Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /web/htdocs/www.autosomma.it/home/adzone/include/config.php:194) in /web/htdocs/www.autosomma.it/home/rss.php on line 7 NEWS E AUTOhttp://www.autosomma.itAUTOSOMMACopyright 2011 www.autosomma.it http://blogs.law.harvard.edu/tech/rssIT-it autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/24/ibride_plug_in_transport_environment/gallery/rbig/1-bmw_x5_xdrive45e_iperformance_1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33255 Ibride plug-in - Per Transport&Environment sono "il nuovo dieselgate": ma è davvero così? http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33255&tipo=fv Lassociazione ambientalista Transport Environment ha pubblicato UNA RICERCA [1] per dimostrare che le ibride plug-in emettono quantitativi di CO2 superiori a quelli omologati, spingendosi a ipotizzare una sorta di nuovo dieselgate, un secondo scandalo orchestrato dalle Case automobilistiche: quanto basta per chiedere alla politica - anche italiana - di ritirare tutti gli incentivi messi finora sul piatto, considerati uno spreco di soldi pubblici, e di dirottare gli sforzi economici sulle elettriche pure e sulla rete di ricarica. In realtà, le prove effettuate dallassociazione non evidenziano alcun trucco da parte dei costruttori, che sfruttano (legittimamente) le auto benzina e a corrente ricaricabili a per abbattere le emissioni medie della flotta e rientrare così negli obiettivi fissati dallUnione Europea. Tuttavia, è vero che le ibride plug-in presentano consumi ed emissioni di anidride carbonica molto variabili in funzione dellimpiego e della frequenza delle ricariche: per questo, danno il meglio solo quando vengono usate da una ristretta fascia di utenti. La quale, ovviamente, non è quella che i costruttori dipingono. Insomma, i limiti ci sono e sono innegabili, ma da qui a parlare di nuovo dieselgate ce ne corre. Vediamo perché. COME SI SONO SVOLTI I TEST. Transport nella seconda laccumulatore era scarico e la modalità di guida era quella in cui il benzina provvede prioritariamente alla propulsione (che nella X5 corrisponde alla battery hold, ovvero alla funzione che mantiene un livello di carica prestabilito); nella terza la batteria era scarica e veniva selezionata lopzione che provvede al suo ripristino utilizzando il motore elettrico come generatore trascinato dal benzina; la quarta era identica alla prima, ma con le auto a pieno carico. Oltre a questi test ne sono stati effettuati altri due, uno analogo al primo (a batteria carica, in modalità Ev, con uno stile di guida molto dinamico e diverse strade in pendenza) e laltro percorrendo prima lautostrada, poi la statale e infine la città. NON SONO FUORILEGGE. Innanzitutto, va fatta una premessa. Come ricorda la stessa Transport Environment, i test utilizzati per la ricerca non sono quelli prescritti dalle norme di omologazione per valutare le emissioni di CO2, il consumo di carburante, di energia elettrica e lautonomia a batteria: tali dati, infatti, vengono misurati in laboratorio seguendo il ciclo Wltp con lauto sul banco a rulli e poi adattati con un algoritmo ufficiale per correlarli a quelli che si otterrebbero con la vecchia procedura Nedc, in vigore quando sono stati fissati i limiti di CO2. Per questo, i risultati ottenuti nella ricerca di T E non configurano alcuna violazione delle norme di omologazione. CONTA LUSO. Detto questo, nelle prove dellassociazione il consumo e le emissioni di anidride carbonica sono risultati più alti di quelli omologati, in misura variabile tra un terzo e dodici volte in più. Per esempio, la X5 è passata dai 32 g/km omologati ai 42 in Ev, per poi raggiungere i 385 g/km. Si tratta di numeri che possono impressionare chi non conosce le plug-in, ma che sono del tutto attesi, perché questi divari sono dovuti alla particolare metodologia utilizzata. Nel test RDE classico, i risultati sono infatti vicini a quelli di omologazione, perché tale prova comporta un dispendio di energia di poco superiore, mentre nelle altre modalità - più severe - i valori aumentano parecchio: quelli più elevati, in particolare, si riferiscono al test in cui il motore a benzina, oltre a spingere la vettura, ricarica la batteria azionando il generatore, una modalità duso utile per garantire in seguito il funzionamento a corrente ma assai inefficiente. Lo stesso può dirsi dellautonomia in Ev: i valori dichiarati sono stati avvicinati solo nel test più blando, mentre nelle altre prove, assai inclementi, il raggio dazione garantito dallaccumulatore - ovviamente - si è ridotto parecchio: per esempio, sempre nel caso della BMW X5, lautonomia è passata dagli 81 km omologati nel ciclo Wltp ai 75 col test RDE e ai soli 18 con la guida dinamica su percorsi in pendenza. ADATTE A POCHI. Le prove di Transport Environment non fanno che confermare ciò che abbiamo sottolineato più volte e dimostrato con varie prove: le ibride plug-in sono adatte solo a chi ne fa un uso molto controllato, caricandole tutti i giorni a casa o al lavoro e percorrendo qualche decina di chilometri, per rimanere entro lautonomia garantita dalla batteria. Altrimenti, i benefici delle auto bimotore svaniscono. Come accade quando vengono comprate solo per sfruttare gli incentivi, entrare liberamente nelle Ztl, dribblare il pagamento della sosta o, nel caso delle aziende, per darsi unimmagine green. E proprio gli utenti delle auto aziendali sono sovente i meno adatti alle ibride plug-in, perché spesso le impiegano su lunghi percorsi, le ricaricano di rado o, addirittura, non lo fanno del tutto, con la complicità di uninfrastruttura ancora inadeguata: così facendo, è ovvio, i consumi e le emissioni di CO2 salgono parecchio. Insomma, siamo ben lontani da un secondo dieselgate: tuttavia, è chiaro che Transport Environment, piegando alle proprie ragioni la questione delle omologazioni, pone comunque un problema reale, ovvero le modalità e i motivi, spesso impropri, con cui e per cui le plug-in vengono prima acquistate e poi impiegate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.TRANSPORTENVIRONMENT.ORG/PUBLICATIONS/PLUG-HYBRIDS-EUROPE-HEADING-NEW-DIESELGATE 2020-11-24 20:13:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/24/tesla_compatta_europa_elon_musk/gallery/rbig/2020-Tesla-Compatta-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33254 Tesla - Musk: "Possibile un modello compatto per lEuropa" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33254&tipo=fv La TESLA [1] potrebbe ampliare la sua presenza sul mercato europeo lanciando unELETTRICA COMPATTA [2] più affine ai gusti e alle preferenze dei consumatori del Vecchio Continente. "Forse in Europa avrebbe senso produrre unauto compatta, forse unautovettura a tre o a cinque porte o qualcosa del genere", ha affermato lamministratore delegato e maggior azionista Elon Musk nel corso di un evento online. "Negli Stati Uniti, le auto tendono a essere più grandi per motivi di gusto personale, in Europa, invece, tendono a essere più piccole". TESLA TROPPO GRANDI. La gamma della Tesla è attualmente composta da quattro modelli: lammiraglia Model S, la Suv Model X, la berlina media Model 3 e la crossover Model Y. Tutti hanno lunghezze superiori, per esempio, alla Volkswagen Golf, il punto di riferimento per il segmento C. La Casa californiana dovrebbe dunque valutare lintroduzione di una vettura che abbia dimensioni pari o inferiori alla berlina di Wolfsburg. Del resto lo stesso Musk ha fatto presente come non sia stato facile parcheggiare una Model X a Berlino a causa delle sue dimensioni: "Abbiamo avuto un bel po di difficoltà a trovare un parcheggio". IL BALZO A WALL STREET. Intanto Musk può festeggiare due traguardi senza precedenti per la sua azienda e a livello personale. La Tesla, infatti, ha superato la soglia dei 500 miliardi di dollari di capitalizzazione in Borsa grazie al rally degli ultimi giorni determinato dallannuncio dellinserimento del titolo dal 21 dicembre prossimo nel paniere dellindice S P 500 e dal rinnovato ottimismo di analisti e investitori. Con il balzo degli ultimi giorni - giovedì scorso le azioni hanno superato la soglia dei 500 dollari luna e oggi trattano intorno ai 540 dollari - Musk ha ulteriormente aumentato le sue fortune diventando il secondo uomo più ricco al mondo nella classifica del Bloomberg Billionaire Index. Musk, secondo ormai al solo Jeff Bezos di Amazon, era 35esimo a gennaio e da allora ha visto la sua ricchezza aumentare di altri 100 miliardi visto che da inizio anno le azioni Tesla hanno messo a segno un balzo di quasi il 550%. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/14/TESLA_TEASER_DELL_ELETTRICA_SVILUPPATA_IN_CINA.HTML 2020-11-24 19:47:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/24/ds_9_e_tense_al_via_le_vendite_della_berlina_francese/gallery/rbig/2020-ds-9-e-tense-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33253 DS 9 E-Tense - In Italia con prezzi a partire da 55.200 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33253&tipo=fv La DS [1] ha diffuso le prime informazioni commerciali relative alla DS 9 [2], che sarà disponibile in Italia a partire da 55.200 euro. Le consegne della berlina saranno avviate nel mese di aprile 2021 e tutte le versioni offriranno il powertrain elettrificato. FINO A 50 KM A ZERO EMISSIONI. Lunga 4,93 metri, la DS 9 sarà inizialmente disponibile nella sola versione E-Tense con powertrain plug-in hybrid da 225 CV, che unisce il benzina 1.6 turbo da 180 CV al motore elettrico da 109 CV. In questa configurazione, la vettura tocca i 100 km/h da fermo in 8,3 secondi e supera i 240 km/h di punta massima, mentre le emissioni nel ciclo Wltp sono comprese tra 31 e 35 g/km, con una media di consumo dichiarata di 1,5 l/100 km. Le batterie consentono di percorrere fino a 50 km in modalità elettrica. In un secondo tempo, si aggiungeranno altre due varianti elettrificate della vettura, da 250 e 360 CV, questultima dotata di trazione integrale. DUE VERSIONI, CINQUE COLORI. La DS 9 sarà disponibile in due allestimenti denominati Performance Line+ (da 55.200 euro) e Rivoli+ (da 58.200 euro), distinguibili tra di loro per le proposte differenti relative a materiali, colori e lavorazioni. Pelle Nappa e Alcantara si alternano sulle superfici interne con opzioni cromatiche diverse in base allallestimento e alla configurazione scelta dal cliente. Per entrambe, fanno parte della dotazione di serie anche i cerchi di lega da 19", mentre la carrozzeria può essere ordinata nelle varianti Bianco Perla, Nero Perla, Grigio Cristallo, Grigio Artense e Blu Imperiale. Tra gli optional sono invece disponibili il DS Park Pilot, limpianto audio Focal Electra ottimizzato per la guida in modalità elettrica e il DS Night Vision. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/DS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/24/DS_9_DIMENSIONI_MOTORE_FOTO.HTML 2020-11-24 19:25:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/24/stellantis_fusione_fca_psa/gallery/rbig/2020-Stellantis-FCA-PSA-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33252 Stellantis - Nuovi dettagli sulla fusione FCA-PSA http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33252&tipo=fv I gruppi FCA [1] e PSA [2] hanno sempre descritto loperazione che porterà alla nascita di STELLANTIS [3] come una fusione paritetica, cioé alla pari, senza che una delle due aziende abbia un peso maggiore rispetto allaltra. Alcuni documenti depositati negli scorsi giorni, tuttavia, mostrano che non sarà proprio così: a livello contabile, infatti, si tratterà di unacquisizione di FCA da parte di PSA. EXOR AZIONISTA DI MAGGIORANZA. Questo dettaglio è contenuto allinterno di un prospetto depositato dalla Fiat Chrysler Automobiles al Mercato Telematico Azionario, alla Borsa di Parigi e alla Sec, la commissione statunitense di vigilanza dei mercati finanziari, per avviare il processo che porterà alla quotazione delle azioni Stellantis. Nel documento, pubblicato da AUTOMOTIVE NEWS [4], si può leggere che "FCA e la direzione di PSA hanno stabilito che Peugeot è lacquirente a fini contabili": secondo i principi International Financial Reporting Standards, infatti, in questo tipo di operazioni è necessario indicare un acquirente. Il consiglio damministrazione del nuovo gruppo, inoltre, avrà 11 amministratori, sei dei quali saranno scelti tra gli azionisti, i dirigenti e i dipendenti di PSA. Come già anticipato, a prendere il ruolo di ceo di Stellantis sarà lattuale presidente del consiglio damministrazione del gruppo francese, Carlos Tavares: il suo mandato sarà di cinque anni, mentre quello degli altri membri del board sarà di quattro. Dallaltro lato della medaglia, la Exor, controllata dalla famiglia Agnelli, sarà il socio di maggioranza controllando il 14,4% delle azioni totali, contro il 7,2% della famiglia Peugeot, il 6,2% dello Stato francese e il 5,6% della Dongfeng. Dal punto di vista legale, infine, saranno i francesi a essere assorbiti dalla Fiat Chrysler Automobiles: la holding olandese FCA N.V. cambierà nome diventando Stellantis N.V. e gli azionisti riceveranno 1.742 azioni FCA per ogni titolo PSA detenuto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://EUROPE.AUTONEWS.COM/BLOGS/MERGER-EQUALS-PSA-BUYING-FCA-STELLANTIS-PROSPECTUS-SAYS 2020-11-24 18:31:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/24/audi_tt_competition_plus_bronze_selection_pacchetti_accessori_disponibilita/gallery/rbig/2020-audi-tt-competition-plus-bronze-selection-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33251 Audi TT - Presentati gli allestimenti Competition Plus e Bronze Selection http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33251&tipo=fv LAUDI [1] presenta in Germania due nuovi pacchetti di accessori dedicati alla gamma della TT [2] nelle varianti di carrozzeria COUPé [3] e ROADSTER [4]: si tratta del COMPETITION PLUS, riservato alla TTS, e del BRONZE SELECTION, offerto sia sulla vettura standard sia sulla versione più potente. I nuovi allestimenti saranno da subito ordinabili in Germania, mentre non è ancora confermata la loro disponibilità in Italia. 320 CV PER LA TTS. LAudi TTS Competition Plus offre una serie di contenuti esclusivi, primo fra tutti lincremento di potenza da 306 a 320 CV, che però non modifica la coppia massima, ferma a 400 Nm. La vettura, offerta di serie con il cambio S tronic e la trazione integrale quattro, tocca i 100 km/h da ferma in 4,5 secondi. La dotazione comprende anche le sospensioni Magnetic Ride, i gruppi ottici a Led, le pinze freno rosse, i cerchi da 20" verniciati di nero lucido e il pacchetto aerodinamico in tinta nero lucido, oltre agli interni rivestiti di pelle Nappa con cuciture a contrasto, ai dettagli di carbonio per la plancia e allAlcantara che riveste il volante e il pomello del cambio. La combinazione dei colori delle finiture è legata a quella della carrozzeria, che viene proposta nelle tinte Chronos Gray, Glacier White, Tango Red e Turbo Blue. DETTAGLI IN BRONZO DA AUDI SPORT. LAudi Sport, inoltre, ha curato la realizzazione del pacchetto Bronze Selection, previsto sia per la TT sia per la TTS. Alla carrozzeria Chronos Gray, Glacier White o Mythos Black sono abbinati i cerchi da 20" di colore bronzo, ma anche finiture in coordinato alla tinta esterna per labitacolo, che riprende il colore pure nelle cuciture dei sedili Sport Plus. La dotazione di serie include i gruppi ottici a Led anteriori e posteriori, limpianto audio B O, il pacchetto dei rivestimenti di pelle esteso e i terminali di scarico sportivi. Il single frame è invece proposto in due varianti: nero lucido per la TT e nero titanio opaco per la TTS. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUDI_TT [3] https://www.quattroruote.it/listino/audi/tt-coupe [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/TT-SPIDER 2020-11-24 17:55:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/24/opel_grandland_x_si_rinnova_la_gamma_degli_allestimenti/gallery/rbig/2020-opel-grandland-x-allestimenti-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33250 Opel Grandland X - Si rinnova la gamma degli allestimenti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33250&tipo=fv La OPEL [1] ha rivisto la gamma di allestimenti per il mercato italiano della GRANDLAND X [2], il cui listino spazia da proposte turbo benzina (1.2 da 130 e 1.6 da 180 CV) e diesel (1.5 da 130 CV) per arrivare alle varianti ibride plug-in a trazione anteriore (da 224 CV) o integrale (da 300 CV). LINGRESSO. I vari livelli di equipaggiamento della Suv tedesca sono stati rimodulati e alla soglia dingresso troviamo ora la Business Edition (da 28.600 euro), che prevede, tra le varie dotazioni, i cerchi di lega da 17 con design a cinque razze doppie, i fari anteriori a Led, il clima manuale, il volante rivestito di pelle, il cruise control con limitatore di velocità, linfotainment R.4 IntelliLink con connettività Apple CarPlay e Android Auto e, tra gli aiuti alla guida, lavviso di abbandono di corsia e il riconoscimento dei segnali stradali. DUE PROPOSTE INTERMEDIE. Nel cuore della gamma, la versione Design Line (da 29.100 euro) aggiunge dettagli estetici come il tetto nero e i vetri posteriori oscurati, ma anche accessori più funzionali, come i sensori di parcheggio, il bracciolo scorrevole, i sensori luci e pioggia e le prese da 12 V in seconda fila e nel bagagliaio. Più o meno allo stesso livello di prezzo (a partire da 29.600 euro) lallestimento Elegance integra invece la Business Edition con il clima bi-zona, il pacchetto Park Go, gli interni in Marrocana, oltre ai sensori di parcheggio, ai sensori luci e pioggia e ad altre dotazioni già proposte dalla Grandland Design Line. IN CIMA Cè ANCORA LA ULTIMATE. Al vertice della gamma si posiziona infine la Grandland X Ultimate (da 34.600 euro), che rispetto a una Elegance propone in più il monitoraggio dellangolo cieco, il Park Assist, lOpel Eye, i fari a Led adattivi, il tetto nero, i cerchi da 18 neri, la cornice dei finestrini cromata, i sedili posteriori ripiegabili one touch, lapertura keyless di porte anteriori e portellone, la telecamera posteriore con visuale a 360, linfotainment con navigatore Navi 5.0 IntelliLink (con schermo da 8), due prese Usb, sei altoparlanti e le tecnologie Opel Connect. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL/GRANDLAND-X 2020-11-24 16:41:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/24/lego_ferrari_488_gte_wec_kit_mattoncini_dimensioni_disponibilita_prezzo_immagini_video/gallery/rbig/2020-lego-ferrari-488-gte-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33249 Ferrari 488 GTE - Da Lego un modellino dellauto da corsa - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33249&tipo=fv La LEGO [1] celebra le vittorie della FERRARI [2] nelle gare endurance del WEC [3] presentando un modellino fatto di mattoncini della 488 GTE, contraddistinto dalla livrea tricolore della scuderia AF Corse e dal numero di gara #51. CURA DEI DETTAGLI. La replica, lunga 48 centimetri, è stata curata nei minimi dettagli, a partire dal motore V8 con pistoni in movimento, fino alle sospensioni anteriori e posteriori, passando dai profili aerodinamici e dagli adesivi degli sponsor applicati sulla carrozzeria. Negli interni, invece, spicca il volante da corsa decorato con lo stemma del Cavallino rampante. Il set di è composto da 1.677 ELEMENTI ed è il primo della serie Technic a essere progettato dallazienda danese insieme alla Casa di Maranello. Il kit Ferrari 488 GTE "AF Corse #51" (codice 42125) sarà acquistabile dal 1 gennaio al prezzo di 179,99 EURO. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEGO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FERRARI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/WEC 2020-11-24 15:47:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/24/rivian_configuratore_online_elettriche_suv_r1s_e_pick_up_r1t/gallery/rbig/2020-rivian-r1s-r1t-configuratore-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33248 Rivian - Online il configuratore delle elettriche R1S e R1T http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33248&tipo=fv La RIVIAN [1] ha reso disponibile il configuratore online dei modelli R1S [2] e R1T [3]. Tra le personalizzazioni dei due veicoli elettrici, in particolare, si nasconde uninformazione che era attesa da tempo: lautonomia delle batterie, infatti, potrà salire per il pick-up fino a 640 km. 10 MILA DOLLARI PER LAUTONOMIA EXTRA. Il marchio americano aveva inizialmente annunciato che tutti i modelli avrebbero avuto in dotazione gli accumulatori da 130 kWh, capaci di garantire percorrenze di circa 480 km. Nel configuratore, invece, si è aggiunta ora lopzione Max Battery da 10.000 dollari che, per il solo R1T, peraltro già SOLD OUT [4], consente di raggiungere, appunto, unautonomia di 640 km. Allineandosi, così, con i valori ottenuti da concorrenti come TESLA E LUCID AIR [5], seppur in segmenti di mercato totalmente diversi. SUL MERCATO DAL 2022. I Il dato tecnico relativo alla batteria più grande non è al momento ancora disponibile, ma è probabile che si tratti dellannunciato taglio da 180 kWh, che sarà in consegna soltanto a partire dal 2022. Non è chiaro il motivo per cui la stessa opzione non sia disponibile anche sulla Suv a zero emissioni: lipotesi è che gli ingombri dellaccumulatore siano tali da non consentire di sfruttare i sette posti a bordo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/RIVIAN_R1S_SUV_ELETTRICA_FOTO_BATTERIA_INFORMAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/11/13/RIVIAN_R1T_PREZZI_USCITA_VERSIONI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/11/23/RIVIAN_R1T_PREVENDITA_PREORDINE_PICK_UP_LAUNCH_EDITION_SOLD_OUT_ESAURITE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/11/23/TESLA_MODEL_S_AUMENTO_AUTONOMIA_USA_658_CHILOMETRI_SUPERA_LUCID_AIR.HTML 2020-11-24 13:21:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/24/porsche_taycan_guinness_dei_primati_record_drift_42_chilometri/gallery/rbig/2020-porsche-taycan-drift-record-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33246 Porsche Taycan - Lelettrica entra di traverso nel Guinness dei primati - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33246&tipo=fv La PORSCHE TAYCAN [1] ha conquistato un GUINNESS WORLD RECORD [2] per il drift più lungo mai effettuato con una vettura elettrica. La prova si è svolta al Porsche Experience Center di Hockenheim, dove la vettura ha percorso 42,171 chilometri in derapata. 55 MINUTI E 42 KM DI TRAVERSO. A guidare la Taycan è stato chiamato listruttore capo ed ex pilota Dennis Retera, che ha compiuto 210 giri consecutivi di un anello di asfalto, appositamente irrigato, tenendo la vettura in sbandata per 55 minuti a una velocità media di 46 km/h. Per ottenere questo record, la Porsche ha utilizzato lunica variante a trazione posteriore della Taycan, il modello base della gamma sviluppato per il mercato cinese e per il momento non previsto in Europa. GLI ALTRI PRIMATI. Fin dal suo debutto, la Taycan ha registrato numeri da primato e la Porsche ha voluto dimostrare le capacità della vettura con dei test particolarmente impegnativi come i 3.425 KM PERCORSI IN 24 ORE A NARDò [3], le 26 PROVE DI ACCELERAZIONE CONSECUTIVE DA 0 A 200 KM/H [4] e il RECORD DI CATEGORIA AL NüRBURGRING [5]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE/TAYCAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GUINNESS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/19/PORSCHE_TAYCAN_PROVA_DI_RESISTENZA_A_NARDO_3_425_KM_IN_24_ORE_.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/09/PORSCHE_STRESS_TEST_IN_ACCELERAZIONE_PER_LA_TAYCAN.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2019/08/26/PORSCHE_TAYCAN_7_MINUTI_E_42_SECONDI_AL_NURBURGRING.HTML 2020-11-24 12:26:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/24/emissioni_usa_gm_ritira_l_appoggio_alle_politiche_di_trump/gallery/rbig/2020-gm-usa-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33247 Emissioni Usa - GM ritira lappoggio alle politiche di Trump http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33247&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] ha deciso di ritirare il proprio appoggio a Trump nella disputa legale che riguarda DIVIETO IMPOSTO ALLA CALIFORNIA DI STABILIRE REGOLAMENTI [2] propri in materia di emissioni. Il gruppo di Detroit, che aveva sostenuto la Casa Bianca nellintento di avere un quadro regolatorio unico valido per tutti gli Stati Uniti, ha annunciato la svolta in una lettera inviata ad alcune associazioni ambientaliste. Nel testo, lamministratore delegato Mary Barra ha, in particolare, rivelato la decisione di "abbandonare immediatamente" il contenzioso giudiziario attualmente in corso tra Sacramento e Washington, invitando altri costrtuttori a intraprendere la stessa strada. ARRIVA BIDEN. Il dietrofront di GM arriva nel pieno della transizione che, a inizio gennaio, porterà il presidente eletto Joe Biden ad assumere ufficialmente la presidenza degli Stati Uniti. Durante la compagna elettorale, lobiettivo di Biden è stato esplicitato più volte: dopo anni di negazionismo sul fronte del cambiamento climatico, la Casa Bianca tornerà a dare priorità assoluta a politiche più attente allambiente, con un potenziamento dei programmi che incentivano la mobilità elettrica. La stessa General Motors ha, tra laltro, annunciato pochi giorni fa LINCREMENTO DEGLI INVESTIMENTI SUI VEICOLI ALLA SPINA [3] per ampliarne la gamma e aumentare i volumi di vendita. "Gli ambiziosi obiettivi per lelettrificazione del presidente eletto, della California e della General Motors sono allineati" e necessari "per affrontare il cambiamento climatico riducendo drasticamente le emissioni delle automobili" ha scritto nella lettera Mary Barra, che tra laltro ha incontrato Biden la scorsa settimana nellambito di un meeting con diversi top manager e leader sindacali. IL CONTENZIOSO. La decisione di GM rientra non solo nel quadro del crescente impegno delle grandi aziende americane nella sostenibilità ambientale, ma anche in quel riposizionamento che, per tradizione, avviene in occasione di un cambio al vertice delle istituzioni federali. Nellottobre 2019, diversi costruttori (General Motors, Toyota, Fiat Chrysler Automobiles, Hyundai, Mazda, Nissan, Kia e Subaru), HANNO DECISO DI SOSTENERE [4], nelle aule giudiziarie, il provvedimento con cui il presidente Donald Trump ha esautorato la California dellautorità, prevista da una legge degli anni 70, di legiferare su temi ambientali. Lesecutivo californiano ha quindi AVVIATO UNA CAUSA [5] per opporsi alla Casa Bianca, trovando lappoggio di altri 22 Stati, di numerose associazioni ambientaliste e di alcune grandi città. Altre Case automobilistiche, come la Ford, la Honda e la Volkswagen, alla luce di un ACCORDO CON LA CALIFORNIA SUI LIMITI ALLE EMISSIONI [6] di recente finalizzazione, non sono intervenute al fianco dellamministrazione Trump nella processo contro il Golden State. LE REAZIONI. La presa di posizione di GM è stata ovviamente accolta con favore da Biden: "La decisione della General Motors ribadisce quanto siano miopi gli sforzi dellamministrazione Trump per erodere lingegno e le difese americane contro la minaccia climatica" ha detto il neopresidente eletto. La stessa mossa ha invece spiazzato le case automobilistiche sostenitrici di Trump, venute a conoscenza della della decisione del colosso americano solo pochi minuti prima venisse resa pubblica. La Toyota, per esempio, non si è voluta sbilanciare: "Date le circostanze mutevoli, stiamo valutando la situazione - ha comunicato in una nota il costruttore giapponese - ma rimaniamo impegnati nel nostro obiettivo di un insieme coerente e unitario di standard per la riduzione dei consumi e delle emissioni applicabile in tutti i 50 Stati". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL-MOTORS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/20/EMISSIONI_USA_STOP_UFFICIALE_AI_POTERI_DELLA_CALIFORNIA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.GOOGLE.IT/AMP/S/WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/20/GENERAL_MOTORS_INVESTIMENTI_27_MILIARDI_DOLLARI_AUTO_ELETTRICHE_GUIDA_AUTONOMA.AMP.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/10/29/EMISSIONI_DA_OTTO_COSTRUTTORI_SOSTEGNO_ALLE_POLITICHE_DI_TRUMP.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/21/EMISSIONI_USA_LA_CALIFORNIA_E_ALTRI_STATI_FANNO_CAUSA_A_TRUMP.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2019/07/25/EMISSIONI_FORD_BMW_VOLKSWAGEN_E_HONDA_HANNO_TROVATO_L_ACCORDO_CON_LA_CARB.HTML 2020-11-24 12:26:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/24/formula_e_nel_2021_la_prima_gara_in_notturna/gallery/rbig/2020-arabia-saudita-formula-e.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33244 Formula E - Nel 2021 la prima gara in notturna http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33244&tipo=fv Anche il MONDIALE DI FORMULA E avrà la sua GARA IN NOTTURNA NEL 2021: lePrix di Ad-Diriyah, in Arabia Saudita, si svolgerà per la prima volta sotto le luci artificiali. IMPIANTO A LED A BASSO CONSUMO. Il doppio appuntamento della Formula E in Arabia Saudita è fissato per il 26 e 27 febbraio del 2021, rispettivamente come terza e quarta prova del campionato. Entrambe le gare prenderanno il via alle 20 locali e la pista sarà illuminata da un moderno impianto a LED a basso consumo, in grado di garantire un risparmio del 50% rispetto a un impianto tradizionale. Inoltre, nello spirito green della Formula E, tutto limpianto sarà alimentato da energie rinnovabili. Alberto Longo, ceo della Formula E, ha detto con orgoglio: "Sono certo che assisteremo a delle gare spettacolari per una competizione mai vista prima. Prima ancora di pensare alla gara in notturna dal punto di vista sportivo, ci siamo prima assicurati di mantenere lo standard di sostenibilità che ci ha sempre caratterizzati". NON UNA SEMPLICE GARA. Khalid Bin Sultan Al-Abdullah Al-Faisa, direttore della Federazione automobilistica saudita, ha spiegato le motivazioni dietro la scelta di correre lePrix in notturna: "LArabia Saudita ha intrapreso un viaggio per abbracciare le energie rinnovabili e sostenibili, quindi la Formula E rappresenta per noi più di una semplice corsa, ma è una vera e propria partnership che guarda al futuro delle energie sostenibili". 2020-11-24 11:59:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/24/black_friday_2020_le_offerte_dal_mondo_dell_auto_foto_gallery/gallery/rbig/black-friday-2020-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33245 Black Friday 2020 - Le offerte dal mondo dellauto FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33245&tipo=fv Anche in questo particolare 2020 tornano le offerte del BLACK FRIDAY, il consueto venerdì di shopping che, come da tradizione, segue il Giorno del ringraziamento dOltreoceano. Questanno levento cade il 27 novembre, ma nemmeno lemergenza CORONAVIRUS [1] sembra capace di fermare quello che, ormai, è un appuntamento fisso anche in Italia e nel resto dEuropa. OFFERTE A QUATTRO RUOTE. In tal senso, neanche il mondo dellauto è rimasto a guardare, con offerte già attive o in arrivo, da venerdì, per tutto il weekend. Daltra parte, contrariamente al lockdown di marzo e aprile, le concessionarie sono al momento aperte anche nelle zone rosse dItalia. Per scoprire quali promozioni sono previste, vi invitiamo a scorrere le immagini della nostra galleria, che verrà aggiornata fino a venerdì con tutte le offerte dellultimo minuto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-24 11:59:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/24/takata_general_motors_airbag_difettosi_richiamo_7_milioni_veicoli_mondo/gallery/rbig/2020-airbag-takata-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33242 Airbag Takata - La GM richiamerà 7 milioni di veicoli http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33242&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] richiamerà 7 milioni di veicoli equipaggiati con airbag TAKATA [2] potenzialmente difettosi. Nei giorni scorsi la Nhtsa, lAgenzia americana per la sicurezza stradale, ha imposto al costruttore americano di sostituire i sistemi di gonfiaggio installati sulle 5,9 milioni di auto, tra Suv e pick-up, circolanti negli Stati Uniti e prodotte tra il 2007 e il 2014. Lente federale ha infatti rifiutando la petizione che la Casa aveva depositato nel 2016 per evitare il richiamo. SEI MODELLI COINVOLTI. La campagna di richiamo, che si stima costerà al costruttore più di un miliardo di euro, coinvolge anche 544 mila vetture in Canada. I veicoli della General Motors interessati includono le Cadillac Escalade, le Chevrolet Silverado, Subruban e Tahoe, oltre alle Gmc Sierra e Yukon. Come già visto in altri richiami, gli airbag della Takata, se esposti per lunghi periodi a condizioni di calore e umidità, potrebbero azionarsi improvvisamente e, in alcuni casi, arrivare a rompersi scagliando dei frammenti metallici verso i passeggeri. Questo potenziale difetto ha causato il più grande richiamo automobilistico della storia, con circa 63 milioni di gonfiatori coinvolti negli Usa, mentre in tutto il globo sono stati richiamati circa 100 milioni di dispositivi installati sui veicoli di 19 case automobilistiche. Al momento sono stati segnalati in totale 18 decessi negli Stati Uniti legati agli airbag Takata, ma nessuno di questi ha coinvolto dei veicoli della GM. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL-MOTORS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TAKATA 2020-11-24 11:32:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/24/ford_mustang_mach_e_l_epa_certifica_i_valori_di_autonomia_dichiarati_della_suv/gallery/rbig/2020-ford-mustang-mach-e-autonomia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33243 Ford Mustang Mach-E - LEpa ha certificato i valori di autonomia della Suv http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33243&tipo=fv LEpa ha confermato i valori di autonomia dichiarati dalla FORD MUSTANG MACH-E [1]. La Suv elettrica ha ottenuto la certificazione da parte dellAgenzia per la protezione dellambiente, lorgano federale che negli Stati Uniti si occupa anche di testare e valutare le percorrenze dei veicoli, compresi quelle dei veicoli a batteria. Per tre versioni su quattro della sport utility americana, le miglia con un ciclo di carica registrate nei test sono risultate pari a quelle stimate dallOvale Blu; in un caso, lEpa ha calcolato unautonomia leggermente superiore. TUTTI I DATI. Nello specifico, lagenzia ha confermato le 230 miglia (370 km) dichiarate dalla Standard Range a trazione posteriore con un pieno della batteria, le 300 miglia (483 km) della Extended Range RWD e le 270 (435 km) promesse dalla Extended Range eAWD a trazione integrale. In unaltra circostanza, come detto, il computo è risultato perfino maggiore rispetto al dato preventivato: è il caso della Mustang Mach-E Standard Range eAWD, che dalle 210 miglia (338 km) dichiarate dalla Casa è passata alle 211 (quasi 240 km) certificate dai test dellEpa. La convalida dellagenzia federale arriva puntuale per la Ford, che a partire da dicembre avvierà le CONSEGNE DELLA SUV ELETTRICA NEGLI USA [2]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/18/FORD_MUSTANG_MACH_E_SUV_SCHEDA_TECNICA_AUTONOMIA_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/11/FORD_MUSTANG_MACH_E_ECCO_COME_L_HANNO_SCELTA_GLI_AMERICANI.HTML 2020-11-24 11:32:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/23/opel_astra_una_settimana_con_la_sports_tourer_1_5_cdti_at9_ultimate/gallery/rbig/2020-Opel-Astra-Sports-Tourer-06.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33241 Opel Astra - Una settimana con la Sports Tourer 1.5 CDTI AT9 Ultimate [Day 2] - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33241&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la OPEL ASTRA SPORTS TOURER [1] 1.5 CDTI AT9 nellallestimento Ultimate (che in inglese sta per definitivo, nel senso di non plus ultra, a sottolinearne la completezza). Sono di serie, quanto alla sicurezza, la frenata automatica demergenza, lavviso angoli bui, il mantenimento della corsia e i fari Matrix Led. In effetti, quanto agli optional a pagamento, questo esemplare si limita a un migliaio di euro di sovrapprezzo (per la precisione, 1.020), dovuti alla vernice metallizzata Cosmic Grey (670 euro), al ruotino di scorta da 16" (150 euro) e al sistema di riconoscimento dei segnali stradali e dei pedoni (200 euro). Il prezzo chiavi in mano dellesemplare guidato arriva così a 35.320 euro. Come per la berlina, il restyling della wagon si è concentrato sulla meccanica e così il tre cilindri 1.5 turbodiesel da 122 CV, che sostituisce il quattro cilindri 1.6, punta soprattutto sui consumi. Mentre lautomatico a nove marce rende la tedesca ideale per lautostrada. Al di là di limitati ritocchi estetici, lAstra Sports Tourer si conferma una wagon particolarmente grande per il segmento C, vista la lunghezza di quattro metri e 70. Insomma, siamo ai confini della classe superiore: chi ha bisogno di spazio non si può lamentare. CONTRO LA MODA [DAY 1]. Fino a qualche anno fa, lofferta di station wagon era molteplice. Ora, i modelli sul mercato si sono ridotti, sopraffatti da Suv e crossover. una tendenza globale ma, si sa, le mode, in Italia, trovano terreno ancora più fertile che altrove. Così, eccoci a guidare una delle sopravvissute, la Opel Astra Sports Tourer. Che vanta un nuovo motore 1.5 turbodiesel a tre cilindri. una segmento C con dimensioni abbondanti, quasi a cavallo del D. Si tratta della versione top, la Ultimate, che costa 34.300 euro. ROBERTO UNGARO, REDAZIONE WEBTV SU STRADA [DAY 2]. In questa giornata del nostro Diario di bordo vi raccontiamo come si comporta su strada la Opel Astra Sports Tourer 1.5 CDTI Ultimate. Soffermandoci, in particolare, sulloriginale accoppiata fra il tre cilindri turbodiesel da 122 CV e il cambio automatico a nove marce. Una combinazione inusuale, questa del 3-9 tra motore e trasmissione, nel panorama del mercato dei modelli di segmento C, che dà vita a un feeling di guida particolare. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL/ASTRA-STATION 2020-11-24 10:41:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/23/mission_impossible_7_fiat_500_gialla_tom_cruise/gallery/rbig/2020-Fiat-500-Mission-Impossible-7-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33240 Mission Impossible 7 - Tom Cruise a Roma con una Fiat 500 gialla - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33240&tipo=fv Nonostante lemergenza CORONAVIRUS [1] continui a flagellare lItalia, a Roma proseguono le riprese del film MISSION IMPOSSIBLE 7 [2]. La Capitale è stata infatti scelta per girare diverse scene dellultimo capitolo della saga dellagente speciale Ethan Hunt, come sempre interpretato da Tom Cruise. Dopo le immagini della BMW SERIE 3 DELLA POLIZIA [3] ai Fori Imperiali, nelle scorse ore il cast è stato avvistato in Piazza di Spagna alle prese con degli esemplari della FIAT 500 degli anni Cinquanta e con un mezzo blindato dellEsercito Italiano, un IVECO LINCE. PROTOTIPO PER LE EVOLUZIONI. Come si può vedere da queste foto e dai video pubblicati sui social, nellabitacolo del Cinquino giallo sono presenti Tom Cruise e Hayley Atwell, che si esibiscono in testacoda e passaggi a tutta velocità attorno alla Fontana della Barcaccia. In alcune scene saranno proprio i due attori a guidare la piccola italiana, mentre in altre saranno dei passeggeri. Proprio così: la Fiat 500 gialla utilizzata per le riprese non è altro che un prototipo appositamente modificato per eseguire delle evoluzioni. Uno degli esemplari monta infatti una struttura anteriore sulla quale trova spazio uno stuntman che controlla lauto mentre allinterno i due attori possono recitare senza dover prestare attenzione alla guida. ELETTRICA. Come si può osservare in questi video, la vettura non è altro che un prototipo sul quale è stata montata la scocca di una 500 del 57. A giudicare dalla reattività della vettura e dallassenza del classico rumore del bicilindrico a benzina, i modelli utilizzati per le riprese dovrebbero essere spinti da un powertrain elettrico. Anche il telaio e lassetto sarebbero stati realizzati ad hoc, come testimoniato anche dalle ruote utilizzate, dal diametro visivamente maggiore rispetto a quelle del Cinquino originale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MISSION-IMPOSSIBLE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/10/14/MISSION_IMPOSSIBLE_ROMA_TOM_CRUISE_BMW_SERIE_3_POLIZIA.HTML 2020-11-23 20:01:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/23/milano_monza_open_air_motor_show_nuove_date_11_13_giugno_2021/gallery/rbig/2020-milano-monza-open-air-motor-show-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33239 Milano Monza Open Air Motor Show - Le nuove date del Salone allaperto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33239&tipo=fv Dopo le varie posticipazioni dovute allemergenza CORONAVIRUS [1], il MILANO MONZA OPEN AIR MOTOR SHOW [2] ha ora delle nuove date: gli organizzatori, infatti, hanno comunicato che la kermesse si svolgerà DAL 10 AL 13 GIUGNO 2021. LE MODALITà NON CAMBIANO. Il Salone, come già noto, sarà caratterizzato dalla presentazione di numerose anteprime assolute, che avranno come cornice le vie e le piazze di Milano, oltre allAutodromo di Monza. Saranno presenti OLTRE 50 CASE AUTOMOBILISTICHE [3] e ogni vettura o moto esposta sarà affiancata da un QR code che, scannerizzato con lo smartphone, darà accesso alla pagina riservata a quel modello, con la scheda tecnica, le immagini, i video e il link per richiedere maggiori informazioni. Dall11 al 13 giugno, invece, i costruttori porteranno sulla pista del Gran Premio Fromula 1 dItalia i loro modelli più sportivi, mentre i collezionisti sfileranno nel Tempio della velocità e sulle sopraelevate dellAnello Alta Velocità. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MILANO_MONZA_OPEN_AIR_MOTOR_SHOW [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/10/19/MILANO_MONZA_OPEN_AIR_MOTOR_SHOW_OLTRE_50_CASE_PRESENTI_ALLA_MANIFESTAZIONE_ECCO_QUALI_SONO.HTML 2020-11-23 18:38:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/23/citroen_berlingo_motore_allestimenti_e_prezzi_in_italia/gallery/rbig/2020-citroen-berlingo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33238 Citroën Berlingo - In Italia con prezzi a partire da 20.550 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33238&tipo=fv La CITROëN [1] ha aggiornato la gamma della BERLINGO [2] per il mercato italiano. La nuova multispazio francese è disponibile a partire da 22.800 euro, che scendono a 20.550 nella versione Combi Live M1. Le novità relative al modello si focalizzano sugli allestimenti, le dotazioni e le motorizzazioni. BENZINA E DIESEL EURO 6.2. La gamma dei propulsori è stata aggiornata secondo la normativa Euro 6.2. Al momento, dunque, la Casa offre i tre cilindri a benzina 1.2 Puretech 110 e 130 e i quattro cilindri diesel 1.5 BlueHDI 100 e 130, con il cambio automatico Eat8 offerto solo sulla benzina più potente. Le varianti di carrozzeria disponibili sono le M, XL a cinque posti e XL a sette posti. PIù ACCESSORI PER TUTTE. La semplificazione degli allestimenti ha permesso di ottimizzare le dotazioni e i prezzi in relazione alle esigenze del mercato. Alla base della gamma cè la Feel, che ora offre di serie anche lExtended Traffic Sign Recognition, il Driver Attention Assist, il Pack Visibilità con High Beam Assist e il sistema dinfotainment con display da 8,1 pollici comprensivo di radio Dab e bluetooth. Lallestimento Feel Pack aggiunge i cerchi di lega da 16", le barre nere sul tetto, il volante di pelle, gli specchietti riscaldabili e le prese Usb per la seconda e la terza fila di sedili; dietro, invece, include il lunotto apribile, i cristalli oscurati e il divanetto posteriore con tre posti separati a scomparsa. La versione top di gamma Shine, infine, aggiunge i cerchi da 17", lhead-up display e la retrocamera. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN/BERLINGO 2020-11-23 18:13:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/23/ferrari_sogno_alan_re_cremona_lettore_designer_/gallery/rbig/2020-ferrari-alan-re-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33237 Ferrari - Il sogno di un giovane lettore: disegnare le prossime Rosse http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33237&tipo=fv Un foglio bianco e una matita che vi scorre sopra. Unidea, unimmagine, una forma che nasce nella propria mente e poi si ritrova materializzata su quel pezzo di carta, quasi per magia. Questo vuol dire disegnare: mostrare a tutti una rappresentazione di quello che già esiste nella propria testa. I designer, però, fanno un passo in più: portano nel mondo bidimensionale quella che era solo fantasia e poi passano alla realtà, contribuendo a dar vita agli oggetti che ci circondano. Questo è il sogno di ALAN RE, un sedicenne di Cremona che ha sempre desiderato di poter arrivare, un giorno, a lavorare per la FERRARI [1] e mettere la sua firma sulle sinuose vetture del Cavallino, da generazioni il sogno a occhi aperti degli appassionati di motori. Ecco, dunque, alcuni dei bozzetti realizzati dal giovane cremonese, con la speranza che la pubblicazione sia di buon auspicio per il futuro. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/listino/ferrari 2020-11-23 17:24:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/23/mclaren_artura_svelato_il_nome_della_supercar_ibrida/gallery/rbig/2020-mclaren-artura-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33236 McLaren Artura - Svelato il nome della supercar ibrida http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33236&tipo=fv "The Full Force of MCLAREN [1]", recita il claim con cui è stato annunciato il nome della nuova sportiva di Woking: la Artura sarà in vendita nella prima metà del 2021 e, per il marchio inglese, sarà la prima sportiva elettrificata di normale produzione. V6 BITURBO PLUG-IN HYBRID. Partendo dallesperienza maturata con le Hypercar P1 e Speetail, la McLaren darà vita alla nuova linea HPH (High-Performance Hybrid) e la Artura è la prima vettura della stirpe. PORTERà AL DEBUTTO LA MONOSCOCCA DEDICATA [2] e un powertrain plug-in hybrid basato su un inedito V6 biturbo abbinato ai motori elettrici. Saranno nuovi anche il design esterno, quello degli interni e linterfaccia dedicata ai passeggeri, ma per ora abbiamo potuto vedere solo ALCUNE FOTO DI UN PROTOTIPO [3]. Anche i dati tecnici sono ancora sconosciuti, ma la McLaren ha già confermato di aver lavoro al progetto in modo da ridurre al massimo lincremento del peso totale dovuto alla parte elettrica per mantenere prestazioni e feeling di guida allaltezza della tradizione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MCLAREN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/08/25/MCLAREN_PRESENTATA_LA_NUOVA_PIATTAFORMA_PER_I_MODELLI_IBRIDI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/06/MCLAREN_HPH_IMMAGINI_E_ANTICIPAZIONI_DELLA_SUPERCAR_IBRIDA.HTML 2020-11-23 16:50:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/11/23/renault_twingo_ze_elettrica_autonomia_interni_prezzo/gallery/rbig/2020-Renault-Twingo-Electric-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33235 Renault Twingo - Al volante della Electric http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33235&tipo=fv La RENAULT TWINGO [1] diventa elettrica ma, diversamente da altre citycar, non estromette dalla gamma i motori benzina. Almeno per il momento, anche se è ipotizzabile che la Electric si possa ritagliare unimportante fetta delle vendite del modello. ELETTRIFICATA ALLA FRANCESE. Diversamente da quanto suggeriscono gli 82 CV e la coppia di 160 Nm del motore, questa Twingo non è esattamente la fotocopia della Smart forfour a batteria, con la quale condivide gran parte dellarchitettura. Laccumulatore di ioni di litio costituisce la differenza principale tra la citycar francese e quella tedesca, dato che la Renault e la LG ne hanno sviluppato uno raffreddato ad acqua da 22 kWh. La Twingo raggiunge i 135 km/h e promette unautonomia di 190 chilometri nel ciclo misto e 270 in quello cittadino. Il sistema di ricarica interagisce con impianti sino a 22 kW: per fare il pieno delettroni alle colonnine rapide serve unora e mezza, mentre sfruttando le wallbox da 3,7 o 7,4 kW occorrono otto o quattro ore e con la rete domestica il tempo sale a 15 ore. Le modifiche alla francese si completano con unevoluzione del sistema B Mode della Zoe con tre step per il recupero di energia nei rallentamenti. Il più drastico rasenta leffetto di una funzione one pedal in alcune condizioni di marcia. SPIGLIATA CITTADINA. Alla gestione energetica contribuisce anche il settaggio Eco Mode, che ridefinisce verso il basso la potenza, la coppia (il cui picco massimo supera di 25 Nm quello della più potente versione a benzina) e limita la velocità massima. Francamente non sono grossi problemi perché la Electric ha unindole ancora più urbana della altre Twingo. Alla tradizionale maneggevolezza tipica di questo modello, che permette di districarsi agevolmente nel traffico e di parcheggiare anche in spazi angusti, lelettrica aggiunge anche un carattere reattivo. Limmediata disponibilità di coppia consente di scattare con disinvoltura ai semafori, mentre le precise risposte del sistema a ogni sollecitazione dellacceleratore rendono la guida gradevole. Sulle strade extraurbane, mandando fuori gioco le modalità Eco e B Mode, lElectric sfodera un temperamento brioso e un comportamento un po più omogeneo delle altre Twingo, impresso dal baricentro ribassato e dalla ripartizione più equa della massa. Al termine del percorso di una sessantina di chilometri, due terzi dei quali in città, che ho affrontato con una previsione di autonomia di 175 chilometri, ho visualizzato una riserva di elettroni sufficiente per 107 chilometri. DIVERSAMENTE TWINGO. Il setup dellassetto dellelettrica non altera più di tanto lassorbimento poco graduale tipico di questo modello. Tuttavia, il confort si avvantaggia dellassenza di cilindri perché nellabitacolo non si avvertono vibrazioni e la silenziosità è notevole nelluso cittadino, mentre a velocità costante si riduce un po perché affiora il rotolamento dei pneumatici. Lambiente ripropone un posto guida che non permette a tutte le taglie di trovare la postura migliore e, al pari dellesterno, non fa molto per distinguersi da quello delle altre Twingo. Lindole dellElectric è tradita solo dallinterfaccia dedicata del display della strumentazione e dalla posizione B Mode del selettore del cambio. ARRIVA ANCHE IN TIRATURA LIMITATA. Al lordo degli incentivi, il listino della Twingo Electric parte dai 22.450 euro della versione Zen, passa a 23.650 euro nel caso della Intense per attestarsi a 24.350 euro per la Vibes Limited Edition. Va aggiunto che in questo periodo una promozione legata alla rottamazione propone la Zen a 11.500 euro con un finanziamento di 89 euro al mese. Lequipaggiamento include sempre anche il clima automatico e il sistema multimediale EasyLink, compatibile con Apple CarPlay e Android Auto e la connettività da remoto tramite app. Dallallestimento Intense si aggiungono, tra le altre cose, anche i cerchi di lega da 15, il cruise control, lavviso di abbandono della corsia, la retrocamera e il navigatore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/RENAULT/TWINGO.HTML 2020-11-23 16:26:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/23/hyundai_e_ineos_firma_accordo_per_collaborazione_su_tecnologia_idrogeno_fuel_cell/gallery/rbig/10-curiosità-idrogeno-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33234 Ineos e Hyundai - Firmato un accordo per lo studio della tecnologia fuel cell http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33234&tipo=fv La INEOS e la HYUNDAI [1] hanno firmato una dichiarazione dintenti relativa a una collaborazione per lo studio della tecnologia fuel cell e alla possibile applicazione dei powertrain a idrogeno sulla fuoristrada GRENADIER [2]. I due brand, tuttavia, non hanno ancora rilasciato dettagli in merito a questultima soluzione: la vettura è stata per il momento annunciata solo nella variante endotermica con la meccanica fornita dalla BMW. LA PARTNERSHIP. Allinterno dellaccordo figurano delle iniziative volte a esaminare nuove possibilità per la produzione e la vendita dei powertrain alimentati con celle a combustibile, nonché per la diffusione su scala globale di questa tecnologia, sia nel settore pubblico sia in quello privato, con particolare attenzione allEuropa. La Hyundai è impegnata dal 2013 nello sviluppo di vetture fuel cell e la più recente evoluzione del suo sistema è stata applicata alla NEXO [3]. La Ineos Group, nota per il progetto Grenadier ISPIRATO ALLA LAND ROVER DEFENDER [4], è impegnata invece nella produzione ecosostenibile di idrogeno in Europa al ritmo di circa 300 mila tonnellate allanno come risultato delle lavorazioni effettuate in ambito petrolchimico, business principale dellazienda. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/01/INEOS_GRENADIER_MOTORE_CARATTERISTICHE_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2019/HYUNDAI_NEXO_LA_PROVA_DELLA_SUV_A_IDROGENO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/08/04/INEOS_GROUP_VINTA_LA_CAUSA_CONTRO_LA_LAND_ROVER_SUL_DESIGN_DELLA_GRENADIER.HTML 2020-11-23 15:57:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/23/caso_ghosn_l_onu_arresto_arbitrario_il_giappone_rimedi_senza_indugio/gallery/rbig/2018-Ghosn.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33233 Caso Ghosn - LOnu: Arresto arbitrario, il Giappone rimedi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33233&tipo=fv LOnu è intervenuta sul caso GHOSN [1] e ha lanciato dure accuse al sistema giudiziario giapponese. Per il Working Group on Arbitrary Detention, organismo di cinque esperti indipendenti incaricato dallOrganizzazione delle Nazione Unite di verificare il rispetto dei diritti umani in casi di possibili provvedimenti cautelari illegali, ha definito come "arbitrario" larresto dellex plenipotenziatio dellAlleanza Renault-Nissan e ha chiesto al Governo di Tokyo di risarcirne lingiusta detenzione. TOKYO DEVE RIMEDIARE. In particolare, il gruppo di lavoro, legato allAlto Commissariato per i Diritti Umani, ha invitato il Giappone a "prendere le misure necessarie per porre rimedio alla situazione di Ghosn senza indugio". Le richieste rivolte ai giapponesi si basano su unanalisi del caso condotta dallo scorso marzo dopo una petizione presentata dagli avvocati del manager, OGGI IN LIBANO DOPO UNA FUGA ROCAMBOLESCA [2]. Gli esperti hanno determinato larbitrarietà della detenzione sulla base di vari criteri, tra cui il diritto internazionale. Anche per questo, il "pool" ha invitato il Giappone a garantire "unindagine completa e indipendente sulla detenzione di Ghosn e ha chiesto al governo "di adottare misure appropriate contro i responsabili della violazione dei suoi diritti". "Il gruppo di lavoro ritiene che, tenendo conto di tutte le circostanze del caso, il rimedio appropriato sarebbe quello di concedere al signor Ghosn un diritto al risarcimento, in conformità con il diritto internazionale , si legge in un documento ufficiale di 17 pagine. LE ACCUSE DI GHOSN. Nel parere espresso sono state prese in considerazione le accuse mosse da Ghosn e dai suoi rappresentanti legali contro il sistema giudiziario nipponico per le modalità di detenzione in carcere. Lex manager ha criticato il provvedimento dellisolamento, i lunghi frequenti interrogatori, condotti anche durante le ore notturne pur di estorcere una confessione, e il mancato accesso ai documenti alla base dei capi di imputazione. Il governo giapponese ha, dal canto suo, rigettato tutte le accuse escludendo di aver violato le norme internazionali sui diritti umani, civili e politici e di aver deciso in modo arbitrario di arrestare Ghosn. Va ricordato come le opinioni di esperti indipendenti, per quanto di alto livello, non sono comunque vincolanti per i Paesi, come dimostrato in passato dallintervento nel caso del fondatore di Wikileaks Julian Assange. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CARLOS-GHOSN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/31/RENAULT_NISSAN_GHOSN_LASCIA_IL_GIAPPONE_E_VOLA_IN_LIBANO.HTML 2020-11-23 15:01:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/23/rivian_r1t_prevendita_preordine_pick_up_launch_edition_sold_out_esaurite/gallery/rbig/2019-Rivian-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33232 Rivian R1T - Esaurita la Launch Edition del pick-up elettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33232&tipo=fv La RIVIAN [1] ha confermato che le prevendite del pick-up elettrico R1T [2], nellallestimento Launch Edition riservato alle prime consegne, sono andate sold out nellarco di sette giorni. PREORDINE ESCLUSIVO. La settimana scorsa, la startup americana ha svelato gli allestimenti e I PREZZI DELLR1T [3] e della Suv R1S [4], mettendo poi online il configuratore, che però non è aperto a tutti: il sito, infatti, è disponibile solo ai clienti che negli ultimi due anni hanno effettuato prenotazioni per i veicoli con un deposito di 1.000 dollari. La Rivian non ha dichiarato quanti esemplari della Launch Edition verranno prodotti, ma questa versione sarà lunica costruita tra giugno 2021 e gennaio 2022. Lallestimento si distingue per alcuni badge speciali e per il colore esclusivo Launch Green, disponibile su richiesta, mentre il pacco batteria ha la capacità intermedia e dovrebbe garantire percorrenze di oltre 480 chilometri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/26/RIVIAN_R1T_DEBUTTA_IL_PICK_UP_ASPETTANDO_LA_SUV_R1S.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/11/13/rivian_r1t_prezzi_uscita_versioni.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/RIVIAN_R1S_SUV_ELETTRICA_FOTO_BATTERIA_INFORMAZIONI.HTML 2020-11-23 15:01:31 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/23/tesla_model_s_aumento_autonomia_usa_658_chilometri_supera_lucid_air/gallery/rbig/2020-tesla-model-s-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33231 Tesla Model S - Negli Usa lautonomia aumenta per superare la Lucid Air http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33231&tipo=fv La TESLA [1] ha aggiornato la MODEL S [2] aumentandone lautonomia. La modifica, in particolare, coinvolge le Long Range Plus vendute negli Stati Uniti, che erano già state oggetto di un miglioramento allinizio dellanno. Al momento non è chiaro se la nuova versione dellelettrica arriverà in Europa, né quali cambiamenti abbiano reso possibile questo incremento. SUPERARE LA CONCORRENZA. Negli scorsi mesi la Casa californiana aveva portato lammiraglia ad arrivare a una percorrenza di circa circa 647 chilometri per singola carica. A distanza di poco tempo, però, la LUCID [3] ha presentato la versione base della AIR [4], la concorrente diretta della berlina di Palo Alto, dichiarando unautonomia di poco superiore ai 653 chilometri e un prezzo in linea con quello della Model S. In risposta, ELON MUSK [5] ha annunciato una riduzione del prezzo fino a 69.420 dollari (58.440 euro) e un incremento dellefficienza: con una carica ora la cinque porte può arrivare a percorrere fino a 658 CHILOMETRI. Questo numero arriva dai dati di immatricolazione di una Model S Long Range Plus americana prodotta nei giorni scorsi, anche se i valori sui siti internet ufficiali della Tesla e dellEpa, lAgenzia federale per la protezione dellambiente, per il momento non sono stati aggiornati. Ancora non è noto se lincremento sia dovuto ad aggiornamenti software, hardware o entrambi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA/MODEL-S [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCID [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCID_AIR [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MUSK 2020-11-23 14:04:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/23/tesla_model_s_aumento_autonomia_usa_658_chilometri_supera_lucid_air/gallery/rbig/2020-tesla-model-s-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33230 Tesla Model S - Negli Usa lautonomia aumenta ancora per superare la Lucid Air http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33230&tipo=fv La TESLA [1] ha aggiornato la MODEL S [2] aumentandone lautonomia. La modifica, in particolare, coinvolge le Long Range Plus vendute negli Stati Uniti, che erano già state oggetto di un miglioramento allinizio dellanno. Al momento non è chiaro se la nuova versione dellelettrica arriverà in Europa, né quali cambiamenti abbiano reso possibile questo incremento. SUPERARE LA CONCORRENZA. Negli scorsi mesi la Casa californiana aveva portato lammiraglia ad arrivare a una percorrenza di circa circa 647 chilometri per singola carica. A distanza di poco tempo, però, la LUCID [3] ha presentato la versione base della AIR [4], la concorrente diretta della berlina di Palo Alto, dichiarando unautonomia di poco superiore ai 653 chilometri e un prezzo in linea con quello della Model S. In risposta, ELON MUSK [5] ha annunciato una riduzione del prezzo fino a 69.420 dollari (58.440 euro) e un incremento dellefficienza: con una carica ora la cinque porte può arrivare a percorrere fino a 658 CHILOMETRI. Questo numero arriva dai dati di immatricolazione di una Model S Long Range Plus americana prodotta nei giorni scorsi, anche se i valori sui siti internet ufficiali della Tesla e dellEpa, lAgenzia federale per la protezione dellambiente, per il momento non sono stati aggiornati. Ancora non è noto se lincremento sia dovuto ad aggiornamenti software, hardware o entrambi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA/MODEL-S [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCID [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LUCID_AIR [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MUSK 2020-11-23 13:40:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/11/20/telematica_le_flotte_si_monitorano_anche_attraverso_i_pneumatici/gallery/rbig/2020_Prometeon_pro_check.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33229 Telematica - Le flotte si monitorano (anche) attraverso i pneumatici http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33229&tipo=fv PRO CHECK è la soluzione TELEMATICA [1] di monitoraggio digitale di PROMETEON pensata per offrire una facile ed efficace gestione dei PNEUMATICI [2] per le flotte e i concessionari. La nuova integrazione della piattaforma di servizi Pro Services agevola le ispezioni, il monitoraggio delle gomme e dellintera salute del veicolo: lelenco degli strumenti impiegati comprende il Tap200 di Bartec Auto ID (leader nello sviluppo e nella produzione di sistemi di controllo della pressione), unapp gratuita in ambiente iOS e Android (connessa via Bluetooth al Tap200) e una nuova piattaforma web aperta, dotata di un set completo di funzionalità di reporting e analisi interattive. DISTRIBUZIONE INTERNAZIONALE. "I rivenditori del Network Supertruck, che hanno contribuito allo sviluppo di Pro check attraverso puntuali feedback, sono entusiasti delle prestazioni ottenute", commenta MARCO SOLARI, ceo per lEuropa di Prometeon. Il prodotto è già disponibile in Italia, Regno Unito, Germania, Spagna e Polonia. Dallanno prossimo, verranno raggiunti altri Paesi europei, nonché la Turchia e il Brasile. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TELEMATICA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PNEUMATICI 2020-11-23 13:11:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/23/audi_le_fabbriche_saranno_carbon_neutral_nel_2025/gallery/rbig/2020-audi-produzione-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33228 Audi - Le fabbriche saranno "carbon-neutral" nel 2025 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33228&tipo=fv Gli investimenti che lAUDI [1] ha promosso nei propri stabilimenti porteranno, nel 2025, a raggiungere lobiettivo della produzione carbon-neutral, già ottenuto dagli impianti di Bruxelles e Gyr. ENERGIE RINNOVABILI. La riduzione delle emissioni di CO2 è stata conseguita sia lavorando sullattività delle fabbriche sia attraverso collaborazioni specifiche con i fornitori. In questo contesto, la diffusione dellelettrificazione dei veicoli ha generato nuove sfide a causa dellenergia necessaria per la produzione delle batterie. LAudi ha puntato sul fotovoltaico e sul biogas per utilizzare energie rinnovabili destinate alla produzione e al riscaldamento degli ambienti, mentre nel caso della fabbrica ungherese di Gyr è stata sfrutatta anche lenergia geotermica. PURE I TRASPORTI SONO "GREEN". Le iniziative non riguardano solamente le attività interne ai siti produttivi: la Casa di Ingolstadt ha investito anche su altri progetti, come le linee ferroviarie per trasportare le vetture verso il porto di Emden (sviluppate in collaborazione con la Deutsche Bahn), che da sole hanno consentito di tagliare oltre 13.000 tonnellate di CO2 ogni anno. In altri casi, per esempio per per i componenti e i ricambi, sono stati sviluppati sistemi di trasporto su gomma i con camion alimentati a gas liquido, che in futuro sarà ricavato esclusivamente a partire da biomasse, per ridurre fino al 90% le emissioni. ALLUMINIO RICICLATO ANCHE PER LE ELETTRICHE. Ulteriori contenimenti delle emissioni sono stati implementati nelle lavorazioni dellalluminio, grazie allutilizzo dei materiali riciclati. Il sistema Aluminium Closed Loop è già in uso nelle fabbriche di Ingolstadt e Nackarsulm e sarà implementato a Gyr nel 2021: le A3, A4, A5, A6, A7, A8. e-tron ed e-tron Sportback attualmente sfruttano questa soluzione per i componenti, ma in futuro toccherà anche alla e-tron GT. inoltre allo studio, in collaborazione con il Karlsruhe Institute for Technology, un progetto sul riciclo delle plastiche. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI 2020-11-23 13:11:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/11/23/lutto_nel_mondo_dell_auto_addio_ad_achille_scudieri/gallery/rbig/2020-achille-e-paolo-scudieri-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33227 Lutto nel mondo dellauto - Addio ad Achille Scudieri http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33227&tipo=fv Nella serata di domenica 22 novembre si è spento Achille Scudieri, fondatore di ADLER PLASTIC [1], gruppo che sviluppa e industrializza componenti e sistemi per lindustria del trasporto, attivo nellautomotive come importante fornitore delle Case automobilistiche. Limprenditore, nato il 13 giugno del 1930, aveva 90 anni. PANNELLI FONOASSORBENTI, E NON SOLO. Achille Scudieri ha fondato lazienda nel 1956 a Ottaviano, in provincia di Napoli. Guidato dal figlio Paolo dal 1992, Adler Group fattura oggi circa 1 miliardo di euro lanno, con 58 stabilimenti in 19 Paesi e sette centri di ricerca e sviluppo. Il gruppo rappresenta il primo produttore italiano di sistemi di insonorizzazione e di isolamento termico di veicoli, di rivestimenti e pannelli per le portiere e di tappeti interni. La famiglia, i collaboratori e i dipendenti hanno annunciato la scomparsa di Achille Scudieri con gratitudine per lesempio offerto come imprenditore e lavoratore, avendo sempre considerato lazienda la sua vita. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ADLER 2020-11-23 12:16:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/23/opel_astra_una_settimana_con_la_sports_tourer_1_5_cdti_at9_ultimate/gallery/rbig/2020-Opel-Astra-Sports-Tourer-06.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33226 Opel Astra - Una settimana con la Sports Tourer 1.5 CDTI AT9 Ultimate [Day 1] - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33226&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la OPEL ASTRA SPORTS TOURER [1] 1.5 CDTI AT9 nellallestimento Ultimate (che in inglese sta per definitivo, nel senso di non plus ultra, a sottolinearne la completezza). Sono di serie, quanto alla sicurezza, la frenata automatica demergenza, lavviso angoli bui, il mantenimento della corsia e i fari Matrix Led. In effetti, quanto agli optional a pagamento, questo esemplare si limita a un migliaio di euro di sovrapprezzo (per la precisione, 1.020), dovuti alla vernice metallizzata Cosmic Grey (670 euro), al ruotino di scorta da 16" (150 euro) e al sistema di riconoscimento dei segnali stradali e dei pedoni (200 euro). Il prezzo chiavi in mano dellesemplare guidato arriva così a 35.320 euro. Come per la berlina, il restyling della wagon si è concentrato sulla meccanica e così il tre cilindri 1.5 turbodiesel da 122 CV, che sostituisce il quattro cilindri 1.6, punta soprattutto sui consumi. Mentre lautomatico a nove marce rende la tedesca ideale per lautostrada. Al di là di limitati ritocchi estetici, lAstra Sports Tourer si conferma una wagon particolarmente grande per il segmento C, vista la lunghezza di quattro metri e 70. Insomma, siamo ai confini della classe superiore: chi ha bisogno di spazio non si può lamentare. CONTRO LA MODA [DAY 1]. Fino a qualche anno fa, lofferta di station wagon era molteplice. Ora, i modelli sul mercato si sono ridotti, sopraffatti da Suv e crossover. una tendenza globale ma, si sa, le mode, in Italia, trovano terreno ancora più fertile che altrove. Così, eccoci a guidare una delle sopravvissute, la Opel Astra Sports Tourer. Che vanta un nuovo motore 1.5 turbodiesel a tre cilindri. una segmento C con dimensioni abbondanti, quasi a cavallo del D. Si tratta della versione top, la Ultimate, che costa 34.300 euro. ROBERTO UNGARO, REDAZIONE WEBTV Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/OPEL/ASTRA-STATION 2020-11-23 11:24:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/23/stellantis_fca_psa_approvazione_sec/gallery/rbig/2020-fusione-FCA-PSA-stellantis.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33225 Fusione FCA-PSA - Usa, dalla Sec via libera a Stellantis http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33225&tipo=fv A poco più di un mese dalle assemblee per lapprovazione della fusione in STELLANTIS [1], i gruppi FCA [2] e PSA [3] hanno pubblicato i relativi avvisi di convocazione straordinaria degli azionisti. I due incontri riservati si terranno in remoto il 4 gennaio 2021: si inizierà alle 11 del mattino con quello della Peugeot, che sarà poi seguito alle 14.30 da quello della Fiat Chrysler Automobiles. Oltre a questo, i due gruppi hanno comunicato che la Sec, la commissione statunitense di vigilanza dei mercati finanziari, ha approvato in via definitiva la registrazione del modulo F-4, una procedura necessaria per avviare nuove attività sul suolo americano e nella quale le aziende devono riportare svariate informazioni, dalla tipologia di business alla data di inizio dei lavori. ESITO CERTO. Gli azionisti dei due gruppi hanno già ricevuto tutte le informazioni per partecipare alle riunioni straordinarie e per votare da remoto sulla fusione. Lapprovazione da parte degli shareholder è scontata, ma questa procedura legale è necessaria per ottenere il via libera finale sullunione dei due gruppi automobilistici. Gli azionisti di riferimento - la famiglia Agnelli tramite Exor per FCA e gli eredi Peugeot per PSA - hanno infatti già espresso il proprio parere sulla fusione, sostenendo la nascita di Stellantis su più fronti. Per questo motivo le votazioni delle due assemblee saranno solo un passaggio formale che non dovrebbe riservare sorprese: la Exor detiene il 44,4% dei diritti di voto pur controllando il 28,6% del capitale di FCA, mentre per quanto riguarda il gruppo PSA poco meno della metà dei voti complessivi sarà in mano alla famiglia Peugeot, alla banca Bpifrance e alla Dongfeng, che hanno già più volte comunicato di voler procedere con la fusione. Lunica incognita rimane quella di Bruxelles: la Commissione Europea, infatti, non ha ancora comunicato ufficialmente lesito dellindagine AVVIATA LO SCORSO GIUGNO [4] sugli effetti dellunione tra i due gruppi, ma dopo la proposta di PARTNERSHIP CON LA TOYOTA [5] sul fronte dei veicoli commerciali leggeri i timori dellUe SEMBRANO ESSERE RIENTRATI [6]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/17/FCA_PSA_LA_COMMISSIONE_UE_AVVIA_UN_INDAGINE_SUGLI_EFFETTI_DELLA_FUSIONE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/25/STELLANTIS_FUSIONE_FCA_PSA_TOYOTA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML 2020-11-23 10:31:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/23/rivian_r1t_prevendita_preordine_pick_up_launch_edition_sold_out_esaurite/gallery/rbig/2019-Rivian-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33223 Rivian R1T - Già esaurita la Launch Edition del pick-up elettrico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33223&tipo=fv La RIVIAN [1] ha confermato che le prevendite del pick-up elettrico R1T [2], nellallestimento Launch Edition riservato alle prime consegne, sono andate sold out nellarco di sette giorni. PREORDINE ESCLUSIVO. La settimana scorsa, la startup americana ha svelato gli allestimenti e I PREZZI DELLR1T [3] e della Suv R1S [4], mettendo poi online il configuratore, che però non è aperto a tutti: il sito, infatti, è disponibile solo ai clienti che negli ultimi due anni hanno effettuato prenotazioni per i veicoli con un deposito di 1.000 dollari. La Rivian non ha dichiarato quanti esemplari della Launch Edition verranno prodotti, ma questa versione sarà lunica costruita tra giugno 2021 e gennaio 2022. Lallestimento si distingue per alcuni badge speciali e per il colore esclusivo Launch Green, disponibile su richiesta, mentre il pacco batteria ha la capacità intermedia e dovrebbe garantire percorrenze di oltre 480 chilometri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/26/RIVIAN_R1T_DEBUTTA_IL_PICK_UP_ASPETTANDO_LA_SUV_R1S.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/11/13/rivian_r1t_prezzi_uscita_versioni.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/RIVIAN_R1S_SUV_ELETTRICA_FOTO_BATTERIA_INFORMAZIONI.HTML 2020-11-23 10:04:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/23/stellantis_fca_psa_approvazione_sec/gallery/rbig/2020-fusione-FCA-PSA-stellantis.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33224 Stellantis - FCA-PSA, convocate ufficialmente le assemblee http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33224&tipo=fv A poco più di un mese dalle assemblee per lapprovazione della fusione in STELLANTIS [1], i gruppi FCA [2] e PSA [3] hanno pubblicato i relativi avvisi di convocazione straordinaria degli azionisti. I due incontri riservati si terranno in remoto il 4 gennaio 2021: si inizierà alle 11 del mattino con quello della Peugeot, che sarà poi seguito alle 14.30 da quello della Fiat Chrysler Automobiles. Oltre a questo, i due gruppi hanno comunicato che la Sec, la commissione statunitense di vigilanza dei mercati finanziari, ha approvato in via definitiva la registrazione del modulo F-4, una procedura necessaria per avviare nuove attività sul suolo americano e nella quale le aziende devono riportare svariate informazioni, dalla tipologia di business alla data di inizio dei lavori. ESITO CERTO. Gli azionisti dei due gruppi hanno già ricevuto tutte le informazioni per partecipare alle riunioni straordinarie e per votare da remoto sulla fusione. Lapprovazione da parte degli shareholder è scontata, ma questa procedura legale è necessaria per ottenere il via libera finale sullunione dei due gruppi automobilistici. Gli azionisti di riferimento - la famiglia Agnelli tramite Exor per FCA e gli eredi Peugeot per PSA - hanno infatti già espresso il proprio parere sulla fusione, sostenendo la nascita di Stellantis su più fronti. Per questo motivo le votazioni delle due assemblee saranno solo un passaggio formale che non dovrebbe riservare sorprese: la Exor detiene il 44,4% dei diritti di voto pur controllando il 28,6% del capitale di FCA, mentre per quanto riguarda il gruppo PSA poco meno della metà dei voti complessivi sarà in mano alla famiglia Peugeot, alla banca Bpifrance e alla Dongfeng, che hanno già più volte comunicato di voler procedere con la fusione. Lunica incognita rimane quella di Bruxelles: la Commissione Europea, infatti, non ha ancora comunicato ufficialmente lesito dellindagine AVVIATA LO SCORSO GIUGNO [4] sugli effetti dellunione tra i due gruppi, ma dopo la proposta di PARTNERSHIP CON LA TOYOTA [5] sul fronte dei veicoli commerciali leggeri i timori dellUe SEMBRANO ESSERE RIENTRATI [6]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/17/FCA_PSA_LA_COMMISSIONE_UE_AVVIA_UN_INDAGINE_SUGLI_EFFETTI_DELLA_FUSIONE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/25/STELLANTIS_FUSIONE_FCA_PSA_TOYOTA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML 2020-11-23 10:04:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/19/alfa_romeo_20_anni_fa_schumacher_provava_per_noi_la_147_foto_gallery/gallery/rbig/schumacher-prova-alfa-romeo-147-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33222 Alfa Romeo - Michael Schumacher e la nostra prova della 147 - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33222&tipo=fv Nel novembre del 2000, esattamente 20 anni fa, la nostra rivista andò in edicola con una COPERTINA DI QUELLE STORICHE [1]: MICHAEL SCHUMACHER, da poche settimane campione del mondo con la Ferrari, posava con unALFA ROMEO 147 (ovviamente rossa) fresca di DEBUTTO [2]. Di fatto, una cover che vedeva protagonisti la più grande novità della stagione e un grande campione pronto a testarla: una prova di cui parliamo nella nostra galleria dimmagini, assieme alle altre curiosità sul pilota tedesco. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2019/02/03/la_nostra_storia_quattroruote_63_curiosita_per_63_anni_foto_gallery.html [2] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2020/06/10/alfa_romeo_20_anni_fa_debuttava_la_147_foto_gallery.html 2020-11-22 11:13:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/19/monovolume_i_modelli_in_vendita_in_italia_foto_gallery/gallery/rbig/mercato-monovolume-italia-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33221 Monovolume - I modelli in vendita in Italia - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33221&tipo=fv Tra gli anni 90 e il decennio successivo, le monovolume hanno conosciuto un vero e proprio boom, grazie ad alcuni modelli come la Renault Mégane Scénic e la Mercedes Classe A, che hanno indotto la concorrenza a seguire la stessa strada. Auto con una capacità di carico allaltezza di quella garantita da ben più lunghe station wagon, vetture in grado di sdoganare la carrozzeria a un solo volume, fino ad allora rappresentata solo da grandi modelli (come la Renault Espace e la Chrysler Voyager), tra i segmenti più piccoli del mercato. IL DECLINO. Ancor più di berline e giardinette, negli ultimi anni queste vetture sono state travolte dal successo delle Suv, meno pratiche ma più accattivanti per il grande pubblico. Alcuni numeri: da gennaio a ottobre, le monovolume piccole hanno perso il 49,7% delle immatricolazioni rispetto allo stesso periodo del 2019; quelle di dimensioni medie hanno addirittura registrato una flessione del 60,3%, mentre quelle grandi hanno assistito a una riduzione delle consegne del 27,3%. Tutte insieme, le monovolume rappresentano solo il 2,2% del mercato, con 27.940 unità registrate nei primi dieci mesi dellanno (dati Unrae). OFFERTA RISICATA. Proprio per questo, i modelli proposti dalle Case, che raccogliamo nella nostra galleria dimmagini, stanno progressivamente diminuendo. Alcuni avranno ancora un futuro, come la BMW Serie 2 Active Tourer, di cui si attende la seconda generazione nel 2021. Altri, invece, non verranno rimpiazzati. UN RITORNO DI FIAMMA? Ma non tutto è perduto: i propulsori elettrici, di dimensioni assai più ridotte rispetto a qulle delle unità termiche, potrebbero dare nuova linfa al segmento delle monovolume. Già oggi possiamo notare cofani più corti su utilitarie e compatte a emissioni zero, come la ID.3 e la CUPRA EL-BORN [1], questultima sul mercato dal prossimo anno e, di fatto, una monovolume sportiva. Non solo: alcune concept a guida autonoma, come la MINI VISION URBANAUT [2], tornano a esplorare le potenzialità di questa carrozzeria, la migliore per ottimizzare gli spazi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/08/CUPRA_EL_BORN_CARATTERISTICHE_INTERNI_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/11/17/MINI_VISION_URBANAUT_IMMAGINI_DIMENSIONI_CARATTERISTICHE_MOTORE_ELETTRICO.HTML 2020-11-22 10:47:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/22/cir_andrea_crugnola_e_campione_italiano_rally/gallery/rbig/2020-citroen-crugnola.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33220 CIR - Andrea Crugnola è campione italiano Rally http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33220&tipo=fv Cala il sipario sul Campionato Italiano Rally con lundicesima edizione del Tuscan Rewind, decisivo per lassegnazione del titolo tricolore del 2020. stata una stagione intensa e combattuta, al termine della quale ANDREA CRUGNOLA e il suo navigatore PIETRO ELIA OMETTO HANNO POTUTO CELEBRARE IL SUCCESSO e fregiarsi del titolo di CAMPIONI ITALIANI. IL GRAN FINALE. Sul gradino più alto del podio del Tuscan Rewind salgono Wilkinson e Der Ohannesian a bordo della loro Skoda Fabia R5, conquistando anche il Campionato Italiano Rally Terra. Seconda posizione assoluta per i nuovi campioni italiani Crugnola-Ometto con la loro Citroen C3 R5. Sul gradino più basso del podio troviamo laltra Skoda Fabia R5, guidata da Battistoli e Scattolin. Il grande sconfitto è Giandomenico Basso, che ha alzato bandiera bianca durante lultima prova speciale, costretto così a dire addio ai propri sogni di gloria. Lundicesima edizione del Tuscan Rewind ha anche deciso le sorti della classifica riservata alle Due Ruote Motrici, dove Paolo Andreucci e Anna Andreussi conquistano il titolo, a bordo della loro Peugeot 208 Rally 4. COSì NEI COSTRUTTORI. Con la vittoria al Tuscan Rewind, la Skoda festeggia anche la conquista del titolo italiano costruttori con 102 punti, con i 98,5 della Citroen e i 96 della Volkswagen. Nella classifica CIR costruttori Due Ruote Motrici, invece, il successo va alla Ford che batte la Peugeot 140 a 131,5. TUSCAN REWIND 2020, CLASSIFICA FINALE 1. Bulacia Wilkinson-M. Der Ohannesian (Skoda Fabia R5) 2. Crugnola-Ometto (Citroen C3 R5) 3. Battistolli-Scattolin (Skoda Fabia R5 Evo) 4. Franceschi- Haut Labourdette (Skoda Fabia R5) 5. Costenaro- Bardini (Skoda Fabia Evo) 6. Cairoli-Tomasi (Hyundai i20 R5) 7. Oldrati- De Guio (Skoda Fabia R5) 8. Lindholm- Korhonen (Skoda Fabia R5) 9. Signor- Pezzoli (Volkswagen Polo R5) 10. Taddei-Gaspari (Hyundai i20 R5) 2020-11-22 05:09:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/19/alfa_romeo_20_anni_fa_schumacher_provava_per_noi_la_147_foto_gallery/gallery/rbig/schumacher-prova-alfa-romeo-147-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33219 Alfa Romeo - Michael Schumacher e la prova della 147 - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33219&tipo=fv Nel novembre del 2000, esattamente 20 anni fa, la nostra rivista andò in edicola con una COPERTINA DI QUELLE STORICHE [1]: MICHAEL SCHUMACHER, da poche settimane campione del mondo con la Ferrari, posava con unALFA ROMEO 147 (ovviamente rossa) fresca di DEBUTTO [2]. Di fatto, una cover che vedeva protagonisti la più grande novità della stagione e un grande campione pronto a testarla: una prova di cui parliamo nella nostra galleria dimmagini, assieme alle altre curiosità sul pilota tedesco. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2019/02/03/la_nostra_storia_quattroruote_63_curiosita_per_63_anni_foto_gallery.html [2] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2020/06/10/alfa_romeo_20_anni_fa_debuttava_la_147_foto_gallery.html 2020-11-21 11:21:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/fca_psa_i_primi_contatti_per_la_fusione_risalgono_al_secondo_semestre_del_2018/gallery/rbig/2020-Stellantis-fusione-FCA-PSA.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33217 FCA-PSA - I primi contatti per la fusione risalgono al secondo semestre 2018 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33217&tipo=fv La fusione tra i gruppi FCA e PSA è ormai a pochi passi dal perfezionamento, anche grazie allaccelerazione impressa negli ultimi giorni. A dimostrarlo non è solo la convocazione, per il 4 GENNAIO [1], delle assemblee degli azionisti, che potrebbe far presagire una rapida soluzione alla questione forse più dura da affrontare: il PARERE FAVOREVOLE DELLA COMMISSIONE EUROPEA [2]. Laccelerazione è anche dimostrata dal deposito, presso lautorità olandese di vigilanza dei mercati, del prospetto informativo per la quotazione in Borsa del futuro GRUPPO STELLANTIS [3] e dalla conseguente autorizzazione. Al di là dei numeri e dei tanti fattori di rischio, o delle considerazioni sulla logica delloperazione, il documento fornisce anche una serie di indicazioni interessanti sul processo che ha portato allACCORDO DI FUSIONE [4] dello scorso dicembre. A tal proposito, sin da subito emerge una piccola sorpresa: le interazioni e i contatti tra i manager sono iniziati già nel secondo semestre del 2018, poche settimane dopo la scomparsa (il 25 luglio) di Sergio Marchionne. COLLABORIAMO? Nel prospetto si afferma, infatti, che "durante il terzo e il quarto trimestre del 2018, i dirigenti di PSA hanno avuto diverse interazioni" con quelli di FCA al fine di esplorare potenziali programmi di cooperazione limitata. Questi tipi di progetti sono comuni nellindustria automobilistica e sono tipicamente limitati a determinati modelli di veicoli o gruppi propulsori. In quella fase non ci sono state discussioni sullopportunità di una potenziale aggregazione aziendale delle due società, né è stata discussa lacquisizione di una di queste da parte dellaltra". Successivamente, però, si è passati a parlare di unoperazione di Merger and Acquisition (M A). il 21 dicembre e lamministratore delegato del costruttore transalpino, Carlos Tavares, contatta il suo omologo della Fiat Chrysler, Mike Manley, per proporre un incontro al Salone di Ginevra del marzo successivo e "valutare la possibilità di unaggregazione aziendale delle due società". In seguito, il 28 febbraio due alti dirigenti (i due vice presidenti Olivier Bourges per PSA e Doug Ostermann per FCA) si parlano per organizzare lagenda della riunione e "facilitare le discussioni". Lincontro avviene il 4 marzo e vede i rappresentanti delle due aziende esaminare "i potenziali programmi di cooperazione precedentemente individuati dalle parti", discutere di "una potenziale aggregazione aziendale tra le società" e valutare "le potenziali sinergie". IL TERZO INCOMODO. A questo punto, sembra che le cose possano prendere una piega favorevole, come dimostrato dalla firma, l1 aprile 2019, di un "accordo di riservatezza". Nei due giorni successivi, infatti, Bourges e Ostermann si incontrano per discutere di progetti comuni nelle batterie e per continuare le discussioni sullaggregazione. Il 16 aprile avviene una nuova riunione per parlare di sinergie e altri benefici della fusione e dal 23 aprile al 25 aprile si susseguono "diversi meeting" presso lufficio di Bredin Prat, legale del gruppo PSA, per discutere anche di aspetti ortganizzativi e normativi. Quindi, il 14 maggio Tavares e Manley hanno un ulteriore incontro per "esaminare i meriti" della potenziale fusione anche con il supporto della società di consulenza McKinsey. A questo punto, avviene il colpo di scena. Anzi, due: il 27 maggio viene annunciata la lettera dintenti per una POSSIBILE INTEGRAZIONE TRA FCA E LA RENAULT [5] e le discussioni con PSA vengono "cessate". Il 6 giugno, però, arriva, non del tutto a sorpresa (viste le rimostranze del governo francese e dei giapponesi della Nissan), la DECISIONE DI CANCELLARE LA PROPOSTA DI FUSIONE [6] con i francesi di Boulogne-Billancourt. ELKANN CONTRARIO ALLA VENDITA. Poco dopo - è il 19 giugno - Robert Peugeot contatta John Elkann per chiedere il riavvio delle trattative e un incontro che ha luogo a Parigi il 4 luglio: il capostipite della famiglia francese propone non una fusione, bensì unacquisizione di FCA da parte di PSA. Il 7 luglio arriva una nuova proposta: si tratta di una fusione, ma nella forma di unofferta per lacquisizione del gruppo italoamericano "a premio" e con una combinazione di azioni e contanti. "Tale proposta non ha portato ad alcun accordo in quella fase", si legge nel prospetto. Elkann, in particolare, si è opposto alla struttura delloperazione in base alla quale gli azionisti di FCA sarebbero stati significativamente diluiti a seguito della combinazione". Unulteriore proposta, a opera dei consulenti finanziari Messier Maris Associés, viene presentata il 22 luglio, e prevede una "fusione alla pari" che viene discussa con la Goldman Sachs (advisor per FCA) il 28 luglio: anche in questo caso, lipotesi viene respinta perché non "riflette a sufficienza" i valori dei due gruppi. Le discussioni proseguono dall1 al 10 agosto, quando Elkann e Tavares si incontrano per confrontarsi sulle ultime idee. Non viene, però, raggiunta alcuna intesa a causa del "disaccordo" sullammontare delle distribuzioni di dividendi e asset. Così, le discussioni vengono "concluse" dal presidente di FCA. SI STRINGE IL CERCHIO. L11 settembre Tavares incontra ancora Manley al Salone di Francoforte per discutere dei motivi che hanno portato alla fine delle trattative e per invitare il manager inglese a visitare un centro prova di PSA e testare i veicoli elettrici e ibridi del gruppo. Nel mentre, continuano i contatti tra gli advisor finanziari per porre le basi di un riavvio delle discussioni su volontà soprattutto dei francesi. L11 ottobre i due ad si ritrovano a La Ferté-Vidame e discutono delle varie opzioni sul tavolo e della possibilità di riaprire il confronto. Elkann è daccordo. Intanto, aumentano i colloqui tra gli advisor e, il 23 ottobre, Messier Maris Associés invia alla Goldman Sachs una proposta con i termini poi annunciati a metà dicembre. Tra i 25 e il 27 ottobre vengono informati gli azionisti di PSA e, sempre il 27, nella cornice di Versailles, Tavares incontra Elkann per concordare i principali termini della fusione: tra questi, la distribuzione dei dividendi per 5,5 miliardi di euro agli azionisti di FCA e della partecipazione in Comau e lo scorporo della Faurecia da PSA. Vengono anche discussi i passi successivi da compiere, tra cui la due diligence e la redazione dei contratti. Quindi, diventa tutto pubblico: il 29 ottobre il Wall Street Journal lancia lindiscrezione sulle discussioni in corso e il giorno successivo arrivano le conferme da parte dei due gruppi. Il 30 ottobre i rispettivi consigli approvano i principali termini della fusione alla pari. Passa un mese di ulteriori trattative, con lassistenza dei consulenti legali e finanziari, per definire laccordo, avviare la due diligence, ottenere il sostegno degli azionisti, valutare gli ultimi aspetti di governance e struttura e quindi approntare i passi finali, che portano alla redazione di una lettera dintenti vincolante con la relativa firma e il via libera definitivo il 17 dicembre. Dopo di che, come si suol dire, è storia nota ai più: il 18 dicembre viene firmato laccordo per la nascita di Stellantis. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/18/FCA_PSA_LE_ASSEMBLEE_PER_APPROVARE_LA_FUSIONE_IN_STELLANTIS_SI_TERRANNO_IL_4_GENNAIO_2021.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/06/FCA_RENAULT_LE_TAPPE_DELL_OPERAZIONE_SFUMATA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/06/FCA_RENAULT_SALTA_LA_FUSIONE_NON_CI_SONO_LE_CONDIZIONI_POLITICHE.HTML 2020-11-21 09:26:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/emissioni_l_ue_stabilisce_nuovi_criteri_negli_investimenti_per_l_automotive_sostenibile/gallery/rbig/2020-emissioni-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33218 Emissioni - Investimenti green, lEuropa traccia nuovi criteri per classificare le Case sostenibili http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33218&tipo=fv Indirizzare la liquidità della finanza verde affinché sostenga progetti effettivamente orientati alla sostenibilità: è questo lobiettivo della consultazione pubblica aperta oggi dallUnione Europea, che porterà a una classificazione delle attività delle Case automobilistiche a seconda della CO2 emessa. In sostanza, in base ai nuovi criteri che Bruxelles intende introdurre, la produzione di unautomobile verrà considerata un investimento sostenibile solo se questa riguarderà unibrida plug-in o unelettrica, e dal 2026 solo le vetture a EMISSIONI [1] zero. UN MARCHIO DI FABBRICA. Sia chiaro, liniziativa proposta dalla Commissione non intende imporre paletti alla fabbricazione o alla vendita delle auto, ma sdoganerà una sorta di etichetta green per orientare gli investitori che vogliono puntare su progetti a basse emissioni. Lintento è di evitare il cosiddetto fenomeno del grenwashing (lambientalismo di facciata) e fare in modo che i capitali non vengano destinati a programmi presentati come eco-friendly, ma che in realtà hanno poco da spartire con lecosostenibilità. Nascerà così una green list delle attività, basata su criteri tecnici, che stabilirà se un investimento è da ritenersi sostenibile o meno. Per le auto, la regola prevede emissioni di CO2 sotto i 50 g/km e fino al 2026 includerà anche le ibride ricaricabili. Da lì in poi, in questo senso, verranno considerate verdi solo le elettriche. LE PAURE DELLACEA. Pur non introducendo effettive restrizioni, il piano della Commissione preoccupa costruttori europei: Il settore teme che tale classificazione possa scoraggiare gli investimenti nellindustria automobilistica proprio quando questa ne ha più bisogno per passare a soluzioni più ecologiche ha detto un portavoce dellAcea, alludendo agli sforzi economici che i costruttori stanno sostenendo nella transizione allelettrico e nel rispettare le sempre più esigenti normative sulle emissioni sancite dallUe. La classificazione degli investimenti, tra laltro, stabilisce criteri ben più severi rispetto a QUELLI CHE DEFINISCONO GLI OBIETTIVI SULLA CO2 [2] per le Case automobilistiche (una media di 95 g/km di CO2 nella gamma immatricolata). SE PASSA, SI PARTE DAL 2022. Liniziativa dellUnione punta a compiere un ulteriore passo verso il raggiungimento degli obiettivi climatici, in particolare quello delle emissioni zero entro il 2050. Questa classificazione viene definita un atto legislativo fondamentale per il Green Deal europeo, parole di Mairead McGuinness, commissario per i servizi finanziari. Nelle prossime quattro settimane verranno raccolti i pubblici pareri, dopodiché la proposta seguirà il suo iter e, qualora venisse approvata dal Parlamento europeo, le norme contenute verranno applicate a partire dal 1 gennaio 2022. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/emissioni [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/26/CORONAVIRUS_SERVE_CORAGGIO_CONGELIAMO_LE_MULTE_SULLO_SFORAMENTO_DELLA_CO2.HTML 2020-11-21 09:26:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/11/20/audi_a3_sportback_al_volante_della_40_tfsi_e_s_tronic_ibrida_plug_in/gallery/rbig/2020-audi-a3-sportback-40-tfsi-e-s-tronic-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33216 Audi A3 Sportback - Al volante della 40 TFSI e S Tronic http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33216&tipo=fv La VERSIONE IBRIDA PLUG-IN 40 TFSI E [1] dà un bellimpulso allelettrificazione della famiglia dellAUDI A3 SPORTBACK [2], che sarà ulteriormente rinforzata nei prossimi mesi da unanaloga proposta più potente: la 45 da 245 CV. RETE ELETTRICA ALLO STATO DELLARTE. Il sistema propulsivo della 40 è formato da un motore 1.4 TFSI da 150 CV e 250 Nm di coppia e da ununità elettrica da 109 CV e 330 Nm. Nel complesso, il powertrain sviluppa 204 CV e 350 Nm. La nuova Sportback plug-in integra una batteria agli ioni di litio ad alta densità da 13 kWh (a parità di dimensioni, ha una capacità superiore del 48% rispetto a quella impiegata in passato dallA3 e-tron), oltre a disporre di unavanzata gestione dei flussi di corrente e di un efficiente sistema di recupero dellenergia nei rallentamenti, ereditato dalle e-tron full electric. Limpianto porta in dote unautonomia a emissioni zero di 67 chilometri e la possibilità di raggiungere i 140 allora in elettrico, dichiarando un consumo medio pari a 1/1,3 litri di benzina ogni 100 chilometri, ovviamente quando la batteria è completamente carica. Il rifornimento è effettuabile dalla rete domestica in cinque ore. Per completare lidentikit va aggiunto che la 40 TFSI e raggiunge i 227 orari e accelera da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi: prestazioni che contribuiscono a delineare unindole versatile. IL VANTAGGIO DELLA GIUSTA CARICA. In tempi in cui le limitazioni dellemergenza sanitaria influiscono sullorganizzazione delle presentazioni dei nuovi modelli, il mio primo contatto con la A3 ibrida plug-in si svolge simulando un percorso da pendolare di una cinquantina di chilometri, metà dei quali extraurbani. Parto dal centro di Milano avendo a disposizione elettroni per 47 chilometri. Sfrutto subito la modalità Electric, poi, in periferia e sulla statale, uso lAuto Hybrid selezionando anche la modalità Efficiency. Quindi, giunto in tangenziale, inserisco la Dynamic, che attiva entrambi i motori, anche con una funzione boost. Alla fine del percorso il computer di bordo riporta un consumo di 2,6 litri ogni 100 chilometri, o se preferite percorrenze di quasi 38,5 chilometri con un litro, e la possibilità di coprire in elettrico ancora un chilometro: un risultato che si deve non solo dallalta percentuale di carica della batteria alla partenza, ma ancor più dalla razionale gestione di veleggiamenti, dei recuperi e del dispendio di energia. Ovviamente, sarà cura del nostro Centro Prove fornire il quadro completo del consumo. SEMPRE, SPONTANEAMENTE VIGOROSA. A dispetto della massa che supera i 1.600 kg, il rendimento del powertrain è sempre allaltezza della situazione. Infatti, quando la Sportback fa lelettrica pura, la quantità di coppia disponibile genera risposte pronte: le sollecitazioni dellacceleratore sono recepite correttamente e, naturalmente, lerogazione è lineare. Sono sensazioni che, se la batteria è carica, affiorano anche quando la 40 TFSI e fa la full-hybrid, perché di base il sistema preferisce andare in elettrico, senza richiedere particolari attenzioni: infatti, anche quando si pensa di avere affondato un po troppo il piede sullacceleratore, il quattro cilindri a benzina se ne resta in panciolle. Quando lendotermico entra in scena, invece, lo fa con discrezione, andando damore e daccordo con lelettrico, seguendo gli input dellelettronica e con il giusto supporto del cambio a doppia frizione a sei marce, generando risposte sempre consone alle richieste. Queste ultime diventano più incisive con la modalità di guida Dynamic che, mettendo da parte il contenimento del consumo, offre spinte sostanziose. NESSUNO SCONTO ALLAGILITà, AL CONFORT E ALLIMMAGINE. Il dinamismo della 40 TFSI e ricalca quello delle altre A3 Sportback. Lavvolgente sedile della versione top di gamma, levoluta interfaccia uomo-macchina e la buona visibilità in ogni direzione sono elementi che instaurano subito un bel feeling con la vettura. Questa sensazione si rafforza strada facendo, perché in città lA3 si muove silenziosa, mentre fuori sfodera un bel mix di affidabilità, agilità e confort. Inoltre, si distingue senza ostentazioni: allesterno si riconosce soprattutto per la presa della ricarica sul parafango anteriore sinistro e lormai irrinunciabile firma luminosa dedicata. Labitacolo integra armoniosamente il tasto per la configurazione elettrica o ibrida; nel display da 10,1 dellinfotainment, invece, si celano le modalità di mantenimento o di ricarica della batteria. Infine, nel cockpit digitale da 10,25 si visualizzano le schermate dedicate allelettrificazione. QUATTRO SORELLE, TUTTE BEN EQUIPAGGIATE. La Sportback 40 TFSI e è proposta negli allestimenti base, Business, Business Advanced e S Line edition: i prezzi, incentivi esclusi, vanno da 39.200 a 44.300 euro. Le dotazioni sono in ogni caso ricche: in particolare, a partire dalla versione Business sono incluse tecnologie di assistenza alla guida, di sicurezza e digitali ereditate dalle Audi di taglia superiore. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/09/29/audi_a3_sportback_ibrida_plug_in_caratteristiche_autonomia_in_elettrico_uscita.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/05/AUDI_A3_SPORTBACK_AL_VOLANTE_DELLA_QUARTA_GENERAZIONE.HTML 2020-11-21 09:10:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/emissioni_l_ue_stabilisce_nuovi_criteri_negli_investimenti_per_l_automotive_sostenibile/gallery/rbig/2020-emissioni-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33215 Emissioni - Investimenti green, lEuropa traccia nuovi criteri per classificare i costruttori sostenibili http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33215&tipo=fv Indirizzare la liquidità della finanza verde affinché sostenga progetti effettivamente orientati alla sostenibilità: è questo lobiettivo della consultazione pubblica aperta oggi dallUnione Europea, che porterà a una classificazione delle attività delle Case automobilistiche a seconda della CO2 emessa. In sostanza, in base ai nuovi criteri che Bruxelles intende introdurre, la produzione di unautomobile verrà considerata un investimento sostenibile solo se questa riguarderà unibrida plug-in o unelettrica, e dal 2026 solo le vetture a EMISSIONI [1] zero. UN MARCHIO DI FABBRICA. Sia chiaro, liniziativa proposta dalla Commissione non intende imporre paletti alla fabbricazione o alla vendita delle auto, ma sdoganerà una sorta di etichetta green per orientare gli investitori che vogliono puntare su progetti a basse emissioni. Lintento è di evitare il cosiddetto fenomeno del grenwashing (lambientalismo di facciata) e fare in modo che i capitali non vengano destinati a programmi presentati come eco-friendly, ma che in realtà hanno poco da spartire con lecosostenibilità. Nascerà così una green list delle attività, basata su criteri tecnici, che stabilirà se un investimento è da ritenersi sostenibile o meno. Per le auto, la regola prevede emissioni di CO2 sotto i 50 g/km e fino al 2026 includerà anche le ibride ricaricabili. Da lì in poi, in questo senso, verranno considerate verdi solo le elettriche. LE PAURE DELLACEA. Pur non introducendo effettive restrizioni, il piano della Commissione preoccupa costruttori europei: Il settore teme che tale classificazione possa scoraggiare gli investimenti nellindustria automobilistica proprio quando questa ne ha più bisogno per passare a soluzioni più ecologiche ha detto un portavoce dellAcea, alludendo agli sforzi economici che i costruttori stanno sostenendo nella transizione allelettrico e nel rispettare le sempre più esigenti normative sulle emissioni sancite dallUe. La classificazione degli investimenti, tra laltro, stabilisce criteri ben più severi rispetto a QUELLI CHE DEFINISCONO GLI OBIETTIVI SULLA CO2 [2] per le Case automobilistiche (una media di 95 g/km di CO2 nella gamma immatricolata). SE PASSA, SI PARTE DAL 2022. Liniziativa dellUnione punta a compiere un ulteriore passo verso il raggiungimento degli obiettivi climatici, in particolare quello delle emissioni zero entro il 2050. Questa classificazione viene definita un atto legislativo fondamentale per il Green Deal europeo, parole di Mairead McGuinness, commissario per i servizi finanziari. Nelle prossime quattro settimane verranno raccolti i pubblici pareri, dopodiché la proposta seguirà il suo iter e, qualora venisse approvata dal Parlamento europeo, le norme contenute verranno applicate a partire dal 1 gennaio 2022. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/emissioni [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/26/CORONAVIRUS_SERVE_CORAGGIO_CONGELIAMO_LE_MULTE_SULLO_SFORAMENTO_DELLA_CO2.HTML 2020-11-21 09:10:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/11/20/audi_a3_sportback_al_volante_della_40_tfsi_e_s_tronic_ibrida_plug_in/gallery/rbig/2020-audi-a3-sportback-40-tfsi-e-s-tronic-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33214 Audi A3 Sportback - Al volante della 40 TFSI e S Tronic ibrida plug-in http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33214&tipo=fv La VERSIONE IBRIDA PLUG-IN 40 TFSI E [1] dà un bellimpulso allelettrificazione della famiglia dellAUDI A3 SPORTBACK [2], che sarà ulteriormente rinforzata nei prossimi mesi da unanaloga proposta più potente: la 45 da 245 CV. RETE ELETTRICA ALLO STATO DELLARTE. Il sistema propulsivo della 40 è formato da un motore 1.4 TFSI da 150 CV e 250 Nm di coppia e da ununità elettrica da 109 CV e 330 Nm. Nel complesso, il powertrain sviluppa 204 CV e 350 Nm. La nuova Sportback plug-in integra una batteria agli ioni di litio ad alta densità da 13 kWh (a parità di dimensioni, ha una capacità superiore del 48% rispetto a quella impiegata in passato dallA3 e-tron), oltre a disporre di unavanzata gestione dei flussi di corrente e di un efficiente sistema di recupero dellenergia nei rallentamenti, ereditato dalle e-tron full electric. Limpianto porta in dote unautonomia a emissioni zero di 67 chilometri e la possibilità di raggiungere i 140 allora in elettrico, dichiarando un consumo medio pari a 1/1,3 litri di benzina ogni 100 chilometri, ovviamente quando la batteria è completamente carica. Il rifornimento è effettuabile dalla rete domestica in cinque ore. Per completare lidentikit va aggiunto che la 40 TFSI e raggiunge i 227 orari e accelera da 0 a 100 km/h in 7,6 secondi: prestazioni che contribuiscono a delineare unindole versatile. IL VANTAGGIO DELLA GIUSTA CARICA. In tempi in cui le limitazioni dellemergenza sanitaria influiscono sullorganizzazione delle presentazioni dei nuovi modelli, il mio primo contatto con la A3 ibrida plug-in si svolge simulando un percorso da pendolare di una cinquantina di chilometri, metà dei quali extraurbani. Parto dal centro di Milano avendo a disposizione elettroni per 47 chilometri. Sfrutto subito la modalità Electric, poi, in periferia e sulla statale, uso lAuto Hybrid selezionando anche la modalità Efficiency. Quindi, giunto in tangenziale, inserisco la Dynamic, che attiva entrambi i motori, anche con una funzione boost. Alla fine del percorso il computer di bordo riporta un consumo di 2,6 litri ogni 100 chilometri, o se preferite percorrenze di quasi 38,5 chilometri con un litro, e la possibilità di coprire in elettrico ancora un chilometro: un risultato che si deve non solo dallalta percentuale di carica della batteria alla partenza, ma ancor più dalla razionale gestione di veleggiamenti, dei recuperi e del dispendio di energia. Ovviamente, sarà cura del nostro Centro Prove fornire il quadro completo del consumo. SEMPRE, SPONTANEAMENTE VIGOROSA. A dispetto della massa che supera i 1.600 kg, il rendimento del powertrain è sempre allaltezza della situazione. Infatti, quando la Sportback fa lelettrica pura, la quantità di coppia disponibile genera risposte pronte: le sollecitazioni dellacceleratore sono recepite correttamente e, naturalmente, lerogazione è lineare. Sono sensazioni che, se la batteria è carica, affiorano anche quando la 40 TFSI e fa la full-hybrid, perché di base il sistema preferisce andare in elettrico, senza richiedere particolari attenzioni: infatti, anche quando si pensa di avere affondato un po troppo il piede sullacceleratore, il quattro cilindri a benzina se ne resta in panciolle. Quando lendotermico entra in scena, invece, lo fa con discrezione, andando damore e daccordo con lelettrico, seguendo gli input dellelettronica e con il giusto supporto del cambio a doppia frizione a sei marce, generando risposte sempre consone alle richieste. Queste ultime diventano più incisive con la modalità di guida Dynamic che, mettendo da parte il contenimento del consumo, offre spinte sostanziose. NESSUNO SCONTO ALLAGILITà, AL CONFORT E ALLIMMAGINE. Il dinamismo della 40 TFSI e ricalca quello delle altre A3 Sportback. Lavvolgente sedile della versione top di gamma, levoluta interfaccia uomo-macchina e la buona visibilità in ogni direzione sono elementi che instaurano subito un bel feeling con la vettura. Questa sensazione si rafforza strada facendo, perché in città lA3 si muove silenziosa, mentre fuori sfodera un bel mix di affidabilità, agilità e confort. Inoltre, si distingue senza ostentazioni: allesterno si riconosce soprattutto per la presa della ricarica sul parafango anteriore sinistro e lormai irrinunciabile firma luminosa dedicata. Labitacolo integra armoniosamente il tasto per la configurazione elettrica o ibrida; nel display da 10,1 dellinfotainment, invece, si celano le modalità di mantenimento o di ricarica della batteria. Infine, nel cockpit digitale da 10,25 si visualizzano le schermate dedicate allelettrificazione. QUATTRO SORELLE, TUTTE BEN EQUIPAGGIATE. La Sportback 40 TFSI e è proposta negli allestimenti base, Business, Business Advanced e S Line edition: i prezzi, incentivi esclusi, vanno da 39.200 a 44.300 euro. Le dotazioni sono in ogni caso ricche: in particolare, a partire dalla versione Business sono incluse tecnologie di assistenza alla guida, di sicurezza e digitali ereditate dalle Audi di taglia superiore. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/09/29/audi_a3_sportback_ibrida_plug_in_caratteristiche_autonomia_in_elettrico_uscita.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/02/05/AUDI_A3_SPORTBACK_AL_VOLANTE_DELLA_QUARTA_GENERAZIONE.HTML 2020-11-21 00:16:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/emissioni_l_ue_stabilisce_nuovi_criteri_negli_investimenti_per_l_automotive_sostenibile/gallery/rbig/2020-emissioni-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33213 Emissioni - Investimenti green, lEuropa stabilisce nuovi criteri per classificare i "costruttori sostenibili" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33213&tipo=fv Indirizzare la liquidità della finanza verde affinché sostenga progetti effettivamente orientati alla sostenibilità: è questo lobiettivo della consultazione pubblica aperta oggi dallUnione Europea, che porterà a una classificazione delle attività delle Case automobilistiche a seconda della CO2 emessa. In sostanza, in base ai nuovi criteri che Bruxelles intende introdurre, la produzione di unautomobile verrà considerata un investimento sostenibile solo se questa riguarderà unibrida plug-in o unelettrica, e dal 2026 solo le vetture a EMISSIONI [1] zero. UN MARCHIO DI FABBRICA. Sia chiaro, liniziativa proposta dalla Commissione non intende imporre paletti alla fabbricazione o alla vendita delle auto, ma sdoganerà una sorta di etichetta green per orientare gli investitori che vogliono puntare su progetti a basse emissioni. Lintento è di evitare il cosiddetto fenomeno del grenwashing (lambientalismo di facciata) e fare in modo che i capitali non vengano destinati a programmi presentati come eco-friendly, ma che in realtà hanno poco da spartire con lecosostenibilità. Nascerà così una green list delle attività, basata su criteri tecnici, che stabilirà se un investimento è da ritenersi sostenibile o meno. Per le auto, la regola prevede emissioni di CO2 sotto i 50 g/km e fino al 2026 includerà anche le ibride ricaricabili. Da lì in poi, in questo senso, verranno considerate verdi solo le elettriche. LE PAURE DELLACEA. Pur non introducendo effettive restrizioni, il piano della Commissione preoccupa costruttori europei: Il settore teme che tale classificazione possa scoraggiare gli investimenti nellindustria automobilistica proprio quando questa ne ha più bisogno per passare a soluzioni più ecologiche ha detto un portavoce dellAcea, alludendo agli sforzi economici che i costruttori stanno sostenendo nella transizione allelettrico e nel rispettare le sempre più esigenti normative sulle emissioni sancite dallUe. La classificazione degli investimenti, tra laltro, stabilisce criteri ben più severi rispetto a QUELLI CHE DEFINISCONO GLI OBIETTIVI SULLA CO2 [2] per le Case automobilistiche (una media di 95 g/km di CO2 nella gamma immatricolata). SE PASSA, SI PARTE DAL 2022. Liniziativa dellUnione punta a compiere un ulteriore passo verso il raggiungimento degli obiettivi climatici, in particolare quello delle emissioni zero entro il 2050. Questa classificazione viene definita un atto legislativo fondamentale per il Green Deal europeo, parole di Mairead McGuinness, commissario per i servizi finanziari. Nelle prossime quattro settimane verranno raccolti i pubblici pareri, dopodiché la proposta seguirà il suo iter e, qualora venisse approvata dal Parlamento europeo, le norme contenute verranno applicate a partire dal 1 gennaio 2022. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/emissioni [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/26/CORONAVIRUS_SERVE_CORAGGIO_CONGELIAMO_LE_MULTE_SULLO_SFORAMENTO_DELLA_CO2.HTML 2020-11-20 20:10:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/emissioni_l_ue_stabilisce_nuovi_criteri_negli_investimenti_per_l_automotive_sostenibile/gallery/rbig/2020-emissioni-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33212 Emissioni - LUe stabilisce nuovi criteri per classificare i "costruttori sostenibili" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33212&tipo=fv Indirizzare la liquidità della finanza verde affinché sostenga progetti effettivamente orientati alla sostenibilità: è questo lobiettivo della consultazione pubblica aperta oggi dallUnione Europea, che porterà a una classificazione delle attività delle Case automobilistiche a seconda della CO2 emessa. In sostanza, in base ai nuovi criteri che Bruxelles intende introdurre, la produzione di unautomobile verrà considerata un investimento sostenibile solo se questa riguarderà unibrida plug-in o unelettrica, e dal 2026 solo le vetture a EMISSIONI [1] zero. UN MARCHIO DI FABBRICA. Sia chiaro, liniziativa proposta dalla Commissione non intende imporre paletti alla fabbricazione o alla vendita delle auto, ma sdoganerà una sorta di etichetta green per orientare gli investitori che vogliono puntare su progetti a basse emissioni. Lintento è di evitare il cosiddetto fenomeno del grenwashing (lambientalismo di facciata) e fare in modo che i capitali non vengano destinati a programmi presentati come eco-friendly, ma che in realtà hanno poco da spartire con lecosostenibilità. Nascerà così una green list delle attività, basata su criteri tecnici, che stabilirà se un investimento è da ritenersi sostenibile o meno. Per le auto, la regola prevede emissioni di CO2 sotto i 50 g/km e fino al 2026 includerà anche le ibride ricaricabili. Da lì in poi, in questo senso, verranno considerate verdi solo le elettriche. LE PAURE DELLACEA. Pur non introducendo effettive restrizioni, il piano della Commissione preoccupa costruttori europei: Il settore teme che tale classificazione possa scoraggiare gli investimenti nellindustria automobilistica proprio quando questa ne ha più bisogno per passare a soluzioni più ecologiche ha detto un portavoce dellAcea, alludendo agli sforzi economici che i costruttori stanno sostenendo nella transizione allelettrico e nel rispettare le sempre più esigenti normative sulle emissioni sancite dallUe. La classificazione degli investimenti, tra laltro, stabilisce criteri ben più severi rispetto a QUELLI CHE DEFINISCONO GLI OBIETTIVI SULLA CO2 [2] per le Case automobilistiche (una media di 95 g/km di CO2 nella gamma immatricolata). SE PASSA, SI PARTE DAL 2022. Liniziativa dellUnione punta a compiere un ulteriore passo verso il raggiungimento degli obiettivi climatici, in particolare quello delle emissioni zero entro il 2050. Questa classificazione viene definita un atto legislativo fondamentale per il Green Deal europeo, parole di Mairead McGuinness, commissario per i servizi finanziari. Nelle prossime quattro settimane verranno raccolti i pubblici pareri, dopodiché la proposta seguirà il suo iter e, qualora venisse approvata dal Parlamento europeo, le norme contenute verranno applicate a partire dal 1 gennaio 2022. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/emissioni [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/03/26/CORONAVIRUS_SERVE_CORAGGIO_CONGELIAMO_LE_MULTE_SULLO_SFORAMENTO_DELLA_CO2.HTML 2020-11-20 19:22:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/20/jeep_compass_restyling_per_la_cina_immagini_caratteristiche/gallery/rbig/2020-jeep-compass-restyling-cina-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33211 Jeep Compass - In Cina è tempo di restyling http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33211&tipo=fv La JEEP [1] ha presentato al Salone di Guangzhou il restyling della COMPASS [2]: si tratta, per il momento, di una variante esclusivamente riservata alla Cina, ma potrebbe anticipare alcuni tratti dellaggiornamento della Suv previsto anche per altri mercati. RITOCCHI A PARAURTI E FARI. Lintervento operato sulla Compass è piuttosto leggero per quanto riguarda il design esterno, e quasi rivoluzionario allinterno, dove si può parlare di un vero e proprio salto generazionale. La carrozzeria, infatti, si distingue essenzialmente per il diverso profilo dei paraurti e delle prese daria frontali, oltre che per il nuovo taglio della parte inferiore dei gruppi ottici anteriori e i cerchi di lega ridisegnati. INTERNI TOTALMENTE RINNOVATI. Allinterno, invece, il cambiamento è netto. Laggiornamento dellinfotainment ha coinciso infatti con una completa rivisitazione della plancia: il display da 10,1 pollici, in stile tablet, è ora rialzato, staccato dalla console e si affianca a uno schermo da 10,25 pollici dedicato alla strumentazione digitale. La plancia è stata semplificata, anche per quanto riguarda i comandi secondari, ed è previsto, nella console centrale, il nuovo selettore digitale del Select-Terrain. Anche il volante e le bocchette di areazione sono state modificate nel disegno. Inediti anche la finitura di pelle della fascia centrale della plancia e lintero gruppo di comandi dedicati alla climatizzazione. NEL COFANO L1.3 TURBO BENZINA. Le informazioni relative alla gamma dei propulsori non sono una novità per i clienti europei: così come accaduto in europa, anche in Cina la Compass adotta infatti il benzina 1.3 T4 con cambio automatico. Della versione dedicata al mercato cinese non vengono per il momento specificati i livelli di potenza previsti o leventuale disponibilità della PLUG-IN HYBRID 4XE GIà OFFERTA IN ITALIA [3]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP-COMPASS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/DIARIO_DI_BORDO/2020/10/09/JEEP_COMPASS_UNA_SETTIMANA_CON_LA_1_3_PHEV_4XE_LIMITED.HTML 2020-11-20 19:22:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/jaguar_land_rover_usa_denuncia_terrain_response_gruppo_volkswagen/gallery/rbig/2019-Gruppo-Jaguar-Land-Rover-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33210 Stati Uniti - Jaguar Land Rover denuncia Volkswagen per il brevetto del Terrain Response http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33210&tipo=fv Il gruppo JAGUAR LAND ROVER [1] ha presentato una denuncia per bloccare le importazioni negli Stati Uniti di alcuni modelli del GRUPPO VOLKSWAGEN [2]. Secondo il costruttore, infatti, diverse vetture della Porsche, dellAudi, della Lamborghini e del brand di Wolfsburg utilizzerebbero la tecnologia brevettata "TERRAIN RESPONSE" senza autorizzazione. DIVERSI MODELLI COINVOLTI. Nel documento depositato alla Commissione per il commercio internazionale degli Stati Uniti, la Casa inglese ha dichiarato che il sistema di gestione della motricità in grado di affrontare una "vasta gamma di superfici" è una caratteristica chiave dei suoi veicoli. Il gruppo britannico ha poi aggiunto che "sta cercando di proteggere le proprie operazioni negli Stati Uniti da alcune società che hanno introdotto nel mercato statunitense prodotti che incorporano, senza licenza, la tecnologia sviluppata da JLR e protetta da brevetto". Jaguar Land Rover, in particolare, mira a fermare le vendite americane della Porsche Cayenne, della Lamborghini Urus e della Volkswagen Tiguan, oltre a vari modelli dellAudi, come la Q8, la Q7, la Q5, la A6 Allroad e lelettrica e-tron. Al momento, Wolfsburg non ha commentato la vicenda. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/JAGUAR_LAND_ROVER [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO_VOLKSWAGEN 2020-11-20 19:22:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/20/ford_le_bronco_special_e_le_altre_per_il_sema/gallery/rbig/2020-ford-concept-altre-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33208 Ford - Quattro prototipi per Bronco, F-150 e Ranger http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33208&tipo=fv Il Sema si è trasformato in un evento virtuale, denominato Show Special Webcast, a causa della pandemia, ma la FORD [1] ha fornito comunque il suo contributo, realizzando quattro concept derivate dai modelli di serie. Questanno, a dominare la scena sono le nuove BRONCO [2] e BRONCO SPORT [3], affiancate dallF-150 HYBRID [4] e dal Ranger, dalla MUSTANG MACH-E 1400 [5] e della MACH-E GT [6] di serie. TRASFORMISTA. La Ford Bronco Badlands Sasquatch Two-Door concept è la più estrema del gruppo, ma nasce principalmente per mettere in evidenza le personalizzazioni che possono essere implementate su questo modello. I componenti usati, infatti, sono facilmente sostituibili agli originali, per esempio per modificare la vettura in vista di un weekend: parafanghi, paraurti, sezioni aperte al posto delle portiere sono realizzati con materiali antiurto, mentre altri accessori sono fatti di titanio stampato in 3D per contenere il peso. Il prototipo adotta anche lassetto rialzato, i cerchi da 17" Fuel Offroad con pneumatici Nitto e gli accessori interni DC Safety. Il motore è il V6 2.7 Ecoboost di serie con cambio automatico a dieci marce. MAD INDUSTRIES MODIFICA LA BRONCO SPORT. La Mad Badlands Overlander concept è invece una interpretazione della Bronco Sport sviluppata in collaborazione con Mad Industries. Oltre al carrello attrezzato, la Suv può contare su un portapacchi su misura, su sospensioni rialzate 4WP, su cerchi da 17" Fifteen52 con pneumatici BFGoodrich e sugli accessori esterni e interni griffati Ford Performance e Ford Accessories. Il motore quattro clindri 2.0 Ecoboost con cambio otto marce è abbinato allo scarico Borla. ANCHE LIBRIDO VUOLE LA SUA PARTE. LF-150 Limited Hybrid SuperCrew è stato sviluppato in collaborazione con lo specialista BDS Suspension. La base è quella della nuova variante ibrida del veicolo, evoluta a tema outdoor: nellallestimento troviamo infatti un rack posteriore dedicato, il generatore di bordo con impianto daria compressa ARB, attrezzature per la manutenzione dellequipaggiamento sportivo e strumenti per la cucina da campo. Sono optional anche i cerchi da 20" Method304 con pneumatici Michey Thompson da 35" e lassetto rialzato BDS con ammortizzatori Fox. Il powertrain ibrido è rimasto quello di serie, ma è abbinato allimpianto di scarico Borla. IL RANGER DA VETRINA. Il Ranger XLT Tremor SuperCrew rappresenta una vetrina degli accessori Ford e Ford Performance dedicati a questo modello. Attraverso i fendinebbia Led, lo snorkel, le grafiche, i cerchi e il rack posteriore è possibile trasformare il pick-up in un veicolo ancora più specializzato per il divertimento in off-road. Il motore 2.3 Ecoboost è abbinato al cambio automatico dieci marce, allo scarico Borla e al differenziale posteriore autobloccante con protezione inferiore aggiuntiva. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/23/FORD_BRONCO_CONFIGURATORE_ONLINE_PREZZI_INTERNI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/FORD_BRONCO_2020_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_USCITA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/06/FORD_F_150_POWERBOOST_HYBRID_IL_PICK_UP_ELETTRIFICATO_EROGA_UNA_POTENZA_DI_SISTEMA_DI_430_CV.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/07/21/FORD_MUSTANG_MACH_E_1400_PRESENTATA_LA_VARIANTE_DA_COMPETIZIONE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/25/FORD_MACH_E_LA_GT_ARRIVERA_IN_EUROPA_NEL_2021.HTML 2020-11-20 15:04:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/20/dr_5_0_motore_turbo_1_5_benzina_gpl_caratteristiche_dotazione_prezzo_interni_immagini/gallery/rbig/2020-dr-5.0-turbobenzina.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33209 DR 5.0 - A listino l1.5 turbobenzina con cambio automatico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33209&tipo=fv A otto mesi di distanza dal debutto sul mercato, la DR 5.0 [1] arricchisce la propria gamma con la motorizzazione 1.5 turbobenzina da 154 CV e 210 Nm di coppia, abbinata al cambio automatico doppia frizione a sei rapporti. Il prezzo dellunico allestimento disponibile per questa versione parte da 21.900 EURO, ai quali vanno aggiunti 1.000 euro per averla bifuel benzina/Gpl. DOTAZIONE DI SERIE ARRICCHITA. Da un punto di vista prettamente estetico, questa variante della Suv si differenzia dalla declinazione aspirata soltanto per la presenza di inedite finiture cromatiche, e grazie anche alloptional "WR color pack" da 500 euro, che prevede il tetto verniciato di nero lucido e i montanti di un colore, lucido o opaco, a scelta tra nero, bianco, rosso o due tonalità di grigio. La vettura, inoltre, aggiunge elementi alla già completa dotazione di serie della versione precedente, come il tetto panoramico con tendalino parasole elettrico, un sistema di fari intelligenti e un impianto audio a sei altoparlanti. Laggiornamento riguarda anche i dispositivi di sicurezza, come gli airbag, che passano da quattro a sei, e laggiunta del freno di stazionamento elettronico e dellauto hold. Le modifiche si estendono poi alle sospensioni posteriori, dove le semi indipendenti con barra di torsione lasciano il posto a delle multi-link indipendenti, e al telaio, che grazie a una nuova calibrazione rende questa Suv più rigida rispetto alla sorella equipaggianta con motore aspirato e cambio manuale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/DR/DR-50 2020-11-20 15:04:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/fca_psa_i_primi_contatti_per_la_fusione_risalgono_al_secondo_semestre_del_2018/gallery/rbig/2020-Stellantis-fusione-FCA-PSA.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33207 FCA-PSA - I primi contatti per la fusione risalgono al secondo semestre del 2018 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33207&tipo=fv La fusione tra i gruppi FCA e PSA è ormai a pochi passi dal perfezionamento, anche grazie allaccelerazione impressa negli ultimi giorni. A dimostrarlo non è solo la convocazione, per il 4 GENNAIO [1], delle assemblee degli azionisti, che potrebbe far presagire una rapida soluzione alla questione forse più dura da affrontare: il PARERE FAVOREVOLE DELLA COMMISSIONE EUROPEA [2]. Laccelerazione è anche dimostrata dal deposito, presso lautorità olandese di vigilanza dei mercati, del prospetto informativo per la quotazione in Borsa del futuro GRUPPO STELLANTIS [3] e dalla conseguente autorizzazione. Al di là dei numeri e dei tanti fattori di rischio, o delle considerazioni sulla logica delloperazione, il documento fornisce anche una serie di indicazioni interessanti sul processo che ha portato allACCORDO DI FUSIONE [4] dello scorso dicembre. A tal proposito, sin da subito emerge una piccola sorpresa: le interazioni e i contatti tra i manager sono iniziati già nel secondo semestre del 2018, poche settimane dopo la scomparsa (il 25 luglio) di Sergio Marchionne. COLLABORIAMO? Nel prospetto si afferma, infatti, che "durante il terzo e il quarto trimestre del 2018, i dirigenti di PSA hanno avuto diverse interazioni" con quelli di FCA al fine di esplorare potenziali programmi di cooperazione limitata. Questi tipi di progetti sono comuni nellindustria automobilistica e sono tipicamente limitati a determinati modelli di veicoli o gruppi propulsori. In quella fase non ci sono state discussioni sullopportunità di una potenziale aggregazione aziendale delle due società, né è stata discussa lacquisizione di una di queste da parte dellaltra". Successivamente, però, si è passati a parlare di unoperazione di Merger and Acquisition (M A). il 21 dicembre e lamministratore delegato del costruttore transalpino, Carlos Tavares, contatta il suo omologo della Fiat Chrysler, Mike Manley, per proporre un incontro al Salone di Ginevra del marzo successivo e "valutare la possibilità di unaggregazione aziendale delle due società". In seguito, il 28 febbraio due alti dirigenti (i due vice presidenti Olivier Bourges per PSA e Doug Ostermann per FCA) si parlano per organizzare lagenda della riunione e "facilitare le discussioni". Lincontro avviene il 4 marzo e vede i rappresentanti delle due aziende esaminare "i potenziali programmi di cooperazione precedentemente individuati dalle parti", discutere di "una potenziale aggregazione aziendale tra le società" e valutare "le potenziali sinergie". IL TERZO INCOMODO. A questo punto, sembra che le cose possano prendere una piega favorevole, come dimostrato dalla firma, l1 aprile 2019, di un "accordo di riservatezza". Nei due giorni successivi, infatti, Bourges e Ostermann si incontrano per discutere di progetti comuni nelle batterie e per continuare le discussioni sullaggregazione. Il 16 aprile avviene una nuova riunione per parlare di sinergie e altri benefici della fusione e dal 23 aprile al 25 aprile si susseguono "diversi meeting" presso lufficio di Bredin Prat, legale del gruppo PSA, per discutere anche di aspetti ortganizzativi e normativi. Quindi, il 14 maggio Tavares e Manley hanno un ulteriore incontro per "esaminare i meriti" della potenziale fusione anche con il supporto della società di consulenza McKinsey. A questo punto, avviene il colpo di scena. Anzi, due: il 27 maggio viene annunciata la lettera dintenti per una POSSIBILE INTEGRAZIONE TRA FCA E LA RENAULT [5] e le discussioni con PSA vengono "cessate". Il 6 giugno, però, arriva, non del tutto a sorpresa (viste le rimostranze del governo francese e dei giapponesi della Nissan), la DECISIONE DI CANCELLARE LA PROPOSTA DI FUSIONE [6] con i francesi di Boulogne-Billancourt. ELKANN CONTRARIO ALLA VENDITA. Poco dopo - è il 19 giugno - Robert Peugeot contatta John Elkann per chiedere il riavvio delle trattative e un incontro che ha luogo a Parigi il 4 luglio: il capostipite della famiglia francese propone non una fusione, bensì unacquisizione di FCA da parte di PSA. Il 7 luglio arriva una nuova proposta: si tratta di una fusione, ma nella forma di unofferta per lacquisizione del gruppo italoamericano "a premio" e con una combinazione di azioni e contanti. "Tale proposta non ha portato ad alcun accordo in quella fase", si legge nel prospetto. Elkann, in particolare, si è opposto alla struttura delloperazione in base alla quale gli azionisti di FCA sarebbero stati significativamente diluiti a seguito della combinazione". Unulteriore proposta, a opera dei consulenti finanziari Messier Maris Associés, viene presentata il 22 luglio, e prevede una "fusione alla pari" che viene discussa con la Goldman Sachs (advisor per FCA) il 28 luglio: anche in questo caso, lipotesi viene respinta perché non "riflette a sufficienza" i valori dei due gruppi. Le discussioni proseguono dall1 al 10 agosto, quando Elkann e Tavares si incontrano per confrontarsi sulle ultime idee. Non viene, però, raggiunta alcuna intesa a causa del "disaccordo" sullammontare delle distribuzioni di dividendi e asset. Così, le discussioni vengono "concluse" dal presidente di FCA. SI STRINGE IL CERCHIO. L11 settembre Tavares incontra ancora Manley al Salone di Francoforte per discutere dei motivi che hanno portato alla fine delle trattative e per invitare il manager inglese a visitare un centro prova di PSA e testare i veicoli elettrici e ibridi del gruppo. Nel mentre, continuano i contatti tra gli advisor finanziari per porre le basi di un riavvio delle discussioni su volontà soprattutto dei francesi. L11 ottobre i due ad si ritrovano a La Ferté-Vidame e discutono delle varie opzioni sul tavolo e della possibilità di riaprire il confronto. Elkann è daccordo. Intanto, aumentano i colloqui tra gli advisor e, il 23 ottobre, Messier Maris Associés invia alla Goldman Sachs una proposta con i termini poi annunciati a metà dicembre. Tra i 25 e il 27 ottobre vengono informati gli azionisti di PSA e, sempre il 27, nella cornice di Versailles, Tavares incontra Elkann per concordare i principali termini della fusione: tra questi, la distribuzione dei dividendi per 5,5 miliardi di euro agli azionisti di FCA e della partecipazione in Comau e lo scorporo della Faurecia da PSA. Vengono anche discussi i passi successivi da compiere, tra cui la due diligence e la redazione dei contratti. Quindi, diventa tutto pubblico: il 29 ottobre il Wall Street Journal lancia lindiscrezione sulle discussioni in corso e il giorno successivo arrivano le conferme da parte dei due gruppi. Il 30 ottobre i rispettivi consigli approvano i principali termini della fusione alla pari. Passa un mese di ulteriori trattative, con lassistenza dei consulenti legali e finanziari, per definire laccordo, avviare la due diligence, ottenere il sostegno degli azionisti, valutare gli ultimi aspetti di governance e struttura e quindi approntare i passi finali, che portano alla redazione di una lettera dintenti vincolante con la relativa firma e il via libera definitivo il 17 dicembre. Dopo di che, come si suol dire, è storia nota ai più: il 18 dicembre viene firmato laccordo per la nascita di Stellantis. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/18/FCA_PSA_LE_ASSEMBLEE_PER_APPROVARE_LA_FUSIONE_IN_STELLANTIS_SI_TERRANNO_IL_4_GENNAIO_2021.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/06/FCA_RENAULT_LE_TAPPE_DELL_OPERAZIONE_SFUMATA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/06/FCA_RENAULT_SALTA_LA_FUSIONE_NON_CI_SONO_LE_CONDIZIONI_POLITICHE.HTML 2020-11-20 11:53:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/20/guida_autonoma_usa_avviato_iter_per_definire_nuovi_standard_salvaguardia/gallery/rbig/2020-cruise-san-francisco-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33206 Guida autonoma - Usa, in arrivo nuovi standard di sicurezza con liter della Nhtsa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33206&tipo=fv La National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) ha deciso di avviare un processo normativo formale che potrebbe eventualmente portare alladozione di nuovi standard di sicurezza per i veicoli a GUIDA AUTONOMA. In particolare, lagenzia federale per la vigilanza nel settore dei trasporti ha emesso un avviso di proposta per ottenere contributi e stilare un nuovo regolamento al fine non solo di garantire la sicurezza, ma anche di alleviare i timori delle persone su questo genere di veicoli, spesso visti con scetticismo. VERSO NUOVA NORMATIVA. "La regolamentazione aiuterà ad affrontare le legittime preoccupazioni del pubblico in materia di sicurezza, protezione e privacy senza ostacolare linnovazione nello sviluppo dei sistemi di guida automatizzata", ha affermato il segretario ai trasporti degli Stati Uniti, Elaine Chao. Lintero iter potrebbe quindi concludersi con la redazione di un vademecum che stabilisca le migliori pratiche da seguire, fornisca informazioni ai consumatori e definisca regolamenti formali da tenere, tra cui delle disposizioni che impongano standard di sicurezza legalmente vincolanti. Lattività dellagenzia andrà, inoltre, a focalizzarsi sulle funzioni primarie fondamentali per i sistemi a guida autonoma: per esempio, le modalità di utilizzo dei sensori, di rilevamento di pedoni o ciclisti sulla strada, di pianificazione dei percorsi, di risposta a eventuali imprevisti e di funzionamento generale dei veicoli. La Nhtsa è in sostanza alla ricerca di riscontri per delineare "un framework che soddisfi le necessità di una maggior sicurezza e valuti il grado di successo negli sforzi dei produttori per garantire tale sicurezza". LA DIATRIBA. Liniziativa della Nhtsa segue, tra laltro, le accuse mosse da unaltra agenzia, la National Transportation Safety Board (Ntsb), per ladozione di un "approccio non regolamentare alla sicurezza dei veicoli automatizzati" e per il mancato sviluppo di un metodo per verificare lintegrazione dei sistemi di protezione nelle auto da parte dei costruttori. La Nhtsa, criticata anche per le indagini condotte su alcuni incidenti mortali provocati dai mezzi UBER [1] o TESLA [2], ha spiegato di "non voler emanare regolamenti che impediscano inutilmente ladozione di un qualsiasi veicolo dotato del sistema di guida autonoma", perchè "uno standard mal concepito potrebbe non riuscire a soddisfare la necessità di maggior sicurezza dei mezzi e soffocare linnovazione". Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/cronaca/2018/03/19/uber_incidente_mortale_sospesi_i_test_di_guida_autonoma.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVE_TECNOLOGIE/2017/01/19/TESLA_AUTOPILOT_FONTI_USA_LA_NHTSA_NON_IMPORRA_RICHIAMI.HTML 2020-11-20 10:03:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/general_motors_investimenti_27_miliardi_dollari_auto_elettriche_guida_autonoma/gallery/rbig/2020-GMC-Hummer-EV-06.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33205 General Motors - Aumentano gli investimenti per elettriche e autonome http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33205&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] alza la posta nella sua scommessa su un futuro sempre più elettrico per le auto nel tentativo di convincere anche i più scettici sulle sue capacità produttive, commerciali e tecnologiche. Il gruppo di Detroit ha deciso di aumentare limporto degli investimenti su auto elettriche e autonome di oltre un terzo rispetto a QUANTO ANNUNCIATO NEANCHE OTTO MESI FA [2]. IL CONTESTO. La GM, nello specifico, ha aumentato da 20 miliardi di dollari a 25 miliardi lammontare di risorse stanziate fino al 2025 per sviluppare nuove auto alla spina o mezzi senza conducenti. Si tratta di oltre la metà degli investimenti totali pianificati per il prossimo quinquennio, dunque una cifra notevole rispetto a un mercato dal potenziale ancora decisamente esiguo e dalla scarsa redditività. A livello globale, le elettriche non arrivano al 5% del mercato e il leader del segmento, la Tesla, solo negli ultimi trimestri ha dimostrato di poter chiudere in utile il conto economico, per quanto grazie al fattivo contributo della vendita di crediti ambientali. TREND SENZA FRENI. Eppure il trend dellelettrificazione è ormai inarrestabile, non solo per volontà politica o per la necessità di rispettare standard sulle emissioni e i consumi sempre più stringenti. Anche i mercati finanziari stanno iniziando a pretendere un impegno sempre più convinto verso la mobilità del futuro. Non a caso le valutazioni di startup e aziende produttrici di mezzi elettrici sono ormai arrivate a livelli record: la cinese Nio, che ad aprile ha concordato un salvifico intervento pubblico da circa 1 miliardo di dollari, vale oltre 60 miliardi, la Tesla ha superato i 450 miliardi di dollari di capitalizzazione e non si contano le startup pronte a sbarcare a Wall Street con valutazioni multimiliardarie. Del resto cresce il numero di fondi di investimento focalizzati su tematiche ambientali, ci sono grandi investitori con un approccio di lungo, se non lunghissimo termine, intenzionati a scommettere sul futuro e sempre più nascono ORGANIZZAZIONI CHE CHIEDONO ALLA POLITICA DI VARARE MISURE AD-HOC [3]. in questo contesto che vanno lette le raffiche di annunci su nuovi investimenti sulle elettriche da parte dei maggiori costruttori, a partire da gruppo Volkswagen, che pochi giorni fa ha ALZATO A 73 MILIARDI DI EURO [4] gli investimenti per elettrificazione e digitalizzazione per il prossimo quinquennio dai 60 miliardi per il 2020-2024 e dai 40 miliardi per il 2019-2023. E questo per non parlare di marchi come la Smart, destinati a vendere solo elettriche, o costruttori come la Bmw, intenzionata a produrre auto alla spina in tutti i suoi impianti tedeschi. GLI OBIETTIVI DI GM. Il contesto spinge dunque verso la transizione elettrica e neanche la pandemia del coronavirus, con le sue pesanti conseguenze economiche, sembra frenare gli obiettivi del settore. "Il cambiamento climatico è reale e vogliamo essere parte della soluzione inserendo tutti in un veicolo elettrico", ha affermato lamministratore delegato della General Motors, Mary Barra. "Stiamo passando a un portafoglio completamente elettrico da una posizione di forza e siamo concentrati sulla crescita. Possiamo accelerare i nostri piani EV perché stiamo rapidamente costruendo un vantaggio competitivo nelle batterie, nel software, nellintegrazione dei veicoli, nella produzione e nellesperienza del cliente". In tale quadro rientra lobiettivo di lanciare 30 modelli in tutto il mondo entro il 2025, a fronte dei PRECEDENTI 20 PER IL 2023 [5]. Oltre due terzi dei lanci riguarderanno il Nord America e nei soli Stati Uniti si punta ad arrivare al 40% di vendite con le sole elettriche entro il 2025. I PROGRESSI DELLA ULTIUM. Tutti i marchi del gruppo (Cadillac, GMC, Chevrolet e Buick) saranno interessati da un processo di elettrificazione che trova il suo fulcro nella piattaforma denominata ULTIUM [6]. La GM ha dedicato una parte consistente del suo annuncio sul nuovo piano di investimenti proprio ai progressi raggiunti nello sviluppo della sua architettura. La Ultium garantirà autonomie fino a circa 724 chilometri con una singola ricarica, 80 in più rispetto alle indicazioni fornite a marzo, potrà essere utilizzata per qualsiasi tipologia di veicoli e, con la seconda generazione in arrivo alla metà del decennio, assicurerà una densità energetica delle batterie doppia a meno della metà dei costi attuali. Inoltre, il pacco batterie della prima generazione della piattaforma costerà il 40% in meno rispetto agli accumulatori della Chevrolet Bolt e quello della seconda generazione il 60% in meno, grazie ad affinamento di design, efficienze produttive, migliori integrazione nel corpo del veicolo, catodi più convenienti, nuovi elettroliti e uso di anodi al litio metallico. "I tempi di sviluppo dei veicoli elettrici della GM stanno accelerando e i costi stanno diminuendo rapidamente, quindi ci aspettiamo che i nostri programmi Ultium EV siano redditizi dalla prima generazione in poi", ha affermato il vice presidente Doug Parks. "Non sono solo il costo e le prestazioni dei nostri componenti EV innovativi che ci daranno un vantaggio competitivo in un settore in rapida evoluzione, ma il modo in cui li integriamo con altri sistemi avanzati come il Super Cruise". LANCI ACCELERATI. La GM, che sta assumendo 3 mila tecnici (specialisti di sistemi elettrici, software, infotainment e sviluppatori Java, Android o iOs) e sta anche cercando cedere in licenza la nuova piattaforma insieme alla tecnologia Hydrotec per le celle a combustibile sviluppata con la Honda, sta anche accelerando i programmi di lancio del GMC HUMMER EV [7], di cui si è vista anche la variante Suv, e soprattutto della CADILLAC LYRIQ [8], che arriverà nelle concessionarie a inizio 2022, nove mesi prima del previsto. In totale sono stati "migliorati" 12 programmi di sviluppo: per il marchio GMC, oltre alla Hummer, ci saranno altri tre modelli basati sulla Ultium, tra cui un pick-up elettrico; per Chevrolet saranno quattro, tra cui un pick-up e una crossover compatta, mentre saranno quattro le elettriche per la Cadillac. La gamma Buick, infine, includerà due veicoli basati sulla nuova piattaforma. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENERAL_MOTORS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/03/05/GENERAL_MOTORS_INVESTIMENTI_PER_20_MILIARDI_DI_DOLLARI_SULL_ELETTRIFICAZIONE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/18/STATI_UNITI_NASCE_L_ASSOCIAZIONE_ZETA_OBIETTIVO_VENDITA_SOLE_AUTO_ELETTRICHE_DAL_2030.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/13/GRUPPO_VOLKSWAGEN_AUMENTO_INVESTIMENTI_73_MILIARDI_AUTO_ELETTRICHE_IBRIDE_DIGITALIZZAZIONE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/10/02/GENERAL_MOTORS_20_MODELLI_ELETTRICI_E_A_FUEL_CELL_ENTRO_IL_2023.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/09/09/GENERAL_MOTORS_LE_BATTERIE_DELLA_GMC_HUMMER_E_DELLA_CADILLAC_LYRIQ_SFRUTTERANNO_IL_COLLEGAMENTO_WIRELESS.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/21/GMC_HUMMER_EV_PREZZO_AUTONOMIA_INTERNI_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/08/07/CADILLAC_LYRIQ_CARATTERISTICHE_ESTETICHE_INTERNI_MOTORE_E_DETTAGLI_TECNICI_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2020-11-20 09:35:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/20/daimler_l_ue_pronta_a_intervenire_nella_disputa_sui_brevetti_con_la_nokia/gallery/rbig/nokia-here.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33204 Daimler - LUe pronta a intervenire nella disputa sui brevetti con la Nokia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33204&tipo=fv La Commissione Europea intende intervenire, seppur indirettamente, nella disputa in atto tra la DAIMLER [1] e la Nokia per lutilizzo di brevetti tecnologici. In particolare, secondo quanto rivelato dalla Reuters, Bruxelles è pronta a presentare proposte normative: queste servirebbero a verificare quali brevetti siano essenziali per uno standard tecnologico e, in tal caso, le condizioni in cui è necessario pagare le relative royalty. IL CASO. La questione è legata a una battaglia legale in corso da mesi tra il gruppo automobilistico e la società finlandese. La Nokia, infatti, ha intentato una causa in Germania contro il costruttore di Stoccarda, accusato di non aver pagato la licenza per lutilizzo, nei suoi computer di bordo, di soluzioni tecnologiche per la navigazione e la comunicazione. La Daimler ha replicato alle accuse sottolineando di sfruttare sistemi forniti dalla Here, azienda di Berlino operativa nei servizi di geolocalizzazione, NEL 2015 ACQUISITA DAL GRUPPO DELLA STELLA IN CONSORZIO CON LAUDI E LA BMW DALLA STESSA NOKIA [2] [3]: una mossa che ha permesso alla Daimler di entrare in possesso delle tecnologie oggetto delle rivendicazioni dei finlandesi. La disputa, dunque, riguarda quale azienda abbia i diritti di licenza originari sulle tecnologie e a chi debbano essere pagate le licenze qualora sia coinvolta una terza parte, in questo caso la Here: motivo per cui Daimler si è rivolta alla Commissione Europea per dirimere la questione e stabilire a chi spetti il pagamento delle licenze. La vicenda pone da una parte il tema dellutilizzo di brevetti di terze parti e dallaltra quello dei cosiddetti Sep (brevetti essenziali standard) che tutelano aspetti specifici di uno standard tecnico: se un brevetto è considerato essenziale, allora chi lo utilizza deve pagare una licenza. Tuttavia, i brevetti diventano Sep in virtù di unautodichiarazione del titolare: pertanto non ci sono controlli né verifiche sulla loro effettiva essenzialità. LE PROPOSTE. La Commissione Europea, secondo quanto riportato dalla Reuters, avrebbe quindi delineato un piano dazione sulla proprietà intellettuale, da presentare il 24 novembre ai commissari alla concorrenza, Margrethe Vestager, e al mercato interno, Thierry Breton. Come primo passo, il massimo organo esecutivo della Ue sembra intenzionata a impegnarsi con il settore automobilistico per valutare la possibilità di trovare soluzioni efficaci per la concessione di licenze. Al momento sono i costruttori automobilistici a patire maggiormente gli effetti di un problema mai affrontato finora a livello europeo: la Commissione Europea si è sempre astenuta dallintervenire in qualsiasi controversia e ha invitato le aziende a trovare da sole una soluzione a eventuali frizioni. Tuttavia, la questione sta iniziando a diventare sempre più rilevante, anche in altri settori, come lenergia, la sanità o le telecomunicazioni, a causa del sempre più pervasivo utilizzo di tecnologie originariamente destinate a coprire altri comparti, e quindi altri standard. Se il problema è di tipo contrattuale, allora le eventuali controversie sono in teoria risolvibili, grazie a una negoziazione tra le parti oppure allintervento di un organo indipendente come un tribunale o una camera di conciliazione; se invece la questione è di tipo concorrenziale, come sostiene Daimler, allora serve lintervento di unautorità antitrust, come appunto la Commissione Europea. Per chiarire ulteriormente il quadro normativo, la Commissione prenderà in considerazione riforme normative, come listituzione di un sistema indipendente di controlli sullessenzialità dei brevetti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DAIMLER [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVE_TECNOLOGIE/2015/08/03/NOKIA_HERE_ACCORDO_FATTO_E_DEL_TRIO_AUDI_BMW_MERCEDES_BENZ.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuove_tecnologie/2015/08/03/nokia_here_accordo_fatto_e_del_trio_audi_bmw_mercedes_benz.html 2020-11-20 09:35:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/19/mini_countryman_produzione_2023_lipsia_germania/gallery/rbig/2020-mini-countryman-lipsia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33203 Mini Countryman - La prossima generazione sarà prodotta a Lipsia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33203&tipo=fv Il GRUPPO BMW [1] ha deciso di spostare in Germania la produzione della terza generazione della MINI COUNTRYMAN [2], attesa per il 2023. Nello specifico, la crossover sarà prodotta a LIPSIA, dove sono previsti importanti investimenti per rinnovare e ampliare le strutture. Si tratterà della prima Mini prodotta in terra tedesca, visto che oggi la Suv della Casa nasce in Olanda grazie allaccordo con la Nedcar, mentre tutte le altre giungono dal sito inglese di Oxford. A LIPSIA NASCERANNO ANCHE LE BATTERIE. Come già confermato dal PIANO STRATEGICO [3], la nuova Countryman offrirà sia versioni con propulsori tradizionali, sia una variante elettrica e non è escluso che anche il futuro crossover di segmento inferiore possa esere costruito nella medesima fabbrica. A Lipsia si producono già le Bmw Serie 1 e la Serie 2 Active Tourer, oltre alla i3 elettrica, con una capacità attuale di circa 350.000 unità allanno. Grazie a un investimento di oltre 100 milioni di euro, limpianto sarà dotato di una nuova area di produzione per le batterie al litio, che saranno quindi fornite direttamente sulla catena di montaggio delle vetture Bmw e Mini. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO_BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MINI/MINI-COUNTRYMAN [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/28/MINI_ELETTRIFICAZIONE_DELLA_GAMMA_E_PRODUZIONE_IN_CINA_NEL_FUTURO_DEL_MARCHIO.HTML 2020-11-19 19:01:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/17/ibride_plug_in_i_modelli_disponibili_in_italia_foto_gallery/gallery/rbig/2020-mercato-ibride-plug-in-italia-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33202 Ibride plug-in - I modelli disponibili in Italia - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33202&tipo=fv A ottobre, in Italia, le plug-in, ovvero le ibride "alla spina", hanno registrato una crescita del 330% rispetto allo stesso mese del 2019, grazie a 3.653 immatricolazioni. Così, nel 2020 è stata raggiunta la quota di 16.080 consegne complessive, per un incremento del 232,7% (dati Unrae). Come già osservato passando in rassegna le AUTO ELETTRICHE IN VENDITA IN ITALIA [1], anche in questo caso svolgono un ruolo non indifferente i RICCHI INCENTIVI [2] previsti, ma pure una RETE INFRASTRUTTURALE PIù ADEGUATA [3] rispetto al passato: pur marciando anche con il motore termico, la batteria costituisce infatti un fattore essenziale per avere costi chilometrici irrisori su una Phev. Rispetto alle full electric, però, lofferta di modelli plug-in hybrid è più generosa, con TECNOLOGIE PIUTTOSTO ETEROGENEE [4]. Li abbiamo raccolti nella nostra galleria dimmagini, dove potrete trovare tutte le informazioni principali sui powertrain e le batterie di queste vetture. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/11/11/auto_elettriche_i_modelli_disponibili_in_italia_foto_gallery.html [2] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/09/07/ecobonus_e_super_ecobonus_tutti_gli_incentivi_per_comprare_un_elettrica_o_un_ibrida_plug_in.html [3] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/09/17/punti_di_ricarica_colonnine_la_situazione_in_italia_e_in_europa_372242977.html [4] https://www.quattroruote.it/news/tecnologia/2020/09/30/auto_ibride_plug_in_phev_caratteristiche_e_istruzioni_per_l_uso.html 2020-11-19 18:34:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/19/rivian_lo_sbarco_in_europa_e_previsto_nel_2022/gallery/rbig/2020-rivian-pirelli-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33201 Rivian - Lo sbarco in Europa è previsto nel 2022 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33201&tipo=fv La RIVIAN [1] inizierà a consegnare i suoi primissimi modelli soltanto nel 2021, ma sta già pensando al futuro. Il pick-up R1T [2] e la R1S saranno inizialmente proposti soltanto negli Stati Uniti, ma lad e fondatore della Casa, R.J. Scaringe, ha confermato alla Reuters che a partire dal 2022 verranno realizzati anche allestimenti dedicati allAsia ed allEuropa della Suv R1S. Altri modelli più accessibili andranno poi ad arricchire la gamma. PRODURRE FUORI DAGLI USA PER CRESCERE. La Rivian ha in programma lo sviluppo di vetture più piccole ed economiche, ma la crescita passerà soprattutto da uno sviluppo della logistica: per il momento, infatti, la produzione risiede esclusivamente negli Stati Uniti, e solo con lapertura di fabbriche localizzate sarà possibile far crescere esponenzialmente le vendite. Nel frattempo, Rivian ha rilevato lex fabbrica Mitsubishi di Normal, in Illilois, e ha stretto un ACCORDO CON AMAZON [3] per realizzare un veicolo elettrico dedicato alle consegne: i 100.000 esemplari previsti del veicolo commerciale saranno costruiti tra il 2021 e il 2024. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/11/13/RIVIAN_R1T_PREZZI_USCITA_VERSIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/10/08/AMAZON_SVELATO_IL_FURGONE_ELETTRICO_PER_LE_CONSEGNE_REALIZZATO_CON_LA_RIVIAN.HTML 2020-11-19 16:16:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/11/19/telematica_accordo_pluriennale_tra_targa_telematics_e_tom_tom/gallery/rbig/2020_Targa_tom_tom.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33200 Targa Telematics - Accordo pluriennale con TomTom http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33200&tipo=fv TARGA TELEMATICS [1] ha annunciato un nuovo accordo pluriennale con TOMTOM [2], di cui integrerà le API di Routing nei suoi prodotti, permettendo alle aziende-clienti di effettuare analisi dei viaggi e di trovare i percorsi migliori per i propri driver. "Gli operatori nella gestione delle flotte e nei servizi di mobilità intelligente, come Targa Telematics, traggono grande vantaggio dalla gamma di API cartografiche di TomTom e dallaffidabile assistenza clienti", ha dichiarato ANDERS TRUELSEN, amministratore delegato di TomTom Enterprise. TARGA BEST CHOICE. Laccordo con TomTom arriva poco dopo il lancio di TARGA BEST CHOICE, uno strumento creato da Targa Telematics per monitorare lefficienza e la redditività di una conversione elettrica dei veicoli in flotta. "Siamo sempre stati allavanguardia nel supportare le aziende e per soddisfare la crescente necessità di un approccio più sostenibile e sicuro alla mobilità", ha aggiunto Giorgia Paladin, responsabile acquisti della società di TELEMATICA [3] di Treviso. "In questo scenario in evoluzione, vogliamo continuare su questa strada". TARGA SU FLEE DI AON. Anche FLEE [4] di Aon, il servizio di noleggio a lungo termine pay per use dedicato alle aziende, si basa proprio sulla piattaforma di artificial intelligence, machine learning e big data di Targa Telematics. Aon, lo ricordiamo, è il primo gruppo in Italia e nel mondo nella consulenza dei rischi, delle risorse umane e nellintermediazione assicurativa e riassicurativa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TARGA_TELEMATICS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOM_TOM [3] https://www.quattroruote.it/tags/telematica [4] https://www.quattroruote.it/news/noleggio/2020/10/22/aon_lancia_flee_il_noleggio_a_consumo.html 2020-11-19 15:45:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/19/lego_mclaren_senna_gtr_kit_mattoncini_prezzo_disponibilita/gallery/rbig/2020-lego-mclaren-senna-gtr-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33198 Lego - La McLaren Senna GTR fatta di mattoncini http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33198&tipo=fv Un kit tanto dettagliato dellazienda di Billund (con ben 830 pezzi) ad un prezzo così contenuto non si era ancora visto: la riproduzione della MCLAREN SENNA GTR [1] in scatola di montaggio costerà 49,99 euro. Destinata agli appassionati dai 10 anni in su, lauto di mattoncini è lunga 32 cm e sarà in vendita dall1 gennaio 2021, anche se è molto probabile che i Lego Store e i negozi più forniti ricevano i primi kit prima delle feste di Natale; ufficialmente, è in pre-lancio dal 26 dicembre. DETTAGLI SPINTI. Il numero di catalogo è 42123 e fa parte della serie Lego Technic che, fra laltro, vede già la Chevrolet Corvette ZR1 da 29 cm e 590 pezzi. Qui, però, ci sono il 30% di mattonicini (e 10 euro) in più. Il dettaglio si spinge molto a fondo, con le porte apribili ad elitra, il motore V8 biturbo in vista e funzionante, la gemma dei fari anteriori, lo splitter posteriore, ruote sterzanti e realizzate, finalmente, in una misura visivamente adeguata agli 825 CV del modello GTR, che nella realtà viene costruito solo in 75 esemplari al prezzo di 1,5 milioni di euro e riporta i loghi della famosa casa di orologeria elvetica Richard Mille. BIPOSTO. Allinterno si notano i due sedili e il volante (ma le ruote si sterzano con il perno sul tetto). La Casa di Woking e la Lego hanno allattivo varie collaborazioni: la più spettacolare è stata quella del 2019 con la COPIA IN SCALA 1:1 DELLA MCLAREN SENNA STRADALE [2], fatta con mezzo milione di mattoncini, 5.000 ore di lavoro e quasi 1.700 kg di peso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/03/08/MCLAREN_SENNA_GTR_SVELATA_LA_VERSIONE_DEFINITIVA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2019/03/26/MCLAREN_SENNA_LEGO_FOTO_PREZZO_CARATTERISTICHE.HTML 2020-11-19 14:26:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/19/mercedes_maybach_classe_s_immagini_dimensioni_interni_uscita/gallery/rbig/2020-mercedes-maybach-classe-s-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33199 Mercedes Classe S - La Maybach punta allOlimpo del lusso http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33199&tipo=fv La MERCEDES [1] ha alzato lasticella con la SETTIMA SERIE CLASSE S [2] puntando allOlimpo del lusso: per questo ha introdotto la versione MAYBACH [3], che replica nellimpostazione il modello uscente. Lo storico nome non rappresenta più marchio a sé, quindi, ma diventa un allestimento specifico dai contenuti esclusivi, qui declinato sullammiraglia della Stella. 5,47 METRI DI PURO LUSSO. A chi non si accontenta della Classe S a passo lungo (5,29 metri e 3,22 di passo), la Maybach offre 18 centimetri in più nellinterasse ad esclusivo appannaggio del vano posteriore, migliorando, così, sia laccesso che lo spazio a disposizione per le gambe. Qui troviamo le due sedute Executive ulteriormente evolute e ora dotate di porgicintura automatico, riscaldamento per il collo e le spalle. Cè anche la funzione massaggio per il supporto delle gambe, mentre gli schienali possono essere reclinati fino a 43,5 gradi. Lopzione "chauffeur", poi, consente di spostare in avanti il sedile anteriore destro per ottenere il massimo del confort riservato al passeggero posteriore. PORTIERE E LUCI INTERNE AUTOMATIZZATE. E ancora: le portiere posteriori possono essere dotate di movimento motorizzato comandabile anche dal posto guida e il loro azionamento è sorvegliato dal Blind Spot Assist. Scegliendo lopzione "First Class Rear", poi, nella zona posteriore è prevista una console centrale realizzata con lo stesso legno utilizzato per decorare il retro dei sedili anteriori e dei poggiatesta. Inoltre, lAdaptive Rear Lighting consente di calibrare al meglio lilluminazione della "zona ospiti" in base alle necessità, regolando sia la posizione sia lintensità della luce. UNA SETTIMANA PER LA VARIANTE BICOLORE. La Maybach è subito riconoscibile dalle altre Classe S per il cristallo fisso posizionato sul montante posteriore, dove è presente anche logo con la tripla M, e per i cerchi di lega da 19" o 20", caratterizzati da un design specifico. La portiera posteriore è stata ulteriormente allungata, mentre il cofano e la griglia frontale sono impreziositi da cromature specifiche. Su richiesta sarà possibile richiedere, per la Maybach, la verniciatura bicolore, che richiede un processo di circa una settimana e viene proposta in dieci differenti combinazioni: dopo la stesura della tinta base, che rimane nella parte inferiore della vettura, viene infatti applicata a mano la linea divisoria tra i due colori e, successivamente, si applica a mano la seconda tinta, quella della sezione superiore, in tutte le parti visibili. TECNOLOGIA AL POTERE. Le dotazioni della Mercedes-Maybach Classe S riflettono quelle delle altre versioni e rappresentano lo stato dellarte della Casa tedesca in tema di confort, sicurezza e connettività. Troviamo infatti i gruppi ottici Digital Light con risoluzione di 2,6 milioni di pixel, lActive Road Noise Compensation gestito dai diffusori dellimpianto audio Burmester, linfotainment Mbux con cinque display, lInterior Assist con grafica specifica rosé gold per la strumentazione, gli airbag posteriori (sono 18, in totale, nella vettura), lasse posteriore sterzante, le sospensioni Airmatic con E-Active Body Control, funzione Road Surface Scan e Curve. La dotazione di sistemi di assistenza alla guida ha un potenziale di automazione di livello 3, attivo fino a 60 km/h, che nel corso del 2021 sarà autorizzato su alcuni tratti della rete stradale tedesca. ANCHE LA MODALITà DI GUIDA è MAYBACH. Lattenzione per i dettagli e la ricerca del massimo confort su questa berlina si riflettono anche sullelettronica di controllo. Il Dynamic Select include infatti la modalità di guida Maybach, caratterizzata da unerogazione più dolce del propulsore e da una mappatura specifica della trasmissione automatica che, oltre a impostare la partenza in seconda, sfrutta punti di cambiata più bassi. Le sospensioni sono inoltre settate per il miglior assorbimento possibile delle sconnessioni, mantenendo comunque costante laltezza da terra. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/02/MERCEDES_BENZ_CLASSE_S_L_AMMIRAGLIA_PER_ECCELLENZA_TORNA_PER_STUPIRE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MAYBACH 2020-11-19 14:26:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/19/aci_angelo_sticchi_damiani_confermato_presidente_fino_al_2024/gallery/rbig/presidente_ACI_Angelo_Sticchi_Damiani.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33197 ACI - Angelo Sticchi Damiani confermato presidente fino al 2024 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33197&tipo=fv Angelo Sticchi Damiani è stato confermato alla guida dellACI fino al 2024. Lattuale presidente è al suo terzo mandato ed ha ottenuto il 94% dei voti dallassemblea dellAutomobile Club dItalia. TERZO MANDATO. Nel corso della sua lunga permanenza a capo dellACI, Sticchi Damiani ha già affrontato innumerevoli temi legati al mondo dellautomobile e dei servizi al cittadino come la digitalizzazione del PRA e dei sistemi di pagamento. Il presidente ha collaborato anche allevoluzione dellautomobilismo sportivo in Italia a livello nazionale e internazionale. Inoltre, sotto i suoi mandati sono state avviate numerose iniziative LEGATE ALLA SICUREZZA STRADALE [1] e allo studio di FORME ALTERNATIVE DI MOBILITà [2]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2020/11/18/ACI_CLASSIFICA_PEGGIORI_STRADE_ITALIA_2019_INCIDENTI_VITTIME_.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/03/24/ACI_NEL_PARCO_CIRCOLANTE_ITALIANO_AUMENTANO_LE_AUTO_IBRIDE_ELETTRICHE_E_LE_EURO_6.HTML 2020-11-19 13:33:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/18/subaru_brz_immagini_dimensioni_motore_potenza_coppia_interni_/gallery/rbig/2020-subaru-brz-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33196 Subaru BRZ - Ecco la seconda generazione della coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33196&tipo=fv La nuova SUBARU BRZ [1] è stata presentata online dalla filiale americana della Casa giapponese: giunta alla seconda generazione, la sportiva compie importanti passi avanti sul fronte del design e della tecnica, mantenendo però lo spirito originale. Tuttavia, in base alle informazioni diffuse fino a oggi, questo modello non sarà più importato in Europa: larrivo negli Stati Uniti, invece, è programmato tra circa un anno, per lautunno del 2021: perciò i dati relativi a prestazioni, prezzi e consumi non sono ancora disponibili. IL MOTORE RESTA ASPIRATO. Sotto al cofano troviamo sempre un quattro cilindri boxer aspirato: al posto dellunità 2.0 da 200 CV, però, è stato installato un 2.4 da 231 CV che vanta il 15% in più di coppia (250 Nm totali), abbinato sia al cambio manuale sei marce, con leveraggio accorciato, sia allautomatico a sei marce, rivisto nella gestione software e dotato di modalità Sport. Il motore, che eroga la potenza massima a 7.000 giri, sfrutta ancora il sistema iniezione D-4S sviluppato in collaborazione con la TOYOTA [2] e il doppio variatore di fase. Il peso a vuoto è cresciuto pochissimo rispetto alla versione precedente (arrivado ai circa 1.277 kg per la versione Premium con cambio manuale): ciò è stato possibile anche grazie alladozione di cofano, parafanghi e tetto di alluminio, confermando così un favorevole rapporto peso-potenza. Le dimensioni sono sostanzialmente le stesse della prima serie: 25 mm di lunghezza in più e circa 12 mm in meno in altezza, con passo di 2,57 metri, immutato. TELAIO PIù RIGIDO DEL 50%. Trazione posteriore con differenziale autobloccante di serie e bilanciamento ideale dei pesi rimangono gli elementi cardine dellesperienza di guida, ma sono state previste anche modifiche importanti alle sospensioni, che mantengono lo schema (MacPherson allanteriore e multi-link al posteriore) della serie precedente. Il telaio ora offre il 50% in più di rigidità torsionale ed è stato ulteriormente abbassato il baricentro, mentre lo sterzo ha un rapporto più diretto, pari a 13.5:1. Gli penaumatici, montati su cerchi da 17" o 18", sono i nuovi MICHELIN [3] Pilot Sport 4 da 215 mm di larghezza. previsto anche un impianto frenante più potente. ANCORA PIù AGGRESSIVA. Il design appare ancora più muscoloso rispetto a quello del modello uscente e mantiene le proporzioni tipiche delle coupé a trazione posteriore, con il cofano lungo e labitacolo 2+2 raccolto indietro. La griglia frontale è più bassa, mentre i parafanghi posteriori sono più marcati e sulle fiancate sono stati inseriti degli sfoghi per laria. Inediti sono anche il disegno dei gruppi ottici e lappendice aerodinamica posteriore, mentre limpostazione del doppio terminale di scarico inserito nel diffusore è stata ripresa dalla prima serie. Gli interni si evolvono seguendo le tendenze e i nuovi standard del mercato: è stata introdotta la strumentazione digitale su un display da 7", con grafica riconfigurabile in base alle modalità di guida, mentre linfotainment Starlink può contare su uno schermo da 8" e sulla compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto. Alle versioni automatiche, inoltre, sono riservate le funzionalità più avanzate del pacchetto di Adas "Eyesight", mentre per tutte sono previsti cinque livelli di regolazione del controllo di stabilità Vsc, fino alla completa disattivazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU_BRZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOYOTA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MICHELIN 2020-11-19 12:40:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/19/volkswagen_aero_b_shooting_brake_station_wagon_elettrica_concept_id_space_vizzion_/gallery/rbig/2019-Volkswagen-ID-Space-Vizzion-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33195 Volkswagen - Nuovi indizi sullAero http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33195&tipo=fv Nellannunciare il nuovo PIANO PER GLI INVESTIMENTI [1], il GRUPPO VOLKSWAGEN [2] ha parlato della AERO, una vettura quattro porte a batterie che verrà costruita nello stabilimento tedesco di Emden a partire dal 2023, senza fornire altri dettagli. Ora, a distanza di qualche giorno, il nome riappare in UN POST SU LINKEDIN [3] di Ralf Brandstätter, il ceo del marchio: nello specifico, si parla della AERO B, che dovrebbe essere la versione di serie della concept ID. SPACE VIZZION [4]. A differenza della semplice Aero, la quale sarebbe accreditata come la variante definitiva della ID. VIZZION [5]. AUTONOMIA RECORD. Secondo quanto dice il manager tedesco sul social network, la vettura sarà la prima shooting brake completamente elettrica ad arrivare sul mercato, "con interni di alta qualità e molto spazio: lauto è elegante e spaziosa come una Phaeton, oltre ad avere un bagagliaio con una cubatura enorme". La caratteristica più interessante, però, viene dopo: nel post, infatti, si parla di percorrenze FINO A 700 KM CON UNA SINGOLA CARICA. Riguardo alla capacità degli accumulatori, la Casa di Wolfsburg non ha fornito alcun dettaglio, ma la concept mostrata al salone di Los Angeles del 2019 prevedeva una batteria agli ioni di litio da 82 kWh, sufficienti per percorrere circa 590 km nel ciclo Wltp. Ciò suggerisce che la wagon potrebbe essere disponibile in una versione top di gamma con un pacco batteria più capiente. LA POTENZA NON MANCHERà. Lauto utilizzerà la piattaforma Meb della ID.3 [6] e ID.4 [7], offrendo, rispetto a queste ultime, "più spazio, più autonomia, più accelerazione e più velocità massima". Al momento sappiamo che la versione base a trazione posteriore della ID.4 avrà 204 CV e che, successivamente, sarà affiancata da una versione a trazione integrale, la quale dovrebbe avere poco più di 300 CV. Secondo la Volkswagen, però, la piattaforma Meb è in grado di gestire potenze maggiori, per cui lAero B potrebbe essere mirata agli acquirenti che cercano prestazioni superiori: alcune indiscrezioni, infatti, ipotizzano che le versioni più sportive siano in grado di raggiungere i 360 CV, o spingersi oltre. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/13/GRUPPO_VOLKSWAGEN_AUMENTO_INVESTIMENTI_73_MILIARDI_AUTO_ELETTRICHE_IBRIDE_DIGITALIZZAZIONE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO_VOLKSWAGEN [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.LINKEDIN.COM/FEED/UPDATE/URN:LI:ACTIVITY:6733016512388464640/ [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/11/20/VOLKSWAGEN_ID_SPACE_VIZZION_DIMENSIONI_AUTONOMIA_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2018/03/05/VOLKSWAGEN_I_D_VIZZION_FOTO_SALONE_DI_GINEVRA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLKSWAGEN_ID_3 [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VOLKSWAGEN_ID4 2020-11-19 12:40:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/19/regno_unito_ds_vendera_solo_elettriche_e_ibride_plug_in_dal_2025/gallery/rbig/2019-DS-3-Crossback-E-Tense-072.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33194 Regno Unito - DS venderà solo elettriche e ibride plug-in dal 2025 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33194&tipo=fv Confermata lintenzione di ANTICIPARE AL 2030 IL BLOCCO DELLE VENDITE DI NUOVE AUTO A GASOLIO E A BENZINA [1] da parte del governo, in Inghilterra non si è fatta attendere la reazione di alcune Case automobilistiche. In particolare, il marchio premium del gruppo PSA, DS, ha annunciato che già dal 2025 un lustro prima del limite fissato dal premier britannico Boris Johnson offrirà solamente modelli elettrici e ibridi plug-in. LISTINO GIà ATTREZZATO. Quella della Casa francese è stata la prima contromossa ufficiale al piano reso noto nei giorni scorsi da Downing Street, e potrebbe essere seguita da iniziative analoghe da parte di altre Case, anche se va sottolineato come il brand transalpino, che al momento propone solamente due modelli a listino (DS 3 CROSSBACK [2] e DS 7 CROSSBACK [3]), ricopra una posizione differente da quella altri marchi che dispongono di una gamma più articolata e generano sul mercato britannico volumi di vendita superiori, in larghissima parte legati alle motorizzazioni tradizionali. DS, impegnata tra laltro sin dagli inizi nel campionato mondiale di Formula E, ha già introdotto le varianti elettrificate delle sue Suv, le versioni E-TENSE [4] (100% elettrica per la compatta DS 3) e E-TENSE 4X4 [5] (plug-in a trazione integrale per la DS 7), e continuerà sulla strada dellelettrificazione con il lancio di vetture a emissioni zero e con nuovi modelli come lAMMIRAGLIA DS 9 [6], che sarà solo ibrida ricaricabile. POSIZIONE FAVOREVOLE. Lambiziosa transizione da parte del governo ai veicoli a emissioni ultraridotte deve combaciare con un lavoro altrettanto ambizioso da parte dellindustria ha detto Mark Blundell, direttore marketing di DS Automobiles in Gran Bretagna. DS ha aggiunto Blundell - è in una posizione forte, tale da soddisfare le nuove linee guida cinque anni prima del previsto, grazie agli investimenti fatti e allo sviluppo di veicoli elettrificati Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/16/REGNO_UNITO_LO_STOP_ALLE_VENDITE_DELLE_ENDOTERMICHE_POTREBBE_ESSERE_ANTICIPATO_AL_2030.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2019/02/12/DS_3_CROSSBACK_AL_VIA_GLI_ORDINI_IN_ITALIA_CON_PREZZI_A_PARTIRE_DA_26_200_EURO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/DS/DS-7-CROSSBACK [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/10/02/DS_3_CROSSBACK_AL_SALONE_DI_PARIGI_ANCHE_LA_E_TENSE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/15/DS_7_CROSSBACK_ARRIVA_LA_VERSIONE_IBRIDA_PLUG_IN_DA_225_CV.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/24/DS_9_DIMENSIONI_MOTORE_FOTO.HTML 2020-11-19 10:45:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/18/subaru_brz_immagini_dimensioni_motore_potenza_coppia_interni_/gallery/rbig/2020-subaru-brz-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33193 Subaru BRZ - La seconda generazione della coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33193&tipo=fv La nuova SUBARU BRZ [1] è stata presentata online dalla filiale americana della Casa giapponese: giunta alla seconda generazione, la sportiva compie importanti passi avanti sul fronte del design e della tecnica, mantenendo però lo spirito originale. Tuttavia, in base alle informazioni diffuse fino a oggi, questo modello non sarà più importato in Europa: larrivo negli Stati Uniti, invece, è programmato tra circa un anno, per lautunno del 2021: perciò i dati relativi a prestazioni, prezzi e consumi non sono ancora disponibili. IL MOTORE RESTA ASPIRATO. Sotto al cofano troviamo sempre un quattro cilindri boxer aspirato: al posto dellunità 2.0 da 200 CV, però, è stato installato un 2.4 da 231 CV che vanta il 15% in più di coppia (250 Nm totali), abbinato sia al cambio manuale sei marce, con leveraggio accorciato, sia allautomatico a sei marce, rivisto nella gestione software e dotato di modalità Sport. Il motore, che eroga la potenza massima a 7.000 giri, sfrutta ancora il sistema iniezione D-4S sviluppato in collaborazione con la TOYOTA [2] e il doppio variatore di fase. Il peso a vuoto è cresciuto pochissimo rispetto alla versione precedente (arrivado ai circa 1.277 kg per la versione Premium con cambio manuale): ciò è stato possibile anche grazie alladozione di cofano, parafanghi e tetto di alluminio, confermando così un favorevole rapporto peso-potenza. Le dimensioni sono sostanzialmente le stesse della prima serie: 25 mm di lunghezza in più e circa 12 mm in meno in altezza, con passo di 2,57 metri, immutato. TELAIO PIù RIGIDO DEL 50%. Trazione posteriore con differenziale autobloccante di serie e bilanciamento ideale dei pesi rimangono gli elementi cardine dellesperienza di guida, ma sono state previste anche modifiche importanti alle sospensioni, che mantengono lo schema (MacPherson allanteriore e multi-link al posteriore) della serie precedente. Il telaio ora offre il 50% in più di rigidità torsionale ed è stato ulteriormente abbassato il baricentro, mentre lo sterzo ha un rapporto più diretto, pari a 13.5:1. Gli penaumatici, montati su cerchi da 17" o 18", sono i nuovi MICHELIN [3] Pilot Sport 4 da 215 mm di larghezza. previsto anche un impianto frenante più potente. ANCORA PIù AGGRESSIVA. Il design appare ancora più muscoloso rispetto a quello del modello uscente e mantiene le proporzioni tipiche delle coupé a trazione posteriore, con il cofano lungo e labitacolo 2+2 raccolto indietro. La griglia frontale è più bassa, mentre i parafanghi posteriori sono più marcati e sulle fiancate sono stati inseriti degli sfoghi per laria. Inediti sono anche il disegno dei gruppi ottici e lappendice aerodinamica posteriore, mentre limpostazione del doppio terminale di scarico inserito nel diffusore è stata ripresa dalla prima serie. Gli interni si evolvono seguendo le tendenze e i nuovi standard del mercato: è stata introdotta la strumentazione digitale su un display da 7", con grafica riconfigurabile in base alle modalità di guida, mentre linfotainment Starlink può contare su uno schermo da 8" e sulla compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto. Alle versioni automatiche, inoltre, sono riservate le funzionalità più avanzate del pacchetto di Adas "Eyesight", mentre per tutte sono previsti cinque livelli di regolazione del controllo di stabilità Vsc, fino alla completa disattivazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU_BRZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOYOTA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MICHELIN 2020-11-19 08:26:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/18/fca_psa_le_assemblee_per_approvare_la_fusione_in_stellantis_si_terranno_il_4_gennaio_2021/gallery/rbig/FCA-PSA-Stellantis_logo.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33192 FCA-PSA - Il 4 gennaio le assemblee per il via libera alla fusione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33192&tipo=fv Nuovo passo in avanti verso la nascita di STELLANTIS [1], il quarto maggior costruttore automobilistico al mondo per volumi di vendita. Fiat Chrysler Automobiles e PSA hanno, infatti, deciso di convocare per lunedì 4 gennaio 2021 le rispettive assemblee degli azionisti chiamate ad approvare lACCORDO DI FUSIONE [2]. VIA LIBERA SCONTATO. Si tratta, comunque, di un passaggio legale dallesito scontato visto il sostegno alloperazione espresso più volte dagli azionisti di riferimento, dalla Exor della famiglia Agnelli, per quanto riguarda FCA, agli eredi Peugeot per PSA. Del resto, la holding torinese non possiede soltanto la partecipazione di maggioranza del costruttore italo-americano, con il 28,55% del capitale, ma detiene anche buona parte dei diritti voto: il 44,42%. Considerata la bassa affluenza degli azionisti di minoranza alle assemblee e lappoggio dei grandi fondi di investimento o pensionistici, la Exor difficilmente troverà opposizioni: pertanto è da escludere la mancata approvazione assembleare. Lo stesso vale per il gruppo transalpino, dove la famiglia Peugeot, i cinesi della Dongfeng e la banca pubblica Bpifrance possono contare su quasi il 50% dei diritti di voto. LOSTACOLO. Con il via libera dei soci, sarà soddisfatta una delle condizioni sospensive stabilite dallaccordo di fusione, raggiunto lo scorso dicembre e modificato negli ultimi mesi per tener conto delle conseguenze della pandemia del coronavirus. Tra le altre condizioni ci sono le autorizzazioni delle autorità antitrust. A tal proposito, come unico ostacolo rimane Bruxelles, ma anche in questo caso la strada sembra sostanzialmente spianata. Lo scorso giugno LA COMMISSIONE UE HA AVVIATO UNINDAGINE [3] approfondita sugli effetti della fusione, temendo che avrebbe un impatto elevato sui livelli di concorrenza nel segmento dei veicoli commerciali allinterno dello Spazio Economico Europeo e in diversi mercati nazionali. Le preoccupazioni dei funzionari dellUnione dovrebbero essere state alleviate con una PROPOSTA PRESENTATA A SETTEMBRE [4], che prevede un sostanziale rafforzamento della partnership tra PSA e la Toyota. Per ora non è emerso nulla di ufficiale, ma a Bruxelles SEMBRANO INTENZIONATI A CONCEDERE UN PARERE FAVOREVOLE [5], che potrebbe anche arrivare in anticipo rispetto alla scadenza del 2 febbraio. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/06/17/FCA_PSA_LA_COMMISSIONE_UE_AVVIA_UN_INDAGINE_SUGLI_EFFETTI_DELLA_FUSIONE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/25/STELLANTIS_FUSIONE_FCA_PSA_TOYOTA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML 2020-11-18 19:43:39 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/18/volkswagen_id_3_viaggio_germania_test_infrastruttura_ricarica_beneficenza_/gallery/rbig/2020-volkswagen-id.3-tour-germania-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33191 Volkswagen ID.3 - Una maratona di 20 mila chilometri per beneficenza http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33191&tipo=fv Il pilota REINER ZIETLOW, affiancato dal copilota DOMINIC BRüNER, attraverserà la Germania percorrendo 20 mila chilometri al volante della VOLKSWAGEN ID.3 PRO S [1]. Il viaggio, iniziato il 28 settembre e destinato a durare due mesi, è stato organizzato dalla Casa di Wolfsburg per raccogliere fondi che verranno poi donati in beneficenza allSOS-Kinderdorf, una casa di accoglienza per bambini, ragazzi e famiglie. UN TEST NEL MONDO REALE. La "maratona", però, è anche loccasione per testare, sulle strade pubbliche, lelettrica della Volkswagen nella versione Pro S; lesperienza consentirà altresì di mettere alla prova la rete di ricarica ad alta velocità tedesca e il VOLKSWAGEN WE CHARGE, un sistema di pagamento che permette di ricaricare in tutta Europa attraverso ununica tessera. In Italia, per esempio, questo servizio garantisce laccesso al 70% della rete di ricarica pubblica, per un totale di circa 10 mila colonnine, incluse le stazioni ad alta potenza di IONITY [2]. Il percorso, tracciato dallIstituto di Logistica dei Trasporti dellUniversità Tecnica di Dortmund, è stato calcolato per garantire la massima efficienza e per far sì che lequipaggio possa attraversare il maggior numero possibile di zone della Germania, partendo dallhotel più a sud della Paese, vicino Oberstdorf, terminando nel parcheggio più a nord, vicino a List on Sylt. Litinerario, inoltre, porterà Zietlow e Brüner a fare tappa in circa 650 stazioni di ricarica veloce (con una potenza superiore a 60 kW). COME STA ANDANDO. Nei 14 mila chilometri già percorsi, i due piloti hanno ricaricato la ID.3 Pro S alla potenza massima di 125 kW in gran parte delle oltre 350 stazioni di ricarica ad alta velocità utilizzate finora. La vettura, dotata di una batteria da 77 kWh, sta registrando un consumo urbano di circa 15 kWh ogni 100 km e un consumo complessivo di poco inferiore ai 20 kWh ogni 100 km. In uno dei trasferimenti più lunghi, i due piloti sono riusciti a percorrere 420 km in ununica tappa, senza bisogno di fermarsi per ricaricare. Il 5 novembre, invece, Zietlow e Brüner hanno fatto tappa a Bernburg (Saale), dove si trova lassociazione a cui verranno devoluti i soldi raccolti durante liniziativa. possibile seguire i loro progressi in tempo reale, sapere dove si trovano e vedere le immagini del viaggio attraverso UN APPOSITO SITO [3]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MODELLO.VOLKSWAGEN.ID3.HTML [2] https://www.quattroruote.it/tags/ionity [3] http://www.autosomma.it/HTTP://WWW.ID3-DEUTSCHLANDTOUR.COM 2020-11-18 18:31:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/18/subaru_brz_immagini_dimensioni_motore_potenza_coppia_interni_/gallery/rbig/2020-subaru-brz-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33190 Subaru BRZ - Debutta la seconda generazione della coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33190&tipo=fv La nuova SUBARU BRZ [1] è stata presentata online dalla filiale americana della Casa giapponese: giunta alla seconda generazione, la sportiva compie importanti passi avanti sul fronte del design e della tecnica, mantenendo però lo spirito originale. Tuttavia, in base alle informazioni diffuse fino a oggi, questo modello non sarà più importato in Europa: larrivo negli Stati Uniti, invece, è programmato tra circa un anno, per lautunno del 2021: perciò i dati relativi a prestazioni, prezzi e consumi non sono ancora disponibili. IL MOTORE RESTA ASPIRATO. Sotto al cofano troviamo sempre un quattro cilindri boxer aspirato: al posto dellunità 2.0 da 200 CV, però, è stato installato un 2.4 da 231 CV che vanta il 15% in più di coppia (250 Nm totali), abbinato sia al cambio manuale sei marce, con leveraggio accorciato, sia allautomatico a sei marce, rivisto nella gestione software e dotato di modalità Sport. Il motore, che eroga la potenza massima a 7.000 giri, sfrutta ancora il sistema iniezione D-4S sviluppato in collaborazione con la TOYOTA [2] e il doppio variatore di fase. Il peso a vuoto è cresciuto pochissimo rispetto alla versione precedente (arrivado ai circa 1.277 kg per la versione Premium con cambio manuale): ciò è stato possibile anche grazie alladozione di cofano, parafanghi e tetto di alluminio, confermando così un favorevole rapporto peso-potenza. Le dimensioni sono sostanzialmente le stesse della prima serie: 25 mm di lunghezza in più e circa 12 mm in meno in altezza, con passo di 2,57 metri, immutato. TELAIO PIù RIGIDO DEL 50%. Trazione posteriore con differenziale autobloccante di serie e bilanciamento ideale dei pesi rimangono gli elementi cardine dellesperienza di guida, ma sono state previste anche modifiche importanti alle sospensioni, che mantengono lo schema (MacPherson allanteriore e multi-link al posteriore) della serie precedente. Il telaio ora offre il 50% in più di rigidità torsionale ed è stato ulteriormente abbassato il baricentro, mentre lo sterzo ha un rapporto più diretto, pari a 13.5:1. Gli penaumatici, montati su cerchi da 17" o 18", sono i nuovi MICHELIN [3] Pilot Sport 4 da 215 mm di larghezza. previsto anche un impianto frenante più potente. ANCORA PIù AGGRESSIVA. Il design appare ancora più muscoloso rispetto a quello del modello uscente e mantiene le proporzioni tipiche delle coupé a trazione posteriore, con il cofano lungo e labitacolo 2+2 raccolto indietro. La griglia frontale è più bassa, mentre i parafanghi posteriori sono più marcati e sulle fiancate sono stati inseriti degli sfoghi per laria. Inediti sono anche il disegno dei gruppi ottici e lappendice aerodinamica posteriore, mentre limpostazione del doppio terminale di scarico inserito nel diffusore è stata ripresa dalla prima serie. Gli interni si evolvono seguendo le tendenze e i nuovi standard del mercato: è stata introdotta la strumentazione digitale su un display da 7", con grafica riconfigurabile in base alle modalità di guida, mentre linfotainment Starlink può contare su uno schermo da 8" e sulla compatibilità con Apple CarPlay e Android Auto. Alle versioni automatiche, inoltre, sono riservate le funzionalità più avanzate del pacchetto di Adas "Eyesight", mentre per tutte sono previsti cinque livelli di regolazione del controllo di stabilità Vsc, fino alla completa disattivazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SUBARU_BRZ [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOYOTA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MICHELIN 2020-11-18 18:31:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/18/mazda_cx_3_caratteristiche_interni_motore_del_model_year_2021/gallery/rbig/2020-mazda-cx-3-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33189 Mazda CX-3 - Ritocchi in punta di matita per il Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33189&tipo=fv A cinque anni dal lancio, la MAZDA CX-3 [1] si concede un passaggio in sala trucco. Il Model Year 2021, già disponibile in concessionaria, rinnova la Suv compatta con interventi leggeri: le prime consegne sono previste per dicembre. TROVA LE DIFFERENZE. La giapponese non è cambiata nellestetica, conservando la linea sportiva e sinuosa per cui negli anni è stata apprezzata dal pubblico e che lha resa subito riconoscibile dal resto della concorrenza. Bisogna aguzzare bene la vista, infatti, per scorgere i badge ristilizzati o la nuova chiave con sistema Easy Acces. Più facile, invece, individuare il nuovo grigio (la Mazda lo chiama Polymetal Gray Metallic) che va ad ampliare la palette di colori selezionabili per la carrozzeria. SEDILI PIù CONFORTEVOLI. Anche dentro le modifiche sono di dettaglio. Si parte dai sedili anteriori, che la Casa promette di aver reso più comodi rispetto al passato. Segue il sistema multimediale aggiornato, con la radio Dab+ di serie, Apple CarPlay (anche in modalità wireless) e Android Auto. Per finire, la Suv adotta uninedita visuale a 360 gradi delle telecamere, che facilita la vita nelle manovre più impegnative. UN SOLO MOTORE. La gamma di propulsori è stata semplificata allestremo, perché ora la CX-3 è disponibile con il solo motore a benzina Skyactiv-G di 2.0 litri da 121 CV Euro 6D con disattivazione dei cilindri. Ununità evoluta che non produce particolato e non monta, quindi, il filtro Fap. Secondo i dati dichiarati dalla Casa, la vettura si accontenta di 6.2 litri ogni 100 chilometri nel ciclo medio (Wltp) e passa da 0 a 100 km/h in nove secondi netti. Il cambio è manuale o automatico, ma la trazione è solo anteriore. SICUREZZA ANCHE DI NOTTE. Quanto alla sicurezza, la serie di tecnologie che fanno parte del pacchetto i-Activsense è stata ampliata con la frenata in città (Advanced Scbs), ora in grado di rilevare i pedoni anche di notte. Migliorata pure la funzione di accensione automatica delle luci, tarata perché questultime si attivino anticipatamente al crepuscolo o in condizioni di scarsa visibilità. Gli allestimenti della Suv compatta sono due: Executive ed Exeed, con un listino che parte da 23.150 euro fino a un massimo di 26.750 euro per la top di gamma con il cambio automatico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/04/MAZDA_CX_3_CARATTERISTICHE_MOTORE_E_PREZZO_DEL_MODEL_YEAR_2021_IN_ITALIA.HTML 2020-11-18 18:01:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/18/renault_kiger_immagini_caratteristiche_motore_del_prototipo_per_il_mercato_indiano/gallery/rbig/2020-renault-kiger-concept-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33188 Renault Kiger - Svelato il prototipo di una B-Suv per il mercato indiano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33188&tipo=fv La concept RENAULT KIGER anticipa un modello compatto che la Casa francese proporrà sul mercato indiano. Lunga meno di quattro metri, la vettura andrà a inserirsi in futuro nella gamma locale affiancando la Kwid, la Duster e la TRIBER [1] come Suv di segmento B. Non si hanno tuttavia ancora conferme da parte della Régie circa lintroduzione della Kiger su altri mercati. IL DESIGN FA LA DIFFERENZA. La base tecnica è la piattaforma modulare cmf-a che ha dato vita alla NISSAN MAGNITE [2], con i principali tratti distintivi che emergono invece sul piano del design. In questo senso, la concept prefigura già il modello di serie, ma offre ancora alcuni spunti tipici delle show car. Si può infatti notare il classico frontale Renault, caratterizzato dalla grande losanga centrale, mentre i gruppi ottici si trasformano in due lunghe linee a Led abbinate a sei fendinebbia inferiori. La colorazione verde utilizzata per le finiture della carrozzeria, in contrasto con il grigio cangiante e il nero opaco, torna anche negli indicatori di direzione, mentre sul tetto spicca un elaborato portapacchi aerodinamico. I cerchi di lega da 19" contribuiscono a far apparire la Kiger più grande di quanto non sia in realtà, mentre laltezza minima da terra è pari a 210 mm. Dietro, oltre ai gruppi ottici a Led, si trova infine un terminale di scarico sdoppiato in posizione centrale e inserito nel paraurti, soluzione che difficilmente troverà spazio nel modello definitivo. 1.0 TURBOBENZINA. La Casa non ha ancora svelato gli interni del prototipo, ma è assodato che la vettura offrirà a bordo un sistema di infotainment di ultima generazione con connettività ottimizzata per lo smartphone. Il motore annunciato sarà un piccolo turbobenzina, presumibilmente il 1.0 HRA0 da 100 CV con cambio manuale o automatico Cvt appena introdotto sulla cugina Nissan. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/19/RENAULT_TRIBER_DIMENSIONI_FOTO_MOTORE_E_INFORMAZIONI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/21/NISSAN_LA_MAGNITE_DEBUTTA_IN_INDIA.HTML 2020-11-18 17:01:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/08/26/skoda_octavia_a_listino_le_varianti_plug_in_e_mild_hybrid/gallery/rbig/2020-skoda-octavia-ibride-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33187 Skoda Octavia - A listino le varianti plug-in e mild hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33187&tipo=fv La SKODA [1] ha aperto gli ordini per le varianti ibride della NUOVA OCTAVIA [2], che sarà in concessionaria a partire da metà settembre. In versione elettrificata, la bestseller boema è disponibile plug-in, con motore 1.4 TSI abbinato allelettrico e una potenza di sistema di 204 CV, e mild hybrid, con il tre cilindri 1.0 TSI da 110 CV. I listini partono rispettivamente da 35.650 euro (36.700 euro Wagon) e 26.950 euro (28.000 familiare). Ibrida ricaricabile è anche la RS iV da 245 CV, proposta con prezzi da 40.550 euro (+1.050 euro Wagon). Tutte possono accedere agli incentivi statali. DUE GRADI DI ELETTRIFICAZIONE. La mild hybrid (Octavia e-Tec) ha Dsg a 7 rapporti di serie e dichiara emissioni medie omologate di 96-98 g/km di CO2, beneficiando di un incentivo fino a 3.940 euro in caso di rottamazione e 1.970 euro senza. Due gli allestimenti previsti: Executive e Style. La plug-in (Octavia iV) può percorrere fino a 79 km in modalità elettrica (secondo il ciclo di omologazione Nedc), copre lo 0-100 km/h in 7,7 secondi da 0 a 100 (7,8 per la Wagon) e tocca una velocità massima di 220 km/h. Declinata anchessa negli allestimenti Executive e Style, ha una dotazione di serie che include i programmi guida e-Mode, Hybrid e Sport, i cerchi da 18, i cavi per la ricarica domestica e tramite colonnina. In questo caso le emissioni medie di CO2 si fermano a 28 g/km (31 g/km per la Wagon) e il bonus, rispetto alla mild hybrid, sale fino a 6.940 euro in caso di rottamazione o fino a 3.720 euro senza demolizione. CAVALLI GREEN. La sportiva RS iV 1.4 TSI plug-in hybrid, venduta in allestimento unico, abbina il propulsore benzina a ununità elettrica per una potenza complessiva di 245 CV, pari a quella della Octavia RS solo endotermica, e una coppia di 400 Nm. Numeri che le consentono uno 0-100 da 7,3 secondi, mentre la velocità massima raggiunge i 225 km/h. Le emissioni, in questo caso, sono 33-34 g/km: caratteristica che apre alla RS ricaricabile le porte degli sconti previsti dagli incentivi. NUOVI INNESTI. Con l1.0 TSI da 110 CV e 200 Nm, lOctavia è ordinabile anche non elettrificata. In questa configurazione, il tre cilindri fa il paio con una trasmissione manuale a sei marce ed è previsto un solo allestimento, lExecutive, a partire da 24.650 euro per la berlina e 25.700 euro per la Wagon. Il motore, omologato euro 6d, garantisce emissioni sotto i 110 g/km, godendo quindi dellecobonus. Sono tutto sei le versioni dellOctavia che possono ottenere i bonus allacquisto: 1.0 TSI da 110 CV, 1.0 TSI da 110 CV e-Tec DSG, 2.0 TDI da 115 CV, 2.0 TDI da 150 CV DSG e le due plug-in hybrid iV da 204 CV e RS iV da 245 CV. Nei prossimi mesi la gamma si completerà con la 1.5 G-TEC da 130 CV a metano, la mild-hybrid 1.5 e-TEC DSG da 150 CV e la RS 2.0 TDI da 200 CV, anche 4x4, le varianti Scout. IL LISTINO COMPLETO DELLA SKODA OCTAVIA BERLINA (WAGON +1.050 EURO) 1.0 TSI Executive 24.650 1.0 e-Tec Executive Dsg 26.950 1.5 TSI Act Executive 27.250 2.0 TDI Evo Scr Executive 28.200 1.0 e-Tec Style Dsg 28.600 1.5 TSI Act Style 28.900 2.0 TDI Evo Scr Style 29.850 2.0 TDI Evo Scr Executive Dsg 31.200 2.0 TDI Evo Scr Style DSG 32.850 1.4 TSI Plug-In Hybrid Executive DSG 35.650 1.4 TSI Plug-In Hybrid Style Dsg 37.100 2.0 TSI RS Dsg 38.150 1.4 TSI Plug-In Hybrid RS Dsg 40.550 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SKODA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/11/11/SKODA_OCTAVIA_2020_WAGON_METANO_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA_IBRIDA.HTML 2020-11-18 16:39:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2019/03/20/alla_guida_col_telefonino_cosa_si_rischia_e_come_evitare_multe/gallery/rbig/2017-guida-cellulare.