistenza della proposta. Sulla carta, anche il layout tecnico della vettura non mispirava: un due litri aspirato da 150 CV, potenza oggi alla portata di un turbobenzina di cubatura decisamente inferiore (per esempio, il recente 1.3 della FCA), perdipiù abbinato a un cambio Cvt che non amo. E invece, nel momento in cui la Levorg si mette in movimento, tutto si trasforma. Certo, niente invoglia a insistere più di tanto con lacceleratore, ma linsieme si svolge con una fluidità sorprendente e un po inaspettata (guai ai pregiudizi!), che si aggiunge allindiscutibile confort. Il mio test drive è, in realtà, piuttosto breve, ma ho la sensazione che con questa Levorg si possa viaggiare a lungo, bene senza stancarsi e - cosa non meno importante - vegliati da un pacchetto importante di Adas. Insomma, con lei non andrei di sicuro a farmi una prova speciale: ma un viaggio, anche di parecchie ore, quello sì. EMILIO DELEIDI, REDAZIONE INCHIESTE CURATA E ACCOGLIENTE [DAY 3]. Chi, come me, ama film e spettacoli teatrali del trio di comici Aldo, Giovanni e Giacomo, non può avvicinarsi a unauto delle Pleiadi senza che gli riecheggi nella mente la frase pronunciata in "Tel chi el telùn": "Hai preso la Subaru baracca!". Ma al di là della battuta, nata proprio perché Giovanni Storti è un affezionato cliente della Casa (lo ha confermato egli stesso), basta accomodarsi nellabitacolo della Levorg per pensare a tutto fuorché a un oggetto poco curato. E non si tratta solo di attenzione per i dettagli, qualità dei materiali e confort generale, ma anche e soprattutto di contenuti: a livello tecnologico e non solo. Dietro si sta meglio in due, con lo spazio che abbonda in ogni direzione (un eventuale quinto passeggero dovrebbe fare i conti col tunnel e lo schienale centrale, trasformabile in un comodo bracciolo portavivande). Buona anche la capacità del bagagliaio, che aggiunge dei piccoli vani sotto il pavimento e, in caso di oggetti lunghi e ingombranti, consente il ribaltamento degli schienali con il pratico sistema di sgancio "one touch": lampio piano di carico che si ottiene è perfettamente livellato. Pratica, inoltre, è la possibilità di rimuovere la cappelliera e di ripiegarla in un apposito scomparto. Anche il posto di guida è confortevole ed è facile trovare la posizione più adatta alle proprie esigenze. In marcia nessun problema, sia nel traffico sia in manovra. Apprezzabili, poi, sono i tanti Adas in dotazione, basati sul noto sistema EyeSight: si va dal cruise control attivo al mantenimento della corsia, dalla frenata automatica demergenza allhigh beam assist, il quale regola automaticamente i fari in base al traffico e alle condizioni di guida. Infine, una volta entrati nel box, la telecamera anteriore e quella posteriore facilitano anche i parcheggi più ostici. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO UN CVT DIFFERENTE [DAY 4]. Non sono tipo da Cvt. Per me il cambio automatico ideale o ha un convertitore di coppia o è un doppia frizione. Sulla Levorg, dunque, sono partito con qualche pregiudizio nonostante molti mi avessero decantato le doti di questa trasmissione a variazione continua. E in effetti già dopo i primi chilometri ho capito che il Lineartronic non è un Cvt come gli altri. Simulando gli innesti delle marce con sette differenti intervalli di cambiata, non ha tutto quelleffetto di trascinamento tipico di questo tipo di automatici, proponendo comunque grande fluidità di marcia e una buona reattività. Pur rimanendo scettico su questa tipologia di trasmissioni, devo ammettere che il Lineartronic si abbina bene al boxer aspirato della Levorg, rendendolo scattante alle basse andature e mantenendo attorno ai 2.000 giri/min il regime del due litri una volta raggiunte velocità autostradali, a tutto vantaggio di consumi e silenziosità (questultima intaccata solo dal rotolamento dei pneumatici). Una combinazione, aspirato più Cvt, che potrebbe sembrare quasi anacronistica in un mondo fatto di piccoli motori turbo e cambi doppia frizione, ma che in realtà risulta piuttosto efficace: lautomatico compensa la mancanza di brio del quattro cilindri ai bassi regimi, rendendolo più vivace e reattivo. A bordo ho apprezzato la comodità dei sedili e lassemblaggio particolarmente curato della plancia, che propone uno stile semplice pur integrando due schermi, uno per linfotainment e uno supplementare per il computer di bordo che, in manovra, riporta le immagini della videocamera anteriore, una funzione particolarmente utile per evitare i piccoli urti. Il volante, ricoperto di morbida pelle con cuciture a contrasto, mi ha stupito per la quantità di pulsanti presenti sulle razze: in totale comandano ben 21 differenti funzioni, se si includono anche i tre bottoni del satellite sinistro e i paddle della trasmissione. Per trovare il tasto giusto, però, si è costretti a distogliere più volte lo sguardo dalla strada: bisogna prenderci la mano. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU-LEVORG 2019-09-19 08:30:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/18/donald_trump_pronto_a_revocare_autonomia_california_su_emissioni_auto/gallery/2019-Donald-Trump-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27235 Emissioni Usa - Trump pronto a revocare i poteri della California http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27235&tipo=fv Il presidente degli Stati Uniti, DONALD TRUMP [1], ha confermato lintenzione della sua Amministrazione di revocare tutti i poteri della California in materia di emissioni inquinanti. In particolare il Golden State non avrà più lautorità di varare in modo autonomo normative con limiti più stringenti rispetto a quanto imposto dalle leggi federali. LE PREROGATIVE DECENNALI DELLA CALIFORNIA. Dagli anni 70 la California ha sempre avuto lautorità di stabilire le proprie regole sui limiti alle emissioni inquinanti delle automobili. Tuttavia, per Trump, tali requisiti dovrebbero essere stabiliti dal governo federale e non da un singolo Stato. A revocare ufficialmente i poteri del Golden State, concessi tra laltro da una legge federale (il Clean Air Act), sarà lEpa, lagenzia per la protezione ambientale. Al momento, tuttavia, non è ancora certo lesito della battaglia avviata lo scorso anno dallAmministrazione Trump nel quadro di una più ampia revisione dei regolamenti su emissioni e consumi. La California, diventata un punto di riferimento per molti altri Stati nel campo delle normative ambientali, è pronta ad avviare una disputa legale, con il ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti, pur di far valere le proprie prerogative. LA POSIZIONE DEL SETTORE. Il settore automobilistico si trova, invece, tra lincudine e il martello. I costruttori chiedono da tempo un alleggerimento delle normative varate dalla vecchia Amministrazione Obama, ma non vogliono rischiare di affrontare lobbligo di adeguarsi a due normative, statali e federali, con il relativo aumento di costi legali, logistici e di sviluppo. Per questo motivo non è mai stata chiesta una cancellazione dei limiti imposti da Obama: Trump vorrebbe, per esempio, eliminare del tutto il TARGET DELLE 54,5 MIGLIA PER GALLONE [2] di consumo fissato per il 2025. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DONALD-TRUMP [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECO_NEWS/2016/07/20/USA_CONSUMI_SI_ALLONTANA_IL_TARGET_2025_DEI_54_5_MPG.HTML 2019-09-18 19:47:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/fiat_un_kit_di_adesivi_per_la_124_spider_abarth_negli_usa/gallery/2019-Fiat-124-spider-abarth-usa-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27233 Fiat - Un kit di adesivi per la 124 Spider Abarth http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27233&tipo=fv Anche se negli Stati Uniti lAbarth non è un brand separato ma una semplice variante dei modelli Fiat, il Gruppo FCA ha voluto dare il suo piccolo contributo alle CELEBRAZIONI DEI 70 ANNI DELLO SCORPIONE [1] lanciando uno speciale kit estetico dedicatto alla due posti del Lingotto. UNO SCORPIONE ROSSO SUL COFANO PER GLI AMERICANI. Per questo motivo i clienti potranno ordinare per un periodo limitato la FIAT 124 SPIDER ABARTH [2] con lo Scorpion Sting Appearance Group, proposto a 395 Dollari, pari a 357 euro al cambio attuale. Scegliendo questo optional la vettura sarà dotata di un kit di adesivi sulla carrozzeria che includono un grande scorpione rosso sul cofano anteriore e le stripes laterali sulla carrozzeria. Entrambi gli adesivi sono di colore rosso. Al pacchetto può essere anche abbinato il Veleno Appearance Group, che include per 495 dollari (447 euro) la verniciatura rossa delle calotte degli specchietti, delle sezioni inferiori dei paraurti e i tappetini personalizzati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/03/24/ABARTH_I_70_ANNI_DELLO_SCORPIONE_FOTO_GALLERY.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/12/FIAT_124_SPIDER_DEBUTTA_IN_AMERICA_LA_VERSIONE_URBANA_EDITION.HTML 2019-09-18 18:48:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/18/maserati_le_flotte_alzano_l_asticella/gallery/2019-Dainese-gamma-Maserati.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27234 Maserati - Flotte, la proposta sarricchisce con le Levante Trofeo e GTS http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27234&tipo=fv La proposta flotte di MASERATI [1] si arricchisce delle LEVANTE [2] Trofeo e Gts, equipaggiate con il V8 Twin Turbo di 3.8 litri made in FERRARI [3]: un propulsore capace di sprigionare rispettivamente 580 e 530 cavalli (VEDI QUI IL NOSTRO PRIMO CONTATTO [4]). Soluzioni, queste, che MARCO DAINESE, Head of Corporate Sales Remarketing Emea del Tridente, ritiene adatte per "alcuni imprenditori e professionisti di successo, oltre che per qualche amministratore delegato. Registriamo un eccellente tasso di fedeltà tra i clienti e molti contratti per la prima Levante stanno scadendo ora. Abbiamo notato che chi la sostituisce non cambia modello: e dunque, magari prende in considerazione il top di gamma della Suv". UN SETTORE SEMPRE PIù IMPORTANTE. Per la Maserati Italia, il mondo delle flotte aziendali rappresenta il "40% delle vendite totali". La metà di queste è appannaggio proprio della Levante, il 35% della Ghibli e il restante è suddiviso tra la Quattroporte e i modelli più spiccatamente sportivi. Per quanto riguarda le motorizzazioni, Dainese sottolinea che il 15% è ormai a benzina. Infine, lestero: per il Tridente, e la Levante in particolare, i primi mercati sono le Americhe e la Cina, seguiti a stretto giro dallEuropa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEVANTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [4] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2019/07/09/maserati_levante_al_volante_della_trofeo.html 2019-09-18 18:48:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2019/09/18/decreto_ambiente_rottamazione_in_cambio_di_abbonamenti_bus/gallery/2019-rottamazione-per-abbonamenti-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27230 Decreto ambiente - Rottamazione in cambio di abbonamenti al bus http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27230&tipo=fv Prime indiscrezioni sul cosiddetto decreto legge ambiente attorno al quale stanno lavorando i tecnici del dicastero guidato da Sergio Costa. Per quanto riguarda lauto, sono tre le misure che potrebbero essere inserite nel provvedimento. La prima e più probabile riguarda unincentivo alla rottamazione di auto fino a Euro 4 riservato a chi risiede nelle città metropolitane (Roma, Milano, Napoli, Torino, Genova, Bologna, Firenze, Bari, Venezia e Reggio Calabria) in cambio di un bonus di 2.000 euro della durata di cinque anni da utilizzare per acquistare abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale per lutilizzo di mezzi elettrici in sharing e valido anche per i familiari conviventi. GASOLIO E FRINGE BENEFIT NEL MIRINO? Molto più impattanti, invece, le altre misure che il dicastero potrebbe pescare dal catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi istituito presso il Ministero dellambiente. Allinterno di questo catalogo, infatti, vi sono le accise ridotte sul gasolio e le agevolazioni per le auto aziendali in fringe benefit. Per il momento ne se ne sa di più, ma il dicastero di via Cristoforo Colombo avrebbe allo studio una riduzione delle agevolazioni nella misura del 10% annuo fino ad arrivare al loro definitivo annullamento nel 2040. I maggiori ricavi che ne deriverebbero sarebbero destinati, per il 50%, al fondo istituito presso il ministero delleconomia per il finanziamento di interventi in materia ambientale. 2019-09-18 17:33:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/mitsubishi_una_suv_compatta_ibrida_plug_in_al_salone_di_tokyo_2019/gallery/2019-mitsubishi-tokyo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27231 Mitsubishi - Una Suv compatta ibrida plug-in al Salone di Tokyo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27231&tipo=fv La MITSUBISHI [1] presenterà una concept ibrida plug-in al Salone di Tokyo. La notizia è stata confermata da un teaser che mette in risalto una sezione particolarmente originale del veicolo, che avrà le sembianze di una Suv compatta, mentre la denominazione del modello non è ancora nota. DOWNSIZING PER LA SUV COMPATTA. La Casa giapponese ha confermato che lintenzione del progetto è quella di immaginare una sport utility di dimensioni contenute e dalle prestazioni vivaci sia su strada sia in fuoristrada. La vettura sarà dotata di trazione integrale ottenuta sfruttando le potenzialità del motore elettrico. Si allinea invece alla politica del downsizing lunità termica, della quale però ancora non si conoscono le caratteristiche. Non è escluso che il powertrain sia destinato a debuttare entro breve tempo su un modello di serie, da posizionare in un segmento inferiore rispetto alla attuale OUTLANDER PHEV [2]. DESIGN INNOVATIVO E CURIOSO. Lunica immagine presentata incuriosisce e dovrebbe mostrare la zona posteriore della concept. Qui troviamo due elementi inclinati dotati di grigie di areazione e di quattro elementi circolari che ricordano dei ventilatori, ma al momento risulta impossibile stabilirne la funzione. Al centro, coperto da un cristallo, sembra essere esposto il motore elettrico, ma anche in questo caso si tratta soltanto di una interpretazione della foto senza alcun effettivo riscontro ufficiale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MITSUBISHI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/MITSUBISHI_A_LISTINO_LA_OUTLANDER_PHEV_2019.HTML 2019-09-18 17:33:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/18/itinerari_in_auto_che_sorpresa_creta_d_inverno/gallery/2019-Volkswagen-Tiguan-Allspace-Creta-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27232 Itinerari in auto - Che sorpresa Creta dinverno http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27232&tipo=fv Chi lha detto che le isole greche costituiscono una destinazione ideale solo nei mesi estivi? Creta, per esempio, è ricca di attrattive anche dinverno, quando mostra ai turisti un volto completamente diverso e inaspettato. Lo abbiamo scoperto visitandola nella scorsa stagione con una VOLKSWAGEN TIGUAN ALLSPACE [1], doverosamente dotata di penumatici termici, sulla quale abbiamo caricato, invece dei soliti costumi da bagno e pinne, anche un paio di sci. CUORE DELLANTICHITà. Il primo percorso che affrontiamo, una volta sbarcati in terra greca, ci porta a Delfi, ai piedi del massiccio montuoso del Parnaso: qui tutto parla di un mondo lontano nel tempo. La leggenda racconta di due gigantesche aquile, partite dalle estremità della terra per ordine di Zeus col compito di decretare quale fosse il centro del regno degli uomini: i nobili volatili sincontrarono proprio qui, tra queste splendide cime. Sulle quali, per altro, una volta visitato laffascinante sito archeologico, si può raggiungere il Parnassos ski center, coi suoi venti freddi, le strade innevate, i panorami alpini a quota 2.000 metri. Il tutto, sorprendentemente a due passi dallEgeo. Ma non indugiamo oltre: Creta ci attende e, dopo una notte in traghetto, sbarchiamo con la nostra Tiguan a Heraklion. SOSTE OBBLIGATE. Baciate dal sole del mattino, bianche montagne emergono dal mare spiccando sopra un secondo mare di uliveti, accarezzati da un inaspettato vento gelido. Sulla strada che sale verso il Monte Ida siamo i soli a sfidare la solitudine ammantata di bianco di questa mitologica montagna, culla di Zeus e massiccio centrale dellisola che fu patria anche di Dedalo, Icaro e Minosse. Siamo sullisola più grande della Grecia, coi suoi 8.258 km quadrati di superficie e 250 chilometri di lunghezza; la forma ricorda quella di una gigantesca nave, perennemente ormeggiata in un suggestivo isolamento. Al centro dellisola, a 2.000 metri di altitudine, la strada prosegue dopo il grazioso abitato di Anogia sotto un bianco manto di neve, davvero inusuale per chi è abituato alle assolate estati elleniche. Ad aiutarci nella salita sul fondo innevato sono le quattro ruote motrici della Tiguan Allspace, coadiuvate nel compito dai pneumatici invernali: di tanto in tanto, però, è dobbligo fermarsi per ammirare il sorprendente paesaggio offerto dalle nevi mediterranee che ricoprono montagne tra le più meridionali dEuropa. Il monte Ida, del resto, costituisce la vetta più alta di Creta, coi suoi 2.536 metri: nei suoi anfratti si cela la grotta dellIdeon, mitologico luogo natale di Zeus. DALLA NEVE ALLE SPIAGGE. Lisola raccoglie testimonianze culturali che risalgono a più di 5.000 anni fa; anche la sua rete stradale sembra un labirinto come quello di Dedalo, nel quale si rischia di perdersi, nonostante mappe dettagliate e la presenza a bordo del navigatore. Viottoli che sembrano finire nel nulla e venti che trasportano minacciosi mulinelli di neve, destinati a depositarsi continuamente sul fondo stradale, rendono sempre più difficile il cammino. E non cè ombra di spartineve, tanto che, a un certo punto, siamo costretti ad aprirci un varco con le pale per poter procedere. Alla fine, una serie di sterrati più veloci collegati tra loro ci consente di scendere a quote inferiori e di raggiungere le incantevoli spiagge della parte meridionale dellisola. La solitudine dei mesi invernali accentua il fascino del versante Sud di Creta, dove non corre una strada litoranea e gli angoli di paradiso costituiti da baie solitarie si raggiungono con stretti tornanti. I sensori della Tiguan permettono, però di affrontare anche i passaggi più angusti in relativa tranquillità. I panorami più suggestivi ci attendono insieme con le rovine di Itanos, antica città minoica distesa tra spiagge di sabbia fine e dorata; ma anche la solitaria penisola di Hersoniss e le spiagge di Balos ci attraggono col loro selvaggio fascino invernale. Prima di rientrare scopriamo le ridenti cittadine di Hania, Rèthimno ed Heraklion, con i loro suggestivi porti veneziani e le testimonianze del periodo ottomano. Non resta che salutare il sito archeologico di Cnosso, leggendaria dimora del re Minosse, prima dimbarcare la Tiguan Allspace sul traghetto con destinazione Atene. Da qui, sulla via di Igoumenitsa e del secondo traghetto che ci riporterà in Italia, troveremo il tempo di soffermaci su altri gioielli greci, gli incredibili monasteri di Meteora e Kalambaka. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2017/10/11/VOLKSWAGEN_TIGUAN_ALLSPACE_IN_ITALIA_CON_PREZZI_A_PARTIRE_DA_39_500_EURO.HTML 2019-09-18 17:33:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/18/maserati_le_flotte_alzano_l_asticella/gallery/2019-Dainese-gamma-Maserati.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27229 Maserati - Flotte aziendali, la proposta sarricchisce con le Levante Trofeo e GTS http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27229&tipo=fv La proposta flotte di MASERATI [1] si arricchisce delle LEVANTE [2] Trofeo e Gts, equipaggiate con il V8 Twin Turbo di 3.8 litri made in FERRARI [3]: un propulsore capace di sprigionare rispettivamente 580 e 530 cavalli (VEDI QUI IL NOSTRO PRIMO CONTATTO [4]). Soluzioni, queste, che MARCO DAINESE, Head of Corporate Sales Remarketing Emea del Tridente, ritiene adatte per "alcuni imprenditori e professionisti di successo, oltre che qualche amministratore delegato. Registriamo un eccellente tasso di fedeltà tra i clienti e molti contratti per la primo Levante stanno scadendo ora. Abbiamo notato che chi lo sostituisce non cambia modello: e dunque, magarii prende in considerazione il top di gamma della Suv". UN SETTORE SEMPRE PIù IMPORTANTE. Per la Maserati Italia, il mondo delle flotte aziendali rappresenta il "40% delle vendite totali". La metà di queste sono appannaggio proprio della Levante, il 35% della Ghibli e il restante è suddiviso tra la Quattroporte e i modelli più spiccatamente sportivi. Per quanto riguarda le motorizzazioni, Dainese sottolinea che il 15% sono ormai a benzina. Infine lestero: per il Tridente, e la Levante in particolare, i primi mercati sono le Americhe e la Cina, seguiti a stretto giro dallEuropa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEVANTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [4] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2019/07/09/maserati_levante_al_volante_della_trofeo.html 2019-09-18 16:55:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/mitsubishi_una_suv_compatta_ibrida_plug_in_al_salone_di_tokyo_2019/gallery/2019-mitsubishi-tokyo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27228 Mitsubishi - Una Suv compatta ibrida plug-in al Salone di Tokyo 2019 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27228&tipo=fv La MITSUBISHI [1] presenterà una concept ibrida plug-in al Salone di Tokyo. La notizia è stata confermata da un teaser che mette in risalto una sezione particolarmente originale del veicolo, che avrà le sembianze di una Suv compatta, mentre la denominazione del modello non è ancora nota. DOWNSIZING PER LA SUV COMPATTA. La Casa giapponese ha confermato che lintenzione del progetto è quella di immaginare una sport utility di dimensioni contenute e dalle prestazioni vivaci sia su strada sia in fuoristrada. La vettura sarà dotata di trazione integrale ottenuta sfruttando le potenzialità del motore elettrico. Si allinea invece alla politica del downsizing lunità termica, della quale però ancora non si conoscono le caratteristiche. Non è escluso che il powertrain sia destinato a debuttare entro breve tempo su un modello di serie, da posizionare in un segmento inferiore rispetto alla attuale OUTLANDER PHEV [2]. DESIGN INNOVATIVO E CURIOSO. Lunica immagine presentata incuriosisce e dovrebbe mostrare la zona posteriore della concept. Qui troviamo due elementi inclinati dotati di grigie di areazione e di quattro elementi circolari che ricordano dei ventilatori, ma al momento risulta impossibile stabilirne la funzione. Al centro, coperto da un cristallo, sembra essere esposto il motore elettrico, ma anche in questo caso si tratta soltanto di una interpretazione della foto senza alcun effettivo riscontro ufficiale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MITSUBISHI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/MITSUBISHI_A_LISTINO_LA_OUTLANDER_PHEV_2019.HTML 2019-09-18 16:39:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/18/gruppo_fca_progetti_sull_e_mobility_a_torino_e_pavia/gallery/2019-Gruppo-FCA-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27227 Gruppo FCA - Progetti sulle-mobility a Torino e Pavia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27227&tipo=fv Il GRUPPO FCA [1] ha avviato una collaborazione con il Politecnico di Torino e con lUniversità di Pavia sul tema della mobilità elettrica. Gli studenti potranno contribuire con le loro idee acquisendo unesperienza importante che potrà in futuro essere applicata nel mondo del lavoro. A TORINO SI STUDIA PER MIGLIORARE LE BATTERIE. Con il Politecnico di Torino è stato lanciato il progetto Challenge@PoliTo che si svolgerà al CLIK (Contamination Lab Innovation Kitchen) il prossimo 1 e 2 ottobre. Qui gli studenti saranno divisi in team multidisciplinari che dovranno elaborare dei progetti sul tema della mobilità elettrica. Nello specifico si parlerà di ottimizzare le batterie e la ricarica delle auto elettriche, senza trascurare la loro durata nel tempo. A PAVIA SI PREPARA LA COMUNICAZIONE SULLE-MOBILITY. Il 19 settembre allUniversità di Pavia si svolgerà invece il SoftSkillLab@UniPV, dove i team di studenti dovranno elaborare un progetto completo per la comunicazione, compreso di slogan e di strategia di utilizzo dei media. Il tema è quello della mobilità elettrica e il target è quello dei clienti più giovani. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA 2019-09-18 16:01:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/18/mobilita_elettrica_nissan_ed_edf_si_alleano_per_lo_sviluppo_delle_ricariche_smart/gallery/2018-Idrogeno-EV-22.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27226 Mobilità elettrica - Nissan ed EdF si alleano per lo sviluppo delle ricariche smart http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27226&tipo=fv La NISSAN [1] ha siglato un accordo di collaborazione con il gruppo energetico transalpino EdF per accelerare lo sviluppo della mobilità elettrica, in particolare attraverso la ricarica smart dei veicoli. Laccordo riguarda il Regno Unito, la Francia, il Belgio e lItalia, dove i francesi controllano la società milanese Edison. FOCUS SULLE SOLUZIONI VEHICLE TO GRID. La nuova collaborazione tra le due società nasce da un precedente accordo valido solo sul mercato britannico e relativo allo sviluppo di offerte congiunte nelle aree della mobilità elettrica, delle ricariche smart (V2G, vehicle-to-grid), del riuso delle batterie esauste, dello stoccaggio di energia e delle risorse rinnovabili. Ora le due società hanno in programma di concentrarsi, principalmente, sulle soluzioni V2G mettendo a fattor comune le rispettive tecnologie. Nello specifico la Nissan sarà responsabile della vendita di veicoli compatibili con il sistema vehicle-to-grid, mentre il gruppo EdF si occuperà della messa a disposizione delle soluzioni di ricarica e dei servizi collegati. I VANTAGGI DELLE RICARICHE V2G. Il sistema V2G, secondo quanto spiegato dalle due società, include tecnologie in grado di controllare quando i veicoli sono in carica e in quanto tempo possono completare la ricarica, permettendo di avere un flusso di elettricità biunivoco tra auto e colonnina. Per esempio, lenergia accumulata nelle batterie dei veicoli elettrici, quando questi non vengono utilizzati, può essere sfruttata per rispondere ai fabbisogni energetici di unazienda, di unabitazione o della rete di distribuzione. Si tratta di una soluzione non ancora pienamente matura per la sua applicazione su larga scala ma che, secondo molti operatori energetici, potrà fornire unimportante contributo sia per accelerare ladozione dellelettrico sia per bilanciare la produzione incostante delle energie rinnovabili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML 2019-09-18 15:37:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/bentley_bentayga_stetson_edition/gallery/2019-Bentley-Bentayga-Stetson-Edition-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27225 Bentley Bentayga - Debutta negli USA la Stetson Special Edition http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27225&tipo=fv Il reparto Mulliner ha realizzato una serie speciale della BENTLEY BENTAYGA [1] su richiesta del concessionario ufficiale di Dallas, in Texas, coinvolgendo anche il brand americano Stetson nelloperazione. E nata così la Bentayga Stetson Special Edition, che sarà prodotta su ordinazione e che per il momento sarà realizzata in tre esemplari, proposti a 246.578 dollari, pari a 223.000 euro al cambio attuale. TINTE ISPIRATE AI FAMOSI CAPPELLI STATSON. La personalizzazione include la tinta esterna White Sand, i loghi sul montante posteriore, la finitura cromata dei cerchi in lega e gli stemmi Bentley personalizzati per i 100 anni del marchio. La carrozzeria potrà essere ordinata anche nelle tinte Dark Cashmire e Onyx: le tre tinte sono state scelte perchè richiamano tre modelli dei cappelli Stetson rimasti nellimmaginario collettivo nel corso della storia del marchio. GLI INTERNI BICOLORE. Labitacolo è rivestito in pelle nelle tinte Camel e Saddle con finiture Burnt Oak e dettagli cromati. Le cuciture incrociate sono uniche di questo allestimento e si ispirano a quelle dei cappelli Stetson e del mondo dei cowboy, inoltre tutti i dettagli sono estesi anche al volante. Il battitacco riporta il doppio logo, Mulliner e Stetson, questultimo ricamato anche sui sedili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/03/BENTLEY_BENTAYGA_DEBUTTANO_DUE_VERSIONI_SPECIALI_BY_MULLINER_HUNTSMAN_.HTML 2019-09-18 15:34:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/18/baby_ii_una_bugatti_da_30_000_euro/gallery/2019-bugatti-baby-2-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27224 Baby II - Una Bugatti da 30.000 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27224&tipo=fv Cè una BUGATTI [1] che in molti possono permettersi: si chiama Baby II. una riproduzione in scala ridotta della Type 35, biposto scoperta nata per le corse degli anni 20, fedele e molto curata, equipaggiata da un piccolo powertrain elettrico: prezzi da 30.000 euro a salire. Comunque tanti per una junior car, cioè unauto da bambini. Con la quale, però, potrebbero divertirsi anche gli adulti, come vedremo poi. Dopo averla annunciata allo scorso Salone di Ginevra, mostrandone un esemplare realizzato con la stampa 3D che ha raccolto 500 ordini esaurendo in tre settimane il primo lotto di produzione, la Casa ha presentato il modello definitivo in occasione delle celebrazioni dei 110 anni del marchio. SENZA LIMITI DI ETà. Nellabitacolo della Baby II possono accomodare grandi e piccini. Lunga 2,8 metri e larga un metro, ha dimensioni ridotte di un quarto rispetto alloriginale: una Grand Prix de Lyon del 1924 scansionata in ogni singola parte per dare vita al remake. Non senza qualche licenza. Per esempio nella strumentazione, che invece del contagiri e dei livelli di olio e carburante comunica lo stato di carica della batteria e la potenza in gioco. Rimane, invece, lorologio che la Type 35 utilizzava per rilevare le prestazioni in gara. Così come altri dettagli, sebbene adibiti a nuove funzioni nella versione giocattolo. CHILOWATT CRESCENTI. Sulla base di una trazione posteriore e una massa a partire da 230 chili, il divertimento è a due livelli. Nella modalità di guida per bambini la potenza limitata a 1 kW e la velocità a 20 km/h; in quella per adulti si possono raggiungere i 45 km/h grazie al motore spinto a 4 kW. Su alcune versioni cè addirittura una Speed Key, ispirata alla Chiron, che sblocca la potenza disponibile per arrivare a 10 kW. Con tanto di differenziale a slittamento limitato per disporre della massima coppia al retrotreno. Onde evitare che tutto ciò finisca in mani inesperte, la dotazione prevede anche un telecomando in grado di spegnere lauto da una distanza di 50 metri. DUE AUTONOMIE, TRE ALLESTIMENTI. Doppia è pure la taglia della batteria (amovibile): standard, da 1,4 kWh e long range da 2,8 kWh. Secondo la Bugatti, la Baby II può percorrere oltre 30 km con un pieno di elettroni. Presentata qui in tinta French Racing Blue abbinata a interni in pelle nera, la due posti si può ordinare anche in altri colori della gamma vintage - tutti appartenenti alla tradizione Bugatti oppure nelle cromie contemporanee della Chiron. Tre le versioni: Baby II (con carrozzeria in materiali compositi), Baby II Vitesse (in fibra di carbonio e dotata di Speed Key), Baby II Pur Sang (con scocca in alluminio assemblata a mano e Speed Key). Le prime, in consegna dal 2020, sono sold out, ma mettendosi in lista ci si guadagna unopzione per la prossima serie. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI 2019-09-18 14:02:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/09/18/volkswagen_golf_la_gte_su_strada_senza_veli/gallery/2019-Volkswagen-Golf-GTE-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27223 Volkswagen Golf - La GTE su strada senza veli http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27223&tipo=fv Ibrida e praticamente senza veli. Si mostra così la GOLF DI OTTAVA GENERAZIONE [1] nelle più recenti foto spia, quando manca ormai poco tempo alla presentazione ufficiale. Vedremo la gamma in autunno, quando scopriremo anche le opzioni dei powertrain disponibili, con un prevedibile alto tasso di elettrificazione e VERSIONI MILD HYBRID GIà ANNUNCIATE [2]. A TRADIRLA LO SPORTELLO DI RICARICA. Che si tratti di un modelli ibrido plug-in lo conferma la presenza dello sportello di ricarica sul parafango sinistro. Non sappiamo per il momento quale sia lunità presente nel cofano, ma potrebbe avere delle parentele con il powertrain già visto sul RESTYLING DELLA PASSAT [3]. Per il resto la vettura appare praticamente pronta per la vetrina dei concessionari: al di là di alcune protezioni sui gruppi ottici anteriori e posteriori non ci sono infatti camuffature ed è possibile osservare gran parte dei dettagli del design, evoluto ma assolutamente non rivoluzionato rispetto al passato. Sulla mascherina e sul portellone è inoltre presente il logo Volkswagen aggiornato, appena presentato a Francoforte sulla ID3. TUTTA NUOVA ANCHE ALLINTERNO. Le foto odierne non mostrano gli interni, ma la stessa Volkswagen ha diffuso a suo tempo dei bozzetti che ne hanno SVELATO LIMPOSTAZIONE GENERALE [4]. La plancia si svilupperà orizzontalmente con due display affiancati e dedicati a strumentazione e infotainment, mentre la console centrale sarà molto semplificata e praticamente priva di comandi fisici. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/28/VOLKSWAGEN_GOLF_AVVIATI_I_COLLAUDI_FINALI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/16/VOLKSWAGEN_GOLF_8_SARA_ANCHE_IBRIDA_MILD_HYBRID_A_48_VOLT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/06/26/VOLKSWAGEN_PASSAT_AL_VOLANTE_DELLE_ALLTRACK_E_GTE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/15/VOLKSWAGEN_GOLF_8_PRIME_IMMAGINI_DEGLI_INTERNI_E_DEGLI_ESTERNI.HTML 2019-09-18 12:39:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2019/09/18/gruppo_hyundai_in_arrivo_un_airbag_tra_passeggero_e_conducente/gallery/2019-Hyundai-Center-Airbag-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27222 Gruppo Hyundai - In arrivo un airbag tra passeggero e conducente http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27222&tipo=fv Il GRUPPO HYUNDAI [1] ha sviluppato un airbag centrale per la zona anteriore. Il cuscino di sicurezza viene attivato per evitare contatti tra guidatore e passeggero in caso di incidente. Secondo la Casa coreana questa soluzione riduce fino all80% questa eventualità, con particolare riferimento agli urti con la testa. INGOMBRO RIDOTTO NEL SEDILE DEL GUIDATORE. Il sistema è stato brevettato ed è integrato nel fianco interno del sedile del guidatore. Lairbag si gonfia anche se il passeggero non è presente per offrire una migliore protezione da detriti e da ulteriori urti. La Hyundai è riuscita a contenere il peso dellintero dispositivo pur realizzando un cuscino capace di sostenere gli occupanti: rispetto ai sistemi della concorrenza, la massa è stata ridotta in 500 grammi e sono stati limitati gli ingombri, garantendo così maggiore libertà ai designer degli interni. PRONTI PER I CRASH TEST DEL 2020. Lairbag centrale consentirà di ottenere risultati superiori nei test di impatto laterale che saranno introdotti nelle prove Euro Ncap nel corso del 2020. La Casa ha confermato che entro breve tempo il sistema sarà disponibile su alcuni modelli HYUNDAI [2] e KIA [3], senza però fornire informazioni dettagliate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/HYUNDAI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/KIA.HTML 2019-09-18 11:43:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/bmw_serie_5_serie_1_e_le_altre_tutte_le_novita_in_arrivo_nell_autunno/gallery/2019-bmw-aggiornamenti-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27221 BMW - La 520d mild hybrid e le altre novità in arrivo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27221&tipo=fv La BMW [1] aggiorna alcuni dei suoi modelli nel consueto passaggio autunnale che anticipa i Model Year 2020. Sono previste novità per la SERIE 1 [2], la Serie 3, la Serie 5, la Serie 8, la X5, LA X6 [3] e la X7. MILD HYBRID AL DEBUTTO SULLA BMW 520D. La Serie 5, già proposta in versione plug-in hybrid, introduce nuovi allestimenti con sistema mild hybrid a 48 Volt, abbinati al 2.0 diesel da 190 CV, alla trazione posteriore o integrale e alla carrozzeria berlina o touring. Questa tecnologia, che viene fornita di serie, consente di ridurre il consumo medio fino a 0,3 l/100 km grazie alla possibilità di aumentare le fasi di coasting e di ottimizzare lo Start-Stop. Il consumo medio varia così da 4,1 a 4,9 l/100 km (108-128 g/km) in base allallestimento. I NUOVI OPTIONAL DELLE ALTRE BMW. Si arricchiscono infine gli accessori disponibili: per le 330e e 530e viene infatti introdotto il gancio di traino, mentre per la M550d sono previsti i gruppi ottici BMW Laserlight. Sulla M135i appena presentata debuttano gli accessori della gamma M Performance, mentre la Serie 8 Gran Coupé potrà entro breve tempo essere ordinata con il tetto in fibra di carbonio. Anche sulle X5, X6 e X7 vengono iproposti nuovi optional: i sedili M multifunzione anteriori regolabili elettricamente e dotati di massaggio e climatizzazione, i pacchetti Individual Composition con abbinamenti cromatici e cerchi in lega specifici, gli accessori M Carbon esterni (X6), le sospensioni Adaptiv M Professional abbinate al differenziale M Sport e allActive Steering (X5) e il Lane Change Assistant (X5 e X6). AGGIORNAMENTO PER IL BMW OPERATING SYSTEM 7.0. Per i modelli dotato di BMW Live Cockpit Professional prodotti a partire da luglio saranno presto resi disponibili due aggiornamenti. Il primo riguarda la visualizzazione 3D dellarea intorno al veicolo nella sezione centrale del display, ricostruita attraverso i dati dei sensori di bordo. Il secondo riguarda lIntelligent Personal Assistant, che viene dotato di nuove funzioni: è ora possibile attivare e disattivare le funzioni proattive e di rendere anonime le notifiche vocali in caso di passeggeri a bordo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/17/BMW_SERIE_1_AL_VOLANTE_DELLA_NUOVA_118D_SPORT.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/07/03/bmw_x6_foto_motori_dimensioni_uscita.html 2019-09-18 11:24:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/18/bmw_serie_5_serie_1_e_le_altre_tutte_le_novita_in_arrivo_nell_autunno/gallery/2019-bmw-aggiornamenti-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27220 BMW - Le novità in arrivo per Serie 5, Serie 1 e le altre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27220&tipo=fv La BMW [1] aggiorna alcuni dei suoi modelli nel consueto passaggio autunnale che anticipa i Model Year 2020. Sono previste novità per la SERIE 1 [2], la Serie 3, la Serie 5, la Serie 8, la X5, LA X6 [3] e la X7. MILD HYBRID AL DEBUTTO SULLA BMW 520D. La Serie 5, già proposta in versione plug-in hybrid, introduce nuovi allestimenti con sistema mild hybrid a 48 Volt, abbinati al 2.0 diesel da 190 CV, alla trazione posteriore o integrale e alla carrozzeria berlina o touring. Questa tecnologia, che viene fornita di serie, consente di ridurre il consumo medio fino a 0,3 l/100 km grazie alla possibilità di aumentare le fasi di coasting e di ottimizzare lo Start-Stop. Il consumo medio varia così da 4,1 a 4,9 l/100 km (108-128 g/km) in base allallestimento. I NUOVI OPTIONAL DELLE ALTRE BMW. Si arricchiscono infine gli accessori disponibili: per le 330e e 530e viene infatti introdotto il gancio di traino, mentre per la M550d sono previsti i gruppi ottici BMW Laserlight. Sulla M135i appena presentata debuttano gli accessori della gamma M Performance, mentre la Serie 8 Gran Coupé potrà entro breve tempo essere ordinata con il tetto in fibra di carbonio. Anche sulle X5, X6 e X7 vengono iproposti nuovi optional: i sedili M multifunzione anteriori regolabili elettricamente e dotati di massaggio e climatizzazione, i pacchetti Individual Composition con abbinamenti cromatici e cerchi in lega specifici, gli accessori M Carbon esterni (X6), le sospensioni Adaptiv M Professional abbinate al differenziale M Sport e allActive Steering (X5) e il Lane Change Assistant (X5 e X6). AGGIORNAMENTO PER IL BMW OPERATING SYSTEM 7.0. Per i modelli dotato di BMW Live Cockpit Professional prodotti a partire da luglio saranno presto resi disponibili due aggiornamenti. Il primo riguarda la visualizzazione 3D dellarea intorno al veicolo nella sezione centrale del display, ricostruita attraverso i dati dei sensori di bordo. Il secondo riguarda lIntelligent Personal Assistant, che viene dotato di nuove funzioni: è ora possibile attivare e disattivare le funzioni proattive e di rendere anonime le notifiche vocali in caso di passeggeri a bordo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/17/BMW_SERIE_1_AL_VOLANTE_DELLA_NUOVA_118D_SPORT.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/07/03/bmw_x6_foto_motori_dimensioni_uscita.html 2019-09-18 10:20:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/26/subaru_levorg_una_settimana_con_la_2_0i_lineartronic_premium/gallery/2019-Subaru-Levorg-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27219 Subaru Levorg - Una settimana con la 2.0i Lineartronic Premium [Day 3] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27219&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SUBARU LEVORG [1] 2.0i Lineartronic AWD in allestimento Premium, il più completo della gamma. Lunico motore disponibile è il nuovo quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV a 6.200 giri/min e 198 Nm a 4.200 giri/min: abbinato al cambio automatico Cvt e alla trazione integrale, permette alla station di scattare da 0 a 100 km/h in 11,7 secondi e di toccare una velocità massima di 195 km/h. Il consumo medio dichiarato è pari a 7,3 l/100km nel ciclo misto. Proposta a 34.500 euro, la versione Premium dispone di tutte le dotazioni presenti in gamma e costa 2.500 euro in più dellaltro allestimento disponibile (lo Style), rispetto al quale aggiunge i sedili rivestiti di pelle e il navigatore satellitare. Tra gli altri accessori di serie, troviamo i cerchi di lega da 18", i fari a Led adattivi, lEyeSight, il tetto apribile e il touchscreen da 7" dellimpianto di infotainment con radio DAB, retrocamera e supporto per Android Auto e Apple CarPlay. Su tutte le versioni sono inoltre presenti tre differenti pacchetti pensati per migliorare la sicurezza e il confort di guida: lAdvanced Safety Package include lEyeSight Assist Monitor, lHigh Beam Assist, il Subaru Rear Vehicle Detection e lo specchietto retrovisore fotocromatico; il Safety View Package comprende la telecamera frontale e lo specchietto retrovisore con telecamera, mentre il Cold Weather Package prevede i sedili anteriori riscaldabili, lo sbrinatore delle spazzole tergicristallo e gli specchietti retrovisori esterni riscaldabili. Lunga quattro metri e 69 cm, alta 149 cm e larga 178 cm, la Levorg ha un bagagliaio con una capacità di carico di 522 litri che, alloccorrenza, può essere ampliato fino a 1.446 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. AGILE E SICURA [DAY 1]. Ci si ritrova in fretta, al volante della Subaru Levorg AWD. E si sta comodi, ben sostenuti dal sedile sportivo e supportati dalle regolazioni elettriche. Il volante, dalla corona spessa e tagliata nella parte inferiore, piace, anche se si presenta con troppi comandi. un po strana solo la sensazione di trovarsi, da fine corsa del sedile, rialzati rispetto alla strumentazione e alla plancia. Quello che mi attira è labbinamento tra il quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV e la trasmissione Cvt Lineartronic. Ricordiamo che nella serie precedente, la Levorg adottava l1.6 turbo, sempre boxer, da 170 CV, con maggiore spinta ai bassi e prestazioni più brillanti. Il Cvt, però, risponde bene allacceleratore e tende a riempire il meno favorevole arco di utilizzo del duemila aspirato, tanto che in città la giap risulta pronta e gradevole. E quando mi serve più potenza, labbinamento tra motore e cambio risulta riuscito, senza distonie o disagi. Le dimensioni sono importanti si sfiorano i quattro metri e 70 , però la Levorg è facile da guidare e mi segue bene, quasi fosse molto più corta (merito pure del baricentro basso). In più, grazie allampia vetratura, la visibilità è buona anche dietro. Dicevamo che la marcia in città è fluida e gradevole: cè la possibilità di disporre di un kickdown simulato piuttosto efficace e risultano convincenti i sette intervalli di cambiata, gestibili tramite i paddle. In viaggio la Levorg dà il meglio (nonostante il sottofondo di rotolamento) e riesco a procedere a 130 poco sopra i 2.000 giri, col piede destro leggero: così, vedo i consumi calare a razzo rispetto ai valori elevati della città. Le sospensioni denotano unescursione, non eccessiva però: la Levorg assorbe piuttosto bene le irregolarità secche e brevi, potendo contare su una gommatura 225/45 da 18. La guida risulta precisa e sincera anche per via del passo (2,65 metri), corto rispetto agli ingombri della carrozzeria e dello sterzo. Il quale si rivela pronto e progressivo. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE FLUIDA E CONFORTEVOLE [DAY 2]. Confesso, ero un po prevenuto. Per me, prendere in mano le chiavi di una Subaru significa proiettarmi subito in unaltra dimensione. Potete immaginare quale: un universo fatto non solo di Pleiadi, lammasso di stelle simboleggiate nel marchio della Casa giapponese, ma anche, se non soprattutto, dImpreza Wrc, di rally mondiali, del compianto Colin McRae. Ergo, non è difficile capire lo scetticismo con il quale mi sono accostato alla Levorg, paciosa station wagon? A essere sincero, non saprei come definirla. Ma non è tanto importante. Perché la cautela con la quale apro la portiera svanisce presto. Seduto al posto guida, prima di mettere in moto, percepisco una sensazione di gradevole solidità, di consistenza della proposta. Sulla carta, anche il layout tecnico della vettura non mispirava: un due litri aspirato da 150 CV, potenza oggi alla portata di un turbobenzina di cubatura decisamente inferiore (per esempio, il recente 1.3 della FCA), perdipiù abbinato a un cambio Cvt che non amo. E invece, nel momento in cui la Levorg si mette in movimento, tutto si trasforma. Certo, niente invoglia a insistere più di tanto con lacceleratore, ma linsieme si svolge con una fluidità sorprendente e un po inaspettata (guai ai pregiudizi!), che si aggiunge allindiscutibile confort. Il mio test drive è, in realtà, piuttosto breve, ma ho la sensazione che con questa Levorg si possa viaggiare a lungo, bene senza stancarsi e - cosa non meno importante - vegliati da un pacchetto importante di Adas. Insomma, con lei non andrei di sicuro a farmi una prova speciale: ma un viaggio, anche di parecchie ore, quello sì. EMILIO DELEIDI, REDAZIONE INCHIESTE CURATA E ACCOGLIENTE [DAY 3]. Chi, come me, ama film e spettacoli teatrali del trio di comici Aldo, Giovanni e Giacomo, non può avvicinarsi a unauto delle Pleiadi senza che gli riecheggi nella mente la frase pronunciata in "Tel chi el telùn": "Hai preso la Subaru baracca!". Ma al di là della battuta, nata proprio perché Giovanni Storti è un affezionato cliente della Casa (lo ha confermato egli stesso), basta accomodarsi nellabitacolo della Levorg per pensare a tutto fuorché a un oggetto poco curato. E non si tratta solo di attenzione per i dettagli, qualità dei materiali e confort generale, ma anche e soprattutto di contenuti: a livello tecnologico e non solo. Dietro si sta meglio in due, con lo spazio che abbonda in ogni direzione (un eventuale quinto passeggero dovrebbe fare i conti col tunnel e lo schienale centrale, trasformabile in un comodo bracciolo portavivande). Buona anche la capacità del bagagliaio, che aggiunge dei piccoli vani sotto il pavimento e, in caso di oggetti lunghi e ingombranti, consente il ribaltamento degli schienali con il pratico sistema di sgancio "one touch": lampio piano di carico che si ottiene è perfettamente livellato. Pratica, inoltre, è la possibilità di rimuovere la cappelliera e di ripiegarla in un apposito scomparto. Anche il posto di guida è confortevole ed è facile trovare la posizione più adatta alle proprie esigenze. In marcia nessun problema, sia nel traffico sia in manovra. Apprezzabili, poi, sono i tanti Adas in dotazione, basati sul noto sistema EyeSight: si va dal cruise control attivo al mantenimento della corsia, dalla frenata automatica demergenza allhigh beam assist, il quale regola automaticamente i fari in base al traffico e alle condizioni di guida. Infine, una volta entrati nel box, la telecamera anteriore e quella posteriore facilitano anche i parcheggi più ostici. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU-LEVORG 2019-09-18 08:48:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/18/mercato_europeo_immatricolazioni_in_calo_ad_agosto_8_6_/gallery/2019-mercatoEU-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27218 Mercato europeo - Immatricolazioni in calo ad agosto: -8,6% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27218&tipo=fv Il mercato automobilistico europeo continua a mostrare un andamento altalenante. Secondo i dati dellAcea (lassociazione europea dei costruttori di auto), in agosto le immatricolazioni nellarea Ue+Efta si sono attestate su 1.074.169 unità, con una diminuzione dell8,6% che ha annullato del tutto la crescita dell1,2% registrata a luglio e che si è rivelata non lontana dalla flessione del 7,9% di giugno. Il dato, comunque, è difficilmente confrontabile con quanto avvenuto un anno fa: nellAGOSTO 2018 [1], infatti, cè stato un boom delle immatricolazioni per via delle politiche varate dalle Case automobilistiche, le quali hanno praticato forti sconti sui veicoli che non rispondevano allomologazione Wltp (entrata in vigore il mese successivo). PRINCIPALI MERCATI IN NEGATIVO. Fra i principali mercati del Vecchio Continente, nessuno mostra un segno positivo. Il peggior andamento è appannaggio della Spagna, calata del 30,8%, seguita dalla Francia con un -14,1%. La Germania, invece, limita le perdite con un -0,8%, mentre lItalia e il Regno Unito chiudono il mese in calo, rispettivamente, del 3,1 e dell1,6%. Il consuntivo dei primi otto mesi, con 10.830.899 registrazioni, mostra un decremento del 3,2%, con la crescita della sola Germania (+0,9%) a fare da contraltare alle performance negative degli altri quattro "major market" europei: -9,2% per la Spagna, -3,4% per il Regno Unito e -3% sia per lItalia che per la Francia. SCENDE FCA. Con 54.101 immatricolazioni, la Fiat Chrysler Automobiles registra una flessione del 26,5%: la Lancia è lunico dei marchi del gruppo italo-americano a presentare un dato positivo, con un notevole +90,9%. La Fiat perde, invece, il 26%, la Jeep il 19,6%, lAlfa Romeo il 60,1% e la Maserati il 27,5%. TEDESCHI SULLALTALENA. Andamento in chiaroscuro per i costruttori automobilistici tedeschi: il gruppo Volkswagen, con 295.627 immatricolazioni, registra una flessione dell8%, a causa del -14% del marchio omonimo, del -9,1% dellAudi e del -17,8% della Porsche. In crescita risulta la Skoda, con un +5,4%, mentre la Seat scende dello 0,6%. Negativo anche il dato aggregato di Bentley, Lamborghini e Bugatti: -29,2%. Sottotono anche il gruppo BMW con 58.703 immatricolazioni e una contrazione del 5,9% dovuta al -8,4% del marchio dellElica (+5,1% per la Mini). Con 74.050 veicoli registrati, il gruppo Daimler mette invece a segno una crescita del 22,1%, frutto del +13,2% della Mercedes e del +102,1% della Smart. IN FLESSIONE ANCHE I FRANCESI. Il segno meno caratterizza anche le immatricolazioni dei costruttori francesi, seppur con andamenti differenti. Il gruppo PSA registra 151.934 immatricolazioni, il 5,4% in meno rispetto ad agosto 2018. Tra i vari marchi, spicca solo la DS con una crescita del 26,4% mentre la Peugeot, la Opel e la Citroen perdono, rispettivamente, il 3,4, il 6,9 e l8,1%. Anche il gruppo Renault riscontra performance negative: le 108.577 immatricolazioni implicano un decremento del 23,6%. Il marchio della Losanga spinge al ribasso il dato consolidato con un -38%, mentre la Dacia sale del 7,1%, la Lada del 36,7% e lAlpine del 5,6%. BENE LA FORD E LA VOLVO, MALE LE INGLESI. Tra le altre Case occidentali, la Ford cresce dell1,7% (pari a 59.995 immatricolazioni), mentre la Volvo mette a segno un miglioramento dell8,7%. Al contrario la Jaguar Land Rover, con 9.178 registrazioni, perde il 10,6% per via del -21,3% del marchio del giaguaro e del -3,3% delle fuoristrada di lusso. IN CALO GLI ASIATICI. Il segno meno prevale pure tra i costruttori asiatici. Lunica eccezione è il gruppo Toyota, con una leggera crescita dello 0,2% attribuibile al +25,2% della Lexus (-1,1% il brand Toyota). In calo tutte le altre Case giapponesi incluse nelle rilevazioni dellAcea: -47,5% per la Nissan, -10,5% per la Honda e -9,8% per la Mitsubishi. Infine, il gruppo Hyundai perde il 2,4%, con il marchio omonimo in flessione dell1,9% e la Kia in calo del 3,2%. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2018/09/19/MERCATO_EUROPEO_RISULTATI_VENDITE_AUTO_EUROPA_LUGLIO_E_AGOSTO.HTML 2019-09-18 08:23:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2019/09/17/autostrade_per_l_italia_scandalo_manutenzione_viadotti_si_dimette_l_ad_castellucci/gallery/2019-Autostrade-Castellucci-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27217 Atlantia - Si dimette lamministratore delegato Castellucci http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27217&tipo=fv Con le dimissioni di Giovanni Castellucci da amministratore delegato di Atlantia, la holding della famiglia Benetton che controlla AUTOSTRADE PER LITALIA [1] (Aspi), arrivate nel corso del consiglio di amministrazione straordinario tenutosi oggi, si chiude un ciclo importante per il mondo delle infrastrutture italiane. Castellucci, che già aveva rinunciato alla guida della società autostradale dopo il crollo del PONTE MORANDI [2] e che è stato ringraziato dal gruppo per il suo contributo, è rimasto ai vertici delle aziende Aspi e Atlantia per diciotto anni. Sotto la sua gestione, Aspi ha portato a compimento opere importanti come la Variante di valico alla Bologna-Firenze e lampliamento con la realizzazione della terza e, talvolta, della quarta corsia di molti tratti della rete gestita dalla società. Con Atlantia si stava occupando anche di operazioni complesse come il possibile ingresso dellazienda nella nuova compagine azionaria dellAlitalia e lintegrazione con la spagnola ABERTIS, leader iberico del settore autostradale. La tragedia di Genova e le vicende giudiziarie che ne sono conseguite hanno però segnato in maniera indelebile lultima parte della sua gestione. INDAGINI RECENTI. A Castellucci, già indagato come molti altri manager di Autostrade per lItalia e della Spea, società di progettazione del gruppo, per il crollo del Ponte Morandi, sono stati probabilmente fatali gli eventi giudiziari dei giorni scorsi, che hanno visto scattare, su ordine del giudice per le indagini preliminari di Genova, gli arresti domiciliari per tre tecnici di Autostrade per lItalia e della Spea, accusati di aver edulcorato dei rapporti sullo stato di salute di alcuni viadotti della rete, in particolare di quelli denominati Pecetti e Paolillo, rispettivamente su un tratto ligure dellA26 Voltri-Gravellona Toce e su uno pugliese dellA16 Napoli-Canosa. Altre misure interdittive (sospensione per un anno dai pubblici servizi) sono state prese nei confronti di sei tecnici sempre dellAspi e della Spea. Ad aggravare limmagine della società di gestione e della sua controllante Atlantia, oggetto di un forte calo azionario in borsa, è stata anche la divulgazione di alcune intercettazioni di conversazioni dei tecnici dai contenuti imbarazzanti. Lazienda ha subito provveduto a sospendere gli interessati e ha cercato di avviare unoperazione di trasparenza aprendo un canale (web e presso la propria sede) per la pubblicità dei propri atti; al tempo stesso, ha prorogato per altri due mesi la sospensione degli aumenti, teoricamente previsti per il 1 gennaio scorso, nellattesa di chiarimenti dei contenziosi in atto con il mondo politico. Una parte del quale, tuttavia, ha colto loccasione per rilanciare il tema, esploso a caldo dopo la tragedia di Genova, di una revoca dellintera concessione autostradale ad Aspi, oggetto di un procedimento giuridico complesso e dallesito incerto. A fronte di questo quadro compromesso, il consiglio di amministrazione di Atlantia ha ritenuto opportuno dare un segnale forte di discontinuità con la gestione precedente, accogliendo le dimissioni di Castellucci, il quale, a seguito della risoluzione consensuale del rapporto, riceverà un incentivo lordo di poco superiore ai 13 milioni di euro, cui si aggiungeranno le competenze di fine rapporto. In attesa della nomina di un nuovo amministratore delegato di Atlantia, le deleghe sono state attribuite temporaneamente a un comitato di cinque consiglieri (Fabio Cerchiai, Carlo Bertazzo, Anna Chiara Invernizzi, Gioia Ghezzi e Carlo Malacarne), mentre il cfo (chief financial officer) Giancarlo Guenzi è stato nominato direttore generale della società. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTOSTRADE-PER-L-ITALIA [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PONTE-MORANDI 2019-09-17 21:26:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2019/09/17/iva_sui_corsi_le_autoscuole_dichiarano_sciopero/gallery/2019-autoscuola-027.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27216 Iva sui corsi - Le autoscuole dichiarano sciopero http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27216&tipo=fv Autoscuole sul piede di guerra: per il 18 settembre è stata decretata una giornata di sciopero contro la recente introduzione dellIva sui corsi di guida. Secondo le principali associazioni del settore, lUnasca e la Confarca, lo sciopero, che interesserà circa 3.500 autoscuole (su un totale nazionale di poco inferiore a 7.000), comporterà la mancata effettuazione di circa la metà degli esami di guida previsti presso le attività associate. IL PROVVEDIMENTO. Tutto deriva, come abbiamo SPIEGATO IL 5 SETTEMBRE [1], dal parere espresso dallAgenzia dellentrate che recepisce una decisione della Corte europea di giustizia del marzo scorso, secondo la quale la formazione alla guida non è esente dallapplicazione dellIva in quanto non equiparabile allattività delle scuole e delle università. A seguito di questa decisione, i corsi di teoria e di pratica e gli esami (ma non altre voci che compongono il costo complessivo che è necessario sostenere per conseguire i documenti di guida, come per esempio le visite mediche) sono sottoposti a unaliquota del 22%. DECISIONE RETROATTIVA. Limposta, secondo il parere delle autorità fiscali, andrebbe versata a partire dallultimo anno accertabile, ovvero il 2015: le autoscuole dovrebbero poi cercare di recuperarne limporto dagli ex allievi, che non lo hanno versato durante il regime di esenzione fiscale. Unimpresa difficile, se non impossibile. Le autoscuole paventano, quindi, un esborso che le metterebbe in serie difficoltà, insieme con un aumento dei costi per gli utenti, stimato in 200-300 euro, che potrebbe indurre molti clienti a diminuire il numero delle lezioni di guida, con riflessi negativi per la sicurezza stradale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2019/09/05/PATENTE_ARRIVA_LA_STANGATA_COSTERA_FINO_A_200_EURO_IN_PIU.HTML 2019-09-17 18:17:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/17/fiat_panda_trussardi_4x4_cross_prezzo_/gallery/2019-Fiat-Panda-Trussardi-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27215 Fiat Panda - La Trussardi è anche Cross 4x4 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27215&tipo=fv Dopo lesordio nel video della CANZONE TORN DI AVA MAX [1], la FIAT PANDA [2] Trussardi è pronta ad arrivare nelle concessionarie. La nuova serie speciale della piccola del Lingotto è caratterizzata da finiture esclusive curate dai designer del Centro Stile Fiat e dagli stilisti della maison dalta moda: il debutto è fissato per il porte aperte del 21-22 settembre, che sarà seguito da un altro weekend di presentazione in programma il 28-29 settembre. PER LA PRIMA VOLTA OPACA. Basata sulle versioni Cross (City e 4x4), la Trussardi è disponibile con i benzina TwinAir Turbo 0.9 da 85 CV, con trazione anteriore o integrale, e con il 1.2 aspirato da 69 CV a due ruote motrici. Il nuovo allestimento porta al debutto assoluto nella gamma Panda una verniciatura opaca, la Caffè italiano (disponibile anche metallizzata), in alternativa alle tinte Bianco Gelato, Grigio Maestro e Nero Cinema. Con tutti i colori alcuni dettagli esterni, come le calotte degli specchietti retrovisori, i cerchi di lega da 15, le piastre protettive dei paraurti e le barre del tetto, hanno una finitura in nero lucido. DENTRO E FUORI Cè IL LEVRIERO TRUSSARDI. Per la prima volta il simbolo di un partner caratterizza in maniera significativa interni ed esterni della Panda. In passato altri loghi sono stati applicati sulle carrozzerie della piccola torinese, ma sulla Trussardi il logo del Levriero viene ripreso in diverse parti di esterni e interni. Si parte da particolari come il terzo finestrino, la modanatura delle portiere posteriori e i coprimozzi dei cerchi per arrivare alle scritte delle cinture di sicurezza e al volante rivestito di pelle. Completano lallestimento interno dei fianchetti neri per i sedili di techno-leather con finitura marrone melange e impunture marroni a contrasto, nuovi inserti per i fianchetti delle portiere e una finitura Caffè italiano per la plancia. UNAPP COME INFOTAINMENT. Oltre alle modifiche allo stile, la Panda Trussardi propone anche una dotazione di accessori particolarmente completa. Di serie è infatti presente linfotainment Uconnect Mobile Dab, un supporto per smartphone che, abbinato allapp Panda Uconnect, permette ai dispositivi mobili di dialogare con la vettura sfruttando il Bluetooth per utilizzare servizi di streaming audio e riconoscimento vocale. Tramite la stessa applicazione è inoltre possibile controllare alcuni parametri della vettura, come la manutenzione programmata, chiamare il soccorso stradale o il customer care della Casa e consultare il libretto duso e manutenzione. Non mancano inoltre i servizi Find my Car, che tramite il Gps dello smartphone aiuta il guidatore a ricordare dove è stata parcheggiata lauto, e Object Reminder che rammenta al conducente di controllare di non aver dimenticato a bordo nessun oggetto una volta uscito dallabitacolo. A richiesta è disponibile anche lAutonomous City Brake, un sistema di frenata automatica demergenza attivo a velocità inferiori ai 30 km/h. ANCHE A RATE E CON DIVERSI SERVIZI ASSICURATIVI. Anche la nuova serie speciale Trussardi è acquistabile con la nuova campagna Zero+Zero, con due differenti soluzioni di finanziamento a tasso zero senza anticipo con rata mensile di 189 euro. La prima, rateale, permetterà ai clienti di avere durate flessibili con la possibilità di estendere la durata massima fino a sei anni. La seconda, la Più by FCA Bank, consentirà invece di finanziare limporto per un massimo di cinque anni: in entrambi i casi alla fine del contratto sarà possibile sostituire la vettura con una nuova, pagare la rata finale per tenere lauto oppure restituirla senza costi aggiuntivi. A questi piani rateali è possibile abbinare una gamma di servizi assicurativi che spazia dalla Rca con costo bloccato alle classiche polizze furto, incendio, collisione e Kasko, fino ad arrivare al Prestito Protetto, che assicura una parte del valore del finanziamento in caso di avvenimenti imprevisti, come per esempio la perdita del posto di lavoro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/26/FIAT_PANDA_TRUSSARDI_PRIMO_TEASER_DELLA_SERIE_SPECIALE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FIAT-PANDA 2019-09-17 17:49:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/17/fiat_panda_trussardi_4x4_cross_prezzo_/gallery/2019-Fiat-Panda-Trussardi-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27213 Fiat Panda - La Trussardi è anche Cross 4x4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27213&tipo=fv Dopo lesordio nel video della CANZONE TORN DI AVA MAX [1], la FIAT PANDA [2] Trussardi è pronta ad arrivare nelle concessionarie. La nuova serie speciale della piccola del Lingotto è caratterizzata da finiture esclusive curate dai designer del Centro Stile Fiat e dagli stilisti della maison dalta moda: il debutto è fissato per il porte aperte del 21-22 settembre, che sarà seguito da un altro weekend di presentazione in programma il 28-29 settembre. PER LA PRIMA VOLTA OPACA. Basata sulle versioni Cross (City e 4x4), la Trussardi è disponibile con i benzina TwinAir Turbo 0.9 da 85 CV, con trazione anteriore o integrale, e con il 1.2 aspirato da 69 CV a due ruote motrici. Il nuovo allestimento porta al debutto assoluto nella gamma Panda una verniciatura opaca, la Caffè italiano (disponibile anche metallizzata), in alternativa alle tinte Bianco Gelato, Grigio Maestro e Nero Cinema. Con tutti i colori alcuni dettagli esterni, come le calotte degli specchietti retrovisori, i cerchi di lega da 15, le piastre protettive dei paraurti e le barre del tetto, hanno una finitura in nero lucido. DENTRO E FUORI Cè IL LEVRIERO TRUSSARDI. Per la prima volta il simbolo di un partner caratterizza in maniera significativa interni ed esterni della Panda. In passato altri loghi sono stati applicati sulle carrozzerie della piccola torinese, ma sulla Trussardi il logo del Levriero viene ripreso in diverse parti di esterni e interni. Si parte da particolari come il terzo finestrino, la modanatura delle portiere posteriori e i coprimozzi dei cerchi per arrivare alle scritte delle cinture di sicurezza e al volante rivestito di pelle. Completano lallestimento interno dei fianchetti neri per i sedili di techno-leather con finitura marrone melange e impunture marroni a contrasto, nuovi inserti per i fianchetti delle portiere e una finitura Caffè italiano per la plancia. UNAPP COME INFOTAINMENT. Oltre alle modifiche allo stile, la Panda Trussardi propone anche una dotazione di accessori particolarmente completa. Di serie è infatti presente linfotainment Uconnect Mobile Dab, un supporto per smartphone che, abbinato allapp Panda Uconnect, permette ai dispositivi mobili di dialogare con la vettura sfruttando il Bluetooth per utilizzare servizi di streaming audio e riconoscimento vocale. Tramite la stessa applicazione è inoltre possibile controllare alcuni parametri della vettura, come la manutenzione programmata, chiamare il soccorso stradale o il customer care della Casa e consultare il libretto duso e manutenzione. Non mancano inoltre i servizi Find my Car, che tramite il Gps dello smartphone aiuta il guidatore a ricordare dove è stata parcheggiata lauto, e Object Reminder che rammenta al conducente di controllare di non aver dimenticato a bordo nessun oggetto una volta uscito dallabitacolo. A richiesta è disponibile anche lAutonomous City Brake, un sistema di frenata automatica demergenza attivo a velocità inferiori ai 30 km/h. ANCHE A RATE E CON DIVERSI SERVIZI ASSICURATIVI. Anche la nuova serie speciale Trussardi è acquistabile con la nuova campagna Zero+Zero, con due differenti soluzioni di finanziamento a tasso zero senza anticipo con rata mensile di 189 euro. La prima, rateale, permetterà ai clienti di avere durate flessibili con la possibilità di estendere la durata massima fino a sei anni. La seconda, la Più by FCA Bank, consentirà invece di finanziare limporto per un massimo di cinque anni: in entrambi i casi alla fine del contratto sarà possibile sostituire la vettura con una nuova, pagare la rata finale per tenere lauto oppure restituirla senza costi aggiuntivi. A questi piani rateali è possibile abbinare una gamma di servizi assicurativi che spazia dalla Rca con costo bloccato alle classiche polizze furto, incendio, collisione e Kasko, fino ad arrivare al Prestito Protetto, che assicura una parte del valore del finanziamento in caso di avvenimenti imprevisti, come per esempio la perdita del posto di lavoro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/26/FIAT_PANDA_TRUSSARDI_PRIMO_TEASER_DELLA_SERIE_SPECIALE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FIAT-PANDA 2019-09-17 17:35:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/17/auto_elettriche_ecco_chi_le_compra_il_profilo_del_cliente_tipo/gallery/2019-auto-elettriche-unrae-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27214 UNRAE - Auto elettriche, ecco chi le compra http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27214&tipo=fv Che siano pochi è cosa nota. Chi siano, dove abitino o che tipo di auto guidassero prima di fare il grande passo, molto meno. Per questo motivo, uno studio dellUnrae (lassociazione dei costruttori esteri) ha fotografato i clienti italiani delle auto elettriche: al momento si tratta di una super nicchia (lo 0,5% del mercato), anche se sempre più attiva (+109% rispetto allo stesso periodo del 2018) e stimolata dallECOBONUS [1] statale, cumulabile a eventuali contributi regionali. CORRENTE DEL NORD. Cominciamo analizzando i numeri. Delle 6.453 le auto elettriche immatricolate in Italia nei primi otto mesi del 2019, nemmeno la metà è destinata a privati, sebbene questi rappresentino la fetta più consistente del pubblico (40,9%) davanti alle compagnie di noleggio (30,7%) e alle flotte (17,4%). Il resto se lo dividono altri generi di player, con i concessionari in testa (8,9%). Ma qual è il prototipo del cittadino comune che ha deciso a guidare unelettrica? Secondo la ricerca dellUnrae, si tratta di un maschio (come il 72,4% degli acquirenti), di mezza età (un terzo ha tra i 46 e i 55 anni), residente al nord. Non è un caso, visto che regioni come la LOMBARDIA HANNO STANZIATO FINANZIAMENTI FONO A 8.000 EURO [2]. REALTà URBANA. La città con più elettriche è però Roma (161 immatricolazioni in otto mesi contro le 131 di Milano). A Bologna, terza sul podio assieme a Firenze, si precipita a quota 33. Una cifra che ci riporta allattuale dimensione del fenomeno, ancora circoscritta. La colpa è anche dellinfrastruttura di ricarica: le colonnine, soprattutto quelle fast, sono infatti poche e mal distribuite sul territorio (con il nord nuovamente favorito). DICONO BASTA AL GASOLIO. LUnrae ha analizzato anche le permute. Chi si è messo in garage unelettrica, nel 45% dei casi lha cambiata con una vettura a gasolio. La statistica non sorprende, ma è significativa. E indurrebbe a pensare che, spesso, la conversione va di pari passo con le esigenze: nella fattispecie, quella della libera circolazione nei centri urbani, dove i diesel sono sempre più ostacolati. Gli ex proprietari di auto a benzina sono il 35%, mentre il 9% quantifica chi è passato da unelettrificazione parziale, quella delle ibride, alle emissioni zero. E cè anche un 10% di clientela fidelizzata: sono coloro che hanno permutato unelettrica per comprarne unaltra. Il modello più venduto in Italia da gennaio ad agosto è stata la RENAULT ZOE [3] (1.657 esemplari), seguita dalla TESLA MODEL 3 [4] (1.164), dalla SMART FORTWO [5] (1.036) e dalla NISSAN LEAF [6] (787). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2019/07/08/ECOBONUS_ARRIVANO_ALTRI_40_MILIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/07/31/REGIONE_LOMBARDIA_CON_IL_PIANO_ARIA_MOVE_IN_UNA_SCATOLA_NERA_PER_CONTROLLARE_LE_EMISSIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/17/RENAULT_ZOE_PREZZO_AUTONOMIA_DIMENSIONI_RESTYLING.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/12/TESLA_MODEL_3_STANDARD_RANGE_PLUS_PREZZI_ITALIA_USCITA_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/05/SMART_RESTYLING_PER_FORTWO_E_FORFOUR_AL_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/09/NISSAN_LEAF_E_FOTO_MOTORE_AUTONOMIA.HTML 2019-09-17 17:35:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/17/ferrari_a_roma_la_terza_cavalcade_classiche/gallery/2019-ferrari-cavalcade-roma-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27212 Ferrari - Sfila a Roma la terza Cavalcade Classiche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27212&tipo=fv La FERRARI [1] organizza dal 20 al 22 settembre la terza edizione di Cavalcade Classiche, un raduno dedicato alle vetture depoca. Per loccasione è stata scelta la città di Roma e la provincia laziale, dando la possibilità ai partecipanti di percorrere alcune delle più famose strade della capitale. TRE GIORNI ALLA SCOPERTA DEL LAZIO. Il programma del primo giorno prevede un percorso che attraverserà Borgo San Pietro, Rieti e il Monte Terminillo, con la visita alle cascate delle Marmore. Nel corso del secondo, invece, saranno attraversate località storiche come Todi e Viterbo, mentre per la domenica è previsto larrivo a Roma attraversando Frascati, Castel Gandolfo e il parco dellAppia antica. Il pubblico potrà vedere da vicino le Ferrari nel parco di Villa Borghese sabato a partire dalle 18 e domenica dalle 18 alle 20.30. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FERRARI 2019-09-17 17:13:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/17/ramsmobile_ecco_la_rm_x2_hypercar_tuttofare/gallery/2019-ramsmobile-02.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27211 Ramsmobile - Ecco la RM-X2, hypercar tuttofare http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27211&tipo=fv E stata presentata al SALONE DI FRANCOFORTE [1] la Ramsmobile RM-X2. Si tratta di un veicolo che sarà prodotto in 12 esemplari nel 2020 e che aprirà la strada a una futura gamma di modelli del marchio. Sarà proposta in quattro versioni: X2A Ascetic Edition, X2D Devils Touch Edition, X2G Gods Creator Edition e X2R. Per il 2022 è invece previsto il debutto di un modello totalmente inedito denominato Cerberus. NATA PER CREARE UN NUOVO SEGMENTO. Lunga 4,8 metri e larga 2,14 metri, la RM-X2 viene definita come una multipurpose hypercar, indicando così la volontà di creare un segmento di mercato quasi inedito. Sfruttando una monoscocca in carbonio è stato infatti creato una Suv con quattro oppure sei posti interni, caratterizzata da scenografiche portiere verticali incernierate nella parte posteriore. Le linee estreme sono figlie di una impostazione pensata anche per loffroad più difficile, con sbalzi ridotti e lassetto a controllo pneumatico che permette di variare laltezza da terra di circa 30 centimetri. Gli interni sono altrettanto particolari, con un forte contrasto tra parti cromate e superfici nero lucido, il tutto sottolineato da una scenografica illuminazione rossa. Il tunnel centrale è talmente largo da aver imposto una scelta inedita per linfotainment, con display distinti tra guidatore e passeggero in posizione inclinata e due ulteriori display frontali. BENZINA, DIESEL, ELETTRICA E PERSINO CON I CINGOLI. I clienti potranno scegliere tra motori endotermici ed elettrici: V8 6.2 LT5 benzina di origine Chevrolet, V8 6.6 Duramax diesel e quello totalmente a batterie, del quale però non si conosono ancora i dati tecnici. La trasmissione dei modelli benzina e diesel è dotata di trazione integrale inseribile e delle ridotte, inoltre sono previste le quattro ruote sterzanti. Il sito ufficiale riporta come unico dato quello della potenza massima, di 999 CV, e del peso a secco, 1.400 kg, senza però specificare di quale versione si tratti. Particolarmente curioso un accessorio pensato per i terreni più difficili: il progetto prevede la possibilità di adottare in opzione un cingolo centrale retraibile a propulsione elettrica da 15 o 24 pollici di larghezza. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-17 16:25:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/09/16/porsche_911_turbo_2020_foto_anticipazioni/gallery/2019-porsche-911-turbo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27210 Porsche - Nuovi test per la 911 Turbo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27210&tipo=fv Una delle prossime novità targate PORSCHE [1] è la 911 nella VERSIONE TURBO [2]. Con le CARRERA E CARRERA S A DUE E QUATTRO RUOTE MOTRICI [3] già sul mercato, è infatti il tempo di scoprire la 992 anche nella variante al top della gamma, che presto sarà affiancata anche dallattesa GT3 aspirata. TURBO AL PRIMO SGUARDO. La 911 Turbo è stata avvistata in versione coupé e cabriolet a collaudi praticamente ultimati. Ormai, infatti, sono pochissimi i dettagli celati alla vista e non ci sono sorprese per chi conosce la Turbo della serie precedente. Ritroviamo le prese daria sui passaruota posteriori e i paraurti ridisegnati, oltre alle carreggiate ancora più larghe. In coda lalettone posteriore mobile è molto discreto, ma in nessuno degli scatti si trova nella posizione estesa, come invece abbiamo visto in altre occasioni. Dai cerchi di lega, qui visibili con due disegni molto diversi tra loro, fa capolino un impianto frenante carboceramico generosamente dimensionato e specifico per questa versione. 600 CV PER TUTTI. Per il momento le voci sul conto della 911 Turbo sono piuttosto scarse per quanto riguarda il powertrain. Lipotesi più accreditata è quella di un aggiornamento dellattuale 3.8 litri, che potrebbe sfiorate i 600 CV già nella versione standard, confermando allo stesso tempo la trazione integrale e una probabile evoluzione del cambio Pdk. Lelettrificazione ci sarà, ma verrà in un secondo tempo, quando la 992 andrà incontro al restyling. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2018/05/16/PORSCHE_911_TURBO_CABRIO_PRIMI_TEST_SU_STRADA_E_AL_NURBURGRING.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/PORSCHE_911_CARRERA_4_2019_FOTO_SCHEDA_TECNICA_CARATTERISTICHE.HTML 2019-09-17 15:31:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/09/17/volkswagen_id4_proseguono_i_collaudi_della_crossover_elettrica/gallery/2019-Volkswagen-ID4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27209 Volkswagen ID.4 - Proseguono i collaudi della crossover elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27209&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] prosegue i collaudi su strada della ID.4, la crossover che affiancherà la ID.3 [2] appena presentata al Salone di Francoforte e aprirà lera dei modelli elettrici di massa del marchio anche sul mercato americano. IL PROTOTIPO è STATO ESPOSTO A FRANCOFORTE. Non è la prima volta che vediamo il prototipo, ma lanteprima del Salone tedesco aiuta a comprendere meglio il progetto. La Volkswagen ha infatti esposto un PROTOTIPO DELLA ID.4 [3] camuffato, di fatto analogo ai muletti che sono attualmente su strada per le prove di affaticamento. Queste immagini scattate sulle Alpi mettono in risalto le proporzioni della crossover a batteria e consentono di vedere subito il confronto con la ID.3. LINEE GIà DEFINITIVE, LA CROSSOVER ELETTRICA è PRONTA. Più alta e più lunga della cinque porte da cui deriva, la ID.4 mostra subito un paraurti anteriore dotato di prese daria più grandi e con linee specifiche. I passaruota con sezione di plastica grezza sono tipici delle crossover, così come laltezza da terra maggiorata, mentre landamento discendente della coda e il grande alettone sul portellone contribuiscono, insieme ai cerchi di lega carenati, a migliorare lefficienza aerodinamica e ridurre il consumo. Proprio in coda si nota il lunotto molto piccolo, inoltre i gruppi ottici sono visibili sono parzialmente e hanno una grafica apparentemente diversa dalla ID.3. DOPPIO MOTORE E TRAZIONE INTEGRALE PER CHI VUOLE. La piattaforma modulare Meb consentirà di offrire sulla ID.4 più spazio per passeggeri e bagagli. prevista inoltre la possibilità di differenziare lofferta anche dal punto di vista dei powertrain: la Volkswagen non ha ancora rilasciato i dati ufficiali ma è molto probabile che siano previste batterie più grandi e anche versioni con due motori elettrici, così da garantire la presenza della trazione integrale con una maggiore potenza complessiva, pur mantenendo modelli a due ruote motrici alla base della gamma. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/VOLKSWAGEN_ID_4_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_E_USCITA_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2019-09-17 14:51:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/09/17/volkswagen_id4_proseguono_i_collaudi_della_crossover_elettrica/gallery/2019-Volkswagen-ID4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27208 Volkswagen ID4 - Proseguono i collaudi della crossover elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27208&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] prosegue i collaudi su strada della ID4, la crossover che affiancherà la ID3 [2] appena presentata al Salone di Francoforte e aprirà lera dei modelli elettrici di massa del marchio anche sul mercato americano. IL PROTOTIPO è STATO ESPOSTO A FRANCOFORTE. Non è la prima volta che vediamo il prototipo, ma lanteprima del Salone tedesco aiuta a comprendere meglio il progetto. La Volkswagen ha infatti esposto un PROTOTIPO DELLA ID4 [3] camuffato, di fatto analogo ai muletti che sono attualmente su strada per le prove di affaticamento. Queste immagini scattate sulle Alpi mettono in risalto le proporzioni della crossover a batteria e consentono di vedere subito il confronto con la ID3. LINEE GIà DEFINITIVE, LA CROSSOVER ELETTRICA è PRONTA. Più alta e più lunga della cinque porte da cui deriva, la ID4 mostra subito un paraurti anteriore dotato di prese daria più grandi e con linee specifiche. I passaruota con sezione di plastica grezza sono tipici delle crossover, così come laltezza da terra maggiorata, mentre landamento discendente della coda e il grande alettone sul portellone contribuiscono, insieme ai cerchi di lega carenati, a migliorare lefficienza aerodinamica e ridurre il consumo. Proprio in coda si nota il lunotto molto piccolo, inoltre i gruppi ottici sono visibili sono parzialmente e hanno una grafica apparentemente diversa dalla ID3. DOPPIO MOTORE E TRAZIONE INTEGRALE PER CHI VUOLE. La piattaforma modulare Meb consentirà di offrire sulla ID4 più spazio per passeggeri e bagagli. prevista inoltre la possibilità di differenziare lofferta anche dal punto di vista dei powertrain: la Volkswagen non ha ancora rilasciato i dati ufficiali ma è molto probabile che siano previste batterie più grandi e anche versioni con due motori elettrici, così da garantire la presenza della trazione integrale con una maggiore potenza complessiva, pur mantenendo modelli a due ruote motrici alla base della gamma. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/VOLKSWAGEN_ID_4_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_E_USCITA_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2019-09-17 13:25:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2019/09/17/luigi_colani_addio_al_padre_della_ferrari_testa_d_oro/gallery/2019-Luigi-Colani-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27207 Luigi Colani - Addio al padre della Ferrari Testa dOro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27207&tipo=fv Il designer LUIGI COLANI si è spento ieri a Karlsruhe alletà di 91 anni, dopo una lunga malattia. Nato a Berlino nel 1928 da madre di origine polacca e padre svizzero, sviluppò una certa manualità fin da bambino, costruendo da solo i suoi giocattoli con legno, ferro, gesso e argilla. Lestro che ha caratterizzato tutta la sua carriera arriva molto probabilmente da quel periodo: ecco perché Colani ha saputo tracciare le linee di oggetti molto diversi fra loro, dai mobili agli occhiali, passando per le macchine fotografiche (sua è la Canon T90, che segnò nel 1986 un prima ed un dopo fra i corpi macchina del marchio giapponese) e, naturalmente, per le automobili. LA SUPERCAR DEL CAVALLINO. Il suo capolavoro? La Ferrari Testa dOro, esemplare unico realizzato sul finire degli anni 80 con un obiettivo ben preciso: battere il record mondiale di velocità sul lago salato di Bonneville. Limpresa riuscì nel 1991, quando lavveniristica supercar disegnata da Colani riuscì a toccare i 351 km/h nella competizione statunitense. Oltre alla linea, decisamente aerodinamica, contribuì al risultato anche il 12 cilindri boxer della Ferrari Testarossa, sovralimentato però con due turbo, per una potenza di circa 750 cavalli. IL PROGETTO CON KARL ABARTH. Ma nella storia automobilistica di Colani figura (oltre a svariati prototipi, tra cui alcuni camion) anche un altro modello che val la pena di essere ricordato: la Abarth Alfa Romeo 1300 Berlinetta Colani del 1959. In questo progetto, la fantasia e lattenzione maniacale per laerodinamica del designer tedesco incontrarono la genialità di Karl Abarth. Se il tetto a doppia bolla era una prerogativa tutta italiana, la coda affusolata e, soprattutto, la gestione del flusso daria sotto lauto (una rarità allepoca) erano farina del sacco di Colani. Tutto questo, sommato ai 110 cavalli del 1.300 bialbero e ai soli 780 kg di peso, ha permesso a questa berlinetta di compiere un giro sul vecchio anello del Nürburgring in meno di 10 minuti. 2019-09-17 12:23:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2019/09/13/prezzo_corsa_anticipato_wetaxi_senza_brutte_sorprese_mn/gallery/WETAXI-A.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27206 Auto pubbliche - Wetaxi senza brutte sorprese http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27206&tipo=fv 1.880 auto pubbliche a Milano e 500 a Roma: ancor prima di salire a bordo di queste è possibile sapere quale sarà il prezzo della corsa. La rassicurante opportunità, per i tanti che hanno in tasca uno smartphone, la offre Wetaxi. La sua app consente di prenotare a Milano una vettura della flotta Taxiblu 02.4040, a Roma le auto della cooperativa Samarcanda. La spesa prevista per il servizio si conosce inserendo i punti di partenza e di arrivo: una volta alla meta, se il tassametro segna un prezzo superiore, Wetaxi garantisce quello preventivato dal sistema. Di più: se il totalizzatore chiede meno del preventivato, si paga la cifra inferiore. I passeggeri possono scegliere se farlo con la carta di credito, PayPal, con lapp Satispay, oppure con cash direttamente allautista. PROFESSIONAL. Se si tratta di una corsa aziendale cè poi la possibilità di tracciare tutte quelle effettuate e ricevere mensilmente in ufficio - via email - la fattura elettronica. Lo scopo non è soltanto mettere a disposizione dei cittadini una modalità più affidabile per prenotare e pagare le corse, ma anche supportare radiotaxi e i tassisti stessi offrendo strumenti smart, ormai necessari per intercettare target più giovani, così da diventare più competitivi e vantaggiosi, ha detto Massimiliano Curto, fondatore e amministratore di Wetaxi. La start up torinese, presente in oltre 20 città italiane, si era distinta per essere stata fra le prime a consentire la condivisione della corsa con altri utenti, in caso di percorsi analoghi. F.F. 2019-09-17 11:25:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/17/millennials_on_the_road_gli_allievi_del_master_in_marketing_auto_guidano_l_alfa_romeo_giulia_video/gallery/2019-Alfa-Romeo-Giulia-Millennials-on-the-road-03.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27205 Millennials On The Road - Gli allievi del Master in Marketing Auto guidano lAlfa Romeo Giulia - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27205&tipo=fv Ancora oggi lALFA ROMEO GIULIA [1] è tra i punti di riferimento della guida nel suo segmento. Lo hanno subito notato anche i Millennials Nicolò e Gabriele, i due studenti del Master in MARKETING AUTOMOBILISTICO [2] dellACCADEMIA EDITORIALE DOMUS [3] che si sono cimentati con il test della quattro porte di Arese. Essere alla guida della potente berlina in versione turbodiesel li ha esaltati parecchio, e con ragione. Oltre alle performance, però, non è da trascurare il confort che lauto del Biscione offre per i lunghi viaggi, quando contano sopratutto la regolarità di marcia e linsonorizzazione. STERZO PRECISO E MOTORE VIGOROSO. Il cambio molto preciso e sportivo, lo sterzo affilato e la risposta vigorosa del motore inducono però alla guida dinamica, che è davvero di alto livello, e non serve essere piloti professionisti per accorgersene: sin dai primi metri, si sente che le ruote anteriori sono in perfetta sintonia con i movimenti del volante. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/ANCOR OGGI LALFA GIULIA è CONSIDERATA IL PUNTO DI RIFERIMENTO DELLA GUIDA NEL SUO SEGMENTO, E FORSE IL COMMENTO PIù BELLO è IL FINALE DI QUESTA VIDEO PROVA DEI MILLENIALS NICOLò E GABRIELE, CHE HANNO PARTECIPATO AL MASTER IN MARKETING AUTOMOBILISTICO PRESSO LACCADEMIA EDITORIALE DOMUS. ESSERE ALLA GUIDA DELLA POTENTE BERLINA IN VERSIONE TURBODIESEL LI HA ESALTATI PARECCHIO, E CON RAGIONE. OLTRE ALLE PERFORMANCE, PERò, NON è DA TRASCURARE IL CONFORT CHE LAUTO DEL BISCIONE OFFRE PER I LUNGHI VIAGGI, QUANDO CONTANO SOPRATUTTO LA REGOLARITà DI MARCIA E LINSONORIZZAZIONE. IL CAMBIO MOLTO PRECISO E SPORTIVO, LO STERZO AFFILATO E LA RISPOSTA VIGOROSA DEL MOTORE INDUCONO PERò ALLA GUIDA DINAMICA, CHE è DAVVERO DI ALTO LIVELLO, E NON SERVE ESSERE PILOTI PROFESSIONISTI PER ACCORGERSENE: SIN DAI PRIMI METRI, SI SENTE CHE LE RUOTE ANTERIORI SONO IN PERFETTA SINTONIA CON I MOVIMENTI DEL VOLANTE. [2] https://www.accademiaed.com/it/master/2019/master-marketing-automotive.html [3] https://www.accademiaed.com/ 2019-09-17 11:03:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/17/wiesmann_project_gecko_2020/gallery/2019-weismann-project-gecko-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27204 Wiesmann - Nel 2020 il ritorno con la Project Gecko http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27204&tipo=fv La WIESMANN [1] ha confermato larrivo nel 2020 di un nuovo modello, tornando così sul mercato dopo un periodo di crisi iniziato nel 2013. La sportiva, nota per il momento come Project Gecko, è stata anticipata da alcuni teaser e può essere già prenotata, anche se per il momento prezzo e caratteristiche definitive non sono ancora note. IL V8 DELLA M8 PER TOCCARE I 320 KM/H. La Wiesmann ha confermato il legame storico con la BMW, infatti la nuova biposto adotterà il V8 4.4 biturbo dei modelli M, abbinato a un telaio in alluminio. Anche il cambio è quello automatico otto marce della Casa di Monaco, mentre la potenza massima del propulsore non è stata ancora dichiarata: sulle M5 ed M8 può erogare 600 o 625 CV in base agli allestimenti. La Wiesmann sarà capace di toccare i 320 km/h e di passare da 0 a 100 km/h in meno di 3,5 secondi, ma non ha ancora confermato il peso totale della vettura, limitandosi a indicare che le masse saranno perfettamente distribuite tra i due assi. IN LINEA CON LA TRADIZIONE DEL MARCHIO. Il design della Project Gecko non è stato svelato, ma osservando le linee sotto al telo le proporzioni sono quelle classiche del marchio tedesco, con labitacolo raccolto in coda e il lungo cofano caratterizzato dalla mascherina e dai gruppi ottici dalle forme tondeggianti. Al posteriore è previsto un alettone fisso integrato e le carreggiate larghe sono sottolineate dai grandi passaruota. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2017/10/12/WIESMANN_ACCORDO_RINNOVATO_CON_BMW_PER_I_MOTORI_M.HTML 2019-09-17 11:03:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/26/subaru_levorg_una_settimana_con_la_2_0i_lineartronic_premium/gallery/2019-Subaru-Levorg-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27203 Subaru Levorg - Una settimana con la 2.0i Lineartronic Premium [Day 2] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27203&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SUBARU LEVORG [1] 2.0i Lineartronic AWD in allestimento Premium, il più completo della gamma. Lunico motore disponibile è il nuovo quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV a 6.200 giri/min e 198 Nm a 4.200 giri/min: abbinato al cambio automatico Cvt e alla trazione integrale, permette alla station di scattare da 0 a 100 km/h in 11,7 secondi e di toccare una velocità massima di 195 km/h. Il consumo medio dichiarato è pari a 7,3 l/100km nel ciclo misto. Proposta a 34.500 euro, la versione Premium dispone di tutte le dotazioni presenti in gamma e costa 2.500 euro in più dellaltro allestimento disponibile (lo Style), rispetto al quale aggiunge i sedili rivestiti di pelle e il navigatore satellitare. Tra gli altri accessori di serie, troviamo i cerchi di lega da 18", i fari a Led adattivi, lEyeSight, il tetto apribile e il touchscreen da 7" dellimpianto di infotainment con radio DAB, retrocamera e supporto per Android Auto e Apple CarPlay. Su tutte le versioni sono inoltre presenti tre differenti pacchetti pensati per migliorare la sicurezza e il confort di guida: lAdvanced Safety Package include lEyeSight Assist Monitor, lHigh Beam Assist, il Subaru Rear Vehicle Detection e lo specchietto retrovisore fotocromatico; il Safety View Package comprende la telecamera frontale e lo specchietto retrovisore con telecamera, mentre il Cold Weather Package prevede i sedili anteriori riscaldabili, lo sbrinatore delle spazzole tergicristallo e gli specchietti retrovisori esterni riscaldabili. Lunga quattro metri e 69 cm, alta 149 cm e larga 178 cm, la Levorg ha un bagagliaio con una capacità di carico di 522 litri che, alloccorrenza, può essere ampliato fino a 1.446 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. AGILE E SICURA [DAY 1]. Ci si ritrova in fretta, al volante della Subaru Levorg AWD. E si sta comodi, ben sostenuti dal sedile sportivo e supportati dalle regolazioni elettriche. Il volante, dalla corona spessa e tagliata nella parte inferiore, piace, anche se si presenta con troppi comandi. un po strana solo la sensazione di trovarsi, da fine corsa del sedile, rialzati rispetto alla strumentazione e alla plancia. Quello che mi attira è labbinamento tra il quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV e la trasmissione Cvt Lineartronic. Ricordiamo che nella serie precedente, la Levorg adottava l1.6 turbo, sempre boxer, da 170 CV, con maggiore spinta ai bassi e prestazioni più brillanti. Il Cvt, però, risponde bene allacceleratore e tende a riempire il meno favorevole arco di utilizzo del duemila aspirato, tanto che in città la giap risulta pronta e gradevole. E quando mi serve più potenza, labbinamento tra motore e cambio risulta riuscito, senza distonie o disagi. Le dimensioni sono importanti si sfiorano i quattro metri e 70 , però la Levorg è facile da guidare e mi segue bene, quasi fosse molto più corta (merito pure del baricentro basso). In più, grazie allampia vetratura, la visibilità è buona anche dietro. Dicevamo che la marcia in città è fluida e gradevole: cè la possibilità di disporre di un kickdown simulato piuttosto efficace e risultano convincenti i sette intervalli di cambiata, gestibili tramite i paddle. In viaggio la Levorg dà il meglio (nonostante il sottofondo di rotolamento) e riesco a procedere a 130 poco sopra i 2.000 giri, col piede destro leggero: così, vedo i consumi calare a razzo rispetto ai valori elevati della città. Le sospensioni denotano unescursione, non eccessiva però: la Levorg assorbe piuttosto bene le irregolarità secche e brevi, potendo contare su una gommatura 225/45 da 18. La guida risulta precisa e sincera anche per via del passo (2,65 metri), corto rispetto agli ingombri della carrozzeria e dello sterzo. Il quale si rivela pronto e progressivo. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE [DAY 2]. Confesso, ero un po prevenuto. Per me, prendere in mano le chiavi di una Subaru significa proiettarmi subito in unaltra dimensione. Potete immaginare quale: un universo fatto non solo di Pleiadi, lammasso di stelle simboleggiate nel marchio della Casa giapponese, ma anche, se non soprattutto, dImpreza Wrc, di rally mondiali, del compianto Colin McRae. Ergo, non è difficile capire lo scetticismo con il quale mi sono accostato alla Levorg, paciosa station wagon? A essere sincero, non saprei come definirla. Ma non è tanto importante. Perché la cautela con la quale apro la portiera svanisce presto. Seduto al posto guida, prima di mettere in moto, percepisco una sensazione di gradevole solidità, di consistenza della proposta. Sulla carta, anche il layout tecnico della vettura non mispirava: un due litri aspirato da 150 CV, potenza oggi alla portata di un turbobenzina di cubatura decisamente inferiore (per esempio, il recente 1.3 della FCA), perdipiù abbinato a un cambio Cvt che non amo. E invece, nel momento in cui la Levorg si mette in movimento, tutto si trasforma. Certo, niente invoglia a insistere più di tanto con lacceleratore, ma linsieme si svolge con una fluidità sorprendente e un po inaspettata (guai ai pregiudizi!), che si aggiunge allindiscutibile confort. Il mio test drive è, in realtà, piuttosto breve, ma ho la sensazione che con questa Levorg si possa viaggiare a lungo, bene senza stancarsi e - cosa non meno importante - vegliati da un pacchetto importante di Adas. Insomma, con lei non andrei di sicuro a farmi una prova speciale: ma un viaggio, anche di parecchie ore, quello sì. EMILIO DELEIDI, REDAZIONE INCHIESTE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU-LEVORG 2019-09-17 08:51:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/17/mclaren_gt_al_volante_della_gran_turismo/gallery/2019-McLaren-GT-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27202 McLaren GT - Al volante della Grand Tourer http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27202&tipo=fv La GT [1] è diversa dalle altre MCLAREN [2], non cè dubbio. Innanzitutto non è, come forse qualcuno potrebbe pensare, semplicemente una 720S [3] ingentilita. La GRAND TOURER, pur utilizzando gran parte della meccanica delle altre sportive di Woking, nasce da un progetto a sé stante sviluppato negli ultimi anni su un fronte parallelo a quello delle Sport e Super Series. La scocca di carbonio, per esempio, è specifica per la GT. Di base è la Monocell II ma è stata modificata davanti, nella zona del parabrezza, e dietro per poter ottenere un adeguato vano per i bagagli. DIMENSIONI EXTRA LARGE. Lunga quattro metri e 68 centimetri (14 cm in più della 720S) e larga ben 2,04 metri, la GT si fa notare subito sulla strada. Il muso un po più alto e dimensionato, e la coda che si prolunga ben oltre il posto guida, le conferiscono una fisionomia del tutto personale sottolineata anche dal disegno inedito dei fari e delle prese daria. Dove invece emerge prepotentemente il Dna della Casa è nel sistema di apertura delle porte, che si muovono rigorosamente verso lalto ruotando in avanti. SEDUTI RASOTERRA. Scavalcato lampio brancardo, e scivolati sotto la porta, ci si ritrova seduti in basso, a dire il vero qualche centimetro più in alto che sulle altre McLaren, ma comunque sempre ben vicini allasfalto. A bordo latmosfera è quella solita ma lambiente è totalmente diverso. Il carbonio non è più il padrone indiscusso, appare, con discrezione, qua e là in qualche dettaglio. A dominare sulla GT è la pelle, assemblata rigorosamente a mano, che ricopre ogni centimetro quadrato dellabitacolo. I due posti sono separati da uno stretto tunnel centrale dove sono posizionati il pulsante di avviamento e le due manopole con le quali si gestiscono lassetto e il motore (tre set-up: Comfort, Sport e Track). Dietro a queste la tastiera del cambio (Drive, Neutral, Reverse). UN BILANCIERE PER CAMBIARE. Il sedile, molto avvolgente, è a regolazione elettrica (a dire il vero non proprio agevole perché la pulsantiera rimane nascosta tra il sedile stesso e il tunnel). Il volante, anchesso regolabile elettricamente, è di una semplicità disarmante perché, come ormai è una tradizione per le auto concepite a Woking, non incorpora alcun comando: è semplicemente un volante, perfetto nella sua essenzialità. Dietro a esso il bilanciere del cambio (non due paddle, anche questo fa parte del Dna McLaren). GRANDE PROGRESSIONE. Lotto cilindri è stato rivisto completamente in modo da conferirgli unanima spiccatamente stradale. Con una cilindrata di quattro litri, in questa versione eroga 620 cavalli a 7.500 giri/min, cento meno che sulla 720S, ma con una curva di coppia già molto consistente nella parte bassa del contagiri che raggiunge il picco di 630 Nm tra i 5.500 e i 6.500 giri. Quindi addomesticato sì, ma fino a un certo punto. E che questo V8 abbia un gran carattere lo si scopre subito, appena lo si mette in moto. Il rumore cattivo, tipico dei V8 con manovelle a 180 gradi, arriva subito nellabitacolo anche se, in questo caso, in modo assai più morbido e discreto. PRESTAZIONI DA SUPERCAR. Su strada questa McLaren si muove con grande disinvoltura. Qualche minuto per prendere confidenza con le misure non proprio da citycar, ed è un attimo riuscire a mettere le ruote proprio dove le si vuole. Il merito è dello sterzo che, seppur non affilato come quello della 720S, è estremamente preciso quanto progressivo. Lotto cilindri spinge forte sempre. Il tubo-lag è inesistente e così, complice il rapporto peso/potenza quanto mai favorevole (2,5 kg/CV), la GT vola letteralmente da una curva allaltra. In realtà tra i 4.000 e i 6.000 giri cè tutto quel che serve per andare già fortissimo. E oltre? Beh, oltre cè la supercar perché, per quanto ingentilito, il V8 oltre questo limite esplode in un crescendo entusiasmante che si esaurisce solo a quota 8.000 con lintervento del limitatore. Daltronde questa McLaren è pur sempre un oggetto capace di toccare i 200 km/h da fermo in nove secondi (per i 100 km/h ne bastano 3,2 mentre la velocità massima è di 326 km/h). UNA VERA GRAN TURISMO. Al volante, quello che sorprende di più, però, è forse lequilibrio raggiunto tra qualità dinamiche e confort. La realtà dei fatti è che la GT digerisce assai meglio di quanto si possa immaginare le disuguaglianze della strada, il merito è delle sospensioni a controllo elettronico ma anche della massa ridotta e dellelevatissima rigidezza torsionale garantita dal telaio di carbonio che si traduce in una rassicurante sensazione di solidità e consistenza. Ma è stato fatto anche un buon lavoro, a livello di scocca e di materiali insonorizzanti, per rendere labitacolo più silenzioso, insomma per limitare il propagarsi allinterno dei rumori più sgraditi come, per esempio, quello proveniente dai pneumatici. Non sono molte le automobili capaci di trasformare un viaggio in unesperienza da ricordare, la GT è una di quelle. Quanto ai bagagli, nel pozzetto anteriore ci entrano senza problemi due piccoli trolley (dimensioni da aereo), mentre dietro ci stanno ancora un paio di borsoni e altrettanti porta abiti. E senza che si surriscaldino troppo perché, durante la marcia, il vano posteriore viene raffreddato da appositi getti daria provenienti dallesterno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/15/MCLAREN_GT_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI_FOTO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MCLAREN.