Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /web/htdocs/www.autosomma.it/home/adzone/include/config.php:194) in /web/htdocs/www.autosomma.it/home/rss.php on line 7 NEWS E AUTOhttp://www.autosomma.itAUTOSOMMACopyright 2011 www.autosomma.it http://blogs.law.harvard.edu/tech/rssIT-it autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/23/seat_e_wayne_griffiths_l_erede_di_de_meo/gallery/rbig/2020-wayne-griffiths-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32469 Seat - Wayne Griffiths lerede di De Meo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32469&tipo=fv Il gruppo Volkswagen ha trovato lerede di LUCA DE MEO [1] al vertice della SEAT [2]: consiglio di amministrazione della Casa di Martorell ha nominato Wayne Griffiths quale nuovo presidente. LINCARICO. Griffiths, che assumerà il nuovo ruolo il primo ottobre prossimo, manterrà gli incarichi di amministratore delegato e presidente del marchio Cupra e, per il momento, di vicepresidente esecutivo con delega alle attività commerciali, incarico, questultimo, ricoperto dal 2016. Il nuovo numero uno della Seat sostituisce Carsten Isensee, titolare della presidenza in via provvisoria da quando DE MEO HA RASSEGNATO LE DIMISSIONI [3] per accettare un incarico oltremodo delicato: il manager italiano è stato nominato AMMINISTRATORE DELEGATO DEL GRUPPO RENAULT [4] entrando in servizio l1 luglio scorso. Isensee continuerà a svolgere le funzioni di vicepresidente esecutivo per le Finanze e lIT affiancando, così, Griffiths in un compito reso ancor più complesso dalle conseguenze della pandemia del coronavirus: il nuovo presidente dovrà, infatti, portare avanti quelle strategie varate da De Meo che hanno portato la Seat ad aggiornare ogni anno i propri record finanziari e commerciali. GLI OBIETTIVI. Nel suo nuovo ruolo, Griffiths dovrà, quindi, promuovere la trasformazione della società spagnola e dei suoi marchi verso lelettrificazione e la mobilità sostenibile, continuando a sviluppare il brand Cupra. A tal fine, il manager potrà far leva sul sostegno finanziario garantito dal gruppo Volkswagen: lo scorso luglio è stato lanciato un piano di investimenti da 5 miliardi di euro fino al 2025, che prevede, tra laltro, il lancio di CINQUE NUOVI MODELLI ELETTRICI [5] e ibridi plug-in entro il 2021. IL CURRICULUM DI GRIFFITHS. "Wayne Griffiths è uno dei dirigenti più qualificati del gruppo Volkswagen", ha detto lad Herbert Diess. "Nel corso degli ultimi anni, ha portato le vendite Seat a raggiungere livelli record e sta guidando lo sviluppo del brand Cupra. Ha il mio pieno supporto e sono sicuro che porterà avanti il percorso di successo della Seat". Griffiths ha iniziato la sua carriera professionale allinterno del gruppo Volkswagen nel 1989 con un primo incarico allAudi. Dopo aver lavorato due anni alla Seat (tra il 1991 e il 1993), è ritornato nel marchio di Ingolstadt, ricoprendo diversi ruoli di responsabilità nella divisione commerciale in svariati mercati. Nel 2016 è approdato alla Seat e, in qualità di responsabile delle vendite, ha contribuito a continui record commerciali messi a segno dalla Casa: tra il 2016 e il 2019, le vendite sono cresciute di oltre il 40% beneficiando della forte offensiva di prodotto, in particolare nel segmento delle Suv. Nel gennaio del 2019 è stato nominato anche amministratore delegato della Cupra e, a inizio di questanno, ne ha anche assunto la presidenza. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCA-DE-MEO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/01/07/LUCA_DE_MEO_DIMISSIONI_DALLA_SEAT.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/01/28/RENAULT_UFFICIALE_DE_MEO_E_IL_NUOVO_AMMINISTRATORE_DELEGATO.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/25/SEAT_ENTRO_IL_2021_CINQUE_NUOVE_ELETTRICHE_E_IBRIDE_IN_GAMMA.HTML 2020-09-23 15:17:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/23/codice_della_strada_l_esame_della_riforma_non_parte_il_testo_torna_in_commissione/gallery/rbig/2020-codice.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32468 Codice della strada - Lesame della riforma non parte, il testo torna in commissione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32468&tipo=fv Fumata nera sullinizio della discussione in aula della proposta di legge di iniziativa parlamentare di RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA [1], approvata più di un anno fa dalla commissione Trasporti. Su richiesta del relatore, Diego De Lorenzis (M5S), laula ha approvato il ritorno del testo in commissione per coordinarlo con le RECENTI NOVITà INTRODOTTE NEL CODICE [2], il decreto Rlancio e con quello Semplificazione, novità che, in parte, erano contenute proprio nel testo della riforma in esame. SI ALLUNGANO I TEMPI. Il passo indietro rischia di allungare sine die i tempi dellapprovazione da parte della Camera in prima lettura (sarà poi necessario il via libera del Senato e, in caso di probabili ulteriori modifiche, un nuovo via libera di Montecitorio). Subito prima del voto sul ritorno del testo in commissione, Simone Baldelli (FI) ha annunciato il deposito di una proposta di legge di abrogazione di tutte le ultime novità introdotte a sorpresa nel Codice con il decreto Semplificazioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2019/07/12/CODICE_DELLA_STRADA_UNA_PER_UNA_TUTTE_LE_NOVITA_IN_ARRIVO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/07/CODICE_DELLA_STRADA_AUTOVELOX_CITTA.HTML 2020-09-23 14:24:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/23/leaseplan_con_chargeupnow_lancia_il_diritto_alla_ricarica_per_tutti/gallery/rbig/2020_chargeupnow_leaseplan.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32467 LeasePlan - ChargeUpNow, al via la campagna per il "diritto alla ricarica" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32467&tipo=fv LeasePlan, probabilmente la società di NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [1] che sta spingendo di più sullelettrificazione delle flotte, ha lanciato liniziativa globale CHARGEUPNOW: la campagna, elaborata in collaborazione con PowerD, nasce per assicurare a tutti il "diritto alla ricarica" e segue LAPPELLO [2] lanciato ai governi di tutti i Paesi in occasione del World EV Day. IL MANIFESTO DI CHARGEUPNOW. Liniziativa debutta con lapertura della Settimana del Clima di New York e dellAssemblea generale delle Nazioni Unite a New York: in sintesi, si tratta di una sorta di manifesto in cinque punti che ha lobiettivo di rendere universale il diritto alla ricarica pubblica per i veicoli elettrici ed elettrificati. Eccoli: - IMPLEMENTARE una rete di stazioni di ricarica rapida pubblica per ridurre la velocità da ore a minuti e ridurre il carico sugli spazi urbani; - Eliminare la burocrazia e facilitare lottenimento dei permessi per le stazioni private vicino alle abitazioni e agli uffici; - Includere linfrastruttura in tutti gli edifici residenziali e commerciali di nuova costruzione; - Aumentare luso di energia verde da parte dei veicoli elettrici attraverso soluzioni di ricarica intelligenti che utilizzino energia solare ed eolica a zero emissioni; - Sviluppare partnership pubblico-privato tra imprese e governi locali per facilitare la ricarica rapida nelle zone commerciali. "I conducenti sono stufi della mancata azione del governo sulle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici", spieg il ceo di LeasePlan Tex Gunning. "Ecco perché stiamo lanciando la nostra iniziativa Global ChargeUpNow: le soluzioni esistono già, manca solo lazione dei responsabili politici". La società olandese ha creato anche una petizione su Change.org, a cui si può accedere anche dal sito GlobalChargeUpNow.com. LeasePlan è partner fondatore delliniziativa EV100 del Climate Group, lanciata allAssemblea generale delle Nazioni Unite nel settembre 2017, e si è posta come obiettivo quello di avere una flotta gestita ad emissioni zero entro il 2030. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [2] https://www.quattroruote.it/news/noleggio/2020/09/09/world_ev_day_leaseplan_vuole_accelerare_l_elettrificazione_delle_flotte.html 2020-09-23 13:02:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/23/renault_arkana_nel_2021_la_suv_coupe_arrivera_anche_in_europa/gallery/rbig/2020-renault-arkana-europa-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32466 Renault Arkana - La Suv coupé arriverà anche in Europa nel 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32466&tipo=fv La RENAULT [1] ha deciso di vendere anche in Europa la ARKANA [2], vettura inizialmente sviluppata per i soli mercati asiatici e per la Russia, dove è commercializzata già dal 2019. La suv-coupé di taglia media sarà resa disponibile nel Veccchio Continente nel corso del 2021: lauto che potremo acquistare nel nostro Paese è in realtà una evoluzione del progetto originale e include moltissimi elementi derivati dai più recenti prodotti della Casa francese, a cominciare dalla piattaforma Cmf-B che apre le porte a motorizzazioni elettrificate. PIù GRANDE DELLA KADJAR. La Arkana è lunga 4,56 metri con un passo di 2,72 metri e il bagagliaio offre, per la versione E-Tech, una capacità variabile da 438 a 513 litri. I gruppi ottici a Led anteriori e posteriori sono una firma ormai consueta dei modelli Renault, mentre elementi come i cerchi da 17 o 18 pollici e le finiture in nero e argento dei paraurti e delle fiancate rendono ancora più aggressivo linsieme. I clienti potranno inoltre sottolineare lanima sportiva della vettura scegliendo lallestimento R.S. Line, che segue il tema inaugurato dalla Mégane e della Clio con finiture interne ed esterne dedicate. SCHERMI DIGITALI PER TUTTI. Labitacolo riprende limpostazione della Megane e della Clio optando per il display dellinfotainment Easy Link con misure da 7 a 9,3 pollici: questultimo è posizionato in verticale in stile tablet, mentre il modello da 7 pollici è orizzontale. La strumentazione è gestita da uno schermo da 4,2, 7 o 10,2 pollici in base allallestimento. Nella console centrale trovano spazio i comandi della climatizzazione e la piattaforma di ricarica wireless per lo smartphone. SOLO MOTORI A BENZINA ELETTRIFICATI: Cè ANCHE LA E-TECH. La gamma dei propulsori per il mercato europeo punta da subito sull elettrificazione. I clienti potranno scegliere tra le versioni a benzina 1.2 TCe 130 e 160, dotati del sistema mild hybrid a 12V e abbinati al cambio automatico EDC, e sulla variante E-Tech Hybrid, equipaggiati con la tecnologia full hybrid già disponibile sulla Clio. Non sono state per il momento annunciate varianti a gasolio: i dati relativi a consumi e prestazioni saranno diffusi in occasione del lancio commerciale. La dotazione di Adas della Arkana, infine, è piuttosto completa: sulla Suv coupé si potrà disporre dellHighway Traffic Jam Companion, dellAdaptive Cruise Control con funzione Stop Go, dellActive Emergency Braking System, del Blind Spot Warning, del Traffic Sign Recognition, del Lane Departure Warning con Guard System, del Rear Cross Traffic, dellEasy Park Assist e delle telecamere con visuale a 360 gradi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/RENAULT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/08/29/RENAULT_ARKANA_EUROPA_NO_GRAZIE_MA_L_ASIA.HTML 2020-09-23 12:33:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/23/audi_r8_green_hell_immagini_caratteristiche_motore/gallery/rbig/2020-audi-r8-green-hell-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32465 Audi R8 - La Green Hell celebra i successi della Casa alla 24 Ore del Nürburgring http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32465&tipo=fv Saranno soltanto 50 gli esemplari della R8 [1] Green Hell, una serie limitata nata per celebrare i successi della R8 LMS alla 24 Ore del Nürburgring, vinta cinque volte nelle ultime sette edizioni. Per il momento, il prezzo della vettura non è noto e non sappiamo se verranno resi disponibili alcuni esemplari in Italia. VERDE E NERO. Partendo dalla base della versione V10 PERFORMANCE [2] con motore V10 aspirato da 620 CV e cambio S tronic, lAUDI [3] ha creato un modello totalmente personalizzato. La tinta esterna verde Tioman è unica ed è abbinato alle pellicole nero opaco, che sulla fiancata riportano anche il numero progressivo dellesemplare con grafica ispirata ai numeri delle auto da corsa. La finitura nero opaco è ripresa dai sideblide, dallo splitter, dalle minogonne, dallala e dallestrattore posteriore, mentre i cerchi di lega abbinano il rosso al nero. Gli interni sono rivestiti in pelle Nappa e Alcantara e sono di serie i sedili sportivi in carbonio con cuciture verde Kailash. Labbinamento tra nero e verde torna sulle cuciture del volante e della plancia. In alternativa, al verde Tioman esterno, i clienti potranno ordinare la R8 Green Hell anche nelle varianti bianco Ibis, grigio Daytona e nero Mythos. ANCHE LA R8 LMS CORRE CON LIVREA VERDE. La R8 Green Hell debutta in occasione delledizione 2020 della 24 Ore del Nürburgring e il legame con il mondo delle corse è davvero fortissimo: la R8 LMS numero 1, che parteciperà con lequipaggio Muller-Stippler-Vanthoor-Vervisch, è infatti stata verniciata in tinta verde scuro con particolari rossi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/AUDI/R8.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/18/AUDI_R8_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI_FOTO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI 2020-09-23 11:39:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/23/psa_il_gruppo_acquista_10_milioni_di_azioni_proprie_dalla_dongfeng_motor/gallery/rbig/2019-Gruppo-PSA-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32464 PSA - Il gruppo acquista 10 milioni di proprie azioni dalla Dongfeng Motor http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32464&tipo=fv Il gruppo PSA compie un altro passo in avanti verso la FUSIONE CON LA FIAT CHRYSLER [1]. Il costruttore transalpino ha, infatti, riacquistato dal socio Dongfeng Motor 10 milioni di sue azioni, pari all1,1% del capitale sociale, nel quadro dellaccordo relativo alloperazione di integrazione con gli italo-americani che porterà alla NASCITA DI STELLANTIS [2]. I DETTAGLI. Le azioni sono state rilevate al prezzo unitario di 16,385 euro e quindi per una spesa complessiva (al netto dei costi sostenuti) di 163,85 milioni di euro. Nel rispetto di quanto concordato lo scorso 18 dicembre, i titoli saranno cancellati una volta entrati in possesso dei francesi (la data di regolamento delloperazione è fissata per il 25 settembre): pertanto, queste azioni non entreranno a far parte del capitale societario. Il gruppo guidato da Carlos Tavares ha, inoltre, concordato con il socio cinese una modifica alle intese sul riacquisto di 30,7 milioni di azioni siglato nel dicembre scorso: in particolare, è stato deciso che i restanti 20,7 milioni di titoli coperti dallaccordo saranno venduti dalla Dongfeng alla stessa PSA entro il 31 dicembre prossimo. In caso contrario, potranno essere ceduti a terze parti entro la fine del 2022. In precedenza era previsto che le vendite, sia alla PSA che a terzi, avvenissero entro la data di perfezionamento dellaccordo di fusione con la Fiat Chrysler, fissato indicativamente entro la fine del primo trimestre dellanno prossimo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML 2020-09-23 11:13:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/23/range_rover_velar_ibrida_plug_in_interni_autonomia_ricarica/gallery/rbig/2020-range-rover-velar-plug-in-hybrid-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32463 Range Rover Velar - Tutte le novità del Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32463&tipo=fv Con il Model Year 2021, la RANGE ROVER VELAR [1] riceve un importante aggiornamento dellinfotainment e introduce a listino nuove motorizzazioni elettrificate, tra cui latteso powertrain plug-in hybrid. Laggiornata Suv inglese è da subito ordinabile in Inghilterra e presto verrà proposta anche sul mercato italiano. PLUG-IN HYBRID DA 404 CV. Replicando le scelte già fatte su altri modelli, anche la Velar accoglie a listino la versione P400e Plug-in Hybrid. Il 4 cilindri turbo 2.0 da 300 CV e il motore elettrico da 143 CV abbinato al cambio automatico e alla trazione integrale danno vita ad un powertrain da 404 CV e 640 Nm totali capace di una media, calcolata ne cliclo Wltp, di 49 g/km e 2,2 l/100 km. Con le batterie da 17,1 kWh è possibile percorrere fino a 53 km, ma anche ottenere prestazioni brillanti: 5,4 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. La ricarica con colonnine rapide richiede appena 30 minuti per recuperare l80% di energia, mentre il tempo sale a circa 110 minuti con la wallbox a 7 kW. MILD HYBRID PER TUTTE, ANCHE CON I NUOVI SEI CILINDRI. Oltre che plug-in hybrid, la Velar può essere ordinata anche in nuovi allestimenti dotati del sistema mild hybrid a 48V. Si tratta delle versioni equipaggiate con il sei cilindri 3.0 benzina nelle declinazioni P340 (340 CV e 480 Nm) e P400 (400 CV e 550 Nm) e con il diesel D300 (300 CV e 650 Nm): tutti questi motori sono abbinati al cambio automatico e alla trazione integrale. I benzina dichiarano 221 g/km alla voce emissioni, mentre il diesel si ferma a 194 g/km. Alla base della gamma è disponibile, infine, la variante D200 2.0 litri diesel da 204 CV e 165 g/km di CO2, anchessa dotata del sistema mild hybrid a 48V. INFOTAINMENT CONNESSO. Tutte le versioni aggiornate della Velar possono contare sul nuovo infotainment Pivi e Pivi Pro. Grafica e funzionalità sono state rinnovate rispetto alledizione uscente del sistema e sono previste nuove funzioni, come gli aggiornamenti over-the-air, la doppia connessione bluetooth, lintegrazione di Spotify e la maggiore capacità di calcolo per la gestione di tutte le funzioni di bordo. La plug-in hybrid dispone inoltre di applicativi dedicati e del controllo da remoto della carica e dellautonomia. TORNA LA LEVA DEL CAMBIO. Per offrire un confort ancora superiore, la Land Rover ha deciso di introdurre sulla Velar lActive Road Noise Cancellation, capace di ridurre fino a 4db la rumorosità interna emettendo un suono in controfase per annullare i rumori di fondo provenienti dalla strada. Attraverso i sensori delle cinture di sicurezza, il sistema può adeguare anche la riproduzione della musica a bordo in base al numero e alla posizione dei passeggeri. Il climatizzatore offre inoltre la nuova funzione Purity ed è capace di un livello di filtraggio del particolato PM2.5. La Velar 2021, infine, è riconoscibile dal nuovo volante multifunzione e per il ritorno del comando del cambio tradizionale al posto del dispositivo rotante precedente. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RANGE-ROVER-VELAR 2020-09-23 10:42:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/22/tesla_battery_day_2020/gallery/rbig/2020-Tesla-25000-dollari-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32462 Tesla Battery Day - Confermato un nuovo modello dingresso da 25 mila dollari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32462&tipo=fv Il tanto atteso Battery Day della TESLA [1] è partito con il piede sbagliato. Non appena il live streaming della presentazione è iniziato, molti dei 180 mila utenti collegati a YouTube per seguire la diretta hanno subito iniziato a lamentarsi per lassenza dellaudio. Un errore talmente eclatante da sembrare quasi studiato, in modo da scatenare commenti sui social. Sistemati i problemi tecnici, levento è partito con il classico ritardo accademico: a dare il benvenuto ai pochi invitati, sistemati in una sorta di drive-in composto da decine di vetture del marchio, è stato Alan Prescott, Vice President of Legal and Acting General Counsel, che ha dato il via alla giornata più importante dellanno per la Casa californiana: già, perché durante levento sono state annunciate inedite tecnologie per le batterie e, soprattutto, una NUOVA AUTO ELETTRICA DA 25 MILA DOLLARI. IN ARRIVO UNENTRY LEVEL. Per quanto riguarda i nuovi prodotti, lannuncio più importante è stato quello dellarrivo di un modello dingresso gamma che avrà un prezzo di partenza di 25 mila dollari, 10 mila in meno rispetto a quanto inizialmente previsto per la Model 3. Secondo quanto annunciato da Elon Musk, la nuova compatta, della quale non è stato comunicato il nome, disporrà di avanzate tecnologie di guida assistita e dovrebbe arrivare sul mercato entro i prossimi tre anni. CONFERMATA LA MODEL S PLAID. Entro la fine del 2021 arriverà sul mercato anche la MODEL S PLAID [2], una versione ad alte performance della berlina di Palo Alto. La tre volumi sarà in grado di scattare da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h) in meno di due secondi e di coprire il quarto di miglio in meno di nove secondi. Ciò sarà reso possibile da un powertrain a tre motori in grado di erogare più di 1.100 CV: lautonomia sarà superiore alle 520 miglia, equivalenti a 837 km. MUSK SUL PALCO. Come previsto, la prima parte della presentazione è stata riservata alle comunicazioni rivolte agli azionisti. Musk, co-fondatore del marchio, ha iniziato il suo intervento mostrando alcune immagini della costruzione della Gigafactory cinese, completata in soli 15 mesi dallinizio dei lavori nel gennaio del 2019 allinaugurazione dello scorso marzo. Dopo aver parlato brevemente della produzione della MODEL [3] Y [4] e dei pannelli solari per applicazioni domestiche, Musk ha mostrato un grafico con landamento finanziario dellazienda, evidenziando gli ultimi quattro trimestri chiusi in positivo. Lintervento è continuato con unanalisi del mercato automobilistico mondiale e delle performance del marchio. Passando ai prodotti attualmente in commercio, il ceo ha mostrato i risultati dei crash test effettuati da vari enti, affermando che "lauto più sicura che potete guidare è una Tesla". IL NUOVO AUTOPILOT SU STRADA TRA UN MESE. Successivamente, limprenditore ha iniziato a parlare del nuovo Autopilot, che ha richiesto una totale riscrittura degli algoritmi di gestione della vettura per proporre prestazioni ancor più elevate. Attualmente in fase prototipale, il sistema di guida assistita sarà lanciato sul mercato statunitense tra circa un mese. BATTERIE RIVOLUZIONARIE. Terminati gli annunci di mercato, è giunto il momento di parlare delle tecnologie per il futuro. Elon Musk ha affermato che le nuove batterie sviluppate dalla Tesla consentiranno di migliorare drasticamente le prestazioni degli attuali accumulatori. Senza fornire ulteriori spiegazioni, il ceo ha lasciato la parola ad Alan Prescott che, annunciando una breve pausa, ha invitato gli ospiti a sgranchirsi le gambe senza allontanarsi troppo dalle loro vetture. OBIETTIVO ENERGIA SOSTENIBILE. Tornato sul palco, Elon Musk è stato affiancato da Drew Bagley, Senior Vice President of Powertrain and Energy. I due hanno iniziato a parlare dellimportanza di produrre energia sostenibile a livello globale: la Tesla ha contribuito al contenimento delle emissioni nocive vendendo più di un milione di vetture che, a oggi, hanno percorso complessivamente più di 42 miliardi di chilometri. GOAL ONE: 20 TERAWATT. Il primo obiettivo presentato durante il Battery Day è quello di raggiungere 20 Terawatt di capacità produttiva di batterie. Attualmente una Gigafactory può produrre batterie per 0,15 Terawatt allanno: per raggiungere i 20 TW a livello teorico servirebbero così 135 fabbriche, ma la Tesla ha in serbo diverse novità che le permetteranno di realizzare un numero maggiore di batterie allinterno dei propri stabilimenti. GOAL TWO: AUTO ELETTRICHE PIù ECONOMICHE. Musk ha poi parlato dellimportanza di contenere i costi della produzione di batterie per auto elettriche. La Tesla punterà così a ridurre progressivamente da oggi al 2025 il costo di nuovi modelli per rendere più accessibili le vetture a zero emissioni. Per questo motivo il costruttore ha deciso di sviluppare delle batterie partendo da un foglio bianco. DIMEZZARE IL COSTO PER KWH. La Casa di Palo Alto ha sviluppato un piano industriale pensato per dimezzare il costo per kWh delle batterie. Bagley ha così iniziato a spiegare come sono composte e come funzionano le attuali batterie, mostrando come il passaggio dalle celle 1865 del 2008 alle 2170 del 2017 abbia permesso di aumentarne la capacità del 50%. I tecnici della Tesla hanno analizzato i problemi degli accumulatori sviluppando delle unità "tabless" pensate per essere più facili da produrre, più affidabili e per non avere problemi di surriscaldamento. Le nuove celle, chiamate 4680 per il diametro di 46 mm e laltezza di 80 mm, potranno così garantire una potenza sei volte superiore rispetto alle attuali, contenere cinque volte più energia e garantire unautonomia maggiore del 16% costando il 14% in meno. La produzione in serie è già partita su una linea pilota in California, ma il lancio sul mercato non sarà immediato. ELETTRODI A SECCO. Le batterie attualmente utilizzate dalle auto elettriche sfruttano processi produttivi che richiedono grandi impianti dedicati alla realizzazione degli elettrodi. Le nuove celle della Tesla utilizzano degli elettrodi realizzati a secco che permetteranno, una volta implementati i processi produttivi su larga scala, di realizzare batterie più rapidamente "saltando" alcuni dei passaggi attualmente necessari. Gli accumulatori saranno realizzati su linee di montaggio continue che garantiranno volumi produttivi sette volte maggiori rispetto agli attuali. Ciò permetterà di abbattere il costo produttivo per GWh del 75%: la Tesla punta così ad arrivare a produrre batterie per un totale di 100 GWh allanno entro il 2022, per poi arrivare a 3TWh nel 2030. SPAZIO AL SILICIO. La Casa californiana ha inoltre pensato di modificare lapproccio nellutilizzo del silicio per la produzione di batterie: una volta abbandonati i processi attualmente utilizzati, i tecnici hanno ideato un sistema scalabile che permette di evitare costose lavorazioni delle materie prime. Il risultato è un aumento dellautonomia del 20% e una riduzione dei costi del 5% che va a sommarsi ai risparmi garantiti dalle altre tecnologie sopracitate. ADDIO COBALTO. I nuovi catodi della Tesla sono stati sviluppati per non utilizzare il cobalto, sostituito dal Nickel. La Casa ha pensato di utilizzare differenti tipologie di catodi a seconda del modello: le vetture con un ciclo di vita più lungo, come la Model 3 e il nuovo modello dingresso gamma utilizzeranno catodi a base di ferro, mentre modelli come le Model Y, S e X impiegheranno un mix di nickel e manganese. I veicoli che dovranno trainare carichi pesanti, come il Semi e il Cybertruck, utilizzeranno invece catodi con alta concentrazione di nickel. Il costruttore ha inoltre annunciato che, grazie a nuovi metodi di estrazione, nel Nevada ci sarebbe abbastanza litio per elettrificare tutte le auto degli Stati Uniti. NUOVE PRESSE PER ABBATTERE I COSTI. Per contenere i costi di produzione la Tesla ha sviluppato anche nuovi processi produttivi per i telai delle vetture. Utilizzando nuove presse il costruttore potrà realizzare componenti di metallo più facilmente e in tempi più brevi. Pacco batterie strutturale. Ispirandosi al mondo dellaviazione, la Tesla realizzerà delle batterie strutturali per le auto del futuro. Ciò permetterà di ampliare del 14% lautonomia, rendendo il telaio della vettura più rigido e leggero del 10%. I nuovi accumulatori permeteranno inoltre di risparmiare spazio sul fondo della vettura, a tutto vantaggio dellabitabilità interna. Questa soluzione utilizzerà inoltre 370 parti in meno rispetto ai pacchi batteria odierni. Tutte queste novità garantiranno alla Tesla di risparmiare complessivamente il 56% a kWh per ogni batteria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/23/TESLA_MODEL_S_PLAID_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_USCITA.HTML/?=0 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/09/17/TESLA_MODEL_Y_AL_VOLANTE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/09/17/TESLA_MODEL_Y_AL_VOLANTE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2020-09-23 08:03:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/23/tesla_model_s_plaid_prezzo_autonomia_prestazioni_uscita/gallery/rbig/2020-Tesla-Model-S-Plaid-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32461 Tesla - Oltre 1.100 CV per la Model S Plaid - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32461&tipo=fv Dopo mesi di indiscrezioni, la TESLA [1] ha finalmente svelato i primi dettagli ufficiali della MODEL S PLAID. La nuova punta di diamante della gamma di Palo Alto arriverà sul mercato entro la fine del 2021 ma è già prenotabile con un deposito di 1.000 dollari e un prezzo di partenza di 139.900 dollari (119.505 euro). La versione più performante della berlina è stata brevemente presentata durante il BATTERY DAY [2], levento in cui Elon Musk ha svelato alcune delle tecnologie che permetteranno al marchio di proporre modelli con autonomie maggiori e prezzi più contenuti, compresa una NUOVA COMPATTA DA 25 MILA DOLLARI. TRE MOTORI E 1.100 CV. Come già fatto in precedenza con la modalità di guida Ludicrous, la Tesla ha voluto citare nuovamente il film Space Balls di Mel Brooks, una delle pellicole culto di Elon Musk, battezzando la nuova variante con il nome di "Plaid", vale a dire la velocità superiore alla "Ludicrous". E viste le prestazioni dichiarate, la berlina si è meritata questo nome. Con oltre 1.100 CV di potenza il nuovo powertrain Tri-Motor All Wheel Drive permetterà allammiraglia di Palo Alto di scattare da 0 a 96 km/h in meno di due secondi e di toccare una velocità massima di 320 km/h. Secondo la Tesla, la variante a tre motori sarà lauto di serie più veloce di sempre nel quarto di miglio: per completare i 400 metri da fermo la Plaid impiegherà meno di nove secondi. Nonostante queste performance lautonomia sarà superiore alle 520 miglia, ovvero 837 km. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/09/22/TESLA_BATTERY_DAY_2020.HTML/?=0 2020-09-23 02:03:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/22/tesla_battery_day_2020/gallery/rbig/2020-Tesla-25000-dollari-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32460 Tesla Battery Day - Confermato un nuovo modello dingresso gamma da 25 mila dollari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32460&tipo=fv Il tanto atteso Battery Day della TESLA [1] è partito con il piede sbagliato. Non appena il live streaming della presentazione è iniziato, molti dei 180 mila utenti collegati a Youtube per seguire la diretta hanno subito iniziato a lamentarsi per lassenza dellaudio. Un errore talmente eclatante da sembrare quasi pensato per scatenare commenti sui social. Sistemati i problemi tecnici, levento è iniziato con il classico ritardo accademico a cui ci ha abituato la Casa di Palo Alto durante le sue presentazioni. A dare il benvenuto ai pochi invitati, sistemati in una sorta di drive-in composto da decine di vetture del marchio, è stato Alan Prescott, Vice President of Legal and Acting General Counsel, che ha così dato il via alla giornata più importante dellanno per la Casa californiana, durante la quale sono state annunciate inedite tecnologie per le batterie e una NUOVA AUTO ELETTRICA DA 25 MILA DOLLARI. IN ARRIVO UNA NUOVA ENTRY LEVEL. Per quanto riguarda i nuovi prodotti, lannuncio più importante è stato quello dellarrivo di un nuovo modello dingresso gamma che avrà un prezzo di partenza di 25 mila dollari, 10 mila in meno rispetto a quanto inizialmente previsto per la Model 3. Secondo quanto annunciato da Elon Musk, la nuova compatta, della quale non è stato comunicato il nome, disporrà di avanzate tecnologie di guida assistita e dovrebbe arrivare sul mercato entro i prossimi tre anni. CONFERMATA LA MODEL S PLAID. Nei prossimi mesi arriverà sul mercato anche la Model S Plaid, una versione ad alte performance della berlina di Palo Alto. La tre volumi sarà in grado di scattare da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h) in meno di due secondi e di coprire il quarto di miglio in meno di nove secondi. Ciò sarà reso possibile da un powertrain in grado di erogare più di 1.100 CV: lautonomia sarà superiore alle 520 miglia, equivalenti a 837 km. ELON MUSK SUL PALCO. Come previsto, la prima parte della presentazione è stata riservata alle comunicazioni rivolte agli azionisti. Allarrivo di ELON MUSK la platea del Tesla drive-in ha salutato il ceo del marchio a suon di clacson. Il co-fondatore del marchio ha iniziato il suo intervento mostrando alcune immagini della costruzione della Gigafactory cinese, completata in soli 15 mesi, dallinizio dei lavori nel gennaio del 2019 allinaugurazione dello scorso marzo. Dopo aver parlato brevemente della produzione della Model Y e dei pannelli solari per applicazioni domestiche, Musk ha mostrato un grafico con landamento finanziaro dellazienda, evidenziando gli ultimi quattro trimestri chiusi in positivo. "LAUTO PIù SICURA CHE POTETE GUIDARE è UNA TESLA". Lintervento di Musk è continuato con unanalisi del mercato automobilistico mondiale e delle performance del marchio. Passando ai prodotti attualmente in commercio, il ceo ha mostrato i risultati dei crash test effettuati da vari enti, affermando che "lauto più sicura che potete guidare è una Tesla". IL NUOVO AUTOPILOT SU STRADA TRA UN MESE. Successivamente limprenditore ha iniziato a parlare del nuovo Autopilot, che ha richiesto una totale riscrittura degli algoritmi di gestione della vettura per proporre prestazioni ancor più elevate. Attualmente in fase prototipale, il sistema di guida assistita sarà lanciato sul mercato statunitense tra circa un mese. BATTERIE RIVOLUZIONARIE. Terminati gli annunci di mercato, è giunto il momento di parlare delle tecnologie per il futuro. Elon Musk ha affermato che le nuove batterie sviluppate dalla Tesla consentiranno di migliorare drasticamente le prestazioni degli attuali accumulatori. Senza fornire ulteriori spiegazioni, il ceo ha lasciato la parola ad Alan Prescott che, annunciando una breve pausa, ha invitato gli ospiti a sgranchirsi le gambe senza allontanarsi troppo dalle loro vetture. OBIETTIVO ENERGIA SOSTENIBILE. Tornato sul palco, Elon Musk è stato affiancato da Drew Bagley, Senior Vice President of Powertrain and Energy. I due hanno iniziato a parlare dellimportanza di produrre energia sostenibile a livello globale: la Tesla ha contribuito al contenimento delle emissioni nocive vendento più di un milione di vetture che, a oggi, hanno percorso complessivamente più di 42 miliardi di chilometri. GOAL ONE: 20 TERAWATT. Il primo obiettivo presentato durante il Battery Day è quello di raggiungere 20 Terawatt di capacità produttiva di batterie. Attualmente una Gigafactory può produrre batterie per 0,15 Terawatt allanno: per raggiungere i 20 TW servirebbero così 135 fabbriche. GOAL TWO: AUTO ELETTRICHE PIù ECONOMICHE. Musk ha poi parlato dellimportanza di contenere i costi della produzione di batterie per auto elettriche. La Tesla punterà così a ridurre progressivamente da oggi al 2025, il costo delle nuove vetture per rendere più accessibili le vetture a zero emissioni. Per questo motivo la Tesla ha deciso di sviluppare delle batterie partendo da un foglio bianco. DIMEZZARE IL COSTO PER KWH. La Casa di Palo Alto ha sviluppato un piano industriale pensato per dimezzare il costo per kWh delle batterie. Bagley ha così iniziato a spiegare come sono composte e come funzionano le attuali batterie: passando dalle celle 1865 del 2008 alle 2170 del 2017 la capacità è aumentata del 50%. I tecnici della Tesla hanno analizzato i problemi degli accumulatori sviluppando delle celle "tabless" da 46 millimetri pensati per essere per essere più facili da produrre, più affidabili e per non avere problemi di surriscaldamento. Le nuove celle, alte 80 mm e con un diametro di 46 mm, potranno così garantire una potenza di sei volte superiore, contenere cinque volte più energia e garantire unautonomia maggiore del 16% costando il 14% in meno rispetto alle attuali. La produzione in serie è già partita su una linea pilota in California, ma il lancio sul mercato non sarà immediato. ELETTRODI A SECCO. Le batterie attualmente utilizzate dalle auto elettriche utilizzano processi produttivi che richiedono grandi impianti dedicati alla realizzazione degli elettrodi. Le nuove celle della Tesla utilizzano degli elettrodi realizzati a secco che permetteranno, una volta implementati i processi produttivi su larga scala, di realizzare batterie più rapidamente "saltando" alcuni dei passaggi attualmente necessari. Gli accumulatori saranno realizzati su linee di montaggio continue che garantiranno volumi produttivi sette volte maggiori rispetto agli attuali. Ciò permetterà di abbattere il costo produttivo per GWh del 75%: la Tesla punta così ad arrivare a produrre batterie per un totale di 100 GWh allanno entro il 2022, per poi arrivare a 3TWh nel 2030. SPAZIO AL SILICIO. La Tesla ha inoltre pensato di modificare lapproccio nellutilizzo del silicio per la produzione di batterie: una volta abbandonati i processi attualmente utilizzati, i tecnici hanno ideato un sistema scalabile che permette di evitare costose lavorazioni delle materie prime. Il risultato è un aumento dellautonomia del 20% e una riduzione dei costi del 5% che va a sommarsi ai risparmi garantiti dalle altre tecnologie sopracitate. CONFERMATO UN NUOVO MODELLO ENTRY LEVEL. I nuovi catodi della Tesla sono stati sviluppati per non utilizzare il cobalto, sostituito dal Nickel. La Casa ha pensato di utilizzare differenti tipologie di catodi a seconda del modello: le vetture con un ciclo di vita più lungo, come la Model 3 e il nuovo modello dingresso gamma (confermato ufficialmente da questa slide) utilizzeranno catodi a base di ferro, mentre modelli come le Model Y, S e X impiegheranno un mix di nickel e manganese. I veicoli che dovranno trainare carichi pesanti, come il Semi e il Cybertruck, utilizzeranno invece catodi con alta concentrazione di nickel. Il costruttore ha inoltre annunciato che, grazie a nuovi metodi di estrazione, nel Nevada ci sarebbe abbastanza litio per elettrificare tutte le auto degli Stati Uniti. NUOVE PRESSE PER ABBATTERE I COSTI. Per contenere i costi di produzione la Tesla ha sviluppato anche nuovi processi produttivi per i telai delle vetture. Utilizzando nuove presse il costruttore potrà realizzare componenti di metallo più facilmente e in tempi più brevi. Pacco batterie strutturale. Ispirandosi al mondo dellaviazione, la Tesla realizzerà delle batterie strutturali per le vetture del futuro. Ciò permetterà di ampliare del 14% lautonomia delle vetture, rendendo il telaio della vettura più rigido leggero del 10% e risparmiando spazio, a tutto vantaggio dellabitabilità interna. Questa soluzione utilizzerà inoltre 370 parti in meno rispetto ai pacchi batteria odierni. COSTI PIù CHE DIMEZZATI. Tutte queste novità garantiranno alla Tesla di risparmiare complessivamente il 56% a kWh per ogni batteria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML 2020-09-23 01:06:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/22/tesla_battery_day_2020/gallery/rbig/2020-Tesla.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32459 Tesla Battery Day - Confermato un nuovo modello dingresso gamma - LIVE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32459&tipo=fv Il tanto atteso Battery Day della TESLA [1] è partito con il piede sbagliato. Non appena il live streaming della presentazione è iniziato, molti dei 180 mila utenti collegati a Youtube per seguire la diretta hanno subito iniziato a lamentarsi per lassenza dellaudio. Un errore talmente eclatante da sembrare quasi pensato per scatenare commenti sui social. Sistemati i problemi tecnici, levento è iniziato con il classico ritardo accademico a cui ci ha abituato la Casa di Palo Alto durante le sue presentazioni. A dare il benvenuto ai pochi invitati, sistemati in una sorta di drive-in composto da decine di vetture del marchio, è stato Alan Prescott, Vice President of Legal and Acting General Counsel, che ha così dato il via alla giornata più importante dellanno per la Casa californiana. ELON MUSK SUL PALCO. Come previsto, la prima parte della presentazione è stata riservata alle comunicazioni rivolte agli azionisti. Allarrivo di ELON MUSK la platea del Tesla drive-in ha salutato il ceo del marchio a suon di clacson. Il co-fondatore del marchio ha iniziato il suo intervento mostrando alcune immagini della costruzione della Gigafactory cinese, completata in soli 15 mesi, dallinizio dei lavori nel gennaio del 2019 allinaugurazione dello scorso marzo. Dopo aver parlato brevemente della produzione della Model Y e dei pannelli solari per applicazioni domestiche, Musk ha mostrato un grafico con landamento finanziaro dellazienda, evidenziando gli ultimi quattro trimestri chiusi in positivo. "LAUTO PIù SICURA CHE POTETE GUIDARE è UNA TESLA". Lintervento di Musk è continuato con unanalisi del mercato automobilistico mondiale e delle performance del marchio. Passando ai prodotti attualmente in commercio, il ceo ha mostrato i risultati dei crash test effettuati da vari enti, affermando che "lauto più sicura che potete guidare è una Tesla". IL NUOVO AUTOPILOT SU STRADA TRA UN MESE. Successivamente limprenditore ha iniziato a parlare del nuovo Autopilot, che ha richiesto una totale riscrittura degli algoritmi di gestione della vettura per proporre prestazioni ancor più elevate. Attualmente in fase prototipale, il sistema di guida assistita sarà lanciato sul mercato statunitense tra circa un mese. BATTERIE RIVOLUZIONARIE. Terminati gli annunci di mercato, è giunto il momento di parlare delle tecnologie per il futuro. Elon Musk ha affermato che le nuove batterie sviluppate dalla Tesla consentiranno di migliorare drasticamente le prestazioni degli attuali accumulatori. Senza fornire ulteriori spiegazioni, il ceo ha lasciato la parola ad Alan Prescott che, annunciando una breve pausa, ha invitato gli ospiti a sgranchirsi le gambe senza allontanarsi troppo dalle loro vetture. OBIETTIVO ENERGIA SOSTENIBILE. Tornato sul palco, Elon Musk è stato affiancato da Drew Bagley, Senior Vice President of Powertrain and Energy. I due hanno iniziato a parlare dellimportanza di produrre energia sostenibile a livello globale: la Tesla ha contribuito al contenimento delle emissioni nocive vendento più di un milione di vetture che, a oggi, hanno percorso complessivamente più di 42 miliardi di chilometri. GOAL ONE: 20 TERAWATT. Il primo obiettivo presentato durante il Battery Day è quello di raggiungere 20 Terawatt di capacità produttiva di batterie. Attualmente una Gigafactory può produrre batterie per 0,15 Terawatt allanno: per raggiungere i 20 TW servirebbero così 135 fabbriche. GOAL TWO: AUTO ELETTRICHE PIù ECONOMICHE. Musk ha poi parlato dellimportanza di contenere i costi della produzione di batterie per auto elettriche. La Tesla punterà così a ridurre progressivamente da oggi al 2025, il costo delle nuove vetture per rendere più accessibili le vetture a zero emissioni. Per questo motivo la Tesla ha deciso di sviluppare delle batterie partendo da un foglio bianco. DIMEZZARE IL COSTO PER KWH. La Casa di Palo Alto ha sviluppato un piano industriale pensato per dimezzare il costo per kWh delle batterie. Bagley ha così iniziato a spiegare come sono composte e come funzionano le attuali batterie: passando dalle celle 1865 del 2008 alle 2170 del 2017 la capacità è aumentata del 50%. I tecnici della Tesla hanno analizzato i problemi degli accumulatori sviluppando delle celle "tabless" da 46 millimetri pensati per essere per essere più facili da produrre, più affidabili e per non avere problemi di surriscaldamento. Le nuove celle, alte 80 mm e con un diametro di 46 mm, potranno così garantire una potenza di sei volte superiore, contenere cinque volte più energia e garantire unautonomia maggiore del 16% costando il 14% in meno rispetto alle attuali. La produzione in serie è già partita su una linea pilota in California, ma il lancio sul mercato non sarà immediato. ELETTRODI A SECCO. Le batterie attualmente utilizzate dalle auto elettriche utilizzano processi produttivi che richiedono grandi impianti dedicati alla realizzazione degli elettrodi. Le nuove celle della Tesla utilizzano degli elettrodi realizzati a secco che permetteranno, una volta implementati i processi produttivi su larga scala, di realizzare batterie più rapidamente "saltando" alcuni dei passaggi attualmente necessari. Gli accumulatori saranno realizzati su linee di montaggio continue che garantiranno volumi produttivi sette volte maggiori rispetto agli attuali. Ciò permetterà di abbattere il costo produttivo per GWh del 75%: la Tesla punta così ad arrivare a produrre batterie per un totale di 100 GWh allanno entro il 2022, per poi arrivare a 3TWh nel 2030. SPAZIO AL SILICIO. La Tesla ha inoltre pensato di modificare lapproccio nellutilizzo del silicio per la produzione di batterie: una volta abbandonati i processi attualmente utilizzati, i tecnici hanno ideato un sistema scalabile che permette di evitare costose lavorazioni delle materie prime. Il risultato è un aumento dellautonomia del 20% e una riduzione dei costi del 5% che va a sommarsi ai risparmi garantiti dalle altre tecnologie sopracitate. CONFERMATO UN NUOVO MODELLO ENTRY LEVEL. I nuovi catodi della Tesla sono stati sviluppati per non utilizzare il cobalto, sostituito dal Nickel. La Casa ha pensato di utilizzare differenti tipologie di catodi a seconda del modello: le vetture con un ciclo di vita più lungo, come la Model 3 e il nuovo modello dingresso gamma (confermato ufficialmente da questa slide) utilizzeranno catodi a base di ferro, mentre modelli come le Model Y, S e X impiegheranno un mix di nickel e manganese. I veicoli che dovranno trainare carichi pesanti, come il Semi e il Cybertruck, utilizzeranno invece catodi con alta concentrazione di nickel. Il costruttore ha inoltre annunciato che, grazie a nuovi metodi di estrazione, nel Nevada ci sarebbe abbastanza litio per elettrificare tutte le auto degli Stati Uniti. NUOVE PRESSE PER ABBATTERE I COSTI. Per contenere i costi di produzione la Tesla ha sviluppato anche nuovi processi produttivi per i telai delle vetture. Utilizzando nuove presse il costruttore potrà realizzare componenti di metallo più facilmente e in tempi più brevi. Pacco batterie strutturale. Ispirandosi al mondo dellaviazione, la Tesla realizzerà delle batterie strutturali per le vetture del futuro. Ciò permetterà di ampliare del 14% lautonomia delle vetture, rendendo il telaio della vettura più rigido leggero del 10% e risparmiando spazio, a tutto vantaggio dellabitabilità interna. Questa soluzione utilizzerà inoltre 370 parti in meno rispetto ai pacchi batteria odierni. COSTI PIù CHE DIMEZZATI. Tutte queste novità garantiranno alla Tesla di risparmiare complessivamente il 56% a kWh per ogni batteria. IN AGGIORNAMENTO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML 2020-09-23 00:40:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/23/bmw_m3_m4_motore_interni_prestazioni_uscita/gallery/rbig/2020-BMW-M4-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32458 BMW M3 e M4 - A muso duro contro la Giulia Quadrifoglio http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32458&tipo=fv Trentacinque anni fa la BMW [1] decise di produrre la versione più estrema della SERIE 3 [2]: nasceva la M3 E30, la prima di una nobile dinastia di sportive dedicate ai palati più fini della guida. Il nuovo modello entrò ben presto nelle grazie degli appassionati, per non uscirne più. Oggi la storia continua con la nuova M3 e la più recente versione coupé a due porte M4; una rivoluzione a cominciare dalla linea, anzi dal muso. La nuova calandra, mutuata dalla SERIE 4 [3], porta un colpo docchio mai visto prima: o la ami o la odi, dentro o fuori. Entrambe incutono timore con carreggiate muscolose, allargate di quattro centimetri per lato, in pieno stile emme. ARRIVA LINTEGRALE. Sotto il cofano il sei cilindri 3.0 biturbo declinato in due potenze: 480 o 510 cavalli. Cambio manuale a sei marce nel primo caso o automatico a otto rapporti per la più potente M Competition e, per la prima volta, la trazione integrale mutuata dalla M5. Sono arrivati il traction control regolabile su dieci livelli, lo sterzo a rapporto variabile e la regolazione della sensibilità del pedale del freno su due livelli. Ma non è tutto: di serie ci sono cerchi di diametro differente tra anteriore e posteriore, fino a 20 pollici. Lunga la lista degli optional che vede anche inediti sedili anteriori sportivi con struttura di carbonio. Le prime consegne sono previste per linizio del prossimo anno con prezzi compresi tra i 95.900 euro della M3 da 480 cavalli manuale ai 101.000 euro della M4 Competition. CLICCA QUI PER TUTTI I DETTAGLI TECNICI DELLE NUOVE BMW M3 E M4 [4] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/SERIE_3.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/02/BMW_SERIE_4_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/23/BMW_M3_M4_MOTORE_INTERNI_PRESTAZIONI_USCITA.HTML 2020-09-23 00:13:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/23/porsche_panamera_restyling_4s_hybrid_turbo_gts_prezzo/gallery/rbig/2020-Porsche-Panamera-4S-E-Hybrid-Sport-Turismo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32457 Porsche Panamera - Al volante del restyling in tre versioni: GTS, Turbo S e 4S E-Hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32457&tipo=fv Giunta a metà del suo ciclo di vita, la seconda generazione della PORSCHE PANAMERA [1] si rinnova nel look e con il Model Year 2021 va alla ricerca di un nuovo e miglior equilibrio tra eleganza e sportività, confort e prestazioni. Delle novità introdotte con questo facelift vi avevamo già parlato in dettaglio in un ARTICOLO PUBBLICATO CIRCA UN MESE FA [2], in occasione della diffusione delle prime foto ufficiali. Ora è giunta finalmente lora di vedere anche come si comporta su strada lammiraglia tedesca dopo gli affinamenti fatti dai tecnici di Zuffenhausen. IN PUNTA DI MATITA. Da un punto di vista estetico non ci sono stravolgimenti alla linea della Porsche Panamera. La differenza principale rispetto al passato è ladozione di serie su tutti gli esemplari del grintoso frontale Sport Design, che prima era offerto solo a richiesta. Lunica a non averlo è la versione Turbo S, dotata di una grembialatura specifica con prese daria maggiorate. Nella zona posteriore spiccano nuove luci a Led che attraversano tutta la coda mentre nellabitacolo si notano un diverso volante multifuzione e un più ampio assortimento di rivestimenti. Il sistema Porsche Communication Management si aggiorna a sua volta e propone funzioni e servizi inediti a livello di connettività e infotaiment. INTERVENTI SOSTANZIOSI SOTTOPELLE. Le novità principali si concentrano lontano dalla vista e riguardano sia la parte telaistica sia quella meccanica, con interventi mirati sulle versioni più rappresentative della gamma. A livello di assetto, in particolare, gli ingegneri della Porsche hanno lavorato a tutto campo. Gli ammortizzatori a controllo elettronico del Porsche Active Suspension Management, o Pasm che dir si voglia, sono stati sviluppati per filtrare meglio le sconnessioni, mentre il Porsche Dynamic Chassis Control Sport (Pdcc Sport) è stato modificato per limitare il coricamento laterale con barre antirollio riviste. Non manca poi uno sterzo riprogettato per migliorare la precisione e il feeling di guida. PANAMERA TURBO S. La punta di diamante della gamma in questa fase di lancio è la versione Turbo S. Il suo motore V8 4.0 biturbo è stato rivisto in quasi tutti i componenti e vede salire la potenza e la coppia di 80 CV e 50 Nm. I nuovi picchi sono rispettivamente di 630 CV e 820 Nm, quanto basta per scattare da 0 a 100 km/h in 3,1 secondi e toccare i 315 km/h. Numeri a parte, impressiona la spinta che si averte a ogni pressione sullacceleratore, complice anche lottima motricità assicurata dalla trazione integrale. Messa alla frusta sulla pista di Bilster Berg, un toboga dasfalto nelle vicinanze di Hannover, la Panamera Turbo S sfoggia tenuta e stabilità eccezionali in ogni situazione. Nonostante una massa di 2.080 kg, affronta con grande disinvoltura scollinamenti in curva, rapidi cambi di direzione e svolte a raggio variabile o in contropendenza. In questo senso giocano un ruolo determinante i nuovi pneumatici sportivi opzionali Michelin Pilot Sport Cup 2 da 21 pollici, progettati su misura per questa Panamera, e le quattro ruote sterzanti, molto utili anche quando si affrontano i tornanti più stretti o si manovra in poco spazio. Impossibile sfruttare su strada tutto il potenziale della Turbo S, ben sintetizzato dal tempo di 7:29.81 ottenuto al Nürburgring: nel traffico si apprezzano soprattutto elasticità di marcia e comodità da berlina di lusso. PANAMERA 4S E-HYBRID. Nella gamma Panamera 2021 cè poi una vera e propria debuttante. la Panamera 4S E-Hybrid, la scelta ideale per chi desidera unammiraglia ibrida plug-in dinamica e dal temperamento vivace. Questa versione abbina il V6 2.9 biturbo da 440 CV a un motore elettrico da 136 CV integrato nel cambio PDK a otto marce. La potenza totale di sistema è di 560 CV, un centinaio in più di quelli erogati dallattuale 4 E-Hybrid. Lunità elettrica è alimentata da una nuova batteria da 17,9 kWh e vanta unautonomia in modalità elettrica di 54 km nel ciclo Wltp. Il dato è credibile: su un percorso extraurbano ricco di saliscendi sono riuscito a percorrere 49,6 km in modalità E-Power prima che la carica si esaurisse. Utilizzando invece la funzione Hybrid Auto il motore termico e quello elettrico mostrano di avere unintesa perfetta e danno vita a una staffetta tanto discreta quanto efficace. In alcune fasi di guida il V6 funge anche da generatore per ricaricare le batterie. La ricarica è poi puntale anche durante le frenate, mentre in rilascio il sistema privilegia la scorrevolezza, rendendo possibili percorrenze superiori ai 10 km/litro anche quando le batterie sono a terra. La Panamera 4S E-Hybrid sa comunque anche tirare fuori gli artigli: con i driving mode più sportivi e grazie allo Sport Chrono Package di serie scatta da 0 a 100 in 3,7 secondi, complice una coppia massima di 750 Nm. PANAMERA GTS. Per chi desidera una vettura più accessibile ma vuole comunque vivere emozioni intense, il listino Porsche propone la Panamera GTS. Questa versione ha una marcata indole sportiva, sottolineata da dettagli ad hoc, come le luci posteriori scurite. Anche in questo caso i motoristi non si sono risparmiati e hanno spremuto altri 20 CV dal motore V8, che eroga ora 480 CV. Questo biturbo ha un carattere molto particolare: da una parte vanta una notevole elasticità, con la coppia massima che è disponibile già a 1.800 giri/min; dallaltra sa prodursi in allunghi impetuosi, ricordando i motori aspirati di vecchia scuola. Nel complesso la GTS è dunque unauto molto coinvolgente, che regala un piacere di guida ben superiore alla media della categoria. I PREZZI. La Panamera restyling è già ordinabile e sarà in consegna da ottobre con tre varianti di carrozzeria: berlina, Executive a passo lungo e Sport Turismo, con taglio shooting brake. Il primo prezzo è di 97.080 euro e si riferisce alla Panamera berlina da 330 CV con la sola trazione posteriore. Per le tre auto provate il listino è invece più salato: per la Panamera 4S E-Hybrid si parte da 134.412 euro, cifra che sale almeno a 145.026 euro per la Panamera GTS e a 190.044 euro per la Panamera Turbo S. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/PORSCHE/PANAMERA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/26/PORSCHE_PANAMERA_RESTYLING_PREZZO_MOTORI_IBRIDI_INTERNI_E_USCITA.HTML 2020-09-23 00:13:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/23/bmw_m3_m4_motore_interni_prestazioni_uscita/gallery/rbig/2020-BMW-M4-27.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32456 BMW - Tutti i dettagli tecnici delle nuove M3 e M4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32456&tipo=fv La BMW [1] presenta le nuove M3 E M4, sciogliendo così le riserve su due dei modelli più attesi dagli appassionati e più chiacchierati degli ultimi mesi. La netta evoluzione stilistica va di pari passo con una piccola rivoluzione tecnica legata allintroduzione della trazione integrale, inoltre il bacino di clienti potenziali si allarga notevolmente con larrivo della M3 TOURING [2], mai proposta ufficialmente in precedenza. Il lancio sul mercato di berlina e coupé è previsto per marzo 2021 con prezzi a partire da 95.900 euro, mentre le versioni a trazione integrale saranno disponibili dallestate. Per la Touring non sono ancora stati forniti i dettagli del lancio commerciale e lo stesso vale per la Cabriolet, della quale non esiste ancora la variante standard della Serie 4. IL NUOVO FRONTALE CON DOPPIO RENE VERTICALE. Fin dallintroduzione della Serie 4 Coupé il pubblico si è diviso sul nuovo stile del frontale, con il doppio rene verticale che occupa lintero paraurti. La BMW ha deciso di utilizzare questo elemento sia sulla M3 sia sulla M4, abbinandolo a grandi prese daria laterali che rendono ancora più aggressivo il muso. Il doppio rene è privo di cornice, mentre ai lati dei paraurti sono presenti gli Air Curtain verticali con profili aerodinamici aggiuntivi interni. I parafanghi allargati rendono ancora più aggressiva la fiancata e danno vita nella zona anteriore a un nuovo sfogo daria, mentre al posteriore i classici quattro scarichi da 100 mm di diametro spostati verso il centro sono un omaggio alle serie precedenti. Il tetto in Cfrp con finitura lucida è di serie ed è caratterizzato da due pinne verticali di rinforzo. La M3 è lunga 4,8 metri e larga 1,9 metri con un peso a secco di 1.705 kg, mentre la M4 Coupé dichiara rispettivamente 4,79 metri, 188 centimetri e 1700 kg: entrambe propongono unideale distribuzione 50:50 delle masse tra gli assi. 480 CV MANUALE, 510 CV AUTOMATICA E INTEGRALE. Il propulsore sei cilindri 3.0 M TwinPower Turbo, lo stesso S58 già offerto sulle X3 M e X4 M, è proposto nelle varianti da 480 CV e 550 Nm con cambio manuale sei marce dotato di Gear Shift Assistant e 510 CV con 650 Nm con cambio automatico M Steptronic otto marce con Drivelogic con tre regolazioni e radiatore dellolio dedicato. Questultimo è riservato alle varianti Competition, che a partire dal 2021 potranno essere dotate in opzione della trazione integrale M xDrive con ripartizione variabile della coppia. Le versioni quattro ruote motrici potranno contare sul differenziale posteriore Active M e permetteranno di scegliere tra 4WD, 4WD Sport e 2WD senza controlli per la massima libertà di guida in ogni condizione. Le M3 ed M4 con cambio manuale e propulsore da 480 CV dichiarano 4,2 secondi per toccare i 100 km/h da fermo e 250 km/h di punta massima (290 km/h autolimitati con lM Drivers Package), mentre le Competition con cambio automatico dichiarano 3,9 secondi nel tempo di accelerazione e la medesima velocità massima. Il consumo medio varia da 10,8 l/100 km e 248 g/km delle varianti manuali ai 10,2 l/100 km e 234 g/km per quelle automatiche. TANTA COPPIA LUNGO TUTTO LARCO DI EROGAZIONE. Il motore è stato totalmente rivisto rispetto alle unità precedenti. dotato di doppio Vanos, sistema Valvetronic, doppia sovralimentazione con turbine mono-scroll e wastegate a controllo elettronico, testate con elementi stampati in 3D, iniezione diretta a 350 bar, sistema di lubrificazione ad alte prestazioni e scarico con valvole attive. La versione da 480 CV eroga la coppia massima di 550 Nm in maniera costante da 2.650 a 6.130 giri/min con il picco massimo di potenza a 6.250 giri/min, mentre la Competition si spinge fino a 7.200 giri e offre 650 Nm di coppia tra 2.750 e 5.500 giri/min. Per comprendere le differenze tra le due unità, divise anche dal tipo di trasmissione installato, può essere utile paragonare il dato dello 0-200 km/h: dai 13,7 secondi della M3 si passa ai 12,5 secondi della M3 Competition. RUOTE ANTERIORI PIù LARGHE, ASSETTO ELETTRONICO PER TUTTE. Lassetto prevede cerchi di lega da 18" anteriori e 19" posteriori con pneumatici 275/40 e 285/35 sulle versioni da 480 CV e da 19" e 20" con pneumatici 275/35 e 285/30 sulle Competition M xDrive, inoltre in opzione saranno previsti anche pneumatici ad alte prestazioni. Il telaio è dotato di rinforzi dedicati per aumentare ulteriormente la rigidità torsionale e include anche una nuovo subframe anteriore di alluminio. DEBUTTA LM TRACTION CONTROL CON DIECI REGOLAZIONI. La dotazione di serie include il servostertzo M Servotronic e sospensioni Adaptive M a controllo elettronico. Il controllo di stabilità Dsc con M Dynamic Mode è inoltre abbinato per la prima volta allM Traction Control con dieci step di regolazione. Limpianto frenante M Compound, dotato di due regolazioni per la sensibilità del pedale e di dischi anteriori da 380 mm con pinza a pistoncino singolo, può essere sostituito in opzione da quello carboceramico con dischi anteriori da 400 mm. GLI INTERNI E LA CONNETTIVITà. Gli interni derivano dalla Serie 3 e della Serie 4 ma aggiungono come da tradizione elementi unici nel loro genere. Il Live Cockpit Professional da 12,3" adotta grafica e schermate specifiche, mentre linfotainment con schermo da 10,25" con BMW Operating System 7 consente di gestire le impostazioni del powertrain e del telaio per personalizzare le modalità di guida richiamabili tramite i due pulsanti rapidi sul volante. La vettura offre inoltre lM Mode sulla console centrale per selezionare le modalità Road, Sport e Track (questultima solo con pacchetto M Performance) con diversi livelli di assistenza alla guida. In opzione è previsto lM Drive Professional, un pacchetto che include anche linedito Drift Analyzer, che permette di registrare langolo di sovrasterzo e il tempo in cui la vettura percorre la curva in drift, con tanto di voto finale da una a cinque stelle e comparazione con il migliore dato personale. Al guidatore, infine, viene offerta anche la possibilità di registrare i propri tempi sul giro in pista con lM Laptimer, che invia i dati anche allhead-up display per vedere in tempo reale gli intertempi e il confronto con il miglior giro precedente. I dati telemetrici possono anche essere consultati in seguito tramite una specifica App per iPhone e condivisi con gli amici. SEDILI DI CARBONIO. Lallestimento interno di serie prevede rivestimenti di pelle Merino estesi anche ai pannelli porta e i sedili M Sport con poggiatesta integrato, regolazioni elettriche, riscaldamento e logo illuminato. In opzione sono disponibili per la prima volta i sedili ventilati, mentre in alternativa sono offerti i sedili M Carbon a regolazione elettrica con rivestimenti di pelle e Alcantara, struttura di carbonio ad alto contenimento e un peso inferiore di 9,6 kg rispetto alle sedute standard. I sedili fanno parte di un pacchetto inedito denominato M Race Track Package che include anche i freni carboceramici e i cerchi forgiati, per una riduzione totale del peso di circa 25 kg. La BMW ha pensato in particolare agli appassionati di track day: i sedili M Carbon hanno infatti una sezione rimovibile superiore per la guida con il casco e sono già predisposti per i montaggio delle cinture a sei punti. ADAS PIù COMPLETI. Le nuove M offrono anche un pacchetto esteso di Adas. Di serie sono infatti previsti il Park Distance Control, il Front Collision Warning, il Lane Departure Warning e lo Speed Limit Info, mentre in opzione troviamo il Driving Assistant Professional con Steering e Lane Control Assistant, lActive Navigation, lEmergency Lane Assistant, il Parking Assistant con Reversing Assistant, il BMW Drive Recorder e lHead-Up Display con grafiche dedicate M. LE PERSONALIZZAZIONI. I clienti delle nuove M3 ed M4 potranno contare su tre colorazioni speciali non disponibili sulle altre Serie 3 e Serie 4. Si tratta delle varianti Sao Paulo Yellow pastello, Toronto Red metallizzato e Isle of Man Green metallizzato, proposti in alternativa alle tinte classiche Alpine White pastello, Sapphire Black, Skyscraper Grey, Brooklyn Grey e Portimao Blue e alle varianti Individual, anche in versione Frozen opaca. Tra gli optional figurano anche i gruppi ottici anteriori Laser, i pacchetti M Carbon esterni e interni e lHigh Gloss Shadow Line. Gli interni possono essere a loro volta personalizzati con le varianti di pelle bicolore Silverstone/Black, Kyalami Orange/Black e Yas Marina Blue/Black oppure nelle versioni Individual Fjord Blue/Black, Fiona Red/Black, Tartufo e Ivory White. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/13/BMW_M3_TOURING_TEASER_USCITA.HTML 2020-09-23 00:13:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/22/tesla_battery_day_2020/gallery/rbig/2020-Tesla.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32455 Tesla - Tutte le novità del Battery Day 2020 - LIVE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32455&tipo=fv Il tanto atteso Battery Day della TESLA [1] è partito con il piede sbagliato. Non appena il live streaming della presentazione è iniziato, molti dei 180 mila utenti collegati a Youtube per seguire la diretta hanno subito iniziato a lamentarsi per lassenza dellaudio. Un errore talmente eclatante da sembrare quasi pensato per scatenare commenti sui social. Sistemati i problemi tecnici, levento è iniziato con il classico ritardo accademico a cui ci ha abituato la Casa di Palo Alto durante le sue presentazioni. A dare il benvenuto ai pochi invitati, sistemati in una sorta di drive-in composto da decine di vetture del marchio, è stato Alan Prescott, Vice President of Legal and Acting General Counsel, che ha così dato il via alla giornata più importante dellanno per la Casa californiana. ELON MUSK SUL PALCO. Come previsto, la prima parte della presentazione è stata riservata alle comunicazioni rivolte agli azionisti. Allarrivo di ELON MUSK la platea del Tesla drive-in ha salutato il ceo del marchio a suon di clacson. Il co-fondatore del marchio ha iniziato il suo intervento mostrando alcune immagini della costruzione della Gigafactory cinese, completata in soli 15 mesi, dallinizio dei lavori nel gennaio del 2019 allinaugurazione dello scorso marzo. Dopo aver parlato brevemente della produzione della Model Y e dei pannelli solari per applicazioni domestiche, Musk ha mostrato un grafico con landamento finanziaro dellazienda, evidenziando gli ultimi quattro trimestri chiusi in positivo. IN AGGIORNAMENTO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML 2020-09-22 23:16:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/22/mg_hs_plug_in_la_suv_ibrida_e_attesa_in_europa_nel_2021/gallery/rbig/2020-mg-hs-plug-in-65.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32454 MG HS Plug-in - La Suv ibrida è attesa in Europa nel 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32454&tipo=fv Il marchio MG, controllato dalla cinese SAIC, presenta la Suv compatta HS Plug-in, che sarà disponibile in Europa nel primo trimestre 2021. Il brand è già presente in Norvegia, Paesi Bassi, Svezia, Belgio, Danimarca, Germania e Francia, mentre non ha ancora svelato la propria strategia per il mercato italiano. La HS è già commercializzata in Asia ed in Inghilterra con motori benzina tradizionali ed è stata introdotta nel 2018, traendo ispirazione dalla MG X MOTION CONCEPT [1]. 51 KM IN ELETTRICO. La HS ibrida ricaricabile affianca nella gamma delle versioni elettrificate della MG la ZS EV A PROPULSIONE ELETTRICA [2], che abbiamo già provato su strada, e si inserisce nel segmento C. Le caratteristiche tecniche complete saranno svelate nel mese di dicembre, ma, secondo i dati preliminari diffusi per il mercato inglese, la vettura dovrebbe essere in grado di percorrere fino a 51 km con un pieno di elettroni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2018/04/25/MG_A_PECHINO_DEBUTTA_LA_X_MOTION.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/03/MG_AL_VOLANTE_DELLA_ZS_EV.HTML 2020-09-22 19:09:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/22/pininfarina_intesa_con_la_songuo_per_la_mobilita_sostenibile/gallery/rbig/2020-songuo-motors-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32453 Pininfarina - Intesa con la Songuo per la mobilità sostenibile http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32453&tipo=fv La Songuo, società con basi in Cina e in Corea del Sud attiva nella produzione veicoli per la mobilità sostenibile, ha annunciato di aver raggiunto unintesa con PININFARINA [1] che apre a nuovi investimenti in Italia e in Europa. Un Memorandum of understanding è stato siglato il 15 dicembre scorso. UNOPPORTUNITà PER LA FILIERA AUTOMOTIVE. Per il momento, non sono stati resi tutti noti i dettagli dellaccordo, secondo il quale la Pininfarina supporterà la società cino-coreana nello sviluppo di un piano industriale fornendo i propri servizi nel campo del design e dello sviluppo dei prodotti. Questultimi saranno finalizzati al mercato europeo. Alla firma del Memorandum ha partecipato anche la Regione Piemonte, che è parte interessata alla luce delle opportunità che lintesa raggiunta potrebbe creare per la filiera dellautomotive locale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PININFARINA 2020-09-22 18:38:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/22/unrae_michele_crisci_confermato_presidente_associazione/gallery/rbig/2020-michele-crisci-unrae-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32452 Unrae - Michele Crisci confermato al vertice http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32452&tipo=fv MICHELE CRISCI sarà ancora presidente dellUNRAE. Il numero uno di Volvo Italia, in carica dallaprile del 2017, è stato confermato per un secondo mandato al vertice dellassociazione che rappresenta le Case automobilistiche estere in Italia. Nel corso dellassemblea, inoltre, la sezione Veicoli industriali ha nominato il nuovo presidente: è Paolo Starace, ad della Daf Veicoli Industriali. PROGETTO IN CONTINUITà. Nella nota stampa ufficiale pubblicata, lUnrae ha spiegato che tale scelta consentirà di portare avanti le strategie inaugurate per rilanciare il settore automotive in questa fase delicata, dove alle nuove politiche sulla mobilità si è affiancata lemergenza CORONAVIRUS [1]. "Sono molto lusingato e orgoglioso per questo secondo mandato", ha detto Crisci. " la riprova che la strada intrapresa è quella giusta". Il manager ha già ricordato come il settore sia sotto pressione "a causa di diversi fattori: nonostante lacuirsi dei problemi, abbiamo iniziato a tessere una strategia di coordinamento tra le associazioni e a definire una linea chiara ed efficace di confronto e di informazione sul tema del rinnovo del parco, orientato a un sempre maggiore sviluppo della mobilità sostenibile". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-22 18:12:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/22/karma_la_prima_elettrica_del_marchio_si_chiamera_gse_6/gallery/rbig/2020-karma-gs-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32451 Karma Automotive - La prima elettrica si chiamerà GSe-6 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32451&tipo=fv La Karma GS debutterà nel 2021. La vettura, che replicherà il design della attuale REVERO [1], sarà la prima del marchio a offrire la propulsione totalmente elettrica in alternativa ad altri powertrain ibridi. Rispetto alla Revero, sono previsti aggiornamenti di carattere tecnico e nuove opzioni nella gamma per poter attrarre un numero maggiore di clienti: ciò potrebbe significare larrivo di modelli meno costosi, ma questa informazione non è stata per il momento confermata. DA GTE A GSE-6. Lelettrica GSe-6 sarà proposta in diversi allestimenti e con batterie fino a 100 kWh: offrirà tre livelli di recupero dellenergia in frenata e specifiche modalità di guida pensate per ottenere le massime prestazioni. Pur non avendo ancora svelato ulteriori dati tecnici, la Karma ha già aperto le prenotazioni previo deposito online (rimborsabile) di 100 dollari. La Karma aveva già annunciato larrivo di una elettrica, la KARMA GTE [2], per la quale era stata annunciata una autonomia di circa 650 km, ma il cambio di denominazione potrebbe implicare anche caratteristiche tecniche ulteriormente evolute. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/KARMA-REVERO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/04/17/KARMA_NEL_2021_LA_REVERO_GTE_LA_PRIMA_ELETTRICA.HTML 2020-09-22 17:46:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/09/22/telematica_lojack_certifica_l_usato/gallery/rbig/2020_rating_Lojack.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32450 Telematica - LoJack certifica lusato http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32450&tipo=fv La piattaforma pensata per i fleet manager LOJACK [1] CONNECT si arricchisce di una nuova funzionalità che permette di certificare lusato ex-noleggio, grazie a un sistema di rating basato sui parametri principali dei veicoli monitorati in tempo reale dalla soluzione della società del GRUPPO CALAMP. Secondo i dati Aniasa, sono oltre 180.000 i veicoli usati da NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [2] immessi sul mercato ogni anno, e di questi sono 16.000, solitamente quelli con meno km e in migliori condizioni, quelli che vengono venduti a privati e società, con la restante parte che va a commercianti e a rivenditori (a eccezione di una piccola quota radiata per esportazione). Avere a disposizione una scheda con tutte le informazioni del veicolo destinato al mercato dellusato può così diventare unarma strategica a supporto del processo di vendita. CARTA DIDENTITà DEL VEICOLO. Grazie a questa nuova soluzione i noleggiatori, ma anche i fleet manager che gestiscono una flotta di proprietà, potranno fornire allacquirente della vettura usata la certificazione dei chilometri percorsi e degli incidenti subìti, accompagnato da un rating sullo stato generale della vettura. I fleet manager possono anche applicare il sistema alla propria flotta aziendale, potendo così attivare un meccanismo premiante nei confronti dei driver più virtuosi in base al rating assegnato da LoJack. La nuova funzionalità si aggiunge a quelle più tradizionali, ovvero la localizzazione del veicolo in caso di furto, il monitoraggio dei chilometri percorsi, larchivio dei tragitti compiuti dal veicolo e il badge reader, che identifica in modo rapido il soggetto che utilizza le vetture in pool. "I servizi telematici LoJack Connect consentono al fleet manager di gestire in modo semplice ed efficace unampia varietà di informazioni che contribuiscono a renderne la gestione della flotta più efficiente e ad aumentare la sicurezza dei driver", ha detto MASSIMO BRAGA, vicedirettore generale di LoJack Italia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LOJACK [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE 2020-09-22 15:53:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/22/nuova_opel_mokka_al_via_gli_ordini_i_prezzi_in_italia_delle_versioni_termiche_e_dell_elettrica/gallery/rbig/2020-opel-mokka-presentazione-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32449 Opel Mokka - In Italia con prezzi a partire da 22.200 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32449&tipo=fv La OPEL [1] ha ufficialmente aperto gli ordini in concessionaria per la NUOVA MOKKA [2], in consegna a partire dallinizio del 2021. Disponibile da subito anche nella variante elettrica Mokka-e, la Suv compatta tedesca è a listino a partire da 22.200 euro nelle versioni termiche e da 34.000 euro in quelle a emissioni zero. I prezzi e gli allestimenti nel dettaglio non sono ancora stati comunicati. FINO A 324 KM A BATTERIA. Nel caso della Mokka-e, grazie agli incentivi il prezzo può scendere fino a 23.000 euro, se si ha unauto da rottamare (27.500 euro senza demolizione). La sport utility elettrica è spinta da un powertrain da 136 CV e 260 Nm e monta una batteria da 50 kWh con otto anni di garanzia: nel ciclo Wltp, la vettura dichiara unautonomia fino 324 km. La ricarica può avvenire tramite un sistema fast charge da 100 kW, monofase o trifase a 11 kW. LE CLASSICHE. Nelle VARIANTI TRADIZIONALI [3], il prezzo dattacco di 22.000 euro si riferisce alla Mokka a benzina equipaggiata con l1.2 turbo da 100 CV e 205 Nm abbinato al cambio manuale a sei rapporti, che dichiara 4,6 l/100 km alla voce consumi (calcolati nel ciclo Nedc) e 104 g/km nelle emissioni di CO2. Le Mokka termiche comprendono anche una declinazione più potente dell1.2 turbo benzina, da 130 CV, ordinabile anche con la trasmissione automatica a otto rapporti, e opzioni a gasolio, equipaggiate con l1.5 litri da 110 CV e 250 Nm, che dichiarano 3,8 l/100 km e 100 g/km di CO2 emessa. In questo caso, labbinamento è con il cambio manuale a sei marce. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/24/OPEL_MOKKA_2020_DIMENSIONI_FOTO_INTERNI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/02/OPEL_MOKKA_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI_BENZINA_DIESEL.HTML 2020-09-22 14:58:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/22/micromobilita_boom_della_condivisione_in_italia_86_servizi_attivi_e_67_mila_mezzi/gallery/rbig/2019-Monopattini-11.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32448 Micromobilità - Boom della condivisione: in Italia 86 servizi attivi e 67 mila mezzi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32448&tipo=fv la fotografia di un vero e proprio boom quella scattata dallOsservatorio nazionale sulla sharing mobility nellambito del 4 rapporto sulla mobilità in condivisione. A oggi sono 86 i servizi di micromobilità in Italia, presenti in uno su tre dei 110 capoluoghi di provincia. Milano primeggia con 14 servizi davanti a Roma con 11 e a Torino con 7. BICI PRESENTI IN 26 CITTà. Nel ventaglio della micromobilità condivisa, rivela lOsservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility, il servizio più diffuso è il bikesharing station-based, presente in 26 città, seguito dai monopattini in sharing con 38 servizi in 17 città, dal bikesharing free-floating (13 servizi in 12 città) e dallo scootersharing che è presente solamente in 4 città. IL 95% DEGLI SCOOTER è ELETTRICO. Per questultimo servizio, in particolare, i veicoli in condivisione sono passati da 150 nel 2015 a oltre 5 mila nel 2019 (+126% rispetto al 2018), di cui oltre il 95% è elettrico. Nel 2019 sono attivi 10 servizi gestiti da cinque operatori, quattro dei quali hanno flotte totalmente elettriche. I noleggi dei motorini in condivisione raggiungono quota 3 milioni triplicando il valore registrato nellanno precedente. Anche le iscrizioni aumentano del 174% rispetto al 2018. PIù DI 27 MILA MONOPATTINI... Per quanto riguarda i monopattini, tra dicembre 2019 e settembre 2020 i mezzi in condivisione sono passati da 4.900 a 27.150 e i servizi attivi sono passati da 12 a 38. Il monopattino-sharing, al pari con il bikesharing è il servizio di micromobilità più in crescita nel periodo post lockdown. ...E DI 35 MILA BICI. Il bikesharing, infine, è il servizio più diffuso in Italia e la flotta a disposizione è di quasi 35 mila bici, di cui il 15% elettriche. Rispetto al 2018, le iscrizioni sono cresciute del 60%. ORSINI: INTEGRAZIONE CON TPL. Laspetto più interessante, ha commentato Raimondo Orsini, dellOsservatorio Sharing mobility, è la possibilità di integrazione di scooter elettrici , bici condivise e monopattini con il trasporto pubblico e la ciclopedonalità, con un conseguente minor ricorso allauto di proprietà per gli spostamenti urbani che può ridurre l inquinamento dal trasporti del 20-30%. DE GOUVEIA: SERVONO REGOLE. Le città, ha sottolineato, Pedro de Gouveia, Senior Policy Project Manager di Polis, il network delle città e delle regioni europee per lo sviluppo di tecnologie e politiche di trasporto locale, devono integrare la micromobilità condivisa allinterno della propria pianificazione strategica sui trasporti e gestirne loperatività. A questo scopo, ha proseguito De Gouveia, gli strumenti che proponiamo alle città di adottare per la regolazione dei monopattini, sono: limiti al numero di operatori, limiti alle flotte, ridistribuzione e bilanciamento delle flotte in zone meno servite, estensione geografica del servizio, linee guida sul parcheggio e aree dedicate, servizio di rimozione dei veicoli dintralcio, limiti di velocità, assicurazioni, manutenzione dei veicoli, corse incentivate da e verso zone strategiche (zone a bassa offerta di TPL, etc.), tariffe obiettivo per gli operatori, obblighi sulle dismissioni. 2020-09-22 14:04:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/21/maserati_mc20_cinque_varianti_tema_esterni_sportiva/gallery/rbig/2020-maserati-mc20-varianti-sartorialcars-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32446 Rendering - Maserati MC20: cinque varianti immaginate da un lettore http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32446&tipo=fv Svelata da pochi giorni, la MC20 [1] ha subito fatto battere i cuori dei fan della MASERATI [2], scatenandone la fantasia. Il nuovo modello, simbolo del rilancio del Tridente, ha in particolare ispirato un nostro lettore, Joe Sardo, che da grande appassionato della Casa modenese, nonché di design, ha elaborato graficamente alcune possibili varianti della supersportiva a motore centrale. I SEGNI PARTICOLARI. Le variazioni sul tema sono diverse: dallipotesi di una variante spider, denominata Celeste, alla declinazione Gran Galà, votata alleleganza. Sardo ha poi reinterpretato alcuni particolari, come il taglio delle porte, che seguono landamento del muso, mostrando una sorta di onda nel profilo laterale. Curiosa anche la scelta, in alcune delle rielaborazioni realizzate, delle luci posteriori sospese, che sembrano formare delle piccole ali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML 2020-09-22 13:06:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/22/codice_della_strada_alla_camera_riparte_l_esame_della_grande_riforma/gallery/rbig/2020-codice.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32447 Codice della strada - Riparte lesame della riforma: cè ancora spazio per le correzioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32447&tipo=fv Dopo il blitz del Senato, che con un colpo di mano HA MODIFICATO IL CODICE DELLA STRADA [1] durante lesame del cosiddetto decreto Semplificazioni - entrato in vigore il 15 settembre - alla Camera dei deputati riparte la discussione di un più ampio PROGETTO DI RIFORMA DI INIZIATIVA PARLAMENTARE [2]. Il testo, che modifica ben 60 articoli e numerose altre disposizioni in materia, approvato in commissione trasporti a luglio 2019, verrà esaminato dallaula di palazzo Montecitorio a partire da domani. LE NOVITà GIà IN VIGORE. Alcune delle novità contenute in quel testo, però, sono state introdotte nella legge cardine che disciplina la circolazione nelle ultime settimane, dapprima CON IL COSIDDETTO DECRETO RILANCIO [3], convertito in legge a luglio, e poi, per lappunto, con il recentissimo decreto Semplificazioni. Si tratta, in particolare, del potere di sanzionare la sosta o la fermata e di disporre la rimozione dei veicoli che le amministrazioni municipali possono concedere ai dipendenti del Comune, o delle società che gestiscono la sosta o i parcheggi. Sono inoltre al vaglio la possibilità di sanzionare in automatico, grazie a specifiche telecamere, anche i divieti di accesso o di transito; listituzione, sempre da parte dei Comuni, delle cosiddette zone scolastiche; in materia di biciclette (e monopattini elettrici, da qualche tempo equiparati a tutti gli effetti ai velocipedi), il testo riguarda la cosiddetta casa avanzata (una linea di arresto, alle intersezioni, avanzata rispetto a quella degli altri veicoli), il doppio senso ciclabile e la possibilità di circolare sulle corsie riservate ai mezzi pubblici purché in assenza di binari tranviari a raso. LA CAMERA PUò CORREGGERE LE STORTURE. Tutte queste novità dovranno essere stralciate dal testo allesame (o ulteriormente modificate): lesame della Camera potrebbe anche essere loccasione per correggere le clamorose forzature che i colleghi senatori, su pressione dei Comuni e con lavallo del governo, hanno introdotto in fretta e furia nel Codice, per esempio la possibilità di utilizzare autovelox automatici lungo le strade urbane di quartiere e il potere di sanzionare la sosta concesso ai netturbini. Giova ricordare, tuttavia, che il testo, una volta approvato, dovrà passare al Senato in seconda lettura. E, in caso di ulteriori (e probabili) modifiche, dovrà tornare nuovamente a Montecitorio. Di conseguenza, le eventuali novità entrerebbero in vigore solo tra molti mesi, forse nel 2021: non è escluso, però, che se ne riparli nel 2022, visti i lunghi tempi di approvazione delle proposte di iniziativa parlamentare. CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOVITà CONTENUTE NEL PROGETTO DI LEGGE IN DISCUSSIONE. [4] Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/09/07/codice_della_strada_autovelox_citta.html [2] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2019/07/12/codice_della_strada_una_per_una_tutte_le_novita_in_arrivo.html [3] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/05/14/decreto_rilancio_il_governo_istituisce_corsie_ciclabili_e_casa_avanzata.html [4] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2019/07/12/codice_della_strada_una_per_una_tutte_le_novita_in_arrivo.html 2020-09-22 13:06:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/22/codice_della_strada_alla_camera_riparte_l_esame_della_grande_riforma/gallery/rbig/2020-codice.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32444 Codice della strada - Riparte lesame della riforma: cè ancora spazio per modifiche e correzioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32444&tipo=fv Dopo il blitz del Senato, che con un colpo di mano HA MODIFICATO IL CODICE DELLA STRADA [1] durante lesame del cosiddetto decreto Semplificazioni - entrato in vigore il 15 settembre - alla Camera dei deputati riparte la discussione di un più ampio PROGETTO DI RIFORMA DI INIZIATIVA PARLAMENTARE [2]. Il testo, che modifica ben 60 articoli e numerose altre disposizioni in materia, approvato in commissione trasporti a luglio 2019, verrà esaminato dallaula di palazzo Montecitorio a partire da domani. LE NOVITà GIà IN VIGORE. Alcune delle novità contenute in quel testo, però, sono state introdotte nella legge cardine che disciplina la circolazione nelle ultime settimane, dapprima CON IL COSIDDETTO DECRETO RILANCIO [3], convertito in legge a luglio, e poi, per lappunto, con il recentissimo decreto Semplificazioni. Si tratta, in particolare, del potere di sanzionare la sosta o la fermata e di disporre la rimozione dei veicoli che le amministrazioni municipali possono concedere ai dipendenti del Comune, o delle società che gestiscono la sosta o i parcheggi. Sono inoltre al vaglio la possibilità di sanzionare in automatico, grazie a specifiche telecamere, anche i divieti di accesso o di transito; listituzione, sempre da parte dei Comuni, delle cosiddette zone scolastiche; in materia di biciclette (e monopattini elettrici, da qualche tempo equiparati a tutti gli effetti ai velocipedi), il testo riguarda la cosiddetta casa avanzata (una linea di arresto, alle intersezioni, avanzata rispetto a quella degli altri veicoli), il doppio senso ciclabile e la possibilità di circolare sulle corsie riservate ai mezzi pubblici purché in assenza di binari tranviari a raso. LA CAMERA PUò CORREGGERE LE STORTURE. Tutte queste novità dovranno essere stralciate dal testo allesame (o ulteriormente modificate): lesame della Camera potrebbe anche essere loccasione per correggere le clamorose forzature che i colleghi senatori, su pressione dei Comuni e con lavallo del governo, hanno introdotto in fretta e furia nel Codice, per esempio la possibilità di utilizzare autovelox automatici lungo le strade urbane di quartiere e il potere di sanzionare la sosta concesso ai netturbini. Giova ricordare, tuttavia, che il testo, una volta approvato, dovrà passare al Senato in seconda lettura. E, in caso di ulteriori (e probabili) modifiche, dovrà tornare nuovamente a Montecitorio. Di conseguenza, le eventuali novità entrerebbero in vigore solo tra molti mesi, forse nel 2021: non è escluso, però, che se ne riparli nel 2022, visti i lunghi tempi di approvazione delle proposte di iniziativa parlamentare. CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOVITà CONTENUTE NEL PROGETTO DI LEGGE IN DISCUSSIONE. [4] Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/09/07/codice_della_strada_autovelox_citta.html [2] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2019/07/12/codice_della_strada_una_per_una_tutte_le_novita_in_arrivo.html [3] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/05/14/decreto_rilancio_il_governo_istituisce_corsie_ciclabili_e_casa_avanzata.html [4] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2019/07/12/codice_della_strada_una_per_una_tutte_le_novita_in_arrivo.html 2020-09-22 12:09:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/22/elon_musk_battery_day_tesla_nuove_batterie_2022/gallery/rbig/2020-Tesla-Roadster-Elon-Musk-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32445 Tesla - Musk, le tecnologie del Battery Day arriveranno solo nel 2022 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32445&tipo=fv Le tecnologie che verranno presentate al BATTERY DAY della TESLA [1] non arriveranno sul mercato prima del 2022. A poche ore dallinizio dellevento più atteso dellanno dagli appassionati di auto elettriche, ELON MUSK [2] ha smorzato, almeno in parte, lentusiasmo creatosi nelle ultime settimane per la presentazione in programmai. Secondo varie indiscrezioni, il costruttore potrebbe svelare nuovi accumulatori di energia pensati per essere prodotti senza il supporto di aziende esterne come la Panasonic o la LG Chem: le nuove celle, finora conosciute come Biscuit Tin, avrebbero un diametro di 42 millimetri, il doppio rispetto alle attuali, e garantirebbero migliori prestazioni a fronte di costi di produzione più contenuti. PER LA PROSSIMA GENERAZIONE DI MODELLI. Musk ha comunicato su Twitter diverse informazioni sullevento, affermando che la produzione di serie dei nuovi accumulatori non inizierà prima del 2022. Le batterie di nuova generazione non saranno dunque utilizzate da modelli come le Model 3, Y, S o X attuali, ma verranno implementate su altre vetture, come la NUOVA ROADSTER [3], attesa proprio per il 2022, e il CYBERTRUCK [4], che potrebbe così debuttare con un powertrain derivato da quello delle vetture attualmente in commercio ed essere successivamente aggiornato. A beneficiare dei nuovi accumulatori sarà anche la MOTRICE SEMI [5], che secondo le previsioni della Tesla dovrebbe arrivare sul mercato già entro la fine di questanno e che potrebbe essere aggiornata successivamente. I PARTNER RIMARRANNO. Sempre sui social network, Elon Musk ha confermato che nei prossimi anni la Tesla continuerà a utilizzare batterie prodotte dalla Catl, dalla LG Chem e dalla Panasonic. La risposta in Borsa è stata immediata, con le azioni della casa automobilistica in calo del 5% e una crescita per quelle dei tre produttori di accumulatori. Alcuni esperti ritengono inoltre che la Tesla non abbia le possibilità di produrre da sola delle batterie efficienti e a basso costo: lipotesi più accreditata è che il costruttore scelga di farsi aiutare da un partner come, per esempio, Panasonic, ma nulla è al momento confermato. LE CELLE BISCUIT TIN. Scatola di biscotti, è questo il nome che potrebbero avere le nuove, e più grandi, celle delle batterie sviluppate dai tecnici del progetto Roadrunner della Tesla. Pensate per essere più conomiche da produrre, consentirebbero di ridurre il numero di componenti di ogni singolo pacco batterie e di aumentare la quantità di energia immagazzinabile. Per il momento, tuttavia, sono trapleate unicamente informazioni sulla forma e la dimensione delle nuove celle, ma bisognerà aspettare levento in programma in California per conoscere ulteriori dettagli sui materiali impiegati e le tecnologie. Da confermare è anche la tanto chiacchierata BATTERIA DA UN MILIONE DI MIGLIA, annunciata negli scorsi mesi e sviluppata insieme alla Catl con lambizioso obiettivo di garantire unelevata affidabilità e coprire lintero ciclo di vita della vettura. ANCHE NUOVI MODELLI? Pur trattandosi di un evento dedicato alle nuove tecnologie non è da escludere che la Tesla possa svelare anche modelli inediti o evoluzioni di vetture attuali, a partire dalla versione di serie della MODEL S PLAID [6]. La berlina ad alte prestazioni è stata avvistata lo scorso anno al Nürburgring e potrebbe presto arrivare sul mercato come nuova variante di punta della gamma californiana. possibile che anche la Roadster possa fare una nuova apparizione a tre anni dalla presentazione: la sportiva dovrebbe arrivare nel 2022 e potrebbe essere esposta con una veste estetica più vicina alla produzione. Atteso, ma non confermato, anche lannuncio del NUOVO MODELLO ENTRY LEVEL [7] della gamma, anticipato da alcuni teaser del centro stile cinese del marchio. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ELON-MUSK [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2017/11/17/TESLA_ROADSTER_L_ELETTRICA_DA_400_KM_H_E_1_000_KM_DI_AUTONOMIA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/22/TESLA_CYBERTRUCK_PREZZO_USCITA_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2017/11/18/TESLA_SEMI_NEL_2020_IL_CAMION_ELETTRICO_CON_800_KM_DI_AUTONOMIA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/12/TESLA_IN_ARRIVO_UNA_MODEL_S_PIU_SPORTIVA.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/14/TESLA_TEASER_DELL_ELETTRICA_SVILUPPATA_IN_CINA.HTML 2020-09-22 12:09:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/22/maserati_tomtom_accordo_fornitura_sistemi_navigazione_e_servizi_connessi_sistema_infotainment_mia/gallery/rbig/2020-maserati-tomtom-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32443 Maserati - I servizi TomTom equipaggiano il nuovo infotainment Mia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32443&tipo=fv La MASERATI [1] ha avviato una collaborazione con lolandese TOMTOM per ottenere la fornitura dei principali strumenti di navigazione e connettività da integrare sul recente sistema di infotainment Mia (Maserati Intelligent Assistant) dei nuovi modelli della gamma, inclusa la MC20 [2]. TRA I SERVIZI ANCHE LA MAPPATURA DINAMICA. TomTom garantirà una serie di funzionalità a bordo dei veicoli Maserati, come le mappe IQ, le indicazioni sulle condizioni del traffico, i servizi di navigazione connessi, la previsione della destinazione e il controllo vocale. Saranno inoltre disponibili i TomTom EV Services, che individuano i punti di ricarica e la loro disponibilità per la futura gamma elettrica della Casa, FOLGORE [3], oltre a un sistema di mappatura dinamica che consentirà al guidatore di controllare lautonomia del proprio veicolo in tempo reale: nel caso in cui la batteria o il carburante fossero insufficienti per raggiungere la destinazione, al conducente verranno consigliate delle stazioni nelle vicinanze dove fare rifornimento di carburante o ricaricare la vettura, proponendo anche un confronto tra i costi previsti. PERSONALIZZABILE. Linterfaccia del servizio offerto da TomTom, infine, potrà essere personalizzabile a seconda delle preferenze del cliente: il sistema Mia, nello specifico, può mostrare sul display lindicatore di corsia (Moving Lane Guidance) e le informazioni passo-passo, la presenza di autovelox e gli avvisi di pericolo. Laggiornamento dellinfotainment sarà disponibile con larrivo su strada, previsto per ottobre, dei modelli Ghibli, Levante e Quattroporte. Per la MC20, invece, bisognerà attendere il 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MASERATI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/10/MASERATI_FOLGORE_GAMMA_ELETTRICA.HTML 2020-09-22 11:40:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/22/auto_elettriche_wm_motor_raccoglie_nuovi_finanziamenti_per_1_5_miliardi_di_dollari/gallery/rbig/2020-wm-motor-ex5-z-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32442 Auto elettriche - WM Motor raccoglie nuovi finanziamenti per 1,5 miliardi di dollari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32442&tipo=fv Il comparto delle auto elettriche continua ad attirare interesse e investimenti. La WM Motor, startup cinese sostenuta dal colosso di internet Baidu, ha raccolto 10 miliardi di yuan (1,25 miliardi di euro) nel suo ultimo round di finanziamento. CRESCE LINTERESSE. La compagnia non ha indicato quanto sia stata valutata nel corso della nuova raccolta fondi, limitandosi a svelare solo lidentità di alcuni investitori. I nuovi finanziamenti sono arrivati da diverse realtà, tra le quali spicca la Saic Motor, il maggior produttore automobilistico cinese. Le risorse saranno destinate ai programmi di sviluppo tecnologico e allespansione dei canali di vendita, due campi al centro dellattenzione del mercato negli ultimi mesi. La WM Motor, in fin dei conti, ha approfittato del crescente entusiasmo degli investitori nei confronti di tutto ciò che è legato alle nuove forme della mobilità. Lo dimostrano i rally di Borsa registrati negli ultimi mesi non solo dalla Tesla, ma anche da altre realtà cinesi, come la Nio oppure la Xpeng. Questultima è SBARCATA A WALL STREET [1] raccogliendo 1,5 miliardi di dollari, quasi un terzo in più degli 1,1 miliardi previsti inizialmente. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/08/AUTO_ELETTRICHE_ALIBABA_AUMENTA_LA_PRESA_SULLA_XPENG.HTML 2020-09-22 11:12:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/22/salone_di_detroit_la_prossima_edizione_si_terra_tra_settembre_e_ottobre_del_2021/gallery/rbig/2020-Naias-Salone-di-Detroit-005.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32441 Salone di Detroit - La prossima edizione si terrà tra settembre e ottobre del 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32441&tipo=fv Dopo la cancellazione delledizione 2020 a causa delle conseguenze della pandemia da CORONAVIRUS [1], il SALONE DELLAUTO DI DETROIT [2] ha fissato nuove date per ledizione del 2021. La manifestazione era prevista per la prossima estate, ma ora gli organizzatori hanno rivisto i programmi, decidendo di spostarla nel periodo compreso tra il 28 settembre e il 9 ottobre del 2021. CAMBIO DI FORMAT. "Abbiamo parlato con molti dei nostri partner, in particolare i produttori automobilistici, e sono pienamente daccordo ed entusiasti del cambio di data", ha affermato Rod Alberts, direttore esecutivo del North American International Auto Show (Naias). Il rinnovato calendario, valido per i prossimi tre anni sulla base di un accordo con il Tcf Center di Detroit (lex Cobo Center), è stato deciso tendendo conto anche del nuovo Salone dellAuto tedesco che dallanno prossimo si trasferirà da Francoforte a MONACO DI BAVIERA [3] e si terrà nella prima settimana di settembre. Il Naias, tra laltro, sarà organizzato con un format diventato ormai il preferito dai vari organizzatori di eventi automobilistici: sarà infatti un salone anche allaperto, diffuso nella città di Detroit, e soprattutto punterà sulle nuove forme della mobilità. "La nostra responsabilità come salone dellauto - ha sottolineato Alberts - è ospitare un palcoscenico globale per i prodotti attuali e per le innovazioni della mobilità di domani". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/29/CORONAVIRUS_CANCELLATA_L_EDIZIONE_2020_DEL_SALONE_DI_DETROIT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/03/GERMANIA_IL_SALONE_DI_FRANCOFORTE_SI_SPOSTA_A_MONACO.HTML 2020-09-22 10:19:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/22/gruppo_volkswagen_nuove_indiscrezioni_sulle_trattative_per_cedere_la_bugatti/gallery/rbig/2019-Bugatti-Grand-Tour-7.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32440 Gruppo Volkswagen - Nuove indiscrezioni sulle trattative per cedere la Bugatti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32440&tipo=fv Spuntano nuove indiscrezioni sulle trattative per la potenziale cessione della Bugatti alla croata Rimac. A pochi giorni dalle PRIME ANTICIPAZIONI [1], anche il WALL STREET JOURNAL [2] conferma i negoziati in corso tra il gruppo Volkswagen e limprenditore croato Mate Rimac. Le fonti interpellate dal principale quotidiano economico-finanziario statunitense rafforzano unipotesi coerente con le intenzioni dei vertici del costruttore tedesco di razionalizzare la struttura e il modello operativo dellintero gruppo, per concentrare gli sforzi su un obiettivo strategico prioritario: lelettrificazione. LE INDISCREZIONI DEL WSJ. In dettaglio, il Wall Street Journal non solo ribadisce lesistenza di trattative in corso per la vendita della Bugatti ma sottolinea anche la possibilità che loperazione rientri in un "più ampio riallineamento" del portafoglio marchi della galassia Volkswagen. In sostanza, i negoziati, non necessariamente destinati a concludersi con esito positivo, suggeriscono un cambio di prospettive per i vertici di Wolfsburg: per il Wsj, il costruttore tedesco ha intenzione non solo di agire per preservare la propria situazione finanziaria dagli effetti della pandemia, ma anche di valutare un "riordino" dei suoi (tanti) brand, molti dei quali oggetto, negli anni passati, di analoghe speculazioni su una possibile cessione. il caso, per esempio, della DUCATI [3], che la Volkswagen era sul punto di cedere tre anni fa alla Harley-Davidson prima di incontrare lopposizione dei sindacati e della famiglia Piëch-Porsche. IL RUOLO DI RIMAC. Le trattative sarebbero in una fase esclusivamente preliminare ma un fattore potrebbe giocare a favore del possibile acquirente: sia la Rimac sia il suo fondatore, limprenditore croato Mate Rimac, sono tenuti in grande considerazione ai piani alti del gruppo Volkswagen per i risultati finora raggiunti nello sviluppo di importanti tecnologie per le auto elettriche sin dalla fondazione nel 2009. Non a caso la Porsche, di proprietà della stessa Volkswagen, DETIENE IL 15,5% DEL CAPITALE DELLA SOCIETà DI ZAGABRIA [4] sulla base di un accordo di collaborazione non dissimile dalle intese siglate dai croati con altre realtà del settore COME ASTON MARTIN [5], AUTOMOBILI PININFARINA [6], Koenigsegg e il GRUPPO HYUNDAI [7]. I MOTIVI DELLA CESSIONE. La possibile cessione della Bugatti rappresenterebbe per i tedeschi un netto taglio con il passato e in particolare con leredità lasciata da Ferdinand Piëch. stato il grande ex numero uno della Volkswagen a volere acquistare la Casa francese nel 1998, tre anni dopo il fallimento e lo stop alle attività produttive avviate da Romano Artioli a Campogalliano. Lacquisizione, insieme a quella della Lamborghini, rientrava in una precisa strategia di Piëch: costruire un polo di grandi brand del lusso capaci di esaltare i progressi tecnologici della Volkswagen e di sfidare le rivali del settore. La Bugatti è quindi diventata una sorta di gioiello della corona per un gruppo che, secondo Piëch, doveva conquistare primati non solo commerciali ma anche tecnologici a qualsiasi costo, anche a discapito della redditività. Quella redditività che gli attuali vertici tedeschi hanno messo al primo posto delle strategie aziendali rendendo così sempre più possibile la cessione di brand dallo scarso, se non nullo, contributo alle finanze aziendali. In tale quadro di razionalizzazione e ristrutturazione va letta la decisione di dismettere parte delle attività nei camion, con la quotazione della Traton, o la cessione del PRODUTTORE DI TRASMISSIONI RENK [8] e di motori industriali Man Energy Solutions. In passato, come detto, è finita sul mercato anche la Ducati ma la cessione ha incontrato lostilità dei rappresentanti dei lavoratori e della famiglia Porsche-Piëch. Questultima, secondo il Wall Street Journal, era fino a poco tempo fa riluttante a cedere asset considerati pietre miliari nelle strategie ereditate da Ferdinand Piëch, ma oggi, a quanto pare, non sarebbe più contraria. Del resto, marchi come Bugatti e Lamborghini non forniscono un grande contributo né agli utili né ai volumi della Volkswagen (nel 2019 sono state 82 le Bugatti vendute contro i 6,3 milioni di veicoli del solo marchio VW) e gli investitori se ne sono spesso lamentati. A tal proposito, in passato è circolata lipotesi che tutti i marchi del lusso, oltre a Bugatti e Lamborghini, anche Ducati e Bentley, venissero raggruppati sotto la Porsche per procedere con uno scorporo e la successiva quotazione in Borsa. Unipotesi, questa, spesso rigettata dai vertici di Wolfsburg per le sinergie generate dalla condivisione di tecnologie e componenti tra i vari marchi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/17/VOLKSWAGEN_TRATTATIVE_IN_CORSO_PER_VENDERE_LA_BUGATTI_ALLA_RIMAC.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.WSJ.COM/ [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/09/05/GRUPPO_VOLKSWAGEN_SOSPESA_LA_CESSIONE_DELLA_DUCATI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/06/PORSCHE_LA_PARTECIPAZIONE_NELLA_RIMAC_SALE_AL_15_5_.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/01/ASTON_MARTIN_VALKYRIE_CONFERMATE_LE_CARATTERISTICHE_DELLA_SUPERCAR_IBRIDA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/09/28/PININFARINA_PF0_LA_RIMAC_PRODURRA_I_MOTORI_ELETTRICI_E_LE_BATTERIE.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/05/14/HYUNDAI_E_RIMAC_SIGLATA_UNA_PARTNERSHIP_PER_LE_AUTO_ELETTRICHE.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/01/31/VOLKSWAGEN_AL_VIA_LE_CESSIONI_LA_RENK_PASSA_A_TRITON.HTML 2020-09-22 09:53:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/22/mini_countryman_cooper_se_ibrida_plug_in/gallery/rbig/2020-Mini-Cooper-SE-Countryman-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32439 Mini Countryman - Al volante dellibrida plug-in Cooper SE All4 Hype http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32439&tipo=fv Levoluzione delle motorizzazioni della nuova famiglia della MINI COUNTRYMAN [1], aggiornate per rispettare la normativa Euro 6d, cambia anche la carta didentità della Cooper SE All4, in vendita a prezzi che partono da 43.500 euro al lordo degli incentivi. Ora i numeri della plug-in sono leggermente diversi, ma lo spirito non è cambiato: anzi, in alcuni reparti, la crossover è diventata ancora più prestante. POWERTRAIN RIVISITATO. Il layout del sistema propulsivo è rimasto invariato, ma ora il powertrain, sempre abbinato al cambio automatico a sei marce, eroga complessivamente 220 anziché 224 CV. La potenza del tre cilindri turbo di 1.5 litri è passata da 136 a 125 CV, mentre è salita da 88 a 95 CV quella dellunità elettrica posteriore che garantisce anche il funzionamento della trazione integrale. E se la potenza complessiva scende un po, la coppia massima sale sino a 385 Nm. La ridefinizione dei valori sviluppati dal sistema (lo stesso che spinge anche modelli come la BMW X1 XDRIVE25E [2]) è accompagnata da una specifica calibrazione dellelettronica di gestione e completa laggiornamento del cuore della Countryman ibrida plug-in dopo che lo scorso anno la capacità della batteria agli ioni di litio era passata da 7,6 a 10 kWh. Sulla carta, la Cooper SE Countryman arriva così a proporre unautonomia a emissioni zero che oscilla tra 55 e 61 chilometri e una percorrenze media dichiarata di circa 59 km/l con 40 g/km di emissioni di CO2. LELETTRICO LE Dà UNA BELLA VERVE. Laggiornamento non comporta variazioni delle prestazioni (196 km/h di velocità massima e 0-100 km/h in 6,8 secondi), ma si riflette positivamente sulla velocità massima raggiungibile viaggiando elettricamente. Utilizzando la configurazione Max eDrive, infatti, si possono toccare agevolmente i 135 km/h prima che il motore termico entri in funzione. Per quel che riguarda le percorrenze, alinizio del mio test il computer di bordo segnava unautonomia elettrica di 51 chilometri, ma dopo averne percorso una settantina più o meno equamente suddivisi fra città, tratti extraurbani e autostradali nei dintorni di Francoforte, la situazione è cambiata: la nuova strumentazione digitale (opzionale e non configurabile) indicava una carica sufficiente per altri 9 km a emissioni zero e una percorrenza media di 24,6 chilometri con un litro di benzina, scesa a 17,5 km/l (con la batteria scarica) nel secondo tratto di guida in extraurbano. SPIGLIATA E CONFORTEVOLE. Al volante della SE All4, le sensazioni non si scostano poi molto da quelle del precedente Model Year: la vettura conserva infatti un temperamento spigliato, determinato dalla prontezza con cui il powertrain reagisce alle sollecitazioni dellacceleratore e dalla linearità dellerogazione, la cui corposità fa anche passare in secondo ordine la massa non esattamente contenuta (parliamo di oltre 1.700 kg). Specialmente se dotata di sospensioni adattive (optional), la Cooper SE non delude le attese, perché si comporta sempre come si conviene su ogni tipo di percorso garantendo anche un apprezzabile confort. La guidabilità, di contro, risulta un po meno coinvolgente rispetto a quella di alcune consanguinee. Come le altre Countryman oggetto di aggiornamento, anche la Cooper SE si riconosce per la leggera rivisitazione del frontale: allinterno dellabitacolo, inoltre, si notano i nuovi abbinamenti cromatici, inediti rivestimenti e linfotainment con display da 8,8" che permette di accedere a nuovi servizi online e di interagire da remoto con la vettura. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/05/26/MINI_COUNTRYMAN_RESTYLING_MOTORI_INTERNI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/09/BMW_X1_E_X2_XDRIVE25E_IBRIDE_PLUG_IN.HTML 2020-09-22 00:17:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/21/motorsport_svelati_i_regolamenti_della_lmdh/gallery/rbig/2020-lmdh.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32438 Motorsport - Svelati i regolamenti della LMDh http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32438&tipo=fv I NUOVI REGOLAMENTI che daranno vita alla nuova CATEGORIA LMDH stanno finalmente prendendo forma. La piattaforma unica consentirà ai costruttori di poter dare vita a un prototipo ibrido unico nel suo genere che potrà competere sia nel WEC che nella IMSA, aprendo così la porta alla possibilità di affrontare competizioni di grande rilievo come la 24 Ore di Le Mans e la 24 Ore di Daytona con la stessa vettura. REGOLE E FORNITORI. Difficilmente potremo vedere una vettura in pista prima del secondo semestre del 2022, poiché causa coronavirus lavanzamento dei lavori è stato notevolmente rallentato. Tuttavia, la collaborazione tra le due categorie per creare un regolamento condiviso ha già trovato il favore di diversi costruttori che stanno vagliando le opportunità del programma. Durante il weekend della 24 Ore di Le Mans, sono stati confermate le linee guide che permetteranno la nascita di queste vetture. I nuovi prototipi della categoria LMDh potranno essere costruiti sulla base di un telaio a scelta tra quelli di Ligier, Dallara, Oreca e Multimatic. La parte ibrida, invece, verrà realizzata da tre fornitori diversi: Bosch, Xtrac e Williams Advanced Engineering. In particolare, Bosch Motorsport è stato nominato fornitore esclusivo di diversi componenti tecnologici del veicolo e della relativa integrazione di sistema. Fornirà lhardware cruciale per la parte ibrida, come il sistema brake by wire, linverter e altre periferiche elettroniche. Inoltre, Bosch metterà a disposizione anche un software di gestione della potenza ibrida, capace di controllare la distribuzione della coppia tra il motore termico, quello elettrico e il sistema frenante. Xtrac sarà invece fornitore unico della trasmissione, mentre la Williams Advanced Engineering si occuperà del pacco batterie. OBIETTIVO: CONTENERE I COSTI. La vetture avranno una larghezza massima di 2 metri e una lunghezza di 5,1. Tutte avranno lo stesso passo, fissato in 3,15 metri. Ogni costruttore può personalizzare secondo le proprie esigenze la carrozzeria e alcune componenti del sottoscocca. Lobiettivo della LMDh è quello di creare un prototipo dal costo di un milione di euro, motore escluso. 2020-09-21 21:15:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/assicurazioni/2020/09/21/rc_auto_prezzi_in_calo_nel_secondo_trimestre_dell_anno/gallery/rbig/rc-auto.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32437 Rc auto - Prezzi in calo nel secondo trimestre dellanno http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32437&tipo=fv LASSICURAZIONE PER LAUTO [1] è stata meno cara nel secondo trimestre dellanno, anche grazie al CORONAVIRUS [2]: è quanto rileva lIvass nel consueto bollettino statistico. Da aprile a giugno, gli italiani hanno pagato un prezzo medio di 383 euro per la copertura Rc della loro vettura, con un risparmio su base annua di circa 22 euro, corrispondente a una diminuzione del 5,4%. ANCHE LA SCATOLA NERA INCIDE. Nel mese di aprile, in piena pandemia e con le restrizioni al traffico ancora in vigore, la riduzione media del premio è arrivata al 5,9%, per poi attenuarsi nei mesi successivi (-5,4% a maggio e -4,9% a giugno). Il calo delle tariffe è andato di pari passo a una diminuzione dei contratti (-3,4%, con un picco del -8,6% ad aprile) e a un maggiore ricorso alla scatola nera, con relativa clausola, presente nel 22% delle polizze siglate nel secondo semestre 2020, che va a decurtare il prezzo dellassicurazione. A SUD IL PICCO. A risparmiare sono stati soprattutto gli automobilisti del Sud Italia, dove la riduzione dei prezzi è stata più marcata: a Catanzaro si è registrata una punta del -8,5%, mentre Bolzano e Isernia sono le province in cui il premio è sceso di meno (-2,1%). Tra i due estremi dellItalia, comunque, le tariffe continuano a convergere: il differenziale di prezzo al netto delle imposte tra Napoli e Aosta è pari a 217 euro (460 euro contro 243), un dato in flessione del 40% dal secondo trimestre del 2014. Secondo quanto segnalato dallIvass, infine, il 91,8 per cento dei contratti beneficia di uno sconto, pari in media a 163,6 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RC-AUTO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-21 18:53:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/09/21/leasing_operativo_bmw_bank_lancia_il_suo_nuovo_prodotto_why_buy_evo/gallery/rbig/why%20buy.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32436 Leasing operativo - BMW Bank lancia Why Buy Evo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32436&tipo=fv Dopo lesordio con uno spot che coinvolge la X5 [1], BMW [2] Italia ha presentato il nuovo leasing operativo WHY BUY EVO: lo ha fatto il ceo di BMW BANK [3] ENRICO MASCETTI, sottolineando come questa nuova proposta della Casa di Monaco si sia ispirata a unattenta analisi dei dati: "Questi ultimi", ha osservato il manager, "ci portano a dire come sempre più BMW vengono acquisite tramite prodotti finanziari; erano già il 59% nel 2017". La strategia di mercato è condivisa con la captive della Casa, ovvero ALPHABET [4], con lintegrazione, spiega Mascetti, è "perfetta". COME FUNZIONA. Il nuovo finanziamento di BMW Bank è unevoluzione della formula Why Buy, lanciata nel 2018 e contraddistinta da un "successo immediato, tanto che molti hanno provato a imitarci con varie forme". Oltre al finanziamento, che comporta comunque la possibilità di acquisto finale, il nuovo leasing operativo di BMW Bank viene presentato con tre pacchetti di servizi in aggiunta, Silver, Gold e Platinum+: "Alla base dei tre pacchetti cè il pagamento del bollo, la manutenzione e la Rca. I pacchetti con più contenuti ne aggiungono soprattutto dal punto di vista assicurativo, arrivando alla kasko". Servizi modulari che vanno bene sia per un target di privati e liberi professionisti, sia per le Pmi e le grandi aziende, anche se Mascetti afferma che i canoni di leasing operativi sono generalmente più bassi rispetto al noleggio, "in quanto non sono compresi tutti quei servizi pensati per la gestione delle flotte soprattutto nelle aziende più grandi". I contratti vanno dai 12 ai 60 mesi e, grazie alla partnership con Trebi, i passaggi burocratici e amministrativi sono semplificati e ridotti al minimo. Una buona notizia per i concessionari dellElica, che sono, a detta di Mascetti, la rete "che proporrà questi e gli altri prodotti che abbiamo in portafoglio. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW_X5 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW_BANK [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALPHABET 2020-09-21 18:28:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/21/volkswagen_id_4_fari_led/gallery/rbig/2020-Volkswagen-ID4-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32435 Volkswagen ID.4 - Primo sguardo ai fari dellelettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32435&tipo=fv Lattesa è quasi finita: il 23 settembre la VOLKSWAGEN [1] svelerà la sua prima Suv elettrica, la ID.4 [2]. Il secondo modello della serie ID arriverà presto sul mercato: le prime consegne sono previste entro la fine di questanno e i clienti potranno ordinare la vettura anche con i primi gruppi ottici 3D Led al mondo. Annunciando il debutto di questa nuova tecnologia, il costruttore ha svelato il design dei fari anteriori e posteriori della sport utility a batteria, fornendo anche i primi dettagli tecnici sul sistema dilluminazione. ILLUMINAZIONE DINAMICA. I fanali posteriori 3D Led utilizzano nove differenti superfici di fibra ottica: ognuno di questi dischi sembra fluttuare sullo sfondo nero del gruppo ottico ed emette una luce rossa particolarmente intensa. I tecnici della Volkswagen hanno sviluppato due differenti animazioni, selezionabili dal conducente, pensate per lapertura e la chiusura della vettura: la firma luminosa viene inoltre utilizzata come segnalatore di svolta dinamico, mentre quando si frena allinterno del faro le luci formano una X. PRODOTTA IN TUTTO IL MONDO. Nel nuovo polo dellelettrificazione del gruppo Volkswagen, la fabbrica tedesca di Zwickau, le linee produttive HANNO GIà INIZIATO A SFORNARE I PRIMI ESEMPLARI [3] della Suv a batteria. Per prepararsi al lancio sul mercato, la Casa ha dato il via alla produzione anche nella fabbrica cinese di Anting e, dal 2022, pure lo stabilimento americano di Chattanooga si occuperà della costruzione della ID.4. Proprio negli Stati Uniti la Volkswagen ha annunciato un nuovo accordo che permetterà agli acquirenti della sport utility di poter accedere gratuitamente alle oltre 470 stazioni di ricarica della rete di ricarica di Electrify America per tre anni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/15/VOLKSWAGEN_ID_4_TEASER_FRONTALE_DEFINITIVO_DEBUTTO_IL_23_SETTEMBRE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/15/VOLKSWAGEN_ID_4_TEASER_FRONTALE_DEFINITIVO_DEBUTTO_IL_23_SETTEMBRE.HTML 2020-09-21 18:28:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/21/peugeot_3008_al_via_gli_ordini_del_restyling_con_prezzi_a_partire_da_29_mila_euro/gallery/rbig/2020-peugeot-3008-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32434 Peugeot 3008 - Il restyling in Italia con prezzi a partire da 29 mila euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32434&tipo=fv La PEUGEOT [1] ha ufficializzato il listino prezzi completo della RINNOVATA 3008 [2]. La Suv francese sarà disponibile in otto differenti declinazioni e tre allestimenti, abbinabili a pacchetti che ne completano lequipaggiamento, e proposta a partire da 29 mila euro nella versione endotermica, da 31 mila euro diesel e da 44.680 euro elettrificata, con le prime consegne previste allinizio del prossimo anno. DUE VERSIONI IBRIDE PLUG-IN. Sulla nuova 3008 sono disponibili due motorizzazioni ibride plug-in: la Hybrid4 300 e-Eat8, a trazione integrale, con autonomia in modalità elettrica fino a 59 km (ciclo Wltp) e la Hybrid 225 e-Eat8, a due ruote motrici, che percorre a zero emissioni fino a 56 km. La prima è il risultato della combinazione tra un motore PureTech da 200 CV e due motori a batteria, uno per asse. Librida a trazione anteriore da 225 CV combina invece un termico PureTech da 180 CV a ununità elettrica da 110, collegata al cambio automatico Eat8. In entrambe le varianti, la batteria agli ioni di litio ha una capacità di 13,2 kWh. Sono disponibili due caricabatterie di bordo: uno di serie da 3,7 kW e laltro in opzione, sempre monofase, da 7,4 kW. Il listino è poi completato dalle motorizzazioni convenzionali. SPAZIO ANCHE PER BENZINA E DIESEL. Il versante benzina è rappresentato dai PureTech 1.2 turbo da 130 CV, abbinati al cambio manuale a sei rapporti e allautomatico a otto, e dal quattro cilindri 1.6 da 180 CV, con trasmissione automatica. I propulsori alimentati a gasolio sono invece il 1.5 BlueHDi da 130 CV e il 2.0 BlueHDi da 280 CV. Nel primo caso, la trasmissione può essere sia manuale sia automatica, mentre nel secondo lunica scelta possibile ricade sul cambio automatico a otto rapporti. TRE ALLESTIMENTI, TRE PACCHETTI. La nuova Peugeot 3008 potrà essere acquistata in tre differenti allestimenti: Active, Allure e GT. A questultimi si affiancheranno anche dei livelli intermedi dedicati (Active pack, Allure pack e GT pack) ideati per completare ulteriormente il livello di equipaggiamento scelto. A partire dallentry-level la completa dotazione di bordo comprende, tra le varie dotazioni, li-Cockpit con head-up dispaly da 12,3, la radio Dab e il touch screen capacitivo da 8. Lelenco degli Adas presenti sulla vettura è composto dallActive safety brake con Distance alert, lExtended traffic sign recognition, il Time drive control e il Lane departure warning. Lelenco può essere arricchito da una serie di componenti offerti dallActive Pack. Infine, per il mondo delle flotte è stato pensato lallestimento Active Business, con dotazioni di serie ideali per chi usa la 3008 anche per lavoro. ALLURE E GT. Salendo di livello, lallestimento Allure aggiunge una serie di componenti, tra cui, i sensori di parcheggio anteriori, la retrocamera Visiopark 180 e ulteriori sistemi di assistenza, come lActive blind corner assist e lHigh beam assist. Il sistema dinfotainment, in questo caso, adotta uno schermo touch da 10 con navigazione in 3D e funzionalità mirrorscreen (Apple Carplay e Android auto). Al top della gamma troviamo la GT, che offre decori specifici per la plancia, i pannelli delle porte rivestiti di Alcantara, due prese usb per i passeggeri posteriori, il volante in pelle traforata pieno fiore e la pedaliera sportiva in alluminio. Optando per il GT Pack si può inoltre aggiungere il portellone dotato della tecnologia hands free, la telecamera Visiopark 360, i cerchi di lega da 19 e limpianto audio hi-fi Focal. LISTINO PREZZI NUOVA PEUGEOT 3008 Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 Active: 29.000 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 Active Pack: 29.600 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 Active Business: 30.200 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 Allure: 32.000 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 Allure Pack: 32.600 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 GT: 34.400 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 Active: 31.000 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 Active Pack: 31.600 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 Active Business: 32.200 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 Allure: 34.000 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 Allure Pack: 34.600 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 GT: 36.400 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 130 EAT8 GT Pack: 38.800 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 180 GT: 38.300 Euro Peugeot 3008 PureTech Turbo 180 GT Pack: 40.700 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 Active: 31.000 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 Active Pack: 31.600 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 Active Business: 32.300 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 Allure: 34.000 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 Allure Pack: 34.600 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 GT: 36.400 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 Active: 33.000 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 Active Pack: 33.600 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 Active Business: 34.200 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 Allure: 36.000 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 Allure Pack: 36.600 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 GT: 38.400 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 130 EAT8 GT Pack: 40.800 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 180 GT: 40.300 Euro Peugeot 3008 BlueHDi 180 GT Pack: 42.700 Euro Peugeot 3008 Hybrid 225 e-EAT8 Allure: 44.680 Peugeot 3008 Hybrid 225 e-EAT8 Allure Pack: 45.280 Peugeot 3008 Hybrid 225 e-EAT8 GT: 47.080 Peugeot 3008 Hybrid 225 e-EAT8 GT Pack: 49.480 Peugeot 3008 Hybrid4 300 e-EAT8 Allure: 50.180 Peugeot 3008 Hybrid4 300 e-EAT8 Allure Pack: 50.780 Peugeot 3008 Hybrid4 300 e-EAT8 GT: 52.580 Peugeot 3008 Hybrid4 300 e-EAT8 GT Pack: 54.980 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PEUGEOT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/PEUGEOT/_3008.HTML 2020-09-21 17:02:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/21/ford_bronco_debutto_pacchetto_sasquatch_varianti_due_e_quattro_porte_cambio_manuale/gallery/rbig/2020-ford-bronco-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32433 Ford Bronco - Il pacchetto Sasquatch sarà disponibile anche con il cambio manuale http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32433&tipo=fv Di fronte alle numerose richieste dei clienti della nuova BRONCO [1], la FORD [2] ha annunciato che estenderà la disponibilità del pacchetto SASQUATCH anche alle varianti del modello, a due e quattro porte, dotate del cambio manuale a sette marce. ANCORA PIù OFF-ROAD. Il kit, orientato a offrire una guida off-road ad alte prestazioni, potrà essere ordinato su tutti e sette gli allestimenti della gamma Bronco: base, Big Bend, Black Diamond, Outer Banks, Badlands, Wildtrack e First Edition e sarà di serie sugli ultimi due. Il pacchetto Sasquatch aggiunge i pneumatici da 35 della Goodyear sui cerchi da 17, gli assali con bloccaggio elettronico anteriore e posteriore Dana, le sospensioni con carreggiata più larga di circa due pollici, gli ammortizzatori Bilstein e i parafanghi più grandi. A OTTOBRE IL CONFIGURATORE. Il debutto del pacchetto abbinato alla trasmissione manuale è previsto per la fine del 2021, mentre a partire dal mese di ottobre i clienti potranno accedere al configuratore della Bronco e personalizzare il modello secondo le loro preferenze, confrontando anche i prezzi a seconda degli allestimenti e degli optional introdotti. Le varianti a due e quattro porte della fuoristrada, presentata lo scorso luglio, saranno in vendita a partire dalla prossima primavera. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/FORD_BRONCO_2020_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_USCITA.HTML [2] https://www.quattroruote.it/listino/ford 2020-09-21 16:36:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/21/kia_parte_da_milano_il_servizio_di_light_renting_kiamobility/gallery/rbig/2020_kia_mobility.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32432 Kia - Parte da Milano il servizio di "light renting" KiaMobility http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32432&tipo=fv Parte da MILANO il nuovo servizio di light renting KIAMOBILITY in Italia, grazie al quale i concessionari del costruttore coreano delle aree periferiche delle grandi città verranno trasformati in veri e propri hub: qui, attraverso una app, sarà possibile NOLEGGIARE [1] la propria vettura KIA [2]. Proprio dai concessionari dellarea nord del capoluogo milanese, ovvero quelli del Gruppo Clerici Auto a Milano, Varese e Como, si sta testando il servizio in attesa del lancio pubblico. PLAN S. Kia sta attuando il nuovo piamo strategico Plan S, basato su due pilastri: linevitabile e progressivo passaggio verso lelettrico e la guida assistita, e, per lappunto, lofferta di nuovi servizi come quelli di KiaMobility: "Dobbiamo iniziare a guardare al futuro e pensare a Kia come un provider di sistemi di mobilità e non più come solo un costruttore di autoveicoli", ha detto GIUSEPPE BITTI, amministratore Delegato di Kia Motors Italia. "KiaMobility guarda diretto al Plan S e alla sua realizzazione concreta, ponendoci nelle condizioni di poter offrire dei servizi facendo base sulla nostra rete di dealer e utilizzando il meglio della nostra gamma elettrificata". A breve, il costruttore attiverà pre-lancio digitale, incentrato su attivazioni sui canali social e sul sito di Kia Italia, a cui farà seguito la campagna vera e propria. A questa sarà affidato il compito di spiegare nel dettaglio le condizioni del servizio, al momento non ancora note. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/KIA 2020-09-21 15:41:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/21/touring_superleggera_al_salon_prive_debutta_la_aero_3/gallery/rbig/2020-touring-superleggera-aero-3-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32431 Touring Superleggera - LAero 3 debutta al Salon Privé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32431&tipo=fv La Carrozzeria TOURING SUPERLEGGERA [1] ha presentato al Salon Privé la Aero 3. Si tratta di un progetto nato per evolvere lo stile del marchio verso il futuro, rendendo omaggio ai modelli iconici senza citarne apertamente il design. Sarà prodotta in 15 esemplari, ma il prezzo non è stato ancora comunicato. UN OMAGGIO AL PASSATO, MA LA LINEA è INEDITA. La Carrozzeria Touring Superleggera ha preso come ispirazione modelli rivoluzionari per la loro epoca, come la BMW 328 vincitrice della Mille Miglia del 1939 e le Alfa Romeo 6C 2500, 8C 2900B e Disco Volante. Questultima è già RINATA IN VERSIONE COUPé [2] e spider sfruttando la base della Alfa Romeo 8C Competizione, ma per la Aero 3 è stato scelto un approccio diverso, nato da un foglio bianco per creare uninterpretazione senza tempo. La vettura esposta in Inghilterra rende omaggio nella livrea alla Alfa Romeo 8C 2900B Coupé Berlinetta Aerodinamica del 1938, che corse la 24 Ore di Le Mans con il numero 19. La tinta esterna è chiamata Stratosphere Red, abbinata a particolari in alluminio e carbonio e finiture nero opaco. Gli interni ripropongono lo stesso abbinamento cromatico e sono rivestiti in pelle Foglizzo. OLTRE 340 KM/H. Le linee della carrozzeria in carbonio sono volutamente curve e sinuose, come da tradizione, ed elementi come i parafanghi e gli sfoghi daria sul tetto sottolineano le ambizioni prestazionali del modello. La pinna centrale posteriore ha una funzione limitata a livello aerodinamico, ma è fortemente caratterizzante per lo stile, ridefinendo lintero specchio di coda ed eliminando il lunotto tradizionale in puro stile racing. La massa totale dichiara è pari a 1.645 kg e le prestazioni sono di valore assoluto: oltre 340 km/h di punta massima e 3,1 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. NASCE SULLA BASE DELLA FERRARI F12. Lidentità della vettura donatrice non è stata svelata, ma la presenza di un V12 aspirato da 6.3 litri e 740 CV, così come il design degli arredi interni, tradiscono in maniera piuttosto chiara la provenienza Ferrari, più precisamente dalla F12 Berlinetta. La Touring ha calcolato circa 5.000 ore per la conversione della vettura nella Aero 3, ma soltanto su richiesta comunicherà il prezzo della vettura. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOURING-SUPERLEGGERA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2014/02/28/_UNA_NUOVA_LIVREA_PER_GINEVRA_.HTML 2020-09-21 14:17:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/21/tesla_roadster_nurburgring/gallery/rbig/2020-Tesla-Roadster-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32430 Tesla<br> - La Roadster al Nürburgring nel 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32430&tipo=fv Il prossimo anno la TESLA [1] porterà al Nürburgring la versione di serie della ROADSTER [2]. A confermarlo è stato Elon Musk, rispondendo su Twitter alla domanda di un appassionato del marchio. La sportiva affronterà così i cordoli del Nordschleife con un anno di ritardo rispetto a quanto inizialmente comunicato: mentre alcuni PROTOTIPI DI MODEL S [3] stavano effettuando dei collaudi sulla pista tedesca, il ceo del marchio di Palo Alto aveva annunciato che la Roadster avrebbe fatto il suo debutto allInferno Verde entro la fine del 2020. SU STRADA NEL 2022. Questo rinvio è figlio di continui ritardi nello sviluppo della nuova Roadster, presentata al mondo nel 2017 con lobiettivo di debuttare sul mercato nel 2020. Musk ha più volte ribadito come il progetto non sia una priorità per la Tesla e per questo motivo il lancio della sportiva è STATO POSTICIPATO AL 2021 [4] ma, secondo le ultime indiscrezioni, prima di poter vedere su strada la versione di serie della quattro posti bisognerà attendere almeno fino al 2022. Il costruttore ha infatti deciso di concentrare tutti i propri sforzi su modelli in grado di garantire maggiori margini e volumi di vendita più elevati, come il CYBERTRUCK [5] e il nuovo MODELLO DINGRESSO GAMMA [6] che dovrebbe andarsi a posizionare al di sotto della MODEL 3 [7]. La Tesla Roadster sarà assemblata in California: la produzione potrebbe partire entro la fine del prossimo anno e non è escluso che la sportiva possa fare unapparizione, probabilmente in una veste più vicina a quella di serie, già al Battery Day del 22 settembre. A CACCIA DI RECORD? Sulla carta la nuova Roadster è un modello da primato: a detta della Tesla, lelettrica sarà in grado di passare da 0 a 100 km/h in meno di due secondi, di toccare una velocità massima superiore ai 400 km/h e di percorrere fino a 1.000 km con una singola carica. Il tutto con un prezzo che dovrebbe aggirarsi attorno ai 200 mila dollari. Se ciò non bastasse, Elon Musk ha promesso anche larrivo dello SpaceX Package, un pacchetto di accessori che comprenderà dei razzi ad aria nascosti dietro alla targa posteriore che permetteranno di incrementare le prestazioni daccelerazione della vettura. Tutto questo potrebbe consegnare alla nuova sportiva lo scettro di roadster più veloce al mondo, ma la conquista di un record al Nürburgring non è affatto scontata. Negli scorsi mesi si è parlato a lungo di un possibile primato delle Model S Plaid, ma la Casa non ha mai diramato dei rilevamenti cronometrici ufficiali e, per il momento, non ha annunciato alcun primato: le versioni ad alte prestazioni della berlina non sono state però ancora svelate in via ufficiale e non è da escludere che possano essere tra le novità del Battery Day. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2017/11/17/TESLA_ROADSTER_L_ELETTRICA_DA_400_KM_H_E_1_000_KM_DI_AUTONOMIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/12/TESLA_IN_ARRIVO_UNA_MODEL_S_PIU_SPORTIVA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/08/TESLA_RINVIATO_IL_LANCIO_DELLA_ROADSTER.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/22/TESLA_CYBERTRUCK_PREZZO_USCITA_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/14/TESLA_TEASER_DELL_ELETTRICA_SVILUPPATA_IN_CINA.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2019/TESLA_MODEL_3_LA_PROVA_DELLA_LONG_RANGE_AWD.HTML 2020-09-21 12:52:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/21/nikola_il_fondatore_trevor_milton_rassegna_le_dimissioni/gallery/rbig/2020-nikola-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32429 Nikola - Il fondatore Trevor Milton rassegna le dimissioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32429&tipo=fv Terremoto, fulmine a ciel sereno, colpo di scena. La si chiami come si vuole, ma la notizia arrivata dagli Stati Uniti rappresenta di sicuro un duro colpo per la NIKOLA [1]: infatti, il fondatore e presidente esecutivo TREVOR MILTON ha rassegnato a sorpresa le dimissioni. IL SOSTITUTO. Il consiglio di amministrazione, nellaccettare la decisione di Milton, ha scelto di sostituirlo con Stephen Girsky, nome non certo nuovo al mondo delle quattro ruote: il manager è stato infatti consigliere della General Motors dalluscita dal Chapter 11 nel giugno del 2009 e fino al 2016, ricoprendo diversi incarichi di responsabilità tra cui il ruolo di vice presidente (dal novembre 2009 al luglio 2014) con delega alle strategie e allo sviluppo del business. A Girsky spetterà ora il compito di portare avanti i programmi di espansione di unazienda che, pur essendo stata fondata solo nel 2014, è già entrata nei radar di grandi investitori per le promesse di rivoluzionare il mondo dei trasporti pesanti con una gamma di camion elettrici alimentati anche a celle di combustibile. GLI ACCORDI. La startup, da pochi mesi SBARCATA A WALL STREET [2], ha già avviato alcune importanti collaborazioni industriali: la prima è con la Iveco, che ha iniziato a produrre a Ulm, in Germania, il Nikola Tre sulla base di un patto che ha portato la Cnh Industrial a detenere poco più del 7% della società americana. Il secondo accordo è stato firmato pochi giorni fa e ha portato la General Motors ad avviare unALLEANZA STRATEGICA [3] ad ampio respiro che prevede la condivisione di tecnologie, componenti e processi produttivi (sarà la GM a produrre il pick-up Nikola Badger), nonché lingresso del gruppo di Detroit tra gli azionisti della startup con l11% del capitale. Lultimo accordo ha sostenuto per giorni i corsi azionari del titolo Nikola a Wall Street, fino a quando un investitore non ha pubblicato un report con dure accuse nei confronti di Milton e della sua creatura. LE ACCUSE. A tal proposito, secondo la stampa americana Milton si è dimesso per proteggere lazienda e il suo programma di sviluppo e investimenti. A confermarlo, seppur in modo indiretto, è stato lo stesso Milton nel comunicato sulle sue dimissioni: "Nikola è davvero nel mio sangue e lo sarà sempre, ma lattenzione dovrebbe essere concentrata sullazienda e sulla sua missione di cambiare il mondo, non su di me. Pertanto, ho preso la difficile decisione di rivolgermi al consiglio di amministrazione e di farmi da parte come presidente esecutivo. Fondare Nikola e trasformarla in unazienda che cambierà i trasporti in meglio e aiuterà a proteggere il clima globale è stato un onore incredibile". In particolare, azienda e fondatore sono stati accusati dalla Hindenburg Research di aver perpetrato una "frode intricata" nei confronti degli investitori tramite dichiarazioni "false" ed "esagerate" sullo stato delle tecnologie aziendali. LA DIFESA. La tesi della Hindenburg è stata duramente contestata dallazienda di Phoenix, secondo cui le accuse sono state motivate dallinteresse di uno "short-seller" (un investitore specializzato in vendite allo scoperto, proprio come la Hindenburg) a influenzare negativamente landamento delle azioni per guadagnare e trarre un profitto dal rally di oltre il 40%, iniziato subito dopo laccordo con la General Motors. Sotto accusa, anche se solo indirettamente, è finito anche il gruppo di Detroit, che ha risposto ai rilievi della Hindenburg sottolineando in particolare i risultati della "due diligence" (lesame approfondito di dati e informazioni) effettuata sulla Nikola ed escludendo lintenzione di tagliare i legami appena stretti (il gruppo diventerà anche azionista con l11% del capitale). LE INDAGINI. La contesa tra la startup e la Hindenburg non ha prodotto solo luscita di Milton dalla Nikola. Negli scorsi giorni sono infatti anche state APERTE DUE INDAGINI [4] per verificare i contorni civili e penali delle accuse mosse dallinvestitore: le inchieste sono state avviate dalla Sec, il massimo organo di vigilanza dei mercati finanziari statunitensi, e dal Dipartimento di Giustizia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NIKOLA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/03/03/NIKOLA_AL_VIA_IL_PROCESSO_DI_QUOTAZIONE_A_WALL_STREET.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/08/NIKOLA_IL_PICK_UP_BADGER_SARA_PRODOTTO_DALLA_GENERAL_MOTORS.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/16/NIKOLA_LE_AUTORITA_DEGLI_STATI_UNITI_APRONO_UN_INDAGINE_PER_PRESUNTA_FRODE.HTML 2020-09-21 12:23:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/21/tempo_sul_giro_record_a_spa_per_la_pagani_huayra_bc_roadster/gallery/rbig/2020-pagani-huayra-roadster-bc-spa-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32428 Tempo sul giro - Record a Spa per la Pagani Huayra BC Roadster - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32428&tipo=fv Con un crono di 2 minuti, 23 secondi e 81 millesimi la PAGANI HUAYRA ROADSTER BC [1] ha siglato lo scorso 4 settembre il nuovo record della pista di Spa Francorchamps tra le vetture stradali omologate. Il tempo è stato registrato dal collaudatore Andrea Palma in condizioni non ottimali di aderenza, a dimostrazione dellelevato livello prestazionale raggiunto dalla vettura nonostante la sola trazione posteriore chiamata a gestire gli 802 CV erogati dal V12 biturbo, sviluppato appositamente per Pagani dalla AMG. 45.000 KM DI TEST IN PISTA. Il primato giunge a conclusione del lungo percorso di sviluppo a cui la Casa italiana ha sottoposto i sei prototipi della vettura realizzati: pur trattandosi, di fatto, di un allestimento nato unendo le caratteristiche della Huayra BC e della Roadster già esistenti, Horacio Pagani ha voluto collaudare i muletti per 350.000 km, impegnando le biposto anche sui più noti circuiti del mondo con circa 45.000 km di prove ad hoc. La tappa di Spa ha rappresentato il culmine dei test e ha permesso di deliberare le specifiche finali della vettura, che sarà prodotta in soli 40 esemplari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/31/PAGANI_HUAYRA_BC_ROADSTER_POTENZA_MOTORE_SCHEDA_TECNICA_PRESTAZIONI_PREZZO_DELLA_NUOVA_CREATURA_DI_HORACIO.HTML 2020-09-21 12:23:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/21/mini_paddy_hopkirk_edition_immagini_caratteristiche/gallery/rbig/2020-mini-paddy-hopkirk-edition-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32427 Mini - Svelata la Paddy Hopkirk Edition http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32427&tipo=fv A partire da ottobre, le Mini Cooper S e John Cooper Works saranno disponibili - in alcuni mercati selezionati - nella serie speciale Paddy Hopkirk. Si tratta di un allestimento inedito appositamente ideato per omaggiare il celebre pilota nordirlandese che, esattamente 56 anni fa, ottenne la prima vittoria di una MINI [1] al Rally di Monte Carlo. LIVREA COMMEMORATIVA. La nuova edizione speciale, in sostanza, si caratterizza per una particolare livrea ispirata al passato. Il rosso della carrozzeria è abbinato al bianco dei dettagli e del tetto, esattamente come sul modello storico. Le fiancate mettono in mostra un grande 37, numero con il quale Hopkirk si presentò (nel 64) alla partenza della gara. La vettura, inoltre, riporta la firma del pilota in più punti: sul lato passeggero del cruscotto, sul battitacco, sul portellone posteriore e allinterno della striscia bianca sul cofano. Su questultima, la Mini sfoggia anche la famosa combinazione di numeri e lettere 33 EJB della targa dellauto che trionfò a Monte Carlo, realizzata attraverso una grafica a effetto tridimensionale. A completare la personalizzazione ci pensano i fari aggiuntivi e una specifica targhetta, alloggiata sul montante del lunotto posteriore. VITTORIA STORICA. Il trionfo del 64 regalò a Hopkirk una grande notorietà nel Regno Unito. Allo stesso tempo, il risultato ottenuto fu molto importante anche per il marchio: vista fino a quel momento come una outsider, la Mini divenne una vincente. Uno status mantenuto negli anni successivi quando la vettura simpose nuovamente in questa ambita competizione. I compagni di squadra finlandesi di Hopkirk, Timo Mäkinen e Rauno Aaltonen, aggiunsero infatti altre due vittorie al palmarès della Casa, nel 1965 e nel 1967. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MINI.HTML 2020-09-21 11:57:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/21/toyota_gr_super_sport_a_le_mans_il_prototipo_dell_hypercar_ibrida/gallery/rbig/2020-toyota-gr-super-sport-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32426 Toyota GR Super Sport - A Le Mans il prototipo dellhypercar http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32426&tipo=fv Mentre la TS050 [1] dellequipaggio Buemi-Nakajima-Hartley portava a casa la vittoria assoluta alledizione numero 88 della 24 ORE [2], la TOYOTA [3]ha svelato a Le Mans larma destinata al futuro delle competizioni endurance, la GR SUPER SPORT [4]. A guidare il prototipo sulla pista è stato lex pilota Alex Wurz. HYPERCAR IBRIDA PER IL NUOVO WEC. Lhypercar, che sarà prodotta anche in serie limitata omologata per luso stradale, costituisce il punto di partenza per creare la futura vettura da competizione destinata al mondiale WEC secondo i nuovi regolamenti LMH imposti dalla FIA. Il team Toyota Gazoo Racing è partito dalla base della TS050 per dare vita al nuovo progetto, senza per ora svelare le caratteristiche tecniche del powertrain ibrido a trazione integrale. Nel 2018 la Casa aveva annunciato la scelta di un V6 2.4 biturbo benzina abbinato a dei motori elettrici per una potenza complessiva di sistema di circa 1.000 CV, ma la FIA ha nel frattempo stabilito nuovi limiti di potenza e peso che potrebbero portare ad alcune modifiche sulla versione definitiva. AERODINAMICA DA CORSA. Gli unici elementi visibili, al momento, sono il tetto asportabile e lairscoop. Il pacchetto aerodinamico, inoltre, include la pinna stabilizzatrice centrale posteriore, lala posteriore a tutta larghezza e il grande diffusore inferiore libero dai terminali di scarico, che dovrebbero uscire in posizione rialzata sul cofano motore. Molti altri elementi stilistici e aerodinamici sono ancora in parte nascosti dalla livrea camuflage nei colori Gazoo Racing, ma alcuni dettagli, come la grande protuberanza frontale e gli sfoghi daria dietro alle ruote anteriori, dimostrano lapproccio estremo voluto dai progettisti per ottenere le massime prestazioni sulla variante racing. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/20/_24_ORE_DI_LE_MANS_SUCCESSO_PER_LA_TOYOTA_IN_LMP1.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/24-ORE-DI-LE-MANS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/17/TOYOTA_GR_SUPER_SPORT_AVVIATI_I_COLLAUDI_DELL_HYPERCAR_IBRIDA.HTML 2020-09-21 11:31:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/21/mercedes_benz_eqv_al_volante_del_van_elettrico_della_stella/gallery/rbig/2020-mercedes-eqv-300-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32425 Mercedes-Benz EQV 300 - Al volante del van elettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32425&tipo=fv Il secondogenito della famiglia di elettriche pure EQ fa parte anche della gamma MERCEDES-BENZ [1] Vans. Per il suo modello a emissioni zero con maggiore capacità di passeggeri, il costruttore tedesco ha puntato sulla stessa piattaforma della Classe V. Una base già particolarmente flessibile, dato che permette la realizzazione di modelli per trasporto merci come il Vito, oppure di family o business van come il Vito Tourer, in tre lunghezze e con trazione anteriore, posteriore o integrale. SU MISURA. Nel nuovo EQV [2], proposto nelle taglie Long da 5,14 o Extralong da 5,37 metri, le ruote motrici sono quelle anteriori. Ricevono la coppia, fino a 362 Nm, da un motore con 70 kW-95 CV continui e 150 kW-204 CV di picco. La riserva di energia è assicurata da un pacco di batterie agli ioni di litio da 100 kWh, di cui 90 utilizzabili. Il tempo di ricarica, come sempre, varia assai a seconda dellinfrastruttura, ma secondo la Mercedes, nel caso di una colonnina a corrente continua da 110 kW, il ripristino della capacità dal 10 all80% avviene in circa 45 minuti. Sempre secondo il costruttore, in condizioni ideali lautonomia massima è di 418 km. LEFFETTO DELLARIA. In attesa di verificare questi valori con una prova, abbiamo potuto guidare lEQV Long nellallestimento interno a sei sedili singoli, equipaggiato con le sospensioni pneumatiche a controllo elettronico Airmatic, optional. Queste ultime giocano un ruolo non indifferente nella dinamica di un veicolo che, a pieno carico, può arrivare a pesare tre tonnellate e mezzo: praticamente come un furgone di taglia grande. Grazie al lavoro delle molle ad aria sulle quattro ruote, i trasferimenti di carico sono abbastanza misurati anche sui percorsi misti, e soprattutto viene attenuato il beccheggio che abbiamo a volte rilevato sulla precedente generazione della Classe V priva delle Arimatic. Partecipa al buon equilibrio dinsieme la presenza delle batterie sotto al pianale, che tuttavia, come constatato su altri modelli elettrificati, determinano una variazione dei pesi sugli assi tale da influire sul comportamento dello sterzo. Qui i fenomeni sono abbastanza sfumati, ma si nota una carenza di consistenza e precisione in alcune manovre come i cambi di corsia in autostrada. SI ALZA IL LIMITE. Il motore è adeguato alle caratteristiche dellEQV 300 [3], e la scelta di spostare la soglia del limitatore di velocità a 140 km/h (160 a richiesta) rende giustizia alla brillantezza di questa unità. Occhio allautonomia, comunque, viste la massa e le dimensioni in gioco. UNINTELLIGENCE PER I CALCOLI. A dare una mano ad amministrare nel migliore dei modi il chilometraggio residuo arriva la rete di gestione che la Casa tedesca chiama Electrical Intelligence. Non uno ma più apparati che collaborano per fornire al conducente gli strumenti per arrivare il più lontano possibile risparmiando tempo e ottimizzando i periodi di ricarica. Attraverso il sistema Mbux e il suo schermo da 10,25 pollici, oppure tramite lapplicazione Mercedes Me sullo smartphone, si può pianificare il viaggio contando sulla capacità del sistema di proporre eventuali soste per la ricarica e calcolarne la durata ottimale per poter raggiungere la destinazione con un buon margine. Chi guida può anche decidere la quantità di carica con la quale intende arrivare, in relazione per esempio agli impegni successivi. FRENATA A RICHIESTA. Alla ricarica contribuisce ovviamente anche il sistema di recupero in decelerazione e frenata, la cui gestione è qui particolarmente accurata. infatti possibile non solo modulare lazione dellimpianto su cinque livelli, dal veleggiamento alla quasi frenata, agendo sui paddle sul volante: il programma D Auto, che si attiva tirando uno dei due comandi per un paio di secondi, permette di calibrare in tempo reale lintensità della decelerazione sulla base delle informazioni provenienti dal GPS, dal radar e dalla telecamera asserviti ai vari sistemi di ausilio alla guida. In pratica, se il traffico davanti a noi è lento, o nervoso, leffetto freno motore è più incisivo; se, al contrario, abbiamo la fortuna di trovare solo semafori verdi sulla nostra strada, lEQV procede sfruttando la massimo linerzia accumulata. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES/EQV [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/MERCEDES_BENZ_EQV_NUOVA_MONOVOLUME_ELETTRICA_INFORMAZIONI_AUTONOMIA_SCHEDA_TECNICA_PREZZI.HTML 2020-09-21 10:34:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/21/mercedes_benz_eqv_al_volante_del_van_elettrico_della_stella/gallery/rbig/2020-mercedes-eqv-300-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32423 Mercedes-Benz EQV 300 - Al volante del van elettrico della Stella http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32423&tipo=fv Il secondogenito della famiglia di elettriche pure EQ fa parte anche della gamma MERCEDES-BENZ [1] Vans. Per il suo modello a emissioni zero con maggiore capacità di passeggeri, il costruttore tedesco ha puntato sulla stessa piattaforma della Classe V. Una base già particolarmente flessibile, dato che permette la realizzazione di modelli per trasporto merci come il Vito, oppure di family o business van come il Vito Tourer, in tre lunghezze e con trazione anteriore, posteriore o integrale. SU MISURA. Nel nuovo EQV [2], proposto nelle taglie Long da 5,14 o Extralong da 5,37 metri, le ruote motrici sono quelle anteriori. Ricevono la coppia, fino a 362 Nm, da un motore con 70 kW-95 CV continui e 150 kW-204 CV di picco. La riserva di energia è assicurata da un pacco di batterie agli ioni di litio da 100 kWh, di cui 90 utilizzabili. Il tempo di ricarica, come sempre, varia assai a seconda dellinfrastruttura, ma secondo la Mercedes, nel caso di una colonnina a corrente continua da 110 kW, il ripristino della capacità dal 10 all80% avviene in circa 45 minuti. Sempre secondo il costruttore, in condizioni ideali lautonomia massima è di 418 km. LEFFETTO DELLARIA. In attesa di verificare questi valori con una prova, abbiamo potuto guidare lEQV Long nellallestimento interno a sei sedili singoli, equipaggiato con le sospensioni pneumatiche a controllo elettronico Airmatic, optional. Queste ultime giocano un ruolo non indifferente nella dinamica di un veicolo che, a pieno carico, può arrivare a pesare tre tonnellate e mezzo: praticamente come un furgone di taglia grande. Grazie al lavoro delle molle ad aria sulle quattro ruote, i trasferimenti di carico sono abbastanza misurati anche sui percorsi misti, e soprattutto viene attenuato il beccheggio che abbiamo a volte rilevato sulla precedente generazione della Classe V priva delle Arimatic. Partecipa al buon equilibrio dinsieme la presenza delle batterie sotto al pianale, che tuttavia, come constatato su altri modelli elettrificati, determinano una variazione dei pesi sugli assi tale da influire sul comportamento dello sterzo. Qui i fenomeni sono abbastanza sfumati, ma si nota una carenza di consistenza e precisione in alcune manovre come i cambi di corsia in autostrada. SI ALZA IL LIMITE. Il motore è adeguato alle caratteristiche dellEQV 300 [3], e la scelta di spostare la soglia del limitatore di velocità a 140 km/h (160 a richiesta) rende giustizia alla brillantezza di questa unità. Occhio allautonomia, comunque, viste la massa e le dimensioni in gioco. UNINTELLIGENCE PER I CALCOLI. A dare una mano ad amministrare nel migliore dei modi il chilometraggio residuo arriva la rete di gestione che la Casa tedesca chiama Electrical Intelligence. Non uno ma più apparati che collaborano per fornire al conducente gli strumenti per arrivare il più lontano possibile risparmiando tempo e ottimizzando i periodi di ricarica. Attraverso il sistema Mbux e il suo schermo da 10,25 pollici, oppure tramite lapplicazione Mercedes Me sullo smartphone, si può pianificare il viaggio contando sulla capacità del sistema di proporre eventuali soste per la ricarica e calcolarne la durata ottimale per poter raggiungere la destinazione con un buon margine. Chi guida può anche decidere la quantità di carica con la quale intende arrivare, in relazione per esempio agli impegni successivi. FRENATA A RICHIESTA. Alla ricarica contribuisce ovviamente anche il sistema di recupero in decelerazione e frenata, la cui gestione è qui particolarmente accurata. infatti possibile non solo modulare lazione dellimpianto su cinque livelli, dal veleggiamento alla quasi frenata, agendo sui paddle sul volante: il programma D Auto, che si attiva tirando uno dei due comandi per un paio di secondi, permette di calibrare in tempo reale lintensità della decelerazione sulla base delle informazioni provenienti dal GPS, dal radar e dalla telecamera asserviti ai vari sistemi di ausilio alla guida. In pratica, se il traffico davanti a noi è lento, o nervoso, leffetto freno motore è più incisivo; se, al contrario, abbiamo la fortuna di trovare solo semafori verdi sulla nostra strada, lEQV procede sfruttando la massimo linerzia accumulata. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES/EQV [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/MERCEDES_BENZ_EQV_NUOVA_MONOVOLUME_ELETTRICA_INFORMAZIONI_AUTONOMIA_SCHEDA_TECNICA_PREZZI.HTML 2020-09-21 10:13:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/09/11/mercedes_benz_glc_caratteristiche_immagini_e_anticipazioni_della_nuova_generazione/gallery/rbig/2020-mercedes-benz-glc-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32424 Mercedes-Benz GLC - Collaudi in corso per la nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32424&tipo=fv La MERCEDES-BENZ [1] è uscita allo scoperto con i prototipi della nuova generazione della GLC [2]. Considerando la carriera del modello attuale, fresco di RESTYLING [3], è probabile che il debutto arriverà non prima nel 2022, anche se, per il momento, non sono state rilasciate informazioni ufficiali in merito. IL DESIGN SI EVOLVE. Le immagini della vettura, ancora coperta da numerose camuffature, mettono da subito in risalto alcuni elementi che consentono di distinguerla rispetto al modello attualmente in commercio. Apparemente più lunga e con uno sbalzo posteriore più accentuato, la nuova GLC si fa notare per il taglio più aggressivo dei gruppi ottici anteriori (che non sono ancora quelli definitivi) e per la posizione più bassa di tutto il frontale. Anche la linea del tetto appare più slanciata, complice lo spostamento delle maniglie rispetto alla linea di cintura. Risulta invece nascosto il montante posteriore: al momento non si può dunque capire se verrà riproposto lattuale vetro fisso di forma triangolare. Anche i fari posteriori non sono quelli definitivi, ma lincavo che si intravede nella pellicola fa pensare a forme molto diverse rispetto a quelle odierne. Per quanto concerne gli interni, cè spazio solo per alcune supposizioni: potrebbero infatti adottare lo schermo centrale verticale che ha debuttato di recente sulla CLASSE S [4]. IBRIDE PER NECESSITà. Per capire quali saranno le proposte tecniche servirà attendere gli sviluppi della sorella CLASSE C [5], che dovrebbe debuttare entro breve tempo con una variante aggiornata della piattaforma Mra. Con ogni probabilità, comunque, gran parte delle motorizzazioni sarà offerta nelle versioni ibride mild e plug-in. Inoltre, ci sarà spazio anche per le sportive AMG, che a loro volta dovrebbero contare sullEQ Boost. Infine, notevoli passi avanti dovrebbero essere compiuti sul fronte dellassistenza alla guida. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES/GLC [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/18/MERCEDES_AMG_GLC_43_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/02/MERCEDES_BENZ_CLASSE_S_L_AMMIRAGLIA_PER_ECCELLENZA_TORNA_PER_STUPIRE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2020/05/09/MERCEDES_BENZ_CLASSE_C_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_DELLA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML 2020-09-21 10:13:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/21/dieselgate_nuove_cause_daimler/gallery/rbig/2020-gruppo-daimler-logo.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32422 Dieselgate - Germania, nuove azioni legali contro Daimler http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32422&tipo=fv A seguito dellapprovazione del PATTAGGIAMENTO DA 2,2 MILIARDI DI DOLLARI [1] concordato dalla Daimler con le autorità statunitensi in relazione allo scandalo emissioni, numerosi azionisti hanno deciso di fare nuovamente causa al gruppo tedesco. Secondo quanto comunicato dal tribunale regionale di Stoccarda alla Deutsche Presse-Agentur, le richieste di rimborso dei querelanti supererebbero i 350 milioni di euro. PIù DI UN MILIARDO DI EURO DI RICHIESTE. In particolare, una delle denunce avrebbe richiesto al costruttore quasi 250 milioni di euro, ai quali si aggiungono i 100 milioni complessivi di altre tre cause. Se confermate, le nuove azioni legali porterebbero il totale delle richieste di indennizzo depositate al tribunale di Stoccarda a oltre un miliardo di euro: allinizio di questanno, infatti, più di 200 azionisti hanno citato in giudizio la Daimler per 900 milioni di euro, in quanto il costruttore non avrebbe comunicato tempestivamente la presenza di tecnologie proibite per il contenimento delle emissioni durante i collaudi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/15/DIESELGATE_DAIMLER_VIA_LIBERA_AL_PATTEGGIAMENTO_CON_LE_AUTORITA_USA.HTML 2020-09-21 09:42:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/20/_24_ore_di_le_mans_successo_per_la_toyota_in_lmp1/gallery/rbig/2020-le-mans-toyota-win.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32421 24 Ore di Le Mans - Successo per la Toyota in LMP1 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32421&tipo=fv Anche LOTTANTOTTESIMA EDIZIONE DELLA 24 ORE DI LE MANS non ha deluso le aspettative. La TOYOTA HA VINTO la gara con lequipaggio #8 formato da Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima e Brendon Hartley. Un problema tecnico ha fatto sfumare la doppietta per il team Gazoo Racing, con la TS050 #7 di Kobayashi, Lopez e Conway che ha chiuso in terza posizione, alle spalle della Rebellion R13 guidata da Senna, Nato e Menezes. In LMP2 vittoria per la United Autosports, mentre tra le Gran Turismo simpongono le Aston Martin. DOMINIO TOYOTA. Nessuna novità in LMP1, dove la TS050 della Toyota è risultata la vettura dominante per lintero arco della gara. In casa Rebellion hanno provato limpossibile per battere gli avversari, ma il gap prestazionale tra i due prototipi è davvero abissale. Tuttavia, la Toyota non fa bottino pieno alla 24 ore di Le Mans di questanno: la doppietta, che sembrava scontata, è invece sfumata per un problema tecnico con il turbo, che si è presentato durante la notte e che ha tenuto lequipaggio #7 ai box per circa mezzora. Con i doppi punti assegnati oggi, i due squadroni della Toyota si giocheranno il Mondiale in volata nellultima tappa di metà novembre, la 8 ore del Bahrain. LMP2, VITTORIA DELLA UNITED AUTOSPORT. A differenza della categoria regina, in LMP2 la gara è stata combattuta e ha vissuto emozioni fino negli ultimi minuti. La United Autosports si porta a casa una vittoria di classe e un quinto posto assoluto di tutto rispetto, grazie allottima prestazione di Philip Hanson, Filipe Albuquerque e Paul Di Resta. Lequipaggio #22 ha pagato una partenza non propriamente perfetta, ma ha poi recuperato sugli avversari riuscendo a sopravanzarli e tagliare così per primi il traguardo. Sul podio della LMP2 salgono così Vergne, Jensen e Rusinov del team G-Drive Racing, mentre in terza posizione troviamo la Panis Racing #31 di Jamin, Canal e Vaxiviére. SPETTACOLO CON LE GRAN TURISMO. Il triangolare Aston Martin, Porsche e Ferrari nella GTE-Pro è stato vinto agevolmente dal costruttore inglese, seppur con un vantaggio minimo nei confronti della Ferrari. La lotta è stata serrata e, ancora una volta, lo spettacolo più entusiasmante della 24 Ore arriva proprio dalle vetture GT. La Vantage #97 di Tincknell, Martin e Lynn ha conquistato il successo finale, approfittando anche di un lungo pit-stop della Ferrari #51 del team AF Corse per la sostituzione dei freni. Il secondo posto va stretto a Pier Guidi, Calado e Serra, perché hanno guidato in maniera eccellente e avrebbero sicuramente meritato il successo finale. Sul podio sale laltra Aston Martin Vantage #95 guidata da Sorensens, Thiim e Westbrook. Anche nella categoria GTE-Am il successo è andato allAston Martin del team TF Sport, con lequipaggio #90 formato da Yoluc, Adam ed Eastwood. 2020-09-20 15:59:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/20/mondiale_rally_turchia_evans_vince_e_diventa_leader_del_campionato/gallery/rbig/2020-toyota-evans-turchia.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32420 Mondiale Rally - Turchia, vince Evans: ora è il leader in campionato http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32420&tipo=fv Non sono certo mancate le emozioni al RALLY DI TURCHIA, quinta prova del MONDIALE RALLY 2020. A sorpresa, il vincitore è Elfyin Evans: il pilota inglese della Toyota Gazoo Racing ha approfittato dei ritiri pesanti - come quello del suo compagno di squadra Ogier - per vincere la gara e portarsi in testa al Mondiale. Sul podio anche le due Hyundai di Neuville e Loeb. SUCCESSO PRATICAMENTE DI TUTTO. Ma il colpo di scena più grande si è vissuto durante la PS11, quando il motore della Yaris di Sébastien Ogier è andato letteralmente in fumo, lasciando a Evans la possibilità di volare indisturbato verso il successo. Cè da dire che linglese della Toyota ha comunque guidato bene, nonostante non avesse il ritmo degli avversari per puntare al podio. A parte Ogier, tra i grandi delusi di questo fine settimana non può che esserci la Hyundai, in particolar modo Thierry Neuville. Ha condotto le prime otto speciali con una guida chirurgica e perfetta e sembrava lanciato verso un successo scontato. Peccato che una foratura abbia costretto il pilota belga ad abbandonare i sogni di gloria e tornare tristemente con i piedi per terra. La furiosa rimonta finale gli vale il secondo posto, davanti allaltra Hyundai del compagno di squadra Loeb, ma rimane lamaro per la vittoria andata in fumo. LA CLASSIFICA CAMBIA VOLTO. I risultati del Rally di Turchia cambiano anche il volto del Mondiale, perché Elfyn Evans è ora il leader della classifica con 97 punti, mentre Ogier ora insegue a quota 70. Alle spalle dei due piloti della Toyota troviamo Tanak e la sua Hyundai. Ancora aperta la battaglia nel campionato costruttori, dove la Toyota è in testa con 174 punti, mentre la Hyundai insegue a quota 165. 2020-09-20 15:24:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/19/motorsport_svelata_la_nuova_clio_renault_sport_racing/gallery/rbig/2020-renault-clio-cup.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32419 Motorsport - Svelata la nuova Clio Renault Sport Racing http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32419&tipo=fv A Vallelunga si corre il terzo appuntamento della stagione 2020 della Clio Cup e nel paddock del circuito romano la protagonista assoluta è la NUOVA CLIO RENAULT SPORT RACING che scenderà in pista il prossimo anno. QUINTA GENERAZIONE. La Fast Lane Promotion ha tolto il velo alla nuova Clio in versione Cup. Questa vettura, nella sua versione Racing, è equipaggiata con un motore da 1.300 cc a quattro cilindri, capace di erogare 180 cavalli e una coppia massima di 300 Nm. inoltre dotata di un cambio sequenziale Sadev ST82 a cinque rapporti più la retromarcia, con selettore a leva e un differenziale autobloccante ZF. A rendere ancor più performante la vettura, la preparazione per la pista prevede lelettronica ECU Life Racing e ammortizzatori Bos Suspension, mentre il telaio è un monoscocca in acciaio saldato e dotato di rollcage di sicurezza anchesso saldato. PREZZO E ORDINI. La Nuova Clio Renault Sport Racing continuerà ad affermarsi come punto di riferimento tra i campionati monomarca italiani, come ha già fatto nel corso degli ultimi anni. Oltre alle prestazioni, è interessante anche nel prezzo: viene venduta a 37.900 (esclusa IVA) e sarà possibile ordinarla già a partire dalla fine di settembre. 2020-09-19 19:32:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/09/18/nissan_una_leggenda_chiamata_z_foto_gallery/gallery/rbig/nissan-z-storia-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32418 Nissan - Una leggenda chiamata Z - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32418&tipo=fv Torna la gamma Z e rende omaggio al passato. Con la diffusione delle prime immagini della Z PROTO [1], la Casa giapponese ha infatti dimostrato di voler rilanciare la storia delle sue Z-Car, anticipando in forme molto simili a quelle definitive la nuova sportiva che vedrà la luce tra il 2021 e il 2023. ORIGINI LONTANE. La storia nasce oltre mezzo secolo fa, nel 1969, ben 20 anni prima che un modello di questa famiglia di sportive, la splendida 300ZX dai fari carenati, arrivi finalmente sulle strade italiane. Di fatto, tutti i modelli di questa dinastia a marchio Nissan e Datsun (questultima, attiva fino al 1986, era stata acquisita dal costruttore nipponico nel lontano 1934) sono tra le più amate JDM [2] di sempre. Ne parliamo meglio nella nostra galleria dimmagini, dove abbiamo raccolto tutte le generazioni delle Z-Car. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/09/16/NISSAN_Z_PROTO_DIMENSIONI_MOTORE_INTERNI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2019/10/26/JDM_SPORTIVE_E_NON_SOLO_LE_GLORIE_DEL_SOL_LEVANTE_FOTO_GALLERY.HTML 2020-09-19 11:17:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/18/salone_di_ginevra_possibile_un_ritorno_nel_2021_con_una_formula_da_tre_giorni/gallery/rbig/2020-Salone-di-Ginevra-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32417 Salone di Ginevra - Potrebbe tornare nel 2021 con una formula di tre giorni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32417&tipo=fv Il SALONE DI GINEVRA [1] potrebbe tornare nel 2021, ma con una formula e delle modalità diverse dal solito. Previo via libera delle autorità locali, levento durerebbe infatti solo tre giorni e sarebbe aperto esclusivamente ai media. Ad anticipare la notizia è stata la testata AUTOMOTIVE NEWS [2], dopo la visione di una brochure esplicativa e contenente un tariffario proposto alle Case. Fino a questo momento, nessun costruttore ha confermato la propria presenza a una possibile edizione della kermesse nel 2021. IL TESTIMONE è PASSATO A PALEXPO. Secondo le indiscrezioni, alle Case automobilistiche sarebbe stato offerto un pacchetto che include i costi degli stand e le sistemazioni per gli ospiti, con prezzi da 140 mila a 700 mila euro circa in base alle forniture. Alla fine del giugno scorso, la Fondazione Salon International de lAutomobile, che fino a oggi si è occupata dellorganizzazione del Salone elvetico, aveva comunicato la cessione del format a Palexpo, lente fieristico ospitante, ANNUNCIANDO LA CANCELLAZIONE DELLEDIZIONE 2021 [3]. Quella del 2020, invece, è stata annullata poche ore prima dellinizio per laggravarsi della crisi sanitaria da Covid-19. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-GINEVRA [2] https://europe.autonews.com/ [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/06/29/SALONE_DI_GINEVRA_SALTA_L_EDIZIONE_2021_SI_TRATTA_PER_LA_VENDITA_DEL_FORMAT.HTML 2020-09-19 09:31:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/18/salone_di_ginevra_possibile_un_ritorno_nel_2021_con_una_formula_da_tre_giorni/gallery/rbig/2020-Salone-di-Ginevra-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32416 Salone di Ginevra - Potrebbe tornare nel 2021 con una formula da tre giorni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32416&tipo=fv Il SALONE DI GINEVRA [1] potrebbe tornare nel 2021, ma con una formula e modalità differenti dal solito. Previo via libera delle autorità locali, levento durerebbe infatti solo tre giorni e sarebbe aperto esclusivamente ai media. Ad anticipare la notizia è stata la testata AUTOMOTIVE NEWS [2], dopo la visione di una brochure esplicativa dellevento e contenente un tariffario proposto alle Case. Fino a questo momento, nessun costruttore ha confermato la propria presenza a una possibile edizione della kermesse nellanno prossimo. IL TESTIMONE è PASSATO A PALEXPO. Secondo le indiscrezioni, alle Case automobilistiche sarebbe stato offerto un pacchetto che include i costi degli stand e le sistemazioni per gli ospiti, con prezzi da 140 mila a 700 mila euro circa in base alle forniture. Alla fine del giugno scorso, la Fondazione Salon International de lAutomobile, che fino a oggi si è occupata dellorganizzazione del Salone elvetico, aveva comunicato la cessione del format a Palexpo, lente fieristico ospitante, ANNUNCIANDO LA CANCELLAZIONE DELLEDIZIONE 2021 [3]. Quella del 2020, invece, è stata annullata poche ore prima dellinizio per laggravarsi della crisi sanitaria da Covid-19 in Europa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-GINEVRA [2] https://europe.autonews.com/ [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/06/29/SALONE_DI_GINEVRA_SALTA_L_EDIZIONE_2021_SI_TRATTA_PER_LA_VENDITA_DEL_FORMAT.HTML 2020-09-18 19:14:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/18/porsche_carrera_cup_la_taycan_turbo_safety_car_debutta_a_le_mans/gallery/rbig/2020-porsche-taycan-turbo-safety-car-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32414 Porsche Carrera Cup - La Taycan Turbo Safety Car debutta a Le Mans http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32414&tipo=fv La PORSCHE CARRERA CUP DEUTSCHLAND debutterà questo weekend a Le Mans in concomitanza con la 24 ORE [1] e, per loccasione, la Casa tedesca ha deciso di introdurre come Safety Car la TAYCAN TURBO [2] da 680 CV. Levento francese rappresenta anche loccasione per celebrare i 50 anni dalla prima vittoria assoluta sul tracciato della PORSCHE [3], con la 917. 800 KM DALLA GERMANIA A LE MANS. La quattro porte a zero emissioni, vestita con la livrea Porsche Motorsport, è stata dotata di tutti i dispositivi di sicurezza necessari per gestire le fasi di gara nelle quali sarà coinvolta la Safety Car. Per rendere unico il debutto della sportiva elettrica, la Casa di Zuffenhausen ha condotto lesemplare su strada per circa 800 chilometri, partendo dalla sede tedesca e passando per il Porsche Experience Center dellHockenheimring e per Parigi prima di raggiungere Le Mans, un test volto a dimostrare la fruibilità della vettura nel mondo reale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/17/_24_ORE_DI_LE_MANS_LE_NOVITA_DELL_EDIZIONE_NUMERO_88.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE/TAYCAN [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE 2020-09-18 18:21:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/09/18/torino_al_lingotto_la_piu_grande_rotatoria_sotterranea/gallery/rbig/2020-rotonda-sotterranea-lingotto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32415 Torino - Al Lingotto la più grande rotatoria sotterranea dEuropa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32415&tipo=fv Con un diametro di 52 metri, la rotonda aperta al traffico oggi, 18 settembre, nel sottopasso del Lingotto a Torino è la rotonda sotterranea scoperta più grande dEuropa. Linaugurazione, alla presenza delle autorità locali, è avvenuta nella mattinata prima del via libera al passaggio degli automobilisti. UNOPERA DA 4,4 MILIONI. Situata sotto larea fieristica, nel tunnel che collega corso Giambone a via Ventimiglia e corso Unità dItalia, la struttura è sovrastata da una copertura in acciaio di 700 tonnellate. Lopera è costata in tutto 4,4 milioni di euro. Per realizzarla, il sottopasso del Lingotto era stato chiuso al traffico il 16 maggio scorso. 2020-09-18 18:21:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/18/fca_dalla_bei_finanziamenti_per_lo_sviluppo_veicoli_elettrici_e_plug_in/gallery/rbig/2020-Fiat-500-elettrica-33.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32413 FCA - Dalla Bei 485 milioni per gli investimenti a Pomigliano e Torino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32413&tipo=fv Il gruppo FIAT CHRYSLER [1] ha firmato un nuovo accordo di finanziamento con la Bei. La Banca Europea degli Investimenti ha concesso una linea di credito da 485 milioni di euro per sostenere una parte degli investimenti previsti per lo stabilimento di Pomigliano e per le attività di ricerca condotte a Torino. I DETTAGLI. In particolare il finanziamento, della durata di cinque anni, è caratterizzato da tassi di interesse "particolarmente vantaggiosi" per effetto della tripla A delle emissioni obbligazionarie della Bei. Andrà a coprire il 75% degli investimenti previsti tra il 2020 e il 2023 per un duplice progetto: il prestito sosterrà la realizzazione di una linea per la produzione di veicoli ibridi plug-in a Pomigliano dArco, in Campania, nonché le attività di ricerca, sviluppo e innovazione per lelettrificazione, la connettività e le tecnologie a guida autonoma svolte prevalentemente nei laboratori di Torino. GLI ALTRI PRESTITI. Il nuovo accordo porta a quasi 800 milioni di euro i finanziamenti che la Bei ha concesso nel 2019 al costruttore italo-americano per la produzione di veicoli elettrici a batteria e veicoli ibridi ricaricabili. Infatti, prima dellestate era stata perfezionata UNOPERAZIONE DI 300 MILIONI DI EURO [2] per gli investimenti in corso di realizzazione nel triennio 2019-2021 nelle linee produttive di veicoli ibridi negli stabilimenti di Melfi (per la Jeep Renegade e la Compass) e di auto elettriche a Mirafiori (per la 500e). Entrambi gli accordi rientrano nella strategia della banca europea per sostenere ricerca, sviluppo e innovazione per lo sviluppo di tecnologie di elettrificazione, progetti localizzati nel Sud Italia, loccupazione e gli investimenti volti a mitigare il cambiamento climatico nel rispetto dei target dellaccordo di Parigi. Dal 2010 sono state dieci le operazioni della Fiat Chrysler che la Bei ha finanziato con 3,2 miliardi di euro per sostenere linnovazione tecnologica. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/fca [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/03/19/GRUPPO_FCA_DALLA_BEI_UN_PRESTITO_DI_300_MILIONI_PER_GLI_INVESTIMENTI_A_MELFI_E_MIRAFIORI.HTML 2020-09-18 17:26:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/18/automotive_standard_poor_s_lancia_l_allarme_utili_e_cassa_deboli_anche_nel_2021/gallery/rbig/2020-volkswagen-fabbrica-hannover-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32412 Studio S&P - Per lautomotive utili e cassa deboli anche nel 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32412&tipo=fv Lagenzia di rating STANDARD POORS lancia un pesante avvertimento circa le conseguenze della pandemia di CORONAVIRUS [1] sulle finanze delle Case automobilistiche e sullandamento della domanda. Nel report "Global Auto Sales Forecasts: Hopes Pinned On China", il primo segnale negativo per il comparto arriva dalle previsioni sulle vendite globali: gli analisti della società newyorkese stimano un calo del 20% rispetto al 2019 a causa dello stop alle attività commerciali e produttive determinato dalle misure di lockdown imposte in tutto il mondo. FUTURA CRESCITA INSUFFICIENTE. "Questa nuova previsione segue un crollo delle vendite del 25% nel primo semestre del 2020, uno shock senza precedenti per lindustria globale", ha affermato Vittoria Ferraris, analista di S in ogni caso, specificano, sembra essere lunico in grado di recuperare il divario di volumi rispetto al 2019 entro la fine del 2022. "Le nostre previsioni di vendita di auto globali sono più prudenti rispetto agli standard di mercato generali, ma riteniamo siano coerenti con la drammatica riduzione delle disponibilità finanziarie dei potenziali acquirenti di auto, legata alla pandemia in tutto il mondo, e con la pressione sulla convenienza allacquisto derivante dallaumento dei prezzi dei nuovi veicoli ibridi ed elettrici, che le Case automobilistiche stanno cercando di promuovere in Europa e in Cina", ha chiarito Ferraris. LE CONSEGUENZE FINANZIARIE. Gli effetti della pandemia sulla domanda determineranno quindi alcune probabili conseguenze: molti stabilimenti, sia delle Case sia dei fornitori, opereranno "a capacità non ottimali e a livelli meno efficienti per il resto del 2020" e, come tra laltro emerso negli ultimi mesi con la pubblicazione dei risultati trimestrali, unampia percentuale di società del settore chiuderanno il 2020 con un indebitamento più elevato rispetto a inizio anno. Pertanto, gli analisti di Standard Poors prevedono "metriche di redditività e di adeguatezza dei flussi di cassa "più deboli nel 2021 rispetto al 2019". Tutto ciò, unito alla "persistente pressione sulla redditività generata dalla transizione verso la mobilità elettrica" e agli "ingenti investimenti necessari per aggiornare le tecnologie attuali e sviluppare le tecnologia del futuro", porta lagenzia a "mantenere prospettive negative per lindustria automobilistica nonostante alcune segnali di ripresa". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-18 16:30:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/18/peugeot_prende_l_avvio_il_programma_hypercar_per_le_mans_2022/gallery/rbig/2020-peugeot-hypercar-le-mans-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32411 Peugeot - Avviato il programma Hypercar per Le Mans 2022 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32411&tipo=fv Mentre rombano le macchine impegnate nelle ultime prove per la 24 ORE DI LE MANS 2020 [1], che scatterà domani sul circuito della Sarthe, la PEUGEOT [2] dà lavvio ufficiale al programma per la realizzazione della Hypercar che scenderà in lizza nellEndurance del 2022, sposando il nuovo regolamento della categoria, che ribadisce la fedeltà alla formula dellibrido. La scelta della classe LMH è stata dettata, per la Casa del Leone che godrà, in questa avventura, della collaborazione della Total, da diversi aspetti, compresa la possibilità di godere di una certa libertà dal punto di vista della veste aerodinamica, alla quale si dedicherà il Design Peugeot cercando di preservare lidentità di marca. Qualcosa delle future forme della vettura si può già intuire dagli schizzi che sono stati divulgati in occasione della 24 ORE [3] di questanno. LO SVILUPPO. Lhypercar francese disporrà di una potenza complessiva del sistema ibrido di circa 680 CV, come da regolamento, e della trazione integrale, ottenuta con un motore elettrico da 200 kW posto allavantreno: massa e dimensioni (lunghezza di 5 metri, larghezza di 2) la renderanno più simile a una vettura stradale rispetto alle LMP1 attuali. Le tappe del progetto prevedono, dopo la scelta dellarchitettura della vettura e dei concetti aerodinamici di base già effettuate, la definizione della struttura del propulsore e del sistema ibrido, poi quella della catena di trasmissione da parte della Peugeot Sport, interamente coinvolta nelloperazione. Ma la collaborazione sarà molto stretta anche con gli stilisti della Casa, che cercheranno di coniugare limprescindibile esigenza di efficienza aerodinamica imposta dal motorsport con la volontà di realizzare una vettura che rispecchi lidentità del brand. Ne sono la riprova i primi, embrionali, disegni divulgati, nei quali si nota la firma data dai gruppi ottici anteriori e posteriori, tre graffi verticali che fanno parte del linguaggio formale più recente del marchio. A questo si aggiunge nella coda, caratterizzata da unala molto arretrata, un richiamo alla Sport-Prototipo 905, con la quale la Peugeot si aggiudicò la 24 Ore di Le Mans nel 1992 e 93. LA FILOSOFIA. Quanto alla scelta della categoria LMH (ovvero quella delle vetture ibride), Jean-Philippe Imparato, direttore della marca Peugeot, ha sottolineato come permetta di coinvolgere tutti i nostri dipartimenti con delle tecnologie vicine a quelle delle vetture di serie; attraverso questo impegno, la Peugeot apre un nuovo capitolo, che è quello della neo-performance, ottenuta con librido benzina/elettrico. Peugeot Sport cambia così la propria identità, lanciando il suo marchio di veicoli elettrificati ad alte prestazioni Peugeot Sport Engineered e il suo primo modello, la 508 da 360 CV, con quattro ruote motrici ed emissioni di CO2 di soli 46 g/km. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/17/_24_ORE_DI_LE_MANS_LE_NOVITA_DELL_EDIZIONE_NUMERO_88.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PEUGEOT [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/24-ORE-DI-LE-MANS 2020-09-18 16:01:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/09/18/belgio_il_nuovo_groverno_punta_su_auto_aziendali_solo_elettriche_/gallery/rbig/2020_auto_belgio.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32409 Belgio - Auto aziendali, il nuovo governo vuole solo le elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32409&tipo=fv Tra i punti programmatici della coalizione di sette partiti che sta provando a formare il nuovo governo belga cè anche quello che porterebbe a vietare le auto a propulsione termica nelle flotte nazionali a partire dal 2026. Con oltre il 40% di tutte le nuove immatricolazioni, il BELGIO è uno dei Paesi europei dove la percentuale di AUTO AZIENDALI [1] sul totale del circolante è tra le più alte: auto, però, che sono già estremamente rispettose dellambiente, come fatto notare dalle associazioni che operano nel settore. LE PROTESTE. Dalla federazione delle case automobilistiche (Febiac) a quella delle società di leasing e di noleggio (Renta) alla federazione dellindustria di riparazione dei veicoli (Traxio), sono in tanti a farsi sentire: "Oggi, 600.000 dei 6 milioni di auto che circolano sulle strade belghe sono auto aziendali", ha detto il portavoce di Febiac Joost Kaesemans. "Coprono circa il 20% di tutti i chilometri percorsi, ma secondo la nostra analisi emettono meno del 2% di tutta la CO2 del paese. Non sopravvalutiamo limpatto che questa misura può avere". IL RIALZO DEI COSTI. Con il divieto dellendotermico, le flotte aziendali andrebbero improvvisamente incontro a un innalzamento dei costi: "Questa proposta potrebbe penalizzare lutilizzo di auto", commenta il direttore generale di Renta Frank Van Gool. "Allo stesso tempo, uninfrastruttura di ricarica insufficiente e una gamma limitata di veicoli elettrici sul mercato potrebbero motivare le aziende e le persone a continuare a guidare i loro vecchi veicoli aziendali, allungando i contratti. E questo non aiuterà lambiente". Infine, per Filip Ryant di Traxio, il progetto green potrebbe funzionare meglio se includesse almeno le ibride plug-in. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTO-AZIENDALI 2020-09-18 15:32:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/18/mclaren_senna_gtr_lm_cinque_one_off_reparto_mso_caratteristiche_interni_motori/gallery/rbig/2020-mclaren-senna-gtr-lm-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32410 McLaren Senna GTR LM - Il reparto Mso realizza cinque one-off per celebrare il successo di Le Mans http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32410&tipo=fv La MCLAREN [1], a ormai poche ore dalledizione 2020 della 24 Ore di Le Mans, ha svelato un progetto commemorativo dedicato alla schiacciante vittoria ottenuta dalla Casa, nel 1995, nella classica francese. In onore dei successi della F1 GTR, il reparto Mso ha infatti realizzato cinque esemplari unici denominati SENNA GTR LM, caratterizzati dalle livree delle altrettante vetture che dominarono la gara giungendo prima, seconda, quarta, quinta e tredicesima assoluta. LE CINQUE LIVREE DELLEDIZIONE 1995. Il reparto Mso, come anticipato, ha replicato le livree delle F1 GTR originali attraverso un lavoro di verniciatura che ha richiesto circa 800 ore per ogni esemplare. La McLaren, a questo proposito, ha siglato degli accordi con i marchi allepoca coinvolti per poterne riutilizzare i loghi e lattenzione ai dettagli si è spinta fino alla riproduzione delladesivo del verificato sul tetto. Le iconiche livree riprodotte sono quelle Ueno Clinic (telaio F1/01R), Harrods (F1/06R), Gulf (F1/02R), Jacadi (F1/07R) e Cesar (F1/05R). 845 CV E TANTI DETTAGLI ESCLUSIVI. Ogni vettura propone accessori e particolari unici, diversi anche rispetto alle altre Senna GTR prodotte. Possiamo infatti trovare il volante LM con i paddle rifiniti doro anodizzato, la pedaliera di titanio, le cinture a sei punti e il sedile da corsa con i loghi personalizzati, ma anche i cerchi OZ Racing, le pinze dei freni e i bracci delle sospensioni color oro e una messa a punto specifica del propulsore V8 4.0, che raggiunge gli 845 CV e 800 Nm di coppia, ovvero 20 CV in più delle altre vetture. Limpianto di scarico di Inconel è dotato infine di terminali di scarico specifici. Ogni esemplare presenta una targhetta identificativa che ne attesta lunicità: sulla placca è riportato anche il riferimento al telaio dellesemplare della F1 GTR a cui si ispira e i nomi dellequipaggio delledizione 1995 della 24 Ore francese. UN EVENTO A LE MANS NEL 2021. Le vetture sono state commissionate da cinque appassionati, che hanno guadagnato anche la partecipazione a un esclusivo track day che si terrà nel 2021 a Le Mans assieme alle cinque vetture originali che hanno ispirato la serie speciale. Questo evento sarà organizzato in collaborazione con lAco ed è stato posticipato rispetto alla data originale a causa dellemergenza coronavirus. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MCLAREN 2020-09-18 15:32:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/18/snam4mobility_arrivano_sul_mercato_le_full_hybrid_convertite_a_metano/gallery/rbig/2020-toyota-c-hr-ibrida-convertita-a-metano-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32408 Snam4Mobility - Arrivano sul mercato le full hybrid convertite a metano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32408&tipo=fv Arrivano sul mercato italiano le prime auto Euro 6d Temp ed Euro 6d full hybrid a gas naturale e biometano. Frutto di una COLLABORAZIONE FRA SNAM4MOBILITY [1] (controllata della Snam attiva nella mobilità sostenibile), Landi Renzo e Piccini Impianti (distributore e installatore di sistemi per la mobilità a metano), la tecnologia che caratterizza queste vetture ha ottenuto lomologazione da parte del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ed è oggi disponibile nella rete di officine Landi Renzo per la conversione di alcuni modelli, come le Toyota C-HR, Prius e Corolla. "FINO A 30 KM CON UN EURO". Questa trasformazione è presentata agli EcoMobility Days di Ancona: durante levento, una Toyota C-HR potenziata a gas naturale è stata consegnata a Snam4Mobility, che la utilizzerà come pool-car. A detta delle aiznede coinvolte nel progetto, i test Wltp effettuati sulla crossover convertita al "trifuel" (elettrico-metano-benzina) hanno evidenziato una riduzione delle emissioni di CO2 fino al 25%, con un incremento dellautonomia di oltre 350 km. Il risparmio in termini di costi quantificato da Snam4Mobility e dai suoi partner può superare il 50%, consentendo di raggiungere i 30 km con un euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/03/LANDI_RENZO_SNAM4MOBILITY_UNA_COLLABORAZIONE_PER_FAVORIRE_LA_MOBILITA_SOSTENIBILE_A_GAS_NATURALE.HTML 2020-09-18 14:39:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/18/canada_viaggiava_a_150_all_ora_con_l_autopilot_e_dormiva_proprietario_di_una_tesla_a_giudizio_per_guida_pericolosa/gallery/rbig/2020-Tesla-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32407 Canada - Dorme su una Tesla con lAutopilot attivato a 150 km/h: ventenne nei guai http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32407&tipo=fv A far scattare lallarme è una TESLA MODEL S [1] che fila in autostrada con i sedili anteriori completamente reclinati, accelerando fino a 150 km allora. Dentro ci sono due giovani che viaggiano sdraiati, addormentati, affidandosi completamente alla guida assistita del mezzo. La cosa non passa inosservata e ora il "conducente", si fa per dire, è accusato di guida pericolosa: a dicembre dovrà comparire in tribunale. IL CASO A GIUDIZIO. Lepisodio si è verificato in Canada, a Ponoka, un centinaio di chilometri a Sud di Edmonton. Lautomobilista, ventenne, è stato pizzicato dalla polizia lo scorso luglio, ma il caso è salito alla ribalta delle cronache solo in queste ore, dopo che la posizione del giovane si è aggravata: inizialmente accusato del solo eccesso di velocità, luomo è stato incriminato anche per guida pericolosa. "NESSUNO CONTROLLAVA". Lagente che ha fermato il ragazzo si è trovato di fronte una scena inconsueta: "Sono in polizia da 23 anni e mi mancano le parole", ha riferito raccontando ciò che aveva visto. O meglio, non visto: "Nellauto non sembrava esserci nessuno, ma il veicolo accelerava perché aveva strada libera". Alla BBC, lagente ha confermato che nessuno dei due occupanti stava guardando il parabrezza per controllare la direzione dellauto. IL PROBLEMA SONO LE PERSONE. Dopo il caso del PROPRIETARIO TEDESCO DI UNA MODEL 3 [2], uscito di strada usando lo schermo touch, siamo forse di fronte a un altro episodio in cui la Tesla è destinata, suo malgrado, a fare giurisprudenza. E questo per via delle tecnologie di cui le auto di Elon Musk sono dotate: le possibilità offerte sono spesso inedite, ma allo stesso tempo servono giudizio e coscienza. Lattuale Autopilot, pur fornendo un livello di assistenza alla guida di Livello 2 assai avanzato, richiede al conducente di rimanere sempre vigile e pronto a intervenire. Un concetto che viene spiegato a monte a tutti coloro che acquistano una Tesla: qualcuno, però, preferisce fare di testa sua. Rischiando grosso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-S [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CRONACA/2020/08/01/GERMANIA_ESCE_DI_STRADA_USANDO_IL_TOUCHSCREEN_DI_UNA_TESLA_PATENTE_SOSPESA_E_UN_DISPOSITIVO_ELETTRONICO_.HTML 2020-09-18 12:52:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/18/canada_viaggiava_a_150_all_ora_con_l_autopilot_e_dormiva_proprietario_di_una_tesla_a_giudizio_per_guida_pericolosa/gallery/rbig/2020-Tesla-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32405 Canada - Dormiva su una Tesla con lAutopilot attivato a 150 km/h: ventenne nei guai http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32405&tipo=fv A far scattare lallarme è una TESLA MODEL S [1] che fila in autostrada con i sedili anteriori completamente reclinati, accelerando fino a 150 km allora. Dentro ci sono due giovani che viaggiano sdraiati, addormentati, affidandosi completamente alla guida assistita del mezzo. La cosa non passa inosservata e ora il "conducente", si fa per dire, è accusato di guida pericolosa: a dicembre dovrà comparire in tribunale. IL CASO A GIUDIZIO. Lepisodio si è verificato in Canada, a Ponoka, un centinaio di chilometri a Sud di Edmonton. Lautomobilista, ventenne, è stato pizzicato dalla polizia lo scorso luglio, ma il caso è salito alla ribalta delle cronache solo in queste ore, dopo che la posizione del giovane si è aggravata: inizialmente accusato del solo eccesso di velocità, luomo è stato incriminato anche per guida pericolosa. "NESSUNO CONTROLLAVA". Lagente che ha fermato il ragazzo si è trovato di fronte una scena inconsueta: "Sono in polizia da 23 anni e mi mancano le parole", ha riferito raccontando ciò che aveva visto. O meglio, non visto: "Nellauto non sembrava esserci nessuno, ma il veicolo accelerava perché aveva strada libera". Alla BBC, lagente ha confermato che nessuno dei due occupanti stava guardando il parabrezza per controllare la direzione dellauto. IL PROBLEMA SONO LE PERSONE. Dopo il caso del PROPRIETARIO TEDESCO DI UNA MODEL 3 [2], uscito di strada usando lo schermo touch, siamo forse di fronte a un altro episodio in cui la Tesla è destinata, suo malgrado, a fare giurisprudenza. E questo per via delle tecnologie di cui le auto di Elon Musk sono dotate: le possibilità offerte sono spesso inedite, ma allo stesso tempo servono giudizio e coscienza. Lattuale Autopilot, pur fornendo un livello di assistenza alla guida di Livello 2 assai avanzato, richiede al conducente di rimanere sempre vigile e pronto a intervenire. Un concetto che viene spiegato a monte a tutti coloro che acquistano una Tesla: qualcuno, però, preferisce fare di testa sua. Rischiando grosso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-S [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CRONACA/2020/08/01/GERMANIA_ESCE_DI_STRADA_USANDO_IL_TOUCHSCREEN_DI_UNA_TESLA_PATENTE_SOSPESA_E_UN_DISPOSITIVO_ELETTRONICO_.HTML 2020-09-18 12:47:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/17/tesla_model_y_al_volante_della_suv_elettrica/gallery/rbig/2020-tesla-model-y-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32406 Tesla Model Y - Al volante della Performance: peccato dover aspettare - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32406&tipo=fv Il Covid ha messo in ginocchio il mercato dellauto, ma sono sicuro che se la TESLA MODEL Y [1] si potesse comprare già adesso, sarebbero in molti a farci un pensierino. Se elettrico devessere, infatti, questa sport-utility molto sport (ma anche in un certo senso molto utility) ha davvero tanti vantaggi: e forse, la prima a farne le spese sarebbe proprio la MODEL 3 [2], una berlina-quasi-coupé che non va bene per tutti. PRESTAZIONI E NON SOLO. Con tanti centimetri in più sulla testa e nel bagagliaio, un posto guida più ecumenico, una visibilità migliore (tranne dietro), la Model Y piace già tanto. Come piacciono le sue prestazioni, assolutamente non penalizzate da una carrozzeria più alta: con 462 CV, la Suv può vantare unaccelerazione da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi. Cè ancora da aspettare per averne una in Europa, a meno di non importarla dagli Usa come ha fatto un amico rumeno che ce lha poi prestata grazie ai buoni uffici di MATTEO VALENZA [3] e TESLA OWNERS ITALIA [4]. Trovate tutte le nostre impressioni nel video. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/15/TESLA_MODEL_Y_FOTO_PREZZO_USCITA_AUTONOMIA_DIMENSIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2019/TESLA_MODEL_3_LA_PROVA_DELLA_LONG_RANGE_AWD.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.YOUTUBE.COM/CHANNEL/UCCLZGL_S1MKTLZZRUZQGWEQ [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://TESLAOWNERS.IT/ 2020-09-18 12:47:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/18/ford_f_150_elettrico_anticipazioni_video_uscita/gallery/rbig/2020-ford-f-150-elettrico-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32404 Ford F-150 EV - Spunta un teaser del pick-up elettrico - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32404&tipo=fv Parlando degli investimenti destinati allIMPIANTO DI RIVER ROUGE [1], in Michigan, la FORD [2] ha confermato per il 2022 larrivo della prima versione elettrica di serie nella storia dellF-150. Nelle ultime ore, lOvale Blu ha quindi pubblicato un teaser e un video dei collaudi del pick-up, replicando così alle mosse delle dirette concorrenti che stanno lavorando su progetti analoghi. UN UNICO, GRANDE LED FRONTALE. Limmagine diffusa offre una prima vista limitata del frontale, ma risulta comunque sufficiente a fornire alcune indicazioni chiave. Se infatti il profilo a Led perimetrale trasforma laspetto dellF-150 così come lo conosciamo, la vettura presenta al tempo stesso diversi elementi comuni alla versione attualmente in commercio. Non potrebbe essere altrimenti, visto che lEV dovrà convivere a listino con le motorizzazioni endotermiche: specchietti retrovisori, cofano e parafanghi sembrano infatti identici alla nuova generazione dellF-150 [3] presentata negli Stati Uniti lo scorso giugno. POSSIBILI SINERGIE TECNICHE CON RIVIAN. Le caratteristiche tecniche non sono state ancora rilasciate, ma la COLLABORAZIONE SIGLATA CON LA RIVIAN [4] potrebbe portare alla condivisione di alcuni elementi fondamentali in ottica powertrain. La Casa, in particolare, prevede la presenza di un motore per asse in modo da offrire così la trazione integrale, ma nessuna informazione è nota in relazione alla potenza e allautonomia. Se, tuttavia, davvero ci fossero similitudini tra lF-150 EV e il RIVIAN R1T [5], potremmo immaginare potenze superiori ai 700 CV e batterie da 180 kWh per superare i 600 km di autonomia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/17/FORD_AL_VIA_LA_PRODUZIONE_DELL_F_150_AL_ROUGE_CENTER_UN_PADIGLIONE_PER_LA_VARIANTE_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/26/FORD_F_150_2020_CARATTERISTICHE_MOTORE_IBRIDO_ELETTRICO_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/29/FORD_SVILUPPERA_CON_LA_RIVIAN_UNA_ELETTRICA_A_MARCHIO_LINCOLN.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/26/RIVIAN_R1T_DEBUTTA_IL_PICK_UP_ASPETTANDO_LA_SUV_R1S.HTML 2020-09-18 11:53:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/18/gruppo_fca_leasys_fiumicino_10_colonnine_ricarica_rapida_veicoli_elettrici/gallery/rbig/2020-fca-leasys-fiumicino-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32402 FCA-Leasys - Installate 10 colonnine per la ricarica rapida a Fiumicino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32402&tipo=fv Il GRUPPO FCA [1] prosegue le attività legate alla sua strategia di elettrificazione della gamma e con gli investimenti sulle infrastrutture per i veicoli e a zero e basse emissioni. Dopo aver inaugurato a Mirafiori il primo esempio di VEHICLE-TO-GRID [2], che in futuro potrà contare su 700 stalli, e aver introdotto, tramite LEASYS, 14 nuovi stalli presso la stazione di TORINO PORTA SUSA [3], la controllata del costruttore italoamericano ha installato allaeroporto di Fiumicino 10 nuove colonnine di ricarica rapida da 22 kW. 1.200 COLONNINE NEI 400 STORE LEASYS. Il progetto è frutto, ancora una volta, della collaborazione tra Leasys ed Enel X: le colonnine, infatti, si possono trovare presso il Mobility Store dello scalo romano della società di FCA. Si tratta di una delle iniziative che porterà entro la fine del 2020, secondo le previsioni dellazienda, a garantire 1.200 punti di ricarica presso i 400 Store presenti in Italia. Di pari passo, il 60% della flotta di veicoli sarà elettrificato entro il termine del 2021. NOLEGGI FLESSIBILI. Per offrire ai clienti unesperienza semplice ed efficace, sarà possibile identificare i punti di ricarica attraverso il servizio e-parking integrato nellapp CarCloud e sul sito MOBILESTORE.LEASYS.COM. Sono inoltre previste nuove formule di noleggio, con pacchetti che includono la possibilità di utilizzare di volta in volta veicoli elettrificati con powertrain differenti in base alle proprie necessità. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA0 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/09/14/GRUPPO_FCA_MIRAFIORI_VEHICLE_TO_GRID.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/09/08/LEASYS_14_NUOVI_PUNTI_DI_RICARICA_STAZIONE_TORINO_PORTA_SUSA.HTML 2020-09-18 10:57:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/18/tesla_vinta_la_causa_contro_un_ex_dipendente_accusato_di_hackeraggio_/gallery/rbig/2020-Tesla%20(1).jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32403 Tesla - Vinta la causa contro un ex dipendente accusato di hackeraggio http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32403&tipo=fv La TESLA [1] ha vinto la CAUSA CONTRO MARTIN TRIPP [2], lex dipendente accusato di hackeraggio e di aver trasmesso a terzi informazioni e gigabyte di dati di proprietà dellazienda. La Corte distrettuale del Nevada ha accettato la mozione della Tesla, definendola supportata da ragioni convincenti e incontrastate, negando altresì allaccusato una richiesta di replica che è stata giudicata non necessaria. LANTEFATTO. La vicenda risale al giugno del 2018. Lingegnere era stato licenziato dalla Casa di Palo Alto avendo ammesso di aver hackerato il sistema operativo di produzione della Tesla tramite un software appositamente elaborato. Il codice informatico serviva ad esportare sistematicamente dati e informazioni riservate poi trasmesse al di fuori dellazienda. La Tesla aveva anche imputato a Tripp di aver dichiarato il falso ai media americani, parlando di celle batteria danneggiate utilizzate su alcuni esemplari di Model 3 e testimoniando ritardi inesistenti nellintroduzione di nuove apparecchiature per la produzione. Alla base del comportamento dellex dipendente, secondo la Casa, cera la volontà di vendicarsi di un ricollocamento non voluto allinterno dellazienda. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/06/21/TESLA_EX_DIPENDENTE_ACCUSATO_DI_SABOTAGGIO.HTML 2020-09-18 10:57:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/18/gruppo_fca_leasys_fiumicino_10_colonnine_ricarica_rapida_veicoli_elettrici/gallery/rbig/2020-fca-leasys-fiumicino-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32401 Gruppo FCA - Leasys, installate 10 colonnine per la ricarica rapida a Fiumicino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32401&tipo=fv Il GRUPPO FCA [1] prosegue le attività legate alla sua strategia di elettrificazione della gamma e con gli investimenti sulle infrastrutture per i veicoli e a zero e basse emissioni. Dopo aver inaugurato a Mirafiori il primo esempio di VEHICLE-TO-GRID [2], che in futuro potrà contare su 700 stalli, e aver introdotto, tramite LEASYS, 14 nuovi stalli presso la stazione di TORINO PORTA SUSA [3], proprio la controllata del costruttore italoamericano ha installato allaeroporto di Fiumicino 10 nuove colonnine di ricarica rapida da 22 kW. 1.200 COLONNINE NEI 400 STORE LEASYS. Il progetto è frutto, ancora una volta, della collaborazione tra Leasys ed Enel X: le colonnine, infatti, si possono trovare presso il Mobility Store dello scalo romano della società di FCA. Si tratta di una delle iniziative che porterà entro la fine del 2020, secondo le previsioni dellazienda, a garantire 1.200 punti di ricarica presso i 400 Store presenti in Italia. Di pari passo, il 60% della flotta di veicoli sarà elettrificato entro il termine del 2021. NOLEGGI FLESSIBILI. Per offrire ai clienti unesperienza semplice ed efficace, sarà possibile identificare i punti di ricarica attraverso il servizio e-parking integrato nellapp CarCloud e sul sito MOBILESTORE.LEASYS.COM. Sono inoltre previste nuove formule di noleggio, con pacchetti che includono la possibilità di utilizzare di volta in volta veicoli elettrificati con powertrain differenti in base alle proprie necessità. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA0 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/09/14/GRUPPO_FCA_MIRAFIORI_VEHICLE_TO_GRID.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/09/08/LEASYS_14_NUOVI_PUNTI_DI_RICARICA_STAZIONE_TORINO_PORTA_SUSA.HTML 2020-09-18 10:01:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/17/tesla_model_y_al_volante_della_suv_elettrica/gallery/rbig/2020-tesla-model-y-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32400 Tesla - Tesla Model Y Performance: peccato dover aspettare - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32400&tipo=fv Il Covid ha messo in ginocchio il mercato dellauto, ma sono sicuro che se la TESLA MODEL Y [1] si potesse comprare già adesso, sarebbero in molti a farci un pensierino. Se elettrico devessere, infatti, questa sport-utility molto sport (ma anche in un certo senso molto utility) ha davvero tanti vantaggi: e forse, la prima a farne le spese sarebbe proprio la MODEL 3 [2], una berlina-quasi-coupé che non va bene per tutti. PRESTAZIONI E NON SOLO. Con tanti centimetri in più sulla testa e nel bagagliaio, un posto guida più ecumenico, una visibilità migliore (tranne dietro), la Model Y piace già tanto. Come piacciono le sue prestazioni, assolutamente non penalizzate da una carrozzeria più alta: con 462 CV, la Suv può vantare unaccelerazione da 0 a 100 km/h in 3,7 secondi. Cè ancora da aspettare per averne una in Europa, a meno di non importarla dagli Usa come ha fatto un amico rumeno che ce lha poi prestata grazie ai buoni uffici di MATTEO VALENZA [3] e TESLA OWNERS ITALIA [4]. Trovate tutte le nostre impressioni nel video. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/15/TESLA_MODEL_Y_FOTO_PREZZO_USCITA_AUTONOMIA_DIMENSIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2019/TESLA_MODEL_3_LA_PROVA_DELLA_LONG_RANGE_AWD.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.YOUTUBE.COM/CHANNEL/UCCLZGL_S1MKTLZZRUZQGWEQ [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://TESLAOWNERS.IT/ 2020-09-18 08:38:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/17/automotive_dealer_day_bene_gli_incentivi_ma_occorre_affrontare_nuove_sfide/gallery/rbig/dealer.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32399 Automotive Dealer Day - Bene gli incentivi, ma occorre affrontare nuove sfide http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32399&tipo=fv Si è conclusa ledizione 2020 dellAutomotive Dealer Day, che questanno si è svolta in forma digitale. Molti i temi affrontati: dal futuro della distribuzione auto allimpatto della crisi sanitaria sulle attività dei dealer; dalle nuove proposte per migliorare il service alla prossime sfide della tecnologia e la gestione dei clienti in remoto. Unedizione, questa, che è stata anche loccasione per una profonda riflessione per il settore in un momento difficile per gli operatori e per i consumatori. Dopo la fase più buia della crisi da Covid-19" ha detto Andrea Cardinali, direttore generale dellUnrae, "restano fosche le prospettive dellindustria automotive europea nonostante la ripartenza delle attività. Cè stato solo un attenuarsi della tendenza negativa. Daccordo, gli incentivi stanno danno una mano al settore, ma si poteva fare di meglio. Che cosa? "Restano", continua Cardinali "i limiti del pacchetto così come disegnato, con il plafond di 100 milioni di euro destinato ai veicoli della fascia di emissioni di 91-110 g/km di CO2 già esaurito dopo meno di 2 settimane. Allo stesso tempo, restano a oggi disponibili circa 300 milioni di fondi nelle altre fasce di emissione, parte dei quali probabilmente avanzeranno a fine anno. CORREGGERE IL TIRO. Dello stesso avviso è il presidente di Federauto Adolfo De Stefani Cosentino: "Non chiediamo contributi a fondo perduto: i 50 milioni di euro stanziati dal Governo per agosto si sono concretizzati nellacquisto da parte di privati di 14 mila auto in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno, con lincasso di circa 70 milioni di euro di Iva da parte dello Stato. Ma se questi 50 milioni di agosto sono stati esauriti in 5 giorni e i 100 milioni di settembre in 12, forse cè qualcosa da correggere". De Stefano Cosentino pensa a una rivalutazione del diesel: "Per dare ossigeno al comparto e non generare distorsioni di mercato, è importante che gli incentivi non siano clusterizzati a fasce: il diesel di oggi presenta emissioni fino a 35 volte inferiori rispetto alle auto prodotte venti o trentanni fa". DEALER IN TRINCEA. Anche i concessionari intervenuti non hanno nascosto le difficoltà che li attendono e le prossime sfide. Da un lato le Case, che vorrebbero ridimensionarli con progetti di vendite online e consegna della vettura a domicilio. Dallaltra parte loro, gli imprenditori, che si trovano a dover fronteggiare una delle peggiori crisi della storia, dove non solo si è verificato a un calo delle vendite, ma si è assistito anche a un deciso mutamento dei rapporti con la clientela. Un cambiamento che impone reazioni veloci, scelte coraggiose e a un ripensamento del modello di business. E gli automobilisti? Sono più informati, più attenti, ma molto più volubili che in passato. Ed è difficoltoso approcciarli: faticoso acquisire la loro fiducia, facilissimo perderla. Il futuro tra elettrico e noleggio. Altro tema affrontato nelle sale virtuali del Dealer Day è stato quello della mobilità elettrica. Nellormai inevitabile processo di elettrificazione della mobilità", ha detto Michele Crisci, presidente dellUnrae, "la partita fondamentale si gioca sul campo dellinfrastrutturazione. Ma siamo in ritardo e ci vuole un piano almeno quinquennale di investimento e un piano decennale di incentivi. Si tratta di un processo costoso, visto che la singola installazione di una colonnina fast-charge costa allincirca 200 mila euro, ma è indispensabile per un Paese come il nostro, che vive di turismo. Anche il tema del possesso invece della proprietà è stato toccato a più riprese. Una parte dei dealer ha sottolineato lequivoco nel considerare i noleggiatori come dei non concorrenti: se questi operatori offrono piani triennali con una vettura e servizi, i concessionari vendono comunque meno auto. Per evitare ciò, chi può permetterselo, deve avere la forza di entrare in questo mercato. Solo così la funzione del dealer potrà dirsi veramente completa, quando potrà offrire al cliente tutte le opzioni disponibili. 2020-09-17 20:33:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/17/emissioni_auto_il_parlamento_europeo_chiede_regole_piu_severe/gallery/rbig/1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32398 Emissioni NOx - Test su strada, lEuropa vuole inasprire le regole http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32398&tipo=fv Il Parlamento europeo chiede norme più severe per i test su strada e vota contro il fattore di conformità, una regola nel calcolo delle EMISSIONI [1] che permette ai costruttori di poter contare su maglie più larghe sul fronte dei limiti di NOx consentiti per le Euro 5 ed Euro 6. Secondo i parlamentari, entro il 2022 tale fattore dovrà essere azzerato e, nel frattempo, progressivamente diminuito affinché il valore delle emissioni dei nuovi veicoli Euro 6 testati su strada aderisca il più possibile alle misure previste per legge. QUALI SONO GLI EFFETTI. Il fattore di conformità è stato introdotto nel 2016 per far fronte alla stretta sulle emissioni seguita al dieselgate. In sostanza la procedura ammette, nellambito dei test su strada in condizioni di guida reali, un margine di tolleranza rispetto ai limiti fissati dalle normative anti-inquinamento: nel ragionamento dei legislatori, il fattore di conformità "bilancia" il potenziale margine derrore dei sistemi portatili (i cosidetti Pems) utilizzati nei test Rde (acronimo di Real driving emission) per misurare gli ossidi di azoto. Il fattore di conformità in vigore fino alla fine del 2020 è pari a 2,1: ciò permette, per esempio, di omologare veicoli diesel Euro 6 con valori di NOx fino a 168 mg/km anziché fino a 80 mg/km, come previsto dalla normativa. Per gennaio è già previsto un abbassamento della soglia a 1,43, ma con le regole attualmente in vigore. SCENDERE SUBITO A 1,32. Il Parlamento europeo, invece, vuole che il fattore di conformità sia ridotto anno dopo anno: dopo una diminuzione immediata da 1,43 a 1,32, il valore dovrebbe essere ulteriormente abbassato fino al suo azzeramento entro il 30 settembre 2022, mentre in seguito i dati dei test effettuati in condizioni di guida reali dovranno essere utilizzati per determinare il rispetto dei limiti di emissione dellUe, senza alcun aggiustamento. Tutto ciò, nonostante la stragrande maggioranza dei modelli rispetti pienamente le regole: lo ha confermato, già nel 2019, la stessa organizzazione indipendente Transport and Environment, per cui l87% dei risultati di TEST RDE [2] di motori diesel Euro 6d-temp e Euro 6d rientrava già negli 80 mg/km di NOx. Ma non è finita qui: il Parlamento ha anche chiesto alla Commissione europea di stabilire, entro giugno 2021, "requisiti più severi" per i Pems. LEuropa, ora, dovrà avviare i negoziati con gli Stati membri dellUe per concordare le regole finali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/EMISSIONI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/08/31/CONSUMI_ED_EMISSIONI_ENTRANO_IN_VIGORE_I_TEST_WLTP_ED_RDE.HTML 2020-09-17 20:00:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/17/renault_una_nuova_campagna_dedicata_alla_gamma_elettrificata/gallery/rbig/2020-renault-campagna-elettrificate-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32397 Renault - Una nuova campagna dedicata alla gamma elettrificata http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32397&tipo=fv Forte delle 2.807 immatricolazioni della Zoe in questo 2020, che si conferma lelettrica più venduta in Italia, del recente lancio della gamma ibrida E-Tech e della Twingo a emissioni zero, in arrivo a novembre e GIà ORDINABILE [1], la Renault dà il via a uninedita campagna commerciale dedicata alle proprie vetture elettrificate. SHOWROOM VIRTUALE. Liniziativa commerciale, battezzata Electric mobility for you, verrà lanciata su varie piattaforme e, sul web, porterà in dote il lancio di un nuovo showroom digitale, con esperti a disposizione degli internauti sette giorni su sette, dalle ore 10.00 alle 21.00, per mostrare in tempo reale le caratteristiche delle auto più ecologiche della Régie e rispondere alle domande in live chat. TEST DRIVE. Nelle concessionarie vere e proprie, invece, ci sarà la possibilità di testare la gamma ibrida. Si tratta, quindi, delle versioni E-Tech dei modelli Clio, Captur e, a breve, della Mégane, CHE ABBIAMO GIà GUIDATO [2], per loccasione equipaggiate con un dispositivo che valuta le performance di guida del cliente in termini di efficienza ed ecologia. Al termine della prova, verrà consegnato al visitatore dello showroom una sorta di diploma come ricordo dellesperienza. Le stesse concessionarie, inoltre, effettueranno delle dirette streaming in occasione dei lanci e di altri eventi previsti per la rete commerciale della Penisola. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/09/11/RENAULT_TWINGO_ELECTRIC_AUTONOMIA_PREZZI_ALLESTIMENTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/07/07/RENAULT_AL_VOLANTE_DELLE_CLIO_CAPTUR_E_MEGANE_E_TECH.HTML 2020-09-17 19:05:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/17/citroen_e_spacetourer_caratteristiche_prezzi_e_allestimenti/gallery/rbig/2020-citroen-e-spacetourer-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32396 Citroën ë-Spacetourer - In Italia con prezzi a partire da 48.250 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32396&tipo=fv La CITROëN [1] apre gli ordini in Italia per la ë-SPACETOURER. La monovolume elettrica è proposta a partire da 48.250 euro e sarà in consegna entro la fine del 2020. La vettura affianca le già note Ami, ë-C4, C5 Aircross Hybrid, ë-Jumpy ed ë-Jumper nella inedita gamma elettrificata del marchio francese. Il modello sarà disponibile negli allestimenti Feel, Shine, Business e Business Lounge. I clienti privati potranno scegliere le prime due varianti con la carrozzeria M ed XL e lo spazio per cinque, sette oppure otto persone. Sulle versioni Business sono invece previste sempre due lunghezze con sei, sette, otto o nove posti. FINO A 330 KM DI AUTONOMIA. Per tutti gli allestimenti è previsto di serie il caricabatterie di bordo da 7,4 kW monofase con cavo Mode 2. Le batterie sono proposte nelle versioni da 50 o 75 kWh, che offrono rispettivamente 230 e 330 km di autonomia nel ciclo Wltp: laccumulatore più capiente sarà tuttavia commercializzato solo a partire dal 2021, a prezzi ancora da concordare. Con i sistemi rapidi a 100 kW è quindi possibile recuperare l80% della carica in 30 minuti per il modello da 50 kW. Lunico propulsore previsto è quello da 136 CV e 260 Nm, con tre modalità di guida (Normal, Eco e Power) e una velocità massima limitata a 130 km/h. Listino prezzi Citroën ë-Spacetourer: Citroën ë-Spacetourer Feel M 50 kWh: 50.100 Euro Citroën ë-Spacetourer Feel XL 50 kWh: 51.000 Euro Citroën ë-Spacetourer Shine M 50 kWh: 57.400 Euro Citroën ë-Spacetourer Shine XL 50 kWh: 58.300 Euro Citroën ë-Spacetourer Business M 50 kWh: 48.250 Euro Citroën ë-Spacetourer Business XL 50 kWh: 49.150 Euro Citroën ë-Spacetourer Business Lounge M 50 kWh: 55.950 Euro Citroën ë-Spacetourer Business Lounge XL 50 kWh: 56.850 Euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN 2020-09-17 17:41:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/17/tecnologie_di_bordo_al_via_partnership_tra_here_e_inrix/gallery/rbig/2020_here_inrix.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32395 App di bordo - Al via la partnership tra Here e Inrix http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32395&tipo=fv HERE TECHNOLOGIES [1], azienda che fornisce dati di mappatura e servizi a privati e aziende, ha chiuso un accordo con la società di analisi del traffico INRIX per offrire soluzioni di parcheggio ai propri clienti (tra cui le Case automobilistiche azioniste: Audi, BMW e Daimler). Grazie a questa partnership, il servizio Parking di Here sfrutterà i dati statici e dinamici delle soste su strada in più di 1.100 città (65 Paesi) e i dati dei parcheggi fuori strada in più di 20 mila centri (150 Paesi) già presenti nel database di Inrix. HERE PARKING. La società con base ad Amsterdam, che affonda le sue radici nella statunitense NAVTEQ, poi acquisita dalla finlandese NOKIA nel 2007, con il suo servizio di parcheggio guida così gli automobilisti alle postazioni libere, ma li aiuta anche a trovare la propria vettura nei grandi spazi per la sosta. Inoltre, lapplicazione mappa anche i percorsi e segnala i punti di ricarica dei veicoli elettrici. "Mentre continuiamo a costruire un robusto ecosistema end-to-end di soluzioni per auto connesse sulla piattaforma Here, vediamo questa partnership come un primo passo naturale verso un futuro di e-commerce in-car", ha detto EDZARD OVERBEEK, amministratore delegato di Here Technologies. Al manager fa eco il commento di BRYAN MISTELE, presidente e ad di Inrix: "Il nostro obiettivo è sempre stato quello di creare le migliori soluzioni di mobilità per gli automobilisti e la partnership con Here ci porta un passo avanti. Questa alleanza aiuterà gli automobilisti di tutto il mondo a trovare parcheggi in maniera più semplice e più veloce. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HERE 2020-09-17 17:41:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/17/ford_al_via_la_produzione_dell_f_150_al_rouge_center_un_padiglione_per_la_variante_elettrica/gallery/rbig/2020-ford-f-150-produzione-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32393 Ford - Al via la produzione dellF-150, al Rouge Center un padiglione per la variante elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32393&tipo=fv La FORD [1] ha in programma di investire circa 700 milioni di dollari per produrre la nuova gamma del pick-up F-150 [2], il modello più venduto della sua intera offerta commerciale. Il progetto dellOvale Blu prevede, in particolare, lampliamento dellimpianto di River Rouge, la fabbrica più grande e antica (lavvio dei lavori di costruzione risale al 1917) della Casa, a pochi chilometri dalla sede di Dearborn, in Michigan. I DETTAGLI. I 700 milioni di dollari sono stati stanziati per avviare lo sviluppo del nuovo F-150 (lultimo restyling risale al 2014), inclusa la variante ibrida PowerBoost, e per realizzare un nuovo complesso produttivo destinato, entro la metà del 2022, ad assemblare anche la versione elettrica del pick-up. La Ford ha inoltre in programma di assumere 300 nuovi dipendenti per assegnarli alle linee di montaggio delle batterie e alla produzione delle versioni elettrificate del modello. Includendo gli investimenti annunciati lanno scorso per il BRONCO [3] e il Ranger a Wayne, le risorse finanziarie che la Ford ha stanziato per i prossimi tre anni nel solo Michigan superano gli 1,45 miliardi di dollari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/26/FORD_F_150_2020_CARATTERISTICHE_MOTORE_IBRIDO_ELETTRICO_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/FORD_BRONCO_2020_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_USCITA.HTML 2020-09-17 16:48:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/09/17/alfa_jeep_grosso_alla_sfida_del_mercato_retail/gallery/rbig/2020_grosso_alfa_jeep.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32394 Alfa Romeo e Jeep - Alessandro Grosso alla sfida del mercato retail http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32394&tipo=fv Il 40% delle JEEP [1] è ad appannaggio del mondo business, percentuale che sale al 70% per le ALFA ROMEO [2]: ce lo ha detto ALESSANDRO GROSSO [3], neo country manager per lItalia di Alfa Romeo e Jeep, nellintervista pubblicata sul nuovo numero di FLEET BUSINESS, in distribuzione diretta proprio in questi giorni. Grosso, che il mondo corporate lo conosce bene, si trova ora ad affrontare un mercato dei privati con volumi ridotti, visto lo stop della produzione della GIULIETTA: La mia sfida - ha detto il manager - è di mantenere quote di vendita sostenibili in questo segmento in attesa dellarrivo della TONALE [4], che farà il suo debutto nel quarto trimestre 2021. Intanto si gode larrivo delle ibride plug-in RENEGADE E COMPASS 4XE [5], le nuove proposte del brand Jeep che, sottolinea Grasso, è passato dallessere un marchio di nicchia a uno di quelli che ormai occupa costantemente le prime posizioni del ranking nazionale. LAIUTO DEGLI INCENTIVI. Renegade e Compass 4xe plug-in hybrid possono godere degli incentivi che prevedono un bonus statale, in caso di rottamazione, di 4.500 euro, da sommare ad ulteriori 2.000 euro a carico del concessionario. Una spinta interessante, ma ci tengo a sottolineare - aggiunge Grosso - come il marchio Jeep abbia deciso, anche sulle motorizzazioni non incluse nelle fasce incentivate, di garantire sempre uno sconto analogo o spesso superiore agli ecobonus. Sconti che affiancano le diverse e innovative formule di acquisizione offerte dalla captive della Casa, la LEASYS [6], come per esempio Jeep e Alfa Miles, che prevedono anticipo zero, una ridotta rata mensile (per una Stelvio bastano 399 euro al mese) e un successivo esborso a seconda degli effettivi chilometri percorsi: una soluzione interessante fino a percorrenze di 15/20 mila chilometri annui. Tra le alternative cè anche Noleggio Chiaro, grazie al quale il cliente può sapere, fin dalla sottoscrizione del contratto, il prezzo a cui potrà acquistare la vettura al termine del noleggio. Tra i finanziamenti, poi, a settembre è stata lanciata la formula Jeep Flexi, grazie alal quale il cliente può decidere quando iniziare a pagare le rate: a 1, 3 o 6 mesi dallacquisto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/JEEP [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALFA-ROMEO [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALESSANDRO_GROSSO [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TONALE [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RENEGADE-COMPASS [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASYS 2020-09-17 16:48:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/17/_24_ore_di_le_mans_le_novita_dell_edizione_numero_88/gallery/rbig/2020-le-mans-toyota.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32392 24 Ore di Le Mans - Le novità delledizione numero 88 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32392&tipo=fv Il 2020 è certamente un anno fuori dagli schemi e anche la celeberrima 24 ORE DI LE MANS non farà eccezione. Dopo il rinvio da giugno a settembre, il conto alla rovescia è praticamente ormai terminato: siamo già NEL PIENO DELLOTTANTOTTESIMA EDIZIONE della celeberrima gara di durata francese. Per la prima volta nel corso della sua storia si correrà a porte chiuse, senza quellatmosfera speciale che solo il weekend della 24 ore può dare. Ma ladrenalina in pista sarà assicurata dai 59 EQUIPAGGI PRONTI A DARE SPETTACOLO lungo i 13 chilometri del Circuit de la Sarthe. EQUIPAGGI E CATEGORIE. La 24 Ore di Le Mans è da sempre sinonimo di velocità e sfida tecnologica ai massimi livelli. E oltre alle mille difficoltà tipiche di questa corsa, questanno si aggiungeranno altre variabili tipicamente settembrine: meno ore di luce a disposizione, temperature più basse e un meteo ancor più ballerino che potrebbe riservare parecchie sorprese durante larco della gara. Al via delledizione 2020 della 24 Ore di Le Mans ci saranno in tutto 59 equipaggi: 5 prototipi si sfideranno nella classe regina, la LMP1, dove il team Toyota Gazoo Racing parte con i favori del pronostico. Saranno invece 24 gli equipaggi che si contenderanno la vittoria nella categoria LMP2. Nella GTE-Pro gli equipaggi saranno 8 per un triangolare stellare tra Ferrari, Porsche e Aston Martin, mentre nella GTE-Am gli sfidanti saranno ben 22. La grande classica francese è anche il penultimo appuntamento del Mondiale Endurance 2019-2020 e lassegnazione dei doppi punti sarà determinante per le varie classifiche. In particolar modo, in LMP1 i leader sono attualmente Lopez, Kobayashi e Conway del team Toyoga Gazoo Racing, mentre in LMP2 i leader sono Albuquerque e Hanson della United Autosport. A chiudere i giochi in campionato sarà la 8 ore del Bahrain, in programma il 14 novembre. ITALIANI IN PISTA. Per il quarto anno consecutivo, il team Cetilar Corse schiererà un prototipo in LMP2 con telaio Dallara e motore Gibson, affidata al trio formato da Roberto Lacorte, Andrea Belicchi e Giorgio Sernagiotto. La Ferrari avrà ben 16 equipaggi questanno, di cui ben 12 in GTE-Am e 4 in GTE-Pro. Nel complesso, ci saranno 18 piloti italiani sparsi nei vari equipaggi, tra cui Gianmaria Bruni, Giancarlo Fisichella, Alessandro Pier Guidi, Davide Rigon e Matteo Cairoli. GIRO DONORE PER LA PEUGEOT. Lo starter ufficiale della 24 Ore di Le Mans di questanno sarà il presidente del Gruppo PSA, Carlos Tavares. Domani, infatti, la Peugeot approfitterà dellevento per svelare maggiori dettagli circa il suo ritorno nelle gare endurance e a Le Mans gli sarà data lopportunità di celebrare il glorioso passato della Casa del Leone. Tavares, alle 13.05 di sabato, si metterà alla guida delliconica Peugeot 908 per un giro di pista del Circuit de la Sarthe. Non sarà lunica celebrazione per un ritorno, perché anche Goodyear non rimarrà a guardare: per celebrare levento, il costruttore di pneumatici farà volare dopo 35 anni dassenza in Europa il suo Blimp, il dirigibile semirigido più grande al mondo. IL PROGRAMMA DELLA GARA. Il lungo fine settimana di gara della 24 Ore di Le Mans è già entrato nel vivo con le prime prove libere di oggi e la prima parte delle qualifiche. La novità di questanno è data dallistituzione della Hyperpole: 30 minuti di prove cronometrate a disposizione dei migliori 6 equipaggi per categoria che andranno a definire la griglia di partenza definitiva. Sarà possibile seguire la gara in diretta tv su Eurosport, mentre sul sito 24-united.com sarà possibile seguire lo streaming della corsa e i contenuti video e audi esclusivi. GIOVEDì 17 SETTEMBRE Prove libere 1: 10:00 13:00 Prove libere 2: 14:00 17:00 Qualifica 1: 17:15 18:00 Prove libere 3: 20:00 00:00 VENERDì 18 SETTEMBRE Prove libere 4: 10:00 11:00 Hyperpole: 11:30 12:00 SABATO 19 SETTEMBRE Warm-up: 10:15 11:00 Gara: 14:30 2020-09-17 16:24:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/07/31/emissioni_rimandato_il_blocco_delle_euro_4_diesel_in_quattro_regioni/gallery/rbig/scarichi-auto-emissioni.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32391 Euro 4 diesel - Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto posticipano i blocchi al 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32391&tipo=fv Quattro Regioni prorogheranno di comune accordo alcune misure anti-inquinamento, tra cui il BLOCCO DEI VEICOLI EURO 4 DIESEL [1], dall1 ottobre 2020 all1 gennaio 2021. La decisione è stata presa durante i lavori del tavolo del Bacino Padano dalle amministrazioni di Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto. EFFETTO CORONAVIRUS. "I presidenti delle Regioni - spiegano gli assessori regionali allAmbiente delle rispettive giunte - si erano già sentiti nei giorni scorsi per condividere questa scelta, ovvero lo slittamento del blocco dei diesel Euro 4 dal 1 ottobre, come sarebbe previsto dallaccordo di Bacino Padano, al primo gennaio 2021. Tale provvedimento, precisano è supportato da una serie di motivazioni, tra cui la condizione di emergenza straordinaria legata al Covid che sta avendo anche effetti importanti di carattere socio economico. PREVISTI INTERVENTI SULLE CALDAIE. A fronte di questa decisione, Lombardia, Emilia-Romagna, Piemonte e Veneto stanno valutando misure compensative al blocco. Bisogna, per esempio, ragionare sugli impianti di riscaldamento ha detto Raffaele Cattaneo, assessore regionale allAmbiente della Lombardia in particolare su quelli a biomassa, che abbiamo visto essere il punto più critico per le polveri. Lavoreremo con i nostri tecnici per un aggiornamento dellaccordo di Bacino Padano ha aggiunto poi Cattaneo - da sottoporre in autunno ai presidenti delle Regioni e al ministero dellAmbiente, in modo tale da valutare ulteriori modifiche da attuare dal primo di gennaio 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2018/10/23/SMOG_MILANO_SCATTA_IL_BLOCCO_DELLE_DIESEL_EURO_4.HTML 2020-09-17 15:24:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/17/recovery_fund_nelle_linee_guida_mobilita_green_e_rafforzamento_dei_trasporti/gallery/rbig/2020-Giuseppe-Conte-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32390 Recovery Fund - Nelle linee guida mobilità elettrica e revisione delle concessioni autostradali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32390&tipo=fv Un piano ambizioso, che dovrebbe consentire allItalia di accedere ai 208,6 miliardi messi per lei sul piatto dallEuropa con il RECOVERY FUND. quello presentato nelle linee guida del "Piano nazionale di ripresa e resilienza" che il presidente GIUSEPPE CONTE ha inviato alle Camere, con lobiettivo di portare nel lungo termine la crescita italiana alla media europea dell1,6% e il tasso di occupazione dal 63% attuale al 73,2%. A tal fine, sono sei le "missioni" individuate dal governo: due di queste, la rivoluzione verde e la transizione ecologica da un lato e le infrastrutture per la mobilit dallaltro, coinvolgono anche il mondo dellautomotive. Senza dimenticare la revisione delle concessioni autostradali e lo sviluppo del 5G. LA MOBILITà. Oltre a una graduale decarbonizzazione nei trasporti, con interventi a sostegno della mobilità pubblica e privata a basso impatto ambientale (proprio ieri Ursula Von der Leyen ha annunciato la proposta della Commissione Europea di INASPRIMENTO DEI TARGET DI RIDUZIONE DELLE EMISSIONI [1]), il piano prevede il completamento dei corridoi ferroviari delle reti transeuropee (Ten-T), il rafforzamento dellalta velocità per passeggeri e merci e un ulteriore sviluppo di strade, autostrade, ponti, viadotti e porti. Non solo: è in programma anche la nascita di nuovi smart district, i quartieri "intelligenti" con soluzioni tecnologiche estese anche al trasporto pubblico. LE AUTOSTRADE. Quanto allo specifico caso delle autostrade, è prevista la revisione delle concessioni "al fine di garantire maggiore trasparenza e competitività tra gli operatori e il corretto equilibrio tra linteresse pubblico e quello imprenditoriale, nonché il costante miglioramento del servizio per gli utenti, dando tempestiva attuazione alle delibere dellAutorità di regolazione dei Trasporti". COLONNINE VELOCI. La stessa rete autostradale, come prevede il documento, dovrà dotarsi di colonnine per la ricarica veloce, per supportare al meglio la crescente diffusione delle auto elettriche. Non una novità, a dire il vero: Enel X installerà in autostrada le prime infrastrutture a 350 kW ENTRO LA FINE DELLANNO [2], con lobiettivo di avere a regime una stazione di ricarica ogni 80 km. IL 5G. Infine, un piccolo accenno alle telecomunicazioni: insieme al completamento della rete nazionale in fibra ottica, sono previsti degli interventi per lo sviluppo del 5G. Comè noto, questa tecnologia è fondamentale per lo sviluppo e la diffusione della guida autonoma, oltre che per limplementazione dei sistemi di comunicazione tra lautomobile e la rete (V2X, "vehicle-to-everything"). Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/09/17/unione_europea_von_der_leyen_emissioni_ridotte_del_55_nel_2030.html [2] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/09/15/francesco_venturini_caricheremo_l_auto_come_lo_smartphone.html 2020-09-17 14:04:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/17/punti_di_ricarica_colonnine_la_situazione_in_italia_e_in_europa_372242977/gallery/rbig/2020-colonnine.