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33186 Telefonino alla guida - Cosa si rischia e come evitare multe e incidenti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33186&tipo=fv Nonostante da più parti siano state invocate pene più severe per chi usa il telefonino al volante, in realtà nulla è cambiato nella norma attuale. Chiunque viene beccato dalle forze dellordine a telefonare con lapparecchio allorecchio (ma anche in mano con laltoparlante attivato oppure a inviare messaggi) rischia una multa di 165 euro (che scendono a 115,50 se si paga entro 5 giorni) e la sottrazione di 5 punti dalla patente (art. 173 del Codice della Strada). E si applica la sospensione della patente di guida da uno a tre mesi se la stessa persona ha fatto unulteriore violazione nel corso di un biennio. VIVA VOCE. Per evitare la multa, bisogna collegare il telefono a un dispositivo vivavoce presente a bordo dellauto in modo da avere le mani libere di afferrare correttamente il volante. Ormai non ci sono più scuse: la maggior parte delle auto in vendita ne è equipaggiata e per quelle che ne sono prive, esiste un assortimento di dispositivi aftermarket davvero per tutte le tasche. Sappiate, inoltre, che viene tollerato anche lutilizzo dei mini altoparlanti Bluetooth per musica da collegare allo smartphone, da usare come un vivavoce di fortuna: non è la stessa cosa, ma almeno vi evita di tenere in mano lapparecchio e rischiare la multa. Auricolari? Sì, ma solo quelli mono che lasciano libero un orecchio. 2020-11-18 16:08:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/assicurazioni/2019/06/13/scatola_nera_normativa_obbligo_rischi_errori_sconti_polizza_rc/gallery/rbig/Scatola-nera.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33185 Assicurazioni - Tutto quello che cè da sapere sulle scatole nere http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33185&tipo=fv Sulla falsariga di quella degli aerei, la scatola nera [1] delle auto è un dispositivo elettronico installato a bordo di un veicolo in grado di registrare o comunicare una serie di parametri legati sia al funzionamento del mezzo sia alla sua circolazione. Dovrebbe diventare obbligatoria sui veicoli a partire dal 2022, se allaccordo già raggiunto in sede europea (CHE PREVEDE ANCHE LOBBLIGO DEGLI ADAS [2]) seguirà un iter senza intoppi. COMè FATTA. I dispositivi, in genere, sono formati da un radiotrasmettitore che opera sulla rete cellulare e che serve per lo scambio di dati a pacchetti (Gprs e protocolli di collegamento più evoluti), un localizzatore Gps e un accelerometro più o meno evoluto a seconda dei modelli. Il primo sensore serve per inviare i dati al server del gestore, il secondo per stabilire la posizione del veicolo e il terzo a registrare lenergia sviluppata in un incidente (misurata in g) dalla quale si può desumere la gravità dello stesso. Va però detto che, come abbiamo dimostrato più volte, LAFFIDABILITà DELLE INFORMAZIONI RACCOLTE [3] da questi dispositivi non è ancora totale, carenza di cui è sempre meglio tenere conto. Errori nella localizzazione dei veicoli o nella registrazione dei dati, infatti, non sono infrequenti e possono condizionare la ricostruzione dei sinistri e quindi lesito delle richieste di risarcimento dei danni. Il valore probatorio dei dati raccolti da questi strumenti, insomma, non è sempre certo. A CHE COSA SERVE. Le funzionalità della scatola nera possono essere declinate in vari modi. Per esempio, lapparecchio può essere programmato per inviare automaticamente una chiamata di soccorso in caso dincidente, comunicando ai soccorritori anche la posizione. Oppure può funzionare come una sorta di guardiano del veicolo e avvisare la sorveglianza privata in caso di tentativo di furto. In ogni modo, la stragrande maggioranza delle scatole nere oggi circolanti in Italia sono legate a una polizza Rc auto e, quindi, vendute o fornite in comodato dalle assicurazioni. In alcuni casi sono il pre-requisito per accedere a sconti sul premio. In altri, concorrono a stabilire il profilo di rischio dellassicurato e a formulare meglio il costo della polizza. QUANTO COSTA. Difficile determinare il costo di una scatola nera, anche perché lapparecchio in sé serve a poco se non può contare su una serie di servizi (per esempio, le centrali di sorveglianza attive 24 ore su 24) che sono comunque a pagamento. Le stesse compagnie di assicurazione, nella maggior parte dei casi, non fanno pagare il costo della scatola nera (che viene fornita in comodato), ma richiedono un canone che comprende anche i costi di gestione e installazione. Altre volte questi costi vengono dissolti nellimporto del premio. Links: ------ [1] http://www.quattroruote.it/tags/scatola-nera [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2019/03/26/UNIONE_EUROPEA_ADAS_OBBLIGATORI_DAL_2022_RAGGIUNTO_L_ACCORDO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ASSICURAZIONI/2016/08/26/LE_NOSTRE_INCHIESTE_GLI_ERRORI_DELLE_SCATOLA_NERA.HTML 2020-11-18 16:08:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/11/18/lamborghini_huracan_sto_in_pista_con_la_coupe_di_sant_agata/gallery/rbig/2020-lamborghini-huracan-sto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33184 Lamborghini Huracán STO - In pista con la coupé di SantAgata - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33184&tipo=fv Sono a Nardò, larea 51 dellautomotive - ma un po più allegra perché si trova in Salento anziché nel deserto - per unesclusiva giornata di test con quella che sarà la massima espressione della LAMBORGHINI HURACáN [1]. E uso il futuro perché quello che ho avuto modo di provare, lo scorso ottobre, era ancora un prototipo di sviluppo molto vicino al modello di serie, che debutterà soltanto nel 2021. Lacronimo che caratterizza la vettura, STO, non è più un segreto e proprio oggi la LAMBORGHINI [2] ha svelato le sue forme definitive. Da cui si evince, piuttosto chiaramente, la stretta parentela di questa hypercar con i modelli da corsa. VEDO NON VEDO. Ecco allora che, con le fotocamere del mio smartphone rigorosamente tappate da adesivi, sono qui per ammirare i risultati del travaso dalle corse alla produzione. Perché di questo si tratta. STO, per chi non lo sapesse, è lacronimo di Super Trofeo Omologata. E la Super Trofeo, per chi lo ignorasse, è la Huracán da corsa che dal 2015 viene impiegata nei campionati monomarca Lamborghini in quattro continenti. Ecco perché, qui a Nardò, oltre a tutte le alte sfere del reparto R luci a Led più evidenti, per tener sottocchio i giri motore, farebbero comodo. Non appena arrivo alla prima, velocissima piega a sinistra, la STO volta nello stesso istante in cui penso di farlo: lo sterzo è molto diretto ma allo stesso tempo progressivo, per calibrare millimetricamente la traiettoria. BUMPS NON VI TEMO. Da qui in poi inizia il bello, con il tracciato che diventa sempre più tecnico e impegnativo. Con il selettore Anima nella inedita posizione Trofeo, la STO tira fuori i suoi geni corsaioli: poco filtrata, agile, diretta, precisa. Anche in uno dei settori di pista più critici, quello in cui lasfalto è piuttosto sconnesso e dove il setup è determinante. E qui mi ha colpito lefficacia delle sospensioni, capaci di assorbire i bumps senza che la vettura si spostasse di un solo centimetro dalla sua traiettoria. Se lingresso nelle curve strette è favorito anche dal torque vectoring e dalle ruote posteriori sterzanti, in uscita è altrettanto straordinaria la motricità, nonostante le ruote che lavorano siano soltanto due. Il sovrasterzo cè, ma è progressivo e ben controllabile; magari, lelettronica, viene a prenderti un po in ritardo sul veloce e devi essere rapido a gestire la situazione, ma sul fine tuning ci stanno ancora lavorando. STRUMENTI DI PRECISIONE. La Lambo offre comunque tutta la fiducia necessaria per spostare i limiti sempre più su. Più guido e più mi sembra dessere un tuttuno con lei. Limpressione è che la rete neurale della STO sia collegata alla mia. E lo percepisco nel momento in cui riesco a gestire esattamente come vorrei il delicato equilibrio fra acceleratore e angolo di sterzo. La mappatura del pedale destro è così raffinata che posso centellinare ognuno dei 640 cavalli del V10. Così, mentre il corpo è sottoposto a una forza g insolita per unauto omologata per la strada, mi sento padrone della situazione e posso mettere la Huracán esattamente dove desidero, grazie a questi strumenti di precisione e allinvisibile ma ben percepibile aiuto della sofisticata aerodinamica che produce downforce in quantità. FRENATA DA CORSA. Ce nè poi un altro, di pedale, in grado di regalare enormi soddisfazioni: parlo di quello del freno, la cui pressione dà lavoro ai sofisticati dischi CCM-R. Il loro potenziale lho compreso bene alla curva 5, un lento tornante da seconda marcia: quando hai la sensazione che il tuo corpo voglia uscire dalla vettura, ma grazie alle cinture a quattro punti resta ben saldo al suo posto, allora significa che limpianto è allaltezza di tutto il resto. E la frenata, più di ogni altra cosa, mi ha ricordato la Super Trofeo Evo da corsa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LAMBORGHINI-HURACAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAMBORGHINI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2018/12/19/LAMBORGHINI_HURACAN_AL_VOLANTE_DELLA_SUPER_TROFEO_EVO.HTML 2020-11-18 16:08:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/18/lamborghini_ufficiale_stephan_winkelmann_e_il_nuovo_presidente_e_ad/gallery/rbig/2020-stephan-winkelmann-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33183 Lamborghini - Ufficiale: Stephan Winkelmann è il nuovo presidente e ad http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33183&tipo=fv Stephan Winkelmann è il nuovo presidente e amministratore delegato della LAMBORGHINI [1]: una nota diffusa dallAudi, di cui la Casa del Toro è consociata, mette nero su bianco un AVVICENDAMENTO GIà ANNUNCIATO I GIORNI SCORSI [2]. Il manager tedesco, al suo secondo mandato a SantAgata, sarà operativo nel nuovo ruolo a partire dall1 dicembre prossimo, mantenendo però lattuale incarico di presidente della Bugatti. CONTROPASSAGGIO DI TESTIMONE. una sorta di staffetta al contrario, quella in corso ai vertici della Lamborghini. Winkelmann, infatti, prende il posto di Stefano Domenicali (NUOVO PRESIDENTE DELLA FORMULA 1 DAL 2021 [3]) dopo averglielo ceduto nel 2016, quando il numero uno della Bugatti era passato a dirigere il marchio Audi Sport, la divisione sportiva di Ingolstadt, avendo trascorso in Emilia undici anni lavorativi, dal 2005 al 2016 appunto. Il passaggio a Molsheim è avvenuto invece nel 2018. Classe 1964, nativo di Berlino, prima di entrare alla Lamborghini Winkelmann ha maturato esperienze alla Fiat: tra le altre nomine, è stato anche ad della filiale tedesca del Lingotto. IL BENTORNATO DI DUESMANN. Stephan Winkelmann ha segnato in modo decisivo la storia della Lamborghini ha detto Marcus Duesmann, presidente del consiglio damministrazione di Audi AG: nessun altro rappresenta in maniera più chiara il marchio, ed è esattamente la persona giusta per guidarlo verso un futuro di successo ha aggiunto il numero uno della Casa di Ingolstadt. Domenicali, sotto la cui gestione è avvenuto lo storico ingresso della Lamborghini nel mondo delle Suv con la Urus, ha salutato ufficialmente SantAgata definendosi orgoglioso di questa eccellente squadra e grato di averne fatto parte per quattro anni. Unesperienza nel corso della quale, parole di Marcus Duesmann, il manager italiano ha plasmato e spinto oltre la trasformazione del marchio Lamborghini. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAMBORGHINI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/17/LAMBORGHINI_STEPHAN_WINKELMANN_AMMINISTRATORE_DELEGATO_CEO_BUGATTI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/sport/2020/09/25/formula_1_stefano_domenicali_sara_il_nuovo_presidente_e_ceo.html 2020-11-18 16:08:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/18/abarth_124_spider_ultima_edizione_unica_asta_beneficenza_giappone_/gallery/rbig/2020-abarth-124-spider-beneficenza-giappone-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33182 Abarth 124 Spider - Lultimo esemplare giapponese va allasta http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33182&tipo=fv Lultimo esemplare di ABARTH 124 SPIDER [1] disponibile sul mercato giapponese è protagonista di unasta di beneficenza per raccogliere fondi destinati a SHINE ON! KIDS, unassociazione no profit che si occupa di aiutare i bambini che soffrono di cancro e altre gravi malattie. NE ESISTE SOLO UNA COSì. La vendita, che si svolge sotto forma di asta silenziosa, parte da una base di 3,7 milioni di yen (circa 30 mila euro) ed è possibile fare offerte su sito giapponese dello Scorpione fino al 29 novembre. La vettura si distingue per una targhetta commemorativa in alluminio, la quale riprende la sagoma dellauto, affiancata dalle scritte "Edizione unica" e "Per sempre tua" di colore rosso. Per la carrozzeria è stata scelta la tonalità pastello Turini White 1975, mentre allinterno spiccano i sedili rivestiti di pelle nera e rossa, impianto audio Bose e il navigatore Gps. Oltre allauto, sono allasta anche dei bozzetti in serie limitata della 124 spider e della 595 Scorpioneoro, realizzati dal Centro Stile FCA. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ABARTH_124_SPIDER 2020-11-18 15:15:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/18/acquisizioni_leasys_compra_drivalia_in_spagna/gallery/rbig/2020_leasys_drivalia.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33181 Acquisizioni - Leasys compra Drivalia in Spagna http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33181&tipo=fv Come ci aveva raccontato IL CEO DI FCA BANK E PRESIDENTE DI LEASYS GIACOMO CARELLI [1], la CAPTIVE [2] di casa FCA [3] vuole crescere allestero anche tramite acquisizioni, che servono per creare un ecosistema di prodotti e servizi per una mobilità sostenibile sulla falsariga dellItalia e, CON IL RECENTE ACQUISTO DI AIXIA [4], anche in Francia. Ora tocca anche alla SPAGNA, grazie allacquisizione della società di mobilità e noleggio a breve termine DRIVALIA CAR RENTAL. DA 20 ANNI SUL MERCATO. Prima come FCA DEALER SERVICES SPAIN e, dal 2017, come LEASYS SPAIN, la captive del gruppo FCA è attiva nel paese iberico da circa 20 anni. "Il raggiungimento di questo accordo rafforza ancora di più il nostro ruolo di leader della mobilità in Spagna e in Europa", ha ricordato Carelli. Che precisa: "Drivalia Car Rental rappresenta uneccellenza nel noleggio short-term e consentirà a Leasys di ritagliarsi un ruolo ancora più significativo quale player globale e integrato della mobilità, in particolare ibrida ed elettrica, grazie ai nuovi prodotti di FCA, ampliando la propria flotta e i servizi innovativi per la clientela". Anche per il presidente e fondatore di Drivalia Car Rental, FRANCISCO MARCOS, lassunzione del controllo da parte di Leasys rappresenta "una magnifica opportunità". La società di noleggio a lungo termine controllata di FCA Bank opera già in otto Paesi europei (12 entro fine 2020) e punta a espandere le proprie attività anche nel settore del breve termine: lobiettivo è raggiungere una flotta gestita complessiva di 400.000 veicoli e oltre 1.200 Leasys Mobility Store in Europa entro il 2021. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/noleggio/2020/10/12/leasys_prosegue_nell_internazionalizzazione_e_nel_lancio_di_nuovi_prodotti.html [2] https://www.quattroruote.it/tags/leasys [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FCA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NOLEGGIO/2020/03/02/MERCATO_LEASYS_COMPRA_IL_GRUPPO_AIXIA_IN_FRANCIA.HTML 2020-11-18 15:15:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/18/rent_a_car_europcar_allunga_la_durata_dei_contratti/gallery/rbig/2020_europcar_long_term_solutions.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33180 Rent-a-car - Europcar allunga la durata dei contratti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33180&tipo=fv Le distanze tra il NOLEGGIO A LUNGO [1] e a BREVE TERMINE [2] si accorciano sempre di più. Con il lungo a rendere i contratti più corti, tramite il mid term e, dallaltro lato, il breve a proporre soluzioni sempre più flessibili che arrivano anche ai 24 mesi. il caso del rent-a-car transalpino EUROPCAR [3], il quale ora propone tre formule, illustrate dal direttore vendite e marketing di Europcar Italia RICCARDO MASTROVINCENZO: "La prima è superflessibile, parte da un mese e non ha vincoli temporali; la seconda è una proposta flessibile da tre mesi, dal costo leggermente inferiore e senza vincoli temporali, se non il trimestre di partenza (Flex, _ndr_); lultima, infine, parte da nove mesi, costa sensibilmente meno e ha un commitment temporale più forte, con una rimodulazione del canone in caso di uscita anticipata (Flex+, _ndr_)". FOCUS SU LONG TERM SOLUTIONS. Europcar ha declinato la proposta Long term solutions sia sui privati, sia sulle aziende e i professionisti, con unofferta che interessa tutta la flotta del noleggiatore, dalle auto (con unetà media che va da sei a otto mesi) ai furgoni. "Per la grande maggioranza delle aziende, gli ultimi mesi sono stati estremamente difficili", commenta il direttore vedidte del gruppo JOSé BLANCO. "Oggi hanno bisogno della massima flessibilità per adattarsi ad un futuro ancora incerto. Ci siamo quindi concentrati sullo sviluppo di una gamma di prodotti altamente flessibili, delle soluzioni di noleggio a lungo termine su misura, che riguardano sia le auto sia i veicoli commerciali leggeri e che possono aiutare le aziende ad adattarsi rapidamente ed efficacemente alla domanda. Naturalmente, abbiamo aggiunto ulteriori misure di pulizia dei mezzi per far fronte alla diffusione del coronavirus, per dare alle aziende unulteriore serenità (con il Safety Program, _ndr_)". Al momento, queste offerte sono valide in Francia, Belgio, Germania, Irlanda, Spagna, Portogallo, Regno Unito e Italia, con altri Paesi in arrivo nei prossimi mesi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_BREVETERMINE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/EUROPCAR 2020-11-18 15:15:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/18/mercedes_amg_gt_record_al_nurburgring_per_la_black_series/gallery/rbig/2020-mercedes-amg-gt-black-series-record-nurburgring-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33179 Mercedes-AMG GT - Record al Nürburgring per la Black Series http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33179&tipo=fv Crolla il RECORD DELLA LAMBORGHINI AL NüRBURGRING [1] che resisteva dal 2018: la MERCEDES-AMG GT BLACK SERIES [2] ha siglato un nuovo primato sullAnello Nord con un tempo di 6 minuti e 43 secondi sul tracciato da 20,6 km, battendo così la Aventator SVJ di appena 1,35 secondi. Il crono sui 20,832 km totali della pista, utilizzato per altre misurazioni, è invece pari a 6 minuti e 48 secondi. Le prove sono state effettuate nello stesso giorno in cui è stato siglato il record della GT 63 S [3], quindi con una temperatura di 7 gradi e con alcune sezioni della pista non ancora perfettamente asciutte. TUTTE LE REGOLAZIONI SCELTE DA ENGEL. Il tempo è stato ottenuto dal pilota ufficiale GT3 Maro Engel con una vettura di serie, forte dei 730 CV del V8 biturbo modificato espressamente per la Black Series, dotata di Track Package. La supersportiva è stata impostata con lo splitter anteriore in posizione Race e con lalettone posteriore nella regolazione media, inoltre è stata scelta la mescola morbida delle Michelin Pilot Sport Cup 2 R sviluppate espressamente per questa coupé. Lassetto, poi, è stato abbassato rispetto a quello previsto per lutilizzo stradale. I tecnici hanno altresì portato al massimo il valore di camber negativo consentito dalle sospensioni: -3,8 allanteriore e -3,0 al posteriore, aggiungendo allequazione anche la regolazione più dura delle barre antirollio. Forte della sua esperienza nelle competizioni, Engel ha sfruttato le posizioni 6 e 7 del controllo di trazione, modificando il settaggio in base alle sezioni della pista di volta in volta affrontate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2018/07/26/LAMBORGHINI_AVENTADOR_SVJ_RECORD_NURBURGRING_NORDSCHLEIFE_TEMPO_VIDEO_FOTO.HML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/10/05/MERCEDES_AMG_GT_BLACK_SERIES_IN_PISTA_CON_LA_PIU_ESTREMA_DELLE_COUPE_DI_AFFALTERBACH.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/11/11/MERCEDES_AMG_GT_63_S_RECORD_NURBURGRING.HTML 2020-11-18 13:27:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/18/fca_emissioni_diesel_giudice_americano_respinge_varie_accuse_contro_emanuele_palma/gallery/rbig/2019-sede-fca-usa-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33178 FCA - Emissioni diesel, respinte varie accuse contro lex manager Palma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33178&tipo=fv Si fa meno grave la posizione dellingegnere italiano Emanuele Palma nellambito dellINCHIESTA PENALE DEL DIPARTIMENTO DI GIUSTIZIA DEGLI STATI UNITI [1] sulla manipolazione delle emissioni dei veicoli diesel commercializzati dalla Fiat Chrysler. Nancy Edmunds, giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti di Detroit, ha rigettato diversi capi di imputazione disponendone larchiviazione in vista dellavvio del procedimento giudiziario nel prossimo mese di aprile. LE ACCUSE. ARRESTATO NEL SETTEMBRE DELLANNO SCORSO [2], Palma è accusato di aver indotto il costruttore italo-americano a trasmettere alle autorità di vigilanza statunitensi informazioni errate e fuorvianti sui sistemi di controllo delle emissioni dei motori diesel. I capi di imputazione a suo carico sono in tutto tredici: di questi, il giudice ne ha respinti quattro più parte di un quinto, legati allaccusa di "truffa telefonica"; il giudice ha spiegato come il rapporto causale tra il presunto inganno e il danno ai clienti sia "esiguo nella migliore delle ipotesi". Palma è lunico manager della Fiat Chrysler sottoposto a procedimento giudiziario nella maxi-inchiesta avviata dalle autorità statunitensi sulla vicenda delle delle emissioni inquinanti manipolate, unindagine partita con lo scoppio del dieselgate della Volkswagen. Nel caso del gruppo tedesco, i manager sotto accusa sono nove, di cui due già condannati e finiti in carcere dopo una dichiarazione di colpevolezza. Altri sette, tra cui lex amministratore delegato Martin Winterkorn, non sono mai comparsi davanti a un tribunale statunitense: Winterkorn, per esempio, è in Germania, Paese che difficilmente soddisfa eventuali richieste di estradizione provenienti dallestero a causa di alcuni limiti stabiliti dal suo dettato costituzionale sul fronte della tutela dei cittadini tedeschi. IL CASO FCA. Il procedimento in capo a Palma, come detto, rientra nel quadro del processo penale sulle emissioni. La Fiat Chrysler ha già raggiunto con il dipartimento di Giustizia, il California Air Resources Board e i proprietari dei veicoli un ACCORDO DA 800 MILIONI DI DOLLARI [3] per chiudere tutte le pendenze civili, ma deve ancora affrontare il procedimento penale. Nel mese scorso, in occasione della pubblicazione dei risultati trimestrali, i vertici aziendali hanno deciso di contabilizzare un accantonamento di 222 milioni di euro (263 milioni di dollari) per coprire eventuali esborsi legati allindagine penale del Dipartimento. I colloqui per un accordo di patteggiamento sono attualmente in corso e non sono state fornite indicazioni sui relativi tempi, anche se la decisione di procedere con gli accantonamenti suggerisce la possibilità che una conclusione non sia lontana. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA/2017/05/23/EMISSIONI_DIESEL_GLI_STATI_UNITI_FANNO_CAUSA_AL_GRUPPO_FCA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/24/GRUPPO_FCA_USA_ARRESTATO_UN_DIRIGENTE_PER_IL_CASO_DELLE_EMISSIONI_DIESEL.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/01/10/EMISSIONI_DIESEL_FCA_PAGHERA_OLTRE_700_MILIONI_DI_DOLLARI_PER_CHIUDERE_LA_CAUSA_NEGLI_USA.HTML 2020-11-18 12:56:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/18/cinema_i_film_con_gli_inseguimenti_d_auto_piu_emozionanti_foto_gallery/gallery/rbig/film-inseguimenti-auto-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33177 Cinema - I film con gli inseguimenti dauto più emozionanti - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33177&tipo=fv Film che fanno venire il batticuore. E no, non è tanto per dire, perché parliamo di una top 20 delle più emozionanti scene di inseguimenti dauto basata sui battiti cardiaci degli spettatori, misurati durante le proiezioni. LINIZIATIVA. Lindagine è stata commissionata da Money.co.uk, un portale britannico di comparazione prezzi, e ha coinvolto cento volontari ai quali sono state mostrate le sequenze al volante di varie opere dintrattenimento, individuate analizzando i commenti e le recensioni di portali come Imdb, Rotten Tomatoes e Reddit, ma anche le scelte degli esperti di cinema. I RISULTATI. La scena più emozionante ha fatto registrare una media di 85 battiti al minuto tra il pubblico, con un incremento del 33% rispetto al valore a riposo di 64 pulsazioni ogni 60 secondi, misurato prima delle proiezioni. Senza anticipare nulla, troverete la classifica completa nella nostra galleria dimmagini, in buona parte costituita da FILM OGGI DISPONIBILI IN STREAMING [1] sulle principali piattaforme. Al termine della top 20, inoltre, vi sveleremo le opere più adrenaliniche di un celebre franchise legato al mondo delle auto e il volto dellattore "jolly", la cui presenza nel cast, come emerso dallindagine, è garanzia di successo per questi titoli. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2020/11/15/motori_e_lockdown_film_serie_e_documentari_in_streaming_foto_gallery.html 2020-11-18 12:56:21 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/18/infiniti_qx55_immagini_interni_motori_uscita/gallery/rbig/2020-infiniti-qx55-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33176 Infiniti QX55 - Tolti i veli alla Suv coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33176&tipo=fv INFINITI [1] ha presentato la QX55 [2], inedita Suv coupé che sarà proposta a partire dalla primavera 2021 sul mercato americano, ma destinata anche ad alcuni Paesi asiatici. In Europa, invece, il marchio premium della Nissan ha deciso tempo fa di chiudere le operazioni, dunque difficilmente vedremo questa vettura sulle nostre strade. PUNTA TUTTO SULLE STILE E SULLE FINITURE. Annunciata come PORTATRICE DI UN NUOVO LINGUAGGIO STILISTICO [3] che punta a svecchiare limmagine del brand, la Infiniti QX55 deriva dalla QX50 [4], rispetto alla quale si differenzia nei paraurti e nella coda, con la dichiarata intenzione di citare la FX degli anni 2000. Particolarità del modello sono i gruppi ottici posteriori a Led "Digital Piano Key", caratterizzati da 45 elementi singoli per lato: una soluzione che deriva direttamente dalla concept QX60 Monograph. Gli interni riprendono la configurazione dellabitacolo della QX50, con la strumentazione analogica e il doppio display centrale InTouch per linfotainment e i comandi secondari. Sulla vettura si nota anche grande attenzione alle finiture, con ricercati abbinamenti bicolore e la possibilità di ottenere rivestimenti in pelle semi-anilina negli allestimenti di punta. CONFERMATO IL VC-TURBO. Negli Stati Uniti, la Infiniti QX55 offrirà di serie la trazione integrale, mentre il propulsore è il noto 2.0 Turbo VC-Turbo con rapporto di compressione variabile, che eroga una potenza di 271 CV e 380 Nm: questo propulsore è abbinato a un cambio automatico CVT. Il Drive Mode Selector con le posizioni Standard, Eco, Sport e Personal modifica la risposta del motore, della trasmissione e del servosterzo. Il pacchetto ProPilot Assist, infine, include gli Adas principali, mentre lhead-up display da 9 pollici rimane disponibile come optional sulla nuova Suv coupé. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/INFINITI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/05/INFINITI_QX55_SPUNTA_UN_NUOVO_TEASER_DELLA_SUV_COUPE.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2020/10/12/infiniti_nakamura_puntiamo_a_modernizzare_il_brand.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2018/02/02/INFINITI_QX50_AL_VOLANTE_DELLA_VERSIONE_CON_MOTORE_VC_TURBO.HTML 2020-11-18 12:04:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/18/honda_civic_prototype_2022_immagini_caratteristiche_video/gallery/rbig/2020-honda-civic-prototype-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33175 Honda Civic - Lundicesima serie prende forma: presentata la Prototype - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33175&tipo=fv La HONDA [1] ha presentato la Civic Prototype, concept che anticipa la undicesima generazione della berlina giapponese, attesa negli Stati Uniti nella seconda metà del 2021. Non ci sono, per il momento, notizie sul futuro di questa vettura in Europa: sarà dunque necessario attendere ulteriori sviluppi per comprendere la strategia della Casa di Tokyo in questo senso. CONFERMATE LE VARIANTI A QUATTRO E CINQUE PORTE, COSì COME LA TYPE R. Cruciale per le vendite della Honda, la Civic conferma la presenza nella gamma delle versioni hatchback e berlina, ma anche delle sportive Si e Type R. Pur trattandosi di un prototipo, appare chiaro come il design della nuova generazione sia già praticamente definitivo e ancora una volta pensato per sottolineare lo spirito dinamico di questo modello. La tinta Solar Flare Pearl esalta particolarmente le linee, che evolvono quelle attuali con forme più scolpite. Nuovo il design dei gruppi ottici a Led anteriori e posteriori, mentre altri dettagli degni di nota includono le finiture nero lucido nei paraurti e il terminale di scarico ovale integrato nel diffusore posteriore. Allaltezza della linea di cintura, in prossimità del montante posteriore, si nota poi uno scalino che va ad aggiungersi ai tratti distintivi della Honda Civic Prototype. La Casa non ha ancora accennato alla gamma dei propulsori, ma ha sottolineato larrivo di nuovi dispositivi di sicurezza: è prevista infatti unevoluzione del pacchetto di Adas Honda Sensing e laggiunta di ulteriori airbag a bordo. NUOVO APPROCCIO PER GLI INTERNI. Gli interni non sono stati mostrati durante la presentazione e sono visibili solo in un bozzetto, ma la Honda ha già confermato che la nuova Civic sarà la prima della sua lunga storia a proporre la strumentazione totalmente digitale. Il riposizionamento dei montanti anteriori e degli specchietti è stato inoltre studiato per migliorare la visibilità. Linfotainment sfrutta un display touch da 9 pollici che svetta sulla plancia: lapproccio minimalista al design interno segna un deciso cambio di passo rispetto al modello uscente, con la palpebra della strumentazione e il tablet dellinfotaiment staccati dalla semplice struttura orizzontale della plancia, i comandi della climatizzazione ridotti a tre elementi circolari e la leva del cambio spostata verso il guidatore, affiancata da due grandi portabicchieri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HONDA 2020-11-18 12:04:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/18/aci_classifica_peggiori_strade_italia_2019_incidenti_vittime_/gallery/rbig/2020-aci-incidenti-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33174 Aci - Le strade più pericolose nel 2019 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33174&tipo=fv LACI [1] ha stilato la classifica delle strade italiane con il maggior numero di incidenti nel 2019. Analizzando i dati è risultato che ben il 74% dei sinistri sono avvenuti nei centri urbani, il 21% su strade extraurbane e solo il 5% in autostrada. Ecco i dettagli. I NUMERI. Nel 2019, il numero degli incidenti e dei morti è risultato leggermente in calo sia sulle strade a pedaggio (rispettivamente -1,5% e -6,9%), sia su quelle extraurbane (rispettivamente -3,8% e -6,8%). Nei centri abitati, invece, i numeri dei sinistri rimangono stabili, ma diminuiscono le vittime (-5%). Queste percentuali emergono dallo studio "Localizzazione degli incidenti stradali 2019" realizzato dallAci, che analizza i 36.526 incidenti, di cui 1.143 mortali, con 1.257 decessi (il 39,6% del totale) e 58.535 feriti, avvenuti su circa 55.000 chilometri di strade della rete principale del nostro Paese, dove lindice di mortalità medio su questa rete è pari a 3,4 morti per 100 incidenti. Sulle autostrade il 20,4% dei sinistri coinvolge dei veicoli industriali, una percentuale in diminuzione rispetto a quello dellanno precedente. Facendo riferimento al 2010, gli incidenti sulle strade a pedaggio sono diminuiti del 22,1% e le vittime del 24,4%, a fronte di una media nazionale rispettivamente del 19% e del 22,9%. Rispetto al 2018, invece, i sinistri sono diminuiti del 2,1% e i decessi del 6,9%. Per quanto riguarda la scansione temporale, gli spostamenti e le partenze nei fine settimana incidono in modo particolare: il venerdì, infatti, è il giorno in cui si verificano più incidenti (14,9%), con la fascia oraria più critica tra le ore 18.00 e le ore 20.00. Nei mesi di giugno e luglio, inoltre, si registrano il maggior numero di eventi, rispettivamente il 10,1% e il 10% del totale. Lindice di mortalità, tuttavia, risulta più elevato a marzo (4,6 decessi ogni 100 incidenti), che si colloca al secondo posto anche per numero assoluto di morti dopo giugno, i quali contano rispettivamente 135 e 147 vittime. IL PEGGIO E IL MEGLIO. Nel 2019 le autostrade urbane si confermano quelle con la maggiore densità di incidenti, a causa degli elevati flussi di traffico e della varietà di mezzi che vi circolano. A fronte di una media nazionale per la rete autostradale di 1,2 incidenti/km, i tratti più critici sono la PENETRAZIONE URBANA DELLA A24 (13,2 incidenti/km), la Tangenziale Nord di Milano nel tratto in provincia di Monza e Brianza (10 incidenti/km) e la diramazione di Catania A18 dir (9,4 incidenti/km). Per le strade extraurbane, dove la media nazionale è di 0,6 incidenti/km, il triste primato spetta alla STATALE 36 DEL LAGO DI COMO E DELLO SPLUGA, nei tratti che attraversano la provincia di Milano (8,3 incidenti/km) e in provincia di Monza e Brianza (7,6 incidenti/km), seguita dalla SS131 dir-Carlo Felice in provincia di Cagliari (7,2 incidenti/km). Rispetto al 2018, invece, le strade nelle quali si contano meno sinistri sono: la SS 313 DI PASSO CORESE, in provincia di Rieti, la SS 186 di Monreale, in provincia di Palermo, la SS 254 di Cervia, in particolare in provincia di Forlì-Cesena, e la SS 211 della Lomellina, nella tratta in provincia di Novara. Qui la diminuzione degli incidenti è stata almeno del 45% e non si sono verificati eventi mortali. GLI UTENTI VULNERABILI. Sulle strade extraurbane gli utenti vulnerabili rappresentano ancora una quota molto elevata dei decessi, addirittura in aumento rispetto allanno precedente: il 33,8% delle vittime, infatti, è un ciclista, un motocilista o un pedone. Rispetto al 2018, i pedoni morti sono in diminuzione (dal 10,2% al 9,1%), mentre decessi tra i ciclisti aumentano, passando dal 3% al 4,2%. Rispetto al totale delle vittime per modalità di trasporto, i pedoni sono il 21,5%, i ciclisti il 21% e motociclisti il 32,7%, con queste ultime due categorie coinvolte, rispettivamente, nel 18,6% e nel 3,9% degli incidenti stradali. Lindice di mortalità delle due ruote, sia motocicli che biciclette, è molto più elevato di quello delle quattro ruote: si contano, infatti, 3,6 morti ogni 100 mezzi coinvolti in sinistri, rispetto all1,3 delle auto. In cima alle tratte più pericolose per le due ruote spicca la SS 001 AURELIA IN LIGURIA, seguita dal Grande Raccordo Anulare di Roma, la SS 016 Adriatica in provincia di Rimini, la SS 018 Tirrena-Inferiore in provincia di Salerno, la SS 249 Gardesana Orientale in provincia di Verona, la SS 145 Sorrentina in provincia di Napoli, la SS 006 Casilina in provincia di Roma e la Tangenziale Est-Ovest di Napoli. Per quanto riguarda gli investimenti, la maglia nera va allAURELIA, seguita dalla Casilina, la Tirrena Inferiore, la Via Tiburtina Valeria e la Tosco Romagnola. Nel 2019, inoltre, si è verificato più di un investimento mortale sulla SS 007 quater via Domiziana nel Comune di Mondragone, sulla SS016 Adriatica di Bari, sulla SS 004 Salaria nel Comune di Montelibretti e sul Gra di Roma. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ACI 2020-11-18 11:37:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/18/honda_civic_prototype_2022_immagini_caratteristiche_video/gallery/rbig/2020-honda-civic-prototype-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33173 Honda Civic - Lundicesima serie prende forma: svelata la Prototype - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33173&tipo=fv La HONDA [1] ha presentato la Civic Prototype, concept che anticipa la undicesima generazione della berlina giapponese, attesa negli Stati Uniti nella seconda metà del 2021. Non ci sono, per il momento, notizie sul futuro di questa vettura in Europa: sarà dunque necessario attendere ulteriori sviluppi per comprendere la strategia della Casa di Tokyo in questo senso. CONFERMATE LE VARIANTI A QUATTRO E CINQUE PORTE, COSì COME LA TYPE R. Cruciale per le vendite della Honda, la Civic conferma la presenza nella gamma delle versioni hatchback e berlina, ma anche delle sportive Si e Type R. Pur trattandosi di un prototipo, appare chiaro come il design della nuova generazione sia già praticamente definitivo e ancora una volta pensato per sottolineare lo spirito dinamico di questo modello. La tinta Solar Flare Pearl esalta particolarmente le linee, che evolvono quelle attuali con forme più scolpite. Nuovo il design dei gruppi ottici a Led anteriori e posteriori, mentre altri dettagli degni di nota includono le finiture nero lucido nei paraurti e il terminale di scarico ovale integrato nel diffusore posteriore. Allaltezza della linea di cintura, in prossimità del montante posteriore, si nota poi uno scalino che va ad aggiungersi ai tratti distintivi della Honda Civic Prototype. La Casa non ha ancora accennato alla gamma dei propulsori, ma ha sottolineato larrivo di nuovi dispositivi di sicurezza: è prevista infatti unevoluzione del pacchetto di Adas Honda Sensing e laggiunta di ulteriori airbag a bordo. NUOVO APPROCCIO PER GLI INTERNI. Gli interni non sono stati mostrati durante la presentazione e sono visibili solo in un bozzetto, ma la Honda ha già confermato che la nuova Civic sarà la prima della sua lunga storia a proporre la strumentazione totalmente digitale. Il riposizionamento dei montanti anteriori e degli specchietti è stato inoltre studiato per migliorare la visibilità. Linfotainment sfrutta un display touch da 9 pollici che svetta sulla plancia: lapproccio minimalista al design interno segna un deciso cambio di passo rispetto al modello uscente, con la palpebra della strumentazione e il tablet dellinfotaiment staccati dalla semplice struttura orizzontale della plancia, i comandi della climatizzazione ridotti a tre elementi circolari e la leva del cambio spostata verso il guidatore, affiancata da due grandi portabicchieri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HONDA 2020-11-18 11:09:26 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/18/stati_uniti_nasce_l_associazione_zeta_obiettivo_vendita_sole_auto_elettriche_dal_2030/gallery/rbig/2020-zeta-associazione-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33172 Stati Uniti - Debutta la maxi coalizione green: "Obiettivo 100% auto elettriche nel 2030" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33172&tipo=fv Negli Stati Uniti è nata unassociazione di imprese tecnologiche, automobilistiche, industriali ed energetiche che si è posta lobiettivo di promuovere una vasta e rapida adozione delle auto elettriche sul territorio. Si chiama Zero Emission Transportation Association (ZETA) e la sua "mission" è ben evidenziata sul sito web dedicato WWW.ZETA2030.ORG: lorganizzazione si definisce "la prima coalizione del suo genere sostenuta dal comparto industriale" per promuovere politiche nazionali che puntino, per il 2030, alla vendita di soli veicoli elettrici sul mercato statunitense. "Il raggiungimento di questo obiettivo creerà centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro, garantirà la leadership americana nella produzione di veicoli elettrici a livello mondiale, migliorerà notevolmente la salute pubblica e ridurrà significativamente linquinamento da carbonio", sottolinea lassociazione. GLI ASSOCIATI. Il sodalizio, che ha sede a Washington, è promosso da 28 grandi società dei più svariati settori. Si va dai produttori di veicoli alla spina, come la TESLA [1], la RIVIAN [2], la Lordstown Motors e la LUCID MOTORS [3], a multinazionali industriali del calibro della Siemens e della Abb, da società energetiche o utility locali (Edison International, Duke Energy) a compagnie minerarie (Piedmont Lithium) fino a operatori specializzati quali ENEL X [4], il braccio dellomonima multinazionale italiana attivo nei servizi per la ricarica delle auto elettriche, o UBER [5]. LA MISSIONE. Per la prima volta in una generazione, i trasporti sono il principale produttore di emissioni di carbonio negli Stati Uniti. Abbracciando i veicoli elettrici, i responsabili politici federali possono aiutare a guidare linnovazione, creare centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro e migliorare la qualità dellaria e la salute pubblica", ha affermato il direttore esecutivo dellassociazione, Joe Britton. Il prossimo decennio sarà fondamentale nellattuazione delle politiche federali che accelerino la transizione verso i veicoli a zero emissioni e aiutino ad affrontare questi problemi a testa alta. Il settore dei veicoli puliti vanta già centinaia di migliaia di posti di lavoro ma, se incoraggiamo la sua crescita, gli Stati Uniti possono vincere in modo decisivo la corsa globale per sviluppare una nuova economia del trasporto pulito e impiegare centinaia di migliaia di americani a casa loro". LE RICHIESTE. Lassociazione non chiede lo stop alla vendita di nuove auto a benzina ed esclude di avviare campagne di "lobbying" finalizzate a imporre un obbligo per la commercializzazione di veicoli a zero emissioni su tutto il territorio nazionale. Zeta, infatti, punta a politiche federali che promuovano la vendita di auto elettriche e non una loro imposizione, con lobiettivo di creare unecosistema favorevole a una mobilità pulita. In particolare, Zeta chiede lattuazione di cinque pilastri politici chiave che possono, insieme, porre lAmerica sulla strada giusta verso la piena adozione di veicoli elettrici entro il 2030: incentivi ai consumatori che incoraggino lacquisto di auto alla spina; standard federali per consumi ed emissioni che consentano la piena elettrificazione entro il 2030; forti investimenti sulle infrastrutture di ricarica; politiche federali che sostengano la creazione di posti di lavoro e le attività economiche lungo lintera filiera dei veicoli elettrici e il loro ciclo di vita, dalle materie prime fino al prodotto finito; sostegno federale a investimenti in ricerca e sviluppo per definire una "visione allineata" sullelettrificazione e garantire che, a livello locale, ci siano le competenze e le risorse per supportare il passaggio integrale verso la mobilità elettrica. previsto, inoltre, anche il lancio di uno Zeta Education Fund, uno strumento incentrato sulla promozione, presso il pubblico, dei vantaggi e delle opportunità ambientali e sociali associate a una pervasiva adozione dei veicoli elettrici. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [3] https://www.quattroruote.it/tags/lucid-motors [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ENEL-X [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/UBER 2020-11-18 10:39:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/16/regno_unito_lo_stop_alle_vendite_delle_endotermiche_potrebbe_essere_anticipato_al_2030/gallery/rbig/2020-Boris-Johnson-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33171 Regno Unito - Lo stop alla vendita di endotermiche sarà anticipato al 2030 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33171&tipo=fv Boris Johnson ha confermato la sua intenzione di voler stoppare le vendite di nuove auto endotermiche a benzina e a gasolio a partire dal 2030, ovvero CINQUE ANNI PRIMA DI QUANTO LO STESSO PREMIER BRITANNICO [1] aveva dichiarato in precedenza: lo ha anticipato il Financial Times. SI SALVANO LE IBRIDE ALLA SPINA. Le intenzioni di Johnson sono note da tempo, così come la sua volontà di voler ACCELERARE IL PIù POSSIBILE LE MISURE [2] per raggiungere gli obiettivi sul clima, in particolare quello delle emissioni zero entro il 2050. Gli ultimi sviluppi, però, hanno aggiunto un dettaglio non certo irrilevante alla vicenda: dalle drastiche misure di Downing Street, infatti, si salveranno, nonostante la presenza nel cofano di un motore tradizionale, le auto ibride plug-in, inizialmente incluse nel piano. ACCELERAZIONE BRUCIANTE. La decisione anticipa di ben 10 anni i tempi previsti allinizio, quando lesecutivo britannico aveva fissato come orizzonte il 2040 per lo stop allimmatricolazione delle endotermiche. Il nuovo programma mette lintera filiera automobilistica locale di fronte a una sfida estremamente difficile: non solo perché sarà necessaria una riconversione molto più rapida, con lelettrico al centro, ma anche perché il mercato dovrà avere modo di adattarsi, e non è detto che questo accada in tempi compatibili con quelli stabiliti dalla politica. SCENARIO LONTANO DALLA REALTà. Oggi, nel Regno Unito le auto vendute sono per quasi il 74% a benzina o a gasolio, mentre le elettriche si fermano a una quota del 5,5% e le ibride di vario tipo si suddividono la restante parte. I numeri fotografano, dunque, una situazione ancora molto lontana dallo scenario ipotizzato da Johnson. Già in passato, quando il premier britannico aveva dichiarato di voler anticipare la misura al 2035, lSsmt (associazione che rappresenta produttori e commercianti di automobili locali) aveva evidenziato gli squilibri derivanti da una simile decisione, soprattutto in assenza di politiche ad hoc a sostegno del comparto per il repentino cambiamento di paradigma che dovrà affrontare. OLTRE TRE MILIARDI PER SVILUPPARE LA MOBILITà ELETTRICA. Una parziale risposta lha data lo stesso primo ministro, sempre delle colonne del Financial Times. " ora di pianificare una green recovery (una ripresa allinsegna dellecologia, _ndr_)" ha detto Johnson, annunciando investimenti per 2,8 miliardi di sterline (3,13 miliardi di euro) nellelettrico, con lintenzione di indirizzare i fondi verso la creazione di nuovi punti di ricarica e nella produzione delle batterie. Lintero piano per la svolta green e il raggiungimento degli obiettivi sul clima mobiliterà nel complesso 12 miliardi di sterline (13,41 miliardi di euro). Secondo quanto promesso, il programma contribuirà inoltre a creare o sostenere 250 mila posti di lavoro altamente qualificati entro il 2030. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/02/04/REGNO_UNITO_JOHNSON_AL_BANDO_LE_VENDITE_DI_AUTO_A_BENZINA_DIESEL_E_IBRIDE_DAL_2035.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/13/REGNO_UNITO_IL_BANDO_ALLA_VENDITA_DELLE_AUTO_ENDOTERMICHE_POTREBBE_ESSERE_ANTICIPATO_AL_2032.HTML 2020-11-18 10:13:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/17/mercato_europeo_a_ottobre_le_immatricolazioni_tornano_in_negativo_7_1_/gallery/rbig/2020-mercato.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33170 Mercato europeo - A ottobre le immatricolazioni tornano in negativo: -7,1% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33170&tipo=fv Il mercato automobilistico europeo torna in territorio negativo dopo leffimero segnale di ripresa lanciato a SETTEMBRE [1], il quale aveva evidenziato una crescita (la prima dellanno) dell1,1%. Secondo i dati dellAcea (lassociazione europea dei costruttori di auto), a ottobre le immatricolazioni nellarea Ue+Efta (compreso il Regno Unito) si sono infatti attestate su 1.129.223 unità, il 7,1% in meno rispetto allo stesso mese dellanno scorso. SITUAZIONE DRAMMATICA. La contrazione di ottobre non fa che peggiorare una situazione pesantemente influenzata dalle conseguenze della crisi del coronavirus, come dimostrato dalla perdita di circa un terzo delle immatricolazioni. Nei primi dieci mesi dellanno, le registrazioni sono state 9.696.828, pari a un calo del 27,3%. PRIMATO ALLITALIA. Fra i principali mercati del Vecchio continente, la miglior performance è ancora una volta appannaggio dellItalia, cresciuto del 9,5% a settembre e in flessioni dello 0,2% a ottobre. In ogni caso, si tratta di un risultato decisamente migliore rispetto ai principali Stati europei: il Regno Unito ha perso l1,6%, la Germania il 3,6%, la Francia il 9,5% e la Spagna il 21%. Il consuntivo dei primi dieci mesi dellanno sostanzia il quadro negativo della situazione: Spagna -36,8%, Regno Unito -31%, Italia - 30,9%, Francia -26,9%, Germania -23,4%. SALE FCA. Tra i maggiori costruttori, solo due risultano in crescita a ottobre: tra questi figura il gruppo Fiat Chrysler con 70.172 immatricolazioni e un miglioramento del 3,2% grazie soprattutto alla Fiat (+5,5%) e alla Jeep (+6,7%), che hanno annullato le contrazioni degli altri marchi: -2,8% per la Lancia, -20,2% per lAlfa Romeo e -38,8% per la Maserati. TEDESCHI IN CALO. Performance negative per i costruttori automobilistici tedeschi: il gruppo Volkswagen, con 283.115 immatricolazioni, perde il 7,5%. Il marchio omonimo scende del 17,2%, la Skoda dell1,5%, la Seat dell11,7% e la Porsche del 25,5%. In controtendenza lAudi con un +19,4% e il polo del lusso composto da Bentley, Lamborghini e Bugatti con +15%. Male anche la Daimler: le registrazioni, pari a 79.231, scendono del 7,2%, con la Mercedes-Benz in contrazione del 3,3% e la Smart del 48,9%. Il gruppo BMW immatricola 77.717 veicoli e subisce un calo dell11,8, con il marchio omonimo in discesa del 914,3% e la Mini (-2%). I FRANCESI. Tra i costruttori dOltralpe, il gruppo PSA registra 171.837 immatricolazioni, il 5,3% in meno rispetto ottobre 2019. Tra i vari marchi, la Peugeot scende del 5%, la Citroen del 12,3% e la DS del 17,9%, mentre la Opel guadagna il 3,3%. Meglio la connazionale Renault: le immatricolazioni di gruppo, pari a 118.382 unità, salgono dello 0,5%, con il brand della Losanga in ascesa dell1,2% e la Dacia dello 0,1%, mentre la Lada e lAlpine perdono, rispettivamente, l87,4% e il 50,3%. MALE FORD, VOLVO E LE INGLESI. Tra le altre Case occidentali, la Ford, con 59.211 unità registrate, risulta in calo del 21,3%, mentre la Volvo segna un -1,8% (27.847 immatricolazioni). La Jaguar Land Rover immatricola 13.457 veicoli e perde il 16,5% per via del -33,4% del marchio del giaguaro e del -8,9% delle fuoristrada di lusso. LE ASIATICHE. Tra i costruttori asiatici, il gruppo Toyota scende del 6% a causa soprattutto del -6,1% del marchio omonimo (-4,4% per la Lexus). In discesa anche la Nissan (-14,1%), la Honda (-5,4%) , la Mitsubishi (-32,1%) e la Mazda (-34,6%). Infine, il gruppo Hyundai immatricola 81.128 unità e flette del 7,2%, con il marchio omonimo in discesa del 14,6% e la Kia in crescita dell1,1%. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/10/15/MERCATO_EUROPEO_LIEVE_RIPRESA_A_SETTEMBRE_1_1_.HTML 2020-11-18 09:15:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/17/gruppo_volkswagen_artemis_progetto_ammiraglia_elettrica_landjet/gallery/rbig/2020-volkswagen-fabbrica-hannover-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33169 Gruppo Volkswagen - Lunità Artemis al lavoro sullo sviluppo dellammiraglia elettrica Landjet http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33169&tipo=fv Lammiraglia elettrica del GRUPPO VOLKSWAGEN si farà e sarà prodotta a Hannover sotto il nome in codice LANDJET. Queste le anticipazioni fornite dalla testata tedesca Handelsblatt e da Autonews, che si spingono oltre fornendo anche alcuni dettagli sui marchi che prenderanno parte a questa importante operazione strategica. AUDI, BENTLEY E PORSCHE. Per i costruttori coinvolti si tratta di un ulteriore passo avanti nel processo di transizione verso la mobilità a zero emissioni. A capo del progetto figurerebbe lAudi attraverso il gruppo di lavoro ARTEMIS [1], creato proprio per rendere più agevole la nascita di un simile modello. Oltre alla Casa dei Quattro Anelli, poi, sarebbero coinvolte anche la Bentley e la Porsche: la prima ha appena dichiarato di voler ABBANDONARE I MOTORI ENDOTERMICI [2] dal 2030 e presenterà la sua prima EV nel 2025, mentre la seconda è stata la prima a esplorare il settore attraverso la Taycan e ha già fornito allAudi i mezzi per realizzare la E-TRON GT [3]. UNA SUV A SETTE POSTI. La Landjet dovrebbe offrire sette posti e avere, presumibilmente, le forme di una grande Suv. Non si escludono, tuttavia, delle alternative più originali grazie alle libertà offerte dalla piattaforma. Con unautonomia sulla carta di 650 km e prestazioni di alto livello, la vettura potrebbe debuttare già nel 2024 sotto il marchio di Ingolstadt, seguita a distanza dalle due cugine. La scelta di produrre la vettura nello stabilimento Volkswagen di Hannover, inoltre, sarebbe dettato da due motivi: esigenze logistiche e costi ridotti rispetto alle fabbriche Audi. Non è un caso, quindi, che il gruppo tedesco abbia già annunciato larrivo, proprio a Hannover, di tre nuovi modelli nei prossimi anni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/29/GRUPPO_VOLKSWAGEN_NASCE_L_UNITA_ARTEMIS_DIRETTA_DA_ALEX_HITZINGER.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/05/BENTLEY_DAL_2030_SOLO_ELETTRICHE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/05/AUDI_E_TRON_GT_NUOVI_DETTAGLI_SULLA_PRIMA_RS_ELETTRICA.HTML 2020-11-17 19:12:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/17/daimler_nuove_sinergie_con_geely_per_produrre_i_motori_a_benzina/gallery/rbig/2019-gruppo-Daimler-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33168 Daimler - Nuove sinergie con Geely per produrre i motori a benzina http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33168&tipo=fv Il gruppo DAIMLER [1] è pronto a rafforzare i legami con la cinese GEELY [2] per produrre una nuova generazione di motori a benzina: lanticipazione arriva dalla testata finanziaria tedesca Handelsblatt e avrebbe trovato conferme da fonti interne al gruppo tedesco. INGENTI RISPARMI. Loperazione punta chiaramente a realizzare delle sinergie per tagliare sensibilmente i costi. Secondo le prime indiscrezioni, questa mossa garantirebbe a Daimler risparmi per qualche centinaia di milioni di euro. In base allaccordo, i propulsori verrebbero sviluppati dai tedeschi e prodotti in Europa dalla Mercedes, mentre in Cina verrebbero assemblati direttamente dalla Geely, della quale Daimler detiene una quota azionaria del 9,7% circa. I LEGAMI CON LA RENAULT. La nuova partnership pone chiaramente degli interrogativi sullattuale collaborazione in atto tra il gruppo tedesco e la Renault, che prevede, tra laltro, lo sviluppo congiunto di un motore turbobenzina da 1.3 litri, in dote, volendo fare un esempio per parte, alla Classe A e alla Mégane. Una volta ufficializzato lasse sino-tedesco sul fronte della produzione dei propulsori, Stoccarda potrebbe cessare laccordo con i francesi, dai quali la Mercedes riceve in fornitura motori a gasolio, come l1.5 utilizzato dalle berline compatte della Stella e dalla crossover GLA e l1.6 montato sul van Vito. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DAIMLER [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GEELY 2020-11-17 18:43:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/17/carpooling_roma_bepooler_mobilita/gallery/rbig/2020-bepooler-roma-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33167 Roma Capitale - Accordo con BePooler per la mobilità di dipendenti e universitari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33167&tipo=fv ROMA CAPITALE [1] ha scelto la svizzera BEPOOLER come partner per il CARPOOLING [2] riservato ai dipendenti del Comune e agli studenti delle Università statali della città. Il progetto dellamministrazione capitolina, realizzato attraverso la società Roma Servizi per la Mobilità, è uno dei capisaldi del "Piano sulla mobilità sostenibile" e si rivolge alla platea dei circa 24.000 dipendenti del Campidoglio, dislocati nelle numerose sedi sul territorio, e degli oltre 180.000 universitari che gravitano attorno ai tre Atenei pubblici. UN AIUTO AL TRASPORTO PUBBLICO. Lazienda, nata nel 2015, è già la leader tecnologica in Europa per il trasporto condiviso ed è stata selezionata al termine di una sperimentazione. Lauspicio è che oltre 200.000 utenti possano scegliere questa opzione in alternativa al trasporto pubblico locale, in modo da allentare la pressione che grava su di esso. Come spiegato alla presentazione del progetto, BePooler offre un carpooling tracciato e certificato che è "perfettamente coerente anche con le recentissime indicazioni ministeriali per il trasporto con auto privata tra membri non conviventi, che debbono viaggiare distanziati indossando la mascherina fino a tre componenti (il guidatore sul sedile anteriore e fino a due passeggeri sul sedile posteriore)". Il servizio, che sarà lanciato a breve, fornirà ai dipendenti comunali e agli studenti anche ulteriori vantaggi, come i parcheggi dedicati, laccesso ad alcune ZTL e il transito privilegiato su alcune direttrici. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ROMA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CARPOOLING 2020-11-17 17:25:34 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/17/ford_kuga_hybrid_allestimento_motore_uscita/gallery/rbig/2020-ford-kuga-hybrid-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33166 Ford Kuga - In arrivo la full hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33166&tipo=fv La gamma della FORD [1] Kuga continua ad arricchirsi di varianti dedicate al mercato europeo offrendo una scelta sempre più ampia di powertrain: dopo la plug-in hybrid a benzina e la ECOBLUE MILD HYBRID 48V A GASOLIO [2], viene presentata ora la versione Hybrid, già annunciata nei mesi scorsi. 190 CV E 1.000 KM DI AUTONOMIA. La Ford Kuga Hybrid utilizza un quattro cilindri 2.5 benzina a ciclo Atkinson abbinato a un sistema full hybrid per una potenza totale di 190 CV. I clienti potranno scegliere tra le declinazioni a trazione anteriore e integrale. La vettura dichiara fino a 1.000 km con un pieno da 54 litri di benzina: lauto sfrutta la gestione automatica della parte elettrica per le fasi di partenza e di coasting grazie alla batteria da 1,1 kWh ricaricata in frenata e il rilascio. Quanto a consumi, la Ford comunica ufficialmente per la Kuga Hybrid una media Wltp di 5,4 l/100 km con 125 g/km di CO2 emessa. Inoltre, la versione a trazione anteriore può trainare rimorchi fino a 1.600 kg. IL CAMBIO AUTOMATICO CVT. La Ford ha sviluppato per la Hybrid un cambio automatico CVT a variazione continua dedicato, che nelle modalità di guida Normal e Sport simula il passaggio ai rapporti tradizionali per ridurre leffetto di trascinamento. Il sistema consente alla vettura di toccare i 100 km/h da fermo in 9,1 secondi, ma è anche attento a contenerne la rumorosità facendo lavorare il powertrain nei regimi ideali di rotazione. Se cè la trazione integrale, questultima limita al massimo gli attriti scollegando lasse posteriore quando non indispensabile. NUOVI ADAS PER TUTTE LE KUGA. In occasione dellarrivo della Hybrid, lintera gamma della Kuga è stata anche arricchita con alcuni nuovi adas. Ai vari cruise control adattivo con Stop Go, Speed Sign Recognition, Lane Centring e Active Park Assist si aggiungono infatti il Lane Keeping System con Blind Spot Assist e lIntersection Assist. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/02/NUOVA_FORD_KUGA_DIMENSIONI_MOTORE_IBRIDO.HTML 2020-11-17 15:02:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/17/mercato_ottobre_interlocutorio_ma_e_boom_per_i_veicoli_commerciali/gallery/rbig/2020_veicoli_commerciali.