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://TV.QUATTRORUOTE.IT/LE-PROVE-DI-QUATTRORUOTE/VIDEO/CHE-EFFETTO-FA-GUIDARE-UNA-MCLAREN-PER-LA-PRIMA-VOLTA-LA-PROVA-SULLA-720S 2019-09-17 01:19:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/assicurazioni/2019/09/16/rc_auto_il_premio_e_al_livello_piu_basso_degli_ultimi_cinque_anni/gallery/2019-rc-auto-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27200 Rc auto - Il premio è al livello più basso degli ultimi cinque anni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27200&tipo=fv Nuovo calo per le polizze auto. Il premio medio pagato dagli italiani nel 2 trimestre 2019 è sceso a 405 euro, il livello più basso degli ultimi cinque anni. Dallinizio delle rilevazioni Ivass, nel 2014, il costo medio della copertura Rc, allepoca pari a 488 euro, è sceso del 17%. A NAPOLI I PREMI PIù ALTI, A ORISTANO I PIù BASSI. Come tutte le medie, però, anche quella sulle assicurazioni nasconde al suo interno parecchie differenze. Per esempio, la provincia in testa a questa graduatoria è Napoli, con 614,10 euro medi. Sul fronte opposto, invece, cè Oristano, con 297,90 euro, meno della metà rispetto alla provincia partenopea. Ma sono ben cinque le zone in cui il premio è superiore a 500 euro. Sono Massa-Carrara (504,10), Pistoia (509,90), Caserta (524,10), Prato (590,90) e, come detto, Napoli. In coda alla classifica, invece, oltre a Oristano si collocano Aosta (298,10), Enna (300,40), Biella (302,40) e Vercelli (307,20). AL SUD I CALI MAGGIORI. Ma come si muovono questi prezzi? Se si analizzano i dati dal punto di vista tendenziale, si scopre che la diminuzione dei prezzi, rispetto al secondo trimestre 2018, è mediamente più intensa al Sud e nelle isole: Enna, Caltanissetta, Catanzaro e Vibo Valentia evidenziano cali superiori al 4,5%. Tra le grandi città la diminuzione più importante si riscontra a Roma (-4%) mentre in 13 realtà (Grosseto, Udine, Viterbo, Terni, Campobasso, Perugia, Aosta, Gorizia, Siena, Rovigo, Oristano, Bolzano e Belluno) i prezzi aumentano, ancorché in modo contenuto, al massimo dell1,6%. La provincia con il calo maggiore è Enna (-5,7%), quella con laumento più alto è Belluno (+1,6%). SCATOLE NERE IN UN CONTRATTO SU CINQUE. Interessante, infine, il dato sulle scatole nere. Il 21,5 per cento delle polizze stipulate nel secondo trimestre del 2019 prevede la black box (e la conseguente riduzione del premio). Rispetto al 2018 i dispositivi che registrano stili di guida e dati di percorrenza sono aumentati di 1,4 punti percentuali (contro il mezzo punto percentuale dello scorso anno). Anche in questo caso, il tasso di penetrazione della scatola nera è eterogeneo: la popolarità maggiore si riscontra al Sud, con valori superiori al 40% (Reggio Calabria, Crotone e Napoli) e è massima a Caserta (63%). Ai minimi, invece, ancorché in aumento, la diffusione al Nord, in particolare nel Nord-Est. A Bolzano, Belluno, Gorizia, Udine e Rovigo la percentuale di contratti con black box è stata inferiore al 7,5%. 2019-09-16 19:07:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/16/toyota_land_cruiser_79_namib/gallery/2019-toyota-land-cruiser-79-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27201 Toyota Land Cruiser 79 - In Sudafrica debutta la versione Namib http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27201&tipo=fv In Sudafrica la TOYOTA [1] continua a proporre la Land Cruiser Serie 70 e ha appena introdotto la versione Namib. Lallestimento, venduto allequivalente di circa 55.000 euro al cambio attuale, è basato sulla variante con il classico propulsore V8 4.5 litri diesel da 202 CV e 430 Nm con carrozzeria pickup double cab a quattro porte. ACCESSORI PER AFFRONTARE IL DESERTO. Lallestimento Namib include la griglia anteriore personalizzata, la protezione tubolare frontale con fari fendinebbia, lo snorkel di aspirazione, gli ammortizzatori rinforzati, i pneumatici 265/75 su cerchi di lega da 16", il cassetto interno refrigerato, linfotainment con navigatore e bluetooth e lilluminazione interna led integrata nel portaoggetti sul padiglione. Allesterno e allinterno si notano inoltre i badge identificativi di questa serie speciale, mentre la dotazione di sicurezza si limita allABS e ai due airbag frontali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA 2019-09-16 19:07:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/16/gruppo_fca_flotte_sempre_piu_importanti/gallery/2019_Grosso_FCA_500x_coverciano.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27199 Gruppo FCA - La 500X rafforza lofferta per le flotte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27199&tipo=fv Assente a FRANCOFORTE [1], il GRUPPO FCA [2] ha voluto presentare la nuova 500X SPORT [3] nella Casa del calcio italiano, Coverciano, nel corso di una kermesse durata diversi giorni. E che ha visto anche un importante focus sulle flotte: "Nei primi dieci mercati europei, la nostra quota di mercato è cresciuta di un punto percentuale in tre anni, arrivando nel 2019 al 5% - commenta ALESSANDRO GROSSO, direttore vendite flotte altri pilastri sono LEASYS [4], presente ormai in sette paesi, e il white label con LEASEPLAN [5] in altri 15. 500X PUNTA DI DIAMANTE. Il successo della crossover, prodotta dal 2014, lo si vede già dai numeri, i quali parlano di 500 mila immatricolazioni in cinque anni e del primo posto in Italia nel segmento B-Suv nelle flotte durante i primi sette mesi del 2019 (quarto in Francia e ottavo in Europa, grazie allinteresse di più di 300 aziende: tra queste ci sono la francese VIRTUO e la spagnola AMOVENS, con 150 unità ciascuna, ACCENTURE (100) e, in Italia, WIND, PWC e PAM PANORAMA (50 ciascuna). Anche la nuova versione Sport da 150 CV, con cerchi di lega da 18", lassetto ribassato di 13 mm e una nuova taratura dello sterzo (qui [6] cè il nostro primo contatto) è particolarmente adatta alle flotte: verrà proposta con la formula dedicata ad aziende e liberi professionisti con partita Iva BUSINESS REVOLUTION a 179 euro al mese. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/500X [4] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASYS [5] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASEPLAN [6] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2019/09/12/fiat_500x_sport_al_volante_della_1_3_turbo_150_cv.html 2019-09-16 17:03:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/16/vision_mercedes_simplex_foto_caratteristiche/gallery/2019-Vision-Mercedes-Simplex-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27198 Mercedes - Al nuovo centro stile debutta la Vision Simplex http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27198&tipo=fv Una visione che arriva dal passato, ma rappresenta la transizione verso una nuova era in fatto di design e tecnologia. La trasformazione del lusso, per dirla con le parole di Gorden Wagener, capo del design della Mercedes-Benz. La Vision Mercedes Simplex, infatti, è una concept che sispira alle origini del marchio, quando limportatore Daimler in Costa Azzurra, Emil Jellinek, riscuoteva grande successo vendendo le vetture tedesche, come la 35 PS. Sua figlia si chiamava Mercedes: ecco lorigine del nome di una delle più importanti case automobilistiche del mondo. RITORNO AL PASSATO. E proprio la 35 PS è stata fonte dispirazione per i designer della Stella, che hanno confezionato una concept dalle forme dantan, ruote scoperte e abitacolo en plein air, senza parabrezza. Modernissima nella tecnica, con quattro motori elettrici nascosti nei cerchi, a liberare spazio per eventuali bagagli sotto il lungo cofano anteriore, dove una volta cera il cuore a benzina. Come sedili un divano morbido, accogliente, che potrebbe starci bene in salotto. Con colori ispirati guardacaso proprio alla Costa Azzurra. La classica Stella a tre punte (simboleggia da sempre la mobilità in cielo, su terra e per mare) qui è stata reinterpretata, perdendo il cerchio che solitamente la contiene. Assumendo, così, unimportanza stilistica ancora maggiore. NUOVO CENTRO STILE. Ma la Vision Mercedes Simplex è sostanzialmente una scusa, creata ad hoc per mostrarci in anteprima il nuovo centro stile di Sophia Antipolis, nei dintorni di Nizza (che sostituisce quello italiano sul lago di Como). Qui, diversi team di designer e tecnici si sfidano per creare lo stile delle auto di domani, sia negli interni sia negli esterni, ma anche nellinterfaccia tecnologica. Con lapertura di questo centro, che si unisce agli altri tre Idc (International Design Competence Center) della Stella, sparsi fra Stati Uniti, Cina e Germania, la Mercedes vuole portare la sua purezza sensuale a un altro livello. Per diventare, senza troppa modestia, il marchio di lusso più amato. LAMORE PRIMA DI TUTTO. Come? Con un approccio che quelli della Stella definiscono olistico, mettendo al centro di tutto lamore, la sensualità. Sentimenti che devono trasparire osservando unautomobile, ma senza andare a discapito della facilità di utilizzo, con soluzioni tecnologiche intuitive per i clienti, e della sostenibilità (per esempio curando laerodinamica per risparmiare carburante e limitare le emissioni nocive). E allora ecco che le superfici della plancia possono diventare schermi, oppure trasformarsi in tasti grazie ad attuatori ad aria, o ancora cambiare colore, per adattarsi allumore (o ai vestiti) del proprietario. Si parla di un futuro piuttosto remoto, daccordo, ma non così lontano come si potrebbe pensare. AL LAVORO. Ragionando più a breve termine, che cosa bolle in pentola nelle stanze segrete degli Idc della Mercedes? Al momento, gli sforzi nei centri di design sembrerebbero concentrati soprattutto sulla Classe S di nuova generazione. Che avrà, secondo le dichiarazioni a mezza bocca dei designer, elementi davvero inaspettati sia dentro sia fuori dallabitacolo. Qualche indizio? Osservate bene la VISION EQS [1], appena mostrata al Salone di Francoforte, e cominciate a fantasticare. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/MERCEDES_VISION_EQS_DESIGN_AUTONOMIA_MOTORE_E_GUIDA_AUTONOMA.HTML 2019-09-16 13:13:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/16/lexus_nx_infotainment_aggiornato_e_una_nuova_versione_d_ingresso/gallery/2019-lexus-nx-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27197 Lexus NX - Infotainment aggiornato e una nuova versione daccesso per la Suv http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27197&tipo=fv La gamma italiana della LEXUS NX [1] ibrida viene aggiornata con due importanti novità: lintroduzione della versione Premium e levoluzione dellinfotainment, ora dotato del supporto per Apple CarPlay e Android Auto. La vettura rientra anche nel nuovo programma Lexus Hybrid Service, che permette di estendere gratuitamente la garanzia per le componenti ibride e meccaniche non soggette a usura fino a 10 anni o 250.000 km effettuando la regolare manutenzione nei centri autorizzati. AL PASSO CON I TEMPI. Il sistema di infotainment MM19 con display da 10,3 pollici per la prima volta integra Apple CarPlay e Android Auto. E inoltre prevista linstallazione a bordo del Data Communication Module, che dà la possibilità di collegarsi al veicolo in remoto tramite la app Lexus Link per consultare e gestire alcune funzionalità. Questa tecnologia consente anche di scaricare gli aggiornamenti delle mappe di navigazione direttamente dal veicolo. La connettività di bordo è inoltre sfruttata per offrire ai clienti che scelgono la formula Pay per Drive Connected un sistema che calcola la rata del finanziamento e della assicurazione RCA del veicolo in base al reale utilizzo e allo stile di guida. LA VERSIONE PREMIUM. La Lexus NX Premium, che nel nuovo listino si posiziona come entry level della crossover affiancando Luxury e F Sport, viene proposta con una dotazione di accessori molto completa. Sono infatti offerti di serie il pacchetto di adas Lexus Safety System+ con Pre-Crash system, lassistenza al mantenimento di corsia, i fari abbaglianti automatici, il riconoscimento segnaletica stradale e il Cruise Control adattivo, il Parking Assist e il portellone elettrico. La Lexus NX Premium parte da 52.000 euro contro i 59.600 euro delle altre due varianti, con sconti fino a 8.000 euro previsti dagli Hybrid Bonus. Non è più disponibile la precedente variante Sport. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/DIARIO_DI_BORDO/2017/12/18/LEXUS_UNA_SETTIMANA_CON_LA_NX_HYBRID_4WD_VIDEO.HTML 2019-09-16 12:34:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/13/peugeot_208_al_configuratore_come_cambia_dalla_versione_base_a_quella_top/gallery/2019-208-configuratore-cover-04.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27196 Peugeot 208 - Come cambia dalla versione base a quella top http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27196&tipo=fv Protagonista dellultimo Salone di Ginevra, la nuova PEUGEOT [1] 208 arriverà nelle concessionarie in autunno. I PREZZI DI LISTINO PARTONO DA 14.950 EURO [2] per la versione dingresso, la benzina Puretech 75 in allestimento Like e carrozzeria a cinque porte. E da lì si può solo salire fino agli oltre 32.000 euro dellelettrica, che fa un po storia a sé. Si cresce di prezzo ma anche di dotazioni e tecnologie, fattori che delineano, per la compatta francese, una gamma mai così ricca di sfumature. Le esploriamo attraverso il configuratore online per vedere come la 208 cambia dalla sua versione base a quella top. Dei quattro allestimenti previsti (Like, Active, Allure, GT-Line) ne illustriamo tre, quelli in cui la trasformazione dellauto è più significativa. Per poi prendere in esame anche la e-208, diversa da tutte le altre sia per tecnica sia per estetica e contenuti. PEUGEOT 208 LIKE. Il puntatore del mouse passa sul giallo metallizzato non a caso: è infatti lunico colore per la carrozzeria che non richiede alcun sovrapprezzo. Va detto, la 208 entry-level non dispone di una palette particolarmente ampia. Spendendo dai 400 ai 650 euro extra le alternative al giallo sono quattro: un nero e due differenti grigi metallizzati più il bianco pastello. I cerchi? Sono di lamiera, misura 15. Specchi e maniglie sono in tinta con gli esterni. Come avrete notato, le fossette tipiche del frontale della nuova 208 non sono illuminate, a differenza di tutte le versioni superiori, a partire dalla Active. La base semplifica molto anche gli interni. Pe linfotainment cè uno schermo piccolo, non a colori, la strumentazione è mista (analogico-digitale) e alcuni dettagli come i toggle switches hanno il profilo nero, non cromato. I rivestimenti sono in tessuto bicolore, Blu Zephyr e Nero Mistral. La dotazione standard della Peugeot 208 Like include climatizzatore manuale, il cruise control e un buon numero di Adas: lActive Safety Brake, il Distance Alert, il Driver Attention Alert, il Lane Keeping Assist, lo Speed Limit Detection. Passando a una 208 Active (da 16.250 euro), appena sopra nel listino, si aggiungono tra gli altri, oltre alla firma luminosa anteriore, i cerchi in lamiera da 16 con copricerchi modello Plaka, il touch screen a colori, il volante rivestito di pelle con comandi integrati, le cromature sulla pulsantiera, il pacchetto Peugeot Connect e lExtended Traffic Sign Recognition. E la scelta di tinte per la carrozzeria si amplia con altre opzioni proposte a 800 euro. PEUGEOT 208 ALLURE. Visivamente una 208 Allure (da 19.450 euro) non fa tanta differenza, eccetto per i cerchi di serie, sempre da 16 ma di lega con disegno Soho. Il discorso però cambia se si paragonano gli interni, dove compare la strumentazione digitale. E le sellerie, che di serie sono foderate di tessuto misto a Tep, a richiesta (1.600 euro) di pelle Nappa e Tep. Si fa più ricco anche lequipaggiamento standard: presenti clima automatico (monozona), keyless, tre prese di ricarica Usb (una anteriore e due posteriori) e i sensori di parcheggio posteriori. Lo stesso vale per la lista degli optional, nella quale si inseriscono la ricarica wireless (150 euro), il display da 10 ad alta definizione con navigatore integrato (800 euro), il tetto panoramico (500 euro) e i fari full Led con regolazione automatica di abbaglianti e anabbaglianti (1.050 euro). PEUGEOT 208 GT LINE. Nella più completa e sportiva versione GT-Line (da 21.250 euro) la compatta del Leone aumenta la sua presenza scenica grazie alla fanaleria integralmente a Led, i vetri posteriori e il lunotto oscurati, cerchi da 17 diamantati e una griglia dalla trama più fitta. Tono corsaiolo per labitacolo, con pedaliera in alluminio, volante sportivo con rivestimento di pelle Pieno Fiore, luce dambiente (in otto differenti colori) su plancia e pannelli porta, tappezzerie dedicate e fodere con cuciture a contrasto. Nella guida cè il plus delle Drive Mode: Eco, Normal e Sport. PEUGEOT E-208 GT. Per differenziarla ulteriormente dal resto della gamma, la Peugeot ha previsto per lelettrica - oltre alle declinazioni classiche Active, Allure e GT-Line - un allestimento dedicato: il GT. La 208 a emissioni zero si riconosce da alcuni elementi di design come il leone dicroico e la mascherina decorata nella stessa cromia della carrozzeria. Il particolare design dei cerchi da 17 ha una invece valenza tanto estetica quanto aerodinamica. E gli interni? Su una GT sono più completi rispetto a quelli di una GT-Line, visti i rivestimenti in Alcantara e dellinfotainment di serie, che ha già lo schermo da 10 con grafica in 3D e il navigatore. In questa specifica versione sono di serie anche i sedili riscaldabili, lattacco isofix sul sedile passeggero anteriore e i sensori di parcheggio frontali con telecamera dalla visuale a 180. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PEUGEOT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/08/28/PEUGEOT_208_2019_I_PREZZI_DI_LISTINO_.HTML 2019-09-16 12:02:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/16/bentley_raduno_da_record_al_salon_prive/gallery/2019-Bentley-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27195 Bentley - Raduno da record al Salon Privé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27195&tipo=fv Nel corso delledizione 2019 del Salon Privé in Inghilterra la BENTLEY [1] ha organizzato un evento da record. Nellanno delle celebrazioni per il centenario della Casa britannica si è tenuto il più grande raduno del marchio con 1.321 vetture presenti in occasione del Bentley Drivers Club Annual Rally. Sono state rappresentate tutte le generazioni dei modelli di Crewe, dagli albori fino allattuale produzione di serie. Torna la Blower in 12 esemplari. Levento è stata anche loccasione per esporre la EXP 100 GT [2], la più recente concept del marchio, e per annunciare la produzione di 12 esemplari della Bentley Blower Continuation Series. Sarà realizzata dalla Mullier replicando la famosa vettura del 1929 di Sir Tim Birkin. Il team della Mulliner ha inoltre esposto la Bentley Corniche del 1939, una concept in esemplare unico riprodotta sulla base dei documenti esistenti del modello originale andato distrutto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BENTLEY.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/07/10/BENTLEY_LA_EXP_100_GT_CELEBRA_I_100_ANNI_DEL_MARCHIO_CON_UNO_SGUARDO_AL_FUTURO.HTML 2019-09-16 11:02:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/26/subaru_levorg_una_settimana_con_la_2_0i_lineartronic_premium/gallery/2019-Subaru-Levorg-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27194 Subaru Levorg - Una settimana con la 2.0i Lineartronic Premium [Day 1] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27194&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SUBARU LEVORG [1] 2.0i Lineartronic AWD in allestimento Premium, il più completo della gamma. Lunico motore disponibile è il nuovo quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV a 6.200 giri/min e 198 Nm a 4.200 giri/min: abbinato al cambio automatico Cvt e alla trazione integrale, permette alla station di scattare da 0 a 100 km/h in 11,7 secondi e di toccare una velocità massima di 195 km/h. Il consumo medio dichiarato è pari a 7,3 l/100km nel ciclo misto. Proposta a 34.500 euro, la versione Premium dispone di tutte le dotazioni presenti in gamma e costa 2.500 euro in più dellaltro allestimento disponibile (lo Style), rispetto al quale aggiunge i sedili rivestiti di pelle e il navigatore satellitare. Tra gli altri accessori di serie, troviamo i cerchi di lega da 18", i fari a Led adattivi, lEyeSight, il tetto apribile e il touchscreen da 7" dellimpianto di infotainment con radio DAB, retrocamera e supporto per Android Auto e Apple CarPlay. Su tutte le versioni sono inoltre presenti tre differenti pacchetti pensati per migliorare la sicurezza e il confort di guida: lAdvanced Safety Package include lEyeSight Assist Monitor, lHigh Beam Assist, il Subaru Rear Vehicle Detection e lo specchietto retrovisore fotocromatico; il Safety View Package comprende la telecamera frontale e lo specchietto retrovisore con telecamera, mentre il Cold Weather Package prevede i sedili anteriori riscaldabili, lo sbrinatore delle spazzole tergicristallo e gli specchietti retrovisori esterni riscaldabili. Lunga quattro metri e 69 cm, alta 149 cm e larga 178 cm, la Levorg ha un bagagliaio con una capacità di carico di 522 litri che, alloccorrenza, può essere ampliato fino a 1.446 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. AGILE E SICURA. Ci si ritrova in fretta, al volante della Subaru Levorg AWD. E si sta comodi, ben sostenuti dal sedile sportivo e supportati dalle regolazioni elettriche. Il volante, dalla corona spessa e tagliata nella parte inferiore, piace, anche se si presenta con troppi comandi. un po strana solo la sensazione di trovarsi, da fine corsa del sedile, rialzati rispetto alla strumentazione e alla plancia. Quello che mi attira è labbinamento tra il quattro cilindri boxer aspirato di 2.0 litri da 150 CV e la trasmissione Cvt Lineartronic. Ricordiamo che nella serie precedente, la Levorg adottava l1.6 turbo, sempre boxer, da 170 CV, con maggiore spinta ai bassi e prestazioni più brillanti. Il Cvt, però, risponde bene allacceleratore e tende a riempire il meno favorevole arco di utilizzo del duemila aspirato, tanto che in città la giap risulta pronta e gradevole. E quando mi serve più potenza, labbinamento tra motore e cambio risulta riuscito, senza distonie o disagi. Le dimensioni sono importanti si sfiorano i quattro metri e 70 , però la Levorg è facile da guidare e mi segue bene, quasi fosse molto più corta (merito pure del baricentro basso). In più, grazie allampia vetratura, la visibilità è buona anche dietro. Dicevamo che la marcia in città è fluida e gradevole: cè la possibilità di disporre di un kickdown simulato piuttosto efficace e risultano convincenti i sette intervalli di cambiata, gestibili tramite i paddle. In viaggio la Levorg dà il meglio (nonostante il sottofondo di rotolamento) e riesco a procedere a 130 poco sopra i 2.000 giri, col piede destro leggero: così, vedo i consumi calare a razzo rispetto ai valori elevati della città. Le sospensioni denotano unescursione, non eccessiva però: la Levorg assorbe piuttosto bene le irregolarità secche e brevi, potendo contare su una gommatura 225/45 da 18. La guida risulta precisa e sincera anche per via del passo (2,65 metri), corto rispetto agli ingombri della carrozzeria e dello sterzo. Il quale si rivela pronto e progressivo. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU-LEVORG 2019-09-16 08:36:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/15/mondiale_rally_turchia_doppietta_della_citroen_vince_ogier/gallery/2019-citroen-ogier.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27193 Mondiale Rally - Turchia, doppietta della Citroën: vince Ogier http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27193&tipo=fv DOPPIETTA DELLA CITROëN RACING AL RALLY DI TURCHIA, decima tappa del Mondiale Rally: SéBASTIEN OGIER è tornato a vincere, riaprendo così le sue possibilità di lotta per il titolo, mentre ESAPEKKA LAPPI è riuscito a mettere la ciliegina sulla torta conquistando la seconda posizione assoluta. Sul gradino più basso del podio la Hyundai di Mikkelsen. UNO-DUE INATTESO. Lappi si è trovato leader della gara e sembrata ormai involato verso la vittoria, mentre alle sue spalle uno scatenato Ogier recuperava terreno e si avvicinava minacciosamente. Il sorpasso è arrivato nella penultima prova di sabato, quando il pilota finlandese è stato raggiunto e superato dal più blasonato compagno di squadra. "Volevamo questa vittoria per tornare a lottare per il titolo", ha ammesso Ogier al termine dellevento. "Sapevamo che potevamo farcela, perché questo appuntamento si preannunciava durissimo. Ci siamo lasciati alle spalle la sfortuna del round precedente in Germania". GLI ALTRI PROTAGONISTI FUORI GIOCO. Ogier è di nuovo in lotta per il titolo, sfruttando le disavventure che i suoi diretti avversari hanno dovuto affrontare in questa trasferta turca. Ott Tanak è stato tormentato dai problemi: prima le due forature - una venerdì e laltra il sabato e poi un problema tecnico alla centralina del motore che lo ha costretto ad alzare bandiera bianca, mandandolo su tutte le furie. Non è andata di certo meglio a Neuville: sabato è finito fuori strada, tradito da una nuvola di polvere che gli ha impedito di vedere una curva, facendolo capottare su un lato. Dopo aver perso quasi cinque minuti, il belga della Hyundai è riuscito a ripartire e tagliare il traguardo in ottava posizione, ben più lontano dalla zona podio. LE CLASSIFICHE. Tanak è ancora leader della classifica piloti, ma il ritiro in Turchia gli costerà caro. Ogier, infatti, è ora secondo e insegue con soli 17 punti di svantaggio. Neuville è terzo e accusa un ritardo più consistente di 30 punti dal leader. Nel Mondiale costruttori, la Hyundai è ancora davanti a tutti con 314 punti, seguono Toyota con 295, Citroen con 259 e M-Sport con 184. 2019-09-15 23:09:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/14/opel_kadett_e_astra_una_storia_di_successo_da_piu_di_ottant_anni_foto_gallery/gallery/2019-Opel-Astra-Kadett-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27192 Opel Kadett e Astra - Una storia di successo da più di ottantanni FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27192&tipo=fv Al SALONE DI FRANCOFORTE [1] la OPEL [2] ha presentato al pubblico il consueto RESTYLING [3] di metà carriera dellASTRA [4], leterna rivale della Volkswagen Golf. Gli aggiornamenti, moderati, coinvolgono soprattutto la gamma motori, i più efficienti della sua storia, e le dotazioni tecnologiche, lasciando quasi immutate le sue linee, moderne, eleganti e mai sopra le righe, come da lunga tradizione. Molto lunga: questa vettura affonda le proprie radici negli anni 30, con la nascita della prima Opel Kadett, il cui nome verrà rispolverato nel 1962 per una nuova compatta del Fulmine, prodotta in cinque generazioni fino al 1991. In quellanno la Opel decide di uniformare sui vari mercati il nome della sua media già venduta da tempo nel Regno Unito come Vauxhall Astra che ora, sotto legida del gruppo PSA, si prepara A UN FUTURO ELETTRIFICATO [5]. Per loccasione, ripercorriamo la storia di Kadett e Astra nella nostra galleria di immagini, dal 1936 a oggi. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/saloni-auto/salone-di-francoforte/2019.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/OPEL.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/07/05/opel_astra_restyling_uscita_motori.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/OPEL-ASTRA [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/12/OPEL_COMBO_LIFE_E_CARGO_ELETTRICHE_NEL_2021_ZAFIRA_LIFE_ANCHE_A_IDROGENO.HTML 2019-09-14 11:23:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/13/gruppo_volkswagen_sette_miliardi_di_euro_per_i_nuovi_software/gallery/volkswagengroup.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27191 Gruppo Volkswagen - Sette miliardi di euro per i nuovi software http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27191&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha pianificato investimenti pari a sette miliardi di euro per creare Car.Software, una nuova unità interna che si occuperà di sviluppo software per tutti i modelli del gruppo. Lobiettivo è quello di unificare le varie attività separate esistenti oggi, condividendo gli elementi chiave dei 12 marchi sotto legida di Wolfsburg e sfruttando le sinergie per migliorare i processi e ridurre i costi. La struttura centralizzata arriverà a contare circa 10.000 sviluppatori. IL SISTEMA OPERATIVO VOLKSWAGEN DEBUTTA SULLA ID3. La ID3 [2] presentata al Salone di Francoforte è la prima vettura a utilizzare un nuovo sistema operativo creato internamente dal gruppo Volkswagen. La piattaforma sarà aggiornata e integrata in futuro grazie alle nuove risorse per offrire ai clienti nuovi servizi legati alla mobilità e semplificare tutte le procedure interne: lobiettivo è quello di installare questi software su tutti i modelli in commercio entro il 2025. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML 2019-09-13 19:06:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/13/tobias_moers_mercedes_amg_la_project_one_nel_2021_poi_una_supercar_elettrica_/gallery/2019-Tobias-Moers-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27190 Tobias Moers, Mercedes-AMG - "La One nel 2021, poi una supercar elettrica" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27190&tipo=fv La AMG ONE [1]? Si è rivelata una sfida più complessa del previsto: non arriverà prima dellinizio del 2021. Librido plug-in? In pieno sviluppo: naturalmente ad alte prestazioni, debutterà sulla GT COUPé 4 [2]. E allorizzonte cè anche una sportiva 100% elettrica. Al SALONE DI FRANCOFORTE [3], il numero uno della Mercedes-AMG, Tobias Moers, parla a ruota libera delle strategie di un marchio in tumultuosa attività. ABBIAMO ASSISTITO A UN ENORME SVILUPPO DEL MARCHIO AMG NEGLI ULTIMI ANNI: QUALI SARANNO I CONFINI DI QUESTA ESPANSIONE, SEMPRE CHE VE NE SIANO? Riguardo alla gamma, si vedranno ancora molte novità. Ora stiamo cercando di allargare la base della clientela, in termini di volumi. Con le introduzioni delle varianti nella famiglia delle compatte (anche quelle dingresso, le AMG 35), si è innescata una bella spinta dinamica. A PROPOSITO DI MODELLI DINGRESSO, IL TREND VEDE COSTRUTTORI ANCHE NON PREMIUM E SENZA UNA LUNGA TRADIZIONE NEL MOTORSPORT, SVILUPPARE UN PROPRIO SUB-BRAND SPORTIVO Posso dire che nel nostro caso, le varianti nella fascia inferiore del mercato dove abbiamo introdotto anche lA 35 ci permettono di offrire un biglietto dingresso al mondo AMG alle persone più giovani, aumentando i clienti e permettendo loro di muoversi allinterno del brand, configurando un percorso di crescita: chi oggi compra unA 35, in futuro potrebbe comprare una C 63. QUESTA STRATEGIA STA IMPATTANDO SULLE VENDITE? Il nostro anno migliore è stato il 2017, con 132 mila consegne, poi cè stato un lieve calo. Nel 2019 torneremo ad allinearci a quella quota, ma vediamo un ulteriore potenziale di espansione per il 2020, anche perché loffensiva dei prodotti aumenta: le nuove Suv, le compatte come la GLB, e il ramp-up produttivo delle A 35 e CLA 35 e via dicendo. Dalla base al vertice della piramide: a quando la AMG One sul mercato? Sono molti i lettori che se lo chiedono. Abbiamo mandato un videomessaggio ai nostri clienti, aggiornandoli sul ritardo che ci ha obbligati a posticipare il programma originario, ma ci siamo quasi. Riportare le emissioni allo scarico e il rumore entro i limiti di legge ci ha richiesto un po di tempo, ma siamo fiduciosi. Il motore di Formula 1 di 1.6 litri si è rivelato più complicato da gestire di quanto ci aspettassimo. Ma siamo vicini alla conclusione, abbiamo una macchina sui rulli che fa continui test di emissioni e sappiamo che la quadra è vicina. ATTRAVERSO QUALI SOLUZIONI? Per esempio, abbiamo cambiato il condotto di aspirazione e il sistema di scarico, mantenendo le caratteristiche di base del motore. E I CLIENTI QUANDO POSSONO RAGIONEVOLMENTE ASPETTARSI LA MACCHINA SUL MERCATO? Nel primo trimestre del 2021. A PROPOSITO DI LIMITI ALLE EMISSIONI, CHE COSA POSSIAMO ASPETTARCI DAL MARCHIO AMG SUL FRONTE DELLELETTRIFICAZIONE? Prima tutto librido performante: stiamo sviluppando le prossime generazioni di Classe C, Classe S e anche la GT quattro porte, per le quali stiamo progettando soluzioni di sistemi ibridi ad alte prestazioni. Lavevamo anticipato un paio di anni fa a Ginevra sotto forma di show car e ora siamo in "work in progress". Sviluppiamo direttamente le batterie performanti e i sistemi di gestione degli apporti del propulsore termico ad alte prestazioni e di quello elettrico, presi individualmente o combinati per dare il massimo della potenza. E QUALE SARà IL PRIMO MODELLO AD ESIBIRLO? La GT Coupé 4. E UNELETTRICA PURA è NEI VOSTRI RADAR? Sì. Assolutamente. Ma è troppo presto per dire di più. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2018/05/07/MERCEDES_AMG_PROJECT_ONE_LA_HYPERCAR_IN_MOSTRA_ALLA_MILLE_MIGLIA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES/GT-COUPE-4 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-13 16:36:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/13/ford_mustang_raduno_da_record_in_belgio/gallery/2019-Raduno-Ford-Mustang-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27189 Ford Mustang - Parata da record in Belgio http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27189&tipo=fv Pur trattandosi di un modello che ha negli Stati Uniti la sua maggiore diffusione, la FORD MUSTANG [1] ha ottenuto un record mondiale grazie allEuropa. Si è svolta infatti in Belgio, al Lommel Proving Ground della FORD [2], la più grande parata del mondo di questo modello. 1.326 MUSTANG RIUNITE. Sono stati 1.326 gli esemplari della sportiva statunitense radunati lo scorso 7 settembre, un numero che ha consentito di superare di slancio il precedente record di 960 unità stabilito in Messico nel 2017. Le vetture hanno effettuato una parata a una distanza inferiore a 20 metri luna dallaltra e sono state inoltre disposte in una speciale coreografia per celebrare i 55 anni di storia del modello. BELGIO MIGLIOR MERCATO EUROPEO. In Europa nel 2018 sono stati venduti 5.500 esemplari della Mustang e proprio il Belgio è il paese dove la vettura ha ottenuto il maggiore successo. Il 2019 fino a oggi ha fatto segnare un ulteriore leggero incremento: la Mustang mantiene il primato mondiale di vendita nel segmento delle coupé sportive. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORD-MUSTANG [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FORD.HTML 2019-09-13 16:08:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/13/mini_arrivano_i_coprimozzi_autolivellanti/gallery/2019-Coprimozzi-autolivellanti-Mini-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27188 Mini - Arrivano i coprimozzi autolivellanti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27188&tipo=fv Ispirandosi alla soluzione da anni adottata dalle cugine Rolls-Royce anche la MINI [1] presenta i coprimozzi che mantengono il logo leggibile durante la marcia. Si tratta di un accessorio originale che la Mini renderà disponibile presso i rivenditori autorizzati e sullo store online: sul sito tedesco il kit di quattro pezzi è offerto a 70 euro (84 euro per i John Cooper Works). UN TOCCO DI STILE PER I CERCHI DELLA MINI. Denominati come floating hub caps, mantengono il logo del costruttore britannico in posizione orizzontale anche con il veicolo in movimento per aggiungere un tocco di stile in più alla vettura. I componenti sono intercambiabili con quelli originali e sono previste due versioni: uno adatto ai modelli più diffusi e uno specifico per le John Cooper Works. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MINI.HTML 2019-09-13 15:57:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/13/formula_1_williams_e_mercedes_insieme_fino_al_2025/gallery/2019-williams-formula-1-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27186 Formula 1 - Williams e Mercedes insieme fino al 2025 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27186&tipo=fv La WILLIAMS ha annunciato che continuerà a usare le POWER UNIT MERCEDES-BENZ fino alla fine del Mondiale di Formula 1 2025. Questo accordo a lungo termine mette fine ai rumors di un potenziale passaggio alla motorizzazione Renault, come si è vociferato a lungo durante la pausa estiva. Il team diretto da Claire Williams continuerà a produrre anche la trasmissione. INSIEME DAL 2014. Le unità di potenza realizzate a Brixworth dalla Mercedes-AMG High Performance Powertrain spingono le monoposto della Williams dal 2014, anno in cui la Formula 1 ha introdotto librido. Loriginale accordo di fornitura tra le parti sarebbe scaduto al termine del 2021, ma adesso è stato ufficialmente esteso per altre quattro stagioni oltre la naturale scadenza. Il sodalizio ha portato la Williams a due piazzamenti in terza posizione nel campionato costruttori nel 2014 e nel 2015, poi il team ha cominciato a iniziato un periodo nero, con perdita di prestazioni di anno in anno, fino ad arrivare alla disastrosa stagione 2019 che vede le monoposto inglesi costantemente in fondo allo schieramento. RISALIRE LA CHINA. Dopo labbandono di Paddy Lowe della direzione tecnica, giunta allinizio di questanno, la squadra sta cercando una lenta ma progressiva riorganizzazione tecnica e manageriale. Claire Williams ha affermato: Negli ultimi sei anni, abbiamo vissuto questa meravigliosa collaborazione con Mercedes-Benz e siamo lieti di continuare ancora con loro. Toto Wolff, ceo e team principal della Mercedes-AMG Petronas Motorsport, ha aggiunto: La WILLIAMS [1] è unicona della Formula Uno e noi di Mercedes siamo orgogliosi di poterla annoverare nella nostra grande famiglia sportiva. La squadra ha attraversato un momento difficile, ma è servito per dimostrare le doti di esperienza e resilienza. Sono certo che anche grazie ai nuovi regolamenti finanziari del 2021 il team ha brillanti prospettive. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?WILLIAMS_20459 2019-09-13 15:36:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2019/09/13/prezzo_corsa_anticipato_wetaxi_senza_brutte_sorprese_mn/gallery/WETAXI-A.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27187 PREZZO CORSA ANTICIPATO - WETAXI SENZA BRUTTE SORPRESE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27187&tipo=fv 1.880 auto pubbliche a Milano e 500 a Roma: ancor prima di salire a bordo di queste è possibile sapere quale sarà il prezzo della corsa. La rassicurante opportunità, offerta ai tanti che hanno in tasca uno smartphone, la offre Wetaxi. La sua app consente di prenotare a Milano una vettura della flotta Taxiblu 02.4040, a Roma le auto della cooperativa Samarcanda. La spesa prevista per il servizio si conosce inserendo i punti di partenza e di arrivo: una volta alla meta, se il tassametro segna un prezzo superiore, Wetaxi garantisce quello preventivato dal sistema. Di più: se il totalizzatore chiede meno del preventivato, si paga la cifra inferiore. I passeggeri possono scegliere se farlo con la carta di credito, PayPal, con lapp Satispay (oppure con cash direttamente allautista). PROFESSIONAL. Se si tratta di una corsa aziendale cè poi la possibilità di tracciare tutte quelle effettuate e ricevere mensilmente in ufficio - via email - la fattura elettronica. Lo scopo non è soltanto mettere a disposizione dei cittadini una modalità più affidabile per prenotare e pagare le corse, ma anche supportare radiotaxi e i tassisti stessi offrendo strumenti smart, ormai necessari per intercettare target più giovani, così da diventare più competitivi e vantaggiosi, ha detto Massimiliano Curto, fondatore e amministratore di Wetaxi. La start up torinese, presente in oltre 20 città italiane, si era distinta per essere stata fra le prime a consentire la condivisione della corsa con altri utenti, in caso di percorsi analoghi. 2019-09-13 15:36:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/offerte-lavoro/2019/09/13/dekra_si_cercano_due_figure_professionali/gallery/2019-dekra-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27185 Dekra - Si cercano due figure professionali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27185&tipo=fv La DEKRA [1] Italia è alla ricerca di due figure professionali da inserire nel proprio organico con contratti a tempo inderterminato. Si tratta di un Responsabile Tecnico Junior per il Flagship Store in provincia di Milano e di un Vehicle Inspection Technical Manager Trainer per seguire i Centri Revisione Flashship Store e in Franchising sul territorio. LE COMPETENZE RICHIESTE. Per la figura del Responsabile Tecnico Junior, che si occuperà di operazioni di revisione, della gestione commerciale, della fatturazione e della funzionalità delle attrezzature, sono richiesti un diploma, lattestato del Corso di Formazione per Responsabili Tecnici della Revisione, la conoscenza approfondita dei veicoli e la capacità di utilizzo del pacchetto Microsoft Office. CON LAUREA E ESPERIENZA. Per il Vehicle Inspection Technical Manager Trainer il ruolo prevede la gestione dei servizi tecnici erogati dai centri, il supporto telefonico e in sede agli operatori, la progettazione e la creazione di eventi formativi, la gestione dei rapporti con Pubblica Amministrazione e il supporto nella definizione dei layout dei nuovi centri. I requisiti sono la laurea in Ingegneria Meccanica con indirizzo legato agli autoveicoli, la conoscenza delle normative relative alle revisioni, esperienza di almeno cinque anni come formatore automotive e uso del pacchetto Office. Il lavoro prevede trasferte e viene fornita una vettura aziendale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DEKRA 2019-09-13 10:56:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/09/ionity_anche_la_hyundai_entra_nella_rete_per_l_elettrico/gallery/2019-hyundai-ionity-800V-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27184 Hyundai e Kia - Dal 2021 le elettriche avranno il sistema di alimentazione a 800 Volt http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27184&tipo=fv La HYUNDAI [1] e la Kia sono entrate a far parte della rete IONITY [2] per la ricarica delle batterie delle vetture elettrificate. La società, nata per offrire un sistema capillare a livello europeo, include già i gruppi Volkswagen, BMW, Daimler e la Ford. Il consorzio vanta anche la collaborazione della Shell: lobiettivo è quello di installare 2.400 punti ricarica con potenza da 50 a 350 kW sul territorio dellUnione e al momento sono attive 140 stazioni in 14 nazioni. RICARICA VELOCE PER TUTTI. Contestualmente allaccordo, il gruppo coreano ha fatto un secondo annuncio importante. A partire dal 2021, i modelli elettrici a marchio Hyundai e Kia disporranno dei sistemi di ricarica a 800 Volt: proprio per allinearsi alla potenza massima di ricarica prevista dalla rete Ionity. Questo porterà alla diffusione, su modelli abbordabili da una clientela più ampia, di una tecnologia oggi riservata ad auto di blasone. Basti pensare che la ricarica a 800 Volt, capace di garantire in pochi minuti un ripristino di larga parte dellautonomia di unelettrica, è uno dei fiori allocchiello della Porsche Taycan appena presentata al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2018/02/07/COLONNINE_DI_RICARICA_LA_MAPPA_DELLA_RETE_IONITY.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-13 10:28:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/12/fiat_500x_sport_al_volante_della_1_3_turbo_150_cv/gallery/2019-Fiat-500X-Sport-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27183 Fiat 500X Sport - Al volante della 1.3 Turbo 150 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27183&tipo=fv Dopo lAGGIORNAMENTO DELLO SCORSO ANNO [1] che ha portato con sé anche nuovi motori, la famiglia della FIAT 500X [2] si arricchisce della nuova versione Sport in attesa dellarrivo delle future versioni ibride. ATLETICA. Diversamente dalle componenti meno prestazionali della gamma, la più potente delle Sport non si distingue dalle altre 500X solo per lestetica, ma anche per gli affinamenti tecnici. Al Firefly 1.3 sovralimentato 150 CV non sono state apportate modifiche, così come al cambio automatico doppia frizione a sei marce: sono altri gli ingredienti che i tecnici del Lingotto hanno modificato per conferire a questa versione un carattere atletico. Un aggettivo che calza a pennello per definire la nuova 500X Sport, aggiornata rispetto alle altre versioni dal punto di vista dellassetto e dello sterzo. SEMPRE COMPOSTA. Pur poggiando su un assetto abbassato e irrigidito e, nel caso dellesemplare utilizzato per questo primo contatto, anche su cerchi da 19 la 500X Sport supera in maniera piuttosto graduale le irregolarità della strada. Tra le curve, specie quelle ravvicinate che impongono veloci cambi di direzione, la crossover si rivela ben piantata a terra, pronta e agile. Merito, da un lato, della taratura dellassetto che, limitando il rollio, dà un bel contributo alla direzionalità e, dallaltro, della specifica taratura del servosterzo. Questultima riduce il leggero ritardo di risposta avvertibile sulle 500X meno grintose, rendendo il comando più pronto, omogeneo e comunicativo. Ne consegue una guidabilità non solo differente da quella delle 500X che non indossano labito sportivo, ma gradevole, istintiva e divertente. TEMPERAMENTO VERSATILE. In molte curve, la compostezza e la maneggevolezza della vettura evitano di dovere sollevare il piede dallacceleratore. Ciò permette di mantenere il quattro cilindri turbo nel suo campo dazione, ovvero quello dei regimi intermedi, dove offre una buona verve anche grazie a un cambio automatico sempre puntuale negli innesti. Solo in alcuni rallentamenti la trasmissione non brilla per reattività: nelle scalate più impegnative è meglio affidarsi ai paddle. IN FAMIGLIA SONO IN QUATTRO. Lo schieramento delle Sport è speculare a quello delle altre 500X ora disponibili: Urban, City Cross, Lounge e Cross. La 1.3 con il cambio Dct si pone, quindi, al vertice dellofferta delle Sport ed è in vendita 27.000 euro. Lo schieramento, poi, comprende la versione a benzina spinta dal tre cilindri 1.0 con 120 CV e le turbodiesel 1.3 da 95 CV e 1.6 da 120 CV, questultima disponibile sia con cambio automatico doppia frizione, sia con il manuale a sei marce. I prezzi di queste varianti spaziano da 24.500 a 28.750 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/08/28/FIAT_500X_FACELIFT_FOTO_DIMENSIONI_PREZZI_MOTORI_.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FIAT-500X 2019-09-12 22:32:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/12/seat_de_meo_nei_prossimi_cinque_anni_ci_sara_una_selezione_darwiniana/gallery/2019-luca-de-meo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27181 Seat - De Meo, nei prossimi cinque anni ci sarà una selezione darwiniana http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27181&tipo=fv Credo che ci sarà una selezione darwiniana nei prossimi cinque anni, sia dal lato del prodotto che da quello delle aziende. Una visione realistica, più che catastrofica quella del presidente del comitato esecutivo di Seat, Luca De Meo, innervata sullanalisi di una serie di fattori critici dellautomotive europeo, al netto delle variabili esterne. I prossimi due o tre anni saranno difficili per una combinazione di altrettanti fattori, osserva nel corso di una tavola rotonda con i giornalisti italiani al SALONE DI FRANCOFORTE [1]. Intanto prevedo un raffreddamento della domanda dopo un ciclo molto lungo di crescita. Poi noi dovremo aumentare gli investimenti e i costi di sviluppo per gestire la transizione verso lelettrico. Insomma, avverte, saremo chiamati a mettere un sacco di soldi nel sistema. E, alla fine, se tutto questo non funziona ci toccherà pure pagare le multe" per non essere rientrati nei limiti di emisisone. In questo scenario la Casa di Martorell, che ancora una volta prevede risultati record, può mostrare un certo ottimismo perché, spiega De Meo, far parte del gruppo Volkswagen ci dà la possibilità di accedere alle nuove tecnologie su livelli di costo che non credo siano alla portata dei concorrenti della nostra stessa taglia. E perché, attualmente, siamo in una posizione di forza, come forse mai nella storia di Seat. Tutto questo ci fa sperare che noi, limitando i danni, possiamo attraversare il deserto. ELETTRONI DOBBLIGO. Daltra parte, osserva il numero uno operativo di Seat, con i limiti sempre più rigidi alle emissioni di CO2 previsti dallUnione europea nel prossimo decennio e oltre, la scelta di virare sullelettrico è quasi obbligata e il gruppo Volkswagen lo ha fatto per tempo prevedendo investimenti per 30 miliardi al 2023. Indipendentemente dalle fonti di produzione dellenergia elettrica, stimiamo una quota del 25% di elettrico nel 2025 e del 40% nel 2030. E, per essere competitivi, dobbiamo portare sul mercato un prodotto che abbia un prezzo accessibile e che sia almeno comparabile dal punto di vista delle prestazioni con unanaloga vettura con motore a combustione, fa notare riferendosi alla Volkswagen ID.3 presentata a Francoforte o alla variante Seat, la futura El Born. "Guardando alle statistiche allinterno dellarea Euro, il 50% dei consumatori spende almeno 30 mila euro per una nuova auto. Si sale oltre l80% considerando un valore oltre i 20 mila euro". Per il resto spetta ai policy maker e alle amministrazioni locali, che devono mettere ordine nellinfinita serie di divieti e normative specifiche: vanno omogeneizzate, standardizzate le regole del gioco, anche su scala mondiale. Solo così le Case auto potranno relizzare dei prodotti globali con magigori economie di scala e ridurre ancora di più le emissioni". RIVOLUZIONE SUPPLY CHAIN. Per De Meo ci sarà un effetto di sistema, visto che tutta la catena del valore di unauto elettrica è unaltra cosa rispetto a quella di una macchina a combustione interna. La supply chain è diversa. E, soprattutto, gli europei non hanno in mano il controllo di alcuni anelli fondamentali di questa catena. Ce lhanno gli asiatici, con le batterie e le materie prime. Qui, se vuole, lEuropa deve recuperare il ritardo. Ci dovrà essere un confronto e una discussione tra i costruttori e i fornitori per reingegnerizzare i processi. E in Italia? I fornitori della Penisola sono eccezionali e hanno già avuto la necessità di andarsi a buscare la vida altrove, come dicono in Spagna, nel momento in cui hanno visto che il business in Italia andava scemando. Tanto che alla fine il loro primo cliente è il nostro gruppo. Ora però devono fare una grossa riconversione tecnologica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-12 19:00:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/12/land_rover_defender_c_e_anche_in_versione_lego_technic/gallery/2019-Land-Rover-Defender-Lego-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27182 Land Rover Defender - Cè anche in versione Lego Technic http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27182&tipo=fv Al SALONE DI FRANCOFORTE [1] la LAND ROVER DEFENDER [2] ha conquistato lo sguardo di molti visitatori, ma per vederla su strada, o averla nel proprio box, bisognerà aspettare ancora qualche mese. Nellattesa, gli appassionati potranno divertirsi costruendo con le proprie mani il modellino firmato Lego Technic, che sarà in vendita a partire da ottobre a 179 euro. OLTRE 2.500 PEZZI DA ASSEMBLARE. La kermesse tedesca, infatti, ha ospitato anche il debutto della fuoristrada realizzata con i mattoncini più diffusi al mondo. Lunga 42 cm, larga 20 e alta 22, la Defender di Lego è composta da 2.573 pezzi e ha visto lintroduzione di diversi elementi appositamente realizzati per loccasione, come cerchi e passaruota. Anche il color verde oliva della carrozzeria è una vera novità. COME LA VERA DEFENDER. Per realizzarla i designer della Land Rover e i tecnici della Lego hanno unito i propri sforzi e il risultato è davvero impressionante: trazione 4x4 con tre differenziali, sospensioni indipendenti, un verricello funzionante e la trasmissione più sofisticata mai prodotta dalla Lego Technic. Le porte apribili consentono poi laccesso allelaborata cabina con volante funzionante, mentre il cofano (apribile) nasconde un motore sei cilindri in linea con pistoni mobili. Girando la ruota di scorta si può aprire il portellone posteriore e piegando il sedile posteriore in avanti si può accedere al cambio sequenziale a quattro velocità. Non mancano infine dettagli come il portapacchi removibile con box contenitore, valigie, scaletta e tappetini. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-12 19:00:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/12/auto_elettriche_eva_attive_200_stazioni_di_ricarica_in_italia_e_austria/gallery/2019-Colonnine-ricarica-Eva-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27180 Auto elettriche - Eva+: attive 200 stazioni di ricarica in Italia e Austria http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27180&tipo=fv Il PROGETTO EVA+ [1], che vede coinvolte ENEL X [2], Verbund e Smartrics, raggiunge il proprio traguardo finale. Sono infatti ora attive tutte le 200 stazioni di ricarica veloce annunciate nel 2016: 20 si trovano in Austria, mentre 180 sono in Italia. RICARICA A 50 KW. Le stazioni sono dotate di sistemi a 50 kW per un totale di 400 stalli e sono posizionate sulle strade di lunga percorrenza per favorire lutilizzo da parte degli utenti di auto elettrificate. Le colonnine sono dotate dei connettori standard internazionali Ccs, CHAdeMO e Type 2. IL SUPPORTO DEI COSTRUTTORI AUTOMOBILISTICI. Il progetto EVA+, cofinanziato dalla Commissione Europea, vede la partecipazione dei marchi Renault, Nissan, BMW, Mini, Volkswagen e Audi. Gli utenti potranno sfruttare le funzionalità dellapp Juicepass di Enel X per gestire le ricariche nelle stazioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECO_NEWS/2017/09/29/ENEL_EVA+_VIA_ALLE_PRIME_30%20COLONNINE_DI_RICARICA_VELOCE_EXTRAURBANA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ENEL-X 2019-09-12 18:30:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/12/missionh24_una_elettrica_fuel_cell_da_competizione_ai_test_della_michelin_le_mans_cup/gallery/2019-mission-h24-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27179 MissionH24 - Una elettrica fuel cell da competizione ai test della Michelin Le Mans Cup http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27179&tipo=fv Il PROGETTO MISSIONH24 [1] presentato nel 2018 si evolve verso una vera e propria auto da competizione elettrica fuel-cell. Sul circuito di Spa Francorchamps il prototipo GreenGT LMPH2G ha partecipato infatti ai test della Michelin Le Mans Cup ELMS con il supporto della Total, confrontandosi con le vetture standard del campionato. PRONTA LA STAZIONE MOBILE DI RIFORNIMENTO DI IDROGENO. La compagnia petrolifera francese ha realizzato per loccasione il primo esempio di stazione di rifornimento mobile di idrogeno da per alimentare il serbatoio che mantiene il gas a una pressione di 700 bar. La vettura adotta quattro motori elettrici che possono erogare fino a 650 CV totali di picco. Gradualmente il prototipo vedrà ulteriori affinamenti e sarà impiegato in una serie di competizioni di durata: lobiettivo finale resta quello di partecipare alla 24 Ore di Le Mans nel 2024. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2018/09/24/MISSION_H24_A_SPA_IL_PRIMO_PROTOTIPO_DA_CORSA_A_IDROGENO.HTML 2019-09-12 17:31:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/12/bmw_affrontiamo_il_futuro_con_le_batterie_cariche_/gallery/2019-BMW.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27178 BMW - "Affrontiamo il futuro con le batterie cariche" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27178&tipo=fv "Affrontiamo il futuro con le batterie cariche". Non ha nessuna ansia da autonomia il neo presidente e ad di BMW [1] Italia, Massimiliano Di Silvestre, perché al netto delle variabili esterne, di una cosa è strasicuro: "Limportante è avere una strategia chiara". Cosa che nel mantra del gruppo bavarese significa gestire e indirizzare la trasformazione del proprio modello di business: da costruttore di automobili a "tech company in grado di offrire servizi premium di mobilità". Dal SALONE DI FRANCOFORTE [2], Di Silvestre conferma che la rivoluzione del mondo automotive va accompagnata e possibilmente anticipata con un mix di prodotto (gamma, tecnologia e alimentazioni, compreso lidrogeno) caratterizzato da unestrema flessibilità. Il tutto, però, allinsegna di un valore irrinunciabile: assicurare alla clientela unavero "piacere di guida". Lautomobile non può e non deve "diventare una commodity", cioè un bene qualsiasi, indifferenziato. LELETTRIFICAZIONE. I numeri sembrano dar ragione alla Casa di Monaco: nei primi otto mesi del 2019 il gruppo ha venduto oltre 1,617 milioni di unità, (+1,3% rispetto allo stesso periodo dellanno precedente), con 80.526 auto elettrificate (-3%). Ma è proprio su questultimo punto che si preannuncia loffensiva più forte. In anticipo di due anni rispetto ai target interni, nel 2023 la BMW offrirà "25 modelli elettrificati, circa la metà dei quali a emissioni zero". Entro due anni, saranno disponibili cinque nuovi modelli 100% elettrici: in autunno entrerà in produzione la MINI [3], nel 2020 sarà la volta della IX3 [4] (offerta anche in versione plug-in), seguita più avanti dalla INEXT [5] e nel 2021 dalla I4 [6], che deriverà dalla CONCEPT [7] presentata al Salone tedesco. Nel 2021, la BMW conta di "raddoppiare le vendite di veicoli elettrificati rispetto al 2019". Lo scorso anno poi è stato investito circa il 7% del fatturato, cioè 7 miliardi di euro, in ricerca e sviluppo per le attvità del gruppo. Librido plug-in, in arrivo su gran parte della gamma e che sarà "fondamentale in città", potrà disporre delleDrive Zones, "un sistema in grado di riconoscere le ZTL e commutare automaticamente la propulsione solo in elettrico". IL DIESEL è VIVO E VEGETO. Nelluniverso a batteria, secondo Di Silvestre, ci sarà ancora spazio per il diesel. "Ci accompagnerà nei prossimi 20 anni", aggiunge il top manager, "perché si stima che nel mondo al 2025 le vetture elettriche saranno al massimo il 30%" del parco circolante. Del resto, per il numero uno di BMW Italia, i motori a gasolio bavaresi "sono puliti, efficienti e rispondono in modo lineare alla omologazione Wltp". La svolta verso lelettrificazione e le tecnologie avanzate dei propulsori tradizionali porteranno, entro il 2020, a "dimezzare le emissioni della flotta europea rispetto al 1995". IL MERCATO ITALIANO. "In Italia abbiamo migliorato leggermente la quota di mercato e stiamo lavorando tantissimo sulla qualità, rileva Di Silvestre, sottolineando che tra gennaio e agosto il brand BMW ha perso l1,6% (risultato da valutare alla luce dellavvicendamento delle generazioni di due best seller, la SERIE1 [8] e la X1 [9]), mentre la Mini ha guadagnato il 3,5%. Larrivo della Serie 3 Touring, disponibile nelle concessionarie fin dai prossimi giorni, sarà "molto importante": tuttavia, per Di Silvestre (a lungo amministratore delegato della filiale di Roma), la sfida della trasformazione va lanciata "insieme ai dealer", da coinvolgere "con un approccio molto più digitale occorre esplorare tutti i canali di comunicazione del prodotto, in modo da costruite una relazione con il mercato e con i nostri potenziali clienti per portarli al momento magico dellappuntamento in concessionaria. Insomma, conclude, il presidente e ad di BMW Italia, "siamo sulla strada giusta. E vogliamo tracciare la rotta". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/27/BMW_TUTTE_LE_NOVITA_PER_IL_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/09/MINI_COOPER_SE_ELETTRICA_MOTORE_AUTONOMIA_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/03/25/BMW_IX3_PROSEGUONO_I_COLLAUDI_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/BMW_INEXT_PRODOTTI_I_PRIMI_PROTOTIPI.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/25/BMW_IX3_I4_E_INEXT_ECCO_LE_NUOVE_IMMAGINI_DEI_PROTOTIPI_.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/BMW_CONCEPT_4_IL_PROTOTIPO_ANTICIPA_L_USCITA_DELLA_NUOVA_SERIE_4.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW/SERIE-1-3P [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW/X1 2019-09-12 15:38:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/12/tesla_in_arrivo_una_model_s_piu_sportiva/gallery/2019-Tesla-Model-S-18.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27177 Tesla - In arrivo una Model S più sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27177&tipo=fv Dopo le versioni Ludicrous Performance delle MODEL S [1] e MODEL X [2], la TESLA [3] continua a puntare in alto ed è pronta a lanciare un nuovo allestimento ad altissime prestazioni. La Casa californiana continuerà a seguire la tradizione dei nomi derivati da Space Balls di Mel Brooks, uno dei film culto di Elon Musk, battezzando la nuova variante con il nome di "Plaid", vale a dire la velocità superiore alla Ludicrous. A CACCIA DI RECORD. Il prototipo della berlina sportiva, aggiornato a livello di powertrain, assetto e aerodinamica, ha già fatto segnare un giro veloce a Laguna Seca, conquistando il record fra le auto elettriche con un tempo di 1:36.555. Lo stesso modello, in versione sette posti, sarà probabilmente utilizzato per cercare di segnare un nuovo tempo di riferimento al Nürburgring per le quattro porte a batteria: il tentativo di record sarebbe fissato per la prossima settimana, quando anche la Porsche dovrebbe portare in pista la TAYCAN [4]. Sempre più case automobilistiche hanno infatti iniziato a inseguire le massime prestazioni anche con le auto a zero emissioni per cercare di staccare tempi sul giro da record, nonostante lo scopo dei powertrain a batteria dovrebbe essere ben diverso. TRE MOTORI PER TUTTE. La nuova versione sportiva della berlina arriverà sul mercato il prossimo anno e potrebbe prendere il nome di Model S P100D+ (rispolverando la denominazione della 85D+, che aveva anticipato larrivo della Performance), proponendo carreggiate allargate, nuovi componenti aerodinamici, compreso uno spoiler posteriore più pronunciato, e delle modifiche a livello meccanico. Il sistema propulsivo sarà aggiornato e impiegherà tre motori elettrici per garantire prestazioni più elevate: la nuova meccanica sarà raffreddata da prese daria integrate nel paraurti anteriore. Non mancheranno modifiche allassetto e allimpianto frenante, così come agli interni. Il Plaid powertrain sarà poi proposto su tutta la gamma di modelli del costruttore - Model X, Model 3, Model Y e Roadster - con prezzi più elevati rispetto agli attuali ma, a detta di Elon Musk, comunque inferiori rispetto alle concorrenti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-S [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-X [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/04/PORSCHE_TAYCAN_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_USCITA.HTML 2019-09-12 13:48:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2019/09/12/fleet_management_vodafone_si_allea_con_geotab_per_la_gestione_delle_flotte/gallery/2019-Vodafone_geotab.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27176 Gestione flotte - Vodafone si allea con Geotab http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27176&tipo=fv Accordo di collaborazione strategica tra VODAFONE [1] e GEOTAB [2]: lobiettivo è combinare le capacità IoT (Internet of Things) del colosso della telefonia mondiale, forte di 85 milioni di dispositivi connessi in tutto il globo, con lesperienza nella gestione delle flotte della società telematica canadese. Il risultato è un nuovo player del FLEET MANAGEMENT [3], battezzato VODAFONE BUSINESS FLEET ANALYTICS. FLOTTE E AUTO CONDIVISE. Vodafone Business Fleet Analytics punta su segmenti in grande crescita: Questa collaborazione non solo permetterà ai nostri clienti di migliorare lefficienza e la sicurezza dei loro veicoli, ma contribuirà anche al lancio di nuovi modelli di mobilità sostenibile", afferma GION BAKER, ceo di VODAFONE AUTOMOTIVE. Il lancio di Vodafone Business Fleet Analytics partirà da sei paesi, ovvero Francia, Germania, Portogallo, Spagna, Regno Unito e Italia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VODAFONE_BUSINESS [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.GEOTAB.COM [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FLEET_MANAGEMENT 2019-09-12 12:44:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/12/ford_puma_tutti_i_prezzi_degli_allestimenti_titanium_titanium_x_e_st_line/gallery/2019-ford-puma-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27174 Ford Puma - In Italia a partire da 22.750 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27174&tipo=fv La FORD [1] presenta il listino italiano della PUMA [2], confermando lapertura della prevendita a partire da 22.750 euro. Per il momento la gamma della b-suv dellOvale Blu è basata unicamente sul propulsore 1.0 Ecoboost tre cilindri benzina, offerto nelle varianti da 125 CV, Hybrid 125 CV e Hybrid 155 CV. Per tutte è di serie il cambio manuale sei marce e per il momento lautomatico non figura tra gli optional. LA TITANIUM è LA ENTRY LEVEL. Gli allestimenti sono denominati Titanium, Titanium X e ST-Line X, con questultimo riservato alla variante da 155 CV. La versione Titanium offre di serie i cerchi di lega da 17", i gruppi ottici anteriori e posteriori a Led, il bracciolo anteriore, il volante rivestito in pelle, i retrovisori elettrici riscaldabili, i rivestimenti interni foderati in tessuto, i sedili anteriori con funzione massaggio, il selettore delle modalità di guida, il riconoscimento dei segnali stradali, lEmergency Brake Assist, il Lane Keeping Aid, il Lane Departure Warning, la ricarica wireless per lo smartphone, il climatizzatore manuale, il display da 4,2 pollici integrato nella strumentazione, il pacchetto FordPass Connect, il sistema Keyless, i sensori di parcheggio posteriori e linfotainment Sync 3 con display da 8" completo di radio Dab, navigazione e compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. TITANIUM X E ST-LINE X. La Titanium X aggiunge i cerchi di lega da 18", gli interni in tessuto con rivestimenti smontabili e lavabili Zip, i vetri posteriori oscurati, il climatizzatore automatico e linfotainment con impianto audio B O. La ST-Line X, infine, propone il pacchetto estetico, gli interni in pelle parziale, la strumentazione digitale con display da 12,3 pollici, lassetto sportivo, il terminale di scarico cromato e la pedaliera in alluminio. La ST-Line X è anche lunica che può essere dotata in opzione del tetto nero a contrasto e dei fari full Led, mentre per tutte le altre è possibile aggiungere il tetto panoramico apribile, il portellone elettrico e i pacchetti Co-Pilot e Winter: il primo include il Pre Collision Assist, il Cruise Control adattivo con Evasive Steering, i sensori di parcheggio anteriori e la retrocamera, mentre il secondo propone il parabrezza termico e il riscaldamento dei getti lavavetro, dei sedili e del volante. IL LISTINO DELLA FORD PUMA: 1.0 Ecoboost 125 CV Titanium: 22.750 euro 1.0 Ecoboost 125 CV Titanium X: 24.750 euro 1.0 Ecoboost 125 CV ST-Line X: 25.750 euro 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV Titanium: 23.250 euro 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV Titanium X: 24.750 euro 1.0 Ecoboost Hybrid 125 CV ST-Line X: 26.250 euro 1.0 Ecoboost Hybrid 155 CV ST-Line X: 27.500 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/26/FORD_PUMA_DIMENSIONI_MOTORI_FOTO_E_CARATTERISTICHE.HTML 2019-09-12 12:33:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/12/abarth_595_pista_cavalli_motore_interni_prestazioni/gallery/2019-Abarth-595-Pista-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27175 Abarth 595 - La Pista si aggiorna: ora è più potente http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27175&tipo=fv LABARTH [1] aggiorna la 595 Pista con una serie di interventi pensati per rendere ancora più accattivante e divertente la piccola dello Scorpione. Più potenza, dotazioni ancora più complete e una campagna marketing mirata sono gli ingredienti per attirare i clienti giovani. 165 CV E 218 KM/H. Grazie alla turbina Garrett modificata, al rapporto di compressione ridotto e allo scarico Record Monza, il 1.4 turbo raggiunge quota 165 CV e 230 Nm, con la coppia massima già disponibile a 2.250 giri/min. In questo modo la 595 Pista tocca i 218 km/h e impiega 7,8 secondi per passare da 80 a 120 km/h in quinta marcia. La trasmissione è quella automatica cinque marce con paddles al volante. GLI ACCESSORI DI SERIE E LE NUOVE COMBINAZIONI CROMATICHE. Lassetto può contare su ammortizzatori posteriori Koni FSD, mentre limpianto frenante prevede dischi anteriori da 284 mm e posteriori da 240 mm. La dotazione di serie include anche il volante sportivo con sezione inferiore piatta, linfotainment Uconnect HD con display da 7" compatibile con Apple CarPlay e Android Auto e lAbarth Telemetry per la guida in pista. La 595 Pista, infine, propone anche nuove personalizzazioni grazie alla scelta delle tinte esterne Grigio opaco, Grigio Record, Grigio Campovolo, Nero Scorpione, Blu Podio, Bianco Gara, Rosso Abarth, Giallo Modena e Verde Adrenalina, tutti abbinati agli accenti esterni Verde Adrenalina. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/ABARTH.HTML 2019-09-12 12:33:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/12/fiat_500x_sport_motori_uscita_e_caratteristiche/gallery/2019-Fiat-500X-Sport-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27173 Fiat 500X Sport - La crossover diventa più grintosa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27173&tipo=fv La FIAT [1] presenta la 500X Sport, allestimento che si pone allapice della gamma della crossover italiana. Dopo lapparizione NEL VIDEO MUSICALE DI AVA MAX [2] e lanteprima alla sede della Figc di Coverciano, la vettura sarà protagonista dei tre porte aperte dei weekend di settembre già programmati per la PROMOZIONE ZERO+ZERO [3] dei marchi Fiat e Lancia. Nella stessa occasione verrà introdotta a listino anche la versione Lounge. TUTTI I MOTORI DELLA GAMMA PER LA SPORT. Lallestimento Sport è caratterizzato innanzitutto dalla disponibilità del propulsore 1.3 T Firefly benzina nella versione da 150 CV e 270 Nm con cambio automatico doppia frizione. Per offrire ai clienti un feeling sportivo sono previsti anche i cerchi di lega da 18" (19" con pneumatici 225/40 opzionali), abbinati allassetto più basso di 13 mm con ammortizzatori Frequency Selective Damping (Fsd) e a una nuova taratura del servosterzo elettrico. Secondo i tecnici della Fiat linsieme degli interventi ha permesso di migliorare dell8% laccelerazione laterale, con un feeling di guida più preciso anche ad alta velocità, riducendo fino al 26% il sottosterzo e fino al 17% il sovrasterzo. Oltre al già descritto 1.3 T da 150 CV con cambio Dct, la 500X Sport potrà essere ordinata con tutte le altre motorizzazioni della gamma: il benzina 1.0 T da 120 CV e i diesel 1.3 mjet da 95 CV e 1.6 mjet da 120 CV. ROSSO SEDUZIONE IN ESCLUSIVA. In esclusiva per la 500X Sport è stata creata anche la tinta esterna Rosso Seduzione, abbinata ai particolari Grigio Titanio delle maniglie, dei paraurti sportivi, delle modanature e delle calotte degli specchietti. Il logo 500 sul portellone è stato rifinito con il trattamento Myron, mentre minigonne e archi passaruota sono in tinta carrozzeria. Nel paraurti posteriore è infine integrato il terminale di scarico cromato a doppia uscita, che rende subito riconoscibile la Sport dalle altre versioni. Oltre al Rosso Seduzione i clienti potranno scegliere i colori Bianco Gelato, Grigio Moda, Blu Italia e Nero Cinema. Nei prossimi mesi si aggiungeranno alle opzioni i cerchi di lega da 19" firmati Mopar con cinque inserti intercambiabili nelle tinte Miron, Dark Miron, Copper e Titanium. INTERNI SPORTIVI, DOTAZIONE COMPLETA. Gli interni della 500X Sport sono caratterizzati dal padiglione e dai montanti di tessuto scuro, dalla grafica specifica del display della strumentazione di colore rosso, dal pomello del cambio dalluminio, dal volante di pelle con sezione inferiore piatta e dalla finitura grigio titanio della plancia con particolari Myron e Rosso Seduzione. I sedili sportivi specifici sono rivestiti con tessuto nero con inserti di vinile e sono impreziositi dal logo 500 grigio e dalle cuciture grigie e rosse. Gli inserti dAlcantara per volante e quadro strumenti, i rivestimenti di pelle e la pedaliera di metallo sono invece opzionali. La dotazione di serie della Fiat 500X Sport include i gruppi ottici Led anteriori e posteriori, il Traffic Sign Recognition con Speed Advisor, il Lane Assist, linfotainment Uconnect compatibile con Apple CarPlay e Adroid Auto, il climatizzatore automatico, i sensori di parcheggio posteriori e il freno a mano elettrico. LA 500X LOUNGE. Accanto alla 500X Sport debutta nella rinnovata gamma anche la 500X Lounge, che pone laccento sul confort e sulle dotazioni. Esteticamente è riconoscibile per i cerchi di lega da 16" e per le calotte degli specchietti in tinta, inoltre sono di serie anche le luci Led diurne e i gruppi ottici posteriori Led. Gli interni propongono volante di pelle, bracciolo anteriore, infotainment Uconnect HD Live, sensori di parcheggio anteriori e posteriori e sensori luci e pioggia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FIAT.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/28/FIAT_500X_SPORT_PRIME_IMMAGINI_DELLA_VERSIONE_SPORTIVA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/09/10/FIAT_E_LANCIA_VIA_ALLA_PROMOZIONE_ZERO_ZERO.HTML 2019-09-12 12:15:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/12/opel_combo_life_e_cargo_elettriche_nel_2021_zafira_life_anche_a_idrogeno/gallery/2019-opel-strategia-elettrica-08.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27172 Opel - Lohscheller: "Entro il 2024 tutti i modelli saranno elettrificati" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27172&tipo=fv La Corsa-e e la Grandland X Hybrid 4 sono solo linizio per la OPEL [1], che al SALONE DI FRANCOFORTE [2] ha delineato la propria strategia per il futuro prossimo. Entro il 2024 tutti modelli saranno elettrificati, parola di Michael Lohscheller, CEO della Casa. Il prossimo passo nella mobilità a emissioni zero sarà compiuto attraverso i veicoli commerciali, Vivaro e Combo, e le multispazio, COMBO LIFE [3] e ZAFIRA LIFE [4]. Questultima avrà anche il compito di esplorare le potenzialità dellidrogeno per conto dellintero gruppo PSA. LACCELERATA DEI VAN. Già nel 2020 arriverà una versione a batteria del Vivaro, seguita, a un anno di distanza, da una omologa della Combo Cargo. Lintento è quello di presidiare il trasporto (soprattutto di merci) dellultimo miglio, confinato nei centri urbani e condizionato dalle restrizioni sulle emissioni imposte sempre più frequentemente dai legislatori. UN JOLLY DESPERIENZA. Entro il 2021 la stessa sorte toccherà alla Combo Life e alla Zafira Life, i modelli per il trasporto di passeggeri. La seconda, in particolare, avrà un ruolo da jolly allinterno della gamma. Anzi, nellintero ecosistema di PSA. Alla Zafira, e al marchio del Fulmine più in generale, tocca infatti il compito di guidare la ricerca e lo sviluppo della tecnologia elettrica a fuel cell per conto dellintero gruppo francese di cui Opel è ormai parte integrante. E la scelta non è casuale. Proprio con la Zafira, LA CASA TEDESCA AVEVA INIZIATO A TESTARE [5] questo sistema propulsivo nei primi anni 2000. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/31/OPEL_NUOVE_VERSIONI_PER_LA_COMBO_LIFE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/09/OPEL_DEBUTTA_LA_ZAFIRA_LIFE.HTML [5] https://www.quattroruote.it/news/eco_news/2004/04/23/in_giro_per_leuropa.html 2019-09-12 11:18:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/12/abarth_595_pista_cavalli_motore_interni_prestazioni/gallery/2019-Abarth-595-Pista-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27171 Abarth 595 - La Pista si aggiorna e diventa più potente http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27171&tipo=fv LABARTH [1] aggiorna la 595 Pista con una serie di interventi pensati per rendere ancora più accattivante e divertente la piccola dello Scorpione. Più potenza, dotazioni ancora più complete e una campagna marketing mirata sono gli ingredienti per attirare i clienti giovani. 165 CV E 218 KM/H. Grazie alla turbina Garrett modificata, al rapporto di compressione ridotto e allo scarico Record Monza, il 1.4 turbo raggiunge quota 165 CV e 230 Nm, con la coppia massima già disponibile a 2.250 giri/min. In questo modo la 595 Pista tocca i 218 km/h e impiega 7,8 secondi per passare da 80 a 120 km/h in quinta marcia. La trasmissione è quella automatica cinque marce con paddles al volante. GLI ACCESSORI DI SERIE E LE NUOVE COMBINAZIONI CROMATICHE. Lassetto può contare su ammortizzatori posteriori Koni FSD, mentre limpianto frenante prevede dischi anteriori da 284 mm e posteriori da 240 mm. La dotazione di serie include anche il volante sportivo con sezione inferiore piatta, linfotainment Uconnect HD con display da 7" compatibile con Apple CarPlay e Android Auto e lAbarth Telemetry per la guida in pista. La 595 Pista, infine, propone anche nuove personalizzazioni grazie alla scelta delle tinte esterne Grigio opaco, Grigio Record, Grigio Campovolo, Nero Scorpione, Blu Podio, Bianco Gara, Rosso Abarth, Giallo Modena e Verde Adrenalina, tutti abbinati agli accenti esterni Verde Adrenalina. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/ABARTH.HTML 2019-09-12 10:52:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/11/millennials_on_the_road_gli_allievi_del_master_in_marketing_auto_guidano_la_suzuki_jimny_video/gallery/2019-millennials-jimny-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27170 Millennials On The Road - Gli allievi del Master in Marketing Auto guidano la Suzuki Jimny - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27170&tipo=fv Essere una fuoristrada dura e pura non ha sminuito il fascino della SUZUKI JIMNY [1], che è stato subito un successo di critica e di pubblico dal suo lancio allinizio dellanno. A guidarla questa settimana sono i nostri millennials che hanno partecipato al Master in MARKETING AUTOMOBILISTICO [2] dellACCADEMIA EDITORIALE DOMUS [3]. Riccardo e Giulio hanno sperimentato cosa vuol dire la guida di unauto che, dal punto di vista tecnico, ricalca esattamente le qualità di una off-roader come se ne facevano una volta. A PARTE IL COLORE MOLTO SIMPATICO e le lineee militaresche, la Jimny offre anche delle caratteristiche uniche di mobilità: le marce ridotte, laltezza da terra e la sua compattezza, infatti, sono il lasciapassare per quelle strade di montagna strette e tortuose dove persino le "regine del deserto" rimangono indietro. Il tutto ad un prezzo che non è impossibile. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/listino/suzuki/jimny [2] https://www.accademiaed.com/it/master/2019/master-marketing-automotive.html [3] https://www.accademiaed.com/ 2019-09-12 10:27:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/11/brabus_d35_adventure_gv12_900_ultimate_e_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-brabus-live-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27169 Brabus - La Classe G con il V12 e una Smart elettrica da 60.000 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27169&tipo=fv Brabus gioca in casa al SALONE DI FRANCOFORTE [1] e presenta due novità legate allevoluzione della gamma Mercedes-Benz e una serie speciale della Smart. Parliamo del kit Brabus B35 per la Classe A, della GV12 900, dellAdventure Package per la Classe G e della Ultimate E. 365 CV PER LA A35 AMG. Per i clienti che hanno scelto la Mercedes-AMG A35 la Brabus ha realizzato il kit PowerXtra B35, che attraverso un modulo aggiuntivo mantiene la garanzia ufficiale grazie al rapporto diretto tra le due aziende. Il 2.0 turbo passa da 306 Cv e 430 Nm a 350 CV e 460 Nm, mentre il pacchetto S raggiunge i 365 CV. La Brabus ha preparato anche una serie di accessori dedicati per la A35: cerchi di lega, kit aerodinamici, impianto di scarico e finiture interne personalizzate. 900 CV E OLTRE 600.000 EURO PER LA GV12. La GV12 900 è una interpretazione decisamente singolare della nuova Classe G. Limitata a 10 esemplari da oltre 600.000 euro luno (tasse escluse), la vettura è ben più di una elaborazione, dal momento che Brabus è arrivato dove neanche lAMG ha scelto di spingersi, riportando un V12 nel cofano della Classe G. Parliamo in questo caso del 6,3 litri biturbo da 900 CV e 1.200 Nm (e 433 g/km di CO2 per quanto possa contare), che permette di toccare i 280 km/h e di passare da 0 a 100 km/h in 3,8 secondi nonostante la mole della vettura. Le modifiche allassetto, con cerchi da 23" con pneumatici 295/35 e 335/30 e regolazioni dellelettronica degli ammortizzatori sono commisurate alle prestazioni, così come quelle allimpianto frenante. Inoltre estetica e aerodinamica sono state curate per rendere unica questa interpretazione sfruttando solo componenti in fibra di carbonio. Gli interni in pelle nappa sono stati totalmente rivisti e sono ovviamente personalizzabili secondi i gusti dei clienti. ADVENTURE PACKAGE PER LA CLASSE G. Per chi non volesse cercare le prestazioni assolute la Brabus ha realizzato anche lAdventure Package per tutte le Classe G. Laccento sullo stile da fuoristrada puro è evidente nella scelta di allargare di 10 cm le carreggiate per ospitare i cerchi da 20" con pneumatici 285/55, inoltre è previsto lassetto rialzato di 40 mm. Nel frontale è integrato un argano elettrico, mentre sul tetto è presente un portapacchi con fendinebbia frontali. Per la versione G350d utilizzata come base per questo esemplare è stata anche installata una centralina aggiuntiva che permette di raggiungere una potenza massima di 326 CV e 690 Nm. 28 ESERMPLARI PER LA SMART ELETTRICA DA 60.000 EURO. La Ultimate E è lennesima serie speciale che Brabus ha dedicato alla Smart. Sono previsti 28 esemplari numerati da 58.845 euro luno (prezzo in Germania) e la base è quella della Smart EQ elettrica nella variante pre-restyling, appena uscita di produzione. La personalizzazione include il kit estetico Widestar con appendici aerodinamiche e passaruota allargati, i cerchi di lega forgiati da 18", lassetto ribassato e gli interni rivestiti in pelle e Alcantara. La tinta esterna Royal Purple (una delle tante opzioni personalizzabili) è coordinata con le finiture interne e ogni particolare visibile dellabitacolo è stata rivista e personalizzata. Il motore elettrico, infine, è stato portato a 92 CV e 180 Nm e permette di toccare i 100 km/h da fermo in 10,9 secondi, con una velocità massima autolimitata di 130 km/h. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-12 09:53:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/11/brabus_d35_adventure_gv12_900_ultimate_e_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-brabus-live-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27168 Brabus - La Classe G con il V12 e una Smart elettrica da 60.00 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27168&tipo=fv Brabus gioca in casa al SALONE DI FRANCOFORTE [1] e presenta due novità legate allevoluzione della gamma Mercedes-Benz e una serie speciale della Smart. Parliamo del kit Brabus B35 per la Classe A, della GV12 900, dellAdventure Package per la Classe G e della Ultimate E. 365 CV PER LA A35 AMG. Per i clienti che hanno scelto la Mercedes-AMG A35 la Brabus ha realizzato il kit PowerXtra B35, che attraverso un modulo aggiuntivo mantiene la garanzia ufficiale grazie al rapporto diretto tra le due aziende. Il 2.0 turbo passa da 306 Cv e 430 Nm a 350 CV e 460 Nm, mentre il pacchetto S raggiunge i 365 CV. La Brabus ha preparato anche una serie di accessori dedicati per la A35: cerchi di lega, kit aerodinamici, impianto di scarico e finiture interne personalizzate. 900 CV E OLTRE 600.000 EURO PER LA GV12. La GV12 900 è una interpretazione decisamente singolare della nuova Classe G. Limitata a 10 esemplari da oltre 600.000 euro luno (tasse escluse), la vettura è ben più di una elaborazione, dal momento che Brabus è arrivato dove neanche lAMG ha scelto di spingersi, riportando un V12 nel cofano della Classe G. Parliamo in questo caso del 6,3 litri biturbo da 900 CV e 1.200 Nm (e 433 g/km di CO2 per quanto possa contare), che permette di toccare i 280 km/h e di passare da 0 a 100 km/h in 3,8 secondi nonostante la mole della vettura. Le modifiche allassetto, con cerchi da 23" con pneumatici 295/35 e 335/30 e regolazioni dellelettronica degli ammortizzatori sono commisurate alle prestazioni, così come quelle allimpianto frenante. Inoltre estetica e aerodinamica sono state curate per rendere unica questa interpretazione sfruttando solo componenti in fibra di carbonio. Gli interni in pelle nappa sono stati totalmente rivisti e sono ovviamente personalizzabili secondi i gusti dei clienti. ADVENTURE PACKAGE PER LA CLASSE G. Per chi non volesse cercare le prestazioni assolute la Brabus ha realizzato anche lAdventure Package per tutte le Classe G. Laccento sullo stile da fuoristrada puro è evidente nella scelta di allargare di 10 cm le carreggiate per ospitare i cerchi da 20" con pneumatici 285/55, inoltre è previsto lassetto rialzato di 40 mm. Nel frontale è integrato un argano elettrico, mentre sul tetto è presente un portapacchi con fendinebbia frontali. Per la versione G350d utilizzata come base per questo esemplare è stata anche installata una centralina aggiuntiva che permette di raggiungere una potenza massima di 326 CV e 690 Nm. 28 ESERMPLARI PER LA SMART ELETTRICA DA 60.000 EURO. La Ultimate E è lennesima serie speciale che Brabus ha dedicato alla Smart. Sono previsti 28 esemplari numerati da 58.845 euro luno (prezzo in Germania) e la base è quella della Smart EQ elettrica nella variante pre-restyling, appena uscita di produzione. La personalizzazione include il kit estetico Widestar con appendici aerodinamiche e passaruota allargati, i cerchi di lega forgiati da 18", lassetto ribassato e gli interni rivestiti in pelle e Alcantara. La tinta esterna Royal Purple (una delle tante opzioni personalizzabili) è coordinata con le finiture interne e ogni particolare visibile dellabitacolo è stata rivista e personalizzata. Il motore elettrico, infine, è stato portato a 92 CV e 180 Nm e permette di toccare i 100 km/h da fermo in 10,9 secondi, con una velocità massima autolimitata di 130 km/h. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-11 19:26:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/11/renault_captur_la_seconda_generazione_al_salone_di_francoforte/gallery/2019-renault-captur-live-08.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27167 Renault Captur - La seconda generazione al Salone di Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27167&tipo=fv La SECONDA GENERAZIONE DELLA CAPTUR [1] è la protagonista dello stand RENAULT [2] del SALONE DI FRANCOFORTE [3]. La b-suv francese ha ottenuto fino a oggi un grande successo e torna seguendo la formula già scelta per la Clio: design evoluto ma non rivoluzionato, meccanica aggiornata e interni totalmente rivisti dal punto di vista della qualità e delle dotazioni. SPAZIO IN CRESCITA, NEL 2020 LA PHEV. La piattaforma cmf-b ha permesso di portare la lunghezza a 4,23 metri (+11 cm) migliorando sensibilmente sia labitabilità interna che la capacità del bagagliaio, che cresce infatti fino a 536 litri. La plancia integra il display verticale fino a 9,3 pollici già presentato sulla Clio e la strumentazione digitale da 7 o 10,2". Al via della commercializzazione la Captur sarà proposta nelle versioni benzina 1.0 TCe 100 CV e 1.3 TCe 130 e 155 CV e in quelle diesel 1.5 da 95 e 115 CV. Nel 2020 sarà la volta della plug-in hybrid E-Tech con autonomia di circa 45 km in modalità esclusivamente elettrica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/03/RENAULT_CAPTUR_2019_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO_MOTORI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/RENAULT [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-11 17:54:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/11/wey_s_e_x_dalla_cina_due_nuove_suv_elettriche/gallery/2019-Wey-S-Concept-11.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27166 Wey-S e X - Dalla Cina due nuove Suv elettriche - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27166&tipo=fv La cinese WEY [1], brand premium della Great Wall specializzato in Suv, torna al SALONE DI FRANCOFORTE [2] dopo lesperienza del 2017 presentando le concept Wey-X e Wey-S. Lo sbarco in Europa è stato annunciato per il 2021, mentre la produzione rimarrà in Cina fino a quando i volumi non giustificheranno un investimento in una fabbrica nel territorio dellUnione Europea. IL NUOVO STILE PIONEER TENSION AESTHETICS. Le due Suv aprono una finestra sul futuro e anticipano alcuni dei contenuti che vedremo sui modelli di serie. Vine dato molto risalto allaspetto stilistico, introducendo elementi nuovi per il giovane marchio per trovare una propria identità nellaffollato settore delle sport utility. Linee tese, forme geometriche e gruppi ottici Led con taglio verticale caratterizzano entrambi i prototipi, così come il colore azzurro. La Wey definisce questo stile Pioneer Tension Aesthetics. ELETTRICHE A GUIDA AUTONOMA. Le sport utility condividono la natura elettrica del powertrain e la presenza di sistemi di guida autonoma di Livello 4. La Wey-S, più compatta e vicina a un modello di serie, propone una plancia con doppio display e dichiara una potenza massima di 354 CV per circa 400 km di autonomia, mentre la più grande Wey-X può arrivare a percorrere fino a 510 km ed è caratterizzata da interni con quattro sedute singole. La plancia è in questo caso sostituita da un unico grande display, mentre il volante assume la forma di una cloche. La griglia anteriore e la sezione inferiore del portellone sono inoltre costituite da display che possono interagire con il mondo esterno attraverso grafiche e scritte personalizzate. Accanto ai prototipi, la Wey ha mostrato a Francoforte anche i propri prodotti di serie, con lanteprima europea delle VV7 e VV7 GT PHEV. I modelli si distinguono per la carrozzeria: suv da 4,7 metri la prima e suv-coupè la seconda, mentre il powertrain è condiviso. Il sistema plug-in hybrid combina un 2.0 turbo benzina da 227 CV ad un motore elettrico, ma lunico dato disponibile al momento è quello dellautonomia ad emissioni zero, pari a 70 km. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2018/01/18/WEY_FOTO_SPIA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-11 17:26:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/06/26/volvo_xc90_armoured_la_suv_diventa_blindata/gallery/2019-volvo-xc90-armoured-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27165 Volvo XC90 Armoured - La Suv diventa blindata - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27165&tipo=fv La VOLVO [1] presenta la XC90 Armoured, una versione blindata della suv svedese realizzata da Volvo Cars Special Vehicles in collaborazione con la tedesca Trasco. Il progetto ha richiesto due anni di sviluppo ed è stato finalizzato a ottenere la certificazione VR8, ma è prevista anche una variante semplificata da poter installare dopo la produzione. LA XC90 ARRIVA A 4.490 KG. La base di partenza è quella della XC90 T6 AWD [2] nellallestimento Inscription, a cui vengono aggiunti circa 1.400 kg di materiali speciali per la blindatura e accessori dedicati. Il peso massimo della vettura, con cinque persone a bordo, raggiunge i 4.490 kg e per questo motivo sospensioni e impianto frenante sono stati rivisti di conseguenza. Le vetture possono inoltre essere personalizzate secondo le necessità dei singoli clienti. XC60 E XC90 ANCHE IN VERSIONE BLINDATA LEGGERA. Come alternativa la Volvo propone anche una blindatura leggera che può essere applicata alla XC90 E ALLA XC60 [3]. Il target è quello delluso professionale e dei corpi diplomatici e in questo caso laggravio di peso è limitato a 250 kg, ma sono comunque previste modifiche a sospensioni e impianto frenante. Questa tipologia di blindatura leggera è stata studiata per essere aggiunta a veicoli già prodotti: in Brasile, dove è particolarmente alta la richiesta del mercato, sarà realizzato uno stabilimento dedicato. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLVO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/22/VOLVO_XC90_RESTYLING_FOTO_MOTORI_IBRIDO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2018/03/28/WORLD_CAR_OF_THE_YEAR_2018_VINCE_VOLVO_XC60.HTML 2019-09-11 17:26:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/11/hongqi_e115_e_s9_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-Hongqi-e115-live-11.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27163 Hongqi - Svelate una Suv elettrica e una hypercar ibrida - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27163&tipo=fv Il gruppo cinese FAW è presente al SALONE DI FRANCOFORTE [1] con il marchio premium Hongqi, che svela in anteprima le concept E115 ed S9. In passato la Casa era nota per le sue berline di rappresentanza, ma i prototipi dimostrano lintenzione di diversificare in maniera netta la propria offerta, puntando in futuro anche al mercato europeo. SUV ELETTRICA KING SIZE DA 600 KM DI AUTONOMIA. La E115 è una suv di grandi dimensioni a propulsione elettrica. Le dimensioni abbondanti sono esaltate da linee piuttosto massicce disegnate dal team di Giles Taylor (ex Rolls-Royce). Il frontale quasi totalmente chiuso è dotato di una finta mascherina sviluppata in altezza, mentre i gruppi ottici a Led sono molto sottili allanteriore e più grandi nella zona posteriore. Gli interni non sono stati mostrati, mentre si notano le telecamere che sostituiscono gli specchietti, integrate in un supporto dalla forma particolarmente elaborata. Pochi ma significativi i dati tecnici: 600 km di autonomia e guida autonoma di Livello 4 integrata. 1.400 CV E 400 KM/H PER LA S9 IBRIDA. La S9 guarda verso una clientela totalmente diversa e immagina una hypercar ibrida da 1.400 CV. Secondo i pochi dati tecnici diffusi, il propulsore V8 4.0 sovralimentato in posizione centrale è affiancato da una unità elettrica, ma non è dato sapere se si tratti di un sistema plug-in hybrid. La vettura promette di raggiungere i 400 km/h e di toccare i 100 km/h da fermo in 1,9 secondi. La carrozzeria vanta linee piuttosto originali e portiere ad ala di gabbiano, oltre a un alettone posteriore dalla forma a boomerang. Gli interni sono essenziali, con un unico display davanti al guidatore e la console ridotta al minimo per separare i due sedili. Davanti al guidatore un volante in stile cloche, mentre i comandi del cambio automatico si trovano sulla plancia. Secondo alcune indiscrezioni la S9 potrebbe essere prodotta in serie limitata nel 2020, a un prezzo che rimane ancora sconosciuto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-11 17:26:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/11/zf_evplus_oltre_100_km_d_autonomia_per_le_ibride_plug_in/gallery/2019-ZF-EVPlus-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27164 ZF EVPlus - Oltre 100 km dautonomia per le ibride plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27164&tipo=fv La ZF ha presentato al SALONE DI FRANCOFORTE [1] EVPlus, una tecnologia dedicata ai veicoli plug-in hybrid (Phev) che consente di superare i 100 km di autonomia reale con la sola energia elettrica. Il sistema, mostrato su una BMW Serie 3 berlina, aumenta significativamente le percorrenze medie dei modelli attuali. In Germania l88% dei guidatori guida per meno di 100 km per spostamenti privati e di lavoro durante la settimana, mentre la presenza del propulsore endotermico garantisce la mobilità anche nei fine settimana e nei viaggi a lungo raggio. NEL 2022 ANCHE SUI MODELLI DEL GRUPPO FCA. Il concept della ZF [2], la cui versione di produzione dovrebbe debuttare nel 2022, prevede lutilizzo di una nuova versione della diffusa trasmissione automatica otto marce con integrato un propulsore elettrico. Ad alimentare il sistema sono presenti batterie da 35 kWh che pur essendo molto più capienti rispetto a quelle dei modelli attuali, non penalizzano gli ingombri. La potenza di picco del propulsore elettrico raggiunge i 130 CV e la vettura è in grado di coprire oltre 100 km in condizioni di guida reale, pur utilizzando i servizi di bordo come il climatizzatore. Future integrazioni dei sistemi di geofencing consentiranno di automatizzare le procedure di attivazione della modalità elettrica e di conservazione della carica, migliorando ulteriormente lefficienza dei veicoli Phev. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2019/07/08/ZF_LE_NOVITA_PER_L_ELETTRIFICAZIONE.HTML 2019-09-11 17:26:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/11/general_motors_richiamo_per_3_46_milioni_di_veicoli_in_usa/gallery/2019-Cadillac-Escalade-008.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27160 General Motors - Richiamo per 3,46 milioni di veicoli in Usa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27160&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] ha avviato una campagna per richiamare 3,46 milioni di pick-up e Suv commercializzati negli Stati Uniti. Liniziativa è stata programmata per riparare un difetto al sistema frenante e risolvere il conseguente rischio di incidenti. NOVE INCIDENTI SOTTO INDAGINE. Il problema, riscontrato nei model year dal 2014 al 2018 di diversi veicoli come Cadillac Escalade, Chevrolet Silverado, Tahoe e Suburban e GMC Sierra e Yukon, è legato alla pompa del vuoto del freno idraulico, che rischia di esaurire la sua efficacia a causa di possibili detriti accumulati nel tempo allinterno del filtro. La riparazione presso i concessionari verterà su una riprogrammazione del modulo di controllo elettronico dei freni con una nuova calibrazione che dovrebbe migliorare le modalità di funzionamento del freno idraulico in caso di esaurimento del vuoto allinterno della pompa. Il difetto, secondo unindagine preliminare della NHTSA (lagenzia federale statunitense per la sicurezza dei trasporti), ha determinato nove incidenti e due infortuni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL-MOTORS 2019-09-11 16:52:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/byton_m_byte_svelata_a_francoforte_la_suv_elettrica_cinese/gallery/2019-byton-m-byte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27161 Byton M-Byte - Svelata a Francoforte la Suv elettrica cinese - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27161&tipo=fv Dopo aver mosso i primi passi nel mondo dellelettronica di consumo in occasione delle due ultime edizioni del Ces di Las Vegas, per il nuovo costruttore Byton è arrivato il momento di buttarsi nella mischia del mondo automotive. Il debutto in grande stile avviene al SALONE DI FRANCOFORTE [1], dove la start-up cinese arriva senza troppi timori reverenziali, rivelando in toto il suo primo modello, la SUV ELETTRICA M-BYTE [2]. A ME GLI OCCHI. Da un punto di vista estetico, la Byton M-Byte sfoggia una carrozzeria dal taglio moderno e ben levigata, che va alla ricerca della massima efficienza aerodinamica. Il tratto più personale è la grande fascia grigia che attraversa il frontale; un elemento che i designer hanno scelto per definire il family feeling del brand, in vista di altri modelli che arriveranno un domani. Di grande effetto è anche il montante posteriore, che fa sembrare il tetto come sospeso. Per il resto si fanno notare i sottili fari a Led, una tecnologia utilizzata anche dalle luci posteriori e dai pannelli che permetteranno allauto di comunicare con lambiente circostante una volta che sarà implementata la guida autonoma. MAXI SCHERMO. Dove però i designer hanno liberato la fantasia è nellabitacolo. Linterno è dominato da quellenorme schermo da 48 che aveva acceso i riflettori sulla prima concept della M-Byte e che fissa un record assoluto di dimensioni su unauto. Il display è personalizzabile e può essere gestito con i comandi gestuali, vocali o attraverso un touch screen da sette pollici montato al centro del volante, così come con un pad da otto pollici che fa da estensione al mobiletto centrale ed è a disposizione del passeggero anteriore. Oltre a stupire con effetti speciali, lambiente offre una quantità di spazio superiore alla media, che può essere sfruttato al meglio grazie al pavimento piatto e al fatto che i sedili anteriori ruotino verso il centro, per creare un clima salottiero. Per la zona posteriore è invece prevista la possibilità di scegliere tra il classico divano o una coppia di poltrone singole. UNO O DUE MOTORI. A livello tecnico, la versione base della Byton M-Byte dispone di un motore elettrico che scarica i suoi 272 CV sulle ruote posteriori, promettendo unautonomia di 360 km nel ciclo Wltp. La versione di punta monta invece un secondo motore collegato alle ruote anteriori che dà vita a una trazione integrale a controllo elettronico e fa salire la potenza massima di sistema a 408 CV, con unautonomia stavolta di 435 km. La capacità delle batterie è nei due casi rispettivamente di 72 e 95 kWh. FACCIAMO I CONTI. La M-Byte potrà essere ordinata a partire dalla prima metà del 2020 ma i vertici della Casa annunciano di aver già raccolto 50.000 prenotazioni in giro per il mondo. Le prime consegne avverranno in Cina nella seconda metà del prossimo anno, in contemporanea con lapertura degli ordini in America e in Europa, dove lauto arriverà però solo nel 2021. Anche se i tempi sono ancora lunghi, al quartier generale si sbottonano già sul prezzo e parlano di un listino che partirà da 45.000 euro, cifra piuttosto competitiva rispetto agli attuali scenari di mercato. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/17/BYTON_M_BYTE_SVELATI_GLI_INTERNI_DI_SERIE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2019-09-11 16:52:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/bmw_i_hydrogen_next_immagini_caratteristiche_tecniche_della_suv_a_idrogeno/gallery/2019-bmw-i-hydrogen-next-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27162 BMW i Hydrogen Next - Una X5 a idrogeno esplora il futuro - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27162&tipo=fv La BMW [1] continua a portare avanti la ricerca sulla tecnologia fuel cell e lo dimostra al SALONE DI FRANCOFORTE [2] presentando la i Hydrogen NEXT. Il prototipo è basato sulla X5 [3] ed è il risultato della sperimentazione che la Casa tedesca sta portando avanti insieme alla Toyota, grazie a una partnership siglata nel 2013. Lobiettivo della BMW è quello di portare questa vettura sul mercato nel 2022, introducendo così, in serie limitata, una versione elettrica alimentata a celle a cambustibile della X5. Il lancio di modelli di serie alimentati a idrogeno è invece previsto per il 2025, ma molto dipenderà dallo sviluppo delle infrastrutture di rifornimento. LA X5 NON HA BISOGNO DI MODIFICHE. A livello puramente stilistico, la i Hydrogen NEXT si distingue dalla X5 di serie in maniera leggera, dimostrando le potenzialità di integrazione di questo powertrain nei veicoli attuali. Al di là delle grafiche blu tridimensionali applicate alla carrozzeria Mineral White, caratteristiche di questo prototipo sono soltanto le finiture azzurre del doppio rene anteriore, del diffusore e dei cerchi di lega, oltre al disegno inedito delle griglie frontali. Il paraurti posteriore è inoltre privo di terminali di scarico a vista, dal momento che la propulsione è esclusivamente elettrica. UN PIENO IN MENO DI 4 MINUTI. I due serbatoi di idrogeno sono posizionati al centro del veicolo, nel tunnel che ospita la trasmissione, e sono disposti a T, ma per il momento la BMW non ha fornito indicazioni sulla relativa capacità totale. La cella a combustibile si trova nel vano anteriore, mentre sopra lasse posteriore è posizionata una batteria che viene utilizzata per gestire i picchi di potenza e il recupero denergia in frenata. Il motore elettrico è unico ed è posizionato sullasse posteriore. La BMW non ha per il momento fornito indicazioni su potenza, autonomia e prestazioni, ma ha confermato che con questauto il rifornimento può essere effettuato in meno di quattro minuti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2018/09/27/BMW_X5_AL_VOLANTE_DELLA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML 2019-09-11 16:52:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/alpina_b3_motore_foto_prestazioni/gallery/2019-BMW-Alpina-B3-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27159 Alpina B3 - La BMW Serie 3 diventa più sportiva - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27159&tipo=fv La nuova BMW SERIE 3 TOURING [1] ha debuttato solo poche settimane fa ma per lALPINA [2] è già tempo di svelare sulla passerella del SALONE DI FRANCOFORTE [3] la variante ipervitaminizzata della familiare bavarese. Seguendo una prassi consolidata, il modello porta la sigla B3 e si guarda bene dallurlare ai quattro venti la sua vera natura sportiva, preferendo un profilo basso e una certa sobrietà. SENZA ECCESSI. I segni distintivi si concentrano nella parte bassa della carrozzeria, con la piccola scritta Alpina a fare da biglietto da visita in un fascione movimentato da voraci prese daria con griglie a nido dape. Nella vista laterale spiccano inediti cerchi da 19 con ciascuna della cinque razze suddivisa in quattro, in alternativa ai quali se ne possono avere altri da 20 con disegno a raggiera. Dal muscoloso paraurti posteriore spuntano poi due coppie di terminali di scarico. IL TRE LITRI ARRIVA A 700 NM. Ciò che rende speciale la B3 Touring è però il motore, che alza lasticella delle prestazioni rispetto al sei cilindri in linea da tre litri della BMW Serie 3. I tecnici della Alpina hanno riprogettato il sistema di sovralimentazione che, grazie alle sue due turbine, porta la potenza massima a 462 CV, facendo registrare a 3.000 giri anche un nuovo picco di coppia di 700 Nm, sufficienti a spingere la familiare oltre i 300 km/h. Gli ingegneri vanno comunque fieri anche dei dati relativi a consumi ed emissioni, rispettivamente pari a 11,1 l/100 e a 252 g/km nel ciclo Wltp. SOLO INTEGRALE. Quanto al cambio, la B3 punta su un automatico a otto marce messo a punto dalla ZF. Il reparto trasmissione si completa con lultima evoluzione della trazione integrale xDrive, capace di distribuire in modo intelligente la forza motrice tra i due assi, e con un differenziale posteriore autobloccante a controllo elettronico, una vera benedizione per gli amanti della guida sportiva e funambolica. I prezzi della BMW Alpina B3 Touring sono ancora in via di definizione ma si sa per certo che gli ordini si apriranno allinizio del 2020, con le prime consegne previste invece per la metà dellanno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/12/BMW_SERIE_3_TOURING_DIMENSIONI_LUNGHEZZA_IBRIDA_USCITA.HTML/?=0 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALPINA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-11 16:49:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/11/volkswagen_id_charger_prezzo_e_versioni_della_wallbox/gallery/2019-Volkswagen-ID-Charger-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27158 Volkswagen ID Charger - Tre versioni con prezzi da 399 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27158&tipo=fv Oltre allattesissima ID3 [1], la VOLKSWAGEN [2] ha presentato al SALONE DI FRANCOFORTE [3] anche la nuova gamma di Wallbox ID Charger, che saranno disponibili per lordine a partire da novembre e si caratterizzano per il favorevole rapporto tra caratteristiche e prezzo. Curiosità: i caricatori mostrano già il logo aggiornato della Casa tedesca appena presentato. DA 349 A 849 EURO. I clienti potranno acquistare lID Charger a partire da 399 euro, con tre versioni a disposizione. Già dal modello base è prevista la ricarica a 11 kW, sufficiente per caricare in sei ore le batterie da 58 kWh della ID.3 nella versione entry level della gamma. La versione ID Charger Connect da 599 euro aggiunge la connettività Lan e Wlan (con Lte opzionale) per poter controllare e gestire in remoto le operazioni di ricarica attraverso unApp. Con lID Charger Pro, infine, il modulo Lte viene fornito di serie insieme a un sistema specifico di misurazione dei kWh per la gestione dei costi: in questo caso il prezzo sale a 849 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-11 16:22:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/11/nissan_juke_premiere_edition_dotazioni_tempi_di_consegna_prezzo/gallery/2019-nissan-juke-premiere-edition-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27157 Nissan Juke - Aperti gli ordini per la Premiere Edition http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27157&tipo=fv Il fatto che la SECONDA GENERAZIONE DELLA NISSAN JUKE [1] sia destinata a debuttare sul mercato con una versione speciale è noto da tempo, così come che questa serie a tiratura limitata sarà realizzata in soli 500 esemplari, di cui 30 destinati allItalia. Ora però al quartier generale hanno deciso di svelare nei minimi dettagli le caratteristiche della Juke Premiere Edition, che sarà prenotabile esclusivamente online attraverso il sito della Casa, con lattivazione di un conto alla rovescia che darà un aggiornamento in tempo reale circa il numero delle unità ancora disponibili. ALL BLACK. Questa serie è proposta in ununica livrea bicolore, con carrozzeria Black Metallic e tetto in contrasto Fuji Sunset Red. Lo stesso rosso è utilizzato per calotte degli specchietti, le modanature laterali e le finiture del paraurti anteriore e posteriore, mentre un altro segno distintivo sono i cerchi di lega da 19. Allinterno spiccano i sedili anteriori riscaldati Monoform e i rivestimenti che abbinano la pelle e lAlcantara, oltre ai tappetini con il logo Premiere Edition, alle soglie illuminate e alla targhetta che riporta il numero progressivo dellesemplare. HI-TECH. La Premiere Edition nasce sulla base della versione Tekna con motore 1.0 turbo da 117 cv che si pone al top della gamma. Il suo equipaggiamento comprende anche i Nissan Connected Services, che fanno di questa Juke la Nissan più connessa di sempre. Nella dotazione spiccano poi il sistema audio Bose Personal Plus con otto altoparlanti e tutte le tecnologie che rientrano nellorbita Nissan Intelligent Mobility. Tra loro vanno ricordati lAround View Monitor, il cruise control adattivo, il rilevamento dellattenzione del guidatore, il monitoraggio dellangolo cieco, il sistema di mantenimento della corsia e il radar attraverso cui lauto verifica che nella zona posteriore non ci siano oggetti o soggetti in movimento durante le manovre in retromarcia. La crossover dispone quindi di guida assistita ProPilot, che supporta il guidatore in fase di accelerazione, sterzata e frenata. Le prime consegne della Premiere Edition sono pianificate per novembre. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/03/NISSAN_JUKE_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML 2019-09-11 15:55:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/08/28/seat_tarraco_fr_phev_la_suv_diventa_ibrida_plug_in/gallery/2019-Seat-Tarraco-PHEV-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27156 Seat Tarraco - Ora la Suv è anche ibrida plug-in - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27156&tipo=fv Lera dellibrido arriva anche in casa SEAT [1] con il debutto della TARRACO [2] FR-e. Lallestimento sportivo FR verrà infatti abbinato anche al powertrain plug-in hybrid a partire dal 2020 e lanteprima per il pubblico è fissata al Salone di Francoforte. Entro il 2021 i modelli elettrificati di Seat e Cupra saliranno a sei. 245 CV TOTALI E CIRCA 50 KM IN MODALITà ELETTRICA. Lo schema meccanico della Tarraco FR-e è simile a quello di altri modelli del gruppo Volkswagen ma tarato in maniera specifica: troviamo infatti il 1.4 TSI da 150 CV abbinato a un motore elettrico da 116 CV e alle batterie da 13 kWh. La potenza massima di 245 CV e 400 Nm pone la FR-e allapice della gamma della Suv spagnola, mentre i dati previsionali parlano di oltre 50 km di autonomia elettrica ed emissioni inferiori a 50 g/km sulla media Wltp. Brillanti anche le prestazioni: in attesa dei dati definitivi, la Seat suggerisce una velocità massima di circa 217 km/h e un tempo di circa 7,4 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. Non ci sono al momento informazioni sui tempi e sulle modalità di ricarica delle batterie, né sullautonomia totale sfruttando anche il serbatoio del 1.4 turbo benzina. LE SPECIFICHE DELLA VERSIONE SPORTIVA FR. Lallestimento FR sarà introdotto nella gamma Tarraco sia per la PHEV che per le altre motorizzazioni. La personalizzazione sportiva comprenderà il kit aerodinamico, i paraurti e passaruota specifici totalmente verniciati in tinta, i cerchi in lega da 19" (20" opzionali), i gruppi ottici posteriori led "coast-to-coast" e la colorazione esclusiva Fura Grey. Tra gli optional figureranno anche il Trailer Assist, il Parking Heater per i climi più freddi, linfotanment con schermo da 9,2 pollici e i sedili sportivi regolabili elettricamente con memorie per il guidatore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/02/20/SEAT_AL_VOLANTE_DELLA_TARRACO_NEL_DESERTO_DEL_MAROCCO.HTML 2019-09-11 13:36:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/11/ride_hailing_in_california_i_driver_dovranno_essere_trattati_da_dipendenti/gallery/2019-uber-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27155 Ride-hailing - In California i driver dovranno essere trattati da dipendenti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27155&tipo=fv Il Senato della California ha approvato un disegno di legge che impone ad aziende della giga-economy come la Uber o la Lyft di trattare i lavoratori a contratto (i driver, oppure i rider dei servizi di consegna cibo) come dipendenti. La nuova normativa rischia di rivoluzionare, nei prossimi anni, interi settori delleconomia statunitense, a partite da quello in piena fase di sviluppo del ride-hailing (il trasporto a chiamata). MANCANO SOLO PASSAGGI TECNICI. Il disegno di legge, presentato dalla democratica Lorena Gonzalez e approvato a larga maggioranza dal massimo organo legislativo del Golden State, è già stato approvato dal governatore Gavin Newsom, che dovrebbe apporre la firma definitiva una volta concluso il passaggio della riforma nellAssemblea statale. Si tratta - dopo il via libera del Senato - di una pura formalità: a quel punto, la nuova normativa entrerà in vigore in gennaio. La nuova legge, che codifica e amplia una sentenza della Corte Suprema della California del 2018 e interessa nella sola California almeno un milione di lavoratori attualmente senza protezione sanitaria o pensionistica, riguarda, in particolare, tutte le società che fondano il loro business sullutilizzo di app e stabilisce che i lavoratori debbano essere considerati come lavoratori subordinati e non come autonomi (in America esiste la figura del cosiddetto contractor, assimilabile in Italia a un professionista a partita IVA o a progetto) qualora la società eserciti un controllo sulle loro mansioni o se il loro lavoro rappresenti il fulcro delle normali attività aziendali. ALTRI STATI SEGUIRANNO LA CALIFORNIA? Le aziende della giga-economy hanno cercato di ottenere unesenzione senza successo e ora rischiano di dover assistere a una progressiva estensione della normativa ad altri Stati della federazione. Analoghi disegni di legge sono già in fase di elaborazione, per esempio a New York, dove, tra laltro, è stato varato il salario minimo per i rider ma non è passata la trasformazione del rapporto di lavoro da autonomo a subordinato. Negli Stati di Washington e dellOregon, una normativa simile a quella della California potrebbe essere riproposta con buone chance di successo. Del resto, Sacramento si è spesso dimostrata allavanguardia nel proporre normative capaci di colmare vuoti legislativi a livello federale, diventando lesempio da seguire per altri Stati americani. Anche in campo automobilistico, il Golden State rappresenta ormai da decenni il punto di riferimento sul fronte della protezione ambientale e sui limiti delle emissioni inquinanti. LA POSIZIONE DELLA GIGA-ECONOMY. Le aziende interessate dalla nuova normativa, che attualmente offrono non solo servizi di trasporto a chiamata ma diverse centinaia di servizi in outsourcing (consegna di cibo, riparazioni last minute, lavanolo, assistenza personale) hanno sempre risposto alle accuse di pagare poco i lavoratori e di non assicurare adeguati livelli di protezione sottolineando come questo tipo di lavoro garantisca flessibilità. Uber e Lyft, che in California hanno decine di migliaia di autisti, hanno già detto che la nuova normativa potrebbe distruggere le loro attività: le quali, tra laltro, continuano a essere in perdita nonostante la stabile crescita dei ricavi. 2019-09-11 13:04:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/11/skoda_citigo_elettrica_superb_kamiq_e_scala_montecarlo_tutte_le_novita_del_salone_di_francoforte_2019_/gallery/2019-Skoda-Superb-Live-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27154 Skoda - Tutte le novità di Francoforte - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27154&tipo=fv Nel corso degli ultimi anni la SKODA [1] ha allargato sensibilmente i suoi orizzonti commercaili, sia a livello geografico, sia dal punto di vista dellofferta di prodotto, con il debutto in tanti nuovi segmenti. La presenza della Casa ceca ora si sviluppa a 360 gradi nel mondo dellautomotive e la sua presenza al SALONE DI FRANCOFORTE [2] è la chiara espressione di questa volontà di assumere sempre più un ruolo da global player. Sullo stand ci sono infatti molte novità, che affrontano anche i temi dellelettromobilità e delle alimentazioni alternative. RALLY E GAS. Lo sport e in particolare i rally stanno giocando un ruolo chiave nellimmagine del brand Skoda e proprio ai rally ammiccano le versioni Monte Carlo della Scala e della Kamiq svelate in anteprima allIAA. Entrambe sono riconoscibili per i molti dettagli neri della carrozzeria, sfoggiano una dotazione particolarmente completa e arriveranno sul mercato verso la fine dellanno con un ampio assortimento di motori. Sempre entro la fine del 2019 entreranno in produzione anche la Scala e la Kamiq nelle varianti G-TEC, a doppia alimentazione benzina e metano, a loro volta presenti a Francoforte in veste ormai definitiva. UNA SVOLTA EPOCALE. Dopo 124 anni di storia La Skoda è pronta a lanciarsi anche nel mondo delle auto elettrificate e la kermesse tedesca tiene a battesimo i modelli con la sigla iV che segneranno questa rivoluzione. Allinizio del 2020 sarà lanciata la Superb iV ibrida plug-in, con unautonomia di 56 km in modalità elettrica e una potenza totale di sistema di 218 CV. La prima elettrice della Freccia Alata è invece la Citigo iV, spinta da un motore elettrico da 61 kW (83 CV) e pronta a coprire con una carica completa 260 km. PRONTA A TUTTO. Tornando alla Superb, il rinnovamento della gamma iniziato con il restyling di metà anno si completa sulla passerella di Francoforte con lintroduzione dellallestimento Scout, che con le sue protezioni in plastica strizza locchio al mondo delle crossover. Proposto solo con la carrozzeria wagon, è ordinabile con i motori al top del listino, 2.0 TDI da 190 CV e 2.0 TSI da 272 CV, abbinati alla trazione integrale. Lammiraglia di Mlada Boleslav monta poi in anteprima al Salone i fari full Led Matrix, il cruise control con logica predittiva e lEmergency Assist, dispositivo capace di gestire le situazioni di emergenza sulle strade a più corsie. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SKODA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-11 13:04:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/11/wey_s_e_x_dalla_cina_due_nuove_suv_elettriche/gallery/2019-Wey-S-Concept-11.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27153 Wey-S e X - Dalla Cina due nuove Suv elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27153&tipo=fv La cinese WEY [1], brand premium della Great Wall specializzato in Suv, torna al SALONE DI FRANCOFORTE [2] dopo lesperienza del 2017 presentando le concept Wey-X e Wey-S. Lo sbarco in Europa è stato annunciato per il 2021, mentre la produzione rimarrà in Cina fino a quando i volumi non giustificheranno un investimento in una fabbrica nel territorio dellUnione Europea. IL NUOVO STILE PIONEER TENSION AESTHETICS. Le due Suv aprono una finestra sul futuro e anticipano alcuni dei contenuti che vedremo sui modelli di serie. Vine dato molto risalto allaspetto stilistico, introducendo elementi nuovi per il giovane marchio per trovare una propria identità nellaffollato settore delle sport utility. Linee tese, forme geometriche e gruppi ottici Led con taglio verticale caratterizzano entrambi i prototipi, così come il colore azzurro. La Wey definisce questo stile Pioneer Tension Aesthetics. ELETTRICHE A GUIDA AUTONOMA. Le due Suv condividono la natura elettrica del powertrain e la presenza di sistemi di guida autonoma di Livello 4. La Wey-S, più compatta e vicina a un modello di serie, propone una plancia con doppio display e dichiara una potenza massima di 354 CV per circa 400 km di autonomia, mentre la più grande Wey-X può arrivare a percorrere fino a 510 km ed è caratterizzata da interni con quattro sedute singole. La plancia è in questo caso sostituita da un unico grande display, mentre il volante assume la forma di una cloche. La griglia anteriore e la sezione inferiore del portellone sono inoltre costituite da display che possono interagire con il mondo esterno attraverso grafiche e scritte personalizzate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2018/01/18/WEY_FOTO_SPIA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-11 11:30:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/ford_la_gamma_elettrificata_protagonista_a_francoforte/gallery/Ford-Puma-hybrid-5.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27151 Ford - La gamma elettrificata protagonista a Francoforte - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27151&tipo=fv La parola dordine nello stand FORD [1] al SALONE DI FRANCOFORTE 2019 [2] è elettrificazione. Secondo unanalisi condotta di recente, i vertici dellOvale Blu si aspettano che entro la fine del 2022 oltre la metà dei clienti sceglierà di acquistare unauto ibrida oppure elettrica e la Casa si attrezza per allestire una gamma in grado di rispondere al più presto alle richieste del mercato. La posizione è chiara: tutti i nuovi modelli Ford che saranno lanciati da qui in avanti dovranno avere almeno una versione elettrificata, sia essa mild hybrid, hybrid, plug in hybrid o full electric. In concreto, la Ford lancerà in Europa ben diciassette veicoli elettrificati da qui al 2024 e otto di loro vedranno la luce già entro la fine dellanno. BATTERIE PER TUTTI. A contendersi i riflettori dellIAA in casa Ford sono soprattutto le Suv e le crossover. In attesa di una nuova proposta ispirata alla Mustang, che arriverà nel 2020, tra le prime spiccano la Kuga, che è il primo modello del marchio studiato con tre le declinazioni ibride mild hybrid, plug-in hybrid e hybrid, e il massiccio Explorer Plug-In Hybrid a sette posti. Tra le seconde cè invece la Puma, che a Francoforte è esposta nel nuovo allestimento di punta Titanium X con cui debutta la variante EcoBoost Hybrid. A spingerla è una motorizzazione mild hybrid che vede il motore mille a tre cilindri turbo supportato da ununità elettrica con tecnologia 48 Volt. A completare il quadro ci sono poi il Tourneo Custom Plug-In Hybrid e la Mondeo Hybrid wagon, che con la sua tecnologia ibrida self-charging si pone come alternativa al motore diesel. SCATOLA MAGICA. In occasione del Salone di Francoforte, la Ford ha sottolineato anche che, per limitare il problema dei lunghi tempi di ricarica delle batterie attraverso la comune rete elettrica, collaborerà con sei grandi fornitori di energia. Con questa partnership potrà offrire ai clienti di veicoli elettrificati tariffe dedicate e linstallazione di potenti wall box capaci di assicurare una ricarica più rapida di un terzo e al tempo stesso più economica. Quanto invece alle ricariche lontano da casa, la Casa americana sta ultimando lo sviluppo di una nuova app per smartphone e tablet che, in collaborazione stavolta con NewMotion, farà da passepartout in oltre 118.000 punti di ricarica, in 30 Paesi, semplificando lutilizzo delle infrastrutture e i pagamenti. UNA SCOSSA AL PUBBLICO. Fino al 22 settembre, infine, i visitatori dellIAA potranno familiarizzare con luniverso delle auto elettriche attraverso liniziativa Go Electric. Con essa Ford mette a disposizione tra le altre cose il primo simulatore di accelerazione per veicoli elettrici al mondo e dà lopportunità di fare esperienze in cui il potenziale cliente può capire quale modello elettrificato possa fare al caso suo. Dopo il Salone Go Electric sarà protagonista di un tour europeo che tra la fine del 2019 e linizio del 2020 toccherà diversi Stati, compresa anche lItalia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-11 11:01:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/11/rivian_la_cox_automotive_investe_350_milioni_di_dollari_nei_pick_up_elettrici/gallery/2019-rivian-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27152 Rivian - La Cox Automotive investe 350 milioni di dollari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27152&tipo=fv La RIVIAN [1] continua ad attrarre investitori e a raccogliere capitale freschi per sostenere i suoi programmi di sviluppo. La Cox Automotive, azienda di Atlanta (Georgia) specializzata in servizi commerciali e logistici per il settore automobilistico, ha siglato un accordo per investire 350 milioni di dollari (quasi 320 milioni di euro) nella start-up, intenzionata a lanciare un innovativo pick-up elettrico. TERZO INVESTIMENTO DEL 2019. Per la Rivian si tratta del terzo grande investitore ad entrare nella sua compagnie azionaria dallinizio dellanno. A febbraio, il colosso delle-commerce AMAZON [2] ha partecipato a un round di raccolta fondi da 700 milioni di dollari, mentre in aprile la FORD [3] è diventata azionista iniettando ben 500 MILIONI [4]. Le risorse finora raccolte dalla start-up sono destinate a sostenere principalmente lavvio delle attività produttive presso lo stabilimento di Normal (Illinois), acquistato nel 2017 dalla Mitsubishi Motors per circa 16 milioni di dollari. LINEDITA ARCHITETTURA "SKATEBOARD". Fondata nel 2009 da RJ Scaringe, lazienda ha sviluppato unarchitettura di prodotto particolarmente innovativa per la sua conformazione a "skateboard", capace di garantire prestazioni elevate e unautonomia di almeno 400 miglia (640 chilometri) con una singola ricarica. Il progetto, sostenuto inizialmente da una società di investimenti saudita legata al MIT di Boston, la Abdul Latif Jameel, dalla giapponese Sumitomo e dalla britannica Standard Chartered Bank, ha attratto linteresse di tutto il settore automobilistico. AVVIO PRODUTTIVO NEL 2020. Finora, le attività della startup si sono concretizzate con la presentazione del pick-up R1T [5] e della SUV R1S [6]: ora manca solo il tassello finale dellavvio della produzione, previsto per la fine del 2020. Dal punto di vista commerciale, lobiettivo è vendere 20 mila veicoli nel 2021 e il doppio già nel 2022, anche se alla fabbrica di Normal viene riconosciuta una capacità produttiva annuale di quasi 250 mila unità. Entro il 2025, la Rivian, progetta di lanciare quattro veicoli. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/02/15/RIVIAN_LA_STARTUP_DEL_PICK_UP_ELETTRICO_PIACE_AD_AMAZON.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FORD.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/04/24/RIVIAN_LA_FORD_INVESTE_500_MILIONI_DI_DOLLARI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/26/RIVIAN_R1T_DEBUTTA_IL_PICK_UP_ASPETTANDO_LA_SUV_R1S.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/RIVIAN_R1S_SUV_ELETTRICA_FOTO_BATTERIA_INFORMAZIONI.HTML 2019-09-11 11:01:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/11/pininfarina_al_via_un_alleanza_per_una_nuova_piattaforma/gallery/2019-pininfarina-ev-platform-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27150 Pininfarina - Con Bosch e Benteler una piattaforma per elettriche ad alte prestazioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27150&tipo=fv Il successo riscosso dalla Battista a giugno in occasione del Parco Valentino Motor Show ha dato slancio e unimportante iniezione di fiducia alla Pininfarina. Lazienda, che oggi ha il quartier generale a Monaco ed è di proprietà dellindiana Mahindra Mahindra, ha così annunciato al SALONE DI FRANCOFORTE [1] di aver stretto una partnership con Bosch e Benteler per lo sviluppo di una nuova piattaforma attorno alla quale potrà far nascere una futura gamma di modelli elettrici di lusso ad alte prestazioni. ANCHE CONTO TERZI. La joint venture potrebbe però spingersi anche oltre. Pininfarina, Bosch e Benteler stanno infatti valutando attentamente lo spessore e le caratteristiche che potrebbe assumere il mercato delle auto elettriche per capire quanto margine ci sia per fornire un domani la stessa piattaforma anche ad altri costruttori. Lidea di Pininfarina è infatti quella di sfruttare la modularità e la flessibilità tipiche delle piattaforme concepite per le vetture a emissioni zero per proporre a terzi una base collaudata, confezionata utilizzando conoscenze avanzate e tecnologie al top. GIOCO DI SQUADRA. Indipendentemente dai risultati di queste analisi, si è già cominciato a raccogliere le idee su come incrociare al meglio le capacità interne con quelle dei partner. Se Pininfarina è infatti unautorità in materia di design e di progettazione, la Bosch può dare al team un contributo fondamentale con lapporto di sistemi elettronici di bordo allavanguardia per freni, sterzo e dispositivi di sicurezza e di guida autonoma. Il ruolo della Benteler sarà invece quello di ridurre i tempi della fase di ricerca e sviluppo con un vasto know how industriale che spazia in molti ambiti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-11 10:29:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/11/rivian_la_cox_automotive_investe_350_milioni_di_dollari_nei_pick_up_elettrici/gallery/2019-rivian-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27149 Rivian - La Cox Automotive investe 350 milioni di dollari nellelettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27149&tipo=fv La RIVIAN [1] continua ad attrarre investitori e a raccogliere capitale freschi per sostenere i suoi programmi di sviluppo. La Cox Automotive, azienda di Atlanta (Georgia) specializzata in servizi commerciali e logistici per il settore automobilistico, ha siglato un accordo per investire 350 milioni di dollari (quasi 320 milioni di euro) nella start-up, intenzionata a lanciare un innovativo pick-up elettrico. TERZO INVESTIMENTO DEL 2019. Per la Rivian si tratta del terzo grande investitore ad entrare nella sua compagnie azionaria dallinizio dellanno. A febbraio, il colosso delle-commerce AMAZON [2] ha partecipato a un round di raccolta fondi da 700 milioni di dollari, mentre in aprile la FORD [3] è diventata azionista iniettando ben 500 MILIONI [4]. Le risorse finora raccolte dalla start-up sono destinate a sostenere principalmente lavvio delle attività produttive presso lo stabilimento di Normal (Illinois), acquistato nel 2017 dalla Mitsubishi Motors per circa 16 milioni di dollari. LINEDITA ARCHITETTURA "SKATEBOARD". Fondata nel 2009 da RJ Scaringe, lazienda ha sviluppato unarchitettura di prodotto particolarmente innovativa per la sua conformazione a "skateboard", capace di garantire prestazioni elevate e unautonomia di almeno 400 miglia (640 chilometri) con una singola ricarica. Il progetto, sostenuto inizialmente da una società di investimenti saudita legata al MIT di Boston, la Abdul Latif Jameel, dalla giapponese Sumitomo e dalla britannica Standard Chartered Bank, ha attratto linteresse di tutto il settore automobilistico. AVVIO PRODUTTIVO NEL 2020. Finora, le attività della startup si sono concretizzate con la presentazione del pick-up R1T [5] e della SUV R1S [6]: ora manca solo il tassello finale dellavvio della produzione, previsto per la fine del 2020. Dal punto di vista commerciale, lobiettivo è vendere 20 mila veicoli nel 2021 e il doppio già nel 2022, anche se alla fabbrica di Normal viene riconosciuta una capacità produttiva annuale di quasi 250 mila unità. Entro il 2025, la Rivian, progetta di lanciare quattro veicoli. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/02/15/RIVIAN_LA_STARTUP_DEL_PICK_UP_ELETTRICO_PIACE_AD_AMAZON.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FORD.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/04/24/RIVIAN_LA_FORD_INVESTE_500_MILIONI_DI_DOLLARI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/26/RIVIAN_R1T_DEBUTTA_IL_PICK_UP_ASPETTANDO_LA_SUV_R1S.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/RIVIAN_R1S_SUV_ELETTRICA_FOTO_BATTERIA_INFORMAZIONI.HTML 2019-09-11 10:29:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/volkswagen_id_4_immagini_anticipazioni_e_uscita_della_suv_elettrica/gallery/2019-Volkswagen-ID4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27148 Volkswagen - Due Suv elettriche in arrivo, la prima potrebbe chiamarsi ID.4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27148&tipo=fv Qualche settimana prima del SALONE DI FRANCOFORTE [1] - era luglio, quando avevamo pubblicato la gallery delle PROBABILI NOVITà DELLA RASSEGNA [2] - erano arrivate al nostro orecchio alcune voci secondo cui avremmo visto, oltre alla ID.3 di serie, anche una nuova variante "più vicina alla produzione" della ID Crozz, la concept car che anticipa la prima Suv elettrica della VOLKSWAGEN [3]. Le nostre fonti avevano visto lungo. La macchina cè, per quanto sia difficile vederla. Guardate le nostre foto: è nascosta lì, in quel cubo zebrato giallo e blu. E la Casa, ufficialmente, non ne parla. Tuttavia, vi possiamo anticipare qualche ulteriore notizia sul suo conto. LA QUESTIONE DEL NOME: SI CHIAMERà ID.4. La macchina camuffata nella teca sarà a tutti gli effetti il secondo modello in ordine di tempo a raggiungere i mercati. La Suv, che secondo informazioni non ufficiali dovrebbe chiamarsi ID.4, non sembra destinata a inaugurare una linea di denominazione separata per i modelli a ruote alte. Per capirci, pare che al momento lorientamento non sia quello di battezzare una ID.3X, una ID.4X e via dicendo: anche le crossover elettriche manterranno la stessa logica di denominazione delle berline a due e tre volumi. LA QUESTIONE DEI TEMPI: PRESENTAZIONE A FINE 2020. Cè altro da sapere: questa ID.4 (dora in avanti la chiameremo così), potrebbe farsi vedere alla fine del 2020. Se, seguendo il ragionamento delle nostre fonti, la Volkswagen ha saltato lo scorso Salone di Parigi e la macchina sarà effettivamente la prima elettrica destinata al Nordamerica, ci viene da pensare che il palcoscenico prescelto per il suo lancio possa essere il Salone di Los Angeles (novembre) dellanno venturo. Cosa significa in termini di commercializzazione in Italia? Che, a spanne, la macchina arriverà in concessionaria verso la metà del 2021, un anno dopo la ID.3. LA QUESTIONE DELLA GAMMA: LE SUV ELETTRICHE SARANNO DUE. Andiamo avanti, sempre seguendo il filo delle notizie non ufficiali (è bene ribadirlo): pare che lorientamento della Volkswagen sia quello di fare non una, ma due Suv elettriche. La prima, questa, con forme più convenzionali (qui sopra, vi riproponiamo una foto della ID ROOMZZ [4] per capire come potrebbe essere il posteriore), la seconda che sarebbe lerede a tutti gli effetti della ID CROZZ [5], quindi con un padiglione più spiovente e un posteriore da coupé. Le due, pare, sarebbero divise anche da un bel po di centimetri: la ID.4 andrebbe a collocarsi verosimilmente un pelo sopra la Tiguan (dunque appena oltre i quattro metri e mezzo), mentre la variante più sportiva si avvicinerebbe alla Tiguan Allspace (che raggiunge i 4,7 metri). Considerato il lancio della ID.4 a fine 2020, è chiaro che la coupé non farà il suo debutto in un Salone per un bel pezzo del 2021. LA QUESTIONE DELLOFFERTA: A DUE O QUATTRO RUOTE MOTRICI. Cosaltro dire? Certo, che questo modello - a tutti gli effetti la prima ID globale, considerato che sarà la prima a raggiungere Usa e Cina - sarà il primo della famiglia elettrica a offrire la trazione integrale, grazie alla presenza dei due motori elettrici, uno per asse. Ma attenzione: ID.4 e sorella coupé saranno comunque disponibili anche in variante mono-motore a due ruote motrici. Pensateci un attimo: quando oggi comprate una Suv, nella stragrande maggioranza dei casi lo fate puntando su questa soluzione tecnica. Lo prova il fatto che la Tiguan sia venduta l80% circa a trazione anteriore. E nulla fa pensare che il pubblico possa cambiare di punto in bianco i suoi gusti con larrivo della propulsione elettrica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/22/SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019_TUTTE_LE_NOVITA_IN_ARRIVO_ALLA_RASSEGNA_TEDESCA.HTML [3] http://www.autosomma.it/VOLKSWAGEN [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/04/14/VOLKSWAGEN_ID_ROOMZZ_FOTO_CARATTERISTICHE_SHANGHAI.HTML [5] http://www.autosomma.it/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/ID%20CROZZ%20DEL%202017 2019-09-11 10:01:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/volkswagen_id_4_immagini_anticipazioni_e_uscita_della_suv_elettrica/gallery/2019-volkswagen-id4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27146 Volkswagen - Due Suv elettriche in arrivo, la prima potrebbe chiamarsi ID4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27146&tipo=fv Qualche settimana prima del SALONE DI FRANCOFORTE [1] - era luglio, quando avevamo pubblicato la gallery delle PROBABILI NOVITà DELLA RASSEGNA [2] - erano arrivate al nostro orecchio alcune voci secondo cui avremmo visto, oltre alla ID3 di serie, anche una nuova variante "più vicina alla produzione" della ID Crozz, la concept car che anticipa la prima Suv elettrica della VOLKSWAGEN [3]. Le nostre fonti avevano visto lungo. La macchina cè, per quanto sia difficile vederla. Guardate le nostre foto: è nascosta lì, in quel cubo zebrato giallo e blu. E la Casa, ufficialmente, non ne parla. Tuttavia, vi possiamo anticipare qualche ulteriore notizia sul suo conto. LA QUESTIONE DEL NOME: SI CHIAMERà ID4. La macchina camuffata nella teca sarà a tutti gli effetti il secondo modello in ordine di tempo a raggiungere i mercati. La Suv, che secondo informazioni non ufficiali dovrebbe chiamarsi ID4, non sembra destinata a inaugurare una linea di denominazione separata per i modelli a ruote alte. Per capirci, pare che al momento lorientamento non sia quello di battezzare una ID3X, una ID4X e via dicendo: anche le crossover elettriche manterranno la stessa logica di denominazione delle berline a due e tre volumi. LA QUESTIONE DEI TEMPI: PRESENTAZIONE A FINE 2020. Cè altro da sapere: questa ID4 (dora in avanti la chiameremo così), potrebbe farsi vedere alla fine del 2020. Se, seguendo il ragionamento delle nostre fonti, la Volkswagen ha saltato lo scorso Salone di Parigi e la macchina sarà effettivamente la prima elettrica destinata al Nordamerica, ci viene da pensare che il palcoscenico prescelto per il suo lancio possa essere il Salone di Los Angeles (novembre) dellanno venturo. Cosa significa in termini di commercializzazione in Italia? Che, a spanne, la macchina arriverà in concessionaria verso la metà del 2021, un anno dopo la ID3. LA QUESTIONE DELLA GAMMA: LE SUV ELETTRICHE SARANNO DUE. Andiamo avanti, sempre seguendo il filo delle notizie non ufficiali (è bene ribadirlo): pare che lorientamento della Volkswagen sia quello di fare non una, ma due Suv elettriche. La prima, questa, con forme più convenzionali (qui sopra, vi riproponiamo una foto della ID ROOMZZ [4] per capire come potrebbe essere il posteriore), la seconda che sarebbe lerede a tutti gli effetti della ID CROZZ [5], quindi con un padiglione più spiovente e un posteriore da coupé. Le due, pare, sarebbero divise anche da un bel po di centimetri: la ID4 andrebbe a collocarsi verosimilmente un pelo sopra la Tiguan (dunque appena oltre i quattro metri e mezzo), mentre la variante più sportiva si avvicinerebbe alla Tiguan Allspace (che raggiunge i 4,7 metri). Considerato il lancio della ID4 a fine 2020, è chiaro che la coupé non farà il suo debutto in un Salone per un bel pezzo del 2021. LA QUESTIONE DELLOFFERTA: A DUE O QUATTRO RUOTE MOTRICI. Cosaltro dire? Certo, che questo modello - a tutti gli effetti la prima ID globale, considerato che sarà la prima a raggiungere Usa e Cina - sarà il primo della famiglia elettrica a offrire la trazione integrale, grazie alla presenza dei due motori elettrici, uno per asse. Ma attenzione: ID4 e sorella coupé saranno comunque disponibili anche in variante mono-motore a due ruote motrici. Pensateci un attimo: quando oggi comprate una Suv, nella stragrande maggioranza dei casi lo fate puntando su questa soluzione tecnica. Lo prova il fatto che la Tiguan sia venduta l80% circa a trazione anteriore. E nulla fa pensare che il pubblico possa cambiare di punto in bianco i suoi gusti con larrivo della propulsione elettrica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/22/SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019_TUTTE_LE_NOVITA_IN_ARRIVO_ALLA_RASSEGNA_TEDESCA.HTML [3] http://www.autosomma.it/VOLKSWAGEN [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/04/14/VOLKSWAGEN_ID_ROOMZZ_FOTO_CARATTERISTICHE_SHANGHAI.HTML [5] http://www.autosomma.it/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/ID%20CROZZ%20DEL%202017 2019-09-10 19:25:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/audi_ai_trail_autonomia_motore_caratteristiche/gallery/2019-Audi-Ai-Trail-quattro-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27147 Audi Ai:Trail quattro - Elettrica e autonoma, anche in off-road - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27147&tipo=fv LAUDI [1] completa la serie di quattro prototipi a guida autonoma sviluppati come visione futura della mobilità presentando al SALONE DI FRANCOFORTE [2] la AI:Trail quattro. La Trail affianca così la AICON [3], la AI:ME [4] e la AI:RACE [5] (prima nota come PB18 e-tron), che in Germania sono esposte per la prima volta contemporaneamente. ABITACOLO TRASPARENTE PER IMMERGERSI NELLA NATURA. Lidea alla base della AI:Trail quattro è quella di un veicolo dedicato alla guida in fuoristrada, che rielabora il concetto stesso di Suv e off-road odierno. La cabina, ispirata a quella degli elicotteri e visivamente separata dai piccoli parafanghi e quasi totalmente trasparente, offre una visibilità unica anche nei passaggi più impervi, mentre i quattro motori elettrici offrono la coppia necessaria per gestire ogni situazione con una trazione integrale particolarmente raffinata. Le dimensioni rimangono compatte con 4,15 metri totali e sbalzi quasi inesistenti, mentre lassetto rialzato e i cerchi da 22" con pneumatici off-road da 33,5" consentono di ottenere unaltezza minima da terra di 34 cm e una capacità di guado di 49 centimetri. 1.000 NM E 250 KM DI AUTONOMIA MINIMA. Carbonio e alluminio hanno permesso di mantenere la massa totale entro 1.750 kg, contribuendo in maniera sostanziale allautonomia in ambienti dove i punti di ricarica potrebbero essere disponibili con minore frequenza. Lintero powertrain è stato progettato pensando proprio alle necessità di un veicolo simile: per questo si è privilegiata la coppia alla potenza massima, con 435 CV e 1.000 Nm, mentre le batterie garantiscono dai 400 ai 500 km di autonomia nel ciclo Wltp e soprattutto almeno 250 km anche nelle più gravose condizioni di guida in fuoristrada. La velocità massima è limitata a 130 km/h e non sono previsti né il cambio né i differenziali tradizionali, che generano attriti: la trazione è costantemente controllata dallelettronica di bordo che modula la potenza di ogni singola ruota. NEL CLOUD SI SCEGLIE LA FUORISTRADA. Labitacolo quattro posti è minimalista e non utilizza grandi display per linfotainment, limitandosi a integrare uno smartphone perché la vettura è nata espressamente per la guida in mezzo alla natura: secondo lidea di base per la quale in futuro i clienti potranno noleggiare di volta in volta il veicolo più adatto alle loro esigenze pagando un canone mensile, i tecnici dellAudi hanno scelto quindi di realizzare modelli diversi di ununica famiglia dalle spiccate caratteristiche. Tutti i sistemi di bordo sono inoltre predisposti per essere personalizzati in base al cliente: questo significa poter importare dal cloud MyAudi tutte le preferenze relative a climatizzazione, illuminazione, posizione di guida e libreria musicale. Lo spazio a bordo è libero da elementi aggiuntivi, perché i motori sono integrati negli assi e le batterie si trovano sotto al pavimento, mentre i rivestimenti in materiali ecologici e i colori blu e grigio sono pensati per creare un ideale collegamento con il paesaggio esterno. I sedili posteriori, con poggiatesta estesi verso i lati, possono essere infine rimossi e utilizzati come sedie al di fuori del veicolo. LE SOLUZIONI STILISTICHE E TECNICHE PER LOFFROAD. Sulla AI:Trail quattro non mancano soluzioni pensate espressamente per lavventura come la possibilità di aprire sia il lunotto che il parabrezza per trasportare oggetti particolarmente ingombranti e il vano aggiuntivo integrato nel paraurti posteriore che consente di trasportare oggetti sporchi che non possono rimanere in abitacolo, come scarponi e attrezzatura sportiva. Le minigonne sono inoltre sagomate per essere utilizzate come sostegno per salire sulla fiancata e caricare oggetti nel portapacchi sul tetto, mentre i parafanghi molto piccoli consentono di vedere il movimento delle sospensioni dal posto guida. Anche i pneumatici adottano soluzioni specifiche, con una struttura interna che permette di rendere più malleabile la spalla senza metterne a repentaglio laffidabilità per ottenere ulteriori 60 mm di corsa totale delle sospensioni e il controllo elettronico della pressione dinamica in base al percorso e alladerenza. DRONI AL POSTO DEGLI ABBAGLIANTI. Osservando la vettura spicca lassenza di gruppi ottici tradizionali. Questa è una precisa scelta dei designer, che hanno immaginato due diverse soluzioni: alla base del lunotto e del parabrezza sono disponibili delle luci led orientabili che possono illuminare verso lesterno o verso linterno con intensità regolabile, ma la funzione degli abbaglianti è affidata a cinque Audi Light Pathfinders, ovvero dei droni a basso consumo di energia con luci Matrix Led che possono volare davanti al veicolo per illuminare il percorso e tornare poi sul tetto della vettura. Le loro telecamere integrate possono anche generare delle immagini da trasmettere in tempo reale allinterno del veicolo. Quando si trovano sul tetto possono essere utilizzati come luci per labitacolo attraverso il tetto trasparente o come illuminazione a veicolo fermo. A ogni sedile è inoltre attaccata magneticamente lAudi Light Companion, che allinterno funziona come luce di cortesia e allesterno ricorda una torcia, ma può essere utilizzata anche in forma statica con il treppiedi integrato. Nella struttura sono presenti anche telecamere che possono postare foto e video sui social media e laser che proiettano sul terreno le indicazioni di navigazione per i percorsi di Trekking. DAL LIVELLO 4 SU STRADA AL LIVELLO 2 IN OFF-ROAD. Trattandosi di un modello chiamato AI lattenzione è rivolta anche allintelligenza artificiale e alla guida autonoma. LAudi AI:Trail quattro declina questo concetto in un modo particolare, offrendo un aiuto diverso al guidatore in base al terreno. Su strada la vettura è progettata per essere sempre guidata dal computer con un sistema di Livello 4, mentre in fuoristrada è luomo a prendere i comandi, potendo contare in alcuni tratti sul Livello 3 di assistenza. Quando cartografia e terreno non lo consentono, la concept offre invece sensori radar e laser capaci di analizzare il terreno e reagire in tempo reale alle sconnessioni e allo slittamento delle ruote per evitare collisioni, intervenendo anche su freni e sterzo se necessario. La vettura è anche in grado di avvertire il guidatore quando langolo di inclinazione è troppo rischioso a quando cè il rischio di toccare con il fondo, mentre solo in alcuni tratti è possibile utilizzare il cruise control con Active Steering comparabile a unassistenza di Livello 2. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/09/11/AUDI_ELAINE_E_AICON_CONCEPT_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2017.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/04/15/AUDI_AI_ME_FOTO_INFORMAZIONI_USCITA_SHANGHAI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2018/08/24/AUDI_A_PEBBLE_BEACH_DEBUTTA_LA_PB18_E_TRON1.HTML 2019-09-10 19:25:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/byton_m_byte_svelata_a_francoforte_la_suv_elettrica_cinese/gallery/2019-byton-m-byte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27145 Byton M-Byte - Svelata a Francoforte la Suv elettrica cinese http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27145&tipo=fv Dopo aver mosso i primi passi nel mondo dellelettronica di consumo in occasione delle due ultime edizioni del Ces di Las Vegas, per il nuovo costruttore Byton è arrivato il momento di buttarsi nella mischia del mondo automotive. Il debutto in grande stile avviene al SALONE DI FRANCOFORTE [1], dove la start-up cinese arriva senza troppi timori reverenziali, rivelando in toto il suo primo modello, la SUV ELETTRICA M-BYTE [2]. A ME GLI OCCHI. Da un punto di vista estetico, la Byton M-Byte sfoggia una carrozzeria dal taglio moderno e ben levigata, che va alla ricerca della massima efficienza aerodinamica. Il tratto più personale è la grande fascia grigia che attraversa il frontale; un elemento che i designer hanno scelto per definire il family feeling del brand, in vista di altri modelli che arriveranno un domani. Di grande effetto è anche il montante posteriore, che fa sembrare il tetto come sospeso. Per il resto si fanno notare i sottili fari a Led, una tecnologia utilizzata anche dalle luci posteriori e dai pannelli che permetteranno allauto di comunicare con lambiente circostante una volta che sarà implementata la guida autonoma. MAXI SCHERMO. Dove però i designer hanno liberato la fantasia è nellabitacolo. Linterno è dominato da quellenorme schermo da 48 che aveva acceso i riflettori sulla prima concept della M-Byte e che fissa un record assoluto di dimensioni su unauto. Il display è personalizzabile e può essere gestito con i comandi gestuali, vocali o attraverso un touch screen da sette pollici montato al centro del volante, così come con un pad da otto pollici che fa da estensione al mobiletto centrale ed è a disposizione del passeggero anteriore. Oltre a stupire con effetti speciali, lambiente offre una quantità di spazio superiore alla media, che può essere sfruttato al meglio grazie al pavimento piatto e al fatto che i sedili anteriori ruotino verso il centro, per creare un clima salottiero. Per la zona posteriore è invece prevista la possibilità di scegliere tra il classico divano o una coppia di poltrone singole. UNO O DUE MOTORI. A livello tecnico, la versione base della Byton M-Byte dispone di un motore elettrico che scarica i suoi 272 CV sulle ruote posteriori, promettendo unautonomia di 360 km nel ciclo Wltp. La versione di punta monta invece un secondo motore collegato alle ruote anteriori che dà vita a una trazione integrale a controllo elettronico e fa salire la potenza massima di sistema a 408 CV, con unautonomia stavolta di 435 km. La capacità delle batterie è nei due casi rispettivamente di 72 e 95 kWh. FACCIAMO I CONTI. La M-Byte potrà essere ordinata a partire dalla prima metà del 2020 ma i vertici della Casa annunciano di aver già raccolto 50.000 prenotazioni in giro per il mondo. Le prime consegne avverranno in Cina nella seconda metà del prossimo anno, in contemporanea con lapertura degli ordini in America e in Europa, dove lauto arriverà però solo nel 2021. Anche se i tempi sono ancora lunghi, al quartier generale si sbottonano già sul prezzo e parlano di un listino che partirà da 45.000 euro, cifra piuttosto competitiva rispetto agli attuali scenari di mercato. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/17/BYTON_M_BYTE_SVELATI_GLI_INTERNI_DI_SERIE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2019-09-10 19:25:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/san_yuan_una_suv_coupe_taiwanese_al_salone_di_francoforte/gallery/2019-san-yuan-live-17.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27144 San Yuan - Una Suv coupé taiwanese al Salone di Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27144&tipo=fv La sconosciuta San Yuan Design di Taiwan ha scelto il SALONE DI FRANCOFORTE [1] per presentare la sua concept, che difficilmente potrà essere confusa con le altre novità presenti allevento tedesco. La società di Taiwan è stata fondata negli anni 80 il collaborazione con la Yamaha e si occupa di modellazione 3D e realizzazione di prototipi nel settore automotive. Sul conto della show-car non esistono per il momento informazioni relative al powertrain, ma a giudicare dai contenuti del sito ufficiale la vettura è in realtà una evoluzione di un prototipo già svelato in precedenza per dimostrare le capacità tecniche dellazienda. UNA SUV COUPé DAL DESIGN ELABORATO. Il prototipo esplora il tema più che attuale dei suv coupé scegliendo la poco comune formula due porte. Le linee esterne sono particolarmente elaborate, con passaruota molto grandi e il tetto composto da una sorta di unico arco frontale prominente. I gruppi ottici anteriori si sviluppano in verticale e sono affiancati da finte prese daria, mentre quelli posteriori percorrono lintero portellone al di sotto di una appendice aerodinamica. TRE DISPLAY IN ABITACOLO. Gli interni, altrettanto articolati e caratterizzati da un forte contrasto cromatico, seguono i trend attuali e propongono tre diversi display che gestiscono strumentazione, infotainment e climatizzazione. La plancia davanti al guidatore sfoggia una unica bocchetta di areazione e il volante è trasformato in una cloche. Il bracciolo, inoltre, include una piccola sezione curva con tre comandi dedicati allinfotainment. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-10 18:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/06/audi_a5_cabrio_sportback_coupe_motori_facelift/gallery/2019-Audi-S5-7.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27143 Audi A5 - Cabrio, Sportback e Coupé si rinnovano - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27143&tipo=fv LAUDI [1] A5 si rinnova con un leggero restyling. Le versioni Coupé, Cabriolet e Sportback sono state aggiornate nel design, nelle dotazioni e nei motori seguendo la strada intrapresa con la A4 [2]. MANO LEGGERA E LOOK SPORTIVO. Esteticamente le A5 sono state riviste nella forma dei paraurti e nella mascherina, con prese daria dal taglio sportivo e il single frame dotato di una nuova griglia interna. Minigonne laterali più snelle e il diffusore posteriore con terminali di scarico trapezoidali completano il nuovo look. Tutti gli allestimenti offrono di serie i gruppi ottici a Led, con i Matrix Led opzionali, mentre tra gli optional debuttano i kit estetici Advanced ed S Line abbinati a 12 tinte esterne e agli interni coordinati. Il colore District Green dellimmagine di copertina è inedito. LINFOTAINMENT DIVENTA TOUCH. Gli interni seguono le ultime tendenze e abbandonano il comando rotante dellMMI nella console centrale. LInfotainment MMI Touch Display è ora gestito direttamente attraverso lo schermo da 10,1 pollici e la nuova grafica dei vari menù. Il sistema MIB3 porta in dote i servizi connessi, Audi Connect e Audi Connect Plus, che includono le informazioni sul traffico e sui parcheggi, i sistemi Car-To-X, lhotspot wi-fi e la connessione remota con il veicolo attraverso la App MyAudi, che dà la possibilità di utilizzare lo smartphone (Android) anche per accedere al veicolo. Gli utenti, infine, potranno acquistare online alcuni degli optional della vettura attivabili via software: lAudi Navigation MMI Plus, la radio DAB+ e lAudi Smartphone Interface, attivabili per un mese, per un anno o per sempre. IN EUROPA LA S5 SARà TDI. La gamma completa delle motorizzazioni sarà annunciata al momento dellavvio delle vendite, previste per linverno. LAudi ha confermato che quattro motorizzazioni adotteranno il powertrain ibrido con sistemi a 12 Volt e che tutte le varianti offriranno soltanto il cambio automatico. Al top della gamma troviamo la S5 TDI, equipaggiata con il V6 3.0 da 347 CV e 700 Nm già introdotto sulle S6 ED S7 [3] e dotato del sistema ibrido MHEV a 48 Volt. La S5 tocca i 100 km/h da fermo in 5 secondi netti, mentre la velocità massima è autolimitata a 250 km/h. Trazione integrale, cambio automatico otto marce e assetto sportivo sono di serie, mentre gli ammortizzatori a controllo elettronico rimangono optional. Su alcuni mercati al di fuori dellEuropa sarà proposta invece la S5 con motore 3.0 TFSI da 354 CV e 500 Nm. LA A5 EDITION ONE. Allapertura delle vendite i clienti potranno scegliere anche la A5 nella versione Edition One, offerta in versione Coupé e Sportback con motorizzazioni di potenza superiore a 190 CV. La dotazione di serie include lassetto sportivo, il pacchetto esterno e interno S line, il tetto nero lucido per la coupé e le tinte esterne Quantum Gray, Daytona Gray perlato o District Green. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/06/18/AUDI_A4_2019_MOTORI_VERSIONI_E_PREZZO_DI_BERLINA_E_AVANT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/05/28/AUDI_S6_E_S7_TDI_IN_ITALIA_A_PARTIRE_DA_80_450_EURO.HTML 2019-09-10 18:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/mercedes_tutte_le_novita_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-Mercedes-Live-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27141 Mercedes - Tutte le novità del Salone di Francoforte 2019 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27141&tipo=fv uno stand allinsegna dellelettrificazione, nelle sue varie sfumature, quello della MERCEDES [1] al SALONE DI FRANCOFORTE 2019 [2]. E non poteva essere altrimenti visto il trend dellautomotive. Tuttavia, alla flotta della Stella non manca una buona dose di sostanza: le novità della kermesse tedesca sono tanto proiettate al futuro quanto pronte ad aggredire il mercato. Soprattutto nella loro rappresentanza a ruote alte. LULTIMO TASSELLO. La MERCEDES GLB [3] ne è un esempio lampante. Dopo le versioni standard, la Casa di Stoccarda è pronta a presentare una variante performante, la GLB 35 AMG spinta da un 2.0 litri turbobenzina da 306 CV. Una sette posti capace di uno 0-100 da 5,2 secondi, dopo il passaggio ad Affalterbach che implica, come al solito, anche un ritocco del look in chiave sportiva. NUOVA SERIE. Sempre parlando di Suv, a Francoforte sfilerà la seconda generazione della GLE COUPé [4]. Svelata online qualche giorno fa, entrerà per la prima volta a contatto col pubblico al Salone. Questa sport utility dal taglio sportiveggiante si è evoluta nelle dimensioni e nel design, ma soprattutto propone interni completamente rinnovati, dove spicca lultima versione del sistema di infotainment Mbux. Sullo stand vedremo anche la sua declinazione sportiva più soft, la AMG GLE 53 4Matic+, ma non la più estrema, la GLE 63. MULTISPAZIO, ZERO EMISSIONI. Tra le protagoniste dellevento figura anche la CLASSE V, RECENTEMENTE RINFRESCATA DA UN RESTYLING [5] e ora disponibile anche in versione elettrica (EQV [6]). Questultima può contare su 204 cavalli e, alimentata da una batteria di 100 kWh, su unautonomia di 405 km. Ma non sarà sul mercato prima della primavera del 2020. IL GASOLIO ANCORA AL CENTRO. E le ibride? Presenti. Dopo aver recentemente introdotto la CLASSE A E LA CLASSE B PLUG-IN [7], la Mercedes lancerà altri modelli che nel loro powertrain vedono coesistere elettrico e termico. Stavolta con il diesel a fare da perno del sistema. SI ATTENDONO SVILUPPI. Tocca invece alla nuova CONCEPT EQS [8], ammiraglia di lusso elettrica e autonoma, il compito di anticipare le future evoluzioni della gamma a emissioni zero. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES-BENZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE-2019 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/29/MERCEDES_AMG_GLB_35_MOTORE_PRESTAZIONI_SUV.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/28/MERCEDES_BENZ_GLE_NUOVA_GLE_COUPE_E_AMG_GLE_53_4MATIC_INFORMAZIONI_MOTORI_SCHEDA_TECNICA_FOTO.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/31/MERCEDES_LA_CLASSE_V_SI_AGGIORNA_NEL_LOOK_E_NON_SOLO.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/MERCEDES_BENZ_EQV_NUOVA_MONOVOLUME_ELETTRICA_INFORMAZIONI_AUTONOMIA_SCHEDA_TECNICA_PREZZI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/MERCEDES_BENZ_SULLE_CLASSE_A_E_B_ARRIVA_L_IBRIDO.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/MERCEDES_VISION_EQS_DESIGN_AUTONOMIA_MOTORE_E_GUIDA_AUTONOMA.HTML 2019-09-10 18:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/volkswagen_id_4_immagini_anticipazioni_e_uscita_della_suv_elettrica/gallery/2019-volkswagen-id4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27142 Volkswagen - A Francoforte spunta la Suv elettrica ID.4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27142&tipo=fv Dietro le quinte del SALONE DI FRANCOFORTE [1] la VOLKSWAGEN [2] ha voluto dare una ulteriore anticipazione del futuro mostrando un prototipo camuffato della futura Suv derivata dalla ID.3 ELETTRICA [3]. Parliamo di quella che dovrebbe chiamarsi ID.4, che in Germania è stata esposta in uno spazio riservato dello stand allinterno di box di vetro, con una camuffatura multicolore simile a quella vista fino a ieri sulla vettura media a batteria appena presentata. LA CONCEPT NASCOSTA A FRANCOFORTE. Le proporzioni derivano da quelle della ID CROZZ DEL 2017 [4], ma soprattutto coincidono con quelle dei prototipi già visti su strada nei mesi scorsi nelle FOTO SPIA [5]. La Suv metterà in pratica quello che i progettisti hanno pensato fin dallinizio per la piattaforma modulare Meb, modificando quindi le misure caratteristiche e introducendo un powertrain diverso rispetto alla ID.3. Nella sua versione più recente, la Concept ID Crozz adottava infatti un motore per ogni asse per 306 CV e batterie da 83 kWh per 500 km di autonomia: vedremo se questi dati saranno mantenuti anche sul modello di serie, atteso nel 2020 e chiamato anche alla conquista del mercati extra europei. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/09/06/VOLKSWAGEN_A_FRANCOFORTE_LA_I_D_CROZZ_AGGIORNATA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/08/01/VOLKSWAGEN_ID_CROZZ_PRIMI_COLLAUDI_PER_LA_SUV_ELETTRICA.HTML 2019-09-10 18:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/mercedes_vision_eqs_design_autonomia_motore_e_guida_autonoma/gallery/2019-Mercedes-Benz-Vision-EQS-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27140 Mercedes Vision EQS - Lammiraglia elettrica è pronta per la guida autonoma - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27140&tipo=fv Il futuro del lusso elettrico secondo la MERCEDES-BENZ [1] si chiama VISION EQS. questa la concept che la Casa tedesca porta al SALONE DI FRANCOFORTE [2], anticipando la probabile ammiraglia del brand elettrico EQ e levoluzione dello stile e della tecnologia che vedremo sui modelli futuri. OLTRE 1.000 LED PER COMUNICARE CON IL MONDO. Un arco unico disegna lintera zona dellabitacolo, con un forte dinamismo e la linea di cintura alta. Il trattamento bicolore argento e nero esalta questo componente e lo stacco con la carrozzeria è ulteriormente evidenziato dalla Lightbelt, ovvero da un listello luminoso blu che circonda lintera vettura. Ladozione di cerchi di lega da 24" esalta ancora di più la dinamicità dellinsieme e il passo lungo. In coda troviamo 229 stelle singole che compongono i gruppi ottici, mentre nel frontale sono 940 i led che compongono il disegno della mascherina virtuale, abbinati ai gruppi ottici principali Digital Light con quattro moduli a lenti olografiche ciascuno. Il black panel frontale e tutti gli altri elementi intorno alla vettura possono quindi animarsi e proporre grafiche e messaggi con effetto tridimensionale. LINTERNO DELLE FUTURE MERCEDES. Gli interni anticipano levoluzione che la Stella ha immaginato per i suoi modelli futuri. Tutto ruota intorno allAdvanced Mbux con schermo curvo verticale al centro della plancia, ma in realtà è possibile proiettare immagini anche sulle altre superfici. La banda luminosa che circonda i passeggeri consente inoltre un ulteriore livello di interazione tra uomo e macchina. Sui braccioli sono disponibili altri schermi touch per controllare altre funzioni dedicate ai singoli passeggeri. SOLO MATERIALI ECOSTOSTENIBILI. Le finiture sono ispirate al mondo degli yacht e sono realizzate con materiali sostenibili come il legno di sicomoro coltivato con criteri ecologici, la microfibra dinamica realizzata con materiali riciclati e la pelle artificiale. Il tetto è invece rivestito con un tessuto che integra rifiuti plastici ripescati in mare. Il colore oro rosé delle finiture contrasta con il bianco delle sedute, mentre una boccetta di profumo è stata incastonata allinterno con lo stesso stile artigianale di un gioiello. 700 KM DI AUTONOMIA CON RICARICA A 350 KW. La piattaforma modulare sviluppata per i modelli EQ trova sulla EQS la sua applicazione con un powertrain inedito. La disposizione dei motori elettrici su entrambi gli assi permette di sfruttare la trazione integrale con ripartizione variabile della coppia. La potenza massima è di oltre 476 CV e 760 Nm e la berlina può così toccare i 100 km/h da fermo in meno di 4,5 secondi, mentre la velocità massima è superiore ai 200 km/h. Le nuove batterie modulari da circa 100 kWh sviluppate dalla Daimler Accumotive promettono una autonomia Wltp di 700 km e meno di 20 minuti per recuperare l80% dellenergia da una colonnina a 350 kW. SI POTRà ANCORA GUIDARE, MA è PREDISPOSTA PER IL LIVELLO 4. La Mercedes-Benz ha voluto infine sottolineare che la Vision EQS rimane unauto da guidare. Al di là della scenografica cloche che sostituisce il volante, il progetto prevede ladozione di sistemi di assistenza alla guida di Livello 3, anche se tutti i sensori di bordo sono predisposti per ricevere aggiornamenti hardware e software che porteranno in futuro al Livello 4, con la totale automazione delle procedure su richiesta del guidatore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MERCEDES-BENZ.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 18:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/06/salone_di_francoforte_le_novita_audi_concept_ai_trail_e_nuova_rs_7_sportback/gallery/2019-Audi-RS7-Live-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27139 Audi - Le novità del Salone di Francoforte - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27139&tipo=fv La formazione era in parte annunciata: ora è completa e ufficiale. LAUDI [1] porta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] due anteprime mondiali: la concept AI:Trail e la RS 7 Sportback. A queste fanno da ancelle la e-tron FE06, la monoposto di Formula E che correrà nel campionato 2019-2020, più alcune novità già svelate nei mesi scorsi, come la A1 Citycarver, la Q3 Sportback, la RS 6 Avant e i restyling di A4 e Q7. Per i visitatori lappuntamento è sullo stand dei Quattro anelli al padiglione 3 della fiera. UNO SGUARDO SUL FUTURO. Senza dubbio loggetto più curioso è il prototipo AI:TRAIL QUATTRO [3]. Unelettrica, comera prevedibile, ma capace di andare oltre la dimensione urbana grazie alla trazione integrale e a un progetto tecnico pensato (anche) per loff-road, caratterizzato da una carrozzeria rialzata e grandi ruote gommate da sterrato. Questa concept non dovrebbe avere immediati risvolti nella produzione di serie. Piuttosto rappresenta una visione della Casa sullevoluzione futura della gamma a elettroni. CAVALLI DA VIAGGIO. La RS 7 SPORTBACK [4] ce laspettavamo. Da tempo, infatti, la si vedeva alle prese con i collaudi nelle foto spia. Il suo debutto al Salone è una conferma. Con la RS 6 AVANT [5] appena presentata condivide il motore, il V8 biturbo di famiglia, spinto fino a 600 cavalli di potenza e 800 Nm di coppia. E reso più sostenibile dallinnesto della tecnologia mild hybrid a 48 Volt. Come sulla wagon da sparo, questo propulsore garantisce uno 0-100 km/h da 3,6 secondi e una velocità massima che può toccare i 305 km/h, se cè il Dynamic Package Plus. PROSSIMAMENTE IN VETRINA. La lineup è completata da altri modelli già noti. La A1 CITYCARVER [6], versione della compatta di Ingolstadt che strizza locchio alle tuttoterreno (ma che non ha la trazione integrale come le Audi allroad), sarà la prima a palesarsi in concessionaria (ottobre). Seguita a ruota dalla Q3 SPORTBACK [7], Suv dal taglio della carrozzeria sportiveggiante rispetto al modello da cui discende, ma comunque capace di garantire un bagagliaio da 530 litri in configurazione a cinque posti (fino a 1.400 litri con i sedili ripiegati). Il lancio commerciale in questo caso è a novembre. FACELIFT ED ELETTRIFICAZIONE (LEGGERA). Interessate da un aggiornamento di metà carriera, anche lAUDI A4 [8] e la Q7 [9] trovano spazio tra le novità della Casa tedesca al Salone di Francoforte. La prima, già ordinabile, ha affinato una formula già vincente con lievi ritocchi estetici. Stesso discorso per la Suv grande, che oltretutto ha convertito al mild hybrid lintera gamma motori, ora ampliata con ununità a benzina in alternativa ai noti turbodiesel. A RUOTE SCOPERTE. Si chiude deviando verso nello sport. La E-TRON DA FORMULA E [10] nome in codice FE06 sfoggia uninedita livrea in vista del prossimo campionato. Ma resterà nelle solite mani: la scuderia Audi Sport ABT Schaeffler ha infatti confermato la lineup dei piloti, composta da Lucas Di Grassi e Daniel Abt. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/08/23/AUDI_AI_TRAIL_QUATTRO_AL_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/06/25/AUDI_RS7_SPORTBACK_2019_FOTO_NOVITA_ANTICIPAZIONI_USCITA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/21/AUDI_RS6_AVANT_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/29/AUDI_A1_CITYCARVER_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/23/AUDI_AUDI_Q3_SPORTBACK_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO_MOTORI.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/06/27/AUDI_A4_BERLINA_E_AVANT_SI_AGGIORNANO.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/26/AUDI_Q7_2019_RESTYLING_INTERNI_MOTORI_USCITA.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/09/05/FORMULA_E_SVELATA_LA_NUOVA_AUDI_E_TRON_FE06.HTML 2019-09-10 18:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/05/13/opel_grandland_x_hybrid4_ibrida_plug_in_foto_motore_autonomia/gallery/2019-Opel-Grandland-X-Hybrid4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27136 Opel Grandland X - La Suv diventa unibrida plug-in da 300 CV - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27136&tipo=fv Lelettrificazione dalla gamma OPEL [1] parte dalla GRANDLAND X [2] Hybrid4. La più grande delle Suv di Rüsselsheim porta al debutto il nuovo powertrain ibrido plug-in del gruppo PSA, proponendo prestazioni elevate grazie ai 300 CV di potenza massima e consumi contenuti. Con quattro modalità di guida, elettrica, ibrida, trazione integrale e Sport, la sport utility può essere configurata per adeguarsi alle varie situazioni di guida, potendo sfruttare le batterie per viaggiare in modalità a zero emissioni od ottenere le massime performance possibili. QUATTRO CILINDRI E DUE MOTORI ELETTRICI. Oltre a lievi aggiornamenti estetici, tra i quali spicca la possibilità di avere un cofano motore nero abbinato con i montanti e il tetto, la Grandland X Hybrid4 si contraddistingue per la presenza di tre propulsori. Oltre al quattro cilindri 1.6 turbo da 200 CV (omologato Euro 6d-Temp), la Suv dispone anche di due motori elettrici da 109 CV alimentati da una batteria agli ioni di litio. Lunità elettrica anteriore è abbinata a un cambio automatico a otto rapporti collegato con il motore termico, mentre il propulsore elettrico posteriore fornisce trazione al retrotreno. Librida può così contare su un sistema a quattro ruote motrici. SI RICARICA IN MENO DI DUE ORE. Grazie alle batterie da 13,2 kWh posizionate al di sotto dei sedili posteriori, la Grandland X Hybrid4 può percorrere fino a 50 km (Wltp) in modalità a zero emissioni, ripristinabili in unora e 50 minuti tramite una wallbox domestica da 7,4 kW. Di serie la presa di ricarica della vettura, posizionata sul lato opposto del bocchettone del carburante, è da 3,3 kW ma a richiesta sarà possibile avere anche una 6,6 kW. I clienti potranno accedere alla rete Free2Move con 85.000 punti di ricarica memorizzati sullinfotainment Navi 5.0 IntelliLink con trip planner e funzioni Opel Connect con aggiornamento in tempo reale del traffico e controllo remoto della vettura. Tramite un sistema di rigenerazione on demand la Grandland X ibrida sarà guidabile quasi unicamente con lacceleratore: una volta sollevato il piede lauto inizierà a rallentare e il guidatore potrà utilizzare i freni solo per fermare completamente la vettura o in caso di pericolo. NUOVA GAMMA ELETTRIFICATA. Dopo la Ampera, progenitrice dellelettrificazione di Rüsselsheim, la Opel ha intenzione di proporre versioni ibride o a batteria di tutti i propri modelli entro il 2024. Successivamente allelettrica Ampera-e e alla nuova Grandland-X Hybrid4, la Casa del Fulmine lancerà sul mercato le versioni a zero emissioni della NUOVA CORSA [3], dellerede della Mokka X, della Zafira Life e del Vivaro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/OPEL.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/OPEL-GRANDLAND-X [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/29/OPEL_CORSA_ULTIMI_TEST_PER_LA_SESTA_GENERAZIONE.HTML 2019-09-10 17:54:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/07/05/opel_astra_restyling_uscita_motori/gallery/2019-Opel-Astra-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27137 Opel Astra - Col restyling arrivano nuovi motori - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27137&tipo=fv La OPEL [1] presenterà al SALONE DI FRANCOFORTE [2] un aggiornamento dellASTRA [3]. Con la nuova generazione della vettura PREVISTA PER IL 2021, [4] lattuale modello viene sottoposto a un restyling leggero che porta in dote importanti aggiornamenti di carattere tecnico e una gamma di propulsori benzina e diesel tre cilindri capaci di ridurre significativamente consumi ed emissioni. EFFICIENZA AERODINAMICA E DOTAZIONI ARRICCHITE. Dal punto di vista stilistico lAstra è stata aggiornata lavorando sullaffinamento dellaerodinamica, raggiungendo così un Cx di 0,26 per la due volumi e 0,25 per la Sports Tourer. I gruppi ottici sono rimasti invariati e le modifiche riguardano essenzialmente mascherina e paraurti, ma allo stesso tempo sono state introdotte le paratie frontali attive e la carenatura inferiore del vano motore. Nellabitacolo debuttano il tachimetro digitale, la ricarica wireless per smartphone, le nuove funzionalità dellinfotainment aggiornato (con display fino a 8") e limpianto audio opzionale Bose. I clienti, infine, potranno personalizzare lAstra scegliendo linedito High Gloss Black Pack esterno e lassetto sportivo abbinato a uno sterzo più diretto. TELECAMERE AGGIORNATE. Oltre alla completa dotazione di Adas già presente sulla versione attuale, il restyling porta in dote le telecamere anteriori e posteriori aggiornate. Quella frontale permette di riconoscere i pedoni per la frenata automatica e di analizzare più velocemente i cartelli stradali grazie alla maggiore risoluzione, mentre quella sul portellone offre una migliore definizione anche in condizioni di scarsa luminosità. Dal punto di vista della sicurezza, infine, viene reso disponibile anche il parabrezza riscaldabile con fili invisibili integrati nel vetro. TRE CILINDRI BENZINA 1.2 E 1.4. La gamma dei propulsori omologati Euro 6d-Temp è stata completamente aggiornata. Sul fronte dei benzina troviamo i tre cilindri turbo 1.2 e 1.4: il primo è proposto nelle versioni da 110 CV e 195 Nm, 130 CV e 225 Nm e 145 CV e 225 Nm, tutti con cambio manuale sei marce; il secondo, da 145 CV e 236 Nm, adotta il cambio automatico Cvt. Nei dati preliminari Wltp le varianti 1.2 dichiarano un consumo medio compreso tra 5,2 e 5,5 l/100 (120-127 g/km di CO2), mentre il 1.4 raggiunge i 5,7-5,9 l/100 km e 132-136 g/km. IL DIESEL 1.5. Il diesel tre cilindri 1.5 è invece proposto nelle varianti 105 CV e 260 Nm e 122 CV con 300 Nm di coppia, con la possibilità di montare lautomatico nove marce solo in opzione sulla variante più potente. Il consumo medio nel ciclo Wltp varia in questo caso da 4,4 a 5,3 l/100 km e da 117 a 130 g/km. Rispetto alla precedente gamma della Astra, le emissioni sono state quindi ridotte dal 5 al 19% in base alla versione e allallestimento. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/OPEL.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/OPEL-ASTRA [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/06/27/opel_la_nuova_astra_sara_prodotta_a_russelsheim.html 2019-09-10 17:54:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/honda_e_annunciati_i_prezzi_della_piccola_elettrica/gallery/Honda-e-8.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27138 Honda e - Annunciati i prezzi della piccola elettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27138&tipo=fv Dopo diverse apparizioni nelle vesti di prototipo (e il NOSTRO PRIMO CONTATTO [1]), la HONDA E [2] debutta ufficialmente come modello di serie al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. Per loccasione, la Casa ha diramato il listino ufficiale e comunicato le prime tempistiche delle consegne. DUE VERSIONI. Per la Honda e da 100 kW (136 CV) i prezzi partono da 35.500 euro, per arrivare ai 38.500 dellallestimento Advance: questultimo, più ricco, può contare anche su un motore da 113 kW (154 CV). Gli ordini si apriranno già nelle prossime settimane in alcuni Paesi del Nord Europa, con consegne previste attorno alla metà del 2020. Per lItalia, invece, i tempi saranno un po più lunghi. OBIETTIVO ELETTRIFICAZIONE. A Francoforte, la Honda ha reso nota anche la strategia elettrica che la porterà a commercializzare in Europa, entro il 2025, soltanto auto elettrificate. La portabandiera di questo nuovo corso è la CR-V Hybrid, già in vendita, mentre il prossimo step sarà il lancio della nuova generazione della Jazz, attesa nel 2020 e destinata a essere commercializzata solo con motorizzazioni ibride. LA RICARICA. A Francoforte, la Honda ha dato spazio anche al delicato tema della ricarica. Per tutti coloro che dispongono di unarea privata, la Casa ha mostrato il Power Charge, un dispositivo da montare a parete (o su un apposito piedistallo) che dovrebbe velocizzare il ripristino della batteria da una presa domestica. Per la ricarica pubblica, invece, i giapponesi hanno mostrato una soluzione sviluppata con gli specialisti Ubitricity che prevede la possibilità di collegarsi ai lampioni attraverso un apposito cavo dotato di contatore digitale. In mostra cè anche uninterpretazione della tecnologia vehicle-to-grid, che sfrutta una stretta integrazione tra i mezzi elettrici e le reti energetiche: come è noto, la tecnologia prevede la possibilità di stoccare nelle batterie delle auto lenergia prodotta ciclicamente da fonti rinnovabili, per poi riutilizzarla per il fabbisogno domestico o il sostegno della stessa rete elettrica nei periodi di forte richiesta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/02/HONDA_E_AL_VOLANTE_DELLA_PICCOLA_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/04/HONDA_E_AUTONOMIA_ELETTRICA_POTENZA_E_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-10 17:54:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/mercedes_tutte_le_novita_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-mercedes-francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27135 Mercedes - Tutte le novità al Salone di Francoforte 2019 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27135&tipo=fv uno stand allinsegna dellelettrificazione, nelle sue varie sfumature, quello della MERCEDES [1] al SALONE DI FRANCOFORTE 2019 [2]. E non poteva essere altrimenti visto il trend dellautomotive. Tuttavia, alla flotta della Stella non manca una buona dose di sostanza: le novità della kermesse tedesca sono tanto proiettate al futuro quanto pronte ad aggredire il mercato. Soprattutto nella loro rappresentanza a ruote alte. LULTIMO TASSELLO. La MERCEDES GLB [3] ne è un esempio lampante. Dopo le versioni standard, la Casa di Stoccarda è pronta a presentare una variante performante, la GLB 35 AMG spinta da un 2.0 litri turbobenzina da 306 CV. Una sette posti capace di uno 0-100 da 5,2 secondi, dopo il passaggio ad Affalterbach che implica, come al solito, anche un ritocco del look in chiave sportiva. NUOVA SERIE. Sempre parlando di Suv, a Francoforte sfilerà la seconda generazione della GLE COUPé [4]. Svelata online qualche giorno fa, entrerà per la prima volta a contatto col pubblico al Salone. Questa sport utility dal taglio sportiveggiante si è evoluta nelle dimensioni e nel design, ma soprattutto propone interni completamente rinnovati, dove spicca lultima versione del sistema di infotainment Mbux. Sullo stand vedremo anche la sua declinazione sportiva più soft, la AMG GLE 53 4Matic+, ma non la più estrema, la GLE 63. MULTISPAZIO, ZERO EMISSIONI. Tra le protagoniste dellevento figura anche la CLASSE V, RECENTEMENTE RINFRESCATA DA UN RESTYLING [5] e ora disponibile anche in versione elettrica (EQV [6]). Questultima può contare su 204 cavalli e, alimentata da una batteria di 100 kWh, su unautonomia di 405 km. Ma non sarà sul mercato prima della primavera del 2020. IL GASOLIO ANCORA AL CENTRO. E le ibride? Presenti. Dopo aver recentemente introdotto la CLASSE A E LA CLASSE B PLUG-IN [7], la Mercedes lancerà altri modelli che nel loro powertrain vedono coesistere elettrico e termico. Stavolta con il diesel a fare da perno del sistema. SI ATTENDONO SVILUPPI. Tocca invece alla nuova CONCEPT EQS [8], ammiraglia di lusso elettrica e autonoma, il compito di anticipare le future evoluzioni della gamma a emissioni zero. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES-BENZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE-2019 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/29/MERCEDES_AMG_GLB_35_MOTORE_PRESTAZIONI_SUV.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/28/MERCEDES_BENZ_GLE_NUOVA_GLE_COUPE_E_AMG_GLE_53_4MATIC_INFORMAZIONI_MOTORI_SCHEDA_TECNICA_FOTO.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/31/MERCEDES_LA_CLASSE_V_SI_AGGIORNA_NEL_LOOK_E_NON_SOLO.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/MERCEDES_BENZ_EQV_NUOVA_MONOVOLUME_ELETTRICA_INFORMAZIONI_AUTONOMIA_SCHEDA_TECNICA_PREZZI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/MERCEDES_BENZ_SULLE_CLASSE_A_E_B_ARRIVA_L_IBRIDO.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/MERCEDES_VISION_EQS_DESIGN_AUTONOMIA_MOTORE_E_GUIDA_AUTONOMA.HTML 2019-09-10 17:23:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/10/renault_bollore_la_fusione_con_fca_nessun_contatto_in_corso_/gallery/2019-Bolloré.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27134 Renault - Bollorè: "La fusione con FCA? il passato, nessun contatto in corso" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27134&tipo=fv La proposta di fusione tra la RENAULT [1] e il GRUPPO FCA [2] appartiene ormai al passato. Lo ha assicurato lamministratore delegato della Casa della Losanga, Thierry Bollorè, tornando a parlare del matrimonio tra i due costruttori saltato per lopposizione della politica francese da una parte e per il mancato consenso della NISSAN [3] dallaltra. "Non ci parliamo più, è il passato, la proposta è stata sul tavolo ma ora non cè più", ha affermato il manager transalpino tra gli stand del SALONE DELLAUTO DI FRANCOFORTE [4]. "Abbiamo un grande rimpianto e sono certo che anche loro ce lhanno". VOCI SENZA FINE. Con le sue dichiarazioni, Bolloré smentisce le continue ipotesi della stampa e del mercato su un possibile rilancio dei colloqui per le conseguenze dellultimo scandalo dei COMPENSI INDEBITI [5] percepiti dai vertici della Nissan e dall ormai ex amministratore delegato Hiroto Saikawa. Le DIMISSIONI [6] presentate ieri da Saikawa, considerato uno dei maggiori ostacoli alle nozze, hanno infatti spinto diversi giornali a parlare di nuovi spiragli per il rilancio non tanto del progetto di fusione originario, quanto delle trattative tra i vertici della Renault e della Fiat Chrysler per una nuova ed eventuale proposta. Del resto, sono ormai settimane che i manager di entrambi i gruppi sottolineano la chiusura di ogni contatto, ma le espressioni di rammarico per quanto poteva avvenire e non è avvenuto hanno sempre generato, soprattutto tra gli investitori, la speranza di nuovi contatti per riaprire il tavolo negoziale. PRIORITARIA LA QUESTIONE NISSAN. Come più volte ammesso da Bollorè, dal presidente Jean-Dominique Senard e dal ministro dellEconomia francese, Bruno Le Maire, la priorità della Renault è risolvere i problemi dei giapponesi dopo larresto del plenipotenziario dellAlleanza, Carlos Ghosn, il calo degli utili e le tensioni con gli stessi francesi. "La priorità per la Renault è la ripresa della Nissan. Tutto quello che possiamo fare per aiutare la Nissan a migliorare sarà molto importante per noi", ha messo in chiaro Bollorè. ANCHE PSA SI TIRA FUORI. Unalleanza con la Fiat-Chrysler non rappresenta una priorità nemmeno per il gruppo PSA. "Non abbiamo bisogno di alcuna alleanza. Sarei stupido a dire che non ne faremmo mai una, ma in questo momento non ne abbiamo bisogno", ha dichiarato, sempre a Francoforte, lamministratore delegato Carlos Tavares, ribadendo quanto affermato in recenti occasioni per smentire contatti o colloqui con il gruppo italo-americano dopo le aperture fatte nei primi mesi dellanno "Abbiamo sempre detto che se esiste unopportunità, la esamineremo con una mente aperta. Siamo sempre disponibili a valutare unopportunità, ma oggi non è una necessità", ha aggiunto Tavares. "Siamo padroni del nostro destino, il gruppo PSA oggi è in una posizione eccellente per affrontare con le sue sole forze le trasformazioni del settore automobilistico". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/RENAULT.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/05/NISSAN_COMPENSI_INDEBITI_PER_IL_CEO_SAIKAWA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/09/NISSAN_SAIKAWA_SI_DIMETTE_YAMAUCHI_E_IL_NUOVO_CEO.HTML 2019-09-10 17:23:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/land_rover_defender_prezzo_uscita_motori_versioni/gallery/2019-Land-Rover-Defender-110-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27133 Land Rover Defender - I prezzi per lItalia delle 90 e 110 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27133&tipo=fv La LAND ROVER [1] ha già aperto il configuratore online della DEFENDER [2], appena presentata al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. Questo ci permette anche di scoprire prezzi e dotazioni principali dei modelli che saranno disponibili in Italia. La Defender, per il momento solo nella variante 110 a cinque porte e passo lungo, sarà proposta con prezzi compresi tra 57.400 e 101.400 euro. Successivamente sarà disponibile anche la 90 (tre porte a passo corto), con un listino che partirà dai 51.400 euro. LE DOTAZIONI DELLALLESTIMENTO BASE. I clienti potranno scegliere diversi allestimenti: base, S, SE, HSE, First Edition e 110 X. La dotazione base include le sospensioni pneumatiche, la trazione integrale con ridotte e il cambio automatico otto marce, lAdaptive Dynamics, il Terrain Response, lHill Launch Assist, il Roll Stability Control, lHill Descent Control, i gruppi ottici Led anteriori e posteriori, gli specchietti regolabili e riscaldabili elettricamente, lEmergency Brake Assist, i finestrini aggiuntivi sul tetto, i sensori per luci e pioggia, i cerchi dacciaio da 18", le finiture interne Light Grey, il climatizzatore bizona, i sedili anteriori con otto regolazioni elettriche rivestiti di tessuto Ebony e il piantone dello sterzo regolabile manualmente. La tinta base è la Fuji White. LA FIRST EDITION IN SERIE LIMITATA. La versione First Edition aggiunge il Terrain Response 2 configurabile, la tinta esterna Indus Silver, i gruppi ottici Matrix Led, il tetto panoramico apribile con sezioni laterali nero lucido, i cristalli posteriori oscurati, il Black Exterior Pack, i fendinebbia, i cerchi di lega da 20" Gloss Sparkle Silver, il volante di pelle riscaldabile, il Box frigo anteriore, i battitacco personalizzati First Edition, il bracciolo posteriore, i sedili anteriori riscaldabili con 12 regolazioni elettriche e memorie, i rivestimenti di pelle e tessuto Acorn, il Blind Spot Assist, il monitoraggio delluscita in sicurezza e del traffico in retromarcia, lo specchietto interno ClearSight, il sistema Keyless, la presa di corrente interna, limpianto audio Meridian, il display digitale della strumentazione e gli attacchi Isofix sul sedile anteriore destro. LA DEFENDER X. La Defender 110 X, offerta solo con il benzina sei cilindri da 400 CV, rappresenta il top della gamma attuale. Rispetto alla già ricca First Edition aggiunge lAll Terrain Progress Control, la tinta esterna Gondwana Stone, le pinze freno arancioni, il cofano Gloss Black, i gruppi ottici posteriori oscurati, le finiture interne Dark Grey, il padiglione Morzine Ebony, la console centrale anteriore con bracciolo, la pedaliera di metallo, il pacchetto luci interne, i sedili posteriori riscaldabili, i sedili anteriori climatizzati di pelle Windsor e tessuto Steelcut Vintage, il pacchetto pelle esteso, lhead-up display e il pacchetto di Adas Driver Assist. DA 200 A 400 CV ASPETTANDO LIBRIDA PLUG-IN. Le motorizzazioni disponibili sono quelle benzina e diesel già annunciate, in attesa dellarrivo della variante plug-in hybrid nel 2020. Troviamo quindi il quattro cilindri 2.0 diesel biturbo in versione D200 da 200 CV e D240 da 240 CV e i benzina P300 2.0 turbo da 300 CV e P400 3.0 turbo Mhev da 400 CV. LISTINO PREZZI LAND ROVER DEFENDER Land Rover Defender 110 D200: 57.400 euro Land Rover Defender 110 D200 S: 62.400 euro Land Rover Defender 110 D200 SE: 67.100 euro Land Rover Defender 110 D200 HSE: 73.400 euro Land Rover Defender 110 D240: 61.700 euro Land Rover Defender 110 D240 S: 66.700 euro Land Rover Defender 110 D240 SE: 71.400 euro Land Rover Defender 110 D240 HSE: 77.700 euro Land Rover Defender 110 D240 First Edition: 77.000 euro Land Rover Defender 110 P300: 61.700 euro Land Rover Defender 110 P300 S: 66.700 euro Land Rover Defender 110 P300 SE: 71.400 euro Land Rover Defender 110 P300 HSE: 77.700 euro Land Rover Defender 110 P400: 71.700 euro Land Rover Defender 110 P400 S: 74.900 euro Land Rover Defender 110 P400 SE: 79.600 euro Land Rover Defender 110 P400 HSE: 85.900 euro Land Rover Defender 110 P400 First Edition: 85.200 euro Land Rover Defender 110 P400 X: 101.400 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/LAND_ROVER_DEFENDER_2020_MOTORI_DIMENSIONI_VERSIONI_90_110.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/10/LAND_ROVER_DEFENDER_2020_MOTORI_DIMENSIONI_VERSIONI_90_110.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 16:54:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/05/smart_restyling_per_fortwo_e_forfour_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-smart-restyling-fortwo-forfour-cabrio-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27132 Smart - Restyling per la fortwo e la forfour al Salone di Francoforte - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27132&tipo=fv La SMART [1] presenta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] il restyling dei modelli fortwo e forfour, confermando loccasione laddio ai propulsori endotermici: il marchio tedesco è infatti il primo a passare totalmente alla trazione elettrica, proposta sin dal 2007 sui propri modelli. FRONTALE NUOVO E DIFFERENZIATO TRA FORTWO E FORFOUR. Lintervento estetico è concentrato nel frontale, dove troviamo gruppi ottici aggiornati (full Led in opzione) e soprattutto un paraurti che modifica totalmente gli equilibri rispetto al passato. Il logo del marchio è sostituito dalla scritta e lintera griglia è spostata versione basso, dove sono integrati anche il sensore per gli Adas, le prese daria laterali e i fendinebbia circolari. In coda sono inediti i fari, ma gli ingombri sono gli stessi del passato. Per la prima volta il frontale è stato differenziato tra due e quattro porte, per un ulteriore tocco di personalità. INFOTAINMENT RIVISTO E APP PER LO SHARING PRIVATO. Gli interni, al di là del nuovo portaoggetti posizionato davanti alla leva del cambio, sono identici al passato e le novità sono racchiuse nellinfotainment con display da otto pollici, rivisto totalmente nelle funzioni e capace ora di supportare gli standard Apple CarPlay e Android Auto. La connettività di bordo permette anche di gestire lauto in remoto attraverso la EQ Controll App, che offre laccesso ai servizi Ready to Park e Ready to Charge. Qui lutente può localizzare la vettura, controllare lautonomia, attivare le serrature e la pre-climatizzazione, verificare la disponibilità di parcheggi nel punto darrivo e persino capire se un pacco può entrare nel bagagliaio della vettura. Una delle funzioni più innovative è quella dello sharing privato, che permette sia di condividere lauto gratuitamente con i propri familiari sia di stabilire un gruppo di utenti a cui proporre un prezzo al minuto ed effettuare le transazioni attraverso la piattaforma ufficiale. OPZIONI RIDOTTE AL MINIMO E NUOVI COLORI. La Smart ha semplificato ulteriormente la gamma dei suoi modelli: oltre a proporre soltanto la versione elettrica, gli allestimenti disponibili sono tre, denominati Passion, Pulse e Prime, e possono essere abbinati solamente a tre pacchetti di optional (Advanced, Premium ed Exclusive). Lunica ulteriore opzione è quella relativa alla tinta: la Smart ha deciso di offrire nuove combinazioni per la cellula tridion e per i pannelli introducendo le varianti Carmine Red, Lime Green e Gold Beige per la fortwo e Ice White e Steel Blue per la forfour. Anche gli interni propongono combinazioni inedite. Sono infine previsti quattro disegni per i cerchi in lega da 15 e 16 pollici, anche in versione bicolore. 159 KM DI AUTONOMIA E FINO A 3,5 ORE PER LA RICARICA. Il powertrain è quello del modello uscente, da 82 CV e 160 Nm, che permette di toccare i 130 km/h e di passare da 0 a 100 km/h in un tempo compreso tra 11,6 e 12,7 secondi in base al modello e allallestimento. Lautonomia con le batterie da 17,6 kWh varia da 145 a 159 km nel ciclo Nedc. Attraverso il caricabatterie opzionale di bordo da 22 kW è possibile passare dal 10% all80% della carica in meno di 40 minuti con sistemi rapidi. Inoltre, la EQ Control App permette di sfruttare il network di ricarica Plugsurfing per utilizzare un unico account sulle varie piattaforme. Con una normale presa casalinga da 230 volt, sono necessarie 3,5 ore per una ricarica completa delle batterie. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SMART [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE-2019 2019-09-10 16:25:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/volkswagen_id_4_immagini_anticipazioni_e_uscita_della_suv_elettrica/gallery/2019-volkswagen-id4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27131 Volkswagen - A Francoforte spunta la Suv elettrica ID 4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27131&tipo=fv Dietro le quinte del SALONE DI FRANCOFORTE [1] la VOLKSWAGEN [2] ha voluto dare una ulteriore anticipazione del futuro mostrando un prototipo camuffato della futura Suv derivata dalla ID 3 ELETTRICA [3]. Parliamo di quella che dovrebbe chiamarsi ID.4, che in Germania è stata esposta in uno spazio riservato dello stand allinterno di box di vetro, con una camuffatura multicolore simile a quella vista fino a ieri sulla vettura media a batteria appena presentata. LA CONCEPT NASCOSTA A FRANCOFORTE. Le proporzioni derivano da quelle della ID CROZZ DEL 2017 [4], ma soprattutto coincidono con quelle dei prototipi già visti su strada nei mesi scorsi nelle FOTO SPIA [5]. La Suv metterà in pratica quello che i progettisti hanno pensato fin dallinizio per la piattaforma modulare Meb, modificando quindi le misure caratteristiche e introducendo un powertrain diverso rispetto alla ID 3. Nella sua versione più recente, la Concept ID Crozz adottava infatti un motore per ogni asse per 306 CV e batterie da 83 kWh per 500 km di autonomia: vedremo se questi dati saranno mantenuti anche sul modello di serie, atteso nel 2020 e chiamato anche alla conquista del mercati extra europei. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/09/06/VOLKSWAGEN_A_FRANCOFORTE_LA_I_D_CROZZ_AGGIORNATA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/08/01/VOLKSWAGEN_ID_CROZZ_PRIMI_COLLAUDI_PER_LA_SUV_ELETTRICA.HTML 2019-09-10 16:25:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/honda_e_annunciati_i_prezzi_della_piccola_elettrica/gallery/Honda-e-8.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27130 Honda e - Annunciati i prezzi della piccola elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27130&tipo=fv Dopo diverse apparizioni nelle vesti di prototipo (e il NOSTRO PRIMO CONTATTO [1]), la HONDA E [2] debutta ufficialmente come modello di serie al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. Per loccasione, la Casa ha diramato il listino ufficiale e comunicato le prime tempistiche delle consegne. DUE VERSIONI. Per la Honda e da 100 kW (136 CV) i prezzi partono da 35.500 euro, per arrivare ai 38.500 dellallestimento Advance: questultimo, più ricco, può contare anche su un motore da 113 kW (154 CV). Gli ordini si apriranno già nelle prossime settimane in alcuni Paesi del Nord Europa, con consegne previste attorno alla metà del 2020. Per lItalia, invece, i tempi saranno un po più lunghi. OBIETTIVO ELETTRIFICAZIONE. A Francoforte, la Honda ha reso nota anche la strategia elettrica che la porterà a commercializzare in Europa, entro il 2025, soltanto auto elettrificate. La portabandiera di questo nuovo corso è la CR-V Hybrid, già in vendita, mentre il prossimo step sarà il lancio della nuova generazione della Jazz, attesa nel 2020 e destinata a essere commercializzata solo con motorizzazioni ibride. LA RICARICA. A Francoforte, la Honda ha dato spazio anche al delicato tema della ricarica. Per tutti coloro che dispongono di unarea privata, la Casa ha mostrato il Power Charge, un dispositivo da montare a parete (o su un apposito piedistallo) che dovrebbe velocizzare il ripristino della batteria da una presa domestica. Per la ricarica pubblica, invece, i giapponesi hanno mostrato una soluzione sviluppata con gli specialisti Ubitricity che prevede la possibilità di collegarsi ai lampioni attraverso un apposito cavo dotato di contatore digitale. In mostra cè anche uninterpretazione della tecnologia vehicle-to-grid, che sfrutta una stretta integrazione tra i mezzi elettrici e le reti energetiche: come è noto, la tecnologia prevede la possibilità di stoccare nelle batterie delle auto lenergia prodotta ciclicamente da fonti rinnovabili, per poi riutilizzarla per il fabbisogno domestico o il sostegno della stessa rete elettrica nei periodi di forte richiesta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/02/HONDA_E_AL_VOLANTE_DELLA_PICCOLA_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/04/HONDA_E_AUTONOMIA_ELETTRICA_POTENZA_E_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-10 15:18:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/10/fiat_e_lancia_via_alla_promozione_zero_zero/gallery/2019-Fiat-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27129 Fiat e Lancia - Via alla promozione Zero+Zero http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27129&tipo=fv Con una serie di porte aperte fissati nei weekend del 14-15, 21-22 e 28-29 settembre il GRUPPO FCA [1] presenterà in Italia la promozione Zero+Zero per le vetture dei marchi FIAT [2] e LANCIA [3]. UNA PANDA A PARTIRE DA 129 EURO AL MESE. I clienti accederanno a unofferta esclusiva di FCA Bank che combina zero anticipo e zero interessi per finanziamenti di durata massima di 72 mesi. Sarà possibile inoltre scegliere la formula con maxirata finale o restituzione del veicolo oppure quella totalmente rateale con durate flessibili. In questo modo la Fiat Panda sarà disponibile a partire da 129 euro al mese, che saliranno a 175 euro per una Tipo e 189 euro per una 500 X. Per la Lancia Ypsilon le rate partiranno invece da 145 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FIAT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LANCIA.HTML 2019-09-10 13:24:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/08/27/bmw_tutte_le_novita_per_il_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-bmw-a-francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27128 BMW - Le novità per il Salone di Francoforte 2019 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27128&tipo=fv Oltre alle novità assolute, i prototipi CONCEPT 4 [1] e i HYDROGEN NEXT [2], la BMW [3] ha portato una nutrita serie di anteprime al SALONE DI FRANCOFORTE [4], il primo sotto la guida del nuovo ceo OLIVER ZIPSE [5]. La Casa tedesca presenta infatti la NUOVA GENERAZIONE DELLA X6 [6], la terza serie della SERIE 1 [7], la SERIE 8 GRAN COUPé [8], la SERIE 3 TOURING [9] e il RESTYLING DELLA X1 [10]. Viene infine nuovamente mostrata in pubblico la BMW VISION M NEXT [11]. TERZA GENERAZIONE PER LA X6. La X6 rappresenta una delle scommesse vinte sul mercato. La Suv-coupé di lusso ha infatti aperto un segmento nel 2007 e oggi festeggia la terza serie sfruttando la base tecnica della neonata X5. Il design è nuovamente al centro dellattenzione, con proporzioni simili al modello uscente ma stilemi profondamente rivisti come il doppio rene ancora più grande e retroilluminato nel frontale e i gruppi ottici Led rivisti nella grafica, specie al posteriore. Con 4,93 metri di lunghezza e il passo cresciuto fino 2,97 metri lo spazio interno non manca e il bagagliaio vanta una capacità variabile da 580 a 1.530 litri. La tecnologia è quella di ultima generazione vista sulla X5 e al lancio i powertrain disponibili sono quelli già noti: i benzina 40i sei cilindri 3.0 340 CV e 50i V8 4.4 da 530 CV e i diesel sei cilindri 3.0 30d da 265 CV e M50d da 400 CV, tutti con trazione integrale xDrive e cambio automatico otto marce. Labitacolo segue le ultime tendenze del marchio, con il BMW Live Cockpit Professional con doppio schermo da 12,3" impreziosito dalla grafica e dal sistema operativo completamente ridisegnati. LA SERIE 1 DIVENTA UNA TRAZIONE ANTERIORE. La BMW ha trasformato la Serie 1 in una trazione anteriore, sfruttando la piattaforma condivisa con la X1 e sfidando così sullo stesso piano la concorrenza del segmento. La vettura, rivista solo leggermente nelle proporzioni e disegnata secondo i canoni attuali dello stile BMW, propone tutte le novità delle sorelle maggiori in fatto di infotainment, interni e Adas e vanta maggiore spazio per i passeggeri posteriori e nel bagagliaio. La gamma dei propulsori è quella tipica degli altri modelli con motore trasversale: le versioni benzina 118i (1.5 140 CV) e M135i (2.0 306 CV) e le diesel 116d (1.5 116 CV), 118d (2.0 150 CV) e 120d (2.0 190 CV). Per le 118i, 116d e 118d esiste ancora la versione con cambio manuale, mentre la sportiva M135i vanta la trazione integrale e il differenziale Torsen sullasse anteriore. LELEGANZA DELLA SERIE 8 GRAN COUPé. Chiusa la carriera della Serie 6, la BMW ha deciso di offrire anche per la Serie 8 la variante Gran Coupé a quattro porte. Concettualmente simile alla precedente, integra tutti gli elementi stilistici delle nuove coupé e cabrio in un corpo vettura filante con ben 3,02 metri di passo, garantendo così un adeguato spazio a bordo con la formula 4+1 e 440 litri di bagagilaio. Con un aumento di peso contenuto in 70 kg rispetto alla due porte, la Gran Coupé vanta prestazioni sostanzialmente analoghe. I propulsori in occasione del lancio sono quelli già noti: la versione a gasolio 840d da 320 CV e i benzina 840i 3.0 340 CV e M850i V8 da 530 CV. Servirà invece aspettare per la M8, ancora non presentata ufficialmente. LA SERIE 3 TOURING. Con lintroduzione della Serie 3 Touring, i clienti europei potranno nuovamente acquistare uno dei best seller della Casa tedesca: la familiare ha convinto oltre 1,7 milioni di clienti in 32 anni di carriera. Conservativa nel design, pur con tutte le evoluzioni proprie della nuova berlina media, introduce molte novità nellabitacolo in tema di infotainment e dotazioni, mentre la gamma propulsori benzina e diesel ricalca quella già nota, con potenze comprese tra i 150 CV della 318i e i 374 CV della M340i, in attesa dellarrivo della 330e plug-in hybrid. La piattaforma aggiornata ha permesso di guadagnare spazio prezioso: il passo è cresciuto di 41 mm fino a 2,85 metri e il bagagliaio offre ora una capacità variabile da 500 a 1.510 litri, con lunotto apribile separatamente e un nuovo sistema di binari di gomma sul fondo per stabilizzare il carico. RESTYLING ELETTRIFICATO PER LA X1. La BMW X1 si aggiorna a metà carriera e propone un completo restyling che rivisita anche la gamma dei propulsori. Il design si fa più muscoloso con la mascherina più grande e i paraurti ridisegnati, ritoccando per loccasione anche i gruppi ottici Led. Gli interni propongono ancora limpostazione classica con strumenti analogici e linfotainment con display fino a 10,25", ma le novità più importanti sono relative alle motorizzazioni. Le unità Euro 6d sono unevoluzione di quelle note con i diesel 1.5 116 CV e 2.0 da 150 CV, 190 CV o 231 CV e i benzina 1.5 140 CV e 2.0 da 192 CV o 231 CV, mentre nel 2020 sarà commercializzata la plug-in hybrid da oltre 50 km di autonomia che proporrà un consumo combinato di 2.0 l/100 km con 43 g/km di emissioni di CO2. MASSIMO IMPEGNO SUGLI ELETTRONI. Grande attenzione è rivolta anche allelettrificazione. La BMW ha infatti recentemente aggiornato la tecnologia delle versioni plug-in hybrid della Serie 2, della Serie 3, della Serie 5, della Serie 7, della X5 e della Mini Countryman, mentre nel 2020 saranno presentate le X3, X1 e Serie 3 Touring plug-in hybrid e saranno commercializzate la Mini Cooper SE elettrica e la X3 elettrica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/BMW_CONCEPT_4_IL_PROTOTIPO_ANTICIPA_L_USCITA_DELLA_NUOVA_SERIE_4.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/BMW_I_HYDROGEN_NEXT_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_TECNICHE_DELLA_SUV_A_IDROGENO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/07/18/GRUPPO_BMW_OLIVER_ZIPSE_E_IL_NUOVO_CEO.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/03/BMW_X6_FOTO_MOTORI_DIMENSIONI_USCITA.