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32389 Punti di ricarica - Colonnine, la situazione in Italia e in Europa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32389&tipo=fv Addio allansia da ricarica: è questo lauspicio dei possessori di auto elettriche, i quali possono ora confidare in autonomie decisamente superiori rispetto al passato e, soprattutto, in uninfrastruttura pubblica sempre più diffusa. LA SITUAZIONE IN ITALIA. Quello dei punti di ricarica è un aspetto fondamentale per la diffusione delle auto elettriche e ibride plug-in. Se fino a qualche anno fa le infrastrutture di ricarica - soprattutto quelle rapide - erano sostanzialmente un miraggio, nellultimo periodo sono stati fatti grandi passi avanti, sia in città, sia lungo le grandi direttrici sovranazionali. Secondo lEafo, lOsservatorio europeo sulla mobilità ecologica, in Italia sono presenti almeno 11.837 punti di ricarica (uno ogni cinque vetture elettriche o ibride plug-in) sui circa 250 mila del Vecchio continente. Paesi come Francia e Germania, però, fanno meglio, rispettivamente con 38.099 e 41.461 punti e una "densità" di sette veicoli elettrici o ibridi plug-in per ciascuna palina; mentre la Norvegia, dove circolano già più di 286 mila auto elettriche e oltre 117 mila Phev, conta un punto di ricarica ogni 24 elettriche o plug-in. LE POTENZE. Sempre dallEafo, si apprende che degli 11.837 punti in Italia, 10.884 offrono la ricarica fino a 22 kW (come la JUICEPOLE [1] di Enel X, destinata a diventare linfrastruttura più diffusa sul territorio italiano dopo la sostituzione delle precedenti Pole Station,); gli altri 953, invece, supportano potenze superiori fino a 50 kW (colonnine fast) e fino a 350 kW (super fast). Tra queste colonnine, che operano a corrente continua, ci sono le ormai note stazioni TESLA SUPERCHARGER [2] e quelle del consorzio IONITY [3], di cui fa parte anche Enel X. I PROSSIMI ANNI. Quanto al futuro, una forte spinta alla realizzazione di nuove stazioni è giunta dal DECRETO SEMPLIFICAZIONI [4], che ha ridotto da 18 a una le autorizzazioni richieste per linstallazione delle colonnine. Non solo: secondo lo stesso decreto, tutte le aree di servizio in autostrada e sulle principali arterie extraurbane dovranno dotarsi di un punto di ricarica, mentre i Comuni saranno obbligati a prevedere almeno uninfrastruttura ogni mille abitanti. Il risultato dovrebbe essere un importante incremento dei punti di ripristino, in prospettiva circa 60 mila. 28 mila, di cui almeno 6 mila di tipo veloce, sono invece quelli che Enel X prevede di implementare entro il 2022: i punti di ricarica già installati dalla business line del Gruppo Enel sono oltre 10mila, compresi quelli del PROGETTO EVA+ [5]. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2018/09/21/e_mobility_revolution_2018_enel_x_lancia_nuove_wallbox_compatte_ed_economiche.html [2] https://www.quattroruote.it/tags/tesla-supercharger [3] https://www.quattroruote.it/tags/ionity [4] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/05/08/auto_elettriche_costa_nel_decreto_semplificazioni_provvedimenti_per_le_colonnine_.html [5] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2019/09/12/auto_elettriche_eva_attive_200_stazioni_di_ricarica_in_italia_e_austria.html 2020-09-17 14:04:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/17/volkswagen_trattative_in_corso_per_vendere_la_bugatti_alla_rimac/gallery/rbig/2020-bugatti-divo-targa-florio-06.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32388 Gruppo Volkswagen - Trattative in corso per vendere la Bugatti alla Rimac http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32388&tipo=fv Il gruppo Volkswagen sarebbe in trattative per vendere la BUGATTI [1] alla Rimac. Secondo le indiscrezioni lanciate dalla testata tedesca Manager Magazin, il gruppo tedesco dovrebbe valutare loperazione con i comitati direttivi interni entro la fine dellanno. Nessuna delle parti interessate, per il momento, ha rilasciato commenti. PORSCHE è GIà IN AFFARI. Legami tra luniverso Volkswagen e il marchio croato che realizza sportive elettriche sussistono già. La Porsche, infatti, detiene una partecipazione nella Rimac, avendone acquisito il 10% nel 2018 e un altro 5,5% nellanno successivo. Lazienda guidata dallimprenditore Mate Rimac vanta anche partnership con altre Case automobilistiche, a partire dalla Hyundai, e ha sviluppato una piattaforma per supercar elettriche che fornisce a terzi, per esempio lAutomobili Pininfarina. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI 2020-09-17 13:35:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/17/osservatorio_compass_l_auto_rimane_uno_status_symbol_per_gli_italiani/gallery/rbig/2020_Osservatorio_compass.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32387 Osservatorio Compass - Per gli italiani lauto rimane uno status symbol http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32387&tipo=fv Un terzo degli italiani sta considerando la possibilità di prendere la prossima auto a NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [1]. Tale vettura, per l85% degli interpellati, dovrebbe essere il più green possibile, mentre nel futuro dovrà essere autonoma, connessa e attenta alla salute del conducente. questo lo spaccato del mercato che ci comunica lOSSERVATORIO COMPASS, uno studio elabotato dalla società di credito al consumo del GRUPPO MEDIOBANCA. La ricerca sottolinea anche come, inevitabilmente visti gli incentivi, in Italia sia in atto una forte crescita di e-bike, monopattini elettrici e hoverboard. IL COMMENTO. Il settore dellautomotive ha bisogno di riprendere a correre velocemente - afferma __LUIGI PACE, direttore centrale marketing e innovation di Compass -. Dopo lo stop dettato dal COVID-19 [2], si intravedono dei buoni segnali e un futuro certamente più verde. Aumenta la quota di auto ibride ed elettriche e cè un vero boom di mezzi di micromobilità. Per le nuove immatricolazioni diventa sempre più centrale il ruolo del credito al consumo, utilizzato dall81% di coloro che acquistano auto nuove. GLI ITALIANI E LAUTO. Malgrado tutto, per il 64% degli italiani lauto costituisce ancora uno status symbol e per il 58% continuerà ad esserlo anche nel futuro: il 45% vorrebbe acquistare unauto nuova o usata entro un anno: una stima che porterebbe a una cifra di 3.700.000 potenziali acquirenti. Il budget medio dedicato allacquisto è di 18.200 euro per le auto nuove e di 7.300 euro per quelle usate. Con unattenzione particolare, come detto, al noleggio a lungo termine, soprattutto per gli uomini (42%) e per i giovani (40%). Tra i motivi principali che spingono verso questa opzione cè il servizio (56%), il fatto di non doversi occupare dellassicurazione, del bollo, della manutenzione, il risparmio (per il 33% del campione) e il timore della svalutazione delle auto (27%). Cresce inoltre, soprattutto tra i giovani, la propensione allacquisto attraverso il web sia per le auto nuove (20%) sia per lusato (23%). I consumi sono laspetto centrale nelle scelte di acquisto (69%), seguiti dai costi di mantenimento (60%) e dalla sicurezza (60%). Per 32%, invece, sono ancora lestetica, il design e lo stile i motivi che guidano la scelta. Le auto del futuro, secondo lOsservatorio, saranno completamente autonome per il 46% degli intervistati, parzialmente autonome per il 45%, completamente connesse con gli smartphone per il 44%. Il 26%, invece, vede lauto sempre più collegata alla propria salute, e quindi dotata del monitoraggio di alcuni parametri vitali del conducente. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-17 12:48:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/17/general_motors_gamma_ultium_drive_veicoli_elettrici/gallery/rbig/gm-ultium-drive-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32386 General Motors - La gamma Ultium Drive prevede cinque powertrain e tre motori per le elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32386&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] delinea con maggior chiarezza la propria strategia di elettrificazione anticipando le informazioni relative ai powertrain che saranno abbinati alle BATTERIE ULTIUM [2]. Il progetto modulare è stato creato per ottimizzare i costi e le tempistiche e per poter effettuare gli assemblaggi nelle fabbriche già esistenti, sviluppando in parallelo la futura gamma di modelli EV che troveremo sul mercato. Lintegrazione dei componenti e levoluzione della tecnologia ha inoltre permesso di ridurre del 50% gli ingombri e di aumentare del 25% lefficienza dei powertrain rispetto alla generazione precedente di veicoli. CINQUE POWERTRAIN E TRE MOTORI. Il gruppo americano ha creato la gamma Ultium Drive, caratterizzata da cinque differenti powertrain composti da tre diversi motori elettrici con cambio monomarcia. In questo modo, sarà possibile dare vita a dei modelli a trazione anteriore, posteriore e integrale adatti sia alla guida su strada che a quella off-road. Nello schema a trazione integrale saranno ovviamente previsti un motore per ogni asse, ma sarà quello anteriore ad avere la funzione predominante. Per il momento, le caratteristiche di potenza e coppia non sono note, così come non sono ancora disponibili i dettagli relativi alla capacità delle batterie Ultium. 20 ELETTRICHE ENTRO IL 2023. I primi modelli a utilizzare queste tecnologie saranno la CADILLAC LYRIQ [3] e il GMC HUMMER EV [4], ma, nel suo piano di sviluppo, la General Motors prevede di introdurre 20 modelli elettrici entro il 2023. Anche i marchi Buick e Chevrolet avranno le loro varianti a emissioni zero, senza dimenticare i modelli proposti con il marchio CRUISE ORIGIN [5] e quelli sviluppati in collaborazione con la HONDA [6] e la NIKOLA [7]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL-MOTORS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/09/09/GENERAL_MOTORS_LE_BATTERIE_DELLA_GMC_HUMMER_E_DELLA_CADILLAC_LYRIQ_SFRUTTERANNO_IL_COLLEGAMENTO_WIRELESS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/08/07/CADILLAC_LYRIQ_CARATTERISTICHE_ESTETICHE_INTERNI_MOTORE_E_DETTAGLI_TECNICI_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/30/GMC_HUMMER_NUOVO_TEASER_DEL_PICKUP_ELETTRICO_VIDEO.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/01/22/CRUISE_ORIGIN_SVELATO_IL_PROTOTIPO_A_GUIDA_AUTONOMA_PER_IL_RIDE_SHARING_.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/04/03/AUTO_ELETTRICHE_LA_GENERAL_MOTORS_PRODURRA_PER_LA_HONDA_DUE_NUOVI_VEICOLI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/08/NIKOLA_IL_PICK_UP_BADGER_SARA_PRODOTTO_DALLA_GENERAL_MOTORS.HTML 2020-09-17 11:43:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/17/osservatorio_compass_l_auto_rimane_uno_status_symbol_per_gli_italiani/gallery/rbig/2020_Osservatorio_compass.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32385 Osservatorio Compass - Lauto rimane uno status symbol per gli italiani http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32385&tipo=fv Un terzo degli italiani sta considerando la possibilità di prendere la prossima auto a NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [1]. Tale vettura, per l85% degli interpellati, dovrebbe essere il più green possibile, mentre nel futuro dovrà essere autonoma, connessa e attenta alla salute del conducente. questo lo spaccato del mercato che ci comunica lOSSERVATORIO COMPASS, uno studio elabotato dalla società di credito al consumo del GRUPPO MEDIOBANCA. La ricerca sottolinea anche come, inevitabilmente visti gli incentivi, in Italia sia in atto una forte crescita di e-bike, monopattini elettrici e hoverboard. IL COMMENTO. Il settore dellautomotive ha bisogno di riprendere a correre velocemente - afferma __LUIGI PACE, direttore centrale marketing e innovation di Compass -. Dopo lo stop dettato dal COVID-19 [2], si intravedono dei buoni segnali e un futuro certamente più verde. Aumenta la quota di auto ibride ed elettriche e cè un vero boom di mezzi di micromobilità. Per le nuove immatricolazioni diventa sempre più centrale il ruolo del credito al consumo, utilizzato dall81% di coloro che acquistano auto nuove. GLI ITALIANI E LAUTO. Malgrado tutto, per il 64% degli italiani lauto costituisce ancora uno status symbol e per il 58% continuerà ad esserlo anche nel futuro: il 45% vorrebbe acquistare unauto nuova o usata entro un anno: una stima che porterebbe a una cifra di 3.700.000 potenziali acquirenti. Il budget medio dedicato allacquisto è di 18.200 euro per le auto nuove e di 7.300 euro per quelle usate. Con unattenzione particolare, come detto, al noleggio a lungo termine, soprattutto per gli uomini (42%) e per i giovani (40%). Tra i motivi principali che spingono verso questa opzione cè il servizio (56%), il fatto di non doversi occupare dellassicurazione, del bollo, della manutenzione, il risparmio (per il 33% del campione) e il timore della svalutazione delle auto (27%). Cresce inoltre, soprattutto tra i giovani, la propensione allacquisto attraverso il web sia per le auto nuove (20%) sia per lusato (23%). I consumi sono laspetto centrale nelle scelte di acquisto (69%), seguiti dai costi di mantenimento (60%) e dalla sicurezza (60%). Per 32%, invece, sono ancora lestetica, il design e lo stile i motivi che guidano la scelta. Le auto del futuro, secondo lOsservatorio, saranno completamente autonome per il 46% degli intervistati, parzialmente autonome per il 45%, completamente connesse con gli smartphone per il 44%. Il 26%, invece, vede lauto sempre più collegata alla propria salute, e quindi dotata del monitoraggio di alcuni parametri vitali del conducente. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-17 11:43:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/17/de_tomaso_vicino_il_debutto_della_p72_definitiva/gallery/rbig/2020-de-tomaso-p72-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32384 De Tomaso - Vicino il debutto della P72 definitiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32384&tipo=fv Il marchio De Tomaso, ora controllato dalla Ideal Team Venture, ha diffuso un teaser del programma Mission AAR in attesa del debutto, previsto nel corso di questo mese, di una nuova vettura. Il progetto è quello di portare sul mercato la versione definitiva della P72, PRESENTATA COME CONCEPT [1] alledizione 2019 del Goodwood Festival of Speed. Sono previsti solo 72 esemplari e si vocifera di un prezzo di circa 750.000 Euro. MONOSCOCCA IN CARBONIO, FORME VINTAGE. La P72 è basa sulla monoscocca in carbonio della APOLLO INTENSA EMOZIONE [2], sfoggia linee ispirate al passato e soluzioni meccaniche classiche come la carrozzeria in alluminio battuto a mano e il cambio manuale. Per il momento le anticipazioni sono limitate a delle immagini evocative della vettura in fase di costruzione e non si conoscono, quindi, i dati tecnici definitivi, soprattutto in merito al motore: la Apollo adotta infatti un V12 aspirato, ma per la P72 potrebbe essere scelta una unità diversa. Le indiscrezioni circolate nel 2019 parlavano infatti di V8 Ford elaborato, scelta in linea con la storia del marchio e con liconica De Tomaso Pantera degli anni 70. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/04/DE_TOMASO_P72_PREZZO_MOTORE_FOTO_E_CARATTERISTICHE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2017/10/25/APOLLO_IE_INTENSA_EMOZIONE_DA_780_CV.HTML 2020-09-17 09:54:53 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/multe/2020/09/16/codice_della_strada_gli_adesivi_sulla_targa_sono_vietati/gallery/rbig/targhe.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32382 Codice della strada - Gli adesivi sulla targa sono vietati http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32382&tipo=fv Sarà forse capitato anche a voi di notare, magari sulla vettura ferma davanti al semaforo o in una coda, un adesivo sulla targa che con la targa non centra nulla. Non la sigla della provincia o lanno di immatricolazione, ma cuoricini, orsacchiotti, lo stemma della squadra preferita, la mela della Apple e persino la pubblicità di officine e carrozzerie: la fantasia sembra non avere confini. Ci sono addirittura siti web che vendono vignette fatte apposta per essere appiccicate proprio sulla targa. Un tocco di fantasia e di personalizzazione? Certo, peccato che sia vietato. LA MULTA è BASSA, MA ESISTE. Il comma 10 dellart. 100 del Codice della strada, infatti, recita quanto segue: "Sugli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi è vietato apporre iscrizioni, distintivi o sigle che possano creare equivoco nella identificazione del veicolo". La norma, quindi, parla chiaro, ma purtroppo il vezzo di appiccicare qualunque cosa sulla targa non viene, talvolta, nemmeno multato dalle forze dellordine. Avete mai sentito di qualcuno che si è lamentato di una sanzione per aver attaccato ladesivo? Del resto la multa è risibile: 26 euro, che scendono a 18,20 se si paga entro cinque giorni. 2020-09-17 08:58:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/17/unione_europea_von_der_leyen_emissioni_ridotte_del_55_nel_2030/gallery/rbig/2020-emissioni.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32383 Unione Europea - Von der Leyen: emissioni ridotte del 55% nel 2030 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32383&tipo=fv Il target di riduzione dei gas serra rispetto al 1990 salirà dal 40% al 55% nel 2030. la proposta della Commissione Europea, che a ottobre verrà discussa dal parlamento nellambito del pacchetto di misure da inserire nella prima legge comunitaria sul clima, con lobiettivo della neutralità climatica entro il 2050. Lannuncio sul quale si è già pronunciata, come vedremo, lAcea, lassociazione dei costruttori europei dellautomotive è arrivato dalla sua presidente Ursula Von der Leyen, intervenuta a Bruxelles in occasione della plenaria del Parlamento europeo. SOLUZIONE DI COMPROMESSO. Il nuovo target conferma le attese dei giorni scorsi, nonostante la più severa richiesta della commissione Ambiente del parlamento europeo, che giovedì scorso ha votato per UN TAGLIO DEL 60% [1]. "Riconosco che questo aumento dal 40 al 55% possa risultare eccessivo per alcuni e troppo moderato per altri, ma la nostra valutazione dimpatto mostra chiaramente che la nostra economia e la nostra industria sono in grado di farcela", ha sottolineato la Von der Leyen. LA PREOCCUPAZIONE. Inevitabilmente, linasprimento dei tagli già prefissati avrà conseguenze anche sul mondo dellauto, già alle prese con i severi standard ENTRATI IN VIGORE A GENNAIO [2]. Per questo, come accennavamo, non è tardata la risposta dellAcea, per bocca del direttore generale Eric-Mark Huitema: " chiaro che la strategia dellUE debba essere rivista e adattata periodicamente per garantire che tutte le parti siano sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi", ha spiegato il manager. "Tuttavia, i responsabili politici devono mettere in atto non solo tali obiettivi, ma anche le politiche di supporto richieste per tutti i tipi di veicoli, senza le quali questi scopi non sarebbero conseguibili". LAUSPICIO. Lassociazione chiede una fitta rete di punti di ricarica e di stazioni in tutta lUnione, "con obiettivi vincolanti per gli Stati membri", unita a una serie di incentivi che rendano la mobilità a emissioni zero "accessibile e conveniente per tutti gli europei". Inoltre, i costruttori auspicano una revisione del sistema di scambio di quote di emissioni (ETS), che renda questo strumento più incisivo. "Riconosciamo (allEuropa) il desiderio di essere pioniera globale quando si tratta di azioni per il clima, ma avremo bisogno di un cambiamento normativo senza precedenti per far sì che tutti gli idonei fattori abilitanti siano garantiti", ha aggiunto Huitema. "Finché non avremo una visione più chiara del quadro politico di accompagnamento e della valutazione dellimpatto, è difficile prevedere quale possa essere uno scenario realistico in termini di obiettivi futuri di CO2". LE AUTO CRESCONO PIù DELLE COLONNINE. LAcea ha poi ricordato che, dei 60,9 miliardi investiti dallindustria automobilistica del Vecchio continente in ricerca e sviluppo, una larga parte è destinata alla decarbonizzazione. Grazie a tali stanziamenti, "le vendite nellUnione di auto ricaricabili sono aumentate del 110%, passando da 218.083 nel 2017 a 458.915 lo scorso anno. Gli investimenti in infrastrutture, tuttavia, stanno rallentando questa crescita. Nello stesso periodo, per esempio, il numero di punti di ricarica per le auto elettriche è cresciuto solo del 58%". Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/09/10/unione_europea_riduzione_emissioni_2030.html [2] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/01/03/emissioni_in_vigore_i_nuovi_standard_europei.html 2020-09-17 08:58:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/17/mercato_europeo_anche_ad_agosto_immatricolazioni_in_calo_17_6/gallery/rbig/2020-auto-4.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32381 Mercato europeo - Anche ad agosto immatricolazioni in calo: -17,6% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32381&tipo=fv Il mercato automobilistico europeo continua a mostrare un andamento negativo nonostante gli incentivi alla rottamazione e i programmi di stimolo economico varati dai governi, soprattutto dei Paesi di maggior rilevanza. Secondo i dati dellAcea (lassociazione europea dei costruttori di auto), in agosto le immatricolazioni nellarea Ue+Efta (compreso il Regno Unito) si sono attestate su 884.394 unità, il 17,6% in meno rispetto allo stesso mese dellanno scorso. Segnali di ripresa li ha lanciati luglio, con 1.281.740 registrazioni e un calo di solo il 3,7%. Del resto non va dimenticato come in Francia si sono esauriti proprio alla fine di luglio i bonus per la rottamazione di 200 mila auto, mentre in altre nazioni come la Germania si è preferito privilegiare le agevolazioni solo per le auto a basse emissioni e in particolare lelettrico. PRINCIPALI MERCATI IN NEGATIVO. Fra i principali mercati del Vecchio Continente, nessuno presenta dati positivi ad agosto. Il peggior andamento è appannaggio della Germania, con un -20%, e della Francia, scesa del 19,8%. La Spagna perde il 10,1% e il Regno Unito il 5,8%, mentre LITALIA è RIUSCITA A CONTENERE I DANNI [1] grazie proprio allavvio del programma di incentivi alla rottamazione: -0,4%. Il consuntivo dei primi otto mesi dellanno mostra tutta la virulenza degli effetti della crisi scatenata dalla pandemia del coronavirus: sono 7.267.621 i veicoli registrati, il 32,9% in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Anche in questo caso i "major market" sono tutti in territorio negativo: -28,8% per la Germania, -32% per la Francia, -38,9% per lItalia, - 39,7% per il Regno Unito e -40,6% per la Spagna. SCENDE FCA. Con 47.989 immatricolazioni, la Fiat Chrysler Automobiles registra ad agosto una flessione del 6,6%. Tra i vari marchi del gruppo italoamericano si va dal -3,5% della Fiat al -11,6% della Jeep, dal -10,2% della Lancia al -12,4% dellAlfa Romeo, fino al -47% della Maserati. TEDESCHI SULLALTALENA. Andamento in chiaroscuro per i costruttori automobilistici tedeschi: il gruppo Volkswagen, con 196.794 immatricolazioni, perde il 24,3%. Il marchio omonimo flette del 24,1%, la Skoda del 15,6%, lAudi del 28,6%, la Seat del 31,7%, la Porsche del 23,7% e il polo composto da Bentley, Lamborghini e Bugatti il 10,7%. Male anche la Daimler: le registrazioni, pari a 52.000, scendono del 20%, con la Mercedes-Benz in contrazione del 5,9% e la Smart di ben l84%. In spolvero, invece, il gruppo BMW, capace di crescere del 6,8% e di immatricolare 52.965 veicoli, con il marchio omonimo in grado di salire dell8,6% e di più che compensare il -0,8% della Mini. CROLLANO I FRANCESI. In profondo rosso risultano anche i costruttori francesi. Il gruppo PSA registra 110.112 immatricolazioni, il 20,8% in meno rispetto ad agosto 2019. Tra i vari marchi, la Peugeot perde il 7,8%, la Citroën il 14,4%, la Opel il 40,5% e la DS il 19,7%. Peggiori sono le performance per la concorrente Renault: le immatricolazioni di gruppo, pari a 82.955 unità, scendono del 24,7%, con il brand della Losanga in discesa del 14,7%, la Dacia del 35,2%, la Lada del 57,8% e lAlpine dell85,3%. MALE FORD, VOLVO E LE INGLESI. Tra le altre Case occidentali, la Ford, con 40.385 unità registrate, flette del 16,5%, mentre la Volvo segna un -2,6% (14.213 immatricolazioni). La Jaguar Land Rover, con 4.495 registrazioni, perde il 23% per via del -32,4% del marchio del Giaguaro e del -18,6% del brand delle fuoristrada di lusso. LE ASIATICHE. Il segno meno prevale pure tra i costruttori asiatici anche se non mancano alcune eccezioni. Il gruppo Toyota scende del 4% per colpa soprattutto del -22,3% della Lexus (-2,8% il brand Toyota). In calo anche tutte le altre Case giapponesi incluse nelle rilevazioni dellAcea: -18,8% per la Nissan, -16,9% per la Honda e -35,8% per la Mitsubishi. In controtendenza il gruppo Hyundai che immatricola 64.277 unità e guadagna l1,9%, con il marchio omonimo in flessione del 10,1% e la Kia in ascesa del 18,9%. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/09/01/MERCATO_AUTO_ITALIA_AGOSTO_2020.HTML 2020-09-17 08:30:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/16/nissan_z_proto_dimensioni_motore_interni/gallery/rbig/2020-Nissan-Z-Proto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32380 Nissan Z Proto - La coupé che verrà si ispira al passato http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32380&tipo=fv La gamma Z della NISSAN [1] avrà unerede. Questa notizia, annunciata nelle scorse settimane, ha da subito fatto tirare un sospiro di sollievo agli appassionati delle coupé giapponesi, che nella nuova Z PROTO potranno vedere unanticipazione delle linee, delle tecnologie e della meccanica della futura sportiva di Yokohama. Per il momento la Casa non ha fornito dettagli sul debutto della versione di serie di questa concept, ma il design, fatto di richiami al passato amalgamati con dettagli moderni, appare già pronto per entrare in produzione. Nei piani strategici della Nissan la nuova Z dovrebbe debuttare entro il 2023, ma alcune indiscrezioni indicano il lancio per il solo mercato americano già nel corso del 2021: la possibile esclusione dellEuropa sarebbe un duro colpo, ma potrebbe dipendere dalle diverse regole di omologazione e dalle strategie di mercato. V6 BITURBO CON CAMBIO MANUALE. La Nissan ha comunicato solo pochi dettagli della nuova sportiva che, presumibilmente, sarà caratterizzata dalla presenza della trazione posteriore. La coupé è lunga 4.382 mm, larga 1.815 e alta 1.310: per avere un confronto la Proto risulta 11 centimetri più lunga e quattro centimetri più stretta della 370Z, rispetto alla quale è però più bassa di due centimetri. Per il momento i tecnici giapponesi si sono limitati a confermare la scelta di un V6 biturbo con cambio manuale che prosegue, almeno a livello di frazionamento, la tradizione della gamma Z. La Infiniti propone una 3.0 biturbo da 400 CV privo di elementi elettrificati sulle Q50 e Q60 e potrebbe quindi essere questa la base di partenza prescelta: se così fosse si tratterebbe di un salto prestazionale notevole rispetto ai 328 CV della 370Z aspirata a fronte di un peso presumibilmente simile. I tecnici della Nissan potrebbero comunque preferire un handling affilato alla velocità pura, quindi non è escluso che la messa a punto possa essere specifica per la vettura. DESIGN NEOCLASSICO. Dopo aver cavalcato londa dellevoluzione stilistica e tecnica con la 300 ZX, la 350Z e la 370Z, la Nissan torna alle origini e si ispira direttamente alla capostipite 240Z del 1969, nota agli appassionati anche come S30. La Z Proto è infatti una rielaborazione moderna degli stilemi originali, con il cofano lungo, i gruppi ottici curvi a Led che richiamano alla versione aerodinamica ZG, i loghi sul montante posteriore, lo specchio di coda raccolto e il lunotto molto inclinato. Lispirazione classica torna negli interni, che pur accogliendo grandi display da 12,3" come imposto dal trend attuale non rinunciano ai classici tre strumenti aggiuntivi centrali e alla semplice console con la leva del cambio, rigorosamente manuale. Nella realtà tutto è diverso, ma i richiami al passato sono dosati con cura e con attenzione per sottolineare una storia che altre concorrenti non possono vantare. Anche le scelte cromatiche, con il giallo e il nero a contrasto, sono un omaggio allo stile degli anni 70 e 80, mentre i fari posteriori sono dichiaratamente un omaggio alla 300ZX Z32. Elementi come i cerchi da 19" con pneumatici 255/40 e 285/35, il doppio scarico inserito nel diffusore e luso del carbonio per alcuni elementi esterni riportano il prototipo al mondo di oggi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML 2020-09-17 00:13:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/kia_svelati_gli_sketch_delle_elettriche_del_futuro/gallery/rbig/2020-kia-modelli-elettrici-bozzetti-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32379 Kia - Svelati gli sketch delle nuove elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32379&tipo=fv La KIA [1] ha delineato ulteriormente la propria strategia per lelettrico mostrando un piccolo assaggio di alcuni dei modelli che verranno lanciati nei prossimi anni: saranno sette, quelli nativi, entro il 2027, con il PRIMO PROGETTO SVILUPPATO DA ZERO [2] nome in codice CV - al lancio nel 2021. Nella gamma sono incluse, come ampiamente prevedibile e come si evince dal bozzetto, diverse Suv e crossover. GLI OBIETTIVI. La presentazione può essere considerata una sorta di sequel del Plan S annunciato a gennaio, un piano a medio-lungo termine dedicato ai veicoli alimentati esclusivamente a batteria e alle soluzioni di mobilità, attraverso il quale la Kia ha già fissato obiettivi precisi: per esempio, quello di offrire 11 modelli elettrici entro il 2025. Ampliando lorizzonte, poi, la Casa intravede, entro il 2029, un quarto delle vendite globali realizzato con la gamma a emissioni zero. Il punto di partenza sono le oltre 100 mila elettriche consegnate ad oggi in tutto il mondo a partire dal 2011, ovvero da quando è stata lanciata la Kia Ray EV, variante a elettroni di una piccola monovolume destinata al mercato coreano, che rappresenta la prima elettrica di produzione della Casa. UNA BASE FATTA APPOSTA. I nuovi arrivi saranno invece auto progettate sin da subito per essere alimentate solo a batteria, costruite sulla base della piattaforma E-GMP, il nuovo pianale modulare della Casa per le elettriche, che andranno a ricoprire un ruolo centrale nellattività della Casa e, perciò, anche a ridefinirne i canoni del design. Con queste vetture, la Kia si appresta a avviare un nuovo corso stilistico fortemente caratterizzato dalla filosofia e dal linguaggio, oltre che dalle soluzioni progettuali, della tecnologia a emissioni zero. Ma alle viste cè anche un potenziamento degli addetti, delle basi lavorative e della formazione in funzione dellelettrico. ALTRI FRONTI. La Kia, infine, svilupperà unofferta di servizi di mobilità dedicati. Il costruttore sta definendo programmi di abbonamento che consentiranno ai clienti di guidare auto diverse con ununica sottoscrizione, formule di leasing e noleggio per le batterie e attività di business legate al ripristino degli accumulatori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/13/KIA_NUOVI_DETTAGLI_SULL_ELETTRICA_IN_USCITA_NEL_2021_E_SUI_PIANI_PER_LA_GAMMA.HTML 2020-09-17 00:13:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/16/brembo_l_ad_schillaci_svela_le_strategie_per_il_futuro/gallery/rbig/2020-brembo-schillaci-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32378 Brembo - Lad Schillaci svela le strategie per il futuro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32378&tipo=fv Il futuro del chilometro rosso si tinge di verde. La BREMBO [1] ha presentato oggi due nuove tecnologie che contribuiranno a ridurre le emissioni dei veicoli, il disco freno Greentive e le molle freno Enesys. Si tratta dei primi passi di una nuova strategia che, oltre a puntare sempre di più sulla sostenibilità ambientale, vedrà lazienda bergamasca ridefinire il proprio ruolo nello scacchiere dellautomotive, proponendosi non solo come fornitore deccellenza ma anche come solution provider, capace di integrare servizi digitali, in particolare legati allintelligenza artificiale, che serviranno per fronteggiare le grandi sfide dellindustria automobilistica, a partire dallelettrificazione e la guida autonoma. CAMBIAMENTI IN CORSO. A delineare per la prima volta la nuova vision aziendale è stato LAMMINISTRATORE DELEGATO DANIELE SCHILLACI [2]. Lobiettivo è di assicurare che ogni nuovo prodotto Brembo sia più verde del precedente, ha detto lex Nissan, ma allo stesso tempo in grado di fornire la migliore esperienza di guida ai clienti. E questo riguarda la parte più tradizionale dellattività del gruppo di Stezzano, che parallelamente sta affrontando nuove sfide: Siamo entrati in unera fatta di intelligenza artificiale e big data. Abbiamo una nuova visione ha spiegato Schillaci che ci proietta verso il futuro. Il nostro piano è diventare unazienda davvero digitale per fornire soluzioni digitali. Un processo che passerà per la creazione di centri di ricerca e sviluppo in tutto il mondo che sorgeranno vicino a partner specializzati e già operativi nel campo dellintelligenza artificiale: unespansione che prevede investimenti in formazione, processi aziendali e lassunzione di nuovi addetti con esperienza nel campo. I DATI AIUTANO A INDIVIDUARE I NUOVI TREND. Lera dellintelligenza artificiale è iniziata e i dati sono il suo carburante ha detto lamministratore delegato della Brembo, sottolineando limportanza per lazienda di imparare ad analizzarli e a sfruttarli al meglio. Integreremo lintelligenza artificiale e tecnologie ancora più sostenibili nelle nostre soluzioni, per diventare un brand di riferimento anche per le generazioni del futuro ha proseguito Schillaci -. La nostra missione vuole anticipare limpatto dei mega trend che stanno plasmando lindustria automobilistica per contribuire, insieme ai nostri clienti, ad una mobilità più sostenibile. GREENTIVE ED ENESYS. Intanto, sul fronte del prodotto sono arrivati segni tangibili. La Brembo ha svelato infatti Greentive (dalla crasi di green e distinctive), un disco sulla cui fascia frenante è applicato un trattamento HVOF (High Velocity Oxygen fuel) per mitigare limpatto ambientale: questa soluzione, a detta della Brembo, riduce il particolato emesso in frenata garantendo al contempo una bassa usura. una tecnologia che può essere applicata sulla fascia frenante di tutte le tipologie di dischi prodotti dalla Brembo, da quelli leggeri a quelli integrali, da quelli co-fusi a quelli flottanti in due pezzi. Laltra innovazione tecnica svelata dallazienda bergamasca si chiama Enesys (acronimo di Energy Saving System): si tratta di una nuova generazione di molle freno pensata per diminuire la coppia residua dei freni. Il sistema punta ad annullare le frizioni residue tra le pastiglie e il disco quando non si sta frenando, evitando così sprechi di energia e riducendo le emissioni derivanti dallusura di queste componenti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BREMBO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/05/04/BREMBO_DANIELE_SCHILLACI_E_IL_NUOVO_AMMINISTRATORE_DELEGATO.HTML 2020-09-16 20:29:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/ferrari_portofino_m_motore_interni_caratteristiche/gallery/rbig/2020-Ferrari-Portofino-M-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32377 Ferrari - Portofino M, seconda vita per la scoperta - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32377&tipo=fv M come modificata, una parola che nel gergo FERRARI [1] assume una connotazione estremamente particolare. La nuova PORTOFINO M, infatti, evolve i concetti del modello originale, migliorandone le prestazioni senza intaccare il confort tipico delle GT. Sotto a unestetica affinata nei dettagli sono presenti moltissime novità, dalle dotazioni tecnologiche a un corposo aggiornamento del gruppo motopropulsore che ha portato, tra le altre cose, allintroduzione di un nuovo cambio a otto rapporti derivato da quello della NUOVA SF90 STRADALE [2]. HA UNA MARCIA IN PIù. Proprio il powertrain è una delle modifiche più importanti di questa Modificata. Il V8 biturbo di 3.855 cm3 può ora contare su 20 CV in più. Grazie a un nuovo profilo dellalbero a camme e a un sensore di controllo che ha permesso di aumentare di 5.000 giri/min il regime di rotazione delle turbine, lotto cilindri ad albero piatto di Maranello arriva a erogare 620 CV a 7.500 giri/min nonostante lintroduzione del filtro antiparticolato. Questultimo è in grado di rigenerarsi continuamente per limitare laccumulo di particolato: a esso si abbinano una linea di scarico con una nuova geometria che prevede leliminazione dei silenziatori posteriori a tutto vantaggio del sound e della riduzione degli ingombri. Nuove sono anche le valvole di bypass ovali che permettono di ridurre la contropressione dello scarico enfatizzando ulteriormente il suono del V8. Come anticipato, al propulsore viene ora accoppiata una nuova trasmissione doppia frizione a bagno dolio a otto rapporti derivata da quella della nuova gigacar del Cavallino e utilizzata anche dalla ROMA [3]. A differenziare i due cambi è la presenza di rapporti specifici (più lunghi sulla Portofino M) e degli ingranaggi per la retromarcia, che sulla SF90 viene gestita unicamente dai motori elettrici. Lintroduzione di una marcia in più rispetto alle sette previste dalla Portofino ha permesso ai tecnici di Maranello di rivedere la rapportatura della trasmissione per rendre la spider più efficiente e piacevole da guidare. Tramite il Variable Boost Management la coppia erogata dal propulsore varia a seconda della marcia inserita per garantire una sensazione di spinta costante: il picco di 760 Nm è così disponibile solo in settima e ottava marcia. La Portofino M può così raggiungere una velocità massima superiore ai 320 km/h, scattare da 0 a 100 km/h in 3,45 secondi e raggiungere i 200 km/h da ferma in 9,8 secondi. LE DIMENSIONI (QUASI) NON CAMBIANO. Lunga 4.594 mm (+12 mm), larga 1.938 e alta 1.318 mm, la Portofino M ricalca le dimensioni della Portofino originale. Invariato il passo di 2.670 mm, così come le carreggiate: 1.633 mm quella anteriore e 1.635 mm la posteriore. Il peso a secco è di 1.545 kg, che salgono a 1.664 in ordine di marcia, per un rapporto peso/potenza di 2,49 kg/CV. Il vano bagagli ha una volumetria di 292 litri, proprio come sul modello uscente. ARRIVA LA MODALITà RACE. Per la prima volta nella storia una spider GT di Maranello può contare sulla modalità di guida Race. Il Manettino ha ora cinque diverse posizioni: Wet, che garantisce la massima stabilità, Comfort, per la guida su strada asciutta, Sport, per un utilizzo sportivo, Race, per il massimo piacere di guida, ed Esc-Off, che prevede la disattivazione dei sistemi elettronici Vdc e F1-Tcs. Questi ultimi fanno parte, insieme allEdiff e allScm-E Frs, del Ferrari Dynamic Enhancer (Fde), che affianca il controllo della stabilità per garantire un migliore controllo della dinamica laterale della vettura rendendola più prevedibile e massimizzando il piacere di guida della vettura. In parole povere, il sistema supporta il guidatore permettendogli di divertirsi al volante e intervenendo solo in caso di pericolo. Tra le novità si segnala anche una modifica allimpianto frenante: ora il pedale ha una corsa minore del 10% a fronte di un incremento della modularità del carico pensata per garantire risposte più precise e immediate. LOOK PIù DECISO. Il Centro Stile Ferrari, guidato da Flavio Manzoni, ha progettato degli interventi pensati per rinnovare il look della scoperta senza stravolgerne limpostazione originale. Sul paraurti anteriore sono state così ricavate delle scultoree prese daria laterali che rendono ancor più aggressivo il frontale e dei tagli che si collegano visivamente con il design della fiancata. Sui passaruota hanno trovato spazio degli sfoghi daria che contribuiscono a ridurre la resistenza aerodinamica complessiva. Nuovi sono anche i cerchi diamantati, così come il paraurti posteriore che, grazie alleliminazione dei silenziatori di scarico, ora è più snello e presenta un nuovo estrattore separato che, a richiesta, può essere anche di fibra di carbonio. IL PASSEGGERO DIVENTA COPILOTA. I designer di Maranello hanno rinfrescato anche gli interni della Portofino M, introducendo alcune novità. La plancia è dominata da una sciabola centrale dalluminio che la attraversa orizzontalmente separando le zone del quadro strumenti, delle bocchette del climatizzatore e del display passeggero. Questultimo sfrutta uno schermo capacitivo full Hd da 7 con il quale chi siede a fianco del guidatore può selezionare la musica da ascoltare, visualizzare le informazioni della vettura e impostare una nuova tappa di navigazione, diventando così un copilota vero e proprio. Le indicazioni stradali aggiornate vengono visualizzate sui due display che affiancano il contagiri analogico nel quadro strumenti, oppure sullo schermo da 10,25 dellinfotainment, con visione Split View e compatibile con Android Auto e Apple CarPlay. I NUOVI SEDILI E LO SCALDACOLLO. La Ferrari descrive la Portofino M come una vettura 2+, ovvero una due posti con sedute posteriori. Per migliorare labitabilità dei passeggeri, e ricavare più spazio per la seconda fila, i sedili sono stati riprogettati e ora utilizzano un telaio di magnesio abbinato a delle imbottiture a densità differenziata che hanno permesso di creare un profilo ultracompatto dello schienale, a tutto vantaggio di chi siede dietro. I passeggeri anteriori possono ora contare su un nuovo sistema di ventilazione opzionale per sedute e schienali regolabile su tre livelli. Per lutilizzo nei mesi invernali non manca lo scaldacollo: dai poggiatesta fuoriesce dellaria calda regolata automaticamente a seconda della velocità di marcia, della posizione del tetto apribile e della temperatura esterne. NUOVI ADAS. Essendo una vettura pensata anche per essere utilizzata quotidianamente, la Portofino M dispone di svariati sistemi di sicurezza e dassistenza alla guida. A richiesta i clienti possono infatti ordinare lAdaptive Cruise Control con funzione Stop Go per la marcia in colonna, il Lane Departure Warning con avviso acustico e visivo del cambio involontario di corsia e il Predictive Emergency Brake System, che segnala potenziali rischi di collisione frontale e può ridurre le conseguenze di un eventuale impatto. Non mancano, infine, sistemi come il Blind Spot Monitoring, lAutomatic High Beam, il Traffic Sign Recognition, il Rear Cross Traffic Alert e il Surround View con visualizzazione tridimensionale degli esterni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/29/FERRARI_SF90_STRADALE_FOTO_MOTORE_IBRIDO_PRESTAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/13/FERRARI_ROMA_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI_.HTML 2020-09-16 18:41:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/09/16/milano_settimana_della_mobilita_monopattini_in_cerca_di_sicurezza/gallery/rbig/2020-mobility-week-09.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32376 Milano - Monopattini in cerca di sicurezza http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32376&tipo=fv La diciannovesima edizione della SETTIMANA EUROPEA DELLA MOBILITà (dal 16 al 22 settembre), evento nato per avvicinare i cittadini alluso di mezzi sostenibili, è partita a Milano con uniniziativa dei gestori dei monopattini a noleggio, coordinati dallassessorato alla Mobilità. Sette delle otto compagnie di sharing - Dott, Bird, Voi, Wind, Bit, Helbiz e Lime, mentre per Circ si devono risolvere questioni legate allappalto hanno schierato un addetto ciascuna, con pettorina gialla e lingrato compito di sorvegliare i comportamenti degli utenti, avvicinandoli per spiegare loro le eventuali infrazioni (dai primi feedback alle compagnie, in questi giorni sono stati accertati 500 "errori" da correggere, in particolare il mancato utilizzo del casco, il trasporto di un passeggero, il parcheggio fuori dagli stalli e lutilizzo sui marciapiedi). "I monopattini non sono giocattoli, vanno usati secondo le regole", ha ribadito lassessore Marco Granelli. Il caos, in effetti, è sotto gli occhi dei cittadini da settimane e rischia di esplodere in questo momento di ripartenza post lockdown: molti dei 6.000 monopattini offerti in sharing intralciano i pedoni sui marciapiedi, mentre per le strade prosegue il disegno delle piste ciclabili (22 km destinati a diventare 50 entro fine anno) che riducono le corsie destinate al traffico, creando ingorghi e sovrapposizioni pericolose (con le fermate dei bus, per esempio). Una svolta che riflette il disegno di Palazzo Marino, ma che sta anche creando confusione e che richiede impegno su diversi fronti. Primo tra tutti, quello per la sicurezza. CASCHI E TEST PER I NOLEGGI. Durante questa settimana, alcune compagnie di noleggio metteranno in palio elmetti leggeri di protezione, del tipo obbligatorio per i noleggiatori tra i 14 e i 18 anni (ma fortemente raccomandati anche ai maggiorenni, visto che oltretutto le coperture assicurative non coprono infortuni alla testa se non si indossano). Tra le altre aziende, Voi ha annunciato la sperimentazione di un test obbligatorio, sulla app, per verificare la prontezza di riflessi degli utenti e impedire lo sblocco del monopattino in condizioni di scarsa lucidità, per esempio per uso di alcol o di altre sostanze. INIZIATIVE INTERNAZIONALI. La Settimana europea della mobilità prevede diversi appuntamenti, con biciclette e monopattini al centro delle attività. Si va da "Bicibus Polimi", organizzato dal Politecnico di Milano, al car sharing elettrico che debutterà nel condominio Bacchiglione, con E-Vai; Ciclobby, invece, porterà i propri iscritti alla scoperta della rete ciclabile, il 19 settembre. Il giorno dopo è previsto "Fancy women ride", appuntamento internazionale che coinvolgerà, oltre a Milano, le città di Izmir, Istanbul, Berlino, Cambrils, Montpellier, Colonia e Washington. LE PROMOZIONI. Questa settimana non mancheranno diverse offerte proposte dai gestori di sharing mobility. Bikemi renderà gratuite le prime due ore di utilizzo (ai soli abbonati), mentre Enjoy cercherà di conquistare nuovi iscritti con un bonus di 10 euro; Share Now prevede invece liscrizione omaggio più 5 euro di credito compreso per i nuovi clienti. Tornando ai monopattini, Voi fornirà agli interessati un codice per ottenere 5 euro di crediti e offrirà lo sblocco gratuito su tutte le corse. 2020-09-16 18:14:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/ford_bronco_raptor_immagini_anticipazioni_uscita/gallery/rbig/2020-ford-bronco-raptor-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32375 Ford Bronco - Spunta il teaser di una variante più sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32375&tipo=fv La FORD [1] non lo dichiara apertamente, ma il teaser è inequivocabile: è in arrivo una versione più sportiva e specialistica della BRONCO [2]. Qualcuno la chiama già Raptor, mentre altri indizi portano alla denominazione Warthog. Laspetto più importante è che la vettura sarà un modello dedicato agli appassionati del genere: il debutto dovrebbe avvenire già entro la fine dellanno. CATTIVA DA STERRATO. Dopo aver raccolto oltre 150.000 prenotazioni nei primi 18 giorni dal lancio negli Stati Uniti, la Ford ha capito di aver fatto centro con il ritorno della Bronco ed è quindi intenzionata a tenere viva lattenzione sul prodotto. In realtà, limmagine mostra solo un prototipo impegnato in un salto durante un collaudo, e i particolari mostrati non sono del tutto chiari: il frontale camuffato potrebbe indicare una mascherina totalmente diversa, inoltre si notano i parafanghi allargati, i pneumatici specifici da off-road e lescursione particolarmente ampia delle sospensioni. Il fatto che sia visibile lassale posteriore non dovrebbe essere casuale: potrebbe suggerire la presenza di elementi modificati e rinforzati. ESCLUSO IL V8, PROBABILE UN V6 POTENZIATO. Parlare di una versione sportiva della Ford Bronco significa, nella testa degli appassionati americani, sognare un V8 sotto al cofano, magari mutuato dalla Mustang. Per il momento, tuttavia, la Ford ha smentito questa scelta, senza però dare indicazioni definitive. Le altre Bronco offrono la scelta tra il quattro cilindri 2.3 litri turbo da 270 CV e il V6 2.7 litri biturbo da 310 CV, ma per questa nuova versione potrebbe arrivare un V6 da 3.0 o 3.5 litri preso in prestito da altri modelli del marchio, come lExplorer e lF-150. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/FORD_BRONCO_2020_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_USCITA.HTML 2020-09-16 16:24:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/16/mercato_il_settore_langue_anche_ad_agosto/gallery/rbig/Auto%20gen.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32374 Mercato - Il settore langue anche ad agosto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32374&tipo=fv Agosto ancora in calo per il NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [1], anche se con percentuali a una cifra (-2,95%), mentre il BREVE TERMINE [2] mostra il segno più per la prima volta dallinizio della pandemia, per quanto si tratti di un modestissimo +0,3%. Dopo agosto, la flessione del comparto del lungo termine arriva a -33,98% nel cumulato annuo: con 127.405 veicoli immatricolati, ne mancano ben 65 mila a confronto con il 2019. Per il noleggio breve, a -56,2%, il saldo è ancora peggiore: sono state targate questanno 65.715 vetture, contro le 150.041 dello stesso periodo del 2019. LA SITUAZIONE DEI FURGONI E LE STIME SUL SETTORE. Per quanto riguarda i veicoli commerciali leggeri, il noleggio a lungo termine ha perso 8 mila unità rispetto ai primi otto mesi del 2019 (-28,6%), mentre al breve termine mancano quasi 3 mila immatricolazioni (-38,1%). DATAFORCE ipotizza così una chiusura dellanno non oltre le 200 mila nuove targhe (-29,3%) per le auto e non sopra le 30 mila unità (-28,7%) per veicoli commerciali leggeri a noleggio a lungo termine. Per il breve termine, invece, le stime vedono a quota 80 mila le auto, a -55,2%, e a settemila i commerciali, con un -40,2% anno su anno. LE RICHIESTE DI ANIASA. ANIASA [3], lassociazione confindustriale dei servizi per la mobilità, per voce del presidente MASSIMILIANO ARCHIAPATTI ha commentato così la situazione: Con lattuale quadro economico le imprese clienti stanno rinviando il rinnovo della flotta. Aniasa ha quindi chiesto al governo di adottare tre semplici provvedimenti di sviluppo sostenibile per lambiente e le finanze pubbliche: la riproposizione del superammortamento per i veicoli strumentali, lallineamento della fiscalità italiana sullauto aziendale alla media europea; incentivi sullusato Euro 6 (credito dimposta o esenzione bollo). LAVANZATA DELLE CAPTIVE. Tra gli operatori, ad agosto le captive hanno fatto meglio rispetto ai generalisti, con un +22,21% (4.407 unità) nelle auto contro il -15,61% delle principali compagnie (5.453 mezzi). Entrambe le categorie di attori hanno invece chiuso in positivo nei veicoli commerciali: rispettivamente, si registra un +28,44% per le captive e un +8,84% per i generalisti. Tra i noleggiatori continua la scalata di VOLKSWAGEN LEASING, che dallinizio dellanno ha immatricolato 16.881 auto, riducendo le perdite (-20,1%) e avvicinandosi così al terzo posto nella graduatoria delle società di Nlt occupato da ALD, la cui quota di mercato è cresciuta rispetto al 2019 del 3,2%, e ora si assesta al 13,2%. Tra le uniche società in crescita figurano FREE2MOVE LEASE, a +20,2%, e SIFà, a +18,1%. Le prime tre della classifica, invece, calano sensibilmente: LEASYS, ancora in testa alle società con più immatricolazioni, ha immatricolato da gennaio ad agosto 27.815 vetture, per un -42,9% sul 2019, e una quota di mercato del 21,8% (-3,4%). ARVAL ha targato nello stesso periodo 24.891 vetture (9.470 in meno, con un calo del 27,6%) per una quota che sale invece di 1,7 punti, attestandosi al 19,5%. ALD AUTOMOTIVE ha immatricolato 17.406 vetture flettendo del 32,6% sullanno scorso, per una quota del 13,7% in leggero rialzo (+0,3%). Al quinto posto troviamo LEASEPLAN, che è scesa a 13 mila nuove targhe (-42,9%) attestandosi su una quota di mercato poco al di sopra del 10% (il 10,2%, per lesattezza): la perdita è di 1,2 punti. Dal sesto posto in poi, compaiono ALPHABET (-32,6%), FREE2MOVE LEASE, UNIPOLRENTAL (ex CAR SERVER, -26,6%), SIFà, MERCEDES-BENZ CHARTERWAY (con una flessione del 12%), ES MOBILITY dellalleanza Renault-Nissan (-49.6%), ATHLON (-84,5%), TOYOTA FLEET MOBILITY, RENT2GO (-37,1%), PROGRAM, GFC (+51,1%) e PAN (-38,2%). LA STELVIO è LAUTO PIù POPOLARE. Ad agosto lALFA ROMEO STELVIO [4] diventa il modello più popolare nel long rent, con ben 534 unità immatricolate (quasi il triplo rispetto allo stesso mese del 2019), seguita dalla VOLKSWAGEN T-ROC (483 targate nello scorso mese, +152,88%), la JEEP RENEGADE (444, +27,59%), VOLKSWAGEN TIGUAN (415, -48,75%) e FIAT 500X (404, +49,08%). La top five da inizio anno vede invece primeggiare FIAT PANDA, PEUGEOT 3008, Jeep Renegade, Fiat 500X e Volkswagen Tiguan. Sulle alimentazioni si nota come la flessione delle immatricolazioni di auto a benzina è stata più che doppia rispetto a quella delle diesel: -27,99% contro -12,28%, mentre crescono le elettriche, a +217% (con una quota di mercato nel settore arrivata al 5,29%) e, soprattutto, le ibride, con le plug-in a +207% e le mild hybrid a +302%. Più contenuto lincremento delle full hybrid: +30%. Nel noleggio a lungo termine, le nuove targhe di auto elettrificate sono state 1.906 (698 le full hybrid, 455 le ibride plug-in e 753 le mild hybrid), equivalenti a una quota di mercato del 18,72% ad agosto, mentre nel cumulato annuale del settore si ferma al 14%. NEL BREVE GUIDA LAVIS. Infine, il comparto del noleggio a breve termine, pesantemente colpito dal lockdown, vede al primo posto nelle immatricolazioni AVIS BUDGET (con un -51,3%, a 12.958 auto, e una quota di mercato cresciuta dal 17,7% al 19,7%) seguita da HERTZ ITALIANA (scesa da 26.108 a 8.900 mezzi, per un calo del 65,9%). EUROPCAR è AL TERZO POSTO, con una flessione più contenuta (-34,5%, con 7.100 immatricolazioni da inizio anno). Al quarto posto LOCAUTO, che scende da 8.846 targhe a 5.541 (-37,4%), mentre SIXT (-56,6%) precede SICILY BY CAR (-60,2%) e AUTOVIA (-54,1%). Nelle posizioni successive della graduatoria si trovano GOLDCAR, NOLEGGIARE, DEMONTIS E CAR2GO. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RENT-A-CAR [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ANIASA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELVIO 2020-09-16 15:54:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/hyundai_i30_n_caratteristiche_restyling_debutto_cambio_automatico_n_dct/gallery/rbig/2020-hyundai-i30-n-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32373 Hyundai i30 N - Sul restyling debutta lautomatico N Dct http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32373&tipo=fv A pochi mesi dalla presentazione del restyling della I30 [1] con i nuovi propulsori elettrificati, la HYUNDAI [2] ha confermato il ritorno a listino della variante N, diffondendo sui suoi canali ufficiali le prime immagini della sportiva. Le novità non riguardano solo laspetto estetico, ma anche la tecnica, con lintroduzione di nuove soluzioni volte a migliorare ulteriormente le prestazioni della vettura. La Casa coreana, tuttavia, non ha ancora comunicato quando questa sarà disponibile nelle concessionarie. LE PRIME IMMAGINI DEL RESTYLING. Per la i30 N, la Hyundai ha studiato un nuovo pacchetto aerodinamico, abbinandolo al design totalmente rivisto dei paraurti e dei gruppi ottici. Sono stati inoltre introdotti dei nuovi cerchi di lega forgiati da 19", più leggeri rispetto ai precedenti, mentre i dettagli relativi allassetto non sono per il momento stati svelati. Lo stile è simile a quello della i30 N Line, ma le prese daria frontali, ancora più ampie, e le due grandi uscite degli scarichi posteriori integrate nel diffusore mettono subito in chiaro le differenze. Da queste prime immagini, invece, non è ancora possibile capire se lo spoiler in coda sia più grande rispetto a quello della N Line. DEBUTTA LAUTOMATICO N DCT. In ogni caso, la novità più importante della i30 N riguarda lintroduzione del cambio automatico doppia frizione a otto marce N Dct con i paddle al volante, al debutto in Europa dopo lanteprima osservato sulla VELOSTER N [3] in Asia e negli Stati Uniti. La trasmissione è stata sviluppata per gestire al meglio lelevata coppia del due litri turbo e include anche la modalità di guida più sportiva N Performance. Non è dato sapere, però, se il cambio manuale a sei marce offerto fino a oggi nel Vecchio Continente continuerà a rimanere disponibile. La Hyundai, inoltre, non ha ancora svelato i dati aggiornati sulla potenza e la coppia del motore, che potrebbero variare in base alle nuove procedure di omologazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/26/HYUNDAI_I30_2020_FACELIFT_.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/04/21/HYUNDAI_VELOSTER_N_ARRIVA_LA_VERSIONE_CON_IL_CAMBIO_DCT_A_8_RAPPORTI.HTML 2020-09-16 15:23:53 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/ferrari_portofino_m_motore_interni_caratteristiche/gallery/rbig/2020-Ferrari-Portofino-M-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32371 Ferrari - Portofino M, seconda vita per la scoperta http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32371&tipo=fv M come modificata, una parola che nel gergo FERRARI [1] assume una connotazione estremamente particolare. La nuova PORTOFINO M, infatti, evolve i concetti del modello originale, migliorandone le prestazioni senza intaccare il confort tipico delle GT. Sotto a unestetica affinata nei dettagli sono presenti moltissime novità, dalle dotazioni tecnologiche a un corposo aggiornamento del gruppo motopropulsore che ha portato, tra le altre cose, allintroduzione di un nuovo cambio a otto rapporti derivato da quello della NUOVA SF90 STRADALE [2]. HA UNA MARCIA IN PIù. Proprio il powertrain è una delle modifiche più importanti di questa Modificata. Il V8 biturbo di 3.855 cm3 può ora contare su 20 CV in più. Grazie a un nuovo profilo dellalbero a camme e a un sensore di controllo che ha permesso di aumentare di 5.000 giri/min il regime di rotazione delle turbine, lotto cilindri ad albero piatto di Maranello arriva a erogare 620 CV a 7.500 giri/min nonostante lintroduzione del filtro antiparticolato. Questultimo è in grado di rigenerarsi continuamente per limitare laccumulo di particolato: a esso si abbinano una linea di scarico con una nuova geometria che prevede leliminazione dei silenziatori posteriori a tutto vantaggio del sound e della riduzione degli ingombri. Nuove sono anche le valvole di bypass ovali che permettono di ridurre la contropressione dello scarico enfatizzando ulteriormente il suono del V8. Come anticipato, al propulsore viene ora accoppiata una nuova trasmissione doppia frizione a bagno dolio a otto rapporti derivata da quella della nuova gigacar del Cavallino. A differenziare i due cambi è la presenza di rapporti specifici (più lunghi sulla Portofino M) e degli ingranaggi per la retromarcia, che sulla SF90 viene gestita unicamente dai motori elettrici. Lintroduzione di una marcia in più rispetto alle sette previste dalla Portofino ha permesso ai tecnici di Maranello di rivedere la rapportatura della trasmissione per rendre la spider più efficiente e piacevole da guidare. Tramite il Variable Boost Management la coppia erogata dal propulsore varia a seconda della marcia inserita per garantire una sensazione di spinta costante: il picco di 760 Nm è così disponibile solo in settima e ottava marcia. La Portofino M può così raggiungere una velocità massima superiore ai 230 km/h, scattare da 0 a 100 km/h in 3,45 secondi e raggiungere i 200 km/h da ferma in 9,8 secondi. LE DIMENSIONI (QUASI) NON CAMBIANO. Lunga 4.594 mm (+12 mm), larga 1.938 e alta 1.318 mm, la Portofino M ricalca le dimensioni della Portofino originale. Invariato il passo di 2.670 mm, così come le carreggiate: 1.633 mm quella anteriore e 1.635 mm la posteriore. Il peso a secco è di 1.545 kg, che salgono a 1.664 in ordine di marcia, per un rapporto peso/potenza di 2,49 kg/CV. Il vano bagagli ha una volumetria di 292 litri, proprio come sul modello uscente. ARRIVA LA MODALITà RACE. Per la prima volta nella storia una spider GT di Maranello può contare sulla modalità di guida Race. Il Manettino ha ora cinque diverse posizioni: Wet, che garantisce la massima stabilità, Comfort, per la guida su strada asciutta, Sport, per un utilizzo sportivo, Race, per il massimo piacere di guida, ed Esc-Off, che prevede la disattivazione dei sistemi elettronici Vdc e F1-Tcs. Questi ultimi fanno parte, insieme allEdiff e allScm-E Frs, del Ferrari Dynamic Enhancer (Fde), che affianca il controllo della stabilità per garantire un migliore controllo della dinamica laterale della vettura rendendola più prevedibile e massimizzando il piacere di guida della vettura. In parole povere, il sistema supporta il guidatore permettendogli di divertirsi al volante e intervenendo solo in caso di pericolo. Tra le novità si segnala anche una modifica allimpianto frenante: ora il pedale ha una corsa minore del 10% a fronte di un incremento della modularità del carico pensata per garantire risposte più precise e immediate. LOOK PIù DECISO. Il Centro Stile Ferrari, guidato da Flavio Manzoni, ha progettato degli interventi pensati per rinnovare il look della scoperta senza stravolgerne limpostazione originale. Sul paraurti anteriore sono state così ricavate delle scultoree prese daria laterali che rendono ancor più aggressivo il frontale e dei tagli che si collegano visivamente con il design della fiancata. Sui passaruota hanno trovato spazio degli sfoghi daria che contribuiscono a ridurre la resistenza aerodinamica complessiva. Nuovi sono anche i cerchi diamantati, così come il paraurti posteriore che, grazie alleliminazione dei silenziatori di scarico, ora è più snello e presenta un nuovo estrattore separato che, a richiesta, può essere anche di fibra di carbonio. IL PASSEGGERO DIVENTA COPILOTA. I designer di Maranello hanno rinfrescato anche gli interni della Portofino M, introducendo alcune novità. La plancia è dominata da una sciabola centrale dalluminio che la attraversa orizzontalmente separando le zone del quadro strumenti, delle bocchette del climatizzatore e del display passeggero. Questultimo sfrutta uno schermo capacitivo full Hd da 7 con il quale chi siede a fianco del guidatore può selezionare la musica da ascoltare, visualizzare le informazioni della vettura e impostare una nuova tappa di navigazione, diventando così un copilota vero e proprio. Le indicazioni stradali aggiornate vengono visualizzate sui due display che affiancano il contagiri analogico nel quadro strumenti, oppure sullo schermo da 10,25 dellinfotainment, con visione Split View e compatibile con Android Auto e Apple CarPlay. I NUOVI SEDILI E LO SCALDACOLLO. La Ferrari descrive la Portofino M come una vettura 2+, ovvero una due posti con sedute posteriori. Per migliorare labitabilità dei passeggeri, e ricavare più spazio per la seconda fila, i sedili sono stati riprogettati e ora utilizzano un telaio di magnesio abbinato a delle imbottiture a densità differenziata che hanno permesso di creare un profilo ultracompatto dello schienale, a tutto vantaggio di chi siede dietro. I passeggeri anteriori possono ora contare su un nuovo sistema di ventilazione opzionale per sedute e schienali regolabile su tre livelli. Per lutilizzo nei mesi invernali non manca lo scaldacollo: dai poggiatesta fuoriesce dellaria calda regolata automaticamente a seconda della velocità di marcia, della posizione del tetto apribile e della temperatura esterne. NUOVI ADAS. Essendo una vettura pensata anche per essere utilizzata quotidianamente, la Portofino M dispone di svariati sistemi di sicurezza e dassistenza alla guida. A richiesta i clienti possono infatti ordinare lAdaptive Cruise Control con funzione Stop Go per la marcia in colonna, il Lane Departure Warning con avviso acustico e visivo del cambio involontario di corsia e il Predictive Emergency Brake System, che segnala potenziali rischi di collisione frontale e può ridurre le conseguenze di un eventuale impatto. Non mancano, infine, sistemi come il Blind Spot Monitoring, lAutomatic High Beam, il Traffic Sign Recognition, il Rear Cross Traffic Alert e il Surround View con visualizzazione tridimensionale degli esterni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/29/FERRARI_SF90_STRADALE_FOTO_MOTORE_IBRIDO_PRESTAZIONI.HTML 2020-09-16 14:57:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/15/dieselgate_daimler_via_libera_al_patteggiamento_con_le_autorita_usa/gallery/rbig/2020-daimler-logo.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32372 Dieselgate - Daimler, via libera al patteggiamento con le autorità Usa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32372&tipo=fv Le autorità statunitensi hanno approvato definitivamente laccordo raggiunto in via preliminare A METà AGOSTO [1] con la Daimler per chiudere il caso dei 250 mila veicoli venduti negli Stati Uniti e NON CONFORMI ALLE NORMATIVE AMBIENTALI [2]. Lintesa, che ormai manca solo dellapprovazione della Corte Federale del Distretto di Columbia e risolve le violazioni civili e ambientali ma non quelle penali, conferma quanto già annunciato dal gruppo tedesco e include alcune disposizioni non dissimili dai provvedimenti imposti alla Volkswagen negli anni passati. LE SANZIONI. Innanzitutto, laccordo prevede una serie di costi a carico della Daimler: è infatti stabilito che i tedeschi paghino un conto totale di circa 1,5 miliardi di dollari (1,27 miliardi di euro) per chiudere tutti i procedimenti civili con le autorità interessate, ossia lAgenzia per la Protezione ambientale (Epa), il California Air Resources Board (Carb), la divisione ambiente e risorse naturali del Dipartimento di Giustizia, la procura generale della California e lufficio delle Dogane. Il conto è suddiviso in 875 milioni di dollari di sanzioni civili (si tratta della seconda multa di maggior importo mai comminata ai sensi del Clean Air Act) e in 700 milioni di esborsi e spese legali per chiudere la class action promossa dai consumatori presso un tribunale distrettuale del New Jersey ed evitare ulteriori contenziosi legali. LE ALTRE DISPOSIZIONI. Come detto, sono previste ulteriori disposizioni destinate, tra laltro, ad aumentare il conto totale delle spese ad almeno 3 miliardi di dollari e a pesare sui flussi di cassa per i prossimi tre anni, in particolare nei prossimi 12 mesi. La Daimler, che ha comunque accantonato negli ultimi anni ingenti risorse per coprire gli esborsi, legali o normativi, associati al proprio dieselgate (nel BILANCIO 2019 [3] gli accantonamenti sono stati aumentati da 23 a quasi 31 miliardi), dovrà migliorare il suo sistema di gestione degli adeguamenti alle normative tecniche e condurre un programma per riparare alcuni veicoli diesel e ridurre le emissioni. Tale attività andrà a riguardare le auto a gasolio dotate di motori Mercedes-Benz BlueTEC di seconda generazione e gli analoghi furgoni a marchio Mercedes e Freightliner immatricolati negli Stati Uniti tra il 2009 e il 2016. La Daimler ha voluto precisare come questi veicoli non siano stati venduti nelle stesse configurazioni in Europa a causa delle differenze tra i sistemi di controllo delle emissioni legate alla diversità delle certificazioni e delle normative. ALMENO 16 DISPOSITIVI VIETATI. Il Dipartimento di Giustizia ha accusato la Daimler di non aver rivelato la presenza di almeno 16 differenti dispositivi ausiliari di controllo delle emissioni sulle vetture commercializzate negli Stati Uniti. Tra le funzioni elettroniche scoperte dalle autorità vi sono anche dei sistemi pensati per ridurre i rifornimenti di Adblue per il post-trattamento dei gas di scarico dei veicoli con motori a gasolio e per contenere i consumi di carburante. NESSUN MONITORAGGIO. Come nel CASO DELLA VOLKSWAGEN [4], laccordo prevede delle "iniziative di mitigazione" delle emissioni di ossidi di azoto a livello nazionale e il finanziamento di analoghe attività nel solo Stato della California: la società si è impegnata a completare entro 40 mesi la modifica dei sistemi di alimentazione di 15 locomotive ferroviarie per il trasporto merci e pagherà 110 milioni di dollari al Carb. Al contrario di quanto stabilito in accordi analoghi raggiunti con altri costruttori, non è stata disposta la creazione di un sistema per il monitoraggio delle procedure di adeguamento normativo. A tal proposito la Daimler ha ricordato di aver avviato già dal 2016, grazie allimpegno di ingenti risorse finanziarie e allassunzione di numerosi specialisti, un sistema interno per rafforzare le misure e i controlli tecnici che le autorità hanno solo chiesto di aggiornare per tener conto dellevoluzione del quadro legislativo in materia ambientale. IL NODO DELLE RESPONSABILITà. In ogni caso, lintesa non include ammissioni di responsabilità da parte del gruppo tedesco. "Come stabilito nei decreti di consenso e nel patteggiamento per la class action - si legge nel comunicato - la società nega le accuse delle autorità così come le rivendicazioni dei querelanti dellazione collettiva e non ammette alcuna responsabilità nei confronti degli Stati Uniti, della California, dei querelanti o altro ancora. Laccordo risolve i procedimenti civili pendenti con le autorità statunitensi senza giungere ad alcuna determinazione sul fatto che i sistemi dei veicoli di Daimler siano dispositivi illegali". In sostanza, come già in passato nellANALOGO CASO DELLA FIAT CHRYSLER [5], il gruppo tedesco ha optato per il patteggiamento pur di chiudere tutti i contenziosi e quindi evitare lunghe iniziative legali con i relativi rischi e costi finanziari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/08/13/DIESELGATE_DAIMLER_ACCORDO_CON_LE_AUTORITA_USA_I_TEDESCHI_PAGHERANNO_1_5_MILIARDI_DI_DOLLARI_.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/05/23/GRUPPO_DAIMLER_MANIPOLAZIONE_DELLE_EMISSIONI_DIESEL_PERQUISITE_UNDICI_SEDI_.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/25/DAIMLER_EMISSIONI_DIESEL_IL_CONTO_PER_LE_SANZIONI_SUPERA_I_30_MILIARDI_DI_EURO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/01/10/DIESELGATE_USA_IL_GRUPPO_VOLKSWAGEN_PATTEGGIA_MULTA_DA_4_3_MILIARDI_DI_DOLLARI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/01/10/EMISSIONI_DIESEL_FCA_PAGHERA_OLTRE_700_MILIONI_DI_DOLLARI_PER_CHIUDERE_LA_CAUSA_NEGLI_USA.HTML 2020-09-16 14:57:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/16/seat_ateca_al_volante_della_2_0_tdi_dsg_4drive_fr/gallery/rbig/2020-seat-tarraco-fr-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32370 Seat Ateca - Al volante della 2.0 TDI Dsg 4Drive FR http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32370&tipo=fv La SEAT ATECA [1] si rinnova aggiornando la famiglia di motori e introducendo molte tecnologie di ultima generazione. Puntando su queste novità, la Suv spagnola ribadisce il proprio ruolo di anello di congiunzione fra la più piccola ARONA [2] e la TARRACO [3] anchessa interessata da aggiornamenti. NUOVO LOOK ED ESTESA DIGITALIZZAZIONE. Formalmente, il nuovo model year dellAteca si distingue dal precedente soprattutto allo sguardo: il frontale eredita i tratti fondamentali della Tarraco e della Leon grazie alla mascherina esagonale, allassottigliamento della fanaleria full Led e allo scudo paraurti ridisegnato. Nellabitacolo spicca il nuovo display centrale dellinfotainment, che ora è touch e può essere da 8,25" o da 9,2" di diagonale. In questo caso, il sistema integra la compatibilità wireless con Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink, la connettività da remoto, grazie alla Sim installata a bordo, e anche lassistente personale, che risponde in maniera solerte alle richieste. In pratica, è lo stesso sistema portato alla ribalta dalla VOLKSWAGEN GOLF 8 [4], che consente di usufruire di diversi servizi online. La digitalizzazione può essere completata optando per la strumentazione configurabile, mentre il corredo tecnologico è ampliato da Adas di ultima generazione. FAMIGLIA RIVOLUZIONATA. La nuova gamma motori dellAteca si priva delle versioni TDI 1.6 da 115 CV e 2.0 da 190 CV. La prima sarà sostituita, nel giro di qualche settimana, da una 2.0 litri da 115 CV con cambio manuale, mentre la seconda lascia allunità da 150 CV il posizionamento al vertice tra i turbodiesel. Il 2.0 litri da 150 CV si avvale di un nuovo sistema SCR e della doppia iniezione di urea per contenere le emissioni inquinanti. Il repertorio delle unità a benzina TSI è sempre composto dal tre cilindri 1.0 da 115 CV, dall1.5 da 150 CV con disattivazione di due cilindri ai carichi parziali e dal 2.0 litri da 190 CV. La riformulazione dellofferta è completata dallintreccio fra motori e allestimenti, alcuni dei quali inediti. Ora, lentry-level è il Reference ed è abbinabile solo al motore 1.0 TSI. Il Business, linedito Xperience, così come lo sportiveggiante FR, sinterfacciano invece con lintera offerta, che consente di abbinare le unità da 150 CV anche al cambio Dsg o di optare per la trazione integrale con le Ateca più potenti. I prezzi della gamma rinnovata partono da 24.150 e arrivano a 38.350 euro, anche se una promozione abbassa la cifra dingresso a 19.900 euro. COME VA LA 2.0 TDI DSG 4DRIVE FR. Tra le novità proposte dallAteca cè la possibilità di abbinare la 2.0 TDI FR con il cambio a doppia frizione e la trazione integrale. Al pari di tutte le altre, questa versione non è cambiata sul fronte del rendimento, del dinamismo e delle prestazioni: tocca ancora i 196 km/h, raggiunge i 100 in 8,8 secondi e percorre in media 15,9 chilometri con un litro. Un valore non molto lontano dai 14,5 km/l riportati dal computer di bordo dopo un primo contatto svolto quasi interamente su strade extraurbane collinari. Il turbodiesel da 150 CV è spigliato quando lago del contagiri savvicina a 2.000 giri, anche se non sempre sommessamente, e reagisce con buona incisività sino a quota 4.000, specie utilizzando il profilo Sport. Questultimo contribuisce a dare maggiore reattività e rigore alla vettura, specie quando lassetto tarato sportivamente è integrato dagli ammortizzatori adattivi e dai cerchi da 19". Un cocktail che, però, influenza lassorbimento delle asperità. ALLESTIMENTO FR E TDI DA 200 CV PER LA TARRACO. Contestualmente al rinnovamento dellAteca arriva anche quello della Tarraco: le novità di punta del MY 2021 sono lallestimento FR e lultima evoluzione del 2.0 TDI made in Volkswagen, che ora sviluppa 200 CV e manda in pensione le versioni da 190 CV, posizionandosi in cima allofferta in attesa della variante ibrida plug-in da 245 CV. Il nuovo turbodiesel entra anche nellallestimento Xcellence, mentre per tutte le Tarraco sono disponibili gli stessi sistemi di connettività e ausilio alla guida proposti dalla nuova edizione dellAteca. Il listino oscilla tra i 31.200 e i 46.700 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/ATECA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/ARONA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/TARRACO [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN/GOLF 2020-09-16 14:35:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/bentley_continental_gt_mulliner_caratteristiche_motore_interni_della_coupe/gallery/rbig/2020-bentley-continental-gt-mulliner-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32369 Bentley Continental GT Mulliner - La coupé di lusso debutta al Salon Privé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32369&tipo=fv La BENTLEY [1] ha scelto il Salon Privé a Blenheim Palace, nel Regno Unito, per presentare la CONTINENTAL GT MULLINER COUPé. La vettura si inserisce nella gamma Collections della Casa di Crewe e affianca la CONVERTIBLE [2] presentata a inizio anno, aggiungendo finiture esclusive e un numero ancora superiore di personalizzazioni disponibili. Gli ordini saranno aperti a ottobre, con le prime consegne previste per linizio del 2021, ma il prezzo non è stato ancora comunicato. I clienti potranno scegliere tra le motorizzazioni V8 4.0 da 550 CV e V12 6.0 da 635 CV. 88 MODALITà DI PERSONALIZZAZIONE. Per riconoscere la versione Mulliner rispetto alle altre GT bastano i particolari esterni: tra questi, spiccano le finiture Double Diamond della griglia anteriore e degli sfoghi daria sui parafanghi, quelle nere e argento delle prese daria e quella Satin Silver delle calotte degli specchietti, ma anche gli specifici cerchi da 22" lucidi con badge centrale autolivellante. Gli interni, a loro volta, sfoggiano tutta la qualità artigianale tipica delle Bentley, con 400 mila cuciture dei pellami realizzate per ottenere un effetto diamantato e tre differenti colorazioni abbinate per creare un ambiente esclusivo. Le combinazioni cromatiche di base sono otto, con ben 88 inserti di legno disponibili tra cui scegliere per personalizzare la plancia. La Continental GT Mulliner presenta i loghi ricamati sui poggiatesta dei sedili, i tappetini con micro-piping ripreso dalle finiture interne e uno speciale rivestimento interno del padiglione. Nella console centrale, impreziosita da profili cromati e dalle decorazioni Milled Diamond, figura pure un cronografo firmato Breitling, mentre davanti al posto del passeggero si può osservare unulteriore finitura che richiama il profilo della coupé. Infine, è stata personalizzata anche la grafica della strumentazione digitale, che richiama la linea metallica dei quadranti tradizionali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BENTLEY [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/20/BENTLEY_CONTINENTAL_GT_CONVERTIBLE_MULLINER_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_MOTORE.HTML 2020-09-16 12:15:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/09/16/crash_test_euroncap_toyota_yaris/gallery/rbig/2020-Toyota-Yaris-crash-test-EuroNCAP-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32368 Crash test EuroNCAP - Cinque stelle per la Toyota Yaris http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32368&tipo=fv Dopo il periodo di fermo causato dallemergenza CORONAVIRUS [1], anche i crash test dellEURONCAP [2] sono ripartiti con nuovi parametri di valutazione. COME ANNUNCIATO [3], lente europeo per la sicurezza ha modificato i protocolli di collaudo per il 2020: le procedure di valutazione delle automobili sono state aggiornate per prendere in considerazione sempre più parametri e ogni vettura che verrà collaudata nei prossimi due anni sarà sottoposta a nuove tipologie di impatto. Il primo modello testato con le nuove regole è stata la TOYOTA YARIS [4], promossa a pieni voti: insieme alla piccola giapponese sono state sottoposte ai crash test anche le AUDI E-TRON SPORTBACK [5] e RENAULT CLIO E-TECH [6], che hanno confermato le valutazioni dei modelli di derivazione, entrambi in grado di ottenere le ambite cinque stelle. LE NOVITà DEI COLLAUDI. I nuovi, e più severi, protocolli EuroNCAP prevedono un differente calcolo dei risultati finali: a ogni prova viene dato un peso differente, così da dare maggiore importanza ad alcune tipologie di test, come quelli sugli Adas. Tra i collaudi si inserisce anche un aggiornamento dellurto frontale, che ora prevede lo scontro della vettura contro una barriera mobile. I RISULTATI. Le cinque stelle ottenute dalla Toyota Yaris sono frutto di ottimi punteggi ottenuti in tutte le prove effettuate. Nella protezione degli occupanti adulti la cinque porte ha raggiunto una valutazione dell86%: nello scontro laterale lescursione del manichino verso il lato opposto è stata classificata come marginale, nonostante la giapponese sia dotata di airbag centrali pensati per ridurre le conseguenze dinterazione tra i passeggeri in caso di incidente. Elevata anche la protezione garantita per i bambini a bordo (81%), così come quella per gli utenti vulnerabili della strada come pedoni e ciclisti (78%), penalizzata unicamente dalla prova dimpatto della testa con i montanti anteriori. La Yaris ha brillato con un 85% anche nella sezione Safety Assist dedicata ai sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida: la frenata demergenza ha evitato o mitigato tutti gli impatti simulati, compresi quelli con pedoni e ciclisti. Grazie alla presenza di una telecamera che rileva lo stato dattenzione del guidatore, la Yaris ha ottenuto la massima valutazione possibile nella sezione dedicata al monitoraggio degli occupanti. Poche, infine, le criticità riscontrate, come la protezione "marginale" del torace del guidatore e dei femori di conducente e passeggero causata dalla particolare conformazione del cruscotto, valutata dai tecnici dellEuroNCAP come "potenzialmente dannosa". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/EURONCAP [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2020/05/20/EURONCAP_NUOVE_PROCEDURE_TEST_2020.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/07/29/TOYOTA_YARIS_HYBRID_PREZZO_CONSUMI_DIMENSIONI_INTERNI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/12/02/AUDI_E_TRON_SPORTBACK_ALLESTIMENTI_PREZZO_USCITA.HTML [6] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/06/17/renault_captur_clio_e_tech_hybrid_prezzo_listino.html 2020-09-16 11:48:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/16/kia_svelati_gli_sketch_delle_elettriche_del_futuro/gallery/rbig/2020-kia-modelli-elettrici-bozzetti-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32367 Kia - Svelati gli sketch delle elettriche del futuro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32367&tipo=fv La KIA [1] ha delineato ulteriormente la propria strategia per lelettrico mostrando un piccolo assaggio di alcuni dei modelli che verranno lanciati nei prossimi anni: saranno sette, quelli nativi, entro il 2027, con il PRIMO PROGETTO SVILUPPATO DA ZERO [2] nome in codice CV - al lancio nel 2021. Nella gamma sono incluse, come ampiamente prevedibile e come si evince dal bozzetto, diverse Suv e crossover. GLI OBIETTIVI. La presentazione può essere considerata una sorta di sequel del Plan S annunciato a gennaio, un piano a medio-lungo termine dedicato ai veicoli alimentati esclusivamente a batteria e alle soluzioni di mobilità, attraverso il quale la Kia ha già fissato obiettivi precisi: per esempio, quello di offrire 11 modelli elettrici entro il 2025. Ampliando lorizzonte, poi, intravede, entro il 2029, un quarto delle vendite globali realizzato con la gamma a emissioni zero. Il punto di partenza sono le oltre 100 mila elettriche consegnate ad oggi in tutto il mondo a partire dal 2011, ovvero da quando è stata lanciata la Kia Ray EV, variante a elettroni di una piccola monovolume destinata al mercato coreano, che rappresenta la prima elettrica di produzione della Casa. UNA BASE FATTA APPOSTA. I nuovi arrivi saranno invece auto progettate sin da subito per muoversi a batteria, costruite sulla base della piattaforma E-GMP, il nuovo pianale modulare della Casa per le elettriche, che andranno a ricoprire un ruolo centrale nellattività della Casa e, perciò, a ridefinirne i canoni del design. Con queste vetture, la Kia si appresta a avviare un nuovo corso stilistico fortemente caratterizzato dalla filosofia e dal linguaggio, oltre che dalle soluzioni progettuali, della tecnologia a emissioni zero. Ma alle viste cè anche un potenziamento degli addetti, delle basi lavorative e della formazione dedicata allelettrico. ALTRI FRONTI. La Kia, infine, svilupperà unofferta di servizi di mobilità dedicati. Il costruttore sta definendo programmi di abbonamento che consentiranno ai clienti di guidare auto diverse con ununica sottoscrizione, formule di leasing e noleggio per le batterie e attività di business legate al ripristino degli accumulatori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/13/KIA_NUOVI_DETTAGLI_SULL_ELETTRICA_IN_USCITA_NEL_2021_E_SUI_PIANI_PER_LA_GAMMA.HTML 2020-09-16 10:52:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/09/15/hormann_gamma_portoni_motorizzati_sistemi_ventilazione_sicurezza_caratteristiche/gallery/rbig/hormann-porte-garage-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32366 Hörmann - Umidità in garage, anche i portoni automatizzati migliorano la qualità dellaria http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32366&tipo=fv Umidità, muffe, virus. Nei garage e nei box, si sa, possono soggiornare e accumularsi diversi ospiti indesiderati. Per limitare la loro presenza, però, si possono intraprendere varie strade: una di queste è linstallazione di sistemi di ventilazione dedicati e di portoni motorizzati studiati appositamente per migliorare lisolamento termico e favorire la circolazione dellaria. Proprio su questo fronte, la HöRMANN ha ampliato la propria gamma introducendo il modello LPU67 Thermo, migliorando al contempo lefficienza degli altri prodotti. MAGGIOR ISOLAMENTO TERMICO. La nuova porta, fatta di acciaio coibentato a doppia parete, presenta una guarnizione, rinforzabile su richiesta, che favorisce un migliore isolamento dopo la chiusura. LLPU67 Thermo è disponibile in diverse misure e in una gamma di 15 colori, con un sistema di automazione abbinabile a quello di sicurezza BiSecur, che consente di effettuare monitoraggi e impartire comandi da remoto tramite unapp dedicata. NUOVI SISTEMI DI AERAZIONE. Caratteristiche analoghe sono presenti anche su un altro modello della gamma, il portone sezionale RenoMatic, il quale è disponibile anche con la nuova motorizzazione ProMatic 4, che dovrebbe consentire una maggiore efficienza sul piano della velocità di apertura e della sicurezza. Tale sistema, assieme ai SupraMatic E4 e SupraMatic P4, dispone inoltre di una funzione di ventilazione naturale automatica orientata a migliorare laria allinterno del garage, evitando il ristagno dellumidità con conseguente formazione di muffe e facilitando al contempo la fuoriuscita di virus. 2020-09-16 10:20:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/05/28/nissan_qashqai_x_trail_z_e_le_altre_anticipazioni_sulle_novita_dal_2020_al_2023/gallery/rbig/2020-nissan-nuovi-prodotti-15.JPG http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32365 Nissan - Le anticipazioni sulle novità dal 2020 al 2023 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32365&tipo=fv Allindomani della conferenza che ha delineato le NUOVE STRATEGIE DELLALLENAZA RENAULT-NISSAN-MITSUBISHI [1], la NISSAN HA PRESENTATO IL PROPRIO PIANO STRATEGICO [2] per i prossimi anni. E nellannunciare misure draconiane, che porteranno alla chiusura della fabbrica Europea di Barcellona, ma anche una riduzione complessiva dei modelli proposti sul mercato, la Casa di Yokohama ha fornito qualche anticipazione sulle prossime novità. Compreso un video contenente dei piccoli teaser di alcune vetture di prossima introduzione, come le nuove Qashqai, X-Trail e la sportiva al momento identificata semplicemente con la lettera Z che andrà a rimpiazzare la 370Z. LARIYA E LE ALTRE. Benché lintenzione del costruttore sia quella di asciugare il proprio portfolio prodotti globale, passando da 69 modelli a circa 55, le new entry dal 2020 al 2023 non saranno poche: 12 sono previste entro i prossimi 18 mesi. Nei tre anni a venire, la Nissan intende aumentare, allinterno della propria gamma, il peso delle Suv, così come la presenza di vetture green. Saranno otto, in tutto, le elettriche lanciate da qui al 2023, con la sport utility ARIYA [3], in uscita allinizio del 2021, a fare da capofila. SUV E CROSSOVER. Nello stesso anno, ma con tempistiche più dilatate (si parla almeno della primavera), verrà rinnovata anche la Qashqai, per la quale sono attesi cambiamenti su tutti i fronti: dallo stile alla gamma motori, che dovrebbe includere una variante plug-in da introdurre a listino in una seconda fase rispetto al debutto. Questa fascia di mercato resterà cruciale nel business della Nissan, che allinterno dellAlleanza sarà leader per i segmenti C e D della produzione a ruote alte: quelli a cui appartengono, rispettivamente, la stessa Qashqai e la X-Trail, anchessa in procinto di essere rinnovata e anticipata, durante la conferenza, da un teaser che riguarda la versione americana, la Rogue (sfoglia la gallery). TRIBUTO ALLA PASSIONE. Notizia cara agli appassionati: nel nuovo piano di produzione cè una casella riservata anche alle sportive. In questo senso, lanticipazione più ghiotta arriva da un teaser che mostra le linee della Z, la vettura che si andrà a inserire nel solco di una tradizione storica per la Casa prendendo il posto della 370Z. Le immagini mettono in evidenza un cofano lungo e una coda raccolta, con un frontale piuttosto pulito. Un design promettente, insomma, che dovrebbe abbinarsi a prestazioni consistenti garantite, probabilmente, da un V6 derivato da quello della GT-R. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/27/RENAULT_PIANO_STRATEGICO_ALLEANZA_NISSAN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/28/NISSAN_PRESENTATO_IL_NUOVO_PIANO_TAGLI_A_MODELLI_FABBRICHE_E_ORGANICO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/10/23/NISSAN_ARIYA_SUV_ELETTRICA_DIMENSIONI_USCITA.HTML 2020-09-16 09:57:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/16/nikola_le_autorita_degli_stati_uniti_aprono_un_indagine_per_presunta_frode/gallery/rbig/2020-Nikola-Badger-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32364 Nikola - Le autorità degli Stati Uniti aprono unindagine per presunta frode http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32364&tipo=fv La NIKOLA finisce nel mirino delle autorità statunitensi per un presunto caso di frode. La startup, che pochi giorni fa ha siglato un ACCORDO DI COLLABORAZIONE INDUSTRIALE CON LA GENERAL MOTORS [1], è stata accusata da un investitore di aver diffuso informazioni fuorvianti sullo stato delle sue tecnologie e ora, secondo il Wall Street Journal, sarebbe stata posta sotto indagine da parte dei funzionari del Dipartimento di Giustizia dopo unanaloga inchiesta aperta dalla Sec, lorgano di vigilanza dei mercati finanziari. LE ACCUSE. Lindagine ministeriale sarebbe condotta dal procuratore federale di Manhattan, in collaborazione con i funzionari della stessa Sec, e avrebbe come obiettivo la verifica di alcune dichiarazioni rese dai vertici dellazienda di Phoenix sui progressi compiuti nello sviluppo di alcune tecnologie cruciali per il lancio di nuovi modelli di camion e pick-up. Le accuse sono state mosse giovedì scorso dalla Hindenburg Research, con un report di 67 pagine in cui la Nikola è stata definita un esempio di "frode intricata". Sotto accusa è finito il fondatore e presidente esecutivo Trevor Milton: secondo la Hindenburg, questi avrebbe reso dichiarazioni false" ed "esagerate" sullo stato delle tecnologie aziendali. La pubblicazione del report ha determinato conseguenze sui corsi azionari: da giovedì il titolo Nikola ha perso più del 20%. LA DIFESA. Ovviamente la tesi della Hindenburg è stata duramente contestata dallazienda. La Nikola ha definito il rapporto falso e motivato solo dallinteresse di uno "short-seller" (un investitore specializzato in vendite allo scoperto) a influenzare negativamente landamento delle azioni per guadagnare e trarre profitto dal rally iniziato subito dopo laccordo con la General Motors: le azioni hanno guadagnato in poco tempo più del 40%. Sotto accusa, anche se solo indirettamente, è finito anche il gruppo di Detroit, che ha risposto ai rilievi della Hindenburg sottolineando in particolare i risultati della "due diligence" (lesame approfondito di dati e informazioni) effettuata sulla Nikola ed escludendo lintenzione di tagliare i legami appena stretti (il gruppo diventerà anche azionista con l11% del capitale). "La nostra azienda ha lavorato con molti partner diversi", ha affermato lamministratore delegato Mary Barra. "Siamo una squadra molto capace che ha svolto una due diligence appropriata". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/08/NIKOLA_IL_PICK_UP_BADGER_SARA_PRODOTTO_DALLA_GENERAL_MOTORS.HTML 2020-09-16 09:32:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/16/nissan_z_proto_dimensioni_motore_interni/gallery/rbig/2020-Nissan-Z-Proto-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32363 Nissan Z Proto - La coupé del futuro si ispira al passato http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32363&tipo=fv La gamma Z della NISSAN [1] avrà unerede. Questa notizia, annunciata nelle scorse settimane, ha da subito fatto tirare un sospiro di sollievo agli appassionati delle coupé giapponesi, che nella nuova Z PROTO potranno vedere unanticipazione delle linee, delle tecnologie e della meccanica della futura sportiva di Yokohama. Per il momento la Casa non ha fornito dettagli sul debutto della versione di serie di questa concept, ma il design, fatto di richiami al passato amalgamati con dettagli moderni, appare già pronto per entrare in produzione. UNA PICCOLA V6 BITURBO. La Nissan ha comunicato solo pochi dettagli della nuova sportiva che, presumibilmente, sarà caratterizzata dalla presenza della trazione posteriore. Lunga 4.382 mm, larga 1.815 e alta 1.310, la coupé è spinta da un motore V6 biturbo con cambio manuale che prosegue, almeno a livello di frazionamento, la tradizione della gamma Z. IN AGGIORNAMENTO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML 2020-09-16 09:07:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/16/nissan_z_proto_dimensioni_motore_interni/gallery/rbig/2020-Nissan-Z-Proto-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32362 Nissan - La coupé del futuro si ispira al passato http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32362&tipo=fv La gamma Z della NISSAN [1] avrà unerede. Questa notizia, annunciata nelle scorse settimane, ha da subito fatto tirare un sospiro di sollievo agli appassionati delle coupé giapponesi, che nella nuova Z PROTO potranno vedere unanticipazione delle linee, delle tecnologie e della meccanica della futura sportiva di Yokohama. Per il momento la Casa non ha fornito dettagli sul debutto della versione di serie di questa concept, ma il design, fatto di richiami al passato amalgamati con dettagli moderni, appare già pronto per entrare in produzione. UNA PICCOLA V6 BITURBO. La Nissan ha comunicato solo pochi dettagli della nuova sportiva che, presumibilmente, sarà caratterizzata dalla presenza della trazione posteriore. Lunga 4.382 mm, larga 1.815 e alta 1.310, la coupé è spinta da un motore V6 biturbo con cambio manuale che prosegue, almeno a livello di frazionamento, la tradizione della gamma Z. IN AGGIORNAMENTO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML 2020-09-16 07:43:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/16/bmw_128ti_motore_prestazioni_uscita_guida_in_pista/gallery/rbig/2020-BMW-128ti-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32361 BMW - Al Ring con la nuova 128ti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32361&tipo=fv Mancava da sedici anni una versione ti nella gamma BMW [1]. Dalla Serie 3 Compact, di seconda generazione. Ora la sigla ha fatto la sua rentrée sulla SERIE 1 [2] e più precisamente sulla 128, inedita variante della hatchback a trazione anteriore. stato scritto in più modi, ti (anche in maiuscolo), ma sta ancora per Turismo internazionale - sì in italiano -, a individuare unauto orientata alla guida sportiva, che non penalizza il confort e la sfruttabilità quotidiana. Una tradizione che la BMW ha in comune con lAlfa Romeo, e che affonda le sue radici negli anni 60, quando berline come le 1600, 1800, 2000 e 2002 TI garantivano un bel po di cavalli in più delle versioni normali. SOTTO ALLA M. In fondo, ora, lobiettivo della Casa dellElica non è così cambiato: perché, col quattro cilindri 2.0 turbo da 265 cavalli, la 128ti punta su prestazioni elevate, da GTI e, allo stesso tempo, intende colmare il vuoto in gamma tra la 120d da 190 CV, la 120i da 178 (disponibile da novembre, insieme, appunto, alla 128ti e alla 116i da 109 CV) e la M135i xDrive da 306 CV. Noi abbiamo provato la 128ti un esemplare di pre-serie, con camouflage ridotto allosso - in un test estremo, sulla Nordschleife del Nürburgring. Cè IL TORSEN. Prima di guidare, però, ecco qualche dato tecnico sulla 128ti. Per gestire i 265 CV e i 400 Nm di coppia (che garantiscono lo 0-100 km/h in 6,2 secondi) il motore è abbinato a un cambio automatico a otto marce completo di paddle, coadiuvato, nella messa a terra della potenza, da un differenziale autobloccante meccanico Torsen di serie, che lavora al 31% quando si richiede potenza in modalità Traction e al 26 in rilascio. E meccaniche sono pure le sospensioni M Sport, con taratura specifica ribassata di dieci millimetri, molle e ammortizzatori più rigidi (maggiormente al retrotreno): e ciò per rendere più libera la coda e favorire linserimento in curva. Rivisto anche lo sterzo, con un rapporto un po meno diretto rispetto alle altre Serie 1 per compensare lagilità del retrotreno, ma ottimizzato per gestire lelevata coppia sullavantreno e ridurre le reazioni al volante. Ritarati anche i controlli elettronici e il sistema Arb, che gestisce lo slittamento delle ruote direttamente dalla centralina motore. Anche limpianto frenante standard è quello M Sport, con pinze a quattro pistoncini e dischi da 360 mm di diametro davanti, pinze flottanti con dischi da 300 mm sullasse posteriore. ISTIGA A SPINGERE. Il piazzale del Ring è zeppo di Porsche 911. Quello sullAnello Nord è il test più duro per unauto stradale, non solo per i 20,8 km pieni di curve cieche e di trappole, ma perché questo tracciato cambia a ogni passaggio, pronto a esaltare lauto o a metterla a nudo. Peraltro, siamo fortunati, le condizioni sono ideali: cè sole, poco traffico e lasfalto è asciutto. Sulla nostra BMW, dotata di sedile con regolazioni elettriche, è facile sistemarsi al posto guida, anche col casco: seleziono la modalità Sport e la posizione intermedia Traction, che offre una soglia dintervento dei controlli più elevata. Si va: davanti, su una M2, a farmi da apripista cè Jürgen Metz, che ha sviluppato lauto e conosce il Ring come le sue tasche. Dopo un primo giro di riscaldamento, anche per il sottoscritto, eccomi nella prima parte, alle chicane di Hatzenbach, dove la 128ti salta di continuo sullasfalto ondulato, richiedendo una presa forte sul volante. Le gomme Michelin Pilot Sport 4, misura 225/40 18, ci mettono poco a scaldarsi nellInferno verde. La hatchback è molto veloce dopo il Flugplatz, il 2.0 turbo spinge come un diesel ai medi regimi, e la velocità sale a razzo. Come a Schwedenkreuz, dove si salta alla cieca a 220 orari, per poi dover gestire la sinistra veloce che precede Aremberg, in cui si sente il retrotreno libero. Ho detto libero, non apprensivo: in effetti, la hatchback bavarese si comporta benone sul veloce, trova subito lappoggio e trasmette unottima sensazione di sicurezza. Istigandomi a spingere. Prendo confidenza, alzo il ritmo e il boss, davanti a me, si regola di conseguenza. Anche la frenata è robusta e resistente: trovo solo che il pedale abbia un attacco un po vuoto, per poi restituire il mordente giusto. Già che ci siamo, unaltra cosa mi è piaciuta meno: il contagiri digitale non ha una buona leggibilità, infatti spesso mi trovo a cambiare prima dei 6.500 giri. Non è una disdetta, in effetti il motore spinge bene ai regimi medio-alti, certo i rapporti del cambio sono spaziati e adatti alluso stradale. Ah, lautomatico è piuttosto rapido anche nelluso estremo con i paddle e, forse, più svelto in scalata. Dove, difficilmente, non concede la marcia richiesta. SALTA CHE TI PASSA. Dopo aver apprezzato la trazione assicurata dal differenziale meccanico Torsen alluscita della curva lenta di Wehrseifen, si sale di brutto verso Bergwerk, una sinistra piena, famosa per lincidente di Niki Lauda nel 1976. Dopo il falsopiano di Kesselchen, si procede verso il famoso Karussell, che con la 128ti si fa in seconda, a giri alti. Uscita a 85-90, poi terza, quarta, quinta e scollinamento di Hohe Acht. Ora le gomme anteriori sono molto calde e si scivola un po, ma la Serie 1 resta gestibile e non perde in feedback. Da qui è tutto in discesa, forse la parte più tosta del Ring, dove sfrutto la quarta che porta ai salti del Brünnchen e, soprattutto, del Pflanzgarten (in quinta), che la hatchback supera con disinvoltura a ruote un po sollevate. In atterraggio lo stomaco va a farsi benedire del tutto, perché lauto pare galleggiare nella sequenza veloce dello Schwalbenschwanz (la Coda di rondine): questo è il Ring! Dopo la veloce destra-sinistra, ecco il secondo Karussell. In uscita si va verso lultima curva che immette sul mega-rettilineo di tre chilometri e mezzo. Si entra a 160 e poi si scaricano le marce fino alla settima (il dritto è in salita). Davanti ai paddock la 128ti supera i 250 orari. Niente male per una due litri che ha tenuto molto bene per quasi 42 km tirati: come dire, otto giri e mezzo del circuito di Imola. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-SERIE-1 2020-09-16 00:21:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/15/general_motors_causa_gruppo_fca/gallery/rbig/2020-General-Motors-Renaissance-Center-Detroit.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32360 General Motors - Depositata una nuova denuncia contro FCA http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32360&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] non si arrende nella sua battaglia legale contro la FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [2]. Nonostante il primo tentativo sia stato bocciato, il gruppo di Detroit ha depositato una nuova denuncia, accusando sempre il concorrente italo-americano di corruzione e cospirazione, ma provando di ottenere giustizia in ben altro modo. LE DIFFERENZE. La differenza sostanziale rispetto agli scorsi mesi riguarda il luogo deputato a valutare la validità delle accuse: se la PRIMA DENUNCIA [3] era stata depositata presso un tribunale federale, che ne aveva disposto larchiviazione, questa volta la GM ha deciso di affidarsi a una corte statale del Michigan e di estendere gli addebiti anche a due ex manager della filiale americana della FCA, Joe Ashton e Alphons Iacobelli. Entrambi si sono già dichiarati colpevoli di appropriazione indebita di risorse aziendali nel quadro di unindagine per corruzione ad ampio raggio condotta dalle autorità investigative federali allinterno del sindacato Uaw. Ashton ha ricoperto il ruolo di vicepresidente del sindacato e successivamente è entrato nel Cda della GM, mentre Iacobelli ha lavorato per la Fiat Chrysler assumendo elevate responsabilità nelle relazioni sindacali ed è poi passato alla GM, dove - secondo laccusa del gruppo di Detroit - avrebbe condotto attività di spionaggio per conto del gruppo FCA. SPIONAGGIO AZIENDALE. La General Motors, che ha intentato la prima causa contro la sua diretta concorrente lo scorso novembre, accusa ora la FCA, Ashton, Iacobelli e altre persone di aver condotto anche attività di "spionaggio aziendale, che le hanno prodotto direttamente danni, e di aver utilizzato conti bancari offshore per pagare tangenti. A luglio il giudice distrettuale degli Stati Uniti Paul Borman HA ARCHIVIATO IL CASO FEDERALE [4] prima definendolo "uno spreco di tempo e risorse per gli anni a venire" e successivamente rigettando le nuove prove presentate da GM sui conti offshore in quanto "troppo speculative". Questa volta il costruttore di Detroit ha anche citato le banche dove sarebbero stati aperti i conti correnti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL-MOTORS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/11/20/STATI_UNITI_LA_GM_DENUNCIA_FCA_PER_PRESUNTE_TANGENTI_AL_SINDACATO_UAW.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/09/STATI_UNITI_GIUDICE_RESPINGE_LA_DENUNCIA_DELLA_GM_CONTRO_FCA.HTML 2020-09-15 20:57:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/15/mercedes_benz_classe_s_2020_prezzi_e_allestimenti_per_l_italia/gallery/rbig/2020-mercedes-classe-s-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32358 Mercedes-Benz Classe S - In Italia con prezzi a partire da 107.644 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32358&tipo=fv La MERCEDES [1] ha reso noti i prezzi della NUOVA CLASSE S [2], che in Italia sarà proposta a partire da 107.644 euro nella versione a passo corto e da 112.420 euro a passo lungo. Tre gli allestimenti previsti: Business, Premium e Premium Plus. Al momento figurano a listino tre declinazioni diesel e benzina mild hybrid Eq Boost. IL GRANDE SCHERMO. Lallestimento Business offre già il display centrale Oled da 12,8 per linfotainment Mbux di seconda generazione e un pacchetto di Adas che include, tra gli altri, il cruise control adattivo con funzione stop nellomologa versione integrale (4Matic), il crono nello 0-100 scende a 6,2 secondi, i consumi dichiarati salgono a 6,6-8 l/100 km e le emissioni a 172-211 g/km. La S 400 d 4Matic da 330 CV e 700 Nm, invece, sprinta da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi, dichiara dai 6,7 agli 8 l/100 km ed emissioni tra 175 e 211 g/km. Infine, la S 500 4Matic EQ Boost (benzina mild hybrid) da 435 CV e 520 Nm copre lo 0-100 in 4,9 secondi e riporta sulla scheda tecnica consumi tra 8 e 9,5 l/100 km con emissioni di 181-216 g/km. IL LISTINO DELLA CLASSE S A PASSO CORTO S 350 d 107.644 euro S 350 d 4Matic 111.374 euro S 400 d 4Matic 117.160 euro S 500 4Matic EQ Boost 130.548 euro IL LISTINO DELLA CLASSE S A PASSO LUNGO S 350 d 112.420 euro S 350 d 4Matic 118.346 euro S 400 d 4Matic 124.133 euro S 500 4Matic EQ Boost 137.521 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES-BENZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/02/MERCEDES_BENZ_CLASSE_S_L_AMMIRAGLIA_PER_ECCELLENZA_TORNA_PER_STUPIRE.HTML 2020-09-15 19:40:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/14/stellantis_fca_psa_combination_agreement/gallery/rbig/2020-Stellantis-4.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32359 Stellantis - FCA e PSA modificano gli accordi per rafforzare la struttura del capitale http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32359&tipo=fv I gruppi FCA [1] e PSA [2] si sono accordati per modificare alcuni dei termini previsti dal Combination Agreement vincolante per la fusione in STELLANTIS [3]. I due costruttori hanno concordato le modifiche agli accordi dello scorso 17 dicembre per contrastare gli effetti che lemergenza sanitaria ha avuto - e continuerà ad avere - sullintera industria automobilistica: lobiettivo è comunque quello di preservare il valore economico e gli equilibri previsti inizialmente dalle due aziende. Tutte le modifiche sono state già approvate dai consigli di amministrazione di entrambi i gruppi e dagli azionisti di riferimento: anche Exor, Bpifrance, il gruppo della famiglia Peugeot e Dongfeng hanno rinnovato il loro impegno nel sostenere la fusione. Le aziende hanno anche confermato che il completamento delloperazione di fusione dovrebbe avvenire, come anticipato, entro la fine del primo trimestre del 2021. OLTRE 5 MILIARDI DI EURO LANNO. Quando la fusione sarà a regime, le stime parlano di sinergie superiori ai 5 miliardi di euro lanno, oltre 1,3 miliardi in più rispetto ai 3,7 miliardi inizialmente previsti. Ciò sarà possibile grazie ai significativi progressi compiuti nellultimo periodo dai gruppi di lavoro congiunti: anche i costi totali di implementazione una tantum, necessari per il raggiungimento di queste sinergie, sono incrementati da 2,8 a 4 miliardi di euro. I DIVIDENDI E LE AZIONI FAURECIA. In base ai nuovi accordi, prima del closing delloperazione il gruppo FCA distribuirà ai propri azionisti un dividendo speciale di 2,9 miliardi di euro e non più di 5,5 miliardi come stabilito in precedenza. Non appena la fusione sarà completata, i francesi distribuiranno agli stakeholder la quota del 46% detenuta in Faurecia con lapprovazione del nuovo cda e degli azionisti di Stellantis. Tali modifiche prevedono che gli azionisti di FCA e PSA ricevano una uguale partecipazione del 23% in Faurecia, la quale può contare su una capitalizzazione di 4,867 miliardi di euro. Resterà invece invariata la proprietà 50/50 di Stellantis che, a seguito delle nuove operazioni, avrà a bilancio una liquidità di 2,6 miliardi di euro in più. I cda dei due gruppi valuteranno inoltre la potenziale distribuzione di 500 milioni di euro agli azionisti prima del closing o, in alternativa, un miliardo di euro dopo il completamento delloperazione: queste decisioni saranno prese "alla luce dellandamento e delle prospettive di entrambe le società, delle condizioni di mercato e delle performance registrate nel periodo intercorso" e dovranno essere approvate dai board di entrambe le aziende. EUROPA E AMERICHE COME MERCATI PRINCIPALI. Nella nota congiunta dei due gruppi vengono anche delineati alcuni dei punti di forza che caratterizzeranno Stellantis: "Entrambi i consigli di amministrazione di FCA e PSA sono più che mai convinti della logica e della straordinaria potenziale creazione di valore derivante dalla loro fusione. Stellantis può far leva fin dallinizio su un business fortemente diversificato con elevanti margini nelle regioni principali di Europa, Nord America e America Latina e un portafoglio unico di marchi consolidati e iconici. I suoi prodotti best-in-class, che garantiscono unelevata soddisfazione da parte della clientela, coprono tutti i segmenti chiave del settore. Altro aspetto fondamentale è che la nuova società, con la sua dimensione combinata molto più ampia, sarà attrezzata per accelerare lo sviluppo di soluzioni di mobilità altamente innovative e tecnologie allavanguardia nei veicoli a new energy, nella guida autonoma e nella connettività." I COMMENTI DI TAVARES E MANELY. "Con questo decisivo passo", spiega il presidente del consiglio di gestione del gruppo PSA CARLOS TAVARES, "ci stiamo avvicinando complessivamente al nostro obiettivo nelle migliori condizioni possibili e con prospettive ancora migliori per Stellantis. Vorrei cogliere loccasione per ringraziare i team che hanno costruito rapporti di reciproca fiducia, anche durante le misure di confinamento del Covid-19. Il fattore umano è al centro delle dinamiche di un progetto di questo tipo, insieme al sostegno dei nostri azionisti, che hanno dimostrato ancora una volta il loro impegno per la creazione di Stellantis". Alle parole del manager portoghese hanno fatto eco le dichiarazioni del ceo di FCA, MIKE MANLEY: "Non ci sono parole per descrivere la dedizione dimostrata dai team coinvolti sul lancio di Stellantis, e quella di tutte le nostre persone nellaffrontare le sfide senza precedenti che la pandemia da Covid-19 ci ha costretto ad affrontare. Lannuncio di oggi è un ulteriore, forte segnale della comune determinazione a garantire che Stellantis abbia tutte le risorse di cui ha bisogno per impegnare i suoi asset unici, le sue energie creative e le molte opportunità per la creazione di un valore superiore per tutti i nostri stakeholder". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS 2020-09-15 19:40:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/15/mazda_cent_anni_rivissuti_in_un_giorno/gallery/rbig/2020-Mazda-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32357 Mazda - Centanni rivissuti (e guidati) in un giorno http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32357&tipo=fv Dal sughero allauto elettrica, con in mezzo CENTO ANNI DI STORIA [1]. La storia di Mazda, che si muove attraverso la produzione di fibre naturali, la costruzione di macchine utensili e motori, fino ad arrivare alle moto e alle macchine. E proprio le auto che hanno segnato le vicende della Casa ci attendono ad Augusta, in Germania, per celebrare i centanni del marchio con delle guidate davvero speciali. E non solo, perché proprio nella città tedesca cè il primo museo Mazda aperto fuori dai confini giapponesi. PRIMO IMPATTO. Prima di partire ho fatto due chiacchiere con i colleghi di Ruoteclassiche, che mi hanno dato delle dritte e suggerito le macchine da non perdere. Una volta arrivata, però, il parco auto che mi trovo davanti mi lascia comunque senza parole: qui cè davvero un parterre deccezione. HO VISTO LA LUCE. Per iniziare, la mia scelta ricade sulla Luce R130 Rotary Coupé. lauto che ha segnato lingresso di Mazda nel segmento delle auto di lusso, allepoca emergente. Il nome è un omaggio al nostro Paese e a disegnarla è stato Giorgetto Giugiaro. Come non sceglierla per rompere il ghiaccio? La guida a destra non mi spaventa, lho già provata durante qualche viaggio oltremanica, anche se la gestione dellacceleratore, degli ingombri e degli specchi richiede comunque un po di apprendistato. Fortunatamente mi bastano un paio di minuti e le preoccupazioni se ne vanno: la Luce, classe 1969, si lascia guidare con estrema facilità. Lo sterzo è leggero, il cambio dalla leva lunga ancora in gran forma, e la vettura percorre al meglio le curve delle strade che attraversano le campagne tedesche. CON LEI CI SI ALLENA. Unaltra storia è la Cosmo Sport 110S: prodotta tra il 1967 e il 1972, è la prima auto di serie con motore rotativo a doppio rotore. Più che salire a bordo, qui ci si cala nellabitacolo, due posti secchi e, per me, poco spazio a disposizione. Lo sterzo è un po pesante e il cambio si impunta un po, ma dopo cinque minuti ci prendo la mano e inizio a divertirmi anche con lei. OGGI COME IERI. La sessione di prova con la Cosmo dura poco. Salto avanti nel tempo e mi ritrovo al volante di una MX-5 Roadster del 1995. Lei è indubbiamente licona del marchio: presentata per la prima volta al Salone di Chicago del 1989, assume nomi diversi in base al continente di destinazione. Ma che la si chiami MX-5 (Europa), Miata (Stati Uniti) o Eunos Roadster (Giappone), il concetto non cambia. Dalla prima generazione ad oggi ne è passata di strada sotto le sue ruote, ma il piacere di guida non cambia. Qui non ci sono schermi touch né quadri strumenti digitali ma non è certo quello che conta, anzi. Leggera e con un motore brillante, la MX-5 ha un feeling inconfondibile. LULTIMA SORPRESA. quasi sera e il tempo per i test drive sta per scadere. Ho unultima macchina da poter provare e la scelta ricade sulla Mazda RX-7, la sportiva a motore rotativo più venduta della storia; in quasi 25 anni di produzione ne sono state costruite quasi un milione. Quella che guido io è del 1991, seconda serie. Lo so, la più amata delle RX-7 è quella di terza generazione, ma vi garantisco che anche lei, grazie allerogazione fluida del motore, a innesti del cambio rapidi e precisi e alla prontezza di risposta dello sterzo, mi ha regalato ottime sensazioni e un gran divertimento. UNA NOTTE AL MUSEO. Il sole cala ma la mia giornata di celebrazioni non è ancora finita. Mi attende, infatti, la visita al Mazda Classic. Si tratta del primo museo ufficiale Mazda fuori dai confini giapponesi, lunico aperto al pubblico. A fondarlo sono stati Walter Frey e i suoi figli Joachim e Marcus, e visitandolo si possono ripercorrere tutte le tappe della storia della Casa. Ad accogliere gli ospiti ci sono la Mazda-Go, il primo motocarro della marca, e la R360, la prima Mazda prodotta in serie. Ma soprattutto ci sono gli occhi che brillano dei componenti della famiglia Frey: Walter mi racconta che, quando passeggia da solo per il museo, le sue auto "gli parlano". Insieme ripercorrono le vicissitudini vissute per arrivare dove sono oggi. Per ogni modello esposto cè infatti un aneddoto da raccontare. Un esempio? La R360 è stata comprata da un venditore australiano, dopo aver letto lannuncio su un giornale. Peccato solo che fosse vecchio di due anni. Mr. Frey però ci spera, chiama e la trova ancora disponibile. Così la fa arrivare dallAustralia, convinto dal venditore che sia nelle "migliori condizioni mai viste. La macchina arriva in Germania, senza sedili e con altre mille pecche. La chiamata al venditore è immediata, ma questultimo continua a sostenere la sua tesi: "Quella è la R360 meglio conservata in circolazione". Iniziano allora i lavori di restauro e ora lei è lì, scintillante più che mai, accanto allultima nata della Casa giapponese, lelettrica MX-3 [2]0. Un salto di cento anni, con in mezzo un mondo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2020/04/03/MAZDA_UN_SECOLO_D_INNOVAZIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2020/MAZDA_MX_30_LA_PROVA_DELLA_EXCLUSIVE.HTML 2020-09-15 19:14:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/maserati_mc20_prezzo_interni_motore_uscita/gallery/rbig/2020-Maserati-MC20-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32353 Maserati - Tutte le facce della MC20 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32353&tipo=fv Non cè nulla di improvvisato o di casuale nella quinta teatrale messa in piedi dalla MASERATI [1] per il lancio alla stampa della MC20 [2]. La cornice di Modena la città natale del marchio -, della fabbrica - dalle cui linee uscirà la macchina -, dellInnovation lab - lincubatore dove il progetto è stato sviluppato - è il risultato di una coreografia costruita tutta attorno al Tridente. Perché la MC20, al di là dei contenuti specifici, tutti molto interessanti, ha anche un valore simbolico per lintera Casa, presentandosi come una sorta di pietra angolare su cui verrà eretto ledificio del piano di rilancio. IDENTITARIA. Prima auto di una nuova era, ancora tutta da vedere, il nuovo modello si carica di una forte valenza simbolica recuperando il sei cilindri a V in posizione centrale, che non si vedeva su una Maserati dai tempi della Merak (uscita di produzione nel 1982): non una mera soluzione tecnica - seppure quanto mai opportuna nella fase storica di transizione dalla fornitura dei motori Ferrari a quelli sviluppati in casa -, ma una rivendicazione didentità. Così come lo è il tipo di vettura, che ribadisce la vocazione alle supersportive di alto lignaggio. Vocazione mai sopita, ma di recente affidata a eventi episodici, come la MC12. Questa MC20, invece, non è una fuoriserie, non sarà realizzata in tiratura limitata, ma sinserisce con piena cittadinanza nella gamma Maserati delle vetture di regolare produzione. ESCLUSIVA. Di regolare produzione non significa, però, che sarà una Maserati come tutte le altre. La fascia di prezzo, genericamente individuata dai portavoce della Casa allinterno della forbice che va dai 200 ai 300 mila euro, colloca subito la MC20 nellarena di Ferrari e Lamborghini, per intenderci, ben al di sopra del resto della gamma odierna, dove la Maserati più costosa, la Levante V8 Trofeo, raggiunge "appena" i 160 mila euro. Del resto, il grado di raffinatezza delle soluzioni tecniche, il livello di prestazioni e la dose dambizione che la MC20 non fa nulla per celare supportano questaspirazione alla "premier league". PRESTAZIONALE. Se MC20 sta per Maserati Corse 2020, lasciando intendere unorigine progettuale e un impiego votati anche alle competizioni, i numeri stanno lì a confermare questa vocazione sportiva: meno di tre secondi per archiviare lo 0-100 km/h, 325 km orari di velocità massima, 630 CV erogati (e messi a terra attraverso una trasmissione a doppia frizione con otto marce, di cui sei di potenza e due di overdrive), 730 Nm di coppia e una massa di 1.470 kg grazie a scocca e pannelli carrozzeria di fibra di carbonio e materiali compositi - per un rapporto peso/potenza di soli 2,33 kg per cavallo. A filtrarne lesuberanza sono sospensioni di alluminio forgiato con schema a doppio braccio oscillante con ammortizzatori attivi, che prevede lasse di sterzo semi-virtuale, cioè con il braccio inferiore sdoppiato, come sulle Alfa Giulia e Stelvio. Lobiettivo è lo stesso: permettere elevate accelerazioni laterali e unestrema precisione di guida. TECNOLOGICA. Il cuore della meccanica della MC20 è comunque il propulsore V6 in posizione centrale, il primo motore che il marchio modenese si fa in casa dai tempi del V8 3.2 sviluppato per la 3200 GT, che rimase in produzione fino al 2001. Tanto importante da essere battezzato con un nome, Nettuno, il nuovo V6 è stato progettato, ingegnerizzato - e sarà pure prodotto - a Modena. Con architettura a V di 90 gradi, un alesaggio di 88 millimetri mutuato direttamente dal V8 che equipaggia la Ferrari SF90, 3 litri bi-turbo con valvole wastegate attuate elettronicamente, Nettuno è coperto da un brevetto internazionale per il suo esclusivo sistema di combustione che lo pone ai vertici dei sei cilindri sul mercato per potenza specifica, con 210 CV/litro. EFFICIENTE. Come funziona? In sintesi, al metodo di combustione tradizionale è stato abbinato un sistema a precamera, che incorpora una candela daccensione. Quando la miscela di aria e benzina viene forzata al suo interno, con il pistone prossimo al punto morto superiore, la candela della precamera la innesca avviando una combustione che attraverso appositi fori si espande nella camera principale. In questo modo si generano molteplici fronti di fiamma e più turbolenze, dando luogo a una combustione più rapida e uniforme. In una parola, più efficiente. Il motore può lavorare anche in modo tradizionale, grazie alla candela nella camera di scoppio principale, quando le condizioni dimpiego non richiedono il ricorso alla precamera. I due sistemi possono, dunque, essere attivati in combinazione o singolarmente a seconda della richiesta di coppia motrice, e senza che il guidatore avverta la transizione dalluno allaltro. POLIEDRICA. Allinterno di una cornice comunque orientata alla sportività spinta, la MC20 esibisce dunque più di una personalità, passando da un carattere più mansueto (combustione tradizionale) a uno più aggressivo (sistema combinato a due camere). A modulare ancor più carattere e comportamento della nuova due posti concorrono i programmi di guida, impostabili tramite un selettore sul tunnel centrale, dalla modalità GT, quella di default con cui lauto si accende, a quella Sport, che irrigidisce le sospensioni, velocizza la risposta del cambio, aumenta la sensibilità del pedale destro e imposta il controllo della trazione per una guida più veloce, fino al programma Corsa pensato per luso in pista, che alza notevolmente la soglia dintervento del controllo di stabilità. Per escluderlo del tutto occorre spostarsi in modalità ESC Off. La posizione Wet, bagnato, aiuta invece a gestire le situazioni di bassa aderenza. AERODINAMICA. Duemila ore/uomo di lavoro alla galleria del vento della Dallara e oltre mille simulazioni virtuali di fluido-dinamica: così alla Maserati quantificano gli sforzi concentrati sugli aspetti aerodinamici, che hanno prodotto una serie di soluzioni avanzate nel disegno della carrozzeria, del fondo piatto e dei canali dellestrattore posteriore, che hanno consentito di ridurre al minimo le appendici aerodinamiche visibili, per mantenere un effetto pulito sul corpo vettura, senza neppure bisogno di ricorrere a unala posteriore mobile. SOFISTICATA. Lobiettivo dei designer del resto era chiarissimo e lo si capisce guardandola: la MC20 rifugge laggressività gridata e grossolana, per esibire invece una cattiveria misurata, con una carrozzeria liscia, filante e attillata sulla meccanica, nella quale anche le prese e gli sfoghi dellaria indispensabili sono disegnati in modo discreto, cercando quasi di farli sparire. Lo stesso minimalismo che si ritrova anche allinterno, dove tutto è finalizzato allesperienza di guida. Niente tasti fisici, tranne il selettore delle modalità di guida e i pulsanti dedicati allimpostazione del cambio, automatica o manuale, con questultima che si gestisce tramite i vistosi paddle al volante. Unica concessione allintrattenimento, lo schermo touch da 10,25 al centro della plancia che si affianca al quadro strumenti digitale, anchesso da 10,25 che raccoglie, sullasse visivo del pilota, tutte le informazioni indispensabili alla guida. E, come raccontiamo a parte, un sofisticato sistema audio tutto made in Italy. TERMICA. PER ORA. Sì, si era parlato molto, prima che la MC20 fosse svelata, di una supercar ibrida, che potesse esprimere una potenza di sistema superiore a 700 CV, un prodotto che avrebbe posto davvero la Maserati sullo stesso piano della Ferrari, che a V6 ibrido di questo tipo, come è noto, sta lavorando. Invece, alla fine, a Modena hanno scelto di andare su una vettura esclusivamente a combustione, che, il prossimo anno, affiancherà alla versione chiusa anche una variante spider. Ma quella che può sembrare una fuga nel passato è soltanto la premessa per una scelta assai più radicale, che vedrà il debutto, nel 2022, di una MC20 esclusivamente a batteria. Per farne davvero una pietra angolare della Maserati del prossimo futuro, che vedrà unelettrificazione della gamma sempre più estesa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MASERATI-MC20 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/14/audi_al_via_gli_ordini_di_sq7_e_sq8_tfsi/gallery/rbig/2020-Audi-SQ7-SQ8-_2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32347 Audi - Aperti gli ordini delle SQ7 e SQ8 TFSI http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32347&tipo=fv Le super-Suv dei Quattro anelli, ovvero le AUDI SQ7 E SQ8 [1], credono ancora nel motore a benzina. E che cuore: si tratta del V8 biturbo di 4 litri, 507 cavalli e 770 Nm di coppia. Tradotto su strada, significa 0-100 km/h in 4,1 secondi e una punta massima di 250 km/h (limitata elettronicamente). In concessionaria da ottobre, la SQ7 V8 TFSI parte da 104.200 euro, che diventano 112.000 per la SQ8 TFSI. __ ATTITUDINE SPORTIVA. Volendo, ci sono le versioni sport attitude: nei 1.270 euro aggiuntivi sono compresi Audi phone box, climatizzatore automatico quadrizona, pacchetto assistenza Tour, fari a Led Matrix con indicatori di direzione dinamici, pacchetto assistenza al parcheggio plus, impianto audio Bang top: 0px; width: 9000px; height: 16px; overflow: hidden; position: absolute;">_ ___ ANCHE I CARBOCERAMICI. Naturalmente, sia sulla SQ7 sia sulla SQ8 TFSI il telaio è agghindato per gestire i 507 cavalli del V8: della partita sono, infatti, la trazione integrale quattro, le sospensioni pneumatiche adattive e il sistema di sterzata integrale. Per chi vuole di più cè il pacchetto Dynamic plus che, a fronte dellesborso di 15.100 euro, porta con sé il differenziale sportivo, la stabilizzazione attiva del rollio, i fari Matrix Led e limpianto frenante con dischi carboceramici._ ___ Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/07/15/audi_sq7_e_sq8_arriva_il_v8_tfsi_da_507_cavalli.html 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/15/dieselgate_volkswagen_concluso_il_monitoraggio_sulla_compliance_del_gruppo_rispettati_gli_impegni_presi_/gallery/rbig/2020-gruppo-Volkswagen.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32348 Dieselgate - Volkswagen, conclusa la revisione sulla compliance del gruppo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32348&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] annuncia che è stato completato con successo il monitoraggio indipendente sulla compliance dellazienda avviato in seguito al dieselgate. Il supervisore americano Larry Thompson, incaricato di vigilare sulla correttezza delle policy del costruttore tedesco, ha certificato che lazienda ha rispettato gli impegni presi nellambito dellaccordo con il dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, definendo e implementando un programma di procedure di conformità che in futuro preverrà e identificherà violazioni delle leggi anti-frode e ambientali. IL LAVORO SVOLTO. Nel corso del periodo di monitoraggio, iniziato nel 2017 e ora concluso, la Volkswagen ha aggiornato e rafforzato le proprie strutture e i processi in molte divisioni, tra cui lo sviluppo tecnico, la governance, il risk management, la compliance e gli affari legali. Il gruppo ha anche ampliato le misure di prevenzione della corruzione e della violazione delle norme antitrust, nonché la due diligence per i propri partner. In tutto sono state introdotte circa 300 norme o politiche interne, tra quelle nuove e quelle aggiornate, nelle entità giuridiche rilevanti. Le iniziative comprendono: listituzione di un comitato di Group Compliance, di un comitato direttivo HR allinterno del gruppo e lintegrazione di un nuovo ruolo con responsabilità per ambiente, salute e sicurezza nella filiale americana; il lancio di una struttura globale per supervisionare il programma di integrità e compliance del gruppo; lintroduzione di un codice etico unico per tutti i dodici marchi e per tutte le aziende rientranti nella galassia di Wolfsburg; lampliamento del sistema di informatori attraverso investimenti in processi, personale dedicato e infrastruttura IT; la pubblicazione di un sondaggio per i collaboratori. LE PAROLE DEL REVISORE. Servirà unattenzione continua ha detto Thompson - ma le strutture e i processi attuali e limpegno a tutti i livelli dellazienda, insieme alla supervisione del consiglio di sorveglianza, possono garantire allazienda un futuro di successo e sostenibile nel lungo termine per quanto riguarda etica, integrità e compliance. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/14/citroen_c4_prezzi_motori_allestimenti_in_italia/gallery/rbig/2020-citroen-c4-ec4-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32349 Citroën C4 ed ë-C4 - In Italia con prezzi a partire da 22.900 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32349&tipo=fv La CITROëN [1] ha aperto le prenotazioni in Italia per le C4 ED ë-C4 [2]. La nuova generazione del modello, ora trasformata in una crossover da 4,36 metri, viene proposta a partire da 22.900 euro nella versione endotermica e da 34.900 euro in quella elettrica, con le prime consegne previste allinizio del 2021. BENZINA, DIESEL O A ZERO EMISSIONI. I clienti potranno scegliere tra il benzina 1.2 Puretech 130 con cambio manuale o automatico EAT8, il diesel 1.5 BlueHDI 130 con cambio automatico EAT8 e lelettrico da 136 CV e circa 350 km di autonomia (Wltp) con le batterie da 50 kWh compatibili con la ricarica a 100 kW. I dati completi relativi a consumi, emissioni e autonomia non sono stati ancora pubblicati. Nella presentazione del modello, la Casa ha inoltre annunciato larrivo del benzina da 155 CV e del diesel da 110 CV, che potrebbero quindi debuttare in un secondo tempo. TRE ALLESTIMENTI PER TUTTE. Gli allestimenti sono denominati Feel, Feel Pack e Shine. Il primo offre di serie il climatizzatore automatico bizona, i cerchi da 18" Aerotech, i gruppi ottici Led Vision con fendinebbia a Led dotati della funzione cornering, le sospensioni Progressive Hydraulic Cushions, il Safety Pack 3 con i principali Adas e linfotainment con display da 10" comprensivo di MirrorScreen, Radio Dab e impianto audio con sei diffusori. La Feel Pack aggiunge i sedili Advanced Comfort, la retrocamera, il Citroën Connect Nag, lhead-up display a colori, i cerchi da 18" Aeroblade e il supporto Smart Pad. La top di gamma Shine, infine, include anche il sistema Keyless e il Pack Drive Assist con gli Adas aggiuntivi, tra cui spicca per i modelli a cambio automatico il Cruise Control con la funzione Stop Go. LISTINO PREZZI CITROëN C4 - ë-C4: Citroën C4 Puretech 130 Feel: 22.900 Euro Citroën C4 Puretech 130 Feel Pack: 24.400 Euro Citroën C4 Puretech 130 Shine: 25.900 Euro Citroën C4 Puretech 130 EAT8 Feel: 24.900 Euro Citroën C4 Puretech 130 EAT8 Feel Pack: 26.400 Euro Citroën C4 Puretech 130 EAT8 Shine: 27.900 Euro Citroën C4 BlueHDi 130 EAT8 Feel: 26.400 Euro Citroën C4 BlueHDi 130 EAT8 Feel Pack: 27.900 Euro Citroën C4 BlueHDi 130 EAT8 Shine: 29.400 Euro Citroën ë-C4 Feel: 34.900 Euro Citroën ë-C4 Feel Pack: 35.900 Euro Citroën ë-C4 Shine: 37.400 Euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/30/CITROEN_C4_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/13/bugatti_la_fabbrica_blu_30_anni_dopo/gallery/rbig/2020-bugatti-campogalliano-30-anni-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32350 Bugatti - La Fabbrica Blu trentanni dopo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32350&tipo=fv Trentanni fa prendeva forma il sogno di Romano Artioli: perpetuare lopera di Ettore Bugatti, tra eccellenza e innovazione. Nel bel mezzo della Motorvalley, il 15 settembre 1990 a Campogalliano (Mo) nasceva la Fabbrica Blu. In questo stabilimento sarebbe stata prodotta una delle sportive più avanzate del decennio: la BUGATTI [1] EB110. META DI PELLEGRINAGGIO. Ora la FABBRICA BLU [2] è una cattedrale nel deserto, e, come tale, è considerata un luogo di culto per gli appassionati di tutto il mondo. La cerimonia di oggi, 13 settembre, segna il trentennale della fabbrica delle meraviglie, un messaggio lanciato dal personale storico, dai clienti, dagli amici della Bugatti: la fabbrica non è mai morta. Era il 1987 quando Romano Artioli rilevò i diritti per luso del marchio francese. In breve tempo vennero scelte le maestranze, gli ingegneri, gli operai, gli artigiani e un architetto: Giampaolo Benedini. Sarà lui a dar forma allo stabilimento che campeggia a ridosso dellAutostrada del Brennero. Il colore del cielo caratterizza il reparto carrozzeria, quello che ha reso iconico lintero sito di Campogalliano. Blu come le gloriose auto da corsa, e con la scritta Bugatti ben visibile dalla strada. In evidenza anche i nomi dei principali partner del progetto, tra cui: Aerospatiale, BBS, Diavia ed Elf. LE TESTIMONIANZE DI ARTIOLI E BENEDINI. Giampaolo Benedini è stato anche lartefice della EB110, il primo modello realizzato da Bugatti S.p.a. dal 1991 al 1995. La fabbrica di Campogalliano intrepretava unidea inconsueta, racconta larchitetto: Volevamo che i dipendenti non si sentissero solo un numero, ma parte integrante del progetto. Lentusiasmo è stato una costante per tutte le persone coinvolte, dai dipendenti ai vertici aziendali. La gente era felice di venire a lavoro, bisognava quasi pregarli di andar via ricorda Romano Artioli, che prosegue: Questa non è una fabbrica, ma uno strumento per realizzare cose straordinarie. E continua: Ho voluto perpetuare lopera di Bugatti in nome dellinnovazione. GUARDANDO AL FUTURO. Lavvocato toscano Stefano Pulsoni ha creduto in questo sogno anche dopo la fine dellavventura di Artioli in terra emiliana. Pulsoni ha rilevato la struttura tra mille difficoltà, preservandola dalla speculazione. Fabio Pulsoni, fratello di Stefano e attuale proprietario della struttura dichiara: Spero che finisca lera delle commemorazioni, bisogna guardare al futuro. Lauspicio è in uneconomia veloce, capace di cambiare repentinamente (possibilmente con il supporto delle autorità) e che possa prendere forma in un progetto nuovo. E qui torna in campo Artioli, che annuncia, senza voler fornire al momento molti dettagli, la partenza di un nuovo progetto finalizzato allo sviluppo di motori a metano ad alte prestazioni. UN EDIFICIO IN BUONE MANI. La celebrazione di oggi nasce dal basso, dal senso di appartenenza che accompagna Ezio Pavesi da 30 anni. Ezio è il custode della fabbrica, colui che, con passione e dedizione, si prende materialmente cura dello stabilimento. Con lui il giovane Enrico, suo figlio. Enrico prende la parola tra le ex linee di produzione, adibite per loccasione a grande sala da pranzo, e spiega limportanza di questa missione, consacrata dal gemellaggio tra Campogalliano e Molsheim. LE PAROLE DEL NUMERO UNO DELLA BUGATTI OGGI. Allevento è intervenuto anche Stephan Winkelmann, presidente della Bugatti: Qui dentro si respira ancora la grandeur, quella grandezza data dalla cura di ogni dettaglio, ha detto lex numero uno della Lamborghini, aggiungendo che: La Bugatti EB110 ha anticipato i tempi con la sua scocca in carbonio, la trazione integrale e il motore V12 con cinque valvole per cilindro. Dopo di lei, la Veyron e la Chiron sono diventate il benchmark per le performance estreme. Una delle peculiarità che ha contraddistinto la Bugatti - ha proseguito Winkelmann - è stata la passione, unita a una visione: la stessa che 30 anni fa ha permesso a Romano Artioli di farla rivivere qui, a Campogalliano. La passione è il comune denominatore quando si parla di auto, specialmente da queste parti E così, conclude Ezio Pavesi: Per me portare avanti tutto questo (a titolo gratuito) è un debito di riconoscenza, per la possibilità che ho ricevuto 30 anni fa da Romano Artioli. Perciò sento la responsabilità di preservare la sua storia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BUGATTI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2019/08/12/BUGATTI_UN_TUFFO_ALL_INDIETRO_NEL_BLU.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/14/dodge_durango_e_charger_pursuit_immagini_caratteristiche_interni/gallery/rbig/2020-dodge-durango-pursuit-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32355 Dodge - Durango e Charger Pursuit si aggiornano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32355&tipo=fv La DODGE [1] presenta le nuove Charger e Durango in allestimento Pursuit, pensato appositamente per le forze dellordine statunitensi. Tra le novità spiccano aggiornamenti alle trasmissioni e accorgimenti interni per migliorare la sicurezza e agevolare il lavoro degli agenti. Entrambi i modelli sono già ordinabili ed entreranno in servizio tra la fine di questanno e linizio del 2021. LA BERLINA. La Charger è offerta in due motorizzazioni con cambio automatico TorqueFlite a otto marce: un V6 Pentastar di 3.6 litri abbinato a un sistema di trazione integrale oppure il celebre V8 Hemi di 5.7 litri accoppiato, invece, alla sola trazione posteriore. La quattro porte americana può raggiungere una velocità massima di 225 km/h, limitabile elettronicamente a seconda delle necessità specifiche dimpiego. Tra le novità figurano anche la compatibilità Apple CarPlay e Android Auto, una maggiore capacità di carico e un servosterzo elettrico. La produzione della Charger Pursuit inizierà nel quarto trimestre di questanno nello stabilimento di assemblaggio di Brampton, in Ontario. LA SUV. La Suv Durango ricalca la gamma motori offerta dalla berlina, con la stessa trasmissione automatica a otto rapporti di serie. Internamente la vettura si distingue per una gestione differente degli spazi rispetto al modello di serie, come la leva del cambio spostata per liberare spazio nella console centrale e i sedili anteriori specifici per le forze dellordine, in grado di far accomodare gli agenti con indosso le dotazioni di servizio e di consentire un accesso più facile ai punti di aggancio delle cinture di sicurezza. Le modifiche nellabitacolo passano anche per una nuova interfaccia di controllo dei sistemi del veicolo, quattro interruttori ausiliari, rivestimenti di vinile per il pavimento e un sistema di climatizzazione tri-zona pensato per le unità cinofile. La produzione della Durango Pursuit, a differenza della Charger, inizierà nel primo trimestre del 2021 nello stabilimento Jefferson North Assembly di Detroit. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DODGE 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/14/jeep_weekend_porte_aperte_renegade_compass_4xe_plug_in_hybrid_1500_test_drive/gallery/rbig/2020-jeep-4xe-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32356 Jeep - Superati i 1.500 test drive per le Renegade e Compass 4xe http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32356&tipo=fv Il primo weekend porte aperte dedicato alle JEEP RENEGADE E COMPASS 4XE [1] ha registrato un notevole afflusso di persone nelle concessionarie italiane del marchio. Il pubblico, ospitato nel rispetto di tutte le misure di sicurezza anti-Covid, ha potuto così osservare da vicino e provare le varianti ibride plug-in dei due modelli. PORTE APERTE PER TUTTO IL MESE. La Jeep ha segnalato che, nel corso del fine settimana di lancio delle vetture, sono stati effettuati oltre 1.500 test drive. Un successo che ha spinto la Casa a optare per un porte aperte prolungato a tutto il mese di settembre, sabati e domeniche incluse. In occasione del mese di lancio, le Renegade e Compass plug-in sono acquistabili rispettivamente a 249 e 329 euro al mese, tramite un anticipo di cinquemila euro e con un finanziamento di quattro anni che consente al cliente di scegliere quando iniziare a pagare le rate (a uno, tre o sei mesi). GLI ALLESTIMENTI. Le vetture alla spina sono disponibili nei tre allestimenti Limited, S e Trailhawk, che prevedono la trazione integrale abbinata al cambio automatico a sei marce per due diversi step di potenza: da 190 o 240 CV. La Compass, inoltre, è offerta anche nella versione Business, con diverse opzioni di personalizzazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/07/27/JEEP_COMPASS_RENEGADE_4XE_MOTORE_PRESTAZIONI_PRIMO_CONTATTO_SU_STRADA.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/15/gmc_hummer_ev_teaser_pick_up_elettrico_debutto_online_apertura_prenotazioni/gallery/rbig/2020-gmc-hummer-ev-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32354 GMC Hummer EV - Debutta il 20 ottobre con il Crab Mode - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32354&tipo=fv La GENERAL MOTORS ha confermato la data del 20 ottobre per il debutto online del nuovo GMC HUMMER EV [1] e lapertura delle prenotazioni. Il pick-up elettrico riporterà il nome Hummer sul mercato e promette prestazioni di rilievo assoluto grazie alle batterie con TECNOLOGIA ULTIUM [2]. Per il veicolo, infatti, la Casa prevede 1.000 CV di potenza, con un passaggio da 0 a 100 km/h in circa tre secondi, mentre lautonomia potrebbe avvicinarsi a quota 500 km grazie a degli accumulatori con una capacità di circa 100 kWh. IL CRAB MODE PER MUOVERSI IN DIAGONALE. Con il video teaser diffuso in rete, il costruttore ha inoltre colto loccasione per svelare unaltra chicca tecnica del modello, il Crab Mode. Traendo ispirazione dal movimento dei granchi, infatti, lHummer potrà sfruttare lasse sterzante posteriore e i propulsori elettrici per muoversi in diagonale sul terreno. Si tratta di una funzionalità inedita nel mondo automotive, che potrebbe rivelarsi cruciale non solo per i difficili passaggi in fuoristrada, ma anche per usi decisamente più "urbani". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/30/GMC_HUMMER_NUOVO_TEASER_DEL_PICKUP_ELETTRICO_VIDEO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/09/09/GENERAL_MOTORS_LE_BATTERIE_DELLA_GMC_HUMMER_E_DELLA_CADILLAC_LYRIQ_SFRUTTERANNO_IL_COLLEGAMENTO_WIRELESS.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/15/volkswagen_id_4_teaser_frontale_definitivo_debutto_il_23_settembre/gallery/rbig/2020-volkswagen-id4-teaser-frontale-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32351 Volkswagen ID.4 - Un teaser svela il frontale definitivo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32351&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha svelato in un teaser il frontale definitivo della ID.4 [2], un elemento fino a oggi sempre celato dalle camuffature nelle immagini ufficiali diffuse in rete. La Casa tedesca ha anche colto loccasione per annunciare il debutto mediatico del suo secondo modello elettrico, previsto il prossimo 23 settembre. Lanteprima sarà dedicata ai clienti americani, che con la Suv a zero emissioni entreranno così nellera dei veicoli realizzati sulla piattaforma Meb, dal momento che la ID.3 [3] non sarà proposta Oltreoceano. FINO A 500 KM DI AUTONOMIA. La ID.4 presenta chiare parentele stilistiche con la sorella compatta e mostra nel frontale degli elementi a Led che decorano la mascherina e vanno a congiungersi con il logo centrale. La Suv tedesca, LA CUI PRODUZIONE è STATA GIà AVVIATA A ZWICKAU [4] ed è prevista anche in Cina e in America, sarà proposta da subito con la trazione posteriore e le batterie da 45 kWh, 58 kWh e 77 kWh, mentre lautonomia dichiarata si attesterà intorno ai 500 km. Arriveranno invece in un secondo tempo gli allestimenti con il doppio motore e la trazione integrale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/20/VOLKSWAGEN_ID4_AVVIATA_LA_PRODUZIONE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/07/29/VOLKSWAGEN_ID_3_PREZZO_AUTONOMIA_INTERNI_USCITA_PRIMO_CONTATTO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/20/VOLKSWAGEN_ID4_AVVIATA_LA_PRODUZIONE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/09/13/bmw_serie_2_avvistata_la_coupe/gallery/rbig/2020-bmw-serie-2-coupe-nuove-foto-spia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32352 BMW Serie 2 - Collaudi in corso per la Coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32352&tipo=fv Dopo aver assistito allo storico passaggio della BMW SERIE 1 [1] alla piattaforma a trazione anteriore e integrale, cè grande attesa per conoscere il destino della più sportiva SERIE 2 COUPé [2], che potrebbe vedere la luce entro la fine del 2021. PASSARUOTA AGGRESSIVI, PROPORZIONI CLASSICHE. Il prototipo immortalato rivela proporzioni piuttosto aggressive: i passaruota fortemente allargati sono inediti, mentre landamento del tetto e dei cristalli laterali è più simile alla versione uscente. Il frontale e la coda risultano ancora totalmente celati da pesanti camuffature, ma su uno dei muletti si possono comunque notare i grandi scarichi integrati nel paraurti posteriore e il piccolo alettone applicato al cofano del bagagliaio. In uno scorcio dellabitacolo si riconoscono le bocchette e la console centrale della Serie 1, oltre allo schermo dellinfotainment in stile tablet. Appare evidente, in sostanza, un ulteriore cambio di passo a livello stilistico rispetto alla SERIE 2 GRAN COUPé [3] appena presentata. POTREBBE RIMANERE UNA TRAZIONE POSTERIORE. Rimane aperto largomento più importante, ovvero quello della piattaforma. La logica vorrebbe che la Serie 2 Coupé fosse solo una versione a due porte della Gran Coupé. Eppure, secondo molte indiscrezioni, la BMW potrebbe aver deciso di sfruttare, solo per questo modello, la piattaforma Clar della Serie 3 e della Z4, con la trazione posteriore a corredo e i motori longitudinali. Se così fosse si tratterebbe ovviamente di una scelta decisamente onerosa, ma giustificata dal successo dei modelli prestazionali e delle numerose varianti della M2. La Casa non ha ancora fornito spiegazioni in merito, ma il lungo cofano anteriore pronto a ospitare anche i grandi sei cilindri in linea sembra confermare questa ipotesi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/SERIE_1.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/SERIE_2.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/19/BMW_SERIE_2_GRAN_COUPE_AL_VOLANTE_DELLE_220D_E_M235I_XDRIVE.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/15/audi_a3_g_tron_2020_interni_consumi_uscita/gallery/rbig/2020-audi-a3-gtron-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32344 Audi A3 - La gamma si amplia con la versione g-tron http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32344&tipo=fv La gamma della nuova AUDI A3 [1] Sportback si completerà nellultimo quadrimestre del 2020 con il debutto della 30 g-tron S tronic. Si tratta dellallestimento bifuel a metano proposto dalla Casa tedesca, che affianca così i benzina e diesel già disponibili e segue una formula già proposta su altri modelli del marchio. Gli allestimenti replicano quelli delle altre versioni delle A3, ma i prezzi di listino non sono stati ancora resi noti. 131 CV ANCORA PIù EFFICIENTI. La A3 g-tron adotta una versione specifica del propulsore 1.5 TSI capace di 131 CV e 200 Nm che vanta soluzioni tecniche molto avanzate come il funzionamento a ciclo Miller, la turbina a geometria variabile e la messa a punto specifica per lutilizzo del metano. Il risultato è una riduzione dei consumi di circa il 6% rispetto al modello precedente e di circa il 20% sulle emissioni rispetto ad un modello benzina tradizionale. 445 KM CON UN PIENO DI METANO. La vettura è progettata per sfruttare al massimo la propulsione a gas, utilizzando il serbatoio di benzina da soli 9 litri (che ne determina lomologazione monovalente) soltanto quando si esauriscono i circa 18 kg di metano nelle tre bombole di bordo (due delle quali in materiali compositi). Lautonomia a gas nel ciclo Wltp è pari a 445 km, mentre le emissioni medie sono comprese tra 108 e 116 g/km di CO2. Lunica trasmissione disponibile è quella doppia frizione automatica S tronic che garantisce prestazioni brillanti: 9,7 secondi per toccare i 100 km/h da fermo e 211 km/h di punta massima. La capacità di carico, infine, viene leggermente ridotta rispetto alle altre versioni e varia ora da 280 a 1.100 litri in base alla configurazione delle sedute. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/AUDI/A3.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/14/automotive_dealer_day_quattro_italiani_su_dieci_sono_pronti_ad_acquistare_l_auto_online/gallery/rbig/2020-qrt-professional-digitalizzazione-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32345 Automotive Dealer Day - Quattro italiani su dieci sono pronti ad acquistare lauto online http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32345&tipo=fv Magari cè lo zampino del CORONAVIRUS [1], oppure è solo una naturale evoluzione dei costumi: comunque sia, nel 2020 sono aumentati gli italiani pronti a comprare unautomobile online, comodamente da casa come - o quasi - fosse un paio di scarpe o un gadget high-tech. Sono quattro su dieci, mentre un anno fa erano il 38% in meno: lo dice uno studio di Quintegia che verrà presentato il 16 e 17 settembre nel corso del prossimo Automotive Dealer Day, consueto meeting tra Case, concessionari e aziende della filiera automobilistica, questanno di scena in versione digitale a causa della pandemia. SUL PORTALE Sì, MA DELLE CASE. Tra il dire e il farlo (davvero) ce ne passa, ma indubbiamente sul fronte dei consumi molto sta cambiando, ed è impensabile che lautomobile rimanga immune dal processo in corso. Se si guarda ai cosiddetti early adopter, ci dice sempre la ricerca, a passare da internet per lacquisto di una vettura sarebbe addirittura l80%. Ma se pensate che questa prospettiva tagli fuori del tutto gli intermediari tradizionali, vi sbagliate. La stragrande maggioranza (il 78% dei quattro su dieci di cui sopra) dichiara infatti di volersi rivolgere, nelleventualità, al sito di una casa automobilistica o di un concessionario: solo il 15% punterebbe sui big delle-commerce, a partire da Amazon (44%). I PERCHé. Gli intenzionati allACQUISTO ONLINE [2] adducono la comodità della gestione da remoto come ragione principale (51%), ma cè anche chi sottolinea la trasparenza dellofferta (29%) e la convenienza economica (28%). Il fronte del no richiede invece il supporto di una persona esterna (53%), o necessita di vedere lauto (29%) dal vivo prima di comprarla o ancora teme intoppi ed errori amministrativi (19%) nella gestione dellacquisto. Che, per natura, è molto più delicato ed impegnativo di quello di un paio di scarpe o di un telefonino. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/02/06/DELOITTE_IN_ATTESA_DEL_BOOM_DEGLI_ACQUISTI_DI_AUTO_ONLINE.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/15/jaguar_f_pace_2020_restyling_interni_uscita/gallery/rbig/2020-jaguar-f-pace-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32346 Jaguar F-Pace - Con il restyling arriva librida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32346&tipo=fv La JAGUAR [1] presenta il restyling della F-Pace. Laggiornamento porta in dote una serie di novità che spaziano dallo stile esterno al completo ripensamento degli interni, fino alla gamma dei propulsori aggiornata con lintroduzione delle varianti plug-in e mild hybrid. La rinnovata Suv è già ordinabile in Inghilterra e in Italia arriverà a novembre. Per librida ricaricabile sarà invece necessario attendere la primavera del 2021. LOOK PIù DECISO. Cofano, paraurti e gruppi ottici sono inediti per dare ancora maggior grinta alla vettura. Il rigonfiamento centrale sul cofano motore si fa subito notare, così come la maggiore dimensione delle prese daria frontali. I fari sdoppiati adottano nuove luci diurne a Led denominate Double J e sono previsti in opzione i fari Pixel Led con Adaptive Drive Beam. Anche le luci posteriori a Led sono state ridisegnate con un motivo sdoppiato, simile a quello della I-Pace. DENTRO CAMBIA TUTTO CON LO SCHERMO DA 11,4 POLLICI. Gli interni sono stati completamente rivisti modificando console centrale, bocchette e comandi secondari ed elevando ulteriormente il livello di finitura. Lo schermo dellinfotainment Pivi Pro misura 11,4 pollici ed è incastonato in una cornice in magnesio, mentre nella parte inferiore della plancia sono previsti i nuovi comandi circolari della climatizzazione, che vanta lo ionizzatore e rispetta gli standard di filtraggio PM2.5. Anche il comando digitale della trasmissione è stato ripensato totalmente, è rifinito con le cuciture Cricket-Ball ed è stato inserito in un pannello di metallo lucido in cui è presente anche il pulsante di avviamente. Pannelli porta e sedili sono stati altresì rinnovati: questultimi possono essere dotati di massaggio, riscaldamento e ventilazione. Il guidatore può contare sulla strumentazione digitale proiettata sullo schermo da 12,3 pollici abbinata allhead-up display opzionale e capace di scambiare informazioni e dati con linfotaiment, che riceve gli aggiornamenti over-the-air e ha la possibilità di collegare due smartphone via Bluetooth. Al servizio del confort, infine, troviamo un nuovo dispositivo di Active Noise Cancellation abbinato allEngine Noise Cancellation. MILD E PLUG-IN HYBRID DA 163 A 404 CV. Lelettrificazione è il punto cardine dellaggiornamento dei propulsori Ingenium a quattro e sei cilindri in linea Euro 6d Final, e segue quanto già visto su altri modelli del gruppo Jaguar Land Rover. La F-Pace è quindi disponibile nella versione diesel mild hybrid 48V 2.0 litri da 163 e 204 CV e 3.0 da 300 CV e in quelle benzina 3.0 da 340 e 400 CV. Nella gamma troviamo anche il diesel 300 CV e il benzina 2.0 250 CV tradizionali, oltre alla top di gamma P400e plug-in hybrid da 404 CV e 640 Nm. Tutti gli allestimenti includono la trazione integrale e il cambio automatico otto marce ZF. La Plug-in hybrid (con motore 2.0 turbobenzina) promette fino a 53 km di autonomia elettrica con le batterie da 17,1 kWh e la ricarica all80% può avvenire in 30 minuti con un sistema rapido a 32 kW e in circa 100 minuti attraverso una wallbox casalinga da 7 kW. Nel ciclo combinato Wltp, la vettura dichiara 49 g/km di CO2 e 2,2 l/100 km senza rinunciare alle prestazioni: 5,3 secondi per toccare i 100 km/h da fermo. Il modello alla base della gamma, equipaggiato con il diesel da 163 CV e il sistema mild hybrid, dichiara invece 6,2 l/100 km e 163 g/km. Della sportiva SVR, per ora, nessuna traccia. QUATTRO MODALITà DI GUIDA. Il guidatore può utilizzare il nuovo comando Drive Selector per scegliere tra le modalità di guida Comfort, Eco, Rain-Ice-Snow e Dynamic, che influenzano il comportamento dello sterzo, del powertrain e dellassetto. Inoltre, la F-Pace plug-in hybrid propone le tre modalità di funzionamento EV, Hybrid e Save per la gestione delle batterie in base alle condizioni di guida e al percorso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JAGUAR 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/15/suzuki_swace_ibrida_immagini_caratteristiche_uscita/gallery/rbig/2020-suzuki-swace-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32343 Suzuki Swace - Svelata la wagon per lEuropa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32343&tipo=fv La SUZUKI [1] prosegue nella propria partnership industriale con la Toyota e presenta la Swace, sorella gemella della COROLLA TOURING SPORTS HYBRID [2]. Di questa vettura, per il momento prezzi e disponibilità in Italia non sono ancora noti. GEMELLA DELLA COROLLA E IBRIDA. Come già accaduto con la ACROSS [3], derivata dalla RAV4 ibrida plug-in, la Swace permette alla Suzuki di entrare in un segmento inedito per il marchio, ovvero quello delle station wagon medie. La Swace offre un bagagliaio che va da un minimo di 596 litri a un massimo di 1.606. Lelemento chiave è il powertrain full hybrid 1.8 litri da 122 CV totali abbinato al cambio automatico Cvt. La Suzuki non ha fornito ancora i dati completi e ha previsto per ora valori indicativi di emissioni compresi tra 99 a 116 g/km nel ciclo Wltp nellallestimento con cerchi da 16" e pneumatici 205/55. SI RICONOSCE DAL FRONTALE E DAL VOLANTE. Per distinguere la Suzuki dalla Toyota vengono in aiuto alcuni particolari. Oltre allo scudetto della Casa di Hamamatsu, la Swace si fa infatti notare per il diverso taglio del paraurti e della mascherina anteriore, mentre i gruppi ottici sono identici, come pure gli interni, che si distinguono essenzialmente per il design del volante. La vettura sarà proposta in sette tinte e con una dotazione completa che integrerà anche linfotainment con display da 8 pollici e il pacchetto dei principali Adas, ma le specifiche degli allestimenti per lItalia non sono ancora disponibili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SUZUKI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/10/02/TOYOTA_COROLLA_TOURING_SPORTS_RAV4.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/02/SUZUKI_ACROSS_IMMAGINI_DOTAZIONI_USCITA_DELLA_SUV_IBRIDA_.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/15/suzuki_italia_collaborazione_ied_torino_prototipi_studenti_ibridi_ed_elettrici_u_man_maud_e_ikigai/gallery/rbig/suzuki-ied-prototipi-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32342 Suzuki Italia - Le concept progettate dagli studenti dello Ied http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32342&tipo=fv La divisione italiana della SUZUKI [1] ha stretto una collaborazione con lIstituto Europeo di Design (Ied) di Torino per sviluppare un "4x4xAll", ovvero il prototipo di un veicolo ibrido o elettrico in linea con lo stile e la filosofia di pensiero dei modelli della Casa: il risultato sono le concept sviluppate dagli studenti del corso triennale in Transportation Design, presentate come progetti tesi in Car Design. TRE IDEE MADE IN ITALY. Ogni proposta presentata è stata interamente prodotta a partire da una fase di studio iniziale, sia del brand sia del mercato, fino a quella di progettazione finale, comprensiva di modellazione 3D e video rendering. I 27 studenti partecipanti, divisi in gruppi e provenienti da sette Paesi diversi, hanno proposto in totale otto concept, tra le quali spiccano i progetti italiani U:man, Maud e Ikigai. PER OGNI STRADA. Il prototipo U:man si ispira ad alcuni dei più noti modelli a ruote alte della Suzuki, come la Jimny, la Vitara e la Samurai: pensata per affrontare viaggi lunghi, anche off-road, ma anche per un uso quotidiano, la concept è un veicolo dalle proporzioni compatte ampiamente personalizzabile dallutente grazie a numerose proposte di allestimenti e colori. Non mancano elementi funzionali votati allo stile e allestetica, come il rollbar a vista, i fari e la calandra. MODULARE. La concept Maud è unelettrica a trazione integrale caratterizzata da un design che sfrutta soluzioni modulari adattabili ai vari gusti degli utenti: la vettura può infatti essere personalizzata aggiungendo o sostituendo componenti ed elementi, disponibili con dei pacchetti dedicati. Le combinazioni riguardano tanto gli esterni quanto gli interni, con i sedili posteriori che possono variare nel numero e nelle dimensioni, grazie alla presenza di tre binari sul pavimento, e con i componenti interscambiabili della plancia. SPORTIVA ED ECOLOGICA. Il progetto Ikigai, invece, trae ispirazione da vetture meno note del brand nipponico e consiste in una rivisitazione della Escudo Pikes Peak, una vettura da rally divenuta famosa con il simulatore di guida Gran Turismo. Caratterizzata da un design affilato e aggressivo, orientato al dinamismo, la Ikigai è un veicolo elettrico a tre posti che punta sullecosostenibilità: le batterie utilizzate si basano su celle organiche a base di grafene, ma vengono sfruttati anche tessuti di origine vegetale e componenti in plastica riciclata. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SUZUKI 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/15/hyundai_tucson_ibrida_dimensioni_interni_bagagliaio/gallery/rbig/2020-Hyundai-Tucson-0001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32341 Hyundai Tucson - Punta su design e tecnologia - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32341&tipo=fv La HYUNDAI [1] presenta la quarta generazione della TUCSON [2], modello chiave della gamma europea che si rinnova totalmente nei design e nei contenuti. Offrirà da subito powertrain mild e plug-in hybrid e sarà chiamata a rinnovare un successo che prosegue dal 2004, con oltre 7 milioni di unità vendute globalmente e 1,4 milioni di vetture consegnate in Europa. Prezzi e disponibilità per lItalia non sono ancora noti. IL DESIGN ROMPE CON IL PASSATO. Lo stile colpisce subito perché prende le distanze dagli altri modelli del marchio nel frontale con la soluzione geometrica Parametric Hidden Lights per le luci diurne a Led, che ha di conseguenza influenzato la mascherina e il paraurti. In realtà lintera vettura è caratterizzata da forme nuove, frutto della prima applicazione nel settore delle Suv del motivo Sensuous Sportiness, che ha già dato vita alla Sonata e alla i20. Sulla Tucson le linee decise e i motivi geometrici tornano anche nella fiancata e nella coda. Inoltre, anche la scelta delle tinte esterne è stata legata alle forme particolari della carrozzeria: sono previsti colori inediti come lo Shimmering Silver, lAmazon Gray e il Teal, ma anche varianti bicolore con tetto a contrasto. MONDO DIGITALE E CONNESSO. Gli interni sono stati invece disegnati secondo la filosofia Interspace, integrando lelettronica di bordo con lambiente in maniera armonica. Linfotainment BlueLink utilizza uno schermo da 10,25" e una superficie inferiore a sfioramento per la climatizzazione, mentre la strumentazione utilizza un secondo schermo da 10,25" con grafica riconfigurabile. Lilluminazione Led dellambiente interno può essere variata in 64 diverse tonalità e dieci livelli di luminosità. Sono poi previste tre varianti cromatiche dei rivestimenti di tessuto e pelle con la scelta fra nero, nero-beige e Teal. I modelli con cambio automatico adottano comandi digitali che affiancano nella console centrale il doppio portabicchieri. PROFILI UTENTE PERSONALIZZATI E BOCCHETTE NASCOSTE PER IL CLIMA. Lesperienza viene ulteriormente elevata grazie alla possibilità di memorizzare due profili utente principali e uno ospite attraverso lapp BlueLink per poter settare automaticamente le preferenze dellinfotainment e di tutte le funzionalità collegate, inclusa la condivisione dei calendari, la navigazione a piedi e le preferenze relative allintrattenimento. Per migliorare ulteriormente il confort è stato realizzato per la prima volta un sistema di bocchette di aerazione dirette e indirette nascoste per non dirigere flussi daria troppo elevati agli occupanti senza perdere in efficienza e rapidità. Il climatizzatore offre tre zone separate. Inoltre, sono previsti i sedili anteriori ventilati e quelli posteriori riscaldabili. Poco più grande, molto più spaziosa. La nuova piattaforma ha portato la Tucson a diventare leggermente più grande della precedente, ma anche sensibilmente più spaziosa. Più lunga di 20 mm (4,5 metri totali), con un passo di 10 mm più lungo, la Suv è anche più larga di 15 mm, ma questo ha portato a 26 mm di spazio in più per le gambe dei passeggeri posteriori e a un aumento dello spazio per i bagagli compreso tra 33 e 107: in base allallestimento, la Tucson offre quindi da 546 a 620 litri con cinque posti a sedere e da 1.725 a 1.799 litri abbattendo gli schienali dei sedili posteriori. SUBITO MILD HYBRID E HYBRID, NEL 2021 ANCHE PLUG-IN. Al momento del lancio la gamma sarà composta dalle versioni 1.6 T-GDI 150 e 180 CV e dalla 1.6 CRDi a gasolio da 136 CV con sistema opzionale Mild Hybrid 48V e dalla 1.6 T-GDI Hybrid con motore elettrico da 44,2 kW e batteria da 1,49 kW da 230 CV e 350 Nm. La plug-in Hybrid sarà invece rilasciata nel corso del 2021. Un discorso a parte va fatto per le opzioni relative alla trasmissione: la Hybrid offre solo lautomatico sei marce in versione due e quattro ruote motrici, mentre il benzina da 150 CV è proposto solo con trazione anteriore con il manuale a controllo elettronico 6iMT o lautomatico doppia frizione 7Dct. Per il benzina 180 CV sono previsti gli stessi cambi del 150 CV, ma è possibile anche labbinamento con la trazione integrale, mentre per il diesel lunica scelta è il doppia frizione automatico a trazione anteriore o integrale. I modelli 4WD con cambio automatico possono contare sul nuovo Terrain Mode, che permette di aggiungere le modalità di guida Mud, Sand e Snow a quelle Eco, Normal e Sport delle altre versioni, influenzando anche il comportamento delle nuove sospensioni opzionali a controllo elettronico e il servosterzo elettrico R-Mdps di nuova generazione. I dati relativi a prestazioni e consumi dei vari allestimenti saranno comunicati in un secondo tempo. ADAS DA SEGMENTO SUPERIORE. La Hyundai ha voluto posizionare la Tucson a un livello superiore nel segmento anche introducendo un numero maggiore di sistemi di assistenza alla guida e di dispositivi di sicurezza. La Suv offre infatti lairbag centrale anteriore e il Forward Collision-Avoidance Assist con linnovativa funzione Junction Turning per prevenire incidenti agli incroci. Inoltre, sono disponibili il Lane Following Assist, il Lane Keeping Assist, il Driver Attention Warning, il Leading Vehicle Departure Alert, lHighway Driving Assist collegato allo Smart Cruise Control Curve e allo Speed Limit Assist e il Blind Spot Collision Avoidance Assist con Rear Cross-traffic Collision-avoidance Assist. Nella strumentazione digitale è poi integrato il Blind View Monitor, che proietta le immagini delle telecamere rivolte verso langolo buio del veicolo quando viene attivata la freccia per cambiare corsia. Non mancano infine le telecamere a 360 gradi e il sistema automatizzato di parcheggio, controllabile anche esternamente con la Smart Key se la vettura si trova in spazi molto stretti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/HYUNDAI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HYUNDAI-TUCSON 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/15/motorsport_cupra_prendera_parte_alla_extreme_e/gallery/rbig/2020-extreme-e-cupra%20(1).jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32339 Motorsport - Cupra prenderà parte alla Extreme E http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32339&tipo=fv Una volta faceva riferimento ai modelli sportivi Seat, ma oggi Cupra è un vero e proprio marchio che trasmette unicità, ricercatezza e prestazioni. In occasione dellapertura del primo garage in Europa - ad Amburgo - la CUPRA HA ANNUNCIATO DI ESSERE LA PRIMA CASA AUTOMOBILISTICA A PRENDERE PARTE ALLA EXTREME E, la competizione off-road elettrica che partirà allinizio del 2021. EKSTRöM GUIDERà PER LA CUPRA. Il ceo della Cupra, Wayne Griggiths, ha tolto i veli della nuova vettura insieme al vicepresidente esecutivo per la ricerca e sviluppo di Seat, Werner Tietz, e il ceo di Extreme E, Alejandro Agag. Nel corso della presentazione, è stato confermato che Mattias Ekström - campione di Rallycross e DTM - sarà uno dei piloti del team per la prossima stagione. Partner della Cupra sarà ABT Sportsline che contribuirà alla formazione di ingegneri e piloti per questa nuova avventura elettrica. Tietz ha detto: "La Extreme E è una serie che rappresenta latteggiamento sfidante della Cupra nel mondo automobilistico, per questo siamo diventati i primi costruttori a prendere parte a questa serie, unitamente con ABT, con lobiettivo di reinventare il mondo delle auto ad alte prestazioni attraverso lelettrificazione". PARTENZA A MARZO. Non è ancora stato ufficializzato il calendario degli eventi della Extreme E che, secondo le previsioni, sarebbe dovuto partire il prossimo gennaio. Si ipotizza al momento un inizio a marzo 2021, anche se è probabile un ulteriore rinvio a causa della pandemia di Covid-19. Tuttavia, linteresse per la categoria è notevole e ha già visto ladesione del TEAM X44, FONDATO DA LEWIS HAMILTON [1], a cui segue proprio lannuncio di oggi da parte della Cupra. Alejandro Agag, ceo della Extreme E, ha commentato affermando: "Siamo felici di dare il benvenuto alla Cupra come primo partner automotive in Extreme E, un annuncio che sottolinea anche limpegno di ABT Sportsline nella categoria. La presenza di Ekstrom è una bella conferma e non ho dubbi sul fatto che si adatterà velocemente alla Odyssey 21 che rappresenta una sfida unica. Non vedo lora di vederlo in azione". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/08/MOTORSPORT_HAMILTON_LANCIA_IL_SUO_TEAM_DI_EXTREME_E.HTML 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/15/francesco_venturini_caricheremo_l_auto_come_lo_smartphone/gallery/rbig/Enel-X-Francesco_Venturini-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32340 Francesco Venturini - Lad di Enel X: "Caricheremo lauto come lo smartphone" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32340&tipo=fv "Faremo un grande passo verso lauto elettrica tra il 2021 e il 2022". Per Francesco Venturini non basteranno gli incentivi, pur generosi, a spingere già ora un numero più consistente di automobilisti verso le vetture a emissioni zero. Serve di più: modelli di larga diffusione e, soprattutto, una rete che renda la ricarica semplice come fare il pieno. Venturini è amministratore delegato di Enel X, la società del gruppo Enel deputata a creare e gestire linfrastruttura per la distribuzione dellenergia elettrica. Il suo, dunque, è un parere ben informato sul tema centrale da affrontare perché le auto alla spina diventino unalternativa possibile: la rete di colonnine. "Un punto fondamentale", spiega lad, "è la disponibilità delle auto. Il mercato, a causa della pandemia, ha subìto un rallentamento negli ultimi sei mesi e questo ha cambiato i piani di produzione di alcune Case. Inoltre, manca ancora una vera auto del popolo". LE CASE, PERò, HANNO INIZIATO A LANCIARE I PRIMI MODELLI, ALCUNI DEI QUALI, CON GLI INCENTIVI, HANNO COSTI QUASI COMPARABILI CON QUELLI DI AUTO A COMBUSTIONE TERMICA. LOSTACOLO VERO è LA RICARICA Le auto elettriche hanno raggiunto livelli di ottimizzazione elevati che le equiparano o forse le rendono persino migliori delle auto tradizionali, sotto certi profili. La tecnologia è in continua evoluzione. Manca però un modello-icona, quello che le renda davvero per tutti, accessibili e anche ambite. E di sicuro cè ancora una forte resistenza da parte del pubblico, che pensa di non poter vivere una vita normale con una macchina elettrica. QUALI SONO I VOSTRI PIANI PER ESTENDERE LA RETE? Abbiamo lavorato in due fasi. Nella prima, ci siamo posti lobiettivo di coprire tutto lo Stivale. La abbiamo fatto meglio in alcune zone più che in altre, ma lo scopo era fornire a chi partiva dalla Sicilia e voleva arrivare alla Valle dAosta la possibilità di attraversare il Paese ricaricando la vettura. Non in autostrada, ma sulla viabilità ordinaria, dove poteva trovare punti in cui rifornirsi. Ci abbiamo messo due anni, ma lo abbiamo raggiunto: oggi abbiamo 11.000 punti di ricarica dei 15.000 esistenti in Italia. Ora dobbiamo differenziare la tecnologia: aumentano le auto che sono in grado di rifornirsi dai caricatori ad alte potenze, in corrente continua e in modo molto più rapido. Punteremo su quelli. PORTERETE I PUNTI DI RICARICA AD ALTA POTENZA SULLE AUTOSTRADE? Sì, la fase 2 prevede linstallazione in autostrada di colonnine che arrivano fino a 350 kW. Allestiremo le prime già entro la fine del 2020. Stiamo lavorando da Roma in su, per ora. Anche in questo caso cercheremo di essere capillari. Lobiettivo sarà avere una stazione di ricarica a 350 kW ogni 80 km. COME ALLARGHERETE LA RETE IN CITTà? Inizieremo a coprire i centri con colonnine di potenze comprese tra i 100 e i 180 kW. Gli automobilisti vogliono avere unesperienza simile a quella del benzinaio: fermarsi e in 20 minuti riportare da 0 all80% la carica. Chi ha tempo di attendere quattro ore perché lascia lauto in sosta, potrà caricare con le medie potenze. Chi, invece, ha fretta avrà la possibilità di farlo in 20 minuti. Inizieremo da Roma, dove sia a nord che a sud avremo le prime colonnine da 100-180 kW entro la fine dellanno. Vorremmo fare lo stesso a Torino e poi in tutti i capoluoghi di provincia, per far sì che ci siano almeno uno-due caricatori di questo tipo ovunque. Continueremo poi a diffondere i totem da 22 e 50 kW nelle città, ma su questo avremo bisogno di molto aiuto da parte dei Comuni, che dovranno posizionare queste stazioni in punti intelligenti. Se la colonnina è nel posto giusto, funziona sempre e attira anche un certo tipo di turismo. Il mio sogno è quello di riuscire a elettrificare tutti gli 8.100 Comuni italiani nei prossimi 24 mesi. Lultimo tassello su cui lavorare, infine, è la ricarica a casa, anche con il regolatore, per fare in modo che la maggiore potenza necessaria per ricaricare in tempi ragionevoli unauto con batterie molto capienti non si traduca in un eccessivo aumento dei costi in bolletta. Ciò anche in vista del potenziale utilizzo delle elettriche più recenti a supporto della rete. LUTENTE ELETTRICO, INTANTO, HA UNA VITA COMPLICATA, CHE DEVE ESSERE MOLTO BEN ORGANIZZATA. E QUESTO RESTA UN FRENO FORTE... Chi ha la fortuna di avere una colonnina sotto casa o in ufficio o un garage, oggi può considerare lelettrico come unopzione. Ma con levoluzione della rete cambieranno molto le abitudini. Chi ha unelettrica non ha sempre la necessità di fare ricariche rapide. Se hai 350 km di autonomia, nei tragitti normali lo fai una volta o due alla settimana. Avere disponibilità di prese nei posti giusti, poi, trasformerà la ricarica dellauto rendendola simile a quella degli smartphone. Anche se hai la batteria quasi carica, quando ne hai la possibilità, ti attacchi: vai al supermercato, ti colleghi e rifornisci di 20-30 km; poi, lo fai di nuovo alla prossima sosta. Lobiettivo è la capillarità: dovremo avere centinaia e centinaia di migliaia di prese elettriche, così caricare lauto diventerà normale. COME SARANNO LE STAZIONI DI SERVIZIO ELETTRICHE? I punti di ricarica rapida cittadini saranno posizionati in luoghi particolari: si affiancheranno a un concept store che vende prodotti Enel X e a un punto di ristorazione. Così, permetteremo a chi in città deve attendere 20 minuti per ricaricare velocemente l80% della batteria di passare quel tempo in modo gradevole. Nella capitale apriremo il primo punto già a ottobre. COME AI PRIMORDI DELLA TELEFONIA MOBILE IL ROAMING HA AIUTATO A COLMARE I BUCHI DELLA RETE, COSì LINTEROPERABILITà PUò ESSERE UNA SOLUZIONE? Il sistema è stato pensato proprio così: chi costruisce la rete è come i detentori delle antenne, mentre coloro che danno accesso allinfrastruttura corrispondono agli operatori telefonici. Enel ha adottato da sempre una politica di totale apertura della propria rete in Italia e allestero ad altri operatori. In Europa ci sono 52.000 punti di ricarica accessibili ai clienti di Enel X e lobiettivo è di arrivare a 90.000 entro la fine dellanno. E tra punti interoperabili e punti creati da noi, tutti interconnessi, vorremmo arrivare al mezzo milione entro i prossimi tre anni. AVETE PARTNERSHIP CON LA FORMULA E E LA MOTOE: OLTRE ALLA VISIBILITà, CHE BENEFICI PORTANO QUESTE COLLABORAZIONI? Lavorare nel mondo delle competizioni è fondamentale per lo sviluppo di nuove soluzioni. Il caricatore utilizzato dalla Formula E, per esempio, ha dimostrato di funzionare in ogni situazione, anche a oltre 2.000 metri di quota. Il lavoro fatto per la MotoE ci sta permettendo di sviluppare i prodotti che vedremo su strada e nelle stazioni di rifornimento, ma anche nelle case. LA DIFFUSIONE DELLE ELETTRICHE PASSA SOPRATTUTTO DALLE BATTERIE, AMBITO CHE VEDE LEUROPA IN POSIZIONE SVANTAGGIATA RISPETTO AI PRODUTTORI ASIATICI. VOI FATE PARTE DELLEUROPEAN BATTERY ALLIANCE. COME STATE LAVORANDO PER RECUPERARE QUESTO GAP? LEuropa si è affacciata alla produzione di batterie con grande ritardo. Francesi e tedeschi ora stanno provando a produrle. Noi lavoriamo sullottimizzazione del loro utilizzo, creando software predittivi e sistemi di massimizzazione delloutput. Laltro filone su cui siamo attivi è il riciclo. LItalia è un grande riciclatore di accumulatori al piombo e ci si sta proponendo allEuropa anche per recuperare quelli al litio. Il grande problema del riutilizzo è che non esistono standard condivisi su come impacchettare le batterie, il che rende molto onerosa loperazione di smontarle per riciclarne i componenti. Oggi costa meno comprarne una nuova che riutilizzarne una usata. LA RETE IN ITALIA PUò SUPPORTARE LA CRESCITA DI AUTO ELETTRICHE CHE SI AUSPICA? Sì, senza problemi. Qualora ci fossero situazioni critiche, la rete si "maglia" e si costruisce in modo tale che le potenze necessarie possano essere gestite con degli upgrade e con lintegrazione delle batterie nellinfrastruttura di ricarica. PERCHé LAUTO ELETTRICA SIA PULITA è NECESSARIO CHE SIA MOSSA DA ENERGIA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI. A CHE PUNTO SIAMO IN ITALIA? Oggi la percentuale di energia elettrica ricavata da fonti rinnovabili è vicina al 45%. Il nostro Paese è ricco di acqua, sole e ha grandi potenzialità. Anche vento e geotermia sono risorse di cui disponiamo in zone specifiche. Grazie ai grandi investimenti che abbiamo fatto negli ultimi dieci anni, siamo tra i leader nel settore e dobbiamo lavorare per continuare a esserlo. Tutta lenergia che acquistiamo da Enel, inoltre, è certificata come verde. NELLE CITTà SI VEDONO ANCORA MEZZI PUBBLICI OBSOLETI. LELETTRICO PUò ESSERE UNALTERNATIVA PER IL TRASPORTO COLLETTIVO? Sì, ma per come è organizzato il modello di acquisto dei mezzi pubblici siamo in grande ritardo rispetto a quanto si sta facendo in altri Paesi europei come la Spagna, o negli Stati Uniti e in America Latina. Lo stesso vale per il trasporto merci: servono politiche di stimolo perché i furgoni che si muovono in città diventino elettrici. Non percorrono più di 100-120 km al giorno, viaggiano quasi solo nei centri e potrebbero essere elettrificati. Lo stesso vale per le auto della pubblica amministrazione e per le due ruote: in giro si vedono ancora motorini a miscela e vecchie moto. Le due ruote potrebbero essere convertite allelettrico con costi molto contenuti e benefici enormi. LELETTRICO è ANCORA UN MONDO PER POCHI ADEPTI, CON UN LINGUAGGIO E DEI TECNICISMI CHE I PIù FANNO FATICA A COMPRENDERE Sì, per questo è necessario fare divulgazione, perché gli italiani capiscano un gergo nuovo, comprendano le differenze tra unità di misura, modalità di ricarica, tipologie di prese e colonnine. Bisogna lavorare anche per preparare bene chi vende le auto a batteria. Solo così lelettrico potrà davvero essere unalternativa. 2020-09-15 18:48:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/13/f_1_gp_toscana_risultati_gara/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton-bottas.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32322 F.1, GP Toscana - Hamilton domina al Mugello http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32322&tipo=fv DOPPIETTA DELLA MERCEDES AL GRAN PREMIO DELLA TOSCANA, nona prova del Mondiale di Formula 1 2020. Lewis Hamilton ha conquistato la novantesima vittoria in carriera, portandosi a due sole lunghezze dal record di successi di tutti i tempi che appartiene a Michael Schumacher. Linglese della Mercedes ha dimostrato una grande forza al Mugello e ha battuto il suo compagno Bottas che, ancora una volta, è davvero lontano dal poter impensierire Lewis per la vittoria finale. Sale sul podio, per la prima volta in carriera, ALEXANDER ALBON con la Red Bull. _In aggiornamento_ I RISULTATI COMPLETI DEL GP DELLA TOSCANA AL MUGELLO [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-13 18:02:02 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/07/28/bmw_serie_2_avvistata_la_coupe/gallery/rbig/2020-bmw-serie-2-coupe-foto-spia-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32321 BMW Serie 2 - La Coupé avvistata su strada http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32321&tipo=fv Dopo aver assistito allo storico passaggio della BMW SERIE 1 [1] alla piattaforma a trazione anteriore e integrale, cè grande attesa per conoscere il destino della più sportiva SERIE 2 COUPé [2], che potrebbe vedere la luce entro la fine del 2021. PASSARUOTA AGGRESSIVI, PROPORZIONI CLASSICHE. Il prototipo immortalato rivela proporzioni piuttosto aggressive: i passaruota fortemente allargati sono inediti, mentre landamento del tetto e dei cristalli laterali è più simile alla versione uscente. Il frontale e la coda risultano ancora totalmente celati da pesanti camuffature, ma su uno dei muletti si possono comunque notare i grandi scarichi integrati nel paraurti posteriore e il piccolo alettone applicato al cofano del bagagliaio. In uno scorcio dellabitacolo si riconoscono le bocchette e la console centrale della Serie 1, oltre allo schermo dellinfotainment in stile tablet. Appare evidente, in sostanza, un ulteriore cambio di passo a livello stilistico rispetto alla SERIE 2 GRAN COUPé [3] appena presentata. POTREBBE RIMANERE UNA TRAZIONE POSTERIORE. Rimane aperto largomento più importante, ovvero quello della piattaforma. La logica vorrebbe che la Serie 2 Coupé fosse solo una versione a due porte della Gran Coupé. Eppure, secondo molte indiscrezioni, la BMW potrebbe aver deciso di sfruttare, solo per questo modello, la piattaforma Clar della Serie 3 e della Z4, con la trazione posteriore a corredo e i motori longitudinali. Se così fosse si tratterebbe ovviamente di una scelta decisamente onerosa, ma giustificata dal successo dei modelli prestazionali e delle numerose varianti della M2. La Casa non ha ancora fornito spiegazioni in merito, ma il lungo cofano anteriore pronto a ospitare anche i grandi sei cilindri in linea sembra confermare questa ipotesi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/SERIE_1.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/SERIE_2.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/19/BMW_SERIE_2_GRAN_COUPE_AL_VOLANTE_DELLE_220D_E_M235I_XDRIVE.HTML 2020-09-13 15:09:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/09/12/opel_astra_sw_mezzo_milione_di_chilometri_senza_pensieri/gallery/rbig/2020-opel-astra-500mila-km-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32320 Opel Astra SW - Mezzo milione di chilometri senza pensieri http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32320&tipo=fv Gli automobilisti italiani, si sa, sono dei grandi macinatori di chilometri. Se poi sono costretti a viaggiare di continuo per esigenze professionali o familiari, le percorrenze possono essere davvero esagerate. Come quella raggiunta da Giuseppe Mario Mancuso di Castellamonte (TO), un lettore che ci ha scritto per raccontare il traguardo raggiunto dalla sua OPEL ASTRA [1] 1.9 CDTI Cosmo da 120 CV del 2006, con la quale ha superato - ci testimonia con entusiasmo - la fatidica soglia dei 500 mila km senza avere alcun problema. LA SFIDA. Solo tre anni fa, la mia auto raggiungeva quota 400 mila km. Una percorrenza che stupì perfino la concessionaria, ci spiega. Quello tra il nostro lettore e la sua wagon è un amore sbocciato sul lavoro, essendo stata lauto, in passato, un fringe benefit che Giuseppe ha poi riscattato per farne la sua auto privata. Negli anni, questAstra della SERIE H [2] ha poi continuato ad accompagnarlo nei frequenti viaggi di lavoro: Giuseppe ci confessa di aver sempre mantenuto la stessa cura meticolosa verso la sua auto, anche oggi che è a esclusivo servizio di esigenze familiari: Tagliandi regolari, attenzione nella guida, gran cura della vettura e, forse, un po di fortuna, hanno contribuito alla durata di questo grande motore (l1.9 CDTI, _ndr_), ma anche la professionalità e lassistenza del meccanico di fiducia hanno fatto la differenza. Per cui, un po per sfida e un po per semplice curiosità umana, abbiamo puntato al mezzo milione di chilometri. Ovvero, una percorrenza di circa 1,3 volte la distanza tra la Terra e la Luna, raggiunta lo scorso 23 luglio (oggi è arrivata già a 504 mila km) senza mai rilevare particolari problemi: Nel tempo, qualche parte della meccanica si è logorata, e ha richiesto sostituzioni nella norma, ma niente di più: il motore non è mai stato toccato. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/OPEL/ASTRA.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2019/09/14/opel_kadett_e_astra_una_storia_di_successo_da_piu_di_ottant_anni_foto_gallery.html 2020-09-12 19:20:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/12/f_1_gp_toscana_risultati_qualifiche/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32319 F.1, GP Toscana - Pole Position per Lewis Hamilton http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32319&tipo=fv POLE POSITION numero 95 in carriera per LEWIS HAMILTON [1]. Il pilota inglese della Mercedes partirà davanti a tutti nel GRAN PREMIO DELLA TOSCANA, nona prova del Mondiale di Formula 1. VALTTERI BOTTAS si è dovuto accontentare della seconda posizione, staccato di soli 59 millesimi: nel suo ultimo tentativo aveva lopportunità di migliorarsi, ma luscita di pista di Ocon lo ha costretto ad alzare il piede e lasciare la pole nelle mani del compagno di squadra. Terzo tempo per MAX VERSTAPPEN [2], staccato però di 3 decimi dai campioni del mondo in carica. LE PAROLE DEL POLEMAN. "Questo tracciato è fenomenale, è un circuito davvero impegnativo. Ho lavorato duramente per migliorare le mie traiettorie e il mio assetto e finalmente oggi ho fatto il giro che mi serviva per la pole", ha detto Lewis Hamilton. Linglese continua ad arricchire il suo record sulle pole e oggi ha raggiunto quota 95. Gli mancano solo due vittorie, invece, per eguagliare il numero di vittorie di Michael Schumacher. LA TOP 10. Sulla griglia di partenza, le due Red Bull si schiereranno proprio alle spalle delle due Mercedes. Alexander Albon, infatti, ha chiuso quarto ma con un ritardo di 8 decimi dalla vetta e mezzo secondo dal compagno di squadra. Promettente il quinto posto di Charles Leclerc che porta così la SUA FERRARI IN TERZA FILA NEL WEEKEND IN CUI LA ROSSA FESTEGGIA I 1000 GP [3]. Il monegasco è riuscito a lasciarsi alle spalle le due Racing Point di Perez e Stroll, ma i distacchi a centro gruppo sono davvero serrati e basta un niente per avanzare o perdere posizioni. Nono Carlos Sainz con la McLaren, a sandwich tra le due Renault di Ricciardo e Ocon, che chiude decimo. VETTEL FUORI IN Q2. Dalle stelle alle stalle, per una manciata di decimi. successo al giovane pilota francese della Scuderia AlphaTauri: dopo aver vinto a Monza e dimostrato di avere un gran passo sia ieri che nella terza sessione di libere di stamattina, qualcosa è andato storto. Pierre è stato eliminato in Q1 e domani partirà dalla sedicesima posizione. Il suo compagno di squadra Kvyat scatterà invece dalla dodicesima piazzola, davanti allAlfa Romeo di Kimi Raikkonen e allaltra Ferrari di Sebastian Vettel. GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE QUALIFICHE AL MUGELLO [4] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?HAMILTON_LEWIS_523079 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?VERSTAPPEN_MAX_538405 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/09/SCUDERIA_FERRARI_AL_MUGELLO_CON_LIVREA_SPECIALE_AMARANTO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-12 16:37:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/12/f_1_gp_toscana_libere_3_bottas_di_un_soffio_davanti_a_verstappen/gallery/rbig/2020-mercedes-bottas.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32318 F.1, GP Toscana - Libere 3, Bottas di un soffio davanti a Verstappen http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32318&tipo=fv Nella TERZA SESSIONE DI PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DI TOSCANA al Mugello, VALTTERI BOTTAS ha ottenuto il giro più veloce, fermando il cronometro sull1:16.530. Il finlandese della Mercedes ha preceduto di soli 17 millesimi la Red Bull di MAX VERSTAPPEN e di 83 millesimi laltra Mercedes, quella di LEWIS HAMILTON. LA TOP 10. Guardando la classifica dei tempi di questa sessione, è chiaro che assisteremo a delle qualifiche combattute, con Verstappen che sembra lunico in grado di strappare lennesima pole ai due piloti della Mercedes. La Racing Point sembra aver capitalizzato il potenziale delle nuove componenti portate qui al Mugello e montate sulla vettura di Stroll, che è stato in grado di ottenere il quarto posto oggi. Perez ha chiuso sesto, alle spalle dellAlphaTauri di Pierre Gasly. Il pilota francese, vincitore del GP dItalia della scorsa settimana, sembra trovarsi a suo agio sui saliscendi del circuito di Scarperia. Il suo compagno di squadra, Daniil Kvyat, ha chiuso in nona posizione, proprio alle spalle di Albon e della Ferrari di Leclerc. LA ROSSA ZOPPICA. La Ferrari ha chiuso la terza sessione di oggi con il settimo tempo, quello di Charles Leclerc. Il monegasco ha accusato oltre un secondo di ritardo rispetto a Bottas, ma sembra avere comunque il passo per stare nei primi dieci. Discorso totalmente diverso per Sebastian Vettel, che ha un ritardo su Leclerc di sei decimi e ha chiuso la sessione in diciottesima posizione. GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE LIBERE 3 AL MUGELLO [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-12 13:54:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/09/12/renault_le_piu_belle_concept_della_regie_foto_gallery/gallery/rbig/concept-renault-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32317 Renault - Le più belle concept della Régie FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32317&tipo=fv Come tante altre vetrine del mondo dellauto, questanno IL SALONE DI PARIGI NON APRIRà I BATTENTI [1]: levento a cadenza biennale, in programma dall1 all11 ottobre, è stato cancellato a causa dellemergenza coronavirus. Pur avendo subito nelle ultime edizioni la concorrenza del Salone di Ginevra, il Paris Motor Show ha sempre mantenuto alta lattenzione per le grandi novità mostrate al pubblico. Tra queste, tanti prototipi, come quelli della Peugeot, DEI QUALI VI ABBIAMO GIà PARLATO [2], e della RENAULT [3], uno dei marchi che maggiormente amano esibire, in queste occasioni, avveniristiche concept. Ne parliamo meglio nella nostra nuova galleria di immagini, dove troverete una lunga selezione di showcar della Losanga, presentate durante le grandi fiere dellauto dal 1990 a oggi. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2020/03/30/salone_di_parigi_2020_annullato.html [2] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2020/04/27/peugeot_il_fascino_delle_concept_del_leone_foto_gallery.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/RENAULT 2020-09-12 11:12:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/11/codice_della_strada_mattarella_censura_la_riforma/gallery/rbig/Sergio-Mattarella.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32316 Codice della strada - Mattarella censura il metodo della riforma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32316&tipo=fv Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, pur promulgando la legge di conversione del cosiddetto decreto Semplificazioni, censura il metodo con cui è stata approvata la RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA [1], varata surrettiziamente a colpi di emendamenti a una norma che nulla aveva a che fare con la materia del provvedimento varato dal governo. E sul quale lesecutivo, oltretutto, ha posto, per ben due volte, sia al Senato, dove un maxiemendamento ha interamente riscritto il provvedimento, sia alla Camera, la questione di fiducia. NON ATTINENTE AL PROVVEDIMENTO. Il testo a me presentato, con le modifiche apportate in sede parlamentare, contiene diverse disposizioni, tra cui segnatamente quelle contenute allarticolo 49, recante la modifica di quindici articoli del Codice della strada, che non risultano riconducibili alle predette finalità e non attengono a materia originariamente disciplinata dal provvedimento. RIFORMA CHE HA RIFLESSI SULLA VITA QUOTIDIANA DELLE PERSONE. Dopo aver ricordato che la legge n. 400 del 1988, legge ordinaria di natura ordinamentale volta anche allattuazione dellarticolo 77 della Costituzione, annovera tra i requisiti dei decreti legge lomogeneità di contenuto, il Capo dello Stato ha sottolineato che nel caso in esame, attraverso un solo emendamento approvato dalla Commissione di merito al Senato in prima lettura, si è intervenuti in modo rilevante su una disciplina, la circolazione stradale, che, tra laltro, ha immediati riflessi sulla vita quotidiana delle persone. Lemendamento è stato quindi trasfuso nel più ampio emendamento interamente sostitutivo dellarticolo unico del provvedimento, testo sul quale il governo, sia al Senato che alla Camera, ha posto la questione di fiducia. Ho proceduto alla promulgazione soprattutto in considerazione della rilevanza del provvedimento nella difficile congiuntura economica e sociale. Invito tuttavia il governo a vigilare affinché nel corso dellesame parlamentare dei decreti legge non vengano inserite norme palesemente eterogenee rispetto alloggetto e alle finalità dei provvedimenti durgenza. Rappresento altresì al Parlamento lesigenza di operare in modo che lattività emendativa si svolga in piena coerenza con i limiti di contenuto derivanti dal dettato costituzionale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/09/GOVERNO_APPROVATO_IL_DECRETO_SEMPLIFICAZIONI.HTML 2020-09-11 21:41:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/09/11/codice_della_strada_mattarella_censura_la_riforma/gallery/rbig/Sergio-Mattarella.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32315 Codice della strada - Mattarella censura la riforma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32315&tipo=fv Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, pur promulgando la legge di conversione del cosiddetto decreto Semplificazioni, censura la RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA [1], varata surrettiziamente a colpi di emendamenti a una norma che nulla aveva a che fare con la materia del provvedimento varato dal governo. E sul quale lesecutivo, oltretutto, ha posto, per ben due volte, sia al Senato sia alla Camera, dove un maxiemendamento ha interamente riscritto il provvedimento, la questione di fiducia. NON ATTINENTE AL PROVVEDIMENTO. Il testo a me presentato, con le modifiche apportate in sede parlamentare, contiene diverse disposizioni, tra cui segnatamente quelle contenute allarticolo 49, recante la modifica di quindici articoli del Codice della strada, che non risultano riconducibili alle predette finalità e non attengono a materia originariamente disciplinata dal provvedimento. RIFORMA CHE HA RIFLESSI SULLA VITA QUOTIDIANA DELLE PERSONE. Dopo aver ricordato che la legge n. 400 del 1988, legge ordinaria di natura ordinamentale volta anche allattuazione dellarticolo 77 della Costituzione, annovera tra i requisiti dei decreti legge lomogeneità di contenuto, il Capo dello Stato ha sottolineato che nel caso in esame, attraverso un solo emendamento approvato dalla Commissione di merito al Senato in prima lettura, si è intervenuti in modo rilevante su una disciplina, la circolazione stradale, che, tra laltro, ha immediati riflessi sulla vita quotidiana delle persone. Lemendamento è stato quindi trasfuso nel più ampio emendamento interamente sostitutivo dellarticolo unico del provvedimento, testo sul quale il governo, sia al Senato che alla Camera, ha posto la questione di fiducia. Ho proceduto alla promulgazione soprattutto in considerazione della rilevanza del provvedimento nella difficile congiuntura economica e sociale. Invito tuttavia il governo a vigilare affinché nel corso dellesame parlamentare dei decreti legge non vengano inserite norme palesemente eterogenee rispetto alloggetto e alle finalità dei provvedimenti durgenza. Rappresento altresì al Parlamento lesigenza di operare in modo che lattività emendativa si svolga in piena coerenza con i limiti di contenuto derivanti dal dettato costituzionale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/09/GOVERNO_APPROVATO_IL_DECRETO_SEMPLIFICAZIONI.HTML 2020-09-11 21:00:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/11/hyundai_soapbox_caratteristiche_e_dettagli/gallery/rbig/2020-hyundai-soapbox-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32314 Hyundai - Svelata la soapbox della Casa coreana http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32314&tipo=fv La HYUNDAI [1], come anticipato dal TEASER [2] spuntato lo scorso agosto, ha commissionato al proprio team una vettura decisamente fuori dagli schemi. Si tratta di una soapbox, creata dallEurope Design Center della Casa coreana e ispirata al design della 45 EV CONCEPT [3], che gli appassionati e le loro famiglie potranno costruire in totale autonomia a scopo ludico. PICCOLI E GRANDI POSSONO DIVERTIRSI INSIEME. La Hyundai ha creato la soapbox seguendo lo stesso approccio di unautovettura, progettando il telaio e creando il design a partire da dei fogli di carta piegati, prima di passare alle finiture e allassemblaggio. Il veicolo, ovviamente privo di motore, è stato semplificato al massimo nei componenti, in modo tale da poter sfruttare dei materiali di facile reperimento e garantire, al tempo stesso, una semplice realizzazione. Per guidare il veicolo, la Casa ha inizialmente previsto luso di un joystick, derivato dalla concept Prophecy, in seguito sostituito da un semplice cacciavite che tutti possono avere a disposizione. La versione definitiva è fatta di acciaio e legno, mentre le ruote sono quelle delle carriole. Inoltre, le dimensioni complessive consentono di ospitare sia bambini che adulti. La lunghezza totale è di 1,76 metri: non si tratta di un dato casuale, dal momento che, in questo modo, la soapbox può essere trasportata nel bagagliaio della I30 [4] nella variante wagon. SCARICA LE ISTRUZIONI E CREA. Per ottenere questo curioso veicolo, tuttavia, non serve correre nelle concessionarie. La Hyundai ha infatti diffuso gratuitamente i progetti della soapbox, fruibili e scaricabili attraverso un link dedicato. La Casa, comunque, ha specificato che si tratta solo di una base di partenza per favorire la massima personalizzazione del veicolo da parte degli appassionati, che potranno così assemblarlo secondo i loro gusti e le loro idee. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/08/25/HYUNDAI_SOAPBOX_IMMAGINI_E_ANTICIPAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/09/10/HYUNDAI_45_EV_CONCEPT_FOTO_CARATTERISTICHE_E_DESIGN.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/26/HYUNDAI_I30_2020_FACELIFT_.HTML 2020-09-11 17:18:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/11/f_1_gp_toscana_libere_2_la_mercedes_vola_con_bottas/gallery/rbig/2020-mercedes-bottas.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32313 F.1, GP Toscana - Libere 2: la Mercedes vola con Bottas http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32313&tipo=fv La MERCEDES è LA PIù VELOCE nel venerdì di PROVE LIBERE del GP DI TOSCANA AL MUGELLO. Valtteri Bottas si è confermato il più rapido anche nella seconda sessione di questo pomeriggio, precedendo di due decimi il compagno di squadra Hamilton. Seguono le due Red Bull Racing: terzo tempo per Verstappen, staccato di una manciata di millesimi dalla W11 del sei volte campione del mondo, mentre al quarto posto si è inserito Alexander Albon. LA TOP 10. La Renault sembra confermarsi terza forza al Mugello e oggi è riuscita a piazzare Ricciardo e Ocon rispettivamente in quinta e sesta posizione, proprio davanti alla Racing Point di Sergio Perez. Il venerdì di libere di Pierre Gasly, fresco vincitore di Monza, si è chiuso con lottavo tempo. Il francese della Scuderia AlphaTauri è riuscito a lasciarsi alle spalle lAlfa Romeo di Kimi Raikkonen e la Ferrari di Leclerc. FERRARI ARRETRA. Rispetto a stamattina, la Ferrari sembra aver fatto un passo indietro. La SF1000 non ha brillato nella simulazione qualifica, tanto che Leclerc non è riuscito a ripetere il tempo fatto nella prima sessione. La vettura è ancora molto difficile da guidare e lo confermano i testacoda dei due piloti, segno di quanto sia complesso portare al limite la macchina. Alla fine della sessione, la SF1000 di Vettel si è di colpo ammutolita, con il tedesco che ha chiuso la sessione parcheggiando a bordo pista. Neanche laffidabilità sembra essere un punto forte della Rossa. GUARDA I RISULTATI DELLE LIBERE 2 AL MUGELLO [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-11 17:18:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/11/leasys_carcloud_in_abbonamento_arrivano_anche_le_compass_e_renegade_hybrid_plug_in/gallery/rbig/2020_Jeep_carcloud_plug_in.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32312 Leasys CarCloud - In abbonamento arrivano anche le Compass e Renegade plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32312&tipo=fv CARCLOUD [1], labbonamento lanciato da LEASYS [2] ALLA FINE DEL 2019 [3], offre ora la possibilità di noleggiare anche le RENEGADE [4] e COMPASS [5] ibride plug-in. Dal lancio del programma, più di 8 mila persone si sono già iscritte al sistema di abbonamento auto con versamenti mensili proposto dalla captive del gruppo FCA. COME FUNZIONA. Con Leasys CarCloud Renegade Compass Plug-in Hybrid - questo il nome scelto per il nuovo abbonamento - pagando un canone fisso mensile di 479 euro si potrà guidare una Renegade o una Compass ibrida plug-in cambiando modello ogni volta che lo si desidera recandosi in uno dei 300 (che diventeranno 400 entro la fine dellanno) MOBILITY STORE [6] della società controllata da FCA Bank. Le vetture avranno in dotazione un cavo per la ricarica da presa domestica. Inoltre, tramite il servizio e-parking disponibile sullapp CarCloud e sul sito mobilitystore.leasys.com, sarà possibile visualizzare gli store dotati di colonnina elettrica dove ricaricare gratuitamente la Jeep scelta. Come per gli altri pacchetti CarCloud, anche per abbonarsi alle Jeep inride sarà sufficiente effettuare liscrizione una tantum su AMAZON [7] al costo di 249 euro e convertire il voucher discrizione sul sito carcloud.leasys.com. Le altre formule previste dal servizio sono CITY PLUS, con Fiat Panda, Fiat Panda City Cross, Fiat 500 e Lancia Ypsilon, METROPOLIS PLUS, con Fiat 500L, 500L Cross, 500X, 500L Wagon, Fiat Tipo 5 porte, Fiat Tipo SW e Fiat Tipo 4 porte, ADVENTURE, con Renegade, Compass e Cherokee e ALFA ROMEO STELVIO E GIULIA. Ricordiamo che questo nuovo abbonamento, attivabile dal prossimo 22 settembre, è completo di tutti i servizi, non ha vincoli temporali e il cliente ha la possibilità di rinnovare mensilmente o uscire in ogni momento dal contratto. La fase di lancio, con la consegna delle prime Jeep, partirà l1 ottobre nei Leasys Mobility di Bologna, Firenze, Milano, Napoli, Roma, Torino, Venezia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CARCLOUD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASYS [3] https://www.quattroruote.it/news/noleggio/2019/10/21/leasys_arriva_l_abbonamento_all_auto.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/JEEP-RENEGADE [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/JEEP-COMPASS [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MOBILITY_STORE [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AMAZON 2020-09-11 16:19:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/11/regno_unito_firmato_un_accordo_di_libero_scambio_con_il_giappone/gallery/rbig/Brexit-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32311 Regno Unito - Firmato un accordo di libero scambio con il Giappone http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32311&tipo=fv Il Regno Unito compie un primo passo storico nel suo processo di uscita dallUnione Europea. La Gran Bretagna ha infatti sottoscritto un accordo di libero scambio con il Giappone: si tratta della prima intesa commerciale raggiunta dal governo di Londra dopo il referendum sulla BREXIT [1]. LO STALLO. Laccordo arriva, tra laltro, in un momento particolare per la diplomazia britannica: i negoziati con lUnione Europea sui futuri rapporti commerciali sono in una fase di stallo, oltre che complicati dalle tensioni tra le parti, e in caso di mancato accordo ci sarebbero conseguenze disastrose per leconomia da ambo le parti. Dopo luscita formale di gennaio scorso, è scattato un periodo di transizione di 12 mesi per consentire di negoziare unintesa, ma nelle ultime settimane pare non sia stato raggiunto alcun compromesso accettabile e ora cè sempre meno tempo per trovare un accordo. Se entro la fine dellanno non sarà raggiunta unintesa, l1 gennaio prossimo verrà sancita la cosiddetta "hard Brexit" e verrà avviato un nuovo regime di scambi improntato alle regole dellOrganizzazione Internazionale del Commercio (WTO): in sostanza, torneranno le tariffe doganali tanto temute dalle associazioni di categoria europee e britanniche. I POSSIBILI DANNI. Le organizzazioni di rappresentanza europee (Acea per i costruttori e Clepa per i fornitori) hanno parlato di "CATASTROFICHE CONSEGUENZE" [2] in caso di hard Brexit. Per esempio, leventuale applicazione delle tariffe WTO, su un settore altamente integrato o interdipendente, potrebbe determinare un onere supplementare di 5,7 miliardi di euro sugli scambi di auto e componenti tra Europa e Regno Unito, difficilmente assorbibile dai produttori. Le stime sugli effetti del "no-deal" per lindustria britannica sono state fornite dalla Smmt: i dazi rischiano di "decimare" il settore automobilistico nazionale con la perdita di 1,5 milioni di veicoli prodotti entro il 2024 e maggiori costi per 42,7 miliardi di sterline (circa 51 miliardi di euro al cambio attuale). Le tariffe sui componenti importati e sui veicoli esportati aumenterebbero di oltre 3,2 miliardi di sterline le spese produttive: "un aumento così colossale, pari a quasi il 90% delle spese annuali in ricerca e sviluppo, non potrebbe essere assorbito, spingendo al rialzo i prezzi e al ribasso la domanda globale. In un momento in cui sono indispensabili ulteriori investimenti in tecnologie per una mobilità sempre più sicura, più pulita e più intelligente, si tratterebbe di un tragico spreco". Inoltre, la produzione complessiva, che negli anni precedenti al referendum sulla Brexit era sulla buona strada per raggiungere il record storico di 2 milioni di unità dei primi anni 70, rischia di pagare le conseguenze non solo del calo della domanda ma anche della possibile delocalizzazione di impianti produttivi, e quindi di scendere intorno al milione di veicoli. Per questo motivo, da più parti è arrivato linvito ai rappresentanti diplomatici per arrivare a un accordo il più possibile ambizioso. UN ACCORDO FACILE. Da quando ha lasciato formalmente lUnione Europea lo scorso gennaio, la diplomazia del Regno Unito ha concentrato tutte le sue attenzioni sulla negoziazione di nuovi accordi commerciali con i Paesi di tutto il mondo, con lobiettivo di compensare le perdite prodotte sul fronte delle esportazioni a causa delleventuale mancato accordo con Bruxelles. I negoziati si sono, però, rivelati molto più complessi di quanto immaginato. Perfino con gli Stati Uniti, nonostante gli storici legami, le trattative non sono progredite come auspicato e ora sono nel pieno di una fase di rallentamento. Laccordo con il Giappone era, invece, considerato sin dallinizio come uno dei più facili da raggiungere per Londra, anche alla luce di un fatto semplicissimo: fino a dicembre i rapporti tra Londra e Tokyo sono coperti dallattuale accordo di libero scambio tra lUnione Europea e il Giappone. POCHI DETTAGLI. Laccordo tra Londra e Tokyo è stato, per ora, definito solo "in linea di principio", motivo per cui non ne sono stati forniti ancora i dettagli, se non a grandi linee. Per Londra, si tratta comunque di un patto destinato ad aumentare gli scambi commerciali con il Giappone, arrivati a 29,5 miliardi di sterline nel 2018, di 15 miliardi di sterline e a fornire un contributo positivo di 1,5 miliardi di sterline al Pil nazionale. "Lintesa che abbiamo negoziato - a tempo di record e in circostanze difficili - va ben oltre laccordo esistente con la Ue, in quanto assicura nuove conquiste per le imprese britanniche nelle nostre grandi industrie manifatturiere, alimentari e delle bevande e tecnologiche", ha affermato la segretaria al commercio estero, Liz Truss. Le imprese britanniche, secondo quanto riferito dal governo, potranno beneficiare dallesenzione da qualsiasi tariffa doganale sul 99% delle esportazioni verso il Giappone, che diventerà così la porta daccesso del Regno Unito alla regione dellAsia-Pacifico. Il governo britannico ha voluto sottolineare soprattutto i benefici per alcuni settori, tra cui anche lautomotive: secondo Londra, grandi Case presenti in Regno Unito come la Nissan potrebbero trarre vantaggio da tariffe ridotte sulla componentistica. Inoltre, laccordo rimuove gradualmente i dazi britannici sulle auto giapponesi, fino ad azzerarli nel 2026, come già stabilito nellaccordo di libero scambio tra Giappone e Ue. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BREXIT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/FREEMIUM/2020/01/31/REGNO_UNITO_A_MEZZANOTTE_ADDIO_ALLA_UE_ECCO_I_RISCHI_PER_IL_SETTORE_AUTO.HTML 2020-09-11 15:56:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/11/f_1_gp_toscana_risultati_libere_1/gallery/rbig/2020-mercedes.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32310 F.1, GP Toscana - Libere 1 al Mugello: Bottas il più veloce http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32310&tipo=fv Inizia il lungo weekend del GRAN PREMIO DELLA TOSCANA [1], nona prova del Mondiale di Formula 1 di questanno. VALTTERI BOTTAS è stato il più veloce sul circuito del Mugello, mettendo la sua Mercedes davanti alla Red Bull di MAX VERSTAPPEN per soli 48 millesimi. Terzo tempo per la Ferrari di CHARLES LECLERC [2], staccato di tre decimi. Laltra SF1000, quella di Sebastian Vettel, è però in tredicesima posizione. PRIMA VOLTA AL MUGELLO. Dopo il test collettivo in-season del 2012, la Formula 1 è tornata al Mugello e questa volta lo fa per disputare un intero weekend di gara. Sarà un fine settimana speciale, con la Ferrari che celebra le sue mille gare in Formula 1 e schiera una SF1000 dalla colorazione speciale, che riprende lamaranto delle 125 F1 del 1950. Dopo le due disastrose trasferte a Spa e Monza, la Rossa vuole riscattarsi e linizio sembra promettente, nonostante le difficoltà di Vettel. Cè da dire che il tedesco ha portato avanti un programma completamente diverso rispetto al compagno di squadra e che quindi, prima di tirare delle conclusioni, bisognerà aspettare almeno la seconda sessione di prove di oggi pomeriggio. La SCUDERIA ALPHATAURI [3] conferma lo slancio di Monza. Pierre Gasly, vincitore di domenica scorsa, ha chiuso con il quinto tempo, mentre il suo compagno di squadra Kvyat ha ottenuto il settimo tempo. MCLAREN SPERIMENTA. Tra le novità provate in pista questa mattina, curiosa è stata quella della McLaren che ha montato con Sainz un nuovo musetto in stile Mercedes. Sono stati raccolti molti dati aerodinamici per fare una comparazione e scegliere se utilizzarlo sulla MCL35, in ottica 2021. Nella classifica dei tempi, la McLaren chiude questa prima sessione di prove libere con unttava e una quindicesima posizione, rispettivamente con Norris e Sainz. I RISULTATI COMPLETI DELLE LIBERE 1 AL MUGELLO [4] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?CIRCUITO_DEL_MUGELLO_68 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?LECLERC_CHARLES_543795 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?ALPHATAURI_21943 [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-11 13:25:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/11/renault_twingo_electric_autonomia_prezzi_allestimenti/gallery/rbig/2020-renault-twingo-elettrica-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32309 Renault Twingo Electric - In Italia con prezzi di listino a partire da 22.450 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32309&tipo=fv La RENAULT [1] introduce in Italia la TWINGO ELECTRIC [2] con un listino che parte da 22.450 euro, prezzo al quale vanno poi sottratti gli incentivi statali. La piccola elettrica della Régie risulta più economica di 11.650 euro rispetto al modello base della Zoe con batterie di proprietà, differenza che scende a 3.450 euro considerando la Zoe con batterie a noleggio mensile. TRE ALLESTIMENTI. La Twingo a batteria è disponibile negli allestimenti Zen, Intense e Vibes Limited Edition. La prima offre di serie i sensori per fari e tergicristalli, gli attacchi Isofix, il caricabatterie di bordo a 22 kW con cavo Mode 3, il climatizzatore automatico, il volante rivestito di pelle, le finiture esterne blu, gli interni Ivory e linfontainment Easy Link con display da 7" compatibile con Apple CarPlay e Android Auto. La Intense aggiunge i fendinebbia, il cruise control, il lavviso di abbandono della corsia, la retrocamera, la navigazione satellitare con Ev Route Planner, i cristalli posteriori oscurati, i cerchi di lega da 15", la griglia anteriore con dettagli blu e gli interni foderati di pelle e tessuto. La VIBES A TIRATURA LIMITATA [3] è ulteriormente personalizzata grazie ai cerchi da 16" diamantati con dadi ruota arancioni, dalle grafiche arancione/grigio o bianco/grigio e dalle finiture interne arancioni. Questa versione può essere inoltre ordinata nellesclusiva tinta esterna Orange Valencia. 82 CV E FINO A 270 KM DI AUTONOMIA IN CITTà. Il powertrain R80 da 82 CV garantisce, sulla Twingo elettrica, fino a 190 km di autonomia nel ciclo Wltp (dati preliminari), ma Renault dichiara che la vettura, nel ciclo urbano, è in grado di arrivare a 270 km con la modalità Eco. Il guidatore può contare sulla frenata rigenerativa regolabile su tre livelli e sul piacere di guida offerto dalla trazione posteriore e dal ridottissimo raggio di sterzata. Parlando della ricarica, dalle colonnine rapide la citycar della Losanga può recuperare fino a 80 km di autonomia in 30 minuti. Linfotainment Easy Link offre gli stessi servizi connessi già apprezzati sulla Zoe, con la possibilità di controllare da remoto autonomia e procedura di ricarica della vettura e di gestire la pre-climatizzazione per una maggiore efficienza in marcia. IL LISTINO COMPLETO DELLA TWINGO ELECTRIC Twingo Electric Zen 22.450 euro Twingo Electric Intens 23.650 euro Twingo Electric Vibes 24.350 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/RENAULT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/24/RENAULT_TWINGO_Z_E_ELETTRICA_AUTONOMIA_BATTERIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/24/RENAULT_TWINGO_SERIE_SPECIALE_VIBES_DEBUTTO_ELETTRICA.HTML 2020-09-11 12:58:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/11/incentivi_auto_ecobonus_esauriti_i_fondi_per_la_fascia_91_110_g_km/gallery/rbig/Dealer.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32308 Incentivi auto - Ecobonus, esauriti i fondi per la fascia 91-110 g/km http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32308&tipo=fv Come previsto, sono terminati stamattina i fondi statali per lacquisto di auto con emissioni di anidride carbonica comprese tra 91 e 110 g/km. I cento milioni stanziati con il cosiddetto decreto agosto, disponibili per gli acquisti effettuati a partire dal 15 del mese scorso, sono stati bruciati in appena dieci giorni dallapertura della piattaforma di prenotazione, avvenuta l1 settembre scorso. Curiosamente, però, nei giorni scorsi sono tornati disponibili quasi 1,3 milioni residui dei 50 stanziati, a partire dall1 agosto, dal vecchio (ma meno generoso) decreto rilancio e terminati dopo una settimana (ma in quel caso la somma era destinata a un insieme più ampio di vetture, visto che riguardava tutte quelle con emissioni comprese tra 61 e 110 g/km). Probabilmente ciò è dovuto allo spostamento sul bonus disponibile dal 15 del mese, che nella fascia 61-90 è stato aumentato di 250 euro, di alcune prenotazioni effettuate nella prima settimana di agosto. IPOTESI RIFINANZIAMENTO. Come spiegato in altri articoli, lunica possibilità per la riapertura di una terza finestra è un ulteriore rifinanziamento da parte del parlamento in sede di conversione del decreto agosto. Oppure lo spostamento, sempre da parte del parlamento, di parte delle risorse destinate alle altre fasce, in particolare al vecchio ecobonus per le auto elettriche e per alcune plug-in (0-60 g/km), al quale sono stati destinati, dal decreto rilancio, cento milioni, confermati con il decreto agosto (e per il quale restano disponibili, fino alla fine dellanno, quasi 170 milioni). Tuttavia, in entrambe queste ipotesi, al momento tuttaltro che concrete, la finestra si riaprirebbe solo con lentrata in vigore della legge di conversione del decreto, quindi solo a metà ottobre. NESSUN PROBLEMA SULLE ALTRE FASCE. Per quanto riguarda le altre fasce, dei 150 milioni previsti per le auto con emissioni comprese tra 61 e 90 ne sono stati utilizzati poco più di 40, mentre dei 50 milioni destinati al superbonus sulle auto con emissioni fino a 60 g/km ne sono stati prenotati circa otto (ma questa fascia può comunque contare sul rifinanziamento del vecchio ecobonus, per il quale, come detto, sono ancora disponibili, fino alla fine dellanno, quasi 170 milioni). 2020-09-11 11:31:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/11/tesla_la_model_3_cinese_verra_esportata_anche_in_europa/gallery/rbig/2020-Test-autonomia-Tesla-Model3-Nissan-Leaf-64.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32307 Tesla - La Model 3 cinese verrà esportata anche in Europa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32307&tipo=fv Le MODEL 3 CINESI [1] arriveranno anche in Europa. Secondo alcune indiscrezioni raccolte da Bloomberg, per far fronte alla crescente domanda la Tesla sarebbe pronta ad esportare gli esemplari dellelettrica prodotti nella GIGAFACTORY DI SHANGHAI [2] in altri mercati al di fuori della Cina. Tra questi figurerebbero anche il Giappone e Hong Kong. ATTIVITà IN ESPANZIONE. La Casa californiana, che per il momento non ha confermato questa anticipazione, sta ampliando le proprie attività sul suolo cinese. Dopo aver avviato le CONSEGNE DELLA MODEL 3 LO SCORSO DICEMBRE [3], lobiettivo è di costruirne 150 mila entro lanno: della berlina, nel solo mese di luglio, sono state effettuate 1.800 consegne. La capacità dellimpianto di Shanghai, inoltre, è in fase di ampliamento per realizzare anche la Model Y, produrre batterie e motori elettrici. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/31/TESLA_MODEL_3_CINA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/04/10/TESLA_MODEL_3_A_SHANGHAI_SARANNO_PRODOTTE_ANCHE_LE_VERSIONI_PERFORMANCE_E_LONG_RANGE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/30/TESLA_CONSEGNATE_LE_PRIME_MODEL_3_PRODOTTE_A_SHANGHAI.HTML 2020-09-11 11:31:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/10/incentivi_auto_ecobonus_domani_finiranno_i_fondi_per_la_fascia_91_110_g_km/gallery/rbig/2020-auto-3.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32306 Incentivi auto - Ecobonus, oggi finiranno i fondi per la fascia 91-110 g/km http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32306&tipo=fv Salvo improbabili sorprese, finiranno oggi gli incentivi allacquisto di auto con emissioni di anidride carbonica comprese tra 91 e 110 g/km, Oggi, alla chiusura delle concessionarie, dei cento milioni stanziati con il cosiddetto decreto agosto, disponibili per gli acquisti effettuati a partire dal 15 del mese scorso, ne erano rimasti in cassa poco più di tre. Curiosamente, però, sono ancora disponibili 1,2 milioni residui dei 50 stanziati, a partire dall1 agosto, dal vecchio (ma meno generoso) decreto rilancio e terminati dopo una settimana (ma in quel caso la somma era destinata a un insieme più ampio di vetture, visto che riguardava tutte quelle con emissioni comprese tra 61 e 110 g/km). Probabilmente ciò è dovuto allo spostamento di alcune prenotazioni effettuate nella prima settimana di agosto sul bonus disponibile dal 15 del mese, che nella fascia 61-90 è stato aumentato di 250 euro. IPOTESI RIFINANZIAMENTO. A ogni modo, lunica possibilità per la riapertura di una terza finestra è un ulteriore rifinanziamento da parte del parlamento in sede di conversione del decreto agosto. Oppure lo spostamento, sempre da parte del parlamento, di parte delle risorse destinate alle altre fasce, in particolare al vecchio ecobonus per le auto elettriche e per alcune plug-in (0-60 g/km), al quale sono stati destinati, dal decreto rilancio, cento milioni, confermati con il decreto agosto (e per il quale restano disponibili, fino alla fine dellanno, quasi 170 milioni). Tuttavia, in entrambe queste ipotesi, al momento tuttaltro che concrete, la finestra si riaprirebbe solo con lentrata in vigore della legge di conversione del decreto, quindi solo a metà ottobre. NESSUN PROBLEMA SULLE ALTRE FASCE. Per quanto riguarda le altre fasce, dei 150 milioni previsti per le auto con emissioni comprese tra 61 e 90 ne sono stati utilizzati poco più di 40, mentre dei 50 milioni destinati al superbonus sulle auto con emissioni fino a 60 g/km ne sono stati prenotati circa otto (ma questa fascia può comunque contare sul rifinanziamento del vecchio ecobonus, per il quale, come detto, sono ancora disponibili, fino alla fine dellanno, quasi 170 milioni). 2020-09-11 11:02:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/11/elettriche_e_phev_e_ancora_boom_nonostante_il_coronavirus_/gallery/rbig/2020-mercato.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32305 Elettriche e Phev - ancora crescita, nonostante il coronavirus http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32305&tipo=fv Nonostante le difficoltà delleconomia mondiale e i numeri assoluti, non esattamente da mass market, i modelli elettrificati sembrano non conoscere flessioni. E pure lItalia, dove il coronavirus ha avuto pesantissimi impatti, evidenzia trend interessanti per quel che riguarda le auto ibride e a emissioni zero: infatti, se da gennaio a luglio le consegne di auto con motorizzazioni tradizionali o alimentate a gas hanno fatto registrare flessioni importanti (-43,4% le vetture a benzina, -50,7% le diesel, -46,8% le Gpl e -17,1% quelle a metano), lanno sta invece sorridendo alle ibride mild e full (+25,1% complessivo) e, soprattutto, alle Phev (ibride plug-in, +173,4%) e alle elettriche (+95,4%). POCHE, MA IN FORTE CRESCITA. Dunque, in Italia i veicoli ibridi e a emissioni zero sono sempre più diffusi, sebbene non sia ancora possibile parlare di quote di mercato consistenti: secondo i dati dellUnrae, lassociazione delle Case straniere, nei primi otto mesi del 2020 le immatricolazioni di auto 100% elettriche sono state 13.444 (pari all1,6% delle vendite), mentre le Phev hanno raggiunto l1,2% con 9.539 consegne. Parliamo quindi di una nicchia, che però evidenzia trend di crescita consolidati e capaci di impattare sul parco circolante: secondo le ultime stime dellEafo, lOsservatorio europeo della mobilità ecologica, sulle strade della nostra penisola viaggiano già più di 55 mila auto ricaricabili (oltre 32.600 elettriche e 22.600 plug-in), contro le circa 40 mila rilevate al termine del 2019 (rispettivamente 22.728 Ev e 16.811 Phev). NON SOLO INCENTIVI. Tenendo conto del lockdown, che ha di fatto azzerato ordini e consegne per un paio di mesi, in Italia il balzo delle auto elettriche ed ibride plug-in appare quindi eclatante, ancor più se rapportato alle performance registrate da tale segmento negli stessi mesi del 2019, quando le Phev avevano segnato una flessione del 4,4% rispetto al 2018. Le elettriche pure, di contro, erano già cresciute del 103,8%: un successo che sarebbe riduttivo ricondurre ai soli incentivi governativi (e, in taluni casi, locali), peraltro già erogati a partire da marzo 2019 e ora diventati più cospicui con il DECRETO AGOSTO [1]. Del resto, già nei primi sette mesi del 2018 le immatricolazioni di elettriche avevano fatto registrare un incremento del 73,9%, mentre quelle delle Phev riscontravano una crescita incoraggiante (+33,1%). TENDENZA GENERALE. Lo stesso accade in Europa, dove laumento della quota delle elettriche e delle ibride plug-in nella struttura del mercato si deve anche al parallelo crollo delle vetture tradizionali, le più penalizzate dalla serrata delle concessionarie. Secondo i dati diffusi dallAcea, lassociazione dei costruttori europei, nel primo semestre del 2020, nonostante lemergenza sanitaria si è registrata una crescita delle auto ricaricabili del 61,5% con 399.421 unità piazzate, rispetto allo stesso periodo del 2019 quando ne erano state immatricolate 247.478. Anche in questo caso, a crescere sono soprattutto le Phev, le cui vendite da gennaio a marzo 2020 sono incrementate del 114,3% con 178.250 unità rispetto alle 83.193 del primo semestre 2019. Più moderato, ma pur sempre notevole, è lexploit delle full electric, che con 221.171 immatricolazioni segnano un balzo del 34,8% rispetto alle 164.085 dei primi sei mesi dello scorso anno. IL FUTURO. Fatte queste premesse, fino a dove potrà spingersi il mercato delle vetture elettriche e delle ibride plug-in? Le stime degli analisti, elaborate dalla società di consulenza The European House - Ambrosetti, ipotizzano per il 2030 un parco circolante ricaricabile variabile da 2 a 9 milioni di vetture. La forchetta è oggettivamente ampia (daltronde, riflette lo sviluppo di scenari molto complessi), ma risulta comunque importante se si pensa al totale delle auto oggi su strada, circa 39,5 milioni su 52 milioni di mezzi complessivi. Non solo: assieme alle altre tipologie di veicoli elettrificati (a due ruote, bus, furgoni ecc.), la e-mobility e la filiera a essa collegata (produzione di componenti, infrastrutture per la ricarica, stoccaggio e seconda vita delle batterie usate ecc.) potrebbero sviluppare, in una decina danni, un giro daffari compreso tra i 102 e 457 miliardi di euro. Possibile, se si considera che già nel 2018, in Italia, risultavano coinvolte 17 mila aziende e 320 mila addetti. IN CRESCITA I CONSUMI ELETTRICI. Considerazioni, analisi e scenari si basano sullipotesi di uno sviluppo rilevante del consumo di elettricità rispetto a fonti come il gas e il petrolio: se dal 1990 al 2015 questultima è salita dal 17 al 21% della composizione energetica italiana, il suo potenziale al 2030 va dal 24% dello scenario fissato dalla Strategia Energetica Nazionale (elaborata dal Mise nel 2017) al 30% delle previsioni dellassociazione industriale Eurelectric. Insomma, lincremento è certo: la quantità, invece, dipenderà dallimpegno, in termini di capitali e forza lavoro, di tutti gli operatori della filiera, magari con il supporto legislativo e regolamentare volto a incentivare, come già sta accadendo, il passaggio allelettrificazione di massa dei trasporti su gomma e lintegrazione delle fonti rinnovabili. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/08/08/incentivi_auto_decreto_agosto.html 2020-09-11 10:30:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/10/incentivi_auto_ecobonus_domani_finiranno_i_fondi_per_la_fascia_91_110_g_km/gallery/rbig/2020-auto-3.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32304 Incentivi auto - Ecobonus, domani finiranno i fondi per la fascia 91-110 g/km http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32304&tipo=fv Salvo improbabili sorprese, finiranno domani gli incentivi allacquisto di auto con emissioni di anidride carbonica comprese tra 91 e 110 g/km, Oggi, alla chiusura delle concessionarie, dei cento milioni stanziati con il cosiddetto decreto agosto, disponibili per gli acquisti effettuati a partire dal 15 del mese scorso, ne erano rimasti in cassa poco più di tre. Curiosamente, però, sono ancora disponibili 1,2 milioni residui dei 50 stanziati, a partire dall1 agosto, dal vecchio (ma meno generoso) decreto rilancio e terminati dopo una settimana (ma in quel caso la somma era destinata a un insieme più ampio di vetture, visto che riguardava tutte quelle con emissioni comprese tra 61 e 110 g/km). Probabilmente ciò è dovuto allo spostamento di alcune prenotazioni effettuate nella prima settimana di agosto sul bonus disponibile dal 15 del mese, che nella fascia 61-90 è stato aumentato di 250 euro. IPOTESI RIFINANZIAMENTO. A ogni modo, lunica possibilità per la riapertura di una terza finestra è un ulteriore rifinanziamento da parte del parlamento in sede di conversione del decreto agosto. Oppure lo spostamento, sempre da parte del parlamento, di parte delle risorse destinate alle altre fasce, in particolare al vecchio ecobonus per le auto elettriche e per alcune plug-in (0-60 g/km), al quale sono stati destinati, dal decreto rilancio, cento milioni, confermati con il decreto agosto (e per il quale restano disponibili, fino alla fine dellanno, quasi 170 milioni). Tuttavia, in entrambe queste ipotesi, al momento tuttaltro che concrete, la finestra si riaprirebbe solo con lentrata in vigore della legge di conversione del decreto, quindi solo a metà ottobre. NESSUN PROBLEMA SULLE ALTRE FASCE. Per quanto riguarda le altre fasce, dei 150 milioni previsti per le auto con emissioni comprese tra 61 e 90 ne sono stati utilizzati poco più di 40, mentre dei 50 milioni destinati al superbonus sulle auto con emissioni fino a 60 g/km ne sono stati prenotati circa otto (ma questa fascia può comunque contare sul rifinanziamento del vecchio ecobonus, per il quale, come detto, sono ancora disponibili, fino alla fine dellanno, quasi 170 milioni). 2020-09-10 20:05:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/04/14/bugatti_dalla_eb110_a_oggi_la_storia_degli_ultimi_30_anni_foto_gallery/gallery/rbig/00_bugatti_eb110-veyron-chiron.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32303 Bugatti - Dalla EB110 a oggi, la storia moderna del marchio - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32303&tipo=fv La storia della BUGATTI [1] coinvolge tre nazioni: Francia, Italia e Germania. Dopo le origini con Ettore e Jean Bugatti il marchio è rinato dalle proprie ceneri due volte e proprio sulla genesi delle tre hypercar più recenti concentriamo la gallery di oggi: dalla EB110 nata in Italia grazie a Romano Artioli alle Veyron e Chiron di ieri e di oggi, progettate sotto lala protettiva del gruppo Volkswagen. I tre modelli hanno dato vita a varianti e serie speciali che oggi sono oggetto di culto tra i collezionisti, mentre la produzione della Chiron è ANCORA IN CORSO [2]. Ripercorriamo gli eventi che dal 1991 a oggi hanno caratterizzato il marchio Bugatti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BUGATTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/20/BUGATTI_CHIRON_NUMERO_250_SPORT_EDITION_NOIRE_SPORTIVE.HTML 2020-09-10 19:40:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/10/ambiente_il_boomerang_degli_incentivi/gallery/rbig/2020-auto-elettriche.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32300 Ambiente - Il boomerang degli incentivi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32300&tipo=fv Siamo proprio sicuri che tutta lenfasi che circonda la mobilità sostenibile porti benefici reali allambiente stesso e alleconomia? Il dubbio è quanto meno lecito e a rafforzarlo provvede uno studio della società di ricerche NE Nomisma Energia intitolato Scenari energetici, sostenibilità e automobili. Lanalisi, che fa tesoro anche dellesperienza maturata con lecobonus introdotto nel 2018 per stimolare la diffusione delle vetture a batteria che ha prodotto scarsi risultati in termini di quote di mercato, sottolinea come si stia ripetendo in questo settore il medesimo errore attuato con lincentivazione alla produzione di energia fotovoltaica: limpiego, cioè, di grandi risorse pubbliche soprattutto a beneficio di filiere industriali straniere, soprattutto cinesi. Il tutto, con benefici ambientali marginali. Oggi, infatti, si sta pianificando leliminazione dei benefici fiscali di cui gode un combustibile fossile come il gasolio, gravato da minori accise rispetto alla benzina, dimenticando che il gettito derivante dalla tassazione sui prodotti petroliferi e, in genere, sullenergia porta ogni anno nelle casse dello Stato ben 40 miliardi di euro (che, questanno, a causa della pandemia saranno comunque il 20% in meno, generando un buco di 8 miliardi). INIQUITà. Lo schema dincentivazione fin qui seguito, del resto, per oltre un anno e mezzo (fino allo scorso agosto) ha escluso dai benefici proprio le auto che più gli italiani acquistano e che si possono permettere, ovvero le utilitarie a benzina come la Panda, costringendoli a continuare a circolare con veicoli vecchi, più inquinanti e meno sicuri. In compenso, i contributi hanno favorito lacquisto di modelli costosi come quelli elettrici e ibridi (soprattutto plug-in), alla portata dei ceti sociali più abbienti: un meccanismo iniquo di ridistribuzione della ricchezza, del quale hanno tratto vantaggi le classi di reddito più alte. Oltretutto con risultati complessivamente modesti: nonostante riduzioni di prezzo anche nellordine dei 10 mila euro, le vendite di vetture full electric sono sì triplicate in agosto, ma si sono comunque fermate a una quota del 2% del mercato, marginale rispetto alla totalità. QUALI BENEFICI. Insomma, estremizzando si può dire che lo Stato si stia comportando come una sorta di Robin Hood alla rovescia: toglie risorse alla collettività non per distribuirle ai più bisognosi, ma per avvantaggiare chi già dispone di mezzi cospicui. Qualcuno obbietterà che a giovarcene siamo però tutti, perché alla fine a migliorare è la qualità dellambiente. Vero, ma - sottolinea Nomisma Energia anche in questo caso i risultati sono modesti, perché lo studio evidenza per lennesima volta come il ruolo delle auto nelle emissioni di particolato sottile sia molto più basso di quanto generalmente si pensi (e lo pensino soprattutto molte amministrazioni locali). La riprova è venuta pure dal periodo della pandemia, quando, nel mese di marzo, il traffico è crollato dell81% nella Pianura Padana, mentre le concentrazioni di polveri sottili (PM10) sono scese solo del 19%. Del resto, le statistiche dellIspra (lIstituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) evidenziano da tempo come le emissioni dirette di particolato del settore dei trasporti contino soltanto per l11% del totale, con i motori che contribuiscono per un modesto 3% e il resto derivi da componenti come freni, pneumatici e sollevamento delle polveri. Al contrario, gli ossidi di azoto, che contribuiscono alla formazione di particolato secondario, trovano una fonte importante nelle emissioni dei propulsori a combustione più vecchi: quelli per eliminare i quali si è fatto poco o nulla (quando sarebbe bastato prevedere incentivi più cospicui per la loro sostituzione con vetture usate Euro 6). Alla fine, dunque, secondo Nomisma Energia le motivazioni politiche e ideologiche che portano a spingere la diffusione delle auto elettriche si stanno rivelando un boomerang ambientale, sociale ed economico. 