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33165 mercato - Ottobre interlocutorio, ma è boom per i veicoli commerciali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33165&tipo=fv Auto giù, veicoli commerciali leggeri su. E con un notevole +47,19%. Il mese di ottobre vede il MONDO DEL NOLEGGIO [1] in chiaroscuro, con le AUTO [2] a meno 7,75% e i VEICOLI COMMERCIALI [3] in grande spolvero secondo i dati DATAFORCE. Numeri, questi, che portano il totale del cumulato da inizio anno a 169.887 contratti per le auto a noleggio, con una flessione del 28,1% (allappello mancano oltre 66 mila vetture) e un meno 15,4% per i furgoni (5.500 veicoli in meno), e che avranno la prova del nove a novembre: un mese durante il quale sembra prefigurarsi un vero e proprio boom delle immatricolazioni (anche se peserà lesaurimento degli incentivi, soprattutto nella fascia 91-110 gr/km), visto che i primi 15 giorni indicano già un +75% per le auto (+46,41% il noleggio a lungo, +37,48% le flotte di proprietà e +92,68% per i privati) e un +39% per i veicoli commerciali. Dopo un settembre positivo (+10,1%), anche ottobre vede un noleggio a breve termine in crescita sulle nuove immatricolazioni (+7,71%), per quanto da inizio anno si siano contratte del 51,59% (78.319 unità, 84 mila in meno sul 2019), con i veicoli commerciali che calano ma "solo" del 26,26% (2700 unità mancanti allappello), grazie anche a un ottobre positivo (+9,35%). PREVISIONI DATAFORCE. Se la stima sulla chiusura danno a 1.350.000 auto rimane inalterato, cambia il mix dei canali: il noleggio a lungo termine chiuderà con 205.000 nuove immatricolazioni (15,2% del mercato), mentre il breve si attesterà su 95.000 (7% di market share), con un pesante -46,8%. Tra i Vcl si ipotizza una chiusura a 145.000 unità (-19,1%) coil Nlt a quota 35.000 (-16,8%) e il breve a 9.000 (-23,1%). "Il blocco del turismo e le restrizioni alla mobilità cittadina stanno continuando a determinare una drammatica contrazione dei volumi per il noleggio a breve termine e il car sharing, mentre nel lungo termine il ciclo economico negativo sta spingendo le aziende al prolungamento dei contratti in essere in attesa di tempi migliori", spiega il presidente ANIASA MASSIMILIANO ARCHIAPATTI, il quale insiste sullidea di ESTENDERE LECOBONUS ALLE VETTURE USATE ELETTRICHE, IBRIDE ED EURO 6 [4]. LE CAPTIVE SI CONSOLIDANO. Tra i noleggiatori, in ottobre le top continuano a soffrire (-7,75%) salvo qualche fortunata eccezione, mentre le captive continuano a macinare immatricolazioni (anche se rallentano a ottobre, chiuso con un +0.97%). Boom, invece, per le immatricolazioni di Vcl, con le top a a +43,95% e le captive a +70,58%. LEASYS continua a mantenere il vertice tra le auto con 35.563 vetture targate da gennaio a ottobre, per un -37,2% anno su anno (market share del 20,9%, con una flessione di 3 punti), seguita a una lunghezza da ARVAL a quota 35.371 vetture (a -18,4%, per 7.975 unità), con una quota di mercato del 20,8%, in crescita di due punti percentuali. Il gradino più basso del podio è solidamente nelle mani di VOLKSWAGEN FINANCIAL SERVICES LEASING, che lo scorso mese aveva superato ALD, per una quota di mercato del 13,2% (a +2,3 punti anno su anno). In ottobre, i tedeschi hanno immatricolato 22.441 vetture, con un -12,7% rispetto al 2019. Per la controllata dal gruppo bancario francese Société Générale, che ha appena presentato il suo piano Move 2025, il calo inizia a diventare pesante, pari a circa il 40%, per sole 19.600 nuove vetture immatricolate, con un market share dell11,5% (-2,3%). Al quinto posto con 17.074 nuove targhe (-38,3%) cè LEASEPLAN, che mantiene una quota di mercato in doppia cifra di un nonnulla: 10,1%. La sua fetta di mercato è sempre poco al di sopra di quota 10,1% (-17%). Oltre ai tre colossi internazionali, ALD Automotive, LeasePlan e Leasys, tutti gli altri operatori registrano passivi importanti, a esclusione di FREE2MOVE LEASE (al settimo posto e con un ottimo +57,7%), SIFà (al nono, con +33,8) e GFC (al quindicesimo, con +32,8%). In sesta posizione ALPHABET mette a segno un -3,5%, mentre allottavo cè UNIPOLRENTAL (ex Car Server) a -23,7%. Seguono MERCEDES-BENZ CHARTERWAY (-13,9%), ES MOBILITY dellalleanza Renault-Nissan (-47,2%), ATHLON (-82,5%) e TOYOTA FLEET MOBILITY, che lo scorso anno non era presente nelle classifiche di Dataforce. La classifcia continua con RENT2GO (-46,2%), PROGRAM (-29,4%) e PAN (-32%). Diversi i noleggiatori in attivo per le immatricolazioni di Vcl, classifica ai vertici della quale si danno battaglia Leasys e Arval, seguite a distanza da LeasePlan. Proprio questultima chiude il periodo in positivo (+20,1%) seguita da UnipolRental (+20,9%), Volkswagen Financial Services (+4,9), Free2Move Lease (+72,5%), Alphabet (+70%) e Rent2Go (+32,1%). GLI OPERATORI DEL BREVE RIALZANO LA TESTA. Passiamo ora alle società Top, ossia i noleggiatori più dimensionati, che rappresentano attualmente il 67,4% del mercato, una quota in flessione a vantaggio dei piccoli e delle società controllate dai concessionari (queste ultime con una quota di mercato del 23%). Nei primi 10 mesi del 2020 , le Top hanno immatricolato 78.319 vetture (ovvero 83.461 unità in meno): la classifica langue, guidata da AVIS BUDGET ITALIA (a -51%), che precede HERTZ ITALIANA (-64,7%). EUROPCAR è al terzo posto e ormai tallona Hertz, con una flessione più contenuta, avendo targato nei 10 mesi 9.399 auto, con un decremento di sole 1.832 unità (-16,3%). Quarta è SIXT, con -52,1%. Al quinto posto cè LOCAUTO, che scende da 9.163 targhe a 5.788 (-36,8%). SICILY BY CAR (-76,3%) precede AUTOVIA (-54,9%). Nelle posizioni successive troviamo GOLDCAR, NOLEGGIARE e DEMONTIS. MODELLI E MOTORIZZAZIONI. Ottobre è sempre terreno di caccia per la PANDA, che raddoppia le immatricolazioni rispetto a 12 mesi fa, con oltre 1.259 unità, seguita dalla PEUGEOT 3008 (n leggero calo), dalla FIAT 500 (a +58,46%), dallALFA ROMEO STELVIO (-22,45%, scivolata dal terzo al quarto posto) e dalla NISSAN QASHQAI (-59,1%, in attesa della nuova generazione). Leggermente diversa la situazione sul cumulato annuo, dove la top 5 è composta nellordine da Fiat Panda, Peugeot 3008, JEEP RENEGADE, VOLKSWAGEN TIGUAN e FIAT 500X. Tra le motorizzazioni lelettrico e librido hanno fatto lennesimo balzo in avanti: +126% per le auto elettriche, +263% per le plug-in, +9% per le full e+352% per le mild. In flessione le immatricolazioni di tutti gli altri tipi di alimentazione: benzina a -35%, diesel a -26%, Gpl a -38%, metano a -9%. Nel cumulato annuo, la flessione delle benzina e delle diesel è similare (rispettivamente -40% e -37%). Positivo, invece, il saldo delle vetture di noleggio a lungo termine alimentate a metano (+13%). Raddoppiate le elettriche (+108%), triplicate le ibride plug-in (+230%) e quadruplicate le mild hybrid (+306%). In flessione, infine, le full hybrid (-13%). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTO_AZIENDALI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/VEICOLI_COMMERCIALI [4] https://www.quattroruote.it/news/noleggio/2020/11/16/aniasa_il_nostro_settore_volano_per_le_auto_elettrificate.html 2020-11-17 15:02:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/17/mini_vision_urbanaut_immagini_dimensioni_caratteristiche_motore_elettrico/gallery/rbig/2020-mini-vision-urbanaut-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33164 Mini Vision Urbanaut - La monovolume elettrica e autonoma traccia la strada per il futuro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33164&tipo=fv La MINI [1] ha presentato la Vision Urbanaut, un prototipo che svela un nuovo approccio per il marchio inglese. Limperativo di questa concept è infatti quello di offrire il maggior spazio interno senza eccedere nelle dimensioni, sfruttando soluzioni come la guida autonoma e il powertrain elettrico. Lattenzione per lambiente è evidente anche nella scelta di materiali riciclati e nellassenza di rivestimenti di pelle e cromature: a dominare sono i tessuti e il sughero. TRE AMBIENTI CON IL TOKEN. Il team coordinato da Adrian van Hooydonk ha immaginato un concetto di mobilità fatto di tre "Mini Moments", ovvero di quellinsieme di occasioni in cui la vettura viene utilizzata dagli utenti in vari contesti, denominati Chill, Wanderlust e Vibe. A cambiare sono sia laspetto interno sia quello esterno delmezzo: per attivare la modifica viene utilizzato il Mini Token, una sorta di gemma ovale che viene inserita in slot differenti del tavolo centrale. Oltre alle tre modalità, è possibile scegliere altre combinazioni, salvando le informazioni nel settaggio My Mini Moments e modificando illuminazione, musica, fragranza della climatizzazione e altri parametri. RELAX, VIAGGIO O CLUB PRIVATO. Nella modalità Chill, la Urbanaut si trasforma in unarea relax da sfruttare da fermo. Il grande schermo retroilluminato mostra limmagine di una foresta, mentre le luci e i suoni interni richiamano al mondo della natura. Lo spazio a disposizione permette di assumere posizioni più ampie e rilassate, mentre la strumentazione viene eliminata. I gruppi ottici e le ruote, infine, mostrano allesterno grafiche astratte ispirate allambiente boschivo. In Wanderlust, invece, tutto è votato al viaggio e alla esplorazione: la strumentazione mostra il percorso di viaggio e le informazioni sulle località attraversate con grafiche ispirate agli anni 50 e 60, mentre sopra ai sedili posteriori vengono proiettate immagini ispirate al movimento e il guidatore può scegliere se gestire manualmente la guida o lasciare tutto in mano al computer. La grafica dei gruppi ottici e delle ruote segnala agli altri utenti se la guida autonoma è attivata. Selezionando la modalità Vibe, infine, la vettura diventa un luogo dincontro, dove è possibile condividere spazio e musica. Con la portiera e il parabrezza aperti, questa concept si apre al mondo, mentre le tinte magenta, nero e tuchese dominano la scena. La strumentazione centrale diventa il centro di controllo dei contenuti multimediali. Gruppi ottici e cerchi di lega si trasformano nei Led dellequalizzatore audio. DISEGNATA DALLINTERNO. La Vision Urbanaut è stata disegnata partendo dallinterno sfruttando la realtà aumentata per creare uno spazio modulare e adattabile a varie esigenze. A fronte di una lunghezza totale di 4,46 metri (16 centimetri in più della attuale Countryman) la piattaforma elettrica ha permesso di ripensare labitacolo, al quale si accede tramite una unica grande porta scorrevole. I posti a disposizione sono quattro, con quelli anteriori che possono ruotare, mentre quelli posteriori possono essere ripiegati. La plancia può modificare la propria forma e abbassarsi, mentre il volante e la pedaliera vengono ritratti e il parabrezza può aprirsi, così da creare una sorta di poltrona con un piccolo balcone (Daybed e Street Balcony nel gergo scelto da Mini). La zona posteriore, dominata da toni più scuri, si trasforma nel Cozy Corner con luci a Led, un tavolo ripiegabile e un ulteriore spazio di seduta sul pavimento quando la portiera aperta. Lapproccio minimalista è stato esteso allinterfaccia utente, eliminando qualunque comando fisico e utilizzando il feedback aptico di una superficie retroilluminata (il Loop) nella zona posteriore e centrale. Il classico strumento circolare Mini si è spostato al centro della vettura e può essere ripiegato per trasformarsi in una sorta di luce da tavolo. MONOVOLUME CON TRATTI DA MINI. Per offrire il massimo dello spazio la Mini ha scelto per la Vision Urbanaut la formula del monovolume, massimizzando il passo e portando quindi le ruote agli angoli del veicolo. Il frontale richiama allo stile classico Mini, ma i gruppi ottici Matrix Led sono ora celati da una struttura in alluminio quando non sono attivati. La griglia assume una forma ottagonale e non più esagonale, ma al posto della gestione del flussi daria viene ora utilizzata per celare i sensori della guida autonoma. Anche i gruppi ottici posteriori adottano la tecnologia Matrix Led. La tinta esterna Zero Gravity Matt con riflessi versi, blu e grigi è stata scelta anche per evitare di oscurare i vetri, ottenendo comunque riflessi in grado di garantire la privacy dei passeggeri. LIDEA DEI MINI CHARMS NEL MONTANTE. I cerchi con finitura Ocean Wave riprendono il motivo della Union Jack e la forma di uno Skateboard per unire la tradizione e lo spirito giovane del progetto: inoltre, la loro costruzione permette di sfruttare unilluminazione interna che viene modificata in base alle impostazioni del Mini Moments. Un ultimo tocco personalizzato è lo spazio presente sul montante posteriore dove trovano posto le Mini Charms: sotto un vetro è possibile applicare adesivi, pin o altri elementi per ricordare viaggi o eventi, oppure dei QR Code che richiamano a siti web, come quello che porta sul sito Mini presente sul prototipo. Si tratta, in sostanza, della versione moderna di quei lunotti pieni di adesivi che in passato mostravano al mondo le proprie mete e le proprie conquiste e che dopo essere stati digitalizzati sui social tornano ad avere una forma fisica vera e propria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MINI 2020-11-17 14:13:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/17/renault_teaser_showcar_kiger_suv_india/gallery/rbig/2020-renault-kiger-concept-india-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33163 Renault - Il teaser della nuova showcar per lIndia - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33163&tipo=fv La RENAULT [1] ha diffuso il teaser di un nuovo modello destinato al mercato indiano. Si tratta di una B-Suv che debutterà inizialmente come showcar, ma sicuramente sarà destinata a una veloce transizione verso la produzione in serie. Secondo le indiscrezioni, il modello potrebbe chiamarsi KIGER, ma la Casa non ha ancora rilasciato un comunicato ufficiale in merito. "SORELLA" DELLA NISSAN MAGNITE. Il frontale è caratterizzato dai gruppi ottici full Led molto allungati con indicatori di direzione dinamici, curiosamente verdi, mentre in coda troviamo uno spoiler sdoppiato sul portellone. Il verde brillante torna anche sulle fiancate, ma i pochi fotogrammi non consentono di cogliere ancora tutti i dettagli. La concept, in realtà, dovrebbe essere una sorta di gemella della NISSAN MAGNITE [2] e sfruttare la medesima piattaforma Cmf-a: lauto giapponese sarà disponibile allinizio del 2021 e sarà poi esportata verso altri mercati emergenti, quindi non è escluso che la Renault segua la medesima strategia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/RENAULT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/21/NISSAN_LA_MAGNITE_DEBUTTA_IN_INDIA.HTML 2020-11-17 12:47:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/17/jeep_wrangler_rubicon_392_caratteristiche_accessori_e_dotazioni_della_fuoristrada_con_motore_v8_hemi/gallery/rbig/2020-Jeep-Wrangler.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33162 Jeep Wrangler - Presentata la versione di serie della Rubicon 392 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33162&tipo=fv Dopo le ANTICIPAZIONI [1] delle scorse ore, la JEEP [2] ha presentato la versione di serie della WRANGLER RUBICON 392 [3]. La fuoristrada unisce le caratteristiche tecniche del modello con quelle del potente motore V8 a benzina da tempo invocato a gran voce dalla clientela specializzata e dagli appassionati delle vetture off-road. Larrivo sul mercato è previsto a partire dal primo trimestre del 2021, a prezzi non ancora annunciati. IL V8 HEMI CRESCE ANCORA. Nata in un momento in cui lattenzione stava volgendo verso la concorrente FORD BRONCO [4], la Rubicon 392 adotta il V8 Hemi aspirato di 6.4 litri da 470 CV (20 in più rispetto alla concept) e 637 Nm, abbinato a un cambio automatico a otto marce con paddle al volante e a un sistema di scarico con valvole attive. Con questa variante, la Wrangler offre prestazioni mai viste prima: il passaggio da 0 a 60 miglia orarie (96 km/h) avviene in 4,5 secondi; inoltre, la fuoristrada impiega 13 secondi per coprire i 400 metri da ferma nonostante una gommatura non propriamente sportiva. Per massimizzare le prestazioni in fase di accelerazione, la Jeep ha poi scelto di ricorrere a un sistema di launch control analogo a quello della Grand Cherokee Hellcat, ovvero il Torque Reserve che gestisce la coppia e le cambiate. ASSETTO E TRAZIONE AL TOP. Lassetto è stato rialzato di due pollici e modificato pesantemente rispetto alle altre Wrangler, nonché abbinato ad ammortizzatori Fox e a componenti del telaio rinforzati. Sono nuovi anche i freni e i cerchi da 17" scomponibili con pneumatici da 33". Non solo: pure la griglia frontale e la presa daria sul cofano sono specifiche. Questultima, in particolare, è studiata per funzionare anche in caso di guado grazie al sistema Hydro-Guide. La trazione integrale Select-Track 4WD è dotata di quattro modalità di funzionamento ed è abbinata agli assali rinforzati Dana 44 con il blocco elettronico dei differenziali. La personalizzazione della Wrangler Rubicon 392 passa anche per i badge esterni esclusivi, mentre allinterno spiccano la strumentazione con grafica personalizzata, i rivestimenti di pelle con ricami dedicati e gran parte delle dotazioni normalmente opzionali sugli altri allestimenti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/16/JEEP_WRANGLER_CONFERMATO_DEBUTTO_SUL_MERCATO_VARIANTE_MOTORE_V8_HEMI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/07/13/JEEP_WRANGLER_RUBICON_392_CONCEPT_SVELATO_IL_PROTOTIPO_CON_IL_V8_6_4_HEMI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/23/FORD_BRONCO_CONFIGURATORE_ONLINE_PREZZI_INTERNI.HTML 2020-11-17 11:55:29 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/17/tesla_le_autorita_usa_aprono_un_indagine_sui_guasti_al_touchscreen/gallery/rbig/2020-tesla-infotainment-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33161 Tesla - Usa, aperta unindagine sui guasti al touch screen http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33161&tipo=fv La National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa) ha lavviato unindagine approfondita su alcuni problemi riscontrati al touch screen utilizzato dalla TESLA [1] per i suoi veicoli. In particolare, lagenzia statunitense di vigilanza del settore dei trasporti ha aggiornato linchiesta preliminare avviata a giugno per portarla a un livello di "analisi ingegneristica". LE CAUSE DEL GUASTO. La Nhtsa ha spiegato che il difetto al touch screen può comportare la perdita della visualizzazione dellimmagine della telecamera posteriore durante le fasi di retromarcia e quindi una ridotta visibilità posteriore. Inoltre, può influire sulla capacità di disappannamento dei parabrezza e del lunotto e sui segnali acustici dellautopilota e degli indicatori di direzione. Lagenzia ha messo in chiaro che lindagine avrà lobiettivo di determinare la portata e le conseguenze del difetto sulla sicurezza dei veicoli e, nel caso gli analisti accertassero la sussistenza di un serio problema, la Tesla rischierebbe di dover avviare un richiamo. I VEICOLI INTERESSATI. Il problema potrebbe interessare fino a quasi 159 mila esemplari della MODEL S [2] e della MODEL X [3], oltre il doppio rispetto alle 63 mila Model S da cui è partita lindagine preliminare di giugno. Allepoca, la Nhtsa aveva sottolineato come il difetto fosse legato ai dispositivi di memoria flash, caratterizzati da una durata limitata a causa del basso numero di cicli di programmazione: in sostanza, gli schermi potevano dare problemi prematuramente perché la capacità di memoria andava incontro a un deterioramento. Secondo la Nhtsa, gli stessi schermi e processori sono stati utilizzati dal 2012 al 2018 per la Model S e dal 2016 al 2018 per la Model X. IL CASO TEDESCO. Il problema assume un certo rilievo anche in considerazione di quanto accaduto in Germania, dove il proprietario di una MODEL 3 [4] si è visto sospendere la patente dopo essere uscito di strada mentre tentava di regolare la velocità del tergicristallo attraverso il display. Lo schermo rappresenta dunque il centro di controllo dei veicoli della Tesla, ma rischia di diventare oggetto di diatribe legali: per i giudici della città tedesca di Karlsruhe, infatti, il touchs creen, per quanto integrato nel veicolo, deve essere considerato un dispositivo elettronico a tutti gli effetti. Da qui nasce il dibattito su quali funzioni digitali sia opportuno o meno integrare allinterno di una vettura rispetto a quelle analogiche tradizionali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA/MODEL-S [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA/MODEL-X [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CRONACA/2020/08/01/GERMANIA_ESCE_DI_STRADA_USANDO_IL_TOUCHSCREEN_DI_UNA_TESLA_PATENTE_SOSPESA_E_UN_DISPOSITIVO_ELETTRONICO_.HTML 2020-11-17 10:57:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/17/lamborghini_stephan_winkelmann_amministratore_delegato_ceo_bugatti/gallery/rbig/2020-winkelmann-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33160 Lamborghini - Il ritorno di Winkelmann: sostituirà Domenicali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33160&tipo=fv Il GRUPPO VOLKSWAGEN [1] sta per appuntare STEPHAN WINKELMANN [2] a Ceo di LAMBORGHINI [3]. Secondo alcune fonti, il tedesco potrebbe insediarsi già il primo dicembre e la nomina dovrebbe essere approvata oggi dal consiglio damministrazione dellAudi. RITORNO A CASA. Winkelmann, che ha gestito il marchio Bugatti negli ultimi tre anni, tornerà alla guida del marchio italiano, come lo era stato dal 2005 al 2016, dopo che Stefano Domenicali, lattuale amministratore delegato della Lamborghini, ENTRERà A FAR PARTE DELLA FORMULA 1 [4] come presidente e Ceo a partire dal primo gennaio 2021. Tuttavia, il manager non dovrebbe lasciare la guida della Casa di Molsheim: la gestione, infatti, dovrebbe andare in parallelo a quella di SantAgata Bolognese. Il ritorno di Winkelmann va a inserirsi in un quadro più ampio, con il gruppo Volkswagen al lavoro sullo SPIN-OFF DELLA LAMBORGHINI [5] (insieme alla Ducati e alla Italdesign) e le indiscrezioni che vedono protagonista la BUGATTI E LA SUA CESSIONE ALLA RIMAC [6], il costruttore croato di auto elettriche ad alte prestazioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO_VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/WINKELMANN [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAMBORGHINI [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/25/FORMULA_1_STEFANO_DOMENICALI_SARA_IL_NUOVO_PRESIDENTE_E_CEO.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/16/GRUPPO_VOLKSWAGEN_DIESS_CONFERMA_AL_LAVORO_SULLO_SCORPORO_DI_LAMBORGHINI_E_DUCATI.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/17/VOLKSWAGEN_TRATTATIVE_IN_CORSO_PER_VENDERE_LA_BUGATTI_ALLA_RIMAC.HTML 2020-11-17 10:29:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/16/carlos_tavares_nell_automotive_ci_sara_una_selezione_darwiniana/gallery/rbig/2019-psa-generiche-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33159 Carlos Tavares - "Solo i costruttori più agili sopravvivranno alla svolta elettrica" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33159&tipo=fv Il processo di elettrificazione porterà il settore automobilistico ad affrontare due fenomeni: nei prossimi dieci anni si assisterà da una parte a un crescente consolidamento, con operazioni di fusione analoghe a quella in corso TRA LA FIAT CHRYSLER E PSA [1], dallaltro a una serie di fallimenti. A tratteggiare questo quadro è Carlos Tavares, ad del gruppo PSA, nel corso di un evento online organizzato dalla Reuters. La causa principale dei cambiamenti cui andrà incontro lintero comparto è rappresentata dalle enormi spese da affrontare per sostenere il passaggio allelettrico. SELEZIONE DARWINIANA. Tavares ha quindi sottolineato come il settore andrà incontro, in sostanza, a una selezione darwiniana, in base alla quale a sopravvivere non sarà il più forte o il più grande ma il più intelligente e capace di adattarsi ai mutamenti della domanda e del contesto operativo. "Solo i più agili, con uno spirito darwiniano, sopravvivranno", ha affermato il manager portoghese, facendo presente come il gruppo PSA abbia smesso di investire nei motori a combustione interna perché lEuropa e la Cina stanno spingendo sullelettrificazione, anche imponendo severi limiti sulle emissioni di anidride carbonica o altri elementi inquinanti. A tal proposito, Tavares ha definito il suo gruppo "molto avanti" nel percorso che porta al raggiungimento degli obiettivi stabiliti dallUnione Europea sulle emissioni. LE PAROLE SULLA FUSIONE. Il FUTURO AMMINISTRATORE DELEGATO DI STELLANTIS [2] ha anche parlato dei progressi compiuti nel perfezionamento dellaccordo firmato da PSA e FCA nel dicembre dellanno scorso. "Finora va tutto bene", ha affermato Tavares, aggiungendo che gran parte del duro lavoro per unire le due società era già stato portato a termine, e ribadendo, per lennesima volta, lobiettivo di chiudere il tutto entro la fine del primo trimestre del 2021. Il manager portoghese ha poi sottolineato che uno dei compiti principali del nuovo colosso automobilistico sarà quello di aumentare la propria presenza e migliorare le proprie performance in Cina, dove sia PSA sia FCA sono penalizzate da una penetrazione notevolmente inferiore rispetto a quella che i due costruttori hanno in Europa e negli Stati Uniti, e soprattutto rispetto alla posizione raggiunta dai maggiori concorrenti. "Nessuna azienda automobilistica globale può permettersi di non essere presente nel più grande mercato automobilistico del mondo" ha sottolineato Tavares escludendo, così, QUALSIASI IPOTESI DI RITIRO DAL MERCATO CINESE [3]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/05/FCA_PSA_TAGLI_MODELLI_E_MARCHI.HTML 2020-11-16 19:09:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/audi_sq2_2021_restyling_novita_uscita/gallery/rbig/2020-audi-sq2-10.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33158 Audi SQ2 - Ecco il restyling della Suv sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33158&tipo=fv LAUDI [1] rinnova la SQ2, versione sportiva della crossover Q2, seguendo i dettami del restyling che ha COINVOLTO RECENTEMENTE LINTERA GAMMA [2] [3] della Suv compatta. Rispetto al modello presentato nel 2019 non cambia la meccanica: il 2.0 TFSI, aggiornato secondo le ultime normative vigenti, eroga sempre 300 CV e 400 Nm ed è abbinato al cambio automatico S tronic e alla trazione integrale quattro. La vettura sarà disponibile in concessionaria nel corso del primo trimestre del 2021. LA PRIMA VOLTA DEI MATRIX LED. La SQ2 è subito riconoscibile rispetto alle altre varianti per il pacchetto aerodinamico con paraurti specifici e spoiler posteriore, per i quattro terminali di scarico e per le cornici nere dei cristalli. Di serie sono previsti anche lassetto sportivo, ribassato di 20 mm, il servosterzo progressivo e i cerchi di lega da 18" con pneumatici 235/45 (con i 19" in opzione). Limpianto frenante è specifico: adotta dischi anteriori da 340 mm. Il nuovo design del frontale ha reso ancora più incisivo il taglio della mascherina e dei gruppi ottici: questultimi sono disponibili, come optional, per la prima volta anche nella versione Matrix Led. I blade laterali, poi, sono verniciati in tinta grigio selenite, grigio Manhattan, grigio platino o nero brillante. CONNETTIVITà EVOLUTA. Gli interni offrono un ambiente sportivo, configurato dal padiglione nero, dalla pedaliera in acciaio, dai sedili sportivi foderati di pelle e tessuto e dagli inserti della plancia di alluminio spazzolato. Della dotazione di serie fanno parte anche lAudi Virtual Cockpit e linfotainment MMI plus con schermo da 8,3 pollici: questultimo include il modulo Lte per i servizi Audi Connect Navigation Infotainment, che sono attivi per tre anni, e i pacchetti Remote Control e Safety Service per la app myAudi. La ricarica wireless per lo smarthone, il pacchetto esteso di Adas e limpianto audio Bang Olufsen rimangono invece a richiesta, così come le sellerie di pelle Nappa o pelle e microfibra Dinamica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/08/AUDI_Q2_APERTURA_ORDINI_RESTYLING.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/audi_q2_apertura_ordini_restyling.html 2020-11-16 18:44:35 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/alfa_romeo_giulia_etcr_presentazione_elettrica_romeo_ferraris/gallery/rbig/2020-alfa-romeo-giulia-ectr-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33157 Alfa Romeo Giulia ETCR - Svelata lelettrica da corsa firmata Romeo Ferraris http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33157&tipo=fv Romeo Ferraris ha tolto i veli allALFA ROMEO GIULIA ETCR [1], presentata a un evento promozionale del campionato Pure ETCR, svoltosi al MotorLand Aragón in occasione dellultimo appuntamento della stagione del WTCR. Lauto è stata appositamente progettata dal preparatore di Opera per correre nelle gare riservate alle vetture totalmente elettriche che prenderanno il via nel 2021. AERODINAMICA CURATA. La vettura, con la quale per la prima volta Romeo Ferraris partecipa come team in una competizione riservata alle auto a zero emissioni, sarà affidata al pilota Jean-Karl Vernay: questultimo ha partecipato alla presentazione insieme a Michela Cerruti, operation manager della scuderia, la quale ha sottolineato come il progetto, iniziato più di un anno fa, sia totalmente privato. Questa Giulia, ribattezzata "Furia Rossa", si fa notare per laspetto esterno: sulla carrozzeria, infatti, oltre al colore personalizzato Rosso Romeo Ferraris e alla livrea che ricorda un circuito elettronico, risaltano le numerose appendici aerodinamiche, come lampio splitter anteriore, gli sfoghi daria sui passaruota anteriori allargati, lenorme diffusore posteriore a tutta larghezza e la grande ala, ancorata in prossimità del lunotto. POTENZA DA REGOLAMENTO. Sotto la scocca, la vettura si uniforma al regolamento dellETCR, utilizzando un pacco batterie da 65 kWh a 800 Volt prodotto dalla Williams Advanced Engineering, convertitori BrightLoop e un powertrain composto da due motori e relativi inverter realizzati dalla Magelec Propulsion, in grado di erogare una potenza di picco pari a 500 kW (circa 680 CV) e 960 Nm di coppia. I due motori, posizionati al retrotreno, rendono la Furia Rossa una trazione posteriore e le permettono di chiudere lo 0-100 km/h in 3,2 secondi, arrivando a toccare i 270 km/h di velocità massima. Lauto gareggerà contro le Cupra Leon e-Racer e le Hyundai Veloster N ETCR, anchesse realizzate ad hoc per il nuovo campionato, il quale sarà composto da sei appuntamenti, di cui quattro in Europa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/12/06/ALFA_ROMEO_GIULIA_ROMEO_FERRARIS_PRESENTA_LA_ETCR.HTML 2020-11-16 18:15:53 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/audi_sq2_2021_restyling_novita_uscita/gallery/rbig/2020-audi-sq2-10.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33155 Audi SQ2 - Svelato il restyling della Suv compatta sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33155&tipo=fv LAUDI [1] rinnova la SQ2, versione sportiva della crossover Q2, seguendo i dettami del restyling che ha COINVOLTO RECENTEMENTE LINTERA GAMMA [2] [3] della Suv compatta. Rispetto al modello presentato nel 2019 non cambia la meccanica: il 2.0 TFSI, aggiornato secondo le ultime normative vigenti, eroga sempre 300 CV e 400 Nm ed è abbinato al cambio automatico S tronic e alla trazione integrale quattro. La vettura sarà disponibile in concessionaria nel corso del primo trimestre del 2021. LA PRIMA VOLTA DEI MATRIX LED. La SQ2 è subito riconoscibile rispetto alle altre varianti per il pacchetto aerodinamico con paraurti specifici e spoiler posteriore, per i quattro terminali di scarico e per le cornici nere dei cristalli. Di serie sono previsti anche lassetto sportivo, ribassato di 20 mm, il servosterzo progressivo e i cerchi di lega da 18" con pneumatici 235/45 (con i 19" in opzione). Limpianto frenante è specifico: adotta dischi anteriori da 340 mm. Il nuovo design del frontale ha reso ancora più incisivo il taglio della mascherina e dei gruppi ottici: questultimi sono disponibili, come optional, per la prima volta anche nella versione Matrix Led. I blade laterali, poi, sono verniciati in tinta grigio selenite, grigio Manhattan, grigio platino o nero brillante. CONNETTIVITà EVOLUTA. Gli interni offrono un ambiente sportivo, configurato dal padiglione nero, dalla pedaliera in acciaio, dai sedili sportivi foderati di pelle e tessuto e dagli inserti della plancia di alluminio spazzolato. Della dotazione di serie fanno parte anche lAudi Virtual Cockpit e linfotainment MMI plus con schermo da 8,3 pollici: questultimo include il modulo Lte per i servizi Audi Connect Navigation Infotainment, che sono attivi per tre anni, e i pacchetti Remote Control e Safety Service per la app myAudi. La ricarica wireless per lo smarthone, il pacchetto esteso di Adas e limpianto audio Bang Olufsen rimangono invece a richiesta, così come le sellerie di pelle Nappa o pelle e microfibra Dinamica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/08/AUDI_Q2_APERTURA_ORDINI_RESTYLING.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/09/08/audi_q2_apertura_ordini_restyling.html 2020-11-16 17:51:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/16/gruppo_volkswagen_diess_conferma_al_lavoro_sullo_scorporo_di_lamborghini_e_ducati/gallery/rbig/2020-Lamborghini-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33156 Gruppo Volkswagen - Diess conferma: al lavoro sullo scorporo di Lamborghini e Ducati http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33156&tipo=fv La Volkswagen sta lavorando allo scorporo della LAMBORGHINI [1] e della Ducati. Loperazione, confermata a grandi linee dallamministratore delegato Herbert Diess, rientrerà allinterno del programma di semplificazione delle attività operative dei tedeschi e di contestuale focalizzazione sulla produzione di massa di auto elettriche. LE PAROLE DI DIESS. "Stiamo lavorando sulla nostra struttura legale italiana", ha affermato Diess, riferendosi non solo ai due marchi italiani ma anche alla società torinese Italdesign. Al momento non sono state prese decisioni definitive né sulloperazione, né sulle relative tempistiche, ma le parole del top manager fanno capire come il gruppo sia ormai arrivato a una fase avanzata del progetto con la definizione, quantomeno iniziale, della struttura del cosiddetto spin-off. Del resto nelle scorse settimane sono circolate INDISCREZIONI [2] non solo sullo scorporo con la conseguente quotazione in Borsa e i relativi contatti con le banche daffari, ma anche sullimminente decisione di concedere alla Lamborghini una maggior autonomia rispetto alla controllante Audi. E per farlo è necessario mettere mano ai legami legali e operativi che uniscono che le due Case. PROBABILI PASSI DECISIVI. Molto probabilmente, il gruppo Volkswagen ha già compiuto i primi passi decisivi e il progetto potrebbe anche essere stato oggetto di discussione allultima riunione del consiglio di sorveglianza di venerdì scorso, quando è stato deliberato il NUOVO CICLO DI PIANIFICAZIONE DEGLI INVESTIMENTI [3] che prevede spese totali per 150 miliardi di euro in cinque anni, di cui quasi la metà per elettrificazione e digitalizzazione. Per sostenere un piano del genere, e di questo Diess non ne ha mai fatto alcun mistero, è necessario mettere mano al perimetro operativo del costruttore di Wolfsburg per renderlo più rapido nei processi decisionali e quindi in grado di affrontare con flessibilità non solo i cambiamenti imposti dallelettrificazione, ma anche le conseguenze di una crisi senza precedenti come quella scatenata dal CORONAVIRUS [4]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAMBORGHINI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/01/GRUPPO_VOLKSWAGEN_TORNANO_IN_AUGE_VOCI_SULLA_QUOTAZIONE_DELLA_LAMBORGHINI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/13/GRUPPO_VOLKSWAGEN_AUMENTO_INVESTIMENTI_73_MILIARDI_AUTO_ELETTRICHE_IBRIDE_DIGITALIZZAZIONE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-16 17:51:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/nissan_micra_model_year_2021_prezzo_novita_motori_allestimenti/gallery/rbig/2020-nissan-micra-my2021-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33154 Nissan Micra - Le novità del Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33154&tipo=fv La NISSAN [1] ha presentato la gamma 2021 della MICRA [2] per il mercato italiano. Le novità riguardano gli allestimenti e le dotazioni, con lintroduzione di due nuove versioni che puntano a soddisfare la domanda della clientela. Confermata, inoltre, la disponibilità del 1.0 IG-T benzina in una versione unica da 92 CV con omologazione Euro 6d abbinabile sia al cambio manuale, sia allautomatico Xtronic. GLI ALLESTIMENTI DIVENTANO CINQUE. Gli allestimenti disponibili sono cinque: Visia, Acenta, N-Design, N-Sport e Tekna. Fin dalla variante Acenta, linfotainment di bordo con schermo da da 7" è compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, mentre a partire dalla Tekna sono proposti di serie i nuovi cerchi di lega da 16" Genki con finitura bicolore, lAround View Monitor e limpianto audio Bose Personal, con gli altoparlanti integrati nei poggiatesta dei sedili anteriori. La N-Sport, invece, propone cerchi da 17", gruppi ottici Led, finiture nero lucido esterne e finiture interne parziali di Alcantara. La N-Design, infine, si distingue per le finiture Gloss Black o Chrome e per gli interni rivestiti di pelle e tessuto con finiture estese anche alla plancia ed ai pannelli porta. La Tekna è invece lunica a offrire di serie il Safety Pack con gli Adas più completi. NISSAN MICRA MODEL YEAR 2021 Visia: 16.315 euro Visia Xtronic: 17.815 euro Acenta: 17.415 euro Acenta Xtronic: 18.915 euro N-Design: 18.615 euro N-Design Xtronic: 20.115 euro N-Sport: 19.715 euro N-Sport Xtronic: 21.215 euro Tekna: 19.815 euro Tekna Xtronic: 21.315 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN/MICRA 2020-11-16 16:57:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/16/gruppo_volkswagen_bratislava_un_miliardo_di_euro_per_produrre_le_nuove_passat_e_skoda_superb_/gallery/rbig/202-Passat.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33153 Gruppo Volkswagen - Investimento a Bratislava per produrre le nuove Passat e Skoda Superb http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33153&tipo=fv Il gruppo Volkswagen investirà un miliardo di euro nellimpianto slovacco di Bratislava: lo ha rivelato lamministratore delegato della filiale locale del costruttore tedesco, Oliver Gruenberg, precisando che 500 milioni saranno destinati ad ammodernare ed adeguare le catene di montaggio per ospitare dal 2023 lassemblaggio delle prossime generazioni della Volkswagen Passat e della Skoda Superb. IL PROGETTO. Linvestimento, in grado di creare 2 mila posti di lavoro nei prossimi anni, è direttamente legato A QUANTO GIà STABILITO DAI VERTICI DI WOLFSBURG [1]. Nel quadro del nuovo ciclo di pianficazione quinquennale è stato deciso di trasferire a Bratislava la produzione delle due berline tre volumi non solo per sfruttare la condivisione di piattaforme e componenti, ma anche per liberare spazio e capacità produttivi negli stabilimenti della Skoda in Repubblica Ceca: la Superb, infatti, viene prodotta a Kvasiny e il suo trasferimento consentirà alla Casa ceca di aumentare lassemblaggio delle Suv Kodiaq e Karoq e di aggiungere un altro modello alla rete produttiva in madrepatria. Nel 2019 lo stabilimento slovacco, preferito alloriginario piano per un nuovo impianto multibrand in Turchia (progetto GIà CANCELLATO [2] per gli effetti della crisi e le rimostranze dellopinione pubblica tedesca, nonché dei sindacati) ha sfornato 377.750 veicoli, per il 99% destinate ai mercati esteri. Dalle sue linee escono non solo grandi Suv come le Audi Q7 e Q8, le Porsche Cayenne e le Volkswagen Touareg, ma anche la citycar Volkswagen up! e le gemelle Seat Mii e Skoda Citigo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.GOOGLE.IT/AMP/S/WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/13/GRUPPO_VOLKSWAGEN_AUMENTO_INVESTIMENTI_73_MILIARDI_AUTO_ELETTRICHE_IBRIDE_DIGITALIZZAZIONE.AMP.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/01/VOLKSWAGEN_CANCELLATO_IL_PROGETTO_DI_UNA_NUOVA_FABBRICA_IN_TURCHIA.HTML 2020-11-16 16:26:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/11/16/jaguar_land_rover_smart_city_hub_test_guida_autonoma_i_pace_irlanda/gallery/rbig/2020-jaguar-land-rover-guida-autonoma-smart-city-hub-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33152 Jaguar Land Rover - Una piccola smart city per testare la guida autonoma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33152&tipo=fv Il gruppo JAGUAR LAND ROVER [1] sta lavorando con diverse società specializzate in software, mobilità e telecomunicazioni per dar vita a uno SMART CITY HUB che permetterà di testare nel mondo reale le tecnologie alla base dei veicoli a guida autonoma. UNO SCORCIO DI FUTURO. I luoghi scelti come banco di prova sono il FUTURE MOBILITY CAMPUS IRELAND a Shannon, in Irlanda, e i 12 chilometri di strade pubbliche che lo circondano. Le protagoniste dei test saranno delle JAGUAR I-PACE [2], mentre in tutto il sito saranno presenti sensori e sistemi di localizzazione ad alta precisione che invieranno le informazioni raccolte in un centro di gestione e controllo dei dati. La "città" sarà caratterizzata da svincoli intelligenti e strade connesse, oltre a parcheggi e punti per la ricarica dei veicoli elettrici completamente automatizzati. Inoltre, sarà presente un collegamento a un tratto di autostrada connessa lungo 450 chilometri e un corridoio riservato agli aerei senza pilota, gestito dallaeroporto di Shannon, situato lungo lestuario dellomonimo fiume. Il campus fornirà le strutture e le competenze per sfruttare i dati ottenuti dalla sensoristica, oltre a simulare una varietà di ambienti stradali e scenari di traffico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/JAGUAR_LAND_ROVER [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/JAGUAR_I-PACE 2020-11-16 13:41:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/16/regno_unito_lo_stop_alle_vendite_delle_endotermiche_potrebbe_essere_anticipato_al_2030/gallery/rbig/2020-Boris-Johnson-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33151 Regno Unito - Lo stop alla vendita di endotermiche potrebbe essere anticipato al 2030 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33151&tipo=fv Boris Johnson potrebbe annunciare lo stop alle vendite di nuove auto endotermiche a benzina e a gasolio a partire dal 2030, ovvero CINQUE ANNI PRIMA DI QUANTO LO STESSO PREMIER BRITANNICO [1] aveva dichiarato in precedenza: lindiscrezione, anticipata dal Financial Times, dovrebbe avere riscontri ufficiali già nei prossimi giorni. SI SALVANO LE IBRIDE ALLA SPINA. Le intenzioni di Johnson sono note da tempo, così come la sua volontà di voler ACCELERARE IL PIù POSSIBILE LE MISURE [2] per raggiungere gli obiettivi sul clima, in particolare quello delle emissioni zero entro il 2050. Gli ultimi sviluppi, però, aggiungono un dettaglio non certo irrilevante alla vicenda: dalle drastiche misure di Downing Street, infatti, dovrebbero salvarsi, nonostante la presenza nel cofano di un motore tradizionale, le auto ibride plug-in, che inizialmente sembravano parimenti destinate ad essere bandite. ACCELERAZIONE BRUCIANTE. Se lo stop alle immatricolazioni di vetture endotermiche dovesse effettivamente partire nel 2030, la decisione anticiperebbe di ben 10 anni i tempi previsti allinizio, quando lesecutivo britannico aveva fissato come orizzonte il 2040. La decisione, chiaramente, mette lintera industria automobilistica locale di fronte a una sfida estremamente difficile. Non solo perché sarà necessaria una riconversione molto più rapida, con lelettrico al centro, ma anche perché il mercato dovrà avere modo di adattarsi, e non è detto che questo succeda in tempi compatibili con quelli stabiliti dalla politica. SCENARIO LONTANO DALLA REALTà. Oggi, nel Regno Unito le auto vendute sono per quasi il 74% a benzina o a gasolio, mentre le elettriche si fermano a una quota del 5,5% e le ibride di vario tipo si suddividono la restante parte. I numeri fotografano, dunque, una situazione ancora molto lontana dallo scenario ipotizzato dai proclami di Johnson. Già in passato, quando il premier aveva dichiarato di voler anticipare la misura al 2035, lSsmt (associazione che rappresenta produttori e commercianti di automobili locali) aveva evidenziato gli squilibri derivanti da una simile decisione, soprattutto in assenza di politiche ad hoc a sostegno del comparto per il repentino cambiamento di paradigma che dovrà affrontare. Prossimamente capiremo se BoJo avrà in testa un vero piano o solo un nuovo slogan. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/02/04/REGNO_UNITO_JOHNSON_AL_BANDO_LE_VENDITE_DI_AUTO_A_BENZINA_DIESEL_E_IBRIDE_DAL_2035.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/13/REGNO_UNITO_IL_BANDO_ALLA_VENDITA_DELLE_AUTO_ENDOTERMICHE_POTREBBE_ESSERE_ANTICIPATO_AL_2032.HTML 2020-11-16 13:14:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/lamborghini_huracan_il_18_novembre_debutta_la_variante_estrema/gallery/rbig/2020-lamborghini-teaser-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33149 Lamborghini Huracán - Il 18 novembre debutta la variante estrema http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33149&tipo=fv Un teaser anticipa una novità che la LAMBORGHINI [1] presenterà il prossimo 18 novembre. La Casa italiana non ha fornito dettagli in merito, ma limmagine della vettura sotto un telo parla chiaro: si tratta di una nuova variante estrema della Huracán. Il taglio delle luci a Led è inconfondibile, ma sono il grande alettone in coda e la protuberanza vicino al tetto a rendere più interessante questa anteprima. Dopo il restyling della supercar con la VERSIONE EVO [2] [3], il Toro non ha ancora proposto unerede della PERFORMANTE [4] [5]: ora sembra giunto il momento. DERIVATA DALLE CORSE. Per il momento, la Lamborghini si è limitata a parlare di un allestimento derivato dallesperienza sui circuiti, quindi è possibile che la nuova V10 prenda spunto dalla SUPER TROFEO [6] in maniera più diretta, per esempio dal punto di vista aerodinamico. Con il motore della Performante da 640 CV già montato sulla Evo è inoltre possibile che questa nuova versione in arrivo possa offrire qualche cavallo in più, ma la strada per renderla più prestazionale potrebbe anche passare da una riduzione del peso. Secondo le più recenti indiscrezioni, questa Huracán dovrebbe prendere la denominazione STO, ovvero Super Trofeo Omologato, rendendo ancora più evidente il legame con le corse. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAMBORGHINI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/03/LAMBORGHINI_HURACAN_EVO_COLORI_PERSONALIZZAZIONI_FLUO_CAPSULE.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/11/03/lamborghini_huracan_evo_colori_personalizzazioni_fluo_capsule.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/03/06/LAMBORGHINI_DEBUTTA_LA_HURACAN_PERFORMANTE_SPYDER.HTML [5] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2018/03/06/lamborghini_debutta_la_huracan_performante_spyder.html [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2019/03/06/LAMBORGHINI_HURACAN_SUPER_TROFEO_EVO_COLLECTOR.HTML 2020-11-16 13:14:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/mercedes_benz_anticipazioni_dettagli_elettriche_eqa_ed_eqs/gallery/rbig/2020-mercedes-benz-eqa-eqs-test-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33150 Mercedes-Benz - Spuntano dettagli e anticipazioni su EQA e EQS - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33150&tipo=fv La MERCEDES-BENZ [1] ha scelto il centro prove di Immendingen, in Germania, per svelare in anteprima qualche nuovo dettaglio sulle elettriche EQA [2] ed EQS [3], sempre più vicine al debutto. Con 68 km di piste, la Casa è in grado di testare le proprie vetture nelle condizioni più disparate e, per loccasione, ha ripreso la crossover e la berlina durante alcuni collaudi. Entrambi i modelli svolgono un ruolo chiave nella strategia di elettrificazione del brand tedesco e andranno ad arricchire la gamma EQ inaugurata con il lancio della EQC [4]. LA CROSSOVER. La EQA è una crossover compatta che riprende in gran parte limpostazione della nuova GLA. Il frontale e la coda adotteranno uno stile specifico sia per quanto concerne i paraurti sia riguardo il taglio dei gruppi ottici a Led, come testimoniano le pellicole applicate sulla carrozzeria. La linea dei cristalli laterali e delle portiere, invece, rimane la stessa della seconda generazione della Classe A a ruote alte. Nel video si possono anche notare gli interni bicolore dalle sfumature chiare, ma non viene mostrata la plancia, che potrebbe quindi differire in alcuni particolari rispetto a quella del modello di derivazione. La concept è stata svelata con un doppio motore per 270 CV di potenza, ma è probabile che il modello di serie possa accogliere altre varianti. LAMMIRAGLIA. La EQS è destinata a diventare lammiraglia della gamma EQ e anche una sorta di alternativa green alla nuova Classe S. Anche in questo caso il design è specifico e piuttosto aggressivo, perchè unisce lo spazio e il confort di una berlina di lusso alle caratteristiche di una coupé a quattro porte. Nelle immagini, nonostante si tratti ancora di un prototipo, spiccano le luci diurne a Led frontali, mentre gli interni rimangono ancora del tutto invisibili. Per la EQS la Mercedes pare orientata a offrire un pacchetto unico nel suo genere: si parla, nello specifico, di una piattaforma modulare Eva2 dedicata abbinata a batterie di nuova generazione, per oltre 700 km di percorrenze con un "pieno". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/22/MERCEDES_BENZ_EQA_ELETTRICA_VIDEO_COLLAUDI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/20/MERCEDES_BENZ_EQS_AUTONOMIA_AMMIRAGLIA_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/05/15/MERCEDES_BENZ_EQC_AL_VOLANTE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2020-11-16 13:14:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/mercedes_benz_anticipazioni_dettagli_elettriche_eqa_ed_eqs/gallery/rbig/2020-mercedes-benz-eqa-eqs-test-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33148 Mercedes-Benz EQA ed EQS - Spuntano dettagli e anticipazioni sulle due elettriche - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33148&tipo=fv La MERCEDES-BENZ [1] ha scelto il centro prove di Immendingen, in Germania, per svelare in anteprima qualche nuovo dettaglio sulle elettriche EQA [2] ed EQS [3], sempre più vicine al debutto. Con 68 km di piste, la Casa è in grado di testare le proprie vetture nelle condizioni più disparate e, per loccasione, ha ripreso la crossover e la berlina durante alcuni collaudi. Entrambi i modelli svolgono un ruolo chiave nella strategia di elettrificazione del brand tedesco e andranno ad arricchire la gamma EQ inaugurata con il lancio della EQC [4]. LA CROSSOVER. La EQA è una crossover compatta che riprende in gran parte limpostazione della nuova GLA. Il frontale e la coda adotteranno uno stile specifico sia per quanto concerne i paraurti sia riguardo il taglio dei gruppi ottici a Led, come testimoniano le pellicole applicate sulla carrozzeria. La linea dei cristalli laterali e delle portiere, invece, rimane la stessa della seconda generazione della Classe A a ruote alte. Nel video si possono anche notare gli interni bicolore dalle sfumature chiare, ma non viene mostrata la plancia, che potrebbe quindi differire in alcuni particolari rispetto a quella del modello di derivazione. La concept è stata svelata con un doppio motore per 270 CV di potenza, ma è probabile che il modello di serie possa accogliere altre varianti. LAMMIRAGLIA. La EQS è destinata a diventare lammiraglia della gamma EQ e anche una sorta di alternativa green alla nuova Classe S. Anche in questo caso il design è specifico e piuttosto aggressivo, perchè unisce lo spazio e il confort di una berlina di lusso alle caratteristiche di una coupé a quattro porte. Nelle immagini, nonostante si tratti ancora di un prototipo, spiccano le luci diurne a Led frontali, mentre gli interni rimangono ancora del tutto invisibili. Per la EQS la Mercedes pare orientata a offrire un pacchetto unico nel suo genere: si parla, nello specifico, di una piattaforma modulare Eva2 dedicata abbinata a batterie di nuova generazione, per oltre 700 km di percorrenze con un "pieno". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MERCEDES [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/22/MERCEDES_BENZ_EQA_ELETTRICA_VIDEO_COLLAUDI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/20/MERCEDES_BENZ_EQS_AUTONOMIA_AMMIRAGLIA_ELETTRICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/05/15/MERCEDES_BENZ_EQC_AL_VOLANTE_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2020-11-16 12:47:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/16/snam_sito_iovadoametano_cng_gas_naturale_self_service_/gallery/rbig/2020-Metano-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33147 Snam - Via libera al self-service col portale iovadoametano.it http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33147&tipo=fv Il sito IOVADOAMETANO.IT [1], il nuovo portale di riferimento per la mobilità a gas naturale in Italia, è online. La piattaforma, realizzata dalla SNAM [2] con lapprovazione dei vari ministeri e in collaborazione con il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, contiene anche tutte le informazioni per effettuare un rifornimento di metano in autonomia. VIA LIBERA AL SELF-SERVICE. Il portale, oltre a fornire le notizie sul mondo della mobilità a Cng e biometano, fornisce agli utenti tutte le indicazioni necessarie per fare il "pieno" autonomamente e in sicurezza, andando a uniformare il contesto nazionale a quello europeo, in linea con il decreto legislativo 257/2016. Per fare ciò è obbligatorio registrarsi sul sito, dove sono disponibili informazioni utili e un tutorial sulla modalità self-service. Al termine del video, dopo un paio di domande di verifica, verranno richiesti i dati anagrafici e della patente di guida. Dopo aver effettuato queste operazioni, sarà possibile fare rifornimento in autonomia in tutti i distributori autorizzati sul territorio nazionale, che nel frattempo stanno iniziando ad attrezzarsi per consentire questa nuova modalità. Lunico metodo di pagamento accettato, però, è attraverso una carta di credito o di debito intestata a chi sta effettuando loperazione: il self-service, infatti, è consentito esclusivamente a chi si è registrato sul portale e ha completato tutte le procedure precedentemente descritte. Nei prossimi mesi, la piattaforma verrà ulteriormente sviluppata per ospitare sempre più informazioni e servizi legati alla mobilità sostenibile a gas naturale e biometano, con lobiettivo di diventare il punto di aggregazione per lintero settore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.IOVADOAMETANO.IT/IT/HOME-PAGE/?LG=0 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SNAM 2020-11-16 12:20:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/jeep_wrangler_confermato_debutto_sul_mercato_variante_motore_v8_hemi/gallery/rbig/2020-jeep-wrangler-v8-hemi-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33145 Jeep Wrangler - Confermata la variante con il V8 Hemi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33145&tipo=fv La RUBICON 392 CONCEPT [1] non rimarrà lettera morta: la JEEP [2] ha infatti confermato sui propri canali social ufficiali lintenzione di proporre presto sul mercato una versione di serie della WRANGLER [3] dotata del V8 HEMI. Si tratta di un esordio assoluto per questo motore come equipaggiamento del modello, sebbene negli anni siano state proposte diverse trasformazioni aftermarket, incluse quelle della gamma accessori Mopar. CON 450 CV è LA PIù POTENTE DI SEMPRE. Per il momento la Casa non ha ancora rilasciato i dettagli tecnici, ma la "colonna sonora" del video pubblicato sul profilo Instagram ufficiale della Jeep è sufficiente a fugare ogni dubbio e ad accendere linteresse degli appassionati, che sperano di vedere confermata lunità aspirata di 6.4 litri da 450 CV vista sul prototipo. Larrivo della concept era apparso fin da subito come una risposta del costruttore allassalto dei clienti al configuratore online dellavversaria FORD BRONCO [4], ma ora che la nuova Wrangler V8 Hemi è stata confermata sarà interessante scoprire se e quanto avrà successo una volta in commercio. Il debutto della vettura è previsto nel corso del 2021, in attesa di maggiori dettagli sul periodo annuale prescelto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/07/13/JEEP_WRANGLER_RUBICON_392_CONCEPT_SVELATO_IL_PROTOTIPO_CON_IL_V8_6_4_HEMI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP/WRANGLER-4P [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/23/FORD_BRONCO_CONFIGURATORE_ONLINE_PREZZI_INTERNI.HTML 2020-11-16 11:52:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/16/aniasa_il_nostro_settore_volano_per_le_auto_elettrificate/gallery/rbig/2020_noleggio_volano_elettrico_aniasa.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33146 Aniasa - Auto elettrificate, le flotte fanno da volano http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33146&tipo=fv In Italia, il settore del NOLEGGIO [1] traina le vendite delle VETTURE ELETTRIFICATE [2]. Secondo lANIASA [3], infatti, nei primi nove mesi dellanno quasi due auto alla spina su cinque sono state acquistate da società di noleggio, ovvero il 42% delle ibride plug-in e il 35% delle elettriche. Queste ultime hanno registrato un incremento delle immatricolazioni del 125% anno su anno, chiudendo a quota 6.132 unità, mentre le plug-in sono aumentate del 225% (5.229 vetture). Il BREVE TERMINE, per quanto "congelato" dalla crisi, sarà invece uno dei segmenti più utilizzati dalle Case per far "testare" i nuovi modelli. "Il noleggio conferma, pur in una fase economica di forte criticità, la carica innovativa e il ruolo di volano per la diffusione delle vetture elettrificate nel nostro Paese", spiega il presidente dellAniasa Massimiliano Archiapatti . "La svolta elettrica non può che passare da una più ampia diffusione della mobilità pay-per-use". UNOPPORTUNITà PER LUSATO. Secondo Archiapatti, lincremento delle immatricolazioni di auto elettrificate sarà unoccasione per creare un mercato dellusato interessante, finalmente utile a rinnovare il datato parco circolante italiano. Senza contare il Recovery fund, i cui fondi "costituiscono unopportunità irripetibile per rendere la mobilità italiana più sostenibile, condivisa e sicura, accelerando la transizione dalla proprietà alluso dellauto". Per le associazioni di categoria, tra cui anche Aniasa, bisogna inoltre estendere lecobonus allusato elettrico, ibrido ed Euro 6. Per venire incontro alle esigenze di cassa del governo, il bonus potrebbe essere erogato tramite credito dimposta o mediante esenzione dal pagamento delle tasse (IPT e tassa automobilistica regionale) e avrebbe il pregio di accelerare il processo di acquisto di vetture a basso impatto ambientale anche per i clienti con minore capacità di spesa. Nel contempo, verrebbero supportate le imprese nella ricollocazione sul mercato dellusato, dando vita a una virtuosa economia circolare. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTO_ELETTRICHE [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ANIASA 2020-11-16 11:52:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/jeep_wrangler_confermato_debutto_sul_mercato_variante_motore_v8_hemi/gallery/rbig/2020-jeep-wrangler-v8-hemi-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33144 Jeep Wrangler - Confermato larrivo della variante con il V8 Hemi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33144&tipo=fv La RUBICON 392 CONCEPT [1] non rimarrà lettera morta: la JEEP [2] ha infatti confermato sui propri canali social ufficiali lintenzione di proporre presto sul mercato una versione di serie della WRANGLER [3] dotata del V8 HEMI. Si tratta di un esordio assoluto per questo motore come equipaggiamento del modello, sebbene negli anni siano state proposte diverse trasformazioni aftermarket, incluse quelle della gamma accessori Mopar. CON 450 CV è LA PIù POTENTE DI SEMPRE. Per il momento la Casa non ha ancora rilasciato i dettagli tecnici, ma la "colonna sonora" del video pubblicato sul profilo Instagram ufficiale della Jeep è sufficiente a fugare ogni dubbio e ad accendere linteresse degli appassionati, che sperano di vedere confermata lunità aspirata di 6.4 litri da 450 CV vista sul prototipo. Larrivo della concept era apparso fin da subito come una risposta del costruttore allassalto dei clienti al configuratore online dellavversaria FORD BRONCO [4], ma ora che la nuova Wrangler V8 Hemi è stata confermata sarà interessante scoprire se e quanto avrà successo una volta in commercio. Il debutto della vettura è previsto nel corso del 2021, in attesa di maggiori dettagli sul periodo annuale prescelto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/07/13/JEEP_WRANGLER_RUBICON_392_CONCEPT_SVELATO_IL_PROTOTIPO_CON_IL_V8_6_4_HEMI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP/WRANGLER-4P [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/23/FORD_BRONCO_CONFIGURATORE_ONLINE_PREZZI_INTERNI.HTML 2020-11-16 11:26:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/16/dallara_stradale_club_italia_immagini_caratteristiche_edizione_limitata/gallery/rbig/2020-dallara-stradale-club-italia-05.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33143 Dallara Stradale - Svelata ledizione speciale Club Italia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33143&tipo=fv Dal Club Italia arriva una nuova serie speciale dedicata ai propri soci. Lesclusivo gruppo di appassionati ha commissionato alla Dallara una variante specifica della STRADALE [1], che sarà realizzata in soli 10 esemplari. Nello specifico, delle 600 unità della biposto previste in totale, il club riceverà i telai numerati dal 201 al 210. CARBONIO BLU E DETTAGLI UNICI. La vettura è stata presentata nella sede della Dallara a Varano de Melegari ed è caratterizzata da una carrozzeria di carbonio a vista color blu opaco. Altri dettagli caratteristici sono le pinze freno gialle, le griglie di alluminio con taglio esagonale e la finitura di carbonio lucido. Inserti bianchi appaiono poi in vari punti a sottolineare alcuni elementi chiave per la vettura, ovvero quelli connessi allaerodinamica: si riscontrano in corrispondenza delle prese daria anteriori, delle bandelle laterali dellalettone e degli specchietti retrovisori. Sulle fiancate è riportato lo scudetto Club Italia, realizzato a mano, come tutte le personalizzazioni: lemblema non è volutamente in rilievo per risparmiare peso e salvaguardare laerodinamica, in pieno rispetto della filosofia progettuale della Stradale. Inoltre, dalla parte del guidatore è prevista una sottile striscia tricolore, mentre labitacolo, con rivestimenti di pelle rossa scura, offre i comandi secondari di alluminio anodizzato e una grafica dedicata per la strumentazione digitale al momento dellavvio: i comandi della serie Club Italia hanno unimpronta più sportiva, differenziandosi da quelli della Stradale "standard". Questa serie numerata della barchetta emiliana è contraddistinta, infine, da una targhetta commemorativa e dalla firma dellingegner Dallara sul telaio. UN CIRCOLO ESCLUSIVO. Per il Club Italia si tratta dellultima di una serie di iniziative analoghe. Fondato nel 1989 con un tetto massimo di 80 soci, questo circolo di appassionati ha commissionato negli anni diverse vetture e moto dedicate: tra i modelli possiamo citare, in ordine cronologico, la Lancia Delta HF Integrale Evoluzione, la Fiat Barchetta, la Ducati Monster 900, lAlfa Romeo 4C e la Ducati Scrambler. Nellelenco dei soci più noti spiccano i nomi di Paolo Cantarella, Luca Cordero di Montezemolo, Piero Ferrari, Mauro Forghieri, Lord Charles Richmond, Jean Alesi, Miki Biasion, Sandro Munari, Jean Todt, Angelo Sticchi Damiani e lo stesso Giampaolo Dallara. PROSSIMAMENTE ANCHE LIVE. Il Club Italia incarna la storia e la filosofia dellauto italiana: è un onore potergli dedicare una Dallara ha detto Andrea Pontremoli, ad della Casa emiliana. In questa veste a tiratura limitata, la sportiva avrebbe dovuto debuttare dal vivo nei giorni scorsi al Milano Monza Open Air Motor Show (MIMO), evento cancellato per laggravarsi della crisi sanitaria da Covid. Ci auguriamo di poterla mostrare al pubblico al più presto ha aggiunto Pontremoli e il MIMO del 2021, in programma la primavera prossima, sarà certamente unoccasione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2017/11/16/DALLARA_STRADALE_FOTO_CARATTERISTICHE.HTML 2020-11-16 11:26:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/16/nissan_allo_studio_la_cessione_del_34_della_mitsubishi/gallery/rbig/2020-nissan-logo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33142 Nissan - Allo studio la cessione del 34% della Mitsubishi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33142&tipo=fv La NISSAN [1] sta valutando la cessione integrale o parziale del 34% detenuto nel capitale della MITSUBISHI MOTOR. Lo ha riferito lagenzia di stampa Bloomberg, sottolineando come loperazione sia destinata a rimodellare lalleanza con la francese RENAULT. LA SMENTITA. Tuttavia, da Yokohama è arrivata una secca smentita: "Non ci sono piani per cambiare la struttura del capitale con Mitsubishi", ha affermato alla Reuters una portavoce della Nissan, mentre dello stesso tenore è stata la reazione della Casa dei tre diamanti. Inoltre, dalla Mitsubishi hanno messo in chiaro lintenzione di portare avanti lattuale collaborazione allinterno del sodalizio franco-nipponico. I PROBLEMI. Al di là delle smentite, leventuale operazione andrebbe letta nel quadro delle difficoltà incontrate negli ultimi anni dalla Nissan tra vendite in contrazione e redditività ai minimi termini. La cessione delle azioni, magari agli altri azionisti, tra cui figura anche la Mitsubishi Corp (titolare di circa un quinto della Casa automobilistica), andrebbe ad ALTERARE RADICALMENTE LOPERATIVITà DELLALLEANZA [2], che alcuni mesi fa ha trovato una parziale quadra per risolvere i problemi del passato assegnando a ogni partner specifiche responsabilità e competenze tecnologiche e geografiche. Alla Mitsubishi, per esempio, è stata affidata larea Asean, ossia i mercati del sud-est asiatico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN [2] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2020/01/30/renault_nissan_mitsubishi_il_rilancio_dell_alleanza_passa_da_un_nuovo_modello_operativo.html 2020-11-16 10:09:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/15/ald_automotive_presenta_il_piano_move_2025/gallery/rbig/2020_ALD_piano.