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/17/BMW_SERIE_1_AL_VOLANTE_DELLA_NUOVA_118D_SPORT.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/19/BMW_SERIE_8_GRAN_COUPE_PREZZO_INTERNI_DIMENSIONI_MOTORI_E_USCITA.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/12/BMW_SERIE_3_TOURING_DIMENSIONI_LUNGHEZZA_IBRIDA_USCITA.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/29/BMW_X1_2019_DIMENSIONI_MOTORI_E_LE_NOVITA_DEL_RESTYLING.HTML [11] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/06/25/BMW_VISION_M_NEXT_FOTO_MOTORE_INFORMAZIONI.HTML 2019-09-10 13:24:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/alpina_b3_motore_foto_prestazioni/gallery/2019-BMW-Alpina-B3-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27124 Alpina B3 - La BMW Serie 3 diventa più sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27124&tipo=fv La nuova BMW SERIE 3 TOURING [1] ha debuttato solo poche settimane fa ma per lALPINA [2] è già tempo di svelare sulla passerella del SALONE DI FRANCOFORTE [3] la variante ipervitaminizzata della familiare bavarese. Seguendo una prassi consolidata, il modello porta la sigla B3 e si guarda bene dallurlare ai quattro venti la sua vera natura sportiva, preferendo un profilo basso e una certa sobrietà. SENZA ECCESSI. I segni distintivi si concentrano nella parte bassa della carrozzeria, con la piccola scritta Alpina a fare da biglietto da visita in un fascione movimentato da voraci prese daria con griglie a nido dape. Nella vista laterale spiccano inediti cerchi da 19 con ciascuna della cinque razze suddivisa in quattro, in alternativa ai quali se ne possono avere altri da 20 con disegno a raggiera. Dal muscoloso paraurti posteriore spuntano poi due coppie di terminali di scarico. IL TRE LITRI ARRIVA A 700 NM. Ciò che rende speciale la B3 Touring è però il motore, che alza lasticella delle prestazioni rispetto al sei cilindri in linea da tre litri della BMW Serie 3. I tecnici della Alpina hanno riprogettato il sistema di sovralimentazione che, grazie alle sue due turbine, porta la potenza massima a 462 CV, facendo registrare a 3.000 giri anche un nuovo picco di coppia di 700 Nm, sufficienti a spingere la familiare oltre i 300 km/h. Gli ingegneri vanno comunque fieri anche dei dati relativi a consumi ed emissioni, rispettivamente pari a 11,1 l/100 e a 252 g/km nel ciclo Wltp. SOLO INTEGRALE. Quanto al cambio, la B3 punta su un automatico a otto marce messo a punto dalla ZF. Il reparto trasmissione si completa con lultima evoluzione della trazione integrale xDrive, capace di distribuire in modo intelligente la forza motrice tra i due assi, e con un differenziale posteriore autobloccante a controllo elettronico, una vera benedizione per gli amanti della guida sportiva e funambolica. I prezzi della BMW Alpina B3 Touring sono ancora in via di definizione ma si sa per certo che gli ordini si apriranno allinizio del 2020, con le prime consegne previste invece per la metà dellanno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/12/BMW_SERIE_3_TOURING_DIMENSIONI_LUNGHEZZA_IBRIDA_USCITA.HTML/?=0 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALPINA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 12:56:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/ford_la_gamma_elettrificata_protagonista_a_francoforte/gallery/Ford-Puma-hybrid-5.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27125 Ford - La gamma elettrificata protagonista a Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27125&tipo=fv La parola dordine nello stand FORD [1] al SALONE DI FRANCOFORTE 2019 [2] è elettrificazione. Secondo unanalisi condotta di recente, i vertici dellOvale Blu si aspettano che entro la fine del 2022 oltre la metà dei clienti sceglierà di acquistare unauto ibrida oppure elettrica e la Casa si attrezza per allestire una gamma in grado di rispondere al più presto alle richieste del mercato. La posizione è chiara: tutti i nuovi modelli Ford che saranno lanciati da qui in avanti dovranno avere almeno una versione elettrificata, sia essa mild hybrid, hybrid, plug in hybrid o full electric. In concreto, la Ford lancerà in Europa ben diciassette veicoli elettrificati da qui al 2024 e otto di loro vedranno la luce già entro la fine dellanno. BATTERIE PER TUTTI. A contendersi i riflettori dellIAA in casa Ford sono soprattutto le Suv e le crossover. In attesa di una nuova proposta ispirata alla Mustang, che arriverà nel 2020, tra le prime spiccano la Kuga, che è il primo modello del marchio studiato con tre le declinazioni ibride mild hybrid, plug-in hybrid e hybrid, e il massiccio Explorer Plug-In Hybrid a sette posti. Tra le seconde cè invece la Puma, che a Francoforte è esposta nel nuovo allestimento di punta Titanium X con cui debutta la variante EcoBoost Hybrid. A spingerla è una motorizzazione mild hybrid che vede il motore mille a tre cilindri turbo supportato da ununità elettrica con tecnologia 48 Volt. A completare il quadro ci sono poi il Tourneo Custom Plug-In Hybrid e la Mondeo Hybrid wagon, che con la sua tecnologia ibrida self-charging si pone come alternativa al motore diesel. SCATOLA MAGICA. In occasione del Salone di Francoforte, la Ford ha sottolineato anche che, per limitare il problema dei lunghi tempi di ricarica delle batterie attraverso la comune rete elettrica, collaborerà con sei grandi fornitori di energia. Con questa partnership potrà offrire ai clienti di veicoli elettrificati tariffe dedicate e linstallazione di potenti wall box capaci di assicurare una ricarica più rapida di un terzo e al tempo stesso più economica. Quanto invece alle ricariche lontano da casa, la Casa americana sta ultimando lo sviluppo di una nuova app per smartphone e tablet che, in collaborazione stavolta con NewMotion, farà da passepartout in oltre 118.000 punti di ricarica, in 30 Paesi, semplificando lutilizzo delle infrastrutture e i pagamenti. UNA SCOSSA AL PUBBLICO. Fino al 22 settembre, infine, i visitatori dellIAA potranno familiarizzare con luniverso delle auto elettriche attraverso liniziativa Go Electric. Con essa Ford mette a disposizione tra le altre cose il primo simulatore di accelerazione per veicoli elettrici al mondo e dà lopportunità di fare esperienze in cui il potenziale cliente può capire quale modello elettrificato possa fare al caso suo. Dopo il Salone Go Electric sarà protagonista di un tour europeo che tra la fine del 2019 e linizio del 2020 toccherà diversi Stati, compresa anche lItalia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-10 12:56:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/bmw_concept_4_il_prototipo_anticipa_l_uscita_della_nuova_serie_4/gallery/2019-bmw-concept-4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27127 BMW Concept 4 - Sarà così la prossima Serie 4 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27127&tipo=fv Si chiama semplicemente Concept 4 ed è la sorpresa che BMW [1] aveva i serbo per il SALONE DI FRANCOFORTE [2]. Il prototipo anticipa le forme della Serie 4, attesa sul mercato dopo lintroduzione della SERIE 3 [3] totalmente rinnovata. Nessun dato tecnico è stato rivelato: la Concept 4 è un prototipo di stile puro e neanche gli interni sono stati per il momento svelati. IL DOPPIO RENE GIGANTE è UN OMAGGIO ALLA 328 DEL 1936. Come ormai tradizione la Serie 4 sfoggerà un design specifico, ispirato alla berlina ma dotato di elementi e stilemi propri. La Concept 4 mette in risalto questi aspetti e si distingue in maniera netta rispetto al passato, sfruttando anche la tinta Forbidden Red con riflessi neri per dare particolare risalto alle forme. Nel frontale troviamo infatti gruppi ottici molto sottili con il classico doppio faro stilizzato privi di vetro frontale e un doppio rene che si sviluppa in altezza dal cofano fino alla fine del paraurti, con forme geometriche e aggressive che vogliono rendere omaggio in forma moderna alla BMW 328 del 1936. La trama della griglia interna è estremamente elaborata ed è formata dai numeri 4 incastrati tra loro. PASSARUOTA POSTERIORI PALESTRATI. La fiancata propone una linea di cintura ascendente che va così a interpretare in maniera nuova il gomito di Hoffmeister, mentre il passo lungo esalta la dinamicità dellinsieme e contribuisce a ottimizzare le proporzioni. I passaruota posteriori sono più evidenti rispetto a quelli anteriori per sottolineare la presenza della trazione posteriore, inoltre sono stati realizzati cerchi in lega da 21" con finitura lucida e sezioni più scure che ne esaltano la tridimensionalità. Anche gli specchietti retrovisori introducono un tema nuovo, riducendo visivamente la loro dimensione senza trasformarsi in telecamere e collegandosi al profilo satinato dei cristalli con un supporto leggero e dinamico. BASSA E LARGA ANCHE IN CODA. La coda è stata disegnata per esaltare lanima sportiva della coupè, attraverso linee che ne abbassano visivamente laltezza. Gli sfoghi daria laterali e i gruppi ottici con singola linea led, allo stesso tempo, pongono laccento sulla larghezza dellinsieme, inoltre si nota diffusore nero lucido con elementi aerodinamici verticali. Gli scarichi trapezoidali si trovano ai lati del diffusore e chiudono visivamente il paraurti stesso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LOTUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/14/BMW_330E_AL_VOLANTE_DELLA_SERIE_3_IBRIDA_PLUG_IN.HTML 2019-09-10 12:56:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/lamborghini_sian_ibrida_motore_prestazioni_uscita/gallery/2019-Lamborghini-Sian-Live-12.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27126 Lamborghini Sián FKP 37 - 819 CV per la prima ibrida di SantAgata - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27126&tipo=fv La LAMBORGHINI [1] più veloce di tutti i tempi: così il marchio di SantAgata Bolognese presenta la sua prima ibrida, la SIáN FKP 37. Questo nome deriva dal termine utilizzato per indicare il fulmine in dialetto bolognese, mentre la sigla rende omaggio a Ferdinand Karl Piëch, scomparso nelle scorse settimane e responsabile dellacquisizione del marchio del Toro da parte del gruppo Volkswagen nel 1998. La supersportiva a dodici cilindri vanta soluzioni tecniche innovative, a partire dal sistema elettrificato che porta al debutto nel mondo dellauto i supercondensatori per contenere il peso e garantire prestazioni elevate. La Lamborghini Sián sarà costruita in soli 63 esemplari, ognuno dei quali sarà personalizzato dal Centro Stile Lamborghini e dal reparto Ad Personam con lobiettivo di creare un pezzo unico per ogni proprietario. Tutta la produzione è stata già prenotata ad un prezzo di due milioni di euro più tasse per ogni esemplare. La nuova V12 è stata presentata al SALONE DI FRANCOFORTE [2], dove è esposto un esemplare caratterizzato da una verniciatura Oro elettrico multistrato e interni caratterizzati da rivestimenti di pelle Poltrona Frau e inserti stampati in 3D. LELETTRICO SUPPORTA IL V12. La Sián mantiene fede alla storia del marchio proponendo una versione evoluta del V12 di 6.5 litri della Aventador SVJ abbinata a un motore elettrico a 48 volt. Lunità termica, aggiornata con valvole daspirazione di titanio, è la più potente mai montata su una Lamborghini di serie: il dodici cilindri arriva a erogare 785 CV a 8.500 giri. Per incrementare ulteriormente le prestazioni, allinterno del cambio è stata integrata ununità elettrica da 34 CV collegata direttamente agli assi che porta la potenza massima del sistema a 819 CV e supporta le manovre a bassa velocità, retromarcia compresa, scollegandosi poi al raggiungimento dei 130 km/h. IL DEBUTTO DEI SUPERCONDENSATORI. Lelettricità necessaria per il funzionamento del sistema ibrido viene accumulata allinterno di un supercondensatore, anziché nelle classiche batterie agli ioni di litio. Questa innovativa soluzione, inizialmente collaudata sulla Aventador, ha permesso alla Lamborghini di proporre un sistema di stoccaggio dellenergia tre volte più leggero rispetto a un accumulatore di pari potenza e tre volte più potente rispetto a una batteria di pari peso. La componente ibrida (motore e supercondensatore) arriva così a pesare solo 34 kg, garantendo un rapporto peso/potenza di 1 kg/CV. Lutilizzo di questa tecnologia ha inoltre permesso di sfruttare al meglio la frenata rigenerativa: grazie al comportamento simmetrico del supercondensatore, che può essere scaricato e caricato con la stessa potenza, il sistema si ricarica totalmente a ogni frenata, garantendo un immediato aumento della potenza disponibile. LE PRESTAZIONI. La combinazione del V12 con il sistema elettrico permette alla Sián di conquistare un altro primato, ovvero quello di Lamborghini con laccelerazione migliore di sempre. Alla sportiva ibrida bastano infatti 2,8 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. Anche nelle riprese i dati migliorano nettamente: con un incremento del 10% della forza di trazione in terza marcia il 30-60 km/h migliora di due decimi, mentre nel 70-120 km/h lelettrico permette di limare ben 1,2 secondi. Alle velocità più basse, infatti, il sistema ibrido può migliorare la forza di trazione del 20% nelle marce più alte. La velocità massima è superiore ai 350 km/h. NUOVI MATERIALI E LOOK ISPIRATO ALLA COUNTACH. Oltre alle tecnologie, la supersportiva di SantAgata porta al debutto anche un nuovo look con dettagli derivati dal passato. Ispirata alla Countach, la Sián introduce soluzioni stilistiche inedite per i modelli di serie, come le luci diurne a Y derivate dalla Terzo Millennio e il prolungamento sul tetto degli elementi di vetro del vano motore. Oltre a questo librida utilizza per la prima volta delle alette di raffreddamento posteriori realizzate con materiali che reagiscono alle elevate temperature generate dallimpianto di scarico, modificando la propria forma per migliorare il raffreddamento. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAMBORGHINI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 12:56:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/10/gruppo_psa_tavares_siamo_pronti_alla_svolta_elettrica_/gallery/2019-Tavares.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27123 Gruppo PSA - Tavares: "Siamo pronti alla svolta elettrica" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27123&tipo=fv Il GRUPPO PSA [1] è pronto ad affrontare la rivoluzione delle auto elettriche, ma i governi devono fare qualcosa di più per spingerne ladozione. questo il messaggio che Carlos Tavares, amministratore delegato del costruttore transalpino, ha voluto lanciare dal SALONE DELLAUTO DI FRANCOFORTE [2]. "Noi siamo pronti, sia con la tecnologia del gruppo PSA, sia con la nuova OPEL CORSA ELETTRICA [3]", ha spiegato il top manager in unintervista realizzata da Bloomberg TV. LINVITO AI GOVERNI. "Penso - ha però fatto presente Tavares - che sia ancora molto difficile fare delle previsioni sul futuro dellelettrico, per questioni ovvie: le persone stanno solo ora iniziando a usare le emissioni zero, guardano con attenzione alle reti di ricarica e si aspettano una maggior capillarità delle colonnine. Io penso che ladozione delle elettriche pure dipenderà dallaccessibilità in termini di prezzo, che è una delle aspettative maggiori per i consumatori, dallautonomia e dalla capillarità delle reti di ricarica. Tutti questi tre fattori devono essere allineati per rendere il consumatore a suo agio con lelettrico". Se laccessibilità e lautonomia delle elettriche sono fattori direttamente legati alle strategie dei costruttori, ben diversa è la questione delle reti. A tal proposito Tavares, anche in qualità di presidente dellassociazione di settore Acea, ha lanciato un chiaro monito ai governi europei: "Serve uninfrastruttura di ricarica sempre più capillare, perché un consumatore non acquista un veicolo elettrico se non può ricaricarlo rapidamente. Dobbiamo dare un senso di tranquillità: ecco perchè riteniamo che i governi debbano fare di più". In più, ha sottolineato Tavares, la politica deve chiarire aspetti come la perdita di gettito fiscale determinato dal passaggio dal petrolio allelettrico e la sostenibilità economica dei progetti in capo agli operatori che forniscono i servizi di ricarica. A BREVE LOK AL CONSORZIO PER LE BATTERIE. Tavares è stato interpellato anche sulliniziativa dellUnione Europea nata per creare un CAMPIONE CONTINENTALE [4] per la produzione di batterie. Bruxelles punta, in particolare, a sostenere un programma già avviato dalla Francia e dalla Germania per promuovere dei consorzi con risorse sia pubbliche che private: " un progetto che PSA supporta. Pensiamo sia una grande iniziativa e ora stiamo solo aspettando lapprovazione da parte della Commissione, che dovrebbe arrivare tra pochi mesi", ha affermato Tavares, riferendosi al consorzio promosso dalla controllata tedesca Opel con la Saft (facente parte della multinazionale petrolifera francese Total). Un altro consorzio è nelle fasi di costituzione e dovrebbe vedere la presenza della BMW, della Basf e della Varta. LA BREXIT. Tavares ha anche parlato della questione della Brexit, definendo "inaccettabile" lassenza di un accordo tra Londra e Bruxelles sulla gestione delluscita del Regno Unito dalla Ue e invitando i leader politici ad avere "buon senso e un atteggiamento flessibile e di larghe vedute". Il gruppo transalpino è direttamente interessato dalla vicenda, vista la sua presenza manifatturiera sullisola britannica: da tempo, il futuro dellimpianto di Ellesmere Port è in bilico e i francesi potrebbero anche decidere di chiuderlo in caso di una Brexit senza accordo. Luscita del Regno Unito dal blocco comunitario è comunque solo uno dei tanti fattori negativi che stanno influendo sulle prospettive del settore aumentando rischi e minacce. Tuttavia, Tavares ha espresso ottimismo: "Noi siamo pronti, abbiamo la tecnologia, la giusta redditività, un bilancio molto pulito e un management con le capacità per portare avanti il nostro piano industriale". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/23/OPEL_CORSA_LA_SESTA_SERIE_E_ANCHE_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/05/03/FRANCIA_GERMANIA_FINO_A_6_MILIARDI_DI_EURO_PER_L_AIRBUS_DELLE_BATTERIE.HTML 2019-09-10 12:56:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/land_rover_defender_2020_motori_dimensioni_versioni_90_110/gallery/2019-Land-Rover-Defender-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27122 Land Rover Defender - La fuoristrada diventa Suv - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27122&tipo=fv Il SALONE DI FRANCOFORTE [1] segna lattesissimo ritorno della LAND ROVER DEFENDER [2]. Con una storia così importante sulle spalle e una carriera lunghissima alle spalle, la genesi del nuovo modello rappresenta una vera e propria sfida per il gruppo inglese, che è chiamato a rivoluzionare il modello tecnicamente senza perdere il legame con la tradizione. CONFERMATE LE VERSIONI 90 E 110 CON PASSO FINO A TRE METRI. Il risultato è una vera Suv, lontano dai sacrifici richiesti dalla vecchia Defender, ma pronto anche ad offrire quella robustezza e quella mobilità che sono il punto di forza del marchio, aggiungendo dotazioni, lusso e design parametrati ai valori di oggi. Soglie alte, sbalzi ridotti, linee squadrate e la classica ruota esterna sono elementi che si legano al passato, così come la scelta di offrire le varianti 90 e 110 (che, evidentemente, non indicano più il passo il pollici) con due e quattro porte. La versione 110, la prima a debuttare, è lunga 4,76 metri (5,01 con la ruota di scorta), ha un passo di 3,02 metri ed è alta 1,97 metri, mentre la larghezza con specchietti ripiegati è pari a due metri. Sul conto della 90 il passo scende a 2,58 metri: parafanghi bombati e lelemento in tinta con la carrozzeria nella zona dei cristalli donano dinamismo allinsieme, mentre gli inserti di plastica grezza nei paraurti sono un omaggio alloff-road puro. Pure i gruppi ottici sono una reintepretazione moderna dello stile classico e anche il cristallo superiore laterale sul tetto è una chiara citazione della storia. Il portellone, infine, non cede: rimane incernierato sul lato per poter montare pneumatici esterni di varie dimensioni. PLANCIA LINEARE, ARRIVA IL JUMP SEAT ANTERIORE. Gli interni rappresentano unulteriore dimostrazione di come la tecnologia odierna sia stata rivista per ricordare uno stile più classico, inclusa la possibilità di ordinare un tetto di tessuto ripiegabile. La plancia si sviluppa su due livelli in maniera geometrica, con una traversa di magnesio a vista che domina la scena ed è utilizzata anche come maniglia. I display da 12,3" e 10" che gestiscono strumentazione e infotainment Pivi Pro, così come la leva del cambio automatico e i comandi del climatizzatore sono in posizione rialzata per lasciare spazio al Jump Seat ripiegabile, una seduta centrale opzionale che permette di aumentare labitabilità e di spostarsi comodamente nella zona anteriore trasformandosi in alternativa in un bracciolo. Il tema della praticità è ripreso anche dai tappetini gommati, dagli spazi aperti per riporre oggetti e dal design dei pannelli porta con zone scoperte con lamiera a vista. La versione a passo corto 90 offre fino a sei posti, mentre per la 110 sono previste le opzioni, cinque, sei e 5+2 con un bagagliaio variabile da 646 a 2.380 litri, contro i 231-2.233 litri della 90. MONOSCOCCA DALLUMINIO PER TROVARE NUOVI LIMITI. Sviluppata sulla nuova piattaforma D7x dalluminio con sospensioni indipendenti, la Defender è dunque passata alla struttura monoscocca e vanta caratteristiche tecniche di spessore: 900 kg di portata, carico statico sul tetto di 300 kg, traino fino a 3.500 kg con lAdvanced Tow Assist, 291 mm di altezza minima, 500 mm di articolazione delle ruote, 45 gradi di inclinazione massima, 45 gradi di pendenza massima, 6,5 tonnellate di carico a strappo sui punti di ancoraggio della scocca e capacità di guado di 900 mm con il nuovo programma di guida Wade. Grazie al Terrain Response 2 e al Configurable Terrain Response anche i meno esperti possono guidare in condizioni di aderenza precaria. Un aiuto viene dato anche dal ClearSight Ground View, che elimina virtualmente parafanghi e carrozzeria per offrire una visione del terreno e delle ruote anteriori attraverso linfotainment. Una serie completa di Adas viene in aiuto in tutte le condizioni, compresa la guida su asfalto dove, a detta della Casa, la nuova piattaforma dona alla Defender unagilità e una compostezza sconosciuta al modello classico. SUBITO BENZINA E DIESEL MILD HYBRID, PLUG-IN HYBRID IN ARRIVO. Al lancio la Defender sarà offerta nelle versioni benzina P300 e P400 e in quelle diesel D200 e D240. La P300 è dotata del quattro cilindri turbo da 300 CV e dichiara una media di 227 g/km nel ciclo Nedc ricalcolato. La P400 opta per il sei cilindri 3.0 da 400 CV e 550 Nm, coadiuvato dal sistema ibrido Mhev per ridurre le emissioni fino a 219 g/km. I diesel 2.0 biturbo sono proposti nelle versioni da 200 e 240 CV con 430 Nm di coppia massima e dichiaro entrambi 199 g/km di CO2. In futuro si aggiungeranno alla gamma le versioni plug-in hybrid, delle quali ancora non si conoscono le caratteristiche tecniche definitive. Per tutte le versioni è prevista la trasmissione automatica ZF otto marce con riduttore e la trazione integrale con il blocco dei differenziali centrale e posteriore. SOSPENSIONI PNEUMATICHE E FRENI A CONTROLLO ELETTRONICO. Le sospensioni possono essere dotate di sistema Electronic Air Suspension integrato nellAdaptive Dynamics, che offre la possibilità di alzare di 75 mm la vettura in off-road e fino a 145 mm nelle condizioni più gravose, per poi abbassarsi di 50 mm rispetto allaltezza standard per aiutare i passeggeri a salire e scendere, in quella che gli inglesi chiamano funzione Elegant Arrival. Limpianto frenante porta al debutto il pistone controllato da un attuatore, che consente di rendere ancora più rapida e confortevole la risposta dellimpianto e permette di integrare lAutonomous Emergency Braking riducendo fino al 50% la risposta nella guida in off-road alle basse velocità. INFOTAINMENT RINNOVATO PER PASSARE AGLI AGGIORNAMENTI ONLINE. Linfotainment Pivi Pro di nuova generazione con display da 10" introduce una grafica semplificata e la connettività di bordo (già predisposta per il 5G), che apre la strada agli aggiornamenti Over-The-Air (Sota) che permettono di migliorare costantemente le funzionalità del veicolo senza dover ricorrere agli interventi di manutenzione in officina. La Land Rover ha evoluto anche la Activity Key trasformandola, come già visto su altri modelli del gruppo, in uno smartwatch impermeabile che può gestire le serrature del veicolo, ma è disponibile anche unapp per smartphone per controllare alcune funzioni del veicolo in remoto. LA GAMMA E GLI ACCESSORI. La gamma, che vedrà al debutto la 110 seguita in un secondo tempo dalla 90, sarà declinata negli allestimenti S, SE, HSE, First Edition e Defender X, mentre nel corso del 2020 saranno presentate anche le versioni commerciali. Gli accessori saranno raggruppati nei pack Explorer, Adventure, Country e Urban, ma la gamma di componenti aftermarket sarà molto ampia per offrire personalizzazioni uniche ai clienti. Per la versione X la Land Rover ha scelto finiture specifiche, con cofano e rivestimenti Gloss Black e dettagli Starlight Satin. I clienti potranno inoltre adottare il Satin Protective Film per proteggere la carrozzeria nelle tinte Indus Silver, Gondwana Stone e Pangea Green, mentre i cerchi con misure da 18" a 22" saranno offerti in 12 varianti, da abbinare alle tinte esterne Tasman Blue, iPangea Green, Gondwana Stone, Fuji White Eiger Grey, Santorini Black e lIndus Silver. Per gli interni sono previsti rivestimenti di tessuto Resolve, oppure la Grained Leather con sezioni Woven Textile, fino alla ricca pelle Windsor con Steelcut Premium Textile realizzato dalla Kwadrat: tutte le opzioni sono pensate per abbinare qualità e resistenza nel tempo, anche nelluso più gravoso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LAND-ROVER-DEFENDER 2019-09-10 12:29:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/audi_ai_trail_autonomia_motore_caratteristiche/gallery/2019-Audi-Ai-Trail-quattro-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27119 Audi Ai:Trail quattro - Elettrica e autonoma, anche in off-road http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27119&tipo=fv LAUDI [1] completa la serie di quattro prototipi a guida autonoma sviluppati come visione futura della mobilità presentando al SALONE DI FRANCOFORTE [2] la AI:Trail quattro. La Trail affianca così la AICON [3], la AI:ME [4] e la AI:RACE [5] (prima nota come PB18 e-tron), che in Germania sono esposte per la prima volta contemporaneamente. ABITACOLO TRASPARENTE PER IMMERGERSI NELLA NATURA. Lidea alla base della AI:Trail quattro è quella di un veicolo dedicato alla guida in fuoristrada, che rielabora il concetto stesso di Suv e off-road odierno. La cabina, ispirata a quella degli elicotteri e visivamente separata dai piccoli parafanghi e quasi totalmente trasparente, offre una visibilità unica anche nei passaggi più impervi, mentre i quattro motori elettrici offrono la coppia necessaria per gestire ogni situazione con una trazione integrale particolarmente raffinata. Le dimensioni rimangono compatte con 4,15 metri totali e sbalzi quasi inesistenti, mentre lassetto rialzato e i cerchi da 22" con pneumatici off-road da 33,5" consentono di ottenere unaltezza minima da terra di 34 cm e una capacità di guado di 49 centimetri. 1.000 NM E 250 KM DI AUTONOMIA MINIMA. Carbonio e alluminio hanno permesso di mantenere la massa totale entro 1.750 kg, contribuendo in maniera sostanziale allautonomia in ambienti dove i punti di ricarica potrebbero essere disponibili con minore frequenza. Lintero powertrain è stato progettato pensando proprio alle necessità di un veicolo simile: per questo si è privilegiata la coppia alla potenza massima, con 435 CV e 1.000 Nm, mentre le batterie garantiscono dai 400 ai 500 km di autonomia nel ciclo Wltp e soprattutto almeno 250 km anche nelle più gravose condizioni di guida in fuoristrada. La velocità massima è limitata a 130 km/h e non sono previsti né il cambio né i differenziali tradizionali, che generano attriti: la trazione è costantemente controllata dallelettronica di bordo che modula la potenza di ogni singola ruota. NEL CLOUD SI SCEGLIE LA FUORISTRADA. Labitacolo quattro posti è minimalista e non utilizza grandi display per linfotainment, limitandosi a integrare uno smartphone perché la vettura è nata espressamente per la guida in mezzo alla natura: secondo lidea di base per la quale in futuro i clienti potranno noleggiare di volta in volta il veicolo più adatto alle loro esigenze pagando un canone mensile, i tecnici dellAudi hanno scelto quindi di realizzare modelli diversi di ununica famiglia dalle spiccate caratteristiche. Tutti i sistemi di bordo sono inoltre predisposti per essere personalizzati in base al cliente: questo significa poter importare dal cloud MyAudi tutte le preferenze relative a climatizzazione, illuminazione, posizione di guida e libreria musicale. Lo spazio a bordo è libero da elementi aggiuntivi, perché i motori sono integrati negli assi e le batterie si trovano sotto al pavimento, mentre i rivestimenti in materiali ecologici e i colori blu e grigio sono pensati per creare un ideale collegamento con il paesaggio esterno. I sedili posteriori, con poggiatesta estesi verso i lati, possono essere infine rimossi e utilizzati come sedie al di fuori del veicolo. LE SOLUZIONI STILISTICHE E TECNICHE PER LOFFROAD. Sulla AI:Trail quattro non mancano soluzioni pensate espressamente per lavventura come la possibilità di aprire sia il lunotto che il parabrezza per trasportare oggetti particolarmente ingombranti e il vano aggiuntivo integrato nel paraurti posteriore che consente di trasportare oggetti sporchi che non possono rimanere in abitacolo, come scarponi e attrezzatura sportiva. Le minigonne sono inoltre sagomate per essere utilizzate come sostegno per salire sulla fiancata e caricare oggetti nel portapacchi sul tetto, mentre i parafanghi molto piccoli consentono di vedere il movimento delle sospensioni dal posto guida. Anche i pneumatici adottano soluzioni specifiche, con una struttura interna che permette di rendere più malleabile la spalla senza metterne a repentaglio laffidabilità per ottenere ulteriori 60 mm di corsa totale delle sospensioni e il controllo elettronico della pressione dinamica in base al percorso e alladerenza. DRONI AL POSTO DEGLI ABBAGLIANTI. Osservando la vettura spicca lassenza di gruppi ottici tradizionali. Questa è una precisa scelta dei designer, che hanno immaginato due diverse soluzioni: alla base del lunotto e del parabrezza sono disponibili delle luci led orientabili che possono illuminare verso lesterno o verso linterno con intensità regolabile, ma la funzione degli abbaglianti è affidata a cinque Audi Light Pathfinders, ovvero dei droni a basso consumo di energia con luci Matrix Led che possono volare davanti al veicolo per illuminare il percorso e tornare poi sul tetto della vettura. Le loro telecamere integrate possono anche generare delle immagini da trasmettere in tempo reale allinterno del veicolo. Quando si trovano sul tetto possono essere utilizzati come luci per labitacolo attraverso il tetto trasparente o come illuminazione a veicolo fermo. A ogni sedile è inoltre attaccata magneticamente lAudi Light Companion, che allinterno funziona come luce di cortesia e allesterno ricorda una torcia, ma può essere utilizzata anche in forma statica con il treppiedi integrato. Nella struttura sono presenti anche telecamere che possono postare foto e video sui social media e laser che proiettano sul terreno le indicazioni di navigazione per i percorsi di Trekking. DAL LIVELLO 4 SU STRADA AL LIVELLO 2 IN OFF-ROAD. Trattandosi di un modello chiamato AI lattenzione è rivolta anche allintelligenza artificiale e alla guida autonoma. LAudi AI:Trail quattro declina questo concetto in un modo particolare, offrendo un aiuto diverso al guidatore in base al terreno. Su strada la vettura è progettata per essere sempre guidata dal computer con un sistema di Livello 4, mentre in fuoristrada è luomo a prendere i comandi, potendo contare in alcuni tratti sul Livello 3 di assistenza. Quando cartografia e terreno non lo consentono, la concept offre invece sensori radar e laser capaci di analizzare il terreno e reagire in tempo reale alle sconnessioni e allo slittamento delle ruote per evitare collisioni, intervenendo anche su freni e sterzo se necessario. La vettura è anche in grado di avvertire il guidatore quando langolo di inclinazione è troppo rischioso a quando cè il rischio di toccare con il fondo, mentre solo in alcuni tratti è possibile utilizzare il cruise control con Active Steering comparabile a unassistenza di Livello 2. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/09/11/AUDI_ELAINE_E_AICON_CONCEPT_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2017.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/04/15/AUDI_AI_ME_FOTO_INFORMAZIONI_USCITA_SHANGHAI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2018/08/24/AUDI_A_PEBBLE_BEACH_DEBUTTA_LA_PB18_E_TRON1.HTML 2019-09-10 11:32:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/bmw_i_hydrogen_next_immagini_caratteristiche_tecniche_della_suv_a_idrogeno/gallery/2019-bmw-i-hydrogen-next-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27120 BMW i Hydrogen Next - Una X5 a idrogeno esplora il futuro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27120&tipo=fv La BMW [1] continua a portare avanti la ricerca sulla tecnologia fuel cell e lo dimostra al SALONE DI FRANCOFORTE [2] presentando la i Hydrogen NEXT. Il prototipo è basato sulla X5 [3] ed è il risultato della sperimentazione che la Casa tedesca sta portando avanti insieme alla Toyota, grazie a una partnership siglata nel 2013. Lobiettivo della BMW è quello di portare questa vettura sul mercato nel 2022, introducendo così, in serie limitata, una versione elettrica alimentata a celle a cambustibile della X5. Il lancio di modelli di serie alimentati a idrogeno è invece previsto per il 2025, ma molto dipenderà dallo sviluppo delle infrastrutture di rifornimento. LA X5 NON HA BISOGNO DI MODIFICHE. A livello puramente stilistico, la i Hydrogen NEXT si distingue dalla X5 di serie in maniera leggera, dimostrando le potenzialità di integrazione di questo powertrain nei veicoli attuali. Al di là delle grafiche blu tridimensionali applicate alla carrozzeria Mineral White, caratteristiche di questo prototipo sono soltanto le finiture azzurre del doppio rene anteriore, del diffusore e dei cerchi di lega, oltre al disegno inedito delle griglie frontali. Il paraurti posteriore è inoltre privo di terminali di scarico a vista, dal momento che la propulsione è esclusivamente elettrica. UN PIENO IN MENO DI 4 MINUTI. I due serbatoi di idrogeno sono posizionati al centro del veicolo, nel tunnel che ospita la trasmissione, e sono disposti a T, ma per il momento la BMW non ha fornito indicazioni sulla relativa capacità totale. La cella a combustibile si trova nel vano anteriore, mentre sopra lasse posteriore è posizionata una batteria che viene utilizzata per gestire i picchi di potenza e il recupero denergia in frenata. Il motore elettrico è unico ed è posizionato sullasse posteriore. La BMW non ha per il momento fornito indicazioni su potenza, autonomia e prestazioni, ma ha confermato che con questauto il rifornimento può essere effettuato in meno di quattro minuti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2018/09/27/BMW_X5_AL_VOLANTE_DELLA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML 2019-09-10 11:32:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/10/nuova_mobilita_tom_tom_telematics_diventa_webfleet_solutions_1669779063/gallery/2019-nasce-WebFleet-Solutions.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27121 Nuova mobilità - Tom Tom Telematics diventa WebFleet Solutions http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27121&tipo=fv In seguito allacquisizione da parte di BRIDGESTONE [1], avvenuta in aprile, TOMTOM TELEMATICS [2] prenderà il nome di WEBFLEET SOLUTIONS. Il cambio di denominazione, effettiva dal 1 ottobre, concorrerà a trasformare il costruttore giapponese in unazienda di nuove soluzioni di mobilità a tutto tondo. Webfleet Solutions è già il provider numero uno in Europa di soluzioni per le flotte, settore che vanta tassi di crescita a doppia cifra. PIATTAFORMA WEBFLEET. Il nuovo nome della società deriva dal prodotto che da ventanni facilita il lavoro dei fleet manager nelle aziende, ovvero la piattaforma Webfleet: la soluzione è già stata installata in oltre 1,2 milioni di veicoli dellarea Emea, con proposte dedicate alle flotte e servizi di mobilità in abbonamento. "Abbiamo ambizione, infrastrutture e risorse, dati, idee - ha detto il Ceo e presidente di Bridgestone Emea PAOLO FERRARI - In un mondo sempre più caratterizzato da un concetto di mobilità connessa e autonoma, Bridgestone e Webfleet Solutions faranno in modo che i nostri clienti possano approfittare di tutti i vantaggi della nuova era". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BRIDGESTONE [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOM_TOM_TELEMATICS 2019-09-10 11:32:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/07/09/mini_cooper_se_elettrica_motore_autonomia_uscita/gallery/2019-Mini-Cooper-SE-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27118 Mini Cooper SE - Sportività a batteria - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27118&tipo=fv Dopo le impressioni di guida DELLESEMPLARE CAMUFFATO [1], ecco finalmente la MINI COOPER SE. Quella tutta elettrica, definitiva, e in cammino verso il lancio commerciale, previsto per marzo 2020. La prima MINI [2] a batterie sarà costruita nello stabilimento di Oxford e andrà ad affiancare le versioni a benzina della tre porte con prezzi a partire da 33.900 euro. FINO A 270 KM CON UN PIENO DELETTRONI. La prima Mini full electric di serie è mossa da ununità a batteria che eroga 184 CV e 270 Nm sulle ruote anteriori. Molto interessanti le prestazioni, visto che la Casa dichiara uno 0-100 in soli 7,3 secondi, mentre la velocità massima è limitata a 150 orari. Parlando di autonomia, i dati sono provvisori si spazia dai 235 ai 270 km nel ciclo Nedc a seconda della versione. La base tecnica è quella della normale Mini tre porte, opportunamente adattata alla nuova alimentazione. Motore elettrico, elettronica di controllo e trasmissione sono posizionati nella parte anteriore del telaio, ingabbiati da una struttura tubolare. La batteria agli ioni di litio, della capacità di 32,6 kWh, ha forma a T ed è collocata nel pavimento, tra i sedili anteriori e il divanetto. Non si va quindi a toccare la capacità di carico, che resta inalterata (da 211 a 731 litri, a sedili reclinati). Per mantenere unaltezza libera da terra di sicurezza per la batteria, posizionata, come detto, nel pavimento, la carrozzeria è stata montata più in alto di 18 mm rispetto alle versioni termiche. DETTAGLI GIALLI E CERCHI ASIMMETRICI. La Mini elettrica ha una massa a vuoto di 1.365 chili, circa 145 in più rispetto a una Mini Cooper S dotata di cambio Steptronic. La presa di ricarica si trova sopra la ruota posteriore destra, dove normalmente cè il bocchettone di rifornimento del carburante. Il logo Mini Electric in rilievo segna la differenza in termini di energia utilizzata. In realtà i dettagli che marcano le differenze estetiche del modello non sono poi così grandi: si notano molto perché sono in giallo, visibile sugli indicatori di direzione, sul portellone, sui retrovisori esterni e sulla griglia anteriore. Che presenta un profilo orizzontale. Il bordo inferiore del paraurti anteriore e il grembiule posteriore dal disegno specifico contribuiscono poi a ridurre la resistenza aerodinamica. Ottimizzati anche i cerchi di lega da 17 opzionali con design asimmetrico, come quelli da 16 standard. Inoltre, i gruppi ottici a Led sono di serie. POWERTRAIN DI GRUPPO. Potenza e coppia istantanee sono assicurate dallultima versione del motore elettrico sincrono sviluppato dal gruppo BMW. Il tutto consente unelevata potenza ed efficienza, oltre che vibrazioni minime. Chiaro, la Mini elettrica non emette rumore, per questo è dotata di serie di protezione acustica per i pedoni: un suono, infatti, viene generato tramite il sistema audio. La Mini Cooper SE adotta lavantreno MacPherson, il retrotreno multilink e lo sterzo elettromeccanico. Con un baricentro più basso di 30 mm rispetto a una Cooper S e la distribuzione ottimale delle masse, la Mini elettrica promette buone doti stradali. Per garantire divertimento senza perdite di trazione, la piccola a batteria dispone di un innovativo sistema Dsc (Dynamic stability control). Il limitatore dello slittamento posto vicino allattuatore fa sì che le operazioni di controllo siano calcolate allinterno del sistema di azionamento, rendendo tutto molto più rapido e progressivo. Tramite un interruttore il driver può selezionare quattro programmi di guida: Sport, Mid, Green e la nuova Green+. In queste ultime due modalità il sistema è orientato alla massima efficienza. In Green+, le funzioni confort come riscaldamento, aria condizionata e riscaldamento del sedile sono limitate o disattivate per incrementare lautonomia. GUIDA MONOPEDALE. Nel mondo BMW la i3 aveva già inaugurato la cosiddetta guida monopedale. E, in particolare nel traffico, la Mini Cooper SE decelera parecchio in rilascio. Come risultato, a bassa velocità si può rallentare molto senza far ricorso ai freni. La Mini Cooper SE è la prima elettrica del gruppo in cui il driver può influire sul livello di efficienza del recupero denergia: si può scegliere infatti tra un recupero corposo e uno di livello più basso, indipendentemente dalle modalità di guida. Così, la risposta alla decelerazione può essere adattata con precisione allo stile di guida, se dinamico o soft. La dotazione di serie prevede un quadro strumenti specifico, costituito da uno schermo a colori da 5,5 nel design Black Panel. Al centro di questo schermo, la velocità è visualizzata in cifre con una banda di scala periferica oltre che nellanello luminoso dello strumento centrale: in rosso (modalità Sport), bianca (Mid) o verde (Green e Green+). Durante la ricarica, il quadro strumenti digitale fornisce anche informazioni dedicate. Se lauto è collegata a una presa di corrente o alla stazione di ricarica, è possibile tener docchio anche lintervallo disponibile e la percentuale dello stato di carica. Viene inoltre visualizzata lora in cui la batteria sarà di nuovo piena. La Cooper SE può essere collegata a una presa domestica, alla Mini Wallbox o a una stazione di ricarica pubblica. Il cavo standard è disponibile per il collegamento alla presa normale, mentre la Mini Wallbox è in opzione per la ricarica domestica e con un cavo trifase per lutilizzo presso le stazioni pubbliche. Entrambe le opzioni consentono una ricarica all80% in due ore e mezza con una capacità massima di 11 kW e al 100% in tre ore e mezza. Lunità della Cooper SE è progettata per una capacità di carica massima di 50 kW, permettendo in questo caso di ripristinare l80% dellautonomia in soli 35 minuti. DOTAZIONI. Il clima automatico bizona è di serie. Per riscaldare labitacolo utilizza una pompa di calore molto efficiente, che sfrutta il 75% di energia in meno rispetto a un sistema di riscaldamento convenzionale, offrendo, al contempo, un elevato confort in inverno. Limpianto offre anche la possibilità di riscaldare o raffreddare labitacolo fino a una temperatura specificata prima di partire. Allo scopo si può utilizzare lapp Mini connected remote per impostare anche lorario di partenza previsto. La Cooper SE comprende inoltre un sistema di navigazione completo di servizi Mini connected, focalizzati sulla mobilità elettrica. La schermata eDrive, per esempio, fornisce informazioni sul flusso denergia e sullautonomia, offrendo soluzioni per aumentare il chilometraggio percorribile, disattivando alcune funzioni o aumentando il recupero. Sulla mappa, inoltre, è possibile visualizzare un cerchio che indica lautonomia della Cooper SE in base al livello di carica. Il Connected navigation standard include un touch screen da 6,5, che consente di utilizzare anche la piattaforma Mini online e la compatibilità Apple CarPlay. Connessione del telefono che, tra laltro, comporta in automatico laggiornamento delle mappe. I servizi remoti, poi, consentono di visualizzare lo stato di carica della batteria e lautonomia sullo smartphone, tramite lapp. disponibile, inoltre, la visualizzazione dei punti di ricarica siti nelle vicinanze dellauto. Lopzionale Connected Navigation Plus include invece uno schermo da 8,8 e la ricarica wireless. Elevatissima, come sempre, la possibilità di personalizzazione, grazie a quattro pacchetti, esterni e interni, e a numerosissime combinazioni possibili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/03/06/MINI_COOPER_S_E_AL_VOLANTE_DELL_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MINI.HTML 2019-09-10 11:32:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/audi_rs7_sportback_motore_prestazioni_foto_uscita/gallery/2019-Audi-RS7-Live-5.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27117 Audi RS7 Sportback - 600 CV con il V8 mild-hybrid - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27117&tipo=fv Il quarto di secolo della sigla RS ha portato con sé sei nuove AUDI [1] al peperoncino, che si sveleranno a poco a poco. Dopo la RS6 AVANT [2], a uscire allo scoperto al SALONE DI FRANCOFORTE [3] è la nuova RS7 Sportback. Spenti i riflettori sulla kermesse tedesca, bisognerà attendere i primi mesi del 2020 per vederla su strada. Non ancora comunicati i prezzi per il mercato italiano. "LIKE DELTONA". Stephan Fahr-Becker, il designer che cura limmagine delle Audi RS, non fa mistero di essersi ispirato ad unicona tutta italiana nel tracciare le linee di questa RS7: la Lancia Delta Integrale Evoluzione. In un particolare i passaruota, per la prima volta allargati di 40 mm rispetto alle A7 Sportback. Che, comunque, continuano a condividere con la RS7 cofano, tetto, porte anteriori e portellone. Le voraci prese daria sul paraurti? Necessarie per far respirare il V8 4.0 TFSI da 600 cavalli e 800 Nm fra 2.050 e 4.500 giri. Per una punta massima di 305 km/h (con il Dynamic Plus Package) e uno 0-100 km/h da 3,6 secondi. Risultati possibili grazie anche al cambio tiptronic a otto rapporti e alla trazione integrale quattro con differenziale centrale meccanico, che può inviare fino all85% della coppia alle ruote posteriori e fino al 70% alle anteriori, in caso di bisogno (40:60 la ripartizione in condizioni normali). I consumi del V8 sono tenuti a bada dal sistema mild hybrid a 48V, nonché dal cylinder on demand, che spegne quattro degli otto cilindri quando necessario: in questo modo si risparmiano, secondo la Casa, fino a 0,8 litri di benzina ogni 100 km. AMPIE POSSIBILITà DI REGOLAZIONE. Argomenti cari a chi ama stringere un volante fra le mani sono pure assetto e freni. Le sospensioni adattive ad aria sono di serie, mentre non manca la possibilità di avere il Dynamic Ride Control e il sistema di sterzata integrale (entrambi optional). Le tarature possono naturalmente essere modificate con lAudi drive select: si sceglie fra sei profili, con i nuovi RS1 e RS2 che possono essere richiamati semplicemente con la pressione di un pulsante sul volante. Così, ci si può ritagliare su misura le risposte di motore, sospensioni, cambio, sterzo, differenziale, sound di scarico e perfino il funzionamento dellaria condizionata. I cerchi di serie sono da 21, con pneumatici da 275/35, mentre a pagamento si possono avere i 22 con pneumatici 285/30. Optional anche limpianto frenante con dischi carboceramici da 440 mm di diametro davanti e 370 dietro che fa risparmiare 34 kg rispetto a quello tradizionale. ABITACOLO SPORTIVO. Dentro, lAudi RS7 Sportback offre una gran dose di tecnologia. Davanti agli occhi di chi guida cè il virtual cockpit mentre il sistema multimediale è naturalmente lMmi di nuova generazione, con la possibilità di ordinare a parte lRS head-up display, dotato di grafiche sportive dedicate. Per la prima volta, inoltre, labitacolo può essere scelto in configurazione cinque posti, grazie al divano a tre sedute; la pelle Nappa color nero perla per i sedili è di serie, a richiesta è disponibile la Valcona. La capacità del vano bagagli, infine, va dai 535 ai 1.390 litri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/21/AUDI_RS6_AVANT_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 11:03:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/10/gruppo_fca_richiamo_per_quasi_700_mila_pick_up_ram_in_nord_america/gallery/2019-RAM.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27115 Gruppo FCA - Richiamo per quasi 700 mila pick-up Ram in Nord America http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27115&tipo=fv Negli Usa, il GRUPPO FIAT CHRYSLEr [1] ha annunciato un richiamo per 693.128 pick-up del marchio Ram, interessati da un difetto al portellone posteriore: in determinati casi, infatti, questultimo rischierebbe di aprirsi durante la marcia del veicolo. La nuova campagna di riparazioni amplia uniniziativa avviata lo scorso anno per 1,1 milioni di veicoli e successivamente estesa ad altri esemplari di diversi modelli di pick-up. LEUROPA NON CENTRA. Nel complesso, il problema riguarda più di 2 milioni di Ram 1500, 2500 e 3500 prodotti tra il 2013 e il 2017 e dotati di cassoni da 8 piedi di lunghezza (2,4 metri) e di sistemi elettronici di chiusura del portellone del cassone posteriore. Il richiamo non riguarda i RAM 1500 DEL MODEL YEAR 2019 [2] introdotto in Europa. Il costruttore ha inoltre sottolineato di non essere a conoscenza di eventuali infortuni o incidenti legati al problema. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/gruppo-fca [2] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2018/10/17/ram_1500_my_2019_il_nuovo_pick_up_arriva_in_europa.html 2019-09-10 11:03:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/02/cupra_tavascan_suv_elettrica_salone_di_francoforte/gallery/2019-Cupra-Tavascan-Live-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27116 Cupra<br> - La Tavascan anticipa la futura Suv elettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27116&tipo=fv Si chiama TAVASCAN CONCEPT la novità principale del marchio CUPRA [1] per il SALONE DI FRANCOFORTE [2]. La Suv coupé elettrica è unanticipazione di come il brand sportivo di casa Seat affronterà le sfide future, sia dal punto di vista del design che della tecnologia. Il suo nome, come da tradizione, deriva da una città spagnola sui Pirenei, a pochi chilometri da Andorra. SOLUZIONI STILISTICHE NUOVE PER UN BRAND GIOVANE. Sulla scia dellaggressiva FORMENTOR PLUG-IN HYBRID [3], attesa sul mercato nel corso del 2020, la Cupra ha realizzato un prototipo originale e ricco di elementi inediti, con un particolare focus verso le prestazioni. Il frontale, molto chiuso grazie al powertrain elettrico, cambia totalmente prospettiva spostando il logo nella parte inferiore, mentre le fiancate sono dominate dai cerchi di lega da 22" e dalla linea di cintura ascendente. In coda il paraurti è scavato per gestire i flussi daria, mentre sul portellone troviamo delle appendici aerodinamiche multiple e i gruppi ottici Led a tutta lunghezza, che incorniciamo il logo Cupra in versione rossa. Il colore scuro abbinato alla fibra di carbonio a vista e ai dettagli rame diventa una costante per i modelli del brand. DISPLAY E CARBONIO. Gli interni sono altrettanto aggressivi, ma con un approccio minimalista dato dalla presenza dei due display da 12,3" e 13" e dei soli comandi fisici della trasmissione. Il volante di nuovo disegno integra inoltre un pulsante specifico per selezionare le modalità di guida, mentre gli elementi di carbonio sono anche strutturali. I sedili anatomici sono rivestiti di pelle con effetto tridimensionale, mentre altre sezioni degli interni sono rivestite dAlcantara. 306 CV, 450 KM DI AUTONOMIA. La piattaforma Meb del GRUPPO VOLKSWAGEN [4], dedicata ai modelli a emissioni zero, è la base sulla quale è nato il progetto della Tavascan. La Cupra ha scelto la configurazione con due motori elettrici con trazione integrale, per una potenza totale di 306 CV e batterie da 77 kWh che garantiscono unautonomia di 450 km nel ciclo Wltp. I 100 km/h da fermo vengono raggiunti in meno di 6,5 secondi, mentre per il momento non è noto il dato della velocità massima. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CUPRA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/02/22/CUPRA_FORMENTOR_LA_CONCEPT_PER_CELEBRARE_IL_PRIMO_ANNO_DEL_MARCHIO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN 2019-09-10 11:03:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/lamborghini_sian_ibrida_motore_prestazioni_uscita/gallery/2019-Lamborghini-Sian-Live-12.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27114 Lamborghini Sián - 819 CV per la prima ibrida di SantAgata - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27114&tipo=fv La LAMBORGHINI [1] più veloce di tutti i tempi: così il marchio di SantAgata Bolognese presenta la sua prima ibrida, la SIáN. La supersportiva a dodici cilindri vanta soluzioni tecniche innovative, a partire dal sistema elettrificato che porta al debutto nel mondo dellauto i supercondensatori per contenere il peso e garantire prestazioni elevate. La Lamborghini Sián sarà costruita in soli 63 esemplari, ognuno dei quali sarà personalizzato dal Centro Stile Lamborghini e dal reparto Ad Personam con lobiettivo di creare un pezzo unico per ogni proprietario. Il debutto della nuova V12 è fissato per il prossimo SALONE DI FRANCOFORTE [2], dove sarà esposto un esemplare con verniciatura Oro elettrico multistrato e interni caratterizzati da rivestimenti di pelle Poltrona Frau e inserti stampati in 3D. LELETTRICO SUPPORTA IL V12. La Sián mantiene fede alla storia del marchio proponendo una versione evoluta del V12 di 6.5 litri della Aventador SVJ abbinata a un motore elettrico a 48 volt. Lunità termica, aggiornata con valvole daspirazione di titanio, è la più potente mai montata su una Lamborghini di serie: il dodici cilindri arriva a erogare 785 CV a 8.500 giri. Per incrementare ulteriormente le prestazioni, allinterno del cambio è stata integrata ununità elettrica da 34 CV collegata direttamente agli assi che porta la potenza massima del sistema a 819 CV e supporta le manovre a bassa velocità, retromarcia compresa, scollegandosi poi al raggiungimento dei 130 km/h. IL DEBUTTO DEI SUPERCONDENSATORI. Lelettricità necessaria per il funzionamento del sistema ibrido viene accumulata allinterno di un supercondensatore, anziché nelle classiche batterie agli ioni di litio. Questa innovativa soluzione, inizialmente collaudata sulla Aventador, ha permesso alla Lamborghini di proporre un sistema di stoccaggio dellenergia tre volte più leggero rispetto a un accumulatore di pari potenza e tre volte più potente rispetto a una batteria di pari peso. La componente ibrida (motore e supercondensatore) arriva così a pesare solo 34 kg, garantendo un rapporto peso/potenza di 1 kg/CV. Lutilizzo di questa tecnologia ha inoltre permesso di sfruttare al meglio la frenata rigenerativa: grazie al comportamento simmetrico del supercondensatore, che può essere scaricato e caricato con la stessa potenza, il sistema si ricarica totalmente a ogni frenata, garantendo un immediato aumento della potenza disponibile. LE PRESTAZIONI. La combinazione del V12 con il sistema elettrico permette alla Sián di conquistare un altro primato, ovvero quello di Lamborghini con laccelerazione migliore di sempre. Alla sportiva ibrida bastano infatti 2,8 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. Anche nelle riprese i dati migliorano nettamente: con un incremento del 10% della forza di trazione in terza marcia il 30-60 km/h migliora di due decimi, mentre nel 70-120 km/h lelettrico permette di limare ben 1,2 secondi. Alle velocità più basse, infatti, il sistema ibrido può migliorare la forza di trazione del 20% nelle marce più alte. La velocità massima è superiore ai 350 km/h. NUOVI MATERIALI E LOOK ISPIRATO ALLA COUNTACH. Oltre alle tecnologie, la supersportiva di SantAgata porta al debutto anche un nuovo look con dettagli derivati dal passato. Ispirata alla Countach, la Sián introduce soluzioni stilistiche inedite per i modelli di serie, come le luci diurne a Y derivate dalla Terzo Millennio e il prolungamento sul tetto degli elementi di vetro del vano motore. Oltre a questo librida utilizza per la prima volta delle alette di raffreddamento posteriori realizzate con materiali che reagiscono alle elevate temperature generate dallimpianto di scarico, modificando la propria forma per migliorare il raffreddamento. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAMBORGHINI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 11:03:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/bmw_concept_4_il_prototipo_anticipa_l_uscita_della_nuova_serie_4/gallery/2019-bmw-concept-4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27111 BMW Concept 4 - Sarà così la prossima Serie 4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27111&tipo=fv Si chiama semplicemente Concept 4 ed è la sorpresa che BMW [1] aveva i serbo per il SALONE DI FRANCOFORTE [2]. Il prototipo anticipa le forme della Serie 4, attesa sul mercato dopo lintroduzione della SERIE 3 [3] totalmente rinnovata. Nessun dato tecnico è stato rivelato: la Concept 4 è un prototipo di stile puro e neanche gli interni sono stati per il momento svelati. IL DOPPIO RENE GIGANTE è UN OMAGGIO ALLA 328 DEL 1936. Come ormai tradizione la Serie 4 sfoggerà un design specifico, ispirato alla berlina ma dotato di elementi e stilemi propri. La Concept 4 mette in risalto questi aspetti e si distingue in maniera netta rispetto al passato, sfruttando anche la tinta Forbidden Red con riflessi neri per dare particolare risalto alle forme. Nel frontale troviamo infatti gruppi ottici molto sottili con il classico doppio faro stilizzato privi di vetro frontale e un doppio rene che si sviluppa in altezza dal cofano fino alla fine del paraurti, con forme geometriche e aggressive che vogliono rendere omaggio in forma moderna alla BMW 328 del 1936. La trama della griglia interna è estremamente elaborata ed è formata dai numeri 4 incastrati tra loro. PASSARUOTA POSTERIORI PALESTRATI. La fiancata propone una linea di cintura ascendente che va così a interpretare in maniera nuova il gomito di Hoffmeister, mentre il passo lungo esalta la dinamicità dellinsieme e contribuisce a ottimizzare le proporzioni. I passaruota posteriori sono più evidenti rispetto a quelli anteriori per sottolineare la presenza della trazione posteriore, inoltre sono stati realizzati cerchi in lega da 21" con finitura lucida e sezioni più scure che ne esaltano la tridimensionalità. Anche gli specchietti retrovisori introducono un tema nuovo, riducendo visivamente la loro dimensione senza trasformarsi in telecamere e collegandosi al profilo satinato dei cristalli con un supporto leggero e dinamico. BASSA E LARGA ANCHE IN CODA. La coda è stata disegnata per esaltare lanima sportiva della coupè, attraverso linee che ne abbassano visivamente laltezza. Gli sfoghi daria laterali e i gruppi ottici con singola linea led, allo stesso tempo, pongono laccento sulla larghezza dellinsieme, inoltre si nota diffusore nero lucido con elementi aerodinamici verticali. Gli scarichi trapezoidali si trovano ai lati del diffusore e chiudono visivamente il paraurti stesso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LOTUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/14/BMW_330E_AL_VOLANTE_DELLA_SERIE_3_IBRIDA_PLUG_IN.HTML 2019-09-10 10:32:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/mercedes_vision_eqs_design_autonomia_motore_e_guida_autonoma/gallery/2019-Mercedes-Benz-Vision-EQS-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27112 Mercedes Vision EQS - Lammiraglia elettrica è pronta per la guida autonoma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27112&tipo=fv Il futuro del lusso elettrico secondo la MERCEDES-BENZ [1] si chiama VISION EQS. questa la concept che la Casa tedesca porta al SALONE DI FRANCOFORTE [2], anticipando la probabile ammiraglia del brand elettrico EQ e levoluzione dello stile e della tecnologia che vedremo sui modelli futuri. OLTRE 1.000 LED PER COMUNICARE CON IL MONDO. Un arco unico disegna lintera zona dellabitacolo, con un forte dinamismo e la linea di cintura alta. Il trattamento bicolore argento e nero esalta questo componente e lo stacco con la carrozzeria è ulteriormente evidenziato dalla Lightbelt, ovvero da un listello luminoso blu che circonda lintera vettura. Ladozione di cerchi di lega da 24" esalta ancora di più la dinamicità dellinsieme e il passo lungo. In coda troviamo 229 stelle singole che compongono i gruppi ottici, mentre nel frontale sono 940 i led che compongono il disegno della mascherina virtuale, abbinati ai gruppi ottici principali Digital Light con quattro moduli a lenti olografiche ciascuno. Il black panel frontale e tutti gli altri elementi intorno alla vettura possono quindi animarsi e proporre grafiche e messaggi con effetto tridimensionale. LINTERNO DELLE FUTURE MERCEDES. Gli interni anticipano levoluzione che la Stella ha immaginato per i suoi modelli futuri. Tutto ruota intorno allAdvanced Mbux con schermo curvo verticale al centro della plancia, ma in realtà è possibile proiettare immagini anche sulle altre superfici. La banda luminosa che circonda i passeggeri consente inoltre un ulteriore livello di interazione tra uomo e macchina. Sui braccioli sono disponibili altri schermi touch per controllare altre funzioni dedicate ai singoli passeggeri. SOLO MATERIALI ECOSTOSTENIBILI. Le finiture sono ispirate al mondo degli yacht e sono realizzate con materiali sostenibili come il legno di sicomoro coltivato con criteri ecologici, la microfibra dinamica realizzata con materiali riciclati e la pelle artificiale. Il tetto è invece rivestito con un tessuto che integra rifiuti plastici ripescati in mare. Il colore oro rosé delle finiture contrasta con il bianco delle sedute, mentre una boccetta di profumo è stata incastonata allinterno con lo stesso stile artigianale di un gioiello. 700 KM DI AUTONOMIA CON RICARICA A 350 KW. La piattaforma modulare sviluppata per i modelli EQ trova sulla EQS la sua applicazione con un powertrain inedito. La disposizione dei motori elettrici su entrambi gli assi permette di sfruttare la trazione integrale con ripartizione variabile della coppia. La potenza massima è di oltre 476 CV e 760 Nm e la berlina può così toccare i 100 km/h da fermo in meno di 4,5 secondi, mentre la velocità massima è superiore ai 200 km/h. Le nuove batterie modulari da circa 100 kWh sviluppate dalla Daimler Accumotive promettono una autonomia Wltp di 700 km e meno di 20 minuti per recuperare l80% dellenergia da una colonnina a 350 kW. SI POTRà ANCORA GUIDARE, MA è PREDISPOSTA PER IL LIVELLO 4. La Mercedes-Benz ha voluto infine sottolineare che la Vision EQS rimane unauto da guidare. Al di là della scenografica cloche che sostituisce il volante, il progetto prevede ladozione di sistemi di assistenza alla guida di Livello 3, anche se tutti i sensori di bordo sono predisposti per ricevere aggiornamenti hardware e software che porteranno in futuro al Livello 4, con la totale automazione delle procedure su richiesta del guidatore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MERCEDES-BENZ.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 10:32:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/10/land_rover_defender_segui_con_noi_il_reveal_dalle_ore_10_live_/gallery/2019-Land-Rover-Defender.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27113 Land Rover Defender - Segui con noi il reveal - LIVE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27113&tipo=fv La LAND ROVER [1] svelerà la nuova generazione della DEFENDER [2] al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. La Casa britannica ha scelto di non organizzare un evento esclusivo prima della rassegna tedesca: per vedere la nuova fuoristrada bisognerà attendere le 10 del mattino di oggi, martedì 10 settembre. Qui sotto potrete seguire con noi lo streaming in diretta della conferenza stampa di presentazione di questo nuovo modello a partire dalle 9:50. TRE VERSIONI PER PORTARE FINO A OTTO PASSEGGERI. Dopo innumerevoli teaser e avvistamenti dei prototipi, gli appassionati di off-road potranno finalmente vedere lerede delliconica fuoristrada britannica. Le forme si evolveranno ma le capacità di guida sullo sterrato rimarranno quelle di sempre: la nuova Defender sarà proposta in diverse varianti,con carrozzerie a tre e cinque porte. Sono già state annunciate tre differenti versioni (90, 110 e 130) con dimensioni esterne che spaziano dai 4,3 ai 5,1 metri: a bordo potranno trovare spazio dalle cinque alle otto persone. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAND-ROVER.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LAND-ROVER-DEFENDER [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 10:32:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/land_rover_defender_2020_motori_dimensioni_versioni_90_110/gallery/2019-Land-Rover-Defender-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27110 Land Rover Defender - La fuoristrada diventa Suv http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27110&tipo=fv Il SALONE DI FRANCOFORTE [1] segna lattesissimo ritorno della LAND ROVER DEFENDER [2]. Con una storia così importante sulle spalle e una carriera lunghissima alle spalle, la genesi del nuovo modello rappresenta una vera e propria sfida per il gruppo inglese, che è chiamato a rivoluzionare il modello tecnicamente senza perdere il legame con la tradizione. CONFERMATE LE VERSIONI 90 E 110 CON PASSO FINO A TRE METRI. Il risultato è una vera Suv, lontano dai sacrifici richiesti dalla vecchia Defender, ma pronto anche ad offrire quella robustezza e quella mobilità che sono il punto di forza del marchio, aggiungendo dotazioni, lusso e design parametrati ai valori di oggi. Soglie alte, sbalzi ridotti, linee squadrate e la classica ruota esterna sono elementi che si legano al passato, così come la scelta di offrire le varianti 90 e 110 (che, evidentemente, non indicano più il passo il pollici) con due e quattro porte. La versione 110, la prima a debuttare, è lunga 4,76 metri (5,01 con la ruota di scorta), ha un passo di 3,02 metri ed è alta 1,97 metri, mentre la larghezza con specchietti ripiegati è pari a due metri. Sul conto della 90 il passo scende a 2,58 metri: parafanghi bombati e lelemento in tinta con la carrozzeria nella zona dei cristalli donano dinamismo allinsieme, mentre gli inserti di plastica grezza nei paraurti sono un omaggio alloff-road puro. Pure i gruppi ottici sono una reintepretazione moderna dello stile classico e anche il cristallo superiore laterale sul tetto è una chiara citazione della storia. Il portellone, infine, non cede: rimane incernierato sul lato per poter montare pneumatici esterni di varie dimensioni. PLANCIA LINEARE, ARRIVA IL JUMP SEAT ANTERIORE. Gli interni rappresentano unulteriore dimostrazione di come la tecnologia odierna sia stata rivista per ricordare uno stile più classico, inclusa la possibilità di ordinare un tetto di tessuto ripiegabile. La plancia si sviluppa su due livelli in maniera geometrica, con una traversa di magnesio a vista che domina la scena ed è utilizzata anche come maniglia. I display da 12,3" e 10" che gestiscono strumentazione e infotainment Pivi Pro, così come la leva del cambio automatico e i comandi del climatizzatore sono in posizione rialzata per lasciare spazio al Jump Seat ripiegabile, una seduta centrale opzionale che permette di aumentare labitabilità e di spostarsi comodamente nella zona anteriore trasformandosi in alternativa in un bracciolo. Il tema della praticità è ripreso anche dai tappetini gommati, dagli spazi aperti per riporre oggetti e dal design dei pannelli porta con zone scoperte con lamiera a vista. La versione a passo corto 90 offre fino a sei posti, mentre per la 110 sono previste le opzioni, cinque, sei e 5+2 con un bagagliaio variabile da 646 a 2.380 litri, contro i 231-2.233 litri della 90. MONOSCOCCA DALLUMINIO PER TROVARE NUOVI LIMITI. Sviluppata sulla nuova piattaforma D7x dalluminio con sospensioni indipendenti, la Defender è dunque passata alla struttura monoscocca e vanta caratteristiche tecniche di spessore: 900 kg di portata, carico statico sul tetto di 300 kg, traino fino a 3.500 kg con lAdvanced Tow Assist, 291 mm di altezza minima, 500 mm di articolazione delle ruote, 45 gradi di inclinazione massima, 45 gradi di pendenza massima, 6,5 tonnellate di carico a strappo sui punti di ancoraggio della scocca e capacità di guado di 900 mm con il nuovo programma di guida Wade. Grazie al Terrain Response 2 e al Configurable Terrain Response anche i meno esperti possono guidare in condizioni di aderenza precaria. Un aiuto viene dato anche dal ClearSight Ground View, che elimina virtualmente parafanghi e carrozzeria per offrire una visione del terreno e delle ruote anteriori attraverso linfotainment. Una serie completa di Adas viene in aiuto in tutte le condizioni, compresa la guida su asfalto dove, a detta della Casa, la nuova piattaforma dona alla Defender unagilità e una compostezza sconosciuta al modello classico. SUBITO BENZINA E DIESEL MILD HYBRID, PLUG-IN HYBRID IN ARRIVO. Al lancio la Defender sarà offerta nelle versioni benzina P300 e P400 e in quelle diesel D200 e D240. La P300 è dotata del quattro cilindri turbo da 300 CV e dichiara una media di 227 g/km nel ciclo Nedc ricalcolato. La P400 opta per il sei cilindri 3.0 da 400 CV e 550 Nm, coadiuvato dal sistema ibrido Mhev per ridurre le emissioni fino a 219 g/km. I diesel 2.0 biturbo sono proposti nelle versioni da 200 e 240 CV con 430 Nm di coppia massima e dichiaro entrambi 199 g/km di CO2. In futuro si aggiungeranno alla gamma le versioni plug-in hybrid, delle quali ancora non si conoscono le caratteristiche tecniche definitive. Per tutte le versioni è prevista la trasmissione automatica ZF otto marce con riduttore e la trazione integrale con il blocco dei differenziali centrale e posteriore. SOSPENSIONI PNEUMATICHE E FRENI A CONTROLLO ELETTRONICO. Le sospensioni possono essere dotate di sistema Electronic Air Suspension integrato nellAdaptive Dynamics, che offre la possibilità di alzare di 75 mm la vettura in off-road e fino a 145 mm nelle condizioni più gravose, per poi abbassarsi di 50 mm rispetto allaltezza standard per aiutare i passeggeri a salire e scendere, in quella che gli inglesi chiamano funzione Elegant Arrival. Limpianto frenante porta al debutto il pistone controllato da un attuatore, che consente di rendere ancora più rapida e confortevole la risposta dellimpianto e permette di integrare lAutonomous Emergency Braking riducendo fino al 50% la risposta nella guida in off-road alle basse velocità. INFOTAINMENT RINNOVATO PER PASSARE AGLI AGGIORNAMENTI ONLINE. Linfotainment Pivi Pro di nuova generazione con display da 10" introduce una grafica semplificata e la connettività di bordo (già predisposta per il 5G), che apre la strada agli aggiornamenti Over-The-Air (Sota) che permettono di migliorare costantemente le funzionalità del veicolo senza dover ricorrere agli interventi di manutenzione in officina. La Land Rover ha evoluto anche la Activity Key trasformandola, come già visto su altri modelli del gruppo, in uno smartwatch impermeabile che può gestire le serrature del veicolo, ma è disponibile anche unapp per smartphone per controllare alcune funzioni del veicolo in remoto. LA GAMMA E GLI ACCESSORI. La gamma, che vedrà al debutto la 110 seguita in un secondo tempo dalla 90, sarà declinata negli allestimenti S, SE, HSE, First Edition e Defender X, mentre nel corso del 2020 saranno presentate anche le versioni commerciali. Gli accessori saranno raggruppati nei pack Explorer, Adventure, Country e Urban, ma la gamma di componenti aftermarket sarà molto ampia per offrire personalizzazioni uniche ai clienti. Per la versione X la Land Rover ha scelto finiture specifiche, con cofano e rivestimenti Gloss Black e dettagli Starlight Satin. I clienti potranno inoltre adottare il Satin Protective Film per proteggere la carrozzeria nelle tinte Indus Silver, Gondwana Stone e Pangea Green, mentre i cerchi con misure da 18" a 22" saranno offerti in 12 varianti, da abbinare alle tinte esterne Tasman Blue, iPangea Green, Gondwana Stone, Fuji White Eiger Grey, Santorini Black e lIndus Silver. Per gli interni sono previsti rivestimenti di tessuto Resolve, oppure la Grained Leather con sezioni Woven Textile, fino alla ricca pelle Windsor con Steelcut Premium Textile realizzato dalla Kwadrat: tutte le opzioni sono pensate per abbinare qualità e resistenza nel tempo, anche nelluso più gravoso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LAND-ROVER-DEFENDER 2019-09-10 10:32:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/porsche_911_carrera_4_2019_foto_scheda_tecnica_caratteristiche/gallery/2019-porsche-911-carrera-4-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27108 Porsche 911 - Arriva anche la Carrera 4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27108&tipo=fv Tutti gli occhi sono puntati sulla TAYCAN [1], ma la PORSCHE [2] introduce al SALONE DI FRANCOFORTE [3] anche un ulteriore tassello della gamma della 911. Si tratta della Carrera 4, che affianca la CARRERA [4] già disponibile abbinando al propulsore meno potente della gamma la trazione integrale e la carrozzeria coupé e cabriolet. In attesa di conoscere i prezzi in Italia sono noti i listini tedeschi: la Carrera 4 è offerta a partire da 112.509 euro, circa 8.000 euro in più rispetto alla versione a due ruote motrici. LA TRAZIONE INTEGRALE ANCHE PER IL BOXER DA 385 CV. Il boxer 3.0 da 385 CV e 450 Nm è disponibile esclusivamente con il cambio automatico Pdk otto marce e garantisce le medesime prestazioni della Carrera: 4,2 secondi per toccare i 100 km/h, che scendono a 4 secondi netti con il pacchetto Sport Chrono opzionale (versione coupè). La trazione integrale a controllo elettronico è la stessa già offerta sulla Carrera 4S da 450 CV e presenta innovazioni rispetto alla precedente 991: il differenziale anteriore è ora dotato di sistema di raffreddamento dedicato ed è stato rinforzato per gestire la maggiore coppia. Il Porsche Torque Vectoring (PTV) è proposto in opzione sulla Carrera 4, così come i cerchi da 20" e 21" e limpianto frenante carboceramico. Di serie sono previsti cerchi di lega da 19" con pneumatici 235/40 e 295/35 abbinati alle sospensioni a controllo elettronico e allimpianto frenante con pinze freno grigie. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/04/PORSCHE_TAYCAN_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/30/PORSCHE_911_CARRERA_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML 2019-09-10 09:54:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/volkswagen_id3_autonomia_dimensioni_motori_uscita/gallery/2019-Volkswagen-ID3-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27109 Volkswagen ID.3 - Debutta la prima elettrica di massa - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27109&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha scelto di puntare tutto (o quasi) sullelettrico. E questo SALONE DI FRANCOFORTE [2] non è che linizio, visto e considerato che sono 50 i modelli a zero emissioni previsti da qui al 2025 (80 gli elettrificati). Per sottolineare limportanza delloccasione, a Wolfsburg hanno rivisto anche il logo. Che debutta proprio sulla ID.3, la prima della nuova stirpe "ecofriendly". Attesa su strada a metà 2020, avrà un prezzo base sotto i 30.000 euro, per arrivare fino a poco meno di 40.000 per le più accessoriate 1St Plus e Max (disponibili al lancio). SPAZIO IN ABBONDANZA. Lunga 4,26, larga 1,81 e alta 1,55 metri, la Volkswagen ID.3 ha un passo di 2,76 metri, cioè 14 centimetri in più rispetto a quello di una Golf. Ecco perché a bordo quattro persone stanno comode, con tanto spazio per le ginocchia di chi siede dietro. Niente male neppure il bagagliaio: dotato di botola per i carichi passanti, ha una capacità di circa 380 litri. Dentro al cofano anteriore non è previsto alcun vano: lo spazio è interamente occupato da compressore del climatizzatore, elettronica dellhead-up display a realtà aumentata e serbatoi liquido freni e lavavetri. E poi, come ricordano i progettisti, creare un secondo bagagliaio, seppur minuscolo, avrebbe comportato un ulteriore costo di produzione. USO ATTENTO DELLE RISORSE. Un tema, quello del risparmio... "ragionato", che trapela anche osservando la plancia. Solo la fascia centrale (colorata a contrasto sulla 1St Plus) è morbida, tutto il resto pannelli porta compresi è di plastica rigida. Grande la disponibilità di portaoggetti, specie fra i sedili anteriori. Mancano le bocchette aria dedicate ai posti posteriori, mentre davanti agli occhi di chi guida ci sono due schermi: quello della strumentazione, solidale al piantone, e quello del sistema multimediale, a centro plancia ma orientato verso il guidatore. Parlando di tecnologia, vale la pena notare la presenza di quattro prese di ricarica Usb-C. Spazio anche a elementi ludici come i pedali di acceleratore e freno sui quali sono impressi, rispettivamente, i simboli play e pausa. LA TECNICA. Il pianale Meb, lossatura della Volkswagen ID.3 e di tutte le elettriche del gruppo, ospita il motore (da 150 o 204 cavalli) in mezzo alle ruote posteriori, governate da sospensioni multilink. Il pacco batterie, garantito otto anni o 160.000 km, è invece annegato nel pavimento. Tre i tagli disponibili: 77, 58 e 45 kWh. Per unautonomia, secondo il ciclo Wltp, compresa fra i 330 e i 550 km. Utilizzando la ricarica a 100 kW, si possono guadagnare 260 km in 30 minuti. La scheda tecnica alla voce coppia recita 310 Nm, mentre la velocità massima non supera i 160 km/h. I cerchi sono da 18" (di serie), 19" o 20", mentre i freni posteriori sempre per questioni economiche sono a tamburo. Il peso della ID.3 con batterie meno potenti è intorno ai 1.700 kg. ENERGIA GRATIS PER I PRIMI CLIENTI. In Germania, le prime ID.3 ad arrivare (denominate 1St) avranno di serie comandi vocali e sistema di navigazione. Le 1St Plus aggiungeranno le IQ.Light e il bicolore sia dentro sia fuori, mentre le 1ST Max potranno contare su head-up display a realtà aumentata e un generoso tetto panoramico, che fra laltro non porta via troppi centimetri in altezza in abitacolo. Per i clienti delle prime 30.000 unità ci saranno un anno o 2.000 kWh di ricarica gratis, pure dalle colonnine Ionity. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 09:54:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/10/land_rover_defender_segui_con_noi_il_reveal_dalle_ore_10_live_/gallery/2019-Land-Rover-Defender.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27105 Land Rover Defender - Segui con noi il reveal dalle ore 9:50 - LIVE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27105&tipo=fv La LAND ROVER [1] svelerà la nuova generazione della DEFENDER [2] al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. La Casa britannica ha scelto di non organizzare un evento esclusivo prima della rassegna tedesca: per vedere la nuova fuoristrada bisognerà attendere le 10 del mattino di oggi, martedì 10 settembre. Qui sotto potrete seguire con noi lo streaming in diretta della conferenza stampa di presentazione di questo nuovo modello a partire dalle 9:50. TRE VERSIONI PER PORTARE FINO A OTTO PASSEGGERI. Dopo innumerevoli teaser e avvistamenti dei prototipi, gli appassionati di off-road potranno finalmente vedere lerede delliconica fuoristrada britannica. Le forme si evolveranno ma le capacità di guida sullo sterrato rimarranno quelle di sempre: la nuova Defender sarà proposta in diverse varianti,con carrozzerie a tre e cinque porte. Sono già state annunciate tre differenti versioni (90, 110 e 130) con dimensioni esterne che spaziano dai 4,3 ai 5,1 metri: a bordo potranno trovare spazio dalle cinque alle otto persone. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAND-ROVER.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LAND-ROVER-DEFENDER [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 09:10:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/hyundai_sang_yup_lee_la_45_andra_in_produzione_/gallery/2019-45-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27106 Hyundai - Sang-Yup Lee: "La 45 andrà in produzione" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27106&tipo=fv Non bastano un paio di costole incrinate per una caduta accidentale a frenare il buon umore di Sang-Yup Lee, capo dello Stile HYUNDAI [1], mentre posa orgoglioso per i fotografi accanto alla 45 [2], la concept evocativa della Pony Coupé, prototipo disegnato nel 1974 da Giorgetto Giugiaro. E lorgoglio in questo caso ci sta tutto, perché la macchina - e dal vivo ancora più che in foto - è riuscita davvero a rubare lo spirito degli anni 70 proiettandolo nel futuro. Ma dellauto, presentata al Salone di Francoforte, avete già letto. Quello che vorremmo sapere da Lee è che cosa rappresentala vettura nella strategia del marchio coreano. ARCHETIPO O NO? La 45, nome che gioca sul doppio binario degli anni trascorsi dal 1974 e dei gradi degli angoli disegnati dai montanti anteriore e posteriore con la finestratura, è realizzata sulla base di uninedita piattaforma elettrica. Facile pensare che il design anticipi il linguaggio formale che il marchio darà ai suoi veicoli a batteria. Facile, ma fuorviante. In realtà il design di questa macchina è unico, così come è stato per la concept Fil Rouge del 2018, sgombra il campo dagli equivoci il designer coreano, e precisa: come quella, così anche la 45 vuole trasmettere emozioni, benché di tipo diverso. Alcuni elementi della Fil Rouge poi sono stati, e saranno travasati nei modelli di serie, ma non è che questi ultimi ne fotocopino le forme. Lo stesso varrà per la 45. Tuttavia tra le due cè una profonda e sostanziale differenza: la 45 pensiamo in qualche modo di produrla, confessa Lee. LEADER, NON FOLLOWER. Insomma, i clienti Hyundai si dovranno aspettare meno omologazione e più varietà nel design dei modelli futuri. Ci sarà una differenza di linguaggio non soltanto tra EV e auto a combustione, ma anche allinterno di ciascuna di queste due grandi famiglie, troveremo più spiccate individualità tra un modello e un altro, precisa Ha Hak Soo, direttore dellinterior design. E, quando gli chiediamo perché il marchio Hyundai, che fa versioni elettriche di auto termiche, come la Kona, molto riuscite, abbia deciso di sviluppare una gamma di veicoli a batteria dal design dedicato, risponde che finora Hyundai ha un po inseguito altri, ma ora che la sfida sulle emissioni zero inizia a farsi calda non vogliono essere follower ma leader. AMARCORD AL BUIO. Curioso che alla fine la 45, con quel suo genuino look anni 70, sia frutto del lavoro di un team di designer piuttosto giovani, in quellepoca non ancora nati, che hanno fatto molta ricerca, dentro e fuori il mondo automotive, come nel settore dellarredamento, al quale ovviamente si sono ispirati gli interni. Una particolarità è limpiego di materiali riciclati, provenienti anche da rifiuti plastici raccolti in mare, la cui messa in produzione tuttavia deve scontrarsi con costi di processo ancora alti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTP://AEM.EDIDOMUS.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/HYUNDAI_45_EV_CONCEPT_FOTO_CARATTERISTICHE_E_DESIGN.HTML 2019-09-10 09:10:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/hyundai_i10_n_line_immagini_interni_dotazioni_motori/gallery/2019-hyundai-i10-n-line-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27107 Hyundai i10 - Debutta anche la versione N-Line http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27107&tipo=fv Look (anche) sportiveggiante per la TERZA GENERAZIONE DELLA I10 [1], con lintroduzione dellinedito allestimento N Line al SALONE DI FRANCOFORTE [2] a fianco del resto della gamma della piccola coreana. IL 1.0 TURBO DA 100 CV SULLA N LINE. Le versioni N Line, derivate dalle sportive N e già proposte sulle i30, I30 FASTBACK [3] e TUCSON [4], offrono accessori specifici e uno stile più dinamico, ma nel caso della i10 portano in dote anche novità dal punto di vista tecnico. Sarà infatti disponibile solo in questa versione il 1.0 T-GDi da 100 CV e 172 Nm di coppia massima, che affianca così gli aspirati 1.0 e 1.2 già annunciati. Il turbo può essere abbinato al cambio manuale o robotizzato a cinque marce ed è con il primo che la vettura ottiene le prestazioni migliori: 12,6 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo e 5,3 l/100 km di media nel ciclo wltp. ESTETICA ESCLUSIVA. I clienti che sceglieranno la i10 N Line, disponibile nellestate del 2020, potranno contare su una dotazione di serie che include i paraurti sportivi con finiture rosse, la griglia anteriore personalizzata, le luci diurne led aggiuntive, i cerchi in lega da 16", il volante e il pomello del cambio N in pelle con cuciture a contrasto, le finiture rosse delle bocchette di areazione, la pedaliera in metallo e i sedili sportivi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/03/HYUNDAI_I10_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/07/19/HYUNDAI_I30_LA_N_LINE_DEBUTTA_IN_EUROPA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/21/HYUNDAI_TUCSON_N_LINE_LA_SUV_COREANA_DIVENTA_PIU_SPORTIVA.HTML 2019-09-10 09:10:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/10/hyundai_45_EV_concept_foto_caratteristiche_e_design/gallery/2019-Hyundai-45-Concept-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27102 Hyundai - La 45 EV omaggia la Pony di Giugiaro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27102&tipo=fv La HYUNDAI [1] crea un ponte tra il passato e il futuro celebrando la propria storia al SALONE DI FRANCOFORTE [2] con la 45 EV Concept. La sigla suggerisce subito la presenza in un powertrain elettrico, ma la Hyundai non ha fornito alcun dato in merito a propulsore e batterie, concentrandosi solo sul design. LOMAGGIO A GIUGIARO. In pochi probabilmente si ricorderanno della Hyundai Pony del 1974, progettata da tecnici inglesi ex British Leyland e disegnata dalla Italdesign di Giugiaro per approcciare il mercato globale. Da questo progetto nacque nello stesso anno anche la Pony Coupé Concept, nota anche come Asso di Fiori, alla quale il nuovo progetto si è ispirato. LINEE MINIMALISTE. A 45 anni di distanza il gruppo coreano è diventato un colosso del settore ed ecco loccasione per ricordare gli inizi con un prototipo che mette in campo soluzioni contestualizzate nel futuro a breve e medio termine. Dalla Pony Coupé Concept sono stati ripresi alcuni stilemi del frontale e della coda reinterpretati in chiave moderna, con forme minimaliste e linee tese che celano quasi la presenza delle cinque porte. Grazie al powertrain elettrico è stato possibile ripensare molti elementi, tra cui la mascherina frontale molto chiusa, inoltre i gruppi ottici portano al debutto il Kinetic Cube Lamp Design. La vettura è stata disegnata in modo da integrare tutti i sensori necessari per le future applicazioni di guida autonoma e sono previste telecamere al posto degli specchietti tradizionali dotate di un innovativo sistema di pulizia con spazzole rotanti. La casa coreana vuole così mostrate levoluzione dello stile Sensous Sportiness che caratterizzerà i futuri modelli di serie. UN LIVING PER LA GUIDA AUTONOMA. Labitacolo segue il tema di semplificazione della carrozzeria e propone quello che la Hyundai chiama Style Set Free. Gli interni diventano una sorta di living dalle molteplici funzioni in virtù della guida autonoma ed è quindi importante fornire ai passeggeri un ambiente simile a quello di un appartamento con lana, tessuto, pelle e legno utilizzati per fornire unatmosfera calda e accogliente. Il design dei sedili in stile poltrona persegue la stessa finalità e le sedute anteriori posso ruotare di 180 gradi per creare un vero e proprio salotto. Lunico elemento della plancia è un display largo quasi quanto lintera vettura, mentre i comandi sono proiettati sulle superfici interne evitando il solo uso del touchscreen. Sulle portiere, infine, sono previsti spazi portaoggetti trasparenti di grandi dimensioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/HYUNDAI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 08:21:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/10/hyundai_ecco_la_veloster_n_etcr_elettrica_da_corsa/gallery/2019-hyundai-motorsport-elettrica-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27103 Hyundai - Ecco la Veloster N ETCR, elettrica da corsa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27103&tipo=fv La HYUNDAI [1] guarda al futuro e presenta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] la Veloster N ETCR, sviluppata dal reparto Motorsport di Alzenau. Si tratta di un segnale importante sia per la Casa coreana sia per il neonato campionato dedicato ai modelli elettrici. DEBUTTO IN PISTA NEL 2020. La Hyundai ha deciso di utilizzare una versione a motore centrale e trazione posteriore della sua coupé, sviluppando un ambizioso progetto secondo il regolamento della nuova competizione che prenderà il via nel 2020. Lesperienza maturata con le versioni TCR della i30 N e VELOSTER N [3] ha permesso di dar vita alla vettura in meno di un anno, pur dovendo affrontare una sfida completamente inedita. I test saranno avviati nelle prossime settimane e saranno due gli esemplari in gara nel 2020: i piloti ufficiali non sono stati ancora annunciati, ma la presenza di Gabriele Tarquini nel TEASER DELLA VETTURA [4] fa pensare che spetti a lui il compito di svezzare il prototipo. ANCORA DA CONFERMARE LEVENTUALE DERIVAZIONE DI SERIE. Per il momento la Casa non ha inoltre confermato larrivo di una versione stradale della Veloster N. Se questo avvenisse, si tratterebbe di un mix di anteprime notevoli per il marchio: trazione posteriore, motore centrale e powertrain elettrico ne farebbero la perfetta "halo car" per pubblicizzare il passaggio allelettrificazione nel prodotto di serie e nelle competizioni. Non va dimenticato che da tempo la Hyundai esplora le potenzialità di questo progetto: risale infatti al 2016 il debutto della CONCEPT RM16 N [5], a suo tempo dotata di un powertrain ibrido. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/15/HYUNDAI_CON_ELANTRA_GT_E_VELOSTER_N_PUNTA_SULLE_PRESTAZIONI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/08/06/HYUNDAI_A_FRANCOFORTE_LA_PRIMA_AUTO_DA_CORSA_ELETTRICA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2016/06/03/HYUNDAI_RM16_N_UNA_NUOVA_CONCEPT_ANTICIPA_LE_SPORTIVE_DEL_FUTURO.HTML 2019-09-10 08:21:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/hyundai_i30_n_project_c_foto_motore_prestazioni/gallery/hyundai-i30n-project-c.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27104 Hyundai i30 N - Project C: 600 esemplari ancora più sportivi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27104&tipo=fv Per i clienti che cercano qualcosa di ancora più sportivo rispetto alla versione N la HYUNDAI [1] presenta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] la i30N Project C, una serie limitata di 600 esemplari numerati dedicata al mercato europeo. La lettera C indica larea di test per i veicoli ad alte prestazioni della casa coreana, così come la N indica la pista di prova coreana di Namyang e, allo stesso tempo, evoca il Nürburgring. FERMA A QUOTA 275 CV. Secondo una ricetta già sperimentata dai concorrenti, i tecnici della Casa coreana non hanno puntato a cercare maggiore potenza, ma sono intervenuti su tutti gli altri elementi chiave della vettura per migliorarne le prestazioni, con un occhio di riguardo anche per la guida in pista. Per questo motivo il 2.0 turbo rimane fermo ai 275 CV e 378 Nm della VERSIONE PERFORMANCE [3] ed è abbinato esclusivamente al cambio manuale sei marce. 50 KG IN MENO SULLA MASSA TOTALE. La massa totale è stata ridotta di 50 kg grazie alladozione del Cfrp con finitura lucida per lo splitter anteriore, il diffusore posteriore, il cofano e le minigonne. la prima volta che la Hyundai adotta questo materiale su una vettura di serie, inoltre sono previsti anche elementi aerodinamici aggiuntivi. Altri interventi chiave per la riduzione del peso giungono dalladozione dei cerchi OZ forgiati da 19" (-22 kg in totale) con pneumatici 235/35 e dei sedili sportivi Sabelt a regolazione manuale (-15 kg in totale). Il peso a secco scende così fino a 1.395 kg e la vettura è capace di toccare i 100 km/h da fermo in sei secondi netti e di raggiungere i 250 km/h di punta massima. BARICENTRO RIBASSATO DI QUASI 10 MM. Lassetto è stato ribassato di 6 mm modificando le tarature degli elementi originali della versione Performance, mentre i mozzi posteriori sono ora dalluminio per ridurre il peso. Nel bagagliaio è inoltre presente una barra duomi. Linsieme degli interventi ha permesso di abbassare il centro di gravità di 8,8 mm. Tutte le modalità di guida sono state ricalibrate in funzione delle modifiche apportate in particolare il setup N permette ora di guidare la vettura al massimo delle sue possibilità in maniera ancora più smaliziata. IL COLORE CHIAVE è LARANCIO. Gli abbinamenti cromatici consentono di riconoscere subito la Project C rispetto alle altre i30 N. Gli interni propongono rivestimenti dAlcantara e il pomello del cambio dalluminio ridisegnato, mentre la tinta Deep Orange contraddistingue le cuciture e le finiture dei sedili, i pulsanti sul volante per le modalità di guida e le pinze freno, che contrastano con il Dark Matte Grey esterno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/HYUNDAI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2017/11/23/NUOVA_HYUNDAI_I30_N_A_LISTINO_CON_PREZZI_A_PARTIRE_DA_32_350_EURO.HTML 2019-09-10 08:21:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/10/audi_rs7_sportback_motore_prestazioni_foto_uscita/gallery/2019-Audi-RS7-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27101 Audi RS7 Sportback - 600 CV con il V8 mild-hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27101&tipo=fv Il quarto di secolo della sigla RS ha portato con sé sei nuove AUDI [1] al peperoncino, che si sveleranno a poco a poco. Dopo la RS6 AVANT [2], a uscire allo scoperto al SALONE DI FRANCOFORTE [3] è la nuova RS7 Sportback. Spenti i riflettori sulla kermesse tedesca, bisognerà attendere i primi mesi del 2020 per vederla su strada. Non ancora comunicati i prezzi per il mercato italiano. "LIKE DELTONA". Stephan Fahr-Becker, il designer che cura limmagine delle Audi RS, non fa mistero di essersi ispirato ad unicona tutta italiana nel tracciare le linee di questa RS7: la Lancia Delta Integrale Evoluzione. In un particolare i passaruota, per la prima volta allargati di 40 mm rispetto alle A7 Sportback. Che, comunque, continuano a condividere con la RS7 cofano, tetto, porte anteriori e portellone. Le voraci prese daria sul paraurti? Necessarie per far respirare il V8 4.0 TFSI da 600 cavalli e 800 Nm fra 2.050 e 4.500 giri. Per una punta massima di 305 km/h (con il Dynamic Plus Package) e uno 0-100 km/h da 3,6 secondi. Risultati possibili grazie anche al cambio tiptronic a otto rapporti e alla trazione integrale quattro con differenziale centrale meccanico, che può inviare fino all85% della coppia alle ruote posteriori e fino al 70% alle anteriori, in caso di bisogno (40:60 la ripartizione in condizioni normali). I consumi del V8 sono tenuti a bada dal sistema mild hybrid a 48V, nonché dal cylinder on demand, che spegne quattro degli otto cilindri quando necessario: in questo modo si risparmiano, secondo la Casa, fino a 0,8 litri di benzina ogni 100 km. AMPIE POSSIBILITà DI REGOLAZIONE. Argomenti cari a chi ama stringere un volante fra le mani sono pure assetto e freni. Le sospensioni adattive ad aria sono di serie, mentre non manca la possibilità di avere il Dynamic Ride Control e il sistema di sterzata integrale (entrambi optional). Le tarature possono naturalmente essere modificate con lAudi drive select: si sceglie fra sei profili, con i nuovi RS1 e RS2 che possono essere richiamati semplicemente con la pressione di un pulsante sul volante. Così, ci si può ritagliare su misura le risposte di motore, sospensioni, cambio, sterzo, differenziale, sound di scarico e perfino il funzionamento dellaria condizionata. I cerchi di serie sono da 21, con pneumatici da 275/35, mentre a pagamento si possono avere i 22 con pneumatici 285/30. Optional anche limpianto frenante con dischi carboceramici da 440 mm di diametro davanti e 370 dietro che fa risparmiare 34 kg rispetto a quello tradizionale. ABITACOLO SPORTIVO. Dentro, lAudi RS7 Sportback offre una gran dose di tecnologia. Davanti agli occhi di chi guida cè il virtual cockpit mentre il sistema multimediale è naturalmente lMmi di nuova generazione, con la possibilità di ordinare a parte lRS head-up display, dotato di grafiche sportive dedicate. Per la prima volta, inoltre, labitacolo può essere scelto in configurazione cinque posti, grazie al divano a tre sedute; la pelle Nappa color nero perla per i sedili è di serie, a richiesta è disponibile la Valcona. La capacità del vano bagagli, infine, va dai 535 ai 1.390 litri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/21/AUDI_RS6_AVANT_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-10 00:31:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/volkswagen_id3_il_commento_di_diess/gallery/2019-diess.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27100 Volkswagen ID3 - Diess: "Lelettrico è il futuro dellauto" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27100&tipo=fv "Questo non è soltanto un nuovo modello di automobile: questa ID3 [1] è davvero das auto". Unespressione presa in prestito dalla pubblicità, ma che in italiano ha un significato. E significa, grossomodo, qualcosa come lautomobile per antonomasia. Sceglie parole pesanti, lamministratore delegato del Gruppo Volkswagen, Herbert Diess, per battezzare il momento in cui la prima elettrica della nuova era perde i veli, alla serata che precede il Salone di Francoforte. Il modello della Casa tedesca, ennesima prova dellindustria automobilistica sullardimentoso tema dellelettrica-per-tutte-le-tasche, del resto, non si sarebbe accontentata di nulla di meno. RIBADITO LATTACCO SOTTO I 30 MILA EURO. "Costerà almeno ventimila euro meno di una Tesla Model 3", scandiva questa mattina il New York Times, prendendo a metro di paragone quella che per loro, per gli americani (o molti di essi, quantomeno sulle coste e nelle grandi città) è diventata "the car". Ancora una volta, lautomobile per antonomasia. Il sottotesto del pezzo dellNYT era chiaro: sì, il nostro (Elon Musk, sarebbe) aveva detto 35 mila dollari. Ma poi, quando te ne vuoi prendere davvero una, di Model 3, che tu sia di Oslo, di Amsterdam o di Roma, le cose stanno in maniera diversa. E allora lelettrica davvero per tutti, forse, doveva ancora arrivare. Sarà davvero questa messianica ID3, dunque, la panacea di tutti i mali del mondo? No, non scherziamo. Ma la prima elettrica sotto i 30 mila euro - per quanto spartana e con autonomia ridotta rispetto alle varianti al top di gamma - è davvero qui, a pochi centimetri dal mio naso mentre scrivo queste righe. CO2 NEUTRAL, è LA PRIMA. Presto arriverà anche sotto il vostro, assicurano qui. "La produzione partirà a novembre a Zwickau", ha affermato Diess. E le consegne? Questione di almeno otto-nove mesi, per vederla in Italia, si mormora. Le filiali nazionali, del resto, sono ancora in attesa di tutti i dettagli per delineare la strategia commerciale nei singoli Paesi. Quello che già si conosce sono i primati, sempre più numerosi, di cui questa strana specie ibrida, un po hatchback un po monovolume, un po oggetto marciante non identificato si fregia: "Sarà la prima auto di tutti i tempi con un bilancio neutrale di CO2", ha affermato Diess. "Finanzieremo dei progetti per azzerare le emissioni prodotte durante la fabbricazione, e partiremo con uno, che abbiamo già concordato per la riforestazione in una regione del Borneo". Bravi. Perché non tutti lo sanno, ma il processo di produzione di unelettrica genera molta più anidride carbonica rispetto a qualsivoglia modello tradizionale. 22 MILIONI DI ELETTRICHE IN DIECI ANNI. I numeri, del resto, impongono di fare dei ragionamenti di più ampio respiro. "Da qui finalmente parte loffensiva elettrica in tutti i segmenti, fino a quello della Porsche Taycan", ha annunciato il ceo Diess. "Entro il 2028 saranno 70 i modelli a zero emissioni a livello di gruppo. Ed entro quella data, contiamo di vendere 22 milioni di auto elettriche. Roba per cui se li fai male, i conti sulla CO2 emessa nellintero arco di vita, dallestrazione delle materie prime allo smaltimento del prodotto esaurito, rischi di fare dei danni anche grossi. LA LOTTA AL CAMBIAMENTO CLIMATICO COME OCCASIONE. "Per combattere il cambiamento climatico", così ha virato Diess verso lultima parte del suo intervento "non esiste alternativa allauto elettrica. Sarà questa tecnologia a garantire un futuro allautomobile stessa. Un futuro più pulito, che garantirà alle persone avanzamento tecnologico e libertà di muoversi. La lotta al cambiamento climatico - e il messaggio a Berlino, Bruxelles (e a cascata a tutti i Paesi membri dellUnione) non avrebbe potuto essere scandito più chiaramente - "può essere trasformato in una nuova chance economica per la Germania e lEuropa. E passa attraverso una mobilità più pulita. Per noi e per le future generazioni". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML 2019-09-09 22:49:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/09/michael_schumacher_a_parigi_per_sottoporsi_a_nuove_cure/gallery/Michael-Schumacher-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27099 Michael Schumacher - Le Parisien: "A Parigi per sottoporsi a nuove cure" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27099&tipo=fv Secondo il quotidiano francese Le Parisien, ripreso dalle maggiori agenzie di stampa, MICHAEL SCHUMACHER [1] sarebbe stato trasportato in un ospedale di Parigi per essere sottoposto a cure particolari. Si tratterebbe del reparto di chirurgia cardiovascolare dellospedale Georges Pompidou, specializzato nel trattamento terapeutico cellulare delle insufficienze cardiache sotto la guida del professor Philippe Menasché. Il trasporto sarebbe avvenuto con lutilizzo di unambulanza svizzera e di una barella oscurata, per proteggere la privacy del paziente; ad accompagnare Schumacher sarebbe stato un imponente dispositivo di sicurezza composto da una decina di persone. Non si hanno notizie circostanziate sul tipo di trattamento al quale sarebbe destinato il campione tedesco, ma le ipotesi parlano di trasfusioni di cellule staminali. Contattati da Le Parisien, sia il professor Menasché sia la direzione dellospedale si sono trincerati dietro il segreto professionale, rifiutandosi sia di smentire sia di confermare la notizia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TASG/MICHAEL-SCHUMACHER 2019-09-09 21:50:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/09/volkswagen_ecco_il_nuovo_logo/gallery/2019-volkswagen-nuovo-logo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27098 Volkswagen - Ecco il nuovo logo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27098&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] lo aveva anticipato: alla vigilia del Salone di Francoforte è stato presentato il nuovo logo, che rappresenta una rivisitazione stilistica di quello attuale. Non è un caso che la Casa tedesca abbia scelto questa occasione per rinnovare la propria immagine: lannuncio coincide infatti con il lancio della ID.3 elettrica, capostipite di una gamma e di una strategia che porteranno la Casa tedesca a cambiare letteralmente pelle nel corso dei prossimi anni. PIù SEMPLICE, MA SEMPRE FEDELE A SE STESSO. La classica W incastonata in un cerchio è rimasta immutata nei tratti generali, ma assume un tono più minimalista e bidimensionale con semplici linee bianche su uno sfondo di una nuova tonalità di blu: soluzioni ritenute più adatte per le applicazioni digitali. In futuro potrebbero essere utilizzati anche colori diversi per diversificare i prodotti, inoltre verrà introdotto un tono acustico dedicato per tutte le attività pubblicitarie. E stato deciso infine di utilizzare una voce femminile negli spot, a differenza di quella maschile fino ad oggi. 171 MERCATI DA AGGIORNARE. Il rinnovamento dellimmagine del gruppo tedesco, con il passaggio ai nuovi loghi, si concluderà nel corso del 2020 con una serie di step successivi sia per le autovetture che per i veicoli commerciali. Il logo sarà inizialmente introdotto in Europa, seguita poi da Cina, Nord America, Sud America e infine da tutti gli altri mercati. La Volkswagen ha impiegato nove mesi per realizzare il logo e coordinare tutte le operazioni legate al cambio di immagine previsto. 