2020-09-10 19:15:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/10/mclaren_in_vendita_la_sede_di_woking/gallery/rbig/2020-mclaren-woking-technology-centre-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32301 McLaren - In vendita la sede di Woking http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32301&tipo=fv Il MCLAREN GROUP prosegue nella sua strategia volta a recuperare fondi per finanziare le attività produttive e sportive. Dopo aver previsto un corposo TAGLIO DEL PERSONALE [1] e aver messo a punto numerose operazioni di carattere finanziario, la Casa britannica ha infatti deciso di mettere sul mercato lavveniristico Technology Centre di Woking, in Inghilterra. LA MCLAREN RIMARRà NELLA SUA SEDE. La notizia, diffusa da Sky News, va letta con attenzione. La McLaren non abbandonerà infatti il centro operativo inaugurato nel 2003 e disegnato da Norman Foster, ma ne cederà la proprietà per un prezzo stimato di 200 milioni di sterline (circa 216 milioni di euro) attraverso unoperazione di leaseback. La struttura occupa un terreno di 50 ettari nel Surrey ed è stato ampliato nel 2011 con la realizzazione del McLaren Production Centre per la produzione delle vetture stradali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/26/CORONAVIRUS_MCLAREN_IN_PROGRAMMA_IL_TAGLIO_DI_1_200_POSTI_DI_LAVORO.HTML 2020-09-10 19:15:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/10/tesla_la_gigafactory_in_texas_sara_pronta_entro_maggio/gallery/rbig/2019-Tesla-Gigafactory-02(2).jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32302 Tesla - La Gigafactory in Texas sarà pronta entro maggio http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32302&tipo=fv La Gigafactory del CYBERTRUCK [1] potrebbe essere pronta in anticipo. La TESLA [2] ha comunicato che un primo completamento del nuovo stabilimento che sorgerà in Texas, nel quale verrà prodotto il pick-up elettrico, ma anche la MODEL Y [3] e la MODEL 3 [4], sarà ultimato a maggio del 2021. In base al cronoprogramma, entro dicembre di questanno dovrebbero essere allestiti gli edifici che ospiteranno le linee di assemblaggio. PREVISTO ANCHE IL SEMI. Ciò non significa necessariamente che a Austin la produzione inizierà già nella prossima primavera. La fabbrica sfornerà il Cybertruck, ma andrà a realizzare anche le Model Y e Model 3 necessarie a soddisfare la domanda dalla costa orientale degli Stati Uniti. Inoltre, la Tesla ha recentemente confermato di voler produrre in Texas il camion elettrico Semi. Si tratta, perciò, di uno stabilimento complesso, per il quale i lavori sono cominciati circa due mesi fa con la ripulitura e la preparazione di un terreno di circa 800 ettari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CYBERTRUCK [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA/MODEL-Y [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA/MODEL-3 2020-09-10 19:15:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/09/10/dl_semplificazione_via_libera_al_noleggio_dei_taxi_e_delle_ncc/gallery/rbig/2020_decreto_semplificazione_taxi_ncc.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32299 Decreto Semplificazioni - Via libera al noleggio per Taxi e Ncc http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32299&tipo=fv Tra le pieghe del DECRETO SEMPLIFICAZIONI anche una norma attesa lungamente dal settore, ovvero quella di consentire ai TASSISTI [1] e ai noleggiatori con conducente di poter prendere a NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [2] il proprio veicolo, eventualità prima assolutamente negata. Norma per cui ANIASA [3] si è battuta per oltre un decennio per evitare agli operatori di evitare limmobilizzazione di ingenti capitali per la propria attività e accedere a tutti i servizi inclusi nel noleggio, disponendo di vetture più sicure, correttamente manutenute e con emissioni ridotte. Una vera svolta che accelererà il rinnovo del parco vetture circolanti di tassisti e Ncc, con ricadute positive quindi per la clientela e lintera mobilità cittadina, ora più sicura e sostenibile sottolinea il presidente dellassociazione confindustriale sui servizi di mobilità MASSIMILIANO ARCHIAPATTI. RISPARMI, SICUREZZA E MINORI EMISSIONI. Questa norma comporterà quindi lo svecchiamento dei parchi auto, principalmente dei taxi, di cui il 20% ha oltre dieci anni di anzianità - secondo lAutorità di regolazione dei trasporti -, per mezzi più sicuri e più green, con, inoltre, risparmi anche superiori al 20% grazie al noleggio rispetto alla proprietà. Nei principali comuni dItalia si stima siano circa 25.000 i veicoli utilizzati come taxi o noleggio con conducente. Compiuto questo passo, ora chiediamo di superare un altro ostacolo ingiustificabile, consentendo di noleggiare veicoli con portata superiore a 60 quintali, possibilità oggi prevista solo tra imprese iscritte allAlbo in conto terzi. Una limitazione, questa, presente solo in Portogallo e Spagna e che indebolisce la competitività delle aziende di trasporto nazionali ricorda Archiapatti. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/taxi [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ANIASA 2020-09-10 18:45:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/10/battery_2030_il_piano_europeo_di_sviluppo_per_le_batterie_elettriche_entra_nel_vivo/gallery/rbig/2020-battery-2030-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32298 Battery 2030+ - Il piano europeo di sviluppo per le batterie elettriche entra nel vivo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32298&tipo=fv Entra nel vivo Battery 2030+, il programma di ricerca a lungo termine con cui lUnione Europea punta a colmare il divario con i produttori asiatici sulle batterie del futuro, comprese quelle destinate alla MOBILITà ELETTRICA [1]. A inizio settembre sono stati avviati alcuni progetti, sostenuti da fondi comunitari (40,5 milioni di euro del piano strategico Horizon Europe) e focalizzati su differenti aspetti delle tecnologie relative agli accumulatori. Lobiettivo comune è quello di concepire nuove batterie che siano in grado di immagazzinare più energia, abbiano una vita più lunga e siano più sicure e più rispettose dellambiente a confronto con quelle odierne. Il coordinamento dei lavori avviene in Svezia, nelluniversità di Uppsala. TRE MACRO AREE. Gli attuali progetti di ricerca stanno operando in tre diverse aree. La prima è finalizzata allo sviluppo di una piattaforma di infrastrutture per combinare calcoli su larga scala e studi sperimentali che mappano le complesse reazioni presenti in una batteria. Il secondo ambito di lavoro riguarda sensori che esaminano e segnalano lo stato di salute della batteria in tempo reale, da integrare al prodotto. Infine, la ricerca punta a realizzare componenti autoriparanti in grado di prolungare la durata e laffidabilità degli accumulatori. UN CHECK-UP PIù ACCURATO. Nello specifico, il progetto Big-Map, guidato dalla Technical University of Denmark, ma che coinvolge anche il Politecnico di Torino, sfrutterà laiuto dellintelligenza artificiale per arrivare a nuovi materiali e concept di batteria; creando innovativi modelli computazionali, si cerca di capire quali materiali possono essere combinati al meglio per immagazzinare quanta più energia possibile o per velocizzare la ricarica in diverse situazioni. Lelenco dei partner include leader accademici e industriali, tra cui la Northvolt, la Saft e la Basf. Instabat, che fa capo al francese CEA (Commissariat à lénergie atomique et aux énergies alternatives), è invece un progetto incentrato su sensori fisici incorporati e sensori virtuali sviluppati per monitorare i parametri chiave delle celle della batteria. stato poi avviato il progetto Sensibat, coordinato dal centro tecnologico Ikerlan in Spagna, che creerà rilevatori di temperatura interna, pressione, conduttività e impedenza delle batterie. Tali sensori saranno integrati in un sistema e consentiranno di generare algoritmi avanzati i cui risultati serviranno a controllare lo stato della batteria per prolungarne la durata. LUNGA VITA ALLA BATTERIA. Gli altri programmi avviati sono Spartacus (supervisionato dallIstituto Fraunhofer di Würzburg, in Germania), che svilupperà sensori acusto-meccanici e termici integrati per la diagnosi delle reazioni che portano la batteria a degradare; Bat4ever, guidato dalla Vrije Universiteit Brussel, che studia un nuovo tipo di batterie agli ioni di litio che integra polimeri autorigeneranti in anodi di silicio, catodi strutturati a nucleo-guscio ed elettroliti: queste batterie tollereranno i micro danni e compenseranno la perdita di elementi durante più cicli di ricarica, aumentando la capacità di immagazzinare energia e la durata nel tempo; Hidden, infine, è un progetto coordinato dal VTT Technical Research Centre di Otaniemi (Finlandia), che studierà nuovi tipi di elettroliti e separatori con proprietà di autoriparazione, per realizzare batterie allo stato solido ad alta capacità. Altri progetti sono attualmente in fase di pianificazione da parte dellUnione Europea allinterno del programma Horizon Europe. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MOBILITA-ELETTRICA 2020-09-10 18:27:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/10/bmw_lo_stabilimento_di_monaco_e_pronto_a_costruire_la_nuova_i4/gallery/rbig/bmw-impianto-monaco-produzione-i4-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32297 BMW - Lo stabilimento di Monaco è pronto a costruire la nuova i4 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32297&tipo=fv Lo stabilimento della BMW [1] a Monaco è pronto ad avviare la produzione in serie dellelettrica I4 [2]. Dopo una pausa forzata, necessaria per effettuare le operazioni di ristrutturazione e conversione della fabbrica, è stata riavviata lattività di assemblaggio dei veicoli e il sito tedesco si appresta quindi a vivere lalba di una nuova era: sulle stesse linee dedicate alla costruzione dei modelli con motorizzazioni tradizionali, infatti, verrà qui realizzata anche linedita coupé a zero emissioni. EVOLUZIONE HI-TECH. Loperazione di ammodernamento ha richiesto, nel complesso, un investimento di 200 milioni di euro. Nelle ultime settimane, questo cambiamento ha comportato una sfida notevole per i tecnici incaricati dellaggiornamento delle strumentazioni: lavorare in spazi ridotti e rimuovere in tempi celeri i vecchi macchinari per favorire linstallazione dei nuovi componenti. La disposizione di questi ultimi è stata ottimizzata grazie a un lavoro pregresso di progettazione digitale, effettuato col supporto del feedback fornito dagli stessi addetti ai lavori, che hanno potuto visionare gli ingombri dei nuovi strumenti attraverso la realtà immersiva offerta da moderni occhiali per la realtà virtuale. OTTIMIZZAZIONE PRODUTTIVA. Lecosistema produttivo è stato pensato per risultare il più efficiente possibile. A tal proposito, gran parte dei componenti della carrozzeria della i4 sarà realizzato utilizzando macchinari già in uso per gli altri modelli. Al contempo, invece, lassemblaggio del pavimento e della porzione posteriore del veicolo richiederanno degli specifici sistemi aggiuntivi. Questo perché la trazione elettrica e la batteria ad alto voltaggio necessitano di architetture differenti da quelle convenzionali. Il pacco batterie da 550 kg, per esempio, verrà montato sul corpo vettura da un nuovo sistema di assemblaggio completamente automatizzato. Un sistema che, tra laltro, impiega delle telecamere per verificarne il corretto posizionamento. CONTROLLI DIGITALI. Poiché il numero di sistemi di assistenza alla guida, equipaggiamenti di sicurezza e funzionalità di connettività aumenta costantemente, i test funzionali delle varie innovazioni e tecnologie a bordo delle vetture, durante la fase di produzione, stanno diventando sempre più complessi. Al fine di soddisfare i requisiti di qualità sempre più severi, lo stabilimento di Monaco sta facendo un uso maggiore dei sistemi di assemblaggio e collaudo collegati digitalmente. Gli articolati processi logistici e di produzione, inoltre, sono supportati da numerose soluzioni di digitalizzazione e altri strumenti interconnessi. SPAZIO (ANCHE) ALLE SPORTIVE. Durante la conversione dello stabilimento, nelle ultime settimane, lattenzione si è concentrata principalmente sullintegrazione della BMW i4 nei sistemi di produzione esistenti. Al contempo, sono stati preparati anche dei sistemi e processi per lo sviluppo in serie della nuova BMW M3 [3], che sarà realizzata sulla stessa linea. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/03/03/BMW_I4_FOTO_BATTERIE_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-M3 2020-09-10 17:57:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/10/audi_e_tron_s_prezzo_autonomia_interni/gallery/rbig/2020-Audi-e-tron-S-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32296 Audi e-tron S - Al via gli ordini delle versioni sportive http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32296&tipo=fv Quanto sareste disposti a pagare per un motore elettrico in più, prestazioni superiori e un look aggressivo su una Suv elettrica? Secondo lAUDI [1] circa 12.350 euro, ovvero la differenza tra la E-TRON 55 QUATTRO [2] attualmente a listino e la nuova versione S appena resa disponibile. Nel dettaglio, la Casa ha introdotto in Italia le e-tron S ed e-tron S Sportback proposte rispettivamente a partire da 98.300 e 100.600 euro, che salgono a 114.300 e 116.600 per lallestimento superiore Sport Attitude. 503 CV E 370 KM DI AUTONOMIA. La versione S della e-tron, che ABBIAMO GUIDATO IN ANTEPRIMA A FEBBRAIO [3], mette in campo un powertrain aggiornato con un motore elettrico anteriore e due unità sullasse posteriore. La potenza totale è pari a 503 CV e 973 Nm e le batterie da 95 kWh garantiscono fino a 370 km di autonomia con tempi di ricarica ridotti fino a 30 minuti per l80% dellenergia attraverso sistemi a 150 kW. I 100 km/h si raggiungono in 4,5 secondi e la velocità massima è pari a 210 km/h. Di norma sono i motori posteriori a spingere la vettura, mentre quello anteriore interviene per le massime prestazioni in accelerazione o per stabilizzare la vettura. Lassetto prevede regolazioni specifiche, cerchi da 20 o 22 pollici, impianto frenante con dischi anteriori da 400 mm e un Esc tarato appositamente e totalmente disattivabile, mentre la carrozzeria si fa notare per le carreggiate allargate di 46 mm, i parafanghi più aggressivi, le prese e gli sfoghi daria modificati e le finiture dalluminio. DUE ALLESTIMENTI PER LELETTRICA SPORTIVA. La dotazione di serie della e-tron S include i sedili sportivi di pelle e Alcantara con regolazioni elettriche, linfotainment Mmi Touch response su piattaforma Mib3 con doppio schermo da 10,1" e 8,6" abbinato allAudi Virtual Cockpit da 12,3", i fari a Led, il portellone elettrico, limpianto audio da 180 Watt, i sensori e le telecamere per il parcheggio, i cerchi di lega da 20" e lAudi Pre Sense Basic e Front. La versione Sport Attitude aggiunge i cerchi da 21", i gruppi ottici Matrix Led, la chiave comfort, limpianto audio Bang Olufsen, il tetto panoramico, il climatizzatore quadrizona, la ricarica wireless per smartphone e i pacchetti di Adas City e Tour. Tra gli optional troviamo invece gli specchietti virtuali sostituiti da telecamere e schermi interni, i cerchi da 22", i rivestimenti interni di pelle traforata, i sedili ventilati e gli inserti interni ed esterni di fibra di carbonio. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI/E-TRON/E-TRON-55-QUATTRO-129061201901 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/21/AUDI_E_TRON_S_MOTORI_POTENZA_ELETTRICA.HTML 2020-09-10 17:34:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/10/maserati_mc20_quella_made_in_italy_col_cambio_americano/gallery/rbig/2020-Maserati-MC20-16.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32295 Maserati MC20 - Quella Made in Italy col cambio americano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32295&tipo=fv Tra i punti di orgoglio della MC20 [1], la super sportiva presentata dalla MASERATI [2] il 9 settembre con uno show spettacolare dallautodromo di Modena, è litalianità del progetto. Non soltanto a livello di brand e di design, ma anche dal punto di vista dei fornitori dei componenti principali, con un motore tutto progettato in casa e una scocca di fibra di carbonio sviluppata assieme alla Dallara e prodotta dalla napoletana TTA Adler. CAMBIO A STELLE E STRISCE. Ma in questa sinfonia nazionalistica cè una curiosa eccezione quando si parla di un componente fondamentale come la trasmissione, un doppia frizione a otto rapporti, di cui sei di potenza e due di overdrive. Ebbene, questa ha il passaporto americano, ma cè di più: non origina dallinterno del gruppo FCA. realizzata dalla Tremec ed è analoga a quella che questa azienda statunitense fornisce a una potenziale concorrente della MC20, la Chevrolet Corvette. Nessuno scandalo. Alla Maserati spiegano che il cambio in questione, che ovviamente è stato poi ingegnerizzato e settato appositamente per la sportiva del Tridente, aveva le caratteristiche di prestazioni e di compattezza che facevano al caso della MC20. Ma va da sé che, per una questione di coerenza di comunicazione, la circostanza dellorigine USA del cambio non è stata sottolineata. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML 2020-09-10 15:09:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/10/enel_x_le_infrastrutture_di_ricarica_juicepole_e_juicebox_vincono_il_compasso_d_oro/gallery/rbig/2020-enel-x-colonnine-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32294 Compasso dOro - Premiate anche le colonnine di Enel X http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32294&tipo=fv LAssociazione per il Disegno Industriale ha premiato il design delle infrastrutture di ricarica JuicePole e JuiceBox di ENEL X [1] con il prestigioso COMPASSO DORO. IL RICONOSCIMENTO. Le colonnine sono state realizzate in collaborazione con i designer Defne Koz e Marco Susani della Koz Susani Design e fanno parte, assieme alla FERRARI MONZA SP1 [2], dei 18 oggetti insigniti nelledizione 2020 dellevento, la 26esima, tenutasi allAdi Design Museum di Milano. In merito alla JuicePole, la giuria ha motivato la sua scelta spiegando che introduce nella quotidianità del paesaggio urbano, in modo discreto e non invasivo, una tecnologia utile e innovativa come la ricarica elettrica. Il premio è stato consegnato, nel corso della cerimonia, a Marco Susani e ad Alberto Piglia di Enel X. DIVERSE COLLOCAZIONI, STESSO RISULTATO. La JuicePole e la JuiceBox rappresentano le principali soluzioni di ricarica dellazienda studiate per favorire lo sviluppo della mobilità a zero emissioni a livello nazionale e globale. Le due infrastrutture, in particolare, si distinguono essenzialmente per la loro collocazione: la prima è pensata per essere posizionata in luoghi aperti, destinata sia a un uso pubblico (in punti strategici per la mobilità) sia privato (nei parcheggi delle aziende o delle pubbliche amministrazioni); la seconda, invece, è una proposta per la ricarica domestica, ora disponibile anche nella versione premiata con il Compasso dOro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ENEL-X [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/09/09/FERRARI_MONZA_SP1_COMPASSO_ORO_ADI.HTML 2020-09-10 15:09:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/01/nissan_z_proto_primo_teaser_della_nuova_sportiva_video/gallery/rbig/2020-nissan-z-proto-cambio-manuale-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32293 Nissan Z Proto - La sportiva giapponese avrà il cambio manuale - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32293&tipo=fv Le misure draconiane varate con il recente PIANO DI RILANCIO DALLA NISSAN [1], intenzionata a snellire il proprio portfolio di prodotti globale, non hanno cancellato dai listini i modelli sportivi. E ora, lerede spirituale della 370Z, annunciata già da tempo, fa capolino da alcune immagini teaser che ne annunciano la presentazione il prossimo 16 settembre. NEL SOLCO DELLA TRADIZIONE. Il nome, NISSAN [2] Z Proto, e le tempistiche del debutto lasciano il dubbio che a svelarsi virtualmente non sarà il nuovo modello nella sua veste definitiva, bensì un prototipo o, comunque, un esemplare di pre-produzione. In base alle anticipazioni e agli indizi trapelati dai teaser, dovrebbe trattarsi di una coupé a trazione posteriore, il cui heritage emerge da alcuni dettagli stilistici: per esempio il motivo tondeggiante creato dai Led nei fari anteriori, che richiama la Fairlady, oppure le luci di coda, ispirate invece a quelle della 300ZX. Dalle immagini trapela anche il logo Z sul montante posteriore, dal design rivisitato. SARà MANUALE. Lultimo video teaser pubblicato dalla Nissan conferma un aspetto tecnico importante: lerede della 370Z avrà il cambio manuale, a sei rapporti. Dalla clip è possibile anche ascoltare il rumore del motore, che secondo le indiscrezioni potrebbe essere un V6 da 3 litri con una potenza intorno ai 400 cavalli. Dalle immagini, poi, affiorano ulteriori dettagli sullallestimento, che comprende cerchi a cinque razze doppie, pinze freno con il logo Z e battitacco anchessi personalizzati. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/05/28/nissan_qashqai_x_trail_z_e_le_altre_anticipazioni_sulle_novita_dal_2020_al_2023.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN 2020-09-10 15:09:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/10/maserati_per_la_mc20_investiti_piu_di_350_milioni_di_euro/gallery/rbig/2020-Maserati-MC20-23.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32292 Maserati - Per la MC20 investiti più di 350 milioni di euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32292&tipo=fv La MASERATI [1] ha investito poco più di 350 milioni di euro sul progetto MC20 [2], la nuova supersportiva a motore centrale presentata ieri sera e destinata a rappresentare linizio di una nuova fase di rilancio per il marchio del Tridente. La cifra è stata svelata da MIKE MANLEY [3], amministratore delegato del GRUPPO FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [4], nel corso di una conferenza stampa organizzata nel corso di una due giorni interamente dedicata al mondo Maserati. Il top manager inglese, che ha anche sottolineato quanto "importante" sia stato per il marchio limpegno finanziario sostenuto, ha messo in chiaro diversi aspetti operativi legati non solo alla stessa Maserati ma anche al futuro di altri marchi del gruppo e di STELLANTIS [5], la nuova realtà automobilistica frutto della fusione con PSA. UN GIOIELLO DELLA CORONA. La Maserati - ha, per esempio, argomentato Manley - è per noi uno dei gioielli della corona. Avere la fortuna di avere un brand di lusso come la Maserati è un enorme vantaggio se viene gestito e finanziato nel modo migliore". A tal proposito lamministratore delegato ha ricordato le importanti risorse fornite al Tridente per risolvere gli errori fatti in passato: un segnale importante di quanto conti il marchio per il nostro gruppo. Il manager non si è invece voluto sbilanciare su un possibile scorporo della Maserati come fatto in passato per la Ferrari. Ricorderete che in passato venivano fatte domande sullo spin-off della Ferrari e Sergio (Marchionne, _ndr_) rispondeva non lo facciamo, cerano speculazioni sul suo valore che si sono rivelate errate. La Maserati ha un futuro incredibile e vorrei che emergesse il suo vero valore. Secondo me, la Maserati dovrebbe far vedere il suo valore facendo parte del nostro gruppo. Credo che" dello spin-off torneremo a parlarne "in futuro, magari davanti a un bicchiere di grappa. GLI OBIETTIVI. Non sono mancate indicazioni anche sul fronte degli obiettivi commerciali e finanziari, a partire dallauspicio che il 2020 "sia lultimo anno in perdita per la Maserati per arrivare ai nuovi target di vendita. A tal proposito, a Modena puntano a vendere 75 mila veicoli entro la fine del NUOVO PIANO PRODOTTI AL 2024 [6] rivelato proprio ieri e caratterizzato dal lancio di almeno 16 novità in quattro anni. Spero che le vendite siano anche di più ma non credo che si andrà oltre le 80 mila per non mettere a rischio lesclusività del marchio, ha aggiunto Manley. GLI INVESTIMENTI. Per tornare alla redditività e per rilanciare le attività commerciali dopo alcuni anni di declino, il gruppo FCA ha avviato un programma di investimenti multimiliardario, legato tra laltro al PIANO INDUSTRIALE PER LITALIA [7] da oltre 5 miliardi di euro: per produrre la GRECALE a Cassino, per esempio, sono stati stanziati 800 milioni e unanalogo importo è stato impegnato tra Mirafiori e Grugliasco per le nuove GranTurismo e GranCabrio. Al nuovo piano prodotti della Maserati sono stati finora dedicati 2,5 miliardi. Per Manley si tratta di una cifra notevolissima, che permetterà alla Casa del Tridente di avere tutte le risorse per lanciare i modelli in programma. MIRAFIORI E LALFA. Tra laltro, quanto investito nella storica fabbrica torinese dimostra quanto rilevante sia ancora Mirafiori per i vertici del gruppo FCA: Abbiamo importanti investimenti in corso per portare modelli come la 500 elettrica o le nuove Maserati. la nostra casa e continueremo a fare investimenti che consideriamo essenziali affinché Mirafiori rimanga importante per il nostro gruppo. Importante rimarrà anche lAlfa Romeo ma Manley non si è voluto sbilanciare più di tanto, in particolare sul fronte del rilancio tanto auspicato dagli appassionati. "Alfa Romeo non è ancora ai livelli che volevamo ma ha un futuro vitale", ha assicurato Mike Manley, escludendo che al Biscione siano state riservate meno attenzioni rispetto ad altri marchi del gruppo: "LAlfa Romeo non è stata abbandonata: ci sarà un nuovo modello che annunceremo a breve e continuiamo a investire sul marchio anche con nuove dotazioni Adas. LAlfa non è stata affatto lasciata indietro. Di certo, per il marchio milanese sarà cruciale la NUOVA SUV TONALE [8], che sarà prodotta a Pomigliano grazie a un INVESTIMENTO DI CIRCA 1 MILIARDO DI EURO [9] e "assumerà un ruolo importante della storia dellAlfa Romeo". LA FUSIONE. Infine non potevano mancare alcuni passaggi sulla FUSIONE CON PSA [10]. Manley ha confermato per lennesima volta lobiettivo di perfezionare loperazione entro il primo trimestre dellanno prossimo (Le due aziende sono perfettamente allineate sul perfezionamento delloperazione) anche grazie ai progressi riscontrati sul fronte delle autorizzazioni normative. Il lavoro procede bene e i team stanno lavorando benissimo, ha quindi rimarcato Manley ribadendo un aspetto più volte sottolineato negli ultimi mesi: "Periodi difficili per leconomia e le persone come quello della pandemia confermano le ragioni dellunione tra FCA e PSA. Il suo futuro professionale, invece, non riserverà alcuna sorpresa nonostante le speculazioni sulla sua possibile uscita e lapprodo alla Jaguar Land Rover: "Sono convinto che siamo riusciti a creare una buona struttura di governance: continuerò a far parte di questa organizzazione. importante che io faccia parte di tutto questo per costruire il futuro del gruppo. Abbiamo persone formidabili, ci sono persone che mi hanno sostenuto in questi anni e voglio restituire questo sostegno". Su un aspetto il top-manager non ha voluto rispondere, ossia sulla questione del dividendo straordinario da 5,5 miliardi di euro legata alloperazione di fusione e al centro di frequenti polemiche, anche politiche, dopo lerogazione del PRESTITO DA OLTRE 6 MILIARDI [11] corredato da garanzie statali: "Non voglio alimentare speculazioni: la fusione è un progetto di medio-lungo termine e io e Carlos (Tavares, ad di PSA, _ndr_) abbiamo chiaro che dobbiamo avere unazienda con le risorse giuste e che gli azionisti ricevano il valore che si aspettano dalla fusione. Siamo a buon punto, non voglio aggiungere nulla alle speculazioni del mercato. Ora siamo concentrati per chiudere il progetto entro il primo trimestre 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MIKE-MANLEY [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/10/MASERATI_GRECALE_SUV_COMPATTA.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/11/29/GRUPPO_FCA_LA_SUV_COMPATTA_ALFA_ROMEO_ASSEGNATA_A_POMIGLIANO.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/07/24/ALFA_ROMEO_A_VAIRANO_CON_LA_TONALE.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/04/FCA_POMIGLIANO_ALFA_ROMEO_TONALE.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [11] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/26/FCA_DA_INTESA_SANPAOLO_VIA_LIBERA_A_UN_PRESTITO_DA_6_3_MILIARDI.HTML 2020-09-10 14:44:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/10/mercedes_amg_la_safety_car_si_tinge_di_rosso_per_la_ferrari_al_mugello/gallery/rbig/2020-mercedes-amg-safety-car-mugello-20.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32291 Mercedes-AMG GT R - La Safety Car della Formula 1 si tinge di rosso Ferrari al Mugello http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32291&tipo=fv In occasione del GP del Mugello del prossimo weekend, la Mercedes-AMG farà un vero e proprio omaggio alla Ferrari per il traguardo del 1.000 gran premi raggiunto dal Cavallino Rampante. Per la prima volta, la Safety Car tedesca passerà infatti dal classico grigio delle "frecce dargento" al rosso, mantenendo inoltre le grafiche celebrative per i 70 anni del Mondiale e per la campagna WERACEASONE [1] contro il razzismo. UNA COLLABORAZIONE LUNGA 24 ANNI CON LA FORMULA 1. La Mercedes-AMG fornisce le vetture di servizio e la Safety Car del Mondiale di Formula 1 dal 1996, anno in cui in pista fu portata la C36 AMG. Da quel momento, i più importanti modelli del reparto sportivo di Affalterbach, fino a giungere allattuale AMG GT R introdotta nel 2018, hanno controllato le monoposto in alcune delle fasi di gara. In futuro potrebbe essere la volta della pistaiola BLACK SERIES [2], anche se molto appassionati vorrebbero vedere tra i cordoli la HYPERCAR ONE [3], dotata di una versione addomesticata del powertrain in dote alle vetture di Lewis Hamilton e Valtteri Bottas. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/07/03/MERCEDES_AMG_GT_R_LA_SAFETY_CAR_DELLA_FORMULA_1_SVELA_LA_NUOVA_LIVREA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/15/MERCEDES_AMG_GT_BLACK_SERIES_MOTORE_POTENZA_CARATTERISTICHE_TECNICHE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/19/MERCEDES_AMG_ONE_VIDEO.HTML 2020-09-10 13:20:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/07/01/audi_e_tron_s_e_tron_s_sportback_mmagini_scheda_tecnica_uscita/gallery/rbig/2020-audi-e-tron-s-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32290 Audi e-tron S - Tre motori e 503 cavalli per la Suv elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32290&tipo=fv Lelettrico diventa sportivo in casa AUDI [1]. A listino entrano la e-tron S e la e-tron S Sportback, che portano al debutto un powertrain aggiornato e altre modifiche studiate in chiave prestazionale. Larrivo sul mercato è previsto in autunno, ma i prezzi non sono stati ancora comunicati. Abbiamo però già GUIDATO UN PROTOTIPO DELLA SUV COUPé IN ANTEPRIMA [2], ricavandone sensazioni positive. 503 CV CON TRE MOTORI ELETTRICI. Entrambe le varianti di carrozzeria della sport utility elettrica tedesca sfruttano un powertrain composto da tre motori elettrici, di cui due sullasse posteriore. La potenza totale è di 503 CV e 973 Nm e le batterie da 95 kWh (ricaricabili a 150 kW) garantiscono unautonomia di 364-370 km nel ciclo Wltp. La velocità massima è di 210 km/h, mentre i 100 km/h da fermo vengono raggiunti in 4,5 secondi. LAudi ha utilizzato sullasse anteriore il motore che la e-tron 55 quattro monta al retrotreno, mentre quello più piccolo è stato potenziato e montato su ognuna delle ruote posteriori, ottenendo così un effetto torque vectoring completamente gestito dallelettronica di bordo. Il motore anteriore viene chiamato in causa quando si richiedono le massime prestazioni o quando viene percepita una perdita di grip: la sensazione, per chi guida, è quindi quella di avere una potente trazione posteriore: un effetto ulteriormente esaltato dalla modalità di guida Sport, che consente anche di far sovrasterzare la vettura in uscita di curva. SPORTIVA DA GUIDARE. Con una potenza e una coppia maggiori da gestire, le versioni S hanno ricevuto attenzioni particolari per quanto riguarda lassetto pneumatico e il servosterzo progressivo, che prevedono regolazioni del software dedicate. Di serie sono inclusi cerchi da 20" (22" in opzione) e laltezza da terra può variare di 76 mm in base alle modalità di guida, mentre limpianto frenante adotta pinze arancio e dischi anteriori da 400 mm con pinze a sei pistoncini. LAudi Drive Select propone sette modalità di guida da combinare con le quattro regolazioni dellESC. STILE E ASSETTO SONO SPECIFICI. Design e aerodinamica sono stati rivisti per queste e-tron S, che mantengono come optional gli specchietti esterni virtuali. Il Cx, in questa configurazione, scende fino a 0,26 sulla Sportback, nonostante le carreggiate più larghe di 46 mm e le modifiche alla carrozzeria, che adotta i parafanghi più larghi, gli air curtain dedicati, nuove prese daria frontali e lestrattore posteriore. Limpianto frenante a sua volta è raffreddato da prese daria attive. Le finiture di alluminio del single frame, dello splitter e degli inserti laterali rendono subito riconoscibili le varianti S, che nellabitacolo vedono dominare le tinte scure. Lallestimento degli interni prevede i sedili anteriori sportivi rivestiti di pelle e Alcantara, in opzione anche foderati di pelle e ventilati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/21/AUDI_E_TRON_S_MOTORI_POTENZA_ELETTRICA.HTML 2020-09-10 12:48:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/10/maserati_fuoriserie_ghibli_levante_quattroporte_/gallery/rbig/2020-Maserati-Ghibli-FuoriSerie-Corse-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32289 Maserati<br> - FuoriSerie, il programma di personalizzazione del Tridente http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32289&tipo=fv Per presentare il nuovo programma di personalizzazione FuoriSerie, la Maserati ha realizzato tre one-off basate sulle Ghibli, Levante e Quattroporte. I tre modelli, creati dal Centro Stile Maserati insieme a Garate Italia e denominati rispettivamente Corsa, Futura e Unica, anticipano alcune delle lavorazioni artigianali che la Casa del Tridente proporrà ai propri clienti per creare delle vetture partendo da un foglio bianco: i contenuti del programma FuoriSerie sono già ordinabili su tutta la gamma e presto caratterizzeranno anche la NUOVA MC20 [1]. Tutto sarà progettato e prodotto nello stabilimento di Modena, dove sarà creato anche un apposito spazio dedicato al nuovo atelier di personalizzazione, la Sartoria FuoriSerie. TRE COLLEZIONI DA CUI PARTIRE. Per semplificare la selezione degli accessori, la Maserati ha realizzato tre collezioni base da cui i clienti potranno partire per realizzare la propria vettura: Corse, Futura e Unica. Già dai nomi è possibile intuire le caratteristiche delle tre basi di partenza che puntano a reinterpretare in chiave moderna la storia del Tridente puntando alla sportività, allinnovazione e alleleganza. La COLLEZIONE CORSE è dedicata ai gentlemen driver e riprende dettagli del passato proponendo lavorazioni artigianali della scocca e colori esclusivi con livree ispirate ai modelli da competizione dello scorso secolo. A sottolineare i volumi della carrozzeria sono presenti delle dreamline, mentre i cerchi, con finitura bicolore, si abbinano a pinze freno con finiture esclusive. Allinterno dellabitacolo spiccano rivestimenti ispirati al cuoio concia vegetale e materiali che ricordano la lana melange pettinata. La COLLEZIONE FUTURA è pensata per gli amanti della tecnologia e dei nuovi materiali derivati dal mondo dello Sportswear, dellInterior e del Product Design. Le carrozzerie saranno caratterizzate da tonalità estreme o industriali con finiture texturizzate od opache con pigmenti a interferenza: per la prima volta verranno utilizzate tinte ispirate al Biolime e al Graphite Blue, abbinate anche a finiture bicolore. La COLLEZIONE UNICA, invece, è dedicata agli appassionati di moda, di arte e cultura: tra le varie tonalità disponibili vi saranno i colori della stagione, finiture metalliche copper, gold o platinum per i cerchi e rivestimenti interni di pelle nelle tinte Color of the Year Pantone, come il Classic blue del 2020, e Color Evolution S/S 2021 Oxy Fire Coal. Le livree potranno essere personalizzate con il monogram Now, creato per legare il marchio Maserati allattitudine di vivere positivamente il presente. GHIBLI TROFEO CORSE. La one-off Maserati Ghibli Trofeo Corse realizzata con il programma FuoriSerie vuole rendere omaggio alla storia del Tridente, celebrando le storiche officine Alfieri Maserati attraverso una livrea ispirata alle scocche battute a mano. La tinta esterna Officine Aluminum con finitura spazzolata è impreziosita da una doppia striscia Rosso Fluo ispirata alle Maserati da corsa della 24 Ore di Le Mans: sia le parti plastiche, sia quelle metalliche sono ricoperte di metalluro, così da ricreare un effetto acciaio grezzo su tutte le superfici. Come sui modelli del passato una griglia metallica foma la calandra anteriore ed è impreziosita con un Tridente con effetto alluminio grezzo spazzolato ispirato ai loghi tradizionali, forgiati e lavorati dal pieno. Allinterno sono presenti finiture dAlcantara stampate con un inchiostro specifico e per sottolineare la centralità del guidatore, il sedile di sinistra è di colore diverso rispetto agli altri. I rivestimenti sono di una pelle ispirata alla Nappa dei sedili vintage della Formula 1, mentre la parte centrale delle sedute, i braccioli e la plancia sono di pelle semianilina con trattamento carbon look embossed. LEVANTE TROFEO FUTURA. La speciale livrea della Levante Trofeo Futura è ispirata alle scansioni tridimensionali, nelle quale dei reticolati definiscono gli oggetti allinterno dello spazio. La carrozzeria, verniciata nella tinta Textureb Blue Graphite con finitura satinata e ruvida al tatto, è così caratterizzata da "crocini" di materiale catarifrangente che creano giochi di luce interattivi. La colorazione esterna è ripresa nellabitacolo dal cielo dAlcantara grigia, mentre i sedili sono rivestiti di pelle bianca con effetto soft touch ispirato al neoprene e propongono dei badge realizzati a bassofondo su vinile. Per evitare le cuciture a vista la Maserati ha scelto di impiegare la tecnica del 3D knit, mentre le zone più soggette a usura sono realizzate con materiali militari come il Ripstop e il Superfabric. QUATTROPORTE TROFEO UNICA. Lidea alla base di questa one-off è quella di creare una tinta pura che potesse poi raccogliere tutti i colori: così è nata una vettura con effetto arcobaleno. A seconda dalla prospettiva, la carrozzeria bianco puro mica rainbow può restituire allosservatore lintero spettro cromatico: la livrea è impreziosita dal monogramma Now con logo del Tridente, mentre i cerchi hanno una finitura pastello bianca e Living Coral, tinta che caratterizza anche le pinze freno. Labitacolo si divide cromaticamente in due parti, bianca e turchese: questultima è nel tono Artificial Intelligence Acqua, Colore dellAnno 2021. A portare leffetto arcobaleno negli interni sono i cristalli che, grazie a una particolare finitura con monogrammi Now, proiettano raggi di luce nellabitacolo per creare dei giochi dombra che variano a seconda dellora del giorno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML 2020-09-10 12:21:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/10/formula_1_gp_di_toscana_ferrari_1000/gallery/rbig/2020-gp-toscana-ferrari-1000.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32288 Formula 1 - GP di Toscana - Ferrari 1000 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32288&tipo=fv Nelle orecchie abbiamo ancora lurlo, liberatorio e incredulo, di PIERRE GASLY VINCITORE DEL GP DITALIA [1] a Monza con la Scuderia AlphaTauri, ma davanti ai nostri occhi cè già linsegna che recita Benvenuti al Mugello a ricordarci che la Formula 1 è pronta a tornare in pista questo fine settimana. Lo farà per linedito GRAN PREMIO DELLA TOSCANA [2], ottava prova del Mondiale di Formula 1 2020. UN GIRO DI PISTA. Il circuito del Mugello è lungo 5,2 chilometri ed è considerato uno dei più spettacolari al mondo. immerso nella splendida campagna toscana, nella zona di Scarperia e San Piero. Inaugurato nel 1974, questo tracciato ha ospitato dei test di F.1 - lultimo nel 2012 - ma quello di domenica sarà il primo Gran Premio della sua storia. Il giro del Mugello inizia con un lungo rettilineo che porta alla prima curva, la più impegnativa di tutto il tracciato. In uscita bisogna tenere conto che subito dopo si affronterà la esse formata dalle curve Luco e Poggio Secco. Dopo un altro breve allungo troviamo unaltra esse, formata dalla Materassi e dalla Borgo San Lorenzo, seguite da altre due curve in sequenza nella direzione opposta, la Casanova e la Savelli. Si affronta poi il punto più spettacolare del circuito, con le due curve dellArrabbiata, lì dove troviamo anche la tribuna riservata ai tifosi dei vari Scuderia Ferrari Club dItalia. La Arrabbiata 2, in particolare, è molto insidiosa perché va a scollinare e non è facile capire quale sia la traiettoria ideale. Il giro si avvia verso la fine con le curve Scarperia e Palagio che portano verso il curvone Correntaio. Dopo le due curve Biondetti, rimane daffrontare solo una curva a 180 gradi che prende il nome di Bucine, che porta nuovamente sul rettilineo principale. QUOTA 1000. Il GP del Mugello sarà una gara speciale per la Ferrari e non solo perché si corre sul circuito di proprietà della Rossa. Quello di domenica sarà infatti il GP numero mille della storia della Scuderia italiana e sarà celebrato con una serie di iniziative durante tutto il weekend. Inoltre, le SF1000 che guideranno Vettel e Leclerc saranno caratterizzate dal colore amaranto, lo stesso che aveva la livrea della Ferrari 125 F1 che ha corso negli anni Cinquanta. Parlando del GP della Toscana, Vettel ha detto: "Per me è un grande onore guidare per la Ferrari in occasione della millesima gara della Scuderia. Il fatto che si correrà al Mugello renderà tutto più emozionante, anche perché per la prima volta questanno avremo dei fan sulle tribune. Il tracciato è molto bello e con variazioni daltezza e curve impegnative". Gli ha fatto eco il suo compagno di squadra Leclerc, che ha aggiunto: "Non vedo lora di scendere in pista. Dovremmo avere meno difficoltà rispetto alle ultime due gare. Come squadra, sarà importante massimizzare il tempo a disposizione in pista, perché avremo più lavoro del solito da fare. Speriamo di poter far divertire gli spettatori e fare un bel po di punti". IL GP DELLA TOSCANA IN TV. Così come per Monza, anche il Gran Premio della Toscana sarà trasmesso in diretta sia sulla pay-tv Sky che su TV8, canale del digitale terrestre. Come sempre, potrete seguire le fasi salienti dellintero weekend di gara anche con il nostro SPECIALE F.1 [3], con commento in diretta, statistiche e risultati. VENERDì 11 SETTEMBRE Prove Libere 1 | dalle 11 in diretta su Sky Sport F1 Prove Libere 2 | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 SABATO 12 SETTEMBRE Prove Libere 3 | dalle 12 in diretta su Sky Sport F1. Differite Ore 13 TV8 Qualifiche | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 DOMENICA 13 SETTEMBRE Gara | Partenza alle 15:10 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/06/F_1_GP_ITALIA_RISULTATI_GARA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?CIRCUITO_DEL_MUGELLO_68 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SPORT/FORMULA-1/ 2020-09-10 11:51:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/10/lucid_suv_immagini_anticipazioni_caratteristiche/gallery/rbig/2020-lucid-suv-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32287 Lucid Motors - Il secondo modello sarà una Suv: ecco le prime immagini http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32287&tipo=fv Oltre a presentare la VERSIONE DEFINITIVA DELLA AIR [1], la Lucid Motors ha svelato anche i primi teaser del suo secondo modello. Come ampiamente previsto, si tratta di una Suv elettrica, che per il momento non ha un nome definitivo e viene descritta come Project Gravity. Il suo debutto è previsto nel 2023. UNA AIR A RUOTE ALTE. La base tecnica è quella della Air: è probabile, dunque, che la versione al top della gamma possa essere equipaggiata con lo stesso powertrain a trazione integrale da 1080 CV della Air Dream Edition. Lo stile della sport utility è chiaramente ispirato alla berlina, come dimostrano le linee morbide dei passaruota e il profilo in tinta contrastante del tetto e dei montanti posteriori. Anche i gruppi ottici posteriori molto sottili richiamano la berlina, mentre il frontale viene celato. Sul tetto della vettura spicca un portabagagli aggiuntivo, sicuramente poco vantaggioso per lefficienza aerodinamica ma in linea con lo spirito del modello: è realizzato su misura per questa Lucid e dotato della medesima livrea bicolore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/10/LUCID_AIR_2020_INTERNI_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_PREZZO_USCITA.HTML 2020-09-10 11:51:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/10/lucid_air_2020_interni_autonomia_prestazioni_prezzo_uscita/gallery/rbig/2020-lucid-air-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32286 Lucid Air - La berlina elettrica si svela nella veste definitiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32286&tipo=fv La LUCID AIR [1] debutta ufficialmente nella sua veste definitiva. Lambiziosa vettura elettrica californiana è pronta a sfidare la Tesla in tutti gli ambiti chiave del settore: autonomia, prestazioni, dotazioni e design. Negli Stati Uniti sarà proposta a partire da circa 80.000 e le prime CONSEGNE SONO PREVISTE PER LA PRIMAVERA DEL 2021 [2]. DISPLAY CURVO DA 34 POLLICI. La piattaforma dedicata, denominata Leap (Lucid Electric Advanced Platform), e il ridotto ingombro della meccanica e dellelettronica hanno permesso di massimizzare lo spazio interno. Questa filosofia, battezzata Lucid Space Concept, è partita da un foglio bianco e abbraccia anche il design dellabitacolo e della carrozzeria, per garantire ai passeggeri la migliore esperienza possibile a bordo. Da qui derivano le proporzioni esterne della vettura, con gli sbalzi ridotti e il cofano lungo, così come il tetto, fatto interamente di cristallo per illuminare linterno, ma anche lapproccio alle finiture e dei particolari, definito post-luxury. La plancia è dominata dallo schermo curvo da 34 pollici con grafica 5K, mentre i comandi secondari sono spostati su un secondo display centrale, quasi azzerando i comandi fisici. La vettura integra nativamente lassistente virtuale Alexa di Amazon per controllare le principali funzioni di bordo e gli aggiornamenti over-the-air consentiranno di implementare in futuro nuove funzionalità. FINO A 1080 CV E 827 KM DI AUTONOMIA. Per la versione allapice della gamma, denominata Dream Edition, la Lucid dichiara 1.080 CV e offre la trazione integrale grazie al doppio motore. Questa versione è capace di coprire i 400 metri da fermo in 9,9 secondi e di passare da 0 a 60 miglia orarie in 2,5 secondi, con una velocità massima di 269 km/h. Le batterie Long Range da 113 kWh, sviluppate in proprio, garantiscono da 465 a 503 miglia (da 748 a 809 km) di autonomia in base al tipo di cerchi di lega installati. Nella gamma troviamo anche la Air Grand Touring da 800 CV, in grado di toccare i 269 km/h e di passare da 0 a 60 miglia orarie in 3 secondi promettendo di raggiungere 827 km di autonomia; la Touring da 620 CV, invece, dichiara rispettivamente 3,2 secondi nello sprint, 248 km/h di punta massima e percorrenze intorno ai 650 km con una carica. Sono ancora da definire le caratteristiche tecniche della variante entry level, che debutterà in secondo tempo. Il sistema di ricarica rapida promette di far recuperare 32 km di autonomia al minuto. Per ottenere questi risultati è stato fondamentale anche lavorare sullefficienza aerodinamica e la Lucid ha ottenuto, per la Air, un CX di appena 0,21. PRONTA PER IL LIVELLO 3 DELLA GUIDA AUTOMATIZZATA. Sul fronte degli Adas, la Lucid ha sviluppato la piattaforma DreamDrive per integrare i dati dei 32 sensori di bordo, divisi tra telecamere, radar e ultrasuoni, ai quali si aggiungono il primo Lidar ad alta risoluzione su una vettura di serie e il sistema di geo-fencing basato sul segnale gps. La vettura è quindi già operativa a Livello 2 della scala Sae e predisposta per il passaggio a Livello 3, non appena saranno implementate le regole necessarie a livello governativo. Un ulteriore elemento di sicurezza atttiva è dato dai gruppi ottici Matrix Led sviluppati in proprio. PREZZI DA 80.000 A 169.000 DOLLARI: IN FUTURO ARRIVERà ANCHE IN EUROPA. Al lancio, la Lucid Air sarà proposta nelle versioni Air, Air Touring, Air Grand Touring e Dream Edition con prezzi, incentivi esclusi, compresi tra 80.000 e 169.000 dollari (da circa 67.700 a 143.000 euro al cambio attuale) con deposito variabile tra 1.000 e 7.500 dollari per la prenotazione online. Non si sa ancora a quanto verrà proposto il modello base. La Dream Edition sarà disponibile solo nelle tinte Stellar White, Infinite Black ed Eureka Gold con interni Santa Monica rivestiti di pelle Nappa, con finiture di legno di eucalipto sulla plancia e cerchi di lega AeroDream da 21". I prezzi per lEuropa e il Medio Oriente saranno invece annunciati più avanti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCID-AIR [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/26/LUCID_AL_VIA_ENTRO_FINE_ANNO_LA_PRODUZIONE_DELLA_AIR.HTML 2020-09-10 10:59:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/08/telematica_targa_telematics_abilita_le_nuove_soluzioni_di_leasys/gallery/rbig/2020_I_link.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32285 Telematica - Targa Telematics abilita le nuove soluzioni di Leasys http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32285&tipo=fv I nuovi servizi di noleggio a lungo termine lanciati da LEASYS [1], ovvero I-LINK, grazie al quale è possibile condividere lauto con altri driver, redistribuendone i costi su tutti gli utilizzatori, e LEASYS MILES, con cui si può pagare luso della vettura in base agli effettivi chilometri percorsi, sono stati realizzati grazie alla presenza delle soluzioni TARGA TELEMATICS [2] a bordo delle auto in affitto. Per I-Link, la società di telematica gestisce il servizio di prenotazione dellauto, che funziona senza alcun scambio di chiavi, mentre con Leasys Miles Targa registra i chilometri percorsi proiettando il noleggio nella dimensione del pay per use. LOFFERTA DI TARGA TELEMATICS. La società di Treviso propone soluzioni tecnologiche di telematica, smart mobility e piattaforme IoT digitali per i moderni operatori di mobilità, come Leasys. Si rivolge sia alle aziende di noleggio a breve e lungo termine, e alle società finanziarie, sia alle grandi flotte, spaziando dalla telematica assicurativa allasset e fleet management, dalla diagnostica e telemetria remota dei mezzi, veicoli professionali e da cantiere, alla gestione dei mezzi aeroportuali. Si tratta di un cambio di paradigma: le informazioni sullutilizzo di unauto diventano il vero valore attorno al quale è possibile realizzare una soluzione commerciale veramente innovativa - ha detto MASSIMILIANO BALBO DI VINADIO, VP Sales large account di Targa Telematics -. La nostra piattaforma IoT specifica per il settore automotive, nonché una vasta scelta di moduli software e microservizi, permettono di creare nuovi prodotti di mobilità con tempi estremamente ridotti.__ Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASYS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TARGA_TELEMATICS 2020-09-10 10:29:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/10/formula_1_vettel_con_aston_martin_a_partire_dal_2021/gallery/rbig/2020-sebastian-vettel.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32284 Formula 1 - Vettel con Aston Martin a partire dal 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32284&tipo=fv Nel weekend in cui la Ferrari festeggia i 1000 Gran Premi in Formula 1, la Racing Point annuncia lingaggio di Sebastian Vettel. Il quattro volte campione del mondo di Formula 1 prenderà il posto di Perez in quella che sarà Aston Martin, a partire dal 2021. Sarà il compagno di squadra di Lance Stroll. In aggiornamento... 2020-09-10 09:59:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/09/batterie_al_grafene_la_skeleton_technologies_promette_ricariche_in_15_secondi_/gallery/rbig/2020-Auto-Elettriche-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32283 Batterie al grafene - La Skeleton Technologies promette ricariche "in 15 secondi" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32283&tipo=fv Per la SKELETON TECHNOLOGIES le tradizionali batterie al litio hanno i giorni contati: lazienda tedesca, specializzata in brevetti di energy storage per il settore automotive, promette di sviluppare accumulatori basati su un materiale al carbonio denominato Curved Graphene, con tempi di ricarica di soli 15 secondi. Riuscirà a mantenere la promessa? ancora presto per dare una risposta. Di certo, la Skeleton crede molto nel progetto della SUPERBATTERY questo il suo nome che rivoluzionerebbe la mobilità elettrica, tanto da aver annunciato una collaborazione con il Karlsruhe Institute of Technology per il suo sviluppo. ULTRACONDESATORE. Per la precisione, parliamo di un condensatore, ovvero di un accumulatore che, rispetto alle soluzioni tradizionali, non necessita di reazioni chimiche per immagazzinare energia. La SuperBattery è un punto di svolta per lindustria automobilistica, spiega Taavi Madiberk, ceo dellazienda. Combinata con quella delle batterie agli ioni di litio (come buffer per la gestione di picchi di erogazione, in accelerazione e in assorbimento, _ndr_), tale soluzione può avere tutto: unalta densità di energia e potenza, una lunga durata e un tempo di ricarica di 15 secondi. Inoltre, questa tecnologia con elettrodi a secco potrebbe in futuro permettere di abbassare il peso e il costo di produzione delle batterie, tanto da aver spinto Tesla ad acquisire la Maxwell Technologies, specializzata, appunto, in ultracondensatori, caratterizzati da una capacità di accumulo elevato. 2020-09-10 09:33:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/10/maserati_per_la_mc20_un_impianto_audio_high_end_della_sonus_faber/gallery/rbig/2020-Maserati-MC20-05.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32282 Maserati - Per la MC20 un impianto audio high-end della Sonus faber http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32282&tipo=fv La MASERATI MC20 [1] annovera, tra le sue caratteristiche di eccellenza, anche quella della presenza di un impianto audio che merita un approfondimento. La scelta, infatti, è caduta su SONUS FABER, produttore italiano di sistemi di altoparlanti artigianali e di apparecchiature audio di fascia alta, nonché di strumenti musicali realizzati a mano. Lazienda, fondata a Vicenza nel 1983, appartiene oggi a McIntosh Group, così come lo stesso marchio McIntosh (del quale gli appassionati audiofili ricordano gli indimenticabili amplificatori a valvole) e la società di distribuzione Sumiko. LIMPIANTO. La MC20 è lunica auto al mondo oggi in produzione dotata di un sistema della Sonus faber che prevede la presenza di un amplificatore a 12 canali con 695 watt di potenza e di 12 altoparlanti: la ricerca di sonorità il più possibili naturali, propria del produttore italiano, ha comportato lutilizzo di materiali particolari come la seta, impiegata per le cupole di tweeter ottimizzati per ottenere un corretto allineamento. Laccordatura finale dellimpianto viene effettuata a orecchio dai tecnici della Sonus faber che hanno progettato, in collaborazione con gli ingegneri della Maserati, il posizionamento degli altoparlanti. Limpianto comprende un doppio amplificatore DSP (Digital signal processor, in grado di elaborare il segnale digitale) da 400 MHz in classe D con potenza di 695 watt; dei 12 altoparlanti, pilotati indipendentemente, cinque sono tweeter da 45 W, cinque midrange da 60 W e due woofer da 60 W. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML 2020-09-10 09:08:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/10/maserati_grecale_suv_compatta/gallery/rbig/2020-Maserati-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32281 Maserati - La Suv compatta si chiamerà Grecale http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32281&tipo=fv La MASERATI [1] ha svelato il nome della sua ormai imminente Suv compatta, da molti indicata come Levantina. Il nuovo modello, uno dei tanti pronti a essere lanciati nei prossimi quattro anni dalla Casa del Tridente, si chiamerà GRECALE, come lintenso vento che soffia da Nord-Est. La Grecale, che la Maserati ha deciso di lasciare quasi al buio durante una brevissima presentazione alla stampa invitata per levento di presentazione della NUOVA MC20 [2], è stato sviluppato interamente a Modena mentre la sua produzione è stata decisa già da tempo: sarà assemblato a Cassino su una nuova catena di montaggio per la quale la Fiat Chrysler ha deciso di investire 800 milioni di euro nel quadro del PIANO INDUSTRIALE PER LITALIA [3] da oltre 5 miliardi di euro in corso di esecuzione. IL DEBUTTO NEL 2021. La Grecale debutterà sul mercato lanno prossimo e sarà offerta con motori sia endotermici che elettrificati. Del resto è questa la nuova strategia di prodotto della Maserati: spingere sullelettrificazione e sullinnovazione per fornire prodotti allavanguardia ma nel rispetto di un Dna che da oltre 80 anni abbina prestazioni, sportività e lusso. La Grecale sarà sì compatta ma adatta alla famiglia e soprattutto rispetterà integralmente la tradizione del Tridente. Tra laltro, la Maserati ha presentato anche unaltra novità sul fronte delle denominazioni: la nuova linea di prodotti alla spina si chiamerà FOLGORE. IL NUOVO PIANO PRODOTTI. La Grecale, come detto, rappresenta solo uno dei tanti modelli inseriti in un rinnovato piano prodotti destinato a rilanciare le sorti del marchio modenese dopo alcuni anni di vendite in sofferenza. Nello specifico, la Maserati ha in programma nei prossimi quattro anni di lanciare 16 modelli nuovi o aggiornati, di cui 13 completamente inediti. Il 2020 è lanno della ripartenza: dopo la prima ibrida, la GHIBLI HYBRID [4], e lespansione allintera offerta della GAMMA TROFEO [5] finora confinata alle supersportive, sul mercato arriveranno i restyling di Ghibli, Quattroporte e Levante. Lanno prossimo sarà la volta della MC20, della Grecale e della versione ibrida della grande Suv prodotta a Mirafiori. GAMMA DA SETTE MODELLI NEL 2022. Il 2022 sarà, quindi, un anno molto intenso perché la gamma sarà arricchita da ben sette nuovi modelli. Nel complesso, la Maserati potrà offrire al mercato la MC20 coupé, spider ed elettrica, la Grecale con motori sia tradizionali che alla spina; la nuova GranTurismo, che sarà la prima Maserati 100% a batteria a essere lanciata sul mercato (sarà dotata di tecnologie allavanguardia come gli inverter al silicon-carbide finora utilizzati solo in ambito racing, che la Casa del Tridente lancerà per prima sul mercato), e la nuova GranCabrio (saranno entrambe prodotte a Torino e offerte con tutte le tipologie di propulsori); la Ghibli, la Quattroporte e la Levante. Nel 2023 debutteranno le nuove versioni sia dellammiraglia che della Suv. Inoltre, entro il 2024 lintera gamma sarà al 100% elettrificata, sarà dotata di tecnologie allavanguardia, sarà connessa e sarà caratterizzata da sistemi di guida assistita avanzati (oltre il secondo livello della classificazione Sae). GLI OBIETTIVI. Le indicazioni sul fronte dei prodotti sono state accompagnate anche da alcuni obiettivi di mercato: entro il 2025 il 70% delle vendite sarà rappresentato dalle Suv, che dovranno crescere del 40% rispetto al 2019. Le berline, grazie a un aumento delle vendite del 52%, dovranno pesare per il 15% sul totale, mentre le sportive, previste in calo dell8%, dovranno arrivare al 5%. La Casa emiliana coprirà così il 90% del suo mercato di riferimento: il restante 10%, rappresentato dalle berline a passo lungo, non è previsto venga coperto se non indirettamente tramite le Suv perché considerato un segmento destinato a contrarsi in maniera significativa rispetto al passato per effetto della crescente propensione dei consumatori di tutto il mondo allacquisto di veicoli a ruote alte. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/MASERATI_MC20_PREZZO_INTERNI_MOTORE_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/11/29/GRUPPO_FCA_LA_SUV_COMPATTA_ALFA_ROMEO_ASSEGNATA_A_POMIGLIANO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/16/MASERATI_GHIBLI_IBRIDA_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_TECNICHE_USCITA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/10/MASERATI_TROFEO_GHIBLI_QUATTROPORTE_LEVANTE.HTML 2020-09-10 08:43:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/10/maserati_folgore_gamma_elettrica/gallery/rbig/2019-Maserati-Alfieri.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32280 Maserati - Folgore: ecco nome e contenuti della gamma elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32280&tipo=fv Si chiamerà FOLGORE la linea di modelli a zero emissioni della MASERATI [1]. A indicare non soltanto la fonte dellalimentazione, e nemmeno soltanto la promessa di non rinunciare a un grammo didentità sotto il profilo delle prestazioni nel passaggio dal termico allelettrico, ma anche la rapidità fulminea del cambiamento. Perché entro il 2025 ogni modello della gamma del Tridente avrà una variante Bev, cioè elettrica al 100%. Il nome, dunque, è belle pronto. E non soltanto quello. A Modena hanno le idee molto chiare sullelettrificazione del loro range di modelli e piani di sviluppo che procedono a ritmo serrato. TRE MOTORI. Larchitettura prevede uno schema a tre motori per tutte le Bev: uno sullasse anteriore, due su quello posteriore. Ciò permetterà di gestire ogni semiasse in modo totalmente indipendente dallaltro ottenendo livelli di torque vectoring estremamente efficace e, secondo la Maserati, mai raggiunti prima su vetture di produzione. Inoltre la distribuzione 2+1 consente di equilibrare il peso. Che dipende ovviamente anche dal layout delle batterie, le quali sulla MC20, per esempio sono alle spalle del pilota, allincirca nel posto che sulla versione termica è occupato dal V6, mentre sulla GranTurismo avranno una collocazione diversa con un layout che alla Maserati per ora non vogliono svelare. ACCUMULATORI DA 100 KWH. Sia i motori che le batterie, che avranno una capacità prossima ai 100 kWh, sono sviluppati in casa e saranno prodotti a Modena. Soltanto le celle vengono ovviamente da un fornitore esterno, sul quale per ora alla Maserati mantengono il riserbo. Naturalmente tutto poggia su un sistema elettrico a 800 volt, i cui vantaggi sono noti: garantire prestazioni elevate ma soprattutto estese nel tempo (condizione irrinunciabile per una sportiva), una ricarica ultrarapida e unautonomia estesa. Rispetto ad altre architetture a 800 volt, come quella della Porsche Taycan, il,sistema Maserati offrirebbe però qualcosa in più. INVERTER INNOVATIVI. Il segreto sta negli inverter di ultima generazione, sviluppati dal Tridente in collaborazione con la ZF, che passano alla tecnologia silicon-carbide, cioè al carburo di silicio, confidenzialmente Sic: ebbene questi sono molto più rapidi nelleffettuare il loro lavoro di trasformazione della corrente continua della batteria in fasi modulate per i motori elettrici, indispensabile per la gestione omogenea dei flussi di energia e per le prestazioni. La Maserati dovrebbe essere la prima casa automobilistica a implementarli. La prima Folgore ad arrivare sul mercato sarà la nuova GranTurismo, attesa nel 2022, in base al piano industriale fino al 2023-24 (ne parliamo estesamente in un altro servizio), alla quale seguirà proprio la versione Bev della MC20. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML 2020-09-10 08:43:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/10/unione_europea_riduzione_emissioni_2030/gallery/rbig/2020-emissioni-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32279 Unione Europea - Emissioni, il target di riduzione per il 2030 potrebbe salire al 60% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32279&tipo=fv LEuropa accelera il passo e procede spedita verso lobiettivo della neutralità climatica entro il 2050. Per farlo, verrà rivisto al rialzo lobiettivo di riduzione del 40% delle emissioni di gas a effetto serra da raggiungere entro il 2030: la prossima settimana la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen annuncerà la proposta di revisione, che dovrebbe prevedere un più severo taglio del 55% rispetto ai livelli del 1990. SOLUZIONI DI COMPROMESSO. Tale modifica verrà discussa in ottobre allEuroparlamento, dove potrebbe persino emergere un obiettivo più ambizioso: come riporta lagenzia REUTERS [1], già oggi la votazione allordine del giorno della commissione Ambiente (Envi), la più grande del consesso europeo con 81 deputati, dovrebbe sostenere una riduzione del 60%. Il suo presidente Pascal Canfin ha già spiegato che un obiettivo più ambizioso farà pressione sui governi dei singoli stati, affinché accettino target più elevati: Se il parlamento spinge per il 60%, ciò eserciterà pressioni sui capi di stato affinché accettino almeno il 55% di riduzione, le sue parole riportate dal FINANCIAL TIMES [2]. LE RIPERCUSSIONI PER LAUTO. Tali obiettivi faranno parte del pacchetto di misure contenute nella prima European Climate Law, che trasformerà in legge quanto previsto dal Green Deal Europeo, la roadmap di contrasto ai cambiamenti climatici. Inevitabilmente, le decisioni richiamate influenzeranno il mondo delle quattro ruote, spingendo ancor più lelettrificazione di massa. Già oggi è previsto che entro il 2030 le Case debbano adeguare la propria gamma per ottenere livelli di emissioni inferiori del 37,5% per le auto e del 31% per i furgoni rispetto ai 95 g/km di CO2 imposti per il 2021. I NUOVI STANDARD [3], che prevedono anche un taglio intermedio del 15% entro il 2025, sono entrati in vigore l1 gennaio di questanno. Links: ------ [1] https://www.reuters.com/article/us-climate-change-eu-law/eu-environment-lawmakers-edge-towards-a-60-emissions-cut-by-2030-ahead-of-vote-idUSKBN2602NT [2] https://www.ft.com/content/1ce16d6c-f090-493a-adff-db900dede303 [3] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/01/03/emissioni_in_vigore_i_nuovi_standard_europei.html 2020-09-10 07:48:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/09/formula_1_sergio_perez_lascia_la_racing_point/gallery/rbig/2020-perez-racing-point.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32278 Formula 1 - Sergio Perez lascia la Racing Point http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32278&tipo=fv Il team Racing Point, che il prossimo anno diventerà Aston Martin F1 Team, ha confermato che SERGIO PEREZ LASCERà LA SQUADRA AL TERMINE DELLA STAGIONE 2020, dopo sette anni di collaborazione. Si attende ora lannuncio del nuovo pilota per il team di Silverstone: due le ipotesi del mercato piloti, entrambe affascinanti. IL SALUTO DELLA RACING POINT. Il GP di Abu Dhabi del 13 dicembre di questanno sarà lultimo che Sergio Perez e la Racing Point correranno insieme. Il pilota messicano lascia il team che era diventato quasi una seconda famiglia e che lo aveva visto sempre fedele anche ai tempi difficili della Force India e del fallimento. Poche ma sincere parole quelle pronunciate dal ceo e team principal della Racing Point, Otmar Szafnauer: "Checo fa parte della nostra grande famiglia da sette anni e in questo arco di tempo è diventato uno dei piloti più completi sulla griglia. Insieme abbiamo vissuto momenti fantastici. Fuori dalla pista, Checo è un vero amico ed è stato un piacere lavorare con lui per così tanto tempo. Anche se alla fine dellanno ci saluteremo, ci sono ancora nove gare da disputare insieme e altrettante opportunità di creare qualche altro ricordo speciale insieme". LIPOTESI VETTEL. Secondo il più classico dei copioni, luscita di Perez è solo la prima parte della notizia di cui si parlerà questo weekend. Perché il mercato piloti può prendere ora due strade. La prima, quella più probabile, è che arriverà a breve lannuncio dellingaggio di Sebastian Vettel alla Aston Martin per il 2021. La seconda, quella con leffetto sorpresa, è quella di un doppio annuncio Hamilton Wolff: in questi giorni, infatti, sono tante le chiacchiere attorno al duo delle meraviglie della Mercedes che potrebbe iniziare una nuova avventura, del tutto inattesa. In quel caso, per Vettel si potrebbero aprire comunque le porte del team di Stoccarda. Solo chiacchiere da paddock? Per la risposta certa, bisognerà attendere ancora, ma probabilmente non molto a lungo. 2020-09-09 21:54:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/maserati_mc20_prezzo_interni_motore_uscita/gallery/rbig/2020-Maserati-MC20-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32277 Maserati MC20 - Tutte le facce della MC20 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32277&tipo=fv Non cè nulla di improvvisato o di casuale nella quinta teatrale messa in piedi dalla MASERATI [1] per il lancio alla stampa della MC20 [2]. La cornice di Modena la città natale del marchio -, della fabbrica - dalle cui linee uscirà la macchina -, dellInnovation lab - lincubatore dove il progetto è stato sviluppato - è il risultato di una coreografia costruita tutta attorno al Tridente. Perché la MC20, al di là dei contenuti specifici, tutti molto interessanti, ha anche un valore simbolico per lintera Casa, presentandosi come una sorta di pietra angolare su cui verrà eretto ledificio del piano di rilancio. IDENTITARIA. Prima auto di una nuova era, ancora tutta da vedere, il nuovo modello si carica di una forte valenza simbolica recuperando il sei cilindri a V in posizione centrale, che non si vedeva su una Maserati dai tempi della Merak (uscita di produzione nel 1982): non una mera soluzione tecnica - seppure quanto mai opportuna nella fase storica di transizione dalla fornitura dei motori Ferrari a quelli sviluppati in casa -, ma una rivendicazione didentità. Così come lo è il tipo di vettura, che ribadisce la vocazione alle supersportive di alto lignaggio. Vocazione mai sopita, ma di recente affidata a eventi episodici, come la MC12. Questa MC20, invece, non è una fuoriserie, non sarà realizzata in tiratura limitata, ma sinserisce con piena cittadinanza nella gamma Maserati delle vetture di regolare produzione. ESCLUSIVA. Di regolare produzione non significa, però, che sarà una Maserati come tutte le altre. La fascia di prezzo, genericamente individuata dai portavoce della Casa allinterno della forbice che va dai 200 ai 300 mila euro, colloca subito la MC20 nellarena di Ferrari e Lamborghini, per intenderci, ben al di sopra del resto della gamma odierna, dove la Maserati più costosa, la Levante V8 Trofeo, raggiunge "appena" i 160 mila euro. Del resto, il grado di raffinatezza delle soluzioni tecniche, il livello di prestazioni e la dose dambizione che la MC20 non fa nulla per celare supportano questaspirazione alla "premier league". PRESTAZIONALE. Se MC20 sta per Maserati Corse 2020, lasciando intendere unorigine progettuale e un impiego votati anche alle competizioni, i numeri stanno lì a confermare questa vocazione sportiva: meno di tre secondi per archiviare lo 0-100 km/h, 325 km orari di velocità massima, 630 CV erogati (e messi a terra attraverso una trasmissione a doppia frizione con otto marce, di cui sei di potenza e due di overdrive), 730 Nm di coppia e una massa di 1.470 kg grazie a scocca e pannelli carrozzeria di fibra di carbonio e materiali compositi - per un rapporto peso/potenza di soli 2,33 kg per cavallo. A filtrarne lesuberanza sono sospensioni di alluminio forgiato con schema a doppio braccio oscillante con ammortizzatori attivi, che prevede lasse di sterzo semi-virtuale, cioè con il braccio inferiore sdoppiato, come sulle Alfa Giulia e Stelvio. Lobiettivo è lo stesso: permettere elevate accelerazioni laterali e unestrema precisione di guida. TECNOLOGICA. Il cuore della meccanica della MC20 è comunque il propulsore V6 in posizione centrale, il primo motore che il marchio modenese si fa in casa dai tempi del V8 3.2 sviluppato per la 3200 GT, che rimase in produzione fino al 2001. Tanto importante da essere battezzato con un nome, Nettuno, il nuovo V6 è stato progettato, ingegnerizzato - e sarà pure prodotto - a Modena. Con architettura a V di 90 gradi, un alesaggio di 88 millimetri mutuato direttamente dal V8 che equipaggia la Ferrari SF90, 3 litri bi-turbo con valvole wastegate attuate elettronicamente, Nettuno è coperto da un brevetto internazionale per il suo esclusivo sistema di combustione che lo pone ai vertici dei sei cilindri sul mercato per potenza specifica, con 210 CV/litro. EFFICIENTE. Come funziona? In sintesi, al metodo di combustione tradizionale è stato abbinato un sistema a precamera, che incorpora una candela daccensione. Quando la miscela di aria e benzina viene forzata al suo interno, con il pistone prossimo al punto morto superiore, la candela della precamera la innesca avviando una combustione che attraverso appositi fori si espande nella camera principale. In questo modo si generano molteplici fronti di fiamma e più turbolenze, dando luogo a una combustione più rapida e uniforme. In una parola, più efficiente. Il motore può lavorare anche in modo tradizionale, grazie alla candela nella camera di scoppio principale, quando le condizioni dimpiego non richiedono il ricorso alla precamera. I due sistemi possono, dunque, essere attivati in combinazione o singolarmente a seconda della richiesta di coppia motrice, e senza che il guidatore avverta la transizione dalluno allaltro. POLIEDRICA. Allinterno di una cornice comunque orientata alla sportività spinta, la MC20 esibisce dunque più di una personalità, passando da un carattere più mansueto (combustione tradizionale) a uno più aggressivo (sistema combinato a due camere). A modulare ancor più carattere e comportamento della nuova due posti concorrono i programmi di guida, impostabili tramite un selettore sul tunnel centrale, dalla modalità GT, quella di default con cui lauto si accende, a quella Sport, che irrigidisce le sospensioni, velocizza la risposta del cambio, aumenta la sensibilità del pedale destro e imposta il controllo della trazione per una guida più veloce, fino al programma Corsa pensato per luso in pista, che alza notevolmente la soglia dintervento del controllo di stabilità. Per escluderlo del tutto occorre spostarsi in modalità ESC Off. La posizione Wet, bagnato, aiuta invece a gestire le situazioni di bassa aderenza. AERODINAMICA. Duemila ore/uomo di lavoro alla galleria del vento della Dallara e oltre mille simulazioni virtuali di fluido-dinamica: così alla Maserati quantificano gli sforzi concentrati sugli aspetti aerodinamici, che hanno prodotto una serie di soluzioni avanzate nel disegno della carrozzeria, del fondo piatto e dei canali dellestrattore posteriore, che hanno consentito di ridurre al minimo le appendici aerodinamiche visibili, per mantenere un effetto pulito sul corpo vettura, senza neppure bisogno di ricorrere a unala posteriore mobile. SOFISTICATA. Lobiettivo dei designer del resto era chiarissimo e lo si capisce guardandola: la MC20 rifugge laggressività gridata e grossolana, per esibire invece una cattiveria misurata, con una carrozzeria liscia, filante e attillata sulla meccanica, nella quale anche le prese e gli sfoghi dellaria indispensabili sono disegnati in modo discreto, cercando quasi di farli sparire. Lo stesso minimalismo che si ritrova anche allinterno, dove tutto è finalizzato allesperienza di guida. Niente tasti fisici, tranne il selettore delle modalità di guida e i pulsanti dedicati allimpostazione del cambio, automatica o manuale, con questultima che si gestisce tramite i vistosi paddle al volante. Unica concessione allintrattenimento, lo schermo touch da 10,25 al centro della plancia che si affianca al quadro strumenti digitale, anchesso da 10,25 che raccoglie, sullasse visivo del pilota, tutte le informazioni indispensabili alla guida. E, come raccontiamo a parte, un sofisticato sistema audio tutto made in Italy. TERMICA. PER ORA. Sì, si era parlato molto, prima che la MC20 fosse svelata, di una supercar ibrida, che potesse esprimere una potenza di sistema superiore a 700 CV, un prodotto che avrebbe posto davvero la Maserati sullo stesso piano della Ferrari, che a V6 ibrido di questo tipo, come è noto, sta lavorando. Invece, alla fine, a Modena hanno scelto di andare su una vettura esclusivamente a combustione, che, il prossimo anno, affiancherà alla versione chiusa anche una variante spider. Ma quella che può sembrare una fuga nel passato è soltanto la premessa per una scelta assai più radicale, che vedrà il debutto, nel 2022, di una MC20 esclusivamente a batteria. Per farne davvero una pietra angolare della Maserati del prossimo futuro, che vedrà unelettrificazione della gamma sempre più estesa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MASERATI-MC20 2020-09-09 21:23:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/09/scuderia_ferrari_al_mugello_con_livrea_speciale_amaranto/gallery/rbig/2020-ferrari-1000.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32276 Scuderia Ferrari - Al Mugello con livrea speciale amaranto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32276&tipo=fv La SCUDERIA FERRARI [1] si appresta a celebrare una PIETRA MILIARE della sua storia, la MILLESIMA GARA DI FORMULA 1. Levento coincide con il Gran Premio della Toscana che si disputerà questo fine settimana allAutodromo del Mugello, impianto di proprietà della stessa Ferrari. Per loccasione, la SF1000 scenderà in pista con una livrea speciale. ROSSO OLD-STYLE. Probabilmente la SF1000 sarà ricordata come probabilmente una delle peggiori monoposto della storia della Scuderia, ma una stagione completamente storta non potrà certo cancellare anni di lavoro, passione, impegno e vittorie. Il traguardo della millesima gara è qualcosa di unico che va comunque celebrato in grande stile: così, la monoposto di questanno andrà in pista con lo stesso colore amaranto che ha contraddistinto le 125 F1 del 1950. Anche CHARLES LECLERC [2] e SEBASTIAN VETTEL [3] avranno due tute da corsa speciali e, per la prima volta da quando è scoppiata la pandemia di Covid-19, sulle tribune ci saranno i tifosi a supportare lintera squadra. Piero Ferrari, vicepresidente della Ferrari, ha commentato: "Un traguardo così importante non poteva che essere contrassegnato da qualcosa di speciale. Per questo abbiamo deciso di dedicare allevento una livrea commemorativa. Oltre al colore amaranto, anche i numeri di gara riprendono lo stile degli anni Cinquanta, quando erano verniciati a mano sulla carrozzeria. un omaggio alle nostre origini". Anche in Mercedes hanno deciso di tributare questo traguardo della rossa e per il weekend del Mugello la Safety Car sarà rossa, come lo stesso costruttore tedesco ha anticipato oggi. FESTA A FIRENZE. Le celebrazioni per i mille Gran Premi della Scuderia Ferrari andranno avanti anche nella vicina Firenze dove, sabato sera, si terrà un evento che sarà trasmesso in diretta sul sito della squadra e anche sui canali social, per coinvolgere i tifosi di tutto il mondo. La ciliegina sulla torta lavremo domenica, prima della gara, quando Mick Schumacher figlio dellimpareggiabile Michael - farà un paio di giri di pista a bordo della F2004, la vettura più vincente nella storia della Scuderia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?FERRARI_20450 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?LECLERC_CHARLES_543795 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?VETTEL_SEBASTIAN_523794 2020-09-09 21:23:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/09/governo_approvato_il_decreto_semplificazioni/gallery/rbig/2020-Camera-dei-Deputati-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32275 Decreto Semplificazioni - Anche la Camera dice sì agli autovelox in città http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32275&tipo=fv Con 291 voti favorevoli e 207 contrari, la Camera dei deputati ha votato la questione di fiducia posta dal Governo sullapprovazione, senza emendamenti e articoli aggiuntivi, del cosiddetto decreto Semplificazioni, già approvato dal Senato la scorsa settimana. Dopo il formale via libera al provvedimento, nei prossimi giorni la legge di conversione sarà pubblicata sulla Gazzetta ufficiale e tutte le modifiche al Codice della strada introdotte dalla Camera (a colpi di emendamenti a una norma che non centrava nulla con la circolazione) entreranno in vigore. AUTOVELOX FISSI IN CITTà E MULTE PER DIVIETO DI SOSTA ANCHE DAI NETTURBINI. Tra queste, la possibilità di installare, previa autorizzazione del prefetto competente, postazioni fisse per il controllo della velocità anche sulle strade urbane di quartiere (finora dovevano operarvi personalmente le pattuglie di polizia municipale dotate di autovelox mobili) e la facoltà di sanzionare la sosta o la fermata concessa anche ai dipendenti comunali e delle aziende municipalizzate e agli addetti alla raccolta dei rifiuti e alla pulizia delle strade. Più un corposo pacchetto di norme per favorire la cosiddetta mobilità dolce (biciclette e monopattini) che, anchesse su pressione dei comuni, hanno incredibilmente trovato spazio nel provvedimento. Trasformandolo, surrettiziamente, in una vera e propria riforma del Codice della strada. A corollario del tutto, un nuovo intervento di proroga delle revisioni dei veicoli. CLICCA QUI PER LEGGERE TUTTE LE NOVITà DEL CODICE DELLA STRADA APPROVATE DAL PARLAMENTO [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/07/CODICE_DELLA_STRADA_AUTOVELOX_CITTA.HTML 2020-09-09 20:19:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/09/codice_della_strada_l_aci_la_riforma_va_nella_direzione_sbagliata_/gallery/rbig/2019-Codice-della-Strada-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32274 Codice della strada - LAci: La riforma va nella direzione sbagliata http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32274&tipo=fv LAutomobile Club dItalia boccia la nuova RIFORMA DEL CODICE DELLA STRADA [1]. Il presidente Angelo Sticchi Damiani ha commentato negativamente le modifiche inserite nel decreto Semplificazioni, come quelle riguardanti lautovelox diffuso, le disposizioni in materia di mobilità ciclabile e multe. Secondo lAci, il cambiamento avviato dal governo si sta muovendo nella direzione sbagliata. LA GIUSTA DURATA DEL GIALLO. Aci è sempre soddisfatta quando il legislatore si occupa di sicurezza stradale si legge in apertura della nota diffusa dallente - soprattutto se interviene per semplificare il Codice della strada trasformandolo in un codice che indichi come ci si deve comportare quando ci si muove su una strada. In questa occasione, però, purtroppo così non è. Anzi, ci si muove nella direzione opposta. Il comunicato elenca uno per uno i punti di distanza, sollevando altresì una critica che non riguarda le nuove norme: Riteniamo per esempio un errore - dice Sticchi Damiani - scrivere nel CdS che la durata del giallo debba essere almeno di tre secondi, perché può creare malintesi e far tarare tutti i gialli semaforici sui tre secondi, come se fossero tutti uguali. Lindividuazione della giusta durata del giallo semaforico deriva, invece, da un calcolo complesso e unico per ogni incrocio. LE DIFFERENTI APPLICAZIONI DELLAUTOVELOX. Tornando alla riforma, riguardo agli autovelox, le cui postazioni fisse potranno essere installate (previa autorizzazione del prefetto) su strade urbane di quartiere dopo che il decreto diverrà legge, lAci ha espresso il proprio giudizio discorde: Non ci sembra corretta la possibilità di installare autovelox sulle strade locali in cui vige il limite orario di 30 km/h ha detto Sticchi Damiani, sottolineando che questo apparecchio è un utile strumento per controllare e limitare la velocità nei punti più critici o pericolosi, nei quali è opportuno avere la certezza che la velocità venga ridotta, in modo da consentire di guidare in sicurezza e che è invece diseducativo, quando non addirittura pericoloso, lautovelox diffuso, magari installato per far cassa e nemmeno correttamente segnalato, secondo quanto previsto dalla normativa. SU BICI E MULTE. Per lAci, meritano particolare attenzione anche tutti i provvedimenti riguardanti le biciclette: Restiamo fermamente contrari alle bici contromano e alla possibilità che possano transitare sulle corsie riservate al trasporto pubblico ha precisato lente, spiegando che i dati di incidentalità ci dicono che si tratta di pratiche estremamente pericolose, anche in considerazione dellesposizione al rischio del ciclista rispetto ai veicoli a quattro ruote: oltre 50 volte superiore. Contestata, infine, anche la possibilità di sanzionare la sosta da parte dei netturbini: Sembrerebbe che da domani anche gli operatori ecologici possano emettere multe o far rimuovere i veicoli. Ci auguriamo che le cose non stiano così scrive lAci - e che la proposta riguardi solo lampliamento delle funzioni degli ausiliari del traffico che, ricordiamo, devono limitarsi a segnalare linfrazione al corpo di polizia municipale. Non vogliamo nemmeno prendere in considerazione la possibilità che queste nuove figure si sostituiscano al corpo di polizia municipale. In conclusione, lAutomobile Club dItalia ha definito positiva lattenzione alla sicurezza in ambito urbano, dove ancora sono troppo numerosi gli incidenti e i morti ma al contempo si dichiara preoccupato che lapplicazione alla realtà di tali norme, inserite nel CdS, risulti difforme e differenziata da Comune a Comune, creando confusione e comportamenti insicuri agli utenti della strada. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/07/CODICE_DELLA_STRADA_AUTOVELOX_CITTA.HTML 2020-09-09 19:49:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/09/cupra_formentor_prezzo_motori_e_allestimenti_in_italia/gallery/rbig/2020-cupra-formentor-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32272 Cupra Formentor - Al via le prevendite in Italia a partire da 46.250 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32272&tipo=fv La CUPRA FORMENTOR [1] è ordinabile in Italia a partire da 46.250 euro. La Suv sportiva, primo modello totalmente inedito del marchio legato alla Seat, sarà disponibile in due allestimenti accomunati dalla motorizzazione 2.0 TSI a benzina da 310 CV, con la trazione integrale 4Drive e il cambio automatico Dsg. Alla variante VZ si affianca infatti la LAUNCH EDITION [2], che a fronte di un prezzo di 49.500 euro offre contenuti esclusivi ed è già stata oggetto della prevendita online andata esaurita in breve tempo. DUE ALLESTIMENTI TOP. La Formentor VZ offre di serie i cerchi da 19" Black Matt Silver, i mancorrenti neri, i sedili sportivi di tessuto, il volante sportivo con comandi integrati, lilluminazione interna a Led, linfotainment con display da 12" con Full Link wireless, il Virtual Cockpit da 10,25 pollici, lExit Assist e il Cruise Control adattivo. La Launch Edition aggiunge la tinta esterna Petrol Blue opaco, i cerchi di lega Sport Black Copper, i sedili di pelle Petrol Blue, il tetto panoramico, limpianto frenante Brembo, il portellone posteriore elettrico e limpianto BeatsAudio. PRESTO ANCHE PLUG-IN HYBRID A BENZINA. La Cupra ha già confermato che alla motorizzazione 2.0 TSI da 310 CV saranno in un secondo tempo affiancate anche le varianti diesel e quella plug-in hybrid. Questultima combina il 1.4 TSI da 150 CV e il motore elettrico da 115 CV per offrire 245 CV e 400 Nm totali e circa 60 km di autonomia in modalità elettrica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/02/CUPRA_FORMENTOR_SUV_DIMENSIONI_MOTORE_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/07/29/CUPRA_FORMENTOR_TUTTI_PRENOTATI_GLI_ESEMPLARI_DELLA_LAUNCH_EDITION.HTML 2020-09-09 19:22:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/09/martin_winterkorn_accusa_frode_commerciale_organizzata/gallery/rbig/2020-Martin-Winterkorn-Volkswagen-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32273 Volkswagen - Winterkorn, nuove accuse per frode commerciale organizzata http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32273&tipo=fv Lelenco di accuse che MARTIN WINTERKORN [1] dovrà affrontare a seguito del DIESELGATE [2] è stato ulteriormente ampliato. I pubblici ministeri della Procura di Braunschweig, infatti, hanno aggiunto ai capi dimputazione già noti anche la frode commerciale organizzata. Tramite il suo avvocato, lex amministratore delegato del gruppo Volkswagen ha negato laccusa. IL PROCESSO. Lex numero uno di Wolfsburg è sotto processo dal SETTEMBRE DEL 2018 [3] insieme ad altri quattro manager del gruppo tedesco per lo scandalo emissioni. Tra i vari reati per il quale è accusato vi sono anche levasione fiscale, la frode aggravata, labuso dufficio e la violazione della legge contro la concorrenza sleale. INNOCENTI FINO A PROVA CONTRARIA. Pur non essendo più sotto accusa, la Volkswagen ha comunque sottolineato che tutti gli accusati sono innocenti fino a prova contraria, ricordando inoltre di aver adottato nuove misure di controllo per verificare la conformità dei prodotti a seguito dello scandalo emissioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MARTIN-WINTERKORN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DIESELGATE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/09/12/DIESELGATE_VOLKSWAGEN_A_PROCESSO_L_EX_CEO_WINTERKORN.HTML 2020-09-09 19:22:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2019/04/15/dieselgate_winterkorn_incriminato_per_frode/gallery/rbig/2019-Martin-Winterkorn-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32271 Dieselgate - Winterkorn incriminato per frode http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32271&tipo=fv Martin Winterkorn, ex amministratore delegato del GRUPPO VOLKSWAGEN [1], è stato formalmente incriminato da uno dei pubblici ministeri della Procura di Braunschweig nel quadro del processo sullo scandalo del DIESELGATE [2]. Winterkorn, insieme ad altri quattro manager non meglio precisati, è accusato di vari reati, tra cui frode aggravata, violazione della legge contro la concorrenza sleale, evasione fiscale, false dichiarazioni e abuso dufficio. IL PROCESSO INIZIATO A SETTEMBRE. Il processo, INIZIATO LO SCORSO SETTEMBRE [3], vede Winterkorn sul banco degli imputati come principale colpevole dello scandalo delle emissioni. Del resto, il pubblico ministero, in un comunicato, scrive a chiare lettere come lex dirigente non abbia "rivelato alle autorità e ai clienti in Europa e negli Stati Uniti le manipolazioni illegali dei motori diesel dopo esserne venuto a conoscenza". I nomi degli altri manager sotto accusa non sono stati rivelati e la Volkswagen ha prontamente escluso che il suo attuale amministratore delegato, Herbert Diess, sia incluso nellelenco degli imputati. Winterkorn, alle prese con un analogo processo negli Stati Uniti, rischia da sei mesi a dieci anni di reclusione in caso di condanna per la sola frode aggravata. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DIESELGATE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/09/12/DIESELGATE_VOLKSWAGEN_A_PROCESSO_L_EX_CEO_WINTERKORN.HTML 2020-09-09 18:26:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/09/renault_taglio_costi_de_meo/gallery/rbig/2020-gruppo-Renault.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32270 Renault - De Meo: "Potremmo aver bisogno di più tagli" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32270&tipo=fv Per la RENAULT [1] potrebbe rendersi necessario un taglio dei costi maggiore rispetto a quanto preventivato. Il costruttore francese aveva annunciato un PIANO PER RIDURRE LE SPESE [2] di due miliardi di euro nei prossimi tre anni, ma il nuovo amministratore delegato LUCA DE MEO [3] potrebbe ampliare la portata della manovra di riassetto aziendale. Per il momento, tuttavia, non è chiaro se la nuova strategia coinvolgerà anche i dipendenti: secondo il programma annunciato lo scorso maggio, entro il 2024 verranno tagliati 15.000 posti di lavoro. OBIETTIVO REDDITIVITà. Secondo una comunicazione interna riportata dalla REUTERS [4], il numero uno di Boulogne-Billancourt avrebbe paventato una riduzione dei costi maggiore: "Lobiettivo è tornare sulla strada giusta e risolvere i nostri problemi più urgenti il più rapidamente possibile: tesoreria e costi. Ciò significa che forse dovremo andare oltre il previsto con i nostri sforzi di riduzione dei costi". De Meo non ha fornito cifre precise e un suo portavoce ha comunicato che il manager italiano è al lavoro su un piano di trasformazione per lazienda che si concentrerà più sulla redditività che sui volumi di vendita. Una strategia simile è stata attuata negli scorsi anni anche dal gruppo PSA, che ha progressivamente ridotto i costi e lanciato veicoli appartenenti ai segmenti più redditizi del mercato. "RENAULUTION". Nella nota, De Meo avrebbe anche coniato il nuovo termine "Renaulution" per descrivere il processo di rivoluzione che coinvolgerà il marchio transalpino: "Dovremo prendere decisioni difficili, ma necessarie e positive per lazienda. La descriverei come una rivoluzione. Questa rivoluzione, che deve essere portata avanti da tutti gli uomini e le donne dellazienda, la chiamo Renaulution". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/RENAULT.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/29/RENAULT_IN_PROGRAMMA_IL_TAGLIO_DI_15_MILA_POSTI_DI_LAVORO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCA-DE-MEO [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.REUTERS.COM/ARTICLE/US-RENAULT-JOBCUTS-EXCLUSIVE/EXCLUSIVE-RENAULT-CEO-WE-MAY-NEED-MORE-CUTS-TO-ESCAPE-THE-RED-ZONE-IDUSKBN2601J0 2020-09-09 17:58:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/09/general_motors_le_batterie_della_gmc_hummer_e_della_cadillac_lyriq_sfrutteranno_il_collegamento_wireless/gallery/rbig/2020-gm-wireless-battery-management-002.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32269 General Motors - Le batterie della GMC Hummer e della Cadillac Lyriq sfrutteranno il collegamento wireless http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32269&tipo=fv La General Motors ha rilasciato nuove informazioni relative alle batterie Ultium che verranno utilizzate dai modelli elettrici di prossima generazione, a partire dalla GMC HUMMER [1] e dalla CADILLAC LYRIQ [2]. La stessa tecnologia dovrebbe inoltre essere condivisa con la HONDA [3] e la NIKOLA [4] grazie agli accordi siglati recentemente. CONNESSIONE WIRELESS, ADDIO AI CAVI NELLE BATTERIE. La Casa americana, che ha lavorato con LG Chem per gli accumulatori, ha sviluppato con la Analog Devices Inc un sistema di gestione wireless dei pacchi batteria che ha permesso di ridurre il peso totale (con il 90% di cablaggi in meno allinterno) e di poter gestire più facilmente futuri aggiornamenti over-the-air del software. Lobiettivo è quello di abbattere i costi di implementazione su veicoli diversi e poter migliorare nel tempo le prestazioni delle batterie e lautonomia. Allo stesso tempo, sarà possibile riprogrammare in maniera molto efficace le batterie per essere riclate in centrali stazionarie, anche combinando tra loro più elementi senza modifiche di carattere tecnico. UNA GAMMA DI ACCUMULATORI NEL FUTURO DI GM. I dettagli tecnici delle batterie Ultium non sono ancora noti, quindi non conosciamo la loro capacità, ma è chiaro che GM ha in programma di creare una gamma di modelli con tagli diversi di accumulatori in base alle esigenze dei clienti. Per la GMC Hummer sono attesi 1.000 CV e prestazioni da sportiva, mentre per la Suv Cadillac si parla di circa 100 kWh e 480 km di autonomia con ricarica veloce a 150 kW e casalinga a 19 kW. Il gruppo americano prevede di lanciare in totale 20 vetture elettriche entro il 2023 con i vari marchi a livello mondiale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/30/GMC_HUMMER_NUOVO_TEASER_DEL_PICKUP_ELETTRICO_VIDEO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/08/07/CADILLAC_LYRIQ_CARATTERISTICHE_ESTETICHE_INTERNI_MOTORE_E_DETTAGLI_TECNICI_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/03/GENERAL_MOTORS_IN_VISTA_UN_ALLEANZA_STRATEGICA_CON_LA_HONDA_PER_IL_NORD_AMERICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/08/NIKOLA_IL_PICK_UP_BADGER_SARA_PRODOTTO_DALLA_GENERAL_MOTORS.HTML 2020-09-09 17:31:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/mclaren_620r_la_divisione_mso_rilascia_un_inedito_r_pack_per_la_sportiva_inglese/gallery/rbig/2020-mclaren-620r-r-pack-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32268 McLaren 620R - La divisione Mso rilascia un inedito R-Pack per la sportiva inglese http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32268&tipo=fv A partire da oggi, è possibile ordinare la MCLAREN 620R [1] con un inedito R-Pack. Nello specifico, si tratta di un kit, progettato dalla divisione McLaren special operation (Mso), pensato per enfatizzare ulteriormente il carattere dinamico dellauto. Disponibile per i clienti di Europa, Medio Oriente e Africa, comprende degli elementi di fibra di carbonio per la carrozzeria e per gli interni coniugati a uno scarico sportivo di titanio e a una presa daria sul tetto. Il prezzo della personalizzazione, per il mercato italiano, è stato fissato a 30.760 euro, Iva inclusa. DETTAGLI CORSAIOLI. La presa daria funzionale sul tetto, di fibra di carbonio con finitura lucida, si ispira alla McLaren F1 Longtail. Il roof scoop può inoltre essere munito di una telecamera connessa al sistema di telemetria, in modo tale da poter registrare le sessioni in pista. La caratterizzazione estetica del pacchetto R si completa con la presenza di prese daria di fibra di carbonio sul paraurti anteriore e di alcuni dettagli specifici (sempre in materiale composito) anche dentro labitacolo. Infine, ladozione dello scarico di titanio firmato Mso Defined amplifica il rombo emesso dal propulsore, fino a cinque decibel in più rispetto alle opzioni offerte per la gamma Sport Series. NATA IN PISTA, OMOLOGATA PER LA STRADA. La 620R presenta caratteristiche provenienti direttamente dal mondo delle competizioni, attraverso un pacchetto omologato per la strada. La coupé riprende, infatti, alcune peculiarità della 570S GT4, un modello impiegato in gare agonistiche. Pertanto, può vantare un carico aerodinamico di 185 kg a 250 km/h e i freni carboceramici. Non mancano neppure le ruote con bullone centrale e gli ammortizzatori GT4 regolabili manualmente a due vie; inoltre, su richiesta, i pneumatici P Zero Trofeo R montati di serie possono essere sostituiti con delle slick Pirelli per limpiego in pista. Il motore V8 biturbo di 3.8 litri eroga 620 CV ed è in grado di passare da 0 a 100 km/h in soli 2,9 secondi, toccando quota 200 km/h in 8,1 secondi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/12/09/MCLAREN_620R_VELOCITA_POTENZA_USCITA_PREZZO.HTML 2020-09-09 17:02:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/09/world_ev_day_leaseplan_vuole_accelerare_l_elettrificazione_delle_flotte/gallery/rbig/2020_Leaseplan_flotte_elettriche.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32267 World Ev Day - Leaseplan vuole accelerare lelettrificazione delle flotte http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32267&tipo=fv In occasione del WORLD EV DAY [1], la giornata mondiale della MOBILITà ELETTRICA [2], LEASEPLAN [3] lancia un appello ai governi di tutto il mondo chiedendo investimenti per soddisfare la domanda pubblica di infrastrutture di ricarica dedicata ai VEICOLI ELETTRICI [4]. Lamministratore delegato della società, TEX GUNNING, ha sottolineato infatti come questaspetto sia particolarmente critico per gli utenti, che vogliono passare più velocemente possibile ai veicoli elettrici, ma la mancanza di uninfrastruttura di ricarica sufficiente a livello globale rappresenta un grosso ostacolo. LEASEPLAN PER IL NOLEGGIO VERDE. La multinazionale olandese punta molto sulle auto elettriche e, assieme We Mean Business e Arcadis, aveva scritto UNA LETTERA APERTA A BRUXELLES [5] per far potenziare la rete di ricarica nellUnione Europea (un milione di stazioni entro il 2025). Leaseplan, poi, pubblica da anni lEV CHARGING INDEX, presentato anche durante il World economic Forum di Davos, ed è partner fondatore delliniziativa EV100 [6] di The Climate Group, lanciata in occasione dellAssemblea Generale delle Nazioni Unite nel settembre 2017. Guidata in Italia da ALBERTO VIANO, la società si è impegnata inoltre a conseguire lobiettivo di gestire una flotta a zero emissioni entro il 2030. Un processo che è stato avviato attraverso alcune iniziative, per esempio la soluzione EV "full package lanciata alla Cop23 nel 2017, che è disponibile in 12 paesi e fornisce tutto il necessario per il noleggio di una vettura a emissioni zero, compreso laccesso ai punti di ricarica personali a casa e al lavoro. Recentemente, poi, Leaseplan è entrata nel mercato dellenergia con il lancio di una soluzione di ricarica intelligente Energy e ha emesso due Green Bond per finanziare questa trasformazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/09/09/AUTO_ELETTRICHE_OGGI_E_IL_WORLD_EV_DAY_.HTML [2] https://www.quattroruote.it/tags/mobilita-elettrica [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASEPLAN [4] https://www.quattroruote.it/tags/auto_elettriche [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/AZIENDE/2019/09/25/ELETTRIFICAZIONE_LEASEPLAN_SCRIVE_ALLA_COMMISSIONE_EUROPA_PER_LE_INFRASTRUTTURE.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/EV100 2020-09-09 16:32:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/suzuki_jimny_n1_autocarro_immagini_caratteristiche_uscita/gallery/rbig/2020-suzuki-jimny-autocarro-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32266 Suzuki Jimny - Arriva la versione autocarro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32266&tipo=fv La SUZUKI [1] introduce in Italia e in altri mercati europei la JIMNY [2] nella versione autocarro con omologazione N1. La piccola fuoristrada giapponese, che ha ottenuto un successo superiore alle attese, mantiene inalterate le caratteristiche tecniche, ma in questa nuova configurazione perde il divano posteriore e offre solo due posti. 863 LITRI NEL VANO POSTERIORE. In compenso, su questa versione il vano posteriore della Jimny è completamente piatto e diviso dallabitacolo da una griglia metallica. La capacità di carico sale così a 863 litri, ovvero 33 in più rispetto di quanto ne dichiari la Jimny per trasporto passeggeri a divano posteriore ribaltato. Per il momento non è stato diffuso il prezzo di listino, ma è confermata la presenza delle medesime dotazioni della declinazione M1, inclusi gli Adas di serie e la funzione eCall demergenza. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SUZUKI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/01/22/SUZUKI_SOLD_OUT_CONTINGENTE_2020_ITALIA.HTML 2020-09-09 16:06:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/09/lamborghini_una_bicicletta_ispirata_alla_aventador_svj/gallery/rbig/2020-lamborghini-bici-cervelo-aventador-svj-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32265 Lamborghini - Una bicicletta ispirata allAventador SVJ http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32265&tipo=fv Come altri super brand del mondo dellauto, anche la LAMBORGHINI [1] può vantare una linea di biciclette a essa dedicata. Tra queste cè anche un nuovo modello, realizzato dalla canadese Cervélo Cycles, in collaborazione proprio con la Casa di SantAgata Bolognese, e destinato a una serie di soli 63 esemplari. Una cifra che richiama il 1963, anno di fondazione del marchio che ha dato vita a bolidi come la Miura, la Diablo e la Aventador, alla cui versione SVJ [2] si ispira la livrea della nuova bici. RAFFINATA E COSTOSA. Proprio come la SuperVeloce Jota, questo mezzo a due ruote nasce per garantire allutilizzatore prestazioni elevate, essendo stata pensata per affrontare al meglio le salite e le discese delle Dolomiti. Per questo, la bici adotta diversi componenti realizzati da note aziende italiane, tra cui il gruppo meccanico Campagnolo Super Record Eps, le ruote Campagnolo Bora One con copertoni Vittoria Corsa Pro, lattacco del manubrio Deda Elementi e il sellino Fizik Aliante. Il prezzo per averla? 18 mila dollari, ovvero più di 15.200 euro: non proprio un mezzo per tutte le tasche. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/listino/lamborghini [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/08/24/LAMBORGHINI_AVENTADOR_SVJ_LA_SV_DIVENTA_JOTA.HTML 2020-09-09 16:06:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/09/09/batterie_al_grafene_la_skeleton_technologies_promette_ricariche_in_15_secondi_/gallery/rbig/2020-Auto-Elettriche-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32263 Batterie al grafene - La Skeleton Technologies promette: Ricariche in 15 secondi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32263&tipo=fv Per la SKELETON TECHNOLOGIES le tradizionali batterie al litio hanno i giorni contati: lazienda tedesca, specializzata in brevetti di energy storage per il settore automotive, promette di sviluppare accumulatori basati su un materiale al carbonio denominato Curved Graphene, con tempi di ricarica di soli 15 secondi. Riuscirà a mantenere la promessa? ancora presto per dare una risposta. Di certo, la Skeleton crede molto nel progetto della SUPERBATTERY questo il suo nome che rivoluzionerebbe la mobilità elettrica, tanto da aver annunciato una collaborazione con il Karlsruhe Institute of Technology per il suo sviluppo. ULTRACONDESATORE. Per la precisione, parliamo di un condensatore, ovvero di un accumulatore che, rispetto alle soluzioni tradizionali, non necessita di reazioni chimiche per immagazzinare energia. La SuperBattery è un punto di svolta per lindustria automobilistica, spiega Taavi Madiberk, ceo dellazienda . Combinata con quella delle batterie agli ioni di litio (come buffer per la gestione di picchi di erogazione, in accelerazione e in assorbimento, _ndr_) tale soluzione può avere tutto: unalta densità di energia e potenza, una lunga durata e un tempo di ricarica di 15 secondi. Inoltre, questa tecnologia con elettrodi a secco potrebbe in futuro permettere di abbassare il peso e il costo di produzione delle batterie, tanto da aver spinto Tesla ad acquisire la Maxwell Technologies, specializzata, appunto, in ultracondensatori, caratterizzati da una capacità di accumulo elevato. 2020-09-09 16:06:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/09/opel_zafira_e_life_prezzo_interni_autonomia/gallery/rbig/2020-Opel-Zafira-e-Life-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32264 Opel Zafira-e Life - Al volante del van elettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32264&tipo=fv Protagonista della stagione delle monovolume, la OPEL ZAFIRA LIFE [1] completa la trasformazione iniziata lanno scorso con unulteriore interpretazione della mobilità over cinque posti, diventando anche elettrica. Il modello nato nel 1999 fu fondatore del sottosegmento delle Mpv medie a sette posti, e due serie successive consolidarono il successo di questa formula per tutti gli anni Duemila. Con lavvento di crossover e Suv, le stesse famiglie che avevano adorato grandi bagagliai e sedili trasformabili iniziarono a voltare le spalle a queste specialiste della spesa settimanale e delle vacanze: negli ultimi cinque anni, il mercato europeo delle monovolume ha registrato un eloquente -60%. Tolte dal listino alcune storiche interpreti della disciplina, i costruttori si sono ingegnati per trovare una risposta adeguata a una domanda più fiacca ma ancora significativa. NUOVO TREND. Alcuni hanno pensato di risolvere la questione intercettando un fenomeno di segno opposto, ovvero la crescita del 50%, nello stesso quinquennio, delle vendite dei passenger van, i modelli da cinque a nove posti che nascono da piattaforme condivise coi veicoli commerciali medi. Così è anche per la Zafira Life, sviluppata sulla base del furgone Vivaro e di altri modelli del gruppo PSA che, nelle declinazioni passeggeri, portano i nomi di Citroën SpaceTourer e Peugeot Traveller e danno vita a una compagnia resa ancor più numerosa dal Toyota Proace Verso. Ci troviamo davanti a veicoli con proporzioni che qualche decennio fa li avrebbero classificati come pulmini. TRE TAGLIE. Il volume anteriore è più definito rispetto allaffusolato muso della serie precedente e cela un motore elettrico da 100 kW (136 CV) di potenza e 260 Nm di coppia, mentre sotto il pianale possono trovare posto un pacco batterie da 50 oppure da 75 kWh. Il primo - disponibile per tutte e tre le lunghezze della gamma (4,60, 4,95 o 5,30 metri), garantisce secondo la Opel unautonomia massima di 230 km, mentre il secondo, riservato alla media e alla lunga, può arrivare a 330 km. Tre taglie, quindi, esattamente come il modello con motore diesel. La prima impressione di guida è con la variante intermedia, nella configurazione a sette posti: due sedili singoli davanti quello del conducente un poco disassato rispetto al volante -, due poltrone individuali al centro e un divano a tre posti dietro, tutti scorrevoli per regolare a piacere lo spazio fra passeggeri e bagagli. SU STRADA. Tasto start, cambio (si fa per dire, qui il rapporto è fisso) in D e via: la Zafira-e parte decisa anche se si è lasciato il selettore dei programmi di guida in Normal; con lEco la verve viene un poco attenuata e col Power, naturalmente, si dà libero sfogo alle risorse del motore. La levetta per scegliere fra le tre modalità è opportunamente collocata a fianco di quella per innestare marcia avanti, retromarcia e Parking. Appendice di questultima, il tasto per attivare il massimo recupero di energia in rilascio e frenata: si può scegliere fra una scorrevolezza analoga a quella della Zafira diesel e un effetto freno motore non troppo incisivo, almeno quando le batterie sono già belle cariche, come nel nostro caso. Con la Zafira-e Life si può viaggiare rilassati o aumentare il ritmo a piacere: la velocità è autolimitata a 130 km/h ed entro questo margine il motore elettrico porta a spasso con disinvoltura una carrozzeria che è cresciuta parecchio rispetto alla serie precedente, non solo in lunghezza ma anche in altezza. La presenza delle batterie sotto al pianale giova ovviamente alla stabilità abbassando il baricentro, ma deve aver alterato un poco lequilibrio dei pesi sui due assi, perché nei cambi di direzione a bassa velocità il ritorno dello sterzo è più lento rispetto al modello con motore termico. I PREZZI. La Zafira-e Life entra in listino con un prezzo che per la versione Business Edition di lunghezza intermedia con batterie da 50 kWh parte da 49.910 euro, destinati a scendere di 8.000 euro in presenza di ecobonus in caso di rottamazione e di altri 10.000 euro grazie a uno sconto Opel valido per tutto settembre, per un netto di 31.678 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/01/09/OPEL_DEBUTTA_LA_ZAFIRA_LIFE.HTML 2020-09-09 16:06:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/09/ferrari_monza_sp1_compasso_oro_adi/gallery/rbig/2020-Ferrari-Monza-SP1-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32262 Ferrari - La Monza SP1 vince il Compasso dOro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32262&tipo=fv La giuria dellAdi, lAssociazione per il Disegno Industriale, ha assegnato alla FERRARI MONZA SP1 [1] il prestigioso premio COMPASSO DORO. La capostipite della famiglia Icona è lundicesima automobile a ottenere questo riconoscimento, nonché la terza del Cavallino: prima di lei sono state premiate la F12berlinetta, nel 2014, e la FXX K [2], nel 2016. PROIETTATA AL FUTURO. La sportiva di Maranello è stata premiata per la sua capacità di proiettarsi nel futuro facendo tesoro della memoria e senza cadere nel vintage: la serie Monza, infatti, reinterpreta in chiave moderna le barchette del passato, evolvendo le linee di modelli da competizione, come la 166 MM e le 750 e 860 Monza. Questi modelli, nati con lunico scopo di trionfare nelle gare di tutto il mondo, non cedevano a compromessi, proponendo una raffinata meccanica che permise al Cavallino di conquistare numerose vittorie nel Campionato Mondiale Sport. Anche la Monza SP1, svelata nel settembre del 2018, riprende questa filosofia e si propone con un motore a dodici cilindri aspirato di 6.5 da 810 CV e 719 Nm derivato dalla 812 Superfast. LA PREMIAZIONE ALLADI DESIGN MUSEUM. La monoposto stradale è stata uno dei 18 oggetti di design insigniti questanno del riconoscimento dellAssociazione per il Disegno Industriale. Durante una cerimonia tenutasi allAdi Design Museum, il Compasso dOro è stato consegnato di Milano a Flavio Manzoni, Chief Design Officer della Casa di Maranello, e a Jane Reeve, Chief Communication Officer della Ferrari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/09/18/FERRARI_MONZA_SP1_SP2_FOTO_MOTORE_PRESTAZIONI_VIDEO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2016/06/15/COMPASSO_D_ORO_2016_PREMIATA_LA_FERRARI_FXX_K.HTML 2020-09-09 14:08:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/genesis_g70_caratteristiche_interni_anticipazioni_uscita/gallery/rbig/2020-genesis-g70-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32260 Genesis G70 - Presentato il restyling della berlina http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32260&tipo=fv La GENESIS [1] ha presentato online il restyling della G70 [2]. La berlina aveva debuttato nel 2017 per allargare il bacino di clienti del marchio premium del gruppo Hyundai e acquisisce ora il nuovo linguaggio formale già introdotto sulle nuove G80 [3], GV80 [4] e G90 [5]. Per loccasione, inoltre, la vettura porta in dote anche alcune novità relative alla connettività. Non sono state, per il momento, annunciate le motorizzazioni disponibili: la G70 dovrebbe comunque essere commercializzata negli Stati Uniti nel corso del prossimo anno come Model Year 2022. AGGRESSIVA CON I QUAD LAMPS. La Genesis ha voluto sottolineare ulteriormente lanima sportiva della G70, accentuando, per esempio, le prese daria frontali; i gruppi ottici, invece, sono quelli sdoppiati denominati Quad Lamps, che rendono inconfondibili le vetture del brand. La mascherina è stata ulteriormente allargata verso il basso, mentre sul parafango anteriore sono ora previsti degli sfoghi daria. Al posteriore, gli scarichi ovali e il diffusore costituiscono unulteriore prova dello spirito dinamico del modello, dove possiamo trovare nuovamente dei fari a Led sdoppiati. CRESCE IL DISPLAY. Gli interni mantengono limpostazione precedente e vengono arricchiti dal nuovo infotainment, caratterizzato da uno schermo da 10,25 pollici dotato di aggiornamenti over-the-air, con grafica aggiornata e funzionalità connesse aggiuntive. Nella console centrale è stata invece spostata la piattaforma di ricarica wireless. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENESIS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENESIS-G70 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/30/GENESIS_G80_2020_IMMAGINI_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/15/GENESIS_GV80_DEBUTTO_SUV_SEOUL.