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33141 ALD Automotive - Presentato il piano Move 2025 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33141&tipo=fv Lautunno 2020 porta in dote una serie di nuovi piani strategici quinquennali dalle grandi multinazionali del NOLEGGIO A LUNGO TERMINE [1]. Dopo la presentazione del PIANO ARVAL BEYOND 2025 [2], tocca ora ad ALD AUTOMOTIVE [3], azienda del gruppo Société Générale, illustrare MOVE 2025, il programma con cui la società francese vuole trasformarsi in un fornitore di mobilità a tutto tondo. Il tutto senza dimenticare il core business della gestione di auto aziendali, per il quale aumenterà di importanza la parte del remarketing, con lusato pronto anche per il rinoleggio. ALD prevede infatti che circa il 30% dei suoi veicoli usati sarà venduto o rinoleggiato ai privati, per un totale di 125.000 mezzi: una buona opportunità di crescita, anche dei margini, e una riduzione del rischio rispetto ai valori residui. Move 2025 è un piano ambizioso, che fa leva su una trasformazione che abbiamo già iniziato cinque anni fa con lobiettivo di continuare a crescere, a medio e lungo termine - afferma lamministratore delegato. TIM ALBERTSEN -. Lo faremo andando a sviluppare nuovi servizi per la mobilità e accelerando sul digitale, con un investimento di 66 milioni di euro nei prossimi cinque anni". QUATTRO PILASTRI. Il piano quinquennale si basa su quattro pilastri strategici, ovvero i clienti, la crescita, loperatività e la responsabilità sociale, con il chiaro obiettivo di arrivare a 2,3 milioni di contratti in essere entro il 2025, divisi tra tutti i clienti di riferimento: grandi aziende, PMI, dipendenti aziendali non assegnatari di auto e consumatori privati. In base agli obiettivi, i nuovi prodotti di mobilità raggiungeranno il 15% circa di contribuzione sul fatturato, con un +16% di crescita ogni anno, in particolare grazie ad ALD FLEX, il noleggio a medio termine della società, che punta alle 60 mila unità gestite entro il 2025, e grazie al rinoleggio dellusato: la piattaforma che si occupa delle vetture di seconda mano, ALD Carmarket, che nel 2019 ha venduto ben 300 mila veicoli, sarà infatti implementata in ben 25 Paesi. Oltre che organicamente, però, ALD punta a crescere anche attraverso partnership e acquisizioni, di realtà posizionate lungo tutta la filiera del noleggio, dalle società di distribuzione a quelle tecnologiche. Con un focus ben chiaro: il Sud-Est asiatico, dove ALD è già sbarcata in Malesia, grazie a una joint venture con la MITSUBISHI BANK. COME DIMENTICARE LELETTRICO? Se lintenzione di Albertsen è quella di diventare un fully integrated sustanaibility provider, non poteva mancare limpegno sullelettrificazione delle flotte, che vedrà veicoli elettrici per il 30% delle sue nuove immatricolazioni entro il 2025 e per il 50% entro il 2030. Anche qui grazie a partnership come quella con CHARGEPOINT, e a nuovi prodotti, come ALD SWITCH, grazie al quale noleggiare unauto elettrica pur avendone sempre a disposizione una a propulsione endotermica spiega il deputy ceo JOHN SAFFRETT, che sottolinea anche come non hanno mai avuto alcun problema alle batterie delle auto elettriche gestite visto anche che abbiamo un parco auto che raggiunge al massimo i 7 anni, e le batterie sono garantite almeno fino a 8 anni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/NOLEGGIO_A_LUNGO_TERMINE [2] https://www.quattroruote.it/news/noleggio/2020/02/12/nuova_mobilita_arriva_il_piano_strategico_arval_beyond.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ALD_AUTOMOTIVE 2020-11-15 22:18:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/10/12/bmw_serie_4_caratteristiche_immagini_anticipazioni_della_gran_coupe/gallery/rbig/2020-bmw-serie-4-gran-coupe-foto-spia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33140 BMW Serie 4 - Avvistata la Gran Coupé http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33140&tipo=fv Un prototipo della BMW SERIE 4 [1] GRAN COUPé è stato immortalato assieme ad altri muletti della Casa di Monaco. La berlina sportiva seguirà il debutto delle varianti COUPé E CABRIOLET [2] già presentate ed è ormai definita in ogni dettaglio, ma non dovrebbe essere svelata prima del 2021. GRAN COUPé COME DA COPIONE. La formula della Gran Coupé è stata confermata anche per la nuova generazione della Serie 4 e, osservando le immagini, pare che la BMW sia intenzionata a mantenere limpostazione della versione uscente: il frontale è quello delle nuove Serie 4 a due porte, caratterizzato dal grande doppio rene sviluppato verticalmente, mentre la fiancata presenta i montanti posteriori molto inclinati e il taglio sfuggente del cristallo fisso. Le portiere sono chiuse, ma è piuttosto scontata ladozione dei vetri privi di cornici come per le altre Gran Coupé proposte fino a oggi. In coda troviamo un pratico portellone che integra nella parte finale un elemento aerodinamico fisso. Rispetto al modello attuale, la vettura appare più larga e aggressiva sul piano del design, elemento in comune con le coupé e cabriolet: da queste ultime dovrebbero peraltro derivare gli interni, non visibili in queste immagini. LA M CHE NON CERA. Meccanicamente, la Serie 4 Gran Coupé dovrebbe replicare la gamma dei propulsori diesel e benzina già introdotti sulle varianti a due porte. Rimane il dubbio, invece, sullipotetico lancio di una versione sportiva M: dal momento che è stata già confermata la futura disponibilità di una M3 TOURING [3], nulla vieta che anche la Gran Coupé possa avere per la prima volta una chance in tal senso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BMW-SERIE-4 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/02/BMW_SERIE_4_DIMENSIONI_MOTORI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/13/BMW_M3_TOURING_TEASER_USCITA.HTML 2020-11-15 22:18:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/15/formula_1_hamilton_nella_storia_7_volte_campione_come_schumacher/gallery/rbig/2020-f1-lewis-hamilton.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33139 Formula 1 - Hamilton nella storia: sette volte campione come Schumacher http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33139&tipo=fv _Record braker, History Maker. _Gli inglesi non sanno più come poter descrivere adeguatamente a parole la GRANDEZZA SPORTIVA DI LEWIS HAMILTON [1], diventato oggi sette volte campione del mondo di Formula 1 come Michael Schumacher. IL PIù GRANDE DI SEMPRE? Probabilmente mai nessuno potrà rispondere a una domanda del genere, perché è letteralmente impossibile mettere a paragone epoche diverse. Quel che è evidente e che nessuno potrà oggettivamente negare è che Lewis Hamilton ha il talento e il carisma di quei talenti puri che lo hanno preceduto nel tempo, quali Fangio, Senna o Schumacher. Anche se i numeri non sempre testimoniano la grandezza dei piloti come per Gilles Villenueve, giusto per citarne uno quelli di Hamilton raccontano la sua carriera di successo nel circus. A oggi ha corso 264 Gran Premi, segnando record assoluti come le 94 vittorie e le 97 pole position. La costanza è la chiave del suo successo, perché negli anni è andato a podio più della metà delle volte in cui ha corso (163 podi, una percentuale del 61,7%!) e si è ritirato solamente in 26 occasioni. NON SOLO COINCIDENZE. Curioso come il settimo titolo mondiale di Hamilton sia arrivato proprio in Turchia, proprio su quello stesso circuito dove nel 2006 diede sfoggio di tutto il suo grande talento in una gara della GP2 Series che lo vide rimontare dallultima alla seconda posizione finale. Una superiorità che destò così tanti sospetti che i commissari smontarono pezzo per pezzo la sua vettura in cerca di qualcosa di irregolare, salvo poi sentenziare che lunica spiegazione di quella prestazione favolosa era tutta da imputare al talento del pilota. Daltronde, quella vecchia volpe di Ron Dennis ci aveva visto lungo, supportando Lewis fin dai tempi del kart, fino a portarlo proprio in McLaren nel 2007. E lì diede subito dimostrazione che ci avrebbe fatto divertire, mettendo in difficoltà un due volte campione come Fernando Alonso. Hamilton sfiorò il titolo già nellanno del debutto, centrando lobiettivo lanno successivo. Rompe il cordone ombelicale nel 2013 e lascia Woking per Brackley, unendosi alla Mercedes proprio in sostituzione delluscente Michael Schumacher. Matura a tal punto da schiacciare i fantasmi del passato e, giorno dopo giorno, migliora fino a rasentare la perfezione. Vederlo sbagliare è cosa assai rara, ancor più con una Mercedes in forma splendida che gli consente di conquistare sei titoli mondiale dal 2014 a oggi. MAI DOMO. Probabilmente, al posto suo, chiunque potrebbe scegliere di adagiarsi sugli allori e godersi fama e ricchezza. Invece, Hamilton ha chiaramente intenzione di spingersi oltre, ammettendo di sentirsi come se avesse appena iniziato la sua carriera in Formula 1. Oltre a essere un pilota migliore, la forza di Lewis sta proprio nellessere una persona più serena, consapevole delle proprie potenzialità e dei propri limiti. Fisicamente al top, è fiero di aver abbracciato il veganesimo ed essere diventato un simbolo nella lotta in difesa dei diritti umani e ambientali. Sa di avere una grande influenza ed è determinato a usarla per cambiare le cose. E vuole farlo anche nello sport: seppur il rinnovo contrattuale tardi ad arrivare, Lewis vuole incidere il suo nome ancora più a fondo nella storia di questo sport. Per buona pace dei suoi detrattori, serviranno ancora fiumi dinchiostro per raccontare le sue gesta, dentro e fuori la pista. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?HAMILTON_LEWIS_523079 2020-11-15 15:52:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2019/11/04/non_solo_mercedes_le_auto_private_di_lewis_hamilton_foto_gallery/gallery/rbig/2019-auto-Lewis-Hamilton-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33138 Non solo Mercedes - Le auto private di Lewis Hamilton FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33138&tipo=fv Con uno stipendio annuo di 42 milioni di euro (CLICCA QUI [1] per sapere quanto guadagnano i suoi colleghi), Lewis Hamilton conduce una vita tuttaltro che austera e morigerata: immobili di lusso (ben 36 milioni di euro è il prezzo pagato per il suo secondo appartamento di New York), aerei, moto e, ovviamente, automobili. Il ragazzo di Stevenage ha una collezione di auto da sogno, probabilmente la più esclusiva TRA I PILOTI IMPEGNATI NEL CIRCUS [2], in grado di competere con IL SONTUOSO GARAGE DI CRISTIANO RONALDO [3]. Per celebrare il suo SETTIMO TITOLO IRIDATO IN FORMULA 1 [4] abbiamo raccolto le auto più esclusive del pilota nella nostra galleria di immagini, dove troverete Mercedes e McLaren, ovvero le stradali legate alle due scuderie con cui ha corso in carriera, ma anche quelle di altre Case, come la rivale Ferrari. LO SFOTTò SOCIAL. Proprio questaspetto ha recentemente servito un facile assist alla Scuderia del Cavallino in occasione di batti e ribatti social con la Mercedes-AMG Petronas, dopo che questultima aveva twittato Ferrari is always behind Lewis (la Ferrari è sempre dietro Lewis). La risposta del Cavallino, infatti, non si è fatta attendere: Cara Mercedes, è vero che a volte Lewis ha una Ferrari alle spalle, ma da quello che possiamo vedere anche lui ne tira fuori qualcuna ogni tanto". Come la LaFerrari con cui si è fatto immortalare nello scatto qui sopra. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/sport/2019/07/05/piloti_formula_uno_stipendi_quanto_guadagnano_hamilton_vettel_leclerc_bottas_.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CURIOSITA/2017/05/12/FORMULA_1_FUORI_DAI_CIRCUITI_LE_AUTO_PRIVATE_DEI_PILOTI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2018/07/06/cristiano_ronaldo_tutte_le_auto_di_cr7_juventus_real_madrid_foto_gallery.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/11/15/F_1_GP_TURCHIA_RISULTATI_GARA.HTML 2020-11-15 15:21:42 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/15/bonus_mobilita_altri_100_milioni_per_monopattini_e_bici_nella_bozza_della_manovra_2021/gallery/rbig/2020-monopattini.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33137 Bonus mobilità - Altri 100 milioni per monopattini e bici nella bozza della Manovra 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33137&tipo=fv Nuovi fondi in arrivo con la prossima Manovra per monopattini, bici e hoverboard. Nella bozza relativa alla legge di bilancio 2021, il governo ha previsto un ulteriore stanziamento di 100 milioni per sostenere lacquisto dei mezzi incentivati dal BONUS MOBILITà [1]. TANTE RICHIESTE PER I FONDI. Il provvedimento al momento contenuto in un testo che non è ancora definitivo servirà a soddisfare lalta richiesta del contributo: una domanda rimasta parzialmente insoddisfatta dai fondi stanziati per il 2020 (215 milioni), RAPIDAMENTE ESAURITI [2] dopo il clickday del 3 novembre scorso, quando è stato aperto il portale per inoltrare la richiesta da parte dei cittadini del buono allacquisto pari al 60% della spesa sostenuta e, comunque, in misura non superiore a euro 500. Intanto, per i monopattini, al centro di polemiche sul loro utilizzo e sulla sicurezza, sono in arrivo NUOVE LINEE GUIDA [3] stilate dal ministero dei Trasporti e dallAnci. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/09/02/BONUS_MOBILITA_SLITTA_A_NOVEMBRE_L_APERTURA_DEL_PORTALE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/11/04/BONUS_MOBILITA_ESAURIMENTO_FONDI_DOPO_CLICK_DAY.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/11/13/MONOPATTINI_IN_ARRIVO_NUOVE_LINEE_GUIDA.HTML 2020-11-15 14:55:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/14/arval_mobility_observatory_vince_l_ottimismo_malgrado_tutto/gallery/rbig/2020_barometro_arval.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33136 Arval Mobility Observatory - Vince lottimismo, malgrado tutto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33136&tipo=fv Giunto alla quindicesima edizione, lARVAL MOBILITY OBSERVATORY [1] è uno studio che cerca di inquadrare le tendenze da qui ai prossimi tre anni relative al mondo delle FLOTTE AZIENDALI [2] in Europa e negli Stati in cui il NOLEGGIATORE TRANSALPINO [3] opera. La ricerca ha coinvolto questanno ben 20 Paesi 17 in area Ue più Brasile, Russia e Turchia producendo 4.794 interviste a fleet manager di aziende di tutte le dimensioni, di cui 300 anche in Italia. Lanalisi delle informazioni raccolte è stata in gran parte condotta prima del lockdown di marzo, ma secondo il direttore vendite di Arval Italia, TOMASO AGUZZI, e il capo dellArval Mobility Observatory sono infatti il 49% quelle già attrezzate (percentuale che sale al 66% considerando le aziende di più di mille dipendenti) contro il 33% in Europa. Parlando di tecnologia a bordo, una menzione va agli Adas, resi sempre più obbligatori nelle car policy aziendali, soprattutto la frenata di emergenza (obbligatoria per l88% delle società), il lane assist (87%) e il cruise control adattivo (82%). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ARVAL_OBSERVATORY [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTO_AZIENDALI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ARVAL [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-15 14:29:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/15/f_1_gp_turchia_risultati_gara/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton-turchia.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33135 F.1, GP Turchia - Istanbul, Hamilton vince ed è campione del mondo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33135&tipo=fv LEWIS HAMILTON HA VINTO IL GRAN PREMIO DELLA TURCHIA, quattordicesimo appuntamento del Mondiale 2020 di Formula 1. Linglese della Mercedes CONQUISTA, CON TRE GARE DANTICIPO, IL SUO SETTIMO TITOLO IRIDATO ed eguaglia Michael Schumacher. Sul podio di Istanbul salgono Sergio Perez con la Racing Point e Sebastian Vettel con la Ferrari. _In aggiornamento..._ GUARDA I RISULTATI COMPLETI DEL GP DI TURCHIA 2020 [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-15 13:06:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/12/motori_e_lockdown_film_serie_e_documentari_in_streaming_foto_gallery/gallery/rbig/motori-streaming-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33134 Motori e lockdown - Film, serie e documentari in streaming - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33134&tipo=fv Mentre ci si interroga sul ritorno a un lockdown nazionale dovuto allemergenza CORONAVIRUS [1], gli italiani devono fare i conti con il coprifuoco notturno, la chiusura di cinema, teatri e palestre e il divieto di cenare in pub e ristoranti. Internet e la televisione rimangono tra le poche forme dintrattenimento possibili in serata, anche nel weekend, e i servizi on demand rappresentano una scelta quasi obbligata di passatempo per molti. IN CHIARO O SU PIATTAFORMA. Per questo, abbiamo raccolto nella nostra nuova galleria alcuni contenuti in streaming per gli amanti dei motori: film, programmi tv e documentari inclusi negli abbonamenti mensili alle principali piattaforme, come Netflix e Amazon Prime Video, ma anche Now TV, Infinity e TimVision. Oppure, come le repliche di DRIVE UP [2], fruibili gratuitamente su MediasetPlay. E, qualora nel nostro elenco non doveste trovare alcuni titoli iconici come "Bullit", "Gioventù Bruciata", "American Graffiti" e "Il Laureato", avrete comunque la possibilità di noleggiare i singoli contenuti, non compresi negli abbonamenti, accedendo alle principali piattaforme dedicate, come Chili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DRIVE-UP 2020-11-15 12:11:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/15/mondiale_endurance_conway_lopez_e_kobayashi_campioni_del_mondo/gallery/rbig/2020-toyota-world-champion.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33133 Mondiale Endurance - Conway, Lopez e Kobayashi campioni del mondo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33133&tipo=fv MIKE CONWAY, JOSE MARIA LOPEZ E KAMUI KOBAYASHI hanno conquistato il titolo di campioni del mondo endurance 2020, dopo aver vinto la 8 ore del Bahrain. Battuto lequipaggio #7 formato da Brendon Hartley, Sebastien Buemi e Kazuki Nakajima che si sono classificati secondi sia in Bahrain che nel campionato piloti. Ancora una volta, la TOYOTA è IL TEAM CAMPIONE DEL MONDO NELLULTIMA STAGIONE DELLA CLASSE LMP1. LA TS050 HYBRID VA IN PENSIONE. Akio Toyoda ha commentato la vittoria nella 8 ore di Bahrain: "Congratulazioni a Mike, Jose e Kamui per aver vinto il round finale e aver conquistato il campionato! Grazie anche a Sebastien, Brendon e Kazuki che con il loro secondo posto hanno regalato alla Toyota una doppietta". Per la TS050 Hybrid è stata unescalation di successi e Akio Toyoda fa il bilancio: "Ha gareggiato in 34 gare, ha ottenuto 16 pole position, 15 giri veloci e 19 vittorie. Ai piloti che hanno guidato questa vettura, agli ingegneri e ai meccanici che lhanno gestita e a tutti i tifosi che ci hanno supportato, dico grazie di cuore. Dalla prossima stagione avremo una nuova vettura, ma la voglia di fare sempre la macchina migliore non cambierà". COSì NELLE ALTRE CATEGORIE. Nella 8 ore del Bahrain, la Jackie Chan DC Racing ha vinto la battaglia del Bahrain, ma i campioni della classe LMP2 sono Alburquerque, Hanson e il team United Autosport. Nella classe GTE-Pro è doppietta della Porsche 911 RSR-19 #92 dei campioni uscenti Kevin Estre e Michael Christensen che hanno chiuso con soli tre secondi di vantaggio sulla vettura gemella #91, segnando una doppietta per il costruttore tedesco. Ma la vittoria del campionato è andata alla Aston Martin di Nicki Thiim e Marco Sorensens. Nella GTE-Am è la Porsche a imporsi con il Team Project 1 di Perfetti, Ten Voorde e Bergmeister. 2020-11-15 10:50:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/10/30/mercedes_benz_sl_caratteristiche_immagini_e_anticipazioni_della_nuova_generazione_anche_versione_amg/gallery/rbig/2020-mercedes-benz-sl-foto-spia-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33132 Mercedes-Benz SL - Collaudi in corso per la nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33132&tipo=fv La nuova generazione della MERCEDES-BENZ SL [1] è stata avvistata durante alcuni test in pista e su strada. In particolare, la due posti tedesca è stata immortalata sul circuito del Nürburgring nella variante AMG, già anticipata lo scorso agosto con alcune immagini ufficiali diffuse dalla Casa. In realtà, lintero progetto fa capo al marchio sportivo di Affalterbach, che dopo aver sviluppato la GT è stato chiamato al non facile compito di reintepretare questo iconico modello della Stella. LOOK SPORTIVO E QUATTRO SCARICHI. La mascherina e i cerchi di lega sono quelli tipici delle versioni AMG, così come i quattro scarichi squadrati integrati nel paraurti posteriore, altro tratto distintivo del modello. Le prese daria frontali appaiono piuttosto generose, ma non sono lunico elemento che balza agli occhi: spiccano, infatti, anche lo splitter inferiore e i due profili aggiuntivi ai lati del paraurti. In coda, i prototipi rivelano per ora delle soluzioni diverse tra loro, ma lintenzione sembra essere quella di introdurre un elemento fisso sul portellone. I cerchi di lega di vario disegno potrebbero non essere ancora definitivi, mentre le pinze dei freni gialle dovrebbero confermare la presenza dellimpianto carboceramico. Il tetto di tela, infine, appare nascosto sotto le camuffature per non svelare la sua reale forma, nonostante il suo ritorno sia già stato confermato. V8 BITURBO, FORSE ELETTRIFICATO. La storia dei modelli AMG e delle SL AMG è indissolubilmente legata ai propulsori V8 e V12. Per la nuova generazione sembra dunque molto probabile ladozione di una delle numerose varianti del V8 4.0 biturbo, ma non è dato sapere, in questo momento, se si tratterà di ununità tradizionale oppure di una elettrificata. Al tempo stesso, si attende di scoprire se la Mercedes vorrà introdurre due versioni AMG, come già fatto per altri modelli, offrendo le declinazioni 53 con il motore a sei cilindri e le 63 dotate invece degli otto cilindri. Nulla vieta, infine, di immaginare una BLACK SERIES [2] equipaggiata con il motore ad albero piatto da 730 CV recentemente presentato sulla GT. Un propulsore che sicuramente non è presente negli esemplari di queste immagini, decisamente meno estremi dal punto di vista aerodinamico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/27/MERCEDES_BENZ_SL_TEST_SU_STRADA_PROTOTIPI_NUOVA_GENERAZIONE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/24/MERCEDES_AMG_GT_BLACK_SERIES_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML 2020-11-14 15:35:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/14/f_1_gp_turchia_risultati_qualifiche/gallery/rbig/2020-racing-point-stroll.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33131 F.1, GP Turchia - Nel caos di Istanbul la pole è di Stroll http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33131&tipo=fv Al termine di una qualifica caotica, tra pioggia e interruzioni con bandiere gialle e rosse, LANCE STROLL HA CONQUISTATO LA POLE POSITION DEL GRAN PREMIO DI TURCHIA, quattordicesima prova del Mondiale di Formula 1. Il canadese della Racing Point ha fermato il cronometro sull1:47.765, precedendo la Red Bull di Max Verstappen di quasi tre decimi. Terzo posto per laltra Racing Point, quella di Perez, staccato di un secondo e mezzo. _In aggiornamento..._ GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE QUALIFICHE A ISTANBUL [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-14 15:08:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/14/f_1_gp_turchia_risultati_prove_libere_3/gallery/rbig/2020-red-bull-verstappen.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33130 F.1, GP Turchia - Libere 3 sotto la pioggia, Verstappen ancora davanti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33130&tipo=fv La TERZA SESSIONE DELLE PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DI TURCHIA è stata a dir poco atipica. Oltre lasfalto viscido che ha già reso impossibile fare delle valutazioni ieri, il sabato di Istanbul è stato caratterizzato dallarrivo della pioggia che ha costretto i piloti a fare davvero dei numeri da circo per tenere in pista le monoposto. TEMPI INUTILI. Per dovere di cronaca, è Max Verstappen è riuscito a ottenere il giro più veloce della sessione con 1:48.485, un secondo più veloce di Leclerc che ha chiuso in seconda posizione. Chiaramente, i tempi non contano nulla in questa situazione in cui era già tanto mantenere lauto in pista. Sebastian Vettel è stato tra i piloti che ha girato di più, portando la sua Ferrari SF1000 in sesta posizione al termine dei 14 giri fatti per prendere le misure di una pista che sarà certamente umida anche in qualifica. Chiunque abbia provato a fare un giro cronometrato è finito almeno una volta in testacoda, poiché i livelli di aderenza sono davvero bassi. Lunico ad aver provato la partenza, alla fine della sessione, è stato Kimi Raikkonen: impressionante il suo onboard camera, da cui è stato possibile tutte le difficoltà di scaricare a terra la potenza di queste monoposto su un asfalto che sembra ghiaccio. QUALIFICHE ALLE 13 ITALIANE. Con queste condizioni di pista, neanche le gomme da bagnato estremo - le full wet - sono riuscite a garantire quel minimo di aderenza per fare girare i piloti con un ritmo un po più elevato. Con le basse temperature di oggi, le gomme non riescono ad andare in temperatura e laderenza è davvero precaria, tanto che molti piloti sono finiti in testacoda nonostante le basse velocità. Come se non bastasse, la Pirelli ha imposto un aumento della pressione delle gomme di 1 PSI, dopo aver visto i carichi aerodinamici più elevati rispetto a quelli che erano stati stimati in simulazione e questo contribuisce a far scivolare di più le vetture. Ci aspetta una qualifica davvero imprevedibile. GUARDA I RISULTATI DELLE LIBERE 3 A ISTANBUL [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-14 11:57:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/11/auto_elettriche_i_modelli_disponibili_in_italia_foto_gallery/gallery/rbig/mercato-elettriche-italia-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33129 Auto elettriche - I modelli disponibili in Italia - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33129&tipo=fv Nonostante lemergenza coronavirus, a ottobre le immatricolazioni di modelli elettrici in Italia sono cresciute del 205,1% rispetto allo stesso mese nel 2019. Le 2.889 unità registrate portano così i primi dieci mesi dellanno a quota 20.449 consegne complessive, con una crescita del 136,2%. Lauto a zero emissioni, dunque, non è più un oggetto misterioso per le strade della nostra penisola: con una fetta di mercato pari all1,8%, le EV superano le vetture a metano, che si attestano su una quota dell1,6% (dati Unrae). Centrano i GENEROSI INCENTIVI [1], certo, ma anche una RETE DI INFRASTRUTTURE PIù ADEGUATA [2] rispetto al passato e unofferta di modelli maggiormente IN LINEA CON I GUSTI DEL MOMENTO [3], come Suv e crossover. DallAudi alla Volvo, abbiamo raccolto in questa nuova galleria dimmagini le varie proposte di ogni brand per il nostro mercato, vetture già disponibili o in arrivo a breve, con tutte le specifiche sulle potenze dei powertrain, sulla capacità delle batterie e sullautonomia dichiarata dalle Case nel ciclo misto. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/09/07/ecobonus_e_super_ecobonus_tutti_gli_incentivi_per_comprare_un_elettrica_o_un_ibrida_plug_in.html [2] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/09/17/punti_di_ricarica_colonnine_la_situazione_in_italia_e_in_europa_372242977.html [3] https://www.quattroruote.it/news/mercato/2020/10/15/auto_elettriche_dalle_utilitarie_alle_hypercar_ecco_dove_sta_andando_il_mercato.html 2020-11-14 11:34:16 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/11/13/coronavirus_campania_e_toscana_diventano_zone_rosse_tre_nuove_regioni_arancioni/gallery/rbig/2020-dati-coronavirus-13-novembre-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33128 Coronavirus - Campania e Toscana diventano zone rosse, altre tre Regioni arancioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33128&tipo=fv Cambia ancora la MAPPA DELLA CRISI SANITARIA IN ITALIA [1]: dal 15 novembre, infatti, Campania e Toscana diventano zone rosse, mentre Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche passano dal giallo allarancione. Lultimo monitoraggio dellISS (Istituto Superiore di Sanità) e del ministero della Salute ha portato a una riclassificazione dei territori nelle fasce di rischio per la pandemia da COVID-19 [2]: quelle che determinano il "colore" delle Regioni e, di conseguenza, le limitazioni nelle attività e negli spostamenti disposte per il contenimento dei contagi. Dopo aver consultato gli ultimi dati, il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato in serata una nuova ordinanza con validità a partire da domenica prossima. DOPPIO SALTO DELLA CAMPANIA. Le zone rosse andranno dunque a includere la Campania (precedentemente gialla) e la Toscana (già arancione): in tali Regioni, secondo le prescrizioni del "lockdown leggero" varato con il DPCM DEL 3 NOVEMBRE [3] scorso, è vietato ogni spostamento, anche allinterno del proprio Comune e in qualsiasi orario, fatti salvi motivi di lavoro, salute o necessità. A maggior ragione, è vietato spostarsi da una Regione a unaltra e da un Comune allaltro. Bar e ristoranti, cui è consentita solo lattività dasporto (fino alle 22) e la consegna a domicilio, sono chiusi sette giorni su sette, così come i negozi, tranne i supermercati, gli alimentari e gli esercizi che vendono beni o forniscono servizi di necessità. Il trasporto pubblico è infine permesso con capienza fino al 50%, ad eccezione di quello scolastico. COSA COMPORTA LARANCIONE. Nelle zone arancioni, cui vanno ad aggiungersi Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia e Marche, dichiarate gialle fino a sabato 14 novembre, non si può circolare allinterno dei Comuni dalle 22 alle 5 del mattino, se non per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità. In queste aree sono vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione allaltra e da un Comune allaltro, sempre salvo le ragioni di cui sopra. In ogni caso, alla luce dellattuale rischio epidemiologico si raccomanda di evitare spostamenti non necessari allinterno del proprio Comune, per quanto non ufficialmente interdetti nelle Regioni arancioni. Come per le zone rosse, bar e ristoranti sono chiusi tutta la settimana (con asporto attivo fino alle 22 e consegne a domicilio illimitate), mentre i centri commerciali si fermano nei weekend, ad eccezione degli alimentari, delle farmacie e parafarmacie, dei tabaccai e delle edicole al loro interno. Anche qui vale la riduzione al 50% del trasporto pubblico, salvo sempre quello destinato alle scuole. DECISIONI LOCALI. "Siamo consapevoli del fatto che ogni volta si attua una misura o ordinanza si mettono in campo sacrifici per le persone, ma purtroppo questi sacrifici sono indispensabili" ha commentato Speranza. La recente ordinanza del ministero della Salute determina unulteriore stretta che era nellaria già da giorni. In precedenza, alcuni sindaci e governatori avevano varato provvedimenti locali disponendo ulteriori limitazioni in aggiunta a quelle sancite dallultimo Dpcm. Per citare i casi più recenti, Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia hanno, tra le altre cose, introdotto il divieto di passeggiare nelle strade e nelle piazze dei centri storici delle città, oltre che nelle aree affollate. A Palermo, invece, il sindaco Orlando ha stabilito il "divieto di stazionamento" per le persone nelle zone del centro, dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 22 e nel weekend e festivi dalle 5 alle 22. ECCO, DUNQUE, LA SITUAZIONE IN ITALIA DAL 15 NOVEMBRE: ZONA ROSSA: Calabria, Lombardia, Piemonte, Campania, Toscana, Provincia di Bolzano e Valle dAosta ZONA ARANCIONE: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Marche e Umbria ZONA GIALLA: Lazio, Molise, Provincia di Trento, Sardegna e Veneto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/11/09/DPCM_NOVEMBRE_REGIONI_ARANCIONI_.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/11/04/DPCM_3_NOVEMBRE_.HTML 2020-11-13 22:35:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/13/caso_ghosn_nuovi_problemi_con_l_avvio_del_processo_civile_in_giappone/gallery/rbig/2018-Carlos-Ghosn-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33126 Caso Ghosn - Giappone, al processo civile spuntano le nuove accuse della Nissan http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33126&tipo=fv CARLOS GHOSN [1] deve affrontare nuove accuse legali con lavvio del processo a Yokohama, in Giappone. La NISSAN ha, infatti, intentato una causa civile nel quadro della richiesta di RISARCIMENTO DANNI [2] per un totale di 10 miliardi di yen (circa 80 milioni di euro). La Casa nipponica, infatti, ritiene il suo ex numero uno "responsabile dei danni e delle perdite finanziarie subite dalla società a causa della sua cattiva condotta". LA RISPOSTA. Ghosn non ha ovviamente presenziato alla prima udienza del processo, in quanto protagonista, tra la fine del 2019 e linizio del 2020, di una rocambolesca FUGA IN LIBANO [3]. Il manager, arrestato due anni fa con laccusa, tra le altre cose, di aver nascosto 9,3 miliardi di yen al fisco giapponese e di aver usato in modo improprio i fondi aziendali, ha negato tutti gli addebbiti e lanciato, a sua volta, DURI ATTACCHI [4] contro il costruttore e la giustizia nipponica. "La causa civile della Nissan è unestensione dellindagine interna, estremamente irragionevole e con intenti sinistri, condotta da una parte dellalta dirigenza della Casa, nonché degli arresti e delle accuse dei pubblici ministeri", ha aggiunto oggi Ghosn. PRESENTE KELLY. Lex manager, che nei mesi scorsi ha accusato la Nissan di averlo defenestrato per evitarte qualsiasi ipotesi di fusione con la Renault, è stato rappresentato nel tribunale di Yokohama da alcuni avvocati. Presente, invece, il suo ex braccio destro Greg Kelly, accusato di aver aiutato Ghosn a nascondere i suoi redditi. Anche Kelly nega ogni illecito, mentre la Nissan, tra gli imputati per responsabilità oggettiva, si è dichiarata colpevole. Se giudicato responsabile (un evento molto probabile visto che, in Giappone, il 99% delle cause si conclude con delle condanne), Kelly rischia fino a 10 anni di carcere e una multa di 10 milioni di yen. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GHOSN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/12/CASO_GHOSN_LA_NISSAN_CHIEDE_UN_RISARCIMENTO_DA_OLTRE_80_MILIONI_DI_EURO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/31/RENAULT_NISSAN_GHOSN_LASCIA_IL_GIAPPONE_E_VOLA_IN_LIBANO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/01/08/CARLOS_GHOSN_CONTRO_DI_ME_UN_COMPLOTTO_DELLA_NISSAN_E_DELLA_PROCURA_.HTML 2020-11-13 18:56:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/accessori/2020/11/13/fiat_nuova_500_elettrica_gli_optional_firmati_mopar_per_personalizzarla/gallery/rbig/2020-fiat-nuova-500-accessori-mopar-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33127 Fiat Nuova 500 - Gli optional firmati Mopar per personalizzare lelettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33127&tipo=fv La gamma di prodotti Mopar presenta novità dedicate alla FIAT NUOVA 500 [1]. La declinazione elettrica del cinquino, appena presentata anche nella VARIANTE 3+1 [2] [3], può essere personalizzata con accessori specifici: il catalogo include anche i sistemi di controllo remoto per la gestione della ricarica. DUE PACCHETTI DALLIMPRONTA MODAIOLA. Mopar propone due pacchetti specifici denominati Fashion e Chrome: il primo include dettagli in tinta ottone, mentre il secondo fa ampio ricorso alle cromature. Per entrambi è prevista la "Tunnel Pocket", un portaoggetti e porta borsa personalizzato con spazio per smartphone, trucchi e altri oggetti. La personalizzazione comprende anche i cerchi di lega specifici, la cover della chiave in tinta e la finitura "chevron" del tetto. SPORTIVA MA ANCHE ECOLOGICA. Optando invece per la linea Sport Techno, lelettrica è equipaggiata con cerchi da 17" dal disegno esclusivo, battitacco illuminati, finiture grigio maratea opaco per le calotte degli specchietti, illuminazione interna specifica, loghi e cover della chiave e grafiche dedicate per il tetto e la carrozzeria. Chi vuole invece sottolineare la vocazione ecologica del cinquino alla spina può puntare sulle opzioni "Ethics Aestetics" e "Be Proud", che ricorrono ai materiali riciclati: ne sono un esempio la chiave "Pebble Stone", fatta con scarti vegetali, e le grafiche esterne. Mopar, infine, offre anche sulla Nuova 500 il D-Fence Pack con filtro per labitacolo, purificatore daria e lampada UV igienizzante. UN MONDO DI SERVIZI CONNESSI. Trattandosi di un modello di ultima generazione, la 500 elettrica apre anche a funzionalità e servizi inediti. Per questo, Mopar ha collaborato allo sviluppo della App Fiat che include i servizi Send Go per pianificare i viaggi, il My Easy Charge per trovare e gestire il pagamento delle colonnine di ricarica e le funzioni della EasyWallbox di casa, il My Alert per evitare contro i furti, e il My Fleet Manager per la gestione delle flotte. Tutti questi servizi sono legati alla presenza a bordo della UConnect Box, il modulo che permette alla vettura di dialogare con lesterno e fornisce, allo stesso tempo, lhot-spot WiFi di bordo e gli aggiornamenti over-the-air dei sistemi del veicolo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_ELETTRICA_PREZZO_BASE_CON_INCENTIVI_AUTONOMIA_INTERNI_ALLESTIMENTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_3_1_ELETTRICA_DIMENSIONI_AUTONOMIA_INTERNI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/10/22/fiat_500_3_1_elettrica_dimensioni_autonomia_interni.html 2020-11-13 18:56:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/13/gruppo_volkswagen_aumento_investimenti_73_miliardi_auto_elettriche_ibride_digitalizzazione/gallery/rbig/2020-volkswagen-logo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33125 Gruppo Volkswagen - Aumentano gli investimenti per elettriche e digitalizzazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33125&tipo=fv Il GRUPPO VOLKSWAGEN [1], nei prossimi cinque anni, spenderà circa 73 miliardi di euro per i processi di elettrificazione, nuovi propulsori ibridi e la tecnologia digitale. Lazienda, infatti, ha annunciato che gli investimenti in questi ambiti passeranno dal 40% DEL PIANO PRECEDENTE [2] al 50%, mentre le risorse dedicate alla digitalizzazione raddoppieranno fino a raggiungere i 27 miliardi di euro entro il 2025. Circa 35 miliardi saranno spesi per veicoli elettrici. Infine, ulteriori 11 miliardi sono stati stanziati per lo sviluppo di powertrain ibridi per modelli già esistenti. Infine, una sorpresa: il costruttore ha infatti confermato che nel 2023 verrà avviata la produzione della versione di serie della Aero, una concept inedita. NUOVI MODELLI A BATTERIA. Nei prossimi dieci anni, il gruppo intende avere una gamma composta da 70 modelli completamente elettrici, cinque in meno rispetto a quanto annunciato lo scorso novembre: 20 di essi sono già in produzione. Inoltre sono previsti, sempre entro il 2030 e in linea con il piano precedente, circa 60 veicoli ibridi, di cui poco più della metà già entrati nella fase produttiva. Il target è produrre circa 26 milioni di auto completamente elettriche entro la fine del decennio: circa 19 milioni saranno basate sulla piattaforma Meb, mentre la maggior parte delle rimanenti 7 milioni utilizzerà la piattaforma Ppe per le vetture ad alte prestazioni. Nello stesso periodo, la Volkswagen stima la produzione di circa sette milioni di veicoli ibridi. Per quanto riguarda la digitalizzazione, gli investimenti includono lorganizzazione Car.Software del gruppo, che è stata lanciata allinizio di questanno e si occupa dello sviluppo dei software: lobiettivo è quello di costruire un insieme di programmi proprietari, che poi saranno implementati nel progetto Artemis di Audi a partire dal 2024. In questo modo, il costruttore conta di incrementare le quote nellambito software dal 10% al 60%. Inoltre, unampia fetta dei fondi destinati alle tecnologie digitali sarà investita nei settori dellintelligenza artificiale, della guida autonoma e della digitalizzazione di alcuni processi aziendali. LA GERMANIA AL CENTRO DELLA TRASFORMAZIONE. La Volkswagen ha dichiarato anche che investirà pesantemente sui propri siti di produzione tedeschi, con lobiettivo di trasformare la Bassa Sassonia nel nuovo fulcro della mobilità elettrica tedesca. A SALZGITTER [3], infatti, il gruppo spenderà circa un miliardo di euro per limpianto di produzione delle batterie, realizzato in collaborazione con il partner svedese NORTHVOLT [4]: lo stabilimento verrà avviato nel 2024. Ad Hannover, invece, la fabbrica preesistente sta accelerando la trasformazione che la porterà a produrre la ID.BUZZ [5], insieme a TRE NUOVE D-SUV A ZERO EMISSIONI per altri marchi del gruppo. LA NOVITà. Presentando il piano, la Volkswagen ha anche confermato la produzione della AERO, prototipo di una quattro porte elettrica che il costruttore deve ancora svelare, ma che potrebbe essere la CONCEPT I.D. VIZZION [6]: la vettura sarà prodotta a partire dal 2023 nello stabilimento di Emden, dove i lavori di adeguamento per il passaggio alla mobilità elettrica sono già stati avviati. Qui, infatti, verrà assemblata anche la ID.4 [7], mentre la Passat, attualmente prodotta in questo impianto, dal 2023 sarà realizzata insieme alla Skoda Superb a Bratislava, in Slovacchia. Nella fabbrica di Wolfsburg, infine, dal 2024 verrà assemblata unaltra Suv che si aggiungerà allintera famiglia della Golf, della Tiguan e della Seat Tarraco che lì vengono costruite. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/auto/volkswagen.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/11/15/GRUPPO_VOLKSWAGEN_ALZA_I_TARGET_E_GLI_INVESTIMENTI_PER_LE_ELETTRICHE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/11/AUTO_ELETTRICHE_VOLKSWAGEN_COSTRUIRA_A_SALZGITTER_UN_NUOVO_STABILIMENTO_PER_PRODURRE_BATTERIE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/06/VOLKSWAGEN_ACCORDO_CON_NORTHVOLT_PER_LA_PRODUZIONE_DELLE_BATTERIE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2017/01/09/VOLKSWAGEN_I_D_BUZZ_A_DETROIT_IL_MICROBUS_DELLA_SVOLTA_ELETTRICA.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2018/03/05/VOLKSWAGEN_I_D_VIZZION_FOTO_SALONE_DI_GINEVRA.HTML [7] https://www.quattroruote.it/tags/id4 2020-11-13 18:03:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/accessori/2020/11/13/fiat_nuova_500_elettrica_gli_optional_firmati_mopar_per_personalizzarla/gallery/rbig/2020-fiat-nuova-500-accessori-mopar-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33123 Fiat Nuova 500 - Ecco gli optional firmati Mopar per personalizzare lelettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33123&tipo=fv La gamma di prodotti Mopar presenta novità dedicate alla FIAT NUOVA 500 [1]. La declinazione elettrica del cinquino, appena presentata anche nella VARIANTE 3+1 [2] [3], può essere personalizzata con accessori specifici: il catalogo include anche i sistemi di controllo remoto per la gestione della ricarica. DUE PACCHETTI DALLIMPRONTA MODAIOLA. Mopar propone due pacchetti specifici denominati Fashion e Chrome: il primo include dettagli in tinta ottone, mentre il secondo fa ampio ricorso alle cromature. Per entrambi è prevista la "Tunnel Pocket", un portaoggetti e porta borsa personalizzato con spazio per smartphone, trucchi e altri oggetti. La personalizzazione comprende anche i cerchi di lega specifici, la cover della chiave in tinta e la finitura "chevron" del tetto. SPORTIVA MA ANCHE ECOLOGICA. Optando invece per la linea Sport Techno, lelettrica è equipaggiata con cerchi da 17" dal disegno esclusivo, battitacco illuminati, finiture grigio maratea opaco per le calotte degli specchietti, illuminazione interna specifica, loghi e cover della chiave e grafiche dedicate per il tetto e la carrozzeria. Chi vuole invece sottolineare la vocazione ecologica del cinquino alla spina può puntare sulle opzioni "Ethics Aestetics" e "Be Proud", che ricorrono ai materiali riciclati: ne sono un esempio la chiave "Pebble Stone", fatta con scarti vegetali, e le grafiche esterne. Mopar, infine, offre anche sulla Nuova 500 il D-Fence Pack con filtro per labitacolo, purificatore daria e lampada UV igienizzante. UN MONDO DI SERVIZI CONNESSI. Trattandosi di un modello di ultima generazione, la 500 elettrica apre anche a funzionalità e servizi inediti. Per questo, Mopar ha collaborato allo sviluppo della App Fiat che include i servizi Send Go per pianificare i viaggi, il My Easy Charge per trovare e gestire il pagamento delle colonnine di ricarica e le funzioni della EasyWallbox di casa, il My Alert per evitare contro i furti, e il My Fleet Manager per la gestione delle flotte. Tutti questi servizi sono legati alla presenza a bordo della UConnect Box, il modulo che permette alla vettura di dialogare con lesterno e fornisce, allo stesso tempo, lhot-spot WiFi di bordo e gli aggiornamenti over-the-air dei sistemi del veicolo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_ELETTRICA_PREZZO_BASE_CON_INCENTIVI_AUTONOMIA_INTERNI_ALLESTIMENTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_3_1_ELETTRICA_DIMENSIONI_AUTONOMIA_INTERNI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/10/22/fiat_500_3_1_elettrica_dimensioni_autonomia_interni.html 2020-11-13 18:03:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/13/caso_ghosn_nuovi_problemi_con_l_avvio_del_processo_civile_in_giappone/gallery/rbig/2018-Carlos-Ghosn-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33124 Caso Ghosn - Giappone, lavvio del processo civile fa spuntare nuove accuse della Nissan http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33124&tipo=fv CARLOS GHOSN [1] deve affrontare nuove accuse legali con lavvio del processo a Yokohama, in Giappone. La NISSAN ha, infatti, intentato una causa civile nel quadro della richiesta di RISARCIMENTO DANNI [2] per un totale di 10 miliardi di yen (circa 80 milioni di euro). La Casa nipponica ritiene il suo ex numero uno "responsabile dei danni e delle perdite finanziarie subite dalla società a causa della sua cattiva condotta". LA RISPOSTA. Ghosn non ha ovviamente presenziato alla prima udienza del processo, in quanto protagonista, tra la fine del 2019 e linizio del 2020, di una rocambolesca FUGA IN LIBANO [3]. Il manager, arrestato due anni fa con laccusa, tra le altre cose, di aver nascosto 9,3 miliardi di yen al fisco giapponese e di aver usato in modo improprio i fondi aziendali, ha negato tutti gli addebbiti e lanciato, a sua volta, DURI ATTACCHI [4] contro il costruttore e la giustizia nipponica. "La causa civile della Nissan è unestensione dellindagine interna, estremamente irragionevole e con intenti sinistri, condotta da una parte dellalta dirigenza della Casa, nonché degli arresti e delle accuse dei pubblici ministeri", ha aggiunto oggi. PRESENTE KELLY. Lex manager, che nei mesi scorsi ha accusato la Nissan di averlo defenestrato per evitarte qualsiasi ipotesi di fusione con la Renault, è stato rappresentato nel tribunale di Yokohama da alcuni avvocati. Presente, invece, il suo ex braccio destro Greg Kelly, accusato di aver aiutato Ghosn a nascondere i suoi redditi. Anche Kelly nega ogni illecito, mentre la Nissan, tra gli imputati per responsabilità oggettiva, si è dichiarata colpevole. Se giudicato responsabile (un evento molto probabile visto che, in Giappone, il 99% delle cause si conclude con delle condanne), Kelly rischia fino a 10 anni di carcere e una multa di 10 milioni di yen. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GHOSN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/12/CASO_GHOSN_LA_NISSAN_CHIEDE_UN_RISARCIMENTO_DA_OLTRE_80_MILIONI_DI_EURO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/31/RENAULT_NISSAN_GHOSN_LASCIA_IL_GIAPPONE_E_VOLA_IN_LIBANO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/01/08/CARLOS_GHOSN_CONTRO_DI_ME_UN_COMPLOTTO_DELLA_NISSAN_E_DELLA_PROCURA_.HTML 2020-11-13 18:03:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/13/vallelunga_rinnovata_la_partnership_tra_l_autodromo_ed_enel_x/gallery/rbig/enel-x-vallelunga-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33122 Enel X - LAutodromo di Vallelunga diventa il primo Smart Racing Circuit dItalia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33122&tipo=fv Le tecnologie di ricarica non si fermano ai box: ENEL X [1] e lAUTODROMO DI VALLELUNGA, infatti, hanno appena rinnovato per altri tre anni la partnership dedicata ai test dei punti di ricarica sul circuito alle porte di Roma. La conferma del sodalizio segna peraltro larrivo nei paddock di nuovi caricatori ad alta potenza (120 kW), capaci di ripristinare lautonomia di sette veicoli in contemporanea. "Grazie alla tecnologia di cui Enel X ha dotato i nostri impianti, lAutodromo è ormai considerato una struttura allavanguardia in Europa per le attività di ricerca e sviluppo e di testing, presentazione e lancio di veicoli elettrici", ha dichiarato Carlo Alessi, presidente dellAci Vallelunga SpA. I TEST. I nuovi caricatori, che rendono la struttura il primo Smart Racing Circuit della Penisola, si aggiungono alle 25 postazioni di ricarica già messe a disposizione di dipendenti e visitatori, di cui tre - poste allingresso - sono aperte al pubblico. Quanto ai veicoli, saranno più di 20 i modelli di auto elettriche testati ogni anno dallEnel X Lab tra le curve e i rettilinei della pista: proprio le caratteristiche del circuito consentono di caricare e scaricare in piena sicurezza tali vetture, grazie alle quali sarà peraltro possibile valutare limpatto sulla rete per preservarne la stabilità. Un aspetto, questultimo, di fondamentale importanza, come abbiamo spiegato parlando del VEHICLE-TO-GRID [2]. LA VISIONE DI ENEL X. "Il circuito di Vallelunga rappresenta, per la lunga storia e il know-how del team di professionisti che ci lavorano, un polo strategico per lo sviluppo delle tecnologie di ricarica, ha dichiarato Alberto Piglia, responsabile e-mobility di Enel X. "Per questo motivo siamo convinti che, nei prossimi anni, potrà dare ulteriore impulso alla crescita e alla diffusione della mobilità elettrica nelle competizioni sportive e nellutilizzo quotidiano dei veicoli a zero emissioni". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ENEL-X [2] https://www.quattroruote.it/news/tecnologia/2020/10/16/vehicle_to_grid_il_punto_sull_integrazione_tra_le_auto_elettriche_e_la_rete_energetica.html 2020-11-13 15:45:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/13/f1_gp_turchia_risultati_prove_libere_2/gallery/rbig/2020-red-bull-verstappen.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33121 F.1, GP Turchia<br> - Libere 2, Verstappen precede Leclerc http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33121&tipo=fv Dopo le difficoltà di questa mattina, i piloti hanno incontrato parecchie difficoltà durante la SECONDA SESSIONE DI PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DELLA TURCHIA. Lasfalto nuovo che rilascia olio costringe i piloti a una guida precaria, poiché come ha spiegato Max Verstappen sembra davvero di guidare sul ghiaccio. I RISULTATI. stato proprio il pilota olandese il più veloce della giornata che, grazie a una Red Bull particolarmente carica aerodinamicamente, è riuscito a mettersi al comando precedendo Leclerc e le due Mercedes di Bottas e Hamilton. La Scuderia AlphaTauri conferma il suo buon stato di forma, con Kvyat e Gasly in sesta e settima posizione, proprio alle spalle dellaltra Red Bull guidata da Albon. A chiudere la Top 10 è Lando Norris 21 anni oggi con la sua McLaren. Linglese è rimasto alle spalle della Ferrari di Vettel e della Racing Point di Stroll. La classifica dei giri veloci resta comunque poco veritiera riguardo ai valori in pista, anche se la Red Bull ha tenuto un buon passo gara nelle simulazioni effettuate in prova, tenendo il ritmo della Mercedes, che resta la favorita. CLASSIFICA BUGIARDA. Il venerdì di prove si chiude quindi con un grande punto interrogativo su cosa potremmo aspettarci per il resto del weekend, considerando anche che lasfalto continuerà a evolversi nel corso delle prossime sessioni. Team e piloti proveranno ora a decifrare i dati raccolti nelle tre ore in pista oggi, per poi andare in pista domani per lultima sessione di prove libere, preludio di una qualifica che si preannuncia molto interessante. GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE LIBERE 2 A ISTANBUL [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-13 15:45:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/13/daimler_verso_un_profondo_ridimensionamento_per_puntare_sulle_elettriche/gallery/rbig/2019-Daimler.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33120 Daimler - Verso un ridimensionamento per puntare sulle elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33120&tipo=fv Il gruppo DAIMLER [1] si appresta a imboccare un percorso di ridimensionamento e trasformazione. Lobiettivo, secondo quanto dichiarato dallamministratore delegato Ola Källenius, è duplice: da una parte riportare il focus del costruttore di Stoccarda sullo storico mercato del lusso, pur declinato secondo nuovi paradigmi allinsegna della sostenibilità ambientale, e dallaltra puntare sullinnovazione tecnologica, che vuol dire principalmente elettrificazione e guida autonoma. MINORI DIMENSIONI. "Nei prossimi cinque anni diventeremo una società più piccola", ha affermato il top-manager a Reuters Events, sottolineando in particolare il "cambiamento fondamentale nellimpronta industriale sul fronte delle motorizzazioni". In sostanza Källenius non ha fatto altro che confermare unormai palese trasformazione in atto del comparto automobilistico: laccelerazione verso la mobilità elettrica potrebbe determinare la necessità per i costtuttori di effettuare dei tagli, visto che le auto a batteria hanno bisogno di meno componenti e di un ridotto impegno in termini di ore lavorate, quantomeno rispetto ai veicoli endotermici. Basti un esempio: tra batterie e propulsori, le auto elettriche hanno solo 200 componenti contro le 1.400 del sistema motore-trasmissione dei mezzi tradizionali. NUOVI POSTI DI LAVORO. Ciò non significa che il settore sia necessariamente destinato a ridurre tout court i propri livelli occupazionali. Källenius, infatti, ha sottolineato come il passaggio alla mobilità elettrica richieda alle Case automobilistiche, e nello specifico al gruppo Daimler, di aumentare lefficienza per liberare risorse da destinare ai veicoli a emissioni zero o a guida autonoma. Risorse indirizzate innanzitutto allassunzione di figure professionali specializzate: "Stiamo assumendo molti nuovi ingegneri del software, esperti in chimica delle batterie e tecnici per lelettrificazione", ha spiegato lad. Non solo, la Mercedes, per esempio, sta attingendo alle compentenze della scuderia di Formula Uno per realizzazione un nuovo veicolo elettrico, le cui caratteristiche sono già state anticipate in parte con la concept Vision EQXX, in grado di percorrere oltre mille chilometri con una singola ricarica. "Si tratta - ha spiegato Kallenius - di un progetto in fase di pre-sviluppo destinato a introdurre nuove tecnologie". NUOVO LUSSO, NUOVI SERVIZI. Il numero uno del gruppo tedesco ha anche suggerito un ritorno a un maggior focus sul lusso, ma in una nuova declinazione: non nel senso di opulenza ed eccessi, quanto piusttosto in termini di sostenibilità e ambiente. Un concetto di lusso nel quale rientrano anche servizi innovativi, soprattutto sul fronte digitale, la guida autonoma e linfotainment. In tal caso, lobiettivo è individuare nuove fonti di redditività, ma bisognerà aspettare il 2024, quando sarà presentato il nuovo sistema operativo per la gestione dei veicoli della Stella. Källenius non si è voluto sbilanciare sulle sue caratteristiche: "Pensatelo come un iPhone", ha affermato, spiegando che con i futuri aggiornamenti del software sarà possibile includere nuovi servizi e funzionalità. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DAIMLER 2020-11-13 15:19:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/13/fca_psa_via_libera_alla_fusione_dagli_obbligazionisti_e_dalle_banche_del_gruppo_francese/gallery/rbig/FCA-PSA-Stellantis_logo.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33118 FCA-PSA - Via libera alla fusione dagli obbligazionisti e dalle banche del gruppo francese http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33118&tipo=fv Nuovo passo avanti nella FUSIONE TRA LA FIAT CHRYSLER E PSA [1]. Questa volta si tratta di un passaggio puramente tecnico legato al necessario parere favorevole di obbligazionisti e istituti di credito del costruttore transalpino. In particolare, ad approvare loperazione di integrazione sono state le assemblee generali dei titolari di obbligazioni emesse da PSA e alcune delle banche. I DETTAGLI. Nello specifico, i francesi hanno lanciato il 28 ottobre scorso una "sollecitazione di consenso" nei confronti dei detentori delle obbligazioni emesse nellambito del programma Emtn (Euro Medium Term Note Programme) della capogruppo Peugeot Sa. La sollecitazione di consenso è un processo attraverso il quale un emittente, soprattutto di strumenti di debito, propone una modifica dei termini dellerogazione alla luce di un evento che potrebbe avere un impatto sostanziale sul titolo, come nel caso, per lappunto, di unoperazione di fusione del calibro di quella concordata circa un anno fa da FCA e PSA. Per il via libera serviva la maggioranza dei consensi favorevoli per ciascuno dei vari prestiti emessi. LESITO. "La sollecitazione di consenso ha avuto successo e ha ricevuto i consensi richiesti per ciascuna serie di obbligazioni con una maggioranza molto ampia", si legge in un comunicato di PSA, nel quale il costruttore aggiunge di aver ottenuto il via libera anche da alcune sue banche. Si tratta degli istituti che negli ultimi anni hanno concesso due linee di credito cosiddette "rotative" (prestiti utilizzati in funzione di specifiche esigenze o fabbisogni non previsti o non prevedibili) per un totale di 6 miliardi di euro. "Il successo di questa sollecitazione di consenso è un forte segno di fiducia degli obbligazionisti e dei partner bancari di Peugeot nella strategia del gruppo verso la creazione di Stellantis", si legge in conclusione della nota diffusa da PSA. Nulla cambia per le tempistiche delloperazione: i due gruppi prevedono di perfezionare la fusione entro la fine del primo trimestre dellanno prossimo, operazione subordinata al via libera delle assemblee degli azionisti ordinari e alle autorizzazioni delle autorità competenti. A tal poposito, ormai manca solo il parere della Commissione Europea, che NON DOVREBBE COMUNQUE TARDARE AD ARRIVARE [2] e né riservare grandi soprprese dopo la PROPOSTA PRESENTATA DA PSA [3] per rafforzare la partnership con la Toyota, una mossa che ha ridimensionato i timori dei funzionari di Bruxelles sullimpatto che la fusione potrebbe generare sul mercato dei veicoli commerciali leggeri. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/25/STELLANTIS_FUSIONE_FCA_PSA_TOYOTA.HTML 2020-11-13 14:53:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/13/daimler_verso_un_profondo_ridimensionamento_per_puntare_sulle_elettriche/gallery/rbig/2019-Daimler.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33119 Daimler - Verso un ridimensionamento per puntare sulle auto elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33119&tipo=fv Il gruppo DAIMLER [1] si appresta a imboccare un percorso di ridimensionamento e trasformazione. Lobiettivo, secondo quanto dichiarato dallamministratore delegato Ola Källenius, è duplice: da una parte riportare il focus del costruttore di Stoccarda sullo storico mercato del lusso, pur declinato secondo nuovi paradigmi allinsegna della sostenibilità ambientale, e dallaltra puntare sullinnovazione tecnologica, che vuol dire principalmente elettrificazione e guida autonoma. MINORI DIMENSIONI. "Nei prossimi cinque anni diventeremo una società più piccola", ha affermato il top-manager a Reuters Events, sottolineando in particolare il "cambiamento fondamentale nellimpronta industriale sul fronte delle motorizzazioni". In sostanza Källenius non ha fatto altro che confermare unormai palese trasformazione in atto del comparto automobilistico: laccelerazione verso la mobilità elettrica potrebbe determinare la necessità per i costtuttori di effettuare dei tagli, visto che le auto a batteria hanno bisogno di meno componenti e di un ridotto impegno in termini di ore lavorate, quantomeno rispetto ai veicoli endotermici. Basti un esempio: tra batterie e propulsori, le auto elettriche hanno solo 200 componenti contro le 1.400 del sistema motore-trasmissione dei mezzi tradizionali. NUOVI POSTI DI LAVORO. Ciò non significa che il settore sia necessariamente destinato a ridurre tout court i propri livelli occupazionali. Källenius, infatti, ha sottolineato come il passaggio alla mobilità elettrica richieda alle Case automobilistiche, e nello specifico al gruppo Daimler, di aumentare lefficienza per liberare risorse da destinare ai veicoli a emissioni zero o a guida autonoma. Risorse indirizzate innanzitutto allassunzione di figure professionali specializzate: "Stiamo assumendo molti nuovi ingegneri del software, esperti in chimica delle batterie e tecnici per lelettrificazione", ha spiegato lad. Non solo, la Mercedes, per esempio, sta attingendo alle compentenze della scuderia di Formula Uno per realizzazione un nuovo veicolo elettrico, le cui caratteristiche sono già state anticipate in parte con la concept Vision EQXX, in grado di percorrere oltre mille chilometri con una singola ricarica. "Si tratta - ha spiegato Kallenius - di un progetto in fase di pre-sviluppo destinato a introdurre nuove tecnologie". NUOVO LUSSO, NUOVI SERVIZI. Il numero uno del gruppo tedesco ha anche suggerito un ritorno a un maggior focus sul lusso, ma in una nuova declinazione: non nel senso di opulenza ed eccessi, quanto piusttosto in termini di sostenibilità e ambiente. Un concetto di lusso nel quale rientrano anche servizi innovativi, soprattutto sul fronte digitale, la guida autonoma e linfotainment. In tal caso, lobiettivo è individuare nuove fonti di redditività, ma bisognerà aspettare il 2024, quando sarà presentato il nuovo sistema operativo per la gestione dei veicoli della Stella. Källenius non si è voluto sbilanciare sulle sue caratteristiche: "Pensatelo come un iPhone", ha affermato, spiegando che con i futuri aggiornamenti del software sarà possibile includere nuovi servizi e funzionalità. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/DAIMLER 2020-11-13 14:53:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/13/_13_novembre_1994_schumacher_hill_contatto_mondiale/gallery/rbig/2020-schumacher-94.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33117 13 Novembre 1994 - Schumacher - Hill, contatto Mondiale http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33117&tipo=fv Sono passati 26 anni da quel 13 NOVEMBRE 1994, il giorno in cui MICHAEL SCHUMACHER CONQUISTA IL SUO PRIMO TITOLO MONDIALE DI FORMULA 1. E, nonostante il tempo e i fiumi dinchiostro per raccontare quella stagione tesa e funesta, ancora oggi si continua a discutere e commentare lultimo controverso episodio di Adelaide, risultato decisivo per lassegnazione del titolo. UN PASSO INDIETRO. Il 1994 si apre con un poker di vittorie per Michael Schumacher e la Benetton, tanto che i giornali iniziano a parlare di una stagione dominante, specie ora che la Williams è priva delle famigerate sospensioni attive, bandite al termine della stagione precedente. Ma i tragici eventi di Imola con la morte di Ratzenberg e Senna scuotono la Formula 1 nel profondo. La Williams perde il suo faro e sembra piombare nel baratro, tra sospetti e accuse per una vettura additata dessere non sicura, oltre che poco competitiva. Ma il team di Grove alza subito la testa e approfitta di un guasto al cambio della Benetton di Schumacher per tornare subito alla vittoria nel GP di Spagna, grazie a Damon Hill. La voglia di dimostrare che non si era trattato solo di fortuna porta Hill e la Williams a dominare in Inghilterra, proprio nella giornata in cui Schumacher e la Benetton pagano cara larroganza di ignorare una penalità. Schumacher, che non si è fermato ai box per scontare uno stop go, viene squalificato a Silverstone ed è costretto a saltare anche le successive due gare in Italia e Portogallo. Il tedesco ritrova la vittoria in Ungheria e poi in Belgio. Ma proprio a Spa viene nuovamente squalificato per unusura eccessiva del fondo scalinato. Stanno provando di tutto per fermarci, afferma il team principal Briatore, contestando la decisione dei commissari. Ma, come sempre, la verità sta sempre in mezzo. E se da una parte la Benetton paga scelte non felici e qualche noia tecnica, dallaltra cè da raccontare di una Williams in grande ripresa, anche grazie allinstancabile lavoro di Adrian Newey che ridisegna completamente il retrotreno della vettura e da metà stagione fa scendere in pista la FW16-B, molto più competitiva. A quel punto, il Mondiale è come ripartito da zero. Un affare a due tra Schumacher e Hill, tutto da giocare e non senza tensioni. Come fosse una sceneggiatura di un film, la lotta prosegue fino allultimo scontro finale, il Gran Premio dAustralia. Ad Adelaide, la classifica racconta di Schumacher in vantaggio su Hill di un solo punto. TUTTO IN UNA GARA. Latmosfera di quel weekend in Australia è visibilmente tesa. La posta in gioco è alta e limperativo è vincere. Durante le qualifiche, la Williams conquista la pole position. Ma a partire davanti a tutti è Nigel Mansell, chiamato per sostituire Coulthard nelle ultime tre gare dellanno, prima del definitivo addio alla F.1. Schumacher perde la pole per soli 18 centesimi, mentre Hill sente il peso della pressione ed è terzo, ma staccato di ben sei decimi. In gara, Schumacher sfoggia immediatamente le sue qualità da cannibale e allo spegnimento dei semafori, riesce subito a infilare Mansell, conquistando la leadership. Il Leone lascia sfilare il suo compagno di squadra e la lotta a due per liride è servita. GIRO 36, LERRORE CHE NON TI ASPETTI. Quanto tutto sembra essere ormai deciso, Schumacher fa un errore allingresso della curva East Terrace, va sullerba e sbatte contro il muretto, danneggiando irrimediabilmente la sospensione. Sulle tribune saltano tutti in piedi, è chiaro quello che sta per succedere: il tedesco sta per ritirarsi. Hill invece non si rende subito conto: vede il rivale in difficoltà e vuole prendere la palla al balzo per sopravanzarlo. Si butta dentro alla curva successiva, ma Schumacher resiste e i due si toccano. La Benetton simpenna su un lato, per poi toccare violentemente terra e sbattere contro le barriere. La Williams continua per qualche metro, poi Hill saccorge che anche la sua sospensione è rotta e la corsa verso i box è inevitabile. Entrambi i protagonisti sono costretti al ritiro e Schumacher è campione del mondo. Nel paddock si scatena il caos, tra accuse e polemiche, che sfociano anche oltre la pista. La FIA è costretta ad aprire uninchiesta per fugare ogni dubbio sulla leicitá della manovra del tedesco. Sarà la telemetria a scagionarlo, con il verdetto arrivato alla fine di novembre del 94 che recita: incidente di gara. Ma, nonostante siano passati 26 anni, rivedendo quelle immagini il dibattito, magicamente, si riapre. La storia infinita. 