19 team della Casa e 17 esterni hanno contribuito al progetto che coinvolgerà ben 171 mercati in 154 paesi. Oltre ai modelli di produzione sarà necessario aggiornare circa 10.000 tra sedi, fabbriche e concessionarie, per un totale di circa 70.000 insegne. Il primo passo è stato compiuto oggi in concomitanza con la conferenza stampa di presentazione, quando il nuovo logo si è illuminato al quartier generale di Wolfsburg. CAMBIO DI APPROCCIO ANCHE NELLA COMUNICAZIONE. Oltre a descrivere nel dettaglio tutte le operazioni legate al logo, la Volkswagen ha voluto anche chiarire quelli che saranno i cambiamenti relativi allimmagine e alla filosofia del marchio. Al motto di "digital first" e "no filter", le nuove direttive aziendali danno priorità alla semplicità e alla concretezza: dal rapporto con i clienti allo stile delle foto ufficiali, dal contenimento dei costi per i concessionari fino al messaggio pubblicitario che guarderà alla vita reale delle persone e non più al perfezionismo assoluto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN 2019-09-09 21:34:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/09/volkswagen_group_night_francoforte_2019_le_novita_volkswagen_audi_skoda_seat_bugatti_porsche_lamborghini/gallery/2019-volkswagen-id3-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27097 Volkswagen Group Night - Ecco la ID.3: segui la presentazione in live streaming http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27097&tipo=fv Come da tradizione, il SALONE DI FRANCOFORTE [1] sarà anticipato dalla VOLKSWAGEN GROUP NIGHT [2], levento in cui vengono svelate in anteprima le principali novità dei marchi del gruppo tedesco. In questa edizione 2019 i fari sono tutti puntati sulla ID.3 [3], lelettrica pop che inaugurerà un nuovo corso per la Casa di Wolfsburg dando vita a una nuova famiglia di modelli a batteria costruiti sulla piattaforma MEB. Per seguire levento in diretta vi basta cliccare "play" nel riquadro qui sotto: la diretta streaming della Night inizia alle 19.45. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2018/03/05/VOLKSWAGEN_GROUP_NIGHT_SALONE_DI_GINEVRA_2018.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/06/VOLKSWAGEN_ID3_A_NOVEMBRE_L_AVVIO_DELLA_PRODUZIONE.HTML 2019-09-09 21:09:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/volkswagen_id3_autonomia_dimensioni_motori_uscita/gallery/2019-volkswagen-id3.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27096 Volkswagen ID3 - Debutta la prima elettrica di massa - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27096&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha scelto di puntare tutto (o quasi) sullelettrico. E questo SALONE DI FRANCOFORTE [2] non è che linizio, visto e considerato che sono 50 i modelli a zero emissioni previsti da qui al 2025 (80 gli elettrificati). Per sottolineare limportanza delloccasione, a Wolfsburg hanno rivisto anche il logo. Che debutta proprio sulla ID3, la prima della nuova stirpe "ecofriendly". Attesa su strada a metà 2020, avrà un prezzo base sotto i 30.000 euro, per arrivare fino a poco meno di 40.000 per le più accessoriate 1St Plus e Max (disponibili al lancio). SPAZIO IN ABBONDANZA. Lunga 4,26, larga 1,81 e alta 1,55 metri, la Volkswagen ID3 ha un passo di 2,76 metri, cioè 14 centimetri in più rispetto a quello di una Golf. Ecco perché a bordo quattro persone stanno comode, con tanto spazio per le ginocchia di chi siede dietro. Niente male neppure il bagagliaio: dotato di botola per i carichi passanti, ha una capacità di circa 380 litri. Dentro al cofano anteriore non è previsto alcun vano: lo spazio è interamente occupato da compressore del clima, elettronica dellhead-up display a realtà aumentata e serbatoi liquido freni e lavavetri. E poi, come ricordano i progettisti, creare un secondo bagagliaio, seppur minuscolo, avrebbe comportato un ulteriore costo di produzione. USO ATTENTO DELLE RISORSE. Un tema, quello del risparmio... "ragionato", che trapela anche osservando la plancia. Solo la fascia centrale (colorata a contrasto sulla 1St Plus) è morbida, tutto il resto pannelli porta compresi è di plastica rigida. Grande la disponibilità di portaoggetti, specie fra i sedili anteriori. Mancano le bocchette aria dedicate ai posti posteriori, mentre davanti agli occhi di chi guida ci sono due schermi: quello della strumentazione, solidale al piantone, e quello del sistema multimediale, a centro plancia ma orientato verso il guidatore. Parlando di tecnologia, vale la pena notare la presenza di quattro prese di ricarica Usb-C. Spazio anche a elementi ludici come i pedali di acceleratore e freno sui quali sono impressi, rispettivamente, i simboli play e pausa. LA TECNICA. Il pianale MEB, lossatura della Volkswagen ID.3 e di tutte le elettriche del gruppo, ospita il motore (da 150 o 204 cavalli) in mezzo alle ruote posteriori, governate da sospensioni Multilink. Il pacco batterie, garantito otto anni o 160.000 km, è invece annegato nel pavimento. Tre i tagli disponibili: 77, 58 e 45 kWh. Per unautonomia, secondo il ciclo Wltp, compresa fra i 330 e i 550 km. Utilizzando la ricarica a 100 kW, si possono guadagnare 260 km in 30 minuti. La scheda tecnica alla voce coppia recita 310 Nm, mentre la velocità massima non supera i 160 km/h. I cerchi sono da 18" (di serie), 19" o 20", mentre i freni posteriori sempre per questioni economiche sono a tamburo. Il peso della ID3 con batterie meno potenti è intorno ai 1.700 kg. ENERGIA GRATIS PER I PRIMI CLIENTI. In Germania, le prime ID3 ad arrivare (denominate 1St) avranno di serie comandi vocali e sistema di navigazione. Le 1St Plus aggiungeranno le IQ.Light e il bicolore sia dentro sia fuori, mentre le 1ST Max potranno contare su head-up display a realtà aumentata e un generoso tetto panoramico, che fra laltro non porta via troppi centimetri in altezza in abitacolo. Per i clienti delle prime 30.000 unità ci saranno un anno o 2.000 kWh di ricarica gratis, pure dalle colonnine Ionity. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-09 21:09:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/volkswagen_id3_autonomia_dimensioni_motori_uscita/gallery/2019-Volkswagen-ID3-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27095 Volkswagen ID3 - Debutta la prima elettrica di massa [VIDEO] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27095&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha scelto di puntare tutto (o quasi) sullelettrico. E questo SALONE DI FRANCOFORTE [2] non è che linizio, visto e considerato che sono 50 i modelli a zero emissioni previsti da qui al 2025 (80 gli elettrificati). Per sottolineare limportanza delloccasione, a Wolfsburg hanno rivisto anche il logo. Che debutta proprio sulla ID3, la prima della nuova stirpe "ecofriendly". Attesa su strada a metà 2020, avrà un prezzo base sotto i 30.000 euro, per arrivare fino a poco meno di 40.000 per le più accessoriate 1St Plus e Max (disponibili al lancio). SPAZIO IN ABBONDANZA. Lunga 4,26, larga 1,81 e alta 1,55 metri, la Volkswagen ID3 ha un passo di 2,76 metri, cioè 14 centimetri in più rispetto a quello di una Golf. Ecco perché a bordo quattro persone stanno comode, con tanto spazio per le ginocchia di chi siede dietro. Niente male neppure il bagagliaio: dotato di botola per i carichi passanti, ha una capacità di circa 380 litri. Dentro al cofano anteriore non è previsto alcun vano: lo spazio è interamente occupato da compressore del clima, elettronica dellhead-up display a realtà aumentata e serbatoi liquido freni e lavavetri. E poi, come ricordano i progettisti, creare un secondo bagagliaio, seppur minuscolo, avrebbe comportato un ulteriore costo di produzione. USO ATTENTO DELLE RISORSE. Un tema, quello del risparmio... "ragionato", che trapela anche osservando la plancia. Solo la fascia centrale (colorata a contrasto sulla 1St Plus) è morbida, tutto il resto pannelli porta compresi è di plastica rigida. Grande la disponibilità di portaoggetti, specie fra i sedili anteriori. Mancano le bocchette aria dedicate ai posti posteriori, mentre davanti agli occhi di chi guida ci sono due schermi: quello della strumentazione, solidale al piantone, e quello del sistema multimediale, a centro plancia ma orientato verso il guidatore. Parlando di tecnologia, vale la pena notare la presenza di quattro prese di ricarica Usb-C. Spazio anche a elementi ludici come i pedali di acceleratore e freno sui quali sono impressi, rispettivamente, i simboli play e pausa. LA TECNICA. Il pianale MEB, lossatura della Volkswagen ID.3 e di tutte le elettriche del gruppo, ospita il motore (da 150 o 204 cavalli) in mezzo alle ruote posteriori, governate da sospensioni Multilink. Il pacco batterie, garantito otto anni o 160.000 km, è invece annegato nel pavimento. Tre i tagli disponibili: 77, 58 e 45 kWh. Per unautonomia, secondo il ciclo Wltp, compresa fra i 330 e i 550 km. Utilizzando la ricarica a 100 kW, si possono guadagnare 260 km in 30 minuti. La scheda tecnica alla voce coppia recita 310 Nm, mentre la velocità massima non supera i 160 km/h. I cerchi sono da 18" (di serie), 19" o 20", mentre i freni posteriori sempre per questioni economiche sono a tamburo. Il peso della ID3 con batterie meno potenti è intorno ai 1.700 kg. ENERGIA GRATIS PER I PRIMI CLIENTI. In Germania, le prime ID3 ad arrivare (denominate 1St) avranno di serie comandi vocali e sistema di navigazione. Le 1St Plus aggiungeranno le IQ.Light e il bicolore sia dentro sia fuori, mentre le 1ST Max potranno contare su head-up display a realtà aumentata e un generoso tetto panoramico, che fra laltro non porta via troppi centimetri in altezza in abitacolo. Per i clienti delle prime 30.000 unità ci saranno un anno o 2.000 kWh di ricarica gratis, pure dalle colonnine Ionity. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-09 20:42:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/volkswagen_id3_autonomia_dimensioni_motori_uscita/gallery/2019-Volkswagen-ID3-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27094 Volkswagen ID3 - Debutta la prima elettrica di massa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27094&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha scelto di puntare tutto (o quasi) sullelettrico. E questo SALONE DI FRANCOFORTE [2] non è che linizio, visto e considerato che sono 50 i modelli a zero emissioni previsti da qui al 2025 (80 gli elettrificati). Per sottolineare limportanza delloccasione, a Wolfsburg hanno rivisto anche il logo. Che debutta proprio sulla ID3, la prima della nuova stirpe "ecofriendly". Attesa su strada a metà 2020, avrà un prezzo base sotto i 30.000 euro, per arrivare fino a poco meno di 40.000 per le più accessoriate 1St Plus e Max (disponibili al lancio). SPAZIO IN ABBONDANZA. Lunga 4,26, larga 1,81 e alta 1,55 metri, la Volkswagen ID3 ha un passo di 2,76 metri, cioè 14 centimetri in più rispetto a quello di una Golf. Ecco perché a bordo quattro persone stanno comode, con tanto spazio per le ginocchia di chi siede dietro. Niente male neppure il bagagliaio: dotato di botola per i carichi passanti, ha una capacità di circa 380 litri. Dentro al cofano anteriore non è previsto alcun vano: lo spazio è interamente occupato da compressore del clima, elettronica dellhead-up display a realtà aumentata e serbatoi liquido freni e lavavetri. E poi, come ricordano i progettisti, creare un secondo bagagliaio, seppur minuscolo, avrebbe comportato un ulteriore costo di produzione. USO ATTENTO DELLE RISORSE. Un tema, quello del risparmio... "ragionato", che trapela anche osservando la plancia. Solo la fascia centrale (colorata a contrasto sulla 1St Plus) è morbida, tutto il resto pannelli porta compresi è di plastica rigida. Grande la disponibilità di portaoggetti, specie fra i sedili anteriori. Mancano le bocchette aria dedicate ai posti posteriori, mentre davanti agli occhi di chi guida ci sono due schermi: quello della strumentazione, solidale al piantone, e quello del sistema multimediale, a centro plancia ma orientato verso il guidatore. Parlando di tecnologia, vale la pena notare la presenza di quattro prese di ricarica Usb-C. Spazio anche a elementi ludici come i pedali di acceleratore e freno sui quali sono impressi, rispettivamente, i simboli play e pausa. LA TECNICA. Il pianale MEB, lossatura della Volkswagen ID.3 e di tutte le elettriche del gruppo, ospita il motore (da 150 o 204 cavalli) in mezzo alle ruote posteriori, governate da sospensioni Multilink. Il pacco batterie, garantito otto anni o 160.000 km, è invece annegato nel pavimento. Tre i tagli disponibili: 77, 58 e 45 kWh. Per unautonomia, secondo il ciclo Wltp, compresa fra i 330 e i 550 km. Utilizzando la ricarica a 100 kW, si possono guadagnare 260 km in 30 minuti. La scheda tecnica alla voce coppia recita 310 Nm, mentre la velocità massima non supera i 160 km/h. I cerchi sono da 18" (di serie), 19" o 20", mentre i freni posteriori sempre per questioni economiche sono a tamburo. Il peso della ID3 con batterie meno potenti è intorno ai 1.700 kg. ENERGIA GRATIS PER I PRIMI CLIENTI. In Germania, le prime ID3 ad arrivare (denominate 1St) avranno di serie comandi vocali e sistema di navigazione. Le 1St Plus aggiungeranno le IQ.Light e il bicolore sia dentro sia fuori, mentre le 1ST Max potranno contare su head-up display a realtà aumentata e un generoso tetto panoramico, che fra laltro non porta via troppi centimetri in altezza in abitacolo. Per i clienti delle prime 30.000 unità ci saranno un anno o 2.000 kWh di ricarica gratis, pure dalle colonnine Ionity. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-09 20:10:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/09/formula_1_mercedes_le_confessioni_di_toto_wolff/gallery/2019-Wolff-6.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27093 Formula 1 - Mercedes, le confessioni di Toto Wolff http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27093&tipo=fv Sul ponte di comando del team Mercedes di F.1, delle cui azioni detiene una quota significativa, ormai da parecchi anni, Toto Wolff è una figura popolare nel mondo dei Gran Premi, anche per le sue visibili reazioni a quanto avviene in pista, spesso riproposte nei replay televisivi: in occasione del Gran Premio dItalia ci ha concesso una lunga intervista, nella quale spazia dalla scelta dei piloti ai rapporti con Liberty Media, dal futuro dei regolamenti allimportanza di benzine e fluidi. LA MERCEDES HA VINTO CINQUE TITOLI MONDIALI COSTRUTTORI CONSECUTIVI ED è FAVORITA PER AGGIUDICARSI IL SESTO: COME SI RIESCE A TENERE UN LIVELLO DI MOTIVAZIONE TANTO ALTO DOPO UN CICLO COSì LUNGO DI SUCCESSI? vero, ci sono rischi in termini di motivazione, energia e volontà di raggiungere gli obiettivi. la ragione per cui una cosa simile non si è mai verificata in passato: anche la Ferrari ha conquistato cinque titoli consecutivi, ma non credo che ci sia un altro sport in cui un team ha vinto così tanti campionati mondiali a ripetizione, a parte forse la squadra russa di hockey negli anni 60 Credo ci sia una ragione nella difficoltà di replicare i successi: mantenere il livello di energia, di innovazione, tenere insieme la gente giusta è difficilissimo una questione di persone, di gente così motivata in quello che fa e questa è la cosa più importante. COME SI FA A MANTENERE QUESTO LIVELLO DI MOTIVAZIONE? NEI PRIMI ANNI, IN FONDO, LOTTAVATE TRA VOI STESSI Non labbiamo mai vista in questi termini: avevamo sempre la sensazioni di essere sul punto di perdere il nostro margine di vantaggio sulla Ferrari e la Red Bull. Non abbiamo mai pensato fosse una cosa facile, da risolvere tra di noi, perché finché cera la possibilità matematica avremmo sempre potuto perdere. E la paura di perdere mantiene alto il livello di motivazione. QUAL è IL RUOLO DEL TEAM PRINCIPAL IN QUESTO PROCESSO? Penso che sia una specie di cheerleader La gente capisce se sei motivato, se stai spingendo o no; devi accorgerti del livello di motivazione, perché bisogna essere realistici in questo, non tutti hanno un giorno buono in tutti i giorni di ogni singolo anno. Devi essere consapevole del fatto che cè sempre qualcuno di cui ti devi prendere cura, per ottenere le giuste prestazioni. CHE COSA PENSA, INVECE, DELLIPOTESI DI LIMITARE LO SVILUPPO DELLE POWER UNIT A PARTIRE DAL 2021 PER CONTENERE I COSTI DELLE SQUADRE? Credo che ci siano nelle auto dei componenti tecnici che non sono visibili per il pubblico, che sono molto sofisticati, ma che non sono fondamentali nella competizione, nellacquisizione di potenziali margini di vantaggio: penso che si possa tenerli fuori dal confronto fra le squadre. Sono parti per il cui sviluppo non ha senso spendere milioni. Nel giro di uno o due anni ci sarà un livellamento tra i motori a combustione interna: vogliamo continuare a combattere anche in queste aree o ridurre la competizione dove non è necessaria? LUSO DI PIù COMPONENTI COMUNI PUò ESSERE UNA STRADA PER RIDURRE I COSTI? Non credo che la strada dei componenti standard sia quella giusta, ma penso che lo possa essere per alcune aree. Però se tu imponi un unico fornitore, chi ci dice che sia sempre il più conveniente? Al momento credo che siamo abbastanza efficienti nellacquisto dei componenti e che non sprechiamo il nostro denaro. MA, PER ESEMPIO, UTILIZZARE FRENI UGUALI Quale sarebbe il livello qualitativo dei freni di un unico fornitore? Quale il prezzo? Quale garanzia viene data di mantenere questo prezzo per un lungo periodo? Cosa facciamo con i team che ricevono una sponsorizzazione dai produttori di freni: li obblighiamo a comprarli? I TEAM PRINCIPAL STANNO DISCUTENDO DI QUESTI TEMI? NON Cè PIù MOLTO TEMPO. Discuteremo fino alla fine di ottobre, poi dovremo decidere. LA FERRARI NON è DACCORDO SULLUTILIZZO DI COMPONENTI COMUNI. Abbiamo punti di vista abbastanza simili, alla fine: vogliamo il bene della Formula 1, comprendiamo la posizione della Fia, abbiamo opinioni diverse sullinnovazione e lo sviluppo tecnico, ma alla fine troveremo un compromesso. CERA UN PO DI PREOCCUPAZIONE IN MERITO ALLARRIVO DI LIBERTY MEDIA, PERCHé LA VISIONE AMERICANA DELLE CORSE è SPESSO DIFFERENTE: LE COSE STANNO ANDANDO BENE? Sì, allinizio cerano dei modi un po diversi di fare le cose, ma penso che Liberty abbia un approccio positivo a questo sport. CHE COSA PENSA DI LEWIS HAMILTON? QUANTO è CRESCIUTO IN QUESTI ANNI? Per me è il più grande. Cè un forte carattere dietro il suo talento, la volontà di migliorare costantemente, la capacità di vedere criticamente le proprie prestazioni, la sua grande motivazione a vincere ancora un altro campionato, di diventare il migliore di tutti. HA DECISO DI TENERE IN SQUADRA BOTTAS E DI NON PRENDERE OCON AL SUO POSTO: VALTTERI COSTITUISCE UN BUON MIX CON LEWIS? Ottimo. Sono grandi piloti, ma anche la dinamica allinterno della squadra è positiva, gli scambi tra di loro sono positivi. Tenere Vallteri alla Mercedes e trovare posto a Ocon alla Renault è stata una buona soluzione per permettere a Esteban di crescere in una squadra francese molto professionale. Largomentazione che mi ha convinto è che mettere Esteban contro Lewis, da sette anni alla Mercedes e al meglio della sua forma, non gli avrebbe dato abbastanza tempo per crescere, rischiando la sua carriera col costringerlo a fare qualcosa di veramente molto difficile. Ma è stata una scelta difficile dal punto di vista umano. Quanto a Bottas, credo che sia molto valido nelle qualifiche, ma che forse possa ancora migliorare nella gestione del degrado delle gomme. VENTIDUE GRAN PREMI NON SONO TROPPI, SIA PER LA GENTE CHE LAVORA NEI TEAM SIA PER I FAN? Sì. Capiamo che tutti vogliono più introiti, che sono importanti, però il rischio è che il campionato diventi ingestibile dal punto di vista logistico: si può far ruotare parte del personale, ma ci sono meccanici, ingegneri, tecnici che devono essere presenti a ogni gara e questo è davvero difficile. E LE DISCUSSIONI SULLA DISTRIBUZIONI DEGLI INTROITI STANNO PROCEDENDO? Gli introiti stanno crescendo e questo è importante, la Formula 1 sta procedendo bene; la distribuzione degli introiti è una questione diversa. Non è una discussione facile, perché ci sono obbiettivi diversi. Liberty vuole la fetta più grande della torta, tutti vogliono di più ALDO COSTA HA ANNUNCIATO A MONZA CHE LASCERà LA SQUADRA PER LA DALLARA: VI MANCHERà? Ci manca già! Sono molto orgoglioso di quello che abbiamo fatto con lui per portare al successo la Mercedes, ma penso che andare alla Dallara sia stata per lui unottima scelta: avrà un lavoro magnifico e starà più vicino alla sua famiglia e questo mi rende felice. DAVVERO IMPORTANTE LA VOSTRA COLLABORAZIONE CON LA SOCIETà PETROLIFERA PETRONAS? PENSA CHE SIA DAVVERO UNA PARTNERSHIP, PIUTTOSTO CHE UNA SEMPLICE SPONSORIZZAZIONE? Nel mondo del motor racing ci sono un sacco di storie sulle partnership, ma questa lo è veramente: non è solo una questione di adesivi sulle macchine o di visibilità della sponsorizzazione, è una collaborazione tecnica attraverso la quale ci viene fornito tutto il fluido vitale del motore, dal carburante ai lubrificanti. E questi sono elementi molto importanti per le prestazioni dei propulsori attuali. Penso che grazie alla Petronas abbiamo avuto un ottimo inizio già nel 2014 e continuiamo ad avere performance al massimo livello in un contesto di competizione serratissima con gli altri principali fornitori di carburante e olio. SUCCEDE LA STESSA COSA PER GLI ALTRI TEAM? Sì: penso che gli altri marchi, come la Shell per la Ferrari, lExxonMobil per la Red Bull e la BP per la Renault, stiano spingendo molto forte, perché cè una vera battaglia anche tra queste aziende. PROPRIO VERO CHE CERTI CAVALLI DELLE POWER UNIT ARRIVANO PROPRIO DAI CARBURANTI UTILIZZATI? Sì, ma non solo dal carburante: ce ne sono che derivano dai lubrificanti. Non so quanti possano essere, perché è lintero pacchetto che determina la potenza complessiva erogata. La F.1 è un gioco di miglioramento costante e di sviluppo continuo, quindi si può quasi dire che cè bisogno di crescere almeno ogni anno in ogni singolo componente: col carburante, lolio, i lubrificanti. Ogni miglioramento porta magari 40 millisecondi, che è pochissimo; ma la somma di tutti i miglioramenti di ognuno degli elementi magari permette di guadagnare un decimo al giro. E quando la competizione è così forte, quel decimo può fare la differenza tra vincere o perdere. LE COSE SONO CAMBIATE CON LADOZIONE DELLE POWER UNIT IBRIDE? I fluidi sono diventati più importanti con la propulsione ibrida perché è una questione di efficienza: abbiamo limiti di carburante per gara _(questanno 110 kg, ndr)_ imposti dal regolamento, quindi dobbiamo massimizzarne lutilizzo. IL CONSUMO è ANCORA FONDAMENTALE NELLECONOMIA DELLE GARE? Non cè più bisogno che i piloti facciano fuel saving durante le corse, ma dal punto di vista teorico. Questo perché gli ingegneri calcolano il livello ottimale di carburante da imbarcare per ogni gara e questo valore è sempre influenzato dal peso della macchina. Se metti un chilo in meno di benzina, la vettura andrà più forte: quindi, la quantità è sempre calcolata al limite e il pilota ne deve tenere conto. Se mettessimo sempre la massima quantità consentita, il driver non avrebbe nessuna necessità di risparmiare carburante, almeno sulla maggior parte delle piste. 2019-09-09 19:02:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/09/volkswagen_group_night_francoforte_2019_le_novita_volkswagen_audi_skoda_seat_bugatti_porsche_lamborghini/gallery/2019-volkswagen-id3-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27091 Volkswagen Group Night - La ID.3 e le altre: segui la presentazione in live streaming http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27091&tipo=fv Come da tradizione, il SALONE DI FRANCOFORTE [1] sarà anticipato dalla VOLKSWAGEN GROUP NIGHT [2], levento in cui vengono svelate in anteprima le principali novità dei marchi del gruppo tedesco. In questa edizione 2019 i fari sono tutti puntati sulla ID.3 [3], lelettrica pop che inaugurerà un nuovo corso per la Casa di Wolfsburg dando vita a una nuova famiglia di modelli a batteria costruiti sulla piattaforma MEB. La ID.3 non ballerà da sola, però. Come sempre la serata coinvolgerà anche gli altri brand delluniverso Volkswagen, Bugatti compreso, e vedrà sfilare altre anteprime firmate Audi, Porsche, Seat e Skoda. Per seguire levento in diretta vi basta guardare nel riquadro qui sotto: la diretta streaming della Night inizia alle 19.45. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2018/03/05/VOLKSWAGEN_GROUP_NIGHT_SALONE_DI_GINEVRA_2018.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/06/VOLKSWAGEN_ID3_A_NOVEMBRE_L_AVVIO_DELLA_PRODUZIONE.HTML 2019-09-09 18:26:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/bugatti_chiron_super_sport_300_prodotta_in_30_esemplari/gallery/2019-bugatti-chiron-super-sport-300-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27092 Bugatti Chiron Super Sport 300+ - Lauto del record sarà prodotta in 30 esemplari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27092&tipo=fv A pochi giorni dal RECORD OTTENUTO IN GERMANIA [1] la BUGATTI [2] ha confermato che il prototipo capace di superare le 300 miglia orarie diventerà una serie limitata da collezione. La vettura è stata denominata Chiron Super Sport 300+ e sarà prodotta in 30 esemplari: è stata presentata in anteprima a Molsheim ai clienti intervenuti al GRAND TOUR [3], levento conclusivo dei festeggiamenti per i 110 anni del marchio. La Casa, che per loccasione ha confermato di non voler perseguire ulteriormente i record di velocità dopo questo successo, ha confermato che la hypercar sarà proposta a un prezzo di 3,5 milioni di euro, tasse escluse. Con le prime consegne previste per la metà del 2021, diventerà la più veloce auto targata di sempre disponibile sul mercato. CODA LUNGA E 1.600 CV PER SUPERARE I 490 KM/H. Per consentire alla Chiron di superare i 490 km/h la Bugatti è intervenuta su molteplici aspetti. Quello più evidente è sicuramente quello aerodinamico, visto che la carrozzeria è stata ridisegnata nel frontale e nella coda: davanti troviamo gli air curtains che indirizzano i flussi daria verso le fiancate e lavorano insieme agli sfoghi circolari sopra ai pneumatici per ridurre la pressione e migliorare laerodinamica, mentre la coda è stata allungata rivendendo anche il tetto, il diffusore e il posizionamento dei terminali di scarico. Tutto il lavoro ha permesso di non dover alzare lalettone posteriore in modalità Top Speed, riducendo così la resistenza allaria. Fondamentale anche lincremento di potenza: il W16 è stato infatti portato da 1.500 a 1.600 CV, anche se non sono stati specificati gli interventi che hanno permesso di ottenere questo risultato. LIVREA UNICA NERO E ARANCIO. La carrozzeria Jet black con carbonio a vista è dotata di finiture Jet Orange, citazione della Veyron Grand Sport Vitesse WRC del 2013 da 434 Km/h, mentre i cerchi in lega sono rifiniti in tinta Nocturne. Il logo frontale Bugatti è una speciale edizione smaltata nelle tinte argento e nero. Aprendo le portiere si fanno notare subito i battitacco illuminati con la siglia Sport Sport 300+, ripresa anche sui poggiatesta e sulla console centrale. I rivestimenti interni ripropongono labbinamento esterno, con carbonio, pelle e Alcantara in tinta Beluga Black e finiture arancioni a contrasto. SI POTREBBERO TOCCARE I 515 KM/H. Curiosamente la Bugatti non ha pubblicato una scheda tecnica completa della Chiron Super Sport 300+. Questo significa che non sono state confermate le prestazioni in accelerazione e velocità massima. Del resto la Casa stessa ha dichiarato di non aver sfruttato lintero potenziale della biposto in occasione della prova sul circuito di Ehra-Lessien, ipotizzando un traguardo finale di 515 km/h in condizioni ideali, superiore persino al fondoscala di 500 km/h presente sulla vettura. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/02/BUGATTI_CHIRON_490_KM_H_RECORD_VELOCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/03/BUGATTI_UN_GRAND_TOUR_PER_CELEBRARE_I_110_ANNI.HTML 2019-09-09 18:26:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/bugatti_chiron_super_sport_300_prodotta_in_30_esemplari/gallery/2019-bugatti-chiron-super-sport-300-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27090 Bugatti Chiron Supersport 300+ - Lauto del record sarà prodotta in 30 esemplari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27090&tipo=fv A pochi giorni dal RECORD OTTENUTO IN GERMANIA [1] la BUGATTI [2] ha confermato che il prototipo capace di superare le 300 miglia orarie diventerà una serie limitata da collezione. La vettura è stata denominata Chiron Super Sport 300+ e sarà prodotta in 30 esemplari: è stata presentata in anteprima a Molsheim ai clienti intervenuti al GRAND TOUR [3], levento conclusivo dei festeggiamenti per i 110 anni del marchio. La Casa, che per loccasione ha confermato di non voler perseguire ulteriormente i record di velocità dopo questo successo, ha confermato che la hypercar sarà proposta a un prezzo di 3,5 milioni di euro, tasse escluse. Con le prime consegne previste per la metà del 2021, diventerà la più veloce auto targata di sempre disponibile sul mercato. CODA LUNGA E 1.600 CV PER SUPERARE I 490 KM/H. Per consentire alla Chiron di superare i 490 km/h la Bugatti è intervenuta su molteplici aspetti. Quello più evidente è sicuramente quello aerodinamico, visto che la carrozzeria è stata ridisegnata nel frontale e nella coda: davanti troviamo gli air curtains che indirizzano i flussi daria verso le fiancate e lavorano insieme agli sfoghi circolari sopra ai pneumatici per ridurre la pressione e migliorare laerodinamica, mentre la coda è stata allungata rivendendo anche il tetto, il diffusore e il posizionamento dei terminali di scarico. Tutto il lavoro ha permesso di non dover alzare lalettone posteriore in modalità Top Speed, riducendo così la resistenza allaria. Fondamentale anche lincremento di potenza: il W16 è stato infatti portato da 1.500 a 1.600 CV, anche se non sono stati specificati gli interventi che hanno permesso di ottenere questo risultato. LIVREA UNICA NERO E ARANCIO. La carrozzeria Jet black con carbonio a vista è dotata di finiture Jet Orange, citazione della Veyron Grand Sport Vitesse WRC del 2013 da 434 Km/h, mentre i cerchi in lega sono rifiniti in tinta Nocturne. Il logo frontale Bugatti è una speciale edizione smaltata nelle tinte argento e nero. Aprendo le portiere si fanno notare subito i battitacco illuminati con la siglia Sport Sport 300+, ripresa anche sui poggiatesta e sulla console centrale. I rivestimenti interni ripropongono labbinamento esterno, con carbonio, pelle e Alcantara in tinta Beluga Black e finiture arancioni a contrasto. SI POTREBBERO TOCCARE I 515 KM/H. Curiosamente la Bugatti non ha pubblicato una scheda tecnica completa della Chiron Super Sport 300+. Questo significa che non sono state confermate le prestazioni in accelerazione e velocità massima. Del resto la Casa stessa ha dichiarato di non aver sfruttato lintero potenziale della biposto in occasione della prova sul circuito di Ehra-Lessien, ipotizzando un traguardo finale di 515 km/h in condizioni ideali, superiore persino al fondoscala di 500 km/h presente sulla vettura. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/02/BUGATTI_CHIRON_490_KM_H_RECORD_VELOCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/03/BUGATTI_UN_GRAND_TOUR_PER_CELEBRARE_I_110_ANNI.HTML 2019-09-09 18:18:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/09/gp_d_italia_a_monza_apre_casa_brembo/gallery/2019-casa-brembo-015.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27089 GP dItalia - A Monza apre casa la Brembo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27089&tipo=fv Lautodromo di Monza è diventato, in questo weekend, un po anche casa della BREMBO [1]. E non per modo di dire, visto che lazienda italiana ha preso possesso di un edificio, denominato appunto Casa Brembo, che costituirà un suo punto di riferimento permanente allinterno della pista brianzola. Si tratta della storica abitazione un tempo utilizzata da uno dei custodi dellimpianto e, negli ultimi anni, andata un po in rovina, situata nei pressi della tribuna della variante Ascari. Finemente ristrutturata nel rispetto delloriginalità architettonica, oggi ospita unesposizioni di freni (dischi e pinze) eccellenti dellazienda bergamasca, che spaziano dai dischi per le supercar a quelli per la Formula 1 e la Formula E; il tutto, accompagnato da una serie di opere darte originali, ispirate al mondo delle competizioni e delle vetture ad alte prestazioni. La struttura verrà utilizzata dalla Brembo in occasione delle proprie attività in pista durante tutto lanno. PRESENZA PRESTIGIOSE. Allinaugurazione di Casa Brembo era presente il gotha della Formula 1, da Chase Carey (Liberty Media) a Ross Brawn (responsabile tecnico sempre di Liberty Media), da Piero Ferrari a Stefano Domenicali (ex team principal Ferrari, oggi a.d. della Lamborghini), da Jean Todt (presidente dalla Fia) a Roberto Dalla (ex responsabile del motorsport alla Magneti Marelli, oggi managing director Media e technology centre della F.1); a fare gli onori di casa, Alberto Bombassei, co-fondatore e presidente dellazienda. Una chiara dimostrazione del peso della Brembo nel Circus: non a caso, alcuni dei suoi elementi frenanti potrebbero diventare standard su tutte le monoposto della massima categoria, qualora la Fia optasse per una standardizzazione di questi componenti a partire dal 2021 nellottica di una riduzione dei costi per i team. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BREMBO 2019-09-09 17:48:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/09/porsche_inaugurata_la_fabbrica_della_taycan/gallery/2019-fabbrica-porsche-taycan-zuffenhausen-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27088 Porsche - Inaugurata la fabbrica della Taycan http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27088&tipo=fv Il nove settembre 2019 sarà un giorno da ricordare alla PORSCHE [1]: a Zuffenhausen, la storica sede della Casa, è stato inaugurato lo stabilimento di produzione della Taycan, il primo modello full electric svelato pochi giorni prima. La soddisfazione è palpabile: i tecnici e gli operai sono riusciti a realizzare una fabbrica nella fabbrica, visto che sono stati costruiti padiglioni interamente nuovi accanto a quello che sfornano le 911 e 718 e ne sono stati ampliati altri per permettere di realizzare fino a 20 mila vetture a batteria allanno. E la scelta di fare tutto in sede e non altrove è stata presa grazie anche alla disponibilità degli addetti, che hanno rinunciato allo 0,25% degli aumenti fino al 2025. Così, si è potuta aumentare di 1.500 unità la forza lavoro di Zuffenhausen. SI FANNO ANCHE I MOTORI. Linvestimento è stato di 700 milioni di euro e la fabbrica segue le tecniche produttive più moderne, tanto da essere definita 4.0 A partire dalla flessibilità, indispensabile per garantire la costruzione di una vettura altamente personalizzabile (e per seguire landamento del mercato, ancora tutto da scoprire). Anche i due motori elettrici della Taycan, sviluppati dalla Magneti Marelli, vengono prodotti internamente. Infine, la fabbricazione della nuova vettura a batteria è a impatto zero sulle emissioni di CO2, ma pure quelle dellintero stabilimento sono stare ridotte del 75% rispetto al 2014. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD 2019-09-09 17:21:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/09/gp_d_italia_a_monza_apre_casa_brembo/gallery/2019-casa-brembo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27087 GP dItalia - A Monza apre casa Brembo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27087&tipo=fv Lautodromo di Monza è diventato, in questo weekend, un po anche casa della BREMBO [1]. E non per modo di dire, visto che lazienda italiana ha preso possesso di un edificio, denominato appunto Casa Brembo, che costituirà un suo punto di riferimento permanente allinterno della pista brianzola. Si tratta della storica abitazione un tempo utilizzata da uno dei custodi dellimpianto e, negli ultimi anni, andata un po in rovina, situata nei pressi della tribuna della variante Ascari. Finemente ristrutturata nel rispetto delloriginalità architettonica, oggi ospita unesposizioni di freni (dischi e pinze) eccellenti dellazienda bergamasca, che spaziano dai dischi per le supercar a quelli per la Formula 1 e la Formula E; il tutto, accompagnato da una serie di opere darte originali, ispirate al mondo delle competizioni e delle vetture ad alte prestazioni. La struttura verrà utilizzata dalla Brembo in occasione delle proprie attività in pista durante tutto lanno. PRESENZA PRESTIGIOSE. Allinaugurazione di Casa Brembo era presente il gotha della Formula 1, da Chase Carey (Liberty Media) a Ross Brawn (responsabile tecnico sempre di Liberty Media), da Piero Ferrari a Stefano Domenicali (ex team principal Ferrari, oggi a.d. della Lamborghini), da Jean Todt (presidente dalla Fia) a Roberto Dalla (ex responsabile del motorsport alla Magneti Marelli, oggi managing director Media e technology centre della F.1); a fare gli onori di casa, Alberto Bombassei, co-fondatore e presidente dellazienda. Una chiara dimostrazione del peso della Brembo nel Circus: non a caso, alcuni dei suoi elementi frenanti potrebbero diventare standard su tutte le monoposto della massima categoria, qualora la Fia optasse per una standardizzazione di questi componenti a partire dal 2021 nellottica di una riduzione dei costi per i team. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BREMBO 2019-09-09 16:22:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/22/opel_corsa_e_rally_prezzo_motore_elettrica/gallery/2019-Opel-Corsa-e-Rally-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27086 Opel Corsa-e Rally - Lelettrica è pronta per le gare http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27086&tipo=fv La OPEL CORSA-E [1] Rally è la prima vettura elettrica di grande serie pensata per le gare di rally. La cinque porte a batteria sarà svelata al SALONE DI FRANCOFORTE [2] per poi debuttare nelle competizioni il prossimo anno, quando sarà dato ufficialmente il via allAdac Opel e-Rally Cup, il primo monomarca elettrico al mondo di questo tipo riservato a vetture a batteria. PER PILOTI ALLE PRIME ARMI. Per la prima stagione di gare la Opel ha previsto di produrre 15 vetture, che saranno proposte ai clienti del reparto motorsport con un prezzo "significativamente inferiore" ai 50.000 euro. La versione da rally della segmento B è basata sulla Corsa-e, con la quale condivide anche il propulsore. Come la sorella stradale la variante da competizione monterà un motore elettrico sincrono da 136 CV e 260 Nm alimentato da una batteria agli ioni di litio da 50 kWh che porterà il peso della vettura a 1.400 kg. La trazione anteriore sarà gestita da un differenziale Torsen, mentre le sospensioni saranno specifiche per i rally. Limpianto frenante, con regolazioni personalizzate per il recupero dellenergia, prevede pinze a quattro pistoncini con dischi anteriori ventilati da 332 mm e posteriori da 264 mm con freno a mano idraulico. Non mancheranno una roll cage, dei sedili da gara con cinture a cinque punti, un estintore ad azionamento elettrico e un cruscotto da competizione con data logger integrato. PRONTA PER IL JUNIOR TEAM. La Opel ha deciso di trasformare la sua prima elettrica in unauto da rally per consentire ai giovani talenti di crescere nel mondo delle competizioni. Negli scorsi anni, infatti, lAdac Opel Rally Cup ha permesso a 100 piloti provenienti da 18 Paesi di sfidarsi a bordo delle Opel Adam: i più talentuosi sono poi entrati a far parte dellAdac Opel Rally Junior Team, mettendosi in mostra nei campionati internazionali. Con le Opel Adam R2 i giovani piloti del Fulmine hanno conquistato il campionato europeo di categoria per quattro stagioni consecutive, dal 2015 al 2018. Ora la Corsa-e Rally avrà il compito di sostituire lAdam come nuovo modello daccesso alle competizioni. DIECI GARE PER LA STAGIONE 2020-2021. LAdac Opel e-Rally Cup si correrà nei weekend di gara del campionato tedesco di rally e in alcuni eventi internazionali che verranno svelati nei prossimi mesi. Le prime gare sono fissate per lestate del 2020 e i piloti correranno almeno dieci competizioni: la prima stagione si concluderà nel 2021. Per permettere ai giovani talenti di essere supportati nelle nuove competizioni la Opel riproporrà la propria Academy che, a seguito di una selezione dei candidati, permetterà ai piloti più veloci di correre alcune tappe del campionato, con la prospettiva di passare allEuropeo Rally Junior con la nuova Corsa R2 e, grazie alle sinergie del gruppo PSA, di arrivare a categorie più elevate, dallR5 con Peugeot al WRC con la Citroën. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/23/OPEL_CORSA_LA_SESTA_SERIE_E_ANCHE_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-09 15:52:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/07/09/mini_cooper_se_elettrica_motore_autonomia_uscita/gallery/2019-Mini-Cooper-SE-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27085 Mini Cooper SE - Sportività a batteria http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27085&tipo=fv Dopo le impressioni di guida DELLESEMPLARE CAMUFFATO [1], ecco finalmente la MINI COOPER SE. Quella tutta elettrica, definitiva, e in cammino verso il lancio commerciale, previsto per marzo 2020. La prima MINI [2] a batterie sarà costruita nello stabilimento di Oxford e andrà ad affiancare le versioni a benzina della tre porte con prezzi a partire da 33.900 euro. FINO A 270 KM CON UN PIENO DELETTRONI. La prima Mini full electric di serie è mossa da ununità a batteria che eroga 184 CV e 270 Nm sulle ruote anteriori. Molto interessanti le prestazioni, visto che la Casa dichiara uno 0-100 in soli 7,3 secondi, mentre la velocità massima è limitata a 150 orari. Parlando di autonomia, i dati sono provvisori si spazia dai 235 ai 270 km nel ciclo Nedc a seconda della versione. La base tecnica è quella della normale Mini tre porte, opportunamente adattata alla nuova alimentazione. Motore elettrico, elettronica di controllo e trasmissione sono posizionati nella parte anteriore del telaio, ingabbiati da una struttura tubolare. La batteria agli ioni di litio, della capacità di 32,6 kWh, ha forma a T ed è collocata nel pavimento, tra i sedili anteriori e il divanetto. Non si va quindi a toccare la capacità di carico, che resta inalterata (da 211 a 731 litri, a sedili reclinati). Per mantenere unaltezza libera da terra di sicurezza per la batteria, posizionata, come detto, nel pavimento, la carrozzeria è stata montata più in alto di 18 mm rispetto alle versioni termiche. DETTAGLI GIALLI E CERCHI ASIMMETRICI. La Mini elettrica ha una massa a vuoto di 1.365 chili, circa 145 in più rispetto a una Mini Cooper S dotata di cambio Steptronic. La presa di ricarica si trova sopra la ruota posteriore destra, dove normalmente cè il bocchettone di rifornimento del carburante. Il logo Mini Electric in rilievo segna la differenza in termini di energia utilizzata. In realtà i dettagli che marcano le differenze estetiche del modello non sono poi così grandi: si notano molto perché sono in giallo, visibile sugli indicatori di direzione, sul portellone, sui retrovisori esterni e sulla griglia anteriore. Che presenta un profilo orizzontale. Il bordo inferiore del paraurti anteriore e il grembiule posteriore dal disegno specifico contribuiscono poi a ridurre la resistenza aerodinamica. Ottimizzati anche i cerchi di lega da 17 opzionali con design asimmetrico, come quelli da 16 standard. Inoltre, i gruppi ottici a Led sono di serie. POWERTRAIN DI GRUPPO. Potenza e coppia istantanee sono assicurate dallultima versione del motore elettrico sincrono sviluppato dal gruppo BMW. Il tutto consente unelevata potenza ed efficienza, oltre che vibrazioni minime. Chiaro, la Mini elettrica non emette rumore, per questo è dotata di serie di protezione acustica per i pedoni: un suono, infatti, viene generato tramite il sistema audio. La Mini Cooper SE adotta lavantreno MacPherson, il retrotreno multilink e lo sterzo elettromeccanico. Con un baricentro più basso di 30 mm rispetto a una Cooper S e la distribuzione ottimale delle masse, la Mini elettrica promette buone doti stradali. Per garantire divertimento senza perdite di trazione, la piccola a batteria dispone di un innovativo sistema Dsc (Dynamic stability control). Il limitatore dello slittamento posto vicino allattuatore fa sì che le operazioni di controllo siano calcolate allinterno del sistema di azionamento, rendendo tutto molto più rapido e progressivo. Tramite un interruttore il driver può selezionare quattro programmi di guida: Sport, Mid, Green e la nuova Green+. In queste ultime due modalità il sistema è orientato alla massima efficienza. In Green+, le funzioni confort come riscaldamento, aria condizionata e riscaldamento del sedile sono limitate o disattivate per incrementare lautonomia. GUIDA MONOPEDALE. Nel mondo BMW la i3 aveva già inaugurato la cosiddetta guida monopedale. E, in particolare nel traffico, la Mini Cooper SE decelera parecchio in rilascio. Come risultato, a bassa velocità si può rallentare molto senza far ricorso ai freni. La Mini Cooper SE è la prima elettrica del gruppo in cui il driver può influire sul livello di efficienza del recupero denergia: si può scegliere infatti tra un recupero corposo e uno di livello più basso, indipendentemente dalle modalità di guida. Così, la risposta alla decelerazione può essere adattata con precisione allo stile di guida, se dinamico o soft. La dotazione di serie prevede un quadro strumenti specifico, costituito da uno schermo a colori da 5,5 nel design Black Panel. Al centro di questo schermo, la velocità è visualizzata in cifre con una banda di scala periferica oltre che nellanello luminoso dello strumento centrale: in rosso (modalità Sport), bianca (Mid) o verde (Green e Green+). Durante la ricarica, il quadro strumenti digitale fornisce anche informazioni dedicate. Se lauto è collegata a una presa di corrente o alla stazione di ricarica, è possibile tener docchio anche lintervallo disponibile e la percentuale dello stato di carica. Viene inoltre visualizzata lora in cui la batteria sarà di nuovo piena. La Cooper SE può essere collegata a una presa domestica, alla Mini Wallbox o a una stazione di ricarica pubblica. Il cavo standard è disponibile per il collegamento alla presa normale, mentre la Mini Wallbox è in opzione per la ricarica domestica e con un cavo trifase per lutilizzo presso le stazioni pubbliche. Entrambe le opzioni consentono una ricarica all80% in due ore e mezza con una capacità massima di 11 kW e al 100% in tre ore e mezza. Lunità della Cooper SE è progettata per una capacità di carica massima di 50 kW, permettendo in questo caso di ripristinare l80% dellautonomia in soli 35 minuti. DOTAZIONI. Il clima automatico bizona è di serie. Per riscaldare labitacolo utilizza una pompa di calore molto efficiente, che sfrutta il 75% di energia in meno rispetto a un sistema di riscaldamento convenzionale, offrendo, al contempo, un elevato confort in inverno. Limpianto offre anche la possibilità di riscaldare o raffreddare labitacolo fino a una temperatura specificata prima di partire. Allo scopo si può utilizzare lapp Mini connected remote per impostare anche lorario di partenza previsto. La Cooper SE comprende inoltre un sistema di navigazione completo di servizi Mini connected, focalizzati sulla mobilità elettrica. La schermata eDrive, per esempio, fornisce informazioni sul flusso denergia e sullautonomia, offrendo soluzioni per aumentare il chilometraggio percorribile, disattivando alcune funzioni o aumentando il recupero. Sulla mappa, inoltre, è possibile visualizzare un cerchio che indica lautonomia della Cooper SE in base al livello di carica. Il Connected navigation standard include un touch screen da 6,5, che consente di utilizzare anche la piattaforma Mini online e la compatibilità Apple CarPlay. Connessione del telefono che, tra laltro, comporta in automatico laggiornamento delle mappe. I servizi remoti, poi, consentono di visualizzare lo stato di carica della batteria e lautonomia sullo smartphone, tramite lapp. disponibile, inoltre, la visualizzazione dei punti di ricarica siti nelle vicinanze dellauto. Lopzionale Connected Navigation Plus include invece uno schermo da 8,8 e la ricarica wireless. Elevatissima, come sempre, la possibilità di personalizzazione, grazie a quattro pacchetti, esterni e interni, e a numerosissime combinazioni possibili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/03/06/MINI_COOPER_S_E_AL_VOLANTE_DELL_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MINI.HTML 2019-09-09 15:52:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/09/nissan_saikawa_si_dimette_yamauchi_e_il_nuovo_ceo/gallery/2019-Nissan-3.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27084 Nissan - Saikawa si dimette: Yamauchi è il nuovo ceo ad interim http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27084&tipo=fv Hiroto SAIKAWA [1] ha rassegnato le dimissioni dallincarico di amministratore delegato della NISSAN [2]. La notizia, anticipata durante il fine settimana da numerose indiscrezioni della stampa, non solo giapponese, è arrivata al termine di un consiglio di amministrazione che si sarebbe dovuto occupare dellindagine interna sulle politiche di remunerazione, avviata dopo larresto di Carlos Ghosn. I consiglieri, però, sono stati costretti a esaminare anche lultimo scandalo che ha colpito la Casa di Yokohama, ovvero i COMPENSI INDEBITI [3] percepiti da numerosi manager in violazione delle procedure interne e delle normative giapponesi. Tra questi cè, per lappunto, Saikawa. YAMAUCHI AD INTERIM. Il manager, da tempo in bilico e oggetto di critiche per il ruolo nella vicenda Ghosn, il crollo dei profitti e i rapporti tesi con lazionista Renault, sarà sostituito ad interim da Yasuhiro Yamauchi, lattuale direttore operativo. Il passaggio di testimone sarà rapido: il 16 settembre Saikawa lascerà tutte le deleghe nelle mani del successore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/08/NISSAN_IL_CDA_VALUTERA_LA_POSIZIONE_DI_SAIKAWA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/05/NISSAN_COMPENSI_INDEBITI_PER_IL_CEO_SAIKAWA.HTM 2019-09-09 14:52:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/09/ionity_anche_la_hyundai_entra_nella_rete_per_l_elettrico/gallery/2019-hyundai-entra-in-ionity-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27083 Ionity - Anche la Hyundai entra nella rete per lelettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27083&tipo=fv La HYUNDAI [1] è entrata a far parte della rete IONITY [2] per la ricarica delle batterie delle vetture elettrificate. La società è nata per offrire un sistema capillare a livello europeo e ne fanno già parte il Gruppo Volkswagen, il BMW Group, la Daimler e la Ford. Il consorzio vanta anche la collaborazione della Shell. ENERGIA PULITA IN EUROPA. La strategia prevede linstallazione di 2.400 punti ricarica con potenza da 50 a 350 kW sul territorio dellUnione e sono previsti ulteriori accordi e progetti di ampliamento nel futuro prossimo, come quello recentemente siglato IN ITALIA CON ENI [3]. Al momento sono attive 140 stazioni in 14 nazioni, con 50 stazioni già in costruzione, tutte alimentate da energia 100% rinnovabile. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2018/02/07/COLONNINE_DI_RICARICA_LA_MAPPA_DELLA_RETE_IONITY.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2018/10/25/ENI_E_IONITY_COLONNINE_DI_RICARICA_NELLE_STAZIONI_DI_SERVIZIO_.HTML 2019-09-09 14:25:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/08/29/land_rover_il_primo_teaser_della_nuova_defender/gallery/2019-land-rover-defender-teaser-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27082 Land Rover Defender - Lultimo teaser prima del debutto - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27082&tipo=fv La LAND ROVER [1] ha diffuso una nuova immagine ufficiale e un breve filamto della NUOVA DEFENDER [2] che verrà presentata il 10 settembre al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. Dovrebbe trattarsi dellultimo teaser prima del reveal di domattina. Nei giorni scorsi la Casa aveva mostrato anche un dettaglio del frontale delliconica fuoristrada, caratterizzato, sotto la linea del cofano, da una griglia piuttosto minimalista nella quale è incastonata lo scudetto della Casa: una soluzione stilistica in parte già anticipata dalle foto dei PROTOTIPI CAMUFFATI IMPEGNATI NEI COLLAUDI [4]. La Defender manterrà poi la scritta sul cofano, che ora ha un lettering più moderno. I visitatori del Salone potranno vederla allo stand C.22 del padiglione 11 della Fiera. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAND-ROVER [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/02/LAND_ROVER_DEFENDER_COLLAUDI_NEL_DESERTO_CON_LA_CROCE_ROSSA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/07/02/LAND_ROVER_DEFENDER_2020_DIMENSIONI_INTERNI_PRESENTAZIONE.HTML 2019-09-09 12:12:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/09/esperienze_vivere_il_dietro_le_scena_della_formula_uno_con_f1_experiences/gallery/2019-F1_Experiences.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27081 F1 Experiences - Dietro le quinte del Circus http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27081&tipo=fv Da una FORMULA UNO [1] per pochi a un Circus sempre più aperto a tutti: sul web ma anche in pista, grazie alla nascita di F1 EXPERIENCES. "Siamo nati nel 2017, dopo che una proposta simile era stata rifiutata dalla precedente proprietà. Liberty Media ha voluto cambiare tutto per vivere i GP anche dietro le quinte", commenta a Monza il direttore delle operazioni di F1 Experiences JAMES OBRIEN, con unesperienza di 14 anni nella massima espressione del motorsport. ESCLUSIVA KKM GROUP. F1 Experiences è rappresentato in esclusiva per lItalia e la Svizzera da KKM GROUP: questultimo, proprio per la Formula Uno, collabora con ALLSPORT MANAGEMENT, società specializzata nel segmento hospitality in abbinamento a manifestazioni sportive e musicali, guidata da Roberto Bianchi. AllAutodromo di Monza, proprio KKM Group ha portato oltre mille ospiti: "Le nostre proposte sono unoccasione per le aziende che vogliono organizzare incentive o team building innovativi. Oppure, i singoli partecipanti che vogliono vivere unesperienza da ricordare", spiega Andrea Cani, presidente di KKM Group. Oltre alle esperienze legate alla Formula Uno, lazienda propone pacchetti durante altri eventi sportivi, dalla vela al calcio, dal tennis al golf, ma anche per attività come volo in pattuglia acrobatica, avventure in off road (organizzate in partnership con DESARTICA), il Super Bowl o il Palio di Siena. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA_UNO 2019-09-09 11:43:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/mercedes_gle_350_de_4matic_la_suv_e_anche_ibrida_diesel_plug_in/gallery/2019-mercedes-gle-350de-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27080 Mercedes GLE - La Suv è anche ibrida diesel http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27080&tipo=fv Prosegue lelettrificazione della gamma della nuova MERCEDES-BENZ GLE [1]. Lultima aggiunta ai listini è rappresentata da un un modello plug-in hybrid a gasolio, la GLE 350 de 4Matic, che debutta in anteprima mondiale al SALONE DI FRANCOFORTE [2]. PLUG-IN HYBRID A GASOLIO PER LA GLE. La Mercedes-Benz crede molto nella possibilità di abbinare lelettrico al benzina o al diesel in base al tipo di veicolo e al target di cliente e lo dimostra con la GLE, che dopo la GLE 580 MILD HYBRID [3] e la sportiva AMG 53 CON EQ BOOST [4] viene declinata nella variante 350 de a gasolio. Qui troviamo un powertrain formato dal 2.0 quattrro cilindri da 194 CV e 400 Nm e dal motore elettrico da 136 CV e 440 Nm integrato nel cambio 9G-Tronic. 99 KM IN ELETTRICO FINO A 160 KM/H. La potenza totale è di 320 CV e 700 Nm e le batterie da 31,2 kWh consentono di percorrere fino a 99 km in modalità elettrica nel ciclo wltp (106 in quell Nedc). Il consumo medio è di 1,1 l/100 km e 29 g/km di CO2, mentre a livello prestazionale la suv è capace di raggiungere i 210 km/h e di toccare i 100 km/h da fermo in 6,8 secondi. Ci sono però altri due dati interessanti per i clienti: la capacità di traino è pari a 3.500 kg, mentre in modalità elettrica è possibile raggiungere i 160 km/h. Con i sistemi più rapidi a disposizione le batterie possono essere ricaricate fino all80% in circa 20 minuti, inoltre il recupero denergia in frenata può generare fino a 1.800 Nm sulle quattro ruote. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2018/11/20/MERCEDES_BENZ_GLE_AL_VOLANTE_DELLA_450_4MATIC.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/23/MERCEDES_BENZ_GLE_580_IBRIDA_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/27/MERCEDES_AMG_GLE_53_MOTORE_FOTO_PRESTAZIONI_.HTML 2019-09-09 11:13:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/mercedes_glc_300_e_4matic_la_suv_diventa_ibrida_plug_in/gallery/2019-mercedes-glc-ibrida-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27079 Mercedes GLC 300 e - Una nuova variante ibrida per la Suv della Stella http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27079&tipo=fv La gamma della MERCEDES GLC [1], appena aggiornata con un restyling, si arricchisce al SALONE DI FRANCOFORTE [2] di una nuova versione elettrificata. Si tratta della Mercedes-Benz GLC 300 e 4Matic, con powertrain plug-in hybrid a benzina. 320 CV, 700 NM E FINO A 43 KM IN ELETTRICO. Al propulsore 2.0 turbo da 211 CV e 350 Nm è abbinato un motore elettrico da 122 CV e 440 Nm integrato nel cambio 9G-Tronic, per una potenza totale di sistema di 320 CV e 700 Nm. Con batterie da 13,5 kWh, la GLC ibrida è capace di percorrere fino a 43 km in modalità elettrica (ciclo Wltp) con una velocità massima di oltre 130 km/h. Sfruttando tutta la potenza ed entrambi i motori a disposizione è possibile invece toccare i 230 km/h e i 100 km/h da fermo in 5,7 secondi. Il consumo medio varia infine da 2,2 a 2,5 l/100 km e 51-57 g/km in base allallestimento ed è garantita una capacità di traino di 2.000 kg. SPAZIO E ACCESSORI. Nonostante la presenza degli accumulatori, la GLC riesce a mantenere una capacità di carico interna sufficiente alle esigenze, con un nagagliaio variabile da 395 a 1.445 litri in base alla posizione dei sedili. Le dotazioni sono comuni alle altre GLC aggiornate, con lintroduzione di accessori come i fari Led frontali (Multibeam opzionali) e del sistema di infotainment MBUX di ultima generazione con funzioni specifiche per le versioni elettrificate. CON LA WALLBOX BASTANO 90 MINUTI. Lultima generazione della piattaforma elettrificata include anche lintegrazione a bordo del caricabatterie da 7,4 kW. Questo permette, in combinazione con una Wallbox, di ricaricare completamente le batterie in circa 1,5 ore. Tempo che sale a cinque ore sfruttando una normale presa casalinga. I clienti possono inoltre contare sulla rete di ricarica accessibile tramite il servizio Mercedes Me Charge. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/27/MERCEDES_BENZ_GLC_E_TEMPO_DI_RESTYLING_PER_LA_SUV.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML 2019-09-09 10:38:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/ferrari_812_gts_motore_prestazioni_uscita/gallery/2019-Ferrari-812-GTS-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27078 Ferrari 812 GTS - La V12 diventa en plein air - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27078&tipo=fv Si chiama FERRARI 812 GTS ed è la versione con tetto apribile della 812 SUPERFAST [1]. ben più di una semplice derivazione, perché segna il ritorno del Cavallino in un segmento dove per moltissimo tempo erano state proposte soltanto one-off o serie super limitate. Lultima V12 Spider realmente prodotta in serie, infatti, è stata la 365 GTS Del 1969. 800 CV E 75 KG EXTRA. Lemozione di guidare una dodici cilindri a cielo aperto diventa ancora più grande pensando al 6.5 litri aspirato da 800 CV e 718 Nm, capace di toccare gli 8.900 giri e di portare la 812 GTS fino a 340 km/h, con un tempo di 8,3 secondi per toccare i 200 km/h da fermo. L80% della coppia massima è già disponibile a 3.500 giri, mentre la potenza massima è espressa a 8.500 giri. Laumento di peso è contenuto in 75 kg rispetto alla Superfast (1.600 kg a secco con componenti opzionali) ed è stato bilanciato lavorando sulla calibrazione degli ammortizzatori magnetoreologici. TETTO METALLICO RIPIEGABILE. Per questo progetto la Ferrari ha scelto la formula del tetto rigido ripiegabile, che impiega 14 secondi a effettuare lintero movimento e può essere azionato fino a 45 km/h. La sua posizione non modifica lo spazio a bordo e il lunotto può essere azionato separatamente, come sulle otto cilindri, indipendentemente dalla posizione dellhard top. Il design, identico nel frontale alla Superfast, cambia radicalmente nella coda, che è stata rimodellata in funzione del tetto. Anche i cerchi di lega forgiati da 20" sono specifici della GTS e sono proposti con finitura Diamond, Liquid Silver o Grigio Scuro. GLI AFFINAMENTI ALLAERODINAMICA. Laspetto della vettura aperta ricorda la formula tipo Targa e i montanti scendono sinuosamente verso i gruppi ottici, terminando con un profilo aerodinamico integrato. Per effetto delle modifiche è stata eliminata la presa daria sui montanti posteriori ed è stato ridisegnato il diffusore, ora dotato di tre elementi verticali. Tutto questo ha permesso di mantenere intatte le qualità aerodinamche, offrendo allo stesso tempo il necessario confort ai passeggeri viaggiando con il tetto aperto. Per questo sono presenti dei deflettori a L sugli angoli del parabrezza, soluzione già introdotta sulla LaFerrari Aperta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TEMPO_SUL_GIRO/2018/01/03/FERRARI_IL_GIRO_DI_PISTA_DELLA_812_SUPERFAST_VIDEO.HTML 2019-09-09 10:38:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/ferrari_812_gts_motore_prestazioni_uscita/gallery/2019-Ferrari-812-GTS-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27077 Ferrari 812 GTS - La V12 diventa en plein air http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27077&tipo=fv Si chiama FERRARI 812 GTS ed è la versione con tetto apribile della 812 SUPERFAST [1]. ben più di una semplice derivazione, perché segna il ritorno del Cavallino in un segmento dove per moltissimo tempo erano state proposte soltanto one-off o serie super limitate. Lultima V12 Spider realmente prodotta in serie, infatti, è stata la 365 GTS Del 1969. 800 CV E 75 KG EXTRA. Lemozione di guidare una dodici cilindri a cielo aperto diventa ancora più grande pensando al 6.5 litri aspirato da 800 CV e 718 Nm, capace di toccare gli 8.900 giri e di portare la 812 GTS fino a 340 km/h, con un tempo di 8,3 secondi per toccare i 200 km/h da fermo. L80% della coppia massima è già disponibile a 3.500 giri, mentre la potenza massima è espressa a 8.500 giri. Laumento di peso è contenuto in 75 kg rispetto alla Superfast (1.600 kg a secco con componenti opzionali) ed è stato bilanciato lavorando sulla calibrazione degli ammortizzatori magnetoreologici. TETTO METALLICO RIPIEGABILE. Per questo progetto la Ferrari ha scelto la formula del tetto rigido ripiegabile, che impiega 14 secondi a effettuare lintero movimento e può essere azionato fino a 45 km/h. La sua posizione non modifica lo spazio a bordo e il lunotto può essere azionato separatamente, come sulle otto cilindri, indipendentemente dalla posizione dellhard top. Il design, identico nel frontale alla Superfast, cambia radicalmente nella coda, che è stata rimodellata in funzione del tetto. Anche i cerchi di lega forgiati da 20" sono specifici della GTS e sono proposti con finitura Diamond, Liquid Silver o Grigio Scuro. GLI AFFINAMENTI ALLAERODINAMICA. Laspetto della vettura aperta ricorda la formula tipo Targa e i montanti scendono sinuosamente verso i gruppi ottici, terminando con un profilo aerodinamico integrato. Per effetto delle modifiche è stata eliminata la presa daria sui montanti posteriori ed è stato ridisegnato il diffusore, ora dotato di tre elementi verticali. Tutto questo ha permesso di mantenere intatte le qualità aerodinamche, offrendo allo stesso tempo il necessario confort ai passeggeri viaggiando con il tetto aperto. Per questo sono presenti dei deflettori a L sugli angoli del parabrezza, soluzione già introdotta sulla LaFerrari Aperta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TEMPO_SUL_GIRO/2018/01/03/FERRARI_IL_GIRO_DI_PISTA_DELLA_812_SUPERFAST_VIDEO.HTML 2019-09-09 10:07:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/09/renault_normand_stiamo_sviluppando_una_piattaforma_dedicata_ai_modelli_elettrici_/gallery/2019-zoe.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27076 Renault - Normand: "Stiamo sviluppando una piattaforma dedicata ai modelli elettrici" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27076&tipo=fv Lelettrico non è più uno scherzo. Lo dimostrano tanti dati, in arrivo con crescente frequenza da tutti gli angoli del mondo. "Lanno scorso, spiega GILLES NORMAND, RESPONSABILE DEI PROGRAMMI ELETTRICI DELLA RENAULT, "sono stati venduti due milioni di veicoli a zero emissioni in tutto il mondo. E in un mercato globale che ha segnato un -6%, il +74% delle Ev risalta ancora di più". Il dirigente francese, intervenuto in Italia per presentare la NUOVA ZOE [1] alla rete di vendita, vede un trend ormai consolidato: "Oggi le vendite di auto elettriche rappresentano il 2,4% dellimmatricolato globale, ma secondo noi nel 2022 saranno già al 5%, grazie alla crescita in Cina, dove quella quota è stata già superata, e in Europa, dove siamo ancora intorno al 2%. Ma in un mercato, come quello del nostro continente, in flessione del 2%, le Ev crescono dell84%. Stesso discorso per lItalia: simile il calo del mercato nazionale, analoga la crescita dellelettrico (+100%), per quanto qui le auto a batteria rappresentino solo lo 0,5% del mercato". In questa che è ancora una nicchia, la Renault fa la parte del leone, con il 28% delle vendite di Ev nello stivale, proprio grazie alla Zoe, che è lelettrica più venduta in Italia. Un modello già strategico, nel suo piccolo, e che proprio in virtù del recente aggiornamento (che ha portato una nuova da batteria da 52 kWh, per unautonomia dichiarata di 395 km nel ciclo Wltp) potrebbe diventare ancor più rilevante. Ma cè, inevitabilmente, dellaltro. Molti vostri concorrenti hanno intere gamme elettriche in rampa di lancio. Voi state lavorando per affiancare nuovi modelli alla Zoe? Quando lAlleanza ha lanciato la Nissan Leaf nel 2009, aveva investito cinque miliardi di dollari. Allepoca, ci dicevano che era assurdo, ma oggi lindustria sta investendo oltre 300 miliardi di dollari sullelettrico nel periodo 2018-2023. E lofferta passerà da circa 70 a oltre 300 modelli. Noi dovremo rapportarci a questo nuovo contesto competitivo lavorando su due livelli: il costo e lofferta. Per quanto riguarda la prossima generazione di veicoli elettrici, lAlleanza sta sviluppando una piattaforma dedicata, si rivolgerà a un unico fornitore per le batterie e unificherà anche i motori elettrici per tutti i modelli, con una nuova unità che stiamo sviluppando internamente. Contestualmente, il calo del costo delle batterie ci permetterà di ampliare la nostra offerta: da un lato, soddisferemo i clienti che ci chiedono un prezzo più basso a parità di autonomia, dallaltro quelli che a parità di prezzo vogliono percorrere più chilometri. Le Renault elettriche rimarranno dei modelli ad hoc come la Zoe o saranno delle varianti derivate da vetture tradizionali? La gamma futura comprenderà anche modelli più grandi della Zoe, dal segmento B-Suv in su, e modelli più piccoli. Per quanto riguarda i primi, li realizzeremo su una piattaforma elettrica dedicata, che ci consentirà di soddisfare al meglio la domanda di spazio e abitabilità dei clienti dei segmenti superiori, grazie al passo lungo, al pavimento piatto e alla predisposizione per gli Adas di livello superiore. Per quanto riguarda i segmenti inferiori, lesigenza principale dei clienti è quella di non intaccare le volumetrie attuali, ma soprattutto di non incrementare eccessivamente i prezzi. Per questo, non cambieremo sostanzialmente le attuali piattaforme, perché il costo è estremamente importante. Siamo anche in grado di rendere le nostre architetture multienergia, con meno autonomia, ma anche meno care. Sarà il cliente a scegliere. Dunque la piattaforma Cmf è già pronta per lelettrico? Se avremo bisogno di elettrificare la Cmf per esigenze specifiche di determinati mercati, saremo pronti. Lo abbiamo dimostrato con la City K-ZE per la Cina, che nasce sul nostro pianale Cmf-A. QUANDO ARRIVERà IL PRIMO MODELLO SULLA PIATTAFORMA DEDICATA? La futura piattaforma, che si chiamerà Cmf-Ev, darà vita ai primi modelli nel 2021. Batterie allo stato solido: secondo lei sono unalternativa credibile agli ioni di litio? Crediamo a tal punto allo stato solido da aver rilevato una quota di unazienda americana, la Ioniq Material, che sta sviluppando una tecnologia allo stato solido su base polimerica. Cè ancora molto lavoro da fare, ma due o tre anni fa gli ingegneri ci dicevano che questi accumulatori non sarebbero arrivati prima del 2030. Oggi affermano che saranno pronti per la serie nel 2025. Ma cosa spingerà la diffusione dellauto elettrica? Le normative anti-emissione o leffettivo interesse del pubblico? Quando sono stati fissati i 95 g/km, abbiamo capito che il cambio di passo doveva essere molto drastico. E se consideriamo che tra il 2024 e il 2025 lUe ci chiederà un ulteriore taglio del 37%, ritengo che non basterà lottimizzazione del motore termico, né la tecnologia ibrida né quella ibrida plug-in. Daltra parte, per noi lelettrico rappresenta un pilastro vero in termini di crescita e redditività. Nel 2022, le Ev erano il 10% delle nostre immatricolazioni europee e il 13-14 del fatturato della regione, raggiungendo lo stesso livello di margine operativo dei modelli tradizionali, dunque il 7%. Per quanto riguarda gli aspetti ambientali, lindustria dei trasporti contribuisce in maniera significativa al riscaldamento globale, dunque deve ridurre le proprie emissioni. Anche perché è diventata una preoccupazione dei clienti, specialmente di quelli più giovani: secondo i nostri studi, il 45% di loro è interessato a comprare una vettura elettrica. E noi intendiamo soddisfare questa domanda. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/17/RENAULT_ZOE_PREZZO_AUTONOMIA_DIMENSIONI_RESTYLING.HTML 2019-09-09 09:30:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/09/ferrari_f8_spider_foto_interni_scheda_tecnica_prestazioni/gallery/2019-ferrari-f8-spider-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27075 Ferrari - La F8 Spider affianca la Tributo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27075&tipo=fv La FERRARI [1] F8 Spider si affianca alla TRIBUTO [2] nella rinnovata gamma delle V8 a motore centrale della Casa di Maranello. La declinazione a tetto aperto era scontata trattandosi di una evoluzione della 488: la formula del tetto ripiegabile tra abitacolo e motore rimane infatti la stessa. IL TETTO DERIVA DALLA 488 SPIDER. Il design riprende i temi lanciati dalla F8 Tributo, ripensata sotto moltissimi punti di vista rispetto alla 488 per offrire una maggiore efficienza aerodinamica (+10%) migliorando anche i flussi di raffreddamento. Elementi come i doppi fari tondi posteriori e lS Duct, ereditato dalla 488 PISTA [3], insieme ai gruppi ottici anteriori rivisti danno una nuova immagine alla biposto. Il tetto metallico può essere aperto o chiuso fino a 45 km/h, mentre la zona retrostante labitacolo è totalmente diversa dalla Tributo: al posto del lunotto in lexan ispirato alla F40 troviamo qui un vano chiuso molto simile a quello della 488 Spider, che termina nello spoiler soffiato in coda e che è affiancato da nuovi elementi neri allungati, dotati di tre feritoie per lato. Gli interni derivano integralmente dalla coupé, con la quale condividono le principali novità: volante e sedili ridisegnati, alluminio e carbonio per la finitura dei principali elementi e la possibilità di installare il display da sette pollici per il passeggero. 720 CV E 340 KM/H. Come la Tributo, anche la Spider discende meccanicamente dalla 488 Pista e Pista Spider. Ritroviamo infatti il pluripremiato V8 3.9 da 720 CV e 770 Nm, a sua volta derivato dallesperienza con la 488 Challenge e ora completo di filtri Gpf. La Ferrari F8 Spider è così capace di toccare i 100 km/h da fermo in 2,9 secondi e i 200 km/h in 8,2 secondi, mentre la velocità massima è pari a 340 km/h. 20 KG IN MENO E TANTA ELETTRONICA PER DIVERTIRSI. La volontà del progetto è quella di offrire una guida meno estrema e altrettanto efficace rispetto alla Pista, lavorando sulle regolazioni del telaio e dellelettronica. I tecnici di Maranello sono riusciti a ridurre il peso di 20 kg rispetto alla 488 Spider (18 dei quali dal solo motore) e hanno introdotto la versione 6.1 del Side Slip Angle Control per offrire una ancora maggiore maneggevolezza e confidenza nella vettura. La guida al limite è favorita anche dalla presenza del Ferrari Dynamic Enhancer Plus (FDE+) nella posizione Race del manettino, che si trova integrato nel nuovo volante multifunzione ed è già stato proposto sulla 488 Pista. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FERRARI [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/09/04/FERRARI_AL_VOLANTE_DELLA_F8_TRIBUTO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TEMPO_SUL_GIRO/2019/07/12/FERRARI_IL_GIRO_A_VAIRANO_DELLA_488_PISTA_VIDEO.HTML 2019-09-09 00:28:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/08/f_1_gp_d_italia_risultati_gara/gallery/2019-ferrari-leclerc.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27074 F.1, Gp dItalia - La Ferrari trionfa a Monza: vittoria di Leclerc http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27074&tipo=fv CHARLES LECLERC HA VINTO IL GRAN PREMIO DITALIA A MONZA, mandando in delirio le tribune del circuito brianzolo: la Ferrari torna a vincere in Italia dopo un lungo digiuno durato nove anni. Il monegasco ha fatto un vero e proprio capolavoro, difendendosi con il coltello tra i denti sia dagli attacchi di Lewis Hamilton che ha dovuto poi cedere la posizione al compagno di squadra, dopo un errore alla prima curva sia alla pressione che Valtteri Bottas gli ha inflitto sul finale a suon di giri veloci. Alla fine ce lha fatta, tagliando per primo il traguardo davanti a Bottas e Hamilton. VETTEL DISASTROSO. Il tedesco ha gettato ogni sua possibilità nel GP dItalia con un testacoda autonomo alla variante Ascari. Dopo essersi girato a 360, Sebastian è rientrato pericolosamente in traiettoria, urtando la Racing Point di Lance Stroll. Una manovra che - oltre allala anteriore danneggiata - gli è costata anche uno stop and go di 10 secondi. Il ferrarista ha concluso la gara fuori dalla zona punti, in una domenica da dimenticare per lui. DUE CONTRO UNO. La Mercedes le ha provate davvero tutte per raggiungere la Ferrari di Leclerc e non è servito a nulla. "Ho commesso un paio di errori", ha ammesso il monegasco. "Devo stare attento per le prossime volte. Questa è stata una gara difficilissima e la volevo per me, per il team, per i tifosi. Vincere qui è dieci volte più emozionante che farlo per la prima volte. Grazie a tutti, non ho parole". Mattia Binotto, team principal della Ferrari, si è anche commosso sotto il podio durante linno italiano. Ai microfoni di Sky, ha detto: "Charles ha fatto davvero un grande lavoro, sta crescendo e stiamo investendo su di lui e lui su di noi. Speriamo di poter creare qualcosa di unico. Oggi montare le gomme bianche è stata la scelta più giusta: sapevamo di dover lottare con i denti e Charles è stato bravisimo. Sicuramente è stato emozionante e qualche lacrima è scesa, perché non si vinceva a Monza da troppo tempo". GRANDI SORRISI IN RENAULT. Seppur i primi tre abbiano monopolizzato lattenzione del pubblico sugli spalti e della regia televisiva, cè da sottolineare la grande gara delle due Renault, con Ricciardo e Hulkenberg autori rispettivamente do un quarto e quinto posto. Un risultato che permette alla squadra francese di tirare un bel sospiro di sollievo e riconquista la quinta posizione in classifica costruttori. LA TOP TEN. La Red Bull è riuscita a portarsi a casa un sesto e un ottavo posto con Albon e Verstappen, questultimo autore di una rimonta dal fondo, complicato da un incidente alla prima variante che lha costretto subito a cambiare lala anteriore e perdere ulteriore tempo. Tra i due si è piazzato Sergio Perez, con lunica Racing Point in zona punti oggi. Nona posizione per Antonio Giovinazzi con lAlfa Romeo: per il pilota pugliese sono i primi punti conquistati in patria, a coronamento di un ottimo weekend. Lando Norris si porta a casa, invece, lultimo punto assegnato al decimo posto. _In aggiornamento_ 2019-09-08 17:02:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/08/f_1_gp_d_italia_risultati_gara/gallery/2019-ferrari-leclerc.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27073 F.1, Gp dItalia - La Ferrari espugna Monza: vittoria di Leclerc http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27073&tipo=fv CHARLES LECLERC HA VINTO IL GRAN PREMIO DITALIA A MONZA, mandando in delirio le tribune del circuito brianzolo: la Ferrari torna a vincere in Italia dopo un lungo digiuno durato nove anni. Il monegasco ha fatto un vero e proprio capolavoro, difendendosi con il coltello tra i denti sia dagli attacchi di Lewis Hamilton che ha dovuto poi cedere la posizione al compagno di squadra, dopo un errore alla prima curva sia alla pressione che Valtteri Bottas gli ha inflitto sul finale a suon di giri veloci. Alla fine ce lha fatta, tagliando per primo il traguardo davanti a Bottas e Hamilton. VETTEL DISASTROSO. Il tedesco ha gettato ogni sua possibilità nel GP dItalia con un testacoda autonomo alla variante Ascari. Dopo essersi girato a 360, Sebastian è rientrato pericolosamente in traiettoria, urtando la Racing Point di Lance Stroll. Una manovra che - oltre allala anteriore danneggiata - gli è costata anche uno stop and go di 10 secondi. Il ferrarista ha concluso la gara fuori dalla zona punti, in una domenica da dimenticare per lui. DUE CONTRO UNO. La Mercedes le ha provate davvero tutte per raggiungere la Ferrari di Leclerc e non è servito a nulla. "Ho commesso un paio di errori", ha ammesso il monegasco. "Devo stare attento per le prossime volte. Questa è stata una gara difficilissima e la volevo per me, per il team, per i tifosi. Vincere qui è dieci volte più emozionante che farlo per la prima volte. Grazie a tutti, non ho parole". _In aggiornamento_ 2019-09-08 16:49:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/08/nissan_il_cda_valutera_la_posizione_di_saikawa/gallery/2019-saikawa-cda-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27072 Nissan - Il Cda valuterà la posizione di Saikawa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27072&tipo=fv Il consiglio di amministrazione della NISSAN [1] dovrebbe riunirsi domani per valutare la posizione dellamministratore delegato Hiroto Saikawa alla luce dellINCHIESTA INTERNA SULLE REMUNERAZIONI ECCESSIVE PERCEPITE NEGLI ULTIMI ANNI [2]. Diversi organi di stampa internazionali danno quasi per certo lincontro ma non sono concordi sul suo esito: se per la Reuters è esclusa la richiesta di dimissioni, il Financial Times parla invece dellintenzione dei consiglieri di avviare la ricerca di un sostituto per il manager giapponese. CI SAREBBE GIà UN ELENCO DI CANDIDATI. Secondo la testata britannica, che negli ultimi mesi ha più volte lanciato indiscrezioni poi rivelatesi veritiere sulla Casa nipponica e sulla Renault, il consiglio avrebbe già avviato il processo di selezione per un nuovo amministratore delegato arrivando, perfino, a redigere un primo elenco di candidati. Domani i consiglieri dovrebbero, in particolare, fissare un calendario formale per portare avanti tutte le procedure che dovrebbero portare alla sostituzione di Saikawa. Inoltre al comitato nomine sarebbe stato già assegnato il compito specifico di preparare un piano per la successione e diversi candidati, principalmente giapponesi, sarebbero stati già contattati per un ruolo che rischia di essere tra i più difficili da ricoprire allinterno del settore automobilistico alla luce delle vicende giudiziarie legate ALLARRESTO DI CARLOS GHOSN [3], della deficitaria situazione finanziaria, culminata con il varo di un PIANO DI RISTRUTTURAZIONE CON MIGLIAIA DI LICENZIAMENTI [4], e dei rapporti non idilliaci con la controllante Renault. PRESSIONI IN AUMENTO. Nella vicenda il condizionale è comunque dobbligo visto che venerdì scorso, il giorno dopo la conferenza stampa in cui il manager giapponese ha ammesso di aver percepito compensi eccessivi e in violazione delle procedure interne, la Reuters ha lanciato ulteriori indiscrezioni sulla presunta volontà della la Casa di Yokohama di non spodestare lex delfino di Ghosn per lassenza di profili di illegalità e di limitarsi solo ad azioni disciplinari. Al di là del tourbillon di indiscrezioni e voci degli ultimi giorni, non va trascurato come la posizione di Saikawa sia in bilico da ormai diversi mesi. Il dirigente giapponese è stato accusato di aver guidato quella fronda interna contro Ghosn che ha portato prima allindagine sulle remunerazioni e quindi alla denuncia alle autorità giapponesi con il conseguente arresto. Inoltre Saikawa deve affrontare da mesi le critiche degli investitori per il crollo dei profitti della Nissan e per landamento negativo delle azioni in Borsa (durante il suo mandato il titolo ha perso il 36%) nonché le pressioni continue degli azionisti, a partire dalla Renault, per la posizione tenuta nella questione della riforma dellAlleanza Renault-Nissan e nella vicenda della FUSIONE TRA I FRANCESI E IL GRUPPO FIAT CHRYSLER [5]. I RAPPORTI TESI CON I FRANCESI. A tal proposito sono in molti a ritenere che lattuale amministratore delegato della Casa nipponica rappresenti uno degli ostacoli di maggior rilievo nellintricata vicenda dei rapporti sempre più tesi e difficili con i francesi, a partire dal suo omologo Thierry Bollorè. La sua uscita di scena potrebbe agevolare la revisione della struttura dellAlleanza e una cooperazione più stretta tra giapponesi e francesi e, sulla carta, riaprire le porte a nuovi colloqui tra la la Renault e la Fiat Chrysler. In tale contesto non va neanche dimenticato come SAIKAWA ABBIA INDICATO NEI PRIMI MESI DELLANNO LA POSSIBILITà DI DIMETTERSI [6] per poi tornare sui suoi passi e chiedere un nuovo mandato successivamente confermato dallassemblea degli azionisti solo dopo un difficile accordo raggiunto con i francesi SULLA RIFORMA DELLA GOVERNANCE [7] e nonostante le indicazioni contrarie di diversi soci. Alcune società attive nella consulenza per grandi investitori hanno, infatti, raccomandato ai propri clienti di non votare per la conferma di Saikawa perché, avendo ricoperto il ruolo di amministratore delegato sotto la presidenza di Ghosn, era difficile considerarlo del tutto estraneo alla vicenda dei presunti illeciti dellex plenipotenziario dellAlleanza. A tal proposito, domani il consiglio di amministrazione della Nissan dovrebbe esaminare i risultati dellindagine durata oltre dieci mesi sui compensi erogati non solo a Ghosn ma anche ad altri manager, tra cui lo stesso Saikawa. Linchiesta interna avrebbe scoperto un sistema pervasivo di remunerazioni e incentivi in palese violazione delle normative e delle procedure interne. Lesito dellinchiesta sarebbe stato già inviato anche ai pubblici ministeri giapponesi nel quadro del processo a Ghosn che dovrebbe iniziare allinizio del prossimo anno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/05/NISSAN_COMPENSI_INDEBITI_PER_IL_CEO_SAIKAWA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/11/19/ALLEANZA_RENAULT_NISSAN_MITSUBISHI_ACCUSE_DI_EVASIONE_FISCALE_FINISCE_L_ERA_GHOSN.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/07/25/NISSAN_IN_PROGRAMMA_IL_TAGLIO_DI_12_500_POSTI_ENTRO_IL_2023.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/06/FCA_RENAULT_SALTA_LA_FUSIONE_NON_CI_SONO_LE_CONDIZIONI_POLITICHE.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/01/25/NISSAN_IL_CEO_SAIKAWA_ANNUNCIA_LE_DIMISSIONI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/21/ALLEANZA_RENAULT_NISSAN_C_E_L_ACCORDO_SULLE_NOMINE_DENTRO_SENARD_E_BOLLORE.HTML 2019-09-08 13:06:53 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/08/lancia_delta_la_leggenda_italiana_compie_40_anni_foto_gallery/gallery/2019-Lancia-Delta-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27071 Lancia Delta - La leggenda italiana compie 40 anni FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27071&tipo=fv Se ci fosse una classifica delle auto che gli italiani rimpiangono, la LANCIA DELTA [1] occuperebbe una delle prime posizioni, se non il gradino più alto del podio. E con la produzione del brand ormai legata alla sola YPSILON [2], CHE NON SMETTE DI STUPIRE [3], sono in tanti a chiederne a gran un ritorno sul mercato. LA PRIMA GENERAZIONE. Magari una riedizione moderna delliconico modello presentato quarantanni fa al SALONE DI FRANCOFORTE [4] del 1979 e disegnato da Giorgetto Giugiaro, capace di stupire per la sua raffinatezza è una Lancia, a va sans dire ma anche per i risultati sportivi: ben sei sono i titoli Costruttori conquistati dal 1987 al 1992 al mondiale Rally, ai quali si affiancano i quattro titoli Piloti, ottenuti da Miki Biasion (1988 e 1989), che ha portato in pista per noi LESTREMA DELTA FUTURISTA [5], e da Juha Kankkunen (1987 e 1991). Cè persino chi ne ha immaginato UN POSSIBILE ASPETTO [6], raccogliendo sul web commenti entusiasti. ADDIO ALLO SPORT. Le successive generazioni, quelle del 1993 e del 2008, non hanno riscosso lo stesso successo della prima serie, ma si sono distinte dalla concorrenza per confort ed eleganza, mantenendo intatto il pedigree del marchio. Meno per le velleità agonistiche, di fatto abbandonate dal brand a partire dal 1993 per lasciar spazio allAlfa Romeo nel motorsport. Ne parliamo anche nella nostra galleria di immagini, dove ripercorriamo i primi quarantanni della mitica Delta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LANCIA-DELTA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LANCIA-YPSILON [3] https://blog.quattroruote.it/viamazzocchi/pazzesca-ypsilon-non-smette-mai-di-stupire-ma-come-possibile/ [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [5] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2018/10/15/lancia_delta_futurista_in_pista_con_miki_biasion_e_una_marea_di_deltoni_video.html [6] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2013/12/22/nuove_ricostruzioni_della_delta_hf_concept_virtuale.html 2019-09-08 11:06:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/08/23/bmw_serie_4_proseguono_i_test_della_serie_4_coupe/gallery/2019-BMW-Serie4-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27070 BMW Serie 4 - Proseguono i test della Serie 4 Coupé - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27070&tipo=fv Si susseguono gli avvistamenti della prossima generazione della BMW SERIE 4 [1], attesa sul mercato tra il 2020 e il 2021. La due porte tedesca è già stata fotografata IN VERSIONE CABRIOLET [2] e COUPé [3]: questultima è di nuovo protagonista delle nostre foto spia, scattate stavolta al Nürburgring. ELEGANTE, COME DA TRADIZIONE. Partendo dal design scelto per la SERIE 3 [4], la BMW ha applicato la stessa ricetta delle generazioni precedenti, realizzando le varianti due porte con uno stile specifico e più aggressivo. Troviamo infatti gruppi ottici simili, ma più allungati e sottili e la consueta coda sfuggente: il montante e il cristallo posteriore sono celati da pellicole, ma non dovrebbero essere previste soluzioni troppo diverse da quelle già viste. Il passo lungo e la linea del tetto particolarmente slanciata strizzano locchio alla sorella maggiore SERIE 8 [5] coupé, dalla quale potrebbero derivare altre suggestioni stilistiche. QUATTRO E SEI CILINDRI ASPETTANDO LA M4. La vettura delle immagini potrebbe appartenere alla gamma M Sport, almeno a giudicare da particolari come i cerchi di lega, limpianto frenante e i terminali di scarico integrati nel paraurti. Le prese daria anteriori non sono invece visibili. I propulsori dovrebbero essere gli stessi della Serie 3 e ovviamente limmaginazione va subito allaspetto della FUTURA M4 [6], che offrirà oltre 500 CV nella versione Competition grazie al 3.0 sovralimentato comune alle X3M E X4M [7]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-SERIE-4 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/04/08/BMW_SERIE_4_PROSEGUONO_I_COLLAUDI_DELLA_CABRIO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/08/09/BMW_SERIE_4_PRIMI_COLLAUDI_PER_LA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-SERIE-3 [5] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-SERIE-8 [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/08/02/BMW_M4_CABRIOLET_FOTO_SPIA_E_ANTICIPAZIONI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/13/BMW_X3M_E_X4M_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML 2019-09-08 09:16:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/07/f_1_gp_d_italia_risultati_qualifiche/gallery/2019-ferrari-charles-leclerc-monza.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27069 F.1, GP dItalia - Pole position per la Ferrari di Charles Leclerc http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27069&tipo=fv La FERRARI conquista la POLE POSITION DEL GRAN PREMIO DITALIA, quattordicesima prova del Mondiale di Formula 1. CHARLES LECLERC ha firmato la pole position, fermando il cronometro sull1:19.307. Il monegasco ha preceduto le due Mercedes di HAMILTON E BOTTAS, mentre Sebastian Vettel ha ottenuto il quarto tempo. _In aggiornamento..._ GUARDA LA CLASSIFICA COMPLETA DELLE QUALIFICHE [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2019-09-07 16:40:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/07/fca_renault_le_maire_la_priorita_e_una_comune_strategia_con_la_nissan/gallery/2019-bruno-le-maire-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27068 FCA-Renault - Le Maire: "La priorità è una comune strategia con la Nissan" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27068&tipo=fv Intervenuto al Forum Ambrosetti in corso a Cernobbio, Bruno Le Maire ha parlato anche della questione RENAULT-FCA [1]. Rispondendo a chi gli ha chiesto di una possibile riapertura delle trattative per la fusione, anche alla luce del nuovo governo in Italia, il ministro dellEconomia francese ha dichiarato che "la priorità, per la Renault e la Nissan, è definire una comune strategia per il futuro". UN PASSO ALLA VOLTA. Le Maire ha affermato di essere sempre stato chiaro su questo punto, aggiungendo che la Casa francese e quella giapponese devono ora delineare "una chiara strategia" per affrontare le sfide poste dallindustria dellautomobile, come lauto elettrica e la guida autonoma. Il cambiamento in corso è rapido, ma richiede operazioni pianificate con cura. "Meglio non fare troppe cose allo stesso tempo", ha chiosato il titolare del dicastero economico transalpino. Poco prima, Le Maire aveva definito la formazione del nuovo governo "unopportunità unica per dare nuovo impeto alle relazioni franco-italiane sui temi economici e finanziari". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FUSIONE-FCA-RENAULT 2019-09-07 15:49:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/07/fca_renault_le_maire_la_priorita_e_una_comune_strategia_con_la_nissan/gallery/2019-bruno-le-maire-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27067 FCA-Reanult - Le Maire: "la priorità è una comune strategia con la Nissan" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27067&tipo=fv Intervenuto al Forum Ambrosetti in corso a Cernobbio, Bruno Le Maire ha parlato anche della questione RENAULT-FCA [1]. Rispondendo a chi gli ha chiesto di una possibile riapertura delle trattative per la fusione, anche alla luce della creazione di un nuovo governo in Italia, il ministro dellEconomia francese ha dichiarato: la priorità, per Renault e Nissan, ora è definire una comune strategia per il futuro del gruppo industriale. UN PASSO ALLA VOLTA. Le Maire ha affermato di essere sempre stato chiaro su questo punto, aggiungendo che la Casa francese e quella giapponese devono ora delineare una chiara strategia per il futuro per affrontare le sfide poste dallindustria dellautomobile, come lauto elettrica e la guida autonoma. Il cambiamento in corso è rapido ma richiede operazioni pianificate con cura. Meglio non fare troppe cose allo stesso tempo, ha chiosato il titolare del dicastero economico transalpino. Appena prima, parlando della formazione del nuovo governo in Italia, Le Maire laveva definita "unopportunità unica per dare nuovo impeto alle relazioni franco-italiane sui temi economici e finanziari". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FUSIONE-FCA-RENAULT 2019-09-07 14:03:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/05/barchette_quelle_sportive_senza_un_tetto_foto_gallery/gallery/2019-Barchette-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27066 Barchette - Quelle sportive senza un tetto FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27066&tipo=fv Zero copertura in caso di pioggia e parabrezza ridotto al minimo, quando presente: nascono così le tradizionali barchette, sportive senza compromessi per automobilisti che non temono il freddo e le intemperie. In molti casi, delle vere instant classic, prodotte in pochi esemplari e oggetto del desiderio di facoltosi collezionisti. Ne abbiamo raccolto numerosi esempi nella nostra galleria di immagini, dalla Ferrari 166MM carrozzata Touring, che ha dato origine alla definizione barchetta, a una coppia di RECENTI MODELLI DEL CAVALLINO [1], passando per una lunga serie di scoperte, quasi tutte ad altissime prestazioni. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2018/09/18/ferrari_monza_sp1_sp2_foto_motore_prestazioni_video.html 2019-09-07 11:17:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/emissioni_usa_patto_con_la_california_l_amministrazione_trump_apre_un_indagine_su_quattro_case_/gallery/2019-Usa-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27064 Emissioni Usa - Lamministrazione Trump apre unindagine sulle Case del "patto" con la California http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27064&tipo=fv Nuovo capitolo nella disputa tra lamministrazione Trump e il settore automobilistico sulla questione dei NUOVI STANDARD PER LE EMISSIONI INQUINANTI [1]: secondo indiscrezioni di alcuni organi di stampa americani, il dipartimento di giustizia ha infatti inviato una lettera alla Ford, alla Honda, alla BMW e alla Volkswagen, per informarle dellavvio di unindagine antitrust. Lobiettivo dellinchiesta è verificare se lACCORDO VOLONTARIO CON IL CALIFORNIA AIR RESOURCES BOARD [2], firmato per adottare gli standard locali sulle emissioni (più stringenti di quelli prospettati da Trump), abbia violato le leggi federali sulla concorrenza. CONFERME PARZIALI. I funzionari antitrust del dipartimento di giustizia temono che lintesa non sia stata raggiunta per opera delle autorità della California, bensì grazie a uniniziativa di non concorrenza che potrebbe prefigurarsi come un cartello tra le quattro società sotto indagine. Del resto, in America sono esplicitamente vietati accordi che pur avendo delle finalità di interesse pubblico, risultano in iniziative che limitano la concorrenza. Per ora, la Ford ha confermato di aver "ricevuto una lettera" e, come la Honda, ha assicurato la sua collaborazione sul fronte di "qualsiasi indagine". "Siamo regolarmente in contatto con le autorità su una serie di questioni, ma non commentiamo specifiche comunicazioni private che potremmo o non potremmo ricevere", ha invece replicato la Volkswagen. TENSIONE SEMPRE PIù ALTA. Linchiesta, al momento in una fase preliminare, è stata avviata in un momento di forti attriti tra il settore automobilistico, diversi Stati americani e il presidente Donald Trump. Linquilino della Casa Bianca è da tempo intenzionato a cancellare i target varati da Barack Obama (54,5 miglia per gallone entro il 2025), riducendoli sensibilmente: si parla di 37 miglia per gallone, di gran lunga inferiori alle 50 CONCORDATE [3] tra le Case finite nel mirino e la California. LOBIETTIVO DI TRUMP. La Casa Bianca, come spiegato anche DAL NOSTRO DIRETTORE [4], punta a favorire una riduzione dei prezzi delle vetture: stando a Washington, i costruttori non dovrebbero affrontare, infatti, un aumento dei costi legato a normative sempre più stringenti. Liniziativa è ostacolata soprattutto dalla California, alla quale, sin dagli anni 70, è stata concessa la possibilità di legiferare su temi ambientali in deroga rispetto alle leggi federali. Sacramento ha imposto limiti sempre più rigorosi, seguiti dalle Case per non dover abbandonare il maggior mercato automobilistico degli Usa, e molti altri Stati hanno deciso di fare lo stesso. Al punto da essere pronti, oggi, a fare causa allamministrazione centrale. LA POSIZIONE DEL SETTORE. Ora i costruttori si trovano, come si suol dire, tra lincudine e il martello. Da una parte sono a favore di un alleggerimento degli standard rispetto a quanto varato da Obama; dallaltra, non vogliono rischiare di adeguarsi a due normative, statali e federali, con il relativo aumento di costi legali, logistici e di sviluppo. Per questo motivo, chiedono che le normative dellamministrazione Obama non vengano cancellate del tutto come voluto da Trump, perché in tal caso rischierebbero di perdere i vantaggi finora acquisiti nello sviluppo di tecnologie "eco-friendly" e quindi di rimanere indietro rispetto ai concorrenti esteri. Lobiettivo di un compromesso rischia, però, di non essere raggiunto, viste le intenzioni bellicose del presidente. Sempre stando a indiscrezioni, due agenzie federali, lEpa (Environmental Protection Agency) e la NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration), sarebbero prossime a presentare una richiesta per revocare le prerogative concesse alla California. La disputa rischia, inoltre, di avere ulteriori strascichi giudiziari, visto che sono in molti a ritenere possibile un ricorso alla Corte Suprema, il massimo organo giurisdizionale degli Stati Uniti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2018/05/02/EMISSIONI_LA_CALIFORNIA_E_ALTRI_16_STATI_CONTRO_LE_REGOLE_DI_TRUMP.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/07/25/EMISSIONI_FORD_BMW_VOLKSWAGEN_E_HONDA_HANNO_TROVATO_L_ACCORDO_CON_LA_CARB.HTML) [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/07/25/EMISSIONI_FORD_BMW_VOLKSWAGEN_E_HONDA_HANNO_TROVATO_L_ACCORDO_CON_LA_CARB.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/08/21/EMISSIONI_USA_PERCHE_TRUMP_SE_LA_PRENDE_CON_LE_CASE_CHE_CHIEDONO_NORME_PIU_SEVERE.HTML 2019-09-06 19:32:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/kia_karim_habib_e_il_nuovo_capo_e_senior_vice_president_del_design_center/gallery/2019-karim-habib-kia-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27065 Kia - Karim Habib è il nuovo capo del Design http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27065&tipo=fv La KIA [1] ha nominato Karim Habib capo e responsabile del Design Center di Namyang, in Corea. LEX MATITA DELLA INFINITI [2], e PRIMA ANCORA DELLA BMW [3], supervisionerà gli esterni e gli interni, i materiali e i colori dei futuri modelli, nonché la direzione stilistica del marchio facendo riporto diretto a Luc Donckerwolke, executive vice president e chief design officer del gruppo Hyundai. UNA SERIE 7 NEL CV. Canadese di nascita ma di origini libanesi, Habib si è dimesso il mese scorso dalla Infiniti, dove era approdato nel 2017 dopo esperienze alla Mercedes e, soprattutto, alla BMW. Per la Casa bavarese ha disegnato, tra gli altri, gli interni della Serie 5 E60 e gli esterni della Serie 7 F01. IL FULCRO DI UNA RETE. A partire da ottobre Habib inizierà effettivamente lesperienza nel nuovo ruolo. Il Design Center è il luogo in cui nascono i modelli globali della Kia. La struttura supervisiona tutti gli aspetti della progettazione dei veicoli, dal concept alla scelta dei materiali e degli abbinamenti cromatici, lavorando in rete con i centri stile regionali del marchio situati in Europa e negli Stati Uniti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/08/26/INFINITI_HABIB_LASCIA_IL_DESIGN_SARA_DIRETTO_DA_NAKAMURA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2012/05/23/KARIM_HABIB_A_CAPO_DEL_DESIGN.HTML 2019-09-06 19:32:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/06/audi_a5_cabrio_sportback_coupe_motori_facelift/gallery/2019-Audi-A5-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27063 Audi A5 - Cabrio, Sportback e Coupé si rinnovano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27063&tipo=fv LAUDI [1] A5 si rinnova con un leggero restyling. Le versioni Coupé, Cabriolet e Sportback sono state aggiornate nel design, nelle dotazioni e nei motori seguendo la strada intrapresa con la A4 [2]. MANO LEGGERA E LOOK SPORTIVO. Esteticamente le A5 sono state riviste nella forma dei paraurti e nella mascherina, con prese daria dal taglio sportivo e il single frame dotato di una nuova griglia interna. Minigonne laterali più snelle e il diffusore posteriore con terminali di scarico trapezoidali completano il nuovo look. Tutti gli allestimenti offrono di serie i gruppi ottici a Led, con i Matrix Led opzionali, mentre tra gli optional debuttano i kit estetici Advanced ed S Line abbinati a 12 tinte esterne e agli interni coordinati. Il colore District Green dellimmagine di copertina è inedito. LINFOTAINMENT DIVENTA TOUCH. Gli interni seguono le ultime tendenze e abbandonano il comando rotante dellMMI nella console centrale. LInfotainment MMI Touch Display è ora gestito direttamente attraverso lo schermo da 10,1 pollici e la nuova grafica dei vari menù. Il sistema MIB3 porta in dote i servizi connessi, Audi Connect e Audi Connect Plus, che includono le informazioni sul traffico e sui parcheggi, i sistemi Car-To-X, lhotspot wi-fi e la connessione remota con il veicolo attraverso la App MyAudi, che dà la possibilità di utilizzare lo smartphone (Android) anche per accedere al veicolo. Gli utenti, infine, potranno acquistare online alcuni degli optional della vettura attivabili via software: lAudi Navigation MMI Plus, la radio DAB+ e lAudi Smartphone Interface, attivabili per un mese, per un anno o per sempre. IN EUROPA LA S5 SARà TDI. La gamma completa delle motorizzazioni sarà annunciata al momento dellavvio delle vendite, previste per linverno. LAudi ha confermato che quattro motorizzazioni adotteranno il powertrain ibrido con sistemi a 12 Volt e che tutte le varianti offriranno soltanto il cambio automatico. Al top della gamma troviamo la S5 TDI, equipaggiata con il V6 3.0 da 347 CV e 700 Nm già introdotto sulle S6 ED S7 [3] e dotato del sistema ibrido MHEV a 48 Volt. La S5 tocca i 100 km/h da fermo in 5 secondi netti, mentre la velocità massima è autolimitata a 250 km/h. Trazione integrale, cambio automatico otto marce e assetto sportivo sono di serie, mentre gli ammortizzatori a controllo elettronico rimangono optional. Su alcuni mercati al di fuori dellEuropa sarà proposta invece la S5 con motore 3.0 TFSI da 354 CV e 500 Nm. LA A5 EDITION ONE. Allapertura delle vendite i clienti potranno scegliere anche la A5 nella versione Edition One, offerta in versione Coupé e Sportback con motorizzazioni di potenza superiore a 190 CV. La dotazione di serie include lassetto sportivo, il pacchetto esterno e interno S line, il tetto nero lucido per la coupé e le tinte esterne Quantum Gray, Daytona Gray perlato o District Green. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/06/18/AUDI_A4_2019_MOTORI_VERSIONI_E_PREZZO_DI_BERLINA_E_AVANT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/05/28/AUDI_S6_E_S7_TDI_IN_ITALIA_A_PARTIRE_DA_80_450_EURO.HTML 2019-09-06 19:05:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/06/alfa_romeo_racing_raikkonen_celebra_la_prima_vittoria_in_f_1_video/gallery/2019-raikkonen-alfa-romeo.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27062 Alfa Romeo Racing - Räikkönen celebra la prima vittoria in F.1 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27062&tipo=fv KIMI RäIKKöNEN è il protagonista di un NUOVO VIDEO DELLALFA ROMEO che, con un parallelismo tra presente e passato, celebra la storia del Biscione e la sua prima vittoria in Formula 1, arrivata il 13 maggio 1950 a Silverstone. In quelloccasione, fu Nino Farina a tagliare per primo il traguardo e poi, a fine stagione, porre la sua firma sullalbo doro con la conquista del titolo iridato. IL TRICOLORE è OVUNQUE. LAlfa Romeo Racing è scesa in pista oggi a Monza con una nuova livrea dedicata al novantesimo Gran Premio dItalia: i colori della bandiera italiana hanno trovato spazio sul cofano motore della vettura e sulle ali, ma anche sullabbigliamento dei piloti. Per questa gara, infatti, Räikkönen e Giovinazzi indossano le classiche tute Sparco Prime +, caratterizzate dalle fasce laterali tricolori che si estendono fino alle spalline. Un disegno che è stato poi ripreso anche per i guanti e le scarpe. 2019-09-06 18:28:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/kia_karim_habib_e_il_nuovo_capo_e_senior_vice_president_del_design_center/gallery/2019-karim-habib-kia-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27060 Kia - Karim Habib è il nuovo capo e senior vice president del Design Center http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27060&tipo=fv La KIA [1] ha nominato Karim Habib capo e senior vice president del Design Center di Namyang, in Corea. LEX DESIGNER DELLA INFINITI [2], e PRIMA ANCORA DELLA BMW [3], supervisionerà gli esterni e gli interni, i materiali e i colori dei futuri modelli, nonché la direzione stilistica del marchio facendo riporto diretto a Luc Donckerwolke, executive vice president e chief design officer del gruppo Hyundai. UNA SERIE 7 NEL CV. Canadese di nascita ma di origini libanesi, Habib si è dimesso il mese scorso dalla Infiniti, dove era approdato nel 2017 dopo esperienze alla Mercedes e, soprattutto, alla BMW. Per la Casa bavarese ha disegnato, tra gli altri, gli interni della Serie 5 E60 e gli esterni della Serie 7 F01. IL FULCRO DI UNA RETE. A partire da ottobre Habib inizierà effettivamente lesperienza nel nuovo ruolo. Il Design Center è il luogo in cui nascono i modelli globali della Kia. La struttura supervisiona tutti gli aspetti della progettazione dei veicoli, dal concept alla scelta dei materiali e degli abbinamenti cromatici, lavorando in rete con i centri stile regionali del marchio situati in Europa e negli Stati Uniti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/08/26/INFINITI_HABIB_LASCIA_IL_DESIGN_SARA_DIRETTO_DA_NAKAMURA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2012/05/23/KARIM_HABIB_A_CAPO_DEL_DESIGN.HTML 2019-09-06 18:05:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/studio_alixpartners_il_settore_auto_entra_nel_deserto_dei_profitti_/gallery/2019-industria-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27061 Studio AlixPartners - Il settore auto entra nel deserto dei profitti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27061&tipo=fv I massicci investimenti necessari per la nuova mobilità, a partire dallelettrificazione e il rallentamento dei mercati chiave a livello globale stanno per spingere il settore dellauto in quello che gli esperti di AlixPartners, nel loro Global Automotive Outlook per il 2019, definiscono il deserto del profitto. Da qui al 2023 gli utili lordi dei produttori potrebbero ridursi di 60 miliardi di dollari, mentre lindustria ha iniziato una fase di ristrutturazione che si prevede possa ulteriormente accelerare soprattutto per i fornitori che non operano nelle nuove tecnologie C.A.S.E. (acronimo per connettività, guida autonoma, sharing ed elettrificazione) e gli impianti di produzione dei motori. MAXI INVESTIMENTI. LOutlook di AlixPartners rivela che la spesa destinata dalle case per lelettrificazione della loro gamma raggiungerà la cifra di 225 miliardi di dollari al 2023, e che lofferta si amplierà notevolmente passando in Europa dagli attuali 62 modelli (ibridi plug-in ed elettrici) a più di 230. Nel frattempo, secondo lo studio, lindustria investirà altri 48 miliardi di dollari tra oggi e il 2023 per lo sviluppo delle tecnologi. Sono investimenti enormi per i costruttori e unopportunità da valutare con attenzione per i fornitori, la cui profittabilità rimane maggiore ma comunque in declino", commenta Dario Duse, managing director di AlixPartners e co-leader europeo del team Automotive e Industrial. I player che operano in Europa e in Italia, poi, dovranno fare i conti con il crollo della domanda di motorizzazioni diesel che è ormai ben visibile in Europa e più recentemente anche in Italia. In un contesto dove il numero di partnership, M A e sviluppi congiunti sono in crescita esponenziale in ambito C.A.S.E. (da 270 a più di 420 partnership negli ultimi 12 mesi), il nostro Paese e lEuropa in generale possono continuare a giocare un ruolo importante anche in un contesto complessivo sfidante come quello dei prossimi anni". LA DOMANDA. Per verificare linteresse degli automobilisti verso le auto elettriche, AlixPartners ha poi condotto un sondaggio internazionale in sette mercati - Cina, Germania, Giappone, Norvegia, Regno Unito, Stati Uniti e California (intervistati separatamente) dal quale emerge che l86% dei cinesi e il 50% degli americani intervistati sono favorevoli a ulteriori limiti e divieti per i veicoli con motore a combustione interna, e più di un cinese su due sostiene che la sua prossima auto sarà probabilmente elettrica. I CONCESSIONARI. La rivoluzione dellauto elettrica, sottolinea inoltre lo studio, avrà anche un forte impatto sui concessionari e sulle officine di riparazione che dovranno affrontare un calo fino al 20% dei ricavi e una riduzione del 20% del margine lordo considerato che il 35% della manutenzione programmata per i veicoli odierni (con motori diesel o a benzina) scomparirà nel medio termine a causa del passaggio allelettrico. Al fine di mantenere la redditività, sottolinea lo studio, i concessionari dovranno sia esaminare criticamente la loro struttura dei costi attuali sia cercare nuove fonti di reddito. IL TREND. Per quanto riguarda il mercato globale dellauto, crescerà a un tasso annuo di appena l1,6% fino al 2026. Questanno le vendite in Cina diminuiranno a 24,8 milioni di unità (dai 27 milioni del 2018), mentre gli Usa dovrebbero scendere a 16,9 milioni di unità (contro i 17,3 milioni dello scorso anno), dirigendosi verso un probabile minimo di circa 15,1 milioni nel 2021. Per lEuropa è attesa una crescita media modesta, dell1% per cento annuo fino al 2026, concentrata nei mercati dellEst Europa e in particolare in Russia. E lItalia? Seguirà i trend dei Paesi dellEuropa occidentale: sostanziale stabilità dei volumi, continuo calo del diesel, seppur con lieve ritardo rispetto agli altri, e continuo spostamento di mix veicoli verso piccole e medie Suv con peso e resistenza aerodinamica maggiori. Il che, in assenza di uno svecchiamento significativo del parco circolante, renderà difficile ridurre i livelli emissivi di CO2 nel breve. Guardando al 2030, i limitati investimenti, la strutturale onerosità dello sviluppo delle infrastrutture di ricarica nei nostri centri urbani e il costo dellenergia elettrica potrebbero limitare la diffusione di veicoli elettrici e plug-in a livelli sensibilmente inferiori alla media europea: stimiamo un 33% di veicoli ibridi plug-in ed elettrici, contro una media europea del 40%, conclude Duse. 2019-09-06 18:05:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/06/salone_di_francoforte_le_novita_audi_concept_ai_trail_e_nuova_rs_7_sportback/gallery/2019-audi-francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27059 Audi - Le novità del Salone di Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27059&tipo=fv La formazione era in parte annunciata: ora è completa e ufficiale. LAUDI [1] porta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] due anteprime mondiali: la concept AI:Trail e la RS 7 Sportback. A queste fanno da ancelle la e-tron FE06, la monoposto di Formula E che correrà nel campionato 2019-2020, più alcune novità già svelate nei mesi scorsi, come la A1 Citycarver, la Q3 Sportback, la RS 6 Avant e i restyling di A4 e Q7. Per i visitatori lappuntamento è sullo stand dei Quattro anelli al padiglione 3 della fiera. UNO SGUARDO SUL FUTURO. Senza dubbio loggetto più curioso è il prototipo AI:TRAIL QUATTRO [3]. Unelettrica, comera prevedibile, ma capace di andare oltre la dimensione urbana grazie alla trazione integrale e a un progetto tecnico pensato (anche) per loff-road, caratterizzato da una carrozzeria rialzata e grandi ruote gommate da sterrato. Questa concept non dovrebbe avere immediati risvolti nella produzione di serie. Piuttosto rappresenta una visione della Casa sullevoluzione futura della gamma a elettroni. CAVALLI DA VIAGGIO. La RS 7 SPORTBACK [4] ce laspettavamo. Da tempo, infatti, la si vedeva alle prese con i collaudi nelle foto spia. Il suo debutto al Salone è una conferma. Dopo quello della RS 6 AVANT [5], viene facile prevederne alcuni contenuti, a partire dal motore. Che facilmente sarà il V8 biturbo di famiglia, ad oggi spinto fino a 600 cavalli di potenza e 800 Nm di coppia. E reso più sostenibile dallinnesto della tecnologia mild hybrid a 48 Volt. Alla wagon da sparo appena presentata, questo propulsore garantisce uno 0-100 km/h da 3,6 secondi e una velocità massima che può toccare i 305 km/h, se cè il Dynamic Package Plus. PROSSIMAMENTE IN VETRINA. La lineup è completata da altri modelli già noti. La A1 CITYCARVER [6], versione della compatta di Ingolstadt che strizza locchio alle tuttoterreno (ma che non ha la trazione integrale come le Audi allroad), sarà la prima a palesarsi in concessionaria (ottobre). Seguita a ruota dalla Q3 SPORTBACK [7], Suv dal taglio della carrozzeria sportiveggiante rispetto al modello da cui discende, ma comunque capace di garantire un bagagliaio da 530 litri in configurazione a cinque posti (fino a 1.400 litri con i sedili ripiegati). Il lancio commerciale in questo caso è a novembre. FACELIFT ED ELETTRIFICAZIONE (LEGGERA). Interessate da un aggiornamento di metà carriera, anche lAUDI A4 [8] e la Q7 [9] trovano spazio tra le novità della Casa tedesca al Salone di Francoforte. La prima, già ordinabile, ha affinato una formula già vincente con lievi ritocchi estetici. Stesso discorso per la Suv grande, che oltretutto ha convertito al mild hybrid lintera gamma motori, ora ampliata con ununità a benzina in alternativa ai noti turbodiesel. A RUOTE SCOPERTE. Si chiude deviando verso nello sport. La E-TRON DA FORMULA E [10] nome in codice FE06 sfoggia uninedita livrea in vista del prossimo campionato. Ma resterà nelle solite mani: la scuderia Audi Sport ABT Schaeffler ha infatti confermato la lineup dei piloti, composta da Lucas Di Grassi e Daniel Abt. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/08/23/AUDI_AI_TRAIL_QUATTRO_AL_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/06/25/AUDI_RS7_SPORTBACK_2019_FOTO_NOVITA_ANTICIPAZIONI_USCITA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/21/AUDI_RS6_AVANT_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/29/AUDI_A1_CITYCARVER_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/23/AUDI_AUDI_Q3_SPORTBACK_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO_MOTORI.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/06/27/AUDI_A4_BERLINA_E_AVANT_SI_AGGIORNANO.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/26/AUDI_Q7_2019_RESTYLING_INTERNI_MOTORI_USCITA.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/09/05/FORMULA_E_SVELATA_LA_NUOVA_AUDI_E_TRON_FE06.HTML 2019-09-06 17:30:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/06/f_1_gp_d_italia_leclerc_il_piu_rapido_anche_nelle_libere_2/gallery/2019-ferrari-leclerc.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27057 F.1, GP dItalia - Leclerc il più rapido anche nelle Libere 2 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27057&tipo=fv CHARLES LECLERC ha ottenuto IL GIRO PIù VELOCE della seconda sessione di prove libere del GRAN PREMIO DITALIA, confermando lottimo stato di forma che aveva già mostrato nel corso della mattinata. Nonostante larrivo di una leggera e fastidiosa pioggia, il monegasco della Ferrari ha fermato il cronometro sull1:20.978 e ha preceduto di 68 millesimi la Mercedes di LEWIS HAMILTON. Terza posizione per SEBASTIAN VETTEL, staccato però di due decimi rispetto ai due ragazzi lì davanti. CONDIZIONI SIMILI A QUELLE DI DOMENICA. Anche se le condizioni meteo erano incerte e difficili, tutti i piloti hanno continuato a girare. Questo perché, tenendo conto delle previsioni meteo, le condizioni di oggi potrebbero ripresentarsi anche domenica, durante la gara. Così, tutti hanno portato avanti i propri long run: lo stakanovista di giornata è stato Romain Grosjean, che ha percorso 44 giri in totale. LOTTA SERRATA. Rispetto a quanto visto a Spa-Francorchamps la scorsa settimana, qui a Monza abbiamo assistito a un duello ravvicinato tra le Ferrari e le Mercedes. La conferma sta nel fatto che Hamilton è riuscito a stare decisamente più vicino al tempo del rivale monegasco e il cinque volte campione del mondo è apparso velocemente a suo agio con queste condizioni. Meno incisivo è stato il compagno di squadra, Valtteri Bottas, che ha chiuso solamente quarto, alle spalle dellaltra Ferrari di Vettel. GP DITALIA RISULTATI LIBERE 2 (PRIMI DIECI) 1. Leclerc - Ferrari | 1:20.978 2. Hamilton - Mercedes | 1:21.046 3. Vettel - Ferrari | 1:21.179 4. Bottas - Mercedes | 1:21.347 5. Verstappen - Red Bull | 1:21.350 6. Albon - Red Bull | 1:21.589 7. Gasly - Toro Rosso | 1:22.124 8. Grosjean - Haas | 1:22.153 9. Ricciardo - Renault | 1:22.249 10. Kvyat - Toro Rosso | 1:22.260 2019-09-06 17:02:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/06/bentley_continental_gt_v8_e_model_year_2020/gallery/2019-bentley-continental-gt-v8-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27058 Bentley Continental GT - La gamma si aggiorna: ora cè anche il V8 da 550 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27058&tipo=fv La BENTLEY [1] aggiorna la gamma della CONTINENTAL GT C [2]on il nuovo model year: le novità sono relative alle dotazioni, ma è fondamentale pure la disponibilità della già annunciata versione V8 DA 550 CV [3]. Questultima affianca la W12 da 635 CV. ACCESSORI INEDITI PER LA W12. Per la prima volta, sulla W12 viene proposto il tetto panoramico fisso opzionale con tendalino in Alcantara (per la coupé), mentre tutte le varianti di carrozzeria possono essere ordinate con la finitura High Gloss Carbon Fibre per il frontale e le minigonne, abbinata ai pannelli della plancia Piano Black. PRONTA ANCHE LA V8 DA 550 CV. La V8 è la novità assoluta della gamma: sfrutta il V8 4.0 comune ad altri modelli del Gruppo Volkswagen, come la Porsche Panamera Turbo, e garantisce prestazioni di alto livello. Con 550 CV e 770 Nm, la Continental GT tocca i 318 km/h, mentre i 100 km/h da fermo vengono raggiunti in 4 secondi netti (4,1 per la Cabriolet). I consumi sono ottimizzati non sono attraverso lo start stop, ma anche grazie alla disattivazione di quattro cilindri ai carichi parziali. La V8 è riconoscibile per i cerchi di lega da 20" a dieci razze, i terminali di scarico a quattro uscite e per i loghi specifici, mentre accessori e interni sono comuni alla W12. Di serie ritroviamo le sospensioni pneumatiche, mentre le barre attive integrate nel Dynamic Ride sono opzionali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BENTLEY [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BENTLEY/CONTINENTAL-GT [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/18/BENTLEY_CONTINENTAL_GT_V8_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI_CARATTERISTICHE.HTML 2019-09-06 17:02:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/06/fca_what_s_behind_la_galleria_del_vento_di_orbassano/gallery/2019-FCA-Galleria-del-Vento-Orbassano-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27056 FCA Whats Behind - La galleria del vento di Orbassano - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27056&tipo=fv Il quarto episodio della serie FCA WHATS BEHIND [1] ha come protagonista la galleria del vento di Orbassano, a sud di Torino, dove gli ingegneri della Fiat Chrysler Automobiles sviluppano e collaudano i modelli di tutti i marchi del gruppo. La capacità di penetrazione dellaria, infatti, riveste un ruolo fondamentale dal punto di vista dellefficienza di marcia. TEST FINO A 210 KM/H. Costruito negli anni settanta, limpianto di collaudo aerodinamico è stato continuamente aggiornato con nuove tecnologie per essere sempre allavanguardia. Nella galleria del vento piemontese la velocità massima dellaria raggiunge i 210 km/h. Per misurare la forza frenante che laria esercita sul veicolo vengono utilizzate delle bilance integrate in un pavimento rotante capaci di misurare con precisione differenze di carico di 50 grammi su veicoli che arrivano a pesare fino a quattro tonnellate. Per lo studio dellaerodinamica vengono realizzati dei modelli in scala reale per poter collaudare i modelli prima che vengano prodotti i prototipi. Ancor prima dei test reali, i tecnici utilizzano varie simulazioni al computer per sviluppare le carrozzerie. Tramite le analisi virtuali Computational Fluid Dynamics (Cfd), infatti, è possibile ridurre notevolmente le tempistiche di sviluppo delle nuove automobili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2019/07/05/FCA_WHAT_S_BEHIND_SCOPRIAMO_IL_CENTRO_DI_BALOCCO_VIDEO.HTML 2019-09-06 16:07:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/06/salone_di_francoforte_le_novita_audi_concept_ai_trail_e_nuova_rs_7_sportback/gallery/2019-audi-francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27055 Audi - Tutte le novità del Salone di Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27055&tipo=fv La formazione era in parte annunciata: ora è completa e ufficiale. LAUDI [1] porta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] due anteprime mondiali: la concept AI:Trail e la RS 7 Sportback. A queste fanno da ancelle la e-tron FE06, la monoposto di Formula E che correrà nel campionato 201-2020, più alcune novità già svelate nei mesi scorsi, come la A1 Citycarver, la Q3 Sportback, la RS 6 Avant e i restyling di A4 e Q7. Per i visitatori lappuntamento è sullo stand dei Quattro anelli al padiglione 3 della fiera. UNO SGUARDO SUL FUTURO. Senza dubbio loggetto più curioso è il prototipo AI:TRAIL QUATTRO [3]. Unelettrica, comera prevedibile, ma capace di andare oltre la dimensione urbana grazie alla trazione integrale e a un progetto tecnico pensato (anche) per loff-road, caratterizzato da una carrozzeria rialzata e grandi ruote gommate da sterrato. Questa concept non dovrebbe avere immediati risvolti nella produzione di serie. Piuttosto rappresenta una visione della Casa sullevoluzione futura della gamma a elettroni. CAVALLI DA VIAGGIO. La RS 7 SPORTBACK [4] ce laspettavamo. Da tempo, infatti, la si vedeva alle prese con i collaudi nelle foto spia. Il suo debutto al Salone è una conferma. Dopo quello della RS 6 AVANT [5], viene facile prevederne alcuni contenuti, a partire dal motore. Che facilmente sarà il V8 biturbo di famiglia, ad oggi spinto fino a 600 cavalli di potenza e 800 Nm di coppia. E reso più sostenibile dallinnesto della tecnologia mild hybrid a 48 Volt. Alla wagon da sparo appena presentata, questo propulsore garantisce uno 0-100 km/h da 3,6 secondi e una velocità massima che può toccare i 305 km/h, se cè il Dynamic Package Plus. PROSSIMAMENTE IN VETRINA. La lineup è completata da altri modelli già noti. La A1 CITYCARVER [6], versione della compatta di Ingolstadt che strizza locchio alle tuttoterreno (ma che non ha la trazione integrale come le Audi allroad), sarà la prima a palesarsi in concessionaria (ottobre). Seguita a ruota dalla Q3 SPORTBACK [7], Suv dal taglio della carrozzeria sportiveggiante rispetto al modello da cui discende, ma comunque capace di garantire un bagagliaio da 530 litri in configurazione a cinque posti (fino a 1.400 litri con i sedili ripiegati). Il lancio commerciale in questo caso è a novembre. FACELIFT ED ELETTRIFICAZIONE (LEGGERA). Interessate da un aggiornamento di metà carriera, anche lAUDI A4 [8] e la Q7 [9] trovano spazio tra le novità della Casa tedesca al Salone di Francoforte. La prima, già ordinabile, ha affinato una formula già vincente con lievi ritocchi estetici. Stesso discorso per la Suv grande, che oltretutto ha convertito al mild hybrid lintera gamma motori, ora ampliata con ununità a benzina in alternativa ai noti turbodiesel. A RUOTE SCOPERTE. Si chiude deviando verso nello sport. La E-TRON DA FORMULA E [10] nome in codice FE06 sfoggia uninedita livrea in vista del prossimo campionato. Ma resterà nelle solite mani: la scuderia Audi Sport ABT Schaeffler ha infatti confermato la lineup dei piloti, composta da Lucas Di Grassi e Daniel Abt. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/08/23/AUDI_AI_TRAIL_QUATTRO_AL_SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/06/25/AUDI_RS7_SPORTBACK_2019_FOTO_NOVITA_ANTICIPAZIONI_USCITA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/21/AUDI_RS6_AVANT_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/29/AUDI_A1_CITYCARVER_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/23/AUDI_AUDI_Q3_SPORTBACK_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO_MOTORI.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/06/27/AUDI_A4_BERLINA_E_AVANT_SI_AGGIORNANO.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/26/AUDI_Q7_2019_RESTYLING_INTERNI_MOTORI_USCITA.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/09/05/FORMULA_E_SVELATA_LA_NUOVA_AUDI_E_TRON_FE06.HTML 2019-09-06 15:46:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/porsche_la_partecipazione_nella_rimac_sale_al_15_5_/gallery/2019-Rimac.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27053 Porsche - La partecipazione nella Rimac sale al 15,5% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27053&tipo=fv La PORSCHE [1] ha aumentato la propria partecipazione nel capitale della Rimac, salendo dal 10 al 15,5%. Linvestimento della Casa di Zuffenhausen, di cui non sono stati rivelati i dettagli finanziari, è volto ad ampliare la collaborazione in ambito tecnologico avviata lanno scorso e rafforzata dalla decisione dei tedeschi di entrare nel capitale dellazienda croata%. DALLE COMPONENTI ALLA GUIDA AUTONOMA. La Rimac è stata fondata nel 2009 dallimprenditore Mate Rimac ed è specializzata non solo nella produzione di hypercar elettriche come la Concept One e la C_TWO [2], ma anche in propulsori e batterie elettriche e in soluzioni per linterfaccia uomo-macchina. La Porsche, che ha appena svelato la TAYCAN [3], è nel pieno del processo di elettrificazione della gamma. La collaborazione con lazienda di Zagabria è nata lanno scorso con lobiettivo di sostenerne le attività di sviluppo nel campo dellelettromobilità e nello specifico nelle aree della componentistica, dei powertrain e delle batterie. Ora la Casa tedesca punta a sfruttare lesperienza acquista dai croati anche nelle tecnologie per la guida autonoma e ad ampliare la collaborazione nello sviluppo degli accumulatori per auto elettriche. Per la Rimac, lultimo investimento della Porsche rappresenta la possibilità di accelerare la crescita delle attività produttive, in particolare di componenti e soluzioni high-tech per vetture ad elevate prestazioni, di completare le ultime fasi di sviluppo della C-Two prima delle consegne ai clienti (previste nel 2020) e di ampliare le proprie attività. La Rimac collabora con lAston Martin per la VALKYRIE [4], con la Cupra per lE-RACER [5], con la Pininfarina per la PF0 [6] e con la HYUNDAI [7] per lo sviluppo di nuove sportive elettriche. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/PORSCHE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/04/RIMAC_C_TWO_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI_AUTONOMIA_ELETTRICA_.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/04/PORSCHE_TAYCAN_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/01/ASTON_MARTIN_VALKYRIE_CONFERMATE_LE_CARATTERISTICHE_DELLA_SUPERCAR_IBRIDA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2018/03/05/CUPRA_E_RACER_L_ELETTRICA_PUNTA_AL_TCR_CON_UNO_0_100_IN_3_2_SECONDI.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/09/28/PININFARINA_PF0_LA_RIMAC_PRODURRA_I_MOTORI_ELETTRICI_E_LE_BATTERIE.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/05/14/HYUNDAI_E_RIMAC_SIGLATA_UNA_PARTNERSHIP_PER_LE_AUTO_ELETTRICHE.HTML 2019-09-06 14:43:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/volkswagen_id3_a_novembre_l_avvio_della_produzione/gallery/2019-Volkswagen-ID3-Zwickau-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27054 Volkswagen ID.3 - A novembre lavvio della produzione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27054&tipo=fv La produzione della VOLKSWAGEN ID.3 [1] sarà avviata il prossimo mese di novembre nella fabbrica tedesca di Zwickau. Ad annunciarlo è stata la stessa Casa di Wolfsburg che si appresta a dare il via a una nuova era elettrica presentando il 9 settembre il primo modello di una nuova generazione di veicoli a batteria basati sulla piattaforma modulare Meb. PRIME CONSEGNE IN ESTATE. Per prepararsi allavvio della produzione di serie, lo stabilimento della Sassonia ha già sfornato 400 esemplari di pre produzione che sono attualmente impegnati nellultima fase di collaudi stradali in Europa. I primi modelli che usciranno dalle linee di Zwickau saranno destinati ad aziende partner: le prime consegne ai clienti sono infatti fissate per la prossima estate. Inizialmente le elettriche saranno consegnate a chi ha riservato un esemplare online: da quando è stata avviata la campagna di preordine, la Volkswagen ha già ricevuto oltre 30.000 prenotazioni. 1,2 MILIARDI PER TRASFORMARE ZWICKAU. La fabbrica di Zwickau, dove attualmente vengono prodotte le Golf e le Passat, sarà convertita totalmente alla produzione di auto elettriche: entro il 2021 lo stabilimento tedesco produrrà sei differenti modelli basati sulla piattaforma Meb per tre marchi del gruppo Volkswagen con una capacità annua di 330.000 veicoli. Per la trasformazione del sito produttivo (dove sono già in costruzione 12 nuovi edifici) sono stati programmati 1,2 miliardi di euro di investimenti, 800 milioni dei quali già impiegati per laggiornamento delle linee, dove sono presenti 1.600 robot che hanno permesso di incrementare di 150 unità giornaliere la capacità produttiva, fino a un totale di 1.500 auto. Oltre ai sistemi automatizzati, nella fabbrica della Sassonia trovano impiego 8.000 persone. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLKSWAGEN-ID-3 2019-09-06 14:43:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/06/f_1_gp_d_italia_leclerc_il_piu_veloce_nelle_libere_1/gallery/2019-ferrari-leclerc-monza.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27052 F.1, GP dItalia - Leclerc il più veloce nelle Libere 1 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27052&tipo=fv Il weekend del GRAN PREMIO DITALIA [1] è ufficialmente entrato nel vivo con la PRIMA SESSIONE DI PROVE LIBERE, iniziata con la pista bagnata e che si è conclusa quasi sullasciutto. Proprio nelle fasi finali, quando i piloti hanno montato le gomme slick, sono arrivati i giri più veloci che hanno dato vita alla classifica di oggi: CHARLES LECLERC HA OTTENUTO IL GIRO PIù VELOCE, precedendo le due McLaren di CARLOS SAINZ e LANDO NORRIS. TANTI ERRORI E QUALCHE BOTTO. Chiaramente, in queste condizioni, i tempi sul giro hanno un valore quasi nullo e non danno indicazioni su cosa poterci aspettare per il resto del weekend. Abbiamo visto tanti errori da parte dei piloti e sono state tre le interruzioni con bandiera rossa: il primo a finire contro le barriere è stato Kimi Raikkonen, che ha perso il controllo della sua Alfa Romeo Racing danneggiandola lievemente. andata decisamente peggio a Sergio Perez, che in uscita dalla Ascari è andato a sbattere un po più violentemente, riportando danni più seri alla sua Racing Point. Laltra bandiera rossa è stata causata dalla Toro Rosso di Gasly, che ha semplicemente intraversato la sua monoposto alla prima variante, ma senza riportare danni. Il francese è poi riuscito a ripartire, portando così la sua monoposto nuovamente ai box. GP DITALIA - RISULTATI PROVE LIBERE 1 1. Leclerc - Ferrari | 1:27.905 2. Sainz - McLaren | 1:28.211 3. Norris - McLaren | 1:28.450 4. Hamilton - Mercedes | 1:28.730 5. Albon - Red Bull | 1:29.025 6. Kvyat - Toro Rosso | 1:29.960 7. Verstappen - Red Bull | 1:30.100 8. Vettel - Ferrari | 1:30.507 9. Bottas - Mercedes | 1:30.596 10. Gasly - Toro Rosso | 1:30.695 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?AUTODROMO_NAZIONALE_DI_MONZA_1 2019-09-06 13:10:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/volkswagen_accordo_con_northvolt_per_la_produzione_delle_batterie/gallery/2019-volkswagen-sede-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27051 Volkswagen - Joint venture con Northvolt per la produzione delle batterie http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27051&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha avviato la collaborazione con la Northvolt per la produzione di batterie agli ioni di litio costituendo una joint venture paritetica. La nuova società nasce nel quadro dellINTESA SOTTOSCRITTA A GIUGNO [2] che ha stabilito lingresso dei tedeschi nel capitale dellazienda svedese con una quota del 20% e specifici contratti per la realizzazione di una nuova fabbrica per accumulatori in Germania. IMPIANTO A SALZGITTER. Lo stabilimento sarà realizzato a Salzgitter, nella Bassa Sassonia, con i lavori di costruzione che partiranno lanno prossimo e saranno finanziati con parte dei 900 milioni di euro concordati a giugno come esborso a carico della Volkswagen per la firma dellaccordo di investimento. La produzione, il cui avvio è previsto tra la fine del 2023 e linizio del 2024, avrà inizialmente una capacità annuale di 16 GWh. GLI OBIETTIVI DELLA VOLKSWAGEN. La nuova fabbrica avrà il compito di fornire alla Volkswagen parte delle batterie necessarie per la sua strategia di elettrificazione della gamma. Il gruppo tedesco, che tra laltro ha firmato accordi di fornitura con altri produttori di accumulatori (come la cinese Catl, le coreane LG Chem e Samsung) e ha partecipato con la BMW a una raccolta fondi per unulteriore fabbrica della Northvolt in Svezia, ha bisogno dal 2025 di dispositivi di stoccaggio per oltre 150 GWh lanno per la produzione in Europa delle nuove vetture a zero emissioni (unanalogo livello di domanda è prevista anche in Asia). La STRATEGIA PER LELETTRIFICAZIONE [3] lanciata dalla Casa di Wolfsburg e da tutti gli altri marchi controllati (Audi, Skoda, Seat, Porsch, etc) prevede il lancio di 70 nuovi modelli elettrici nei prossimi dieci anni e la produzione di almeno 22 milioni di veicoli sulle varie piattaforme dedicate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/13/BATTERIE_VOLKSWAGEN_E_BMW_FINANZIANO_LA_FABBRICA_DI_NORTHVOLT_IN_SVEZIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/03/12/GRUPPO_VOLKSWAGEN_NUOVA_SCOSSA_ALLE_STRATEGIE_DI_ELETTRIFICAZIONE.HTML 2019-09-06 12:44:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/06/aldo_costa_lascia_la_mercedes_nel_2020_sara_cto_della_dallara/gallery/2019-aldo-costa-mercedes.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27049 Aldo Costa - Lascia la Mercedes, sarà CTO della Dallara http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27049&tipo=fv Nuova avventura per ALDO COSTA che, alla fine di settembre, LASCERà LA MERCEDES-AMG PETRONAS MOTORSPORT per tornare in Italia allinizio del 2020 e LAVORARE CON LA DALLARA, dove avrà il ruolo di Chief Technical Officer. Questo nuovo lavoro darà allingegnere parmigiano loccasione di stare molto più vicino alla sua famiglia, continuando però a poter esprimere il proprio talento lavorando su diversi progetti automobilistici e da corsa. Costa si occuperà anche della formazione della prossima generazione di talenti ingegneristici italiani: un approccio seguito già durante il suo periodo in Mercedes. LINIZIO DI UNA NUOVA AVVENTURA. "Da quando ho lasciato il mio ruolo di direttore dellingegneria, mi sono cimentato con soddisfazione a supportare la squadra in questa stagione e nel frattempo ho definito la mia prossima sfida, al di là della Formula 1, ha detto Aldo Costa. Dopo molto anni ai vertici di questo sport, sono felice di poter contribuire con ciò che ho imparato ad altri campionati e progetti automobilistici ad alte prestazioni al di fuori del mondo delle corse", ha aggiunto. Toto Wollf, team principal e ceo della Mercedes, ha salutato lingegnere italiano affermando: "Aldo è stato uno dei pilastri del nostro team, fin da quando è arrivato nel 2011. Adesso ci lascia con la stessa dignità e professionalità che hanno caratterizzato i suoi anni con noi. Voleva tornare in Italia per trascorrere più tempo con la famiglia e ha ancora molta energia e competenza per essere valore aggiunto nel mondo del motorsport. Il suo nuovo ruolo in Dallara è per lui unopportunità fantastica e sono felice che abbia trovato un ruolo così gratificante per proseguire la sua carriera. A nome di tutta la Mercedes, vorrei augurargli un grande successo in questo suo prossimo capitolo". NON SI OCCUPERà DI F.1. Il ritorno nella Motorvalley italiana di Aldo Costa è stato commentato anche dal general manager di Dallara, Andrea Pontremoli: "Per tutti noi, questa è una bellissima opportunità che ci permetterà di armonizzare le funzioni tecniche e far crescere ulteriormente le competenze della Dallara e prepararla alle future sfide che affronteremo insieme. Inoltre, Aldo metterà a disposizione le sue esperienze nel motorsport anche per il mondo universitario, con i programmi Innovation Farm e Muner, sempre più colonne portanti per lo sviluppo di giovani appassionati di motori". 2019-09-06 12:16:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/06/salone_di_francoforte_2019_date_biglietti_novita_informazioni_utili/gallery/2019-salone-di-francoforte-guida-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27050 Salone di Francoforte 2019 - Le informazioni utili per andarci http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27050&tipo=fv Manca poco ormai allInternationale Automobil-Ausstellung (IAA) 2019, la 68a edizione del SALONE DELLAUTOMOBILE DI FRANCOFORTE [1]. Le giornate di martedì 10 e mercoledì 11 settembre, nel corso delle quali vi mostreremo dal vivo LE PIù IMPORTANTI NOVITà [2], saranno dedicate alle anteprime per la stampa, mentre per giovedì 12 e venerdì 13 sono in programma i Trade days, dedicati agli operatori dellautomotive. Lapertura al pubblico avverrà da sabato 14 a domenica 22 settembre, dalle ore 9 alle 19, fatta eccezione per venerdì 20 settembre, quando la manifestazione aprirà i battenti dalle 11 alle 21. IL LISTINO E LE AGEVOLAZIONI. Il ticket giornaliero per gli adulti ha un costo di 17 euro nel weekend e di 15 negli altri giorni della settimana. Se lacquisto avviene ONLINE [3], la tariffa si riduce rispettivamente a 15 e 13 euro. Di 35 euro è, invece, il prezzo del biglietto famiglia, acquistabile solo al botteghino e valido fino a un massimo di due adulti e tre under 14, mentre quello per studenti e apprendisti, così come il ridotto generico, ha un costo di 8,5 euro. Chi ha solo poche ore a disposizione può acquistare il biglietto pomeridiano, valido da lunedì 16 a venerdì 20 settembre, a un costo di 11 euro (9 online) che scendono a 5,5 euro in caso di riduzione. Su internet è inoltre possibile comprare a 19 euro un biglietto regalo che consente di accedere ai padiglioni per due giorni consecutivi. I disabili, i loro accompagnatori e i bambini al di sotto dei 7 anni entrano gratis. LA STRUTTURA E I TEST DRIVE. La manifestazione, come sempre, avrà luogo presso i locali del Messe Frankfurt Trade Fair, lenorme polo fieristico della città. Qui, potrete anche testare diverse vetture come la BMW i3, la Dacia Duster, le Ford Mondeo Hybrid ed Explorer, le Honda CR-V Hybrid, Civic Type R e Civic 4 porte, ma anche le Hyundai i30, Kona , Nexo, Ioniq, Santa Fe e Tucson. Non mancherà inoltre la possibilità di guidare la Jaguar I-Pace, le varie Kia ProCeed, Sportage, Stinger ed XCeed, la Renault Zoe, la gamma Tesla e la Volkswagen e-Golf. I visitatori potranno poi testare lefficacia della ricarica rapida di IONITY [4] e sperimentare i moderni sistemi di parcheggio automatico. E a proposito di automazione, due bus a guida autonoma saranno a disposizione dei visitatori allinterno della struttura. Infine, in unarea di 1.500 mq sarà possibile mettere alla prova biciclette elettriche ed e-scooter. GLI AEREI. DallItalia è possibile arrivare in aereo a Francoforte sul Meno partendo dalle città di Milano (Malpensa e Orio al Serio), Venezia (Venezia Tessera e Treviso SantAngelo) e Roma (Fiumicino), ma anche da Napoli (Capodichino) e Catania (Comiso). I taxi impiegano solo 20 minuti per raggiungere la manifestazione dallaeroporto di Francoforte. Non mancano trasporti ferroviari che collegano lhub aeroportuale alla stazione Frankfurt/Main Hauptbahnhof. IL TRASPORTO PUBBLICO. Dalla stazione centrale il Messe Frankfurt Trade Fair è raggiungibile con una camminata di circa 15 minuti. Inoltre, è anche possibile arrivare alla fiera con le linee suburbane S3, S4, S5 o S6, scendendo alla fermata Messe, o con la metropolitana U4, fino a Festhalle/Messe. Questultima stazione può essere raggiunta anche con le linee 16 e 17 del tram. Infine, coloro che decideranno di arrivare a Francoforte sul Meno con i pullman di Flixbus potranno usufruire di una riduzione del 10% sul prezzo del titolo di trasporto inserendo il codice sconto ricevuto acquistando il biglietto della manifestazione. Lo stesso vale per i treni Flixtrain, operativi solo in Germania. LOFFERTA DELLA FERROVIE TEDESCHE. Cè poi lofferta di Deutsche Bahn, loperatore ferroviario dello stato tedesco, che consente di raggiungere la manifestazione a un prezzo di 54,90 euro, in seconda classe, e di 89,90 euro in prima, per uno specifico viaggio da qualunque località. Lofferta è disponibile per un numero limitato di posti, ma è pur sempre possibile acquistare dei biglietti flessibili, anchessi a prezzo bloccato, rispettivamente a 74,90 e 109,90 euro. I PARCHEGGI. Chi vorrà raggiungere in auto la manifestazione potrà usufruire dellarea parcheggio della zona Rebstock, che offre 5.400 posti multipiano, ai quali si aggiungono altri 9.600 parcheggi a terra. La tariffa giornaliera, che scende a 13 per i parcheggi scoperti, è di 14 euro e comprende il servizio navetta da e per la fiera. Fatta eccezione per il lotto Gleisdreieck, le aree di posteggio sono collocate al di fuori della zona ambientale di Francoforte e, pertanto, non sarà necessario lapposito bollino. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/07/22/salone_di_francoforte_2019_tutte_le_novita_in_arrivo_alla_rassegna_tedesca.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.IAA.DE/EN/CARS/FOR-VISITORS/PLAN-YOUR-VISIT/TICKETS-PRICES [4] https://www.quattroruote.it/tags/ionity 2019-09-06 12:16:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/volkswagen_id3_a_novembre_l_avvio_della_produzione/gallery/2019-Volkswagen-ID3-Zwickau-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27048 Volkswagen ID3 - A novembre lavvio della produzione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27048&tipo=fv La produzione della VOLKSWAGEN ID3 [1] sarà avviata il prossimo mese di novembre nella fabbrica tedesca di Zwickau. Ad annunciarlo è stata la stessa Casa di Wolfsburg che si appresta a dare il via a una nuova era elettrica presentando il 9 settembre il primo modello di una nuova generazione di veicoli a batteria basati sulla piattaforma modulare Meb. PRIME CONSEGNE IN ESTATE. Per prepararsi allavvio della produzione di serie, lo stabilimento della Sassonia ha già sfornato 400 esemplari di pre produzione che sono attualmente impegnati nellultima fase di collaudi stradali in Europa. I primi modelli che usciranno dalle linee di Zwickau saranno destinati ad aziende partner: le prime consegne ai clienti sono infatti fissate per la prossima estate. Inizialmente le elettriche saranno consegnate a chi ha riservato un esemplare online: da quando è stata avviata la campagna di preordine, la Volkswagen ha già ricevuto oltre 30.000 prenotazioni. 1,2 MILIARDI PER TRASFORMARE ZWICKAU. La fabbrica di Zwickau, dove attualmente vengono prodotte le Golf e Passat, sarà convertita totalmente alla produzione di auto elettriche: entro il 2021 lo stabilimento tedesco produrrà sei differenti modelli basati sulla piattaforma Meb per tre marchi del gruppo Volkswagen con una capacità annua di 330.000 veicoli. Per la trasformazione del sito produttivo (dove sono già in costruzione 12 nuovi edifici) sono stati programmati 1,2 miliardi di euro di investimenti, 800 milioni dei quali già impiegati per laggiornamento delle linee, dove sono presenti 1.600 robot che hanno permesso di incrementare di 150 unità giornaliere la capacità produttiva, fino a un totale di 1.500 auto. Oltre ai sistemi automatizzati, nella fabbrica della Sassonia trovano impiego 8.000 persone. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLKSWAGEN-ID-3 2019-09-06 12:16:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/06/volkswagen_accordo_con_northvolt_per_la_produzione_delle_batterie/gallery/2019-volkswagen-sede-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27047 Volkswagen - Joint-venture con Northvolt per la produzione delle batterie http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27047&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha avviato la collaborazione con la Northvolt per la produzione di batterie agli ioni di litio costituendo una joint venture paritetica. La nuova società nasce nel quadro dellINTESA SOTTOSCRITTA A GIUGNO [2] che ha stabilito lingresso dei tedeschi nel capitale dellazienda svedese con una quota del 20% e specifici contratti per la realizzazione di una nuova fabbrica per accumulatori in Germania. IMPIANTO A SALZGITTER. Lo stabilimento sarà realizzato a Salzgitter, nella Bassa Sassonia, con i lavori di costruzione che partiranno lanno prossimo e saranno finanziati con parte dei 900 milioni di euro concordati a giugno come esborso a carico della Volkswagen per la firma dellaccordo di investimento. La produzione, il cui avvio è previsto tra la fine del 2023 e linizio del 2024, avrà inizialmente una capacità annuale di 16 GWh. GLI OBIETTIVI DELLA VOLKSWAGEN. La nuova fabbrica avrà il compito di fornire alla Volkswagen parte delle batterie necessarie per la sua strategia di elettrificazione della gamma. Il gruppo tedesco, che tra laltro ha firmato accordi di fornitura con altri produttori di accumulatori (come la cinese Catl, le coreane LG Chem e Samsung) e ha partecipato con la BMW a una raccolta fondi per unulteriore fabbrica della Northvolt in Svezia, ha bisogno dal 2025 di dispositivi di stoccaggio per oltre 150 GWh lanno per la produzione in Europa delle nuove vetture a zero emissioni (unanalogo livello di domanda è prevista anche in Asia). La STRATEGIA PER LELETTRIFICAZIONE [3] lanciata dalla Casa di Wolfsburg e da tutti gli altri marchi controllati (Audi, Skoda, Seat, Porsch, etc) prevede il lancio di 70 nuovi modelli elettrici nei prossimi dieci anni e la produzione di almeno 22 milioni di veicoli sulle varie piattaforme dedicate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/13/BATTERIE_VOLKSWAGEN_E_BMW_FINANZIANO_LA_FABBRICA_DI_NORTHVOLT_IN_SVEZIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/03/12/GRUPPO_VOLKSWAGEN_NUOVA_SCOSSA_ALLE_STRATEGIE_DI_ELETTRIFICAZIONE.HTML 2019-09-06 11:24:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/06/salone_di_francoforte_2019_date_biglietti_novita_informazioni_utili/gallery/2019-salone-di-francoforte-guida-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27046 Salone di Francoforte - Le informazioni utili per andarci http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27046&tipo=fv Manca poco ormai allInternationale Automobil-Ausstellung (IAA) 2019, la 68a edizione del SALONE DELLAUTOMOBILE DI FRANCOFORTE [1]. Le giornate di martedì 10 e mercoledì 11 settembre, nel corso delle quali vi mostreremo dal vivo LE PIù IMPORTANTI NOVITà [2], saranno dedicate alle anteprime per la stampa, mentre per giovedì 12 e venerdì 13 sono in programma i Trade days, dedicati agli operatori dellautomotive. Lapertura al pubblico avverrà da sabato 14 a domenica 22 settembre, dalle ore 9 alle 19, fatta eccezione per venerdì 20 settembre, quando la manifestazione aprirà i battenti dalle 11 alle 21. IL LISTINO E LE AGEVOLAZIONI. Il ticket giornaliero per gli adulti ha un costo di 17 euro nel weekend e di 15 negli altri giorni della settimana. Se lacquisto avviene ONLINE [3], la tariffa si riduce rispettivamente a 15 e 13 euro. Di 35 euro è, invece, il prezzo del biglietto famiglia, acquistabile solo al botteghino e valido fino a un massimo di due adulti e tre under 14, mentre quello per studenti e apprendisti, così come il ridotto generico, ha un costo di 8,5 euro. Chi ha solo poche ore a disposizione può acquistare il biglietto pomeridiano, valido da lunedì 16 a venerdì 20 settembre, a un costo di 11 euro (9 online) che scendono a 5,5 euro in caso di riduzione. Su internet è inoltre possibile comprare a 19 euro un biglietto regalo che consente di accedere ai padiglioni per due giorni consecutivi. I disabili, i loro accompagnatori e i bambini al di sotto dei 7 anni entrano gratis. LA STRUTTURA E I TEST DRIVE. La manifestazione, come sempre, avrà luogo presso i locali del Messe Frankfurt Trade Fair, lenorme polo fieristico della città. Qui, potrete anche testare diverse vetture come la BMW i3, la Dacia Duster, le Ford Mondeo Hybrid ed Explorer, le Honda CR-V Hybrid, Civic Type R e Civic 4 porte, ma anche le Hyundai i30, Kona , Nexo, Ioniq, Santa Fe e Tucson. Non mancherà inoltre la possibilità di guidare la Jaguar I-Pace, le varie Kia ProCeed, Sportage, Stinger ed XCeed, la Renault Zoe, la gamma Tesla e la Volkswagen e-Golf. I visitatori potranno poi testare lefficacia della ricarica rapida di IONITY [4] e sperimentare i moderni sistemi di parcheggio automatico. E a proposito di automazione, due bus a guida autonoma saranno a disposizione dei visitatori allinterno della struttura. Infine, in unarea di 1.500 mq sarà possibile mettere alla prova biciclette elettriche ed e-scooter. GLI AEREI. DallItalia è possibile arrivare in aereo a Francoforte sul Meno partendo dalle città di Milano (Malpensa, Linate e Orio al Serio), Venezia (Venezia Tessera e Treviso SantAngelo) e Roma (Fiumicino), ma anche da Napoli (Capodichino) e Catania (Comiso). I taxi impiegano solo 20 minuti per raggiungere la manifestazione dallaeroporto di Francoforte. Non mancano trasporti ferroviari che collegano lhub aeroportuale alla stazione Frankfurt/Main Hauptbahnhof. IL TRASPORTO PUBBLICO. Dalla stazione centrale il Messe Frankfurt Trade Fair è raggiungibile con una camminata di circa 15 minuti. Inoltre, è anche possibile arrivare alla fiera con le linee suburbane S3, S4, S5 o S6, scendendo alla fermata Messe, o con la metropolitana U4, fino a Festhalle/Messe. Questultima stazione può essere raggiunta anche con le linee 16 e 17 del tram. Infine, coloro che decideranno di arrivare a Francoforte sul Meno con i pullman di Flixbus potranno usufruire di una riduzione del 10% sul prezzo del titolo di trasporto inserendo il codice sconto ricevuto acquistando il biglietto della manifestazione. Lo stesso vale per i treni Flixtrain, operativi solo in Germania. LOFFERTA DELLA FERROVIE TEDESCHE. Cè poi lofferta di Deutsche Bahn, loperatore ferroviario dello stato tedesco, che consente di raggiungere la manifestazione a un prezzo di 54,90 euro, in seconda classe, e di 89,90 euro in prima, per uno specifico viaggio da qualunque località. Lofferta è disponibile per un numero limitato di posti, ma è pur sempre possibile acquistare dei biglietti flessibili, anchessi a prezzo bloccato, rispettivamente a 74,90 e 109,90 euro. I PARCHEGGI. Chi vorrà raggiungere in auto la manifestazione potrà usufruire dellarea parcheggio della zona Rebstock, che offre 5.400 posti multipiano, ai quali si aggiungono altri 9.600 parcheggi a terra. La tariffa giornaliera, che scende a 13 per i parcheggi scoperti, è di 14 euro e comprende il servizio navetta da e per la fiera. Fatta eccezione per il lotto Gleisdreieck, le aree di posteggio sono collocate al di fuori della zona ambientale di Francoforte e, pertanto, non sarà necessario lapposito bollino. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/07/22/salone_di_francoforte_2019_tutte_le_novita_in_arrivo_alla_rassegna_tedesca.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.IAA.DE/EN/CARS/FOR-VISITORS/PLAN-YOUR-VISIT/TICKETS-PRICES [4] https://www.quattroruote.it/tags/ionity 2019-09-06 10:53:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tempo_sul_giro/2019/09/05/toyota_il_giro_a_vairano_della_supra_video/gallery/2019-Toyota-GR-Supra-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27045 Toyota - Il giro a Vairano della Supra - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27045&tipo=fv Dopo tanti anni di attesa, la TOYOTA SUPRA [1] è finalmente arrivata sul mercato. E noi labbiamo già portata sulla nostra pista di Vairano per mettere alla prova le sue doti dinamiche protandola al limite tra i cordoli. La coupé giapponese condivide la base meccanica con la nuova BMW Z4 [2]: motore 3.0 sovralimentato da 340 CV e 500 Nm, cambio automatico a otto rapporti e trazione posteriore. Una ricetta perfetta per divertirsi, su strada ma soprattutto in circuito. NEUTRA E BILANCIATA. Ed è proprio la pista il luogo perfetto dove si apprezzano al meglio le sottili sfumature che caratterizzano queste due sportive. La Supra, infatti, appare più neutra e bilanciata della tedesca, soprattutto grazie a un assetto più rigido che garantisce un minore rollio, tanto in curva quanto nei transitori. La giapponese è anche una sessantina di chili più leggera della roadster di Monaco e propone una rigidità torsionale maggiore per la presenza del tetto fisso. La Supra ha dunque tutte le carte in regola per staccare un tempo sul giro tra i migliori del segmento. Per scoprirlo non vi resta che guardare il video. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOYOTA-SUPRA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-Z4 2019-09-06 10:26:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tempo_sul_giro/2019/09/05/ferrari_f8_tributo_il_giro_di_pista_a_fiorano_video/gallery/2019-Ferrari-F8-Tributo-028.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27043 Ferrari F8 Tributo - Il giro di pista a Fiorano - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27043&tipo=fv Dopo aver guidato la FERRARI F8 TRIBUTO [1] sulle STRADE ATTORNO A MARANELLO [2], labbiamo portata in pista a Fiorano per scatenare tutta la sua potenza. la otto cilindri stradale più veloce della storia del Cavallino: il suo 3.9 biturbo arriva a erogare 720 CV a 8.000 giri/min e 770 Nm a 3.250 giri/min, 50 CV e 10 Nm in più della precedente 488 GTB [3]. ALZATE IL VOLUME. Parallelamente allincremento della potenza, gli uomini della Rossa hanno utilizzato svariate soluzioni per contenere il peso della sportiva in 1.330 kg, 40 in meno della GTB. Le prestazioni sono da brivido: 0-100 km/h in 2,9 secondi, 0-200 km/h 7,8 secondi e velocità massima di 340 km/h. Non resta altro che alzare il volume e gustarsi il sound del V8 tra i cordoli di Fiorano. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/28/FERRARI_F8_TRIBUTO_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI_EREDE_488.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/09/04/FERRARI_AL_VOLANTE_DELLA_F8_TRIBUTO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2016/10/19/TOP_DRIVE_DIRECTOR_S_CUT_FERRARI_488_GTB.HTML 2019-09-05 19:29:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/05/formula_1_il_gp_d_italia_sta_per_cominciare/gallery/2019-monza-gp-italia.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27044 Formula 1 - Inizia il weekend del GP dItalia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27044&tipo=fv LA FORMULA 1 è pronta a vivere il suo quattordicesimo appuntamento stagionale, il GRAN PREMIO DITALIA [1], che si corre a Monza, in quella che viene definito il "Tempio della velocità". LA F.1 A MONZA FINO AL 2024. Siamo già entrati nellatmosfera tipica del weekend italiano con la festa "90 ANNI DI EMOZIONI" [2] che ha celebrato i 90 anni della Ferrari e del GP dItalia in Piazza Duomo a Milano. Per loccasione, Angelo Sticchi Damiani - presidente dellAci - insieme a Chase Carey e Jean Todt hanno formalizzato laccordo che vedrà lAutodromo di Monza ospitare la gara di Formula 1 fino al 2024. FERRARI PROTAGONISTA. Chiaramente cè tanta attesa per la Scuderia di Maranello, con le tribune pronte a tingersi di rosso per un lungo weekend di passione. Dopo la prima vittoria stagionale, che è coincisa con la prima in carriera di Leclerc, la Scuderia proverà a fare il bis su un circuito che sulla carta potrebbe adattarsi alle caratteristiche della SF90. "Speriamo di essere competitivi come lo siamo stati a Spa", ha detto Vettel oggi. "Difficile fare delle previsioni, ma mi aspetto che la sfida più difficile sia quella legata alle gomme. Sarà una battaglia molto serrata". Il suo giovane compagno di squadra vivrà la prima a Monza da ferrarista e con levento di mercoledì ha avuto anche unanteprima del calore dei sostenitori italiani in favore del CAVALLINO RAMPANTE [3]. "Abbiamo dimostrato che la nostra vettura può essere competitiva su piste da basso carico aerodinamico e che se è necessario io e Seb siamo capaci di lavorare come una squadra, aiutandoci in pista così come fuori, quando si tratta di confrontare le rispettive configurazioni della vettura CASCO SPECIALE PER GIOVINAZZI [4]. Sotto la lente dingrandimento anche Antonio Giovinazzi. Il pilota dellAlfa Romeo Racing è carico per il suo primo Gran Premio dItalia e vuole togliersi qualche sassolino dalla scarpa centrando un buon risultato, qualcosa che potrebbe sollevargli il morale. Antonio, parlando oggi con i giornalisti, ha tracciato un primo bilancio della sua stagione e si dato un voto appena sotto la sufficienza: "Ho perso delle opportunità, mi dare un cinque e mezzo. Nel 2016 qui ho fatto una delle mie migliori gare in carriera: sono partito ultimo e ho vinto, davanti ai miei tifosi e alla mia famiglia. E ora sono in F.1, quindi non vedo lora di affrontare questo weekend". A Monza correrà con un casco speciale e non sarà il solo. Anche il pilota della McLaren Lando Norris ha deciso di omaggiare il suo mito italiano, Valentino Rossi, dedicandogli un casco speciale. TUTTI CON MOTORI PIù SPINTI. Sarà la gara di casa anche per la Scuderia Toro Rosso, che a Monza avrà entrambe le monoposto con la nuova Spec 4 della power unit della Honda. Dopo averla montata sulla vettura di Kvyat a Spa, la squadra darà la nuova unità anche sulla a Gasly che - a questo punto - dovrà scontare una penalità e partirà dal fondo dello schieramento. Destino simile anche per Max Verstappen con la Red Bull. A Monza ci sarà una vera e propria pioggia di penalità: oltre alle due squadre dei Tori, avranno penalità per cambio motori anche Alfa Romeo, Haas, Racing Point, Williams e McLaren. IL GP DITALIA IN TV. Chi non avrà la possibilità di vivere dal vivo lemozione della gara di Monza potrà comunque seguire in diretta tutte le fasi del Gran Premio, grazie alla copertura televisiva dedicata allevento. Sky trasmetterà in diretta esclusiva lazione del venerdì, mentre la terza sessione di libere, le qualifiche e la gara saranno trasmesse in diretta sul digitale terrestre, su TV8. VENERDì 6 SETTEMBRE Prove Libere 1 | dalle 11 in diretta su Sky Sport F1 Prove Libere 2 | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 SABATO 7 SETTEMBRE Prove Libere 3 | dalle 11 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 Qualifiche | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 DOMENICA 8 SETTEMBRE Gara | partenza alle 15.10 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?AUTODROMO_NAZIONALE_DI_MONZA_1 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/04/FORMULA_1_I_90_ANNI_FERRARI_A_MILANO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?FERRARI_20450 [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?GIOVINAZZI_ANTONIO_542037 2019-09-05 19:29:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/04/opel_astra_al_volante_del_facelift/gallery/2019-Opel-Astra-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27042 Opel Astra - Al volante del facelift, berlina e station http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27042&tipo=fv In passato, le prestazioni erano uno dei principali biglietti da visita di un nuovo modello. Recentemente, però, una notevole dose di attenzione si è spostata anche sullimpatto ambientale. Il restyling dellOPEL ASTRA [1] lo dimostra: al di là dei piccoli ritocchi estetici, infatti, i cambiamenti più significativi introdotti dallaggiornamento riguardano le nuove motorizzazioni (tutte Euro 6d), la possibilità di abbinare la trasmissione automatica a nove rapporti e una riduzione media delle emissioni fino al 21%. Nel dettaglio, i motori a benzina (tutti a tre cilindri) con cambio manuale emettono 99 g/km di CO2, mentre il diesel scende a 90 grammi per chilometro. La Casa ha inoltre ampliato la dotazione di sicurezza e di bordo, introducendo la frenata automatica demergenza con il rilevamento dei pedoni e un infotainment rivisto. AL VOLANTE DELLA SPORTS TOURER DIESEL. Parto al volante della station wagon spinta dalla nuova motorizzazione a gasolio di 1.5 litri, accreditata di 122 CV e 285 Nm di coppia massima e abbinata per la prima volta al cambio automatico a nove rapporti. Sin dalle prime curve, apprezzo il telaio aggiornato con nuovi ammortizzatori e con lasse posteriore con parallelogramma di Watts, novità che migliorano il feeling di guida. Il quattro cilindri a gasolio è progressivo, fluido e, assieme allautomatico - al debutto nel segmento - appare come un buon compagno di viaggio per chi deve fare molti chilometri. Insomma, lequilibrio generale è buono e si apprezzano anche gli affinamenti a livello di confort: i sedili ergonomici con certificazione AGR, per esempio, hanno la funzione di ventilazione e massaggio. CON LA 1.4 TURBO. Sceso dalla station, salgo sullAstra cinque porte spinta dal tre cilindri 1.4 turbobenzina con cambio automatico Cvt. Labbinamento è fluido e ben gestito, anche se ho limpressione che la spinta effettiva non sia quella della potenza dichiarata. Sul fronte della vita a bordo, come nel caso della station wagon, lo spazio non manca e si viaggia comodi anche in cinque. CONNETTIVITà. Su entrambi i modelli provati era presente il sistema di infotainment Multimedia Navi Pro, compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. Dotato di uno schermo touch a colori da 8" con possibilità di visualizzazione in modalità Tour o Sport, il sistema può essere personalizzato ed è dotato di comandi vocali: facile da usare, integra un moderno navigatore con informazioni sul traffico in tempo reale e laggiornamento online delle mappe. In attesa di conoscere il listino, si sa già qualcosa degli allestimenti: in Italia, sarà possibile scegliere tra lAstra Gs-Line, la Business Elegance e lUltimate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/05/OPEL_ASTRA_RESTYLING_USCITA_MOTORI.HTML 2019-09-05 18:42:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/05/volkswagen_e_beetle_il_vecchio_maggiolino_diventa_elettrico_al_salone_di_francoforte/gallery/2019-volkswagen-e-beetle-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27041 Volkswagen e-Beetle - Il vecchio Maggiolino diventa elettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27041&tipo=fv Il Gruppo VOLKSWAGEN [1] sarà presente al SALONE DI FRANCOFORTE [2] anche attraverso la Volkswagen Group Components, che ha realizzato un prototipo elettrico del Maggiolino. 82 CV E CIRCA 200 KM DI AUTONOMIA. Non si tratta, come molti potrebbero pensare, del modello appena uscito di produzione, ma della classica versione Cabriolet a motore posteriore, sviluppata in collaborazione con la tedesca eClassics. Tutti i componenti utilizzati sono di origine Volkswagen e in particolare il powertrain deriva DALLA E-UP! [3] con trasmissione monomarcia. Con 82 CV e batterie specifiche da 36,8 kWh la vettura tocca gli 80 km/h da fermo in otto secondi e raggiunge una velocità massima di 150 km/h, con circa 200 km di autonomia. La massa totale, superiore al modello originale, è pari a 1.280 kg. PRESTO ANCHE IL BULLI E LA PORSCHE 356. La e-Bettle esposta a Francoforte è molto vicina al modello che in futuro sarà proposto sul mercato. La Casa tedesca si dice pronta a estendere lofferta anche ad altri modelli con la stessa impostazione meccanica e sono già in fase di realizzazione i prototipi del Volkswagen Bulli e della Porsche 356. Per altri modelli è invece già stata presa in considerazione la possibilità di adottare la piattaforma MEB adattata, offrendo così prestazioni e autonomia decisamente superiori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SALONI-AUTO/SALONE-DI-FRANCOFORTE/2019.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/05/VOLKSWAGEN_E_UP_PREZZO_AUTONOMIA_BATTERIA_USCITA.HTML 2019-09-05 18:15:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2019/09/05/tomtom_al_salone_di_francoforte_con_un_prototipo_autonomo/gallery/2019-tomtom-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27040 TomTom - Al Salone di Francoforte con un prototipo autonomo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27040&tipo=fv TomTom sarà al Salone di Francoforte con un veicolo a guida autonoma, realizzato in collaborazione con Hella Aglaia. La vettura scelta per questa sperimentazione è una Volvo XC90 soprannominata Trillian, sulla quale sono state installati otto scanner laser, sei radar e una serie di telecamere capaci di garantire allelettronica di bordo una visione completa dellarea circostante. La vettura è quindi dotata di unautomazione di Livello 4 e verrà utilizzata, con operatori a bordo, per collaudare e sviluppare nuove soluzioni software. MAPPE IN TEMPO REALE. Il sistema sfrutta le mappe TomTom HD per elaborare i dati: la stessa cartografia digitale è già presente su un milione di veicoli dotati di sistemi di assistenza alla guida di Livello 1 e 2, grazie agli accordi che TomTom ha stretto con le Case automobilistiche in Europa, Asia e America. Trillian consentirà di aggiungere un tassello fondamentale alla strategia di gestione delle mappe: i sistemi di computer vision della Hella permetteranno infatti di aggiornare in tempo reale i dati attraverso il crowdsourcing, ovvero dalla rete di veicoli presenti sulle strade e il cloud, passando attraverso il servizio TomTom Autostream per distribuire le mappe aggiornate. Questa tecnologia sarà proposta alle Case costruttrici entro la fine del 2019. 2019-09-05 17:18:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/05/volkswagen_e_up_prezzo_autonomia_batteria_uscita/gallery/2019-Volkswagen-e-up-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27039 Volkswagen e-up! - Con laggiornamento aumenta lautonomia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27039&tipo=fv Le novità dellultimo aggiornamento della VOLKSWAGEN E-UP! [1] non sono solo estetiche. Lelettrica di Wolfsburg è stata modificata anche a livello tecnico e ora dispone di unautonomia maggiore. La nuova versione della cinque porte, inoltre, è proposta con un prezzo più competitivo rispetto al modello uscente: il costruttore ha infatti lobiettivo di incrementare notevolmente la produzione, dando il via alla diffusione su larga scala dei modelli elettrici. 100 KM IN PIù DAUTONOMIA. Nuove celle per le batterie hanno permesso di aumentare la capacità degli accumulatori da 18,7 kWh a 32,3 kWh, garantendo unautonomia massima di 260 km, contro i precedenti 160. Altri affinamenti hanno consentito di ridurre il dispendio denergia (12,7 kWh/100 km), mentre un nuovo caricatore di bordo assicura una riduzione dei tempi di ricarica. Per ripristinare l80% della carica basta unora utilizzando una colonnina DC da 40 kW: il processo di ricarica può essere gestito tramite unapp che, oltre a consentire di programmare lorario di inizio e fine della carica, permette di impostare la preclimatizzazione dellabitacolo e di trovare le colonnine più vicine. Il motore elettrico da 83 CV (61 kW) consente alla e-up! di completare lo 0-100 km/h in 11,9 secondi, mentre la velocità massima è di 130 km/h. CON GLI INCENTIVI A MENO DI 18.000 EURO. Oltre a questo la piccola a batterie è diventata anche più economica: in Germania il listino prezzi parte da 21.975 euro, che scendono a 17.592 euro usufruendo degli incentivi locali (2.000 euro dallo Stato e 2.380 euro dalla Volkswagen). Optando per un leasing di 36 mesi/30.000 km è inoltre prevista unofferta, valida dal 18 al 31 settembre, con rata mensile di 159 euro. La dotazione di serie comprende il climatizzatore automatico, la radio Dab con Bluetooth, il Lane Assist e una docking station per smartphone. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLKSWAGEN-UP 2019-09-05 16:30:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/05/ford_puma_titanium_x/gallery/2019-Ford-Puma-Titanium-X-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27038 Ford Puma - A Francoforte nella versione Titanium X http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27038&tipo=fv La FORD PUMA [1] inizia la sua carriera commerciale con una versione top di gamma denominata Titanium X. Questo allestimento sarà presentato al SALONE DI FRANCOFORTE [2] insieme al resto della gamma della crossover compatta, che porta al debutto per lOvale Blu anche la tecnologia Hybrid 48V per il propulsore Ecoboost 1.0 da 125 e 155 CV. DOTAZIONE AL TOP. La Puma Titanium X propone dotazioni di livello superiore per la categoria.Troviamo infatti i sedili anteriori a regolazione elettrica con massaggio lombare, la ricarica wireless per lo smartphone, il portellone elettrico, limpianto audio B O da 575 Watt, linfotainment Sync 3, le finiture esterne in nero lucido e metallic grey, il volante in pelle, i rivestimenti effetto legno sulla plancia, il climatizzatore automatico bizona, il sensore pioggia e i sensori di parcheggio posteriori. TORNANO LE FODERINE LAVABILI. I rivestimenti interni dei sedili sono stati realizzati con cover sfoderabili e lavabili. Delle cerniere consentono di rimuovere le parti per poterle lavare in lavatrice, una soluzione perfetta per chi trasporta bambini o animali ma anche per chi vuole tenere sempre in ordine labitacolo della vettura. Sarà inoltre possibile scegliere tra più varianti cromatiche da poter sostituire a proprio piacimento. IL PIENO DI ADAS. La Ford Puma Titanium X offre anche una completa dotazione di adas. Di serie troviamo infatti il Lane Keeping System con Road Edge Detection, il Pre-Collision Assist con Pedestrian Detection, lAdaptive Cruise Control con funzione Stop Go, lo Speed Sign Recognition, il Lane Centring e il Local Hazard Information. Questultimo utilizza la connessione di bordo del sistema FordPass Connect. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/26/FORD_PUMA_DIMENSIONI_MOTORI_FOTO_E_CARATTERISTICHE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-05 16:04:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2019/09/05/snam_un_nuovo_distributore_di_metano_a_san_donato_milanese_/gallery/2019-snam-1.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27037 Snam e metano - Aperto il distributore di San Donato Milanese dedicato ai dipendenti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27037&tipo=fv A San Donato Milanese, presso la sede di Snam, si è celebrato il Cng Day, convegno allinsegna della mobilità sostenibile: levento è stato loccasione per inaugurare un nuovo distributore di metano, messo a disposizione della flotta aziendale e delle auto dei dipendenti. LIMPIANTO. Il distributore della sede di San Donato, nota anche come Metanopoli, è stato realizzata da Cubogas, unazienda di Snam4Mobility. Il progetto Snamtec, del resto, prevede di investire 200 MILIONI DI EURO [1] in distributori di metano e infrastrutture destinate al biometano. Snam4Mobility ha già consegnato sette impianti, mentre sono 70 quelli già definiti nellambito di una roadmap di 300 nuovi distributori di gas naturale compresso e liquefatto da inaugurare nei prossimi anni. Solo nei prossimi mesi, in diverse zona dItalia, ne saranno aperti ben 13. IL RALLY A METANO. Il Cng Day è stata anche loccasione per ospitare la tappa italiana del Blue Corridor, una competizione di veicoli a metano impegnati su oltre 12 mila chilometri di strade europee. Organizzato da Gazprom e Uniper, levento tocca paesi come la Turchia, la Germania, il Belgio e lItalia. La tappa del Belpaese, ovviamente, non è stata scelta a caso, visto che sul suolo nazionale circolano un milione di mezzi a metano, serviti da 1.350 impianti di rifornimento: quanto basta a fare dellItalia il primo mercato europeo di tale alimentazione. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2018/11/07/snam_investimenti_per_200_milioni_di_euro_nella_transizione_energetica.html 2019-09-05 15:43:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/05/formula_e_svelata_la_nuova_audi_e_tron_fe06/gallery/2019-audi-formula-e.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27036 Formula E - Svelata la nuova Audi e-tron FE06 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27036&tipo=fv Una nuova e spettacolare livrea caratterizza la nuova AUDI E-TRON FE06. Il team di FORMULA E ha mostrato oggi le prime immagini della monoposto con la quale parteciperà al campionato 2019-2020. Sarà possibile ammirarla dal vivo, in anteprima, al Salone Internazionale dellAuto di Francoforte, la prossima settimana. NUOVO SCHEMA DI COLORI. Larancione è il colore principale della nuova Audi e-tron FE06 che va ad accentuare le linee dellintera vettura. Cè ampio spazio per la fibra di carbonio nuda, non verniciata, che si accompagna al bianco e verde. Mentre lAudi ha seguito la via della novità per quel che riguarda il design, il team ha poi optato per la continuità su tutti gli altri fronti, a cominciare dalla coppia di piloti: Lucas Di Grassi e Daniel Abt sono stati confermati per la sesta stagione consecutiva. Il team continuerà a fare affidamento sui partner storici, sia tecnici che finanziari, e accoglie in squadra il nuovo sponsor Sonax, che ha già supportato Abt durante la sua carriera. LE PRIME IMPRESSIONI DEI PILOTI. Complimenti ai designer di Audi, ha detto Daniel Abt, attualmente il pilota tedesco di maggior successo in Formula E. Ho seguito gli sviluppi della nuova livrea in queste ultime settimane e penso che il risultato sia grandioso, la macchina è molto aggressiva e sono certo sia anche molto veloce. Il suo compagno di squadra, Lucas di Grassi, ha aggiunto: I fan riconosceranno la nostra vettura immediatamente, sia dalla tv che dalle tribune. Ogni livrea delle passate stagioni ha avuto il proprio carattere unico, ma questa è senza dubbio la mia preferita. Adesso tocca a noi portarla al successo. SI COMINCIA A NOVEMBRE. Il programma che porterà alla prima gara è piuttosto serrato: dopo lintensa fase di test privati, la preparazione proseguirà nelle prossime settimane e porterà il team a unirsi a tutti gli altri nei test ufficiali di Valencia, a metà ottobre, dove saranno deliberate le vetture definitive che poi vedremo in gara a novembre per il primo appuntamento in Arabia Saudita. 2019-09-05 15:17:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/05/toyota_debutta_la_piattaforma_modulare_ga_b/gallery/2019-toyota-tnga-03.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27035 Toyota - Debutta la piattaforma modulare per le compatte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27035&tipo=fv La TOYOTA [1] è pronta a portare la sua piattaforma modulare anche nei segmenti più bassi della gamma. La TNGA (Toyota New Global Architecture) viene già utilizzata sulla Prius, sulla C-HR e sulla Corolla, inoltre la versione GA-K è stata adottata per la RAV4. Ora viene declinata nella variante GA-B, che servirà da base per i modelli futuri. OBIETTIVO COMFORT, EFFICIENZA E PIACERE DI GUIDA. Per il momento la Toyota ha svelato soltanto le immagini della scocca nuda, confermando le caratteristiche di progetto affini a quelle delle sorelle maggiori. Lobiettivo è infatti quello di ottimizzare lo spazio a bordo e la guida grazie al passo lungo, al baricentro basso e agli sbalzi contenuti. La struttura modulare consente inoltre di modificare passo, carreggiata e altezza da terra per creare una gamma di veicoli che condividano powertrain e sistemi. LA NUOVA YARIS è SERVITA. La piattaforma servirà da base per la NUOVA GENERAZIONE DELLA YARIS [2], al debutto già nel corso delle prossime settimane dopo il Salone di Francoforte, ma due elementi come laltezza da terra e il passo modificabili fanno pensare che la Casa giapponese voglia allargare lofferta anche verso nuove tipologie di carrozzeria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/07/29/TOYOTA_YARIS_TEST_AL_NURBURGRING_PER_LA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML 2019-09-05 13:27:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/05/toro_rosso_quante_affinita_tra_f_1_e_mondo_del_lavoro/gallery/2019-toro-rosso-driving-performance-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27034 Toro Rosso - Quante affinità tra F.1 e mondo del lavoro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27034&tipo=fv Sono molte le affinità tra un team di Formula 1 e uno di persone che lavorano in unazienda qualsiasi: la differenza, spesso, è data solo dai tempi di reazione agli eventi, che nel mondo dei Gran Premi, comè facile immaginare, devono essere fulminei. Il tema è stato approfondito in uno dei tanti eventi collaterali organizzati nei giorni che precedono il Gran Premio dItalia e che ha visto protagonisti da un lato Marco Perrone, ingegnere responsabile delle strategie della Scuderia Toro Rosso, dallaltro Alessandro Rovetta, docente della Randstad HR Solutions, emanazione della multinazionale specializzata in ricerca e formazione del personale. REALTà PARTICOLARE. Chiamata a raccogliere leredità della Minardi, la Toro Rosso è una realtà particolare: legata a doppio filo con la Red Bull, della quale costituisce una sorta di junior team consacrato alla ricerca di nuovi talenti (due nomi su tutti: Vettel e Verstappen), ha sedi a Faenza e nel Regno Unito (galleria del vento), più basi in Giappone (le monoposto montano power unit Honda). Questo comporta la necessità dintegrare realtà molto diverse, ha spiegato Perrone, con personale di 28 nazionalità differenti, su un totale di 550 dipendenti; solo la mia squadra è composta da un italiano, un francese, un indiano e un tedesco. Che cosa permette di amalgamare culture così differenti? Un unico obiettivo comune: mettere i piloti nella condizione di ottenere il maggior numero possibile di punti per la classifica mondiale. Uno scopo che viene perseguito con grande passione e motivazione. Indispensabili per ripetere senza stancarsi un numero infinito di prove, alla ricerca della perfezione: nel corso di una stagione, per esempio, alla Toro Rosso vengono effettuati circa 2.000 pit stop, compresi quelli di allenamento, per affinare le procedure al decimo di secondo. IMPROVVISAZIONE AL POTERE. Ma che cosè la strategia, in F.1? la ricerca dellequilibrio tra la preparazione e la capacità dimprovvisare, perché non tutto può essere previsto, ha spiegato Perrone, che aggiunge: Tra il sabato e la domenica mattina lanciamo dieci milioni _(non è un errore, ndr)_ di simulazioni di quello che può succedere in gara, a noi e ai nostri avversari: ciononostante, ci può sempre essere un imprevisto dovuto allinfinità di variabili che sfuggono agli strumenti di calcolo e alla complessità di macchine e uomini. A questo si può fare fronte solo con la propria capacità di reazione che devessere fulminea. A volte può non funzionare: A Silverstone, nel 2013, ha ricordato Perrone, a fronte della mia prima safety car andai nel pallone, restai senza fiato e non chiesi ai piloti di rientrare per un pit stop, perdendo posizioni; su questo aspetto ho lavorato molto e il resto è arrivato con lesperienza. Il risultato si è visto al Gran Premio di Germania di questanno, in una situazione complessa di pioggia intermittente, dove proprio la strategia azzeccata ha permesso a Kvyat di ottenere un brillantissimo terzo posto, alle spalle di Verstappen e Vettel. Anche le aziende hanno bisogno di questa mentalità, come ha sottolineato Rovetta: Pur su scala diversa, la capacità di reazione agli imprevisti, lesigenza di collaborazione e integrazione tra culture e funzioni diverse, la qualità dellanalisi dei dati e la rapidità di reazione agli imprevisti sono essenziali per lottenimento degli obbiettivi prefissati. E i piloti? Restano incorreggibili: Gasly e Kvyat, chiamati a esprimere il loro parere, tra una battuta laltra hanno fatto capire che, alla fine, strategie o no, alla fine a fare la differenza sono comunque loro 2019-09-05 12:58:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/05/skoda_kamiq_monte_carlo_accessori_foto_caratteristiche/gallery/2019-Skoda-Kamiq-Monte-Carlo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27033 Skoda Kamiq - Prime immagini della Monte Carlo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27033&tipo=fv Dopo la SCALA [1] anche la SKODA KAMIQ [2] viene presentata nellallestimento Monte Carlo. Il debutto di questa versione sportiva al top della gamma della crossover compatta è fissato al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. La Kamiq Monte Carlo sarà offerta in combinazione con tutte le motorizzazioni disponibili. NERO LUCIDO E TANTI ACCESSORI. La carrozzeria viene personalizzata con la finitura nero lucido della mascherina frontale, delle cornici dei vetri, delle calotte degli specchietti e dei mancorrenti sul tetto, inoltre sono previsti cerchi di lega bicolore da 17" o 18". Il nero è stato utilizzato anche per le lettere dei loghi sul portellone. La dotazione di serie include i gruppi ottici Full Led anteriori e Led posteriori, i vetri posteriori oscurati, il tetto panoramico, i sedili anteriori sportivi con poggiatesta integrati e cuciture rosse a contrasto, il volante di pelle traforata coordinato con la leva del freno a mano e del cambio, la pedaliera sportiva dalluminio, il padiglione nero e tappetini e battitacco personalizzati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/02/SKODA_SCALA_MONTE_CARLO_IMMAGINI_ACCESSORI_DOTAZIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/30/SKODA_KAMIQ_AL_VOLANTE_DELLA_1_0_TSI_115_CV_DSG.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-05 12:58:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2019/09/05/patente_arriva_la_stangata_costera_fino_a_200_euro_in_piu/gallery/Patente.jpeg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27032 Patente - Arriva la stangata: costerà fino a 200 euro in più http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27032&tipo=fv Prendere la patente costerà il 22% in più. Lo ha stabilito lAgenzia delle entrate revocando, di fatto, il regime precedente che riconosceva alle autoscuole lesenzione dellIva sulle lezioni di guida. Pertanto, a meno di improbabili ricorsi o richieste di sospensione, da oggi i corsi per conseguire la patente subiranno un sensibile ritocco allinsù nella parte relativa alle lezioni di teoria in aula e a quelle di scuola guida. Resteranno invariati, invece, tutti gli altri costi amministrativi e burocratici, dai certificati medici alle tariffe della Motorizzazione. Se si pensa che unora in unauto dellautoscuola costa, in media, 30 euro e che, sempre in media, i candidati ne fanno 12-15, il maggior costo dovrebbe aggirarsi attorno agli 80-100 euro. A cui aggiungere, il maggior costo sul corso di teoria, stimabile in 60-80 euro. LINCOGNITA RETROATTIVITà. Non solo. In base al parere dellAgenzia delle entrate, la nuova disciplina deve ritenersi retroattiva per tutti gli anni accertabili. Ciò significa che le autoscuole dovranno regolarizzare le operazioni indebitamente fatturate in esenzione, emettendo apposite note di variazione, e presentare le dichiarazioni integrative. Che molte autoscuole pensano di scaricare (come?) su tutti quelli che hanno frequentato corsi di guida negli anni scorsi. SENTENZA UE. Insomma, una mazzata. Che nasce da una recente sentenza della Corte di giustizia europea secondo cui linsegnamento della guida automobilistica in una scuola guida, pur avendo a oggetto varie conoscenze di ordine pratico e teorico, resta un insegnamento specialistico che non equivale, di per sé stesso allinsegnamento scolastico e universitario, esente dallimposta in tutta lUnione europea. Un bagno di sangue solo in piccola parte compensato dalla possibilità di esercitare il diritto alla detrazione dellimposta sugli acquisti in conseguenza del mutato regime fiscale. 2019-09-05 12:30:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/04/formula_1_i_90_anni_ferrari_a_milano/gallery/2019-ferrari-milano.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27031 Formula 1 - I 90 anni Ferrari a Milano - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27031&tipo=fv Piazza Duomo a Milano si è tinta di rosso per CELEBRARE I 90 ANNI DELLA FERRARI e laltrettanto lunga storia del GRAN PREMIO DITALIA. Dopo il successo di domenica scorsa a Spa, Charles Leclerc e Sebastian Vettel hanno incontrato la folla di tifosi radunatasi sotto la Madonnina e, insieme a loro, hanno preso parte allevento tante delle persone che hanno contribuito e tuttora lo fanno - a scrivere pagine importanti della storia della Scuderia in Formula 1. SI COMINCIA CON CHI LAVORA DIETRO LE QUINTE. Dopo i saluti di rito delle autorità, Carlo Vanzini e Federica Masolin hanno introdotto i vari ospiti sul palco che si sono schierati accanto alla Ferrari SF90, lultima in ordine cronologico protagonista della storia del Cavallino. A parlare è stato Anselmo Menabue, storico meccanico, che ha raccontato lemozione di stare a colloquio con il fondatore Enzo Ferrari: Parlare con lui era qualcosa di incredibile. Pur essendo un uomo severo, era sempre molto disponibile. Non ci ha mai chiamato operai, per lui eravamo sempre i suoi meccanici. MICK SCHUMACHER HA OMAGGIATO HUBERT. Sul palco di Piazza Duomo sono poi saliti i giovani talenti della Ferrari Driver Academy. Tra loro, anche Mick Schumacher: il tedesco ha voluto dedicare un pensiero al suo collega Anthoine Hubert, tragicamente scomparso sabato scorso durante la gara di Formula 2. "Correre a Monza è qualcosa di strepitoso, non vediamo lora di guidare, soprattutto dopo il brutto weekend che abbiamo vissuto. Vogliamo tornare a correre, è il modo migliore per ricordare Anthoine". LE VECCHIE GLORIE INFIAMMANO I TIFOSI. Quando sul palco di Piazza Duomo si è intravisto un cappello bianco, si è già capito che da lì a breve sarebbe apparso Arturo Merzario a salutare la folla. Insieme a lui anche Jean Alesi, Mario Andretti, René Arnoux, Ivan Capelli e Alain Prost. Proprio Merzario ha voluto omaggiare i tifosi accorsi in migliaia per celebrare i 90 anni della Rossa e ha detto: Il nome Ferrari riempie dorgoglio il mondo, figuriamoci cosa vuol dire per gli italiani. Che vinca o che perda, la Ferrari è sempre la Ferrari!. Poco dopo, sono arrivati anche Luca Badoer, Giancarlo Fisichella, Eddie Irvine e accolti da una grande ovazione anche Felipe Massa e Kimi Raikkonen, ancora oggi lultimo campione del mondo della rossa. IL FUTURO DEL GP DITALIA è ORA AL SICURO: SI CORRERà A MONZA ALMENO FINO AL 2024. Angelo Sticchi Damiani, Chase Carrey e Jean Todt sono saliti sul palco dellevento "90 anni di emozioni" e hanno dato lannuncio che tutti aspettavano. Il presidente dellAci ha affermato: "Siamo abituati a mantenere gli impegni. Non è stato facile, ma alla fine abbiamo trovato un accordo e adesso possiamo dirlo con serenità: il GP a Monza ci sarà fino al 2024". Poi, oltre alla stretta di mano, anche la firma simbolica sul nuovo contratto che legherà la Formula 1 allAutodromo Nazionale per altri cinque anni. "KEEP FIGHTING MICHAEL". Dopo aver presentato una carrellata di auto storiche della Ferrari, Carlo Vanzini e Marc Gené hanno dedicato un pensiero a Michael Schumacher. E dalla piazza è partito un grande, naturale e nostalgico applauso per il sette volte campione del mondo tedesco, con il consueto Keep Fighiting, continua a lottare. LINNO NAZIONALE HA ACCOLTO VETTEL E LECLERC SUL PALCO. Insieme ai due alfieri della Rossa, anche Mattia Binotto: Sono in questa squadra da 25 anni e ho visto crescere non solo lazienda, ma anche tante persone. Questo evento è qualcosa di incredibile. Essere Ferrari non è solo un hashtag, è tutto questo. Voi siete la Ferrari!, ha detto il team principal della squadra di Maranello. I cori da stadio hanno accompagnato i piloti durante le loro interviste, con tutti gli appassionati che ne siamo certi stasera rientreranno quasi senza voce. Grazie per tutto questo, per me è un sogno, ha detto Charles Leclerc. La prima vittoria è stata speciale, poi è arrivata con la Ferrari e quindi è ancora meglio. Certo, non erano le condizioni ideali per festeggiare, visto quel che è successo sabato. Ma sono sicuro che quello che sta per arrivare sarà un grande weekend. Sebastian Vettel ha anche intonato Litaliano di Toto Cutugno, insieme ai tifosi, aggiungendo poi: La Ferrari è la mia famiglia. IL FIGLIO DEL DRAKE VISIBILMENTE EMOZIONATO. Guadagnato il palco, Piero Ferrari ha salutato i tifosi dicendo: Questa è una grande emozione. Sono in Ferrari da più di cinquantanni e ho vissuto tante emozioni, sia belle che brutte. E questa è sicuramente una delle più belle: vivere lentusiasmo di chi ci ama e che ama lautomobile. Grazie a tutti voi. TUTTI PAZZI PER GIOVINAZZI. Piazza Duomo ha anche salutato lunico italiano in Formula 1, Antonio Giovinazzi, che ha raccontato: Questo è il mio primo weekend del Gran Premio dItalia e mi ricordo, giusto qualche anno fa, quando venivo qui a fare il tifo per la Ferrari. Sembra un sogno oggi essere qui e rappresentare lItalia. Sarà un fine settimana indimenticabile. Domani svelerò il mio nuovo casco, dove ci sarà tanta Italia: non vedo lora di farvelo vedere. PASSATO E PRESENTE SI FONDONO. Luca Cordero di Montezemolo, Maurizio Arrivabene, Rory Byrne, Jean Todt, Stefano Domenicali e Cesare Fiorio sono saliti sul palco, insieme a tutti gli altri ospiti già intervenuti, per essere presenti alla foto di gruppo che suggella un momento storico. Una sorta di foto di famiglia, insieme a un folto gruppo di persone che hanno scritto le pagine della storia della Scuderia Ferrari. VITTORIA! DOPPIETTA! Levento si è chiuso con un urlo un po scomposto, ma comunque ben chiaro, tra chi invocava la vittoria e chi un podio tutto rosso. Sarà la pista a dare le proprie sentenze, ma è innegabile che Sebastian Vettel, Charles Leclerc e tutta la Scuderia Ferrari porteranno con sé una grande carica dadrenalina in questo speciale Gran Premio dItalia, grazie ai loro tifosi. 2019-09-05 12:00:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/05/nissan_compensi_indebiti_per_il_ceo_saikawa/gallery/2019-saikawa-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27030 Nissan - "Compensi indebiti" per il ceo Saikawa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27030&tipo=fv Lattuale ceo della NISSAN [1], Hiroto Saikawa, ha ammesso di aver percepito compensi più alti del previsto grazie a un sistema di incentivi gestito internamente dallazienda. Dopo il caso CARLOS GHOSN [2], un altro scandalo potrebbe coinvolgere il management della Casa giapponese, che dovrebbe discutere la questione in un consiglio di amministrazione in programma il 9 settembre, secondo quanto riportato da alcuni media locali. LE PROCEDURE PAREVANO CORRETTE. In base alla ricostruzione di unindagine interna, una metodologia di remunerazioni legata agli stock azionari ha generato, per il numero uno della Nissan, una retribuzione superiore al dovuto, quantificabile in decine di milioni di yen. Saikawa ha dichiarato che la gestione di tale remunerazione si basava su procedure errate, ma ha anche aggiunto di non essere a conoscenza di tale malfunzionamento. UNA CIRCOSTANZA PREGRESSA. Il manager giapponese ha detto che restituirà limporto in eccesso. E ha spiegato che il metodo scorretto di compensazione era stato creato nella gestione precedente, quella di Carlos Ghosn. Lex presidente, ora in attesa di giudizio, è stato arrestato lo scorso novembre con laccusa di aver sottostimato i propri compensi per quasi 10 anni e per abuso di fiducia aggravata. In seguito a questa vicenda, la Nissan ha approvato un progetto di riforma della corporate governance, costituendo tre comitati separati: nomine, audit e remunerazioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CARLOS-GHOSN 2019-09-05 11:34:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/08/08/unrae_l_allarme_di_cardinali/gallery/2019_Cardinali _Unrae.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27029 Unrae - Lallarme di Cardinali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27029&tipo=fv Le SOCIETà DI NOLEGGIO [1] sono sedute su una bomba a orologeria. La demonizzazione del DIESEL [2], presente nell80% dei veicoli a noleggio sta distruggendo valore senza un valido motivo. Lallarme viene da ANDREA CARDINALI, direttore generale dellUNRAE [3], lassociazione delle Case estere. E a proposito dellannuncio dellex ministro dellInterno MATTEO SALVINI circa lintenzione di rendere totalmente detraibile lIva sulle auto aziendali, su cui, ovviamente, nessuno avrebbe da obiettare, Cardinali ricorda che nel catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi predisposto dal ministero dellAmbiente compaiono le accise ridotte sul gasolio e le agevolazioni per le auto aziendali in fringe benefit. E avverte: Non vorremmo che con la mano sinistra il governo concedesse 0,5 miliardi di detraibilità e con la mano destra eliminasse 1,2 miliardi di euro di fringe benefit. DOMANDA. Partiamo dal mercato. Nei primi sette mesi, fonte Unrae, le immatricolazioni a noleggio a lungo termine, dopo anni di crescita e nonostante un mercato potenziale ancora molto vasto, sono rimaste stabili e gli acquisti in proprietà o in leasing delle imprese sono calati dell1,7%. Che cosa sta accadendo allauto aziendale? RISPOSTA. In generale sul mercato cè molta incertezza, anche nel mondo business tra gli operatori specializzati e i responsabili degli acquisti delle aziende. Incertezza legata certamente al quadro economico complessivo, ma anche alla cornice normativa del mondo automotive, in particolare riguardo alle tecnologie di alimentazione. Oggi prendere decisioni in questo ambito è difficile, anche perché si assiste a una sorta di balcanizzazione della situazione, sia riguardo ai sistemi di premialità e penalizzazione sugli acquisti, sia sul fronte delle restrizioni alla circolazione. Le amministrazioni locali procedono autonomamente, con provvedimenti estemporanei, a volte contraddittori o privi di fondamento scientifico e, soprattutto, senza alcun coordinamento. Anzi, si arriva al punto in cui il coordinamento è paradossalmente percepito come un disvalore, ogni amministrazione punta ad emergere prendendo in autonomia decisioni sempre più severe, che però hanno un impatto molto più vasto del perimetro di competenza. La fuga in avanti diventa motivo di distinzione e il quadro complessivo è molto mutevole. Tutto ciò non può che provocare distorsioni e incertezze, disorienta il privato ma anche limpresa. I dati mostrano che la domanda di auto a gasolio crolla, ma le alimentazioni alternative non riescono a rimpiazzarla. Il risultato è che aumentano le immatricolazioni a benzina e, quindi, le emissioni di anidride carbonica. DOMANDA. Tutto ciò mentre a livello centrale e sovranazionale il nemico numero uno è proprio lanidride carbonica RISPOSTA. Abbiamo due malattie diverse ed è difficile trovare una cura che vada bene per entrambe, per i clima-alteranti e per gli inquinanti. La panacea non esiste, o almeno non su larga scala. DOMANDA. E poi cè un panorama macroeconomico non proprio rassicurante e una politica economica e fiscale insufficiente e spesso contraddittoria RISPOSTA. Sicuramente il quadro macroeconomico non aiuta, ma quello fiscale nemmeno. Si pensi solo al superammortamento, introdotto nel 2016 e ucciso nella culla, per poi resuscitarlo in modo parziale e tardivo. E invece cè bisogno di misure con un orizzonte di lungo periodo, in particolare per le imprese, che hanno bisogno di programmare. Tutto ciò contribuisce a generare incertezza. DOMANDA. In teoria, però, le imprese, sullauto, dovrebbero essere meno soggette dei privati a tutte queste incertezze. In fondo il tasso di rotazione dellauto nelle aziende è alto e, quindi, possono permettersi in misura maggiore rispetto a un privato il lusso, diciamo così, di sbagliare alimentazione, per esempio. Lorizzonte dei consumatori è più profondo e, quindi, scelte dacquisto poco lungimiranti rischiano di avere effetti penalizzanti prima e più a lungo. RISPOSTA. vero. Ma bisogna considerare anche un altro aspetto. Nel caso dei privati, dopo 7-8 anni il valore residuo dellauto è prossimo allo zero indipendentemente dal tipo di auto acquistata. Per le imprese, invece, è fondamentale conoscere in anticipo il valore futuro del bene. Con un calcolo estremamente approssimativo, se ipotizziamo un valore medio pari a 15 mila euro per unauto a noleggio attualmente in circolazione, il valore contabile del circolante, pari a un milione di vetture, è pari a 15 miliardi di euro. Una perdita di valore dell1% equivale a 150 milioni di euro. Si tratta di veicoli che saranno progressivamente immessi sul mercato dellusato, e l80% sono a gasolio: il business del noleggio a lungo termine affronta unincognita di enorme portata. La demonizzazione del diesel sta distruggendo valore, senza un valido motivo. E non è una difesa di parte: un motore a gasolio di ultima generazione ha emissioni inquinanti inferiori rispetto alle concentrazioni presenti nellaria delle città in cui circola. DOMANDA. Ma la politica se ne rende conto? Qual è latteggiamento rispetto allauto? RISPOSTA. Non cè un atteggiamento, ce ne sono almeno due A parte la battuta, secondo me finora cè stato un problema di coordinamento verticale tra politica e imprese ma anche orizzontale tra i vari ministeri coinvolti e competenti, MIT, MEF, MISE e MATTM. E anche quello dellInterno, specie dopo lannuncio ad effetto dellex-ministro Salvini al Dealer Day sulla detraibilità totale dellIVA, oggi pari, in deroga alle norme Ue, al 40%. Una proposta che nessuno sinora aveva osato chiedere in una forma così radicale, ma sulla quale, ovviamente, nessuno avrebbe da obiettare. E che costerebbe allo stato mezzo miliardo di euro. Tuttavia, grazie allincremento delle vendite ed al conseguente aumento del gettito IVA e IPT, è ragionevole stimare un costo netto, reale, pari a un decimo di questa cifra, appena 50 milioni. Parliamoci chiaro, una misura simile non potrebbe che farci piacere. Il fatto è, però, che nel catalogo dei sussidi ambientalmente dannosi predisposto dal ministero dellAmbiente compaiono le accise ridotte sul gasolio e le agevolazioni per le auto aziendali in fringe benefit. Queste ultime, in particolare, valgono 1,2 miliardi di euro. Ecco, non vorremmo che con la mano sinistra il governo concedesse 0,5 miliardi di detraibilità e con la mano destra eliminasse 1,2 miliardi di euro di fringe benefit. vero che questa misura non toccherebbe direttamente le aziende, tuttavia disincentiverebbe i loro dipendenti dallopzione auto aziendale, rendendola meno conveniente rispetto ad un rimborso spese. Sarebbe una marcia indietro molto preoccupante, che ci allontanerebbe ancora di più dai mercati europei maggiormente evoluti. Non solo. Ciò impatterebbe negativamente sul processo di svecchiamento del parco circolante, di cui invece le imprese potrebbero essere protagoniste e volàno. Invece di immaginare estemporanee forme di rottamazione, che provocano sensibili accelerazioni seguite da brusche frenate, bisognerebbe fra laltro - spingere sullo spostamento strutturale dallauto privata verso quella aziendale, certo non frenarlo. DOMANDA. A proposito di politica economica, lo scorso autunno il neonato governo giallo-verde puntò, alla prova della sua prima manovra, sul bonus-malus. Una misura, tra laltro, dallorizzonte triennale. Che bilancio se ne può fare dopo sei mesi? RISPOSTA. Rispetto a ciò che dicevo poco fa il malus è un nonsenso. In Italia circolano quasi 13 milioni di vetture ante Euro 4, per tacere di veicoli commerciali, industriali e autobus, e il governo cosa fa? Penalizza le nuove immatricolazioni! Nellambito automobilistico che comunque ha meno colpe di altri settori - il vero malato dItalia è il parco circolante, invece ci si accanisce contro veicoli moderni e virtuosi: un autentico paradosso. Il bonus, poi, non è criticabile in quanto tale, ovviamente, ma per le modalità con cui è stato modulato. Personalmente credo che la sua entità stenti a modificare la reale propensione allacquisto di un consumatore, ed al momento è impossibile dire se la misura stia realmente contribuendo a svecchiare il circolante, non sapendo ancora quante fra le vetture incentivate siano state accompagnate da una rottamazione. Nellinsieme, comunque, non sembra funzionare: il tasso di crescita delle auto elettriche nel periodo 1 marzo-31 luglio 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018 è stato inferiore a quello registrato un anno fa rispetto al 2017. Qualcuno potrebbe addirittura pensare che lecobonus abbia frenato la crescita dellelettrico Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO-A-LUNGO-TERMINE [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DIESEL [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/UNRAE 2019-09-05 11:34:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/05/smart_restyling_per_fortwo_e_forfour_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-smart-restyling-fortwo-forfour-cabrio-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27028 Smart - Restyling per la fortwo e la forfour al Salone di Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27028&tipo=fv La SMART [1] presenta al SALONE DI FRANCOFORTE [2] il restyling dei modelli fortwo e forfour, confermando loccasione laddio ai propulsori endotermici: il marchio tedesco è infatti il primo a passare totalmente alla trazione elettrica, proposta sin dal 2007 sui propri modelli. FRONTALE NUOVO E DIFFERENZIATO TRA FORTWO E FORFOUR. Lintervento estetico è concentrato nel frontale, dove troviamo gruppi ottici aggiornati (full led in opzione) e soprattutto un paraurti che modifica totalmente gli equilibri rispetto al passato. Il logo del marchio è sostituito dalla scritta e lintera griglia è spostata versione basso, dove sono integrati anche il sensore per gli adas, le prese daria laterali e i fendinebbia circolari. In coda sono inediti i fari, ma gli ingombri sono gli stessi del passato. Per la prima volta il frontale è stato differenziato tra due e quattro porte, per un ulteriore tocco di personalità. INFOTAINMENT RIVISTO E APP PER LO SHARING PRIVATO. Gli interni, al di là del nuovo portaoggetti posizionato davanti alla leva del cambio, sono identici al passato e le novità sono racchiuse nellinfotainment con display da otto pollici, rivisto totalmente nelle funzioni e capace ora di supportare gli standard Apple CarPlay e Android Auto. La connettività di bordo permette anche di gestire lauto in remoto attraverso una la EQ Controll App, che offre laccesso ai servizi Ready to Park e Ready to Charge. Qui lutente può localizzare la vettura, controllare lautonomia, attivare le serrature e la pre-climatizzazione, verificare la disponibilità di parcheggi nel punto darrivo e persino capire se un pacco può entrare nel bagagliaio della vettura. Una delle funzioni più innovative è quella dello sharing privato, che permette sia di condividere lauto gratuitamente con i propri familiari sia di stabilire un gruppo di utenti a cui proporre un prezzo al minuto ed effettuare le transazioni attraverso la piattaforma ufficiale. OPZIONI RIDOTTE AL MINIMO E NUOVI COLORI. La Smart ha semplificato ulteriormente la gamma dei suoi modelli: oltre a proporre soltanto la versione elettrica, gli allestimenti disponibili sono tre, denominati Passion, Pulse e Prime, e possono essere abbinati solamente a tre pacchetti di optional (Advanced, Premium ed Exclusive). Lunica ulteriore opzione è quella relativa alla tinta: la Smart ha deciso di offrire nuove combinazioni per la cellula tridion e per i pannelli introducendo le varianti Carmine Red, Lime Green e Gold Beige per la fortwo e Ice White e Steel Blue per la forfour. Anche gli interni propongono combinazioni inedite. Sono infine previsti quattro disegni per i cerchi in lega da 15 e 16 pollici, anche in versione bicolore. 