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENESIS-G90 2020-09-09 11:48:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/09/auto_elettriche_oggi_e_il_world_ev_day_/gallery/rbig/2020-world-ev-day-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32261 Auto elettriche - Oggi è il World Ev Day http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32261&tipo=fv Oggi, 9 settembre, è il World EV Day, la giornata mondiale della MOBILITà ELETTRICA [1], che intende celebrare e sostenere la transizione verso la sostenibilità. la prima edizione di questo evento, che prevede campagne di comunicazione e dinformazione per i consumatori, effettuate con le modalità che la pandemia del CORONAVIRUS [2] impone. Promossa da ABB [3], azienda leader nei campi dellelettrificazione, della robotica e dellautomazione, e da Green.TV (una piattaforma multicanale che opera in collaborazione con lUnited Nations Environment Programme per divulgare news e storie sulle tecnologie ecosostenibili), la giornata vede tra i numerosi partner anche Case automobilistiche come DS, Hyundai, Mahindra, Polestar, Tata e le cinesi Byd e Nio, oltre a grandi società del settore del noleggio di veicoli come ALD Automotive e LeasePlan e di quello dei servizi come Ionity. La collaborazione con Green.TV prevede lorganizzazione di seminari online (con registrazione gratuita allindirizzo worldevday.org/about) sui temi dellelettrificazione e dei trasporti sostenibili, affrontati anche dal punto di vista del marketing e dei potenziali investitori. Informazione, promozione dellutilizzo dei veicoli a trazione elettrica e consapevolezza dei vantaggi che possono recare alla collettività, sono dunque lobbiettivo di questa giornata di sensibilizzazione: ai consumatori viene anche chiesto di sottoscrivere online un impegno a guidare, ora o nel prossimo futuro, mezzi di trasporto a batterie (con lo slogan io guido elettrico). CHE COSA ACCADE. In concreto, oltre che con i seminari online, la campagna si concretizza in iniziative social che cercano di coinvolgere proprietari e sostenitori dei veicoli elettrici, chiamati a inondare Twitter e Instagram di foto del loro modo di andare elettrico (con auto, ma anche bici, monopattini, sistemi di ricarica), spiegando perché lo fanno, con gli hashtag #WorldEvDay, #myevpledge e #seeingisbelieving (vedere per credere). Ma sono previste anche iniziative come la possibilità di effettuare test drive di auto a batterie a Canberra, in Australia, o di ricaricare la propria gratuitamente per questo giorno alle colonnine di Ubricity nel Regno Unito. UN NUOVO STABILIMENTO. ABB, principale promotore del World Ev Day, ha invece da poco avviato, con la simbolica posa della prima pietra, i lavori per la costruzione di un nuovo stabilimento in Italia, e precisamente a San Giovanni in Valdarno (Arezzo), dove verranno prodotte infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici. Limpianto, dellestensione di 16 mila metri quadrati, comporta linvestimento di 30 milioni di dollari e si prevede diventi operativo entro la fine del 2021 per la fabbricazione dellintera gamma di sistemi di ricarica in corrente continua dellazienda, a partire da quelli per uso domestico fino alle colonnine destinate alle aree pubbliche e a quelle progettate per il trasporto pubblico urbano. Unarea di 3.200 metri quadrati dellimpianto, che si aggiunge a quello già esistente a Terranuova Bracciolini (AR), sarà dedicata allo sviluppo dei progetti e alla realizzazione di prototipi; la struttura è stata concepita con criteri di ecocompatibilità e con lintegrazione di fonti di energia rinnovabile, a partire dallinstallazione di pannelli solari sul tetto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MOBILITA-ELETTRICA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/24/ABB_ITALIA_ANNUNCIATO_NUOVO_STABILIMENTO_PRODUZIONE_SISTEMI_RICARICA_VEICOLI_ELETTRICI.HTML 2020-09-09 11:48:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/09/nissan_leaf_l_elettrica_raggiunge_le_500_mila_unita_prodotte_al_mondo/gallery/rbig/2020-nissan-leaf-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32259 Nissan Leaf - Lelettrica raggiunge le 500 mila unità prodotte al mondo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32259&tipo=fv La NISSAN LEAF [1] ha raggiunto quota 500 mila unità prodotte su scala globale a quasi 10 anni dal lancio del modello. La berlina elettrica del traguardo, prodotta nello stabilimento di Sunderland, in Regno Unito, è stata consegnata a una cliente norvegese in occasione del World EV Day, levento giornaliero, in programma il 9 settembre 2020, dedicato alla mobilità a zero emissioni. IL RUOLO DELLA FABBRICA. Il sito inglese della Nissan ha svolto un ruolo fondamentale in questi anni, arrivando ad assemblare oltre 175 mila Leaf dal 2013 con circa 5.700 esemplari venduti in Italia. Fra le tecnologie di cui è dotata, lelettrica propone la funzione E-PEDAL [2], che consente al guidatore di usare il solo acceleratore sfruttando lefficacia della frenata rigenerativa, e il sistema di assistenza alla guida ProPilot. INFRASTRUTTURE DEDICATE. La Nissan Leaf è disponibile in Italia anche nella versione e+ con batteria da 62 kWh e unautonomia dichiarata fino a 385 km nel ciclo Wltp. Il costruttore giapponese sta inoltre ampliando la propria rete dinfrastrutture nel nostro Paese, al fine di garantire percorrenze superiori ai 770 Km attuando una sola ricarica presso una delle 83 colonnine fast charge presenti nelle varie concessionarie italiane della Casa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN/LEAF [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NOVITA/2017/07/20/NUOVA_NISSAN_LEAF_DEBUTTA_IL_NUOVO_E_PEDAL.HTML 2020-09-09 11:19:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/volkswagen_golf_variant_dimensioni_interni_bagagliaio_motori_uscita/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Golf-Variant-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32258 Volkswagen Golf Variant - Più spazio e tecnologia per la station wagon http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32258&tipo=fv Cinque porte, Variant e anche Alltrack. La VOLKSWAGEN [1] ha completato la gamma dellottava generazione della GOLF [2] presentando due nuove versioni con carrozzeria station wagon. Pensate per le famiglie, propongono un grande bagagliaio e dotazioni di sicurezza derivate dalla hatchback: anche la gamma di motori ricalca quella della Golf 8, così come limpostazione stilistica di interni e carrozzeria. Il debutto sul mercato è fissato per il prossimo autunno, con listini che dovrebbero essere lievemente superiori a quelli dellottava serie della media di Wolfsburg, attualmente proposta con prezzi a partire da 26.100 euro. ANCHE IBRIDA E INTEGRALE. Basata sulla piattaforma Mqb, la Golf Variant si proporrà con diverse motorizzazioni turbobenzina, anche mild hybrid, e turbodiesel. Per il momento da Wolfsburg non sono arrivate informazioni precise sui motori che saranno resi disponibili al debutto, ma dentro al cofano della familiare troveranno probabilmente spazio i 1.5 TSI da 131 e 150 CV e i 2.0 TDI da 116 e 150 CV. Ancora da confermare la presenza del tre cilindri 1.0 TSI da 110 CV e della sua versione MILD HYBRID ETSI [3], così come le versioni IBRIDE PLUG-IN EHYBRID E GTE [4]. In gamma saranno presenti versioni con trazione anteriore o integrale 4Motion abbinate a cambi manuali a sei rapporti o allautomatico doppia frizione Dsg a sette rapporti: questultimo sarà proposto di serie su tutte le varianti elettrificate. PIù LUNGA, PIù SPAZIOSA. La Golf Variant è cresciuta in tutti i sensi. La nuova generazione è più lunga di 66 millimetri rispetto al modello uscente e arriva a misurare 4.633 mm in lunghezza, ben 35 centimetri in più rispetto alla cinque porte. Anche il passo è cresciuto (2.686 mm) per migliorare labitabilità interna: metro alla mano, lo spazio per le gambe dei passeggeri è cresciuto di 48 mm, con la lunghezza interna che raggiunge i 1.798 mm (dal sedile posteriore al cruscotto). Anche il vano bagagli è stato ampliato e ora si hanno a disposizione da sei a 22 litri in più rispetto alla Golf 7 Variant: la volumetria minima è di 611 litri, ma abbattendo gli schienali dei sedili posteriori si può arrivare fino a 1.642 litri. A richiesta, il portellone posteriore può essere dotato di apertura elettrica, azionabile anche tramite un sensore integrato nel paraurti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/VOLKSWAGEN/GOLF.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/03/VOLKSWAGEN_GOLF_A_LISTINO_LE_VERSIONI_ELETTRIFICATE_ETSI_EHYBIRD_E_GTE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/08/21/VOLKSWAGEN_GOLF_EHYBRID_E_GTE_2020_AL_VIA_LE_VENDITE_I_PREZZI.HTML 2020-09-09 10:38:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/09/land_rover_defender_ibrida_plug_in_x_dynamyc_e_novita_my_2021/gallery/rbig/2020-land-rover-defender-90-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32257 Land Rover Defender - La versione ibrida plug-in e tutte le novità del Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32257&tipo=fv La gamma della LAND ROVER DEFENDER [1] si arricchisce con lintroduzione del Model Year 2021 che porta in dote la versione ibrida plug-in, i motori diesel sei cilindri, lallestimento X-Dynamic, le varianti per uso commerciali e la 90 a passo corto: questultima offre fino a sei posti optando per il terzo sedile anteriore centrale. Per il momento non sono ancora disponibili informazioni dettagliate per il mercato italiano. IL 6 CILINDRI DIESEL E LA PLUG-IN HYBRID BENZINA. Seguendo una strategia già introdotta su altri modelli del marchio, la Land Rover propone sulla Defender il sei cilindri 3.0 diesel mild hybrid a 48V della famiglia Ingenium. Questa unità viene declinata nelle versioni D200, D250 e D300 con coppia massima rispettivamente di 500, 570 e 650 Nm e, in alcuni Paesi, sostituisce a listino le precedenti quattro cilindri D200 e D240: le versioni D200 e D250 dichiarano una media di 8,8 l/100 km e 230 g/km. Al top della gamma si posiziona la P400e (solo per i modelli 110 a passo lungo), che unisce il 2.0 benzina al motore elettrico per 404 CV e 640 Nm totali e 74 g/km di CO2, con circa 43 km di autonomia in modalità elettrica. La Defender P400e è capace di toccare i 100 km/h da fermo in 5,6 secondi e raggiunge i 209 km/h, mentre le batterie da 19,2 kWh richiedono circa 30 minuti per ripristinare l80% di carica tramite le colonnine rapide a 50 kW: tempo che sale a circa due ore con le colonnine da 7 kW e fino a sette ore dalla presa domestica. La plug-in esalta le doti della Defender nella guida in fuoristrada grazie alla coppia molto elevata, ma è anche capace di trainare fino a 3.000 kg e di trasportare sul tetto un carico statico di 300 kg. LA VERSIONE X-DYNAMIC E I NUOVI OPTIONAL. Lallestimento X-Dynamic introduce nuove personalizzazioni interne ed esterne ispirate al mondo delle fuoristrada. Troviamo infatti le piastre anteriori e posteriori con finitura Silicon Satin e le griglie in tinta, i cerchi di lega bicolore, le calotte specchietti e le cornici dei vetri di colore Narvik Black, i sedili rivestiti di tessuto Robustec bicolore con sezioni in pelle e le finiture Light Grey, Ebony Morzine ed Eiger Grey per i dettagli interni. Sulle Defender Model Year 2021, poi, i clienti potranno scegliere anche nuovi optional come le tinte esterne Yulong White, Silicon Silver e Carpathian Grey con tetto verniciato a contrasto, il tetto apribile in tela per i modelli 110 a passo lungo, lhead-up display, limpianto audio Meridian e i fari fendinebbia aggiuntivi. DEBUTTANO LA 90 E I MODELLI HARD TOP PER USO COMMERCIALE. Ai modelli per trasporto persone vengono affiancati quelli denominati Hard Top per uso commerciale, proposti nelle varianti 90 e 110 e solamente con propulsori a gasolio. Con la sola prima fila di sedili disponibile (fino a tre posti) aumentano la capacità di carico (da 1.355 a 2.059 litri in base alla carrozzeria), il peso trasportabile a bordo (da 670 a 800 kg) e la capacità di traino (fino a 3.500 kg). Il vano di carico è stato progettato per ospitare ganci, spazi con serratura, illuminazione aggiuntiva e finiture resistenti agli urti. Inoltre sarà possibile scegliere tra le sospensioni tradizionali e quelle pneumatiche (questultime solo per la 110). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/12/05/LAND_ROVER_DEFENDER_OFF_ROAD_E_ASFALTO_ECCO_COME_VA.HTML 2020-09-09 10:38:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/08/20/volkswagen_id4_avviata_la_produzione_della_suv_elettrica/gallery/rbig/2020-Volkswagen-ID4-produzione-Zwickau-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32256 Volkswagen ID.4 - Avviata la produzione della Suv elettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32256&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha dato il via alla produzione in serie della sua prima Suv elettrica, la ID.4 [2]. Sorella maggiore della ID.3 [3], anche la sport utility è basata sulla piattaforma Meb e viene assemblata a Zwickau, sulle stesse linee della cinque porte. Proprio la fabbrica della Sassonia è il fulcro della strategia delettrificazione del GRUPPO VOLKSWAGEN [4]: aggiornata con un investimento di 1,2 miliardi di euro, è destinata a ospitare le linee produttive dei principali modelli a batteria del colosso tedesco. OLTRE 500 KM DAUTONOMIA. Durante la cerimonia di inizio produzione, la Casa ha svelato qualche informazione aggiuntiva sulla ID.4, mostrando anche alcuni dettagli dellauto. La Suv elettrica avrà unautonomia Wltp superiore ai 500 km garantita da una batteria ad alto voltaggio montata sul fondo della vettura: il posizionamento degli accumulatori contribuirà anche ad abbassare il centro di gravità della sport utility, migliorandone la dinamica di guida. Il particolare design del frontale ha permesso di raggiungere un Cx di 0,28 nonostante le dimensioni superiori a quelle della ID.3. Inizialmente la ID.4 sarà lanciata con la sola trazione posteriore, ma successivamente arriverà anche una variante a quattro ruote motrici con un motore per asse. Gli interni saranno caratterizzati da un design minimalista: la digitalizzazione permetterà di gestire le varie funzioni utilizzando superfici touch o comandi vocali. SARà COSTRUITA ANCHE IN CINA E NEGLI USA. A condurre fuori dalle linee produttive il primo esemplare della ID.4 è stato Ralf Brandstätter, ceo del marchio di Wolfsburg: il modello, con carrozzeria gialla, verrà utilizzato per la presentazione al pubblico. La data della première non è stata ancora ufficializzata, ma dovrebbe essere questione di giorni o al massimo di settimane. La ID.4, come ha sottolineato Thomas Ulbrich, membro del board responsabile della mobilità elettrica, sarà un modello globale: oltre alla fabbrica di Zwickau, nei mesi successivi al lancio si occuperanno della sua produzione anche due differenti impianti in Cina e, dal 2022, quello di Chattanooga negli Stati Uniti. Per Zwickau il 2021 sarà il primo anno di produzione 100% elettrica e secondo le stime del costruttore limpianto sassone sfornerà almeno 300 mila veicoli a batteria basati sulla piattaforma Meb. Il gruppo Volkswagen ha pianificato 33 miliardi di euro di investimenti per la mobilità elettrica entro il 2024, 11 dei quali per il solo marchio Volkswagen che, secondo le previsioni, arriverà a produrre 1,5 milioni di veicoli a zero emissioni entro il 2025. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLKSWAGEN-ID4 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/05/27/VOLKSWAGEN_ID3_PREZZO_INTERNI_AUTONOMIA_DIMENSIONI_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN 2020-09-09 09:44:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/08/uber_entro_il_2040_la_flotta_sara_esclusivamente_elettrica/gallery/rbig/2019-Uber-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32255 Uber - Entro il 2040 la flotta sarà esclusivamente elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32255&tipo=fv UBER [1] ha intenzione di rendere la sua intera flotta completamente elettrica entro il 2040, nel quadro di un rinnovato impegno verso la totale decarbonizzazione della sua piattaforma. Per raggiungere lobiettivo, anticipato al 2030 per Usa, Canada ed Europa, la società statunitense ha annunciato una serie di iniziative, a partire dalla decisione di stanziare 800 milioni di dollari fino al 2025 per aiutare i suoi conducenti ad abbandonare auto ad alimentazione tradizionale per acquistare un veicolo a emissioni zero. SCONTI E AGEVOLAZIONI. Il contributo, disponibile per i driver di Stati Uniti, Canada ed Europa, sarà erogato sotto varie forme, come sconti per lacquisto di auto acquisite o noleggiate da Case automobilistiche già partner della stessa Uber. Inoltre, sono previste agevolazioni per la ricarica dei veicoli e supplementi di tariffe per lutilizzo di elettriche o ibride, che saranno solo parzialmente compensati da una commissione aggiuntiva (pari a 1 dollaro negli Usa o in Canada) addebitata ai clienti intenzionati a prenotare un viaggio verde. La tariffa Uber Green sarà tra laltro disponibile entro la fine dellanno in più di 65 città in tutto il mondo. NUOVE ALLEANZE. Liniziativa a favore dei conducenti si affianca allavvio di nuove partnership con la General Motors per gli Stati Uniti e il Canada e lAlleanza Renault-Nissan per il Regno Unito, la Francia, lOlanda e il Portogallo. Per esempio, con il sodalizio franco-nipponico è stata firmata una lettera dintenti per consentire a Uber di elettrificare la sua intera offerta di mobilità in Europa. Entro il 2025, il 50% dei chilometri percorsi tramite la piattaforma della società californiana in sette capitali europee (Amsterdam, Berlino, Bruxelles, Lisbona, Londra, Madrid e Parigi) dovrà essere effettuato a bordo di veicoli 100% elettrici. In tal modo, entro la fine del 2021, gli utenti saranno in grado di circolare a zero emissioni in città che rappresentano l80% delle attività europee di Uber. Le tre aziende lavoreranno per realizzare soluzioni in grado di accelerare ladozione dei veicoli a batteria e per lo sviluppo di un ecosistema elettrico nelle città europee. In tal senso intendono, tra laltro, offrire ai driver di Uber un accesso ai veicoli 100% elettrici della Renault e della Nissan, a partire dalla Zoe e della Leaf per arrivare ai futuri modelli. Uber sta comunque discutendo ulteriori partnership con altre Case automobilistiche. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/UBER 2020-09-08 19:22:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/08/mercedes_benz_classe_g_project_gelandewagen_virgil_abloh/gallery/rbig/2020-Mercedes-Benz-Classe-G-Project-Gelandewagen-Virgil-Abloh-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32254 Mercedes-Benz Classe G - Project Geländewagen: la fuoristrada che vuole correre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32254&tipo=fv La MERCEDES-BENZ [1] svela la Project Geländewagen, il primo risultato di una collaborazione tra il marchio tedesco e Virgil Abloh, direttore artistico di Louis Vuitton e fondatore di Off-White. Questa concept, alla cui realizzazione ha collaborato anche Gorden Wagener, capo del design della Stella, è basata sulla nuova generazione della AMG G 63 [2]. Il 14 settembre una replica a grandezza naturale del prototipo andrà allasta come parte della collezione Sothebys Contemporary Curated e tutti i proventi andranno a un ente di beneficenza che sostiene le comunità creative internazionali. TRASFORMATA IN UNAUTO DA CORSA. La concept punta a fondere i mondi della moda, dellarte e dellautomotive attraverso un design che si ispira al mondo delle corse, ma non dimentica mai le origini fuoristradistiche della vettura. Lobiettivo dei due designer è di far percepire allo spettatore le forme dellauto in un modo nuovo, allontanando il lusso da unestetica raffinata e impeccabile, spostandosi verso qualcosa di più crudo e naturale. ESTERNI IMPERFETTI. Le linee pulite della carrozzeria enfatizzano la silhouette iconica della Classe G, mettendo in evidenza le sue forme monolitiche. Il design finale mette a nudo i metodi di costruzione e celebra le imperfezioni artigianali che la concept un esemplare unico. La vernice è stata parzialmente levigata a mano e le saldature sono usate come motivi di decorativi, andando a sottolineare la centralità dellartigianato. Gli indicatori di direzione, gli specchietti esterni e la barra paraurti sono stati rimossi, mentre la carrozzeria è stata allargata e abbassata per conferirle un aspetto più sportivo. INTERNI MINIMALISTI. Allinterno i designer hanno voluto evitare tutti i cliché tipici di una Suv di lusso, con un abitacolo spartano e dalla chiara ispirazione racing, con una roll cage come elemento centrale. Anche il cruscotto è stato rimosso e sostituito con una versione più minimale che mette in evidenza il tachimetro analogico centrale e gli indicatori del carburante, ispirati a quelli di unauto daltri tempi. Questi elementi contrastano con il volante e i sedili, che invece sono più simili a una moderna vettura di FORMULA 1 [3]. Tutti gli elementi chiave tipici di unauto da corsa, come le cinture di sicurezza a cinque punti, sono evidenziati con colori celeste o rosso brillante e creano un forte contrasto con i pannelli di lamiera spogli verniciati di bianco. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MERCEDES-BENZ.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2020/MERCEDES_AMG_G_63_PREMIUM_PLUS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA-1 2020-09-08 19:22:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/08/mobilita_condivisa_in_italia_e_boom_del_bikesharing/gallery/rbig/2020_Bikesharing.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32253 Mobilità condivisa - In Italia è boom per il bike sharing http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32253&tipo=fv Il post lockdown ha fatto impennare sia lutilizzo del BIKE SHARING [1] sia le flotte disponibili in Italia: lo sottolinea lOSSERVATORIO NAZIONALE SULLA SHARING MOBILITY, promosso dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile con il MINISTERO DELLAMBIENTE e il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, in unanalisi realizzata su 31 delle 39 città italiane capoluogo di provincia che nel 2019 offrivano questo servizio. Il parco complessivo di biciclette in condivisione ha raggiunto i 35 mila mezzi: di questi, il 15% sono elettrici e il 70% appartenenti al servizio di free floating. Anche gli iscritti al servizio sono cresciuti, di ben il 60%. Questi numeri dimostrano che le città italiane stanno rapidamente evolvendosi verso un modello di green city che vede la mobilità condivisa al centro del progetto - ha detto il_ _presidente della Fondazione per lo sviluppo sostenibile EDO RONCHI -; sarà importante nei prossimi mesi e nei prossimi anni estendere questo modello virtuoso di mobilità anche alle città italiane del Centro Sud, che potranno certamente replicare il successo ottenuto dal bike sharing nelle città del Nord. COME VENGONO UTILIZZATE LE BICI IN CONDIVISIONE. Se il bike sharing free floating è caratterizzato da noleggi brevi - sia per durata, meno di cinque minuti nel 50% dei casi, sia per percorrenza, dato che il 73% dei viaggi è inferiore ai 500 metri - il noleggio condiviso station based vede invece periodi di utilizzo della bici più duraturi, il 60% è tra i 6 e 20 minuti, e percorsi più lunghi, tra uno e due km. Nextbike unirà entrambe le proposte nella propria offerta di servizi in arrivo sulle strade italiane, con un mix di biciclette elettriche e muscolari disponibili in stazioni fisiche e a flusso libero. Le bici con un tasso di utilizzo maggiore si trovano a Brescia, attraverso il servizio BiciMia (un utilizzo del 2,3% equivalente a circa 1 ora e 20 al giorno), che è seguito da CicloPi di Pisa e ToBike di Torino. Sempre nel capoluogo piemontese troviamo il servizio free floating con il valore più elevato: Movi di Mobike. Parlando invece di tariffe, si va dai 15 euro di abbonamento annuale a Siena ai 300 del servizio sperimentale di flusso libero di Parma. Il costo di un viaggio di 20 minuti è in media di circa 1,2 euro per quanto riguarda il free floating mentre scende a 0,5 euro per il bike sharing station based. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BIKE_SHARING 2020-09-08 18:55:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/volkswagen_suv_compatta_usa/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Suv-compatta-Usa.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32252 Volkswagen - Primo teaser della Suv compatta per gli Usa - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32252&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] amplierà verso il basso la gamma di Suv destinate agli Stati Uniti. Oltreoceano la Casa di Wolfsburg propone la TIGUAN [2] come modello più compatto, diversamente allEuropa dove al di sotto della sport utility da quattro metri e mezzo sono presenti due differenti modelli, le T-ROC [3] e T-CROSS [4]. Per annunciare larrivo del nuovo modello il costruttore ha diramato alcuni teaser, senza però svelare il nome della vettura. APPUNTAMENTO A OTTOBRE. La filiale americana del marchio tedesco non ha fornito alcuna informazione sulla nuova Suv, limitandosi a specificare che sarà il nuovo modello a ruote alte dingresso gamma e a fornire la data della presentazione, il 13 ottobre. La sport utility sarà caratterizzata da una firma luminosa derivara da quella della ID.3 [5], con due barre a Led che congiungeranno il logo al centro della calandra con i due gruppi ottici anteriori. Non dovrebbe però trattarsi di una vettura elettrica: essendo un modello entry level, il costruttore potrebbe proporre una gamma di motori a benzina di piccola cubatura, alcuni dei quali potrebbero essere elettrificati con sistemi mild hybrid a 48 volt. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/VOLKSWAGEN/TIGUAN.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN/T-ROC [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN/T-CROSS [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML 2020-09-08 18:26:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/08/leasys_14_nuovi_punti_di_ricarica_stazione_torino_porta_susa/gallery/rbig/2020-leasys-fca-torino-porta-susa-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32251 Leasys - Installati 14 punti di ricarica a Torino Porta Susa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32251&tipo=fv LEASYS punta forte sulla mobilità elettrica, con lobiettivo di realizzare entro la fine dellanno 1.200 punti di ricarica al servizio degli oltre 400 Mobility Store sparsi lungo la Penisola tra centri cittadini, aeroporti, scali marittimi e stazioni. Proprio una stazione, quella di Torino Porta Susa, vede attualmente operativi 14 nuovi stalli con colonnine di ricarica. Riservati ai clienti dellazienda di FCA, sono stati realizzati con Metropark, la società che gestisce le aree riservate alla sosta dei principali hub del gruppo Ferrovie dello Stato Italiane (FS). CRESCE LA FLOTTA GREEN. Quello appena inaugurato è solo il primo frutto della collaborazione tra le due aziende, che vedrà implementare la mobilità elettrica in prossimità degli scali ferroviari, peraltro con il supporto tecnologico di Enel X. Proprio il charging partner della FORMULA E [1] installerà tutti i 1.200 punti di ricarica al servizio dei Mobility Store di Leasys, come le colonnine da 22 kW dei 14 stalli appena realizzati a Torino, ai quali i veicoli possono accedere con la semplice lettura della targa, dalle 05.00 alle 24.00. Del resto, lazienda dedicata a leasing e soluzioni di noleggio rinnoverà la sua flotta puntando al 60% di veicoli elettrici e ibridi entro il 2021. Tra questi, non mancheranno la nuova FIAT 500 ELETTRICA [2] e la gamma ibrida 4XE [3] del marchio Jeep. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA-E [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/03/NUOVA_FIAT_500_ELETTRICA_2020_PREZZO_AUTONOMIA_MOTORE_E_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/20/JEEP_COMPASS_RENEGADE_4XE_CONSUMI_AUTONOMIA_INTERNI.HTML 2020-09-08 18:00:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/09/08/skoda_enyaq_coupe_foto_uscita_caratteristiche/gallery/rbig/2020-Skoda-Enyaq-Coupe-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32250 Skoda Enyaq - La Suv elettrica sarà anche Coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32250&tipo=fv La SKODA ENYAQ IV [1], prima elettrica del marchio basata sulla piattaforma Meb del gruppo Volkswagen, ha fatto il suo debutto in società la scorsa settimana e presto potrebbe essere declinata in più varianti, come dimostrano le foto spia odierne. Immagini che immortalano una sessione di messa a punto su strada di un prototipo della Suv a zero emissioni con linee ispirate alle coupé. Sebbene la carrozzeria appaia ancora camuffata nella sua totalità, levoluzione del progetto potrebbe portare presto al modello di serie. Nel frattempo è già possibile avanzare delle considerazioni sulle forme caratteristiche. CODA IN VISTA. Il frontale dovrebbe riprendere fedelmente gli stilemi utilizzati dal modello convenzionale. Lauto vanterebbe quindi una calandra prominente, gruppi ottici dalle dimensioni generose e marcate nervature sul cofano. La caratterizzazione della Coupé, come logico, riguarderebbe invece la rivisitazione del posteriore: linea del tetto spiovente coniugata aun lunotto dalla conformazione specifica. Non è da escludere neppure una personalizzazione per le grafiche e le forme della fanaleria, attualmente ricoperta da pellicole mimetiche. Al contempo, salvo una variazione della versatilità e spaziosità del posteriore, è da escludete una rivoluzione dellimpostazione riservata aglinterni. GAMMA ARTICOLATA. La Enyaq iV Coupé potrà beneficiare delle dotazioni tecnologiche viste sul recente modello. Da questultimo dovrebbe inoltre derivare larticolata offerta di combinazioni di motori, batterie e trazione. Attualmente la versione daccesso è rappresentata dalla Enyaq 50 da 148 CV,con batteria da 55 kWh e unautonomia stimata intorno ai 340 km nel ciclo Wltp. Salendo di livello sincontrano la Enyaq 60 da 180 CV (batteria da 62 kWh e 390 km di autonomia) e la Enyaq 80 da 204 CV (62 kWh e 510 km). Non manca neppure una declinazione dual motor per garantire la trazione integrale: la 80x è accreditata di 265 CV e può arrivare a percorrere 460 km con una carica. La soluzione del doppio propulsore è utilizzata anche sulla vRS, top di gamma in grado di erogare una potenza complessiva di 306 CV. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/01/SKODA_ENYAQ_ELETTRICA_AUTONOMIA_USCITA.HTML 2020-09-08 17:30:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/audi_q2_apertura_ordini_restyling/gallery/rbig/2020-audi-q2-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32249 Audi Q2 - In Italia con prezzi a partire da 29.700 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32249&tipo=fv LAUDI [1] ha aperto le prenotazioni in Italia per il RESTYLING DELLA Q2 [2]. La crossover sarà disponibile nel nostro Paese a partire da 29.700 euro e le prime consegne sono previste nel mese di novembre. Per il momento, la gamma è limitata alla motorizzazione 35 TFSI, con il 1.5 turbobenzina da 150 CV disponibile con cambio manuale o automatico S tronic e omologato Wltp 3.0. LE VERSIONI DELLA NUOVA Q2. La gamma prevede gli allestimenti base, Business, Business Plus, Admired, Admired Advanced, S line edition e Identity Black. Di serie, fin dalla variante entry level, troviamo i cerchi di lega da 16", linfotainment Mmi plus con i servizi Audi Connect e Music Interface, i gruppi ottici a Led, il bracciolo anteriore, i sensori di parcheggio posteriori, il volante di pelle, i retrovisori elettrici riscaldabili, e lAudi Pre Sense Front. La Business aggiunge il Virtual Cockpit, linfotainment Mmi Touch con il sistema di navigazione, lo schermo da 8,3 pollici e il pacchetto Audi Connect con abbonamento di tre anni, il Cruise Control e il climatizzatore bizona. La Business Plus prevede invece i gruppi ottici Matrix Led e, oltre al pacchetto Comfort Plus, un altro completo di Adas. La Admired propone i cerchi da 18", la ricarica wireless per lo smartphone, i fari posteriori a Led e la chiave confort, mentre la Admired Advanced può contare anche su un pacchetto estetico specifico. LOPZIONE EDITION ONE. La S line Edition, oltre agli accessori dellallestimento Admired Advanced, offre anche lassetto sportivo e lestetica S line. La Identity Black, infine, propone le finiture esterne nero lucido, i cerchi da 19" e i cristalli oscurati. Per la sola S Line Edition è previsto anche il pacchetto opzionale Edition One da 7.850 euro, che include i gruppi ottici Matrix Led, i cerchi di lega Audi Sport, i sedili sportivi di pelle, le finiture interne di alluminio, il padiglione interno nero, la pedaliera dacciaio, i battitacco illuminati, lo spoiler posteriore in tinta, le grafiche sulla carrozzeria, i blade laterali nero lucido e le finiture esterne grigio Manhattan. La Edition One sarà proposta solo nelle tinte esterne Verde Mela e Grigio Zinco. LISTINO PREZZI AUDI Q2: Audi Q2 35 TFSI: 29.700 euro Audi Q2 35 TFSI Business: 31.900 euro Audi Q2 35 TFSI Admired: 31.450 euro Audi Q2 35 TFSI Admired Advanced: 33.200 euro Audi Q2 35 TFSI S line edition: 34.700 euro Audi Q2 35 TFSI Identity Black: 36.050 euro Audi Q2 35 TFSI S tronic: 31.900: euro Audi Q2 35 TFSI Business S tronic: 34.100 euro Audi Q2 35 TFSI Business Plus S tronic: 37.050 euro Audi Q2 35 TFSI Admired S tronic: 33.650 euro Audi Q2 35 TFSI Admired Advanced S tronic: 35.400 euro Audi Q2 35 TFSI S line edition S tronic: 36.900 euro Audi Q2 35 TFSI Identity Black S tronic: 38.250 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/01/AUDI_Q2_RESTYLING_PREZZO_DIMENSIONI_INTERNI_MOTORI_USCITA.HTML 2020-09-08 17:06:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/08/bonus_mobilita_dettagli_scadenze_rimborsi_e_voucher/gallery/rbig/2020-bonus-mobilità-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32248 Bonus mobilità - Le scadenze e altri dettagli per richiedere rimborsi e voucher http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32248&tipo=fv Il BONUS MOBILITà [1] sembra finalmente vedere la luce. I tanti che hanno acquistato di recente, o vorrebbero acquistare, biciclette e mezzi elettrici da ultimo miglio (come monopattini e hoverboard, per fare qualche esempio) potranno richiedere finalmente i rimborsi o i voucher dal prossimo 4 novembre, ovvero dal sessantesimo giorno successivo alla pubblicazione del decreto attuativo, avvenuta il 5 settembre. Il contributo, inoltre, può essere richiesto anche per fruire dei servizi di mobilità condivisa a uso individuale, esclusi quelli mediante autovetture, come specifica lo stesso decreto. I FONDI. Una buona notizia, che sembra finalmente porre fine a una serie di informazioni inesatte andata avanti per tutta lestate. Va detto, però, che le domande potrebbero essere superiori alleffettiva disponibilità dei capitali stanziati, sebbene non esigui: alla data di attivazione del portale per la presentazione delle istanze, accessibile anche tramite il sito minambiente.it, il dicastero presieduto da Sergio Costa conta di avere a disposizione 210 milioni di euro. Di questi, 120 sono stati accantonati dal decreto Rilancio e altri 20 dalla legge di conversione, mentre i rimanenti 70 milioni di euro arriveranno dallo stesso ministero di via Cristoforo Colombo. Basteranno? Il ministro ha più volte dichiarato in pubblico che i soldi ci sono, ma il boom di vendite di bici e monopattini negli ultimi mesi, avvenuto FIN DALLINIZIO DELLA FASE 2 [2], alimenta in tal senso alcuni timori. Ulteriori fondi, comunque, potranno essere stanziati nella legge di bilancio 2021, che verrà discussa dai due rami del parlamento proprio nelle settimane in cui verranno inoltrate le domande. I RIMBORSI. Ricordiamo che chi ha già acquistato una bicicletta o un mezzo elettrico da ultimo miglio potrà inoltrare richiesta per ottenere un rimborso pari al 60% del prezzo dacquisto, fino a un massimo di 500 euro. Alla domanda sarà necessario allegare la fattura intestata al richiedente o la ricevuta fiscale integrata, cioè LO SCONTRINO PARLANTE [3]. In occasione della stessa istanza, linteressato dovrà indicare lIban del conto corrente, intestato allo stesso beneficiario. La somma verrà accreditata secondo la data dacquisto del bene, per evitare che il prossimo 4 novembre si assista allennesimo click day. Va detto, poi, che le domande andranno presentate entro il sessantesimo giorno dallattivazione del portale, quindi entro il 3 gennaio 2021, ma i richiedenti dovranno comunque registrarsi sul portale entro il 31 dicembre 2020, come specificato nel decreto attuativo. I VOUCHER. A partire dallo stesso 4 novembre, inoltre, i cittadini interessati potranno richiedere i voucher per usufruire di una riduzione del 60% del prezzo dacquisto, fino a un vantaggio massimo di 500 euro, dei mezzi di cui si discute o dei costi di fruizione dei servizi di mobilità condivisa. Il buono, che sarà reso disponibile nellarea personale del richiedente secondo lordine temporale delle domande, andrà presentato entro 30 giorni dalla sua emissione ai commercianti e fornitori di mezzi in condivisione che si saranno accreditati secondo le modalità previste dallart. 7 del decreto attuativo. LE CREDENZIALI E I BENEFICIARI. In ogni caso, laccesso al portale per ottenere il rimborso o i voucher va effettuato mediante SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), un particolare meccanismo di identificazione di cui dovrà munirsi il richiedente e di cui ABBIAMO GIà AVUTO MODO DI PARLARE NEL DETTAGLIO [4]. Ciascun interessato può presentare una sola richiesta, ma non tutti i cittadini possono inoltrare domanda: il Bonus mobilità, come ribadisce il decreto attuativo, è destinato solo ai maggiorenni che risiedono nei capoluoghi di regione o, comunque, in quelli di provincia, nelle città metropolitane o nei comuni con più di 50 mila abitanti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/02/BONUS_MOBILITA_SLITTA_A_NOVEMBRE_L_APERTURA_DEL_PORTALE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/06/09/BICICLETTE_VENDITE_MAGGIO_2020.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/06/23/BONUS_MOBILITA_BASTA_LO_SCONTRINO_PARLANTE_PER_OTTENERLO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/06/08/BONUS_MOBILITA_COME_OTTENERE_LO_SPID.HTML 2020-09-08 16:11:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/hyundai_tucson_superati_i_test_e_i_controlli_di_qualita/gallery/rbig/2020-hyundai-tucson-test-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32247 Hyundai Tucson - La nuova generazione ha concluso i collaudi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32247&tipo=fv La nuova generazione della HYUNDAI TUCSON [1] ha superato gli ultimi test e i controlli di qualità effettuati in Europa dopo un periodo di sviluppo tra i centri Hyundai, le strade e i terreni di tutto il mondo. lultima fase in vista del debutto globale della rinovata Suv coreana, che si terrà il 15 settembre in diretta streaming. IN EUROPA, PER LEUROPA. La Tucson, che verrà prodotta nello stabilimento Hyundai Motor Manufacturing Czech in Repubblica Ceca, negli ultimi mesi è stata sviluppata e collaudata nel Vecchio Continente con test dinamici, prove di durata e di accelerazione al Nürburgring Nordschleife e tramite rigorose verifiche sulle strade pubbliche. Queste ultime si sono svolte in varie condizioni climatiche, partendo dallintenso freddo degli inverni svedesi fino alle alte temperature del Sud della Spagna, passando per le prove di capacità di traino sulle Alpi austriache, durante le quali, sulla montagna di Grossglockner, gli ingegneri Hyundai hanno guidato la Suv con un rimorchio, affrontando un percorso impegnativo per testare il comportamento del veicolo in salita, in discesa e in curva. LE FATICHE DELLA TUCSON. Il NUOVO MODELLO [2] è stato messo sotto stress in differenti scenari anche in Repubblica Ceca, in un centro prove dedicato. Per esempio, gli ingegneri della Hyundai hanno verificato la solidità dellintera struttura della vettura guidando su fondi impervi con solo le due ruote opposte in appoggio e aprendo le portiere, il portellone posteriore e il tetto panoramico, per poi richiudere tutto senza problemi, confermando la rigidità complessiva della Suv. Per valutare il rumore e le vibrazioni del veicolo, invece, i tecnici hanno lavorato su apposite superfici NVH (Noise Vibration Harshness), che hanno consentito di individuare e di eliminare alcuni rumori anomali emessi in determinate condizioni. La nuova Tucson è stata testata anche in acqua, così da verificare la corretta tenuta di alcune componenti, come la copertura sottoscocca e i parafanghi, anche a velocità elevate, e di constatare la capacità dellauto di percorrere guadi profondi dai 20 ai 30 centimetri. Inoltre, per sperimentare la resistenza del freno a mano, dellAutohold Assistant e del Downhill Brake Control, esemplari di pre-produzione della Tucson hanno attraversato colline ripide con pendenze tra il 30% e il 45%, che in salita, nelle ripartenze, si sono rivelate un valido banco di prova anche per la frizione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/HYUNDAI/TUCSON.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/03/HYUNDAI_TUCSON_2021_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_CARATTERISTICHE.HTML 2020-09-08 15:41:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/08/auto_elettriche_alibaba_aumenta_la_presa_sulla_xpeng/gallery/rbig/2020-Xpeng-P7-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32246 Auto elettriche - Alibaba aumenta la presa sulla Xpeng http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32246&tipo=fv ALIBABA [1] stringe la presa sulla Xpeng, startup cinese da poco sbarcata sul listino di Wall Street e annoverata nel lungo elenco dei produttori di auto elettriche dirette concorrenti della Tesla. Il colosso delle-commerce cinese ha, in particolare, aumentato la sua partecipazione nel produttore di auto elettriche di Guangzhou fino al 19% del capitale. UN SOSTEGNO QUALIFICATO. Alibaba ha più volte sostenuto il progetto della Xpeng negli ultimi anni partecipando a diversi round di finanziamento, che lhanno portata al 14% del capitale prima dellofferta pubblica iniziale completata dalla startup alla fine di agosto. Il colosso cinese era sceso al 3,2% subito dopo lo sbarco a Wall Street, che ha consentito alla Xpeng di raccogliere 1,5 miliardi di dollari, molto più degli 1,1 miliardi di proventi auspicati dai vertici aziendali. La Xpeng è stata fondata sei anni fa da alcuni manager della Gac, costruttore cinese parner di diverse realtà automobilistiche internazionali come Toyota o Fiat Chrysler, e sin da subito ha ricevuto il sostegno di grandi imprenditori o importanti aziende cinesi, ta cui il fondatore della società dei telefonini Xiaomi, Lei Jun, la multinazionale dellelettronica di consumo Foxconn e, per lappunto, Alibaba. Ai vari round di finanziamento hanno partecipato anche importanti realtà finanziarie come la Qatar Investment Authority. LESEMPIO DI AMAZON. Lo sbarco a Wall Street ha quindi consentito alla Xpeng di approfittare del crescente interesse degli investitori per il mondo dellauto elettrica, come dimostrato dal rally di borsa del titolo Tesla, capace di guadagnare negli ultimi mesi anche più del 500% e di superare i 2 mila dollari di valore unitario. Del resto la Xpeng è solo lultima società del segmento delle auto elettriche o attive nello sviluppo delle tecnologie per la guida autonoma a finire nel mirino dei colossi delle-commerce. Emblematico il percorso intrapreso da Amazon: la multinazionale fondata da Jeff Bezos ha partecipato a due operazioni di FINANZIAMENTO DELLA RIVIAN [2] e acquisito una partecipazione nella STARTUP AURORA [3] e il controllo DELLA ZOOX [4]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALIBABA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/24/RIVIAN_RACCOLTI_NUOVI_FONDI_PER_1_3_MILIARDI_DI_DOLLARI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/02/08/GUIDA_AUTONOMA_AMAZON_INVESTE_NELLA_START_UP_AURORA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/27/GUIDA_AUTONOMA_AMAZON_PRONTA_AD_ACQUISTARE_LA_STARTUP_ZOOX.HTML 2020-09-08 15:14:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/08/nikola_il_pick_up_badger_sara_prodotto_dalla_general_motors/gallery/rbig/2020-Nikola-Badger-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32245 Nikola Badger - Il pick-up elettrico sarà prodotto dalla General Motors http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32245&tipo=fv Nuova alleanza strategica per la GENERAL MOTORS [1]. A pochi giorni dallaccordo di COLLABORAZIONE CON LA HONDA [2], il gruppo di Detroit ha annunciato una nuova intesa. Questa volta, però, non riguarda un altro grande nome del mondo delle quattro ruote, ma una startup: si tratta della Nikola, da poco SBARCATA A WALL STREET [3] e da tempo sotto i riflettori per i suoi progetti nel campo delle fuel cell (le celle a combustibile di idrogeno). LA COLLABORAZIONE. Laccordo con Nikola riguarda, innanzitutto, il BADGER [4], il pick-up elettrico svelato lo scorso febbraio e destinato a fare il suo debutto in pubblico al Nikola World 2020, evento in programma dal 3 al 5 dicembre in Arizona. La sua produzione, che dovrebbe iniziare alla fine del 2022 in una località ancora da individuare, e la sua ingegnerizzazione saranno completamente affidate alla General Motors, mentre la Nikola sarà responsabile delle vendite e del marketing e manterrà il marchio. La collaborazione riguarderà anche altri progetti della startup, tra cui i camion Nikola Tre (in Europa prodotto dalla Iveco a Ulm sulla base di unintesa che ha portato lazienda italiana a diventare anche azionista della società statunitense), Nikola One e Nikola Two e la fuoristrada NZT. Grazie al nuovo accordo, la startup potrà sfruttare innanzitutto due soluzioni sviluppate dalla General Motors: linnovativo sistema di batterie Ultium e la tecnologia delle celle a combustibile Hydrotec. IL CORRISPETTIVO. La Nikola emetterà a favore del gruppo di Detroit azioni per un valore di 2 miliardi di dollari come corrispettivo per laccesso ai servizi, ai prodotti e alle componenti di proprietà della GM, che in tal mondo acquisirà l11% del capitale della startup e il diritto di nominare un membro del consiglio di amministrazione. "La Nikola è una delle aziende più innovative al mondo, mentre la General Motors è una delle principali società di ingegneria e produzione a livello globale. Non si potrebbe sognare una partnership migliore di questa", ha commentato Trevor Milton, fondatore e presidente esecutivo della startup. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL-MOTORS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/03/GENERAL_MOTORS_IN_VISTA_UN_ALLEANZA_STRATEGICA_CON_LA_HONDA_PER_IL_NORD_AMERICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/03/03/NIKOLA_AL_VIA_IL_PROCESSO_DI_QUOTAZIONE_A_WALL_STREET.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/11/NIKOLA_PRESENTATO_IL_PROGETTO_DI_UN_PICK_UP_ELETTRICO.HTML 2020-09-08 14:34:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/08/motorsport_hamilton_lancia_il_suo_team_di_extreme_e/gallery/rbig/2020-lewis-hamilton-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32243 Motorsport - Hamilton lancia il suo team di Extreme E http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32243&tipo=fv LEWIS HAMILTON [1] ha annunciato oggi la CREAZIONE DEL SUO NUOVO TEAM che prenderà parte alla EXTREME E, la categoria off-road 100% elettrica che partirà allinizio del prossimo anno. Il sei volte iridato di Formula 1 ha battezzato il team X44, facendo riferimento al numero di gara che lo accompagna nel Mondiale a ruote scoperte. SARà UN AMBASCIATORE. Hamilton non avrà attualmente un ruolo operativo nel team, poiché impegnato in Formula 1 con la Mercedes. Ma oltre laspetto puramente economico, Lewis metterà a disposizione anche la sua grande esperienza nel motorsport per dar vita a un team competitivo fin da subito. La Extreme E correrà nei luoghi che sono stati già danneggiati o gravemente minacciati dagli effetti del cambiamento climatico, al fine di sensibilizzare lopinione pubblica sullimportanza dellargomento e combattere lo scioglimento delle calotte polari, la deforestazione, la desertificazione e linnalzamento del livello dei mari. Hamilton, fondatore del team X44, ha dichiarato: "Extreme E è una nuova entusiasmante iniziativa per la sostenibilità e questa è una grande opportunità di essere coinvolti fin dallinizio. Ovviamente, le mie ambizioni e impegni in Formula 1 con la Mercedes mi impediranno di essere operativamente in X44, ma sono entusiasta di svolgere un ruolo diverso in questa serie. NON SI CORRE SOLO PER VINCERE. Oltre allaspetto competitivo, la Extreme E ha dato vita a un comitato scientifico indipendente composto dai principali esperti di clima delle università di Oxford e Cambridge con lobiettivo di far diventare lindustria sportiva un modello positivo per il pianeta. A tal proposito, Hamilton ha aggiunto: La Extreme E mi ha attratto per la sua attenzione allambiente. Ognuno di noi ha il potere di fare la differenza e significa così tanto per me, che posso usare il mio amore per le corse e il mio amore per il pianeta per avere un impatto positivo. Non solo visiteremo località che affrontano in prima linea la crisi climatica, ma lavoreremo a stretto contatto con queste e con i maggiori esperti di clima per lasciare qualcosa di positivo". Larrivo nella serie di un nome importante come Hamilton è stato accolto da Alejandro Agag, fondatore e ceo della Extreme E, che ha commentato: "Siamo entusiasti di accogliere Lewis Hamilton e il suo team X44. Come noi, Lewis è un grande appassionato di motorsport e condivide la nostra convinzione di poter usare lo sport per dare luce ad argomenti vitali per il nostro mondo, come luguaglianza e il cambiamento climatico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?HAMILTON_LEWIS_523079 2020-09-08 12:44:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/08/salone_di_pechino_al_via_il_26_settembre_ma_senza_i_manager_delle_case/gallery/rbig/2020-salone-di-pechino-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32244 Salone di Pechino - Al via il 26 settembre, ma senza i manager delle Case http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32244&tipo=fv Il SALONE DI PECHINO [1] è stato confermato e aprirà le porte il prossimo 26 settembre. Levento, originariamente previsto nellaprile scorso e posticipato a causa della pandemia globale, dovrà però fare i conti con numerose defezioni causate anche dalle limitazioni imposte ai viaggiatori, con la quarantena obbligatoria in entrata. NON CI SARANNO I DIRIGENTI DELLE CASE STRANIERE. Secondo le informazioni raccolte da Automotive News, i principali Gruppi automobilistici hanno deciso di non inviare i propri dirigenti in Cina: Volkswagen, General Motors, Toyota, Honda, Nissan, Ford, PSA, Volvo, BMW e Mercedes hanno già rinunciato, scoraggiati dalle limitazioni imposte negli spostamenti e dai rischi per il personale, nonostante limportanza che ricopre il mercato asiatico per questi costruttori. Mazda, Polestar e Hyundai hanno confermato invece la loro presenza con il personale al completo, ma è chiaro che a farla da padrone saranno i marchi locali. Ci sono forti dubbi anche sui debutti previsti al Salone, che saranno probabilmente molto limitati rispetto alle passate edizioni. LANNO NERO DEL SALONI. La scelta degli organizzatori del Salone di Pechino va controcorrente rispetto al panorama internazionale e segue quella dellevento di WUHAN DEL MESE SCORSO [2]. I principali eventi del 2020 sono stati infatti posticipati al 2021 o cancellati, e tuttora la situazione rimane incerta, anche a fronte delle numerose rinunce da parte delle Case nellottica di tagliare i costi. Il SALONE DI GINEVRA DELLO SCORSO MARZO [3] è stato il primo a crollare, seguito poi da quelli di Los Angeles, Detroit, New York e PARIGI [4]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/04/03/CORONAVIRUS_IL_SALONE_DELL_AUTO_DI_PECHINO_2020_SI_TERRA_IN_AUTUNNO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/08/17/SALONE_DI_WUHAN_CENTRAL_CHINA_INTERNATIONAL_AUTO_SHOW.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/05/26/SALONE_DI_GINEVRA_ANCHE_L_EDIZIONE_2021_E_A_RISCHIO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/30/SALONE_DI_PARIGI_2020_ANNULLATO.HTML 2020-09-08 12:44:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/09/08/furti_d_auto_nel_mirino_quelle_delle_rent_a_car/gallery/rbig/2020_furti_auto.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32242 Furti dauto - Il rent-a-car nel mirino dei ladri http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32242&tipo=fv Le auto a NOLEGGIO A BREVE TERMINE sono sempre più nel mirino dei ladri: lo dicono gli ultimi dati forniti da Aniasa, lassociazione che allinterno di Confindustria rappresenta il settore dei servizi di mobilità. Nel 2019 sono stati sottratti 1.800 veicoli: cinque al giorno. Il comparto ha dunque registrato un record di FURTI [1] (+11% sullanno precedente), che ha causato un danno per gli operatori di oltre 12,5 milioni di euro (+22%). Le regioni più colpite dal fenomeno, nelle quali si concentra il 90% delle ruberie, sono cinque: Campania, Puglia, Sicilia, Lazio e Lombardia. La buona notizia, se così si può dire, riguarda la percentuale dei veicoli recuperati (890 in tutto, +12,5% sul 2018) grazie ai nuovi apparati tecnologici di cui sono dotate le vetture a noleggio. NEL MIRINO LE AUTO NUOVE. Questi numeri, come sottolinea lANIASA [2], sono in controtendenza rispetto al trend delle auto dei privati: le organizzazioni criminali, infatti, nel tempo si sono focalizzate sui modelli più redditizi e appetibili per il mercato nero dei ricambi e per lesportazione nei Paesi dellEst Europa. Delle auto a noleggio, le più recenti sul mercato, grazie alle dotazioni tecnologiche a bordo, vengono recuperate nel 50% dei casi, contro il 36% delle vetture meno recenti. Questi dati - ha sottolineato il direttore generale di Aniasa, GIUSEPPE BENINCASA - testimoniano il negativo primato europeo e mondiale del nostro Paese nella graduatoria delle nazioni più colpite dalla piaga dei furti dauto. Con un forte focus sulle auto a noleggio e in sharing, che portano a un totale di oltre 6.000 unità le vetture rubate in questi settori, mettendo a rischio la sopravvivenza degli operatori meno strutturati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FURTI_AUTO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ANIASA 2020-09-08 12:19:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/02/06/chrysler_pacifica_restyling_caratteristiche_motori_awd/gallery/rbig/2020-chrysler-pacifica-01.JPG http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32241 Chrysler Pacifica - Con il restyling arriva la trazione integrale http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32241&tipo=fv Il gruppo FCA ha presentato al Salone di Chicago il restyling della PACIFICA [1]. La monovolume italoamericana, offerta anche in versione ibrida, propone diverse novità, sia tecniche sia di design, con larrivo della trazione integrale e il debutto dellinfotainment Uconnect 5. Tra gli allestimenti, quattro in tutto, cè un inedito: il lussuoso Pinnacle. COMè. Parlando di stile, si nota subito il frontale con una griglia diamantata dalleffetto tridimensionale, così come i gruppi ottici anteriori, anchessi ritoccati. La Pacifica cambia sguardo ma il lato B non è da meno: al posteriore, le nuove luci sottolineano la larghezza del mezzo, che tra le personalizzazioni può contare su pacchetti dedicati come lS Appearence e su cerchi fino a 20". PARENTAL CONTROL. Laggiornamento di metà carriera non dimentica gli interni. Sulla plancia spicca il nuovo schermo da 10,1 dedicato allinfotainment di ultima generazione, più ampio del precedente e personalizzabile nellinterfaccia, che include Amazon Alexa e permette di accedere alla Chrysler FamCam, una telecamera con cui i genitori possono controllare i bambini seduti in seconda fila. Il sistema multimediale supporta sia Apple CarPlay sia Android Auto con connessione senza fili e nella dotazione multimediale possono essere incluse, oltre alla ricarica wireless per lo smartphone, fino a 12 porte Usb (di tipo A e C) in base ai pacchetti aggiuntivi selezionati. LA VERSIONE PINNACLE. I nuovi vetri acustici (disponibili su alcuni allestimenti) promettono un migliorato confort di bordo. Il massimo, in questo senso, si raggiunge ora sulla Pacifica Pinnacle, caratterizzata da rivestimenti di pelle Nappa color caramello, supporti lombari per le sedute posteriori, una console centrale da 13 litri di capacità e finiture piano black. La Pinnacle ha anche un vano carico extra a disposizione dei sedili centrali e, da fuori, si distingue per la griglia frontale a effetto carbonio satinato e per le cromature sulla carrozzeria. INTEGRALE ALLOCCORRENZA. Dal punto di vista tecnico, la novità più significativa è certamente la trazione integrale. Il sistema, a controllo elettronico, può inviare tutta la coppia disponibile alle ruote posteriori o a quelle che offrono maggiore trazione); allo stesso modo la trazione integrale non entra in gioco se non è necessario: il funzionamento è automatico. A BENZINA O PLUG-IN. La gamma dei motori non è cambiata. A fianco della classica opzione a benzina, spinta da un V6 Pentastar di 3.6 litri da 286 CV che viene abbinato a una trasmissione ZF a nove rapporti, cè la Pacifica ibrida plug-in, un po meno potente ma capace di viaggiare in modalità elettrica per quasi 50 km. Laggiornamento sul fronte sicurezza porta in dote alla monovolume di FCA una dotazione di serie più ricca, che include, in tutti gli allestimenti, la frenata automatica con riconoscimento del pedone, il cruise control con funzione stop go, lavviso di abbandono e il mantenimento di corsia, gli abbaglianti automatici e i fari a Led. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CHRYSLER-PACIFICA 2020-09-08 11:22:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/porsche_718_introduzione_cambio_automatico_doppia_frizione_pdk/gallery/rbig/2020-porsche-718-pdk-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32240 Porsche 718 - Il Pdk debutta con il Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32240&tipo=fv Con una scelta diversa rispetto al passato, la PORSCHE [1] ha deciso di estendere a tutti gli allestimenti della 718 [2] la disponibilità del cambio doppia frizione Pdk in alternativa a quello manuale. Lautomatico sarà quindi offerto anche sulle CAYMAN E BOXSTER GTS [3] 4.0 da 400 CV e sulle CAYMAN GT4 [4] e SPYDER [5] da 420 CV, fino a oggi disponibili solo con il tradizionale sei marce. Questo aggiornamento fa parte delle novità previste per il Model Year 2021 della 718. MIGLIORA LACCELERAZIONE. Lintroduzione del Pdk consente di migliorare ulteriormente le prestazioni delle vetture a motore centrale con capacità di 4.0 litri. Le Spyder e GT4, infatti, sono in grado di ridurre di cinque decimi il tempo di accelerazione, dichiarando così 3,9 secondi nel passaggio da 0 a 100 km/h, con i 200 km/h che vengono invece toccati in 13,4 secondi (quattro decimi in meno). Le versioni GTS dichiarano a loro volta, rispettivamente, 4,0 e 13,7 secondi, benché risulti completamente diversa limpostazione relativa allassetto e allaerodinamica, con una maggiore propensione alla guida su strada. Le vetture dotate del cambio Pdk offrono di serie il pacchetto Sport Chrono, con quattro modalità di guida e Launch Control e il pulsante Sport Response, studiato per ottenere le massime prestazioni del powertrain per 20 secondi. Le varianti GT4 e Spyder, inoltre, possono contare anche sul comando specifico Pdk Sport, al fine di ottenere una risposta più rapida della trasmissione e sulla taratura specifica del differenziale autobloccante: 30/37%, contro il 22/27% dei modelli con il cambio manuale. NUOVI ACCESSORI E NUOVE TINTE. Il Model Year 2021 della gamma 718 introduce anche nuovi rivestimenti interni di tessuto Race-Tex, che sostituisce lAlcantara ed è ispirato ai materiali dei sedili da competizione. Per le versioni GT4 e Spyder è inoltre disponibile la nuova tinta esterna Python Green, mentre per la sola scoperta sarà possibile utilizzare anche i cerchi da 20" della GT4 con una gommatura meno estrema. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/PORSCHE/_718.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/16/PORSCHE_718_GTS_4_0_CAYMAN_E_BOXSTER_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/18/PORSCHE_718_CAYMAN_GT4_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/18/PORSCHE_718_SPYDER_2019_FOTO_SCHEDA_TECNICA_PRESTAZIONI_PREZZO.HTML 2020-09-08 10:55:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/volkswagen_id_4_la_suv_elettrica_in_azione_in_un_video/gallery/rbig/2020-volkswagen-id4-video-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32239 Volkswagen ID.4 - La Suv elettrica debutterà il 24 settembre - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32239&tipo=fv La VOLKSWAGEN ID.4 [1] è quasi pronta al debutto e le numerose anticipazioni online ne hanno già svelato gran parte dei dettagli. In un nuovo video, la Casa tedesca ha rotto gli indugi mostrando la Suv elettrica su strada durante gli ultimi collaudi, ma soprattutto fissando la data di presentazione della vettura: il debutto via web è programmato per il 24 settembre. TUTTO PRONTO, ESCLUSI I GRUPPI OTTICI ANTERIORI. Lesemplare del filmato è praticamente definitivo, ma presenta ancora delle camuffature sui gruppi ottici anteriori: si tratta della stessa soluzione applicata sullesemplare di colore bianco mostrato nel video in cui Elon Musk ha provato la ID.3 in Germania. Il design della ID.4 evolve quello della sorella minore ID.3, e sappiamo già che GLI INTERNI [2] potranno contare su un display centrale sospeso di grandi dimensioni per gestire le funzioni principali: sulla Skoda Enyaq iV, vettura strettamente imparentata, questa componente misura 13". Sulla tedesca probabilmente troveremo lo stesso monitor, caratterizzato però da una differente finitura. FINO A 510 KM DI AUTONOMIA. Proprio il debutto anticipato della Suv elettrica della Skoda dovrebbe suggerire anche la composizione della gamma della ID.4. Dovremmo quindi trovare batterie con capienza variabile tra 55 e 80 kWh con potenze comprese tra 148 e 306 CV: con questultima variante sarà dotata di trazione integrale con un motore per asse. La Skoda dichiara unautonomia compresa tra 340 e 510 km per il proprio modello, ma Volkswagen non si è ancora pronunciata a riguardo in merito alla ID.4. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/19/VOLKSWAGEN_ID_4_NUOVI_TEASER_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/04/VOLKSWGEN_ID_4_INTERNI_INFOTAINMENT_VOLUME_DEL_BAGAGLIAIO.HTML 2020-09-08 10:21:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/07/gruppo_volkswagen_tesla_diess/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Herbert-Diess-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32238 Volkswagen - Diess: "Nessun accordo in vista con la Tesla" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32238&tipo=fv Il GRUPPO VOLKSWAGEN [1] non ha in programma di stringere legami con la concorrente TESLA [2]. La precisazione è arrivata dallamministratore delegato del costruttore tedesco, HERBERT DIESS [3], che ha così voluto stroncare sul nascere qualsiasi speculazione dopo il RECENTE INCONTRO [4] con il suo omologo ELON MUSK [5]. IL POST SU LINKEDIN. "Giusto per essere chiari: abbiamo solo guidato la ID.3 [6] e abbiamo fatto una chiacchierata - non cè nessun accordo o collaborazione in preparazione", ha scritto Diess in un post sul suo account Linkedin accompagnato da un video dei due dirigenti a bordo dellelettrica del marchio di Wolfsburg. La clip è stata girata la scorsa settimana quando il numero uno del gruppo tedesco ha incontrato Musk e ha concesso allimprenditore di origini sudafricane di guidare la ID.3 sulla pista dellaeroporto di Braunschweig, città tedesca non lontana da Wolfsburg. LA STIMA DI DIESS. Grazie per la visita, Elon! Spero ti piaccia il video. stato fantastico guidare lID.3 con te! Sei stato abbastanza critico per la coppia disponibile a velocità più elevate. Te lho detto, siamo sulla pista di decollo, ma non cè bisogno di decollare: non è unauto sportiva", ha scritto ancora Diess, che in passato ha espresso grandi apprezzamenti per quanto fatto negli anni da Musk e dalla Tesla, in particolare sul fronte dello sviluppo dei software per la gestione delle auto elettriche. Le dichiarazioni del manager tedesco hanno, perfino, rappresentato le basi per alcune speculazioni - smentite seccamente da Wolfsburg - sulla possibilità di unofferta dacquisto della Tesla da parte del gruppo Volkswagen. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HERBERT-DIESS [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2020/09/04/TESLA_VOLKSWAGEN_ELON_MUSK_INCONTRA_HERBERT_DIESS_E_PROVA_LA_ID_3.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ELON-MUSK [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/07/29/VOLKSWAGEN_ID_3_PREZZO_AUTONOMIA_INTERNI_USCITA_PRIMO_CONTATTO.HTML 2020-09-07 21:57:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/07/formula_1_ayrton_senna_segreto_una_miniserie_su_netflix/gallery/rbig/2020-Ayrton-Senna-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32237 Formula 1 - Ayrton Senna segreto, una miniserie su Netflix http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32237&tipo=fv Netflix ha annunciato la produzione di una NUOVA MINI-SERIE DEDICATA AL COMPIANTO AYRTON SENNA da Silva. Un progetto unico nel suo genere, senza precedenti che vedrà la collaborazione della famiglia che aprirà le porte della Villa di San Paolo e i propri album di ricordi personali. AYRTON INEDITO. Da quando Ayrton è morto in quel tragico incidente del 1 maggio 1994, per lui sono state versate fiumi di lacrime, scritti libri, realizzati film. Delle sue gesta in pista conosciamo praticamente tutto. Un pilota feroce e spietato, cresciuto con lossessione della vittoria. Ma di Ayrton uomo, cè ancora tanto da scoprire e la famiglia svelerà dei retroscena che ci racconteranno di un Senna malinconico e timido. Ayrton uomo, amico e amante. USCIRà NEL 2022. Saranno 8 gli episodi della mini-serie che avrà come set principale proprio la villa di famiglia a San Paolo, dove Ayrton è cresciuto nellagio, in quello che è un paese ricco di contrasti. Viviane, la sorella di Ayrton, ha detto che sarà un progetto unico, perché a raccontare i segreti delleroe brasiliano saranno proprio i suoi cari. Per vedere la nuova serie su Ayrton, bisognerà attendere il 2022. 2020-09-07 18:54:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/07/nuova_nissan_micra_renault_francia/gallery/rbig/2020-Nissan-Micra-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32235 Nissan Micra - La Renault svilupperà e costruirà la nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32235&tipo=fv Mentre il futuro del gruppo RENAULT [1] inizia a delinearsi con PIANI INDUSTRIALI [2] e riorganizzazione in QUATTRO BUSINESS UNIT [3], dalla Francia arrivano le prime conferme sui modelli dei prossimi anni. Secondo i nuovi accordi con la NISSAN [4], il marchio della Losanga avrà il compito di sviluppare le vetture più compatte, appartenenti ai segmenti A e B. Tra queste vi sarà anche la sesta serie della MICRA [5] che, contrariamente a quanto anticipato da alcune indiscrezioni, verrà sviluppata e prodotta dalla Casa francese, proprio come lattuale generazione. ADDIO FLINS. Dal 2016, infatti, la piccola giapponese viene assemblata nella storica fabbrica di Flins-sur-Seine, pochi chilometri a nord di Parigi. Con luscita di scena della quarta generazione della Renault Clio (con il passaggio alla piattaforma Cmf-B la quinta serie viene prodotta a Bursa, in Turchia e a Novo Mesto, in Slovenia), lunica vettura della Losanga rimasta nello stabilimento francese è lelettrica Zoe e il futuro della fabbrica di Flins è già scritto: la Régie, infatti, ha annunciato che la produzione di automobili terminerà nel 2024. La Micra di nuova generazione non sarà dunque assemblata in questo stabilimento e non è da escludere che la Renault possa decidere di costruire la cinque porte giapponese sulle stesse linee della Clio. CARTA BIANCA ALLA RENAULT. Ad annunciare i nuovi piani è stato il chief operating officer della Nissan, Ashwani Gupta, che durante unintervista con il quotidiano francese Le Monde ha anche confermato che la Régie avrà carta bianca per la Micra: "Dove verrà prodotta? Quale sarà la strategia industriale? La decisione spetta alla Renault". SUNDERLAND RIMANE. Il numero due di Yokohama ha ribadito che anche i veicoli commerciali leggeri del gruppo saranno sviluppati dai francesi, smentendo le indiscrezioni sulla chiusura della fabbrica inglese di Sunderland: "Considerando la nostra quota di mercato del 2,5%, non potevamo permetterci il lusso di gestire due stabilimenti in Europa, motivo per cui abbiamo deciso di chiudere Barcellona. La fabbrica di Sunderland nel Regno Unito è una storia diversa. lo stabilimento con le migliori prestazioni di tutti i siti Nissan. Ha un posto speciale nella nostra storia". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/RENAULT.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/28/NISSAN_PRESENTATO_IL_NUOVO_PIANO_TAGLI_A_MODELLI_FABBRICHE_E_ORGANICO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/03/GRUPPO_RENAULT_AVVIATA_UNA_RIORGANIZZAZIONE_DELLE_ATTIVITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/NISSAN/MICRA.HTML 2020-09-07 18:30:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/07/gruppo_volkswagen_osterloh_siamo_nelle_condizioni_di_superare_la_tesla/gallery/rbig/2019-Volkswagen-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32236 Auto elettriche - Il gruppo Volkswagen: Siamo nelle condizioni di superare la Tesla entro il 2023 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32236&tipo=fv Il gruppo VOLKSWAGEN [1], per bocca del presidente del consiglio di fabbrica, Bernd Osterloh, lancia il guanto di sfida alla TESLA [2]. Per linfluente sindacalista, nonché membro del consiglio di sorveglianza, il costruttore tedesco è infatti nelle condizioni di superare il concorrente californiano sul fronte sia della produzione delle auto elettriche che dello sviluppo tecnologico, a partire da quei software gestionali che FINORA HANNO GENERATO CRITICITà [3] nei programmi della prima elettrica del brand Volkswagen, la ID.3. I VANTAGGI DELLA MEB. "Se Tesla realizza tre stabilimenti in cui possono essere prodotte dalle 300.000 alle 500.000 auto, allora stiamo parlando di un numero di unità compreso tra 900.000 e 1,5 milioni. Vogliamo ottenere lo stesso risultato nel 2023, probabilmente anche prima", ha affermato Osterloh in unintervista concessa aledizione domenicale del quotidiano Die Welt. Il sindacalista ha posto laccento in particolare su un "enorme vantaggio" per il costruttore tedesco: quella piattaforma modulare MEB sulla base della quale si può realizzare qualsiasi tipologia di veicolo per uno qualunque dei tanti marchi in portafoglio. IL RUOLO DI ARTEMIS. Oltre alla flessibilità della piattaforma, un ulteriore fattore dovrebbe aiutare il gruppo tedesco a raggiungere i livelli tecnologici della Tesla: si tratta della TASK FORCE DI INGEGNERI DENOMINATA ARTEMIS [4] che i vertici di Wolfsburg hanno affidato alle cure dellamministratore delegato dellAudi, Markus Duesmann. Per Osterloh, la nuova organizzazione, dedicata allelettrificazione e alle nuove tecnologie, è un passo decisivo nel percorso di annullamento del gap accumulato con i californiani. La task force rientra in un più ampio piano di investimenti, che prevede spese per 44 miliardi di euro fino al 2023 per lanciare oltre 50 modelli a emissioni zero entro il 2025. NO ALLA SETTIMANA BREVE. Osterloh ha anche escluso la possibilità di una settimana di quattro giorni presso gli stabilimenti Volkswagen per salvaguardare i posti di lavoro messi a rischio dal passaggio alla mobilità elettrica. La riduzione dei giorni lavorativi è stata proposta dal potente sindacato dei metalmeccanici IG Metall, preoccupato dalle ricadute occupazionali delle nuove produzioni: per realizzare unelettrica servono molti meno operai rispetto a quelli al lavoro sulle catene di montaggio tradizionali (si calcola ci voglia solo un terzo de personale). Tuttavia, Osterloh non è dello stesso avviso, anche perché lattuale piano di ristrutturazione del costruttore tedesco include già il taglio di 7 mila lavoratori (per lo più tramite il ricorso ai prepensionamenti) ed è quindi sufficiente a superare sia lattuale crisi sia gli effetti occupazionali della mobilità elettrica. Al momento non stiamo parlando di meno lavoro. Con la Golf abbiamo raggiunto i livelli di produzione dello scorso anno a giugno e luglio e abbiamo introdotto turni straordinari. La settimana di quattro giorni non è per noi un argomento da affrontare, ha affermato Osterloh Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/19/VOLKSWAGEN_ID_3_SOFTWARE_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/29/GRUPPO_VOLKSWAGEN_NASCE_L_UNITA_ARTEMIS_DIRETTA_DA_ALEX_HITZINGER.HTML 2020-09-07 18:30:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/07/toyota_gli_accessori_dedicati_alla_gr_yaris/gallery/rbig/2020-toyota-gr-yaris-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32233 Toyota - Gli accessori dedicati alla GR Yaris http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32233&tipo=fv La TOYOTA [1] ha presentato in Giappone gli accessori dedicati alla nuova GR YARIS [2], variante sportiva turbo 4x4 della compatta giapponese disponibile anche in Italia in serie limitata. La Casa, tuttavia, non ha ancora rilasciato informazioni in merito a una proposta su scala globale. LE MODIFICHE ESTETICHE E AERODINAMICHE. La Toyota ha sviluppato una serie di soluzioni che non modificano la meccanica e le prestazioni, ma consentono di personalizzare ulteriormente la tre porte. Il kit aerodinamico, in particolare, include lo splitter anteriore, il labbro aggiuntivo per lala posteriore, le minigonne e il diffusore e comporta una riduzione di circa 15 mm della luce a terra. Sono previsti anche il terminale di scarico sportivo a quattro uscite, le grafiche adesive per le fiancate, il portatarga di fibra di carbonio, i bulloni e i tappi per le valvole delle ruote personalizzati con il logo GR e delle protezioni per le maniglie delle portiere. Labitacolo può contare invece su due varianti dei tappetini, sul rivestimento aggiuntivo del bagagliaio e sui pannelli interni con effetto carbonio per la plancia. Cè ANCHE LA TELEMETRIA. Gli unici elementi che esulano dalla pura personalizzazione estetica sono la barra duomi anteriore di alluminio e il pacchetto hardware e software dedicato alla telemetria, che consente di registrare i dati relativi alla guida e alle prestazioni dellauto e di analizzare e comparare i risultati sul proprio computer. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/05/TOYOTA_GR_YARIS_INIZIANO_LE_PREVENDITE_IN_GERMANIA_DA_33_200_EURO.HTML 2020-09-07 17:54:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/07/tuc_technology_l_auto_connessa_del_futuro_e_in_mostra_al_museo_dell_automobile_di_torino/gallery/rbig/2020-TUC-technology-41.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32234 Tuc.Technology - Lauto connessa del futuro è in mostra al Museo dellAutomobile di Torino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32234&tipo=fv La Tuc.Technology sarà visibile per la prima volta dal pubblico l11 settembre prossimo al Museo dellAutomobile di Torino. Realizzata sul PIANALE MEB DELLA VOLKSWAGEN [1], questa piattaforma elettrica si propone come una nuova architettura dedicata ai veicoli connessi di domani. La Tuc, società fondata da Ludovico Campana e Sergio Pininfarina, lha sviluppata coinvolgendo partner importanti del settore automotive come, tra gli altri, Bosch e Sabelt. TECNOLOGIA SU MISURA. La scelta di mostrarsi al pubblico e a costruttori automobilistici al Museo dellAutomobile di Torino, in cui si ripercorre levoluzione dellautomobile dando spazio alla creatività e alle innovazioni tecnologiche che hanno caratterizzato il mezzo di trasporto simbolo del Novecento, non è casuale spiega lazienda in una nota -. Tuc.Technology è infatti uninfrastruttura che rivoluziona la costruzione del veicolo del futuro: una tecnologia che permette di unificare tutti i circuiti elettronici, software e decine di cavi destinati ciascuno ad alimentare sedili, plance, navigatore, in una logica plug and play, per creare unauto completamente personalizzabile tramite un connettore universale, come avviene con le app di uno smartphone. Lidea alla base del progetto (CLICCA QUI PER APPROFONDIRE [2]) è infatti quella di riformulare lidea di auto, trasformando il veicolo da strumento di mobilità a spazio da configurare secondo le proprie esigenze. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/01/11/GRUPPO_VOLKSWAGEN_LA_PIATTAFORMA_ELETTRICA_MEB_A_DISPOSIZIONE_DI_SEAT_E_SKODA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/06/25/TUC_TECHNOLOGY_.HTML 2020-09-07 17:54:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/04/ecobonus_gli_incentivi_sulle_auto_91_110_g_km_finiranno_la_prossima_settimana/gallery/rbig/2020-incentivi-auto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32232 Incentivi auto - Ecobonus, i fondi per la fascia 91-110 g/km stanno per finire http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32232&tipo=fv Non accenna a rallentare il ritmo di prenotazione degli INCENTIVI ALLACQUISTO [1] di auto nuove. Sei giorni dopo lapertura della piattaforma, avvenuta la mattina dell1 settembre e grazie alla quale i dealer hanno potuto inserire anche gli acquisti effettuati a partire dal 15 agosto, giorno di entrata in vigore del cosiddetto decreto Agosto, dei 100 milioni stanziati per le auto con emissioni di CO2 comprese tra 91 e 110 g/km restano in cassa appena 22 milioni. Salvo sorprese, dunque, questa tranche di fondi finirà già entro la fine di questa settimana. E, anche ammettendo che il parlamento decida di rifinanziare ulteriormente questa misura (o di dirottare su questa fascia parte delle risorse, sovrabbondanti, destinate a quella 0-60), le nuove risorse arriverebbero solo con la conversione in legge del decreto, attesa nella prima metà di ottobre. NESSUN PROBLEMA SULLE ALTRE FASCE. Per quanto riguarda le altre fasce, dei 150 milioni previsti per le auto con emissioni comprese tra 61 e 90 ne sono stati utilizzati poco più di 31, mentre dei 50 milioni destinati al superbonus sulle auto con emissioni fino a 60 g/km ne sono stati prenotati poco più di sei (ma questa fascia può comunque contare sul rifinanziamento del vecchio ecobonus, per il quale sono ancora disponibili, fino alla fine dellanno, oltre 174 milioni). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML 2020-09-07 17:19:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/04/ecobonus_gli_incentivi_sulle_auto_91_110_g_km_finiranno_la_prossima_settimana/gallery/rbig/2020-incentivi-auto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32231 Incentivi auto - Ecobonus, i fondi per la fascia 91-110 g/km finiranno questa settimana http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32231&tipo=fv Non accenna a rallentare il ritmo di prenotazione degli INCENTIVI ALLACQUISTO [1] di auto nuove. Sei giorni dopo lapertura della piattaforma, avvenuta la mattina dell1 settembre e grazie alla quale i dealer hanno potuto inserire anche gli acquisti effettuati a partire dal 15 agosto, giorno di entrata in vigore del cosiddetto decreto Agosto, dei 100 milioni stanziati per le auto con emissioni di CO2 comprese tra 91 e 110 g/km restano in cassa appena 23 milioni. Salvo sorprese, dunque, questa tranche di fondi finirà già entro la fine di questa settimana. E, anche ammettendo che il parlamento decida di rifinanziare ulteriormente questa misura (o di dirottare su questa fascia parte delle risorse, sovrabbondanti, destinate a quella 0-60), le nuove risorse arriverebbero solo con la conversione in legge del decreto, attesa nella prima metà di ottobre. NESSUN PROBLEMA SULLE ALTRE FASCE. Per quanto riguarda le altre fasce, dei 150 milioni previsti per le auto con emissioni comprese tra 61 e 90 ne sono stati utilizzati poco più di 31, mentre dei 50 milioni destinati al superbonus sulle auto con emissioni fino a 60 g/km ne sono stati prenotati poco più di sei (ma questa fascia può comunque contare sul rifinanziamento del vecchio ecobonus, per il quale sono ancora disponibili, fino alla fine dellanno, oltre 174 milioni). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML 2020-09-07 16:42:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/07/27/jeep_compass_renegade_4xe_motore_prestazioni_primo_contatto_su_strada/gallery/rbig/2020-Jeep-Compass-4xe-0034.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32230 Jeep<br> - Ibride plug-in al debutto: ecco come vanno la Renegade e la Compass 4xe - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32230&tipo=fv Per la prima volta dopo quasi ottantanni, anche la JEEP [1] si attacca alla spina: COMPASS [2] e RENEGADE [3] 4xe sono le prime Suv della casa a conquistare un powertrain ibrido plug-in. Per marciare a zero emissioni in città e non solo 50 km è lautonomia dichiarata in elettrico e mantenere la capacità in off-road di sempre. La via è ormai segnata: entro il 2022, tutte le Jeep saranno elettrificate. Pure la WRANGLER [4], sissignore. I DURI HANNO PIù CUORI. Queste Jeep possono contare su due motori, più un motogeneratore che contribuisce alla ricarica della batteria e aiuta il termico in accelerazione: dentro il cofano cè un quattro cilindri 1.3 turbobenzina MultiAir (da 130 cavalli per gli allestimenti Business e Limited, da 180 per S e Trailhawk) che muove le ruote anteriori. Dietro, sotto il piano di carico, è invece nascosto un motore elettrico sviluppato da Gkn con differenziale integrato da 60 CV e 250 Nm, che fa girare le ruote posteriori. Sotto il pavimento, protetta da acqua e pietrisco, cè la batteria agli ioni di litio da 11,4 kWh. Il tutto porta a un aggravio di peso pari a 200 kg rispetto alle versioni a benzina. AUTONOMIA A SCELTA. Allaccensione, le 4xe si configurano in modalità Hybrid, con il termico e lelettrico che si gestiscono da soli le competenze. Premendo il tasto Electric, invece, si viaggia ad emissioni zero finché cè energia nella batteria, fino a una velocità massima di 130 km/h. La modalità E-Save permette invece di risparmiare al massimo la carica dellaccumulatore oppure, volendo, di ricaricarlo sino all80% attraverso il motore termico: utile quando dopo un lungo viaggio si prevede di percorrere un tratto in città. BEL FRENO. Nel quotidiano, le Suv prodotte nellimpianto di Melfi si guidano come le sorelle a gasolio o a benzina. Il cambio automatico a sei marce si comporta piuttosto bene e si può scegliere fra due livelli di rigenerazione in frenata, selezionabili con un pulsante vicino alla leva del cambio. Apprezzabile anche la modulabilità del pedale del freno, molto simile a quella delle Compass e Renegade non elettrificate. Più che i circa 7,5 secondi per lo 0-100 e i 200 km/h di punta, però, vinteresserà conoscere i dati di consumo: secondo la Jeep, la media nel ciclo combinato è intorno ai 50 km/l per entrambe. Vedremo a Vairano, con i nostri strumenti, se tutto ciò corrisponde a verità. LIMPORTANZA DELLA RICARICA. A patto, certo, di ricaricare il più spesso possibile le batterie: con la Easywallbox da 2,3 kW (che non necessita di intervento di personale specializzato per linstallazione domestica) per riempire laccumulatore ci vogliono meno di cinque ore. Volendo, si può portare la potenza a 7,4 kW, per una ricarica completa in meno di due ore. Attraverso lapp my Uconnect si possono cercare le colonnine pubbliche e perfino pagare la ricarica con il proprio smartphone. SICURE IN OFF-ROAD. In ogni caso, librido plug-in non ha rammollito queste Jeep: in veste Trailhawk sono sempre capaci di stupire in fuoristrada. Il classico albero di trasmissione non cè più, ma le doti rimangono notevoli. Anche grazie al motore elettrico posteriore, che fornisce una valanga di coppia motrice in modo istantaneo e, soprattutto, regolabile con estrema precisione: un aspetto importante quando si tratta di superare gli ostacoli più impegnativi. Come i guadi fino a 50 centimetri di profondità (nel caso della Compass Trailhawk), oppure il classico twist. Infine, vi farà piacere sapere che la ricarica alla spina ha portato via ai bagagliai delle 4xe solamente una ventina di litri. Per quanto riguarda i prezzi, invece, si registrano (comè naturale, vista la presenza del powertrain ibrido plug-in) aumenti rispetto alle versioni con motori tradizionali: la Compass va dai 42.650 ai 47.900 euro mentre la Renegade ha un listino compreso fra i 38.500 e i 41.500 euro. Senza dimenticare lo sconto dellecobonus, che può arrivare fino a 6.500 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/JEEP.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/JEEP/COMPASS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/JEEP/RENEGADE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/JEEP_WRANGLER_4XE_IBRIDA_PLUG_IN_ANTICIPAZIONI_TEASER_VIDEO.HTML 2020-09-07 16:11:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/08/12/bmw_545e_xdrive_serie_5_ibrida_plug_in/gallery/rbig/2020-BMW-545e-xDrive-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32229 BMW 545e xDrive - Abbiamo guidato il prototipo della Serie 5 plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32229&tipo=fv In un evento tenutosi a Monaco allinizio di agosto, la BMW [1] ha messo a disposizione dei giornalisti lintera gamma elettrificata, tra cui le recenti X1 e X3 e pure un prototipo della nuova 545E XDRIVE, ovvero la SERIE 5 [2] plug-in dotata dello stesso powertrain delle X5 e Serie 7 con la spina: un modello interessante, disponibile dal prossimo novembre, che abbiamo avuto modo di provare in prima persona. QUASI 400 CV. La differenza principale rispetto alla già nota 530e è la presenza del motore sei cilindri di 3.0 litri da 286 cavalli, che uniti ai 109 dellelettrico forniscono fino a 394 CV e 600 Nm sulle quattro ruote. Grazie alla batteria da 12 kWh (di cui 11,2 utilizzabili), la 545e xDrive può percorrere fino a 54 km a corrente e ha un consumo medio omologato di 2,4 litri/100 km nel ciclo Wltp. La caratteristica di questo nuovo modello (che sarà disponibile a novembre 2020) come delle altre BMW plug-in, è la gestione intelligente dellenergia: se si imposta una destinazione nel navigatore, lelettronica analizza il percorso e decide quando e dove utilizzare luno o laltro dei due propulsori, privilegiando lelettrico nei centri abitati o alle basse velocità e facendo intervenire il benzina alle andature più sostenute o in autostrada. Il tutto tenendo sempre una riserva di energia elettrica per garantire larrivo a destinazione col solo motore a corrente. PRESTAZIONI E CONSUMI RIDOTTI. Messo alla prova su strada, il sistema ha confermato la sua validità: nonostante la guida non sempre eco (con alcune puntate ad alta velocità in autostrada) e lautonomia elettrica praticamente azzerata, subito prima dellarrivo la 545e XDrive ha riattivato la modalità a batteria, chiudendo il giro con un consumo medio di cinque litri/100 km di benzina e 10,6 kWh/100 km di corrente. Nel tragitto di 84 km quasi interamente costituito dalle statali vicino a Monaco, la vettura ne ha percorsi a batteria più di 46: in tali condizioni, la 545e xDrive si è rivelata silenziosa e solo forzando landatura il sei cilindri è entrato in azione, con un sound accattivante e prestazioni di rilievo. Selezionando la modalità Sport, invece, entrambi i propulsori lavorano al massimo: in questo modo, le due tonnellate della vettura vengono portate da zero a 100 km/h in soli quattro secondi. PASSAGGIO OBBLIGATO. Piaccia o no, lelettrificazione delle auto è un processo ormai avviato e che non potrà che accelerare nel prossimo futuro: tutti i costruttori, per raggiungere i severi obiettivi di riduzione della CO2 imposti dallUnione europea, devono infatti ricorrere a modelli a batteria o ibridi plug-in, i quali presentano emissioni di anidride carbonica calcolate nelluso, ovvero quelle dal serbatoio alle ruote, pari a zero (nel caso delle EV) o molto ridotte (nel caso delle plug-in). Così, senza fare troppo notizia, le auto con la spina si stanno diffondendo nei listini, soprattutto quelle che combinano il motore elettrico con quello tradizionale, più digeribili dal pubblico perché a differenza di quelle esclusivamente a batteria non generano ansia da autonomia. Lo dimostra il caso della BMW, che ha già in gamma 14 modelli elettrificati, di cui 11 plug-in e tre a batteria (la i3, la Mini Cooper SE e la nuova iX3). SCHEMI PER TUTTI I GUSTI. Per quel che riguarda la prima tipologia, gli schemi adottati sono tre: le piattaforme a motore longitudinale (la Serie 3, 5 e 7 e le X3 e X5) hanno il propulsore elettrico inserito nel cambio automatico, al posto del convertitore di coppia. I modelli con motore trasversale, invece, hanno lelettrico posto al retrotreno e ottengono la trazione integrale senza ricorrere ad alberi di trasmissione e ripartitori di coppia: si tratta della Mini Countryman E, della Serie 2 Active Tourer e delle X1 e X2. La i8, coupé e roadster, è un caso a parte: il powertrain trasversale è ruotato di 180 gradi, col termico al posteriore e lelettrico allanteriore. Tanto per ricordare che fa sul serio, la Casa di Monaco sottolinea di aver superato il mezzo milione di vetture elettrificate alla fine del 2019, prevedendo di venderne sette milioni entro il 2030. QUESTIONI DI CO2. Secondo la BMW, limpatto ambientale delle plug-in è sempre inferiore a quello delle corrispondenti versioni convenzionali, anche considerando (giustamente) lintero ciclo di vita della vettura, dalla produzione al riciclaggio: il fardello iniziale delle emissioni di CO2 dovute alla fabbricazione della batteria viene ampiamente recuperato durante limpiego, più o meno rapidamente in funzione del tipo di energia utilizzata per le ricariche dellaccumulatore. Si va da un vantaggio del 18% di una X1 xDrive 25e rispetto alla versione diesel xDrive 25d fino al 31% nei confronti della corrispondente xDrive 25i a benzina. Tali valori salgono rispettivamente al 46 e al 55% impiegando energia rinnovabile. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/SERIE_5.HTML 2020-09-07 16:11:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/07/skoda_octavia_2020_a_metano_prezzi_allestimenti_autonomia_serbatoio_di_benzina/gallery/rbig/2020-skoda-octavia-g-tec-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32228 Skoda Octavia - La G-Tec a metano è a listino con prezzi da 30.000 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32228&tipo=fv La SKODA [1] completa la gamma della quarta serie della OCTAVIA [2] rendendo disponibile in Italia la versione bifuel (benzina-metano) G-Tec, che sarà proposta negli allestimenti Executive e Style a partire da 30.000 euro (con carrozzeria berlina) e da 31.050 nella declinazione wagon. Ricordiamo che la Octavia è stata anche declinata per la prima volta nelle VERSIONI MILD E PLUG-IN HYBRID [3]. 130 CV E 93 G/KM DI CO2. La meccanica della Octavia a metano combina il 1.5 turbo da 130 CV e 200 Nm e il cambio automatico Dsg sette marce. Le tre bombole di gas garantiscono circa 17 kg di capienza, equivalenti ad oltre 500 km di autonomia; in più la vettura ha un serbatoio di benzina da 9 litri. Con 218 km/h di punta massima e 9,6 secondi per toccare i 100 km/h da fermo, la SKODA OCTAVIA [4] promette di essere brillante anche brillante nelle prestazioni, mentre le emissioni scendono fino a 93-95 g/km di CO2 e consentono di accedere agli incentivi governativi. In alcune zone dItalia sono previsti anche lesenzione dal pagamento del bollo e laccesso gratuito alle aree con restrizioni altraffico. DUE ALLESTIMENTI. La versione Executive offre di serie linfotainment Columbus con navigatore e supporto per Apple CarPlay e Android Auto, il Virtual Cockpit e il pacchetto di Adas composto da Lane Assist, cruise control con radar e frenata automatica. La variante Style aggiunge i cerchi di lega da 17", la retrocamera, il sistema keyless e i vetri posteriori oscurati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SKODA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/SKODA/OCTAVIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/08/26/SKODA_OCTAVIA_A_LISTINO_LE_VARIANTI_PLUG_IN_E_MILD_HYBRID.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/04/21/SKODA_OCTAVIA_2020_BERLINA_WAGON_MOTORI_PREZZI_ALLESTIMENTI.HTML 2020-09-07 15:40:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/07/ecobonus_e_super_ecobonus_tutti_gli_incentivi_per_comprare_un_elettrica_o_un_ibrida_plug_in/gallery/rbig/2020-incentivi.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32227 Ecobonus - Tutti gli incentivi per comprare unelettrica o unibrida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32227&tipo=fv Per le auto elettriche e le ibride plug-in, gli INCENTIVI GOVERNATIVI [1] non sono una novità: già in vigore nel 2019 e previsti fino al 2021, sono diventati più cospicui con il DECRETO RILANCIO [2], che peraltro ha esteso il beneficio economico, seppur in misura ridotta, a tutte le automobili che emettono fino a 110 g/km di anidride carbonica. Non a caso, ora si parla di "ecobonus" e "super ecobonus" per distinguere le misure più generose (quelle destinate ai veicoli ricaricabili, cioè elettrici e plug-in) dalle altre. E cè di più: con il DECRETO AGOSTO [3], il fondo destinato agli incentivi per le vetture 100% elettriche e ibride plug-in (Phev, se si preferisce lacronimo inglese di plug-in hybrid electric vehicle), cumulabili con i bonus previsti dalle amministrazioni locali, è stato ulteriormente incrementato con uniniezione di 50 milioni di euro. LE ELETTRICHE. Prima di tutto, va detto che la legge, nel differenziare limporto del bonus e i veicoli beneficiari, non distingue tra auto elettriche, ibride plug-in, full hybrid, microibride e con powertrain tradizionali, ma individua i modelli che ne beneficiano per classi di emissioni. Di fatto, le full electric rientrano nella prima categoria, quella dei veicoli che emettono da 0 a 20 g/km di CO2: poiché le auto alimentate dalle sole batterie non bruciano carburante, lanidride carbonica allo scarico è sempre pari a zero. FINO A 10.000 EURO. Sebbene sia prevista una soglia massima di 20 g/km, oltre alle Ev nessun altro veicolo oggi sul mercato può accedere al bonus previsto per questa fascia: nello specifico, parliamo di un incentivo governativo pari a 8.000 euro in caso di rottamazione di una vettura di almeno 10 anni, ai quali si aggiungono 2.000 euro di contributo obbligatorio garantito dal concessionario; se non si dispone di un usato destinato alla demolizione, lincentivo scende a 5.000 euro, a fronte dei quali il dealer deve garantire 1.000 euro di ulteriore riduzione del prezzo di listino. Questultimo, va notato, non deve superare la soglia dei 50.000 euro (compresi gli accessori ma al netto dellIva, escluse Ipt e messa su strada). LE PHEV. La seconda fascia di incentivi è destinata a quei veicoli che emettono da 21 a 60 g/km di CO2: di fatto, in questa categoria rientrano tutte le ibride plug-in. Rispetto alle full hybrid, tali vetture sono in grado di percorrere più chilometri con la spinta del solo motore elettrico (in questi casi, lautonomia varia generalmente da 30 a poco più di 50 km), il che giustifica i bassi livelli di CO2 misurati nei cicli di omologazione. Rispetto alle altre ibride, la batteria delle Phev ha una capacità superiore e può essere ricaricata da una presa domestica, oppure da una infrastruttura di ricarica. Se laccumulatore è scarico i consumi salgono inevitabilmente, ma la marcia prosegue senza problemi: semplicemente, da quel momento la vettura si comporta come unibrida tradizionale. FINO A 6.500 EURO. Per le Phev è previsto un contributo di 4.500 euro in caso di rottamazione (ai quali se ne aggiungono altri 2.000 garantiti del dealer) e di 2.500 euro senza un usato da demolire, a fronte di una riduzione di altri mille euro da parte del concessionario. Anche in questo caso, il prezzo della vettura non deve superare i 50.000 euro (optional compresi e al netto dellIva, escluse Ipt e messa su strada). FONDI DA VERIFICARE. Nelle altre due fasce di incentivi, previste per i veicoli che emettono da 61 a 90 g/km di CO2 e da 91 a 110 g/km, rientrano invece vetture di altra tipologia: full hybrid, mild hybrid e con powertrain non elettrificato. In ogni caso, come già accaduto con il precedente ecobonus, lapplicazione degli incentivi di qualunque importo è subordinata alla disponibilità di fondi: in caso affermativo, il concessionario procederà alla prenotazione del contributo sul PORTALE DEL MISE [4], per poi detrarlo dal prezzo chiavi in mano dellauto, da immatricolare entro 180 giorni dallacquisto. Il contributo dello stesso dealer, invece, andrà sottratto dal prezzo imponibile. LOMBARDIA E MILANO, CUMULO PER I PIù VELOCI. Come accennavamo allinizio, gli incentivi stanziati a livello nazionale sono cumulabili con quelli previsti dalle amministrazioni locali: alcuni sono ancora in vigore, mentre altri (non pochi) non risultano più accessibili per esaurimento dei fondi. il caso dei contributi del Comune di Milano, disposto a offrire 9.600 euro per la rottamazione di unauto a benzina fino allEuro 2 (o di una diesel fino allEuro 5) e lacquisto di unelettrica, oppure 6.000 euro per unibrida a prescindere dalla tipologia: pubblicato allinizio di luglio, il bando ha bruciato in meno di un mese i 6 milioni stanziati (esigui, se confrontati alle esigenze e alle speranze di rinnovo del parco circolante). Anche i fondi della Regione Lombardia, cumulabili con quelli del governo ma non con quelli di Milano, non risultano disponibili: chi è riuscito ad approfittarne, però, ha ricevuto 8.000 euro per lacquisto di unelettrica e 6.000 euro per unauto con emissioni di CO2 da 0 a 60 g/km (in breve, le ibride plug-in). Facendo due conti, il risparmio è davvero rilevante. E, forse, decisivo per le scelte dacquisto. LE ALTRE REGIONI. Molto generosa è anche la Valle DAosta, che destina 6.000 euro a chi compra auto con emissioni tra 0 e 70 g/km di CO2: se poi si tratta di aziende, lincentivo varia addirittura da 10.000 a 15.000 euro. In Friuli-Venezia Giulia, invece, i contributi prevedono fino a 5.000 euro per le elettriche e fino a 4.000 per le ibride, le quali possono essere nuove, a km 0 o addirittura usate, fino a un massimo di due anni dalla prima immatricolazione. Il Veneto, dal canto suo, ha previsto un contributo rottamazione fino a 4.500 euro per i veicoli a basso impatto ambientale: purtroppo, il termine per la presentazione delle istanze è scaduto a luglio. La provincia autonoma di Trento offre 6.000 euro di incentivi per le elettriche, che scendono a 4.000 per le plug-in (in entrambi i casi, 2.000 euro rappresentano lo sconto operato dal dealer), mentre Bolzano prevede un contributo di 2.000 euro per le full electric e di 1.000 per le Phev, a fronte di una riduzione di pari importo da parte del venditore. Dopo aver stanziato, lo scorso anno, fino a 3.000 euro di contributi per le elettriche, ora lEmilia-Romagna incentiva le ibride con un bonus di 573 euro, accreditato in tre tranche annuali da 191 euro. Il Piemonte e la Sardegna, infine, rivolgono i bonus alle imprese: la prima, un contributo di 10.000 euro per le elettriche e di 7.000 per le ibride; la seconda, incentivi per le full electric fino a 15.000 euro. TUTTI I VANTAGGI. Oltre ai contributi allacquisto veri e propri, permane lesenzione totale o parziale del costo del bollo prevista da diverse Regioni, da un minimo di tre anni fino a tutta la vita del veicolo (come accade in Lombardia e in Piemonte nel caso delle elettriche). Inoltre, le auto a emissioni zero e le Phev possono godere di ulteriori benefici nei centri urbani: a Milano, per esempio, le Ev accedono gratuitamente allArea C, al pari delle ibride (i modelli che emettono più di 100 g/km di CO2, tuttavia, pagheranno lingresso a partire da ottobre 2022). Quanto ai posteggi, sempre nel capoluogo lombardo le elettriche sono esentate dal pagamento della sosta sulle strisce blu e gialle: lagevolazione è limitata nel tempo (cinque anni se proprietario e richiedente coincidono, tre in caso contrario), ma non comprende le ibride. Diverso il caso di Roma, che dispensa anche le ibride - di tutti i tipi - dal pagamento della sosta: nella capitale, però, solo le elettriche possono accedere liberamente e gratuitamente alle Ztl, previa registrazione della targa. Insomma, ogni città è un caso a sé: anche per questo, nellipotizzare lacquisto di unEv o di una Phev, gli aspiranti acquirenti sono invitati a verificare tutti i vantaggi previsti dalle Regioni e dai Comuni di appartenenza. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML [2] https://www.quattroruote.it/tags/decreto-rilancio [3] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/08/08/incentivi_auto_decreto_agosto.html [4] https://ecobonus.mise.gov.it/ 2020-09-07 15:40:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/01/nissan_z_proto_primo_teaser_della_nuova_sportiva_video/gallery/rbig/2020-nissan-z-proto-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32226 Nissan Z Proto - Nuovi teaser della sportiva giapponese - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32226&tipo=fv Le misure draconiane varate con il recente PIANO DI RILANCIO DALLA NISSAN [1], intenzionata a snellire il proprio portfolio di prodotti globale, non hanno cancellato dai listini i modelli sportivi. E ora, lerede spirituale della 370Z, annunciata già da tempo, fa capolino da alcune immagini teaser che ne annunciano la presentazione il prossimo 16 settembre. NEL SOLCO DELLA TRADIZIONE. Il nome, NISSAN [2] Z Proto, e le tempistiche del debutto inducono a pensare che la vettura pronta a essere svelata virtualmente non sia il nuovo modello nella sua veste definitiva, bensì un prototipo o, comunque, un esemplare di pre-produzione. In base alle anticipazioni e agli indizi trapelati dai teaser, dovrebbe trattarsi di una coupé a trazione posteriore, il cui heritage è celebrato dalla Casa in una clip (clicca sopra) che vede protagonista vetture storiche della serie Z. Non solo: i legami con il passato sono anche stilistici, come si nota dei dettagli anticipati dal video. Per esempio il motivo tondeggiante creato dai Led nei fari anteriori, che richiama la Fairlady, oppure le luci di coda, ispirate invece a quelle della 300ZX. Dalle immagini trapela anche il logo Z sul montante posteriore, dal design rivisitato. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/05/28/nissan_qashqai_x_trail_z_e_le_altre_anticipazioni_sulle_novita_dal_2020_al_2023.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN 2020-09-07 14:44:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/07/volkswagen_tiguan_x_immagini_dimensioni_uscita/gallery/rbig/2020-volkswagen-tiguan-x-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32225 Volkswagen - Presentata in Cina la Tiguan X http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32225&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] ha presentato in Cina la Tiguan X, variante suvcoupé del noto modello globale che sarà per il momento proposta solo sul mercato asiatico, grazie alla joint venture tra la Casa tedesca e la SAIC. La soluzione stilistica è simile a quella già scelta dallAudi per le versioni Sportback delle Q3 e Q5, con il frontale identico al modello gemello, il padiglione più basso e sfuggente e la coda affusolata con un accenno di terzo volume. Il design di questa sport utility riprende, però, anche lo stile della sorella minore Volkswagen Tayron X, creata appositamente per la clientela cinese e derivata dalla recente TAYRON [2]. LE DIMENSIONI. Nel caso della Tiguan X, la Volkswagen ha usato come base la versione passo lungo della Tiguan offerta in Cina ,e per questo la lunghezza totale della vettura raggiunge i 4,76 metri contro i 4,49 della Tiguan europea e i 4,7 metri della Tiguan Allspace. I dettagli principali sono quelli comuni al restyling della Tiguan presentato anche in Europa, riconoscibile per il nuovo taglio dei gruppi ottici e dei paraurti. Lallestimento standard è quello sportivo R Line, mentre la gamma dei propulsori è limitata al 2.0 TSI da 187 o 220 CV con cambio automatico Dsg sette marce. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/10/22/VOLKSWAGEN_TAYRON_FOTO_MOTORE_DIMENSIONI_SUV_CINA.HTML 2020-09-07 13:20:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/07/nissan_rinviata_al_2021_la_produzione_della_nuova_qashqai_a_sunderland/gallery/rbig/2019-nissan-qashqai-sunderland-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32224 Nissan - Rinviata al 2021 la produzione della nuova Qashqai a Sunderland http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32224&tipo=fv La NISSAN [1] ha deciso di posticipare ulteriormente lavvio della produzione della NUOVA GENERAZIONE DELLA QASHQAI [2] a Sunderland. Lennesimo rinvio, secondo il Financial Times, è legato a vari motivi, tra cui, soprattutto, le conseguenze della crisi da CORONAVIRUS [3] e la rinnovata incertezza sullesito delle trattative tra il Regno Unito e lUnione Europea sulla Brexit. PESA IL COVID. La riprogrammazione, sottolinea il quotidiano britannico, è per la maggior parte dovuta alla pandemia, ma consentirà alla Nissan di adattarsi al nuovo quadro degli scambi commerciali successivo alluscita del Regno Unito dallUnione Europea prima di avviare la produzione della crossover. La Brexit rappresenta ormai un fattore determinante nelle scelte di investimento delle aziende presenti oltremanica. Non a caso, la stessa Casa di Yokohama, tramite i responsabili della sua filiale europea, ha messo in chiaro in tempi non sospetti LINSOSTENIBILITà DELLATTUALE MODELLO DI BUSINESS DELLE ATTIVITà IN EUROPA [4], incentrato sostanzialmente sullesportazioni verso i mercati del Vecchio Continente di auto prodotte a Sunderland. RINVIO AD APRILE. Ora, alla luce dellattuale scenario di incertezza, lassemblaggio della nuova Qashqai dovrebbe iniziare "dopo laprile 2021" e non più nel prossimo mese di ottobre ,anche se dalla Nissan non sono mai state ufficializzate date precise sul programma produttivo di questo modello. Sunderland dovrebbe, dunque, continuare a fabbricare lattuale Qashqai fino alla prossima primavera, con le relative conseguenze determinate dal continuo calo delle vendite della crossover. Pertanto, il rinvio della prossima serie potrebbe ripercuotersi sugli attuali livelli occupazionali: il sito inglese è il più grande impianto automobilistico del Regno Unito, grazie anche ai suoi 6 mila lavoratori e allle circa 350 mila vetture sfornate ogni anno. Di questi, due terzi sono Qashqai, ma da Sunderland escono anche lelettrica Leaf e la Juke. LE PROMESSE DI GHOSN. Nel 2016, pochi mesi dopo il referendum pro-Brexit, lallora numero uno Carlos Ghosn ha promesso al governo di Londra di mantenere in vita lo stabilimento, anche con nuove produzioni: lanno scorso le linee avrebbero dovuto ospitare sia la nuova Qashqai sia la X-Trail, ma il costruttore nipponico ha posticipato i relativi investimenti in attesa di avere maggiori certezze sulle nuove regole commerciali post-Brexit. Tuttavia, le continue incertezze, insieme al il nuovo accordo di libero scambio tra Ue e Giappone e al costante calo delle vendite di veicoli diesel, hanno già CANCELLATO LA PRODUZIONE DELLX-TRAIL [5] e determinato il licenziamento di mille lavoratori. Per la nuova Qashqai, la Nissan solamente procrastinare gli investimenti, visto che finora, anche con il supporto finanziario del governo britannico, ha SPESO 400 MILIONI DI STERLINE PER ADEGUARE LE STRUTTURE DI SUNDERLAND [6] alla produzione della prossima generazione della crossover. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2020/06/10/NISSAN_QASHQAI_2021_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/25/NISSAN_ALLARME_PER_GLI_IMPIANTI_DI_SUNDERLAND_E_BARCELLONA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/02/04/BREXIT_LA_NISSAN_NON_PRODURRA_PIU_LA_NUOVA_X_TRAIL_A_SUNDERLAND.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/03/06/NISSAN_A_SUNDERLAND_NUOVI_INVESTIMENTI_PER_LA_QASHQAI.HTML 2020-09-07 11:37:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/07/nuova_dacia_sandero_stepway_uscita/gallery/rbig/2020-Dacia-Sandero-06.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32223 Dacia - Prime immagini delle nuove Sandero e Logan http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32223&tipo=fv Il rinnovamento iniziato con la seconda serie della DUSTER [1] coinvolge ora i modelli alla base della gamma DACIA [2]. Viene infatti presentata la terza generazione delle SANDERO [3], Sandero Stepway e LOGAN [4], che il marchio definisce come le "auto essenziali" per antonomasia. Il debutto ufficiale è previsto per il prossimo 29 settembre, quando ne conosceremo tutti i dettagli tecnici. NUOVO CORSO STILISTICO PER LE ENTRY LEVEL. Per il momento la Dacia si è limitata a diffondere le prime immagini delle vetture, confermando il cambio di passo a livello stilistico. Le tre auto propongono infatti stilemi rinnovati ed elementi in linea con le tendenze attuali, come le luci a Led diurne integrate e il motivo luminoso a Y di nuova concezione. Interventi come il tetto più basso, le carreggiate allargate e i paraurti più aggressivi fanno sembrare le vetture più slanciate, ma non è stata sacrificata laltezza da terra. Nel caso della Sandero Stepway, infine, è stata accentuata la caratterizzazione da crossover con elementi come il cofano bombato, i parafanghi modificati e i dettagli cromati, oltre alla mascherina specifica. ANCHE GLI INTERNI CAMBIERANNO. Gli interni non sono stati ancora svelati, ma è lecito immaginare anche in questo ambito un nuovo approccio più contemporaneo e una dotazione più ricca, incluse le soluzioni di connettività. previsto infine anche un miglioramento delle dotazioni relative agli Adas con lallargamento verso il basso della disponibilità dei dispositivi ormai più comuni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/DACIA/DUSTER.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/DACIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/DACIA/SANDERO [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/DACIA/LOGAN.HTML 2020-09-07 11:37:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/07/citroen_ami_l_elettrica_disponibile_in_car_sharing_a_parigi_con_livree_speciali/gallery/rbig/citroen-ami-20-livree-speciali01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32221 Citroën Ami - Lelettrica disponibile in car sharing a Parigi con livree speciali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32221&tipo=fv La CITROëN [1] ha realizzato 20 speciali livree per la nuova AMI [2], nate per omaggiare altrettanti quartieri di Parigi. Unidea, quella del progetto "Ami aime Paris", nata per mettere in evidenza lintroduzione della vettura nella gamma del car sharing offerta da FREE2MOVE [3], ma, al tempo stesso, anche per enfatizzare le varie sfumature dei sobborghi che caratterizzano la capitale francese. PRENOTAZIONI VIA APP. Il design di questi esemplari non è casuale, ma trae ispirazione dai racconti e dagli aneddoti degli abitanti dei vari quartieri rappresentati, che meglio conoscono le peculiarità e le caratteristiche di queste località. Esattamente come gli altri modelli offerti dalla società di noleggio, i clienti potranno prenotare in tempo reale lAmi più vicina attraverso lapplicazione di Free2Move. Le elettriche saranno disponibili nelle città di Parigi, Issy-Les-Moulineaux, Vanves, Sèvres e Saint Cloud, Saint Mandé, Boulogne-Billancourt e Bois de Vincennes. CITTADINA INNOVATIVA. La Ami è una due posti cittadina a zero emissioni, che nei contenuti e nei costi di esercizio promette di offrire una moderna soluzione di mobilità. Il motore elettrico da 8 CV è abbinato a batterie da 5,5 kW, per 70 km di autonomia e 45 km/h di velocità massima. Grazie a queste caratteristiche, abbinate a un peso complessivo inferiore ai 500 kg, la vettura è omologabile come quadriciclo e, pertanto, può essere guidata anche dai minorenni a partire dai 16 anni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/27/CITROEN_AMI_PREZZO_DIMENSIONI_AUTONOMIA_ELETTRICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FREE2MOVE 2020-09-07 11:09:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/07/audi_q3_e_a3_la_gamma_si_aggiorna_con_le_ultime_novita/gallery/rbig/2020-audi-q3-my-2021-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32222 Audi Q3 e A3 - La gamma si aggiorna con le ultime novità http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32222&tipo=fv LAUDI [1] ha ottenuto lomologazione Wltp per le varianti 2.0 TDI delle Q3 [2] e Q3 SPORTBACK [3], ovvero i propulsori che hanno coperto fino ad oggi il 65% delle richieste, ma levoluzione ha interessato nelloccasione anche la 1.5 a benzina. Le versioni 35 TFSI e 35 TDI mantengono la potenza massima di 150 CV, mentre la 40 TDI passa da 190 a 200 CV. Novità anche per la A3 [4], che aggiorna le tecnologie di sicurezza attiva e infotainment. CONSUMI PIù BASSI PER IL DIESEL DA 150 CV, PRESTAZIONI SUPERIORI PER IL 2.0 TDI DA 200 CV. Linsieme degli interventi ha permesso di ridurre fino al 10% i consumi in base allallestimento senza penalizzare le prestazioni. LAudi riporta un esempio concreto legato ai dati di omologazione della 35 TDI S tronic, che passa da una media dichiarata di 5,9-6,3 l/100 km con 155-166 g/km di CO2 emessa a 5,5-5,9 l/100 km e 145-155 g/km. La più potente 40 TDI quattro s tronic, invece, tocca ora i 225 km/h (+4 km/h) e passa da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi (-7 decimi). INTERFACCIA WIRELESS PER I DISPOSITIVI APPLE. Per quanto riguarda la A3 nelle varianti a due e tre volumi, laggiornamento riguarda le dotazioni di assistenza alla guida e di infotainment. Nel primo caso, lequipaggiamento di serie integra il Collision Avoid Assist, lassistente alla svolta nelle manovre di evitamento di un ostacolo. Inoltre, sul fronte della connettività debutta il comando di attivazione vocale Hey Audi, mentre linterfaccia per integrare lo smartphone a bordo è disponibile anche in modalità wireless per device Apple. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/Q3 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/Q3-SPORTBACK [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/A3-5P 2020-09-07 11:09:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/06/mondiale_rally_doppietta_hyundai_vince_tanak/gallery/rbig/2020-hyundai-tanak.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32220 Mondiale Rally - Doppietta Hyundai, vince Tänak http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32220&tipo=fv Questo fine settimana è tornato in scena il MONDIALE RALLY, con il quarto appuntamento del 2020: il Rally di Estonia. OTT TäNAK è stato lindiscusso protagonista e vincitore della gara. Una vittoria importante, la prima insieme alla Hyundai. Per il team di Alzenau in Estonia è arrivata una doppietta, proprio grazie al secondo posto ottenuto da Craig Breen. Sul gradino più basso del podio sale Sébastien Ogier. WEEKEND AGRODOLCE PER LA HYUNDAI. Tänak non ha sbagliato un colpo e ha ampiamente meritato la vittoria. In realtà, ha commesso una sbavatura che avrebbe potuto togliergli il sorriso, sfiorando un incidente contro degli alberi. Nonostante qualche danno, però, è riuscito a portarsi a casa il trofeo del vincitore. Se da un lato in casa Hyundai cè la soddisfazione per questa doppietta in Estonia, dallaltra cè anche la frustrazione nel vedere quanta sfortuna ha avuto Neuville nel corso del weekend. Dopo un incidente nel quale ha distrutto la sua sospensione, anche nella Power Stage finale ha dovuto affrontare dei problemi tecnici che gli hanno impedito di brillare. OGIER SEMPRE PIù LEADER. Il sorriso non manca invece sul volto di Sébastien Ogier e gli uomini della Toyota. In Estonia non ha mai avuto il ritmo per andare a vincere, ma ha approfittato degli errori altrui e del suo buon ritmo per assicurarsi comunque il terzo posto di oggi che, tra laltro, gli consente di prendere ulteriore margine nella classifica iridata. 2020-09-06 19:38:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/06/f_1_gp_italia_risultati_gara/gallery/rbig/2020-alphatauri-gasly.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32219 F.1, GP Italia - Vince Gasly: successo casalingo per lAlphaTauri http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32219&tipo=fv CLAMOROSA VITTORIA CASALINGA PER LA SCUDERIA ALPHATAURI [1] AL GRAN PREMIO DITALIA, ottava prova del Mondiale di Formula 1 2020. PIERRE GASLY [2] ha tagliato per primo il traguardo di Monza, approfittando di una gara pazza. Il francese riporta il team alla vittoria: questo è infatti il secondo successo per il team di Faenza (laltro nel 2008 a Monza, quando era Toro Rosso), il primo nellera AlphaTauri. Non cera modo migliore per festeggiare la cinquantesima gara insieme tra la Scuderia italiana e la Honda. Carlos Sainz ci ha provato fino alla fine, ma alla fine il pilota della McLaren si è dovuto accontentare della seconda posizione. Podio per la Racing Point, grazie a Lance Stroll. PASTICCIO DELLA MERCEDES. Lewis Hamilton era imprendibile, nessuno avrebbe potuto raggiungerlo. Ma il destino oggi aveva scritto qualcosa di diverso e luscita della safety car per il ritiro della Haas ha rimescolato le carte. Il momento decisivo è stato proprio il momento del pit-stop: Gasly è riuscito a fare la sosta qualche secondo prima che la vettura di sicurezza venisse chiamata in causa, mentre Lewis ha effettuato la sosta poco dopo, quando però la pit-lane era stata chiusa. Una distrazione da parte della Mercedes che è costato al sei volte iridato uno stop and go di 10 secondi. Quando la gara è stata interrotta, dopo lincidente di Leclerc, Hamilton furioso è andato a parlare direttamente con i commissari per chiedere spiegazioni. Ma lerrore della Mercedes è costato caro e ha lasciato il via libera agli altri team di lottare per la vittoria finale e ad approfittarne è stato proprio il francese della Scuderia AlphaTauri. DISASTRO PER LA ROSSA. La Ferrari lascia Monza con un risultato ancora peggiore rispetto a quello della scorsa settimana in Belgio. La corsa di Sebastian Vettel è durata appena sei giri, poi il tedesco si è dovuto fermare con i freni posteriori in fiamme. Sebastian, alla sua ultima gara da ferrarista a Monza, ha raccontato: "Già allinizio della gara mi hanno detto che avevamo problemi. Ho cercato di alzare il piede e di essere gentile con i freni, ma alla staccata della prima curva non potevo più frenare. Posso solo dire che, per fortuna, è successo lì dove cera una via di fuga molto grande. Pensi che peggio di così non potrà andare, ma questanno potrà andare sempre peggio. Direi che è più che frustrante, ma non ho scelta e cercherò di andare avanti". Occasione sprecata per Charles Leclerc, finito a muro quando aveva loccasione di poter puntare a un risultato inaspettato: un errore, il suo, frutto della grande difficoltà di tenere in pista una vettura nervosa e con poca aderenza. MCLAREN, BICCHIERE MEZZO PIENO. Probabilmente sarebbe bastato un altro giro a Carlos Sainz per tentare un attacco su Gasly e cè il rammarico per lo spagnolo di non essere riuscito a conquistare una storica vittoria per la McLaren. Il team di Woking, però, lascia Monza guardando il bicchiere mezzo pieno, perché il secondo posto di Sainz è il miglior risultato ottenuto nellera ibrida e Lando Norris ha ottenuto un quarto posto che porta altri punti importanti per la classifica costruttori. La squadra di Woking è terza in campionato, in piena lotta con la Racing Point, e questo risultato non può che essere soddisfacente, anche se loccasione persa brucerà per un po. Guarda i risultati completi del GP dItalia a Monza [3] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?ALPHATAURI_21943 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?GASLY_PIERRE_545199 [3] https://www.quattroruote.it/formula1/f1/risultati.shtml 2020-09-06 19:32:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/06/f_1_gp_italia_risultati_gara/gallery/rbig/2020-alphatauri-gasly.