2020-11-13 13:31:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/13/rivian_r1t_prezzi_uscita_versioni/gallery/rbig/2019-Rivian-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33116 Rivian R1T - Negli Usa con prezzi a partire da 67.500 dollari http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33116&tipo=fv La RIVIAN [1] ha aggiornato e ribassato i prezzi del PICK-UP R1T [2] [3], pubblicando le informazioni sul proprio sito ufficiale in vista dellavvio delle prenotazioni. Al netto degli incentivi, questo modello sarà disponibile negli Stati Uniti a partire da 67.500 dollari, pari a circa 57.000 euro al cambio attuale. Le consegne inizieranno a giugno del 2021, dopo che la Casa americana è stata costretta a POSTICIPARE IL LANCIO [4] a causa dellemergenza Covid-19, mentre la variante Suv R1S arriverà da agosto. TRE VERSIONI, STESSA BATTERIA. Il modello entry level dellR1T è denominato Explore e include nelle dotazioni la copertura manuale del vano posteriore, gli interni foderati di pelle Vegan e i sedili riscaldabili. Al livello superiore troviamo la Adventure (75.000 dollari, pari a circa 63.400 euro al cambio attuale), che offre anche il pacchetto off-road con protezioni sottoscocca, compressore daria e ganci di traino aggiuntivi, oltre al sistema Gear Guard, alla copertura motorizzata del vano posteriore, allimpianto audio Elevation 360, alle finiture interne di legno e ai rivestimenti di pelle Vegan perforata per i sedili, che hanno la funzione di ventilazione. Al top della gamma troviamo infine la Launch Edition (75.000 dollari) che sarà prodotta in serie limitata con consegna prioritaria. Questultima offrirà la tinta esterna Launch Green, i cerchi di lega personalizzati da 20 o 22" a seconda della gommatura, e avrà finiture interne dedicate. La Launch Edition è lunica variante che vedremo su strada nel corso del 2021: per le altre due, infatti, sarà necessario attendere linizio del 2022. Tutti gli allestimenti del pick-up elettrico offrono una autonomia superiore alle 300 miglia (480 km) grazie alle batterie da 130 kWh. Sulle indiscrezioni relative a varianti da 105 e 180 kWh non sono ancora giunte conferme ufficiali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/03/PIRELLI_RIVIAN_PNEUMATICI_SU_MISURA_PER_SUV_E_PICK_UP_ELETTRICI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/industria-finanza/2020/11/03/pirelli_rivian_pneumatici_su_misura_per_suv_e_pick_up_elettrici.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/04/10/RIVIAN_CORONAVIRUS_SLITTANO_AL_2021_LE_PRIME_CONSEGNE.HTML 2020-11-13 12:59:15 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/10/14/hyundai_i20_al_volante_della_1_0_t_gdi_mild_hybrid_a_48v/gallery/rbig/2020-Hyundai-i20-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33115 Hyundai i20 - Più affilata e, allo stesso tempo, matura http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33115&tipo=fv Il vento è cambiato. Lo suggeriscono la bocca anteriore vorace, la forma affilata e pungente dei proiettori, il cofano teso verso lasfalto. Ma anche le pieghe della fiancata, ricca di nervature, il profilo slanciato, i gruppi ottici posteriori a freccia. Lo conferma la scheda tecnica: la nuova HYUNDAI I20 [1] è più piantata a terra, grazie allaumento di tre centimetri in larghezza e la perdita di due in altezza. Da una parte vuole restituire unimmagine più fresca di sé, dallaltra rimane estremamente pragmatica. Con prezzi compresi fra i 16.950 euro della 1.2 MPI da 84 CV con cambio manuale e i 22.600 della 1.0 T-GDi mild a 48V con il doppia frizione a sette rapporti. La 1.0 T-GDi Bose che abbiamo guidato costa 21.400 euro. MULTIMEDIALE. Il pragmatismo traspare anche nellabitacolo, con una plancia piuttosto semplice nei materiali (è costruita interamente di plastica rigida) ma con alcune particolarità stilistiche, come le lamelle orizzontali che nascondono le bocchette dellaria. Davanti agli occhi di chi guida sullallestimento top, denominato Bose per la presenza dellimpianto audio premium a otto altoparlanti cè un pannello digitale da 10,3, dotato di tre diverse grafiche: ognuna è accoppiata a una specifica modalità di guida (Eco, Comfort e Sport). Sulla destra, il cockpit si prolunga con lo schermo del sistema multimediale, anchesso da 10,3 pollici, che funziona alla grande e, naturalmente, offre la connettività Apple CarPlay e Android Auto (wireless solamente sullallestimento Connectline). GRANDE, DENTRO. Così come labitabilità: lallungamento di 10 mm del passo (258 centimetri in totale, per una lunghezza di 4,04 metri) ha giocato a favore della i20, che si conferma generosa nello spazio interno, pure per chi siede dietro. Non ci sono le bocchette dellaria posteriori, ma si può soprassedere; più difficile, invece, mandar giù la capacità del bagagliaio. Perché, sulle varianti 48V, il pozzetto è occupato dalla batteria agli ioni di litio, che fa perdere una certa quantità di litri rispetto ai 352 disponibili sulle altre versioni. Cè comunque un sistema che permette di assicurare contro lo schienale del divano la cappelliera una volta smontata, in modo da sfruttare più facilmente tutto lo spazio disponibile in altezza. VELEGGIA. La Hyundai i20 1.0 T-GDi con sistema mild hybrid a 48v e cambio manuale a sei marce porta in dote una première nel segmento B: si tratta di un dispositivo che, in rilascio (a determinate condizioni) disaccoppia il propulsore dalla trasmissione permettendo allauto di veleggiare in modalità coasting, al minimo o in alcune situazioni perfino a motore spento. Quando si torna sullacceleratore con il piede, il tre cilindri si riaccende quasi come se nulla fosse. Il tutto avviene con una certa dolcezza, anche se, talvolta, si desidererebbe una maggior lestezza fra lo stacco e il riattacco della frizione. Bene anche il cambio, preciso negli innesti ma caratterizzato da una corsa un po lunga. SICURA E GRADEVOLE. Il percorso di prova prevedeva tanto extraurbano e un po di autostrada: terreni ideali per accorgersi di un comparto telaistico ben fatto, sterzo compreso, e di una silenziosità che pare quella di un segmento superiore. Se fra le curve le sospensioni sostenute aiutano, sulle asperità più accentuate si avverte qualche scossone di troppo, davanti come dietro. I 100 cavalli del tre cilindri turbobenzina, aiutati dal sistema mild hybrid, muovono con una certa scioltezza la i20, anche se il meglio arriva ad andature più dolci. Pure (e soprattutto) in termini di consumi: durante il tragitto di circa 150 km, affrontato con una guida brillante ma non troppo, il computer di bordo ha segnato una media intorno ai 17 chilometri con un litro di benzina. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/HYUNDAI/I20.HTML 2020-11-13 12:32:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/13/volvo_crash_test_estremo_le_vetture_cadono_da_una_gru_a_30_metri_di_altezza/gallery/rbig/2020-volvo-crash-test-estremo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33114 Volvo - In un crash test estremo le vetture cadono da 30 metri di altezza - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33114&tipo=fv La VOLVO [1] si è resa protagonista di un crash test decisamente particolare. La Casa svedese, infatti, ha scelto di realizzare una simulazione degli incidenti stradali più gravi facendo cadere, per la prima volta, alcune vetture da una gru alta 30 metri, documentando levento con immagini e video. SIMULARE GLI INCIDENTI PIù ESTREMI. Nello specifico, lesperimento ha coinvolto un totale di dieci vetture, appartenenti a diversi modelli della gamma. La scelta di effettuare questo tipo di test, ancora più estremo rispetto a quelli tradizionali, nasce come accennato dallesigenza di simulare gli scenari e le conseguenze degli incidenti più gravi che avvengono durante la guida: quelli ad altissima velocità, per esempio, o quelli che vedono la vettura coinvolta nello schianto con un mezzo pesante. Collisioni, queste, che mettono in serio pericolo la vita degli occupanti e che rendono spesso necessario lintervento tempestivo dei servizi di soccorso. UN TEST A DOPPIO FINE. A tal fine, la Volvo ha sfruttato il crash test anche per consentire ai soccorritori svedesi specializzati nelle attività di estrazione dai veicoli di sperimentare nuove misure salvavita, spesso coadiuvate dallutilizzo di specifici strumenti di supporto. Una sorta di percorso formativo volto ad affinarne le abilità, dunque, e pensato per consentirgli di prepararsi a ogni possibile scenario. Tutto ruota intorno alla tempestività dellintervento. I soccorritori, in tal senso, parlano spesso della cosiddetta ora doro: il lasso di tempo massimo entro cui un ferito grave deve essere trasportato in ospedale dal momento dellincidente. IL REPORT. Prima del rilascio dalla gru, gli ingegneri della Volvo hanno calcolato il tipo di pressione e di forza a cui ciascun veicolo doveva essere esposto per raggiungere il livello di danno desiderato. La Casa ha annunciato che raccoglierà in un rapporto di ricerca tutti i risultati ottenuti da questo crash test, inclusi quelli relativi alle attività di soccorso effettuate. Il documento finale verrà quindi reso disponibile gratuitamente anche ai soccorritori di altri Paesi come forma di supporto ulteriore durante le loro operazioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLVO 2020-11-13 12:13:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/13/volkswagen_touareg_ehybrid_e_r_motori_prezzo_allestimenti/gallery/rbig/2020-volkswagen-touareg-r-e-ehybrid-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33113 Volkswagen Touareg - A listino le varianti e-Hybrid e R http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33113&tipo=fv Le versioni elettrificate eHybrid ed R della TOUAREG [1] debuttano nei listini italiani della VOLKSWAGEN [2]. La prima sarà proposta a partire da 76.900 euro negli allestimenti Atmosphere ed Elegance con Tech Pack omaggio, mentre la seconda, in versione unica con Tech Pack incluso, sarà offerta a partire da 94.900 euro. 381 O 462 CV ALLA SPINA. Sfruttando le sinergie con la cugina Audi Q7, la Volkswagen Touareg eHybrid utilizza un powertrain plug-in hybrid da 381 CV e 600 Nm totali che combina il motore benzina V6 3.0 TSI con quello elettrico. Le batterie da 14,3 kWh consentono di percorrere fino a 47 km in modalità elettrica nel ciclo Wltp, mentre il consumo medio dichiarato è compreso tra 2,7 e 2,9 l/100 km (contando il contributo della percorrenza massima in elettrico). La velocità è autolimitata a 250 km/h, mentre i 100 km/h da fermo vengono raggiunti in 6,3 secondi. La più sportiva Volkswagen Touareg R propone una variante da 462 CV e 700 Nm dello stesso powertrain della eHybrid. Lautonomia elettrica e la velocità massima non cambiano, ma i 100 km/h da fermo vengono raggiunti in 5,1 secondi. Il consumo medio sale perà a valori compresi tra 2,8 e 3,1 l/100 km. GLI ALLESTIMENTI E GLI ACCESSORI. La versione eHybrid include di serie il climatizzatore quadrizona, le appendici aerodinamiche in tinta, le finiture cromate esterne, il tetto panoramico, lInnovision Cockpit con schermi da 12,3 e 15 pollici rispettivamente per la strumentazione e per linfotainment, i sedili riscaldabili foderati di pelle Vienna Top Comfort, il pacchetto Tech Pack con cerchi da 20", la suite di Adas più completa, il Travel Assist attivo e lAdaptive Chassis Control con sospensioni pneumatiche. Inoltre, la versione R è caratterizzata dal kit aerodinamico R-Line con finiture nero lucido, dagli interni con sedili e volante sportivi e finiture di alluminio, dai gruppi ottici Matrix Led Iq.Light, dai cerchi da 21" e dellhead-up display a colori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN-TOUAREG [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/WOLKSWAGEN 2020-11-13 11:39:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/13/f1_gp_turchia_risultati_prove_libere_1/gallery/rbig/2020-red-bull-verstappen.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33112 F.1, GP Turchia - Libere 1, Verstappen il più veloce sulla pista scivolosa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33112&tipo=fv Il weekend del GRAN PREMIO DI TURCHIA è entrato nel vivo con le PRIME PROVE LIBERE sul circuito di Istanbul. In cima a una classifica dei tempi particolarmente anomala, troviamo le due Red Bull Racing, con MAX VERSTAPPEN DAVANTI AD ALEX ALBON. Poi le due Ferrari, con Leclerc terzo e Vettel quinto, mentre tra di loro spunta lAlphaTauri di Pierre Gasly. COME GUIDARE SUL GHIACCIO. Se ci si soffermasse a guardare solamente la classifica dei tempi, sarebbe facile pensare a una pista completamente bagnata, considerando che il miglior tempo di Verstappen è di una decina di secondi superiore a quello indicato in fase di simulazione. La pista, invece, era umida solo allinizio e in pochi tratti non riscaldati dal sole, ma molto sporca, tanto da non garantire i livelli minimi di aderenza. Di recente, lIstanbul Park è stato completamente riasfaltato e il nuovo manto continua a perdere olio che sta rendedo impossibile la vita ai piloti. Lewis Hamilton ha preferito non girare molto in queste condizioni e ha completato solamente 12 giri, chiudendo in quindicesima posizione. Il suo compagno di squadra, Valtteri Bottas, di giri ne ha completati invece 23 e si è piazzato nono. LE LIBERE 2 A MEZZOGIORNO. I primi novanta minuti di prove si chiudono, quindi, con davvero poche indicazioni per team e piloti. Si tornerà in pista alle ore 12:30 italiane, quando a Istanbul sarà già ora di dare il via alla seconda sessione di prove libere, sperando in un test più produttivo. GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE PROVE LIBERE 1 A ISTANBUL [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-13 11:12:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/13/takata_airbag_difettosi_usa_bmw_vittima_morto_/gallery/rbig/2020-takata-airbag-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33111 Takata - Negli Usa unaltra vittima a causa degli airbag difettosi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33111&tipo=fv La NHTSA ha dichiarato di aver accertato la diciottesima morte negli Stati Uniti legata a un airbag difettoso prodotto dalla TAKATA [1]. La conferma è arrivata dopo il riesame di un incidente avvenuto a settembre in Arizona, in cui la vittima era alla guida di una BMW [2] Serie 3 del 2004. Questo episodio, che avviene A DISTANZA DI POCHI MESI DALLULTIMO CASO [3], si aggiunge ai 15 decessi al volante di vetture della HONDA [4] e ai due su auto della FORD [5], verificatisi sempre negli Usa a partire dal 2009. UN DIFETTO ANCORA DIFFUSO. La Casa bavarese ha annunciato che i suoi ingegneri lavoreranno a stretto contatto con gli investigatori federali per ispezionare lauto e comprendere i dettagli dellavvenimento. Limperfezione, che riguarda soprattutto i veicoli più vecchi e maggiormente esposti a calore e umidità, in rari casi porta alla rottura dei dispositivi di gonfiaggio degli airbag, con contestuale proiezione di frammenti di metallo verso gli occupanti. Tutto ciò ha provocato un massiccio richiamo, coinvolgendo 19 Case e circa 100 milioni di gonfiatori in tutto il globo. Il governo americano, però, ha fatto sapere che più di 11 milioni di gonfiatori installati su veicoli statunitensi non sono ancora stati riparati. A oggi, solo negli Usa, più di 290 feriti sono legati ai dispositivi Takata difettosi, mentre nel mondo i morti sono almeno 27. La Nhtsa ha sottolineato limportanza di sostituire ogni airbag richiamato ed esorta i proprietari a contattare immediatamente la concessionaria ufficiale più vicina per programmare la sostituzione gratuita del componente. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TAKATA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2020/10/05/AIRBAG_TAKATA_NEGLI_USA_LA_HONDA_CONFERMA_UN_NUOVO_INCIDENTE_MORTALE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HONDA [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD 2020-11-13 10:44:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/13/nissan_qashqai_2021_dimensioni_motori_uscita/gallery/rbig/2020-Nissan-Qashqai-01.JPG http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33110 Nissan Qashqai - Primi dettagli sulla nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33110&tipo=fv Inizia il conto alla rovescia per il debutto della terza generazione della NISSAN QASHQAI [1]. La crossover giapponese verrà presentata nella primavera del 2021 e sarà chiamata a confermare il successo ottenuto fino a oggi con oltre 5 milioni di esemplari, prodotti e 3 milioni venduti in Europa. NUOVA PIATTAFORMA ALLEGGERITA. LAlleanza Renault-Nissan ha sviluppato la Qashqai per il mercato europeo partendo dalla nuova piattaforma modulare Cmf-C, che permette di introdurre i powertrain elettrificati e contiene la massa totale grazie alluso di acciai ad alta resistenza. La scocca pesa 60 kg in meno della precedente pur risultando più rigida del 41%; lalluminio e i materiali compositi sono invece stati utilizzati per portiere, parafanghi anteriori, cofano e portellone. Lo schema delle sospensioni prevede per i modelli a trazione integrale e per quelli con cerchi da 20" ladozione del multi-link posteriore; inoltre, la rigidità della scocca consente di ottenere una guida più precisa e dinamica senza sacrificare il confort. NEL FRONTALE UN NUOVO SGUARDO. Sul fronte del design, per ora la Nissan ha mostrato solo una porzione del frontale e del gruppo ottico, che appare sdoppiato in due elementi e diviso da una parte in tinta con il logo Qashqai. Cè un legame con la JUKE [2], ma è netta anche lispirazione della IMQ CONCEPT DEL 2019 [3]. Le dimensioni cresceranno in maniera contenuta, a fronte però di un netto miglioramento dello spazio interno. La lunghezza raggiungerà i 4,43 metri (+35 mm) con 20 mm in più di passo (2,66 metri), mentre il bagagliaio guadagnerà circa 50 litri di capacità. La dimensione delle ruote e delle carreggiate è stata aumentata per rendere più proporzionato linsieme e lo sbalzo anteriore è cresciuto di 15 mm. BENZINA IBRIDO OPPURE ELETTRICO E-POWER. Al debutto la Nissan Qashqai offrirà due motorizzazioni: l1.3 benzina Mild Hybrid e linedita e-Power. L1.3 turbobenzina è proposto nelle versioni da 140 e 157 CV con cambio manuale o Cvt e trazione anteriore o integrale. La variante e-Power da 190 CV a trazione anteriore, invece, combina il motore elettrico con quello termico. La tecnologia e-Power, al debutto in Europa ma GIà PROPOSTA IN GIAPPONE [4], unisce la reattività dellelettrico allautonomia di una vettura tradizionale, dal momento che il propulsore endotermico a benzina viene utilizzato soltanto come generatore per produrre energia elettrica. I dati relativi a prestazioni, consumi, emissioni e autonomia non sono stati ancora resi noti. IL PROPILOT SI EVOLVE. Un settore dove la Qashqai compie un deciso passo avanti è quello degli Adas. Viene infatti presentato il pacchetto ProPilot con Navi-Link, disponibile di serie già dalla versione N-Connecta, che unisce i vantaggi dei dati provenienti dai sensori di bordo con quelli della telecamera in grado di leggere i segnali stradali e con quelli del Gps, in modo da riconoscere curve e corsie di decelerazione. La vettura può quindi mantenere la distanza di sicurezza, la velocità e la posizione della corsia in autostrada e può attivare i freni fino a fermare il veicolo, ripartendo poi da sola nel traffico. Oltre a questo sistema sono stati implementati anche lintervento sullo sterzo per evitare cambi di corsia se è presente un veicolo nellangolo cieco (Intelligent Blind Spot Intervention), la protezione dagli urti laterali (Flank Protection) e in retromarcia (Rear Automatic Emergency Brake) con lazionamento dei freni. Ulteriori novità sono previste per i gruppi ottici a Led anteriori, che sullallestimento Tekna adottano la tecnologia Matrix con abbaglianti automatici e modifica del fascio di luce in base alla presenza di vetture provenienti dal senso opposto o allinterno del campo visivo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/NISSAN/QASHQAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2019/10/15/NISSAN_JUKE_1_0_BENZINA_PRIMO_CONTATTO_SU_STRADA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2019/03/05/NISSAN_IMQ_CONCEPT_ANTICIPA_LA_FUTURA_CROSSOVER_COMPATTA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2019/03/05/NISSAN_EPOWER_UN_NUOVO_POWERTRAIN_PER_I_MODELLI_ELETTRIFICATI.HTML 2020-11-13 10:16:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/09/skoda_kamiq_una_settimana_con_la_g_tec_a_metano/gallery/rbig/2020-Skoda-Kamiq-G-Tec-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33109 Skoda Kamiq - Una settimana con la 1.0 G-Tec a metano [Day 5] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33109&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SKODA KAMIQ 1.0 G-TEC [1] in allestimento Ambition. La piccola Suv è omologata come vettura monovalente a metano, ma è dotata di doppia alimentazione grazie a un serbatoio da appena nove litri per la benzina: le bombole per il gas naturale, posizionate sotto il pianale, sono capaci di contenere 13,8 kg di metano. Il motore è un 1.0 tre cilindri turbo da 90 cavalli e 145 Nm di coppia con cambio manuale a sei rapporti e trazione anteriore. La Kamiq rientra nella categoria delle B-Suv ed è lunga 424 cm, larga 174 cm, alta 153 cm e ha un passo di 264 cm. In questo allestimento, ha un prezzo di partenza di 23.140 euro, ma lesemplare utilizzato per il Diario è equipaggiato con una serie di accessori opzionali, come lAmbient light bianco (220 euro), i cerchi di lega modello Braga da 17 (320 euro), il Comfort pack (540 euro per due prese Usb tipo C per i passeggeri posteriori, climatizzatore automatico a due zone con filtro combinato, selettore stile di guida, sedile passeggero anteriore regolabile in altezza e retrovisore interno antiriflesso), i proiettori anteriori full Led adattivi, i fendinebbia cornering abbinati agli indicatori di direzione dinamici (910 euro), i fanali posteriori full Led (180 euro), il City pack (620 euro per sensori parcheggio anteriori e posteriori, frenata demergenza automatica, sensore pioggia, retrovisori ripiegabili elettricamente e retrocamera), il Simply clever pack 2 (180 euro per presa 12V nel vano bagagli, protezione bordo porte e vano portaoggetti sotto i sedili anteriori) e la vernice metallizzata (650 euro). Il prezzo di questa Kamiq arriva dunque a 26.720 euro, compresa la plancia Silver Haptic con inserti decorativi neri (senza sovrapprezzo). SUV DI SOSTANZA [DAY 1]. Niente fronzoli, pochissimi effetti speciali e tanta, tanta sostanza. Questo, in sintesi, potrebbe essere il giudizio sulla Skoda Kamiq che mi accingo a guidare per il nostro Diario di bordo. La mia esperienza inizia con un bel pieno di metano effettuato alla stazione di servizio vicino alla redazione. Riempite le bombole, pagati 13,33 euro (un brivido!) il display ci restituisce unautonomia di 240 chilometri che si vanno ad aggiungere agli 80 stimati con la benzina residua (il serbatoio segnava poco più della metà dei soli nove litri), quanto basta per stare più tranquilli. La prima impressione a bordo della Kamiq è quella di spaziosità: si ha la sensazione di essere entrati in una vettura più grande di quello che è in realtà. Molto accogliente il posto guida anche se ho dovuto faticare più del solito a trovare la posizione corretta giocando con volante, seduta e schienale. Ma una volta trovata la postura ideale, si sta davvero bene al posto di comando: buona visuale in tutte le direzioni e comandi facilmente raggiungibili senza distrarsi troppo. Il motore si avvia in maniera molto discreta: frizione e cambio sono piacevoli da azionare e permettono di snocciolare i sei rapporti in scioltezza. Ma, sia ben chiaro, inutile esplorare la zona rossa del contagiri alla ricerca di forti emozioni: con 90 cavalli e un litro di cubatura, il motore fa quello che può e anzi si ribella con una timbrica rauca se lo si strapazza troppo. E poco o nulla cambia adoperando il selettore degli stili di guida. Meglio invece godersi in tranquillità questa Kamiq grazie alla discreta insonorizzazione, al buon confort di marcia e, dettaglio non trascurabile, allagilità con cui si effettuano le manovre di parcheggio. Insomma, una vettura con tanto spazio, dal prezzo concorrenziale e soprattutto campionessa di risparmio grazie al metano: cosa potrebbe chiedere di più un buon padre di famiglia? In effetti, qualcosa cè: un bagagliaio più capiente. La bombola posteriore, infatti, sottrae un po di cubatura e i 278 litri dichiarati non sono poi tanti. il prezzo che bisogna pagare per fare un pieno sborsando meno di una cena a base di pizza e birra. COSIMO MURIANNI, REDAZIONE INCHIESTE BILANCIATA [DAY 2]. Lasciando da parte i pregiudizi (infondati), le auto a metano oggi in commercio sono, a mio avviso, molto intelligenti. Ti permettono di fare tanti chilometri con una spesa contenuta e non hanno nemmeno le vibrazioni e il suono poco piacevole di alcuni diesel di piccola cilindrata. Certo bisogna tenere conto di tempi di rifornimento un po più lunghi, ma una volta arrivati alla cassa del benzinaio ci si scorda subito di quei cinque minuti di attesa. A parte questo, comè guidare unauto a metano? La risposta, semplice ma per nulla scontata è "come unauto a benzina". E la Skoda Kamiq lo dimostra fin dai primi metri. La piccola Suv boema ti porta ovunque con estrema facilità: è comoda, ha un assetto morbido, ma non troppo, e a bordo regna il silenzio. Lo sterzo poi, non sembra quasi quello di una crossover cittadina: pur essendo molto leggero, è rapido e preciso. Ciò la rende una vettura piacevole da guidare anche nel misto stretto e per nulla goffa: nei cambi di direzione è agile e quando si imposta una traiettoria la mantiene con precisione, infondendo nel guidatore una sensazione di stabilità che, in alcuni casi, invita a spingere sullacceleratore. Il mille turbo brilla per reattività ed elasticità, ma dallalto dei suoi 95 CV non può fare miracoli quando si va di fretta. Se dovessi descrivere questa Kamiq G-Tec con una sola parola, dunque, non avrei dubbi: bilanciata. Sì, perché è unauto facile: piccola ma non claustrofobica, scattante ma non assetata. O meglio, attenta al portafogli. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE ORDINATA E PRATICA, SENZA ECCESSI [DAY 3]. sicuramente una questione di gusti, ma a me non dispiacciono affatto le auto che offrono un abitacolo semplice e razionale come quello della Kamiq. Una volta a bordo non cè nulla che ti colpisca particolarmente, ma tutto, dalla strumentazione ai comandi, è ordinato e al posto giusto. Sullallestimento in prova mancano alcuni vezzi di ultima generazione, come il Virtual cockpit, ma alla fine ci si destreggia senza problemi fra tasti, menù e funzioni. I due elementi circolari sul cruscotto riportano da un lato il contagiri e lautonomia a metano, dallaltro il contachilometri e lautonomia a benzina, mentre il riquadro al centro, che racchiude le informazioni del computer di bordo, si gestisce tramite lampio tasto posto alla base. Insomma, spicca quella praticità che si ritrova anche nel touch screen da 9,2" al centro della plancia, dotato di tasti a sfioramento ai lati per i sei menù principali e di uninterfaccia dalla grafica chiara. molto comoda, per esempio, la possibilità di suddividere lo schermo in tre parti, per consultare contemporaneamente più elementi, mantenendo il principale in primo piano. E non mancano una Sim dati integrata e la compatibilità con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, dotazioni alle quali si aggiunge la ricarica wireless per il cellulare. Anche per quanto riguarda lo spazio di bordo, la Kamiq si rivela funzionale. Oltre alla phone box, posizionata alla base della console centrale, sul tunnel ci sono tre porta-bevande, mentre in alto, vicino al tasto per le chiamate demergenza, si trova il classico ripostiglio a scomparsa per gli occhiali. Decisamente più piccolo rispetto alla media, invece, è il pozzetto del bracciolo. Chi siede al volante può giocare con lampia escursione in altezza del sedile, mentre i passeggeri posteriori sono bene accolti: a patto di rinunciare allospite al centro, che avrebbe difficoltà a trovare posto anche per la presenza del tunnel in mezzo ai piedi, qui cè tanto spazio, soprattutto per le ginocchia. Sia davanti sia dietro sono disponibili due prese Usb, tutte con ingresso di tipo C: una scelta sicuramente moderna, quella della Skoda, ma controcorrente, che potrebbe costringere molti utenti a ricorrere a un adattatore. Il vano di carico non è il massimo quanto a capienza, ma resta ben sfruttabile. Peccato solo che, una volta ribaltato con frazionamento 60:40, il divano resti leggermente sollevato. In marcia, infine, ho apprezzato linsonorizzazione complessiva, le sospensioni, capaci di assorbire bene pavé, buche e tombini e la frizione leggera. Il cambio manuale, invece, è un po contrastato, ma su questa versione il doppia frizione non è disponibile neppure a richiesta. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO PRATICA, MA AFFATTO INSIPIDA [DAY 4]. Due pensieri in libertà mentre mi avvicino allauto per il mio "giro" di Diario. Primo: labito grigio della Kamiq sembra scelto per mimetizzarsi con il contesto, che è il cliché di una serata dautunno inoltrato. Secondo: il colore non rende giustizia al look atletico della vettura, che magari difetta di personalità rispetto al modello di cui raccoglie leredità spirituale, ovvero la Yeti, ma potrebbe incontrare più ampi consensi. Non cè dubbio che i ponti con il passato siano stati tagliati volutamente: tra laltro, la Suv non offre - nemmeno in opzione - la trazione 4x4. Ma anche nellabitacolo laria è cambiata: la qualità costruttiva è allineata agli standard del gruppo Volkswagen e, se gli effetti speciali non abbondano, un po si deve ai limiti dellallestimento e un po alla ricerca della semplicità tipica del marchio. In ogni caso, emerge una certa attenzione allo stile oltre che alla sostanza. Per collegare lo smartphone allinfotainment, tramite le porte di tipo C, ho dovuto ricorrere a un apposito adattatore, ma anche per questa variante della Kamiq, lAmbition, è previsto il collegamento wireless opzionale. Passando in rassegna le schermate (ottima la fluidità del touch screen, così come lintegrazione del telefono), linfotainment mi comunica chiaramente che nel mio primo viaggio con la Kamiq ho consumato poco metano, ma avrei potuto fare meglio dei 5,3 kg/100 km segnalati, che valgono percorrenze appena sotto i 19 km con un chilo. Va detto, nella guida non mi sono risparmiato, apprezzando, come altri, lagilità di questa Skoda, sostenuta da tarature dello sterzo e dellassetto tuttaltro che insipide. A differenza di chi mi ha preceduto, invece, ho trovato la risposta del pedale della frizione più tonica di quanto ci si aspetterebbe da una Suv cittadina, che dal motore riceve uno spunto più accettabile in ripartenza, destinato però ad affievolirsi presto. Nel secondo viaggio inserisco la modalità Eco: voglio vedere quanto riesco ad abbassare i consumi. Alla meta leggo 4,4 kg/100 km, consapevole, però, di avere anche tenuto andature più blande rispetto allandata. Alla fine, allungo il braccio per recuperare la borsa e realizzo che lo spazio in seconda fila è davvero principesco per una Suv di queste dimensioni: anche dietro a un sedile regolato sulla mia taglia (1,80 m). Segno che alcune caratteristiche dellauto, come il passo relativamente lungo, sono state sfruttate a dovere. LUCA CEREDA, REDAZIONE ONLINE. PROMOSSA DALLO SKODISTA [DAY 5]. Crossover riuscita e dallaspetto simpatico, la Kamiq mi accoglie al comodo posto guida con la prima impressione di un cofano più lungo e alto del previsto. Regolo il livello della seduta e la profondità del volante e annoto mentalmente solo un dettaglio: una certa difficoltà a inserire la chiave nel blocchetto di avviamento (movimento insolito, ormai, con la diffusione dei tasti Start). Non è certo una Suv massiccia e ingombrante, ma mi stupisce per la sensazione di leggerezza dei comandi, fin dai primi metri. Mi riferisco a pedali e volante, in particolare. Notevole il grande touchscreen di ultima generazione, con lo scorrimento swipe e alcune funzioni da smartphone, che naturalmente si trovano sugli altri modelli del gruppo e della concorrenza. Il mille a tre cilindri, da 90 CV nella versione a doppia alimentazione benzina/metano, è un gradevole piccolo turbo, molto pronto e con quel po di ruvidità dei tre cilindri che allinizio può infastidire, anche per una certa rumorosità più evidente a motore freddo. Lo spunto e la ripresa non si possono definire molto brillanti, nonostante la leggerezza dellauto, ma la sensazione di agilità cè tutta. Da vecchio skodista (lauto di famiglia è una Yeti e a Milano mi capita di usare lormai "antica" Fabia dei genitori, che porta benissimo i suoi ventanni) non posso non notare che i modelli della Casa sono migliorati tantissimo e hanno raggiunto una qualità 100% Volkswagen. Però, devo dirlo: non la cambierei con la mia Yeti, dalla lunghezza identica (424 cm), perché comunque è una macchina fatta bene, con un design originale e molto riuscito, che nelle Skoda più recenti e "perfettine" non ritrovo. E poi, a ben vedere, dimensioni a parte, il posto della Yeti lha preso la Karoq (superiore di 14 cm e alcune migliaia di euro). Una prova? Il divano dietro. Per prima cosa, la mattina del rientro in redazione, dopo il breve test, mi siedo dietro e devo dire che lo spazio è più che sufficiente per un passeggero alto un metro e 85: però, rispetto alla Yeti, la Kamiq è meno versatile perché il divano è fisso e si abbassano solo gli schienali, nella classica ripartizione un terzo-due terzi, senza leventuale passaggio centrale per gli sci. In compenso, fanno scena le bocchette del climatizzatore posteriori e le due prese Usb per ricaricare, ovviamente, gli smartphone dei ragazzi in seconda fila, che altrimenti non si presterebbero a lunghi viaggi. E sarebbe un peccato, perché in effetti, dopo alcuni chilometri in autostrada col contagiri a 3.000 e una velocità di crociera di 120 allora, devo dire che la Kamiq mi sembra unauto comoda e attrezzata anche per percorrenze medio lunghe. ANDREA SANSOVINI, REDAZIONE ATTUALITà-INCHIESTE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA/KAMIQ/KAMIQ-10-G-TEC-AMBITION-134683201910 2020-11-13 09:26:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/12/ford_f_150_ev_teaser_e_anticipazioni_del_pick_up_elettrico/gallery/rbig/2020-ford-f-150-ev-teaser-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33108 Ford F-150 EV - Spunta unimmagine del prototipo a zero emissioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33108&tipo=fv La FORD [1] è tornata a parlare della versione elettrica dellF-150 [2] in occasione del lancio dellE-TRANSIT [3], il primo veicolo commerciale a emissioni zero dellOvale Blu. Tra le immagini rilasciate in rete, infatti, il nuovo Transit appare anche immortalato in compagnia della Mustang Mach-E e di un prototipo del pick-up. IL PASSAGGIO ALLELETTRICO SI AVVICINA. Laspetto dellF-150 a propulsione elettrica è per il momento identico a quello delle altre varianti del modello attualmente in commercio, sebbene sul lato inferiore del frontale risulti visibile una protezione metallica che va a sostituire il profilo aerodinamico di serie. Le scritte sulle fiancate indicano chiaramente la presenza del motore a batteria, ma non è ancora dato sapere se verrà utilizzata la stessa unità da 269 CV appena presentata sullE-Transit: in questo caso, la variante 4x4 potrebbe superare di slancio i 500 CV, mentre la MACH-E GT [4], la versione più potente della Suv elettrica, si ferma a quota 465 CV. IBRIDO OGGI, ELETTRICO NEL 2022. La Ford ha già diffuso un teaser dellF-150 EV in occasione del lancio della nuova serie del modello, ma il suo debutto dovrebbe avvenire solo con il Model Year 2022. invece imminente larrivo sul mercato della variante V6 3.5 POWERBOOST HYBRID DA 430 CV [5], che secondo il ciclo Epa dichiara consumi ed emissioni pari a 24 mpg (circa 10,2 km/l) allineandosi a quelle del diesel 3.0 Powerstroke da 250 CV. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/18/FORD_F_150_ELETTRICO_ANTICIPAZIONI_VIDEO_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.TUTTOTRASPORTI.IT/ARCHIVIO/NOVITAMERCATO/2020/11/11/ARRIVA_IL_FORD_TRANSIT_ELETTRICO.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/25/FORD_MACH_E_LA_GT_ARRIVERA_IN_EUROPA_NEL_2021.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/06/FORD_F_150_POWERBOOST_HYBRID_IL_PICK_UP_ELETTRIFICATO_EROGA_UNA_POTENZA_DI_SISTEMA_DI_430_CV.HTML 2020-11-12 19:01:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/12/porsche_macan_2022_teaser_novita_anticipazioni_uscita/gallery/rbig/2020-nuova-porsche-macan-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33107 Porsche Macan - Un teaser "nascosto" anticipa i tratti della nuova generazione http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33107&tipo=fv Tra le numerose immagini che ci ha offerto liniziativa PORSCHE UNSEEN [1], con la quale la Casa tedesca ha mostrato i prototipi inediti sviluppati dal 2005 a oggi, cè uno scatto che merita particolare attenzione. Una foto nella nella quale si nasconde, probabilmente, unanticipazione della nuova generazione della MACAN [2] [3]: un modello in scala, ancora non definitivo al 100%, ma sufficiente ad accendere la curiosità verso un modello che vedremo probabilmente sul mercato a partire dal 2022. NON è UN RESTYLING. Il modellino è visibile accanto alla 919 Street: si riconoscono le proporzioni tipiche della Suv di Zuffenhausen, il gioco di volumi scavati sulla fiancata, mentre al frontale i gruppi ottici assumono un taglio più orizzontale e una dimensione più compatta. Il muso è appuntito e aggressivo, ma le prese daria sono molto più piccole e spostate verso il basso e creano una sezione quasi totalmente chiusa, dove normalmente si trova la targa. LA SUV SARà ELETTRICA. Gli indizi mostrati appaiono sufficienti, sapendo già che per la Porsche ha immaginato per la Macan un futuro esclusivamente elettrico, basato sulla PIATTAFORMA DEDICATA PPE [4]: per queste vetture, le esigenze di raffreddamento sono ben diverse rispetto ai modelli con motorizzazioni tradizionali e i frontali "chiusi" stanno diventando ormai la cifra stilistica delle elettriche. Cercare un family feeling con la Taycan è forse eccessivo, ma certamente un muso del genere sarebbe difficilmente associabile a un modello endotermico sovralimentato. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/11/12/PORSCHE_MAI_NATE_FOTO_GALLERY.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/PORSCHE-MACAN.HTML [3] https://www.quattroruote.it/auto/porsche-macan.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/26/PORSCHE_LA_NUOVA_MACAN_SARA_SOLO_ELETTRICA.HTML 2020-11-12 18:08:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/12/honda_civic_presentazione_undicesima_generazione_streaming_twitch/gallery/rbig/2020-honda-civic-prototype-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33106 Honda Civic - Primo teaser per il prototipo della nuova generazione - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33106&tipo=fv La HONDA [1] ha rilasciato dei teaser che anticipano la presentazione del prototipo della nuova CIVIC [2], giunta allundicesima generazione. Levento, come imposto dalla pandemia di Coronavirus, sarà trasmesso in streaming il 18 novembre, ma in un modo diverso da quello a cui siamo abituati. LINEE PIù MORBIDE. Dalle immagini sembra che i designer giapponesi abbiano abbracciato uno stile più sinuoso, andando a ridurre le linee decise e spigolose del modello precedente. La zona dove le modifiche appaiono più nette è quella posteriore: qui, infatti, la fanaleria composta da due elementi separati assume una forma più convenzionale rispetto allattuale edizione, che presenta i gruppi ottici a forma di C. Un altro punto di rottura è la coda, che sembra più quella di una berlina tre volumi. Quella mostrata, però, potrebbe essere la Civic Sedan, riservata al mercato statunitense, per cui la variante hatchback, che arriverà anche alle nostre latitudini, potrebbe essere leggermente diversa. UNA SCELTA "GIOVANE". Lelemento di novità della presentazione sta invece nella piattaforma scelta: la Casa di Tokyo, infatti, ha deciso di sfruttare il suo canale TWITCH, chiamato HONDA HEAD2HEAD, su cui vengono trasmessi in diretta gli eventi degli eSport in cui partecipano le squadre sponsorizzate dal costruttore. Al debutto del prototipo, inoltre, saranno presenti i quattro giocatori di Fortnite più forti del mondo e quattro migliori streamer Twitch. Tutto questo fa parte della strategia della Honda per attrarre il maggior numero possibile di giovani e millennial che, secondo la Casa, sono il tipo di pubblico per cui è stata pensata la nuova Civic, la quale verrà poi lanciata sul mercato in versione definitiva nella tarda primavera del 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HONDA [2] https://www.quattroruote.it/tags/honda_civic 2020-11-12 17:13:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/12/sace_filiera_automotive_in_calo_anche_la_componentistica_e_export/gallery/rbig/2020-industria-auto-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33105 Filiera automotive - In calo anche la componentistica e lexport http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33105&tipo=fv Lautomotive continua ad attraversare una fase critica, fotografata in maniera eloquente dagli ultimi dati forniti dallIstat: oltre alle vendite di vetture, in calo del 24% nei primi otto mesi rispetto a un anno fa, a flettere in maniera preoccupante è anche il settore della componentistica, che ha registrato un -26% da gennaio a luglio. A tutto ciò si aggiungono le difficoltà dellexport, soprattutto verso i Paesi membri dellUe. In queste direzioni, e non solo, si muovono le iniziative a sostegno della filiera automobilistica varate dalla Sace, società finanziaria del gruppo Cassa Depositi e Prestiti, che da inizio anno a settembre ha mobilitato risorse per 7,5 miliardi. CROLLA LA DOMANDA DA FUORI. Risuona forte, dunque, il campanello dallarme per il comparto dellauto, per il quale si prospettava un anno difficile già prima dello scoppio della pandemia da CORONAVIRUS [1]. A far rumore sono i numeri, tra i quali anche quelli delle esportazioni, che da gennaio ad agosto hanno segnato un -25,5% sul 2019. Al di fuori del mercato unico, il calo è stato più contenuto ma comunque pesante: -22,3% nello stesso periodo. Gli Usa, primo mercato di destinazione di automezzi italiani, hanno mantenuto una domanda più alta della media, ma sempre drasticamente ridotta: -17,4%. In controtendenza, sono cresciute le esportazioni verso il Giappone e la Turchia (rispettivamente dello 0,3% e del 7,5%). Nonostante la ripresa certificata ad agosto (+7,9%), però, le previsioni della Sace indicano per fine anno una riduzione del 10,2% per lexport del settore dei mezzi di trasporto. UN RILANCIO NEL 2021. La buona notizia è che, sempre secondo la Sace, già dallanno prossimo vedremo segnali di ripresa (+11,9%). Uninversione di tendenza dettata, tra i vari fattori, dal contributo della domanda rimasta inespressa nel 2020 (famiglie e imprese che in questo periodo di crisi sanitaria ed economica hanno rimandato acquisti impegnativi come quello di un autoveicolo), ma anche dalla percezione dellautomobile come mezzo di PROTEZIONE DAL CONTAGIO NEGLI SPOSTAMENTI [2]. Nel frattempo, però, la sopravvivenza della filiera è messa a dura prova in assenza di misure che offrano un adeguato sostegno: un tema recentemente affrontato dalla Sace con lAnfia in un tavolo sulle possibili soluzioni per la ripresa del settore. IL RUOLO DELLA SACE. In questo quadro, la finanziaria del gruppo Cassa Depositi e Prestiti gioca un ruolo strategico, soprattutto alla luce del mandato che le è stato affidato attraverso il decreto legge Semplificazioni: la Sace, infatti, potrà rilasciare garanzie su finanziamenti a favore dei progetti rientranti nel Green New Deal, e in particolare a quelli che promuovono lo sviluppo della mobilità a basse emissioni, quelli che agevolano la transizione verso uneconomia a minor impatto ambientale e quelli che integrano i cicli produttivi con tecnologie green per la produzione di beni e servizi sostenibili. Il sostegno fornito dalla Sace alle aziende della filiera automotive, non solo grandi nomi ma anche realtà più piccole, non è però soltanto finanziario: include, per esempio, laccompagnamento nella ricerca di nuove opportunità commerciali allestero, per accelerare il processo di crescita di queste società. Ma le iniezioni di liquidità somministrate rappresentano laspetto decisivo. Alcuni esempi di interventi della Sace con finanziamenti garantiti a supporto della filiera automobilistica riguardano aziende come Sparco (componentistica e abbigliamento, 8 milioni di euro), Eurotranciatura (tranciatura, 7 milioni di euro), Seri Industrial (accumulatori, 10 milioni di euro) Dayco Europe (componentistica, 20 milioni di euro) Gnutti Carlo (componentistica ad alta precisione, 20 milioni di euro), Moretto (stampaggio industriale, 5 milioni di euro), Siria Industrie (stampi e getti pressofusi, 7 milioni di euro) e Tasso (lavorazione di plastiche e metalli, 900 mila euro). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/11/04/RAPPORTO_AUDIMOB_TRASPORTI_SEMPRE_PIU_CITTADINI_SCELGONO_L_AUTO.HTML 2020-11-12 15:20:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/12/ferrari_sf90_spider_motore_prestazioni_interni_uscita/gallery/rbig/2020-Ferrari-SF90-Spider-01.JPG http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33104 Ferrari SF90 Spider - La prima ibrida en plein air del Cavallino - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33104&tipo=fv La prima ibrida spider della storia della FERRARI [1] non poteva che derivare dalla SF90 [2]. Debutta infatti in anteprima mondiale la SF90 SPIDER, che affianca la Stradale per offrire ai clienti una nuova esperienza di guida che unisce la propulsione elettrica, la guida a cielo aperto e la possibilità di scatenare in pista 1.000 CV. La vettura, così come la sorella a tetto fisso, non è una serie limitata e sarà quindi prodotta a partire dal prossimo anno in base alle richieste dei clienti. Le consegne inizieranno nel secondo trimestre del 2021: la Spider sarà proposta con un prezzo di partenza di 473.000 euro, circa il 10% in più rispetto alla coupé. 100 KG IN PIù PER AVERE LRHT. Il particolare design del padiglione della SF90 Stradale, caratterizzato da un lunotto estremamente ridotto in altezza e dalla copertura trasparente del propulsore spostata verso la zona posteriore con un grande elemento a ponte centrale, è rimasto praticamente immutato e integra ora il sistema RHT (Retractable Hard Top) già apprezzato sulla F8 SPIDER [3]. Lobiettivo della Ferrari, come sottolineato da Flavio Manzoni, era infatti quello di creare una vettura con uno stile del tutto simile a quello della coupé. Il tetto impiega 14 secondi per loperazione di apertura o chiusura, anche in movimento, fino a una velocità massima di 45 km/h. Grazie a questa soluzione la Spider contiene in 100 kg laumento di peso rispetto alla Stradale: 1.670 kg a secco con i contenuti opzionali. 1.000 CV MA ANCHE 25 KM A BATTERIA. Il powertrain da 1.000 CV è identico a quello della sorella coupé e abbina il propulsore V8 biturbo di 4.0 da 780 CV e 800 Nm a tre motori elettrici da 220 CV totali. Con la trazione integrale, la ripartizione dinamica della coppia sorvegliata dallelettronica e il cambio doppia frizione otto marce, la SF90 Spider tocca i 100 km/h da fermo in 2,5 secondi e i 200 km/h in 7,0 secondi. Il primo valore è identico alla coupé, mentre il secondo è superiore di soli tre decimi di secondo. La velocità massima è pari a 340 km/h, mentre lautonomia in modalità elettrica (a trazione anteriore) è di 25 km. Il manettino sul volante consente di cambiare radicalmente lanima della biposto passando dalle modalità eDrive, Hybrid, Performance e Qualify, mentre le informazioni principali sono visualizzate dal display curvo da 16" davanti al pilota. ASSETTO FIORANO OPZIONALE ANCHE SULLA SPIDER. La Ferrari SF90 Spider, così come la Stradale, potrà essere ordinata anche in versione Assetto Fiorano. Il pacchetto include gli ammortizzatori Multimatic, gli accessori in carbonio e titanio per ridurre di 21 kg la massa totale, lo spoiler posteriore in carbonio ed i pneumatici Michelin Sport Cup 2. In esclusiva la Ferrari SF90 Spider Assetto Fiorano è ordinabile anche con una livrea bicolore, come quella della foto qui sopra. ETà MEDIA PIù BASSA. Nonostante il prezzo di listino, la Ferrari SF90 Stradale è stata scelta da una clientela più giovane. La Casa pensa che labbassamento delletà media dei clienti sia legato alle nuove tecnologie disponibili sulla supersportiva, al suo powertrain ibrido e al design. Il profilo cliente della SF90 Spider sarà tuttavia diverso da quello della coupé, ma a Maranello si attendono comunque che la open top continuerà ad attirare una clientela nuova e sempre più giovane. Daltronde la Ferrari ha identificato la SF90 come un unicum nel mondo delle supercar: secondo Maranello, infatti, non esiste alcun modello che possa effettivamente fare concorrenza allibrida, sia per prestazioni, sia per livello di prezzo e posizionamento allinterno del mercato. LELETTRICO? NON ORA. "Non cè alcun dubbio che il mercato si stia spostando verso la tecnologia elettrica - ha affermato Enrico Galliera, Senior Vice President direzione commerciale e marketing della Ferrari - e noi non possiamo negare questa direzione. Per questo abbiamo iniziato a sviluppare delle vetture ibride, come la SF90, utilizzando lelettrico per valorizzare ancor più le prestazioni tipiche dei motori Ferrari. Per quanto riguarda i veicoli elettrici per il momento non consideriamo la tecnologia esistente adatta ed efficace per garantire il piacere di guida tipico del Cavallino". A breve non è prevista una Ferrari senza propulsore termico, dunque, ma in futuro non è escluso che, una volta raggiunta la piena maturità dei powertrain a elettroni, non si possa vedere unauto del Cavallino totalmente a batteria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/29/FERRARI_SF90_STRADALE_FOTO_MOTORE_IBRIDO_PRESTAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/FERRARI_F8_SPIDER_FOTO_INTERNI_SCHEDA_TECNICA_PRESTAZIONI.HTML 2020-11-12 15:20:43 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/12/ferrari_sf90_spider_motore_prestazioni_interni_uscita/gallery/rbig/2020-Ferrari-SF90-Spider-01.JPG http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33103 Ferrari SF90 Spider - La prima ibrida en plein air del Cavallino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33103&tipo=fv La prima ibrida spider della storia della FERRARI [1] non poteva che derivare dalla SF90 [2]. Debutta infatti in anteprima mondiale la SF90 SPIDER, che affianca la Stradale per offrire ai clienti una nuova esperienza di guida che unisce la propulsione elettrica, la guida a cielo aperto e la possibilità di scatenare in pista 1.000 CV. La vettura, così come la sorella a tetto fisso, non è una serie limitata e sarà quindi prodotta a partire dal prossimo anno in base alle richieste dei clienti. Le consegne inizieranno nel secondo trimestre del 2021: la Spider sarà proposta con un prezzo di partenza di 473.000 euro, circa il 10% in più rispetto alla coupé. 100 KG IN PIù PER AVERE LRHT. Il particolare design del padiglione della SF90 Stradale, caratterizzato da un lunotto estremamente ridotto in altezza e dalla copertura trasparente del propulsore spostata verso la zona posteriore con un grande elemento a ponte centrale, è rimasto praticamente immutato e integra ora il sistema RHT (Retractable Hard Top) già apprezzato sulla F8 SPIDER [3]. Lobiettivo della Ferrari, come sottolineato da Flavio Manzoni, era infatti quello di creare una vettura con uno stile del tutto simile a quello della coupé. Il tetto impiega 14 secondi per loperazione di apertura o chiusura, anche in movimento, fino a una velocità massima di 45 km/h. Grazie a questa soluzione la Spider contiene in 100 kg laumento di peso rispetto alla Stradale: 1.670 kg a secco con i contenuti opzionali. 1.000 CV MA ANCHE 25 KM A BATTERIA. Il powertrain da 1.000 CV è identico a quello della sorella coupé e abbina il propulsore V8 biturbo di 4.0 da 780 CV e 800 Nm a tre motori elettrici da 220 CV totali. Con la trazione integrale, la ripartizione dinamica della coppia sorvegliata dallelettronica e il cambio doppia frizione otto marce, la SF90 Spider tocca i 100 km/h da fermo in 2,5 secondi e i 200 km/h in 7,0 secondi. Il primo valore è identico alla coupé, mentre il secondo è superiore di soli tre decimi di secondo. La velocità massima è pari a 340 km/h, mentre lautonomia in modalità elettrica (a trazione anteriore) è di 25 km. Il manettino sul volante consente di cambiare radicalmente lanima della biposto passando dalle modalità eDrive, Hybrid, Performance e Qualify, mentre le informazioni principali sono visualizzate dal display curvo da 16" davanti al pilota. ASSETTO FIORANO OPZIONALE ANCHE SULLA SPIDER. La Ferrari SF90 Spider, così come la Stradale, potrà essere ordinata anche in versione Assetto Fiorano. Il pacchetto include gli ammortizzatori Multimatic, gli accessori in carbonio e titanio per ridurre di 21 kg la massa totale, lo spoiler posteriore in carbonio ed i pneumatici Michelin Sport Cup 2. In esclusiva la Ferrari SF90 Spider Assetto Fiorano è ordinabile anche con una livrea bicolore, come quella della foto qui sopra. ETà MEDIA PIù BASSA. Nonostante il prezzo di listino, la Ferrari SF90 Stradale è stata scelta da una clientela più giovane. La Casa pensa che labbassamento delletà media dei clienti sia legato alle nuove tecnologie disponibili sulla supersportiva, al suo powertrain ibrido e al design. Il profilo cliente della SF90 Spider sarà tuttavia diverso a quello della coupé, ma a Maranello si attendono comunque che la open top continuerà ad attirare una clientela nuova e sempre più giovane. Daltronde la Ferrari ha identificato la SF90 come un unicum nel mondo delle supercar: secondo Maranello, infatti, non esiste alcun modello che possa effettivamente fare concorrenza allibrida, sia per prestazioni, sia per livello di prezzo e posizionamento allinterno del mercato. LELETTRICO? NON ORA. "Non cè alcun dubbio che il mercato si stia spostando verso la tecnologia elettrica - ha affermato Enrico Galliera, Senior Vice President direzione commerciale e marketing della Ferrari - e noi non possiamo negare questa direzione. Per questo abbiamo iniziato a sviluppare delle vetture ibride, come la SF90, utilizzando lelettrico per valorizzare ancor più le prestazioni tipiche dei motori Ferrari. Per quanto riguarda i veicoli elettrici per il momento non consideriamo la tecnologia esistente adatta ed efficace per garantire il piacere di guida tipico del Cavallino". A breve non è prevista una Ferrari senza propulsore termico, dunque, ma in futuro non è escluso che, una volta raggiunta la piena maturità dei powertrain a elettroni, non si possa vedere unauto del Cavallino totalmente a batteria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/29/FERRARI_SF90_STRADALE_FOTO_MOTORE_IBRIDO_PRESTAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/09/09/FERRARI_F8_SPIDER_FOTO_INTERNI_SCHEDA_TECNICA_PRESTAZIONI.HTML 2020-11-12 14:57:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/12/crash_test_euro_ncap_honda_jazz_mazda_mx_30/gallery/rbig/2020-Crash-Test-Euro-NCAP-Honda-Jazz-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33102 Crash Test Euro NCAP - Cinque stelle per Honda Jazz e Mazda MX-30 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33102&tipo=fv Nella seconda sessione di crash test di questanno, sotto la lente dellEuro NCAP sono finite due vetture giapponesi: la monovolume HONDA JAZZ [1] e la Suv elettrica MAZDA MX-30 [2]. Entrambi i modelli hanno superato a pieni voti le severe prove dellente europeo per la sicurezza delle automobili, ottenendo le ambite cinque stelle. Nelle scorse settimane i tecnici dellEuro NCAP hanno messo alla prova anche due nuove versioni di modelli già collaudati. Si tratta della quattro porte BMW SERIE 2 GRAN COUPé [3] e del van elettrico MERCEDES-BENZ EQV [4]: entrambi hanno passato con il massimo delle valutazioni i test e sono stati premiati con le cinque stelle. LA HONDA JAZZ. Librida giapponese è stata promossa con buone valutazioni in tutte le prove. A brillare, anche grazie alla presenza dellairbag centrale, è stata la protezione passiva per gli occupanti, la cui unica criticità emersa riguarda la zona del torace dei passeggeri anteriori. Nonostante questo, la Jazz ha ottenuto l87% nella valutazione riservata agli occupanti adulti, l83% per i bambini e l80% per gli utenti vulnerabili della strada. Buono anche il risultato nella sezione Safety Assist (76%) grazie alla presenza di numerosi sistemi di sicurezza e di assistenza alla guida, tra i quali manca solo il freno automatico demergenza in retromarcia e il monitoraggio dello stato del guidatore. LA MAZDA MX-30. Come altri veicoli elettrici analizzati in precedenza, anche la Mazda MX-30 è stata premiata con le cinque stelle Euro NCAP. La Suv a batteria ha ottenuto ottimi risultati nella protezione di tutti gli occupanti: per gli adulti la valutazione ha raggiunto il 91%, mentre per i bambini è arrivata all87%. Il voto più basso (68%) arriva nella protezione di pedoni e ciclisti: alcune piccole zone della vettura, come le parti laterali del frontale allaltezza dei fari, il parabrezza e i montanti anteriori, secondo le rilevazioni dellente europeo fornirebbero una protezione insufficiente. Buona, infine, la valutazione relativa agli Adas (73%). La MX-30 propone di serie del sistema di monitoraggio dellattenzione del guidatore e ha raggiunto il massimo dei voti nelle sezioni relative ai limitatori di velocità e al mantenimento attivo della corsia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2020/HONDA_JAZZ_LA_PROVA_DELLA_1_5_CROSSTAR_ECVT_EXECUTIVE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/03/12/MAZDA_MX_30_PREZZO_USCITA_E_AUTONOMIA_ELETTRICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/PROVE/2020/BMW_SERIE_2_GRAN_COUPE_LA_PROVA_DELLA_220D_M_SPORT_.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/08/20/MERCEDES_BENZ_EQV_NUOVA_MONOVOLUME_ELETTRICA_INFORMAZIONI_AUTONOMIA_SCHEDA_TECNICA_PREZZI.HTML 2020-11-12 13:06:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/12/audi_sq5_tdi_2020_motore_diesel_caratteristiche_uscita/gallery/rbig/2020-audi-sq5-tdi-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33101 Audi SQ5 - Il restyling arriva in Europa con il diesel da 341 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33101&tipo=fv A pochi giorni dallANTEPRIMA AMERICANA DEL MODELLO BENZINA [1] da 350 CV, lAUDI [2] ha comunicato anche le informazioni relative alla versione europea della SQ5 aggiornata. In Europa, il restyling della Suv sportiva è proposto unicamente in abbinamento al propulsore diesel mild hybrid: le consegne sono previste nel primo trimestre del 2021 con prezzi che, per il mercato tedesco, partono da 68.138 Euro. IL DIESEL IBRIDO DA 341 CV. Il propulsore scelto per la SQ5 TDI è il V6 3.0 diesel nella variante da 341 CV e 700 Nm (contro i 349 CV espressi sulle S6 ed S7). La coppia massima è disponibile da 1.750 a 3.250 giri e il motore è abbinato al cambio automatico a otto marce (con funzione coasting integrata) e alla trazione integrale quattro con ripartizione base del 60% della coppia verso lasse posteriore. Questo propulsore sfrutta il sistema mild hybrid a 48V, può contare su uno scarico con valvole attive così come sul boost elettrico dei turbocompressori (EPC) per azzerare il turbolag. In quanto a prestazioni, la SQ5 TDI tocca i 100 km/h da fermo in 5,1 secondi e la velocità massima è autolimitata a 250 km/h. SOSPENSIONI PNEUMATICHE OPZIONALI. Per offrire una dinamica di guida degna della gamma S, la SQ5 TDI è dotata di serie di sospensioni a controllo elettronico e di un assetto ribassato di 30 mm, mentre è proposto in opzione il differenziale posteriore sportivo con funzione di torque vectoring. LAudi Drive Select include le modalità di guida Auto, Comfort, Efficiency, Dynamic, Offroad e Individual, mentre la funzione Allroad viene abilitata solo in presenza delle sospensioni pneumatiche (opzionali), che permettono di selezionare cinque diverse altezze da terra. Anche il servosterzo dinamico rientra tra le dotazioni a richiesta, così come i cerchi di lega da 21" al posto di quelli da 20" di serie. Non sono previsti i freni carboceramici: limpianto adotta dischi anteriori da 375 mm e pinze a sei pistoncini. LOOK E FINITURE "S". Questa variante sportiva si distingue dalle altre Audi Q5 per alcuni dettagli tipici della gamma "S". Troviamo infatti i paraurti specifici con prese daria maggiorate, la griglia Single frame con finitura specifica, le personalizzazioni esterne di alluminio opaco e il terminale di scarico a quattro uscite integrato nel diffusore. I gruppi ottici a Led di serie possono essere sostituiti da quelli Matrix Led anteriori e dagli Oled posteriori, con grafica personalizzabile. Gli interni propongono labbinamento tra le tinte nero e grigio, le finiture di alluminio della plancia e i sedili sportivi rivestiti di pelle. In opzione sono disponibili sia le sellerie di pelle e microfibra sia quelle foderate di pelle Nappa, oltre ai pannelli carbon look per la plancia e le funzioni di massaggio e ventilazione dei sedili anteriori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/06/AUDI_SQ5_2021_RESTYLING_NOVITA_CARATTERISTICHE.