159 KM DI AUTONOMIA E FINO A 3,5 ORE PER LA RICARICA. Il powertrain è quello del modello uscente, da 82 CV e 160 Nm, che permette di toccare i 130 km/h e di passare da 0 a 100 km/h in un tempo compreso tra 11,6 e 12,7 secondi in base al modello e allallestimento. Lautonomia con le batterie da 17,6 kWh varia da 145 a 159 km nel ciclo Nedc. Attraverso il caricabatterie opzionale di bordo da 22 kW è possibile passare dal 10% all80% della carica in meno di 40 minuti con sistemi rapidi, inoltre la EQ Control App permette di sfruttare il network di ricarica Plugsurfing per utilizzare un unico account sulle varie piattaforme. Con una normale presa casalinga da 230 Volt, sono necessarie 3,5 ore per una ricarica completa delle batterie. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SMART [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE-2019 2019-09-05 00:26:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/04/formula_1_i_90_anni_ferrari_a_milano/gallery/2019-ferrari-milano.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27027 Formula 1 - I 90 anni Ferrari a Milano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27027&tipo=fv Piazza Duomo a Milano si è tinta di rosso per CELEBRARE I 90 ANNI DELLA FERRARI e laltrettanto lunga storia del GRAN PREMIO DITALIA. Dopo il successo di domenica scorsa a Spa, Charles Leclerc e Sebastian Vettel hanno incontrato la folla di tifosi radunatasi sotto la Madonnina e, insieme a loro, hanno preso parte allevento tante delle persone che hanno contribuito e tuttora lo fanno - a scrivere pagine importanti della storia della Scuderia in Formula 1. SI COMINCIA CON CHI LAVORA DIETRO LE QUINTE. Dopo i saluti di rito delle autorità, Carlo Vanzini e Federica Masolin hanno introdotto i vari ospiti sul palco che si sono schierati accanto alla Ferrari SF90, lultima in ordine cronologico protagonista della storia del Cavallino. A parlare è stato Anselmo Menabue, storico meccanico, che ha raccontato lemozione di stare a colloquio con il fondatore Enzo Ferrari: Parlare con lui era qualcosa di incredibile. Pur essendo un uomo severo, era sempre molto disponibile. Non ci ha mai chiamato operai, per lui eravamo sempre i suoi meccanici. MICK SCHUMACHER HA OMAGGIATO HUBERT. Sul palco di Piazza Duomo sono poi saliti i giovani talenti della Ferrari Driver Academy. Tra loro, anche Mick Schumacher: il tedesco ha voluto dedicare un pensiero al suo collega Anthoine Hubert, tragicamente scomparso sabato scorso durante la gara di Formula 2. "Correre a Monza è qualcosa di strepitoso, non vediamo lora di guidare, soprattutto dopo il brutto weekend che abbiamo vissuto. Vogliamo tornare a correre, è il modo migliore per ricordare Anthoine". LE VECCHIE GLORIE INFIAMMANO I TIFOSI. Quando sul palco di Piazza Duomo si è intravisto un cappello bianco, si è già capito che da lì a breve sarebbe apparso Arturo Merzario a salutare la folla. Insieme a lui anche Jean Alesi, Mario Andretti, René Arnoux, Ivan Capelli e Alain Prost. Proprio Merzario ha voluto omaggiare i tifosi accorsi in migliaia per celebrare i 90 anni della Rossa e ha detto: Il nome Ferrari riempie dorgoglio il mondo, figuriamoci cosa vuol dire per gli italiani. Che vinca o che perda, la Ferrari è sempre la Ferrari!. Poco dopo, sono arrivati anche Luca Badoer, Giancarlo Fisichella, Eddie Irvine e accolti da una grande ovazione anche Felipe Massa e Kimi Raikkonen, ancora oggi lultimo campione del mondo della rossa. IL FUTURO DEL GP DITALIA è ORA AL SICURO: SI CORRERà A MONZA ALMENO FINO AL 2024. Angelo Sticchi Damiani, Chase Carrey e Jean Todt sono saliti sul palco dellevento "90 anni di emozioni" e hanno dato lannuncio che tutti aspettavano. Il presidente dellAci ha affermato: "Siamo abituati a mantenere gli impegni. Non è stato facile, ma alla fine abbiamo trovato un accordo e adesso possiamo dirlo con serenità: il GP a Monza ci sarà fino al 2024". Poi, oltre alla stretta di mano, anche la firma simbolica sul nuovo contratto che legherà la Formula 1 allAutodromo Nazionale per altri cinque anni. "KEEP FIGHTING MICHAEL". Dopo aver presentato una carrellata di auto storiche della Ferrari, Carlo Vanzini e Marc Gené hanno dedicato un pensiero a Michael Schumacher. E dalla piazza è partito un grande, naturale e nostalgico applauso da per il sette volte campione del mondo tedesco, con il consueto Keep Fighiting, continua a lottare. LINNO NAZIONALE HA ACCOLTO VETTEL E LECLERC SUL PALCO. Insieme ai due alfieri della Rossa, anche Mattia Binotto: Sono in questa squadra da 25 anni e ho visto crescere non solo lazienda, ma anche tante persone. Questo evento è qualcosa di incredibile. Essere Ferrari non è solo un hashtag, è tutto questo. Voi siete la Ferrari! ha detto il team principal del team di Maranello. I cori da stadio hanno accompagnato i piloti durante le loro interviste, con tutti gli appassionati che ne siamo certi stasera rientreranno quasi senza voce. Grazie per tutto questo, per me è un sogno ha detto Charles Leclerc. La prima vittoria è stata speciale, poi è arrivata con la Ferrari e quindi è ancora meglio. Certo, non erano le condizioni ideali per festeggiare, visto quel che è successo sabato. Ma sono sicuro che quello che sta per arrivare sarà un grande weekend. Sebastian Vettel ha anche intonato Litaliano di Toto Cutugno, insieme ai tifosi, aggiungendo poi: La Ferrari è la mia famiglia. IL FIGLIO DEL DRAKE VISIBILMENTE EMOZIONATO. Guadagnato il palco, Piero Ferrari ha salutato i tifosi dicendo: Questa è una grande emozione. Sono in Ferrari da più di cinquantanni e ho vissuto tante emozioni, sia belle che brutte. E questa è sicuramente una delle più belle: vivere lentusiasmo di chi ci ama e che ama lautomobile. Grazie a tutti voi. TUTTI PAZZI PER GIOVINAZZI. Piazza Duomo ha anche salutato lunico italiano in Formula 1, Antonio Giovinazzi, che ha raccontato: Questo è il mio primo weekend del Gran Premio dItalia e mi ricordo, giusto qualche anno fa, quando venivo qui a fare il tifo per la Ferrari. Sembra un sogno oggi essere qui e rappresentare lItalia. Sarà un fine settimana indimenticabile. Domani svelerò il mio nuovo casco, dove ci sarà tanta Italia: non vedo lora di farvelo vedere. PASSATO E PRESENTE SI FONDONO. Luca Cordero di Montezemolo, Maurizio Arrivabene, Rory Byrne, Jean Todt, Stefano Domenicali e Cesare Fiorio sono saliti sul palco, insieme a tutti gli altri ospiti già intervenuti, per essere presenti alla foto di gruppo che sugella un momento storico. Una sorta di foto di famiglia, insieme a un folto gruppo di persone che hanno scritto le pagine della storia della Scuderia Ferrari. VITTORIA! DOPPIETTA! Levento si è chiuso con un urlo un po scomposto, ma comunque ben chiaro, tra chi invocava la vittoria e chi un podio tutto rosso. Sarà la pista a dare le proprie sentenze, ma è innegabile che Sebastian Vettel, Charles Leclerc e tutta la Scuderia Ferrari porteranno con sé una grande carica dadrenalina in questo speciale Gran Premio dItalia, grazie ai suoi tifosi. 2019-09-04 20:48:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/04/FCA_Pomigliano_Alfa_Romeo_Tonale/gallery/2019-Tonale.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27026 Gruppo FCA - Alfa Romeo Tonale, investimento da un miliardo a Pomigliano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27026&tipo=fv Il GRUPPO FCA [1] ha avviato un piano di investimenti da un miliardo di euro per preparare lo stabilimento di Pomigliano alla produzione dellALFA ROMEO TONALE [2] e della versione ibrida della FIAT PANDA [3]. Lannuncio è stato dato dalla direzione aziendale ai rappresentanti sindacali. LALFA TORNA A POMIGLIANO. La scelta dello stabilimento campano era nota da tempo, ma la conferma è arrivata solo oggi nel corso di un incontro organizzato al ministero dello Sviluppo Economico in occasione del rinnovo, per ulteriori 12 mesi, della cassa integrazione straordinaria per 4.500 dipendenti dellimpianto. La TONALE [4] riporta il marchio milanese a Pomigliano dopo quasi dieci anni (gli ultimi modelli prodotti sono stati la 147 e la 159): la Suv verrà assemblata nella prima metà del 2021, mentre lanno prossimo è atteso larrivo, sulle catene di montaggio, della nuova versione della Panda. LAVORI GIà INIZIATI. Il programma di investimenti è stato avviato già ain agosto con linstallazione di robot di nuova generazione per la verniciatura: nel corso dei prossimi mesi, lintervento interesserà tutte le aree e i reparti dello stabilimento. Quanto stanziato dal gruppo italo-americano rientra nel più ampio piano industriale per lItalia che prevede limpegno a spendere 5 MILIARDI DI EURO ENTRO IL 2021 [5] per la localizzazione di nuove produzioni in vari impianti del territorio nazionale. Negli ultimi mesi sono stati svelati, per esempio, i programmi per produrre la JEEP RENEGADE [6], la Fiat 500X ibrida e la Jeep Compass a Melfi, nonché la 500 ELETTRICA [7] a Mirafiori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/11/29/GRUPPO_FCA_LA_SUV_COMPATTA_ALFA_ROMEO_ASSEGNATA_A_POMIGLIANO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FIAT/PANDA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/07/24/ALFA_ROMEO_A_VAIRANO_CON_LA_TONALE.HTML [5] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2019/06/21/gruppo_fca_confermati_i_5_miliardi_di_euro_di_investimenti_per_l_italia.html [6] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2018/10/08/gruppo_fca_investimento_da_200_milioni_di_euro_a_melfi_per_la_jeep_renegade_phev.html [7] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2019/07/11/gruppo_fca_gorlier_per_la_fiat_500_elettrica_investiti_700_milioni_di_euro_.html 2019-09-04 20:22:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/04/formula_1_i_90_anni_ferrari_a_milano/gallery/2019-ferrari-milano.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27025 Formula 1 - I 90 anni Ferrari a Milano - LIVE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27025&tipo=fv Piazza Duomo a Milano si è tinta di rosso per CELEBRARE I 90 ANNI DELLA FERRARI e laltrettanto lunga storia del GRAN PREMIO DITALIA. Dopo il successo di domenica scorsa a Spa, Charles Leclerc e Sebastian Vettel incontreranno la folla di tifosi radunatasi sotto la Madonnina e insieme a loro ci saranno gran parte delle persone che hanno contribuito a scrivere pagine importanti della storia della Ferrari, come Gerhard Berger e Jean Alesi. Presente e futuro si fondono, grazie alla presenza di alcuni dei talenti della Ferrari Driver Academy, come Mick Schumacher e Giuliano Alesi. Le foto più belle e le parole dei protagonisti, in diretta, su questa pagina! SUL PALCO I MECCANICI STORICI, COLLABORATORI DI ENZO FERRARI. Carlo Vanzini e Federica Masolin hanno introdotto i vari ospiti sul palco, dove in bella vista cè la SF90, lultima - in ordine cronologico - protagonista della storia del Cavallino. I primi ospiti della festa sono i meccanici storici della Rossa: "Essere a colloquio con Enzo Ferrari era qualcosa di incredibile. Un uomo severo, ma sempre molto disponibile. Non ci chiamava operai, per lui eravamo sempre i suoi meccanici", racconta Anselmo Menabue, storico collaboratore che ha passato tutta la sua vita a Maranello. MICK SCHUMACHER OMAGGIA HUBERT. Sul palco di Piazza Duomo salgono anche i giovani talenti della Ferrari Driver Academy. Mick Schumacher ha voluto dedicare un pensiero al suo collega Anthoine Hubert, tragicamente scomparso sabato scorso durante la gara di Formula 2. "Correre a Monza è bello, soprattutto dopo il brutto weekend che abbiamo vissuto. Vogliamo tornare a correre, il modo migliore per ricordare Anthoine". I PILOTI INFIAMMANO I TIFOSI. Si uniscono agli eventi i grandi del passato della Ferrari: Jean Alesi, Mario Andretti, René Arnoux, Ivan Capelli, Arturo Merzario e Alain Prost. Vi porto tutti nel cuore, tutto questo è davvero incredibile. I tifosi sono i migliori al mondo. Davvero una cosa meravigliosa ha esordito Mario Andretti. Il nome Ferrari riempie il mondo, figuriamoci cosa vuol dire per gli italiani. Che vinca o perda, la Ferrari è sempre la Ferrari. A loro seguono Luca Badoer, Giancarlo Fisichella, Eddie Irvine, Felipe Massa e Kimi Raikkonen. Unovazione saluta i più giovani protagonisti di tante avventure. Massa, visibilmente emozionato, ha detto: "Essere qui è fantastico, siete davvero tanti". Raikkonen ha aggiunto: "Vincere un titolo con la Scuderia Ferrari è stato un vero onore". IL FUTURO DEL GP DITALIA è ORA AL SICURO: SI CORRERà ALMENO FINO AL 2024 A MONZA. Angelo Sticchi Damiani, Chase Carrey e Jean Todt sono saliti sul palco dellevento "90 anni di emozioni" e hanno dato lannuncio che tutti aspettavano. Il presidente dellAci ha detto: "Siamo abituati a mantenere gli impegni. Non è stato facile, ma alla fine abbiamo trovato un accordo e adesso possiamo dirlo con serenità: il GP a Monza ci sarà fino al 2024". "KEEP FIGHTING MICHAEL". Dopo aver presentato una carrellata di auto storiche della Ferrari, Carlo Vanzini e Marc Gené hanno dedicato un pensiero a Michael Schumacher, con un grande e nostalgico applauso da parte dellintera piazza che ha nel cuore il sette volte campione del mondo tedesco. _In aggiornamento_ 2019-09-04 19:19:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/04/formula_1_i_90_anni_ferrari_a_milano/gallery/2019-ferrari-milano.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27024 Formula 1 - I 90 anni Ferrari a Milano - Diretta http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27024&tipo=fv Piazza Duomo a Milano si è tinta di rosso per CELEBRARE I 90 ANNI DELLA FERRARI e laltrettanto lunga storia del GRAN PREMIO DITALIA. Dopo il successo di domenica scorsa a Spa, Charles Leclerc e Sebastian Vettel incontreranno la folla di tifosi radunatasi sotto la Madonnina e insieme a loro ci saranno gran parte delle persone che hanno contribuito a scrivere pagine importanti della storia della Ferrari, come Gerhard Berger e Jean Alesi. Presente e futuro si fondono, grazie alla presenza di alcuni dei talenti della Ferrari Driver Academy, come Mick Schumacher e Giuliano Alesi. Le foto più belle e le parole dei protagonisti, in diretta, su questa pagina! _In aggiornamento_ 2019-09-04 18:26:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/mercedes_tutte_le_novita_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-mercedes-francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27023 Mercedes - Tutte le novità al Salone di Francoforte 2019 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27023&tipo=fv uno stand allinsegna dellelettrificazione, nelle sue varie sfumature, quello della MERCEDES [1] al SALONE DI FRANCOFORTE 2019 [2]. E non poteva essere altrimenti visto il trend dellautomotive. Tuttavia, alla flotta della Stella non manca una buona dose di sostanza: le novità della kermesse tedesca sono tanto proiettate al futuro quanto pronte ad aggredire il mercato. Soprattutto nella loro rappresentanza a ruote alte. LULTIMO TASSELLO. La MERCEDES GLB [3] ne è un esempio lampante. Dopo le versioni standard, la Casa di Stoccarda è pronta a presentare una variante performante, la GLB 35 AMG spinta da un 2.0 litri turbobenzina da 306 CV. Una sette posti capace di uno 0-100 da 5,2 secondi, dopo il passaggio ad Affalterbach che implica, come al solito, anche un ritocco del look in chiave sportiva. NUOVA SERIE. Sempre parlando di Suv, a Francoforte sfilerà la seconda generazione della GLE COUPé [4]. Svelata online qualche giorno fa, entrerà per la prima volta a contatto col pubblico al Salone. Questa sport utility dal taglio sportiveggiante si è evoluta nelle dimensioni e nel design, ma soprattutto propone interni completamente rinnovati, dove spicca lultima versione del sistema di infotainment Mbux. Sullo stand vedremo anche la sua declinazione sportiva più soft, la AMG GLE 53 4Matic+, ma non la più estrema, la GLE 63. MULTISPAZIO, ZERO EMISSIONI. Tra le protagoniste dellevento figura anche la CLASSE V, RECENTEMENTE RINFRESCATA DA UN RESTYLING [5] e ora disponibile anche in versione elettrica (EQV [6]). Questultima può contare su 204 cavalli e, alimentata da una batteria di 100 kWh, su unautonomia di 405 km. Ma non sarà sul mercato prima della primavera del 2020. IL GASOLIO ANCORA AL CENTRO. E le ibride? Presenti. Dopo aver recentemente introdotto la CLASSE A E LA CLASSE B PLUG-IN [7], la Mercedes lancerà altri modelli che nel loro powertrain vedono coesistere elettrico e termico. Stavolta con il diesel a fare da perno del sistema. SI ATTENDONO SVILUPPI. Tocca invece a una nuova CONCEPT EQ [8] il compito di anticipare le future evoluzioni della gamma elettrica. Dai primi bozzetti diffusi, il prototipo si configura come una berlina di lusso a impatto zero. Forse lattesa EQS. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES-BENZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE-2019 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/29/MERCEDES_AMG_GLB_35_MOTORE_PRESTAZIONI_SUV.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/28/MERCEDES_BENZ_GLE_NUOVA_GLE_COUPE_E_AMG_GLE_53_4MATIC_INFORMAZIONI_MOTORI_SCHEDA_TECNICA_FOTO.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/31/MERCEDES_LA_CLASSE_V_SI_AGGIORNA_NEL_LOOK_E_NON_SOLO.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/MERCEDES_BENZ_EQV_NUOVA_MONOVOLUME_ELETTRICA_INFORMAZIONI_AUTONOMIA_SCHEDA_TECNICA_PREZZI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/MERCEDES_BENZ_SULLE_CLASSE_A_E_B_ARRIVA_L_IBRIDO.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/04/MERCEDES_BENZ_EQ_PRIMO_TEASER_LA_NUOVA_ELETTRICA_.HTML 2019-09-04 17:27:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/porsche_taycan_prezzo_autonomia_prestazioni_uscita/gallery/2019-Porsche-Taycan-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27022 Porsche Taycan - La prima elettrica di Zuffenhausen - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27022&tipo=fv La PORSCHE TAYCAN [1] debutta con numeri da capogiro, partendo dalle versioni più potenti e costose che saranno poi affiancate da altri allestimenti. Una delle protagoniste del Salone di Francoforte, che ABBIAMO GIà GUIDATO IN ANTEPRIMA [2], rende omaggio alle Porsche endotermiche utilizzando sigle che poco hanno a che vedere con il suo powertrain elettrico: Taycan Turbo e Taycan Turbo S. La super berlina elettrica della Porsche sarà quindi disponibile inizialmente in due allestimenti: la Turbo da 680 CV e 156.817 euro e la Turbo S da 761 CV e 190.977 euro. I prezzi sono già relativi al mercato italiano e sono direttamente paragonabili a quelli delle corrispettive versioni della Panamera. Nel 2020 la Taycan sarà affiancata dalla già confermata versione Cross Turismo. FINO A 450 KM DI AUTONOMIA E CINQUE MINUTI PER RECUPERARE 100 KM. Lobiettivo della Porsche, confermato dai record in pista sulle 24 ORE A NARDò [3] e sul giro al NüRBURGRING [4], è quello di offrire una vettura elettrica con prestazioni e piacere di guida allaltezza del marchio. Per fare questo il progetto ha preso una direzione unica nel suo genere, sviluppando una piattaforma dedicata e portando al debutto la tecnologia a 800 volt. Dimezzando lintensità di corrente a pari potenza rispetto agli attuali sistemi a 400 volt, e unitamente alla scelta dei motori sincroni a magneti permanenti, ciò ha consentito di ottenere prestazioni ai massimi livelli e sfruttabili a lungo, cosa non banale su unelettrica. Inoltre, la Taycan è il primo modello a poter usufruire della ricarica a corrente continua a 800 volt, che attualmente garantisce una potenza fino a 270 kW ma che in futuro arriverà anche a 500 kW. In tal modo, i tempi per il pieno dellaccumulatore sono contenuti: bastano cinque minuti per recuperare 100 km di autonomia (Wltp) e, in condizioni ideali (quando è attiva la pianificazione della ricarica, in modo da precondizionare le celle) servono 22,5 minuti per passare dal 5 all80% della carica della batteria. Ciò, però, è possibile solo in presenza di una colonnina della rete Ionity: con le normali fast a corrente continua da 50 kW i tempi sopracitati si allungano rispettivamente a 28 e 93 minuti. Con le prese a corrente alternata è invece possibile caricare con potenze fino a 11 kW e in tal caso loperazione richiede nove ore. Da notare che la Taycan è dotata di serie di connettore di ricarica su entrambi i lati (il Ccs Combo 2 per la corrente continua è solo sul lato destro). Lautonomia rilevata nel ciclo Wltp varia tra 381 e 450 km per la Turbo e fra 388 e 412 km per la Turbo S, secondo le dotazioni e la gommatura presenti. 2,8 SECONDI DA 0 A 100 KM/H PER LA TURBO S DA 761 CV. Le versioni Turbo e Turbo S adottano quella che la Porsche chiama Performance Battery Plus da 93,4 kWh, segno che i modelli inferiori della gamma potrebbero avere un accumulatore di capacità minore. Entrambi i modelli raggiungono inoltre una velocità massima di 260 km/h e il cambio a due velocità sullasse posteriore consente di coniugare unaccelerazione mozzafiato con un buon rendimento alle velocità più elevate, mentre la funzione di overboost presente sulla Turbo S in combinazione con il Launch Control permette di segnare tempi di riferimento nello 0-100 km/h: 2,8 secondi contro i 3,2 della Turbo. La Porsche dichiara inoltre fino a 1.050 Nm di coppia e 9,8 secondi per toccare i 200 km/h. SOSPENSIONI PNEUMATICHE E BARRE ATTIVE DI SERIE. La Taycan deve gestire una massa importante (2.370 kg per la Turbo S con pilota a bordo, 10 kg in più sulla Turbo) e per questo sono stare adottate di serie le sospensioni pneumatiche con tre camere gestite dal Porsche 4D Chassis Control. Inoltre, il Pasm e il Pdcc Sport con barre antirollio attive (optional) garantiscono il miglior rapporto tra confort e prestazioni, mentre il Porsche torque vectoring plus sfrutta il differenziale autobloccante posteriore a controllo elettronico e la frenata selettiva delle ruote per ripartire la coppia tra i due lati dellassale in maniera continua. Il comportamento stradale viene anche calibrato gestendo opportunamente lerogazione dei propulsori e la sterzatura automatica del retrotreno (di serie sulla Turbo S, a richiesta sulla Turbo) migliora la maneggevolezza alle basse velocità e la stabilità a quelle superiori. Il recupero denergia in frenata arriva fino a 265 kW, ma per una precisa scelta tecnica non consente la guida "one pedal feeling": in rilascio, si può scegliere se far veleggiare la vettura senza resistenza, ottenere un freno motore paragonabile a quello delle auto normali o far gestire la decelerazione automaticamente, in base al traffico; la frenata rigenerativa vera e propria sattiva quando si agisce sul pedale dei freni. Proprio limpianto frenante dispone di enormi pinze a dieci pistoncini davanti e a quattro dietro; la Turbo S ha in più i dischi carboceramici. Il guidatore potrà scegliere tra le solite modalità di guida predefinite, Normal, Sport e Sport+, cui saggiunge la Range per ottimizzare il consumo di energia, ma potrà anche creare un proprio setup individuale. DESIGN FEDELE ALLA CONCEPT E AL DNA PORSCHE. Detto della tecnologia, punto nevralgico del progetto, la Taycan non smentisce le sue radici e mantiene molto della concept Mission E del 2015 anche dal punto di vista stilistico. Il suo compito è quello di creare nuovi stilemi senza perdere il Dna Porsche e per questo motivo troviamo un posteriore simile alla 911 e un frontale totalmente nuovo. Laerodinamica è ovviamente molto curata (il Cx varia tra 0,22 e 0,25 secondo lallestimento): il sottoscocca è interamente carenato e le prese daria anteriori e lo spoiler posteriore vengono gestiti per migliorare lefficienza o la downforce secondo la modalità di guida. Il powertrain elettrico ha permesso anche di creare due vani bagagli distinti: lanteriore ha capienza di 81 litri e il posteriore 366. CINQUE DISPLAY INTERNI PER STUPIRE. Gli INTERNI [5] sono un altro risultato dellunione tra la tradizione Porsche e lo spirito di innovazione. Elementi come lo Sport Chrono, il volante a tre razze, il tasto daccensione (qui non si può parlare di avviamento...) a sinistra del volante e il tema dei cinque strumenti circolari sono rimasti tali, ma sono affiancati da soluzioni inedite per la Casa di Zuffenhausen. Parliamo del display curvo da 16,8" della strumentazione, corredato di comandi touch sui bordi e dei due display da 10,9" affiancati nella console centrale, uno dei quali riservato al passeggero, che si attiva solo se questi è presente. Il sistema di infotainment è stato ridisegnato e integra lassistente virtuale Porsche Voice Assistant che risponde al comando "Hey Porsche". Da segnalare la funzione di pianificazione del viaggio: come già accade sulle Tesla, impostando una destinazione sul navigatore il percorso che si ottiene include le soste per la ricarica, indicando anche il tempo necessario per loperazione. Inoltre, nel corso del 2020 linfotainment proporrà anche il servizio Amazon Music nativo, unanteprima nel settore automotive. I display non sono finiti, perché nella parte inferiore della console centrale è previsto uno schermo con feedback aptico da 8,4" per la climatizzazione (gestibile su un touch screen da 5,9" anche dai passeggeri posteriori), la batteria e altre funzioni accessorie, portando a cinque il numero degli schermi. Unultima nota per i rivestimenti: lapproccio eco-friendly torna con la scelta della microfibra Race-Tex ottenuta con fibre riciclate, proposta in alternativa alla Club Leather Olea dipinta con colori ottenuti dalla lavorazione delle foglie dolivo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PORSCHE-TAYCAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/28/PORSCHE_TAYCAN_AL_VOLANTE_DEL_PROTOTIPO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/PORSCHE_TAYCAN_PROVA_DI_RESISTENZA_A_NARDO_3_425_KM_IN_24_ORE_.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/08/26/PORSCHE_TAYCAN_7_MINUTI_E_42_SECONDI_AL_NURBURGRING.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/23/PORSCHE_TAYCAN_LE_PRIME_IMMAGINI_DEGLI_INTERNI.HTML 2019-09-04 16:57:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/porsche_taycan_prezzo_autonomia_prestazioni_uscita/gallery/2019-Porsche-Taycan-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27021 Porsche Taycan - La prima elettrica di Zuffenhausen http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27021&tipo=fv La PORSCHE TAYCAN [1] debutta con numeri da capogiro, partendo dalle versioni più potenti e costose che saranno poi affiancate da altri allestimenti. Una delle protagoniste del Salone di Francoforte, che ABBIAMO GIà GUIDATO IN ANTEPRIMA [2], rende omaggio alle Porsche endotermiche utilizzando sigle che poco hanno a che vedere con il suo powertrain elettrico: Taycan Turbo e Taycan Turbo S. La super berlina elettrica della Porsche sarà quindi disponibile inizialmente in due allestimenti: la Turbo da 680 CV e 156.817 euro e la Turbo S da 761 CV e 190.977 euro. I prezzi sono già relativi al mercato italiano e sono direttamente paragonabili a quelli delle corrispettive versioni della Panamera. Nel 2020 la Taycan sarà affiancata dalla già confermata versione Cross Turismo. FINO A 450 KM DI AUTONOMIA E CINQUE MINUTI PER RECUPERARE 100 KM. Lobiettivo della Porsche, confermato dai record in pista sulle 24 ORE A NARDò [3] e sul giro al NüRBURGRING [4], è quello di offrire una vettura elettrica con prestazioni e piacere di guida allaltezza del marchio. Per fare questo il progetto ha preso una direzione unica nel suo genere, sviluppando una piattaforma dedicata e portando al debutto la tecnologia a 800 volt. Dimezzando lintensità di corrente a pari potenza rispetto agli attuali sistemi a 400 volt, e unitamente alla scelta dei motori sincroni a magneti permanenti, ciò ha consentito di ottenere prestazioni ai massimi livelli e sfruttabili a lungo, cosa non banale su unelettrica. Inoltre, la Taycan è il primo modello a poter usufruire della ricarica a corrente continua a 800 volt, che attualmente garantisce una potenza fino a 270 kW ma che in futuro arriverà anche a 500 kW. In tal modo, i tempi per il pieno dellaccumulatore sono contenuti: bastano cinque minuti per recuperare 100 km di autonomia (Wltp) e, in condizioni ideali (quando è attiva la pianificazione della ricarica, in modo da precondizionare le celle) servono 22,5 minuti per passare dal 5 all80% della carica della batteria. Ciò, però, è possibile solo in presenza di una colonnina della rete Ionity: con le normali fast a corrente continua da 50 kW i tempi sopracitati si allungano rispettivamente a 28 e 93 minuti. Con le prese a corrente alternata è invece possibile caricare con potenze fino a 11 kW e in tal caso loperazione richiede nove ore. Da notare che la Taycan è dotata di serie di connettore di ricarica su entrambi i lati (il Ccs Combo 2 per la corrente continua è solo sul lato destro). Lautonomia rilevata nel ciclo Wltp varia tra 381 e 450 km per la Turbo e fra 388 e 412 km per la Turbo S, secondo le dotazioni e la gommatura presenti. 2,8 SECONDI DA 0 A 100 KM/H PER LA TURBO S DA 761 CV. Le versioni Turbo e Turbo S adottano quella che la Porsche chiama Performance Battery Plus da 93,4 kWh, segno che i modelli inferiori della gamma potrebbero avere un accumulatore di capacità minore. Entrambi i modelli raggiungono inoltre una velocità massima di 260 km/h e il cambio a due velocità sullasse posteriore consente di coniugare unaccelerazione mozzafiato con un buon rendimento alle velocità più elevate, mentre la funzione di overboost presente sulla Turbo S in combinazione con il Launch Control permette di segnare tempi di riferimento nello 0-100 km/h: 2,8 secondi contro i 3,2 della Turbo. La Porsche dichiara inoltre fino a 1.050 Nm di coppia e 9,8 secondi per toccare i 200 km/h. SOSPENSIONI PNEUMATICHE E BARRE ATTIVE DI SERIE. La Taycan deve gestire una massa importante (2.370 kg per la Turbo S con pilota a bordo, 10 kg in più sulla Turbo) e per questo sono stare adottate di serie le sospensioni pneumatiche con tre camere gestite dal Porsche 4D Chassis Control. Inoltre, il Pasm e il Pdcc Sport con barre antirollio attive (optional) garantiscono il miglior rapporto tra confort e prestazioni, mentre il Porsche torque vectoring plus sfrutta il differenziale autobloccante posteriore a controllo elettronico e la frenata selettiva delle ruote per ripartire la coppia tra i due lati dellassale in maniera continua. Il comportamento stradale viene anche calibrato gestendo opportunamente lerogazione dei propulsori e la sterzatura automatica del retrotreno (di serie sulla Turbo S, a richiesta sulla Turbo) migliora la maneggevolezza alle basse velocità e la stabilità a quelle superiori. Il recupero denergia in frenata arriva fino a 265 kW, ma per una precisa scelta tecnica non consente la guida "one pedal feeling": in rilascio, si può scegliere se far veleggiare la vettura senza resistenza, ottenere un freno motore paragonabile a quello delle auto normali o far gestire la decelerazione automaticamente, in base al traffico; la frenata rigenerativa vera e propria sattiva quando si agisce sul pedale dei freni. Proprio limpianto frenante dispone di enormi pinze a dieci pistoncini davanti e a quattro dietro; la Turbo S ha in più i dischi carboceramici. Il guidatore potrà scegliere tra le solite modalità di guida predefinite, Normal, Sport e Sport+, cui saggiunge la Range per ottimizzare il consumo di energia, ma potrà anche creare un proprio setup individuale. DESIGN FEDELE ALLA CONCEPT E AL DNA PORSCHE. Detto della tecnologia, punto nevralgico del progetto, la Taycan non smentisce le sue radici e mantiene molto della concept Mission E del 2015 anche dal punto di vista stilistico. Il suo compito è quello di creare nuovi stilemi senza perdere il Dna Porsche e per questo motivo troviamo un posteriore simile alla 911 e un frontale totalmente nuovo. Laerodinamica è ovviamente molto curata (il Cx varia tra 0,22 e 0,25 secondo lallestimento): il sottoscocca è interamente carenato e le prese daria anteriori e lo spoiler posteriore vengono gestiti per migliorare lefficienza o la downforce secondo la modalità di guida. Il powertrain elettrico ha permesso anche di creare due vani bagagli distinti: lanteriore ha capienza di 81 litri e il posteriore 366. CINQUE DISPLAY INTERNI PER STUPIRE. Gli INTERNI [5] sono un altro risultato dellunione tra la tradizione Porsche e lo spirito di innovazione. Elementi come lo Sport Chrono, il volante a tre razze, il tasto daccensione (qui non si può parlare di avviamento...) a sinistra del volante e il tema dei cinque strumenti circolari sono rimasti tali, ma sono affiancati da soluzioni inedite per la Casa di Zuffenhausen. Parliamo del display curvo da 16,8" della strumentazione, corredato di comandi touch sui bordi e dei due display da 10,9" affiancati nella console centrale, uno dei quali riservato al passeggero, che si attiva solo se questi è presente. Il sistema di infotainment è stato ridisegnato e integra lassistente virtuale Porsche Voice Assistant che risponde al comando "Hey Porsche". Da segnalare la funzione di pianificazione del viaggio: come già accade sulle Tesla, impostando una destinazione sul navigatore il percorso che si ottiene include le soste per la ricarica, indicando anche il tempo necessario per loperazione. Inoltre, nel corso del 2020 linfotainment proporrà anche il servizio Amazon Music nativo, unanteprima nel settore automotive. I display non sono finiti, perché nella parte inferiore della console centrale è previsto uno schermo con feedback aptico da 8,4" per la climatizzazione (gestibile su un touch screen da 5,9" anche dai passeggeri posteriori), la batteria e altre funzioni accessorie, portando a cinque il numero degli schermi. Unultima nota per i rivestimenti: lapproccio eco-friendly torna con la scelta della microfibra Race-Tex ottenuta con fibre riciclate, proposta in alternativa alla Club Leather Olea dipinta con colori ottenuti dalla lavorazione delle foglie dolivo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PORSCHE-TAYCAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/28/PORSCHE_TAYCAN_AL_VOLANTE_DEL_PROTOTIPO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/PORSCHE_TAYCAN_PROVA_DI_RESISTENZA_A_NARDO_3_425_KM_IN_24_ORE_.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/08/26/PORSCHE_TAYCAN_7_MINUTI_E_42_SECONDI_AL_NURBURGRING.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/23/PORSCHE_TAYCAN_LE_PRIME_IMMAGINI_DEGLI_INTERNI.HTML 2019-09-04 16:31:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2019/09/04/crash_test_euro_ncap_i_risultati_di_audi_a1_ford_focus_skoda_kamiq/gallery/2019-Crash-Test-EuroNCAP-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27020 EuroNCAP<br> - I crash test di sette nuovi modelli http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27020&tipo=fv Nella quinta tornata di crash test del 2019, lEURONCAP [1] ha collaudato sette differenti vetture, promuovendole tutte con cinque stelle. I modelli sottoposti alle verifiche sulla sicurezza sono le AUDI A1 [2], BMW Z4 [3], FORD FOCUS [4], MERCEDES-BENZ CLA [5] ed EQC [6], SKODA KAMIQ [7] e SSANGYONG KORANDO [8]. Tra queste, la Focus era già stata testata lo scorso anno ma, a seguito di alcuni aggiornamenti, è stata nuovamente sottoposta ai crash test dellente europeo, ottenendo migliori valutazioni. AUDI A1. La nuova generazione della più piccola delle Audi si è distinta per lelevata valutazione complessiva dei sistemi di sicurezza attiva (80%) e per la protezione degli occupanti adulti (95%), soprattutto nellimpatto laterale (15,5 punti su 16) nonostante lassenza degli airbag per le ginocchia. Buone anche le valutazioni sulla sicurezza dei bambini trasportati (85%) e della protezione dei pedoni (73%). BMW Z4. Sulla nuova spider di Monaco spicca il risultato relativo alla protezione degli occupanti adulti (97%) con sedici sedicesimi ottenuti nel test dimpatto laterale. Oltre a essere, insieme alla Mercedes CLA, la vettura con le valutazioni più alte di questa tornata di test, la Z4 raggiunge il 91% nella protezione di pedoni e ciclisti. I sistemi di sicurezza attiva si fermano invece al 76%, mentre la protezione dei bambini raggiunge l87%. FORD FOCUS. Grazie allaggiornamento del design dei sedili anteriori e dei poggiatesta introdotto con il model year 2019, la Ford Focus migliora nettamente i risultati ottenuti lo scorso anno. La protezione degli occupanti adulti passa dal precedente 85% al 96% e quella dei bambini dal 72% all87%. Invariate, invece, le valutazioni sugli Adas (72%) e, conseguentemente, sulla sicurezza per ciclisti e pedoni (72%). MERCEDES-BENZ CLA. La coupé a quattro porte di Stoccarda è, insieme alla BMW Z4, la vettura che ha ottenuto i voti più alti di questa serie di crash test. La seconda generazione della CLA ha conseguito la migliore valutazione tra le sette vetture nellambito della protezione di pedoni e ciclisti (91%) oltre che nella sicurezza per i bambini a bordo (91%). Per quanto riguarda la protezione degli occupanti adulti la tre volumi ha raggiunto il 96% delle valutazioni, fermandosi al 75% nei rilevamenti dei sistemi di sicurezza attiva. MERCEDES-BENZ EQC. La prima elettrica della Stella eguaglia le valutazioni della CLA nella protezione dei passeggeri adulti (96%) e nei sistemi di sicurezza attiva (75%). Lievemente inferiore, solo un punto percentuale in meno, è invece la protezione per i bambini a bordo, mentre il differente design del frontale ha ridotto la valutazione negli impatti con gli utenti vulnerabili, come pedoni e ciclisti (75%). SKODA KAMIQ. Daltissimo livello anche le valutazioni della nuova Suv compatta della Skoda, la Kamiq. Il modello boemo è infatti riuscito a ottenere un 96% nella protezione dei passeggeri adulti, un 85% in quella dei bambini e un 80% in quella dei pedoni e ciclisti. Penalizzata dal sistema di regolazione adattiva della velocità è invece la valutazione dei sistemi dassistenza alla guida (76%). SSANGYONG KORANDO. Nei test condotti dallEuroNCAP la nuova Suv coreana ha ottenuto buone valutazioni nella protezione degli adulti (88%) e dei bambini (85%), pagando nel dato riguardante la sicurezza degli utenti vulnerabili (68%) limprecisione nel riconoscimento dei ciclisti da parte del sistema di frenata autonoma. Anche in questo caso le valutazioni relative ai sistemi dassistenza alla guida (74%) vengono penalizzate dalla precisione del cruise control. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/EURONCAP [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/06/18/AUDI_A1_TOLTI_I_VELI_ALLA_NUOVA_COMPATTA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/08/23/BMW_Z4_2018_FOTO_MOTORI_INFORMAZIONI_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2018/FORD_FOCUS_LA_PROVA_DELLA_1_5_ECOBLUE_ST_LINE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/10/MERCEDES_BENZ_CLA_PREZZI_E_INFORMAZIONI_PER_L_ITALIA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/09/05/MERCEDES_EQC_UNA_RIVOLUZIONARIA_IN_ABITI_BORGHESI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/26/SKODA_KAMIQ_E_L_ORA_DELLA_SUV_PIU_PICCOLA_DI_CASA.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/01/SSANGYONG_KORANDO_LA_QUARTA_GENERAZIONE_DELLA_SUV_COREANA_A_GINEVRA.HTML 2019-09-04 13:03:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/04/mercedes_benz_eq_primo_teaser_la_nuova_elettrica_/gallery/2019-MB-EQ.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27019 Mercedes-Benz EQ - Primo teaser per la nuova elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27019&tipo=fv Una nuova concept EQ: è questa la sorpresa che la Mercedes-Benz ha in serbo per il Salone di Francoforte. Una scelta che non stupisce, visto il crescente interesse per i modelli elettrificati. BERLINA DI LUSSO. La Casa tedesca non ha svelato i suoi piani, limitandosi a diffondere un teaser e un bozzetto. Limmagine, però, parla chiaro: la concept prefigura una berlina elettrica di lusso (forse lattesa EQS [1]), caratterizzata da tratti unici e idealmente sviluppata sulla piattaforma modulare MEA. Nel frontale, dal taglio discendente simile a quello della EQC, si notano la Stella illuminata e la presenza di tre luci a Led diurne per lato disposte orizzontalmente, mentre la fiancata mette in risalto un montante posteriore slanciato e un motivo ricercato per la linea di cintura, abbinati a passaruota ben definiti. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/foto_spia/2019/07/26/mercedes_benz_eqs_proseguono_i_test_dell_ammiraglia_elettrica.html 2019-09-04 11:59:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2019/09/03/car_cost_index_italia_e_olanda_auto_quanto_ci_costi_/gallery/2019_Car_Cost_Index_leaseplan.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27018 Car Cost Index - Cara auto, quanto ci costi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27018&tipo=fv LItalia, manco a dirlo, è uno dei paesi europei dove il possesso di unauto è maggiormente oneroso. La conferma, lennesima, arriva dallultimo CAR COST INDEX, la relazione annuale della LEASEPLAN [1] sui segmenti B e C in 18 nazioni del Vecchio continente. In relazione al Pil siamo proprio noi italiani, asseme agli olandesi, a dover sostenere il TCO (Total Cost of Ownership) più elevato, con una media di 715 euro al mese, rispetto ai 617 del resto dEuropa. La Grecia, con i suoi 440 euro al mese, è il mercato meno caro, anche rispetto al Pil, mentre la Norvegia, con 830 euro, è il più oneroso. Ed è proprio in Norvegia (e nei Paesi Bassi) che la guida di un veicolo elettrico diventa più competitiva - e meno costosa - rispetto a quella di un veicolo tradizionale (lanalisi effettua una media tra diesel e benzina). LA BATTERIA è SEMPRE PIù APPETIBILE. La tendenza norvegese è riscontrabile anche nel Regno Unito e in Danimarca: "Il Car Cost Index conferma che i veicoli elettrici stanno diventando sempre più economici, in particolare nel Nord Europa, dove gli incentivi governativi esercitano un impatto positivo - spiega il ceo di Leaseplan TEX GUNNING [2] - una buona notizia che il costo si stia riducendo anche in altri paesi, ma cè ancora molto da fare. Riscontriamo anche la preoccupante tendenza, da parte della politica, a eliminare le agevolazioni". In questo quadro lad della divisione italiana, ALBERTO VIANO [3], sottolinea la situazione non proprio lusinghiera della penisola: "Con un costo di 974 euro per unelettrica, contro una media di 854, lItalia è al terzultimo posto tra i paesi analizzati. Questo testimonia la necessità di continuare a lavorare con le istituzioni e gli operatori del settore per facilitare la scelta dellalimentazione sostenibile tra i nostri clienti. LA CLASSIFICA. Il Car Cost Index di LeasePlan prende in considerazione i diversi costi che lautomobilista deve sostenere, incluso il carburante, il deprezzamento, le imposte, lassicurazione e la manutenzione, ponderati sui primi tre anni di proprietà, con unipotesi di 20 mila chilometri percorsi ogni anno. I paesi analizzati sono Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Italia, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Spagna, Svezia e Svizzera. Per i veicoli alimentati da un motore a combustione interna, il deprezzamento (36%) rappresenta la parte maggiore dei costi totali, seguito dalle imposte (20%), dal carburante (18%), dallassicurazione (13%), dalla manutenzione (9%) e dagli interessi (5%), mentre per i conducenti di auto elettriche, il deprezzamento ha un peso maggiore (52%). Questultimo, tuttavia, è controbilanciato dal risparmio garantito dalla ricarica, sulla quale gravano imposte nettamente minori rispetto ai carburanti tradizionali, e dai minori costi di manutenzione. COSTO DI PROPRIETà MENSILE ELETTRICHE BENZINA DIESEL Grecia 656 445 410 Regno Unito 676 596 567 Germania 804 587 576 Francia 806 520 643 Romania 825 449 407 Portogallo 833 527 595 Norvegia 833 851 821 Slovacchia 834 446 486 Svezia 846 644 598 Repubblica Ceca 847 461 515 Austria 854 567 549 Svizzera 858 613 632 Olanda 872 783 937 Danimarca 900 760 762 Belgio 959 632 691 ITALIA 974 794 683 Spagna 991 538 591 Polonia 995 477 562 MEDIA 854 594 613 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASEPLAN [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TEX_GUNNING [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALBERTO_VIANO 2019-09-04 11:27:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/09/04/fiat_500_dal_2020_non_sara_piu_venduta_in_america/gallery/2019-fiat-500-usa-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27017 Fiat 500 - Dal 2020 non sarà più venduta in America http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27017&tipo=fv La FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [1] ha deciso di interrompere la produzione delle FIAT 500 [2] e 500E [3] in Messico e le relative vendite sul mercato nordamericano. Per il gruppo italo-americano si tratta dellennesima misura di allineamento della propria offerta commerciale a una domanda sempre più concentrata sulle Suv, crossover e pick-up. UN STORIA DI OTTO ANNI. Con lo stop alla produzione del "cinquino" americano si conclude la storia della 500 moderna sul mercato nordamericano. La Fiat aveva individuato nella sua iconica city-car la punta di diamante per il ritorno negli Stati Uniti nel 2011 dopo unassenza di quasi 20 anni. La scommessa dellallora vertice aziendale guidato da Sergio Marchionne era semplice e non del tutto azzardata: fare concorrenza alla Mini e conquistare una fetta di un segmento allora in crescita e, al contempo, soddisfare le richieste dellamministrazione Obama di vendere agli americani auto più piccole e dai bassi consumi. I MUTAMENTI DEL MERCATO. Negli anni, però, il contesto operativo è del tutto cambiato per effetto soprattutto del crollo dei prezzi della benzina negli Stati Uniti, che ha alimentato le tradizionali preferenze degli americani per i grandi pick-up e le Suv. Non a caso la Fiat Chrysler è stata la prima delle grandi Case internazionali a prendere una posizione di rottura decidendo di interrompere la produzione delle berline nei suoi stabilimenti statunitensi. La scelta ha dato finora i suoi frutti, come dimostrano gli elevati margini operativi raggiunti nellarea Nafta e gli enormi profitti (oltre il 90% degli utili di gruppo provengono proprio dal Nord America). Contestualmente, il calo delle vendite del marchio torinese ha messo in dubbio già da diversi mesi la permanenza della 500 sul mercato nordamericano. LE PREVISIONI DISATTESE. Marchionne puntava a vendere 50 mila esemplari lanno della piccola di casa ma il traguardo non è stato mai raggiunto. La Fiat ha registrato il picco delle sue vendite negli Usa nel 2014 arrivando a circa 46 mila unità commercializzate anche grazie a unofferta allargata alla 500L. Da allora il marchio torinese ha assistito a un ridimensionamento continuo. Lo scorso anno sono stati commercializzati solo 15.521 veicoli, il 41% in meno rispetto al 2017, toccando il livello più basso dal ritorno del brand in Usa. Inoltre, nel primo semestre del 2019 il calo è stato del 38% con la 500 che ha subito una flessione del 25%. LA 500E SOLO A MIRAFIORI? Dopo lo stop alla produzione nella fabbrica di Toluca le vendite proseguiranno fino a quando non saranno esaurite le scorte, probabilmente nei primi mesi dellanno prossimo. Dopodiché la gamma Fiat per il Nord America sarà limitata a solo tre modelli: la 500X, la 500L e la 124 Spider. Per il momento non sono state fornite indicazioni su eventuali sostitute nella catena di montaggio dello stabilimento messicano, né tantomeno sul ritorno in Usa della 500e, modello venduto dal 2013 per poter rispettare gli obblighi imposti dalla California sul fronte dei consumi e delle emissioni inquinanti ma diventato nel tempo lemblema dello scetticismo di Marchionne verso lelettrico con linvito esplicito ai consumatori a non acquistarla a causa dei costi troppo elevati. Per ora è previsto che la versione elettrica del cinquino venga prodotta a Mirafiori grazie a un INVESTIMENTO DI 700 MILIONI DI EURO [4] ma non sappiamo se verrà esportata anche sul mercato statunitense. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FIAT/500-BERLINA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FIAT-500-EV [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/07/11/GRUPPO_FCA_GORLIER_PER_LA_FIAT_500_ELETTRICA_INVESTITI_700_MILIONI_DI_EURO_.HTML 2019-09-04 11:16:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/honda_e_autonomia_elettrica_potenza_e_uscita/gallery/2019-Honda-e-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27016 Honda e - A Francoforte la versione di serie http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27016&tipo=fv La versione definitiva della HONDA E [1] debutterà al SALONE DI FRANCOFORTE [2]. La citycar elettrica giapponese sarà presto prenotabile online in Inghilterra, Germania, Francia, Norvegia e nel Regno Unito, ma il prezzo di listino non è ancora noto. Secondo le anticipazioni raccolte non dovrebbe comunque essere inferiore ai 30.000 euro. DESIGN ISPIRATO AL PASSATO. Fedele alla concept che lha anticipata, la Honda e rappresenta linizio di una nuova era per la Casa giapponese, che intende commercializzare solo modelli elettrificati in Europa entro il 2025. Il design unisce tratti ispirati al passato a elementi contemporanei con linee tonde e materiali curati, mentre alcune scelte, come la presa di ricarica sul cofano anteriore e le telecamere al posto degli specchietti retrovisori, sono diverse da quelle di tutte le concorrenti del segmento. La piattaforma modulare è nuova e ha permesso di integrare al meglio powertrain e batterie per salvaguardare labitabilità. CINQUE DISPLAY PER LA PLANCIA. Gli interni sono particolarmente degni di nota perché prendono le distanze da tutti gli altri modelli della Honda, dando massimo spazio ai display e offrendo un ambiente costruito con materiali ispirati al mondo dellarredamento. Ai lati sono presenti gli schermi degli specchietti digitali, mentre tre grandi display affiancati orizzontalmente gestiscono strumentazione (8,8") e infotainment (12,3") per guidatore e passeggero, che possono muovere informazioni e contenuti con un semplice swipe. Linfotainment include per la prima volta lAssistente Personale Honda attivabile tramite il comando vocale "Ok Honda", capace di interagire con il guidatore e apprenderne le abitudini, mentre lApp My Honda+ permette la connessione remota al veicolo per verificare lo stato dei sistemi, la ricarica delle batterie, la posizione, lautonomia e per gestire la climatizzazione a vettura ferma. La stessa App può sostituire anche la chiave tradizionale. FINO A 154 CV E 220 KM DI AUTONOMIA. Il propulsore elettrico sarà offerto nelle versioni da 136 e 154 CV con 315 Nm di coppia massima e le batterie da 35,5 kWh garantiranno unautonomia di 220 km. Questo dato riflette la destinazione prettamente urbana della vettura, che rinuncia quindi ad accumulatori più grandi per motivi di peso e spazio. Con la ricarica rapida a 100 kW è possibile recuperare l80% dellenergia in 30 minuti, mentre i 100 km/h da fermo vengono raggiunti in circa 8 secondi. Abbiamo GIà PROVATO LA VETTURA IN ANTEPRIMA [3], apprezzandone lagilità e la reattività dovute anche al peso contenuto entro i 1.500 kg. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/25/HONDA_E_FOCUS_SUGLI_INTERNI_E_LE_DOTAZIONI_MULTIMEDIALI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/02/HONDA_E_AL_VOLANTE_DELLA_PICCOLA_ELETTRICA.HTML 2019-09-04 10:50:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/08/16/salone_di_francoforte_hyundai_una_concept_per_mostrare_il_futuro_delle_elettriche/gallery/2019-hyundai-45-concept-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27015 Hyundai EV Concept 45 - Un nuovo teaser aspettando il Salone di Francoforte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27015&tipo=fv A fianco della NUOVA GENERAZIONE DELLA I10 [1] e della prima vettura sportiva a batteria nella storia del marchio, la HYUNDAI [2] presenterà al SALONE DI FRANCOFORTE [3] una show-car che prefigura i contenuti dei nuovi modelli elettrici del gruppo. Laccento sarà posto soprattutto sullo stile e sulla visione della mobilità elettrica da parte della Casa attraverso un prototipo dai tratti vintage ispirato alla Pony degli anni 70. ICONE E VIDEOGAME. Le immagini finora diffusa ci mostrano il posteriore, caratterizzato da un andamento a scivolo tipico del modello cui il prototipo si rifà. Originale il design delle luci di coda, la cui grafica sembra riprendere qulla dei videogame anni 70-80. Lultimo teaser, pubblicato stamattina via Twitter, allarga la prospettiva mostrandoci una fiancata dalle line geometriche e le superfici piane. Di riflesso intravediamo pure il frontale, dove i fari prendono le grafiche dei gruppi ottici posteriori, ma con luci azzurre. SOLUZIONI INTERATTIVE. Con questa EV Concept 45, la Casa coreana parte dal presupposto che, grazie allelettrico, le auto del futuro saranno molto diverse da come le intendiamo oggi. Leliminazione di parti meccaniche consentirà maggiore libertà nella progettazione, soprattutto per quanto riguarda gli interni, e ci sarà spazio per nuove applicazioni delle tecnologie. Alcune di queste verranno mostrate ai visitatori sullo stand della fiera attraverso postazioni interattive dedicate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/07/HYUNDAI_I10_IL_PRIMO_BOZZETTO_NE_SVELA_IL_DESIGN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/HYUNDAI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-04 09:53:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/08/smart_una_settimana_con_la_eq_forfour/gallery/2019-Smart-EQ-Forfour-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27014 Smart - Una settimana con la EQ forfour [Day 3] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27014&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SMART EQ FORFOUR [1] nellallestimento Prime Nightsky, uno dei più completi della gamma. Dopo luscita di scena delle versioni a benzina, la piccola tedesca ora è ordinabile solo in versione elettrica: lunico motore disponibile è un sincrono trifase con un picco di potenza di 82 CV e 160 Nm (a libretto, come per tutte le auto a batteria, è segnata la potenza continua di 41 kW, equivalenti a 56 CV): la velocità massima è di 130 km/h, mentre per lo 0-100 km/h servono 12,7 secondi. Ad alimentare la vettura è presente una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh che garantisce unautonomia massima di 155 km nel ciclo Nedc: per una ricarica completa (dal 20%) servono dalle 3,5 alle 6 ore a seconda che si utilizzi la wallbox o una presa domestica. Lunga quasi tre metri e mezzo, la cinque porte tedesca può trasportare, come intuibile dal nome, fino a quattro passeggeri e il suo bagagaliaio ha un volume di 185 litri, che cresce a 975 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. Proposta con un prezzo di partenza di 24.918 euro, la forfour elettrica è proposta in quattro allestimenti: passion (+1.200 euro), perfect (+2.000 euro), prime (+3.000 euro) e Brabus Style (+5.000 euro). La Nightsky utilizzata per il nostro diario di bordo è basata sulla versione prime e dispone di serie di accessori come la retrocamera, il tetto panorama, il bracciolo centrale, i sedili riscaldabili, il retrovisore interno anabbagliante, le finiture esterne total black e i pacchetti Led Sensor (fari a Led e fendinebbia), Cool Media (climatizzatore automatico e infotainment da 7"), comfort (sedile guidatore, cinture e volante regolabili in altezza e retrovisori elettrici) e portaoggetti (box documenti con serratura e rete lato passeggero). In questa configurazione il prezzo della versione speciale è di 33.973 euro. A CACCIA DI AUTONOMIA [DAY 1]. Gli inglesi la chiamano range anxiety, qui la potremmo definire ansia da autonomia. E con quasi 100 km da percorrere nel traffico sfido chiunque a non avere un po dansia quando la batteria non ha fatto in tempo a ricaricarsi al 100% e lautonomia residua è di 102 km. Su consiglio dellingegner Boni, qualche ora prima di partire ho impostato la preclimatizzazione dellabitacolo, selezionando in maniera semplice e intuitiva lorario di partenza direttamente dal computer di bordo. Uscito dalla redazione, scollego i cavi dalla colonnina del nostro parcheggio e trovo un abitacolo già fresco: seleziono subito la modalità Eco e mi avvio verso la tangenziale. Lautonomia scende in maniera progressiva, ma decido, prudentemente, di ridurre comunque landatura. Dopo una cinquantina di chilometri arrivo a casa con 70 km dautonomia residua con il 64% della carica e un "eco score" dell88%. Amo le sfide e per tornare a Rozzano la mattina successiva mi metto dimpegno per cercare di migliorare ulteriormente il mio punteggio. Senza guidare con una flemma eccessiva sto più attento a rilasciare lacceleratore in anticipo, lasciando alla frenata rigenerativa il compito di rallentare lauto, tanto sulle strade extraurbane, quanto in coda in tangenziale. Raggiungo il parcheggio della redazione con la batteria al 27% e 42 km dautonomia, migliorando di due punti il risultato della sera precedente. Questo viaggio in elettrico mi ha fatto capire diverse cose. La prima è che spesso si sottovalutano le capacità delle moderne auto a elettroni, tanto per prestazioni quanto per autonomia. La seconda è che il confort di guida assicurato da unauto senza motore termico è quasi impareggiabile. La terza è che la posizione delle batterie, integrate nel pianale, può cambiare il carattere anche di una piccola citycar come la forfour, che in versione EQ risulta molto più divertente da guidare rispetto alla sorella a tre cilindri. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE PARENTELE ELETTRICHE [DAY 2]. Premetto che sono salito sulla forfour dopo esser sceso, poco prima, dalla Mercedes-Benz EQC, la nuova Suv elettrica da 408 cavalli: entrambe le vetture fanno parte della nuova famiglia EQ del gruppo Daimler, ma le affinità fra le due, come potete facilmente immaginare, finiscono al capitolo parentela. La Smart, di fatto, potrebbe essere il tender della EQC. E se la mettiamo su questo piano, il suo dovere lo assolve piuttosto bene. La forfour, in città, offre tutte le buone doti delle sorelle a benzina in via destinzione, dal contenuto diametro di volta (cosa che le consente di girare quasi su se stessa) fino alle dimensioni compatte, utili quando si è a caccia di parcheggio. In più cè il vantaggio intrinseco dellelettrico, cioè una guida più fluida e confortevole perché non intervallata dalle cambiate (peraltro non rapidissime) dei modelli termici. Mi sarei aspettato, semmai, unaccelerazione un poco più incisiva, ma soprattutto una maggior intensità di rigenerazione in fase di rilascio. Soltanto in modalità Eco, infatti, la decelerazione si fa leggermente più intensa quando si toglie il piede dallacceleratore. Insomma, il one pedal feeling è lontano. Attenzione, poi, in autostrada, perché la velocità è limitata a 130 km/h (raggiunti piuttosto in fretta): se dovesse servire qualcosa in più, magari per un sorpasso, la forfour non va oltre. LORENZO FACCHINETTI, REDAZIONE PROVE SU STRADA "ECO" è IL SUO MONDO. Lanno scorso, durante gli ultimi giri della GARA DI MISANO [2], continuavo a tenere docchio lindicatore di una carica. Era quella della Smart EQ fortwo e-Cup che stavo guidando e il motivo è presto detto: tagliare o meno il traguardo dipendeva dalla batteria e ogni preziosa stilla denergia poteva fare la differenza. Oggi, sulla EQ forfour del nostro Diario, la fibrillazione non è fortunatamente la stessa, anche se i 155 km dautonomia garantiti dalla batteria da 17,6 kWh limitano il raggio dazione allarea metropolitana. E proprio dalla città parto: è qui, infatti, che la cinque porte da tre metri e 50 di lunghezza si muove come se fosse nel giardino di casa. Fluida da guidare e ultra maneggevole, la EQ forfour è adatta a tutti e riesce a infilarsi nei pertugi più impensabili. In partenza e a bassa velocità, poi, vanta uno spunto apprezzabile (la coppia è di 160 Nm), accompagnato dal caratteristico sibilo. Invece in autostrada, dove conviene avere il piede leggero, emergono un po di fruscii aerodinamici e qualche rumore di rotolamento. Più in generale, se si opta per la modalità di guida normale e si chiede tutto alla meccanica, si può "consumare" molto, perché gli 82 CV di picco devono spingere oltre 1.200 chili. Le prestazioni, in ogni caso, sono adeguate, sul breve e fino a velocità intermedie, poi la spinta tende ad appiattirsi (e comunque, la velocità massima è limitata a 130 orari). Per calarsi a fondo nella realtà EQ è meglio marciare in Eco, perché si fa più strada. In fase di rilascio, inoltre, non si avverte un marcato effetto frenante: si recupera energia, certo, ma non si arriva alla guida mono-pedale. Il comando del freno, sempre particolare su una elettrica, vanta un minimo di corsa ed è efficace, pur restando modulabile. La forfour è gradevole da guidare per merito dellottimo bilanciamento, cui si aggiungono lavantreno agile e il retrotreno che segue bene i comandi. Dotata di gommatura differenziata (185/50 16 anteriore e 205/45 16 posteriore), la cinque porte a batteria è sincera e mantiene piuttosto bene le traiettorie, senza mostrare un rollio eccessivo. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SMART-FORFOUR [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2018/06/25/SMART_EQ_FORTWO_E_CUP_UNA_SCOSSA_AL_MOTORSPORT.HTML 2019-09-04 08:56:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/04/mazda_e_tpv_al_volante_del_primo_prototipo_elettrico/gallery/2019-Mazda-e-TPV-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27013 Mazda e-TPV - Al volante del primo prototipo elettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27013&tipo=fv Non è una novità che ai tecnici della MAZDA [1] piaccia andare controcorrente. Non certo per il gusto di farlo, ma per seguire le proprie convinzioni, basate su una strategia di lungo termine. Che prevede il miglioramento continuo dei motori a combustione interna, a benzina e diesel, e pure lo sviluppo dellinnovativo SKYACTIV-X [2], che punta a unire i vantaggi di entrambi. Inoltre, anche gli ingegneri di Hiroshima pensano allelettrico, in tutte le sue forme, dal semplice mild hybrid già disponibile sulla MAZDA3 [3] e sulla nuova CX-30 [4], al plug-in fino allauto a batteria vera e propria. APPROCCIO ESCLUSIVO. Anche in questo ambito i tecnici giapponesi hanno un approccio originale, che poggia su unattenta analisi dellimpatto della vettura non solo nel corso dellutilizzo, ma nellintero ciclo di vita, dalla produzione al riciclaggio. Con tale ottica, la taglia dellaccumulatore influisce negativamente sulle emissioni di CO2: quindi non conviene che sia molto grande. Ciò, però, limita il raggio dazione della vettura, quindi come fare per eliminare lansia da autonomia? AIUTINO A BENZINA. La soluzione è un range extender: un piccolo propulsore a benzina che aziona un generatore, il quale fornisce la corrente necessaria ad alimentare il motore elettrico. Non certo una novità, visto che è stato utilizzato per esempio sulla BMW i3. La Mazda, tuttavia, è lunica Casa ad aver sviluppato per anni il Wankel, che per le sue caratteristiche si rivela perfetto in questo ruolo. Pressoché privo di vibrazioni, silenzioso e compatto, può anche avere un buon rendimento se, come in questo caso, funziona in un limitato campo di regimi. E per sovramercato, il range extender consente persino di utilizzare la vettura come fonte di energia elettrica per usi domestici in caso di disastri naturali che causino linterruzione della fornitura di corrente, eventualmente alimentandolo anche a Gpl. ASSENZA PESANTE. Grande, quindi, è stata la mia curiosità quando sono stato incaricato di partecipare al test del prototipo della prima vettura elettrica della Mazda, a Oslo, in Norvegia. Laspettativa è cresciuta quando ho notato in esposizione la piattaforma del veicolo, col motore elettrico affiancato dal gruppo del range extender. Purtroppo, però, lauto da guidare ne era priva. Non è un mistero, infatti, che la strategia della Mazda preveda dimpiegare il generatore ausiliario in taglie diverse e abbinato a batterie e propulsori di prestazioni varie, secondo il mercato di destinazione e la relativa disponibilità di energia rinnovabile e la diffusione delle colonnine di ricarica, e sarà offerta pure una versione senza laiutino a benzina. Proprio come il prototipo a disposizione per il breve test, che ha il corpo vettura di una CX-30 (ma non pensiate che sia prevista una versione elettrica di questo modello) e il nuovo pianale pensato per accogliere la batteria da 35,5 kWh, che alimenta un motore sincrono a magneti permanenti da 143 CV (105 kW) e 265 Nm. Laccumulatore, che è racchiuso in un robusto contenitore dacciaio ad alta resistenza fissato al pianale in venti punti, così da aumentare la rigidezza della scocca, e pensato per sopportare anche gli impatti laterali più severi, viene rifornito con corrente alternata attraverso il caricatore interno da 6,6 kW oppure tramite la corrente continua a 50 kW. LA PIù VICINA A UNAUTO NORMALE. Mancando il range extender, il resoconto del test sarebbe per forza di cose stringato. Infatti le elettriche, tutto sommato, si comportano più o meno allo stesso modo: sono silenziose, rapide nellerogare la coppia richiesta col pedale dellacceleratore e facili da guidare. Ma questa è una Mazda e qui entra in gioco il Jinba Ittai, ovvero lunione tra il cavaliere e il suo cavallo, che, adattato nellambito automobilistico, si può spiegare come un funzionamento della vettura omogeneo, intuitivo, che non affatica il conducente e i passeggeri nemmeno nei lunghi viaggi. I tecnici di Hiroshima hanno studiato a fondo il comportamento del corpo umano e progettano le loro auto per renderle il più possibile prive di ritardo nella risposta dei comandi e in grado di fornire un adeguato feedback sulla loro attuazione. Il risultato, nel caso di questo prototipo, è sorprendente: si tratta dellelettrica più simile a unauto tradizionale che io abbia mai guidato. Soprattutto per due motivi. Il primo è il rumore: un sound artificiale gradevole, dal volume ridotto ma che in piena accelerazione savvicina a quello di un buon sei cilindri a benzina. stato introdotto per far avvertire anche acusticamente al guidatore lincremento della coppia erogata, che non è mai brusco, come invece capita sulle altre elettriche quando si affonda lacceleratore: e ciò è la seconda similitudine con le vetture normali. Scelte originali e coerenti con la filosofia Mazda, ma che rischiano di deludere i fan delle auto a batteria. Sempre in tema di omogeneità di guida, qui il G-Vectoring control, la tecnologia sviluppata dalla Casa giapponese che promette di minimizzare le variazioni di assetto in curva modulando automaticamente la coppia motrice, è portato a un livello più alto, grazie alla possibilità di gestire in modo più preciso lerogazione del motore e pure la frenata rigenerativa. A proposito di questultima, a Hiroshima non hanno ancora deciso quale strategia adottare: se lasciare al cliente lopzione di attivare la modalità di guida con un solo pedale, se selezionare vari livelli di intensità di rigenerazione o fissarla a una soglia bassa per simulare il comportamento di unauto convenzionale, concentrando la decelerazione elettrica quando si agisce sui freni. Non a caso i tecnici hanno raccolto con grande attenzione le opinioni dei partecipanti al test. Qualunque sia la soluzione che sarà adottata, posso dire che in questo primo assaggio lelettrica Mazda si è rivelata assai gradevole e omogenea nella guida, proprio come i suoi progettisti desiderano, rinunciando però al wow factor della risposta istantanea allacceleratore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MAZDA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/15/MAZDA_SKYACTIV_X_IL_BENZINA_CHE_FUNZIONA_COME_UN_DIESEL.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/05/MAZDA3_SKYACTIV_X_HYBRID_PREZZO_CONSUMI_CARATTERISTICHE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/15/MAZDA_CX_30_AL_VOLANTE_DELLE_BENZINA_E_DIESEL.HTML 2019-09-04 00:14:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/03/ferrari_al_volante_della_f8_tributo/gallery/2019-Ferrari-F8-Tributo-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27012 Ferrari - Al volante della F8 Tributo - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27012&tipo=fv Tutto intorno a lui, il premiato. Per ben quattro volte eletto motore dellanno. Parliamo del V8, ovviamente, di casa a Maranello. E protagonista assoluto nella nuova FERRARI F8 TRIBUTO [1], dove la potenza del 3.9 biturbo è cresciuta a 720 CV (parallelamente a una diminuzione di peso del veicolo di 40 kg, ora attestato a 1.330 kg). Ma lerede della 488 GTB ha subito un profondo rinnovamento su tutti i fronti, a partire dallaerodinamica (migliorata nellefficienza del 10%), per passare alla gestione elettronica della potenza, alla risposta dello sterzo e nella dinamica del veicolo nel suo insieme. COME LEI NESSUNA MAI. Ma cosa si prova a guidarla? Ce lo racconta in prima persona Gian Luca Pellegrini che in questo video ne sintetizza i tratti salienti e le emozioni al volante. Sia in pista che su strada, a Fiorano e sulle colline adiacenti. Unesperienza che lascia il segno a livello emotivo, pur trattandosi di unevoluzione del noto DNA Ferrari. Solo un click più in alto. Buona visione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/28/FERRARI_F8_TRIBUTO_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI_EREDE_488.HTML 2019-09-04 00:14:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/03/mazda_cx_30_al_volante_della_skyactiv_x/gallery/2019-mazda-cx30-primo-contatto-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27011 Mazda CX-30 - Al volante della Skyactiv-X http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27011&tipo=fv Cè fermento in casa MAZDA [1] e il motivo è presto detto: lesordio della nuova CX-30 corrisponde a una ghiotta opportunità commerciale. La crossover si posiziona a metà strada fra la CX-3 e la CX-5, in quel redditizio segmento di modelli che uniscono dimensioni relativamente compatte la giapponese è lunga 4,4 metri, alta 1,54 e ha un passo di 2,65 metri a una generosa spaziosità interna (il bagagliaio ha una capacità dichiarata di 430 litri). Inoltre, dopo la Mazda3, la CX-30 è il secondo veicolo di nuova generazione progettato per avvicinare anche la clientela premium. E poi, dentro il cofano cè il rivoluzionario motore Skyactiv-X, che promette consumi ridotti e piacere di guida. SI GUIDA COME UN ASPIRATO. Unisce i vantaggi del diesel a quelli del benzina: è così che Mazda descrive lo Skyactiv-X. E non è certo unaffermazione da poco. Quindi, come si comporta su strada? Bene, ma per apprezzare appieno il propulsore bisogna comprenderlo appieno. Partiamo da un presupposto: il compressore volumetrico adottato da questo 4 cilindri non serve per spremere potenza, quanto per consentire il sofisticato funzionamento delliniezione. In altri termini, la sovralimentazione non garantisce i generosi picchi di coppia massima tipici delle unità turbo, benzina o diesel che siano, di ultima generazione. Piuttosto, il comportamento è quello di una tipica unità aspirata che si distingue soprattutto per la regolarità derogazione e la determinazione nel prendere giri fino a limitatore, posto a quota 6.500 giri/minuto. VA BENE E CONSUMA POCO. In un certo senso, lo Skyactiv-X è un inno alla guida dantan: le prestazioni vanno cercate nella parte alta del contagiri, sfruttando al massimo ogni marcia e dandosi da fare con lottima trasmissione manuale a sei marce. Il propulsore può contare su una buona elasticità di marcia, che permette di viaggiare in scioltezza anche sfruttando i rapporti più lunghi. In più, ci sono anche diversi vantaggi ambientali, visto che il consumo combinato nel ciclo Wltp è di soli 5,9 litri/100 km. Numeri notevoli, se si tengono in considerazione la cilindrata e lalimentazione. PRECISA E CONFORTEVOLE. Nonostante lo schema non particolarmente raffinato delle sospensioni (MacPherson allanteriore e barra di torsione al posteriore), fra le curve la CX-30 risulta molto piacevole da guidare: lo sterzo presenta una buona taratura, che consente inserimenti precisi dellavantreno, mentre lassetto è un riuscito compromesso fra guidabilità e comfort. In marcia la vettura risulta silenziosa, anche per merito dellaerodinamica che non lascia filtrare fruscii. La dinamica di marcia è impreziosita dal G-Vectoring Control, un dispositivo che regola la coppia erogata dal motore in relazione allangolo di sterzo e aiuta a distribuire al meglio il carico verticale su ciascuna ruota. Sulle versioni a trazione anteriore, questa tecnologia funziona anche in uscita di curva, sfruttando unazione mirata sui freni delle ruote esterne per stabilizzare lauto. DOTAZIONI E PREZZI. Il corredo tecnologico dedicato alla sicurezza e allassistenza alla guida comprende la frenata automatica di emergenza, la funzione di supporto per la guida in colonna e il monitoraggio della stanchezza del guidatore. Inoltre, il sistema infotelematico con schermo da 8,8 pollici supporta, di serie, sia Apple CarPlay sia Android Auto. I prezzi della CX-30 partono da 24.750 euro, ma per avere il motote Skyactiv X ne servono almeno 29.350, cui vanno aggiunti 2.000 euro per il cambio automatico e 2.200 per la trazione integrale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MAZDA 2019-09-03 19:25:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/03/audi_q5_55_tfsi_e_al_volante_della_suv_ibrida_plug_in/gallery/2019-Audi-Q5-55-Tfsi-e-quattro-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27010 Audi Q5 55 TFSI e - Al volante della Suv ibrida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27010&tipo=fv Andare a corrente richiede loccorrente. E lAudi ne è al corrente, visto che per la propria Suv best in class, la Q5 [1], ha trasferito sulla VERSIONE PLUG-IN [2] gran parte della tecnologia adottata dalla prima elettrica di casa. La parentela tra le due vetture è tale che sul quadrante, al momento dellaccensione, appare la stessa scritta, E-TRON [3]. La nuova Audi Q5 TFSI e quattro S tronic, questo il nome completo allanagrafe, è declinabile nelle versioni 55 e 50. Non va, quindi, controcorrente. Ma basta davvero questo banale gioco di parole per raccontarla e inquadrarla? Ovviamente no. La Casa ha scelto un messaggio efficace dal punto di vista del marketing, Q alla quinta (con cinque aree di caratterizzazione: elettrificazione, efficienza, accessibilità, prestazioni e versatilità). Una premessa che andrà verificata dai fatti e dal nostro Centro prove, dal momento che sulla carta la Q5 55 TSFI dichiara percorrenze quasi da scooter: fino a 47 km/litro. Il percorso da Torino a Champoluc (in Valle dAosta) e ritorno, oggetto di questo primo contatto, non sembra però fatto per accreditare tali dati. STESSO MOTORE, DUE VERSIONI. Il powertrain della Q5 plug-in è composto da un 4 cilindri 2.0 TFSI turbobenzina da 252 CV e 370 Nm di coppia e da un propulsore elettrico da 143 CV e 350 Nm : questultimo è integrato, insieme a una frizione di separazione, nel cambio S tronic a sette rapporti. Due sono le versioni disponibili, già in prevendita: la 55 TFSI da 367 CV complessivi e 500 Nm di coppia e la 50 TFSI da 299 CV e 450 Nm. Per entrambe le varianti, il picco di spinta è a 1.250 giri e resta costante fino a 5 mila: ciò che cambia è il boost fornito dallunità elettrica. Laccumulatore agli ioni di litio, alloggiato sotto il piano di carico (il bagagliaio ha una capacità dichiarata di 465 litri, contro i 550 delle versioni non elettrificate), pesa 135 kg e ha una capacità di 14,1 kWh, mentre la potenza massima della ricarica è di 7,4 kW (il ripristino richiede fino a 7 ore dalla presa domestica, oppure 2,5 ore presso una colonnina). Sul fronte delle prestazioni, la Q5 plug-in accelera da 0 a 100 km/h in 5,3 secondi (55 TFSI) o 6,1 secondi (50 TFSI) e raggiunge la velocità massima di 239 km/h, mentre i consumi dichiarati sono pari a 2,1-2,7 l/100 km nel caso della variante più potente (con emissioni d CO2 pari a 48-62 g/km) e a 2,2-2,8 l/100 km (con 50-65 g/km di CO2) nel caso della 50 TFSI. Per quanto riguarda la marcia a zero emissioni, lAudi indica unautonomia di 45 chilometri a una velocità non superiore ai 135 km/h. SU STRADA. Il primo contatto è stato con la 55 TFSI. Ottime, come sempre, le sensazioni di guida, nulla da aggiungere rispetto alle versioni termiche sul comportamento dinamico e sulla frenata. Allesterno, lauto è riconoscibile come Phev solo dal secondo sportellino, quello che copre la presa di ricarica sul passaruota posteriore sinistro, mentre allinterno si notano le schermate del display dedicate alla marcia in elettrico e il selettore delle modalità di guida (solo elettrica, risparmio batteria e gestione automatica intelligente dei due motori). Lunica sensazione distonica che ho avuto riguarda il pedale del gas, dallescursione breve e un po rigida, come se invogliasse a non spingere troppo per favorire la parsimonia. A proposito: allandata, dopo 126 chilometri di cui 9-10 percorsi in elettrico a 30 km/h e un dislivello di oltre 1.300 metri, il trip computer ha indicato un consumo di 10,5 l/100 km (benzina) e 9,6 kWh/100 km (energia). Al ritorno, dopo 114 chilometri fatti prevalentemente in discesa, il responso della strumentazione è stato, rispettivamente, di 6,1 l/100 km e di 7,5 kWh/100 km. VANTAGGI ECONOMICI E FISCALI. Secondo la Casa, il mix di prodotto della Q5 plug-in potrebbe raggiungere il 13-15%, non solo per la sua appetibilità come auto aziendale. Nessuna delle versioni, infatti, è soggetta allecotassa: in più, la 50 TFSI può accedere anche allecobonus fino a 2.500 euro, un vantaggio che potrebbe suscitare linteresse dei privati. A seconda delle regioni, inoltre, si possono ottenere ulteriori risparmi sul bollo, mentre alcune assicurazioni prevedono sconti sul premio. Infine, i listini: la Q5 55 TFSI parte da 64.800 euro, mentre la 50 TFSI ha un prezzo dattacco pari a 57.500 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/Q5 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/06/13/AUDI_Q5_55_TFSI_E_QUATTRO_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2019/AUDI_E_TRON_LA_PROVA_DELLA_55_QUATTRO_BUSINESS.HTML 2019-09-03 18:42:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/nissan_juke_dimensioni_motori_uscita/gallery/2019-Nissan-Juke-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27009 Nissan Juke - Debutta la seconda generazione della crossover http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27009&tipo=fv Era il 2010 quando la NISSAN JUKE [1] scombinò le carte nel segmento B. Proponendo carrozzeria rialzata e forme simpatiche strizzate in misure a prova di città. Da allora (un milione i pezzi venduti fino a oggi) un sacco di concorrenti hanno seguito la sua ricetta e adesso è arrivato, anche per lei, il momento di rifarsi totalmente il trucco. Dopo averla guidata in anteprima, ancora in veste camuffata, ecco quindi la seconda generazione: arriverà in concessionaria a fine novembre, con un prezzo base, in allestimento Visia, di 19.620 euro. Ma fra pochi giorni sarà comunque possibile ordinare online la Premium Edition, ricca edizione di lancio limitata a 50 esemplari, di cui solo 30 destinati allItalia. FAMILIARE, CON STILE. Secondo i designer che lhanno partorita, questa Juke è un po come il secondo album per un cantante: devesserci qualcosa di nuovo, ma devi comunque far ricordare, in questo caso a chi guarda, il tratto che ti contraddistingue. Tradotto sulle lamiere, in Nissan hanno voluto mantenere una certa familiarità con le linee del vecchio modello, reinterpretate però in chiave più sportiva. E usate per far trasparire una certa maturità, funzionale a un aumento generoso delle dimensioni. La piattaforma Cmf dellAlleanza ha infatti allungato la carrozzeria di 7,5 centimetri (4,21 metri totali), per una larghezza di 180 (+3,5 centimetri) e unaltezza di 1 metro e 58 centimetri. Senza dimenticare i 10,5 centimetri aggiuntivi di passo, per 263 totali. Il primo effetto? Laumento dello spazio a disposizione per ginocchia e testa di chi siede dietro. Nondimeno, pure il bagagliaio è cresciuto, con 422 litri totali in configurazione cinque posti (+68 litri rispetto a prima). SEMPRE CONNESSA. Grandi passi avanti anche nella qualità dei materiali nellabitacolo, con una plancia che conquista plastica morbida nella parte alta, ma anche una fascia centrale che può essere rivestita dAlcantara. E poi, un profluvio di tecnologia, con aggiornamenti di mappe e software over the air, nonché la possibilità di trasformare linfotainment da 8 con connettività Apple CarPlay e Android Auto in un hot-spot wifi, grazie alla sim card 4G. Tre anni sono gratis, poi si comincia a pagare i pacchetti dati. Volendo, si può anche inviare la destinazione al navigatore direttamente da casa, utilizzando il Google Assistant. Scaricando lapp Nissan, è poi possibile chiudere o aprire lauto a distanza o impostare unarea ed essere avvisati qualora lauto (magari guidata dai figli) dovesse uscire. Da segnalare limpianto stereo Bose con otto altoparlanti, due dei quali integrati direttamente nei poggiatesta dei sedili anteriori. TECNICA E ALLESTIMENTI. A spingere la nuova Nissan Juke niente più diesel: cè solo un tre cilindri turbo benzina da 117 cavalli e 200 Nm, per uno 0-100 km/h da 10,2 secondi e tre modalità di guida (Eco, Standard e Sport). Il cambio può essere manuale a sei marce o automatico doppia frizione a sette rapporti con paddle al volante. Allo studio ci sono anche la versione bi-fuel a Gpl (per lItalia) e unibrida. La piattaforma Cmp è più rigida del 13% rispetto alla precedente, pur essendo comunque il 6% più leggera, mentre lo sterzo è più diretto ed è stato rivisto nella taratura. Cinque gli allestimenti: Visia, Acenta, N-Connecta, Tekna e N-Design. Le ultime due hanno di serie cerchi da 19, la N-Design anche la tinta bicolore. Fin dalla Visia, comunque, la dotazione di sicurezza comprende già abbaglianti automatici, sistema di mantenimento della corsia e riconoscimento dei segnali stradali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NISSAN-JUKE 2019-09-03 18:21:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/03/autotorino_a_bergamo_una_nuova_concessionaria_jeep_e_alfa_romeo/gallery/2019-autotorino-bergamo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27008 Autotorino - A Bergamo una nuova concessionaria Jeep e Alfa Romeo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27008&tipo=fv Autotorino amplia la sua rete con una concessionaria JEEP [1] e ALFA ROMEO [2] a Bergamo città. Il nuovo centro, situato in via per Zanica 87, affianca allo showroom dedicato ai modelli di FCA un Service ufficiale Mercedes-Benz e unesposizione dedicato allusato. RADDOPPIA LA PRESENZA SUL TERRITORIO. Per il dealer nato in Valtellina si tratta della 38esima apertura, la nona filiale dedicata a Jeep e la seconda al marchio del Biscione. La struttura, per la quale sono stati investiti 1,5 milioni di euro, si sviluppa su 12.800 metri quadrati di superficie, di cui quasi un terzo dedicati allesposizione. Il Gruppo era già presente sul territorio con la filiale di Curno e quello orobico rappresenta, per Autotorino, il terzo mercato e il terzo parco auto nella Lombardia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/ALFA-ROMEO 2019-09-03 17:22:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/volkswagen_new_urban_coupe_una_nuova_crossover_per_il_mercato_globale/gallery/2019-volkswagen-suv-coupe-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27007 Volkswagen - Una nuova crossover per il mercato globale http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27007&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha diffuso il teaser di un nuovo modello destinato al mercato globale, confermando che per la prima volta tutto lo sviluppo sarà affidato alla Volkswagen do Brasil. Il gruppo tedesco ha comunicato anche ulteriori investimenti in Sud America, che portano a 1,5 miliardi lammontare previsto tra il 2016 e il 2020. IN BRASILE NEL 2020, IN EUROPA NEL 2021. Basata sulla piattaforma Mqb, la vettura, denominata temporaneamente New Urban Coupé, ha le proporzioni di una crossover sportiva compatta, sulla falsariga di quanto visto recentemente con la Q3 SPORTBACK [2]. Sarà presentata nella primavera del 2020. La produzione sarà avviata entro la fine del prossimo anno nella fabbrica brasiliana di Anchieta, mentre nel 2021 inizierà lassemblaggio e la commercializzazione in Europa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/30/AUDI_Q3_AL_VOLANTE_DELLA_SPORTBACK.HTML 2019-09-03 16:30:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/03/bugatti_un_grand_tour_per_celebrare_i_110_anni/gallery/2019-Bugatti-Grand-Tour-2.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27006 Bugatti - Un Grand Tour per celebrare i 110 anni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27006&tipo=fv Un Grand Tour dEuropa per celebrare i 110 anni della propria storia. Dopo lunveiling della CENTODIECI [1] a Pebble Beach, la BUGATTI [2] prosegue così i festeggiamenti, con 23 esemplari di VEYRON [3] e CHIRON [4] che affronteranno un percorso lungo i luoghi simbolo del marchio. Il via allevento è stato dato a Milano, città natia di Ettore Bugatti: le hypercar francesi si sono date appuntamento al Palazzo del Senato e hanno poi viaggiato verso le Langhe piemontesi per un pranzo nel Monferrato. Da qui, la carovana ha passato il confine francese verso la Costa Azzurra, con destinazione Montecarlo, dove nacque il pilota Louis Chiron. DESTINAZIONE MOLSHEIM. Da Monaco le Bugatti affronteranno un viaggio dal Principato fino a Aix-en-Provence e in seguito fino a Le Massif du Luberon. La giornata seguente prevede il passaggio da Beaune, dalla regione del Cote DOr e larrivo a Parigi con una cena in Place Vendome. Lultimo giorno vedrà la carovana raggiungere la sede Bugatti di Molsheim, dove i partecipanti potranno visitare la sede e ammirare le vetture del marchio di tutte le epoche, proprio nei giorni in cui la Casa francese festeggia lo storico primato di velocità di oltre 490 km/h con una CHIRON MODIFICATA [5]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI-VEYRON [2] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI-VEYRON [4] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI-CHIRON [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/02/BUGATTI_CHIRON_490_KM_H_RECORD_VELOCITA.HTML 2019-09-03 15:33:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/03/f_1_a_monza_sticchi_damiani_la_firma_per_il_rinnovo_tra_pochi_giorni_/gallery/2019-autodromo-monza.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27005 F.1 a Monza - Sticchi Damiani: "La firma per il rinnovo tra pochi giorni" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27005&tipo=fv Alla tradizionale conferenza stampa di presentazione del Gran Premio dItalia di Formula 1, che si correrà questo fine settimana a Monza, IL PRESIDENTE DELLACI - Angelo Sticchi Damiani - HA CONFERMATO che si è ormai molto VICINI ALLA FIRMA DI UN RINNOVO CONTRATTUALE CON LIBERTY MEDIA che permetterà allAutodromo Nazionale di OSPITARE LA GARA PER ALMENO ALTRI CINQUE ANNI. PASSAGGIO DI TESTIMONE. "La straordinaria storia di questo circuito continua", ha affermato orgogliosamente Sticchi Damiani, presentando la novità che pone nuove basi per il futuro dellimpianto brianzolo. Oggi, infatti, si firma la concessione che trasferisce la gestione dellAutodromo di Monza dalla Sias S.p.A. ad ACI Italia. La nuova convenzione si è resa necessaria per poter arrivare alla firma del nuovo contratto con Liberty Media, detentore dei diritti commerciali della Formula 1, così da poter far correre il circus a Monza per le prossime cinque stagioni. "Oggi scriveremo un capitolo importante di questa storia, dando continuità, per quasi dieci anni, al rapporto tra Aci, Sias e il Consorzio del Parco, in particolare la Regione Lombardia, con una firma prodromica perché Aci possa firmare il contratto con Liberty Media", ha spiegato il presidente. LO SPRINT FINALE, CON UN OCCHIO AL FUTURO. Quanto alla firma sul nuovo contratto con la Formula 1, Angelo Sticchi Damiani ha confermato che rimangono da sistemare giusto alcuni dettagli. "Firmeremo nei prossimi giorni", ha commentato il presidente, sottolineando il grande lavoro di squadra che ha coinvolto anche la Regione Lombardia e il Comune di Milano, per permettere di raggiungere lobiettivo. E si pensa già al futuro: "Questo bellissimo autodromo ha bisogno di essere migliorato, cè il consorzio del Parco di Monza, cè Aci Italia, speriamo in contributi governativi così che, nel 2022, lAutodromo di Monza possa presentarsi in una nuova veste". NON SOLO F.1. Come ha spiegato il sindaco di Monza, Dario Allevi, la nuova convenzione permetterà di rendere lAutodromo un impianto polifunzionale. Allevi, oggi anche in veste di presidente del Consorzio del Parco, ha spiegato: "La convenzione che andremo a firmare darà lopportunità di far vivere limpianto, adeguandolo alle esigenze sempre più elevate, per farlo diventare polifunzionale. Sarà una struttura dove portare altri grandi eventi, come ad esempio il grande tennis Atp, un progetto che al board Atp è piaciuto molto. Lavoreremo per riportare qui i grandi concerti, eventi da quasi 100mila visitatori. Il prossimo salone dellauto, trasferito da Torino a Milano e Monza, sarà presentato qui il 19 settembre, migliaia di visitatori arriveranno qui il prossimo giugno e sarà un successo". 2019-09-03 14:58:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/lamborghini_sian_ibrida_motore_prestazioni_uscita/gallery/2019-Lamborghini-Sian-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27003 Lamborghini Sián - 819 CV per la prima ibrida di SantAgata http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27003&tipo=fv La LAMBORGHINI [1] più veloce di tutti i tempi: così il marchio di SantAgata Bolognese presenta la sua prima ibrida, la SIáN. La supersportiva a dodici cilindri vanta soluzioni tecniche innovative, a partire dal sistema elettrificato che porta al debutto nel mondo dellauto i supercondensatori per contenere il peso e garantire prestazioni elevate. La Lamborghini Sián sarà costruita in soli 63 esemplari, ognuno dei quali sarà personalizzato dal Centro Stile Lamborghini e dal reparto Ad Personam con lobiettivo di creare un pezzo unico per ogni proprietario. Il debutto della nuova V12 è fissato per il prossimo SALONE DI FRANCOFORTE [2], dove sarà esposto un esemplare con verniciatura Oro elettrico multistrato e interni caratterizzati da rivestimenti di pelle Poltrona Frau e inserti stampati in 3D. LELETTRICO SUPPORTA IL V12. La Sián mantiene fede alla storia del marchio proponendo una versione evoluta del V12 di 6.5 litri della Aventador SVJ abbinata a un motore elettrico a 48 volt. Lunità termica, aggiornata con valvole daspirazione di titanio, è la più potente mai montata su una Lamborghini di serie: il dodici cilindri arriva a erogare 785 CV a 8.500 giri. Per incrementare ulteriormente le prestazioni, allinterno del cambio è stata integrata ununità elettrica da 34 CV collegata direttamente agli assi che porta la potenza massima del sistema a 819 CV e supporta le manovre a bassa velocità, retromarcia compresa, scollegandosi poi al raggiungimento dei 130 km/h. IL DEBUTTO DEI SUPERCONDENSATORI. Lelettricità necessaria per il funzionamento del sistema ibrido viene accumulata allinterno di un supercondensatore, anziché nelle classiche batterie agli ioni di litio. Questa innovativa soluzione, inizialmente collaudata sulla Aventador, ha permesso alla Lamborghini di proporre un sistema di stoccaggio dellenergia tre volte più leggero rispetto a un accumulatore di pari potenza e tre volte più potente rispetto a una batteria di pari peso. La componente ibrida (motore e supercondensatore) arriva così a pesare solo 34 kg, garantendo un rapporto peso/potenza di 1 kg/CV. Lutilizzo di questa tecnologia ha inoltre permesso di sfruttare al meglio la frenata rigenerativa: grazie al comportamento simmetico del supercondensatore, che può essere scaricato e caricato con la stessa potenza, il sistema si ricarica totalmente a ogni frenata, garantendo un immediato aumento della potenza disponibile. LE PRESTAZIONI. La combinazione del V12 con il sistema elettrico permette alla Sián di conquistare un altro primato, ovvero quello di Lamborghini con laccelerazione migliore di sempre. Alla sportiva ibrida bastano infatti 2,8 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. Anche nelle riprese i dati migliorano nettamente: con un incremento del 10% della forza di trazione in terza marcia il 30-60 km/h migliora di due decimi, mentre per nel 70-120 km/h lelettrico permette di limare ben 1,2 secondi. Alle velocità più basse, infatti, il sistema ibrido può migliorare la forza di trazione del 20% nelle marce più alte. La velocità massima è superiore ai 350 km/h. NUOVI MATERIALI E LOOK ISPIRATO ALLA COUNTACH. Oltre alle tecnologie, la supersportiva di SantAgata porta al debutto anche un nuovo look con dettagli derivati dal passato. Ispirata alla Countach, la Sián introduce soluzioni stilistiche inedite per i modelli di serie, come le luci diurne a Y derivate dalla Terzo Millennio e il prolungamento sul tetto degli elementi di vetro del vano motore. Oltre a questo librida utilizza per la prima volta delle alette di raffreddamento posteriori realizzate con materiali che reagiscono alle elevate temperature generate dallimpianto di scarico, modificando la propria forma per migliorare il raffreddamento. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAMBORGHINI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-03 14:09:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/09/03/kia_xceed_al_volante_della_1_6_crdi_dct7/gallery/2019-Kia-XCeed-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27004 Kia XCeed - Al volante della 1.6 CRDi DCT7 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27004&tipo=fv La XCeed completa la famiglia delle medie della KIA [1], anche se non lo dà a vedere chiaramente: nella crossover i lineamenti da berlina si miscelano a quelli della coupé, ma non mancano delle soluzioni prese in prestito dal mondo delle ruote alte. QUESTIONI DI STILE. A livello di abitacolo, la parentela con le altre Ceed è messa in risalto dallo stile dellarredamento e dallampiezza dellambiente, anche se laccessibilità posteriore appare meno generosa per via delle porte più piccole e del profilo spiovente del padiglione. Lallestimento top di gamma, lEvolution (dotato di cerchi da 18), si allontana dalle consanguinee anche per latmosfera interna, resa più ricercata e tecnologica dagli specifici abbinamenti cromatici e, soprattutto, dal cluster digitale da 12,3 (il quale, però, non è configurabile). Pregevole è pure lo schermo da 10,25 del sistema dinfotainment, il quale alza lasticella della connettività Kia abilitando numerose funzionalità da remoto, laccesso ai servizi online e a tutti gli aggiornamenti, gratuiti per sette anni. PUNTA SUL CONFORT. La crossover ha unaltezza da terra pari a 18,4 centimetri e non ha pretese da off-road: manca, infatti, la modalità di marcia per i fondi a bassa aderenza. Detto questo, la seduta rialzata favorisce la vista sulla strada, anche se in manovra e nelle svolte a sinistra i montanti risultano leggermente invadenti. La guida è istintiva e rassicurante: guidando speditamente sui percorsi tortuosi, il leggero rollio e laccenno di sottosterzo riducono la prontezza degli inserimenti in curva e lagilità, ma non pregiudicano laffidabilità del comportamento. Lassetto, daltronde, punta sostanzialmente sul confort, ulteriormente impreziosito dalla buona insonorizzazione dellabitacolo. COPPIA AFFIATATA. Il confort acustico è garantito pure dal turbodiesel di 1.6 litri da 136 CV, che nel caso della XCeed Evolution è esclusivamente abbinato al cambio automatico doppia frizione a sette marce. Il matrimonio è convincente, anche sul fronte dei consumi: dopo aver percorso le tortuose strade dellentroterra della Provenza, il computer di bordo ha riportato una percorrenza media vicina ai 17 km/l. La XCeed, daltronde, non ha tendenze sportiveggianti, ma il carattere è apprezzabile: guidando, sapprezzano la prontezza della risposta ai bassi regimi, lelasticità e la fluidità dellerogazione. Questultima è armonizzata dal cambio, lineare e dotato di un buon tempismo. BEN DOTATA E IN PROMOZIONE. La famiglia della XCeed è composta da 12 versioni, per le quali è previsto uno schieramento di Adas che cresce in funzione degli allestimenti (Urban, Style ed Evolution). I motori disponibili sono i benzina di 1.0, 1.4 e 1.6 litri (rispettivamente da 120, 140 e 204 CV) e il millesei turbodiesel da 115 o 136 CV. Il listino va da 22.750 a 32.750 euro, ma in fase di lancio sono previsti sconti che arrivano sino a 4.250 euro. In questo periodo, sono in vendita anche 250 esemplari della 1.6 CRDi più potente nellallestimento full optional Launch Edition, proposto a 28.900 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA 2019-09-03 14:09:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/pagani_huayra_ecco_la_imola_realizzata_in_serie_iper_limitata/gallery/2019-pagani-imola-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27002 Pagani Huayra - Ecco la Imola, realizzata in soli cinque esemplari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27002&tipo=fv Si chiama Huayra Imola lennesima serie speciale creata da Pagani. La vettura è stata ordinata da Oleg Egorov, già proprietario della Zonda Unica e le informazioni note derivano da quello che lo stesso Egorov ha diffuso in rete dopo aver ritirato la vettura, oltre che dagli avvistamenti risalenti ai giorni scorsi in Europa, durante il RADUNO DEL SUPERCAR OWNERS CIRCLE [1]. La PAGANI [2] Huayra Imola sarà costruita in soli cinque esemplari derivati dalla HUAYRA BC [3]. I dati tecnici non sono ancora noti. Al di là dellaccostamento tra la fibra di carbonio lucida e i particolari arancio, le differenze maggiori, rispetto alla versione standard della hypercar, sono relative al pacchetto aerodinamico: frontale e coda appaiono infatti totalmente ridisegnati. Allanteriore è previsto uno splitter molto pronunciato e un paraurti rivisto, mentre in coda è installato un alettone ancora più grande e un estrattore più pronunciato. Anche le prese e gli sfoghi daria sul cofano e sulle fiancata sono diversi da quelli della BC, inoltre è previsto un airscoop sul tetto per portare aria al V12. I cerchi di lega, infine, presentano un design inedito e molto sottile, mentre le pinze freno riprendono il tema dellarancio visibile anche nellabitacolo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/09/03/SUPERCAR_OWNERS_CIRCLE_AD_ANDERMATT_IL_RADUNO_DELLE_AUTO_DA_SOGNO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PAGANI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2016/10/17/PAGANI_HYAYRA_BC_NURBURGRING_.HTML 2019-09-03 13:43:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/03/supercar_owners_circle_ad_andermatt_il_raduno_delle_auto_da_sogno/gallery/2019-soc-andermatt-07.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27001 Supercar Owners Circle - Ad Andermatt il raduno delle auto da sogno http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27001&tipo=fv Il gruppo comprende FERRARI [1] F40 LM, Porsche GT1, PAGANI [2] Huayra, BUGATTI [3] Veyron, Koenigsegg Regera, tanto per fare qualche nome. Lappuntamento è sulle Alpi svizzere: base ad Andermatt, per poi scalare i passi della Furka, del Gottardo e dellOberalp con fermata allaerodromo di Ambrì. Il programma? Divorare tornanti e concedersi uno sparo nella pista di decollo e atterraggio. Tutto come da tradizione, ormai consolidata. Benvenuti nel Supercar Owners Circle - per gli amici semplicemente SOC - il club dei collezionisti di supercar che lo scorso week end (30 agosto 1 settembre) si è dato appuntamento per il quinto raduno. SUL RETTILINEO, GIù TUTTO. Tra cene di gala e paesaggi incantevoli, il SOC Weekend ha mosso sulle pendici elvetiche un serpentone dal valore incalcolabile. 80 supersportive del passato e del presente, tra cui esemplari mai visti prima: è il caso della Imola, una Pagani Huayra realizzata su commissione per un cliente russo. Levento, tra i più esclusivi al mondo, è una tre giorni allinsegna del lusso e, soprattutto, della velocità. Con un picco adrenalinico quando le supercar si sono concentrate sulla lunga lingua dasfalto dellaerodromo, scatenandosi in accelerazioni brucianti. Il tutto, però, nel rispetto della suggestiva cornice. Senza dimenticare che limpatto complessivo delliniziativa, in termini di CO2 emessa, è stato compensato con progetti energetici alternativi presso il parco eolico Yuntdag. PROSSIMA TAPPA RONDA. Quello di Andermatt è solo uno degli appuntamenti dedicati ai membri del SOC. Non è né un concorso deleganza né un rally, ma una combinazione unica dei due, è la definizione con cui lorganizzatore - già attivo in Italia, Francia, Germania, Emirati Arabi Uniti e Honk Kong, forte delle partnership con brand di lusso del settore automotive - presenta i suoi week end. Il prossimo evento è previsto il 23 e 24 settembre al Circuito di Ascari a Ronda, in Spagna, per un track day di beneficenza a sostegno delle fondazioni supportate dal SOC. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FERRARI [2] https://www.quattroruote.it/tags/pagani [3] https://www.quattroruote.it/tags/bugatti 2019-09-03 12:45:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/bmw_m4_edition_m_heritage_motore_foto_uscita/gallery/2019-BMW-M4-Edition-M-Heritage-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=27000 BMW M4 - Le Edition M Heritage debutteranno al Ring http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=27000&tipo=fv La BMW [1] svelerà la nuova serie speciale M4 Edition ///M Heritage al Nürburgring, durante il weekend di gara del DTM. Dal 13 al 15 settembre la Casa di Monaco esporrà alcuni dei 750 esemplari della coupé a tiratura limitata caratterizzata da finiture e accessori specifici: questo allestimento sarà il probabile canto del cigno della M4, in attesa del debutto della nuova generazione. Il propulsore è il classico sei cilindri 3.0 sovralimentato, qui arricchito dal kit Competition per 450 CV totali. ABBINAMENTI CROMATICI ESCLUSIVI. La coupé sarà proposta in soli tre colori: Laguna Seca Blue, Velvet Blue e Imola Red, ovvero quelli tipici del logo M, rendendo così omaggio alla tradizione sportiva della Casa tedesca. Nella fibra di carbonio del tetto è integrata una decorazione nei colori Motorsport e sono inediti anche i cerchi forgiati da 20" con finitura Orbit Grey Matt. Gli interni propongono le finiture di pelle bicolore coordinati con la carrozzeria: Silverstone e Black con cuciture turchesi o Velvet Blue con cuciture Orange per i due toni di blu, mentre la versione rossa propone i sedili di pelle Red e Black con cuciture gialle e rosse. La plancia è rivestita di carbonio con decorazioni esclusive e riporta la numerazione 1/750 come i battitacco. Sui poggiatesta, infine, è ricamato il logo ///M Heritage nei colori turchese, arancio o rosso in base alla versione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML 2019-09-03 11:11:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/08/smart_una_settimana_con_la_eq_forfour/gallery/2019-Smart-EQ-Forfour-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26999 Smart - Una settimana con la EQ forfour [Day 2] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26999&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa setimana è la SMART EQ FORFOUR [1] nellallestimento Prime Nightsky, uno dei più completi della gamma. Dopo luscita di scena delle versioni a benzina, la piccola tedesca ora è ordinabile solo in versione elettrica: lunico motore disponibile è un sincrono trifase con un picco di potenza di 82 CV e 160 Nm (a libretto, come per tutte le auto a batteria, è segnata la potenza continua di 41 kW, equivalenti a 56 CV): la velocità massima è di 130 km/h, mentre per lo 0-100 km/h servono 12,7 secondi. Ad alimentare la vettura è presente una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh che garantisce unautonomia massima di 155 km nel ciclo Nedc: per una ricarica completa (dal 20%) servono dalle 3,5 alle 6 ore a seconda che si utilizzi la wallbox o una presa domestica. Lunga quasi tre metri e mezzo, la cinque porte tedesca può trasportare, come intuibile dal nome, fino a quattro passeggeri e il suo bagagaliaio ha un volume di 185 litri, che cresce a 975 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. Proposta con un prezzo di partenza di 24.918 euro, la forfour elettrica è proposta in quattro allestimenti: passion (+1.200 euro), perfect (+2.000 euro), prime (+3.000 euro) e Brabus Style (+5.000 euro). La Nightsky utilizzata per il nostro diario di bordo è basata sulla versione prime e dispone di serie di accessori come la retrocamera, il tetto panorama, il bracciolo centrale, i sedili riscaldabili, il retrovisore interno anabbagliante, le finiture esterne total black e i pacchetti Led Sensor (fari a Led e fendinebbia), Cool Media (climatizzatore automatico e infotainment da 7"), comfort (sedile guidatore, cinture e volante regolabili in altezza e retrovisori elettrici) e portaoggetti (box documenti con serratura e rete lato passeggero). In questa configurazione il prezzo della versione speciale è di 33.973 euro. A CACCIA DI AUTONOMIA [DAY 1]. Gli inglesi la chiamano range anxiety, qui la potremmo definire ansia da autonomia. E con quasi 100 km da percorrere nel traffico sfido chiunque a non avere un po dansia quando la batteria non ha fatto in tempo a ricaricarsi al 100% e lautonomia residua è di 102 km. Su consiglio dellingegner Boni, qualche ora prima di partire ho impostato la preclimatizzazione dellabitacolo, selezionando in maniera semplice e intuitiva lorario di partenza direttamente dal computer di bordo. Uscito dalla redazione, scollego i cavi dalla colonnina del nostro parcheggio e trovo un abitacolo già fresco: seleziono subito la modalità Eco e mi avvio verso la tangenziale. Lautonomia scende in maniera progressiva, ma decido, prudentemente, di ridurre comunque landatura. Dopo una cinquantina di chilometri arrivo a casa con 70 km dautonomia residua con il 64% della carica e un "eco score" dell88%. Amo le sfide e per tornare a Rozzano la mattina successiva mi metto dimpegno per cercare di migliorare ulteriormente il mio punteggio. Senza guidare con una flemma eccessiva sto più attento a rilasciare lacceleratore in anticipo, lasciando alla frenata rigenerativa il compito di rallentare lauto, tanto sulle strade extraurbane, quanto in coda in tangenziale. Raggiungo il parcheggio della redazione con la batteria al 27% e 42 km dautonomia, migliorando di due punti il risultato della sera precedente. Questo viaggio in elettrico mi ha fatto capire diverse cose. La prima è che spesso si sottovalutano le capacità delle moderne auto a elettroni, tanto per prestazioni quanto per autonomia. La seconda è che il confort di guida assicurato da unauto senza motore termico è quasi impareggiabile. La terza è che la posizione delle batterie, integrate nel pianale, può cambiare il carattere anche di una piccola citycar come la forfour, che in versione EQ risulta molto più divertente da guidare rispetto alla sorella a tre cilindri. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE PARENTELE ELETTRICHE [DAY 2]. Premetto che sono salito sulla forfour dopo esser sceso, poco prima, dalla Mercedes-Benz EQC, la nuova Suv elettrica da 408 cavalli: entrambe le vetture fanno parte della nuova famiglia EQ del gruppo Daimler, ma le affinità fra le due, come potete facilmente immaginare, finiscono al capitolo parentela. La Smart, di fatto, potrebbe essere il tender della EQC. E se la mettiamo su questo piano, il suo dovere lo assolve piuttosto bene. La forfour, in città, offre tutte le buone doti delle sorelle a benzina in via destinzione, dal contenuto diametro di volta (cosa che le consente di girare quasi su se stessa) fino alle dimensioni compatte, utili quando si è a caccia di parcheggio. In più cè il vantaggio intrinseco dellelettrico, cioè una guida più fluida e confortevole perché non intervallata dalle cambiate (peraltro non rapidissime) dei modelli termici. Mi sarei aspettato, semmai, unaccelerazione un poco più incisiva, ma soprattutto una maggior intensità di rigenerazione in fase di rilascio. Soltanto in modalità Eco, infatti, la decelerazione si fa leggermente più intensa quando si toglie il piede dallacceleratore. Insomma, il one pedal feeling è lontano. Attenzione, poi, in autostrada, perché la velocità è limitata a 130 km/h (raggiunti piuttosto in fretta): se dovesse servire qualcosa in più, magari per un sorpasso, la forfour non va oltre. LORENZO FACCHINETTI, REDAZIONE PROVE SU STRADA Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SMART-FORFOUR 2019-09-03 08:44:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/03/hyundai_i10_dimensioni_motori_uscita/gallery/2019-Hyundai-i10-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26998 Hyundai i10 - Primi dettagli della terza generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26998&tipo=fv Passano gli anni, le dimensioni sono simili ma tutto il resto è cambiato. La terza generazione della HYUNDAI I10 [1], attesa al SALONE DI FRANCOFORTE [2], è una vettura pensata per gli automobilisti europei. Sviluppata nel centro stile di Rüsselsheim dal giovane designer italiano Davide Varenna, la citycar punta sul dinamismo delle linee e su un lungo elenco di novità, tecnologiche e di sicurezza. Attesa in concessionaria da gennaio, sarà ordinabile nellultimo trimestre dellanno. PIù GRINTOSA. Appena alzato il telo, ho la sensazione che la Hyundai si sia voluta scostare dal concetto di vettura generalista, donando alla nuova i10 uno stile più personale rispetto al passato. Partendo dallampia griglia fino alle nervature del cofano, già dallanteriore si capisce il cambio di rotta: lauto è lunga 3,67 metri e larga 1,68 (20 millimetri in più rispetto alla precedente generazione), mente laltezza è pari a 1,48 metri (20 millimetri in meno). La vista posteriore è caratterizzata dal montante a forma di X, una soluzione stilistica che conferisce al tutto un certo carattere: Volevamo realizzare una citycar in grado di distinguersi stilisticamente e di attirare una clientela più ampia rispetto al passato, spiega Varenna. Alla voce colorazioni troviamo dieci tinte (Dragon Red, Brass, Aqua Turquoise, Phantom Black, Polar White, Star Dust, Sleek Silver) e 22 personalizzazioni, con tetto a contrasto nero o rosso. LO SPAZIO NON MANCA. Disponibile nelle versioni a quattro o cinque posti, la i10 incrementa lo spazio a bordo grazie al passo allungato (2,42 metri), mentre la linea di cintura ribassata di 11 millimetri allanteriore e di 13 al posteriore assicura una migliore visibilità. Le bocchette daerazione sono state ridisegnate e, in generale, limpressione è che labitacolo sia più spazioso rispetto al passato. Buona anche la disponibilità di vani portaoggetti a bordo, mentre il bagagliaio ha una capacità dichiarata di 252 litri e una soglia abbassata di 29 millimetri rispetto al passato. In nome della praticità non mancano gli schienali reclinabili e il doppio fondo. NUOVI SISTEMI. Il salto generazionale è sottolineato pure dallinfotainment (con lo schermo da 8 nellallestimento top di gamma), compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. La connettività è garantita da Bluelink, la piattaforma che rende disponibili vari servizi da remoto a partire dalla localizzazione della vettura. I Live Services della Hyundai, con le informazioni aggiornate su meteo, traffico e autovelox, saranno offerti in abbonamento gratuito per 5 anni ai clienti che sceglieranno anche il navigatore. Sui fronti della sicurezza e dellassistenza alla guida, la nuova i10 può contare sulla frenata automatica demergenza con rilevamento dei pedoni, sui fari abbaglianti, sul mantenimento della corsia, sulla lettura della segnaletica e sul rilevatore di stanchezza. LE MOTORIZZAZIONI. Al lancio i propulsori disponibili saranno due: il tre cilindri di 1.0 litri da 67 CV e 96 Nm di coppia massima e il quattro cilindri 1.2 da 84 CV e 118 Nm. Entrambe le unità potranno essere abbinate al cambio manuale a cinque marce o alla trasmissione manuale automatizzata (AMT) a cinque rapporti. Di serie, su tutte le versioni, è previsto il sistema Idle Stop Go (ISG), in grado di ridurre emissioni e consumi. Tra le novità cè anche lEco Pack, pensato per garantire una maggiore efficienza: oltre ai rapporti rivisti, loptional comprende i cerchi di lega da 14 e labitacolo a quattro posti. Più avanti, arriverà anche la versione a Gpl. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HYUNDAI-I10 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-03 00:04:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/02/bugatti_chiron_490_km_h_record_velocita/gallery/2019-Bugatti-Chiron-490-kmh-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26997 Bugatti  - Una Chiron da oltre 490 km/h - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26997&tipo=fv Presto la BUGATTI [1] potrebbe essere costretta a cambiare il fondoscala dei propri tachimetri, attualmente fissato a 500 km/h. Un prototipo (con una configurazione vicina alla produzione) di una nuova versione della CHIRON [2] ha infatti toccato i 490 km/h di velocità su un circuito di collaudo in Germania, oltrepassando così la barriera delle 300 miglia orarie (483 km/h). Ciò potrebbe far pensare che la Casa di Molsheim possa avere intenzione di lanciare una nuova serie speciale dellhypercar pensata per ricalcare le orme della VEYRON SUPER SPORT WORLD RECORD [3] (con cui il prototipo condivide la livrea nera e arancione), capace di toccare i 434 km/h. VERSO I 500 KM/H. La versione modificata della due posti francese, che potrebbe prendere il nome di Chiron Super Sport, dispone di un nuovo frontale, con prese daria allargate e deflettori laterali, e di una coda allungata di circa 25 cm per migliorare laerodinamica. Nuovo è anche lestrattore posteriore, con quattro terminali di scarico riposizionati per migliorare i flussi aerodinamici. Queste modifiche, insieme al probabile potenziamento del propulsore, hanno permesso al prototipo guidato da Andy Wallace di toccare una velocità di punta di 490,484 km/h, che la Bugatti definisce come World Record pur non trattandosi di un vero e proprio modello di produzione. Alla luce del nuovo primato, appare dunque molto vicino il traguardo dei 500 km/h. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BUGATTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI-CHIRON [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TOPCAR/2010/07/05/NUOVO_RECORD_TOCCA_I_434_KM-H.HTML 2019-09-02 19:06:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/02/volkswagen_id_r_record_tianmen_mountain/gallery/2019-Volkswagen-ID-R-Tianmen-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26996 Volkswagen ID R - Sulla vetta della Montagna Tianmen in 738 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26996&tipo=fv La VOLKSWAGEN ID.R [1] ha siglato un altro record con Romain Dumas. Il prototipo elettrico ha conquistato la vetta della Montagna Tianmen in Cina, noto anche come Heaves Gate, con un tempo di 7 minuti, 38 secondi e 585 millesimi. 99 TORNANTI IN 10,9 KM. Stavolta la Volkswagen ha giocato danticipo: non esisteva un record precedente, quindi quello di oggi è un limite a cui tutti quelli che vorranno competere dovranno puntare. Si tratta comunque di una prestazione di spessore, perché ottenuta su un percorso di 10,9 chilometri con ben 99 tornanti dove si passa tra tratti con punte di 230 km/h fino a svolte con un raggio di appena sei metri. La vettura, dotata di 680 CV e speciali gomme Bridgestone, è stata messa a punto espressamente per questo percorso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/07/08/VOLKSWAGEN_ID_R_L_ELETTRICA_BATTE_IL_RECORD_DI_VELOCIT%C3%A0_SULLA_SALITA_DI_GOODWOOD.HTML 2019-09-02 18:59:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2019/09/02/mercato_italiano_vendite_auto_agosto_2019/gallery/2019-mercato-auto-agosto.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26994 Mercato italiano - Immatricolazioni in calo ad agosto: -3,1% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26994&tipo=fv Il mercato automobilistico italiano continua a lanciare segnali negativi. Secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti, in agosto (un mese comunque poco rappresentativo del generale andamento della domanda, per i volumi relativamente bassi e la chiusura di molte concessionarie) le immatricolazioni sono risultate pari a 88.939 unità, il 3,11% in meno rispetto a un anno fa. Si conferma così un trend che ha finora visto solo dati negativi, con lunica eccezione della crescita dell1,5% REGISTRATA IN APRILE [1]: il consuntivo dei primi otto mesi dellanno mostra un calo del 3,02%, con 1.325.162 registrazioni. IN FCA CRESCE SOLO LA LANCIA. Con 20.856 immatricolazioni, la Fiat Chrysler Automobiles subisce un decremento del 16,16%. Tra i vari marchi del gruppo italoamericano continua a crescere solo la Lancia (+95,77%, pari a 2.502 registrazioni), mentre scendono tutti gli altri: -8,37% per la Fiat (13.000 immatricolazioni), -27,04% per la Jeep (4.134), -68,67% per lAlfa Romeo (1.131) e -55,36% per la Maserati (50). GIù ANCHE PSA. I numeri sono in negativo anche per il gruppo PSA. Il costruttore transalpino, con 13.064 immatricolazioni, cala infatti del 2,8%: pesa soprattutto la Citroën, con una perdita del 12,15% (3.484 immatricolazioni), la Peugeot è sostanzialmente stabile con un +0,02% e 4.855 unità registrate, mentre la Opel sale dell1,68% (4.539) e la DS del 18,47% (186). WOLFSBURG A DOPPIA CIFRA. Il gruppo Volkswagen ha nuovamente registrato una performance migliore del mercato: le immatricolazioni di agosto sono 12.807, il 15,7% in più rispetto a un anno fa. Tra i vari marchi, la Volkswagen cresce del 13,09% (7.429 veicoli registrati), lAudi del 27,66% (2.663), la Skoda del 10,65% (1.382) e la Seat del 14,06% (1.322). Bene anche la Lamborghini con un +83,33%, anche se le immatricolazioni sono solo 11. SCENDONO RENAULT E FORD. Ai piedi del podio si piazza il gruppo Renault con 11.697 immatricolazioni e un calo del 17,21%. Ancora in forte crescita risulta la Dacia, con un +29,24%, ma a pesare sul dato consolidato è il marchio della Losanga con una flessione del 39,05%. Andamento sempre negativo per la Ford, con 5.620 registrazioni e un -6,85%. IN CRESCITA DAIMLER E BMW. Dopo alcuni mesi su fronti contrapposti, Daimler e BMW mostrano entrambi dei dati positivi. Con 5.076 immatricolazioni, il gruppo di Stoccarda mette a segno una crescita diel 95,98%, per effetto del +25% registrato dalla Mercedes (2.390 auto) e, ancor più, del +296,17% della Smart (2.686 vetture). I concorrenti bavaresi guadagnano, invece, il 9,61%: le immatricolazioni sono 3.537, di cui 2.779 per la BMW (+8,43%) e 758 per la Mini (+14,16%). ASIATICHE SEMPRE IN CHIAROSCURO. Tra i costruttori asiatici, trend negativo per il gruppo Toyota: le 3.949 registrazioni implicano una perdita del 3,61%, con il -5,93% dellomonimo marchio solo in parte compensato dal +50,6% della Lexus. Il gruppo Nissan flette del 29,61%, la Subaru del 22,01%, la Mazda è stabile, mentre crescono la Suzuki (+19,87%) e la Mitsubishi (+20,07%). In contrazione le coreane Hyundai e Kia, rispettivamente del 18,07% e del 5,59%. Dati positivi per la SsangYong (+17,32%), mentre è in calo la proprietaria indiana Mahindra (-14,29%). VOLVO STABILE, SU JAGUAR LAND ROVER, BOOM TESLA. Tra le "piccole" del segmento premium, la Volvo è stabile a quota 894 unità immatricolate, mentre il gruppo Jaguar Land Rover segna una crescita del 65,57% (909 registrazioni): il marchio del giaguaro sale del 49,22% e il brand dei fuoristrada del 74,44%. La Tesla, invece, vola con 113 immatricolazioni (+352%). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/05/02/MERCATO_ITALIANO_VENDITE_AUTO_APRILE_2019.HTML 2019-09-02 18:34:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/02/porsche_taycan_a_145_km_h_sulla_uss_hornet/gallery/2019-porsche-taycan-portaerei-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26995 Porsche Taycan - A 145 km/h sulla USS Hornet - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26995&tipo=fv La PORSCHE TAYCAN [1] è salita a bordo della USS Hornet in California per mettere in mostra nuovamente le proprie prestazioni. Quando mancano ormai pochi giorni alla presentazione ufficiale, un prototipo della prima berlina elettrica di Stoccarda è riuscito a raggiungere le 90 miglia orarie (145 km/h) e a fermarsi nello spazio del ponte della portaerei americana. 10,7 SECONDI DA BRIVIDO. Il ponte della nave da guerra misura 267,91 metri e in questo spazio si è svolta la prova. La Taycan ha sfruttato la motricità della trazione integrale, il Launch Control e la potenza dei propulsori per raggiungere la velocità prestabilita, affidandosi poi ai freni per fermare la sua corsa. La vettura in questa occasione è stata guidata da Shea Holbrook, la quale è riuscita a fermarsi 30 metri prima della fine del ponte, nonostante le sconnessioni. Lintera prova è durata 10,7 secondi e la velocità di 90,58 miglia orarie è stata raggiunta da fermo dopo 128,62 metri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/08/28/PORSCHE_TAYCAN_AL_VOLANTE_DEL_PROTOTIPO.HTML 2019-09-02 18:34:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/02/universo_ferrari_a_fiorano_apre_la_nuova_mostra_tematica_del_cavallino/gallery/2019-universo-ferrari-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26993 Universo Ferrari - A Fiorano apre la nuova mostra tematica del Cavallino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26993&tipo=fv Unesposizione esclusiva allinterno della sede del Cavallino, ai bordi della pista di Fiorano, che riassume le molteplici attività della Casa di Maranello in oltre 70 anni di storia, con sale tematiche e i modelli più esclusivi: apre oggi Universo FERRARI [1] e le prime visite sono già prenotabili sul sito www.musei.ferrari.com per le date del 21-22 e 28-29 settembre. LE VETTURE SIMBOLO DEL CAVALLINO IN UNA NUOVA ESPOSIZIONE. I visitatori potranno ammirare la monoposto SF90 attualmente impegnata nel Mondiale di Formula 1, la Ferrari 250 GTO del 1962 del reparto Ferrari Classiche, le sezioni dedicate al prodotto di serie e ai clienti più esclusivi con la LaFerrari Aperta e la FXX-K Evo. Il percorso testimonia anche limpegno nelle competizioni del settore Corse Clienti con la 488 GTE e il trofeo vinto alla scorsa edizione della 24 Ore di Le Mans. Alla fine della mostra è esposta lintera gamma di vetture stradali del Cavallino, inclusa la nuova SF90 Stradale e le Monza SP1 e SP2 della serie Icona. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FERRARI 2019-09-02 18:01:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/06/hyundai_a_francoforte_la_prima_auto_da_corsa_elettrica/gallery/2019-hyundai-elettrica-motorsport-04.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26992 Hyundai - Un nuovo teaser della prima auto da corsa elettrica coreana - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26992&tipo=fv La HYUNDAI [1] Motorsport si appresta a inaugurare un nuovo capitolo della propria storia: al Salone di Francoforte presenterà la prima auto da corsa elettrica sviluppata dal marchio, progettata e costruita nella sede di Alzenau, in Germania. Lanteprima mondiale è fissata per il 10 settembre prossimo. EVOLUZIONE NATURALE. La Casa coreana ha già introdotto sul mercato modelli elettrici (vedi la Ioniq e Kona) e ora sta applicando il proprio know-how in ambito sportivo, dove è già attiva nei rally e nelle corse su pista. Al momento non si conoscono i dettagli del progetto, che nel comunicato ufficiale viene definito dalla stessa Hyundai Motorsport unestensione naturale delle nostre attività nel motorsport, che si collega strettamente alle attuali tendenze e alle innovazioni nel più ampio settore automobilistico. I teaser, lultimo un video con protagonista Gabriele Tarquini, sembrano alludere a un modello a ruote coperte da pista dallaerodinamica molto spinta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HYUNDAI 2019-09-02 17:29:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/02/skoda_scala_monte_carlo_immagini_accessori_dotazioni/gallery/2019-Skoda-Scala-Monte-Carlo-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26991 Skoda Scala - La Monte Carlo è pronta al debutto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26991&tipo=fv La SKODA [1] ha diffuso nuovi dettagli sulla SCALA MONTE CARLO [2] che debutterà al SALONE DI FRANCOFORTE [3]. Questa versione, già apprezzata da tempo su altri modelli della Casa, sarà infatti estesa anche alla nuova hatchback e celebra i successi nelle competizioni. Lallestimento Monte Carlo sarà abbinato a tutte le motorizzazioni della gamma, ma i prezzi di listino non sono ancora noti. NERO LUCIDO PER PERSONALIZZATE LESTERNO. La Scala Monte Carlo è caratterizzata da uno stile sportivo sottolineato dal contrasto tra la tinta della carrozzeria e le finiture nero lucido della mascherina anteriore, dei paraurti, delle calotte degli specchietti e delle cornici dei cristalli. Il portellone è decorato con la scritta Skoda a lettere maiuscole in tinta nera, inoltre sono di serie i cerchi in lega da 17" scuri, con i 18" opzionali. La dotazione include anche i vetri oscurati posteriori, il tetto panoramico, lo spoiler e il diffusore posteriore neri, ed i gruppi ottici anteriori e posteriori Led. I SEDILI SPORTIVI SONO INEDITI. Labitacolo è caratterizzato dalla presenza dei sedili sportivi con poggiatesta integrato e finiture specifiche e dal volante multifunzione di pelle traforata con cuciture rosse a contrasto riprese anche dalla leva del cambio e dal comando del freno a mano. Oltre allilluminazione interna led è prevista ladozione di finiture chrome look per le cornici delle bocchette daerazione, della pedaliera sportiva dalluminio e dei tappetini e dei battitacco personalizzati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/01/SKODA_SCALA_E_KAMIQ_LE_MONTE_CARLO_AL_SALONE_DI_FRANCOFORTE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE 2019-09-02 17:08:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/06/hyundai_a_francoforte_la_prima_auto_da_corsa_elettrica/gallery/2019-hyundai-elettrica-motorsport-04.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26990 Hyundai - Un nuovo teaser della prima auto da corsa elettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26990&tipo=fv La HYUNDAI [1] Motorsport si appresta a inaugurare un nuovo capitolo della propria storia: al Salone di Francoforte presenterà la prima auto da corsa elettrica sviluppata dal marchio, progettata e costruita nella sede di Alzenau, in Germania. Lanteprima mondiale è fissata per il 10 settembre prossimo. EVOLUZIONE NATURALE. La Casa coreana ha già introdotto sul mercato modelli elettrici (vedi la Ioniq e Kona) e ora sta applicando il proprio know-how in ambito sportivo, dove è già attiva nei rally e nelle corse su pista. Al momento non si conoscono i dettagli del progetto, che nel comunicato ufficiale viene definito dalla stessa Hyundai Motorsport unestensione naturale delle nostre attività nel motorsport, che si collega strettamente alle attuali tendenze e alle innovazioni nel più ampio settore automobilistico. I teaser, lultimo un video con protagonista Gabriele Tarquini, sembra alludere a un modello a ruote coperte da pista dallaerodinamica molto spinta. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HYUNDAI 2019-09-02 16:36:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/08/23/lamborghini_primo_teaser_della_nuova_sportiva/gallery/2019-Lamborghini-Concept-Francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26989 Lamborghini Sián - Primi teaser della nuova sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26989&tipo=fv Ibrida o elettrica? questo il dilemma per la nuova hypercar che la LAMBORGHINI [1] svelerà al prossimo SALONE DI FRANCOFORTE [2] e che potrebbe chiamarsi SIáN. Ormai da mesi si susseguono indiscrezioni riguardo al possibile inizio di una nuova era elettrificata per le sportive di SantAgata Bolognese e, dopo la concept elettrica TERZO MILLENNIO [3], il modello che debutterà in pubblico alla rassegna tedesca potrebbe rappresentare un vero e proprio spartiacque nella storia della Casa, prefigurando la prima hypercar ibrida (o elettrica) del Toro. DETTAGLI DA TERZO MILLENNIO. A giudicare dallimmagine e dal video rilasciati sui social, la Sián riprenderà la firma luminosa della Terzo Millennio, a sua volta derivata dai modelli di produzione. Ciò potrebbe far ipotizzare che la novità di Francoforte possa essere una diretta evoluzione del prototipo a batteria sviluppato con il Massachussetts Institute of Technology ma, per il momento, non è chiaro se in Germania vedremo un modello di produzione o un prototipo. Le somiglianze con lelettrica creata col Mit continuano anche nella zona del tetto, con la parte centrale ribassata, un dettaglio che negli anni ha caratterizzato le sportive di diversi marchi, ma che qui assume una connotazione più netta. Osservando attentamente limmagine si possono però notare delle differenze sostanziali rispetto alla Terzo Millennio: la striscia Led che punta verso il centro del paraurti anteriore è più inclinata e nelle bocche laterali è presente quella che sembra essere unappendice aerodinamica inedita. ELETTRICA O IBRIDA? Chiedersi se la nuova sportiva sarà ibrida o elettrica è lecito, soprattutto perché da SantAgata Bolognese non sono trapelate indiscrezioni concrete a riguardo. Il teaser è stato accompagnato da una frase che non fornisce alcuna anticipazione riguardo alla tipologia di vettura che sarà presentata: "Qualcosa di nuovo sta arrivando. Cè un solo modo per vederlo: guardare avanti. Sei pronto per il Salone dellAutomobile di Francoforte?". dunque ancora troppo presto per fare delle ipotesi concrete: si tratterà di unhypercar elettrica destinata a una produzione in serie limitata o di una concept pensata per mostrare al mondo le tecnologie che caratterizzeranno le Lamborghini del futuro? Bisognerà attendere ancora un paio di settimane per scoprirlo: il Salone di Francoforte aprirà le porte alla stampa il 10 settembre, ma già la sera prima il gruppo Volkswagen terrà una serata in cui svelerà alcune delle proprie première, tra cui potrebbe esserci anche la nuova sportiva italiana. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/auto/lamborghini.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/11/07/LAMBORGHINI_TERZO_MILLENNIO_L_HYPERCAR_ELETTRICA_DEL_FUTURO_SVILUPPATA_CON_IL_MIT.HTML 2019-09-02 15:42:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/02/bugatti_chiron_490_km_h_record_velocita/gallery/2019-Bugatti-Chiron-490-kmh-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26988 Bugatti  - Una Chiron da oltre 490 km/h http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26988&tipo=fv Presto la BUGATTI [1] potrebbe essere costretta a cambiare il fondoscala dei propri tachimetri, attualmente fissato a 500 km/h. Un prototipo (con una configurazione vicina alla produzione) di una nuova versione della CHIRON [2] ha infatti toccato i 490 km/h di velocità su un circuito di collaudo in Germania, oltrepassando così la barriera delle 300 miglia orarie (483 km/h). Ciò potrebbe far pensare che la Casa di Molsheim possa avere intenzione di lanciare una nuova serie speciale dellhypercar pensata per ricalcare le orme della VEYRON SUPER SPORT WORLD RECORD [3] (con cui il prototipo condivide la livrea nera e arancione), capace di toccare i 434 km/h. VERSO I 500 KM/H. La versione modificata della due posti francese, che potrebbe prendere il nome di Chiron Super Sport, dispone di un nuovo frontale, con prese daria allargate e deflettori laterali, e di una coda allungata di circa 25 cm per migliorare laerodinamica. Nuovo è anche lestrattore posteriore, con quattro terminali di scarico riposizionati per migliorare i flussi aerodinamici. Queste modifiche, insieme al probabile potenziamento del propulsore, hanno permesso al prototipo guidato da Andy Wallace di toccare una velocità di punta di 490,484 km/h, che la Bugatti definisce come World Record pur non trattandosi di un vero e proprio modello di produzione. Alla luce del nuovo primato, appare dunque molto vicino il traguardo dei 500 km/h. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BUGATTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI-CHIRON [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TOPCAR/2010/07/05/NUOVO_RECORD_TOCCA_I_434_KM-H.HTML 2019-09-02 14:43:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/02/bugatti_chiron_490_km_h_record_velocita/gallery/2019-Bugatti-Chiron-490-kmh-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26986 Bugatti Chiron - Una Chiron da oltre 490 km/h http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26986&tipo=fv Presto la BUGATTI [1] potrebbe essere costretta a cambiare il fondoscala dei propri tachimetri, attualmente fissato a 500 km/h. Un prototipo (con una configurazione vicina alla produzione) di una nuova versione della CHIRON [2] ha infatti toccato i 490 km/h di velocità su un circuito di collaudo in Germania, oltrepassando così la barriera delle 300 miglia orarie (483 km/h). Ciò potrebbe far pensare che la Casa di Molsheim possa avere intenzione di lanciare una nuova serie speciale dellhypercar pensata per ricalcare le orme della VEYRON SUPER SPORT WORLD RECORD [3] (con cui il prototipo condivide la livrea nera e arancione), capace di toccare i 434 km/h. VERSO I 500 KM/H. La versione modificata della due posti francese, che potrebbe prendere il nome di Chiron Super Sport, dispone di un nuovo frontale, con prese daria allargate e deflettori laterali, e di una coda allungata di circa 25 cm per migliorare laerodinamica. Nuovo è anche lestrattore posteriore, con quattro terminali di scarico riposizionati per migliorare i flussi aerodinamici. Queste modifiche, insieme al probabile potenziamento del propulsore, hanno permesso al prototipo guidato da Andy Wallace di toccare una velocità di punta di 490.484 km/h, che la Bugatti definisce come World Record pur non trattandosi di un vero e proprio modello di produzione. Alla luce del nuovo primato, appare dunque molto vicino il traguardo dei 500 km/h. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BUGATTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI-CHIRON [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TOPCAR/2010/07/05/NUOVO_RECORD_TOCCA_I_434_KM-H.HTML 2019-09-02 13:11:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2019/09/02/milano_monza_open_air_motor_show_date_prezzi_dei_biglietti_programma/gallery/2019-Milano-Monza-Open-Air-02.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26987 Milano Monza Motor Show - Primi dettagli sul nuovo Parco Valentino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26987&tipo=fv Sono state diffuse le prime informazioni in merito alla sesta edizione dellex Parco Valentino. Levento, DAL 2020 TRASFERITO IN LOMBARDIA [1], ora prende il nome di Milano Monza Open-Air Motor Show e si svolgerà dal 18 al 21 giugno 2020 tra la città di Milano e il Parco di Monza. Come già comunicato, gli organizzatori hanno deciso di cambiare location dopo cinque edizioni svolte a Torino e grazie allaccordo con lACI è stata scelto un luogo simbolo dellauto in Italia come Monza. La conferenza di presentazione si terrà il prossimo 19 settembre. LE NOVITà IN ESPOSIZIONE NEL PARCO DI MONZA. Levento riprende la formula dellesposizione dinamica e degli stand allaperto che ne ha decretato il successo in questi primi cinque anni. Le anteprime saranno esposte nei viali del parco dellautodromo. Nella zona della parabolica sarà invece allestita una mostra di auto storiche in collaborazione con Lopresto Collection. Presenti anche motociclette, imbarcazioni e aerei depoca. Gli Yacht faranno addirittura un giro di pista, trainati dai suv di alta gamma. Accanto ai box del circuito sorgerà invece il Supercar Paddock con i raduni di marca. Le vetture sfileranno poi tra i viali del parco nella Red Carpet Parade. EVENTI E SFILATE IN CENTRO A MILANO. Tra le strade di Milano saranno protagoniste le auto elettriche. I modelli a batteria saranno disponibili per test drive, oltre che al centro di appositi convegni e meeting. Come anteprima della kermesse è prevista il 17 giugno alle ore 20 la President Parade, una sfilata su un tappeto rosso tra le strade di Milano che vedrà i rappresentanti delle Case guidare le vetture più rappresentative del proprio marchio. Giovedì 18 sarà invece la volta della sfilata sulla pista di Monza. GRATIS A MILANO, IL BIGLIETTO PER IL PARCO DI MONZA. A differenza delle edizioni precedenti di Torino, il Milano Monza Open-Air Show non sarà totalmente gratuito. Gli eventi in città a Milano saranno a ingresso libero, mentre quelli al Parco di Monza richiederanno lacquisto di un biglietto: i prezzi variano dai 15 euro del ridotto per un giorno (20 euro per lintero) fino ai 100 euro del biglietto vip con accesso alle tribune e allopen bar. I biglietti saranno acquistabili dal 19 settembre sulla piattaforma online Ticket One. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/07/11/PARCO_VALENTINO_DAL_2020_LASCIA_TORINO_E_SI_SPOSTA_IN_LOMBARDIA.HTML 2019-09-02 13:11:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/02/bmw_i3s_edition_roadstyle_e_i8_ultimate_sophisto_edition/gallery/2019-bmw-i3-i8-special-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26984 BMW - Due versioni speciali e numerate per i3s e i8 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26984&tipo=fv La BMW [1] presenta due serie speciali dedicate ai modelli elettrificati: la BMW i3s Edition RoadStyle e la i8 Ultimate Sophisto Edition. Entrambe saranno proposte a livello globale in serie limitata: 900 esemplari dellelettrica e 200 unità della sportiva. LA PICCOLA. La i3 Edition RoadStyle deriva dalla I3S [2] elettrica da 184 CV con batterie da 42,2 kWh e si distingue per la verniciatura Fluid Black mai proposta in precedenza e abbinata alle finiture E-Copper della mascherina, dei paraurti e delle minigonne. I cerchi di lega da 20" Style sono verniciati in tinta Jet Black, mentre gli interni propongono i rivestimenti in pelle Dalbergia Browon e legni Dark Oak Matte per la plancia. Sui poggiatesta è infine ricamato il nome della serie speciale. LA SPORTIVA. Per la i8 Ultimate Sophisto Edition, disponibile sia in versione Coupé sia ROADSTER [3], la BMW ha scelto di abbinare la tinta Sophisto Grey alle finiture esterne E-Copper, estese anche ai cerchi da 20" Style. In colore nero lucido sono invece gli inserti del portellone, i montanti e le pinze dei freni. Gli interni sono decorati con dettagli che richiamano le finiture esterne e pomelli in ceramica, inoltre è presente una targhetta celebrativa della serie speciale. Il powertrain plug-in hybrid è quello aggiornato della i8, con una potenza totale di 374 CV. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/04/21/BMW_I3S_PRESA_PER_UN_GIORNO_DAY_5.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2018/05/02/BMW_I8_AL_VOLANTE_DELLA_ROADSTER.HTML 2019-09-02 12:23:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/news-lavoro/2019/09/02/analisi_la_crescita_mondiale_del_fleet_management/gallery/2019-fleet-management-studio.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26985 Flotte aziendali - Cresce il business della gestione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26985&tipo=fv Il mercato mondiale dello SMART FLEET MANAGEMENT [1] vale circa 290,9 miliardi di dollari ed è destinato a espandersi molto velocemente: lo studio Global Smart Fleet Management Market Research di Report Ocean, infatti, prevede una crescita annua del 7,6% sino al 2025, dal Nord America allEuropa, dllAsia-Pacifico allAmerica Latina. TENDENZE ATTUALI E FUTURE. La relazione prende in considerazione le iniziative strategiche dei principali attori del mercato e le classifiche, con diversi indici, dei player stessi, realizzando uno studio basato su informazioni storiche e sulle tendenze attuali. Le aziende analizzate sono IBM, Continental, Bosch, Sierra Wireless, Zonar Systems, Cisco, Denso, Orbcomm, Siemens e Tech Mahindra. Report Ocean ha inoltre valutato fattori quali i mezzi di trasporto, lhardware per la diagnostica remota, il monitoraggio e lottimizzazione delle flotte, gli Adas e la connettività, studiando i conseguenti sviluppi tecnologici, le opportunità previste, i trend del marcato, le preferenze dei consumatori, le sfide e le restrizioni da affrontare, le normative e i programmi infrastrutturali in essere. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FLEET_MANAGEMENT 2019-09-02 12:23:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/08/23/lamborghini_primo_teaser_della_nuova_sportiva/gallery/2019-Lamborghini-Concept-Francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26983 Lamborghini - Primo teaser della nuova sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26983&tipo=fv Ibrida o elettrica? questo il dilemma per la nuova sportiva che la LAMBORGHINI [1] svelerà al prossimo SALONE DI FRANCOFORTE [2]. Ormai da mesi si susseguono indiscrezioni riguardo al possibile inizio di una nuova era elettrificata per le sportive di SantAgata Bolognese e, dopo la concept elettrica TERZO MILLENNIO [3], il modello che debutterà in pubblico alla rassegna tedesca potrebbe rappresentare un vero e proprio spartiacque nella storia della Casa, prefigurando la prima hypercar ibrida (o elettrica) del Toro. DETTAGLI DA TERZO MILLENNIO. A giudicare dallimmagine e dal video rilasciati sui social, la vettura riprenderà la firma luminosa della Terzo Millennio, a sua volta evoluta dai modelli di produzione. Ciò potrebbe far ipotizzare che la novità di Francoforte possa essere una diretta evoluzione del prototipo a batteria sviluppato con il Massachussetts Institute of Technology ma, per il momento, non è chiaro se in Germania vedremo un modello di produzione o un prototipo. Le somiglianze con lelettrica creata col Mit continuano anche nella zona del tetto, con la parte centrale ribassata, un dettaglio che negli anni ha caratterizzato le sportive di diversi marchi, ma che qui assume una connotazione più netta. Osservando attentamente limmagine si possono però notare delle differenze sostanziali rispetto alla Terzo Millennio: la striscia Led che punta verso il centro del paraurti anteriore è più inclinata e nelle bocche laterali è presente quella che sembra essere unappendice aerodinamica inedita. ELETTRICA O IBRIDA? Chiedersi se la nuova sportiva sarà ibrida o elettrica è lecito, soprattutto perché da SantAgata Bolognese non sono trapelate indiscrezioni concrete a riguardo. Il teaser è stato accompagnato da una frase che non fornisce alcuna anticipazione riguardo alla tipologia di vettura che sarà presentata: "Qualcosa di nuovo sta arrivando. Cè un solo modo per vederlo: guardare avanti. Sei pronto per il Salone dellAutomobile di Francoforte?". dunque ancora troppo presto per fare delle ipotesi concrete: si tratterà di unhypercar elettrica destinata a una produzione in serie limitata o di una concept pensata per mostrare al mondo le tecnologie che caratterizzeranno le Lamborghini del futuro? Bisognerà attendere ancora un paio di settimane per scoprirlo: il Salone di Francoforte aprirà le porte alla stampa il 10 settembre, ma già la sera prima il gruppo Volkswagen terrà una serata in cui svelerà alcune delle proprie première, tra cui potrebbe esserci anche la nuova sportiva italiana. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/auto/lamborghini.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/11/07/LAMBORGHINI_TERZO_MILLENNIO_L_HYPERCAR_ELETTRICA_DEL_FUTURO_SVILUPPATA_CON_IL_MIT.HTML 2019-09-02 11:55:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/02/kia_ceed_sportswagon_ibrida_plug_in_scheda_tecnica_autonomia_uscita_/gallery/2019-kia-ceed-sportswagon-phev-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26982 Kia Ceed - Arriva librido sulla Sportswagon http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26982&tipo=fv La KIA [1] renderà disponibile in Europa nel corso del 2020 la Ceed Sportswagon plug-in hybrid. La WAGON COREANA [2] può contare sul powertrain derivato dalla Hyundai Ioniq e offre per la prima volta questa soluzione tecnica nella sua gamma, senza rinunciare allo spazio interno: il bagagliaio, pur ridotto, garantisce una capacità variabile da 437 a 1.506 litri. Sulle versioni tradizionali il volume va da un minimo di 625 a un massimo di quasi 1.700 litri. 60 KM A ELETTRONI. Il powertrain da 141 CV e 265 Nm prevede il 1.6 GDI benzina aspirato e il motore elettrico ed è abbinato al cambio automatico doppia frizione sei marce e alla batteria da 8,9 kWh ai polimeri di litio. In questa configurazione è possibile percorrere fino a 60 km con la sola energia elettrica e i 100 km/h da fermo si raggiungono in 10,8 secondi, ma i tempi di ricarica e i valori di consumo omologati non sono ancora noti. PARAURTI SPORTIVI, MASCHERINA SPECIFICA. La Ceed Sportswagon plug-in hybrid si distingue dalle altre versioni per la mascherina specifica, per i cerchi in lega, per i badge personalizzati e perché adotta i paraurti della GT Line. La presa di ricarica si trova sul passaruota anteriore sinistro. Allinterno troviamo invece linfotainment UVO Connect con funzioni specifiche per la ricerca di punti di ricarica e la strumentazione digitale opzionale con schermo da 12,3 pollici. Per ridurre ulteriormente il consumo, infine, il climatizzatore è dotato della funzione driver only, che esclude il flusso daria verso gli altri passeggeri quando il solo guidatore si trova a bordo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/03/06/KIA_CEED_SPORTSWAGON_SALONE_DI_GINEVRA.HTML 2019-09-02 11:24:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/09/02/kia_xceed_ibrida_plug_in_caratteristiche_autonomia_uscita/gallery/2019-kia-xceed-phev-05.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26980 Kia - La XCeed ora è anche ibrida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26980&tipo=fv La KIA XCEED [1] debutta nella versione ibrida plug-in hybrid, che pur riducendo al minimo lingombro dei sistemi necessari a bordo, ha una capacità ridotta rispetto alle varianti tradizionali. Il volume del bagagliaio varia da 291 a 1.243 litri, contro i 426 e 1.378 litri delle altre versioni benzina e diesel. 141 CV E 60 KM A BATTERIA. La vettura, che sarà commercializzata in Europa nel 2020, eredita dalla HYUNDAI IONIQ [2] appena aggiornata il powertrain: il 1.6 GDI benzina aspirato e il motore elettrico erogano in totale 141 CV e 265 Nm, mentre le batterie ai polimeri di litio hanno una capacità di 8,9 kWh. Lunica trasmissione disponibile è quella automatica doppia frizione sei marce. La Xceed ibrida ricaricabile è in grado di toccare i 100 km/h da fermo in 11 secondi netti e può percorrere fino a 60 km in elettrico puro. La Casa non ha ancora dichiarato il valore dellautonomia totale (contando anche i 37 litri del serbatoio di benzina) e i tempi di ricarica delle batterie. STRUMENTALE DIGITALE, INFOTAINMENT ARRICCHITO. La versione plug-in hybrid della Xceed adotta l infotainment UVO Connect con display da 8 o 10,25 pollici con funzioni specifiche legate al powertrain, che consentono di individuare i punti di ricarica e di ottimizzare lefficienza della vettura. La strumentazione, dotata di indicatori specifici, può essere sostituita dal display da 12,3 pollici con grafica personalizzabile. La climatizzazione, infine, è completata dalla funzione Driver Only per ridurre il consumo di energia e fornire la corretta ventilazione al solo guidatore. COME RICONOSCERE LA PLUG-IN HYBRID. Rispetto agli altri allestimenti, questa variante della crossover coreana è inoltre dotata del Virtual Engine Sound System, che emette un suono a 59 decibel alle basse velocità, quando la vettura si muove spinta dal solo motore elettrico, per avvertire i pedoni della propria presenza. Esteticamente si notano invece alcune personalizzazioni: oltre ai badge dedicati, è stata infatti realizzata una mascherina specifica e sono stati sviluppati cerchi in lega dal design unico. La presa di ricarica si trova sul passaruota anteriore sinistro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/26/KIA_XCEED_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA_SUV.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/07/09/HYUNDAI_IONIQ_AL_VOLANTE_DELL_IBRIDA_E_DELL_IBRIDA_PLUG_IN_RESTYLING.HTML 2019-09-02 10:57:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/08/smart_una_settimana_con_la_eq_forfour/gallery/2019-Smart-EQ-Forfour-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26981 Smart - Una settimana con la EQ forfour [Day 1] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26981&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa setimana è la SMART EQ FORFOUR [1] nellallestimento Prime Nightsky, uno dei più completi della gamma. Dopo luscita di scena delle versioni a benzina, la piccola tedesca ora è ordinabile solo in versione elettrica: lunico motore disponibile è un sincrono trifase con un picco di potenza di 82 CV e 160 Nm (a libretto, come per tutte le auto a batteria, è segnata la potenza continua di 41 kW, equivalenti a 56 CV): la velocità massima è di 130 km/h, mentre per lo 0-100 km/h servono 12,7 secondi. Ad alimentare la vettura è presente una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh che garantisce unautonomia massima di 155 km nel ciclo Nedc: per una ricarica completa (dal 20%) servono dalle 3,5 alle 6 ore a seconda che si utilizzi la wallbox o una presa domestica. Lunga quasi tre metri e mezzo, la cinque porte tedesca può trasportare, come intuibile dal nome, fino a quattro passeggeri e il suo bagagaliaio ha un volume di 185 litri, che cresce a 975 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. Proposta con un prezzo di partenza di 24.918 euro, la forfour elettrica è proposta in quattro allestimenti: passion (+1.200 euro), perfect (+2.000 euro), prime (+3.000 euro) e Brabus Style (+5.000 euro). La Nightsky utilizzata per il nostro diario di bordo è basata sulla versione prime e dispone di serie di accessori come la retrocamera, il tetto panorama, il bracciolo centrale, i sedili riscaldabili, il retrovisore interno anabbagliante, le finiture esterne total black e i pacchetti Led Sensor (fari a Led e fendinebbia), Cool Media (climatizzatore automatico e infotainment da 7"), comfort (sedile guidatore, cinture e volante regolabili in altezza e retrovisori elettrici) e portaoggetti (box documenti con serratura e rete lato passeggero). In questa configurazione il prezzo della versione speciale è di 33.973 euro. A CACCIA DI AUTONOMIA [DAY 1]. Gli inglesi la chiamano range anxiety, qui la potremmo definire ansia da autonomia. E con quasi 100 km da percorrere nel traffico sfido chiunque a non avere un po dansia quando la batteria non ha fatto in tempo a ricaricarsi al 100% e lautonomia residua è di 102 km. Su consiglio dellingegner Boni, qualche ora prima di partire ho impostato la preclimatizzazione dellabitacolo, selezionando in maniera semplice e intuitiva lorario di partenza direttamente dal computer di bordo. Uscito dalla redazione, scollego i cavi dalla colonnina del nostro parcheggio e trovo un abitacolo già fresco: seleziono subito la modalità Eco e mi avvio verso la tangenziale. Lautonomia scende in maniera progressiva, ma decido, prudentemente, di ridurre comunque landatura. Dopo una cinquantina di chilometri arrivo a casa con 70 km dautonomia residua con il 64% della carica e un "eco score" dell88%. Amo le sfide e per tornare a Rozzano la mattina successiva mi metto dimpegno per cercare di migliorare ulteriormente il mio punteggio. Senza guidare con una flemma eccessiva sto più attento a rilasciare lacceleratore in anticipo, lasciando alla frenata rigenerativa il compito di rallentare lauto, tanto sulle strade extraurbane, quanto in coda in tangenziale. Raggiungo il parcheggio della redazione con la batteria al 27% e 42 km dautonomia, migliorando di due punti il risultato della sera precedente. Questo viaggio in elettrico mi ha fatto capire diverse cose. La prima è che spesso si sottovalutano le capacità delle moderne auto a elettroni, tanto per prestazioni quanto per autonomia. La seconda è che il confort di guida assicurato da unauto senza motore termico è quasi impareggiabile. La terza è che la posizione delle batterie, integrate nel pianale, può cambiare il carattere anche di una piccola citycar come la forfour, che in versione EQ risulta molto più divertente da guidare rispetto alla sorella a tre cilindri. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SMART-FORFOUR 2019-09-02 10:57:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/31/italiano_rally_rally_del_friuli_venezia_giulia_vince_la_citroen/gallery/2019-citroen-cir.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26979 Italiano Rally - Rally del Friuli Venezia Giulia: vince la Citroën http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26979&tipo=fv LUCA ROSSETTI ED ELEONORA MORI, sulla loro CITROëN C3 R5, HANNO VINTO IL 55 RALLY DEL FRIULI VENEZIA GIULIA. Sul podio salgono anche le due Skoda Fabia R5 di Crugnola - Ometto e di Basso - Granai. Con questa vittoria sulle strade di casa, Rossetti è ora secondo in campionato e diventa il diretto inseguitore di Basso per il titolo tricolore. DUE APPUNTAMENTI ALLA FINE. Sfortunato Simone Campedelli, alle prese con una doppia foratura che gli ha fatto perdere molto tempo, tanto da farlo classifica solamente in sesta posizione. Il pilota del team Orange1 è ora più attardato in classifica e sarà costretto a disputare i prossimi due appuntamenti al massimo, nel tentativo di recuperare i punti lasciati in questo appuntamento friulano. Il Campionato Italiano Rally affronterà il Rally Due Valli e poi il Tuscan Rewind a coefficiente doppio e, a quanto pare, sarà proprio questultimo appuntamento che assegnerà il titolo, in una stagione molto equilibrata e combattuta. LE CLASSIFICHE. Basso continua a essere leader della classifica con 74,5 punti. Rossetti si avvicina minaccioso ed è ora secondo a quota 61,5. Terza posizione per Campedelli con 56,75 punti e quarto Crugnola con 52,25. Questultimo è però primo con 60 punti nella classifica Rally Asfalto e pare ormai scontato che conquisterà il titolo alla fine della stagione. 55 RALLY DEL FRIULI VENEZIA GIULIA - LA TOP 10 1. Rossetti-Mori (Citroën C3 R5) 2. Crugnola-Ometto (Skoda Fabia R5) 3. Basso-Granai (Skoda Fabia R5) 4. Rusce-Farnocchia (Skoda Fabia R5) 5. Zannier-Marcuzzi (Renault Clio W.) 6. Campedelli-Canton (Ford Fiesta R5) 7. Ciuffi-Gonella (Peugeot 208 R2) 8. Pollara-Siragusano (Ford Fiesta R2) 9. Griso-De Guio (Peugeot 208 R2) 10.Testa-Bizzocchi (Ford Fiesta R2) 2019-09-02 10:46:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/08/20/smart_forfour_nuovi_collaudi_per_il_restyling/gallery/2019-Smart-Forfour-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26978 Smart forfour - Primi collaudi per il restyling http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26978&tipo=fv La SMART [1] ha compiuto il passo definitivo verso lelettrificazione annunciando la fine della produzione dei modelli con motore endotermico, ma allo stesso tempo sta anche lavorando a un generale restyling dei propri modelli. Quelle che vi proponiamo sono le prime foto spia della forfour Model Year 2020, che giungono a circa due mesi di distanza da quelle della FORTWO [2]. RITOCCHI AL FRONTALE, MA ANCHE AGLI INTERNI. Gli interventi sono tutto sommato marginali e tipici degli aggiornamenti di metà carriera: interessano i gruppi ottici, il paraurti anteriore e la mascherina. Nellimmagine dellabitacolo si notano invece dei sedili anteriori modificati protetti da teli e unulteriore copertura applicata alla console del cambio, dove potrebbero quindi essere inseriti altri comandi. Non è escluso che anche linfotainment possa essere evoluto e potremmo anche assistere allintroduzione di Adas finora non disponibili a listino. SOLO ELETTRICHE PER I CINESI. La Smart, PASSATA AL 50% ALLA GEELY [3], si concentra sui modelli elettrici e questo prototipo non fa eccezione. Il logo EQ sul portellone non è infatti nascosto e lassenza di terminali di scarico a vista è lulteriore conferma che non sia previsto un propulsore tradizionale. Non sappiamo però se il powertrain rimarrà identico allattuale o se potranno essere effettuate migliorie alle batterie per incrementare lautonomia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SMART.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/05/11/SMART_EQ_FORTWO_2020_AUTONOMIA_PREZZO_RESTYLING_.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/03/28/SMART_CONFERMATA_LA_CESSIONE_DEL_50_ALLA_GEELY.HTML 2019-09-02 10:24:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2019/09/02/cupra_tavascan_suv_elettrica_salone_di_francoforte/gallery/2019-Cupra Tavascan-001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26976 Cupra<br> - La Tavascan anticipa la futura Suv elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26976&tipo=fv Si chiama TAVASCAN CONCEPT la novità principale del marchio CUPRA [1] per il SALONE DI FRANCOFORTE [2]. La Suv coupé elettrica è unanticipazione di come il brand sportivo di casa Seat affronterà le sfide future, sia dal punto di vista del design che della tecnologia. Il suo nome, come da tradizione, deriva da una città spagnola sui Pirenei, a pochi chilometri da Andorra. SOLUZIONI STILISTICHE NUOVE PER UN BRAND GIOVANE. Sulla scia dellaggressiva FORMENTOR PLUG-IN HYBRID [3], attesa sul mercato nel corso del 2020, la Cupra ha realizzato un prototipo originale e ricco di elementi inediti, con un particolare focus verso le prestazioni. Il frontale, molto chiuso grazie al powertrain elettrico, cambia totalmente prospettiva spostando il logo nella parte inferiore, mentre le fiancate sono dominate dai cerchi di lega da 22" e dalla linea di cintura ascendente. In coda il paraurti è scavato per gestire i flussi daria, mentre sul portellone troviamo delle appendici aerodinamiche multiple e i gruppi ottici Led a tutta lunghezza, che incorniciamo il logo Cupra in versione rossa. Il colore scuro abbinato alla fibra di carbonio a vista e ai dettagli rame diventa una costante per i modelli del brand. DISPLAY E CARBONIO. Gli interni sono altrettanto aggressivi, ma con un approccio minimalista dato dalla presenza dei due display da 12,3" e 13" e dei soli comandi fisici della trasmissione. Il volante di nuovo disegno integra inoltre un pulsante specifico per selezionare le modalità di guida, mentre gli elementi di carbonio sono anche strutturali. I sedili anatomici sono rivestiti di pelle con effetto tridimensionale, mentre altre sezioni degli interni sono rivestite dAlcantara. 306 CV, 450 KM DI AUTONOMIA. La piattaforma Meb del GRUPPO VOLKSWAGEN [4], dedicata ai modelli a emissioni zero, è la base sulla quale è nato il progetto della Tavascan. La Cupra ha scelto la configurazione con due motori elettrici con trazione integrale, per una potenza totale di 306 CV e batterie da 77 kWh che garantiscono unautonomia di 450 km nel ciclo Wltp. I 100 km/h da fermo vengono raggiunti in meno di 6,5 secondi, mentre per il momento non è noto il dato della velocità massima. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CUPRA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/02/22/CUPRA_FORMENTOR_LA_CONCEPT_PER_CELEBRARE_IL_PRIMO_ANNO_DEL_MARCHIO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN 2019-09-02 10:24:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/26/formula_uno_gran_premio_di_monza_2019_date_orari_diretta_tv_informazioni_parcheggi/gallery/2019-gp-di-monza-gallery-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26977 Formula 1 - Tutto quello che cè da sapere sul GP di Monza FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26977&tipo=fv Mentre sul circuito di Spa Francorchamps è tutto pronto per lappuntamento del Belgio, qui fervono i preparativi per il Gran Premio dItalia, che vedrà il semaforo verde domenica 8 settembre alle 15.10. Dopo la COCENTE DELUSIONE DEL 2018 [1], con Lewis Hamilton vincitore nonostante la doppietta Ferrari in qualifica, i tifosi italiani attendono una vittoria delle Rosse che manca a Monza DALLORMAI LONTANO 2010 [2]. Molti di loro seguiranno il Gran Premio dItalia dal vivo, mentre altri, i più, lo vedranno in diretta televisiva (ma non sulla Rai, questanno). Proprio pensando agli appassionati, abbiamo raccolto nella nostra galleria di immagini le statistiche e tutte le informazioni utili, dal programma del weekend di gara ai biglietti, dai trasporti ai parcheggi nelle vicinanze dellautodromo, nonché la diretta in chiaro e molto altro, per non arrivare impreparati allevento di Formula 1 più atteso dagli italiani. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/sport/2018/09/02/f_1_gp_d_italia_risultati_gara_monza.html [2] https://www.quattroruote.it/news/formula_1/2010/09/12/vince_alonso_massa_terzo.%5bGINDEX%5d.html 2019-09-02 10:24:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2019/08/08/smart_una_settimana_con_la_eq_forfour/gallery/2019-Smart-EQ-Forfour-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26975 Smart - Una settimana con la EQ Forfour [Day 1] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26975&tipo=fv La protagonista del Diario di Bordo di questa setimana è la SMART EQ FORFOUR [1] nellallestimento Prime Nightsky, uno dei più completi della gamma. Dopo luscita di scena delle versioni a benzina, la piccola tedesca ora è ordinabile solo in versione elettrica: lunico motore disponibile è un sincrono trifase con un picco di potenza di 82 CV e 160 Nm (a libretto, come per tutte le auto a batteria, è segnata la potenza continua di 41 kW, equivalenti a 56 CV): la velocità massima è di 130 km/h, mentre per lo 0-100 km/h servono 12,7 secondi. Ad alimentare la vettura è presente una batteria agli ioni di litio da 17,6 kWh che garantisce unautonomia massima di 155 km nel ciclo Nedc: per una ricarica completa (dal 20%) servono dalle 3,5 alle 6 ore a seconda che si utilizzi la wallbox o una presa domestica. Lunga quasi tre metri e mezzo, la cinque porte tedesca può trasportare, come intuibile dal nome, fino a quattro passeggeri e il suo bagagaliaio ha un volume di 185 litri, che cresce a 975 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. Proposta con un prezzo di partenza di 24.918 euro, la Forfour elettrica è proposta in quattro allestimenti: passion (+1.200 euro), perfect (+2.000 euro), prime (+3.000 euro) e Brabus Style (+5.000 euro). La Nightsky utilizzata per il nostro diario di bordo è basata sulla versione prime e dispone di serie di accessori come la retrocamera, il tetto panorama, il bracciolo centrale, i sedili riscaldabili, il retrovisore interno anabbagliante, le finiture esterne total black e i pacchetti Led Sensor (fari a Led e fendinebbia), Cool Media (climatizzatore automatico e infotainment da 7"), comfort (sedile guidatore, cinture e volante regolabili in altezza e retrovisori elettrici) e portaoggetti (box documenti con serratura e rete lato passeggero). In questa configurazione il prezzo della versione speciale è di 33.973 euro. A CACCIA DI AUTONOMIA [DAY 1]. Gli inglesi la chiamano range anxiety, qui la potremmo definire ansia da autonomia. E con quasi 100 km da percorrere nel traffico sfido chiunque a non avere un po dansia quando la batteria non ha fatto in tempo a ricaricarsi al 100% e lautonomia residua è di 102 km. Su consiglio dellingegner Boni qualche ora prima di partire ho impostato la preclimatizzazione dellabitacolo, selezionando in maniera semplice e intuitiva lorario di partenza direttamente dal computer di bordo. Uscito dalla redazione scollego i cavi dalla colonnina del nostro parcheggio e trovo un abitacolo già fresco: seleziono subito la modalità eco e mi avvio verso la tangenziale. Lautonomia scende in maniera progressiva ma decido, prudentemente, di ridurre comunque landatura. Dopo una cinquantina di km arrivo a casa con 70 km dautonomia residua con il 64% della carica e un "eco score" dell88%. Amo le sfide e per tornare a Rozzano la mattina successiva mi metto dimpegno per cercare di migliorare ulteriormente il mio punteggio. Senza guidare con una flemma eccessiva sto più attendo a rilasciare lacceleratore in anticipo, lasciando alla frenata rigenerativa il compito di rallentare lauto, tanto sulle strade extraurbane, quanto in coda in tangenziale. Raggiungo il parcheggio della redazione con la batteria al 27% e 42 km dautonomia, migliorando di due punti il risultato della sera precedente. Questo viaggio in elettrico mi ha fatto capire diverse cose. La prima è che spesso si sottovalutano le capacità delle moderne auto a elettroni, tanto per prestazioni quanto per autonomia. La seconda è che il confort di guida assicurato da unauto senza motore termico è quasi impareggiabile. La terza è che la posizione delle batterie, integrate nel pianale, può cambiare il carattere anche di una piccola citycar come la Forfour, che in versione EQ risulta molto più divertente da guidare rispetto alla sorella a tre cilindri. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SMART-FORFOUR 2019-09-02 08:52:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/01/mondiale_endurance_doppietta_toyota_alla_4_ore_di_silverstone/gallery/2019-wec-partenza-4h-silverstone.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26974 Mondiale Endurance - Doppietta Toyota alla 4 ore di Silverstone http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26974&tipo=fv La SUPER SEASON 2019-2020 del MONDIALE ENDURANCE è finalmente entrata nel vivo. Oggi in Inghilterra si è disputata la prima prova stagionale, la 4 ORE DI SILVERSTONE. Ancora una volta, la Toyota ha dominato la corsa, conquistando una facile doppietta. A tagliare per primi il traguardo della corsa di durata inglese sono stati Mike Conway, Kamui Kobayashi e José Marìa Lopez. Alle loro spalle, troviamo la TS050 gemella di Sébastien Buemi, Brendon Hartley e Kazuki Nakajima. Sul gradino più basso del podio con un giro di ritardo rispetto ai vincitori troviamo Duval, Derani e Berthon del team Rebellion Racing. ALTRA VITTORIA DI FORZA PER LA TOYOTA. La stagione è cominciata esattamente come era terminata, con il dominio del team Toyota Gazoo Racing. Lunica magra consolazione per la Rebellion Racing è stata quella di potersi issare al comando per ben due volte nel corso della gara, sfruttando alcune situazioni a proprio vantaggio, ma senza mai poter impensierire realmente le vetture giapponesi. Solamente le tipiche condizioni meteo inglesi sono riuscite a livellare un po le prestazioni, ma i due equipaggi della Toyota sono tornati a dominare non appena la pista si è asciugata nuovamente. I RISULTATI DI LMP2, GTE PRO E AM. Tutti i riflettori erano oggi puntati sulla LMP2, categoria che questanno si preannunciava particolarmente competitiva con larrivo di altre quattro nuove squadre. Il successo della 4 ore di Silverstone è andato proprio a una new entry, la Cool Racing: una vittoria impressionante, considerando che la Oreca 07 Gibson è stata guidata solamente da due dei tre piloti designati, poiché Alexandre Coigny è stato costretto a saltare la gara a causa di un infortunio durante la gara della ELMS di ieri. Nella GTE-Pro, la Porsche ha conquistato la doppietta grazie alla nuova 911, con il duo Bruno-Lietz. Nella GTE-Am, successo per la Ferrari AF Corse con lequipaggio formato da Parrodo, Collard e Nielsen. 4 ORE DI SILVERSTONE RISULTATI DELLA GARA 1 - Conway/Kobayashi/Lopez (Toyota TS050) Toyota 2 - Buemi/Nakajima/Hartley (Toyota TS050) Toyota 3 - Berthon/Derani/Duval (Rebellion R13-Gibson) Rebellion 4 - Robertson/Hanley/Orudzhev (Ginetta G60AER) - LNT 5 - Lapierre/Borga/Coigny (Oreca 07-Gibson) - Cool 6 - Laurent/Negro/Ragues (Alpine A470 - Gibson) Signatech - 7 - Van Eerd/Van Der Garde/Van Uitert (Oreca 07-Gibson) Nederland 8 - Tung/Stevens/Aubry (Oreca 07-Gibson) - DC Racing - 9 - Gonzalez/Da Costa/Davidson (Oreca 07-Gibson) - Jota 10 - Nato/Menezes/Senna (Rebellion R13-Gibson) Rebellion 2019-09-01 21:44:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/06/30/la_nuova_stella_ferrari_charles_leclerc_in_20_pillole_foto_gallery_/gallery/2019-gallery-leclerc-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26973 La nuova stella Ferrari - Charles Leclerc in 20 pillole FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26973&tipo=fv Al Gran Premio del Belgio 2019 CHARLES LECLERC HA OTTENUTO FINALMENTE LA SUA PRIMA VITTORIA IN FORMULA 1. Un trionfo nellaria da tempo, che sarebbe arrivato già in Bahrain se non fosse subentrata la sfortuna [1]. E, magari, anche nel suo Principato di Monaco [2] dove, pur partendo dallultima posizione per un errore di strategia in qualifica [3], ha impressionato tutti facendo sorpassi lì dove nessuno aveva mai osato prima. Del resto, che Leclerc fosse un grande pilota lo aveva capito già diversi anni fa lo sfortunato Jules Bianchi, che lo presentò al suo attuale manager, Nicolas Todt. Il figlio di Jean lo avrebbe poi introdotto nel motorsport che conta, facendone il campione di cui oggi celebriamo la prima volta sul gradino più alto del podio, raccontando la sua vita in venti immagini. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/sport/2019/03/31/f_1_gp_bahrain_2019_risultati_gara.html [2] https://www.quattroruote.it/news/sport/2019/05/26/f1_gp_monaco_2019_risultati_gara.html [3] https://www.quattroruote.it/news/sport/2019/05/25/f1_gp_monaco_2019_risultati_qualifiche.html 2019-09-01 17:58:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/09/01/f_1_gp_del_belgio_risultati_gara/gallery/2019-ferrari-leclerc-spa.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26972 F.1, GP del Belgio - Leclerc vince a Spa, davanti alle Mercedes http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26972&tipo=fv PRIMA VITTORIA IN CARRIERA PER CHARLES LECLERC IN FORMULA 1. Il monegasco della Ferrari ha vinto il Gran Premio del Belgio, davanti alle due Mercedes di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Una vittoria emozionante per il ventunenne della Scuderia di Maranello, arrivata il giorno dopo della tragica morte dellamico e collega ANTHOINE HUBERT [1], che con Charles ha condiviso tanto. _In aggiornamento..._ Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/08/31/FORMULA_2_TERRIBILE_INCIDENTE_A_SPA_GARA_ANNULLATA.HTML 2019-09-01 17:00:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/09/01/fuoristrada_e_suv_cabriolet_le_scoperte_a_ruote_alte_foto_gallery/gallery/2019-Fuoristrada-e-Suv-Cabrio-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26971 Fuoristrada e Suv cabriolet - Le scoperte a ruote alte FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26971&tipo=fv Sebbene annunciata da tempo, ha destato grande stupore la nuova VOLKSWAGEN T-ROC CABRIOLET [1], versione en plein air della Suv compatta di Wolfsburg: scelta azzeccata o mossa azzardata? ancora presto per dirlo, e i due precedenti visti finora la RANGE ROVER EVOQUE CABRIO [2] e la Nissan Murano CrossCabriolet sono troppo pochi per dare una risposta affidabile. A RUOTE ALTE. Se per le Suv e le Crossover i modelli open top rappresentano, di fatto, una novità, per le fuoristrada la guida con il vento tra i capelli coincide con la storia stessa di questi veicoli a ruote alte. Inizialmente adoperate in ambito militare, le offroad scoperte acquisiscono sempre più popolarità a partire dal secondo dopoguerra. E tra gli anni 80 e 90 diventano di gran moda tra il pubblico, che le considera unalternativa alle solite spider e cabriolet. LA RASSEGNA. Ma i modelli disponibili diminuiranno progressivamente nel nuovo millennio, di pari passo con lESPLOSIONE DELLE SUV [3], come potete notare nella nostra galleria di immagini, dove abbiamo raccolto le più interessanti scoperte a ruote alte, dai primi modelli militari allultima nata della Volkswagen. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2019/08/14/volkswagen_t_roc_cabrio_dimensioni_motori_uscita.html [2] https://www.quattroruote.it/prove/2016/range_rover_evoque_cabrio_la_prova_della_range_rover_evoque_cabrio.html [3] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2018/11/02/suv_e_crossover_una_storia_di_oltre_20_anni_foto_gallery.html 2019-09-01 11:27:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2019/08/30/audi_ecco_come_saranno_i_fari_a_oled_del_futuro/gallery/2019-audi-oled-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26967 Audi - Ecco come saranno i fari a Oled del futuro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26967&tipo=fv LAUDI [1] presenterà allIsal 2019 (International symposium on automotive lighting) una nuova tecnologia Oled dedicata ai gruppi ottici delle autovetture. La Casa tedesca ha inserito A LISTINO SULLA TT RS [2] i primi fari Oled posteriori nel 2016 e la nuova generazione consentirà maggiori libertà dal punto di visto tecnico e stilistico. Per il momento la Casa non ha fornito una previsione sui tempi necessari per portare questa soluzione nella produzione di serie. Grafiche personalizzabili per comunicare con gli altri guidatori. I nuovi sistemi Led digitali consentiranno di aumentare il numero di elementi presenti dei gruppi ottici da 4 a oltre 50, con la possibilità di regolare la luminosità di ognuno singolarmente. Questo permetterà di utilizzare un singolo hardware per rappresentare elementi grafici diversi che potranno sia distinguere stilisticamente una vettura sia essere sfruttati per comunicare informazioni ad altri guidatori attraverso disegni e animazioni, per esempio in caso di incidente o di pericolo sul percorso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/09/AUDI_TT_RS_COUPE_E_ROADSTER_PREZZO_ALLESTIMENTI_INTERNI_OPTIONAL_.HTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/08/30/skoda_kamiq_al_volante_della_1_0_tsi_115_cv_dsg/gallery/2019-Skoda-Kamiq-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26968 Skoda Kamiq - Al volante della 1.0 TSI 115 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26968&tipo=fv Ora la squadra è completa. Dopo KODIAQ [1] e KAROQ [2], la nuova SKODA KAMIQ [3] si aggiunge allofferta delle Suv del costruttore ceco. Ordinabile da ottobre e su strada da novembre, la novità del marchio ceco arriverà con un compito decisamente impegnativo: ritagliarsi uno spazio nel già affollato segmento delle Suv compatte. Realizzata sul pianale MQB A0, lo stesso delle Volkswagen T-Cross e Seat Arona, è più lunga rispetto a queste ultime (4.24 metri) confermando la volontà di abbinare dimensioni adatte al traffico cittadino a uno spazio interno di tutto rispetto. SU STRADA. Per il mio viaggio da Losanna a Strasburgo scelgo la Skoda Kamiq spinta dal 1.0 TSI da 115 cavalli e 200 Nm di coppia massima abbinato al cambio manuale a sei rapporti (è disponibile anche lautomatico Dsg a 7 marce). Il tre cilindri piace per la grande fluidità di marcia e propone prestazioni più che soddisfacenti con una velocità massima di 194 km/h e uno 0 a 100 km/h in 9,9 secondi. Su strada lultima nata del marchio di Mladá Boleslav passa lesame del pavé nonostante la presenza di cerchi da 18 e dello Sport Chassis Control (che abbassa la vettura di 10 mm). Oltre alla buona regolazione dellassetto, in curva (e su fondi a bassa aderenza) il differenziale elettronico a bloccaggio trasversale XDS+ di serie migliora la trazione sulle ruote anteriori. La sensazione generale è quella di viaggiare su una vettura di segmento superiore, merito dellelevato livello di confort generale ma soprattutto della dotazione di bordo e di sicurezza decisamente completa. La posizione di guida, ampiamente regolabile, si abbina a uno spazio che non fa rimpiangere modelli più grandi. Buona anche la capacità di carico, con un volume di 400 litri espandibile fino a 1.395: manca però la possibilità di montare il divano posteriore scorrevole. Al termine del percorso, il consumo medio registrato dal computer di bordo ha oltrepassato i 15 km/l nonostante i numerosi tratti montani affrontati. SEMPRE CONNESSA E DICE ADDIO AI CAVI. Tra i punti di forza di questa Suv vi sono un nuovo infotainment e i sistemi di sicurezza. Partendo dal sistema di intrattenimento, la Kamiq può montare uno schermo da 9.2 a sbalzo compreso nel sistema satellitare Amundsen da cui è possibile gestire il sistema di intrattenimento Mib3 visualizzabile anche attraverso il quadro strumenti digitale Virtual Cockpit. Oltre alla presenza della eSIM integrata, che garantisce la connessione a internet, si distingue per lassistente vocale Laura e per la compatibilità Apple CarPlay, Android Auto o MirrorLink senza cavo. A completare la dotazione hotspot Wlan, ricarica induttiva e fino a due porte Usb C. Passando ai sistemi di assistenza alla guida, a partire dallallestimento Ambition sono previsti di serie il Lane Assistant, il Front Assistant con funzione di frenata di emergenza City e funzione predittiva di protezione pedoni e l Adaptive Cruise Control fino a 210 km/h. Sulla Style arrivano anche i fari full Led adattivi. MOTORIZZAZIONI E PREZZI. Oltre al propulsore provato, la Skoda Kamiq può essere abbinata al 1.0 TSI da 95 cavalli disponibile esclusivamente con il cambio manuale a cinque marce o al potente 1.5 TSI da 150 cavalli con manuale sei marce o Dsg a sette rapporti, mentre passando al diesel si potrà optare per il 1.6 TDI da 115 cavalli con trasmissione manuale a sei marce o doppia frizione a sette. Non manca la versione a metano, spinta dal 1.0 TSI da 90 cavalli con cambio manuale a sei rapporti. Il listino prezzi della Skoda Kamiq non è stato ancora comunicato ma, come confermato dalla filiale italiana, la versione di accesso avrà un prezzo promozionale di lancio a partire da circa 18.000 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SKODA-KODIAQ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SKODA-KAROQ [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SKODA-KAMIQ 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/29/formula_1_vacanze_terminate_si_torna_in_pista_a_spa/gallery/2019-spa-francorchamps.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26969 Formula 1 - Vacanze terminate, si torna in pista a Spa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26969&tipo=fv Le vacanze sono già finite: questo fine settimana la FORMULA 1 TORNA IN AZIONE e lo fa in uno dei circuiti più belli di tutto il campionato, quello di SPA-FRANCORCHAMPS [1], che ospita la tredicesima prova del Mondiale 2019: il GRAN PREMIO DEL BELGIO. IL PADDOCK SI è ANIMATO. Seppur il campionato sembra aver preso da tempo la via che porta al sesto titolo di Lewis Hamilton, gli argomenti caldi di cui parlare non mancano. Uno tra questi è lo scambio di sedile tra Alex Albon e Pierre Gasly, con il francese che torna a correre con la Toro Rosso le ultime nove gare della stagione, mentre il debuttante thailandese avrà loccasione di misurarsi con un mastino che risponde al nome di Max Verstappen. La mossa della Red Bull è quella di valutare i suoi piloti per poi prendere una decisione sulla formazione del prossimo anno. A proposito di mercato piloti, oggi è finalmente arrivata la CONFERMA DI UNESTENSIONE DI CONTRATTO PER BOTTAS ALLA MERCEDES [2], che potrà rimanere nel team anglo-tedesco per un altro anno. Esteban Ocon, che era accreditato come il suo possibile sostituto, si è invece accasato alla Renault. Hulkenberg, rimasto momentaneamente senza un sedile, si è già attivato per cercare un nuovo team con cui correre: attualmente, la Haas sembra lopzione più plausibile. RAIKKONEN POTREBBE NON CORRERE A SPA. Occhi puntati su Kimi Raikkonen e alle sue condizioni di salute: il finlandese si è procurato uno stiramento durante un allenamento e adesso zoppica un po. Ha già lavorato al simulatore, senza accusare grossi problemi, ma la decisione di affrontare lintero weekend di gara arriverà domani dopo la prima sessione di prove libere. Se non avrà problemi lungo i 7 chilometri del tracciato di Spa-Francorchamps, allora sarà al volante regolarmente. In caso contrario, cè già in pre-allerta il terzo pilota dellAlfa Romeo Racing, Marcus Ericsson, pronto eventualmente a saltare sulla monoposto. IL GP DEL BELGIO IN TV. Ancora una volta, sarà la pay-tv Sky a trasmettere in diretta esclusiva tutte le fasi del weekend di gara a Spa-Francorchamps. Tuttavia, qualifiche e gara saranno poi trasmesse in differita su TV8, al canale 8 del digitale terrestre. Ecco gli orari per non perdere neppure un minuto di quello che si preannuncia un grande evento, dal meteo imprevedibile e dal risultato sempre incerto. VENERDì 30 AGOSTO Prove Libere 1 | dalle 11 in diretta su Sky Sport F1 Prove Libere 2 | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 SABATO 31 AGOSTO Prove Libere 3 | dalle 12 in diretta su Sky Sport F1 Qualifiche | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1. Dalle 18 in differita su TV8 DOMENICA 1 SETTEMBRE Gara | Partenza alle 15:10 in diretta su Sky Sport F1. Dalle 18 in differita su TV8 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?CIRCUIT_DE_SPA_FRANCORCHAMPS_15 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/08/29/F_1_MERCATO_PILOTI_BOTTAS_IN_MERCEDES_E_OCON_IN_RENAULT.HTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/08/29/dodge_challenger_debutta_una_versione_speciale_firmata_mopar/gallery/2019-mopar-challenger-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26970 Dodge Challenger - Una serie da collezione firmata Mopar http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26970&tipo=fv Mopar e il gruppo FCA continuano a spingere sullheritage con gli accessori dedicati alle sportive della Dodge. Nasce così la Mopar 19 DODGE CHALLENGER [1], edizione speciale customizzata di serie. 485 CV CON CAMBIO MANUALE. La coupé sarà proposta a partire da 45.835 dollari nelle tinte Pitch Black e White Knuckle in combinazione con le esclusive grafiche Mopar Shakedown. La dotazione di serie include anche lo Shaker Hood, lo spoiler posteriore, i cerchi da 20" con pneumatici 245/45, lassetto specifico, i freni Brembo, le finiture interne personalizzate per sedili e strumentazione e tutti gli accessori della Challenger R/T Scat Pack da cui la serie speciale deriva. Il propulsore è il V8 392 Hemi aspirato da 485 CV con cambio manuale sei marce o automatico otto marce opzionale. 100 ESEMPLARI FIRMATI MOPAR. Per renderla unauto da collezione, la Mopar 19 Dodge Challenger sarà consegnata ai clienti con lOwners Kit, che include il certificato di nascita della vettura con la data di produzione e il numero progressivo di assemblaggio, oltre a una serie di documenti celebrativi del modello e un contenitore che riporta il numero progressivo dellesemplare. Sono previste in totale 100 unità, delle quali 10 saranno esportate in Canada. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/19/DODGE_SVELATE_LE_CHARGER_E_CHALLENGER_STARS_STRIPES_EDITION.HTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2019/08/30/volkswagen_doppia_iniezione_di_urea_per_ridurre_le_emissioni/gallery/2019-Volkswagen-scr-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26963 Volkswagen - Doppia iniezione di urea per ridurre le emissioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26963&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha annunciato una evoluzione dei sistemi di trattamento dei gas di scarico Scr che permette di ridurre fino all80% le emissioni di NOx. La prima vettura a essere dotata di questo dispositivo aggiornato è la PASSAT [2] con il propulsore 2.0 TDI Evo 150 CV, ma in futuro vedremo la medesima soluzione anche su tutte le varianti a gasolio della GOLF DI OTTAVA GENERAZIONE [3]. DUE SISTEMI SCR PER AMPLIARE IL RANGE DI TEMPERATURA IDEALE. I sistemi SCR, che dal 2018 sono presenti su tutti i modelli a gasolio della Casa tedesca, lavorano iniettando lAdblue per abbattere le emissioni. I tecnici hanno sviluppato un doppio SCR, con i dispositivi in due punti diversi del veicolo: uno si trova a ridosso dei collettori di scarico e lavora in tempi molto brevi dallaccensione (idealmente da 220 a 350 gradi di temperatura), mentre un altro è sotto il veicolo e lavora a temperature più basse, permettendo di mantenere un elevato rapporto di conversione anche con laumentare delle temperature, per esempio nella guida autostradale. La combinazione delle due iniezioni, insieme ad un catalizzatore specifico che evita un accumulo eccessivo di urea, ha permesso, nei test RDE su strada, di misurare una effettiva riduzione fino all80% delle emissioni di NOx. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/06/26/VOLKSWAGEN_PASSAT_AL_VOLANTE_DELLE_ALLTRACK_E_GTE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/28/VOLKSWAGEN_GOLF_AVVIATI_I_COLLAUDI_FINALI.HTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/30/f_1_gp_del_belgio_libere_1_ferrari_davanti_a_tutti/gallery/2019-ferrari-sebastian-vettel.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26964 F.1, GP del Belgio - Libere 1: Ferrari davanti a tutti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26964&tipo=fv La FORMULA 1 è tornata in pista a SPA-FRANCORCHAMPS per la seconda parte della stagione 2019. Nelle prime prove libere del Gran Premio del Belgio, LE DUE FERRARI SI SONO PIAZZATE DAVANTI A TUTTI, con SEBASTIAN VETTEL [1] autore del miglior tempo. Il tedesco ha fermato il cronometro in 1:44.574, precedendo di due decimi il compagno di squadra Charles Leclerc. SEGUONO LE DUE RED BULL, staccate però di un secondo, di Max Verstappen e del nuovo arrivo Alexander Albon: il thailandese, ex Toro Rosso, ha preso il posto di Gasly e ha subito dimostrato di avere un buon feeling con la vettura. QUALCHE DIFFICOLTà IN CASA MERCEDES. In classifica troviamo le due Mercedes in quinta e sesta posizione, rispettivamente con Bottas davanti a Hamilton. Sulle Frecce dArgento debutta la nuova power unit Mercedes Phase 3, ma linizio non è stato dei più esaltanti. In particolare, Hamilton ha accusato problemi di natura elettronica, prima con il drive-by-wire e poi con la telemetria. A proposito di power unit MERCEDES [2]: abbiamo avuto modo di sbirciare da vicino come questa è fatta. Unoccasione rara, arrivata grazie a un problema sulla Racing Point di Lance Stroll che ha perso parte della carrozzeria durante il suo giro veloce, mettendo in bella mostra tutto il packaging del potente motore tedesco. RAIKKONEN SEMBRA IN FORMA. Dopo le chiacchiere di ieri, il finlandese oggi ha provato la sua Alfa Romeo Racing e ha ottenuto il tredicesimo tempo in classifica. Le sue sensazioni al volante sono buone, nonostante lo stiramento alla gamba sinistra che gli sta causando qualche dolorino di troppo. Tuttavia, sembrano non sussistere problemi e Kimi dovrebbe continuare a guidare per il resto del weekend. GUARDA LA CLASSIFICA DELLE PROVE LIBERE 1 IN BELGIO [3] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?VETTEL_SEBASTIAN_523794 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?MERCEDES_21232 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/08/30/audi_q3_al_volante_della_sportback/gallery/2019-Audi-Q3-Sportback-0001.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26965 Audi Q3 Sportback - Al volante della Suv coupé di Ingolstadt http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26965&tipo=fv Prendi la Q8 [1], riproponi la formula in taglia e prezzo ridotti, ed ecco lAUDI Q3 SPORTBACK [2]. La quale, diciamolo subito, non si chiama Q4 per due motivi: hanno preferito tenersi in tasca questa sigla per la futura elettrica daccesso alla gamma e-tron e perché, di fatto, la nuova Suv coupé è considerata una variante della Q3 e non un modello a sé stante. Difatti, inutile girarci attorno, la Sportback è una Q3 [3] in tutto e per tutto. Ma i designer Audi sono stati incredibilmente abili nel portare a compimento uno dei lavori più difficili per uno stilista: differenziare il più possibile un modello dallaltro mantenendo il maggior numero di componenti in comune, per fare sinergia. Un balance estremamente complesso, che si ottiene soltanto giocando di malizie stilistiche: la linea di cintura abbassata fa apparire più muscolosi gli archi ruota, ma in realtà sono larghi quanto quelli della Q3; i fanali posteriori sporgono allindietro di tre centimetri rispetto alla Suv di derivazione, pur essendo i medesimi; la linea del tetto abbassata, i montanti posteriori fortemente inclinati e il prominente spoiler posteriore fanno apparire la Sportback molto più lunga della Q3, sebbene lingombro longitudinale sia praticamente identico (appena 16 mm in più per un profilo aggiunto sul paraurti posteriore). Il risultato, insomma, è un appeal assai più dinamico che però non ha compromesso larredo interno: stessa cubatura per il baule (530 litri dichiarati) e medesima abitabilità posteriore, peraltro ben fruibile grazie al divano scorrevole (di 13 cm) e agli schienali inclinabili allindietro. Identica, ovviamente, anche la plancia pur con qualche aggiunta sul fronte dellinfotainment: lottimo Virtual cockpit è di serie e la Q3 Sportback porta al debutto sulle Q, dopo la nuova A4, lassistente vocale AMAZON ALEXA [4]. AGILE E REATTIVA. Se dicessi che la Q3 Sportback è più dinamica della sorella anche su strada, sarebbe invece una mezza verità. Nel senso che per renderla più agile, lAudi non ha apportato modifiche tecniche, ma si è limitata a giocare con gli accessori: assetto sportivo, sterzo progressivo e ruote che partono da 18 o 19 pollici di diametro (a seconda dellallestimento, a richiesta si arriva a 20), sono di serie. Si tratta di accessori comunque ottenibili anche sulla sorella standard, pertanto non mi sento di affermare che la Sportback sia così diversa da guidare rispetto a una Q3 ben dotata sotto il profilo dinamico, pur a fronte di un baricentro più basso i cui benefici sarebbero da misurare scientificamente in pista. La realtà dei fatti, però, è che la base di partenza è già buona, quindi mettendo da parte tutti i confronti del caso, la Q3 Sportback non deluderà chi arriva, magari, da una più bassa A3 Sportback: posizione di guida pressoché identica, solo un po più alta da terra; agilità e reattività nei cambi di direzione, sensazione di leggerezza e stabilità, sempre. DUE MOTORI, PER ORA. Sul fronte dei propulsori, durante la fase di prevendita (appena iniziata, consegne e ottobre) la Q3 Sportback viene proposta con due motorizzazioni: 45 TFSI (2 litri turbobenzina da 230 CV, trazione quattro e cambio S tronic) e 35 TDI, con il 2.0 da 150 CV abbinato al cambio manuale e alla trazione integrale, oppure al doppia frizione con trazione anteriore. Al volante di questultima, le sensazioni sono quelle già sperimentate sulla Q3: un motore fluido e progressivo, pur senza acuti in termini di spinta, che garantisce un apprezzabile rapporto fra prestazioni e consumi. MILD HYBRID IN ARRIVO. Dopo il lancio saranno poi introdotte nuove combinazioni di powertrain: il 2.0 TDI da 150 CV con trazione integrale e cambio S tronic, la diesel da 190 CV (sempre con trasmissione automatica e 4x4) e il 1.5 TFSI a benzina da 150 cavalli con disattivazione di due cilindri. Questultimo, primizia della Q3 Sportback, è disponibile anche con tecnologia mild hybrid 48 V, con un alternatore-starter azionato a cinghia che può recuperare sino a 12 kW e immagazzinarli in una batteria al litio da 9,5 Ah. I vantaggi sono molteplici, non tanto dal punto di vista dei consumi (la Casa dichiara un risparmio di 0,4 litri/100 km), quanto dei benefici burocratici a seconda della regione: dallesenzione del bollo allaccesso alle zone a traffico limitato, per finire con le strisce blu gratuite. Su strada, il rendimento di questo propulsore è notevole: elastico ai bassi regimi e brillante man mano che la lancetta sale, ti rendi conto che è mezzo-ibrido perché appena può spegne il motore: in prossimità di un rallentamento o di uno stop (dai 20 km/h in giù), sfruttando anche il radar per capire quandè il momento di spegnere e riaccendere in base ai veicoli che precedono. Oppure disattiva il motore in movimento (fra 40 e 160 km/h) per veleggiare e limare sui consumi. CAPITOLO PREZZI. Le tre versioni disponibili al lancio partono dai 41.400 euro della 2.0 TDI 150 CV quattro; con 100 euro in più si può avere il medesimo motore con cambio S tronic e trazione anteriore, mentre la top di gamma 2.0 TFSI da 230 CV quattro S tronic costa 47.750 euro. A parità di powertrain, la Sportback costa 3.200 euro in più rispetto alla Q3. Ma questa cifra è compensata in parte da una dotazione di serie più ricca, che oltre ai già citati optional tecnici comprende il clima automatico bizona, il portellone ad apertura elettrica, il volante multifunzione plus rivestito di pelle e il pacchetto esterno lucido. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUDI-Q8 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/23/AUDI_AUDI_Q3_SPORTBACK_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO_MOTORI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUDI-Q3 [4] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AMAZON-ALEXA 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/08/30/mini_le_novita_al_salone_di_francoforte_2019/gallery/2019-mini-francoforte-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26966 Mini - Le novità al Salone di Francoforte 2019 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26966&tipo=fv una edizione allinsegna degli elettroni quella del SALONE DI FRANCOFORTE [1] 2019 per il marchio MINI [2]. Le due anteprime previste sono infatti relative a modelli che fanno dellelettrificazione il loro elemento cardine: la Mini Cooper SE e la Mini Cooper S E Contryman All4. 184 CV PER LA MINI ELETTRICA. La Mini Cooper SE è la prima Mini elettrica prodotta in grande serie. Adotta il powertrain derivato dalla BMW i3 da 184 CV e 270 Nm e offre così prestazioni brillanti: 3,9 secondi per toccare i 60 km/h e 7,3 secondi per i 100 km/h. Lautonomia, con le batterie da 32,6 kWh, può raggiungere i 270 km nel ciclo Nedc, mentre la ricarica può avvenire con sistemi fino a 50 kW permettendo di recuperare l80% dellenergia in 35 minuti. Il design della tre porte è stato rivisto solo nei dettagli per mantenere un forte legame con le altre Mini, ma particolari come la mascherina chiusa, i cerchi in lega aerodinamici e le finiture gialle la rendono unica. Tra le particolarità tecniche segnaliamo il posizionamento a T della batteria nel tunnel centrale e sotto il divano posteriore, che non riduce lo spazio nel bagagliaio, e il selettore delle modalità di guida con i settaggi Sport, Mid, Green e Green+. FINO A 57 KM DI AUTONOMIA CON LA PLUG-IN HYBRID AGGIORNATA. La Mini Cooper S E Countryman All4 è stata aggiornata introducendo un powertrain plug-in hybrid dotato di batterie più efficienti. Questo ha permesso di migliorare del 30% lautonomia in modalità elettrica senza aumentare lingombro degli accumulatori, che passano da 7,7 a 10 kWh. La Mini ibrida è così in grado di percorrere fino a 57 km a emissioni zero, mentre i tempi di ricarica variano da 3 a 5 ore in base al tipo di connessione disponibile. La potenza massima del gruppo propulsore rimane di 224 CV, così come la trazione integrale e il cambio automatico. Grazie alle batterie più efficienti scendono anche i consumi medi omologati, ora pari a 1,9-2,1 l/100 km e 43-47 g/km di CO2. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/22/SALONE_DI_FRANCOFORTE_2019_TUTTE_LE_NOVITA_IN_ARRIVO_ALLA_RASSEGNA_TEDESCA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MINI 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/26/formula_uno_gran_premio_di_monza_2019_date_orari_diretta_tv_informazioni_parcheggi/gallery/2019-gp-di-monza-gallery-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26955 Formula Uno - Tutto quello che cè da sapere sul GP di Monza FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26955&tipo=fv Mentre sul circuito di Spa Francorchamps è tutto pronto per lappuntamento del Belgio, qui fervono i preparativi per il Gran Premio dItalia, che vedrà il semaforo verde domenica 8 settembre alle 15.10. Dopo la COCENTE DELUSIONE DEL 2018 [1], con Lewis Hamilton vincitore nonostante la doppietta Ferrari in qualifica, i tifosi italiani attendono una vittoria delle Rosse che manca a Monza DALLORMAI LONTANO 2010 [2]. Molti di loro seguiranno il Gran Premio dItalia dal vivo, mentre altri, i più, lo vedranno in diretta televisiva (ma non sulla Rai, questanno). Proprio pensando agli appassionati, abbiamo raccolto nella nostra galleria di immagini le statistiche e tutte le informazioni utili, dal programma del weekend di gara ai biglietti, dai trasporti ai parcheggi nelle vicinanze dellautodromo, nonché la diretta in chiaro e molto altro, per non arrivare impreparati allevento di Formula 1 più atteso dagli italiani. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/sport/2018/09/02/f_1_gp_d_italia_risultati_gara_monza.html [2] https://www.quattroruote.it/news/formula_1/2010/09/12/vince_alonso_massa_terzo.%5bGINDEX%5d.html 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/accessori/2019/07/31/skoda_gli_accessori_simply_clever_foto_gallery/gallery/2019-Skoda-Simply-Clever-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26956 Skoda - Gli accessori che facilitano la vita a bordo FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26956&tipo=fv Nata nel 2003 a seguito della presentazione della concept Roomster, che fin da subito incuriosì il pubblico per i suoi accessori, la gamma Simply Clever ha offerto finora oltre 60 soluzioni intelligenti ai clienti della SKODA [1]. Di serie oppure optional, queste dotazioni sono in genere votate al confort e alla praticità e, alcune di esse, possono ormai considerarsi un marchio di fabbrica della Casa ceca, come i portaombrelli e il raschietto per il ghiaccio collocato nello sportellino del carburante. Ecco gli esempi più curiosi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA.HTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2019/08/30/f_1_gp_del_belgio_ferrari_piu_veloce_nel_venerdi_di_spa/gallery/2019-ferrari-charles-leclerc.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26957 F.1, GP del Belgio - Ferrari più veloce nel venerdì di Spa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26957&tipo=fv Dopo il miglior tempo ottenuto questa mattina, la FERRARI HA DOMINATO ANCHE NELLA SECONDA SESSIONE DI PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DEL BELGIO. Questa volta, il giro più veloce è stato segnato da CHARLES LECLERC [1] con 1:44.123: il monegasco, grazie anche a un gioco di scie, è riuscito a staccare di sei decimi il compagno di squadra SEBASTIAN VETTEL. Inseguono le due Mercedes, con Bottas ancora davanti a Hamilton, seppur di una manciata di millesimi. RUOLI INVERTITI NEL PASSO GARA. Rispetto ai tempi ottenuti in simulazione di qualifica, la Ferrari non è stata altrettanto brillante in configurazione gara, dove invece la Mercedes ha mostrato un ritmo più costante e veloce. Anche la Red Bull è apparsa più in forma della Ferrari sulla lunga distanza, ma domenica le condizioni potrebbero cambiare, con qualche grado in meno che potrebbe far soffrire meno le vetture di Maranello. CAMPANELLO DALLARME IN CASA MERCEDES. Uno dei protagonisti di giornata è stato Sergio Perez che ha confermato il buon andamento della RACING POINT [2] (ex Force India) su questo circuito. Il messicano ha ottenuto il quinto tempo assoluto oggi, ma non è riuscito a completare la sessione per un problema alla nuova power unit Mercedes (Phase 3, montata anche sulle Mercedes ufficiali). Il suo compagno di squadra, Lance Stroll, ha comunque confermato lottima prestazione della RP19, chiudendo ottavo, anche se i motoristi sono già al lavoro per individuare la causa della grande fumata bianca che ha fermato il messicano prima della fine della sessione di oggi. GUARDA LA CLASSIFICA DELLE LIBERE 2 IN BELGIO [3] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?LECLERC_CHARLES_543795 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?RACING_POINT_21885 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2019/08/30/volkswagen_multivan_6_1_novita_interni_motori/gallery/2019-volkswagen-multivan-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26958 Volkswagen - Il Multivan 6.1 fa il pieno di tecnologia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26958&tipo=fv Si scrive Bulli 6.1, si legge T6.1. Ha scelto un nome nostalgico, la VOLKSWAGEN [1], per il restyling (sostanzioso) del suo iconico van. Un aggiornamento di metà carriera, per lultima serie, carico di tecnologia ed esteso a tutta la famiglia del T, compresa la versione MULTIVAN [2] per il trasporto persone, configurabile a cinque o a sette posti. Ma soprattutto sempre più attrezzata per far viaggiare nel confort le famiglie numerose. PIù CONNESSO E DIGITALE. Lo stile esterno, forte di una più ampia palette di verniciature bicolori, è stato ritoccato in punta di matita. A differenza degli interni, dove la plancia è stata completamente ridisegnata, dotata di un portaoggetti aggiuntivo e per la prima volta della strumentazione digitale, che si configura con lapposito View sul nuovo volante multifunzionale. Linfotainment, invece, è connesso tramite una Sim dati e risponde a comandi vocali riconoscendo il linguaggio naturale. DIESEL DI ULTIMA GENERAZIONE. Le novità tecnologiche riguardano anche la guida. Sul Multivan 6.1 arriva il servosterzo elettromeccanico, mentre la gamma dei sistemi di assistenza disponibili include il Lane Assist, Park Assist, il riconoscimento automatico della segnaletica stradale, il Rear Traffic Alert e il Crosswind Assist; questultimo è un dispositivo che stabilizza il Multivan automaticamente non appena il vento laterale diventa eccessivo. Sulla versione 6.1 del T è disponibile a richiesta (in abbinamento al cambio Dsg) anche il cruise control adattivo con funzione stop go. Capitolo motori: sono tutti diesel di ultima generazione e omologati Euro 6d Temp. Tre gli step di potenza: 110 CV, 150 CV e 199 CV. A partire da 150 CV è possibile optare per la trazione integrale. GLI ALLESTIMENTI. A bordo della versione di accesso del Multivan, la Trendline, sono presenti di serie, tra gli altri, il sistema audio Composition Colour con ricezione radio digitale DAB, un azionamento elettrico della chiusura di sicurezza bambini per le porte e il volante di pelle. Sulla Comfortline si aggiungono il display multifunzione a colori Premium, inserti decorativi nella plancia e nei rivestimenti laterali, il pacchetto Luci e Visibilità e le prese Usb supplementari nel vano passeggeri. Lequipaggiamento Highline offre fari e luci di coda con tecnologia a Led, Park Assist (con incluso il Park Pilot anteriore e posteriore e la funzione di frenata in fase di manovra), linfotainment con schermo da 8 Discover Media e la strumentazione digitale. AL LANCIO Cè CRUISE. In fase di lancio commerciale (previsto allinizio dellautunno) sarà proposta anche la versione Cruise, le cui dotazioni di serie includono fari e luci di coda a Led, il pacchetto Cromo, inserti ai gradini di accesso di acciaio inox, clima automatico a tre zone, sistema multimediale Discover Media e, per quanto riguarda i sistemi di assistenza alla, Park Assist, Lane Assist (con uscita dal parcheggio assistita) e cruise control adattivo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN/MULTIVAN 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2019/08/28/porsche_taycan_al_volante_del_prototipo/gallery/2019-Porsche-Taycan-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26959 Porsche Taycan - Al volante del prototipo - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26959&tipo=fv Tra pochi giorni la PORSCHE TAYCAN [1] sarà una delle regine del SALONE DI FRANCOFORTE [2] e noi labbiamo già guidata. Unelettrica così potente e sportiva non sera mai vista, ma non è solo questione di cavalli. Quelli non mancano, sono circa 600 e garantiscono prestazioni elevatissime. APRE NUOVI ORIZZONTI. La cosa più importante è quasi filosofica, perché la prima PORSCHE [3] senza pistoni prende settantanni di tradizione e li apre a nuovi orizzonti. Insomma, senza nulla togliere alla sua carica dinnovazione, questa è uninterpretazione ultramoderna di ciò che a Zuffenhausen si fa da sempre. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PORSCHE-TAYCAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-FRANCOFORTE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML 2019-09-01 00:04:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2019/08/20/smart_forfour_nuovi_collaudi_per_il_restyling/gallery/2019-Smart-Forfour-01.jpg/jcr:content/renditions/cq5dam.web.1280.1280.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=26960 Smart Forfour - Primi collaudi per il restyling http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=26960&tipo=fv La SMART [1] ha compiuto il passo definitivo verso lelettrificazione annunciando la fine della produzione dei modelli con motore endotermico, ma allo stesso tempo sta anche lavorando a un generale restyling dei propri modelli. Quelle che vi proponiamo sono le prime foto spia della ForFour Model Year 2020, che giungono a circa due mesi di distanza da quelle della FORTWO [2]. RITOCCHI AL FRONTALE, MA ANCHE AGLI INTERNI. Gli interventi sono tutto sommato marginali e tipici degli aggiornamenti di metà carriera: interessano i gruppi ottici, il paraurti anteriore e la mascherina. Nellimmagine dellabitacolo si notano invece dei sedili anteriori modificati protetti da teli e unulteriore copertura applicata alla console del cambio, dove potrebbero quindi essere inseriti altri comandi. Non è escluso che anche linfotainment possa essere evoluto e potremmo anche assistere allintroduzione di Adas finora non disponibili a listino. SOLO ELETTRICHE PER I CINESI. La Smart, PASSATA AL 50% ALLA GEELY [3], si concentra sui modelli elettrici e questo prototipo non fa eccezione. Il logo EQ sul portellone non è infatti nascosto e lassenza di terminali di scarico a vista è lulteriore conferma che non sia previsto un propulsore tradizionale. Non sappiamo però se il powertrain rimarrà identico allattuale o se potranno essere effettuate migliorie alle batterie per incrementare lautonomia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SMART.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/05/11/SMART_EQ_FORTWO_2020_AUTONOMIA_PREZZO_RESTYLING_.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/03/28/SMART_CONFERMATA_LA_CESSIONE_DEL_