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32218 F.1, GP Italia - Vince Gasly: vittoria in casa per la Scuderia AlphaTauri http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32218&tipo=fv CLAMOROSA VITTORIA CASALINGA PER LA SCUDERIA ALPHATAURI AL GRAN PREMIO DITALIA, ottava prova del Mondiale di Formula 1 2020. PIERRE GASLY ha tagliato per primo il traguardo di Monza, approfittando di una gara pazza. Il francese riporta il team alla vittoria: questo è infatti il secondo successo per il team di Faenza (laltro nel 2008 a Monza, quando era Toro Rosso), il primo nellera AlphaTauri. Non cera modo migliore per festeggiare la cinquantesima gara insieme tra la Scuderia italiana e la Honda. _In aggiornamento..._ Guarda i risultati completi del GP dItalia a Monza [1] Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/formula1/f1/risultati.shtml 2020-09-06 17:19:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/08/28/porsche_911_collaudi_in_corso_per_la_gt3_rs/gallery/rbig/2020-porsche-911-gt3-rs-foto-spia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32217 Porsche 911 - Collaudi in corso per la GT3 RS http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32217&tipo=fv Le foto spia della PORSCHE 911 GT3 [1] della serie 992 circolano da tempo, ma la Casa tedesca ha raddoppiato gli sforzi e ha già messo su strada i muletti della versione più potente, la GT3 RS, che dovrebbe debuttare in un secondo tempo. ALETTONE ESAGERATO. Chi considera la nuova GT3 una vettura estrema, visto lapproccio scelto per lala posteriore e per gli sfoghi daria anteriori, dovrà ricredersi: la GT3 RS somiglia a una RSR targata e alza ulteriormente lasticella proprio dal punto di vista aerodinamico. A differenza della 991, qui non troviamo, almeno per il momento, le prese daria sulle fiancate, anche se le carreggiate risultano sensibilmente più larghe, ma la vera protagonista è lala posteriore, che presenta dimensioni davvero importanti e il supporto rovesciato. Questo elemento, che raggiunge praticamente la stessa altezza del tetto, dovrebbe essere attivo e quindi modificare linclinazione in base alle modalità di guida, agendo anche da aerofreno. Anche davanti, inoltre, è possibile osservare alcune novità: nello specifico, gli sfoghi daria sui passaruota di forma diversa e delle griglie (ancora celate dalle camuffature) sul cofano, ben più grandi rispetto alle prese Naca per il raffreddamento dellimpianto frenante presenti sulla versione attuale. RIMANE ASPIRATA. Trattandosi della GT3 RS, i freni e lassetto saranno sicuramente al top dal punto di vista delle prestazioni, mentre per la trasmissione è lecito aspettarsi lunica scelta dellautomatico Pdk, a differenza della GT3 "liscia". Nel cofano dovremmo trovare lultima evoluzione del 4.0 con aspirazione a condotti singoli: il flat six dovrebbe utilizzare anche i filtri antiparticolato che la Porsche ha montato sulla Speedster e sullultimo lotto di 991 prodotte. lecito quindi aspettarsi una variazione di potenza limitata rispetto ai 520 CV della RS uscente, ma saranno sicuramente downforce e riduzione del peso a fare la differenza rispetto alla GT3 base. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/07/05/PORSCHE_911_GT3_992_NURBURGRING.HTML 2020-09-06 15:31:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/06/formula_1_renault_cambia_nome_nel_2021_sara_alpine/gallery/rbig/2020-formula1-alpine.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32216 Formula 1 - Renault cambia nome: nel 2021 sarà Alpine http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32216&tipo=fv Grande novità in casa Renault: il costruttore francese ha confermato che a partire dalla prossima stagione correrà con il nome di ALPINE F1 TEAM e abbraccerà lazzurro, tipico colore del marchio francese. Il ceo Luca de Meo ha guidato la nuova strategia dei marchi del gruppo Renault, Dacia, New Mobility e Alpine: questultimo sarà il BRAND DI PUNTA PER IL MOTORSPORT e, insieme a Fernando Alonso, punta a dare il via a una nuova era per la squadra anglo-francese. IL RILANCIO DI ALPINE. Dopo aver firmato il Patto della Concordia che vede il team confermare la propria presenza almeno fino al 2025 e aver ingaggiato un due volte campione iridato come Alonso, adesso il Gruppo Renault ha scelto di mettere al centro dellattenzione i colori del marchio Alpine, già noto agli appassionati per i successi ottenuti nel mondo endurance e nei rally e che trova naturalmente spazio in Formula 1. Il prossimo anno, Alpine non sarà lunica novità in pista, dato che anche Aston Martin farà il suo ingresso nel circus al posto dellattuale Racing Point. Luca de Meo, ceo del Gruppo Renault, ha spiegato le ragioni di questa scelta affermando: Alpine è un marchio affascinante che porterà sicuramente il sorriso sui volti dei nostri tifosi. Alpine è simbolo delleccellenza francese che entra nella più prestigiosa competizione mondiale, accanto ad altri grandi nomi, per gare sempre più spettacolari. RENAULT FORNIRà LE POWER UNIT. Le monoposto della Alpine saranno caratterizzate dal tipico colore azzurro e anche il telaio delle vetture riporterà nel nome un riferimento allesperienza già maturata nella costruzione della A110. Lingresso in Formula 1 mira ad accelerare lo sviluppo e linfluenza del marchio sui mercati. Renault rimarrà visibile sulle monoposto, come fornitore di motori: la Alpine sarà spinta infatti dala power unit Renault E-Tech, che manterrà la sua denominazione. Cyril Abiteboul, team principal del team, ha detto: Questo cambiamento arriva in un momento cruciale per la squadra e per questo sport. Alpine porta con sé un carico di valori e uno spirito competitivo che farà bene al paddock. Sarà un anno di preparazione al 2022, quando il nuovo quadro regolamentare e finanziario creerà le condizioni per una F.1 più equa e competitiva. 2020-09-06 12:36:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/03/mini_i_primi_10_anni_della_countryman_foto_gallery/gallery/rbig/10-anni-mini-countryman-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32215 Mini - I primi dieci anni della Countryman - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32215&tipo=fv passato già un decennio da quando la MINI [1], forte del successo della sua piccola a tre porte, lanciava sul mercato la COUNTRYMAN [2], una Suv compatta ispirata proprio alla riedizione moderna dellICONICO CAPOLAVORO DI SIR ALEC ISSIGONIS [3] e di cui ripercorriamo la storia e le caratteristiche nella nostra galleria di immagini. MODELLO CHIAVE DEL BRAND. Arrivata tra lo scetticismo dei puristi, è diventata un modello fondamentale per la Casa del gruppo BMW, tanto da rappresentare oggi il 30% delle vendite globali del marchio e diventando il più gettonato in Italia. Non a caso, la vettura potrebbe essere affiancata da due nuove crossover: un veicolo più grande (torna il nome Traveller?) e uno a emissioni zero che farebbe della Mini Cabrio una PROBABILE VITTIMA SACRIFICALE [4]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MINI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/05/26/MINI_COUNTRYMAN_RESTYLING_MOTORI_INTERNI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2018/02/16/icone_british_la_storia_della_mini_in_40_immagini_foto_gallery.html [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/08/24/mini_addio_alla_cabrio_in_arrivo_due_crossover.html 2020-09-06 11:28:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/05/f_1_gp_italia_risultati_qualifiche/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32214 F.1, GP Italia - Pole position per Lewis Hamilton http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32214&tipo=fv LEWIS HAMILTON ha ottenuto la POLE POSITION DEL GRAN PREMIO DITALIA, ottava prova del Mondiale di Formula 1 2020. Linglese della Mercedes ha segnato il nuovo record della pista con un tempo di 1:18.887 e ha anche segnato la media oraria più alta di tutti i tempi in F.1, con 264 km/h. VALTTERI BOTTAS domani partirà dalla prima fila, dopo aver perso la pole per appena 69 millesimi di secondo. Terzo tempo per CARLOS SAINZ, a otto decimi dalla vetta con la sua McLaren. _In aggiornamento..._ GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE QUALIFICHE DI MONZA [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-05 16:25:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/05/f_1_gp_italia_libere_3_bottas_precede_le_due_mclaren/gallery/rbig/2020-mercedes-bottas.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32213 F.1, GP Italia - Libere 3: Bottas precede le due McLaren http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32213&tipo=fv VALTTERI BOTTAS è stato il più veloce nella TERZA SESSIONE DI PROVE LIBERE del GRAN PREMIO DITALIA, ottava prova del Mondiale di Formula 1. Il finlandese della Mercedes ha ottenuto un tempo di 1:20.089, candidandosi per la pole position che sarà assegnata questo pomeriggio. Alle sue spalle troviamo LE DUE MCLAREN [1] DI CARLOS SAINZ E LANDO NORRIS, staccate rispettivamente di due e tre decimi. DISTACCHI CONTENUTI. Daniel Ricciardo ha ottenuto il quarto tempo oggi, confermando la competitività della sua Renault. Tuttavia, laustraliano ha dovuto abbandonare anticipatamente la sessione per colpa di un problema tecnico che lo ha costretto a parcheggiare a bordo pista. Il team ha immediatamente fatto sapere che non dovrebbe essere un guasto grave, anche se il rumore che veniva dalla power unit della RS20 non lasciavano pensare a nulla di buono. In questa terza sessione di libere, preludio alle qualifiche di oggi pomeriggio, i team hanno già provato a girare con la mappatura unica che useranno sia in qualifica che in gara. I distacchi sembrano decisamente contenuti al momento, tanto che in quattro decimi sono racchiusi ben sette piloti, tra cui anche Hamilton e Verstappen che hanno chiuso rispettivamente in quinta e sesta posizione. LA ROSSA NON CE LA FA. Scivola indietro, rispetto a ieri, la Scuderia AlphaTauri: Gasly e Kvyat sono in dodicesima e tredicesima posizione, proprio alle spalle di Leclerc. La Ferrari continua a soffrire e anche lingresso in Q3 sembra unimpresa molto difficile, con Vettel quindicesimo al termine di questa sessione. Alla SF1000 non manca solamente la velocità massima in rettilineo, ma anche aderenza in ingresso curva che toglie fiducia ai piloti. GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE LIBERE 3 A MONZA [2] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?MCLAREN_20456 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-05 14:03:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/08/27/chrysler_pt_cruiser_20_anni_fa_il_debutto_dell_americana_ispirata_al_passato_foto_gallery/gallery/rbig/chrysler-pt-cruiser-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32212 Chrysler PT Cruiser - La storia dellamericana ispirata al passato - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32212&tipo=fv O la ami o la odi. La CHRYSLER PT CRUISER [1] non è mai stata unauto per giudizi intermedi: originale e inconfondibile, si è sempre fatta apprezzare o detestare. In Europa subì la concorrenza di tanti modelli tra hatchback e monovolume di segmento C, con una gamma motori peraltro più adeguata il propulsore diesel arrivò su questa vettura solo nel 2002, due anni dopo lesordio , ma anche nel Vecchio Continente rimane ancora oggi una delle auto più riconoscibili di sempre. SENZA EREDE. Per circa un decennio, del resto, il suo stile rappresentò il simbolo della creatività del gruppo Chrysler, alle prese in quegli anni con importanti vicende societarie: acquisito nel 1998 dalla Daimler, passò al fondo Cerberus nel 2007, per poi entrare progressivamente sotto il controllo della Fiat a partire dal 2008. Proprio la riorganizzazione del marchio dovuta allingresso nel capitale azionario di quello che nel 2011 avrebbe ottenuto la maggioranza del capitale, per poi dar vita al gruppo FCA nel 2014 ha segnato il destino di questa vettura, la cui produzione fu interrotta nel 2010 per far spazio alle linee per lassemblaggio della FIAT 500 AMERICANA [2]. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tutte-le-auto/chrysler/pt-cruiser [2] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2019/09/04/fiat_500_dal_2020_non_sara_piu_venduta_in_america.html 2020-09-05 11:15:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/04/psa_total_nasce_automotive_cell_company_la_joint_venture_per_produrre_batterie_in_europa/gallery/rbig/2020-psa-total-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32211 PSA-Total - Nasce Automotive Cell Company, la joint venture per produrre batterie in Europa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32211&tipo=fv Il gruppo PSA [1] e il colosso energetico Total hanno ufficializzato la creazione della joint venture Automotive Cells Company (ACC), che produrrà batterie ad alte prestazioni in Francia e Germania a partire dal 2023. Le due grandi aziende francesi hanno unito le forze per formare un leader nel settore della fornitura di auto elettriche. IL POTENZIALE. Laccordo era già stato ANNUNCIATO LO SCORSO GENNAIO [2] e i primi passi di questo progetto che richiederà oltre 5 miliardi dinvestimenti, di cui 1,3 provenienti da finanziamenti statali francesi e tedeschi sono stati mossi da mesi, con lavvio dei lavori nel centro di ricerca e sviluppo di Bordeaux e la costruzione di un sito pilota a Nersac. Le fabbriche sorgeranno una a Douvrin (in Francia) e una a Kaiserslautern (Germania): verranno avviate con una capacità iniziale di 8 GWh, per poi raggiungerne una complessiva di 48 GWh entro il 2030 in tutti e due gli stabilimenti. Il potenziale, dicono PSA e Total, garantirebbe la fornitura per 1 milione di veicoli elettrici lanno. UN UOMO CIASCUNO AL VERTICE. Yann Vincent, precedentemente a capo delle operazioni industriali e della catena dapprovvigionamento nel gruppo PSA, è stato nominato direttore generale di ACC e sarà responsabile dellimplementazione e dello sviluppo. Ghislain Lescuyer, presidente della Saft sussidiaria della Total operante nel campo delle batterie ha assunto invece lincarico di presidente del consiglio di amministrazione. IL COMMENTO DI TAVARES. La creazione di un consorzio europeo per la costruzione di batterie che stavamo invocando da tempo è ora una realtà - ha detto il numero uno del gruppo automobilistico transalpino -. Vorrei rendere omaggio allimpegno dei team Total/Saft e PSA/Opel, che hanno reso possibile questo progetto. Questo nuovo passo ha aggiunto Tavares - è coerente con la nostra raison dtre (ragion dessere, _ndr_): offrire ai cittadini una mobilità pulita, sicura e accessibile e pone Groupe PSA in una posizione di vantaggio competitivo in un contesto di crescita delle vendite di veicoli elettrici. LAutomotive Cells Company ha concluso il manager - aiuta Groupe PSA a progredire sulla strada della decarbonizzazione." Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PSA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/01/30/GRUPPO_PSA_TOTAL_JOINT_VENTURE_PRODUZIONE_BATTERIE_PER_UN_MILIONE_DI_AUTO_ELETTRICHE.HTML 2020-09-04 19:53:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/09/04/tesla_volkswagen_elon_musk_incontra_herbert_diess_e_prova_la_id_3/gallery/rbig/2020-Elon-Musk-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32210 Tesla-Volkswagen - Elon Musk incontra Herbert Diess e prova la ID.3 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32210&tipo=fv ELON MUSK, nel corso di una visita di cortesia in Germania, ha incontrato lamministratore delegato della Volkswagen, HERBERT DIESS. Nel corso dellincontro, stando ad alcune indiscrezioni, il ceo della Tesla si sarebbe messo al volante della nuova elettrica ID.3 [1] per effettuare un breve test drive. INDIZIO SOCIAL. Sul profilo twitter ufficiale della Volkswagen era stato in precedenza annunciato che il jet privato di Elon Musk era decollato giovedì dallaeroporto di Braunschweig, in Bassa Sassonia, il più vicino alla sede del costruttore di Wolfsburg. Al momento, tuttavia, non vi sono informazioni circa la natura dellincontro tra i due manager. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/CONTENT/QUATTRORUOTE/IT/NEWS/CURIOSITA/2020/09/04/ELON%20MUSK,%20NEL%20CORSO%20DI%20UNA%20VISITA%20DI%20CORTESIA%20IN%20GERMANIA,%20HA%20INCONTRATO%20L%E2%80%99AMMINISTRATORE%20DELEGATO%20DELLA%20VOLKSWAGEN,%20HERBERT%20DIESS.%20NEL%20CORSO%20DELL%E2%80%99INCONTRO,%20STANDO%20AD%20ALCUNE%20INDISCREZIONI,%20IL%20CEO%20DELLA%20TESLA%20SI%20SAREBBE%20MESSO%20AL%20VOLANTE%20DELLA%20NUOVA%20ELETTRICA%20ID.3%20PER%20EFFETTUARE%20QUALCHE%20GIRO%20DI%20PROVA.%20%20SUL%20PROFILO%20TWITTER%20UFFICIALE%20DELLA%20VOLKSWAGEN%20ERA%20STATO%20IN%20PRECEDENZA%20ANNUNCIATO%20CHE%20IL%20JET%20PRIVATO%20DI%20ELON%20MUSK%20ERA%20DECOLLATO%20GIOVED%C3%AC%20DALL%E2%80%99AEROPORTO%20DI%20BRAUNSCHWEIG,%20IN%20BASSA%20SASSONIA,%20IL%20PI%C3%B9%20VICINO%20ALLA%20SEDE%20DEL%20COSTRUTTORE%20DI%20WOLFSBURG.%20AL%20MOMENTO,%20TUTTAVIA,%20NON%20VI%20SONO%20INFORMAZIONI%20CIRCA%20LA%20NATURA%20DELL%E2%80%99INCONTRO%20TRA%20I%20DUE%20MANAGER. 2020-09-04 19:32:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/04/ecobonus_gli_incentivi_sulle_auto_91_110_g_km_finiranno_la_prossima_settimana/gallery/rbig/2020-incentivi-auto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32209 Incentivi auto - Ecobonus, i fondi per la fascia 91-110 g/km finiranno la prossima settimana http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32209&tipo=fv Non accenna a rallentare il ritmo di prenotazione degli INCENTIVI ALLACQUISTO [1] di auto nuove. Quattro giorni dopo lapertura della piattaforma, avvenuta la mattina dell1 settembre e grazie alla quale i dealer hanno potuto inserire anche gli acquisti effettuati a partire dal 15 agosto, giorno di entrata in vigore del cosiddetto decreto Agosto, dei 100 milioni stanziati per le auto con emissioni di CO2 comprese tra 91 e 110 g/km restano in cassa appena 34 milioni. Salvo sorprese, dunque, questa tranche di fondi finirà già la prossima settimana. E, anche ammettendo che il parlamento decida di rifinanziare ulteriormente questa misura (o di dirottare su questa fascia parte delle risorse, sovrabbondanti, destinate a quella 0-60), le nuove risorse arriverebbero solo con la conversione in legge del decreto, attesa nella prima metà di ottobre. NESSUN PROBLEMA SULLE ALTRE FASCE. Per quanto riguarda le altre fasce, dei 150 milioni previsti per le auto con emissioni comprese tra 61 e 90 ne sono stati utilizzati poco più di 25, mentre dei 50 milioni destinati al superbonus sulle auto con emissioni fino a 60 g/km ne sono stati prenotati poco più di cinque (ma questa fascia può comunque contare sul rifinanziamento del vecchio ecobonus, per il quale sono ancora disponibili, fino alla fine dellanno, oltre 176 milioni). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML 2020-09-04 18:59:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/04/_100_mazda_x_100_anni_milano_autoclassica_speciale_raduno_in_collaborazione_con_ruoteclassiche_e_youngtimer/gallery/rbig/100-mazda-x-100-anni-evento-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32208 Mazda Italia - Uno speciale raduno a Milano AutoClassica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32208&tipo=fv Nel 2020 la MAZDA [1] festeggia i suoi primi 100 anni: un traguardo importante, che il costruttore di Hiroshima vuole festeggiare assieme a tutti gli appassionati del brand. Per questo motivo, la filiale italiana della Casa, in collaborazione con Ruoteclassiche e Youngtimer, ha organizzato a Milano uno speciale raduno denominato 100 MAZDA X 100 ANNI [2]: un evento dedicato a tutti i modelli di ogni epoca e tipologia, purché appartenenti al marchio nipponico. Il meeting, in particolare, si svolgerà in concomitanza con MILANO AUTOCLASSICA, la fiera dedicata allesposizione di vetture classiche e youngtimer che si terrà nel capoluogo lombardo dal 25 al 27 settembre. PARTECIPAZIONE ATTIVA. Levento è orientato a coinvolgere attivamente tutti i partecipanti, allo scopo di trovare 100 Mazda, di tutte le tipologie, colori ed epoche, per poter raccontare al meglio levoluzione tecnica e stilistica delle beniamine giapponesi. Il raduno si terrà in forma statica il 26 settembre e sarà aperto a tutti i modelli, compresi quelli attualmente a listino. Tra le candidate, verranno selezionate le 100 vetture ritenute più interessanti e particolari, al fine di raggruppare il maggior numero possibile di modelli differenti. DOVE SI TERRà. Il punto di ritrovo per i mazdisti sarà lo stand della Casa allinterno dellarea espositiva. Nellampio spazio dedicato, di circa 150 metri quadrati, verranno esposte sei Mazda per creare unatmosfera più suggestiva e coinvolgente. Nella mattinata di sabato 26 settembre, le 100 auto selezionate verranno esaminate da una giuria di esperti e classificate in 10 categorie per partecipare a un concorso interno. Di seguito, riportiamo le classi previste: Nonna Mazda - la più anziana del gruppo Mazda Style - la personalizzazione più apprezzata Alte percorrenze - la più in forma tra le più chilometrate Sì viaggiare... - lesemplare che arriva da più lontano Trovane unaltra! - la versione più rara Come nuova - lesemplare con minore chilometraggio originale Rotary club - la migliore Wankel in esposizione Premio Ruoteclassiche - la preferita della redazione Alta fedeltà - la preferita di Mazda Italia Best of show - la più votata dal pubblico o la prescelta dalla giuria BONUS DEDICATI. I proprietari delle vetture partecipanti al raduno 100 Mazda x 100 Anni avranno diritto allingresso e al parcheggio allinterno della fiera a titolo gratuito. Per eventuali accompagnatori, inoltre, è previsto un biglietto dingresso scontato al prezzo di 15 euro (anziché 25). Gli orari di ingresso e di uscita sono predefiniti e, rispettivamente, fissati alle 9.30 e alle 17.30. Le auto verranno ospitate in unarea dedicata allesterno del padiglione 24. Per inoltrare le candidature, è sufficiente scrivere allindirizzo mail EVENTI@RUOTECLASSICHE.IT, indicando nelloggetto Raduno 100 anni Mazda. La conferma sarà comunicata tramite email o telefono. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MAZDA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://RUOTECLASSICHE.QUATTRORUOTE.IT/100-MAZDA-X-100-ANNI-GRANDE-RADUNO-A-MILANO-AUTOCLASSICA/ 2020-09-04 18:37:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/02/volkswagen_golf_gti_prezzo_interni_motore_prestazioni/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Golf-GTI-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32205 Volkswagen Golf GTI - Lode alle hot hatch - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32205&tipo=fv In un mondo automobilistico che procede spedito verso lelettrificazione, una hot hatch vecchia scuola, mossa da un semplice motore turbobenzina, non può che far venire i lucciconi agli occhi di chi, nonostante tutto, ama ancora stringere un volante tra le mani. Specie se lauto in questione è lottava generazione della VOLKSWAGEN GOLF GTI [1], colei che nel 1975 ha inventato la categoria delle compatte sportive. CATTIVA MA NON TROPPO. Sono passati più di quarantanni ma, in fondo, il significato intrinseco delle tre magiche letterine non cambia: la Golf GTI, da sempre, è unauto con cui ti puoi divertire, ma anche spostarti comodamente quando non hai voglia di stabilire un nuovo record nel tragitto casa-ufficio. Anche per questo la sportività è soffusa, non urlata. Fuori, ecco comparire due terminali di scarico, scritte GTI qua e là e lirrinunciabile filetto rosso sul muso, oltre a paraurti specifici e più aggressivi. RICHIAMO ALLA TRADIZIONE. Linterno segue lo stesso fil rouge, con schermata dedicata (il contagiri è al centro della scena) nel quadro strumenti digitale e, soprattutto, nuovi sedili anteriori più profilati, con poggiatesta integrato: oltre a sostenere bene il corpo in curva, hanno la parte centrale rivestita di tessuto tartan, che richiama alla mente quello delle GTI prima serie. Lesemplare che ho guidato in questo primo contatto monta pure un cambio manuale a sei marce, con un pomello che ricorda quello a pallina da golf tipico delle GTI dantan. SOLO DSG, PER ORA. Una precisazione, prima di continuare: in Italia, al momento, la Golf GTI è disponibile solo col cambio a doppia frizione Dsg a sette rapporti. Ma non è detto che, in futuro, non arrivi da noi pure la variante con la trasmissione manuale. Fra laltro, in Volkswagen affermano che, qualora decidessero di non importare ufficialmente la GTI con tre pedali, i più integralisti potrebbero comunque averla richiedendola esplicitamente in concessionaria: gli ordini sono già aperti, ma per le prime consegne servirà aspettare ancora qualche settimana. MANUALE CONTRO AUTOMATICO. Dopo aver fatto circa 200 km su strade di campagna (con molti rettilinei, a dir la verità), posso dirvi che il manuale non è unopzione da scartare a priori. Intendiamoci, il Dsg funziona sempre alla grande: è inappuntabile nella logica in modalità automatica e veloce quando volete prendere in mano la situazione (anche se, in questultimo caso, non tiene la marcia scelta fino al limitatore). Tuttavia, la bella sensazione tattile che regala questo sei marce - la leva ha movimenti corti e innesti piuttosto precisi - ingolosirà gli amanti della bella guida e delle hot hatch in generale. SUONA BENE. Restando in tema di sensazioni, pure il sound non è male: nulla di davvero chiassoso, ok, ma la colonna sonora del brillante 2 litri TSI da 245 CV (lo stesso che muoveva la Golf 7 Performance) e 370 Nm è perfetta per una sportiva non esagerata come questa GTI. Che, fra le curve, non si trova mai in difficoltà. I tecnici hanno infatti rivisto la taratura di molle e ammortizzatori (più rigidi del 5% davanti e del 15% dietro) e abbassato lassetto di 15 millimetri rispetto alle altre Golf. In ogni caso, vale comunque la pena scegliere le sospensioni a controllo elettronico Dcc (865 euro) che hanno una logica di funzionamento rivista e riescono a coniugare senza grande difficoltà la capacità di assorbimento alle basse velocità con il sostegno quando si va forte. COMPOSTA. Il buon feeling generale fra le curve passa pure dal differenziale a slittamento limitato Vaq (di serie) che ripartisce la coppia fra le ruote anteriori grazie a una frizione a lamelle a controllo elettronico. Pur non essendo una vera e propria novità per le auto del gruppo Volkswagen, allatto pratico questo dispositivo riduce nettamente la tendenza del muso ad allargare in piena accelerazione in uscita di curva. E non invia mai reazioni sgradite allo sterzo (a rapporto variabile): non si tratta di un comando affilatissimo - e potrebbe essere un poco più preciso - ma, a conti fatti, è piacevolmente diretto e riesce a trasferire ai palmi delle mani buona parte delle informazioni provenienti dai pneumatici anteriori. SUPERA I 40.000 EURO. Se a tutto ciò aggiungete un certo coinvolgimento del retrotreno quando è stuzzicato a dovere (in pista potete pure escludere lEsc, oppure settarlo sulla nuova modalità Sport, più permissiva), avrete la misura della piacevolezza generale raggiunta della GTI numero 8. Che non nasce per offrire sensazioni particolarmente forti ma si rivela sempre ben bilanciata, con un telaio in grado di supportare alla grande i 245 cavalli del turbobenzina. E, quando si vuole procedere con calma, non è eccessivamente scomoda. Il tutto naturalmente ha un prezzo, che in questo caso è fissato a 41.450 euro. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/05/14/volkswagen_golf_nuovi_dettagli_tecnici_e_un_video_sulla_gti_.html 2020-09-04 17:33:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/07/28/volkswagen_id_3_prezzo_autonomia_interni_uscita_primo_contatto/gallery/rbig/2020-Volkswagen-ID3-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32207 Volkswagen ID.3 - Al volante dellelettrica di Wolfsburg - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32207&tipo=fv I due pedali della VOLKSWAGEN ID.3 [1] sono estremamente rappresentativi. Per carità, la forma è sempre la solita e la funzione pure. Ma il fatto che siano identificati da un triangolo e due barrette, ovvero gli universalmente noti "play" e "pause", simboleggia alla perfezione la svolta filosofica e industriale che sta affrontando il gruppo Volkswagen. Ecco perché, prima di mettermi al volante della ID.3, mi soffermo più del solito a soppesare ciò che ho davanti. Questa non è certo la prima elettrica partorita dal marchio di Wolfsburg e, a ben pensarci, non ha nemmeno qualcosa di straordinariamente rivoluzionario rispetto ad altre macchine a batteria già in commercio. Tuttavia, sono conscio del fatto che sto per guidare un oggetto che avrà un pesante significato storico. Senza richiamare nuovamente in ballo il Maggiolino o la Golf, figure mitologiche della produzione tedesca, la ID.3 è infatti il primo modello di serie basato sulla piattaforma Meb, quella che darà vita a una nuova famiglia di prodotti elettrici che rientrano in un investimento totale di 34 miliardi di euro a livello di gruppo, necessari per sfornare, entro il 2029, i settantacinque modelli a batteria previsti per i vari brand. UNA MEB PER TUTTI. Un vero e proprio "all in", insomma, con la Meb pronta a essere condivisa con i cugini di Audi, Seat e Skoda, ma persino con la Ford, perché lintenzione è quella di vendere larchitettura anche a terzi. In ogni caso, la ID.3 è finalmente qui, pur avendo dovuto affrontare QUALCHE DIFFICOLTà ADOLESCENZIALE [2] che però non ha compromesso il suo percorso: la vettura è già ordinabile e le prime consegne avverranno nel primo trimestre del 2021, con una gamma articolata su sette versioni. Che si distinguono principalmente per il livello di equipaggiamento (sono preconfigurate con tutto quello che i clienti solitamente vogliono, per velocizzare produzione e consegna), condividendo il medesimo layout tecnico: motore elettrico da 204 CV montato dietro (quindi la trazione è là) e batteria da 58 kWh per 420 km circa di autonomia nel ciclo Wltp. Cè poi un solo allestimento di punta che adotta il pacco batteria da 77 kWh (550 i km previsti), mentre nel 2021 arriverà la futura versione base, la promessa da trentamila euro, con motore da 146 CV e batteria da 45 kWh per 330 km di range. FUORI GOLF, DENTRO PASSAT. Guardo la ID.3 da fuori e le proporzioni promettono bene: lelettrica è lunga come una Golf 8, anzi due centimetri in meno (4,26 metri), ma ha gli sbalzi corti e il passo molto lungo (277 cm, quasi come la Passat). Magie dellarchitettura elettrica, che consente uno sfruttamento ottimale degli spazi interni. La zona posteriore, difatti, può accogliere comodamente tre persone (non cè lostacolo del tunnel centrale) e lo spazio per le gambe, a occhio, è superiore alla media del segmento C. Peccato soltanto che manchino le bocchette posteriori, ma in compenso lo smartphone sarà sempre carico grazie a due prese Usb-C. Il baule, poi, è del tutto simile a quello di una Golf: 385 litri e la stessa forma, ottimamente sfruttabile. POCO MORBIDA. La plancia ha un disegno lineare, quasi minimalista, e la mano cade subito sui materiali di rivestimento. Fatta eccezione per il fascione centrale su cui poggiano i due schermi, soffice al tatto e gradevole da vedere, tutte le altre plastiche sono di tipo rigido, dai pannelli porta ai montanti anteriori, nonché la parte inferiore della plancia e il tunnel centrale. Da qualche parte, insomma, i costi andavano contenuti. E investiti magari in altri comparti, come per esempio quello digitale. Apprezzabile, in questo senso, lefficacia e la funzionalità dei due schermi. Il più piccolo, da 5,3 pollici, è davanti agli occhi del guidatore ed è solidale col piantone dello sterzo, quindi sempre ottimamente visibile. Le informazioni sono soltanto quelle necessarie (Adas, tachimetro, autonomia e navigazione) e possono essere ingrandite con il tasto view al volante, che restituisce un piacevole feedback tattile. Al centro, orientato verso sinistra, cè il display da 10,1 pollici deputato a tutte le altre funzioni. In sostanza, si tratta dellimpianto di ultima generazione che monta anche la Golf 8, con uninterfaccia chiara e ben comprensibile, alcuni tasti fisici per accedere velocemente alle funzioni più utilizzate (tra cui la temperatura) e un buon assistente vocale con cui interagire senza staccare le mani dal volante. SPINGE COME VORRESTI. Proprio alla sua destra, cè il comando a satellite per la trasmissione, che per la sua forma ricorda quello della BMW i3. Ed è altrettanto pratico, poiché basta ruotarlo avanti o indietro per muoversi. Inserita la D, con il piede sul pedale del Play, la spinta è quella che ti aspetti da unelettrica con 204 CV e 310 Nm: istantanea e corposa, ma mai brutale, per muoversi agevolmente (0-60 km/h in 3,5 secondi, 0-100 in 7,3). Di fatto la ID.3 arriva alla velocità massima (160 km/h limitati) senza cali di rendimento, la progressione è davvero ottima. Spostando poi il comando della trasmissione in modalità B, si ottiene il livello superiore di rigenerazione in rilascio (per 0,3 g di decelerazione), che consente di fare quasi a meno del pedale del freno. Quando serve rallentare sul serio, la frenata appare ben modulabile e adeguata alla ID.3, pur in presenza di semplici tamburi posteriori. FORMA INVIDIABILE. Laspetto maggiormente apprezzabile è però il bilanciamento, garantito dallequa distribuzione della massa: il pacco batterie al centro e il motore dietro garantiscono un invidiabile 50-50 dei pesi sui due assi. La compatta unità elettrica piazzata dietro, offre poi un grande vantaggio: le ruote anteriori sono più libere, dovendo soltanto direzionare la vettura e non trainarla, e ne beneficiano sia il diametro di volta (10,2 metri appena, come una Polo), sia lo sterzo, molto più "pulito". Fra le curve, insomma, la ID.3 restituisce sensazioni gradevoli. E LAUTONOMIA? Se vi state invece domandando quanta strada fa la ID.3, al momento posso affidarmi ai dati del computer di bordo letti dopo un percorso di circa 240 km, fatto per lo più in autostrada e in statale (che non sono il terreno ideale per unelettrica): autonomia iniziale di circa 330 km con batteria al 95% e consumo medio pari a 15,3 kWh/100 km. CARICHI DOVE VUOI. Nel capitolo ricarica, nulla è stato lasciato al caso. Chi ha la possibilità di gestire loperazione a domicilio può installare la wallbox ID. Charger (prezzi da circa 400 in su) e in un paio dore si mettono in cascina circa 100 km di autonomia (a 6 kW, la vettura ne può accettare 11 in corrente alternata); la nottata, invece, è sufficiente per il pieno. Se invece ci si rivolge alle colonnine fast da 50 kW, basta un quarto dora per incamerare 100 km, mentre un ripristino completo richiede poco più di unora. La ID.3, peraltro, accetta 100 kW (125 per la versione con batteria da 77 kWh), dunque presso un distributore Ionity i tempi scendono drasticamente: a 125 kW, in un quarto dora si guadagnano 250 km di autonomia, in mezzora ben 400. Per quanto riguarda la ricarica pubblica, i clienti possono usufurire del servizio WeCharge, una tessera (o unapp) che dà accesso a 10.000 colonnine sul territorio italiano e a circa 150.000 in tutta Europa. DA 38.900 EURO. Infine i prezzi. Come detto, la gamma della ID.3 si articola su sette versioni. Sei di queste condividono il taglio della batteria da 58 kWh: si tratta di allestimenti predefiniti che includono già un esaustivo corredo di accessori. Tutti, infatti, prevedono di serie dotazioni piuttosto importanti, dai fari full Led al navigatore Discover Pro e infotaiment da 10", dal regolatore di velocità attivo alla frenata automatica e assistente al mantenimento di corsia. Si parte con la Life a 38.900 euro e da qui a salire di prezzo e dotazioni: Business e Style (42.900 euro), Family (43.900 euro), Tech (45.900 euro) e Max (48.200 euro). Allapice cè la Tour (48.900 euro) con batteria da 77 kWh. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/VOLKSWAGEN_ID3_AUTONOMIA_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/13/VOLKSWAGEN_SOFTWARE_NON_RITARDERA_IL_LANCIO_DELLA_ID_3.HTML 2020-09-04 17:33:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/04/f_1_gp_italia_libere_2_le_mercedes_non_hanno_rivali/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32206 F.1, GP Italia - Libere 2: le Mercedes non hanno rivali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32206&tipo=fv Le MERCEDES DETTANO IL PASSO anche nella SECONDA SESSIONE DI PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DITALIA [1]. Lewis Hamilton è stato il più veloce oggi pomeriggio, chiudendo un giro veloce del circuito di Monza in 1:20.192. VALTTERI BOTTAS gli è rimasto dietro per poco più di due decimi, mentre al terzo posto troviamo la McLaren di LANDO NORRIS. Il pilota inglese della McLaren ha avuto un problema alla power unit che gli ha fatto perdere gran parte della sessione, ma è riuscito a segnare comunque un buon giro sul finale che fa ben sperare per il prosieguo del fine settimana. ALPHATAURI SUGLI SCUDI. Riflettori puntati sui motorizzati Honda, perché Pierre Gasly conferma la buona competitività della SCUDERIA ALPHATAURI [2]. Il team italiano, che a Monza festeggia proprio la cinquantesima gara insieme al motorista giapponese, ha piazzato agevolmente i suoi piloti tra i primi dieci, con Gasly quarto e Kvyat settimo. Programma differenziato per la Red Bull che, nonostante tutto, non sembra avere il passo giusto per infastidire le Mercedes lì davanti, tanto da accusare distacchi davvero sostanziali. LA ROSSA ARRANCA. Rispetto a stamattina, la Ferrari ha fatto un passo avanti: Charles Leclerc ha chiuso in nona posizione, mentre Vettel è dodicesimo. Tuttavia, le cose non sembrano girare bene nei box del Cavallino: la SF1000 risulta difficile da guidare e questo ha portato i due piloti a commettere degli errori alla Lesmo. In particolar modo, Vettel ha avuto la peggio, finendo in testacoda durante il suo long run e ha anche sfiorato le barriere, per fortuna senza danneggiare molto la monoposto. Leclerc è uscito nello stesso punto, ma è semplicemente finito sulla ghiaia, senza ulteriori complicazioni. GUARDA LA CLASSIFICA COMPLETA DELLE LIBERE 2 DI MONZA [3] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?AUTODROMO_NAZIONALE_DI_MONZA_1 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?ALPHATAURI_21943 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-04 17:33:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/04/mustang_cobra_jet_1400_la_muscle_car_che_impenna_come_una_dragster_video/gallery/rbig/2020-ford-mustang-cobra-jet-1400-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32204 Mustang Cobra Jet 1400 - La muscle car elettrica che simpenna come una dragster - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32204&tipo=fv Una Mustang così non si era mai vista nei 55 ANNI DI STORIA DELLA CELEBRE PONY CAR [1]: con una potenza di picco di 1.502 CV, il prototipo COBRA JET 1400 [2] ha appena fatto segnare un tempo di soli 8,27 secondi nel classico quarto di miglio (circa 402 metri), con una velocità duscita di 168 miglia orarie (270 km/h): numeri da hypercar, che superano quelli già notevoli registrati pochi giorni fa dalla LUCID AIR [3]. ELETTRICA. Proprio come la berlina californiana, questa muscle car è lennesima dimostrazione delle potenzialità sportive dei powertrain a emissioni zero, al pari di unaltra elettrica ad alte prestazioni dellOvale Blu, la MUSTANG MACH-E 1400 [4] svelata a luglio. La coupé è stata sviluppata in collaborazione con Cascadia Motion, che ha fornito i quattro motori dellauto, capaci di operare fino 10 mila giri al minuto, con una potenza massima di 350 kW per unità. Per gestire la potenza del powertrain, Ford Performance ha elaborato un algoritmo di controllo in collaborazione con lazienda Aem-Ev, specializzata in software e centraline dedicate ai veicoli a emissioni zero. La specifica messa a punto del telaio è invece avvenuta con il contributo di MLe Racecars. DA ESIBIZIONE. Numeri alla mano, si tratta quindi di una vettura con caratteristiche da dragster, impennate comprese: nel video realizzato dalla Ford, lauto si solleva in accelerazione. Del resto, questesemplare verrà utilizzato per alcune spettacolari esibizioni in pubblico a cominciare da questo fine settimana, in occasione dellNhra U.S. Nationals, il celebre evento di drag racing che si svolge ogni anno a Indianapolis: il pilota Bob Tasca III, al volante dellelettrica, sfiderà Tony Pedregon, campione di funny car e presentatore della Fox, che guiderà una Mustang Cobra Jet a motore termico. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2019/11/17/ford_mustang_la_storia_dell_iconica_sportiva_foto_gallery.html [2] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/04/23/ford_svelata_la_electric_mustang_cobra_jet_1400.html [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/lucid_air_la_berlina_elettrica_batte_la_tesla_model_s_nel_quarto_di_miglio_video.html [4] https://www.quattroruote.it/news/concept/2020/07/21/ford_mustang_mach_e_1400_presentata_la_variante_da_competizione_della_suv_elettrica.html 2020-09-04 16:27:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/04/tesla_la_model_y_costruita_a_berlino_avra_caratteristiche_proprie/gallery/rbig/2020-tesla-model-y-produzione-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32203 Tesla - La Model Y costruita in Europa avrà caratteristiche tecniche proprie http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32203&tipo=fv La MODEL Y [1] costruita e venduta in Europa non sarà una mera replica di quella americana: ad annunciarlo è stato il numero uno della TESLA [2], ELON MUSK [3], nel corso di una visita al sito su cui sta nascendo la NUOVA GIGAFACTORY [4] della Casa californiana, nei pressi di Berlino. FABBRICA PIONIERISTICA. Parlando con i media locali, limprenditore di origini sudafricane ha anticipato alcuni contenuti del Battery Day in programma il prossimo 22 settembre. Nelloccasione, Musk svelerà alcune novità relative allattività della Tesla e, più in particolare, del nascente impianto tedesco, che per primo beneficerà di alcune innovazioni produttive. Questultime si rifletteranno sulla Model Y e, più precisamente, sembrerebbero riguardare la costruzione del telaio. MODIFICHE STRUTTURALI. Musk non è entrato nei dettagli della faccenda, ma certamente non lha sminuita: Si tratta di una riprogettazione radicale della tecnologia alla base della costruzione dellauto ha detto lex co-fondatore, sottolineando ulteriormente la portata di questo cambiamento tecnologico: Per la prima volta ci sarà una trasformazione del design strutturale alla base del veicolo, ha spiegato Musk, rivelando che sarà una questione abbastanza grossa. Lamministratore delegato della Tesla ha anche confermato che la Gigafactory europea sarà più avanzata rispetto a quella di Fremont. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TESLA-MODEL-Y [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ELON-MUSK [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/11/TESLA_LA_GIGAFACTORY_TEDESCA_PRODURRA_500000_AUTO_ALL_ANNO.HTML 2020-09-04 15:08:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/08/26/kia_sorento_phev_interni_autonomia_uscita_dell_ibrida_plug_in/gallery/rbig/2020-kia-sorento-phev-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32201 Kia Sorento - Svelata la variante ibrida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32201&tipo=fv A pochi mesi dal lancio della QUARTA GENERAZIONE DELLA SORENTO [1], la KIA [2] ha confermato larrivo della variante plug-in hybrid. Questa versione affiancherà la diesel 2.2 da 202 CV e la Hybrid benzina da 230 CV già annunciate, mentre i prezzi di listino per il mercato italiano non sono ancora noti. La commercializzazione in Europa è prevista allinizio del 2021. PLUG-IN HYBRID BENZINA DA 265 CV. La Kia Sorento Phev utilizza lo stesso 1.6 T-GDI Smartstream benzina da 180 CV e 265 Nm con cambio automatico sei marce della Hybrid. Lunità viene però abbinata a un motore elettrico da 91 CV e 304 Nm, per una potenza totale di sistema di 265 CV e 350 Nm, mentre non è ancora nota lautonomia in modalità elettrica. I dati relativi a consumi ed emissioni sono infatti ancora in fase di omologazione e saranno comunicati a ridosso del lancio commerciale della vettura. LE BATTERIE NON RUBANO SPAZIO SULLA SUV. Le batterie da 13,8 kWh utilizzano per la prima volta in Casa Kia il raffreddamento indipendente a liquido, per migliorare lefficienza a prescindere dalle condizioni climatiche. Lintegrazione di questi componenti nella nuova piattaforma ha permesso di non modificare labitabilità interna e lo spazio per i bagagli rispetto alle versioni diesel e hybrid: la Sorento Phev offre quindi sette posti e un vano dalla capienza variabile da 175 a 898 litri. Le uniche differenze sostanziali rispetto agli altri allestimenti sono quelle relative ai badge esterni, alla presenza della presa di ricarica ed alle grafiche dedicate nei display interni. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/02/17/kia_prime_foto_della_nuova_sorento.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/KIA 2020-09-04 14:40:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/07/20/opel_corsa_e_prezzo_autonomia_e_primo_contatto_su_strada/gallery/rbig/2020-Opel-Corsa-e-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32202 Opel Corsa-e - Al volante dellelettrica tedesca - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32202&tipo=fv Arriva anche in Italia, giusto in tempo per gli INCENTIVI [1] statali, la versione elettrica della OPEL CORSA [2]. Contraddistinta semplicemente dalla lettera "e" e da poche modifiche estetiche, la piccola tedesca è la terza vettura del Gruppo PSA a ricevere le batterie e un motore ad hoc da 136 CV. Sviluppata sulla stessa piattaforma della E-208 [3] e della DS 3 CROSSBACK E-TENSE [4], la Corsa-e ha ottimi numeri da giocare, specialmente nel prezzo: il listino parte da 31.300 euro (le sorelle sono più care) e arriva a 32.900 per la versione più equipaggiata. SUPERA I 300. La Opel più amata dagli italiani è ora disponibile anche in versione elettrica pura, con molti dettagli che la differenziano rispetto alle altre EV. La capacità delle batterie, per esempio: 50 kWh (45 utilizzabili, che sono comunque un bel po per unauto di quattro metri) e la ricarica rapida da 100 kW con la presa Ccs2 di serie, una caratteristica solitamente appannaggio di veicoli ben più costosi. In termini di autonomia, secondo quanto dichiarato dalla Opel, si possono fare più di 330 km nel ciclo Wltp. SUPERBATTERIE. Il blocco degli accumulatori a T (80 moduli da 216 celle raffreddate a liquido) è realizzato dalla cinese Catl (uno dei fornitori della Tesla) ed è garantito per otto anni o 160 mila km. Le batterie forniscono energia a un motore sincrono trifase a corrente alternata: la trazione è anteriore e la velocità massima è di 150 km/h. PROVA SEMAFORO. Tanta potenza e soprattutto la coppia fulminea (260 Nm) danno ai primi metri del mio test una nota quasi racing: la Corsa-e sgomma ai semafori, forse per il caldo o forse perché chi lha guidata prima di me ha dimenticato il selettore delle modalità di guida in Sport. Meglio passare in Normal, dove si può gestire meglio lacceleratore e soprattutto scendere da un consumo di 30 kWh/100 km a poco più di 16, secondo il computer di bordo. Insomma, se volete metterla alla prova nello sprint, sappiate che la piccola del Fulmine fa lo 0-50 km/h in 2,8 secondi e lo 0-100 in 8,1. Nel silenzio più assoluto. vero, pesa circa 300 kg in più di una Corsa normale (1.530 kg a secco), ma nella guida cittadina la differenza di massa non ha praticamente alcun effetto. La Corsa-e anche un assetto un po più dinamico rispetto alla sorella e-208 e nella modalità Sport viene aggiunto un po di carico al volante. Passando allestremo opposto, ovvero al setup Eco, la potenza del motore viene ridotta di circa un terzo e anche il clima ha funzioni più limitate, ma è molto efficiente dal punto di vista energetico perché utilizza una pompa di calore: con questa modalità, il consumo può oscillare tra gli 11 e i 13 kWh/100km. RICARICA A PIACERE. Oltre al citato collegamento in corrente continua per caricare a 100 kW, che significa poter ripristinare l80% dellautonomia in 30 minuti prsso una colonnina rapida, la Corsa-e può essere ricaricata anche utilizzando prese da 7,4 kW (per il pieno servono 7 ore e 15 minuti) o trifase da 11 kW. Con gli sconti previsti per la rottamazione, fino al 31 dicembre il prezzo scende fino a un massimo di 10.000 euro. Considerando le ottime dotazioni della Corsa-e (fari matrix Led, sistemi Adas a profusione, multimedialità e connessione alla Rete, interni pregiati) è veramente un buon affare. Se poi si cumulano anche gli incentivi regionali e comunali Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2020/07/16/incentivi_auto_il_decreto_rilancio_passa_anche_al_senato_ecco_i_modelli_che_accedono_al_bonus.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/OPEL/CORSA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/25/NUOVA_PEUGEOT_208_INFORMAZIONI_DATI_TECNICI_FOTO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/10/22/DS_3_CROSSBACK_AL_VOLANTE_DELLA_E_TENSE.HTML 2020-09-04 14:40:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/04/f_1_gp_italia_libere_1_bottas_il_piu_veloce/gallery/rbig/2020-mercedes-bottas.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32200 F.1, GP Italia - Libere 1: Bottas il più veloce http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32200&tipo=fv La MERCEDES [1] VOLA nelle prime prove libere del GRAN PREMIO DITALIA. Nei primi novanta minuti di prove a Monza, Valtteri Bottas è risultato il più veloce grazie a un tempo di 1:20.703. Il finlandese ha staccato di due decimi il compagno di squadra Lewis Hamilton. BENE I MOTORIZZATI HONDA. Alexander Albon ha segnato il terzo tempo nel corso della prima sessione, mentre il suo compagno di squadra Verstappen ha chiuso quinto, con un secondo di ritardo dalla vetta. Max è anche stato autore di un incidente: dopo aver perso il retrotreno alla Variante Ascari, è andato a sbattere, danneggiando lala anteriore. Per sua fortuna, però, è riuscito a riportare ai box la sua RB16 e poco dopo è così tornato in pista. Ottimo inizio per la SCUDERIA ALPHATAURI [2], con Daniil Kvyat che ha segnato il quarto tempo e Pierre Gasly il sesto. FERRARI ANCORA INDIETRO. Su una pista dove aerodinamica e motore sono fondamentali per un buon giro veloce, la Ferrari guarda da lontano gli avversari: Leclerc è riuscito a limitare i danni e chiudere la sessione in undicesima posizione, mentre Sebastian Vettel ha chiuso addirittura diciannovesimo, alle spalle di Nissany, rookie della Williams, con oltre due secondi di ritardo. Delude un po anche la Racing Point, con Perez solamente settimo e Stroll addirittura tredicesimo. Tra di loro troviamo anche le due McLaren di Norris e Sainz, rispettivamente in ottava e decima posizione. Nono Ricciardo, che a Monza è sceso in pista con una nuova power unit Renault. GUARDA I RISULTATI DELLE PROVE LIBERE 1 A MONZA [3] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?MERCEDES_21232 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?ALPHATAURI_21943 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-09-04 13:11:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/04/mustang_cobra_jet_1400_la_muscle_car_che_impenna_come_una_dragster_video/gallery/rbig/2020-ford-mustang-cobra-jet-1400-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32199 Mustang Cobra Jet 1400 - La muscle car elettrica che impenna come una dragster - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32199&tipo=fv Una Mustang così non si era mai vista nei 55 ANNI DI STORIA DELLA CELEBRE PONY CAR [1]: con una potenza di picco di 1502 CV, il prototipo COBRA JET 1400 [2] ha appena fatto segnare un tempo di soli 8,27 secondi nel classico quarto di miglio (circa 402 metri), con una velocità duscita di 168 miglia orarie (270 km/h): numeri da hypercar, che superano quelli già notevoli registrati pochi giorni fa dalla LUCID AIR [3]. ELETTRICA. Proprio come la berlina californiana, questa muscle car è lennesima dimostrazione delle potenzialità sportive dei powertrain a emissioni zero, al pari di unaltra elettrica ad alte prestazioni dellOvale Blu, la MUSTANG MACH-E 1400 [4] svelata a luglio. La coupé è stata sviluppata in collaborazione con Cascadia Motion, che ha fornito i quattro motori dellauto, capaci di operare fino 10 mila giri al minuto, con una potenza massima di 350 kW per unità. Per gestire la potenza del powertrain, Ford Performance ha elaborato un algoritmo di controllo in collaborazione con lazienda Aem-Ev, specializzata in software e centraline dedicate ai veicoli a emissioni zero. La specifica messa a punto del telaio è invece avvenuta con il contributo di MLe Racecars. DA ESIBIZIONE. Numeri alla mano, si tratta quindi di una vettura con caratteristiche da dragster, impennate comprese: nel video realizzato dalla Ford, lauto si solleva in accelerazione. Del resto, questesemplare verrà utilizzato per alcune spettacolari esibizioni in pubblico a cominciare da questo fine settimana, in occasione dellNhra U.S. Nationals, il celebre evento di drag racing che si svolge ogni anno a Indianapolis: il pilota Bob Tasca III, al volante dellelettrica, sfiderà Tony Pedregon, campione di funny car e presentatore della Fox, che guiderà una Mustang Cobra Jet a motore termico. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2019/11/17/ford_mustang_la_storia_dell_iconica_sportiva_foto_gallery.html [2] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/04/23/ford_svelata_la_electric_mustang_cobra_jet_1400.html [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/lucid_air_la_berlina_elettrica_batte_la_tesla_model_s_nel_quarto_di_miglio_video.html [4] https://www.quattroruote.it/news/concept/2020/07/21/ford_mustang_mach_e_1400_presentata_la_variante_da_competizione_della_suv_elettrica.html 2020-09-04 12:07:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/volkswagen_golf_a_listino_le_versioni_elettrificate_etsi_ehybird_e_gte/gallery/rbig/2020-volkswagen-golf-gamma-hybrid-32.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32198 Volkswagen Golf - A listino le versioni elettrificate eTSI, eHybrid e GTE http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32198&tipo=fv La gamma della VOLKSWAGEN GOLF [1] arriverà a comprendere cinque varianti elettrificate. Tra le mild hybrid, alla 1.5 eTSI da 150 CV già in commercio si aggiunge ora la 1.0 eTSI da 110 CV, ed è prevista anche una via di mezzo da 131 CV non ancora introdotta a listino. Al contempo, è iniziata la vendita di altre due versioni con tecnologia plug-in: LA EHYBRID E LA GTE [2]. Le eTSI sono disponibili con prezzi compresi tra i 28.800 e i 33.200 euro, mentre le eHybrid e GTE sono offerte rispettivamente a partire da 38.100 e 43.400 euro. TRE STEP DI POTENZA. Le Golf eTSI con sistema mild hybrid adottano di serie il cambio automatico Dsg a sette rapporti e il filtro antiparticolato e sono declinate in tre allestimenti: Life, Style e R-LINE [3]. Nel dettaglio, la versione daccesso è la 1.0 eTSI da 110 CV e 200 Nm. Segue la versione intermedia, che sfrutta un 1.5 in grado di erogare una potenza di 131 CV (200 Nm). Questultima unità equipaggia anche la variante di punta da 150 CV e 250 Nm. Secondo il costruttore tedesco, il nuovo sistema a 48 V contribuirebbe a una riduzione dei consumi fino a 0,4 l/100 km. In attesa di ulteriori dettagli in merito, la Casa ha reso noto che sulla Golf 1.5 eTSI da 150 CV i consumi nel ciclo Nedc si attesteranno intorno ai 4,6 l/100 km. DOTAZIONE COMPLETA. Il pacchetto base comprende vari sistemi di assistenza alla guida, tra cui il Lane Assist, il Front Assist con funzione di riconoscimento dei pedoni e dei ciclisti, il differenziale autobloccante XDS e il Car2X per la comunicazione locale con gli altri veicoli e le infrastrutture connesse. Allinterno dellabitacolo si possono trovare il Digital Cockpit e limpianto stereo da 8,25, comprensivo dei servizi online a bordo e delle funzioni We Connect e We Connect Plus. Completano la dotazione di serie il volante multifunzione, il climatizzatore automatico monozona Climatronic, il sistema di avviamento Keyless-Start, il collegamento Bluetooth, i fari e le luci di lettura a Led e due prese Usb-C. EHYBRID E GTE. Entrambe le declinazioni ibride plug-in della Golf sfruttano il motore 1.4 TSI, abbinato a un cambio Dsg a sei rapporti e a ununità elettrica. Nel caso della eHybrid, la potenza complessiva raggiunge i 204 CV (350 Nm), mentre sulla GTE questa sale a 245 CV (400 Nm). In termini di performance, il passaggio da 0 a 100 km/h avviene rispettivamente in 7,4 e 6,7 secondi, con velocità di punta di 220 e 225 km/h. Le Golf eHybrid e GTE offrono una capacità energetica superiore del 50% (13 kWh) rispetto alla Golf plug-in di precedente generazione. Un risultato che, tradotto in termini pratici, consente di ottenere unautonomia elettrica maggiore. MAGGIOR EFFICIENZA. La Golf eHybrid può percorrere, secondo la Casa, fino a 80 chilometri a emissioni zero, mentre per la GTE la distanza arriva a 62 chilometri. Il motore termico si attiva automaticamente a velocità più elevate, a seconda della modalità ibrida attivata, del profilo di guida o del livello di carica della batteria. Questa plug-in dichiara un consumo di carburante di 1,2 l/100 km e di 11,0 kWh di elettricità (Nedc): ciò significa 0,7 l/100 km e 1,1 kWh/100 km in meno rispetto alla Golf GTE di settima generazione. La Golf eHybrid è disponibile nellallestimento Style, invece la GTE, come da tradizione, ricorre a una configurazione dedicata. In entrambi i casi, lequipaggiamento comprende il Digital Cockpit, il volante multifunzionale, i sedili sportivi e i fari dotati della tecnologia Led Plus. Tra gli Adas, troviamo il Travel Assist, il Lane Keeping, il Front Assist e lEmergency Brake. I TEMPI DI RICARICA DELLE PLUG-IN. La ricarica delle Golf alla spina avviene con corrente alternata (AC) da 2,3 o 3,6 kW. Usando la normale rete domestica da 230 volt a 2,3 kW, la batteria può essere ricaricata in cinque ore. Facendo invece ricorso a una wallbox Volkswagen o a una stazione di ricarica da 360 volt e un cavo di ricarica predisposto per 3,6 kW, il tempo si riduce a tre ore e 40 minuti circa. LISTINO PREZZI GOLF MILD E PLUG-IN HYBRID: Volkswagen Golf 1.0 eTSI Evo Life 110 CV: 28.800 euro Volkswagen Golf 1.5 eTSI Evo Act Life 150 CV: 31.150 euro Volkswagen Golf 1.5 eTSI Evo Act Style 150 CV: 33.000 euro Volkswagen Golf 1.5 eTSI Evo Act R-Line 150 CV: 33.200 euro Volkswagen Golf 1.4 TSI eHybrid 204 CV Style: 38.100 euro Volkswagen Golf 1.4 GTE 245 CV: 43.400 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/12/06/VOLKSWAGEN_GOLF_8_INTERNI_PREZZO_USCITA_DIMENSIONI_MOTORI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/08/21/VOLKSWAGEN_GOLF_EHYBRID_E_GTE_2020_AL_VIA_LE_VENDITE_I_PREZZI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/25/VOLKSWAGEN_GOLF_R_LINE_PREZZO_INTERNI_2020.HTML 2020-09-04 11:21:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/04/volkswgen_id_4_interni_infotainment_volume_del_bagagliaio/gallery/rbig/2020-volkswagen-id4-interni-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32197 Volkswgen ID.4 - Svelati gli interni della Suv elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32197&tipo=fv Un passo alla volta la VOLKSWAGEN ID.4 [1] si avvicina al debutto, ormai imminente (avverrà entro la fine di settembre) anche se non è ancora stata comunicata data ufficiale. Stavolta la Casa di Wolfsburg ha diffuso alcune immagini degli interni, rivelando dettagli ancora sconosciuti della Suv elettrica, le cui prime consegne sono attese entro la fine dellanno: A ZWICKAU, LA PRODUZIONE è GIà PARTITA [2]. BAGAGLIAIO DA 543 LITRI. Da un primo sguardo allabitacolo si percepisce una certa spaziosità, favorita dal pianale Meb e dalle caratteristiche progettuali dellelettrico. La plancia, che non è collegata alla console centrale, appare come sospesa: una soluzione che alleggerisce larchitettura degli interni e libera spazio per gli occupanti. Il cruscotto appare inoltre più scolpito di quello della ID.3 [3] e linfotainment, piazzato al centro della scena, meglio integrato al mobiletto rispetto a quanto visto sullhatchback. La Volkswagen ha inoltre comunicato il dato relativo alla capienza del bagagliaio, che è di 543 litri con gli schienali delle sedute posteriori in posizione. LA VERSIONE DI LANCIO IN GERMANIA. Nel bouquet di immagini, oltre alla chiave, si nota poi la ID. Light, la striscia luminosa che caratterizza i modelli della nuova famiglia a emissioni zero di Wolfsburg e che serve a inviare messaggi al guidatore (dalle telefonate in arrivo agli avvertimenti di frenata) attraverso segnali luminosi di colore diverso. Gli interni illustrati si riferiscono alla versione di lancio in Germania, ID.4 1st Max, che avrà sedili Agr rivestiti di similpelle e di una microfibra composta per il 20% da materiali riciclati. I colori scelti per le sellerie sono, in questo caso, il grigio platino e il marrone Firenze, abbinati al piano black e bianco elettrico per le modanature. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/19/VOLKSWAGEN_ID_4_NUOVI_TEASER_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/20/VOLKSWAGEN_ID4_AVVIATA_LA_PRODUZIONE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/07/29/VOLKSWAGEN_ID_3_PREZZO_AUTONOMIA_INTERNI_USCITA_PRIMO_CONTATTO.HTML 2020-09-04 10:24:53 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/04/renault_monza_le_interviste_a_ocon_e_ricciardo/gallery/rbig/2020-Renault-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32196 Formula 1 - GP dItalia a Monza, le interviste ai piloti Renault Ocon e Ricciardo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32196&tipo=fv Alla vigilia di unedizione davvero particolare del GRAN PREMIO DITALIA [1], che si disputerà in assenza di pubblico (fatta eccezione per 250 medici e operatori sanitari invitati dagli organizzatori come gesto di ringraziamento per quanto fatto durante lemergenza Covid-19), i piloti della Renault Esteban Ocon e Daniel Ricciardo hanno incontrato online un piccolo gruppo di giornalisti italiani. Ecco che cosa ci hanno raccontato. Ocon inizia la chiacchierata sottolineando la sua gioia per essere nuovamente in Italia, Paese - dice - "che ha rappresentato una parte importante della mia vita e della mia carriera, avendo guidato su tutte le piste italiane in kart e avendo vissuto un anno vicino a Padova, quando correvo e vincevo il titolo di Formula 3 con la Prema Racing". UNA DOMANDA SULLA TUA VETTURA: ABBIAMO VISTO CHE LA RENAULT è MOLTO VELOCE NEI CIRCUITI DOVE SERVE UN BASSO CARICO AERODINAMICO, MENTRE HA PIù PROBLEMI SU ALTRE PISTE. COME SPIEGHI QUESTO COMPORTAMENTO, IN VISTA DI MONZA? Monza ha più o meno le stesse caratteristiche di Spa, anche se più estreme, quindi penso che potrebbe essere un buon weekend. Sarà difficile come sempre, ma siamo ottimisti. Poi ci sarà il Mugello, dove serve un po più di carico, ma speriamo di essere ugualmente competitivi. La macchina è molto efficiente dove serve poca downforce, abbiamo bisogno di migliorare dove ne occorre di più, ma vedremo Per ora siamo in una buona posizione, siamo a Monza e ci concentriamo su questo. QUAL è LA PRIMA COSA CHE HAI FATTO QUANDO è FINITO IL LOCKDOWN? E DURANTE IL PERIODO DI CHIUSURA, TI SEI DIVERTITO CON I VIRTUAL GP? stata andare alla factory, la prima cosa che dovevo fare E sì, sono un fan dei videogame, sono cresciuto con loro, con quelli di corse, con la PlayStation, ne ho seguita levoluzione. Ho avuto qualche "problema tecnico" nei virtual GP, ma è stato divertente e un buon modo per tenersi allenati. CHE COSA PENSI DELLE MODIFICHE REGOLAMENTARI AL "PARTY MODE" INTRODOTTE PER QUESTO WEEKEND? CAMBIERà IL VOSTRO MODO DI GUIDARE? Non cambierà il nostro modo di guidare, ma la novità interessa i motoristi perché devono lavorare sul "race mode", che è già molto buono, e cercare di renderlo ancora più efficiente. Quindi è un cambiamento più importante per gli ingegneri che per noi e sarà interessante capire se avremo da guadagnarci o da perderci. COMè LA TUA VITA TRA UNA CORSA E LALTRA? A CAUSA DEL COVID-19, DEVI RESTARE SOLO? Questo è un anno davvero particolare, perché dobbiamo evitare i contatti con la maggior parte della gente: da diverso tempo non posso vedere la mia famiglia, né i miei amici, e se incontro qualcuno deve aver prima fatto il test. una cosa un po estrema, è come andare in giro con una "bolla" intorno alla mia testa: è strano, anche se voglio vedere la mia ragazza deve prima fare il test. Però dobbiamo stare molto attenti e prendere le precauzioni necessarie: una parte del team è incaricata di garantire la sicurezza della squadra e ha questa responsabilità. Quanto agli intervalli tra le gare, di recente è stato difficile andare in Inghilterra per provare al simulatore e fare gli sviluppi a causa delle restrizioni per il Covid: speriamo di trovare presto una soluzione a questo problema. Io intanto mi tengo in forma e cerco di ricaricare le batterie tra una corsa e laltra. HAI PROVATO LA NUOVA RENAULT CLIO IBRIDA? CHE NE PENSI? IL SUO CAMBIO DERIVA DALLE ESPERIENZE DEI TECNICI IN F.1 CON I SISTEMI "SEAMLESS" CHE RIDUCONO IL TEMPO DINSERIMENTO DEI RAPPORTI SENTI QUESTO VANTAGGIO, SU UNAUTO STRADALE? Sì, lho provata quando era ancora in una fase iniziale di sviluppo e quando lho guidata per la seconda volta, un paio di mesi dopo, trovando notevoli miglioramenti nelle cambiate, diventate molto più dolci. Trasferire la tecnologia delle auto da corsa a quelle stradali non è facile, ma funziona perfettamente, è molto confortevole, fluida, piacevole da guidare. Di solito guido una Clio normale, ma ora sceglierei quella ibrida, più efficiente. IN CHE COSA PENSI DI DOVER ANCORA MIGLIORARE PER ESSERE ALLALTEZZA DEL TUO COMPAGNO DI SQUADRA DANIEL RICCIARDO? Ci sono diversi aspetti Un paio di gare fa abbiamo avuto un deficit di prestazioni della macchina, soprattutto in rettilineo, per esempio nella seconda corsa di Silverstone. Abbiamo risolto il problema, sappiamo che cosa fare, a Spa le cose sono andate bene: adesso abbiamo capito, siamo sulla stessa strada e con prestazioni pari. Vediamo che cosa accadrà, però io mi sento sempre più a mio agio con il passare dalla stagione. IL PROSSIMO ANNO LA RENAULT NON FORNIRà LA PROPRIA POWER UNIT AD ALTRE SQUADRE: SARà UN VANTAGGIO PER LO SVILUPPO DEL PROPULSORE O UNO SVANTAGGIO? Penso che più motori hai in team diversi, meglio è perché raccogli più dati. Però le power unit attuali sono in uso da diverso tempo, quindi non è più così essenziale avere molte vetture che le utilizzino. Le conosciamo bene. poi il turno di Daniel Ricciardo, che si presenta con un solare "buongiorno", ovviamente in italiano perché si sente per metà tale: non può nascondere la sua eccitazione per il fatto di essere nel nostro Paese e poter mangiare finalmente una pizza come si deve Non mancano, però, un pensiero per il difficile momento che lItalia ha attraversato ("avendo, soprattutto allinizio, avuto alcuni dei problemi peggiori") e linvito a tutti a "continuare a essere positivi e lottare". SECONDO TE, QUALE TEAM SARà PIù DANNEGGIATO DALLABOLIZIONE DEL "PARTY MODE"? E SARà UTILE PER LA RENAULT LUTILIZZO DI MAPPATURE STANDARD? Penso che la Mercedes sarà la più svantaggiata e che lintenzione fosse quella di ridurre il gap che ha sugli avversari perché è così dominante, ma non sono sicuro che le cose cambieranno troppo: perderanno qualcosa, qualche decimo, ma non mezzo secondo. _Non così troppo_ (in italiano, ndr). MA SE UN TEAM ADOTTASSE LA MAPPATURA PIù SPINTA, NON POTREBBE POI AFFIDARE AL PILOTA IL COMPITO DI RALLENTARE DURANTE LA GARA, PER RISPARMIARE IL CARBURANTE, O DI UTILIZZARE TUTTA LA POTENZA PER UN SORPASSO? Bella domanda Credo ci siano tipi diverse di strategie, ma che alla fine ci sarà un po meno di potenza nelle qualifiche e un di po più nelle gare, perché si è risparmiato sul motore nelle qualifiche. Penso che forse potremo correre a un livello un po più alto in gara, ma non ne sono sicuro: dopo questo weekend le cose saranno più chiare. LANNO SCORSO HAI DEFINITO LA FORMULA 1 "NOIOSA": LO PENSI ANCORA? E CHE COSA SI POTREBBE FARE PER MIGLIORARLA? A volte vorrei che le corse fossero un po più eccitanti, anche se per esempio a Spa, qualche giorno fa, la gara per me è stata molto buona, con un sacco di battaglie e di giri veloci. Mi piacerebbe che le macchine potessero stare più vicine: il problema è che sono così sofisticate che quando ne segui una, perdi un sacco di grip e di carico aerodinamico. Da un lato, il nostro è lo sport più veloce del mondo, dallaltro ha lo svantaggio che le vetture non possono stare vicine: penso che gli aerodinamici troveranno una soluzione a questo problema, questo è lobiettivo per il 2022 con le nuove regole. Intendiamoci: non credo che questo sport sia noioso, amo guidare e sono molto grato di poter fare questo lavoro, ma come spettatore mi piacerebbe che ci fosse più lotta, come nella MotoGP che è straordinaria sotto questo profilo. QUAL è IL PILOTA DI MOTOGP CHE SENTI PIù SIMILE A TE? Fin da quando ero ragazzo sono un grande fan di Valentino Rossi, mi piaceva come scherzava quando vinceva i Mondiali, era molto divertente e ancora oggi è molto aggressivo in pista e fa dei sorpassi incredibili. Rossi sarà per sempre il mio eroe più grande. Della nuova generazione, mi piacciono molto Quartararo, che ho incontrato qualche volta e che trovo un ragazzo molto piacevole, e Jack Miller, che lanno prossimo correrà con la Ducati, quindi sarà molto forte. Ma li rispetto tutti, sono tutti pazzi e grandi. CHE COSA PENSI DELLA STAGIONE FIN QUI DISPUTATA DALLA FERRARI? Credo che la Ferrari abbia sorpreso tutti, i suoi rivali e i fan: nei test aveva avuto delle difficoltà e ora sta dimostrando che i problemi erano reali, non un bluff, che stanno davvero lottando. Credo che potranno fare dei miglioramenti, ma è difficile che le cose cambino radicalmente: devono pensare al prossimo anno. Per noi, è importante capitalizzare questo momento, non capita tutti i giorni che la Ferrari sia in difficoltà, quindi dobbiamo cogliere questa opportunità e fare molti punti: lobiettivo è davvero salire sul podio prima della fine della stagione. QUELLO DI SPA è STATO UN OTTIMO WEEKEND PER TE: PENSI DI POTERLO RIPETERE A MONZA? Credo di sì, non voglio essere troppo ottimista, ma penso che la macchina su queste piste molto veloci vada molto bene, quindi sono fiducioso. _Vediamo fra un po_ (in italiano, ndr). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/03/FORMULA_1_VERSO_MONZA_IL_TEMPIO_DELLA_VELOCITA.HTML 2020-09-04 09:20:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/03/coronavirus_unione_europea_nel_secondo_trimestre_2020_le_auto_elettriche_e_plug_in_sono_salite_al_7_2_/gallery/rbig/2020-skoda-octavia-ibride-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32195 Unione Europea - Nel secondo trimestre elettriche e plug-in triplicano le quote http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32195&tipo=fv Non è solo una questione di volumi di automobili vendute, calati drasticamente nel periodo dei lockdown: il CORONAVIRUS [1], infatti, ha anche ridisegnato la composizione del mercato a quattro ruote, con il risultato che, nel secondo trimestre del 2020 (aprile-giugno, cioè in corrispondenza della fase acuta della crisi sanitaria e delle prime misure di allentamento che hanno lentamente avviato la ripartenza) le quote delle auto ricaricabili, cumulativa di elettriche e ibride plug-in, è di fatto triplicata: dal 2,4% del medesimo trimestre del 2019, si è passati al 7,2%. NON è UN VERO BOOM. Il quadro fornito dalla Acea, però, spiega come questo exploit non vada semplicemente attribuito a una crescita, che comunque cè stata, delle vetture in grado di viaggiare a emissioni zero, da aprile a giugno immatricolate in 129.344 esemplari (+53,3%); laumento del peso delle elettriche e delle ibride plug-in nella struttura del mercato si deve anche al parallelo crollo delle vetture tradizionali, le più penalizzate dalla serrata delle concessionarie (con targhe più che dimezzate). Nei tre mesi più bui del mercato dellauto 2020, infatti, le diesel sono crollate del 53,4% (526.645 unità in tutto) e le auto a benzina addirittura del 55%, passando dalle 2 milioni di unità dello scorso anno a 929.309 (anche se rappresentano ancora più dell80% del mercato). GIù ANCHE LE BIFUEL E LE ELETTRIFICATE SOFT. Tornando alle elettriche e alle ibride plug-in, queste due tipologie non viaggiano alla stessa velocità pur contribuendo quasi parimenti al totale delle ricaricabili immatricolate nellUnione europea: le prime (63.216 in totale) hanno registrato un incremento del 12,7% contro il +133,9% delle Phev, targate in 66.128 nuovi esemplari. A ulteriore dimostrazione di come il coronavirus abbia colpito duro le tipologie di auto più diffuse su strada va letto il dato delle Hev (full e mild hybrid), in discesa di 7,1 punti percentuali a 171,906 unità, tuttavia ancora rappresentative di quasi un decimo del mercato (9,6%). Restano infine una nicchia, principalmente alimentata dalle vendite in Italia, le bifuel (benzina-gpl o benzina-metano), dimezzate allapice della pandemia (-50,5% per 34,656 unità complessive) e scese all1,9% di market share. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-03 21:29:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/03/componentistica_una_joint_venture_italo_tedesca_investe_in_irpinia/gallery/rbig/2020-schlote-automotive-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32194 Componentistica - Una joint venture italo-tedesca investe in Irpinia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32194&tipo=fv Una joint venture italo-tedesca, la Schlote Automotive Italia, ha in programma di investire 52 milioni di euro per produrre cambi per auto nellarea industriale di Nusco, in Irpinia. Liniziativa è promossa da Schlote, gruppo tedesco attivo nelle lavorazioni meccaniche di precisione e in componenti per telai e trasmissioni, da Bohai Trimet, società sempre tedesca ma di proprietà dei cinesi della Baic, specializzata in componenti per il comparto auto, e da Sirpress, azienda italiana del gruppo Sira Industrie, leader nella produzione di stampi e getti pressofusi in alluminio per lautomotive. UN CAPANNONE E 150 ASSUNZIONI. Il progetto, promosso innanzitutto dallimprenditore bolognese Valerio Gruppioni (che nellarea ha rilevato, tramite la Sirpress, dalla curatela fallimentare il produttore di componenti in alluminio Almec) e sostenuto finanziariamente da Invitalia, ha già portato la joint venture ad acquisire un capannone abbandonato di quarantamila metri quadrati, di cui 14 mila coperti. Allinterno delle strutture, ovviamente rinnovate e ristrutturate, lavoreranno 150 persone, tra tecnici e operai. A loro saranno affidate cinque linee produttive completamente automatizzate e dieci macchine per ogni linea, che dovranno produrre 1,2 milioni di pezzi destinati innanzitutto allo stabilimento della Magna di Bari, che a sua volta fornisce grandi costruttori come la Daimler, la Renault, la BMW o la Fiat Chrysler. La joint venture, che vedrà la Schlote detenere il 60% e gli altri due partner il 20% a testa, ha acquisito le strutture ad aprile, in pieno lockdown, e nei mesi successivi ha effettuato i lavori di ammodernamento portandoli quasi a compimento. LINIZIATIVA DI SCUDIERI. Il progetto italo-tedesco rappresenta non solo un segnale di fiducia sulle potenzialità di una delle aree iconiche del Sud più profondo, ma si inserisce anche in un possibile rilancio delle attività automotive in una zona che fino a poco tempo fa poteva beneficiare della presenza dellIveco, che a Flumeri contava su un grande stabilimento per la produzione di autobus e che oggi può fare leva sul dinamismo della Adler del presidente dellAnfia, Paolo Scudieri. Lioni, comune a poco più di 10 chilometri da Nusco, sarà la sede di riferimento di Borgo 4.0, un programma di riceca volto a progettare e sperimentare soluzioni per la smart mobility. Il progetto Borgo 4.0 è lintegrazione strategica di azioni di ricerca e sviluppo, di innovazione tecnologica, sperimentazione di nuovi modelli e di nuove tecnologie della mobilità che vedono coinvolte 54 imprese, le cinque università campane con i centri di ricerca pubblici e il CNR, in un piano complessivo di investimenti di oltre 76 milioni di euro, 27 dei quali rappresentati dal cofinanziamento privato delle imprese, ha spiegato Scudieri. 2020-09-03 19:15:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/jeep_b_suv/gallery/rbig/2020-Jeep-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32193 Jeep - La B-Suv è "in fase di valutazione" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32193&tipo=fv Nei prossimi anni la JEEP [1] potrebbe lanciare una Suv più piccola della Renegade. Voci di corridoio su una possibile B-Suv con la calandra a sette feritoie tengono banco da tempo, ma durante la tavola rotonda dedicata alle nuove GRAND WAGONEER [2] e WRANGLER 4XE [3], il presidente del brand a stelle e strisce, Christian Meunier, ha confermato che il nuovo modello sarebbe "in fase di valutazione". POCO PIù DI QUATTRO METRI. Per ora non cè nulla di certo, ma visto landamento del mercato lingresso in un segmento in fermento come quello delle sport utility compatte potrebbe essere una prospettiva tuttaltro che inverosimile. La fusione tra FCA e PSA nel nuovo gruppo STELLANTIS [4] permetterebbe inoltre alla Jeep di utilizzare la PIATTAFORMA CMP [5], la stessa alla base della Peugeot 2008, per creare un nuovo modello dingresso gamma contenendo le spese per lo sviluppo. Se tutto fosse confermato, la B-Suv della Jeep potrebbe così avere dimensioni di poco superiori ai quattro metri (la Renegade misura 424 cm) e powetrain elettrificati, compresa una versione a batteria. Lanimo del brand americano imporrebbe però modifiche importanti alla meccanica per garantire le capacità off-road che hanno reso famosa la Jeep in tutto il mondo, a meno che il nuovo modello non abbia un carattere prettamente urbano. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/JEEP.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/09/03/JEEP_GRAND_WAGONEER_INTERNI_DIMENSIONI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/03/JEEP_WRANGLER_4XE_IBRIDA_PLUG_IN_AUTONOMIA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/08/28/FCA_PSA_SEGMENTO_B_PIATTAFORMA_CMP.HTML 2020-09-03 18:43:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/dacia_sandero_stepway_e_logan_il_ricambio_generazionale_si_avvicina/gallery/rbig/2020-dacia-sandero-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32192 Dacia - Ricambio generazionale per Sandero, Stepway e Logan http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32192&tipo=fv Il debutto in società delle nuove DACIA SANDERO [1], STEPWAY [2] e LOGAN [3] savvicina. Il marchio ha infatti rilasciato un breve video teaser nel quale comunica la loro imminente presentazione, sebbene non vengano ancora svelati dettagli tecnici ed estetici. Pertanto, è lecito aspettarsi lunveiling della nuova Sandero (seguita poi in maniera progressiva da Stepway e Logan) entro la fine dellanno, con lavvio della commercializzazione nei primi mesi del 2021. DESIGN RINNOVATO, INTERNI PIù TECNOLOGICI. Ladozione di una nuova piattaforma (nella fattispecie il pianale CMF-B) dovrebbe consentire di aumentare il passo e, conseguentemente, anche il confort e lo spazio per i passeggeri. Laspetto generale delle vetture presenterà unimportante evoluzione finalizzata allo svecchiamento delle forme attuali, così da risultare moderno e assecondare una clientela sempre più esigente. Stando alle prime indiscrezioni, i modelli dovrebbero sfoggiare più carattere, con gruppi ottici a Led protagonisti sul frontale. Laspetto di maggior rilievo introdotto da questa evoluzione riguarderebbe però glinterni, meglio rifiniti ed equipaggiati con un sistema dinfotainment (in stile tablet) gestibile attraverso uno schermo touch dalle dimensioni generose, alloggiato al centro della consolle. GAMMA ARTICOLATA. La gamma motori potrebbe riprendere in gran parte le attuali proposte con differenti unità a benzina e diesel, ma non è da escludere larrivo di qualche new-entry. Il tutto senza dimenticare, in un secondo momento, lintroduzione di una versione elettrificata. Sebbene il marchio low-cost del gruppo Renault punti ancora molto sui motori convenzionali, sta al contempo incominciando a progettare un futuro con proposte alternative. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DACIA-SANDERO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DACIA-STEPWAY [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DACIA-LOGAN 2020-09-03 18:43:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/03/general_motors_in_vista_un_alleanza_strategica_con_la_honda_per_il_nord_america/gallery/rbig/2020-accordo-gm-honda-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32191 General Motors - In vista unalleanza con la Honda per il Nord America http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32191&tipo=fv Nuova alleanza strategica nel mondo delle quattro ruote. Dopo la COLLABORAZIONE INDUSTRIALE TRA LA VOLKSWAGEN E LA FORD [1] e la prevista FUSIONE TRA FIAT CHRYSLER E PSA [2], ora tocca alla statunitense General Motors e alla giapponese Honda annunciare ununione di forze, anche se solo per il mercato nordamericano. LACCORDO. In particolare, i due costruttori, in seguito a discussioni preliminari ma già approfondite, hanno siglato una lettera dintenti non vincolante con una portata, per ora, ben definita: GM e Honda puntano a sviluppare congiuntamente una gamma di veicoli da commercializzare con i rispettivi marchi e a collaborare sul fronte degli acquisti, della ricerca e sviluppo, della logistica e dei servizi di connessione. Lalleanza, che sarà supervisionata da un comitato congiunto di manager di entrambe le società, verterà su diversi segmenti di prodotto, in Nord America, e consentirà alle due aziende di condividere piattaforme e sistemi di propulsione sia tradizionali che elettrificati, e quindi di compartecipare ai rischi degli investimenti e abbattendo i realtivi costi. A tal proposito, le due aziende intendono avviare immediatamente la seconda fase delle discussioni e i lavori di ingegneria già allinizio del 2021. GLI OBIETTIVI. "Lalleanza - ha spiegato Mark Reuss, presidente della General Motors - aiuterà entrambe le società ad accelerare gli investimenti nellinnovazione della mobilità futura liberando risorse aggiuntive. Dati i nostri solidi precedenti di collaborazione, le società realizzeranno sinergie significative nello sviluppo di un portafoglio di veicoli". "Attraverso questa nuova alleanza con GM - ha aggiunto Seiji Kuraishi, vicepresidente esecutivo di Honda -, possiamo ottenere sostanziali efficienze in termini di costi in Nord America, che ci consentiranno di investire nella futura tecnologia di mobilità, mantenendo le nostre offerte di prodotti distinte e competitive. Combinando i punti di forza di ciascuna azienda e determinando attentamente cosa faremo da soli e ciò che faremo in collaborazione, ci sforzeremo di costruire una relazione vantaggiosa per tutti per creare nuovo valore per i nostri clienti. In questo modo, Honda continuerà a fare progressi costanti nel consolidare la sua attività esistente realizzando prodotti, una forte capacità di produzione e una solida struttura aziendale". LEGAMI ORMAI STORICI. Laccordo, che in sostanza ricalca lalleanza degli anni passati con la Peugeot-Citroën, rappresenta un rafforzamento dei legami ormai decennali tra la General Motors e la Honda: le due aziende hanno diversi progetti congiunti in corso, che hanno rappresentato la base per alcune ipotesi di maggior integrazione elaborate da analisti e banche daffari. Ad aprile è stato sottoscritto, per esempio, un altro ACCORDO PER LO SVILUPPO DI DUE NUOVI VEICOLI [3] della Casa nipponica realizzati sulla base della piattaforma elettrica di proprietà della General Motors, che è caratterizzata da un innovativo sistema di stoccaggio denominato Ultium. Le due aziende COLLABORANO ANCHE NELLAMBITO DELLA TECNOLOGIA FUEL CELL [4], nelle batterie e nelle tecnologie per la guida automoma. In questultimo campo, la Honda è DIVENTATA AZIONISTA DELLA CRUISE [5] grazie a un investimento di 2,75 miliardi di dollari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/10/FORD_E_VOLKSWAGEN_FIRMATI_GLI_ACCORDI_PER_L_ALLEANZA_GLOBALE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/04/03/AUTO_ELETTRICHE_LA_GENERAL_MOTORS_PRODURRA_PER_LA_HONDA_DUE_NUOVI_VEICOLI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/01/30/GM_HONDA_JOINT_VENTURE_PER_LE_FUEL_CELL_NUOVA_GENERAZIONE_NEL_2020_.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/10/03/GUIDA_AUTONOMA_HONDA_SI_ALLEA_CON_GENERAL_MOTORS.HTML 2020-09-03 18:43:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/09/03/arval_noleggio_senza_pensieri_grazie_a_nobis_assicurazioni/gallery/rbig/2020_auto_arval.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32188 Arval - Una polizza ad hoc tutela il noleggio ed evita le penali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32188&tipo=fv Noleggio Protetto è la nuova POLIZZA ASSICURATIVA [1] pensata da ARVAL [2] in collaborazione con NOBIS ASSICURAZIONI per noleggiare unauto senza preoccuparsi di eventuali penali per linterruzione del servizio. La polizza si attiva infatti in caso di perdita del posto di lavoro per giustificato motivo oggettivo e in caso di grave invalidità a seguito di infortunio. Nel primo caso, si può scegliere di mantenere attivo il noleggio godendo fino a sei canoni di rimborso, oppure interrompere il contratto senza penali per un massimo di 20.000 euro (queste condizioni valgono anche in caso di grave invalidità a seguito di infortunio). Inoltre, Noleggio Protetto tutela il consumatore pure per il ricovero ospedaliero, prevedendo il rimborso del canone versato e non goduto per i giorni di degenza fino a 2.000 euro I COSTI. Noleggio Protetto viene offerto al costo di 8 euro al mese per ogni veicolo noleggiato ed è rivolto ai dipendenti di aziende del settore privato che sempre di più, in questo periodo, vogliono muoversi autonomamente e in sicurezza. "Per questo - spiega il direttore retail e new business development di Arval Italia DARIO CASIRAGHI - abbiamo voluto offrire loro anche una polizza che li mettesse nelle condizioni di compiere scelte in totale serenità". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ASSICURAZIONI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ARVAL 2020-09-03 18:19:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/dacia_sandero_stepway_e_logan_il_ricambio_generazionale_si_avvicina/gallery/rbig/2020-dacia-sandero-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32189 Dacia - Il ricambio generazionale di Sandero, Stepway e Logan si avvicina http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32189&tipo=fv Il debutto in società delle nuove DACIA SANDERO [1], STEPWAY [2] e LOGAN [3] savvicina. Il marchio ha infatti rilasciato un breve video teaser nel quale comunica la loro imminente presentazione, sebbene non vengano ancora svelati dettagli tecnici ed estetici. Pertanto, è lecito aspettarsi lunveiling della nuova Sandero (seguita poi in maniera progressiva da Stepway e Logan) entro la fine dellanno, con lavvio della commercializzazione nei primi mesi del 2021. DESIGN RINNOVATO, INTERNI PIù TECNOLOGICI. Ladozione di una nuova piattaforma (nella fattispecie il pianale CMF-B) dovrebbe consentire di aumentare il passo e, conseguentemente, anche il confort e lo spazio per i passeggeri. Laspetto generale delle vetture presenterà unimportante evoluzione finalizzata allo svecchiamento delle forme attuali, così da risultare moderno e assecondare una clientela sempre più esigente. Stando alle prime indiscrezioni, i modelli dovrebbero sfoggiare più carattere, con gruppi ottici a Led protagonisti sul frontale. Laspetto di maggior rilievo introdotto da questa evoluzione riguarderebbe però glinterni, meglio rifiniti ed equipaggiati con un sistema dinfotainment (in stile tablet) gestibile attraverso uno schermo touch dalle dimensioni generose, alloggiato al centro della consolle. GAMMA ARTICOLATA. La gamma motori potrebbe riprendere in gran parte le attuali proposte con differenti unità a benzina e diesel, ma non è da escludere larrivo di qualche new-entry. Il tutto senza dimenticare, in un secondo momento, lintroduzione di una versione elettrificata. Sebbene il marchio low-cost del gruppo Renault punti ancora molto sui motori convenzionali, sta al contempo incominciando a progettare un futuro con proposte alternative. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DACIA-SANDERO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DACIA-STEPWAY [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DACIA-LOGAN 2020-09-03 18:19:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/03/enel_x_joint_venture_con_amp_capital_per_la_crescita_nelle_americhe/gallery/rbig/2020_autobus_Enel_x.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32190 Enel X - Joint Venture con AMP Capital per la crescita nelle Americhe http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32190&tipo=fv ENEL X [1] diventa sempre più internazionale e sbarca nelle Americhe grazie alla joint venture con il fondo di investimento AMP CAPITAL. Oltreoceano, la società svilupperà uninfrastruttura dedicata al trasporto pubblico elettrico attraverso la creazione di una piattaforma di E-MOBILITY: questultima offrirà in leasing veicoli per il trasporto pubblico e le relative infrastrutture di deposito, ricarica, manutenzione ed esercizio. "La partnership con AMP Capital consolida il nostro impegno nello sviluppo di un sistema di trasporto pubblico di massa sostenibile, sfruttando le nostre competenze nel campo delle-mobility e la nostra significativa presenza nella maggior parte delle megalopoli nelle Americhe", ha detto il ceo di Enel X_ _FRANCESCO VENTURINI. LA JOINT VENTURE. AMP Capital detiene l80% della joint venture, mentre il restante 20% è di Enel X che fornirà alla partnership servizi di sviluppo e di gestione amministrativa. La business line del Gruppo Enel dedicata ai servizi energetici avanzati partecipa già a sette progetti di trasporto pubblico elettrico in quattro Paesi di due continenti: in tutto, fornisce o gestisce 991 autobus elettrici a Bogotà, Montevideo, Barcellona e Santiago de Cile, dove la nuova società possiede un parco di 433 autobus elettrici in esercizio con relativa infrastruttura di ricarica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ENEL_X 2020-09-03 18:19:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/fiat_500_elettrica_klaus_busse_video/gallery/rbig/2020-Fiat-500-elettrica-11.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32186 Fiat Nuova 500 - Lelettrica raccontata dal suo designer, Klaus Busse - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32186&tipo=fv Ispirata alla Fiat 500 del 1957 per alcune peculiarità del design, la NUOVA 500 [1] è frutto di un attentissimo studio stilistico da parte del Centro Stile FCA, guidato da KLAUS BUSSE. I richiami derivano anche da alcune caratteristiche meccaniche che, per lepoca, erano un requisito più tecnico che di stile: per esempio, il motore posteriore raffreddato ad aria aveva imposto una piccola "coda" sporgente, che è diventata il tratto caratteristico esclusivo della 500. Vale lo stesso per lanteriore: nel 1957 lassenza di radiatori o altri parti "calde" davanti aveva permesso di seguire un andamento quasi verticale e senza aperture. In questo video il designer tedesco ci racconta comè nata la nuova elettrica, che abbiamo già GUIDATO IN ANTEPRIMA [2]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/03/NUOVA_FIAT_500_ELETTRICA_2020_PREZZO_AUTONOMIA_MOTORE_E_USCITA.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2020/09/01/fiat_500_elettrica_prezzo_interni_autonomia_uscita.html 2020-09-03 17:50:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/03/autostrade_atlantia_crea_nuova_societa_per_scorporo_aspi/gallery/rbig/2020-atlantia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32187 Autostrade - Atlantia crea una nuova società per lo scorporo di Aspi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32187&tipo=fv La holding infrastrutturale ATLANTIA compie un primo passo verso la definitiva soluzione dellempasse sulla questione del riassetto di Autostrade per lItalia (Aspi). Il consiglio di amministrazione ha, infatti, dato il via libera per procedere con la costituzione della newco che deterrà l88% del capitale del concessionario: la nuova società si chiamerà Autostrade Concessioni e Costruzioni Spa" SCORPORO E QUOTAZIONE. La creazione della società è funzionale al progetto di scissione parziale e alla successiva quotazione in Borsa previsti nelle more dellACCORDO RAGGIUNTO [1] a metà luglio col governo per chiudere la controversia sulle concessioni di Aspi dopo il crollo del PONTE MORANDI [2]. La struttura delloperazione e il progetto di scissione saranno sottoposti allapprovazione di un prossimo consiglio di amministrazione di Atlantia, che dovrà porre fine alle trattative in corso con la Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) sulla valutazione da assegnare al concessionario. A tal proposito, la holding ha fatto presente come "lipotesi di vendita diretta dellintera quota dell88% detenuta da Atlantia in Aspi permane quale alternativa alloperazione di scissione". LE TRATTATIVE. Da giorni circolano diverse indiscrezioni su un accordo ormai imminente tra le parti al tavolo dei negoziati: per esempio, secondo lagenzia Bloomberg, si starebbe trattando al momento sullo scorporo del 70% di Autostrade in mano ad Atlantia, la successiva quotazione in Borsa e il contestuale lancio di un aumento di capitale da sei miliardi di euro riservato a Cdp e ad altri investitori. La ricapitalizzazione sarebbe necessaria per fornire al concessionario le risorse per ridurre il debito e acquistare il 18% ancora detenuto da Atlantia. In questo modo, si porrebbero le basi per luscita della famiglia Benetton dal capitale di Autostrade, senza però penalizzare gli altri azionisti di minoranza: il 12% di Aspi è, infatti, in mano ai tedeschi di Allianz e ai cinesi di Silk Road. Molto dipenderà, comunque, dalle valutazioni da assegnare al concessionario: si parla, in tal senso, di 11 miliardi di valore, ma al momento mancano diversi elementi determinanti, come il nuovo schema tariffario, il piano degli investimenti e labrogazione dellarticolo del Dl Milleproroghe che ha determinato il declassamento del rating di Autostrade. LE PAROLE DI GUALTIERI. La trattativa, come affermato dal numero uno della Cdp, Fabrizio Palermo, non è semplice, ma sembra che negli ultimi giorni si siano fatti passi avanti decisivi per quanto ancora non risolutivi. I prossimi giorni sembrano comunque cruciali, non solo perché Palermo intende chiudere rapidamente un nuovo dossier dopo la soluzione individuata sulla rete unica per la banda larga, ma anche perché sono ormai passati quasi due mesi dallaccordo salutato a metà luglio dal governo con entusiasmo e, al contempo, una probabile sottovalutazione di alcuni aspetti finanziari rilevanti. Dallesecutivo continuano, comunque, ad arrivare espressioni di ottimismo e fiducia, ma nessuna indicazione di massima su quanto stia avvenendo al tavolo delle trattative: "Non posso commentare le indiscrezioni, cè un negoziato in corso, esiste una procedura e un eventuale accordo. Quando si realizzerà, lo potremo discutere. evidente la cautela quando si parla di aziende quotate", ha detto il ministro dellEconomia, Roberto Gualtieri, rispondendo alle richieste dei membri della commissione parlamentare di controllo su Cdp. Per essere commentato, ha aggiunto il titolare delle Finanze, un progetto "deve essere concluso: lo sta facendo Cdp con la piena fiducia da parte del governo e in piena autonomia. Sono moderatamente fiducioso per una soluzione positiva, ma questo dipende dal negoziato in corso". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/AUTOSTRADE_PER_L_ITALIA_CONTE_ATLANTIA_TRANSAZIONE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PONTE-MORANDI 2020-09-03 17:50:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/03/gruppo_renault_avviata_una_riorganizzazione_delle_attivita/gallery/rbig/2020-Logo-Renault-Captur-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32185 Gruppo Renault - De Meo riorganizza le attività con quattro business unit http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32185&tipo=fv Il gruppo RENAULT [1] ha annunciato una riorganizzazione delle attività finalizzata a cambiare la strategia competitiva. Il marchio omonimo, Dacia, Alpine e il braccio dedicato alla nuova mobilità andranno a costituire quattro distinte unità operative destinate ad avere unorganizzazione propria. Nellintento del costruttore, la nuova gestione dovrebbe semplificare i processi e orientare maggiormente gli sforzi al raggiungimento degli obiettivi aziendali. QUESTIONE DI TATTICA. Volendo fare un paragone calcistico, il nuovo amministratore delegato, Luca De Meo, ha sostanzialmente modificato lo schema: Lazienda ha bisogno di cambiare il proprio modulo di gioco ha detto lex capo della Seat e passare dalla ricerca dei volumi (perseguita in passato con Ghosn, ndr) alla ricerca di valore e redditività. E ciò necessita di unorganizzazione focalizzata su quattro forti marchi e grandi funzioni trasversali che secondo De Meo consentirebbe di lavorare in modo più semplice, più orientato ai mercati e ai clienti, con uno spirito di squadra, per andare alla ricerca del miglior risultato possibile. Questa è una leva fondamentale per la ripresa del Gruppo, ha chiosato il manager italiano. CHI DIRIGE COSA. A guidare la business unit della Renault ci sarà lo stesso Luca De Meo; Denis Le Volt, direttore Regioni, Commercio e Marketing del gruppo sarà a capo del brand Dacia; Cyril Abiteboul, attuale direttore generale di Renault Sport Racing, dirigerà lALPINE, IL CUI FUTURO PAREVA INCERTO [2] dopo la conferma della conversione dellimpianto di Dieppe al termine del ciclo vita della A110; infine, lex amministratore delegato ad interim e attuale vicedirettore generale e direttore finanziario del gruppo, Clotilde Delbos, sarà al timone dellunità operativa Nove Mobilità.__ Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/RENAULT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/29/RENAULT_INCERTO_IL_FUTURO_DELL_ALPINE_A_DE_MEO_L_ULTIMA_PAROLA.HTML 2020-09-03 17:17:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/03/williams_f_1_claire_lascia_il_team_si_insedia_il_nuovo_board/gallery/rbig/2020-williams.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32182 Williams F.1 - Claire lascia il team, si insedia il nuovo Board http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32182&tipo=fv Il GP DITALIA di questo fine settimana sarà LULTIMO DA DEPUTY TEAM PRINCIPAL PER CLAIRE WILLIAMS. La figlia di Sir. Frank, fondatore della squadra, ha guidato il team dal 2013 a oggi, ottenendo due terzi e due quinti posti nel campionato costruttori negli ultimi sette anni. La Williams Grand Prix Engineering, nel frattempo, ha annunciato che Matthew Savage, Darren Fultz e James Matthews costituiranno il nuovo consiglio damministrazione della società, in seguito allacquisizione del team da parte di Dorilton Capital. LASCIO A MALINCUORE. la fine di unera per la squadra inglese che, tra un paio di settimane, non vedrà nessun membro della famiglia a capo del team. Claire Williams ha spiegato: A malincuore lascio il mio ruolo nel team. Non è stata una decisione facile, ma credo sia quella più giusta. Con la vendita della squadra a Dorilton Capital, abbiamo dato priorità al futuro del team e alle persone che lo compongono. Vorrei ringraziare tutti i fan, che ci sono stati accanto sempre, nel bene e nel male. Infine, vorrei ringraziare mio padre per tutto quello che ha dato alla squadra, a questo sport e soprattutto alla nostra famiglia. IL DIRETTIVO. Il nuovo consiglio damministrazione sarà formato da Matthew Savage, presidente di Dorilton Capital. Al suo fianco ci saranno Darren Fultz, co-fondatore della società, dalla lunga esperienza in marketing e analisi. James Matthews, invece, è il ceo di Eden Rock Group: è un ex pilota inglese e ha più di 30 anni di esperienza nel motorsport. Nel comunicato che ha annunciato il loro insediamento, si legge: "Il nuovo Board riconosce e apprezza limportanza di preservare lheritage e la cultura della Williams e lavorerà con il senior management per tornare a essere competitiva". 2020-09-03 16:24:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/09/03/jeep_grand_wagoneer_interni_dimensioni_uscita/gallery/rbig/2020-Jeep-Grand-Wagoneer-Concept-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32183 Jeep - Con la Grand Wagoneer nasce un nuovo brand http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32183&tipo=fv La JEEP [1] riporta in vita lo storico nome WAGONEER, ma non per identificare un singolo modello: stavolta, si parla di un brand di Suv dalta gamma destinati al mercato globale. Per presentare la nuova visione di "American Premium", il costruttore ha realizzato una concept, la GRAND WAGONEER, che anticipa le linee della futura ammiraglia a ruote alte che sarà prodotta a Warren, nel Michigan, già a partire dal prossimo anno. E che sarà affiancata da una versione più compatta, la Wagoneer. ESTENSIONE PREMIUM DEL BRAND. Con questa nuova gamma di sport utility, la Jeep punta a conquistare una clientela diversa dagli appassionati di fuoristrada. Le Wagoneer saranno caratterizzate da interni spaziosi e lussuosi, da tecnologie allavanguardia e da unanima ecosostenibile. Materiali come vetro e legno, che già caratterizzavano gli omonimi modelli degli anni 60, troveranno nuova vita allinterno dellofferta di Suv della Jeep, mentre i powertrain elettrificati aiuteranno a contenere le emissioni. Senza fornire indicazioni specifiche, la Casa di Toledo ha indicato la presenza, sulla concept, di un propulsore ibrido plug-in ad alte prestazioni: tutti i modelli del futuro saranno infatti caratterizzati da motori elettrificati pensati per garantire le capacità di guida in off-road tipiche delle vetture del brand e offrire elevati livelli defficienza e di silenziosità. TRE FILE VERE DI SEDILI. Per il momento, la Casa non ha reso note le dimensioni del prototipo, limitandosi a sottolineare la spaziosità interna che caratterizzerà tutte le nuove Suv. La Grand Wagoneer, in ogni caso, si presenta con tre file vere e proprie di sedili: lo spazio per il sesto e il settimo passeggero sembra infatti paragonabile a quello che hanno a disposizione gli occupanti del divano. La versione di serie potrebbe mantenere unimpostazione molto simile a quella della concept, mentre la più piccola Wagoneer dovrebbe arrivare sul mercato con un abitacolo a cinque posti. POCHI PULSANTI, TANTI SCHERMI. 45" davanti e 30 dietro: sono queste le dimensioni degli schermi presenti sulla Jeep Grand Wagoneer Concept. Il cruscotto digitale a sviluppo orizzontale integra quattro differenti display, a partire dal quadro strumenti da 12,3" posizionato dietro il volante. Al centro della plancia è presente un touchscreen da 10,25" sovrastato da un infotainment da 12,1": per il passeggero è previsto un altro schermo da 10,25", unanteprima assoluta nella gamma Jeep. Questa soluzione ha permesso ai designer di rimuovere gran parte dei comandi fisici dalla plancia, donandole unimpostazione minimalista ed estremamente moderna. Per la seconda fila di sedili sono previsti tre differenti schermi: due touch screen da 10,1" per il sistema dintrattenimento più uno centrale da 10,25" utilizzato per la gestione delle funzioni di climatizzazione e di controllo delle sedute. AUDIO MCINTOSH E SISTEMA OPERATIVO ANDROID. Per la Grand Wagoneer la Jeep ha voluto utilizzare un sistema operativo Android per la gestione dellinfotainment Uconnect 5, così da garantire unesperienza dutilizzo particolarmente fluida e una reattività senza precedenti. Limpianto multimediale connesso permette agli utenti di scaricare delle applicazioni da internet e di personalizzare svariate opzioni: per apprezzare al meglio musica e film a bordo è presente anche un impianto audio dalta gamma. Sviluppato dallazienda americana McIntosh, famosa per i raffinati sistemi home audio, utilizza 23 altoparlanti collegati a un amplificatore a 24 canali. SU STRADA NEL 2021. La versione di serie del Grand Wagoneer debutterà il prossimo anno e sarà caratterizzata dalla presenza di tre differenti sistemi di trazione integrale e di sospensioni indipendenti (anteriori e posteriori) con assetto pneumatico Quadra-Lift pensato per garantire elevati livelli di confort e per consentire alla vettura di affrontare senza problemi la guida in off-road. Il prototipo monta cerchi da 24" che difficilmente troveranno spazio nellofferta di serie ma, vista la particolarità del progetto, è lecito attendersi versioni con ruote dal diametro particolarmente elevato. TERZA GENERAZIONE. Le origini del nome Wagoneer risalgono al 1962, quando la Jeep presentò una fuoristrada che da molti viene indicata come lantesignana delle moderne Suv. La Wagoneer degli anni 60 è stata infatti la prima vettura a utilizzare un cambio automatico abbinato alla trazione integrale, nonché la prima auto in grado di combinare elevate capacità di guida in off-road con un abitacolo confortevole e un look elegante. Nel 1973 la Jeep introdusse su questo modello anche il primo sistema di trazione integrale automatico permanente, il Quadra-Trac. Nel 1984, debuttò sul mercato il Grand Wagoneer, una versione più grande e lussuosa del fuoristrada. Oltre ai rivestimenti in pelle, la punta di diamante della gamma Jeep proponeva finiture esterne di legno, aria condizionata e una radio stereo. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/auto/jeep.html 2020-09-03 16:24:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/jeep_wrangler_4xe_ibrida_plug_in_autonomia/gallery/rbig/2020-Jeep-Wrangler-4xe-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32184 Jeep Wrangler 4xe - La fuoristrada è anche ibrida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32184&tipo=fv La JEEP [1] ha diffuso le prime informazioni sulla WRANGLER 4XE, la versione plug-in hybrid che affianca le analoghe varianti DELLA RENEGADE E DELLA COMPASS [2] già disponibili sul mercato. Le finiture Electric Blue dei ganci di traino, dei badge e delle cuciture interne, oltre alla presa di ricarica sul parafango anteriore, consentono di riconoscere subito la versione ibrida della fuoristrada. Il lancio commerciale della Wrangler 4xe è previsto nei primi mesi del 2021: prezzi e caratteristiche complete non sono ancora stati resi noti. 375 CV E 40 KM IN ELETTRICO. Il powertrain della Wrangler eroga una potenza totale di 375 CV e 637 Nm e unisce il 2.0 turbobenzina a due motori elettrici. Il cambio è lautomatico otto marce TorqueFlite, mentre le batterie al nichel-manganese-cobalto da 17 kWh garantiscono circa 40 km di autonomia a emissioni zero nei cicli di omologazione Usa. La prima delle unità elettriche è collegata al motore termico al posto dellalternatore e gestisce lavviamento, il recupero dellenergia e lo Start Electric sfrutta il solo motore elettrico, mentre eSave consente di usare il motore a benzina per preservare la batteria secondo le logiche Battery Save o Battery Charge, con questultima che ripristina la carica durante la marcia. Nellinfotainment UConnect sono presenti delle schermate specifiche (Eco Coaching) dove vengono mostrati i flussi di energia e le statistiche di funzionamento per poter ottimizzare i consumi. Il guidatore ha inoltre a disposizione la frenata rigenerativa, con la quale il motore elettrico arriva a garantire fino a 0,25 g: è possibile attivare anche la modalità Max Regen per recuperare la massima quantità di energia possibile nelle fasi di rilascio. INTEGRALE IN DUE VARIANTI. La trazione integrale è offerta anche sulla ibrida in due varianti. Le Wrangler 4xe e Sahara 4xe adottano il sistema Selec-Trac permanente con ridotte e differenziale autobloccante posteriore Trac-Lok con cerchi da 20", mentre la Rubicon 4xe propone il più evoluto Rock-Trac con marce ridotte specifiche, differenziali anteriori e posteriori Tru-Lok a bloccaggio elettrico e barra stabilizzatrice anteriore scollegabile elettricamente. Sono inoltre disponibili solo per la Rubicon a richiesta gli pneumatici da 33" su cerchi da 17". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/JEEP.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/20/JEEP_COMPASS_RENEGADE_4XE_CONSUMI_AUTONOMIA_INTERNI.HTML 2020-09-03 16:24:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/03/general_motors_in_vista_un_alleanza_strategica_con_la_honda_per_il_nord_america/gallery/rbig/2020-accordo-gm-honda-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32180 General Motors - In vista unalleanza strategica con la Honda per il Nord America http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32180&tipo=fv Nuova alleanza strategica nel mondo delle quattro ruote. Dopo la COLLABORAZIONE INDUSTRIALE TRA LA VOLKSWAGEN E LA FORD [1] o la prevista FUSIONE TRA LA FIAT CHRYSLER E LA PSA [2], ora tocca alla statunitense General Motors e alla giapponese Honda annunciare ununione di forze, anche se solo per il mercato nordamericano. LACCORDO. In particolare, i due costruttori, in seguito a discussioni preliminari ma già approfondite, hanno siglato una lettera dintenti non vincolante con una portata, per ora, ben definita: GM e Honda puntano a sviluppare congiuntamente una gamma di veicoli da commercializzare con i rispettivi marchi e a collaborare sul fronte degli acquisti, della ricerca e sviluppo, della logistica e dei servizi di connessione. Lalleanza, che sarà supervisionata da un comitato congiunto di manager di entrambe le società, verterà su diversi segmenti di prodotto in Nord America e consentirà alle due aziende di condividere piattaforme e sistemi di propulsione sia tradizionali che elettrificati, e quindi di compartecipare ai rischi degli investimenti e abbattendo i realtivi costi. A tal proposito, le due aziende intendono avviare immediatamente la seconda fase delle discussioni e i lavori di ingegneria già allinizio del 2021. GLI OBIETTIVI. "Lalleanza - ha spiegato Mark Reuss, presidente della General Motors - aiuterà entrambe le società ad accelerare gli investimenti nellinnovazione della mobilità futura liberando risorse aggiuntive. Dati i nostri solidi precedenti di collaborazione, le società realizzeranno sinergie significative nello sviluppo di un portafoglio di veicoli". "Attraverso questa nuova alleanza con GM - ha aggiunto Seiji Kuraishi, vicepresidente esecutivo di Honda -, possiamo ottenere sostanziali efficienze in termini di costi in Nord America che ci consentiranno di investire nella futura tecnologia di mobilità, mantenendo le nostre offerte di prodotti distinte e competitive. Combinando i punti di forza di ciascuna azienda e determinando attentamente cosa faremo da soli e ciò che faremo in collaborazione, ci sforzeremo di costruire una relazione vantaggiosa per tutti per creare nuovo valore per i nostri clienti. In questo modo, Honda continuerà a fare progressi costanti nel consolidare la nostra attività esistente realizzando prodotti, una forte capacità di produzione e una solida struttura aziendale". LEGAMI ORMAI STORICI. Laccordo, che in sostanza ricalca lalleanza degli anni passati con la Peugeot-Citroen, rappresenta un rafforzamento dei legami ormai decennali tra la General Motors e la Honda: le due aziende hanno diversi progetti congiunti in corso, che hanno rappresentato la base per alcune ipotesi di maggior integrazione elaborate da analisti e banche daffari. Ad aprile è stato sottoscritto, per esempio, un altro ACCORDO PER LO SVILUPPO DI DUE NUOVI VEICOLI [3] della Casa nipponica realizzati sulla base della piattaforma elettrica di proprietà della General Motors, che è caratterizzata da un innovativo sistema di stoccaggio denominato Ultium. Le due aziende COLLABORANO ANCHE NELLAMBITO DELLA TECNOLOGIA FUEL CELL [4], nelle batterie e nelle tecnologie per la guida automoma. In questultimo campo, la Honda è DIVENTATA AZIONISTA DELLA CRUISE [5] grazie a un investimento di 2,75 miliardi di dollari. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/10/FORD_E_VOLKSWAGEN_FIRMATI_GLI_ACCORDI_PER_L_ALLEANZA_GLOBALE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/04/03/AUTO_ELETTRICHE_LA_GENERAL_MOTORS_PRODURRA_PER_LA_HONDA_DUE_NUOVI_VEICOLI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/01/30/GM_HONDA_JOINT_VENTURE_PER_LE_FUEL_CELL_NUOVA_GENERAZIONE_NEL_2020_.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/10/03/GUIDA_AUTONOMA_HONDA_SI_ALLEA_CON_GENERAL_MOTORS.HTML 2020-09-03 15:44:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/09/03/formula_1_verso_monza_il_tempio_della_velocita/gallery/rbig/2020-f1-monza.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32181 Formula 1 - Verso Monza, il Tempio della Velocità http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32181&tipo=fv La FORMULA 1 fa tappa a MONZA, NEL TEMPIO DELLA VELOCITà [1], per lottava prova del Mondiale 2020: il Gran Premio dItalia. Sarà unedizione molto particolare, poiché si correrà a porte chiuse, senza pubblico sulle tribune, a causa delle restrizioni legate al Covid-19. UNATMOSFERA DIVERSA. Niente grande cuore rosso sulle tribune, niente tifosi assiepati allingresso del paddock in cerca di autografi e selfie con i piloti. Le tribune saranno quasi tutte vuote, eccezion fatta per 250 spettatori speciali: medici e infermieri, invitati dallACI e dalla Scuderia Ferrari, che potranno assistere gratuitamente allevento, simbolicamente premiati per il loro senso del dovere e coraggio nella lotta contro il virus. Per il resto, il Parco di Monza non sarà off-limits come notoriamente avviene durante il weekend di gara, anche se verranno rafforzati i controlli di sicurezza. Insomma, latmosfera non sarà quella tipica che tutti conosciamo e che negli anni è diventato un vero e proprio elemento caratterizzante dellevento. ADDIO ALLE MAPPATURE SPINTE. Sotto il profilo prettamente sportivo, il GP dItalia di Formula 1 segna un cambio regolamentare nella gestione delle mappature della power unit. Infatti, a partire da questo fine settimana, cambia il regolamento tecnico che modifica il modo con cui i team usavano fino alla scorsa settimana le mappature della power unit. Probabilmente avrete già sentito parlare del party mode: altro non è che una speciale mappatura che porta al massimo tutte le impostazioni delle unità di potenza delle monoposto per alcuni minuti, dando ai piloti lopportunità di segnare un giro veloce in qualifica davvero al limite. Da oggi, invece, non sarà più possibile utilizzarla: i team dovranno scegliere una mappatura della power unit e mantenerla per le qualifiche e la gara. Solo nel caso di situazioni particolari, come lingresso in pista di una safety car, il pilota può passare a una mappatura speciale. Resterà invariata la famosa modalità sorpasso, simile al party mode della qualifica, ma sostanzialmente diversa nella gestione. Grazie a questa modalità, un pilota potrà contare su una diversa gestione della valvola del westgate e userà in maniera più decisa lenergia dellERS, garantendosi un po di potenza in più per provare un attacco su un avversario. COME VEDERE IL GP DITALIA IN TV. Le tribune del circuito brianzolo saranno prettamente vuote, ma linteresse per la gara di Monza resta sempre alto. Tutti gli appassionati potranno seguire le fasi salienti in televisione, poiché qualifiche e gara saranno visibili in chiaro sul digitale terrestre, su TV8, oltre che sulla pay-tv Sky. Potrete seguire tutte le fasi del weekend sul nostro SPECIALE F.1 [2], con numeri, statistiche, notizie e commenti in diretta. Si comincia già domani, con la prima sessione di prove libere. VENERDì 4 SETTEMBRE Prove Libere 1 | dalle 11 in diretta su Sky Sport F1 Prove Libere 2 | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 SABATO 5 SETTEMBRE Prove Libere 3 | dalle 12 in diretta su Sky Sport F1. Differita TV8 Ore 13 Qualifiche | dalle 15 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 DOMENICA 6 SETTEMBRE Gara | partenza alle 15.10 su Sky Sport F1 e TV8 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?AUTODROMO_NAZIONALE_DI_MONZA_1 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SPORT/FORMULA-1/ 2020-09-03 15:44:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/03/coronavirus_unione_europea_nel_secondo_trimestre_2020_le_auto_elettriche_e_plug_in_sono_salite_al_7_2_/gallery/rbig/2020-skoda-octavia-ibride-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32179 Coronavirus - Unione europea, nel secondo trimestre elettriche e plug-in triplicano le quote http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32179&tipo=fv Non è solo una questione di volumi di automobili vendute, calati drasticamente nel periodo dei lockdown: il CORONAVIRUS [1], infatti, ha anche ridisegnato la composizione del mercato a quattro ruote, con il risultato che, nel secondo trimestre del 2020 (aprile-giugno, cioè in corrispondenza della fase acuta della crisi sanitaria e delle prime misure di allentamento che hanno lentamente avviato la ripartenza) le quote delle auto ricaricabili, cumulativa di elettriche e ibride plug-in, è di fatto triplicata: dal 2,4% del medesimo trimestre del 2019, si è passati al 7,2%. NON è UN VERO BOOM. Il quadro fornito dalla Acea, però, spiega come questo exploit non vada semplicemente attribuito a una crescita, che comunque cè stata, delle vetture in grado di viaggiare a emissioni zero, da aprile a giugno immatricolate in 129.344 esemplari (+53,3%); laumento del peso delle elettriche e delle ibride plug-in nella struttura del mercato si deve anche al parallelo crollo delle vetture tradizionali, le più penalizzate dalla serrata delle concessionarie (con targhe più che dimezzate). Nei tre mesi più bui del mercato dellauto 2020, infatti, le diesel sono crollate del 53,4% (526.645 unità in tutto) e le auto a benzina addirittura del 55%, passando dalle 2 milioni di unità dello scorso anno a 929.309 (anche se rappresentano ancora più dell80% del mercato). GIù ANCHE LE BIFUEL E LE ELETTRIFICATE SOFT. Tornando alle elettriche e alle ibride plug-in, queste due tipologie non viaggiano alla stessa velocità pur contribuendo quasi parimenti al totale delle ricaricabili immatricolate nellUnione europea: le prime (63.216 in totale) hanno registrato un incremento del 12,7% contro il +133,9% delle Phev, targate in 66.128 nuovi esemplari. A ulteriore dimostrazione di come il coronavirus abbia colpito duro le tipologie di auto più diffuse su strada va letto il dato delle Hev (full e mild hybrid), in discesa di 7,1 punti percentuali a 171,906 unità, tuttavia ancora rappresentative di quasi un decimo del mercato (9,6%). Restano infine una nicchia, principalmente alimentata dalle vendite in Italia, le bifuel (benzina-gpl o benzina-metano), dimezzate allapice della pandemia (-50,5% per 34,656 unità complessive) e scese all1,9% di market share. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-03 13:23:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/09/03/seat_ekickscooter_65_by_segway/gallery/rbig/2020-Seat-eKickScooter-65-by-Segway-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32178 Monopattini elettrici - Abbiamo provato il Seat eKickScooter 65 by Segway http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32178&tipo=fv Prendete un automobilista incallito, che ha sempre usato solo lauto per i suoi spostamenti, e mettetelo su uno di quei moderni MONOPATTINI ELETTRICI [1]. Quale sarà il suo approccio? Ve lo dico io, che per la prima volta, e dico la prima, ho deciso di posare le suole sulla pedana di uno dei mezzi tanto in voga per le strade delle grandi metropoli. BEN FATTO. Si chiama eKickScooter 65, è commercializzato dalla SEAT [2] ma è prodotto dalla Segway. un monopattino con ruote da 10 pollici, ben costruito, con materiali di qualità. Il display a Led al centro del manubrio è utile per tenere sottocchio velocità, stato batteria, modalità di guida (ce ne sono tre) e altro ancora e, come sulle auto cè anche il cruise control. Si, avete capito bene. Non solo un vezzo tecnologico ma un accessorio utile sulle lunghe tratte per non tenere il pollice destro sempre fisso sulla levetta dellacceleratore. Per disattivarlo basta sfiorare il freno. CHE AUTONOMIA! Lunghe tratte non era una battuta. Sulla carta ci sono circa 65 km di autonomia, più che sufficienti a gironzolare in città (e fuori) senza troppi patemi. Ricordando sempre, però, che la stazza di chi ci monterà su, influirà sulla resa della batteria. La Seat dichiara una portata fino a 100 kg, con la possibilità di poter superare pendenze fino al 20%. Ricaricarlo è facile: si attacca alla presa elettrica di casa e in sei ore il gioco è fatto, nulla di più. Non poco, forse, ma per garantire questa autonomia, la batteria è da ben 551 Wh. SI RICHIUDE, MA PESA UN PO. Se il mondo dei monopattini elettrici vi stuzzica, saprete che ce ne sono tanti in commercio, più o meno pesanti e con autonomie diverse. Il Seat eKickScooter 65 è nella fascia alta sia per dimensioni, sia per peso: sulla bilancia i chili da sollevare per caricarlo in auto sono 19,1. Trasportarlo a piedi ripiegato (anche per brevi tratte) è faticoso, ma chiuderlo è un attimo: basta una pressione del piede sullapposito tasto alla base del manubrio. Bene la voce visibilità. LeKickScooter 65 ha faretti a Led davanti e dietro di serie che forniscono un buon campo luminoso e una serie di catarifrangenti sui lati. COME VA. il momento di salire in sella, pardon sulla pedana. Per accelerare e frenare si usano due levette che si spingono verso il basso (a destra e a sinistra del manubrio) da usare con i pollici. Lequilibrio si trova in fretta, leKickScooter 65 è molto stabile. Ci vuole un po più di tempo per familiarizzare con il manubrio direttissimo, per via della ruota piccola. Due mani su, sempre. Si accelera senza strappi, il comando a dito è progressivo. Più bruschi i freni, a cui bisogna fare labitudine. Ci si ferma sempre in poco spazio, è vero, ma vanno dosati bene. LAbs di serie evita qualsiasi bloccaggio. DURO SULLE SCONNESSIONI. Lasciata la pista ciclabile perfettamente liscia e levigata, mi sono lanciato su un tratto di asfalto tuttaltro che ben messo. Non ci sono ammortizzatori, quindi si avverte in modo dettagliato tutto ciò che passa sotto le ruote. La trazione posteriore migliora la motricità anche quando il fondo non è perfetto, ma il consiglio è di evitare sterrati o ciottolati. E poi bisogna fare i conti con il diametro piccolo delle ruote che impone attenzione su buche, dossi e rotaie del tram. Bisogna avere laccortezza di non arrivare a tutta velocità. E a proposito di prestazioni, si possono selezionare tre riding mode. Sport, Normal ed Eco che, nellordine, limitano via via, la velocità massima (20 km/h) aumentando la durata della batteria. Se, come me, siete principianti, non abbiate vergogna a partire in Eco che ammorbidisce anche il comando del gas, rendendolo meno brusco. CI PIACE: autonomia, stabilità, illuminazione NON CI PIACE: peso, dimensioni da ripiegato PREZZO DI LISTINO: 799 euro DATI TECNICI DICHIARATI DAL COSTRUTTORE Peso: 19,1 kg Dimensioni da ripiegato (Lunghezza, larghezza e altezza): 117 x 47 x 53 cm Potenza: 350 W Autonomia: 65 km Capacità batteria: 551 Wh Tempo di ricarica con carica batteria in dotazione: 6 ore Peso massimo del guidatore: 100 kg Freni: anteriore a tamburo, posteriore freno rigenerativo Pneumatici: tubeless, 60/70-6,5 Classe resistenza allacqua: IPX5 Pendenza massima affrontabile: 20% Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MONOPATTINI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SEAT.HTML 2020-09-03 12:32:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/03/incentivi_auto_ecobonus_in_due_giorni_bruciati_75_milioni/gallery/rbig/2020-incentivi.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32177 Incentivi auto - Ecobonus, in due giorni "bruciati" 75 milioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32177&tipo=fv già conto alla rovescia per mettere le mani sugli INCENTIVI [1] per le auto con emissioni di anidride carbonica comprese tra 91 e 110 g/km, per le quali lo Stato ha messo a disposizione appena cento milioni di euro rispetto a un pacchetto di aiuti di 500 milioni complessivi. Nei primi due giorni di apertura della piattaforma di prenotazioni sul sito del ministero dello Sviluppo economico, infatti, metà dei fondi risultavano già prenotati. IPOTESI ESAURIMENTO A METà SETTEMBRE. Certo, in questi giorni sono stati inseriti, dalle concessionarie, tutti gli ordini effettuati a partire dal 15 agosto, data di entrata in vigore del decreto del governo, ma anche tenendo conto di questa circostanza il ritmo di erogazione dei contributi, a una media superiore a 3 milioni al giorno (in agosto, si sa, gli autosaloni sono meno frequentati), fa temere un azzeramento delle risorse nellorizzonte di appena 10-15 giorni. Anche perché è in questa fascia che si concentra linteresse degli automobilisti (il 38% delle immatricolazioni nei primi otto mesi, percentuale salita al 42% grazie agli incentivi del mese scorso). NESSUN PROBLEMA PER LE AUTO FINO A 90 G/KM. Molto più blando, invece, è il ritmo di prenotazione degli incentivi per le auto che appartengono alle classi di emissioni inferiori. Per quanto riguarda la fascia 61-90 g/km, dei 150 milioni disponibili stamattina, allapertura delle concessionarie, ne restavano in cassa oltre 130 (e la previsione è che possano bastare a soddisfare la domanda fino alla fine dellanno), mentre dei 50 attribuiti al superbonus per la fascia 0-60 g/km ne rimanevano 45 (più 180 del vecchio ecobonus, in vigore dallanno scorso e rifinanziato dal governo con il decreto rilancio dello scorso luglio). Anche per questa fascia, dunque, dovrebbe essere scongiurato il timore di restare a bocca asciutta. Complessivamente, in due giorni sono stati prenotati e/o erogati ben 75 milioni di euro sui 300 disponibili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML 2020-09-03 12:08:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/09/03/gto_engineering_in_vendita_una_riedizione_della_ferrari_250_gt_berlinetta_passo_corto/gallery/rbig/ferrari-250-gt-berlinetta-gto-engineering-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32175 GTO Engineering - In vendita una riedizione della Ferrari 250 GT Berlinetta passo corto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32175&tipo=fv La 250 GT BERLINETTA PASSO CORTO torna alla luce in unedizione rinnovata. A costruirla non è più la FERRARI [1] (o meglio la Carrozzeria Scaglietti, che allepoca si occupava del suo assemblaggio), ma la GTO ENGINEERING, unazienda britannica specializzata nel restauro di auto del Cavallino. Lidea della 250 GT SWB Revival questo il suo nome tiene conto dei progetti e dei disegni originali, ritoccati con alcune modifiche e personalizzazioni dedicate che, secondo latelier dOltremanica, ne migliorano il piacere di guida. Nello specifico, quella replicata è la Competizione, la versione per la pista realizzata allepoca in 74 esemplari. CARROZZERIA E MOTORE. Sotto il corpo vettura dalluminio della Revival (il modello originale adottata lacciaio) trova spazio un telaio tubolare e il leggendario V12 Colombo, così chiamato in omaggio al progettista Gioacchino Colombo. Costruito interamente dalla stessa GTO Engineering in 300 ore di lavoro per ogni unità, è disponibile in tre diverse cilindrate: di 3.0 litri, come quello originale, ma anche di 3.5 e di 4.0 litri. Tutti i motori sono abbinati a un cambio a quattro rapporti, che diventano cinque su richiesta del cliente. FRENI E RUOTE. I freni a disco della vettura sono gli stessi della versione originale. Del resto, questultima è stata la prima granturismo del Cavallino ad adottarli. I clienti, tuttavia, possono contare su delle pinze più leggere ed efficienti sotto il profilo termico, nascoste dietro cerchi da 16 o da 15 (optional), con finitura lucida o standard, e con profilo 6J o 6,5J. LABITACOLO. Capitolo interni: i rivestimenti di pelle sono di serie, al pari di quelli del cielo dellabitacolo, che impiegano lo stesso materiale traforato della sportiva di Maranello del 1960. Volendo, è possibile richiedere laria condizionata, le cui ventole sono collocate dietro il guidatore per non compromettere le forme originali della plancia, e addirittura un caricatore Usb, nascosto sotto il cruscotto e invisibile dallesterno. COSTOSA, MA NON TROPPO. Al momento sono già trenta le 250 GT SWB Revival ordinate, ciascuna delle quali richiede dai 12 ai 18 mesi di lavoro a seconda delle richieste del cliente. Il prezzo di ogni esemplare parte da 850 mila sterline (circa 960 mila euro): una cifra iperbolica, ma di gran lunga inferiore alle quotazioni milionarie RAGGIUNTE DALLA VETTURA ORIGINALE [2]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://RUOTECLASSICHE.QUATTRORUOTE.IT/ARTCURIAL-LE-MANS-CLASSIC-2016-FERRARI-250-SWB-2917GT/ 2020-09-03 10:42:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/hyundai_tucson_2021_immagini_anticipazioni_caratteristiche/gallery/rbig/2020-hyundai-tucson-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32176 Hyundai Tucson - Le prime immagini della nuova generazione - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32176&tipo=fv La HYUNDAI [1] ha diffuso le prime immagini della NUOVA TUCSON [2] che verrà svelata virtualmente il prossimo 15 settembre. E stando alle anticipazioni, ci sarà molto da scoprire: la Suv coreana ha cambiato pelle rivoluzionando il design degli esterni e degli interni, trasformando labitacolo, decisamente più moderno e digitalizzato rispetto a quello del modello uscente. Lauto arriverà nelle concessionarie allinizio del 2021. A ME GLI OCCHI. I teaser lasciano già intravedere alcuni dettagli chiave. Nella vista frontale, balza allocchio immediatamente la nuova firma luminosa, denominata Parametric Hidden Lights, con luci diurne costituite di elementi a Led trapezoidali che delineano una sorta di piramide al contrario e sono integrate nello stile della griglia, rivisitata e sempre più protagonista. Deffetto è anche il disegno delle luci di coda, caratterizzate da una striscia a Led rossa che attraversa tutto il posteriore sottolineando la larghezza della nuova Tucson. Nel complesso, il corpo vettura risulta più grande e largo rispetto a prima (ma la Casa non ha ancora fornito i dati sulle dimensioni), e anche le proporzioni sono state riviste: il cofano lungo e gli sbalzi corti, insieme a un passo allungato, dovrebbero conferire alla carrozzeria della coreana maggiore slancio. UN VIAGGIO NELLINTERSPACE. Laudacia stilistica di questa nuova generazione si riflette anche sullabitacolo della Tucson, completamente stravolto. Denominato Interspace, semplifica nettamente larredamento e quasi azzera i comandi fisici. La console centrale appare come un unico pannello a sfioramento, dominato nella parte alta dallo schermo dellinfotainment. Digitale è anche il quadro strumenti, che fa capolino dietro a un volante completamente ridisegnato, che integra sulle razze i comandi fisici delle principali funzioni dellinfotainment. Non sono stati forniti, per il momento, dettagli riguardanti la gamma motori, che presumibilmente verrà svelata il 15 settembre o a ridosso del debutto virtuale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/10/08/HYUNDAI_TUCSON_PRIMI_COLLAUDI_PER_LA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML 2020-09-03 10:42:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/02/lexus_auto_ufficiale_mostra_del_cinema_di_venezia_anteprima_ux300e_e_lc_convertible/gallery/rbig/2020-lexus-mostra-cinema-venezia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32174 Lexus - Sul red carpet alla Mostra del Cinema http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32174&tipo=fv La LEXUS [1] è per il quarto anno consecutivo lauto ufficiale della Mostra internazionale darte cinematografica - La Biennale di Venezia. Levento, giunto alla sua 77esima edizione, si è aperto il 2 settembre 2020 al Lido e terminerà il prossimo 12 settembre. DOPPIA ANTEPRIMA. La Mostra del Cinema di Venezia costituisce loccasione per presentare, in anteprima nazionale, due modelli come la nuova UX 300E [2], prima elettrica del marchio nipponico, e la LC CONVERTIBLE [3], la scoperta svelata lo scorso novembre al Salone di Los Angeles. In qualità di auto ufficiale, la Lexus accompagnerà i vari ospiti (attori, registi e volti noti del mondo del cinema) fino al red carpet offrendo una flotta di 36 vetture: oltre ai due modelli già citati, ci saranno anche tutte le Suv presenti nella gamma della Casa, nonché la berlina ES e la LC nella versione coupé. Ogni vettura è dotata della tecnologia full hybrid. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LEXUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/22/LEXUS_UX_300E_ELETTRICA_AUTONOMIA_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/01/LEXUS_LC_CONVERTIBLE_PREZZI_E_ALLESTIMENTI_IN_ITALIA.HTML 2020-09-03 10:08:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/03/hyundai_tucson_2021_immagini_anticipazioni_caratteristiche/gallery/rbig/2020-hyundai-tucson-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32172 Hyundai Tucson - Prime immagini della nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32172&tipo=fv La HYUNDAI [1] ha diffuso le prime immagini della NUOVA TUCSON [2] che verrà svelata virtualmente il prossimo 15 settembre. E stando alle anticipazioni, ci sarà molto da scoprire: la Suv coreana ha cambiato pelle rivoluzionando il design degli esterni e degli interni, trasformando labitacolo, decisamente più moderno e digitalizzato rispetto a quello del modello uscente. A ME GLI OCCHI. I teaser lasciano già intravedere alcuni dettagli chiave. Nella vista frontale, balza allocchio immediatamente la nuova firma luminosa, denominata Parametric Hidden Lights, con luci diurne costituite di elementi a Led trapezoidali che delineano una sorta di piramide al contrario e sono integrate nello stile della griglia, rivisitata e sempre più protagonista. Deffetto è anche il disegno delle luci di coda, caratterizzate da una striscia a Led rossa che attraversa tutto il posteriore sottolineando la larghezza della nuova Tucson. Nel complesso, il corpo vettura risulta più grande e largo rispetto a prima (ma la Casa non ha ancora fornito i dati sulle dimensioni), e anche le proporzioni sono state riviste: il cofano lungo e gli sbalzi corti, insieme a un passo allungato, dovrebbero conferire alla carrozzeria della coreana maggiore slancio. UN VIAGGIO NELLINTERSAPCE. Laudacia stilistica di questa nuova generazione si riflette anche sullabitacolo della Tucson, completamente stravolto. Denominato Interspace, semplifica nettamente larredamento e quasi azzera i comandi fisici. La console centrale appare come un unico pannello a sfioramento, dominato nella parte alta dallo schermo dellinfotainment. Digitale è anche il quadro strumenti, che fa capolino dietro a un volante completamente ridisegnato, che integra sulle razze i comandi fisici delle principali funzioni dellinfotainment. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2019/10/08/HYUNDAI_TUCSON_PRIMI_COLLAUDI_PER_LA_NUOVA_GENERAZIONE.HTML 2020-09-03 09:42:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/opel_mokka_dimensioni_motori_benzina_diesel/gallery/rbig/2020-Opel-Mokka-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32173 Opel Mokka - Presentate le versioni con motori tradizionali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32173&tipo=fv Dopo le anticipazioni riservate alla MOKKA-E [1], la OPEL [2] ha diffuso le prime informazioni relative alle versioni endotermiche. Prima di addentrarsi nelle peculiarità delle singole motorizzazioni, va sottolineato però come la rinnovata Suv tedesca abbia introdotto diversi cambiamenti, sia estetici sia di contenuto. LOOK MODERNO. I nuovi stilemi della Opel, che influenzeranno laspetto di tutti i futuri modelli della Casa, si notano subito. Il look della Mokka è caratterizzato da sbalzi corti che, abbinati a linee maggiormente tese rispetto al passato, donano allauto carattere. La nuova generazione ha modificato anche le dimensioni: nonostante il leggero incremento del passo (+ 2 mm), la Mokka (lunga 4,15 metri) nel complesso è più corta rispetto al modello uscente di ben 12,5 cm. Ciò nonostante, può ospitare cinque passeggeri e mantiene una capacità di carico di 350 litri. INTERNI HI-TECH. Labitacolo è stato progettato per fornire un elevato livello di confort, grazie anche a una dotazione hi-tech dultima generazione che completata da un moderno cockpit, completamente digitale. La plancia, più sviluppata in orizzontale, integra due ampi display. Per quanto concerne linfotainment, sono disponibili i sistemi multimedia radio e multimedia navi, con schermo touch a colori da 7 pollici o, in alternativa, il top di gamma con schermo touch ad alta definizione da 10 pollici di diagonale. Sulla nuova Mokka è inoltre offerto il servizio OpelConnect, che fornisce informazioni sul traffico in tempo reale e un collegamento diretto allassistenza in caso di guasti. Non manca neppure un completo elenco di sistemi di assistenza alla guida che comprende, tra le varie dotazioni, il cruise control avanzato, lActive Lane Positioning e lallarme di collisione frontale con frenata di emergenza automatica. DUE MOTORI BENZINA, UN DIESEL. Basata su una nuova versione della piattaforma modulare Cmp, la Mokka ha perso alla bilancia 120 kg e, al contempo, migliorato la propria rigidità torsionale. Le motorizzazioni convenzionali disponibili sono tre, di cui due proposte a benzina e una diesel. La versione entry-level è rappresentata da un 1.2 turbo da 100 CV (205 Nm) abbinato a un cambio manuale a sei rapporti, accreditato di un consumo combinato (calcolato nel ciclo Nedc) di 4,6 l/100 km con 104 g/km di CO2 emessa. Stando ai valori dichiarati, con questo ptopulsore lauto accelera da 0 a 100 km/h in 11 secondi e raggiunge una velocità massima di 182 km/h. La stessa unità è proposta anche in una versione da 130 CV, abbinabile sia al cambio manuale a sei rapporti sia a un automatico a otto marce. In questo caso i valori di consumo sono rispettivamente di 4,5-4,8 l/100 km, con emissioni di CO2 attestate a 103-111 g/km. Lo sprint da 0 a 100 km/h scende a 9,2 secondi, mentre la velocità massima sale a 202 km/h. Il motore a gasolio, infine, è un 1.5 litri da 110 CV (250 Nm) con cambio manuale a sei marce, il cui consumo medio dichiarato è di 3,8 l/100 km e le emissioni di CO2 pari a 100 g/km. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/OPEL-MOKKA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/OPEL.HTML 2020-09-03 09:42:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/02/lexus_auto_ufficiale_mostra_del_cinema_di_venezia_anteprima_ux300e_e_lc_convertible/gallery/rbig/2020-lexus-mostra-cinema-venezia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32171 Lexus - Il brand è Auto ufficiale alla Mostra del Cinema di Venezia per il quarto anno di fila http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32171&tipo=fv La LEXUS [1] è per il quarto anno consecutivo Auto ufficiale alla Mostra internazionale darte cinematografica La Biennale di Venezia. Levento, giunto alla sua 77esima edizione, si è aperto il 2 settembre 2020 al Lido e terminerà il prossimo 12 settembre. DOPPIA ANTEPRIMA. La Mostra del Cinema di Venezia costituisce loccasione per presentare, in anteprima nazionale, due modelli come la nuova UX 300E [2], prima elettrica del marchio nipponico, e la LC CONVERTIBLE [3], la lussuosa scoperta svelata lo scorso novembre al Salone di Los Angeles. In qualità di Auto ufficiale, la Lexus accompagnerà i vari ospiti (attori, registi e volti noti del mondo del cinema) fino al red carpet offrendo una flotta di 36 vetture: oltre ai due modelli già citati, ci saranno anche tutte le Suv presenti nella gamma della Casa, nonché la berlina ES e la LC nella versione coupé. Ogni vettura è dotata della tecnologia full hybrid. LE PAROLE DEL DIRETTORE. Maurizio Perinetti, direttore della filiale italiana della Casa, ha così commentato il traguardo raggiunto: Siamo particolarmente orgogliosi di partecipare per il quarto anno consecutivo alla prestigiosa Mostra del Cinema di Venezia, specialmente in questa edizione che rappresenta un segnale forte di ripartenza dopo lemergenza sanitaria che abbiamo e stiamo ancora attraversando. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LEXUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/22/LEXUS_UX_300E_ELETTRICA_AUTONOMIA_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/01/LEXUS_LC_CONVERTIBLE_PREZZI_E_ALLESTIMENTI_IN_ITALIA.HTML 2020-09-03 09:15:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/peugeot_5008_restyling_dimensioni_interni_suv_ibrida/gallery/rbig/2020-Peugeot-5008-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32170 Peugeot 5008 - Nuovo look e più tecnologia per la sette posti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32170&tipo=fv A pochi giorni dalla presentazione della VERSIONE AGGIORNATA DELLA 3008 [1] la PEUGEOT [2] presenta anche il restyling della sorella a sette posti 5008 [3]. Il passo avanti nel design e nelle dotazioni è simile per le due versioni, ma la grande Suv rinuncia per ora alle motorizzazioni plug-in hybrid, proposte invece in due varianti sulla sorella minore. FRONTALE PIù AGGRESSIVO E NUOVI GRUPPI OTTICI. Lo stile della 5008 è stato aggiornato con un nuovo frontale che introduce il light design inaugurato dalla 208. Troviamo quindi nuovi Led diurni verticali abbinati ai fari principali disponibili anche in versione full Led, con possibilità di aggiungere la funzione Evs di illuminazione in curva e quella specifica per la guida nella nebbia. Una nuova griglia frontale, le cui forme cambiano in base allallestimento, lega tutti gli elementi tra di loro: sono inoltre previsti elementi nero lucido nei paraurti per enfatizzare ulteriormente il carattere del modello. Anche il posteriore è stato rivisto con laggiunta di fari full Led con tre elementi verticali distinti e indicatori di direzione dinamici uniti allinterno di una copertura fumé che riprende la finitura nero lucido della decorazione sul portellone. INFOTAINMENT DA 10". Labitacolo resta fedele alla formula delli-Cockpit, impreziosito ora dal nuovo abbinamento tra lo schermo da 12,3" della strumentazione, lhead-up display e il touchscreen da 10" dellinfotainment con il supporto per Apple CarPlay e Android Auto. Immutata la leva del cambio automatico, mentre nella console centrale è ora previsto il selettore delle modalità di guida Normal, Sport ed Eco. Finiture e materiali sono stati rivisti per elevare ulteriormente il livello qualitativo e garantire un livello maggiore di personalizzazione: sulle versioni GT, per esempio, sono disponibili per la prima volta gli inserti di legno di tiglio. ADAS DI LIVELLO 2 PIù COMPLETI. La dotazione delllassistenza alla guida cresce ulteriormente con larrivo di nuovi dispositivi di Livello 2. La 5008, così come la 3008, può contare ora sul sistema Night vision con immagini a infrarossi nella strumentazione digitale, sullAdaptive cruise control con funzione Stop go, sul Lane assist e sulle funzioni evolute della frenata demergenza, ora attiva fino a 140 km/h e capace di riconoscere pedoni e ciclisti anche di notte. NIENTE IBRIDO PER LA LUNGA. A differenza della 3008, la 5008 restyling non propone varianti plug-in hybrid. La gamma è dunque concentrata sui benzina 1.2 Puretech 130 (manuale o automatico Eat8) e 1.6 Puretech 180 Eat8 e sui diesel 1.5 BlueHDI 130 (manuale o automatico Eat8) e 2.0 BlueHDi 180 Eat8. Gli allestimenti disponibili sono lActive, lActive Pack, lAllure, lAllure Pack, il GT e il GT Pack. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/01/PEUGEOT_3008_RESTYLING_IBRIDA_INTERNI_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/PEUGEOT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PEUGEOT/5008 2020-09-03 04:13:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/opel_mokka_dimensioni_motori_benzina_diesel/gallery/rbig/2020-Opel-Mokka-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32169 Opel Mokka - Ecco le versioni con motori tradizionali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32169&tipo=fv Dopo le anticipazioni riservate alla MOKKA-E [1], la OPEL [2] ha diffuso le prime informazioni relative alle versioni endotermiche. Prima di addentrarsi nelle peculiarità delle singole motorizzazioni, va sottolineato però come la rinnovata Suv tedesca abbia introdotto diversi cambiamenti, sia estetici sia di contenuto. LOOK MODERNO. I nuovi stilemi della Opel, che influenzeranno laspetto di tutti i futuri modelli della Casa, si notano subito. Il look della Mokka è caratterizzato da sbalzi corti che, abbinati a linee maggiormente tese rispetto al passato, donano allauto carattere. La nuova generazione ha modificato anche le dimensioni: nonostante il leggero incremento del passo (+ 2 mm), la Mokka (lunga 4,15 metri) nel complesso è più corta rispetto al modello uscente di ben 12,5 cm. Ciò nonostante, può ospitare cinque passeggeri e mantiene una capacità di carico di 350 litri. INTERNI HI-TECH. Labitacolo è stato progettato per fornire un elevato livello di confort, grazie anche a una dotazione hi-tech dultima generazione che completata da un moderno cockpit, completamente digitale. La plancia, più sviluppata in orizzontale, integra due ampi display. Per quanto concerne linfotainment, sono disponibili i sistemi multimedia radio e multimedia navi, con schermo touch a colori da 7 pollici o, in alternativa, il top di gamma con schermo touch ad alta definizione da 10 pollici di diagonale. Sulla nuova Mokka è inoltre offerto il servizio OpelConnect, che fornisce informazioni sul traffico in tempo reale e un collegamento diretto allassistenza in caso di guasti. Non manca neppure un completo elenco di sistemi di assistenza alla guida che comprende, tra le varie dotazioni, il cruise control avanzato, lActive Lane Positioning e lallarme di collisione frontale con frenata di emergenza automatica. DUE MOTORI BENZINA, UN DIESEL. Basata su una nuova versione della piattaforma modulare Cmp, la Mokka ha perso alla bilancia 120 kg e, al contempo, migliorato la propria rigidità torsionale. Le motorizzazioni convenzionali disponibili sono tre, di cui due proposte a benzina e una diesel. La versione entry-level è rappresentata da un 1.2 turbo da 100 CV (205 Nm) abbinato a un cambio manuale a sei rapporti, accreditato di un consumo combinato (calcolato nel ciclo Nedc) di 4,6 l/100 km con 104 g/km di CO2 emessa. Stando ai valori dichiarati, con questo ptopulsore lauto accelera da 0 a 100 km/h in 11 secondi e raggiunge una velocità massima di 182 km/h. La stessa unità è proposta anche in una versione da 130 CV, abbinabile sia al cambio manuale a sei rapporti sia a un automatico a otto marce. In questo caso i valori di consumo sono rispettivamente di 4,5-4,8 l/100 km, con emissioni di CO2 attestate a 103-111 g/km. Lo sprint da 0 a 100 km/h scende a 9,2 secondi, mentre la velocità massima sale a 202 km/h. Il motore a gasolio, infine, è un 1.5 litri da 110 CV (250 Nm) con cambio manuale a sei marce, il cui consumo medio dichiarato è di 3,8 l/100 km e le emissioni di CO2 pari a 100 g/km. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/OPEL-MOKKA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/OPEL.HTML 2020-09-02 19:25:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/lucid_air_la_berlina_elettrica_batte_la_tesla_model_s_nel_quarto_di_miglio_video/gallery/rbig/2020-lucid-air-dream-edition-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32168 Lucid Air - La berlina elettrica batte la Tesla Model S nel quarto di miglio - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32168&tipo=fv Verrà presentata solo il prossimo 9 settembre, ma sta già facendo parlare il mondo automotive: è la nuova LUCID AIR [1], berlina elettrica dalle grandi ambizioni e con la Tesla nel mirino. Non a caso, la Lucid Motors ha appena diffuso un video in cui la propria creature batte una MODEL S [2] in un confronto nel classico quarto di miglio (circa 402 metri). NUMERI DA CAPOGIRO. Secondo la Lucid, per completare tale percorso la berlina impiega solo 9,9 secondi. Un dato impressionante, persino superiore a quello di note supercar e hypercar, ma in linea con la potenza (dichiarata) di 1.080 CV e con la velocità di punta di 350 KM/H [3], registrata nel centro prove TRC in Ohio. Si tratta di unauto velocissima, quindi, ma che ha anche caratteristiche da viaggiatrice: solo poche settimane fa, avevano fatto notizia le 517 MIGLIA DI AUTONOMIA [4] (circa 832 km) messe a segno con una sola ricarica nel ciclo Epa (lente regolatore negli Usa): un valore nettamente superiore alle precedenti stime, pari a 650 km. LA PIù COSTOSA. Va precisato che stiamo parlando versione top di gamma della Air, la prima che verrà resa disponibile al lancio a un prezzo di oltre 100 mila dollari. I preordini di questo modello sono aperti dal 2018: in seguito dovrebbero arrivare varianti meno costose, con potenze comunque superiori ai 400 CV. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCID-AIR [2] https://www.quattroruote.it/tags/tesla-model-s [3] https://www.quattroruote.it/news/novita/2017/04/13/lucid_motors_air_la_superberlina_elettrica_in_pista_a_350_km_h_video.html [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/08/11/lucid_air_test_autonomia_batterie_ciclo_epa_nuove_stime_elettrica_832_km_.html 2020-09-02 19:04:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/mercedes_benz_classe_s_l_ammiraglia_per_eccellenza_torna_per_stupire/gallery/rbig/2020-Mercedes-Benz-Classe-S-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32167 Mercedes-Benz Classe S - Lammiraglia per eccellenza torna per stupire - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32167&tipo=fv "Produrre la migliore automobile del mondo": è questo lobiettivo che la MERCEDES-BENZ [1], storicamente, persegue nello sviluppo di ogni nuova generazione della CLASSE S [2]. E se è vero che in questa affermazione cè una punta di supponenza, daltra parte è innegabile che nessun altro modello ha ottenuto tanti primati quanti la Sonderklasse di Stoccarda. Un palmarès che non ha eguali in numerosi campi: connettività, sicurezza, assistenza alla guida, ingegneria meccanica e puro prestigio. Tutte discipline in cui anche il nuovo modello ha lambizione di eccellere. UN MBUX RIVOLUZIONARIO. La settima serie dellammiraglia per antonomasia, ordinabile da metà settembre in Germania e in consegna a partire da dicembre, veste i panni del riferimento nel settore del lusso per il nuovo decennio prima di tutto con un salto in avanti dellinterfaccia uomo-macchina. Cuore della realizzazione è lMBUX DI NUOVA GENERAZIONE [3], che nella variante più evoluta offre cinque schermi, alcuni dei quali Oled, e un display per il guidatore in grado di creare vere immagini tridimensionali grazie alleye-tracking di chi è al volante, dunque senza la necessità di indossare occhiali 3D. HEAD-UP DISPLAY IN REALTà AUMENTATA. Di rilievo forse ancora maggiore è lhead-up display, che ricrea contenuti in realtà aumentata sovrapponendoli allambiente circostante: le indicazioni del navigatore, per esempio, sono proiettate direttamente sul nastro dasfalto, così come quelle dellActive distance assist del cruise control adattivo. Le immagini sono riprodotte a una distanza virtuale di dieci metri dal punto di vista del guidatore e occupano una grande porzione del parabrezza, pari a quella di uno schermo da 77". NON DITE PIù "HEY MERCEDES". Il nuovo Mbux si caratterizza anche per levoluzione dei comandi vocali "Hey Mercedes": capace di un dialogo più naturale con gli occupanti, il sistema sfrutta anche un nuovo algoritmo di apprendimento, che gli consente una migliore comprensione delle richieste, anche senza la necessità della frase di attivazione. I comandi vocali, inoltre, ora possono essere impartiti anche dagli occupanti dei sedili posteriori. INTERIOR ASSIST: ANTICIPA LE INTENZIONI DEGLI OCCUPANTI. Altro merito dei nuovi algoritmi dellintelligenza artificiale è quello di aver consentito alla Mercedes di introdurre la funzione Interior assist, un vero software predittivo che anticipa le intenzioni degli occupanti: quando per esempio il guidatore volge lo sguardo verso i retrovisori esterni, questi si aprono automaticamente. Allo stesso modo, il movimento delle mani alla ricerca di un oggetto in una zona buia dellabitacolo attiva istantaneamente i Led per illuminarla. SMART HOME: CONTROLLA LA DOMOTICA. Ultima "chicca" dellMbux di nuova generazione è senza dubbio la funzione Smart home, che consente di controllare tutta la domotica dallauto: temperatura, illuminazione, elettrodomestici e antifurto dellabitazione sono gestibili direttamente dalla Classe S. CHE PASSO: 3,22 METRI. Lunga 5,18 metri nella versione a passo corto (cinque centimetri più della precedente), la portabandiera di Stoccarda raggiunge i 5,29 (tre in più) come "long wheelbase", ma sono proprio le misure dellinterasse a renderla ancora più ammiraglia: nel primo caso tocca i 3,11 metri (sette centimetri la crescita), nel secondo i 3,22 (+5). Basta una misura per riassumere in cosa si traduca tutto questo: lo spazio in lunghezza per le gambe passa da 96 a 100 centimetri sulla passo corto e da 109 a 111 sulla Lunga. DIECI PROGRAMMI DI MASSAGGIO, CUSCINI RISCALDABILI. Tutto, immancabilmente, ruota intorno al massimo confort, sulla Classe S. I sedili anteriori sono regolabili grazie allazione di 19 piccoli motori elettrici e le modalità di massaggio disponibili sono arrivate a dieci, senza contare la combinazione con i programmi che seguono i principi del metodo "hot stone". Per i passeggeri posteriori, infine, sono disponibili cinque diverse varianti di sedili, che ora offrono anche il riscaldamento per il cuscino aggiuntivo dei poggiatesta. GUIDA ASSISTITA DI LIVELLO 3. Oltre che nel confort, la nuova ammiraglia di Stoccarda segna un primato importante anche nel campo dellassistenza alla guida: la Classe S offrirà lautomazione di Livello 3 pienamente operativa, a partire dalla seconda metà del 2021 su alcune tratte delle autostrade tedesche. Merito del sistema Drive pilot, che consentirà a chi è al volante di dedicarsi ad attività non legate alla guida, come navigare su internet o controllare la mail dallIn-car office. PARCHEGGIO AUTONOMO DI LIVELLO 4. Nella fase di parcheggio, il sistema di assistenza alla guida è pienamente qualificato come Livello 4 sulla scala Sae: la nuova Classe S può entrare e uscire da un posteggio senza il guidatore a bordo, perché lintera manovra può essere gestita direttamente dallo smartphone. Non solo: il modello dispone della predisposizione software per entrare e uscire dai parcheggi multipiano senza conducente a bordo. Una possibilità evidentemente realizzabile soltanto nei Paesi in cui è legale e nel caso di strutture connesse. ASSE POSTERIORE STERZANTE. Da sempre allavanguardia anche sugli schemi sospensivi, lammiraglia Mercedes introduce novità di assoluto rilievo anche in questa settima generazione: lasse posteriore sterzante, che gira le ruote dietro in fase (alle alte velocità) o in controfase (alle andature ridotte o in manovra) fino a 10, riducendo così il diametro di sterzata di 1,9 metri, per una misura inferiore ai 10,9. Che è poco superiore al doppio della lunghezza dellauto. IMPULSE SIDE: SI ALZA DI OTTO CENTIMETRI PRIMA DI UN INCIDENTE. Sul nuovo modello sono inoltre disponibili di serie le sospensioni pneumatiche Airmatic e, a richiesta, il pacchetto E-Active body control, che include una funzione del tutto inedita, il Pre-Safe Impulse side. Si tratta di un sistema che, sfruttando le immagini raccolte dal radar, consente di prevedere un impatto laterale e di alzare il corpo vettura di otto centimetri in pochi decimi di secondo. In questa maniera, lenergia del colpo non viene assorbita dalle portiere, ma dal brancardo, una delle parti più rigide della fiancata della vettura. DIGITAL LIGHT: 1,3 MILIONI DI MICRO-SPECCHI. Un capitolo nuovo è anche quello che viene scritto dallilluminotecnica: fa il suo debutto il sistema Digital light che affianca alla funzione di illuminazione vera e propria quella di assistenza alla guida, per esempio proiettando sulla strada un segnale di prossimità di lavori in corso, un avviso di pericolo, di divieto daccesso o di stop, una luce spot per illuminare un pedone in procinto di attraversare o ancora le linee guida per attraversare un passaggio particolarmente stretto. A rendere possibili queste nuove funzioni, sono sei Led anteriori, tre per gruppo ottico, la cui luce viene rifratta da un sofisticatissimo sistema di 1,3 milioni di micro-specchi. Anche lilluminazione degli interni, che conta su oltre 250 Led, si attiva a seconda delle situazioni di guida, per esempio rinforzando visivamente gli avvisi dei sistemi di assistenza alla guida o lavvenuta ricezione di un comando vocale "Hey Mercedes". AL LANCIO SOLO SEI IN LINEA. POI V8 E PLUG-IN (DA 100 KM ELETTRICI). Al momento del lancio, lammiraglia Mercedes, equipaggiata di serie con il cambio automatico nove marce 9G-Tronic, sarà disponibile unicamente con i motori sei cilindri in linea: il 3.0 turbobenzina di S 450 4Matic ed S 500 4Matic (389 e 457 CV rispettivamente, grazie al contributo dei 22 cavalli elettrici del sistema mild hybrid) e il 2.9 turbodiesel di S 350 d (286 CV, anche 4Matic) e S 400 d 4Matic (330 CV). Più avanti arriverà anche il 4.0 V8 biturbo mild hybrid (511 CV, 22 dei quali elettrici), mentre nel 2021 sarà la volta di un ibrido plug-in di nuova generazione. Che promette unautonomia elettrica di circa 100 chilometri. Tutte le versioni dellammiraglia saranno prodotte nella nuova Factory 56 di Sindelfingen. AIRBAG POSTERIORI E AIRBAG CENTRALE. Sul fronte del corpo vettura (che per inciso è sceso a un Cx di 0,22, nonostante la superficie frontale abbia raggiunto i 2,5 metri quadrati), va segnalato che la struttura ibrida ha superato il 50% del contenuto di alluminio, senza tuttavia compromettere la sicurezza passiva. Che anzi saluta le ennesime prime mondiali del modello: QUELLE DEGLI AIRBAG POSTERIORI [4] e dellairbag centrale tra i posti anteriori, che riduce il rischio di contatto tra la testa del guidatore e quella del passeggero negli urti laterali. IL PESO DELLA SOSTENIBILITà. Cè anche un ultimo aspetto con cui la Classe S conferma di essere pronta al decennio appena iniziato: quello della sostenibilità. Oltre 98 chilogrammi di componenti sono stati realizzati con materiali sostenibili: sono ora 120 i pezzi che contengono materiali riciclati, cui vanno aggiunti altri 40 chili di parti realizzate in materie prime rinnovabili. Come i rivestimenti del pianale di Econyl, vale a dire nylon rigenerato da reti da pesca usate e scarti di lavorazione dei tappeti. E anche (anzi, soprattutto) questo è progresso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MERCEDES+CLASSE+S [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/07/MERCEDES_BENZ_CLASSE_S_MBUX_DI_SECONDA_GENERAZIONE_TUTTO_QUELLO_CHE_C_E_DA_SAPERE.HTML [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/07/29/mercedes_classe_s_la_nuova_generazione_avra_gli_airbag_posteriori.html 2020-09-02 18:56:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/audi_rs_6_avant_rs_tribute_edition/gallery/rbig/2020-Audi-RS-6-Avant-RS-Tribute-edition-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32166 Audi RS 6 Avant - La Tribute edition rende omaggio alla RS2 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32166&tipo=fv 25 esemplari per celebrare i 25 anni di unicona tedesca. La nuova AUDI RS 6 AVANT RS TRIBUTE EDITION è stata presentata negli Stati Uniti con dettagli estetici che rimandano alla RS2 Avant che, negli anni Novanta, portò il marchio dei Quattro anelli nel segmento delle familiari ad alte prestazioni e diede vita alla gamma RS. FINITURE ESCLUSIVE. La nuova RS Tribute è già ordinabile con un prezzo di 136.800 dollari (115.625 euro) e si distingue dalle altre versioni della familiare per i cerchi di lega da 22" e per la verniciatura Nogaro Blue pearl della carrozzeria con dettagli neri a contrasto per la calandra, lestrattore posteriore e le barre del tetto. Le pinze freno sono rosse, mentre allinterno dellabitacolo sono presenti dei sedili sportivi rivestiti di pelle Valcona con impunture Denim Blue, inserti di fibra di carbonio e finiture di pelle per le parti superiori e inferiori della plancia. Lallestimento prevede anche un impianto audio Bang Olufsen, lhead-up display a colori, lExecutive Package con sedili posteriori riscaldabili e il Driver Assistance Package con cruise control adattivo e Audi side assist. Lunica modifica apportata al V8 biturbo da 600 CV è lo scarico sportivo: la RS Tribute edition propone le stesse prestazioni delle altre RS 6 Avant, con uno 0-100 km/h coperto in 3,6 secondi e una velocità massima di 250 km/h. 2020-09-02 18:32:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/02/alfa_romeo_il_museo_di_arese_celebra_la_formula_1_con_un_weekend_di_appuntamenti/gallery/rbig/2020-museo-alfa-romeo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32165 Alfa Romeo - Il Museo di Arese celebra la Formula 1 con un weekend di appuntamenti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32165&tipo=fv IL BISCIONE E LA FORMULA 1 [1], un legame vecchio quanto la storia del Circus. Nel weekend del Gran Premio dItalia, il Museo Storico Alfa Romeo di Arese celebrerà questo rapporto con un calendario ricco di appuntamenti, tra cui non mancheranno conferenze, simulazioni di pit stop, parate e le dirette di gare e qualifiche. UN QUATTRO CILINDRI MAI USATO. Le prove ufficiali apriranno i MONZADAYS2020, con la diretta del 5 settembre trasmessa sul maxischermo della Sala Giulia, a seguito della quale, alle ore 16.00, terrà banco una nuova conferenza del ciclo Backstage, dedicata alla storia del quattro cilindri turbo 415/85T. Realizzato negli anni 80 per la scuderia Ligier, il motore non venne mai impiegato in un appuntamento del Circus a causa di alcuni disaccordi con i transalpini. IL PIT STOP. Domenica 6 settembre verrà invece trasmessa la gara, al termine della quale non mancherà unaltra conferenza dal titolo Pit-stop, la sfida ai box, che terrà banco in collaborazione con il team Alfa Romeo Racing Orlen. In questoccasione, verranno svelati i segreti e levoluzione dal 1950 a oggi della cruciale fermata ai box, durante le gare di Formula 1, grazie allintervento dei tecnici di scuderia in videoconferenza dallautodromo di Monza. LE ESPERIENZE DINAMICHE. Per tutto il weekend, inoltre, i visitatori potranno cimentarsi in unesperienza di pit stop (i posti per questattività sono limitati e disponibili su prenotazione) per vivere lesperienza di un cambio gomme delle monoposto. Non mancherà poi la presenza del motorhome del Biscione, collocato allesterno della struttura, dove le Alfa dei presenti saranno protagoniste delle ormai consuete parate in pista. Infine, sarà ovviamente possibile ammirare tutte le vetture della Collezione di Arese, ANCHE QUELLE NASCOSTE [2], e un trittico di auto molto recenti: la monoposto C39 [3] della stagione 2020, la NUOVA GIULIA GTA [4] e la concept TONALE [5]. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/sport/2017/12/09/alfa_romeo_la_storia_del_biscione_in_formula_1_foto_gallery.html [2] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2020/06/24/_110_anni_alfa_romeo_collezione_segreta_museo_arese.html [3] https://www.quattroruote.it/news/sport/2020/02/19/formula_1_ecco_la_nuova_alfa_romeo_c39.html [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/03/20/alfa_romeo_giulia_gta_e_gtam_vi_sveliamo_tutti_i_segreti_tecnici_delle_nuove_sportive.html [5] https://www.quattroruote.it/news/concept/2019/03/05/alfa_romeo_tonale_prezzo_foto_dimensioni_motori_presentazione_uscita.html 2020-09-02 17:26:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/seat_tarraco_arriva_la_2_0_tdi_150_cv_dsg_a_trazione_anteriore/gallery/rbig/2020-seat-tarraco-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32164 Seat Tarraco - Arriva la 2.0 TDI 150 CV Dsg a trazione anteriore http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32164&tipo=fv La SEAT [1] si appresta ad ampliare la gamma della TARRACO [2] introducendo a listino una versione equipaggiata col motore 2.0 TDI abbinato alla trazione anteriore e al cambio automatico Dsg. GAMMA IN PROGRESSIVA ESPANSIONE. La combinazione di questi tre elementi, stando a quanto affermato dal marchio, contribuirà a incrementare il gradimento del modello sia tra la clientela privata sia tra quella professionale (flotte aziendali). La famiglia della sport utility spagnola è poi destinata ad arricchirsi ulteriormente con laggiunta della versione ibrida plug-in, il cui lancio è previsto per la seconda metà del prossimo anno. CARATTERISTICHE. Lunità da due litri a gasolio eroga una potenza massima di 150 CV tra i 3.000 e i 4.200 giri/min, mentre la coppia raggiunge i 360 Nm. Al suo fianco, come detto, il cambio Dsg e la trazione anteriore: così configurata, la Tarraco promette emissioni tra i 140 e 157 g/km di CO2, calcolati in base al ciclo di prova Wltp, e consumi di 5,4-6 litri/100 km. La nuova versione si potrà ordinare a cinque o sette posti, in tre differenti allestimenti: Style, Xcellence ed FR. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/TARRACO 2020-09-02 16:59:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/02/program_consegnate_25_volvo_v60_allestite_per_la_polizia/gallery/rbig/2020-volvo-v60-polizia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32163 Program - Consegnate 25 Volvo V60 allestite per la polizia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32163&tipo=fv Venticinque VOLVO V60 [1], appositamente allestite per lattività della polizia, sono state consegnate dalla Program, azienda di autonoleggio, ad Autovie Venete. Unoperazione che consolida il rapporto di collaborazione tra le due società, che nel corso degli ultimi dieci anni ha riguardato una fornitura complessiva di oltre 320 veicoli, compresi mezzi operativi e di rappresentanza, tra cui alcuni specifici dedicati alla viabilità e alla polizia stradale. VETTURE AL SERVIZIO DELLA SICUREZZA STRADALE. La fornitura delle auto rientra nella convenzione stipulata da Autovie Venete con il ministero dellInterno, che prevede la copertura di interventi di costruzione, manutenzione e ristrutturazione delle caserme a servizio della rete autostradale; la fornitura di carburante, lassistenza e la manutenzione delle apparecchiature radio e di telefonia mobile necessarie per i collegamenti tra pattuglie, caserme e il Centro operativo autostradale di Udine (nonché fra questultimo e il compartimento della polizia stradale di riferimento). Le nuove Volvo V60 sono state acquistate con la formula del noleggio a lungo termine (di 36 mesi) con un investimento di 1.517.803 euro, cifra che comprende i costi di riparazione, sostituzione di pneumatici e la manutenzione ordinaria e straordinaria dei veicoli. Le auto, prima della consegna, vengono allestite con tutto loccorrente per il servizio che la polizia svolge lungo la rete autostradale. DOTAZIONE SPECIFICA. Lequipaggiamento comprende il kit di segnaletica per mettere in sicurezza i tratti stradali, i coni segnaletici, lestintore, la torcia a vento, lapparato radiotrasmittente, le mascherine antigas, i guanti e gli occhiali protettivi, il navigatore satellitare, lattrezzo multiuso per rompere i finestrini di altri veicoli in caso di urgenza, le prese elettriche, un tavolino-scrivania, un mobiletto con cassetto per contenere letilometro e una speciale asta, detta top crash, dotata di GPS per la rilevazione degli incidenti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLVO-V60 2020-09-02 16:28:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/opel_mokka_dimensioni_motori_benzina_diesel/gallery/rbig/2020-Opel-Mokka-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32162 Opel Mokka - Svelate le versioni con motori tradizionali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32162&tipo=fv Dopo le anticipazioni riservate alla MOKKA-E [1], la OPEL [2] ha diffuso le prime informazioni relative alle versioni endotermiche. Prima di addentrarsi nelle peculiarità delle singole motorizzazioni, va sottolineato però come la rinnovata Suv tedesca abbia introdotto diversi cambiamenti, sia estetici sia di contenuto. LOOK MODERNO. I nuovi stilemi della Opel, che influenzeranno laspetto di tutti i futuri modelli della Casa, si notano subito. Il look della Mokka è caratterizzato da sbalzi corti che, abbinati a linee maggiormente tese rispetto al passato, donano allauto carattere. La nuova generazione ha modificato anche le dimensioni: nonostante il leggero incremento del passo (+ 2 mm), la Mokka (lunga 4,15 metri) nel complesso è più corta rispetto al modello uscente di ben 12,5 cm. Ciò nonostante, può ospitare cinque passeggeri e mantiene una capacità di carico di 350 litri. INTERNI HI-TECH. Labitacolo è stato progettato per fornire un elevato livello di confort, grazie anche a una dotazione hi-tech dultima generazione che completata da un moderno cockpit, completamente digitale. La plancia, più sviluppata in orizzontale, integra due ampi display. Per quanto concerne linfotainment, sono disponibili i sistemi multimedia radio e multimedia navi, con schermo touch a colori da 7 pollici o, in alternativa, il top di gamma con schermo touch ad alta definizione da 10 pollici di diagonale. Sulla nuova Mokka è inoltre offerto il servizio OpelConnect, che fornisce informazioni sul traffico in tempo reale e un collegamento diretto allassistenza in caso di guasti. Non manca neppure un completo elenco di sistemi di assistenza alla guida che comprende, tra le varie dotazioni, il cruise control avanzato, lActive Lane Positioning e lallarme di collisione frontale con frenata di emergenza automatica. DUE MOTORI BENZINA, UN DIESEL. Basata su una nuova versione della piattaforma modulare Cmp, la Mokka ha perso alla bilancia 120 kg e, al contempo, migliorato la propria rigidità torsionale. Le motorizzazioni convenzionali disponibili sono tre, di cui due proposte a benzina e una diesel. La versione entry-level è rappresentata da un 1.2 turbo da 100 CV (205 Nm) abbinato a un cambio manuale a sei rapporti, accreditato di un consumo combinato (calcolato nel ciclo Nedc) di 4,6 l/100 km con 104 g/km di CO2 emessa. Stando ai valori dichiarati, con questo ptopulsore lauto accelera da 0 a 100 km/h in 11 secondi e raggiunge una velocità massima di 182 km/h. La stessa unità è proposta anche in una versione da 130 CV, abbinabile sia al cambio manuale a sei rapporti sia a un automatico a otto marce. In questo caso i valori di consumo sono rispettivamente di 4,5-4,8 l/100 km, con emissioni di CO2 attestate a 103-111 g/km. Lo sprint da 0 a 100 km/h scende a 9,2 secondi, mentre la velocità massima sale a 202 km/h. Il motore a gasolio, infine, è un 1.5 litri da 110 CV (250 Nm) con cambio manuale a sei marce, il cui consumo medio dichiarato è di 3,8 l/100 km e le emissioni di CO2 pari a 100 g/km. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/OPEL-MOKKA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/OPEL.HTML 2020-09-02 15:39:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/02/porsche_per_il_futuro_si_punta_anche_sui_carburanti_sintetici/gallery/rbig/2020-porsche-carburanti-sintetici-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32161 Porsche - Per il futuro si punta anche sui carburanti sintetici http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32161&tipo=fv Con la sola elettricità non si può andare avanti abbastanza velocemente. Michael Steiner, capo della ricerca e sviluppo alla PORSCHE [1], non usa giri di parole nel delineare la strada che si trova davanti il costruttore di Zuffenhausen, tracciata inevitabilmente sulla via dellelettrificazione (si ricordi lambizioso obiettivo di arrivare, entro il 2025, a vendere per il 50% vetture elettriche) ma affiancata da percorsi paralleli. Uno di questi è costituito dai CARBURANTI SINTETICI [2], sui quali la Casa tedesca sta investendo per diffonderne lutilizzo nei prossimi anni e per contribuire a renderli un prodotto migliore, non solo più green ma anche adatto alle vetture sportive. POSSIBILE LIMPIEGO NEL MOTORSPORT. I motori a combustione continueranno a dominare il mondo automobilistico per molti anni a a venire ha detto Steiner, e per gestire le flotte esistenti in modo sostenibile ha aggiunto il manager gli eFuel sono una componente fondamentale. A questi la Porsche ha dedicato un team allinterno dellazienda e si sta muovendo in cerca di partner per avviare progetti pilota, con lo scopo di dimostrare che la filiera dei biocarburanti può funzionare ed essere industrializzata. Non solo: a Zuffenhausen desiderano, in un certo senso, contribuire a plasmare gli eFuel del futuro: Vogliamo che questi carburanti siano adatti per i motori ad alte prestazioni ha detto Steiner, ribadendo la necessità di avviarne lo sviluppo prima ancora di risolvere tutte le questioni normative legate allintroduzione. La Casa non esclude perfino lipotesi di utilizzare gli eFuel nelle competizioni. COME LA VEDONO A ZUFFENHAUSEN. Le parole del capo della ricerca e sviluppo hanno poi nuovamente definito la visione della Porsche sulla mobilità del futuro, indicando quali tecnologie rientrano nei progetti e quali no. Lelettrico avrà il ruolo centrale ma di per sé non basta: entusiasmante e convincente ha detto Steiner ma, preso da solo, ci sta portando a raggiungere i nostri obiettivi di sostenibilità a un ritmo più lento di quanto vorremmo. Limportanza dei motori a combustione non è dunque in discussione, soprattutto per le lunghe percorrenze: e la Casa non ha nessuna intenzione di escludere dalla gamma modelli esclusivamente termici per concentrarsi solo su ibride ed elettriche. La Porsche crede invece fermamente, almeno per il medio termine, nella convivenza delle tre tecnologie, mentre le fuel cell attualmente non fanno parte dei piani futuri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/09/20/BOSCH_ECCO_PERCHE_PUNTARE_SUI_CARBURANTI_SINTETICI_.HTML 2020-09-02 15:16:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/mercedes_benz_classe_s_l_ammiraglia_per_eccellenza_torna_per_stupire/gallery/rbig/2020-Mercedes-Benz-Classe-S-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32160 Mercedes-Benz Classe S - Lammiraglia per eccellenza torna per stupire http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32160&tipo=fv "Produrre la migliore automobile del mondo": è questo lobiettivo che la MERCEDES-BENZ [1], storicamente, persegue nello sviluppo di ogni nuova generazione della CLASSE S [2]. E se è vero che in questa affermazione cè una punta di supponenza, daltra parte è innegabile che nessun altro modello ha ottenuto tanti primati quanti la Sonderklasse di Stoccarda. Un palmarès che non ha eguali in numerosi campi: connettività, sicurezza, assistenza alla guida, ingegneria meccanica e puro prestigio. Tutte discipline in cui anche il nuovo modello ha lambizione di eccellere. UN MBUX RIVOLUZIONARIO. La settima serie dellammiraglia per antonomasia, ordinabile da metà settembre in Germania e in consegna a partire da dicembre, veste i panni del riferimento nel settore del lusso per il nuovo decennio prima di tutto con un salto in avanti dellinterfaccia uomo-macchina. Cuore della realizzazione è lMBUX DI NUOVA GENERAZIONE [3], che nella variante più evoluta offre cinque schermi, alcuni dei quali Oled, e un display per il guidatore in grado di creare vere immagini tridimensionali grazie alleye-tracking di chi è al volante, dunque senza la necessità di indossare occhiali 3D. HEAD-UP DISPLAY IN REALTà AUMENTATA. Di rilievo forse ancora maggiore è lhead-up display, che ricrea contenuti in realtà aumentata sovrapponendoli allambiente circostante: le indicazioni del navigatore, per esempio, sono proiettate direttamente sul nastro dasfalto, così come quelle dellActive distance assist del cruise control adattivo. Le immagini sono riprodotte a una distanza virtuale di dieci metri dal punto di vista del guidatore e occupano una grande porzione del parabrezza, pari a quella di uno schermo da 77". NON DITE PIù "HEY MERCEDES". Il nuovo Mbux si caratterizza anche per levoluzione dei comandi vocali "Hey Mercedes": capace di un dialogo più naturale con gli occupanti, il sistema sfrutta anche un nuovo algoritmo di apprendimento, che gli consente una migliore comprensione delle richieste, anche senza la necessità della frase di attivazione. I comandi vocali, inoltre, ora possono essere impartiti anche dagli occupanti dei sedili posteriori. INTERIOR ASSIST: ANTICIPA LE INTENZIONI DEGLI OCCUPANTI. Altro merito dei nuovi algoritmi dellintelligenza artificiale è quello di aver consentito alla Mercedes di introdurre la funzione Interior assist, un vero software predittivo che anticipa le intenzioni degli occupanti: quando per esempio il guidatore volge lo sguardo verso i retrovisori esterni, questi si aprono automaticamente. Allo stesso modo, il movimento delle mani alla ricerca di un oggetto in una zona buia dellabitacolo attiva istantaneamente i Led per illuminarla. SMART HOME: CONTROLLA LA DOMOTICA. Ultima "chicca" dellMbux di nuova generazione è senza dubbio la funzione Smart home, che consente di controllare tutta la domotica dallauto: temperatura, illuminazione, elettrodomestici e antifurto dellabitazione sono gestibili direttamente dalla Classe S. CHE PASSO: 3,22 METRI. Lunga 5,18 metri nella versione a passo corto (cinque centimetri più della precedente), la portabandiera di Stoccarda raggiunge i 5,29 (tre in più) come "long wheelbase", ma sono proprio le misure dellinterasse a renderla ancora più ammiraglia: nel primo caso tocca i 3,11 metri (sette centimetri la crescita), nel secondo i 3,22 (+5). Basta una misura per riassumere in cosa si traduca tutto questo: lo spazio in lunghezza per le gambe passa da 96 a 100 centimetri sulla passo corto e da 109 a 111 sulla Lunga. DIECI PROGRAMMI DI MASSAGGIO, CUSCINI RISCALDABILI. Tutto, immancabilmente, ruota intorno al massimo confort, sulla Classe S. I sedili anteriori sono regolabili grazie allazione di 19 piccoli motori elettrici e le modalità di massaggio disponibili sono arrivate a dieci, senza contare la combinazione con i programmi che seguono i principi del metodo "hot stone". Per i passeggeri posteriori, infine, sono disponibili cinque diverse varianti di sedili, che ora offrono anche il riscaldamento per il cuscino aggiuntivo dei poggiatesta. GUIDA ASSISTITA DI LIVELLO 3. Oltre che nel confort, la nuova ammiraglia di Stoccarda segna un primato importante anche nel campo dellassistenza alla guida: la Classe S offrirà lautomazione di Livello 3 pienamente operativa, a partire dalla seconda metà del 2021 su alcune tratte delle autostrade tedesche. Merito del sistema Drive pilot, che consentirà a chi è al volante di dedicarsi ad attività non legate alla guida, come navigare su internet o controllare la mail dallIn-car office. PARCHEGGIO AUTONOMO DI LIVELLO 4. Nella fase di parcheggio, il sistema di assistenza alla guida è pienamente qualificato come Livello 4 sulla scala Sae: la nuova Classe S può entrare e uscire da un posteggio senza il guidatore a bordo, perché lintera manovra può essere gestita direttamente dallo smartphone. Non solo: il modello dispone della predisposizione software per entrare e uscire dai parcheggi multipiano senza conducente a bordo. Una possibilità evidentemente realizzabile soltanto nei Paesi in cui è legale e nel caso di strutture connesse. ASSE POSTERIORE STERZANTE. Da sempre allavanguardia anche sugli schemi sospensivi, lammiraglia Mercedes introduce novità di assoluto rilievo anche in questa settima generazione: lasse posteriore sterzante, che gira le ruote dietro in fase (alle alte velocità) o in controfase (alle andature ridotte o in manovra) fino a 10, riducendo così il diametro di sterzata di 1,9 metri, per una misura inferiore ai 10,9. Che è poco superiore al doppio della lunghezza dellauto. IMPULSE SIDE: SI ALZA DI OTTO CENTIMETRI PRIMA DI UN INCIDENTE. Sul nuovo modello sono inoltre disponibili di serie le sospensioni pneumatiche Airmatic e, a richiesta, il pacchetto E-Active body control, che include una funzione del tutto inedita, il Pre-Safe Impulse side. Si tratta di un sistema che, sfruttando le immagini raccolte dal radar, consente di prevedere un impatto laterale e di alzare il corpo vettura di otto centimetri in pochi decimi di secondo. In questa maniera, lenergia del colpo non viene assorbita dalle portiere, ma dal brancardo, una delle parti più rigide della fiancata della vettura. DIGITAL LIGHT: 1,3 MILIONI DI MICRO-SPECCHI. Un capitolo nuovo è anche quello che viene scritto dallilluminotecnica: fa il suo debutto il sistema Digital light che affianca alla funzione di illuminazione vera e propria quella di assistenza alla guida, per esempio proiettando sulla strada un segnale di prossimità di lavori in corso, un avviso di pericolo, di divieto daccesso o di stop, una luce spot per illuminare un pedone in procinto di attraversare o ancora le linee guida per attraversare un passaggio particolarmente stretto. A rendere possibili queste nuove funzioni, sono sei Led anteriori, tre per gruppo ottico, la cui luce viene rifratta da un sofisticatissimo sistema di 1,3 milioni di micro-specchi. Anche lilluminazione degli interni, che conta su oltre 250 Led, si attiva a seconda delle situazioni di guida, per esempio rinforzando visivamente gli avvisi dei sistemi di assistenza alla guida o lavvenuta ricezione di un comando vocale "Hey Mercedes". AL LANCIO SOLO SEI IN LINEA. POI V8 E PLUG-IN (DA 100 KM ELETTRICI). Al momento del lancio, lammiraglia Mercedes, equipaggiata di serie con il cambio automatico nove marce 9G-Tronic, sarà disponibile unicamente con i motori sei cilindri in linea: il 3.0 turbobenzina di S 450 4Matic ed S 500 4Matic (389 e 457 CV rispettivamente, grazie al contributo dei 22 cavalli elettrici del sistema mild hybrid) e il 2.9 turbodiesel di S 350 d (286 CV, anche 4Matic) e S 400 d 4Matic (330 CV). Più avanti arriverà anche il 4.0 V8 biturbo mild hybrid (511 CV, 22 dei quali elettrici), mentre nel 2021 sarà la volta di un ibrido plug-in di nuova generazione. Che promette unautonomia elettrica di circa 100 chilometri. Tutte le versioni dellammiraglia saranno prodotte nella nuova Factory 56 di Sindelfingen. AIRBAG POSTERIORI E AIRBAG CENTRALE. Sul fronte del corpo vettura (che per inciso è sceso a un Cx di 0,22, nonostante la superficie frontale abbia raggiunto i 2,5 metri quadrati), va segnalato che la struttura ibrida ha superato il 50% del contenuto di alluminio, senza tuttavia compromettere la sicurezza passiva. Che anzi saluta le ennesime prime mondiali del modello: QUELLE DEGLI AIRBAG POSTERIORI [4] e dellairbag centrale tra i posti anteriori, che riduce il rischio di contatto tra la testa del guidatore e quella del passeggero negli urti laterali. IL PESO DELLA SOSTENIBILITà. Cè anche un ultimo aspetto con cui la Classe S conferma di essere pronta al decennio appena iniziato: quello della sostenibilità. Oltre 98 chilogrammi di componenti sono stati realizzati con materiali sostenibili: sono ora 120 i pezzi che contengono materiali riciclati, cui vanno aggiunti altri 40 chili di parti realizzate in materie prime rinnovabili. Come i rivestimenti del pianale di Econyl, vale a dire nylon rigenerato da reti da pesca usate e scarti di lavorazione dei tappeti. E anche (anzi, soprattutto) questo è progresso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MERCEDES+CLASSE+S [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/07/MERCEDES_BENZ_CLASSE_S_MBUX_DI_SECONDA_GENERAZIONE_TUTTO_QUELLO_CHE_C_E_DA_SAPERE.HTML [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/07/29/mercedes_classe_s_la_nuova_generazione_avra_gli_airbag_posteriori.html 2020-09-02 14:49:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/hennessey_in_arrivo_un_pick_up_con_sei_ruote_motrici_da_1200_cv/gallery/rbig/2020-hennessey-ram-trx-6x6-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32159 Hennessey - In arrivo un pick-up con sei ruote motrici da 1.200 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32159&tipo=fv Sei ruote motrici per non passare inosservati. Per coloro a cui non basta lesuberanza del RAM 1500 TRX [1], il pick-up ad alte prestazioni di FCA, lamericana HENNESSEY [2], nota per la sua hypercar VENOM F5 [3], ha sviluppato sulla base di questo nuovo modello il Mammooth 6x6, un vistoso veicolo dotato, appunto, di sei ruote motrici. UN NUOVO POWERTRAIN. Rispetto al fuoristrada cassonato da cui deriva, il motore V8 Hellcat di 6.2 litri da ben 702 CV è stato rimpiazzato da una ancor più poderosa unità Hellephant di 7.0 litri da 1.200 CV. Oltre al diverso propulsore, il Mammooth presenta anche nuove sospensioni, interni realizzati su misura, paraurti anteriori e posteriori ridisegnati e nuove luci a Led. PREZZO PER POCHI. I clienti potranno ordinarlo a partire dal 4 settembre, quando conosceremo altri dettagli su questo mezzo, impegnandosi a pagare ben 500 mila dollari (421 mila euro) per averlo. Il prezzo comprende il costo sostenuto dalla Casa per lacquisto del Ram 1500 Trx, il cui listino parte da 69.995 dollari (circa 59 mila euro), ed è il più alto mai richiesto per un pick-up della Hennessey, che ha già prodotto 15 esemplari dei suoi precedenti VelociRaptor 6x6 e Goliath 6x6. Due modelli che derivano rispettivamente dal Ford F150 RAPTOR [4] e dal Chevrolet Silverado. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/08/17/ram_1500_trx_prezzo_motore_prestazioni_uscita.html [2] https://www.quattroruote.it/tags/hennessey [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2018/08/27/hennessey_venom_f5_svelato_il_v8_biturbo_da_oltre_1600_cv.html [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2018/05/24/ford_f_150_raptor_nuove_sospensioni_per_il_model_year_2019.html 2020-09-02 12:57:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/02/bonus_mobilita_slitta_a_novembre_l_apertura_del_portale/gallery/rbig/2020-bonus.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32157 Bonus mobilità - Lapertura del portale slitta a novembre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32157&tipo=fv La telenovela infinita del cosiddetto BONUS MOBILITà [1] si arricchisce di una nuova puntata. Slitta a novembre, infatti, lapertura del portale del ministero dellAmbiente che consentirà di ottenere, sotto forma di rimborso o di voucher lincentivo statale allacquisto di biciclette (anche a pedalata assistita) e monopattini. IN ATTESA DEI FONDI. Previsto inizialmente per la fine di agosto e linizio di settembre, il sito sarà infatti attivato solo quando saranno disponibili tutte le risorse previste dallo Stato: i 120 milioni previsti dal cosiddetto decreto Rilancio, approvato dal governo a maggio e convertito in legge a luglio, i 20 milioni aggiunti dal parlamento in fase di conversione e i 70 milioni messi sul piatto dal ministero dellAmbiente, che però saranno disponibili nelle casse del dicastero di via Cristoforo Colombo solo alla fine di ottobre. Di qui la decisione di posticipare ancora una volta lapertura delle prenotazioni nella speranza di scongiurare il temuto click-day provocato dal boom di acquisti di mezzi nei mesi di maggio e giugno. Il portale, come è noto, consentirà a chi ha acquistato un mezzo ecologico a partire dal 4 maggio di ottenere il rimborso del 60% del prezzo di acquisto fino a un massimo di 500 euro. LA RETE DI SICUREZZA DELLA LEGGE DI BILANCIO. Al ministero, comunque, continuano a gettare acqua sul fuoco delle preoccupazioni dei cittadini: secondo lesecutivo, nelleventualità in cui i 210 milioni non bastino a coprire gli acquisti effettuati dal 4 maggio al 31 dicembre, saranno messi a disposizione ulteriori fondi con il disegno di legge bilancio, da presentare proprio a ottobre. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/18/BONUS_MOBILITA_NIENTE_CLICK_DAY_FARA_FEDE_LA_DATA_DI_ACQUISTO.HTML 2020-09-02 12:30:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/hennessey_in_arrivo_un_pick_up_con_sei_ruote_motrici_da_1200_cv/gallery/rbig/2020-hennessey-ram-trx-6x6-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32158 Hennessey - In arrivo un pick-up con sei ruote motrici da 1200 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32158&tipo=fv Sei ruote motrici per non passare inosservati. Per coloro a cui non basta lesuberanza del RAM 1500 TRX [1], il pick-up ad alte prestazioni di FCA, lamericana HENNESSEY [2], nota per la sua hypercar VENOM F5 [3], ha sviluppato sulla base di questo nuovo modello il Mammooth 6x6, un vistoso veicolo dotato, appunto, di sei ruote motrici. UN NUOVO POWERTRAIN. Rispetto al fuoristrada cassonato da cui deriva, il motore V8 Hellcat di 6.2 litri da ben 702 CV è stato rimpiazzato da una ancor più poderosa unità Hellephant di 7.0 litri da 1.200 CV. Oltre al diverso propulsore, il Mammooth presenta anche nuove sospensioni, interni realizzati su misura, paraurti anteriori e posteriori ridisegnati e nuove luci a Led. PREZZO PER POCHI. I clienti potranno ordinarlo a partire dal 4 settembre, quando conosceremo altri dettagli su questo mezzo, impegnandosi a pagare ben 500 mila dollari (421 mila euro) per averlo. Il prezzo comprende il costo sostenuto dalla Casa per lacquisto del Ram 1500 Trx, il cui listino parte da 69.995 dollari (circa 59 mila euro), ed è il più alto mai richiesto per un pick-up della Hennessey, che ha già prodotto 15 esemplari dei suoi precedenti VelociRaptor 6x6 e Goliath 6x6. Due modelli che derivano rispettivamente dal Ford F150 RAPTOR [4] e dal Chevrolet Silverado. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/08/17/ram_1500_trx_prezzo_motore_prestazioni_uscita.html [2] https://www.quattroruote.it/tags/hennessey [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2018/08/27/hennessey_venom_f5_svelato_il_v8_biturbo_da_oltre_1600_cv.html [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2018/05/24/ford_f_150_raptor_nuove_sospensioni_per_il_model_year_2019.html 2020-09-02 12:30:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/02/porsche_italia_coronavirus_donazione_1_3_milioni_di_euro_caritas_per_famiglie_e_ragazzi/gallery/rbig/porsche-italia-caritas-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32156 Porsche Italia - Coronavirus: donati 1,3 milioni di euro alla Caritas http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32156&tipo=fv La divisione italiana della PORSCHE [1] ha lanciato lo scorso giugno la campagna UNITI PER RIPARTIRE [2], volta a supportare le fasce sociali della popolazione maggiormente danneggiate dallemergenza CORONAVIRUS [3]. Grazie a questa iniziativa, la Casa di Zuffenhausen è riuscita a donare una cifra pari a 1,3 milioni di euro a 26 Caritas diocesane, che verranno utilizzati, appunto, per fornire supporto ai più bisognosi. I RISULTATI DELLA CAMPAGNA. Tra i promotori attivi del progetto figurano innanzitutto le 30 concessionarie della Porsche nel nostro Paese, che dall1 giugno al 10 agosto hanno devoluto, per ogni vettura consegnata, una somma stabilita dal cliente alla propria Caritas di competenza. La cifra raggiunta, raddoppiata dalla filiale italiana dellazienda, ha consentito di prestare aiuto a oltre 30 mila famiglie e a più di cinquemila giovani, attraverso la fornitura di buoni spesa o, per i ragazzi in età scolare, degli strumenti tecnologici per favorire leducazione da remoto. IMPEGNO SOCIALE. Con questa iniziativa, la Porsche conferma il proprio impegno nel sociale dopo ladesione alla campagna #iorestoacasa, attraverso la quale lazienda si è fatta promotrice di una raccolta fondi destinata alla Protezione Civile durante i mesi più difficili della pandemia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/01/PORSCHE_ITALIA_CAMPAGNA_PER_LE_FASCE_SOCIALI_PIU_COLPITE_DAL_CORONAVIRUS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-02 12:00:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/02/continental_coronavirus_misure_risparmio_un_miliardo_annuale_previsti_tagli_e_trasferimenti_per_30_mila_dipendenti/gallery/rbig/2020-continental-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32155 Continental - Previsti tagli e trasferimenti per 30 mila posizioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32155&tipo=fv La pandemia di CORONAVIRUS [1] ha colpito duramente il settore automotive, incluse le aziende produttrici di componenti come la CONTINENTAL [2]. Questultima, proprio in seguito alle conseguenze della crisi sanitaria, prevede di operare una serie di tagli e trasferimenti del proprio organico che andrà a coinvolgere fino al 13% dellattuale forza lavoro, al fine di ridurre le spese annuali per almeno un miliardo di euro. NECESSITà DI RISPARMIO. Lazienda tedesca ha annunciato che circa il 90% delle misure di ristrutturazione, che potrebbero interessare fino a 30 mila posti di lavoro, saranno attuate entro il 2025, con circa 13 mila posizioni spostate in altre aree o tagliate del tutto. La Continental punta a raggiungere il nuovo obiettivo di risparmio entro il 2023: del resto, la società era già al lavoro per apportare alcuni cambiamenti significativi interni prima che scoppiasse la pandemia, con una profonda revisione, divenuta poi insufficiente, intrapresa già lanno scorso. UN CONTESTO COMPLICATO. Il fornitore automotive, che impiega a livello globale circa 232 mila persone, ha affermato che la ristrutturazione in corso ha finora interessato circa tremila posizioni, con le organizzazioni sindacali scese in piazza per contestare gli ultimi tagli richiedendo misure più equilibrate. Lincertezza del mercato, poi, non consente di fare previsioni precise: i segnali, infatti, indicano che la timida ripresa osservata dopo la riapertura delle attività sta già perdendo vigore in alcuni Paesi, con le vendite di auto nuovamente diminuite sia in Francia sia in Spagna nel mese di agosto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CONTINENTAL 2020-09-02 11:31:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/09/02/coronavirus_il_salone_di_los_angeles_slitta_a_maggio/gallery/rbig/2020-salone-di-los-angeles-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32154 Coronavirus - Il Salone di Los Angeles slitta a maggio 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32154&tipo=fv Manca solo lufficialità: ledizione 2020 del SALONE DI LOS ANGELES [1] verrà posticipata di sei mesi, slittando a maggio a causa dellemergenza sanitaria legata alla pandemia del CORONAVIRUS [2]. Inizialmente prevista dal 20 al 29 novembre, la kermesse californiana, secondo indiscrezioni pubblicate da Automotive News, si terrà invece dal 21 al 31 maggio. Cioè, nel pieno della nuova stagione di eventi motoristici americana, dopo che il NAIAS DI DETROIT SI è SPOSTATO A GIUGNO [3] (11-26) per schivare la concorrenza del CES DI LAS VEGAS [4], posizionandosi a ruota del New York Auto Show, tradizionalmente di scena ad aprile (dal 2 all11 nel 2021). TRE SHOW IN TRE MESI. Il problema della concorrenza rischia dunque di aggravarsi lanno prossimo con i tre principali Saloni a stelle e strisce programmati in rapida successione. Questi eventi nascono per offrire alle Case una vetrina strategica per la presentazione loro prodotti, e necessitano perciò di essere spalmati su un arco del calendario il più ampio possibile: con tre grandi eventi in un tre mesi anziché sette, i costruttori saranno costretti a fare delle scelte. Ancor più dure in un periodo gravato dagli effetti della crisi da Covid-19. LA SITUAZIONE. Lo scenario attorno agli eventi dellauto è sempre più incerto. Alcuni di questi intravedevano segnali di sofferenza già prima della pandemia e, ben prima del coronavirus, si ragionava su una revisione del loro format. Anche le Case, per scelta prima ancora che per necessità, avevano ridimensionato la propria propria presenza alle fiere preferendo svelare i prodotti attraverso eventi privati, risparmiando sui costi (consistenti) degli stand e dellorganizzazione dellesposizione. Stanti le attuali difficoltà economiche, le decisioni future dovranno essere ancor più mirate, oltre che intricate dallindeterminatezza connessa allevoluzione della pandemia. Il rinvio di Los Angeles è lennesimo tassello a complicare il risiko. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-LOS-ANGELES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2018/07/23/SALONE_DI_DETROIT_DAL_2020_SARA_A_GIUGNO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CES 2020-09-02 11:08:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/02/volkswagen_golf_gti_prezzo_interni_motore_prestazioni/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Golf-GTI-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32153 Volkswagen Golf GTI - Lode alle hot hatch http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32153&tipo=fv In un mondo automobilistico che procede spedito verso lelettrificazione, una hot hatch vecchia scuola, mossa da un semplice motore turbobenzina, non può che far venire i lucciconi agli occhi di chi, nonostante tutto, ama ancora stringere un volante tra le mani. Specie se lauto in questione è lottava generazione della VOLKSWAGEN GOLF GTI [1], colei che nel 1975 ha inventato la categoria delle compatte sportive. CATTIVA MA NON TROPPO. Sono passati più di quarantanni ma, in fondo, il significato intrinseco delle tre magiche letterine non cambia: la Golf GTI, da sempre, è unauto con cui ti puoi divertire, ma anche spostarti comodamente quando non hai voglia di stabilire un nuovo record nel tragitto casa-ufficio. Anche per questo la sportività è soffusa, non urlata. Fuori, ecco comparire due terminali di scarico, scritte GTI qua e là e lirrinunciabile filetto rosso sul muso, oltre a paraurti specifici e più aggressivi. RICHIAMO ALLA TRADIZIONE. Linterno segue lo stesso fil rouge, con schermata dedicata (il contagiri è al centro della scena) nel quadro strumenti digitale e, soprattutto, nuovi sedili anteriori più profilati, con poggiatesta integrato: oltre a sostenere bene il corpo in curva, hanno la parte centrale rivestita di tessuto tartan, che richiama alla mente quello delle GTI prima serie. Lesemplare che ho guidato in questo primo contatto monta pure un cambio manuale a sei marce, con un pomello che ricorda quello a pallina da golf tipico delle GTI dantan. SOLO DSG, PER ORA. Una precisazione, prima di continuare: in Italia, al momento, la Golf GTI è disponibile solo col cambio a doppia frizione Dsg a sette rapporti. Ma non è detto che, in futuro, non arrivi da noi pure la variante con la trasmissione manuale. Fra laltro, in Volkswagen affermano che, qualora decidessero di non importare ufficialmente la GTI con tre pedali, i più integralisti potrebbero comunque averla con un ordine speciale al concessionario. MANUALE CONTRO AUTOMATICO. Dopo aver fatto circa 200 km su strade di campagna (con molti rettilinei, a dir la verità), posso dirvi che il manuale non è unopzione da scartare a priori. Intendiamoci, il Dsg funziona sempre alla grande: è inappuntabile nella logica in modalità automatica e veloce quando volete prendere in mano la situazione (anche se, in questultimo caso, non tiene la marcia scelta fino al limitatore). Tuttavia, la bella sensazione tattile che regala questo sei marce - la leva ha movimenti corti e innesti piuttosto precisi - ingolosirà gli amanti della bella guida e delle hot hatch in generale. SUONA BENE. Restando in tema di sensazioni, pure il sound non è male: nulla di davvero chiassoso, ok, ma la colonna sonora del brillante 2 litri TSI da 245 CV (lo stesso che muoveva la Golf 7 Performance) e 370 Nm è perfetta per una sportiva non esagerata come questa GTI. Che, fra le curve, non si trova mai in difficoltà. I tecnici hanno infatti rivisto la taratura di molle e ammortizzatori (più rigidi del 5% davanti e del 15% dietro) e abbassato lassetto di 15 millimetri rispetto alle altre Golf. In ogni caso, vale comunque la pena scegliere le sospensioni a controllo elettronico Dcc (865 euro) che hanno una logica di funzionamento rivista e riescono a coniugare senza grande difficoltà la capacità di assorbimento alle basse velocità con il sostegno quando si va forte. COMPOSTA. Il buon feeling generale fra le curve passa pure dal differenziale a slittamento limitato Vaq (di serie) che ripartisce la coppia fra le ruote anteriori grazie a una frizione a lamelle a controllo elettronico. Pur non essendo una vera e propria novità per le auto del gruppo Volkswagen, allatto pratico questo dispositivo riduce nettamente la tendenza del muso ad allargare in piena accelerazione in uscita di curva. E non invia mai reazioni sgradite allo sterzo (a rapporto variabile): non si tratta di un comando affilatissimo - e potrebbe essere un poco più preciso - ma, a conti fatti, è piacevolmente diretto e riesce a trasferire ai palmi delle mani buona parte delle informazioni provenienti dai pneumatici anteriori. SUPERA I 40.000 EURO. Se a tutto ciò aggiungete un certo coinvolgimento del retrotreno quando è stuzzicato a dovere (in pista potete pure escludere lEsc, oppure settarlo sulla nuova modalità Sport, più permissiva), avrete la misura della piacevolezza generale raggiunta della GTI numero 8. Che non nasce per offrire sensazioni particolarmente forti ma si rivela sempre ben bilanciata, con un telaio in grado di supportare alla grande i 245 cavalli del turbobenzina. E, quando si vuole procedere con calma, non è eccessivamente scomoda. Il tutto naturalmente ha un prezzo, che in questo caso è fissato a 41.450 euro. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/05/14/volkswagen_golf_nuovi_dettagli_tecnici_e_un_video_sulla_gti_.html 2020-09-02 10:48:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/02/porsche_italia_coronavirus_donazione_1_3_milioni_di_euro_caritas_per_famiglie_e_ragazzi/gallery/rbig/porsche-italia-caritas-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32151 Porsche Italia - Coronavirus: donati 1,3 milioni di euro a 26 Caritas http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32151&tipo=fv La divisione italiana della PORSCHE [1] ha lanciato lo scorso giugno la campagna UNITI PER RIPARTIRE [2], volta a supportare le fasce sociali della popolazione maggiormente danneggiate dallemergenza CORONAVIRUS [3]. Grazie a questa iniziativa, la Casa di Zuffenhausen è riuscita a donare una cifra pari a 1,3 milioni di euro a 26 Caritas diocesane, che verranno utilizzati, appunto, per fornire supporto ai più bisognosi. I RISULTATI DELLA CAMPAGNA. Tra i promotori attivi del progetto figurano innanzitutto le 30 concessionarie della Porsche nel nostro Paese, che dall1 giugno al 10 agosto hanno devoluto, per ogni vettura consegnata, una somma stabilita dal cliente alla propria Caritas di competenza. La cifra raggiunta, raddoppiata dalla filiale italiana dellazienda, ha consentito di prestare aiuto a oltre 30 mila famiglie e a più di cinquemila giovani, attraverso la fornitura di buoni spesa o, per i ragazzi in età scolare, degli strumenti tecnologici per favorire leducazione da remoto. IMPEGNO SOCIALE. Con questa iniziativa, la Porsche conferma il proprio impegno nel sociale dopo ladesione alla campagna #iorestoacasa, attraverso la quale lazienda si è fatta promotrice di una raccolta fondi destinata alla Protezione Civile durante i mesi più difficili della pandemia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/01/PORSCHE_ITALIA_CAMPAGNA_PER_LE_FASCE_SOCIALI_PIU_COLPITE_DAL_CORONAVIRUS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-09-02 10:07:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/05/14/volkswagen_golf_nuovi_dettagli_tecnici_e_un_video_sulla_gti_/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Golf-GTI-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32152 Volkswagen Golf - Nuovi dettagli tecnici e un video sulla GTI http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32152&tipo=fv Le tre lettere, messe in fila, sono sempre le stesse. E, a dir la verità, ve lavevamo già fatta vedere in video, lottava generazione della VOLKSWAGEN GOLF GTI [1]; adesso, però, da Wolfsburg hanno rilasciato nuovi e succulenti dettagli tecnici. Oltre a un significativo on-board in cui la hot hatch tedesca viene strapazzata sulla pista Handling di Ehra-Lessien da Benjamin Leuchter, collaudatore che ne ha curato lo sviluppo. Con lui al volante, lultima nata ha girato quasi quattro secondi più veloce rispetto alla vecchia GTI Performance. Prima di addentrarci nelle novità, sappiate che la Golf 8 GTI arriverà in Italia fra luglio e settembre. Solamente con il cambio Dsg a 7 rapporti. Ancora presto, invece, per conoscere il prezzo. FINE-TUNING. Sullo stile esterno e interno, ormai, sapete tutto: vi sarete fatti la vostra idea. Passiamo quindi alla tecnica: per le sospensioni, sia dietro sia davanti è stata prevista una soluzione di tipo MacPherson. Con boccole modificate, molle più rigide (del 5% davanti e del 15% dietro rispetto alla GTI numero 7), ammortizzatori ritarati (oltre che regolabili attraverso il sistema Dcc) e un telaio ausiliario anteriore dalluminio, per un risparmio di tre chili sul piatto della bilancia rispetto alla soluzione precedente. Di serie, la nuova GTI monta i cerchi da 17, con pneumatici 225/45 (Bridgestone Turanza 005 o Goodyear Eagle F1 Asy 3). Ma si possono avere anche i 18 (Bridgestone Potenza S005 oppure Goodyear Eagle F1 Super Sport) e i 19: qui, oltre agli Hankook Ventus S1 evo 3 e i già citati Potenza e Eagle F1 Super Sport di primo equipaggiamento, si possono avere pure i più pistaioli Michelin Pilot Sport Cup 2. LELETTRONICA LA FA PIù VELOCE. I tecnici hanno rivisto anche lo sterzo, ora a rapporto variabile: oltre a essere più diretto, ha beneficiato pure di una nuova taratura del software che governa la servoassistenza. Un attento lavoro di fine tuning ha riguardato anche il pedale del freno, che si annuncia più sensibile e modulabile nelle frenate al limite. A scaricare a terra i 245 CV e i 370 Nm del due litri turbobenzina (nome in codice EA888 evo4) pensa pure il sistema di bloccaggio elettronico del differenziale anteriore (Vaq), che lavora insieme al controllo della stabilità. Totalmente escludibile, nel caso aveste in animo di affrontare il classico trackday domenicale. Sappiate però che il tempone di cui sopra, Leuchter, lha staccato con lEsc in modalità Sport Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/27/VOLKSWAGEN_GOLF_8_GTI_GTD_E_GTE_2020.HTML 2020-09-02 10:07:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/08/30/maserati_mc20_teaser/gallery/rbig/2020-Maserati-MC20-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32150 Maserati - Nuovi teaser svelano le linee della MC20 - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32150&tipo=fv Lattesa è quasi finita. Tra una settimana la MASERATI [1] svelerà la sua nuova supersportiva, la MC20 [2]. Lappuntamento è fissato per il 9 di settembre a Modena, dove la Casa del Tridente presenterà anche altre novità: oltre alla già annunciata GHIBLI HYBRID [3] e alla nuova GAMMA TROFEO [4], il marchio italiano potrebbe stupire gli appassionati con qualche sorpresa. PER LA STRADA E PER LA PISTA. Non è infatti da escludere che a fianco della versione stradale della MC20, le cui forme vengono in parte anticipate da una serie di teaser che la Maserati ha pubblicato sui suoi canali social (e che potete vedere nel video qui sopra), possa essere presente anche la versione da corsa. Il nuovo modello avrà il compito di riportare la Casa del Tridente nel mondo delle competizioni: il programma sportivo potrebbe essere avviato già durante la prossima stagione agonistica, ma per il momento non è chiaro a quale categoria la Maserati intenda puntare. Oltre a questo la MC20 avrà anche un altro ruolo fondamentale, quello di portare avanti la strategia delettrificazione della gamma avviata dalla Ghibli. La nuova due posti a motore centrale potrebbe disporre di un powertrain ibrido e dopo il debutto commerciale sarà declinata anche in una versione 100% elettrica che si andrà ad affiancare alle già annunciate GranTurismo e GranCabrio a batteria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MASERATI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/05/22/MASERATI_MC20_TARGA_FLORIO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/16/MASERATI_GHIBLI_IBRIDA_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_TECNICHE_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/10/MASERATI_TROFEO_GHIBLI_QUATTROPORTE_LEVANTE.HTML 2020-09-02 09:12:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/09/02/targa_prova_la_cassazione_non_si_puo_usare_sulle_auto_gia_immatricolate_/gallery/rbig/Targa-prova-new1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32149 Targa prova - Non si può usare sulle auto immatricolate http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32149&tipo=fv Basta abusi con la targa prova. Dopo la querelle di due anni fa tra i ministeri dellinterno e dei trasporti sulla possibilità di usarle su veicoli già immatricolati ma non assicurati, congelata in attesa di un parere del Consiglio di Stato che non è mai arrivato, a pronunciarsi, stavolta, è la Corte di Cassazione. Con una sentenza del 25 agosto scorso, la suprema corte ha stabilito un principio che avrà pesanti ripercussioni sul mondo della distribuzione automobilistica: Dei danni derivanti dalla circolazione del veicolo già targato, che circoli con targa prova, deve rispondere solo lassicuratore del veicolo e non lassicuratore della targa di prova. In pratica, in caso di incidente con una macchina usata non assicurata in vendita in una concessionarie o in un autosalone indipendente, il danno dovrà essere risarcito da chi lo ha provocato, cioè dal guidatore. Anche se sulla vettura era presente una targa prova. Un pronunciamento che cambia completamente lo scenario sul mercato delle auto di seconda mano vendute da professionisti e che costringerà gli operatori a cambiare radicalmente prassi consolidate da decenni: auto usate sempre assicurate e targa prova solo sulle auto che ne sono prive, cioè non ancora immatricolate. LA QUERELLE TRA MINISTERI DELLINTERNO E DEI TRASPORTI. Di fatto con questa sentenza il Palazzaccio si allinea alla circolare con cui il ministero dellInterno, il 30 maggio 2018, aveva stabilito lo stesso principio. E che aveva indotto il ministero dei Trasporti, di diverso avviso, a sottoporre la questione al Consiglio di Stato, con conseguente decisione della Polizia Stradale di sospendere temporaneamente le sanzioni per circolazione senza assicurazione: allo scopo di evitare effetti pregiudizievoli per lattività degli operatori del settore, si legge nella circolare della polizia stradale, tuttora valida, non si procederà ad attività sanzionatorie nei confronti di veicoli già immatricolati ma privi di copertura assicurativa in circolazione con targa prova. Al di là di ogni considerazione sul fatto che oltre due anni non siano stati sufficienti, al massimo organo consultivo dello Stato, per pronunciarsi definitivamente sulla questione, resta il fatto che, a prescindere dalla sospensione delle sanzioni, la targa prova non copre le auto usate non assicurate. Gli operatori, ma anche i clienti, non potranno non tenerne conto. LINTERVENTO DEL LEGISLATORE. La questione sarebbe, in realtà, di facile soluzione. Basterebbe che il parlamento si decidesse a esaminare un disegno di legge, fermo in commissione trasporti alla Camera (AC 1365 - "Disposizioni in materia di circolazione di prova dei veicoli") che, modificando la norma che disciplina la circolazione dei veicoli in prova, prevede la possibilità di usare la targa prova anche sui veicoli già immatricolati. Anche se privi della copertura assicurativa. 2020-09-02 09:12:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/02/hyundai_kona_facelift_motori_interni_uscita/gallery/rbig/2020-Hyundai-Kona-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32148 Hyundai Kona - Con il facelift debuttano nuove versioni mild hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32148&tipo=fv La HYUNDAI [1] presenta il restyling della KONA [2]. La crossover dedicata al mercato europeo è stata aggiornata nel design, ma soprattutto propone una gamma più estesa di varianti elettrificate e porta al debutto lallestimento sportivo N Line. Il lancio sul mercato è previsto per la fine del 2020. FRONTALE PIù AGGRESSIVO, FORME SEMPRE MUSCOLOSE. Il muso rende subito riconoscibile la vettura aggiornata rispetto al modello uscente: sono stati infatti ridisegnati i paraurti, la mascherina, il cofano e i gruppi ottici. In particolare, si notano le nuove luci diurne a Led, che sono più sottili, mentre rimane la tinta a contrasto dei parafanghi e dei paraurti rispetto a quella della carrozzeria, per comunicare una sensazione di maggiore solidità. La Casa ha modificato anche i fari posteriori della Suv compatta, così come è stata rinnovata la gamma di cerchi, da 16", 17" o 18" in base allallestimento. I paraurti rivisti hanno comportato un allungamento totale della vettura di 40 mm e la Hyundai ha studiato anche una nuova gamma di colori per offrire ai clienti maggiori possibilità di personalizzazione: debuttano le tinte Surfy Blue, Dive in Jeju, Ignite Flame, Cyber Gray e Misty Jung, che si aggiungono a quelle già note e che possono essere abbinate anche al tetto a contrasto Phantom Black. CAMBIANO LINFOTAINMENT E LA CONSOLE CENTRALE. In seguito al restyling, labitacolo si distingue per la nuova console centrale, che enfatizza lo sviluppo orizzontale della plancia ed è ora previsto per tutti i modelli il comando elettrico del freno a mano. Al di là delle novità relative alle finiture e ai materiali dei rivestimenti, ora anche bicolore, è importante sottolineare le novità relative alla connettività. La Kona eredita infatti dalla nuova i20 linfotainment con display da 10,25" con funzione split-screen e sistema Bluelink, comprensivo di servizi cloud e App dedicata. Questo display rappresenta lofferta più ricca, mentre i modelli dingresso offrono schermi da 7" e 8". Per tutte le varianti è prevista la compatibilità wireless per Apple CarPlay e Android Auto. Tra i nuovi accessori ricordiamo anche la presa Usb e i sedili posteriori riscaldabili. MILD HYBRID A 48 VOLT PER TUTTE, MA Cè ANCHE LA SPORTIVA DA 198 CV. Dopo aver conquistato circa 228 mila clienti in tre anni, grazie anche allarrivo delle versioni ibride ed elettriche, la Hyundai Kona viene ora proposta con la tecnologia mild hybrid 48V di serie con il 1.6 diesel da 136 CV e, in opzione, con il benzina 1.0 T-GDI da 120 CV abbinato al cambio 6iMT manuale a controllo elettronico. Inoltre, rimane a listino la full hybrid 1.6 GDI da 141 CV, già disponibile in precedenza. Non sono state invece ancora rese note le informazioni sul restyling della Kona Electric, mentre è confermata la disponibilità della versione 1.6 T-GDI benzina da 198 CV con cambio automatico doppia frizione sette marce e trazione integrale. Tutte le Kona possono contare su nuove regolazioni dellassetto, dello sterzo e su nuovi pneumatici per bilanciare al meglio confort, feeling di guida ed efficienza. QUELLA SPORTIVEGGIANTE. Lallestimento N Line, che può essere combinato con tutte le motorizzazioni, rappresenta una novità assoluta per la Kona. Per ottenere un look maggiormente sportivo, la Hyundai ha previsto per questa variante paraurti dedicati con prese daria frontali ampliate, un kit aerodinamico, i passaruota in tinta e i cerchi di lega bicolor da 18". Il doppio scarico è integrato nel design del posteriore, dove spicca anche lestrattore a contrasto. Allinterno dominano le tinte scure con finiture di tessuto, pelle o tessuto scamosciato caratterizzate da cuciture rosse. Inoltre, la pedaliera è di metallo a vista. ADAS DI LIVELLO 2. Passi avanti importanti sono stati compiuti anche sul piano della sicurezza. Sul fronte degli Adas è stata infatti introdotta la funzionalità Stop Go dello Smart Cruise Control ed è stato evoluto il funzionamento del Blind Spot Collision Avoidance Assist, capace di attivare i freni automaticamente. Si aggiungono anche il Lane Following Assist, il Rear Seat Alert, il Safety Exit Warning, lavviso di ripartenza, il riconoscimento dei limiti stradali, la chiamata demergenza (eCall) e il Rear-Cross Traffic Collision Avoidance Assist. Infine, è stato potenziato il sensore frontale che ora può rilevare veicoli, ciclisti e pedoni anche in presenza di condizioni meteo avverse. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI/KONA 2020-09-02 01:51:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/common/rbig/placeholder-quattroruote.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32147 Skoda Enyaq iV - Svelata la Suv elettrica: ecco tutte le versioni, le foto e i dati ufficiali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32147&tipo=fv La Skoda ha pubblicato le foto e le specifiche definitive della ENYAQ IV [1], la prima elettrica del marchio basata sulla piattaforma Meb della Volkswagen (impiegata per la ID.3 e la ID.4) e dotata di caratteristiche assai peculiari: alcune sono già state esaminate NELLANTEPRIMA [2] pubblicata a maggio, la quale, però, non rivelava appieno gli interni e lo spazio a bordo, da sempre uno dei punti di forza delle auto costruite a Mladá Boleslav. Dalle immagini del modello definitivo sintuisce il grande lavoro fatto sul design, sullutilizzo dei centimetri a disposizione e pure sui giochi di luce: lo testimonia la griglia del radiatore con 130 Led che brillano come gioielli (per fortuna, ordinabili a richiesta). IL GIUSTO MEZZO. La Enyaq, il cui nome deriva da unespressione in gaelico che rappresenta "linizio", è una Suv abbastanza compatta, lunga 465 cm: una taglia particolarmente indovinata per inserirsi tra elettriche come la Kona Ev e la più massiccia (e costosa) Mercedes EQC. A proposito di prezzi, il listino della versione più cara e potente della Enyaq, a trazione integrale, dovrebbe attestarsi sui 50.000 euro, offendo un equipaggiamento di alto livello e una batteria da 82 kWh. BATTERIA SU MISURA. Le combinazioni di motori, batterie e trazione sono articolate. La versione dingresso Enyaq 50, in vendita a partire da 35.000 euro, ha 148 CV di potenza, una coppia di 220 Nm e la batteria da 55 kWh, sufficienti, secondo la Casa, per percorrere ben 340 km nel ciclo Wltp: davvero niente male per una sport utility di queste dimensioni, peso e prezzo. Il secondo step di potenza, incarnato dalla Enyaq 60, offre invece 180 CV, una batteria da 62 kWh e 390 km di autonomia dichiarata. Volendo, si può salire ancora con la Enyaq 80 (204 CV, 425 Nm) da ben 510 km di autonomia, la più efficiente del listino, e la 80x da 265 CV e 425 Nm ma con la trazione integrale: si tratta, di fatto, di una "dual motor" (la stessa impostazione tecnica usata dalla Tesla per le versioni più potenti), in grado di percorrere 460 km con una carica. Infine, non poteva mancare una RS (anzi, vRS), nel solco delle versioni sportive di Skoda: in questo caso, il doppio motore porta la potenza complessiva a 306 CV, garantendo sempre 460 km di autonomia (ma con 180 km/h di velocità massima invece dei 160 dichiarati per tutte le altre versioni). I tempi di accelerazione da 0 a 100 km/h vanno da 11,4 a 6,2 secondi, a seconda dei casi. Una raffinatezza tecnica da super appassionati, già citata in occasione della prima guida, è il motore posteriore sincrono trifase, standard su tutte le varianti: una soluzione più costosa, ma con un rendimento maggiore e più adatta alle lunghe percorrenze a regimi costanti. Quello anteriore, invece, è asincrono: più scattante, ma un po meno efficiente, entra in gioco solo quando viene richiesta la massima performance. PRONTA PER LA CARICA ULTRARAPIDA. Il ripristino delle batterie può essere effettuato a casa fino a 11 kW, ma anche presso le colonnine di ricarica rapida fino a 125 kW (il che permette di passare dal 5% all80% della batteria più capiente in 38 minuti). Gli ingegneri Skoda, comunque, hanno in programma di ampliare questo limite per sfruttare appieno i vantaggi della rete Ionity, che può arrivare a 250 kW. Molti dettagli della Enyaq non sono affatto comuni per una Suv elettrica: per esempio il Cx pari a 0,27, che permette di ridurre i consumi, oppure il riscaldamento con pompa di calore, molto più efficiente dei sistemi tradizionali (tra laltro, funziona fino a -25 gradi) e in grado di ridurre il consumo medio di 3-4 kWh/100 km. INFOTELEMATICA SUPERIORE. Sugli interni della Enyaq vale davvero la pena di soffermarsi, non solo per lo spazio a disposizione, ma anche per il balzo stilistico che in futuro abbraccerà molti altri modelli della Casa. Il display centrale domina su tutto lambiente, ha una diagonale di ben 13" (33 cm superwide) ed è integrato da un secondo display utile per monitorare i paramenti di guida. Non manca un head-up display, disponibile a richiesta, disposto su due aree: la più bassa, vicino alla base del parabrezza, riporta velocità e segnaletica, mentre la zona superiore è in realtà aumentata e aggiunge informazioni grafiche come le frecce per indicare le direzioni. Il grande display, posizionato a metà strada fra la plancia e il parabrezza, è sempre ben visibile e conferisce allo spazio anteriore uno sviluppo eminentemente orizzontale, anche se non privo di profondità. I tanti vani portaoggetti (cè anche quello per lombrello, nella porta) fanno da supporto a un bagagliaio che tradizionalmente soddisfa i bisogni di una famiglia (e anche di più). Infine, si notano le mille attenzioni tipiche della Skoda, che spaziano dalla presenza del raschiaghiaccio allimbutino integrato per riempire il serbatoio del lavavetro. LA GUIDA BRILLA. In attesa di prezzi più precisi, che si annunciano molto interessanti anche perché favoriti dagli INCENTIVI STATALI [3], ricordiamo la nostra GUIDATA [4]: la versione provata (camuffata) è la 80 da 204 CV, molto brillante e assolutamente confortevole, ha fatto registrare un consumo di circa 5,5 km/kWh (quindi, il range effettivo potrebbe arrivare a 450 km, anche se lesemplare non aveva ancora un software definitivo). Al momento del lancio (le prevendite inizieranno fra qualche mese) la Skoda proporrà anche una versione limitata a 1.895 esemplari, la "Founder Edition": la variante, caratterizzata da un equipaggiamento molto ricco, celebrerà i 125 anni della Skoda. Infine, chi inoltrerà la prenotazione tramite il sito della SKODA [5] potrà avere gratis il sistema di ricarica rapida e un anno di ricariche agevolate presso le colonnine della rete Ionity. Le prime consegne sono previste in primavera del 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/05/07/SKODA_ENYAQ_PREZZO_BATTERIA_FOTO_SUV_ELETTRICA.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/primo_contatto/2020/05/07/skoda_enyaq_prezzo_batteria_foto_suv_elettrica.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML [4] https://tv.quattroruote.it/le-prove-di-quattroruote/premiere/video/skoda-enyaq-lelettrica-che-verra [5] https://www.skoda-auto.it/mondo-skoda/pre-booking-enyaq-iv-registrazione 2020-09-01 19:49:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/09/01/mercato_auto_italia_agosto_2020/gallery/rbig/2020-mercato-auto-agosto.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32146 Mercato auto italia - Agosto torna sui livelli del 2019: -0,4% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32146&tipo=fv Dopo i lievi segnali di ripresa registrati a LUGLIO [1], chiuso con un pesante -11%, il mercato italiano dellauto torna finalmente sui livelli del 2019. La contrazione rispetto allo stesso mese dello scorso anno è infatti minima, pari a un -0,4% con 88.801 vetture immatricolate, ma dopo il tracollo dei mesi di APRILE [2] (-97,6%), MAGGIO [3] (-49,6%) e GIUGNO [4] (-23,1%), dovuti alla pandemia di CORONAVIRUS [5], il settore pare aver ripreso un po di fiato. Parte del merito, per ora quantificabile solo parzialmente, è comunque ascrivibile ai NUOVI INCENTIVI ALLACQUISTO [6], i quali potrebbero favorire un ritorno al segno più nel mese di settembre. IL CONSUNTIVO. Nei primi otto mesi di questanno le immatricolazioni, pari a 809.655 unità, risultano in calo del 38,9% rispetto allo stesso periodo del 2019. A penalizzare i dati è stato landamento negativo fatto segnare a partire dallo scorso mese di marzo: con il lockdown, in aprile il mercato si è praticamente azzerato. Le conseguenze della pandemia si sentiranno fino al termine di questanno: le previsioni per il 2020 parlano di 1,23 milioni di vetture immatricolate contro i 1.916.320 veicoli registrati lo scorso anno. FCA. Dopo il segno più dello scorso mese il gruppo FCA torna a calare, seppur lievemente: in totale le immatricolazioni sono state 20.346, per un -2,8% complessivo. Nel dettaglio, il marchio Fiat ha registrato 12.219 auto (-6,3%), seguito dalla Jeep con 4.480 (+8,3%), dalla Lancia con 2.261 (-9,7%), dallAlfa Romeo con 1.326 (+14,1%) e dalla Maserati con 38 vetture (-24%). PSA. Il gruppo PSA torna invece a crescere: i francesi hanno immatricolato 13.619 automobili, il 4% in più rispetto allagosto dello scorso anno. A guidare le vendite è il marchio Peugeot con 5.278 registrazioni (+8,4%) seguito dalla Citroën con 4.357 unità (+24,7%), dalla Opel con 3.725 (-18,1%) e dalla DS, che lo scorso mese ha targato 259 vetture facendo segnare un +39,3%. VOLKSWAGEN. Agosto positivo anche per il gruppo Volkswagen, con 14.824 immatricolazioni e una crescita a doppia cifra: +15,4%. Tutti i brand del gruppo chiudono il mese in crescita, tranne la Lamborghini che con sette registrazioni segna un -36,4%. Il marchio di Wolfsburg cresce del 16,9% (pari a 8.708 unità, la Seat del 18,4% (1.568), la Skoda del 18,7% (1.648) e lAudi dell8,3% (2.893). FORD E RENAULT. LOvale Blu ribalta il risultato dello scorso luglio crescendo del 16,7% grazie a 6.569 immatricolazioni, mentre i rivali del gruppo Renault calano del 24,4% con 8.860 registrazioni totali: il marchio omonimo chiude agosto in contrazione del 13% con 5.099 vetture registrate, mentre la Dacia, con 3.761 vetture, segna un -35,7%. BMW E DAIMLER. Luscita di scena della Smart a benzina ha penalizzato drasticamente i risultati del gruppo Daimler: il marchio di citycar è passato dalle 2.686 immatricolazioni dello scorso agosto alle 184 attuali, segnando un -93,2%. Con 2.574 vetture registrate (+6,5%) il brand Mercedes-Benz risolleva in parte i numeri del gruppo tedesco, che chiude con un -46% e 2.758 auto. Anche rivali della BMW segnano una lieve contrazione (-1,9%): a contenere le perdite del gruppo è il marchio Mini che con 934 vetture registrate segna un +22,9%. In calo la Casa dellElica: -8,7% con 2.539 immatricolazioni. LE ASIATICHE. Tutti i costruttori orientali hanno chiuso il mese di agosto in forte crescita, fatta eccezione per la Mitsubishi (286 registrazioni, -17,8%), prossima alluscita dal mercato europeo e della Subaru (87 vetture e -29,8%). Il gruppo Toyota ha segnato un +10,6% (4.390 auto), con il marchio omonimo che con 4.154 immatricolazioni (+11,8%) argina il lieve calo della Lexus (236 auto, -6,7%). La Nissan cresce del 24,5% (2.080 immatricolazioni), la Suzuki del 27,7% (1.865), la Honda del 36,1% (411) e la Mazda del 70,3% (722). La Hyundai chiude il mese con la crescita percentuale più elevata tra i marchi asiatici: con 3.163 immatricolazioni, il marchio coreano segna un +38,9%, mentre la consociata Kia sale del 10,5% (2.552). LE ALTRE. Nel segmento premium la Volvo prosegue con la crescita dello scorso mese registrando 1.115 veicoli e salendo del 24,7%, mentre il gruppo Jaguar Land Rover, con 680 registrazioni, flette del 25,6%: il marchio Jaguar segna un -46,7% (155 unità), mentre la Land Rover chiude con un -15,7% (525). La Tesla inverte la tendenza dello scorso mese crescendo del 72,6%, con 195 immatricolazioni, la Porsche sale del 14,6% (274 registrazioni), mentre sono 22 le immatricolazioni della Ferrari (-43,6%). PANDA SEMPRE AL COMANDO. La regina del mercato rimane la Fiat Panda: con 5.341 immatricolazioni, la citycar guida la classifica dei modelli più venduti su un podio tutto italiano. Dietro di lei ci sono infatti la 500X con 2.445 esemplari, seguita dalla Lancia Ypsilon con 2.261 registrazioni. Seguono, nellordine, la Ford Puma (2.193), la Jeep Renegade (2.135), la Jeep Compass (2.021), la Dacia Sandero (2.002), la Renault Captur (1.948), la Volkswagen Polo (1.750) e la Dacia Duster (1.706) BOOM DI ELETTRICHE E IBRIDE. Nella classifica riservata alle differenti tipologie di alimentazione, sono le auto elettriche a stupire: le vetture a batteria segnano un +249,5% con 1.877 immatricolazioni, mentre le ibride crescono del 227,2% con 13.419 registrazioni. Boom anche per le plug-in, salite del 420,5% con 1.598 vetture. A eccezione del metano (+11,9% con 2.515 vetture), le altre motorizzazioni chiudono tutte in calo: -17,7% per le auto a benzina, -8,1% per le diesel e -33,1% per le Gpl. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/08/03/MERCATO_AUTO_ITALIA_LUGLIO_2020.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/05/04/mercato_auto_italia_aprile_2020.html [3] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/06/01/mercato_auto_italia_maggio_2020.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/07/01/MERCATO_AUTO_ITALIA_GIUGNO_2020.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML 2020-09-01 18:58:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/09/01/porsche_audi_400_dipendenti_per_aumentare_produzione_taycan/gallery/rbig/2020-Porsche-Taycan-13.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32145 Porsche - LAudi invia 400 dipendenti per incrementare la produzione della Taycan http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32145&tipo=fv La TAYCAN [1] continua a riscuotere grande successo, tanto che le circa 150 unità giornaliere prodotte dallazienda riescono a malapena a tenere il passo con lelevata domanda da parte dei clienti. Per questo motivo, lAudi invierà alla Porsche 400 dipendenti con lobiettivo di aumentare la produzione dellelettrica di lusso. GRANDI RISULTATI. Il personale si trasferirà dallo stabilimento di Neckarsulm a quello di Zuffenhausen per due anni, a seguito dei quali gli addetti torneranno a lavorare in Audi. Si tratta solo dellultimo intervento apportato, in ordine di tempo, in questa direzione: già a ottobre, infatti, di fronte ai numerosi pre-ordini la Casa aveva deciso di aumentare la capacità produttiva della vettura fino a 40 mila unità allanno, assumendo al contempo 500 DIPENDENTI [2] in più rispetto a quelli previsti dai programmi originari. Anche nelle consegne, la Porsche è stata costretta a rivedere al rialzo i propri piani puntando a piazzare sul mercato fino a 20 MILA ESEMPLARI [3] dellelettrica nel 2020 rispetto ai 10 mila ipotizzati allinizio delle attività. SLITTA LA SHOOTING BRAKE. Proprio il grande successo della berlina a zero emissioni, assieme alle conseguenze della pandemia del coronavirus, sono alla base della decisione della Casa di posticipare il debutto e linizio della produzione della già annunciata TAYCAN CROSS TURISMO [4]: secondo quanto riferito dal ceo Oliver Blume, infatti, lassemblaggio della shooting brake comincerà a inizio 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE/TAYCAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/10/02/PORSCHE_AUMENTA_LA_CAPACITA_PRODUTTIVA_DELLA_TAYCAN.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/12/11/PORSCHE_10000_ORDINI_PER_LA_TAYCAN.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/27/PORSCHE_TAYCAN_RIMANDATO_AL_2021_IL_DEBUTTO_DELLA_CROSS_TURISMO.HTML 2020-09-01 17:56:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/09/01/rolls_royce_ghost_2020_interni_dimensioni_prestazioni/gallery/rbig/2020-rolls-royce-ghost-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32144 Rolls-Royce Ghost - Svelata la nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32144&tipo=fv La ROLLS-ROYCE [1] ha svelato la nuova Ghost, modello che rappresenta il più grande successo commerciale della Casa di Goodwood nei suoi 116 anni di storia. Una berlina, quella appena presentata, che il ceo Torsten Müller-tvös definisce minimalista, ma estremamente complessa, in cui tutto è stato ridisegnato e ingegnerizzato partendo da zero: gli unici componenti che abbiamo ripreso dalla prima sono lo Spirit of Ecstasy (liconica statuetta posta sulla punta del cofano, ndr) e gli ombrelli. IL DESIGN. Lo stile del nuovo modello segue unidea di minimalismo esteriore definito Post Opulence, che rappresenta la rinnovata idea del lusso del marchio britannico. Linee semplici, rispettose dei canoni tradizionali, ridefiniscono lopulenza della limousine, peraltro esaltata da giochi di luce: 20 diodi a Led collocati nella parte superiore della mascherina illuminano la Pantheon grille, il cui retro è stato sottoposto a un trattamento opacizzante per attenuare e perfezionare il bagliore voluto dai progettisti. Le fiancate appaiono pulite, con una sola nervatura che enfatizza la lunghezza dellauto e le tipiche portiere con apertura ad armadio ad azionamento completamente automatizzato. Al posteriore, i proiettori mantengono il caratteristico taglio (quasi) quadrato delle Rolls-Royce contemporanee, ma con uninclinazione maggiore, che rende larea più dinamica. GLI INTERNI. Labitacolo riprende la tipica impostazione delle auto di Goodwood, sebbene anche qui sia stato ricercato un certo minimalismo stilistico. Pelli, legni e metalli sono ovviamente di elevata fattura, ma la vera novità è la fascia illuminata che si trova di fronte al sedile del passeggero: riprende il caratteristico motivo astrale del cielo dellabitacolo circondando con 850 stelle il nome Ghost, grazie allutilizzo di 152 diodi. Solo la lavorazione di questo elemento dellabitacolo ha richiesto ben 10 mila ore di lavoro. Per ascoltare la musica, a dare manforte a un impianto audio da 1300 Watt sviluppato dalla stessa Casa dalla doppia R, e dotato di due microfoni attivi che identificano e contrastano le frequenze di disturbo, ci sono oltre 100 kg di materiale fonoassorbente che vanno ad aumentare linsonorizzazione dellauto. UNA ROLLS-ROYCE HI-TECH. A proposito di dotazioni, la nuova Ghost viene definita dalla Casa la Rolls Royce più tecnologica di sempre. Non mancano infatti fari laser Led con un raggio luminoso di oltr