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI 2020-11-12 12:11:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/12/porsche_20_anni_carrera_gt/gallery/rbig/20-anni-porsche-carrera-gt-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33100 Porsche - Quella mattina a Parigi con la Carrera GT http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33100&tipo=fv Settembre del 2000, Salone di Parigi. La lista delle conferenze stampa a cui presenziare è, al solito, noiosamente lunga. Ce nè una, però, che cattura la mia attenzione: un invito esclusivo della PORSCHE [1], che dice di presentarsi al Louvre alle cinque e mezza di mattina! Considerata lalzataccia, ne deve valere la pena Doppio caffè, taxi e arrivo al celebre museo parigino. Piove ed è ancora buio. Tutti i presenti vengono fatti accomodare in un auditorium e su un maxi schermo parte un video. chiaramente in diretta e la protagonista è una supercar di colore argento. Scortata da due moto della Gendarmerie, sfila sotto lArco di Trionfo, percorre lAvenue des Champs-lysées e, infine, parcheggia davanti al museo. Lautista non è uno qualsiasi: si tratta del campione del mondo rally Walter Röhrl. LE ORIGINI DEL PROTOTIPO. Lo ricordo come fosse oggi, quellevento. Non tanto per linsolito orario, quanto per il fascino che emanava quella che allora era la concept car della Porsche CARRERA GT, che ha appena festeggiato i suoi primi 20 anni di vita. Al di là delle forme, affascinanti non cè che dire, era ciò che si celava sottopelle a fomentare le fantasie più spinte. In particolare, quel motore V10 aspirato di nobili origini. La Carrera GT, infatti, nasce come ripiego a un progetto per il motorsport durato poco. Nel 1998 la Porsche conquista la 24 Ore di Le Mans con la 911 GT1 e, subito dopo, si mette al lavoro per realizzare un prototipo che rispondesse ai nuovi regolamenti LMP in vigore a partire dal 2000. Costruiscono così la 9R3, o LMP2000, una barchetta realizzata in esemplare unico che montava, appunto, un dieci cilindri di 5.5 litri a sua volta ripescato da un progetto destinato alla Formula 1. Alla fine, di quel prototipo non se nè fatto più nulla. La Porsche, allepoca, non se la passava bene finanziariamente (prima che arrivasse la svolta con la Cayenne, proprio in quel periodo) e pare che il sogno di Le Mans venne accantonato anche per un accordo segreto con lAudi, che nel frattempo si accingeva a iniziare la sua leggendaria carriera in categoria LMP e non voleva troppa concorrenza, figuriamoci se interna. DEFINITIVA, TRE ANNI DOPO. Marzo del 2003, Salone di Ginevra. Questa volta, levento Porsche è in unarea dismessa del terminal dellaeroporto svizzero, fra i nastri portabagagli. Location suggestiva per svelare la versione definitiva della Carrera GT. Che, per la cronaca, non cambia di una virgola rispetto alla concept vista tre anni prima, almeno per quel che concerne laspetto esteriore. Tuttavia, il comparto tecnico è ben definito. Monoscocca e supporto motore in Cfrp, prima volta su una Porsche, frizione a secco di ceramica composita, monodado per le ruote da 20 pollici e quel dieci cilindri a V di 68 aspirato che nel frattempo è salito da 5.5 a 5.7 litri di cilindrata, per 612 cavalli a 8.000 giri e 590 Nm a 5.750 giri. Con un peso di soli 1.380 chilogrammi, la Carrera GT era in grado di accelerare da 0 a 100 in 3,9 secondi, a patto di essere abili a gestire la poco modulabile frizione ceramica e a contenere il pattinamento delle enormi ruote posteriori, supportate soltanto da un rudimentale traction control. Con una sofisticata aerodinamica, in grado di generare parecchia deportanza, la Carrera GT volava fino a 330 km/h. Il modello verrà prodotto dal 2003 al 2006 presso lo stabilimento di Lipsia e arriverà sul mercato a un prezzo di 452.690 euro. Nei suoi tre anni di vita, la Casa di Zuffenhausen ha assemblato soltanto 1.270 esemplari: oggi, la Porsche Carrera GT è quotata fra 800 mila e un milione di euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE 2020-11-12 11:42:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/12/formula_1_nel_weekend_si_torna_a_istanbul/gallery/rbig/2020-gp-turchia-2011.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33099 Formula 1 - Nel weekend si torna a Istanbul http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33099&tipo=fv SPRINT FINALE PER IL MONDIALE DI FORMULA 1 2020, con le ultime quattro gare che da qui al prossimo mese porteranno il circus dalla Turchia verso il Medio Oriente. Già da domani, team e piloti affronteranno la prima sfida, con latteso ritorno del GRAN PREMIO DELLA TURCHIA [1]. IL CIRCUITO. LIstanbul Park sorge nella parte asiatica della città e dal 2011 non ha più ospitato la F.1, tanto che per farlo questanno sono state necessarie alcune modifiche per garantire gli standard di sicurezza. La pista misura 5,3 chilometri e il suo layout è caratterizzato da numerosi saliscendi e 14 curve in totale, tra cui la celeberrima curva 8. una velocissima piega verso sinistra con quattro punti di corda che ha ispirato la nascita della curva 3 di Sochi da affrontare proprio come se fosse ununica curva. Il nastro dasfalto è stato recentemente riasfaltato e, tenendo conto che non ci saranno altre serie di supporto questo weekend, è probabile che vedremo una pista molto scivolosa, in particolar modo durante le prime prove libere. FOCUS SULLE GOMME. Tenendo conto dei carichi impressionanti che le nuove monoposto di F.1 generano in circuiti come quello di Istanbul, dalla Pirelli hanno deciso di nominare i pneumatici più duri della gamma: P Zero White hard C1, P Zero Yellow medium C2 e P Zero Red soft C3. Mario Isola, responsabile F1 e Car Racing, ha spiegato: "La Turchia è una delle tante novità di questo calendario 2020 in Formula 1. Sebbene sia un tracciato dove abbiamo già corso in passato, a tutti gli effetti possiamo considerarlo come un circuito nuovo, specialmente dato il nuovo asfalto. Istanbul Park impone una grande sfida in termini di carichi sui pneumatici, motivo per cui lallocazione comprende le tre mescole più dure della gamma, proprio come a Portimao, anche se forse il nuovo asfalto potrebbe essere meno severo. Come spesso è avvenuto in questa stagione anomala, le informazioni raccolte nelle prove libere saranno assolutamente cruciali, non solo per quanto riguarda i livelli di degrado, ma soprattutto per lusura su un tracciato così impegnativo. Ovviamente, sarebbe incompleto parlare di Istanbul Park senza citare la famosa Curva 8: questanno probabilmente sarà percorsa in pieno da questa generazione di Formula 1 ad alta deportanza, aumentando di conseguenza i carichi sulle gomme. Non sarà una gara facile, quindi gestire correttamente le gomme sarà un aspetto fondamentale di questo fine settimana". MATCH POINT PER HAMILTON. Il Gran Premio della Turchia potrebbe essere decisivo nellassegnazione del titolo piloti. La MERCEDES HA GIà CONQUISTATO MATEMATICAMENTE IL CAMPIONATO COSTRUTTORI [2] e adesso tocca a Lewis Hamilton completare il lavoro e mettere le mani sul suo settimo titolo iridato che gli permetterà di raggiungere Michael Schumacher nellOlimpo dei piloti più vincenti di sempre. Hamilton diventa campione del mondo a Istanbul se vince la gara o arriva secondo, con Bottas vincitore, ma senza il giro veloce. In quel caso, il finlandese potrebbe rimandare la festa di Lewis al prossimo evento. COME SEGUIRE LA GARA IN TV. Il fine settimana del Gran Premio della Turchia sarà trasmesso in diretta esclusiva dalla pay-tv Sky, mentre TV8 - sul digitale terrestre - trasmetterà qualifiche e gare in differita. Ecco gli orari, già convertiti al fuso orario italiano, per seguire levento in televisione. VENERDì 13 NOVEMBRE Prove Libere 1 | dalle 9 in diretta su Sky Sport F1 Prove Libere 2 | dalle 13 in diretta su Sky Sport F1 SABATO 14 NOVEMBRE Prove Libere 3 | dalle 10 in diretta su Sky Sport F1 Qualifiche | dalle 13 in diretta su Sky Sport F1. Differita ore 18 su TV8 DOMENICA 15 NOVEMBRE Gara | partenza alle 11:10 in diretta su Sky Sport F1. Differita ore 18 su TV8 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CIRCUITO.SHTML?ISTANBUL_PARK_113 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/CLASSIFICA_COSTRUTTORI.SHTML 2020-11-12 11:42:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/12/tesla_un_manager_mercedes_per_la_gigafactory_di_berlino/gallery/rbig/2020-fabbrica-Tesla.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33096 Tesla - Un ex Mercedes per la Gigafactory di Berlino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33096&tipo=fv Il responsabile della fabbrica di motori della Mercedes-Benz a Berlino ha deciso di dimettersi per passare alla TESLA [1]. Lo ha riferito il sindacato IG Metall, senza precisare lidentità del dirigente ma invitando i dipendenti a organizzare forme di protesta per la sua uscita dallazienda automobilistica tedesca. CHI è IL DIRIGENTE. Il responsabile della fabbrica berlinese è Rene Reif, in passato a campo delle attività di engineering e produzione della joint venture cinese Beijing Benz Automotive che lanno scorso ha avviato lassemblaggio dellelettrica Mercedes EQC. Il 57enne Reif, secondo quanto comunicato dalla capogruppo Daimler, ha rassegnato le dimissioni su sua richiesta per andare in pensione anticipata verso la fine dellanno. Stando agli indizi rivelati dal potente sindacato tedesco dei metalmeccanici, dovrebbe essere lui il sostituto di Evan Horetsky, il responsabile dei LAVORI DI COSTRUZIONE DELLA GIGAFACTORY [2] della Tesla a Grunheide, alle porte di Berlino, LICENZIATO [3] circa un mese fa per alcuni problemi nellavanzamento del progetto. Per ora non ci sono conferme né smentite se non la comunicazione del gruppo tedesco sulluscita di Reif e la sua sostituzione con Clemenz Dobrawa, che attualmente dirige lo stabilimento per la produzione di batterie a Kamenz. Il sindacato, comunque, è, come si suol dire, sul piede di guerra: la Daimler ha illustrato programmi di taglio dei costi che hanno spinto i rappresentanti del settore a temere per il destino dellimpianto di Berlino e a chiedere soluzioni per garantire la salvaguardia delloccupazione e il futuro delle attività produttive. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/11/TESLA_LA_GIGAFACTORY_TEDESCA_PRODURRA_500000_AUTO_ALL_ANNO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/23/TESLA_SE_NE_VA_UN_ALTRO_MANAGER_LICENZIATO_MISTER_GIGAFACTORY.HTML 2020-11-12 10:52:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/09/skoda_kamiq_una_settimana_con_la_g_tec_a_metano/gallery/rbig/2020-Skoda-Kamiq-G-Tec-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33097 Skoda Kamiq - Una settimana con la 1.0 G-Tec a metano [Day 4] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33097&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SKODA KAMIQ 1.0 G-TEC [1] in allestimento Ambition. La piccola Suv è omologata come vettura monovalente a metano, ma è dotata di doppia alimentazione grazie a un serbatoio da appena nove litri per la benzina: le bombole per il gas naturale, posizionate sotto il pianale, sono capaci di contenere 13,8 kg di metano. Il motore è un 1.0 tre cilindri turbo da 90 cavalli e 145 Nm di coppia con cambio manuale a sei rapporti e trazione anteriore. La Kamiq rientra nella categoria delle B-Suv ed è lunga 424 cm, larga 174 cm, alta 153 cm e ha un passo di 264 cm. In questo allestimento, ha un prezzo di partenza di 23.140 euro, ma lesemplare utilizzato per il Diario è equipaggiato con una serie di accessori opzionali, come lAmbient light bianco (220 euro), i cerchi di lega modello Braga da 17 (320 euro), il Comfort pack (540 euro per due prese Usb tipo C per i passeggeri posteriori, climatizzatore automatico a due zone con filtro combinato, selettore stile di guida, sedile passeggero anteriore regolabile in altezza e retrovisore interno antiriflesso), i proiettori anteriori full Led adattivi, i fendinebbia cornering abbinati agli indicatori di direzione dinamici (910 euro), i fanali posteriori full Led (180 euro), il City pack (620 euro per sensori parcheggio anteriori e posteriori, frenata demergenza automatica, sensore pioggia, retrovisori ripiegabili elettricamente e retrocamera), il Simply clever pack 2 (180 euro per presa 12V nel vano bagagli, protezione bordo porte e vano portaoggetti sotto i sedili anteriori) e la vernice metallizzata (650 euro). Il prezzo di questa Kamiq arriva dunque a 26.720 euro, compresa la plancia Silver Haptic con inserti decorativi neri (senza sovrapprezzo). SUV DI SOSTANZA [DAY 1]. Niente fronzoli, pochissimi effetti speciali e tanta, tanta sostanza. Questo, in sintesi, potrebbe essere il giudizio sulla Skoda Kamiq che mi accingo a guidare per il nostro Diario di bordo. La mia esperienza inizia con un bel pieno di metano effettuato alla stazione di servizio vicino alla redazione. Riempite le bombole, pagati 13,33 euro (un brivido!) il display ci restituisce unautonomia di 240 chilometri che si vanno ad aggiungere agli 80 stimati con la benzina residua (il serbatoio segnava poco più della metà dei soli nove litri), quanto basta per stare più tranquilli. La prima impressione a bordo della Kamiq è quella di spaziosità: si ha la sensazione di essere entrati in una vettura più grande di quello che è in realtà. Molto accogliente il posto guida anche se ho dovuto faticare più del solito a trovare la posizione corretta giocando con volante, seduta e schienale. Ma una volta trovata la postura ideale, si sta davvero bene al posto di comando: buona visuale in tutte le direzioni e comandi facilmente raggiungibili senza distrarsi troppo. Il motore si avvia in maniera molto discreta: frizione e cambio sono piacevoli da azionare e permettono di snocciolare i sei rapporti in scioltezza. Ma, sia ben chiaro, inutile esplorare la zona rossa del contagiri alla ricerca di forti emozioni: con 90 cavalli e un litro di cubatura, il motore fa quello che può e anzi si ribella con una timbrica rauca se lo si strapazza troppo. E poco o nulla cambia adoperando il selettore degli stili di guida. Meglio invece godersi in tranquillità questa Kamiq grazie alla discreta insonorizzazione, al buon confort di marcia e, dettaglio non trascurabile, allagilità con cui si effettuano le manovre di parcheggio. Insomma, una vettura con tanto spazio, dal prezzo concorrenziale e soprattutto campionessa di risparmio grazie al metano: cosa potrebbe chiedere di più un buon padre di famiglia? In effetti, qualcosa cè: un bagagliaio più capiente. La bombola posteriore, infatti, sottrae un po di cubatura e i 278 litri dichiarati non sono poi tanti. il prezzo che bisogna pagare per fare un pieno sborsando meno di una cena a base di pizza e birra. COSIMO MURIANNI, REDAZIONE INCHIESTE BILANCIATA [DAY 2]. Lasciando da parte i pregiudizi (infondati), le auto a metano oggi in commercio sono, a mio avviso, molto intelligenti. Ti permettono di fare tanti chilometri con una spesa contenuta e non hanno nemmeno le vibrazioni e il suono poco piacevole di alcuni diesel di piccola cilindrata. Certo bisogna tenere conto di tempi di rifornimento un po più lunghi, ma una volta arrivati alla cassa del benzinaio ci si scorda subito di quei cinque minuti di attesa. A parte questo, comè guidare unauto a metano? La risposta, semplice ma per nulla scontata è "come unauto a benzina". E la Skoda Kamiq lo dimostra fin dai primi metri. La piccola Suv boema ti porta ovunque con estrema facilità: è comoda, ha un assetto morbido, ma non troppo, e a bordo regna il silenzio. Lo sterzo poi, non sembra quasi quello di una crossover cittadina: pur essendo molto leggero, è rapido e preciso. Ciò la rende una vettura piacevole da guidare anche nel misto stretto e per nulla goffa: nei cambi di direzione è agile e quando si imposta una traiettoria la mantiene con precisione, infondendo nel guidatore una sensazione di stabilità che, in alcuni casi, invita a spingere sullacceleratore. Il mille turbo brilla per reattività ed elasticità, ma dallalto dei suoi 95 CV non può fare miracoli quando si va di fretta. Se dovessi descrivere questa Kamiq G-Tec con una sola parola, dunque, non avrei dubbi: bilanciata. Sì, perché è unauto facile: piccola ma non claustrofobica, scattante ma non assetata. O meglio, attenta al portafogli. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE ORDINATA E PRATICA, SENZA ECCESSI [DAY 3]. sicuramente una questione di gusti, ma a me non dispiacciono affatto le auto che offrono un abitacolo semplice e razionale come quello della Kamiq. Una volta a bordo non cè nulla che ti colpisca particolarmente, ma tutto, dalla strumentazione ai comandi, è ordinato e al posto giusto. Sullallestimento in prova mancano alcuni vezzi di ultima generazione, come il Virtual cockpit, ma alla fine ci si destreggia senza problemi fra tasti, menù e funzioni. I due elementi circolari sul cruscotto riportano da un lato il contagiri e lautonomia a metano, dallaltro il contachilometri e lautonomia a benzina, mentre il riquadro al centro, che racchiude le informazioni del computer di bordo, si gestisce tramite lampio tasto posto alla base. Insomma, spicca quella praticità che si ritrova anche nel touch screen da 9,2" al centro della plancia, dotato di tasti a sfioramento ai lati per i sei menù principali e di uninterfaccia dalla grafica chiara. molto comoda, per esempio, la possibilità di suddividere lo schermo in tre parti, per consultare contemporaneamente più elementi, mantenendo il principale in primo piano. E non mancano una Sim dati integrata e la compatibilità con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, dotazioni alle quali si aggiunge la ricarica wireless per il cellulare. Anche per quanto riguarda lo spazio di bordo, la Kamiq si rivela funzionale. Oltre alla phone box, posizionata alla base della console centrale, sul tunnel ci sono tre porta-bevande, mentre in alto, vicino al tasto per le chiamate demergenza, si trova il classico ripostiglio a scomparsa per gli occhiali. Decisamente più piccolo rispetto alla media, invece, è il pozzetto del bracciolo. Chi siede al volante può giocare con lampia escursione in altezza del sedile, mentre i passeggeri posteriori sono bene accolti: a patto di rinunciare allospite al centro, che avrebbe difficoltà a trovare posto anche per la presenza del tunnel in mezzo ai piedi, qui cè tanto spazio, soprattutto per le ginocchia. Sia davanti sia dietro sono disponibili due prese Usb, tutte con ingresso di tipo C: una scelta sicuramente moderna, quella della Skoda, ma controcorrente, che potrebbe costringere molti utenti a ricorrere a un adattatore. Il vano di carico non è il massimo quanto a capienza, ma resta ben sfruttabile. Peccato solo che, una volta ribaltato con frazionamento 60:40, il divano resti leggermente sollevato. In marcia, infine, ho apprezzato linsonorizzazione complessiva, le sospensioni, capaci di assorbire bene pavé, buche e tombini e la frizione leggera. Il cambio manuale, invece, è un po contrastato, ma su questa versione il doppia frizione non è disponibile neppure a richiesta. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO PRATICA, MA AFFATTO INSIPIDA [DAY 4]. Due pensieri in libertà mentre mi avvicino allauto per il mio "giro" di Diario. Primo: labito grigio della Kamiq sembra scelto per mimetizzarsi con il contesto, che è il cliché di una serata dautunno inoltrato. Secondo: il colore non rende giustizia al look atletico della vettura, che magari difetta di personalità rispetto al modello di cui raccoglie leredità spirituale, ovvero la Yeti, ma potrebbe incontrare più ampi consensi. Non cè dubbio che i ponti col passato siano stati tagliati volutamente: tra laltro, la Suv non offre più - nemmeno in opzione - la trazione 4x4. Ma anche nellabitacolo laria è cambiata: la qualità costruttiva è allineata agli standard del gruppo Volkswagen e, se gli effetti speciali non abbondano, un po si deve ai limiti dellallestimento e un po alla ricerca della semplicità tipica del marchio. In ogni caso, emerge una certa attenzione allo stile oltre che alla sostanza. Per collegare lo smartphone allinfotainment, tramite le porte di tipo C, ho dovuto ricorrere a un apposito adattatore, ma anche per questa variante della Kamiq, lAmbition, è previsto il collegamento wireless opzionale. Passando in rassegna le schermate (ottima la fluidità del touchscreen, così come lintegrazione del telefono) linfotainment mi comunica chiaramente che nel mio primo viaggio con la Kamiq ho consumato poco metano, ma avrei potuto fare meglio dei 5,3 kg/100 km segnalati, che valgono percorrenze appena sotto i 19 km con un chilo. Va detto, nella guida non mi sono risparmiato, apprezzando, come altri, lagilità di questa Skoda, sostenuta da tarature dello sterzo e dellassetto tuttaltro che insipide. A differenza di chi mi ha preceduto, invece, ho trovato la risposta del pedale della frizione più tonica di quanto ci si aspetterebbe da una Suv cittadina, che dal motore riceve uno spunto più accettabile in ripartenza, destinato però ad affievolirsi presto. Nel secondo viaggio inserisco la modalità Eco: voglio vedere quanto riesco ad abbassare i consumi. Alla meta leggo 4,4 kg/100 km, consapevole, però, di avere anche tenuto andature più blande rispetto allandata. Alla fine, allungo il braccio per recuperare la borsa e realizzo che lo spazio in seconda fila è davvero principesco per una Suv di queste dimensioni: anche dietro a un sedile regolato sulla mia taglia (1,80 m). Segno che alcune caratteristiche dellauto, come il passo relativamente lungo, sono state sfruttate a dovere. LUCA CEREDA, REDAZIONE ONLINE. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA/KAMIQ/KAMIQ-10-G-TEC-AMBITION-134683201910 2020-11-12 10:52:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/12/nissan_trimestrale_in_forte_perdita_ma_migliorano_le_prospettive_annuali/gallery/rbig/2020-nissan-logo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33098 Nissan - Trimestrale in forte perdita, ma migliorano le prospettive annuali http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33098&tipo=fv Trimestrale in rosso per la NISSAN [1] [2]: la Casa di Yokohama ha chiuso la seconda tranche dellesercizio fiscale al 31 marzo 2021 con una perdita netta di 44,4 miliardi di yen (360 milioni di euro circa), a fronte dellutile di 59 miliardi (475 milioni di euro circa) del corrispondente periodo dellanno scorso. Il peggioramento produrrà, tra laltro, conseguenze anche sulla Renault, che della Nissan detiene il 43,4% del capitale: la perdita dei giapponesi si tradurrà in un impatto negativo per 30 milioni di euro sul risultato netto della Casa della Losanga. CROLLANO I RICAVI. Per la Casa di Yokohama altri indicatori sono peggiorati: i ricavi sono scesi 2.631 miliardi a 1.918 miliardi mentre il risultato operativo è passato da un utile di 30 miliardi a una perdita di 4,8 miliardi. A penalizzare le performance finanziarie è stato soprattutto il calo delle vendite per effetto delle conseguenze della pandemia del CORONAVIRUS [3]. Non mancano però dei segnali di miglioramento: il rosso operativo del secondo trimestre è decisamente migliore della perdita di 153,9 miliardi subita nei tre mesi precedenti grazie, anche al PROGRAMMA DI EFFICIENTEMENTO [4] varato per risolvere una situazione ormai deficitaria e aumentare la redditività. In particolare, è stata avviata un ristrutturazione incentrata su tre direttrici: il miglioramento della qualità delle vendite tramite una riduzione delle promozioni e dellesposizione al canale del noleggio, un taglio dei livelli di inventario e una "ottimizzazione" dei costi fissi in tutte le aree operative. I TARGET. I primi frutti della ristrutturazione, uniti al miglioramento delle vendite, in particolare in Cina e negli Stati Uniti, hanno spinto i vertici aziendali a rivedere al rialzo le prospettive finanziarie per lintero esercizio. Le consegne, per esempio, sono attese a 4,165 milioni di unità, l1% in più rispetto alle precedenti stime. I ricavi sono attesi a 7.940 miliardi di yen e non più a 7.800 miliardi, mentre le previsioni sulla perdita operativa e su quella netta sono state alzate, rispettivamente, da 470 a 340 miliardi e da 670 a 615 miliardi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/NISSAN.HTML [2] https://www.quattroruote.it/auto/nissan.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/05/28/NISSAN_PRESENTATO_IL_NUOVO_PIANO_TAGLI_A_MODELLI_FABBRICHE_E_ORGANICO.HTML 2020-11-12 10:52:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/12/fca_in_programma_una_joint_venture_con_engie_eps_per_la_mobilita_elettrica/gallery/rbig/2020-gruppo-FCA-Torino-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33095 FCA - In programma una joint venture con Engie Eps per la mobilità elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33095&tipo=fv FCA [1] ha sottoscritto un memorandum dIntesa con la Engie Eps, azienda italiana dellomonimo gruppo francese attiva nei sistemi di accumulo energetico, per la costituzione di una joint venture nel campo della e-mobility. Lobiettivo è di creare un operatore "leader nel panorama europeo" in grado di avvalersi delle risorse finanziarie del costruttore automobilistico e delle competenze tecnologiche dellazienda energetica per offrire "soluzioni e servizi" di mobilità sostenibile. LOFFERTA. Nello specifico, la joint venture punta a offrire ai clienti europei di veicoli elettrici infrastrutture di ricarica residenziali, commerciali e pubbliche, pacchetti di energia verde che consentano di ricaricare il proprio mezzo a casa o in qualsiasi punto pubblico di tutta Europa sottoscrivendo un semplice abbonamento a canone mensile fisso. Laccordo, nelle intenzioni delle due società, è teso a creare "un nuovo player tecnologico italiano delle-mobility, con accesso a un portafoglio di centinaia di brevetti e segreti industriali, un solido team di progettisti e con una consolidata esperienza industriale automobilistica. La joint venture - si legge in una nota diffusa alla stampa - beneficerà infatti del contributo di entrambe le parti in termini di proprietà intellettuale, di risorse umane e finanziarie, e si concentrerà su soluzioni rivoluzionarie per il mercato europeo della mobilità elettrica". NUOVO PASSO AVANTI. Loperazione, da inquadrare nel programma varato dal gruppo FCA per imprimere un colpo di acceleratore alle strategie per leletrificazione, rappresenterà anche "unimportante evoluzione strategica dei portafogli di prodotti dei due gruppi e un passo avanti verso leliminazione delle barriere che ostacolano la transizione" alla mobilità elettrica in Europa. La Fiat Chrysler, oltre al lancio di modelli puramente elettrici, come la NUOVA 500 [2], e di veicoli elettrificati, ha avviato una serie di apposite iniziative con la stessa ENGIE EPS E TERNA PER UN IMPIANTO VEHICLE-TO-GRID [3], con ENEL X PER LINSTALLAZIONE DI COLONNINE [4] nei parcheggi degli stabilimenti e, sempre con la società italiana del gruppo energetico francese, per lOFFERTA DI UNA WALLBOX [5]. Proprio le collaborazioni degli ultimi anni con la Engie Eps a rappresentano la base per unoperazione che dovrebbe partite ufficialmente nel primo trimestre dellanno prossimo, una volta ottenute tutte le approvazioni da parte delle autorità e delle istituzioni competenti e dopo che saranno firmati i relativi accordi definitivi. PAROLA AI MANAGER. La firma di questo memorandum dintesa - ha detto lamministratore delegato della Fiat Chrysler, Mike Manley - è il frutto di tre anni di proficua collaborazione tra le due aziende, che ha consentito di realizzare progetti rivoluzionari, come la easyWallbox in esclusiva per FCA, il progetto pilota V2G lanciato di recente e gli innovativi pacchetti energetici dedicati ai clienti. La joint venture che abbiamo concepito potrà consentire un coinvolgimento ancora maggiore di entrambe le parti per ampliare la portata dellattuale cooperazione e sviluppare ulteriormente prodotti e servizi innovativi che favoriscano e sostengano una transizione priva di ostacoli alla mobilità elettrica nellarea europea" ha aggiunto lad del gruppo italoamericano. Del resto, per Carlalberto Guglielminotti, numero uno della Engie Eps, "lelettrificazione rappresenta un trend inevitabile destinato a rivoluzionare la mobilità urbana e, soprattutto, un cambiamento di paradigma inarrestabile del sistema energetico globale. La firma di questo memorandum dintesa - ha proseguito Guglielminotti - è la testimonianza dellimpegno comune volto ad accelerare questa trasformazione verso un futuro più sostenibile" . "LItalia - conclude Guglielminotti - ha lasciato un segno profondo nella storia con le sue eccellenze nel settore automotive e nello sviluppo di tecnologie innovative per il settore energetico. La joint venture è loccasione per consolidare questo patrimonio e allo stesso tempo delineare la strada da percorrere verso una mobilità a zero emissioni". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_ELETTRICA_PREZZO_BASE_CON_INCENTIVI_AUTONOMIA_INTERNI_ALLESTIMENTI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/09/14/GRUPPO_FCA_MIRAFIORI_VEHICLE_TO_GRID.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/06/14/GRUPPO_FCA_NUOVE_PARTNERSHIP_CON_ENEL_X_ED_ENGIE.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/02/26/FCA_PRESENTATA_LA_WALLBOX_PER_LA_RICARICA_DI_ELETTRICHE_E_IBRIDE_PLUG_IN.HTML 2020-11-12 09:24:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/11/ram_svelato_negli_usa_il_power_wagon_75th_anniversary_edition/gallery/rbig/2020-Ram-Power-Wagon-75-Anniversary-Edition-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33094 Ram - Svelato negli Usa il Power Wagon 75th Anniversary Edition http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33094&tipo=fv In occasione del Veterans Day americano, RAM [1] ha presentato il Power Wagon 75th Anniversary Edition: si tratta di un allestimento speciale, a tiratura limitata, che sarà offerto a partire da 65.250 dollari, pari a circa 55.500 euro al cambio attuale. La Dodge aveva introdotto nel 1945 la denominazione "Power Wagon" per il primo pickup 4WD proposto sul mercato. UNA SERIE NUMERATA DAI CONTENUTI ESCLUSIVI. Questa versione commemorativa è caratterizzata da badge e grafiche dedicate, dalla finitura "Gunmetal" sul logo della griglia frontale e dalla verniciatura Diamond Black; il pick-up si può avere anche bicolore in undici differenti varianti. Il Power Wagon 75th Anniversary Edition monta poi cerchi da 17" scomponibili con pneumatici da 33", e include nella dotazione anche gli interni rivestiti di pelle Mountain Brown, ricami personalizzati, gli inserti "Gloss Black" a effetto alluminio spazzolato sulla plancia, linfotainment Uconnect con schermo verticale da 12" e limpianto audio Harman Kardon. 410 CV PER ANDARE OVUNQUE. A livello tecnico, il pick-up è equipaggiato per muoversi su qualsiasi terreno grazie allassetto rialzato, ai differenziali autobloccanti anteriori e posteriori, alla barra antirollio anteriore scollegabile, al verricello e alle telecamere con visuale a 360 gradi, che permettono di individuare gli ostacoli presenti sul percorso. La base di partenza è quella del Ram 2500 e il propulsore è il V8 6.4 benzina aspirato da 410 CV abbinato a un cambio automatico otto marce. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RAM 2020-11-11 18:11:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/11/11/honda_guida_autonoma_livello_tre/gallery/rbig/2020-Honda-logo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33093 Honda - Via libera alla produzione di auto con guida assistita di livello tre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33093&tipo=fv La HONDA [1] è pronta a produrre veicoli a GUIDA ASSISTITA DI LIVELLO TRE e ambisce a giungere per prima sul mercato con questa soluzione. Entro marzo 2021, infatti, la Casa giapponese inizierà a commercializzare la berlina Legend aggiornata, che porterà al debutto le tecnologie di ultima generazione. LOMOLOGAZIONE COME CHIAVE DELLA DIFFUSIONE DEI SISTEMI. Lannuncio del costruttore di Tokyo va di pari passo con quello del governo giapponese, che ha autorizzato lutilizzo del nuovo Traffic Jam Pilot sulle strade nazionali. Il sistema prevede che, in coda, il guidatore possa distogliere lo sguardo dalla strada lasciando il controllo del volante, dellacceleratore e del freno alla vettura. Il primato della Honda potrebbe dunque essere limitato, per il momento, ai confini nazionali, visto che la diffusione di questo sistema dipenderà anche dalle necessarie omologazioni sui singoli mercati: il caso emblematico è quello dellAudi, che dopo aver annunciato UN SISTEMA SIMILE SULLAUDI A8 NEL 2017 [2] ha dovuto mettere in pausa il progetto a causa dei risvolti normativi e di carattere assicurativo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HONDA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/04/29/GUIDA_AUTONOMA_AUDI_RINUNCIA_AL_LIVELLO_3_SULLA_A8.HTML 2020-11-11 17:44:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/11/alpine_strategia_luca_de_meo/gallery/rbig/2020-Alpine-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33092 Alpine - Diventerà il reparto sportivo della Renault http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33092&tipo=fv LUCA DE MEO [1] ha già delineato da tempo la strategia per la rinascita del gruppo RENAULT [2], che passerà anche dalla crescita della ALPINE [3]. I piani ambiziosi del nuovo ceo prevedono anche un ritorno in grande stile nel mondo delle corse e la creazione di una gamma di prodotti completa. In poche parole, il manager italiano punta a mettere in atto una sorta di spin-off al contrario: il marchio di Dieppe, da sempre separato dalla Renault, continuerà a produrre modelli esclusivi, ma firmerà anche le versioni sportive delle vetture della Losanga, come già fatto in passato con la Renault 5 Alpine, proposta anche in versione Turbo. PARALLELISMI. In pratica non si tratterà esattamente di una manovra come quella già vista negli scorsi anni per il brand Cupra - distaccatosi dalla Seat con modelli derivati dalla serie e vetture inedite, come la Formentor - ma di unoperazione più simile a quella fatta dalla Mercedes-Benz con la sua branca sportiva, la AMG. I tedeschi, infatti, utilizzano il marchio di Affalterbach per produrre vetture esclusive, come la AMG GT, e rivisitazioni ad alte prestazione dei modelli di serie. Oltre a questo, a Stoccarda utilizzano il brand AMG Line per vendere delle auto che, pur non essendo caratterizzate da una meccanica sportiva, hanno un look grintoso derivato dalle vere AMG. Ecco, questa, in poche parole sarà la strategia della Alpine: produrre auto di nicchia - come la A110 e, probabilmente, ALTRE SPORTIVE [4] -, creare versioni pepate delle Renault di serie,_ "à la R.S."_ come direbbero a Dieppe, e firmare anche gli allestimenti estetici più dinamici del listino. OBIETTIVO MARGINI. Il perché di questa scelta è presto detto. De Meo punta a incrementare i margini operativi e per farlo vuole rispondere alle richieste di quella clientela che brama vetture cariche di accessori, dotazioni e dettagli estetici personalizzati. proprio sulle versioni più ricche che le case automobilistiche riescono a spuntare i guadagni più elevati: i costi di ingegnerizzazione e di produzione sono solo lievemente superiori a quelli dei modelli base, ma il prezzo di listino è ben più alto. Daltronde il mercato parla da sé: i giovani (e non solo, _ndr_) aspirano a vetture dal look grintoso, non solo nella carrozzeria, ma anche in dettagli come possono essere cerchi, paraurti e sedili. Negli ultimi anni, infatti, il mercato è stato invaso da decine di allestimenti ispirati ai modelli sportivi: S line, M Sport, R-Line, R-Design, GT Line, GR Sport, N Line e chi più ne ha più ne metta. Presto arriverà anche la linea di accessori estetici firmata Alpine, che dovrebbe prendere il posto degli attuali allestimenti R.S. Line. Restando in tema, la sopravvivenza del brand R.S. è dunque in bilico: se le compatte sportive della Losanga saranno firmate Alpine, nei listini potrebbe non esserci più spazio per le Renault Sport. Sia chiaro, modelli come la Mégane e la Clio R.S. non dovrebbero scomparire, ma solo cambiare nome. MOTORSPORT, RITORNO IN GRANDE STILE. Questa strategia porterà la Alpine a tornare nel motorsport e a debuttare in diverse categorie. Oltre allarrivo, in sostituzione della scuderia Renault, del team di Formula 1 già dalla prossima stagione, il marchio di Dieppe parteciperà anche al Mondiale Wec e, quindi, anche alla 24 Ore di Le Mans con una LMP1. Oltre a questo, tuttavia, larrivo nei listini della Losanga di versioni firmate Alpine porterà il marchio a tornare anche nel mondo dei rally e nelle gare in pista: la nuova generazione della Clio, infatti, è stata declinata in una VARIANTE DA CORSA [5] che può essere impiegata sia per il monomarca della Casa francese, sia per altre competizioni, tra cui le corse su strada e sterrato grazie ad APPOSITI KIT DI MODIFICA [6]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/21/GRUPPO_RENAULT_DE_MEO_ABBIAMO_LE_TECNOLOGIE_PER_SFIDARE_VOLKSWAGEN_E_TOYOTA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/RENAULT.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/ALPINE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/19/ALPINE_IN_ARRIVO_UNA_NUOVA_SPORTIVA_E_UN_ELETTRICA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/09/19/MOTORSPORT_SVELATA_LA_NUOVA_CLIO_RENAULT_SPORT_RACING.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/24/RENAULT_CLIO_PRIMI_DETTAGLI_DELLE_CUP_RALLY_E_RX.HTML 2020-11-11 17:16:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/concept/2020/11/11/audi_la_rs6_gto_degli_apprendisti_omaggia_i_40_anni_della_trazione_quattro/gallery/rbig/2020-Audi-RS6-GTO-concept-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33091 Audi - La RS6 GTO degli apprendisti omaggia i 40 anni della trazione quattro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33091&tipo=fv Gli apprendisti dellAUDI [1] Akademie di Neckarsulm hanno voluto rendere omaggio ai 40 anni di storia della tecnologia quattro con una concept basata sulla RS6 [2] che trasforma la vettura di serie in un prototipo da pista. Questa RS6 GTO è un esercizio di stile non destinato alla vendita, a differenza, per esempio della, SERIE SPECIALE DELLA TT RS [3] recentemente presentata in Germania. UN MAGGIO AL PASSATO. La concept è ispirata all Audi 90 Imsa GTO del 1989, impegnata nelle competizioni americane: la livrea è identica, così come il design delle coperture aerodinamiche dei cerchi di lega. La carrozzeria del modello di serie è stata sensibilmente allargata e dotata di paraurti specifici e di un alettone sul lunotto. La RS6, inoltre, è stata spogliata degli arredi interni, sostituiti da due sedili da competizione e da un rollbar di protezione. Gli scarichi, infine, non si trovano più nel diffusore posteriore, ma trovano posto, come nella Imsa GTO, nelle minigonne laterali. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TEMPO_SUL_GIRO/FREEMIUM/2020/05/26/AUDI_IL_GIRO_A_VAIRANO_DELLA_RS_6_VIDEO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/15/AUDI_TT_RS_EDIZIONE_SPECIALE_40_ANNI_QUATTRO_CARATTERISTICHE_INTERNI_MOTORE.HTML 2020-11-11 15:00:22 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/11/11/ponte_di_genova_arrestato_l_ex_ad_di_autostrade_giovanni_castellucci/gallery/rbig/2018-Genova-crollo-Ponte-Morandi-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33090 Ponte di Genova - Arrestato Castellucci, lex ad di Autostrade http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33090&tipo=fv Giovanni Castellucci, EX AMMINISTRATORE DELEGATO DI AUTOSTRADE PER LITALIA [1], è stato arrestato insieme ad altri ex dirigenti della società nellambito di uninchiesta parallela a quella avviata dopo il crollo del Ponte Morandi. In particolare, lindagine riguarda la fornitura di barriere fonoassorbenti risultate poi pericolose. Agli arresti domiciliari sono finiti anche Paolo Berti, ex direttore centrale operativo, e Michele Donferri Mitelli, ex capo delle manutenzioni, mentre per tre attuali dirigenti di Aspi è stata disposta linterdizione per 12 mesi: si tratta di Stefano Marigliani, direttore del primo tronco, Paolo Strazzullo e Massimo Miliani. BARRIERE NON SOSTITUITE PER RISPARMIARE. Nei confronti di Castellucci e degli altri ex top manager agli arresti sono ipotizzate accuse di attentato alla sicurezza e frode nelle pubbliche forniture. Secondo la Guardia di Finanza di Genova, che in mattinata ha emesso lordinanza per le misure cautelari, gli indagati avevano consapevolezza della difettosità delle barriere e del potenziale pericolo per la sicurezza stradale, con rischio cedimento in caso di forte vento e cognizione dei difetti progettuali e di sottostima dellazione del vento, nonché dellutilizzo di alcuni materiali per lancoraggio a terra non conformi alle certificazioni europee e scarsamente performanti. Inoltre, gli inquirenti sostengono sia stata riscontrata la volontà di non procedere a lavori di sostituzione e messa in sicurezza adeguati, eludendo tale obbligo con alcuni accorgimenti temporanei non idonei e non risolutivi. Le barriere fonoassorbenti, sottolinea la Guardia di Finanza, non vennero cambiate per evitare le ingenti spese che avrebbe comportato. INDAGINE PARALLELA A QUELLA DEL CROLLO DEL MORANDI. Agli ex dirigenti di Aspi viene poi contestata anche la frode allo Stato per non aver adeguato la rete da un punto di vista acustico, secondo quanto stabilito da una convenzione tra il gestore e il governo. La vicenda è partita dallanalisi della documentazione informatica e cartacea acquisita nellambito dellinchiesta principale legata al crollo del Ponte Morandi, che è avvenuto il 14 agosto del 2018 e ha causato la morte di 43 persone. Le indagini tecniche e le testimonianze spiega la GdF hanno portato a raccogliere numerosi e gravi elementi indiziari e fonti di prova in capo ai soggetti coinvolti. ASPI: "BARRIERE GIà MESSE IN SICUREZZA". Autostrade per lItalia ha diffuso qualche ora dopo una nota ufficiale in cui ha puntualizzato che lindagine della Procura di Genova riguarda una specifica tipologia di barriere integrate anti-rumore, denominate Integautos, presenti su circa 60 dei 3000 km della rete di Aspi e che la totalità di queste barriere è già stata verificata e messa in sicurezza con opportuni interventi tecnici tra la fine del 2019 e gennaio 2020. Autostrade, a conoscenza delle indagini dallo scorso 10 dicembre 2019, ha avviato a inizio anno un piano che prevede la sostituzione delle barriere nei punti maggiormente esposti a impatto acustico, pianificata dalla seconda metà del 2021. La spesa per la totalità degli interventi ammonta a circa 170 milioni di euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/09/17/AUTOSTRADE_PER_L_ITALIA_SCANDALO_MANUTENZIONE_VIADOTTI_SI_DIMETTE_L_AD_CASTELLUCCI.HTML 2020-11-11 14:09:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/11/bmw_ix_ecco_l_elettrica_del_futuro_oltre_600_km_d_autonomia_oltre_500_cv_0_100_sotto_i_5_secondi/gallery/rbig/2020-BMW-iX-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33089 BMW iX - Ecco lelettrica del futuro: oltre 600 km dautonomia, oltre 500 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33089&tipo=fv Ci avevano raccontato che lelettrico era una roba di nicchia. Che la transizione sarebbe stata lenta, graduale, incompleta. Che le auto a batteria avrebbero fatto fatica a imporsi. Tutto vero, ancora oggi, almeno in parte. Ma cè da raccontare anche laltra faccia della medaglia. Quella dove cè limpegno, enorme, da parte delle Case automobilistiche, che ormai hanno dirottato tutte le loro risorse di ricerca e sviluppo sui modelli a zero emissioni. E che ora ragionano in maniera organica, di gamma. per questo che è importante la BMW IX, che da concept si chiamava iNext: perché dopo gli episodi isolati della i3 e della iX3, lei rappresenterà un nuovo inizio. Dai suoi geni, prenderà vita la prima famiglia di modelli senza motore termico del marchio. E sarà numerosa. PROGETTATA DA DENTRO. La BMW iX si qualifica così sin da subito come una vera e propria nuova ammiraglia, quantomeno tecnologica, per Monaco: il suo progetto, di avanguardia assoluta non soltanto per le innovazioni sulla trazione elettrica, la connettività e lautomazione della guida, rappresenta anche un nuovo pilastro in termini di metodo. Per la prima volta, sottolinea la Casa, la riflessione è partita dagli interni, con lo scopo di concentrare il massimo dello sforzo sulla qualità della vita a bordo. LA CENTRALITà DI BMW I. Attesa sulle linee della fabbrica di Dingolfing nella seconda metà del 2021, in vista di un lancio sui mercati alla fine dellanno, la iX è attualmente nellultima fase del suo sviluppo su strada. Un lavoro delicato, considerato che la sua piattaforma, progettata dal foglio bianco, è unarchitettura modulare e scalabile che darà vita ai modelli più disparati. Tutti sotto legida di BMW i, sub-brand sostenibile che rafforza così la sua centralità nei programmi del gruppo bavarese e il suo ruolo di avanguardia sui fronti tecnici di aerodinamica, costruzione leggera e riuso dei materiali. POTENZA E ACCELERAZIONE. Ma parliamo un po di numeri, che sono la cosa che interessa di più a tutti: la BMW iX sfrutta la quinta generazione del powertrain elettrico eDrive della Casa e può farsi vanto così di un sistema propulsivo particolarmente sostenibile, perché realizzato senza alcun ricorso alle terre rare. Il suo layout a due motori eroga, secondo i dati preliminari, oltre 500 CV. Quanto basta per sbrigare la pratica dello 0-100 km/h in meno di 5 secondi. CONSUMO E AUTONOMIA. Lobiettivo primario dei progettisti, tuttavia, è stato quello di raggiungere un consumo contenuto: stando alle cifre della Casa, la iX stabilisce sul ciclo Wltp un valore di 21 kWh/100 km. Il che significa che con la sua batteria, nuova, da "oltre 100 kWh", la Suv elettrica riuscirà a garantire unautonomia superiore ai 600 chilometri, sul medesimo ciclo domologazione. BATTERIA E RICARICA. Di grande interesse anche i valori relativi alla fase di ricarica: la iX supporterà il fast charging in corrente continua fino a una potenza di 200 kW, permettendo di passare dal 10 all80% della capacità dellaccumulatore in 40 minuti. Oppure, se preferite, di mettere nellaccumulatore energia sufficiente per coprire 120 chilometri nellarco di dieci minuti. Il processo di carica completa, dallo 0 al 100% da una classica wallbox da 11 kWh, richiede invece 11 ore. Laspetto più imiportante della batteria, riguarda però il suo processo produttivo, notoriamente molto dispendioso in termini di CO2: secondo quanto reso noto dalla BMW, la realizzazione delle celle e del pacco stesso viene alimentata esclusivamente da energie rinnovabili. LA PRIMA CON IL 5G. La iX segna un nuovo riferimento anche per quanto riguarda lintelligenza artificiale: la sua capacità di calcolo complessiva supera di 20 volte quella dei modelli attuali più evoluti. Un progresso necessario per processare la mole di dati raccolta dai suoi sensori al servizio delle funzioni avanzate di guida e parcheggio assistiti e per offrire servizi digitali di nuova generazione che sfrutteranno, per la prima volta, la connettività 5G. IL NUOVO RUOLO DEL DOPPIO RENE. Per il momento la BMW non ha fornito misure precise riguardo il corpo vettura: le indicazioni attualmente disponibili parlano di lunghezza e larghezza paragonabili a una X5 (4,92 metri per 2,00) e di unaltezza simile a quella dellX6 (1,69 metri). Il suo climax, in termini di design, viene raggiunto ancora una volta dal doppio rene, che esaspera la formulazione verticale già vista su altri modelli recenti come la Serie 4. Qui, però, la differenza è funzionale, perché il suo compito non è più quello di lafflusso daria a un motore termico, ma quello di ospitare i sensi dellauto: è qui che trovano posto telecamere, radar e tutti gli altri sensori al servizio della guida assistita. 2020-11-11 14:09:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/11/ferrari_poesia_studente_mattia_de_novellis_passione/gallery/rbig/02-ferrari_f40.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33088 Ferrari - Una poesia per il Cavallino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33088&tipo=fv Il Cavallino rampante, da sempre, suscita forti emozioni. Una FERRARI [1], quando la vedi parcheggiata nelle vie più esclusive di Milano o ti supera in autostrada, ti smuove qualcosa dentro. Se poi hai la fortuna di ritrovarti alla guida di una Rossa, ladrenalina amplifica esponenzialmente tutti questi sentimenti, fino a farti formicolare le dita. Sono proprio queste le sensazioni che MATTIA DE NOVELLIS, uno studente quindicenne del Liceo Scientifico Marconi di Pesaro, ha voluto trasmettere tramite le parole. Durante lora di italiano, gli è stato chiesto di comporre una poesia che avesse al centro il senso del tatto e lui non ha perso loccasione di esaltare la sua passione per le auto, ispirandosi al suo sogno: sedersi dietro al volante di una vettura made in Maranello. Ecco dunque Ferrari, di Mattia De Novellis Già caldo il motore Lei rossa fiammante, morbida e accogliente, liscia e accattivante. Piede sulla frizione, prima ingranata, sul sedile di pelle la schiena è incollata. Fin da subito, dalla partenza il mondo si ferma, ne sento lessenza e mentre lei già corre a mille dentro di me adrenalina e scintille. Slittano le gomme sull asfalto bagnato divampano le fiamme dallo scarico cromato linee aggressive, potenza infinita nella velocità io sento la vita. Nella turbina energia ruggente, sfidando il sole col suo rosso splendente. Cambio e volante tra le mie mani: Tengo in pungo il sogno del domani. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FERRARI 2020-11-11 13:15:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/11/10/toyota_gr_yaris_motore_scheda_tecnica_e_guida/gallery/rbig/2020-Toyota-GR-Yaris-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33087 Toyota GR Yaris - Dal Mondiale rally alla strada: è instant classic http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33087&tipo=fv Quando ero un aitante giovanotto (si parla dei primi anni 90, non del secondo dopoguerra), gli appassionati della mia età sbavavano per le versioni stradali delle 4x4 che correvano nel Mondiale rally. La Delta 4WD e Integrale, ovviamente. Ma anche la Celica. LEscort RS Cosworth. LImpreza. La 323 4WD e GT-R (di cui in Francia provai addirittura il modello da gara, in uno stint su sterrato assieme a Hannu Mikkola di cui potrei raccontare ogni singolo metro, a distanza di 30 anni). Cera da capirla, questa pazzia collettiva dei petrolhead, su cui peraltro le Case facevano un sacco di soldi. Fino a quel momento, il concetto di sportività era declinato dalle tradizionali coupé, magari pure eleganti e belle da guidare, ma dallimmagine troppo commendatoriale per chi navigava sotto i 30 anni. Questi oggetti, invece, discendendo in maniera diretta da una stirpe abituata a darsi battaglia in gara, conferivano una diversa accezione allintera nozione di automobile veloce: corpo vettura derivato da un modello mass market epperò clamorosamente tormentato dalle appendici corsaiole, motore turbo, una valanga e mezza di cavalli, trazione integrale, e non ultimo lindefinibile piacere di contribuire alla missione agonistica del marchio prescelto, ché lacquisto sconsiderato (per le tasche di molti, intendo) serviva a raggiungere i volumi minimi imposti dalle omologazioni per partecipare al Mondiale. Purtroppo quella delle piccole bombe 4x4 è stata una stagione relativamente corta (non è un caso che oggi siano ricercatissime dai collezionisti), lasciando dolorose nostalgie in chi per loro delirava. Il lungo preambolo per dire che quando ho appreso che la TOYOTA [1] avrebbe organizzato a Vairano cioè casa nostra, che è anche comodo il lancio della YARIS GR [2] non ho perso tempo nel far valere sulla redazione lo ius primae noctis automobilistico che spetta per diritto divino al direttore. Ho avuto ragione. Dopo un pomeriggio di ruote fumanti tra pista e fuori posso dire che la piccoletta giapponese è la degna erede delle illustri progenitrici. SAPORE DI WRC. Dimostrando come sempre un approccio al problema quantomeno singolare, i giapponesi volendo correre nel Wrc invece di adattare un modello esistente come è consuetudine, con i compromessi che ciò comporta, hanno ribaltato lidea, realizzando un modello apparentato alla lontana con quello di serie, ma che avesse già in sé gli elementi per trasformarsi in una versione da corsa. E lo si capisce da una serie di dettagli. Il tempo di produzione, per esempio: la Casa giura che per costruire una GR ci si impiega 10 volte di più rispetto a una normale. Poi le dimensioni: la GR è di 55 mm più lunga della Yaris da famiglia, 60 mm più larga, 45 mm più bassa (che diventano 100 al posteriore). E il pianale non è il GA-B che ha debuttato nella serie attuale della Yaris, ma un ibrido (principio che a Tokyo piace assai, è evidente) che unisce la GA-B (davanti) con la GA-C di Corolla e C-HR (dietro). Pure il tetto è diverso: sulla GR (che sta per Gazoo Racing, a proposito) è stato disegnato più basso perché sulla macchina da gara laria fluisca meglio sullo spoiler. Per qualche ragione che i tecnici non mi hanno voluto o saputo spiegare, anche la posizione di guida non è la stessa: si sta seduti più in alto, e per chi come me unisce un po di centimetri sopra i 180 a una stazza non da silfide lo spazio manca e la leva del cambio sembra lontana. INSTANT CLASSIC. Per fortuna, queste triviali considerazioni assumono importanza relativa quando si inizia a spingere il tre cilindri turbo da 261 cavalli. Come mi diceva Gordon Murray in UNA RECENTE INTERVISTA [3], la sportività non dipende dalla potenza, ma dal rapporto peso/potenza. E qui la GR fa faville. Avendo tolto il grasso superfluo (tetto di fibra di carbonio -3,5 kg, porte/cofano/portellone di alluminio -24 kg e cosi via), la giapponesina ferma la bilancia a 1.285 kg. Significa che ogni cavallo vapore deve portarsi dietro meno di 5 chilogrammi di macchina. Significa che a questo livello di prezzo (un filo sotto i 40 mila euro) è probabilmente impossibile trovare una macchina così agile e facile da portare al limite. Merito, in buona sostanza, di una trasmissione integrale che, per quanto leggera, non è affatto basica - cè un differenziale centrale che in Normal ripartisce la coppia 40:60 tra davanti e dietro, in Sport 30:70 (il mio preferito) e Track 50:50 e della Toyota Italia, che ha deciso di importare soltanto lallestimento più driver oriented, battezzato Circuit: prevede cerchi da 18 pollici, un assetto più rigido, Michelin Pilot 4S e, soprattutto, un differenziale davanti e uno dietro. La dotazione tecnica consente non soltanto di mettere a terra la cavalleria senza indecisioni (ho unidiosincrasia verso le trazioni anteriori esagerate, con le loro continue reazioni al volante: la Mini GP provata di recente, per dire, è un bellissimo oggetto, però chi ama la guida pulita troverà sempre eccessiva la cavalleria), ma soprattutto di gestire i trasferimenti di carico giocando sullagilità. Difetti: un po troppo sottosterzo in Track se si anticipa lapertura del gas, freno un po "morto" allattacco, manovrabilità del cambio manuale a sei marce migliorabile quando si va giù brutali (in compenso cè il tastino per allineare automaticamente il regime del motore a quello del cambio in scalata). Tocchi da rally: cè un freno a mano come Dio comanda, con il quale puoi divertirti a fare i tornanti à la Loeb (tra laltro, sgancia la trazione al bloccaggio delle ruote) e pure una placca che recita "Developed for the Fia World Rally Championship". Curiosità: la GR viene prodotta in uno stabilimento giapponese dedicato, a Motomachi. A mio modesto avviso, una instant classic. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TOYOTA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/10/TOYOTA_GR_YARIS_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/QLEGGENDE/PREMIUM/2020/09/04/GORDON_MURRAY_LA_FILOSOFIA_DELLA_SUPERCAR_T_50_DATI_MOTORE_TECNICA.HTML 2020-11-11 12:50:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/11/fiat_punto_1a_serie_mezzo_milione_di_km_e_una_storia_di_famiglia/gallery/rbig/2020-fiat-punto-lettore-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33086 Fiat Punto 1a serie - Mezzo milione di chilometri e una storia di famiglia http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33086&tipo=fv Dal cruscotto un po sbiadito spunta un numero eloquente: 574.044 km, che tradotti in tempo fanno 25 anni di onorato servizio. Limmagine arriva dritta dalla FIAT PUNTO [1] di un nostro lettore, Rocco, che come altri ci ha scritto offrendo la propria testimonianza di automobilista e utente: nella fattispecie, quella di un felice possessore dellutilitaria del Lingotto. La sua è una storia di famiglia (la Punto era stata inizialmente acquistata dal padre, poi è diventata la prima auto di Rocco) e racconta di una lunga strada percorsa insieme, ora giunta a un bivio: aggiustare o cambiare lauto? BISOGNEREBBE CURARNE GLI ACCIACCHI. Vista letà del mezzo la risposta sembrerebbe scontata, ma questa Punto del 1996 con motore 1.1 Fire da 54 CV ha tutta laria di poter tenere botta ancora per un po. Certo, la carrozzeria i segni del tempo li manifesta tutti, il rosso della verniciatura ha perso il suo smalto e negli interni non manca qualche cedimento. Ma la parte meccanica, ci assicura il lettore, è ancora efficiente e necessiterebbe solo di una messa a punto. Si tratta bellesempio di longevità, insomma: non certo di ecosostenibilità, trattandosi di una Euro 2, senza dimenticare la distanza abissale che separa questa vettura dagli standard di sicurezza odierni. Oggi, gli incentivi offrono a Rocco un assist per cambiare dopo tanti anni, anche perché la manutenzione della Punto comporterebbe costi relativamente alti in rapporto al valore del mezzo. Eppure, al lettore il dubbio rimane: "Unauto nuova mi darà la stessa garanzia di affidabilità?". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FIAT-PUNTO 2020-11-11 12:50:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/11/mercedes_amg_gt_63_s_record_nurburgring/gallery/rbig/2020-mercedes-amg-gt-63-s-record-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33085 Mercedes-AMG - La GT 63 S centra un nuovo record al Ring - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33085&tipo=fv La MERCEDES-AMG [1] ruba lo scettro alla Porsche per un record di categoria al Nürburgring. A distanza di pochi mesi dal 7:29.81 siglato dalla PANAMERA TURBO S [2] da 630 CV, la Casa di Affalterbach ha infatti ribaltato il risultato certificando sul circuito tedesco un tempo di 7:27.800 con la berlina-coupé GT 63 S 4MATIC+ nella variante da 20,8 km. DUE SECONDI IN MENO DELLA RIVALE. La vettura del primato è un Model Year 2021, sul quale i tecnici del reparto AMG sono intervenuti per migliorare ulteriormente le regolazioni dellassetto. Il tempo è stato ottenuto dal collaudatore Demian Schaffert utilizzando un esemplare totalmente di serie equipaggiato con i pneumatici Michelin Pilot Sport Cup2 e dotato di un pacchetto aerodinamico specifico, entrambi ordinabili su richiesta. Il tempo è stato ottenuto in condizioni di bassa temperatura e meteo non ottimali, sottolineando così le qualità della trazione integrale e dei controlli elettronici applicati dalla AMG per gestire i 639 CV erogati dal V8 4.0 biturbo della GT 63 S. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MERCEDES-AMG [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/08/13/PORSCHE_PANAMERA_RECORD_NURBURGRING.HTML 2020-11-11 12:20:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/11/mercedes_amg_gt_63_s_record_nurburgring/gallery/rbig/2020-mercedes-amg-gt-63-s-record-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33083 Mercedes-AMG - La GT 63 S segna un nuovo record al Ring - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33083&tipo=fv La MERCEDES-AMG [1] ruba lo scettro alla Porsche per un record di categoria al Nürburgring. A distanza di pochi mesi dal 7:29.81 siglato dalla PANAMERA TURBO S [2] da 630 CV, la Casa di Affalterbach ha infatti ribaltato il risultato certificando sul circuito tedesco un tempo di 7:27.800 con la berlina-coupé GT 63 S 4MATIC+ nella variante da 20,8 km. DUE SECONDI IN MENO DELLA RIVALE. La vettura del primato è un Model Year 2021, sul quale i tecnici del reparto AMG sono intervenuti per migliorare ulteriormente le regolazioni dellassetto. Il tempo è stato ottenuto dal collaudatore Demian Schaffert utilizzando un esemplare totalmente di serie equipaggiato con i pneumatici Michelin Pilot Sport Cup2 e dotato di un pacchetto aerodinamico specifico, entrambi ordinabili su richiesta. Il tempo è stato ottenuto in condizioni di bassa temperatura e meteo non ottimali, sottolineando così le qualità della trazione integrale e dei controlli elettronici applicati dalla AMG per gestire i 639 CV erogati dal V8 4.0 biturbo della GT 63 S. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MERCEDES-AMG [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/08/13/PORSCHE_PANAMERA_RECORD_NURBURGRING.HTML 2020-11-11 11:26:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/11/tesla_model_3_nuova_batteria_82_kwh_long_range_autonomia/gallery/rbig/2020-Tesla-Model-3-MY-2021-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33084 Tesla Model 3 - Con il Model Year 2021 cè una batteria da 82 kWh per la Long Range http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33084&tipo=fv La TESLA [1] ha ufficializzato "indirettamente" alcuni dettagli tecnici relativi al MODEL YEAR 2021 DELLA MODEL 3 [2], e in particolare che la versione Long Range Awd è dotata ora di un pacco batteria da 82 kWh. Questo miglioramento è stato possibile grazie alle nuove celle fornite dalla PANASONIC, che garantiscono una densità energetica del 5% maggiore rispetto a quella degli accumulatori precedenti. LE RISPOSTE NEI DOCUMENTI. Tempo fa, la Casa statunitense aveva rilasciato dati aggiornati sullautonomia della vettura (580 km nel ciclo Wltp dichiarati). Allora, però, non era chiaro se questo risultato fosse dovuto alle nuove batterie: la conferma è giunta da alcuni documenti che il costruttore americano ha spedito ai clienti tedeschi prima della consegna dellauto, per consentirne limmatricolazione e il regolare ritiro. Informazioni che sono state poi condivise e rese note al pubblico. NON SONO ANCORA LE "BISCUIT TIN". La settimana scorsa, la Panasonic ha rivelato che le nuove batterie, prodotte nella GIGAFACTORY IN NEVADA [3], consentiranno anche una ricarica più rapida. Non si tratta, però, delle nuove 4680 (le cosiddette "Biscuit Tin") sviluppate direttamente dalla Tesla e presentate al BATTERY DAY [4] di settembre, ma ancora delle celle di tipo 2170 che, tuttavia, potrebbero trarre vantaggio da alcuni miglioramenti della chimica interna apportati dalla Casa californiana. Secondo i rilevamenti dellEpa, lagenzia per la protezione dellambiente del governo federale degli Stati Uniti, con il nuovo pacco batteria la Model 3 2021 è riuscita a percorrere poco più di 568 chilometri con una singola carica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/12/TESLA_MODEL_3_RESTYLING_USCITA_INTERNI_CARATTERISTICHE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/08/20/TESLA_BATTERIE_PANASONIC_GIGAFACTORY.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/22/ELON_MUSK_BATTERY_DAY_TESLA_NUOVE_BATTERIE_2022.HTML 2020-11-11 11:26:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/09/skoda_kamiq_una_settimana_con_la_g_tec_a_metano/gallery/rbig/2020-Skoda-Kamiq-G-Tec-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33082 Skoda Kamiq - Una settimana con la 1.0 G-Tec a metano [Day 3] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33082&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SKODA KAMIQ 1.0 G-TEC [1] in allestimento Ambition. La piccola Suv è omologata come vettura monovalente a metano, ma è dotata di doppia alimentazione grazie a un serbatoio da appena nove litri per la benzina: le bombole per il gas naturale, posizionate sotto il pianale, sono capaci di contenere 13,8 kg di metano. Il motore è un 1.0 tre cilindri turbo da 90 cavalli e 145 Nm di coppia con cambio manuale a sei rapporti e trazione anteriore. La Kamiq rientra nella categoria delle B-Suv ed è lunga 424 cm, larga 174 cm, alta 153 cm e ha un passo di 264 cm. In questo allestimento, ha un prezzo di partenza di 23.140 euro, ma lesemplare utilizzato per il Diario è equipaggiato con una serie di accessori opzionali, come lAmbient light bianco (220 euro), i cerchi di lega modello Braga da 17 (320 euro), il Comfort pack (540 euro per due prese Usb tipo C per i passeggeri posteriori, climatizzatore automatico a due zone con filtro combinato, selettore stile di guida, sedile passeggero anteriore regolabile in altezza e retrovisore interno antiriflesso), i proiettori anteriori full Led adattivi, i fendinebbia cornering abbinati agli indicatori di direzione dinamici (910 euro), i fanali posteriori full Led (180 euro), il City pack (620 euro per sensori parcheggio anteriori e posteriori, frenata demergenza automatica, sensore pioggia, retrovisori ripiegabili elettricamente e retrocamera), il Simply clever pack 2 (180 euro per presa 12V nel vano bagagli, protezione bordo porte e vano portaoggetti sotto i sedili anteriori) e la vernice metallizzata (650 euro). Il prezzo di questa Kamiq arriva dunque a 26.720 euro, compresa la plancia Silver Haptic con inserti decorativi neri (senza sovrapprezzo). SUV DI SOSTANZA [DAY 1]. Niente fronzoli, pochissimi effetti speciali e tanta, tanta sostanza. Questo, in sintesi, potrebbe essere il giudizio sulla Skoda Kamiq che mi accingo a guidare per il nostro Diario di bordo. La mia esperienza inizia con un bel pieno di metano effettuato alla stazione di servizio vicino alla redazione. Riempite le bombole, pagati 13,33 euro (un brivido!) il display ci restituisce unautonomia di 240 chilometri che si vanno ad aggiungere agli 80 stimati con la benzina residua (il serbatoio segnava poco più della metà dei soli nove litri), quanto basta per stare più tranquilli. La prima impressione a bordo della Kamiq è quella di spaziosità: si ha la sensazione di essere entrati in una vettura più grande di quello che è in realtà. Molto accogliente il posto guida anche se ho dovuto faticare più del solito a trovare la posizione corretta giocando con volante, seduta e schienale. Ma una volta trovata la postura ideale, si sta davvero bene al posto di comando: buona visuale in tutte le direzioni e comandi facilmente raggiungibili senza distrarsi troppo. Il motore si avvia in maniera molto discreta: frizione e cambio sono piacevoli da azionare e permettono di snocciolare i sei rapporti in scioltezza. Ma, sia ben chiaro, inutile esplorare la zona rossa del contagiri alla ricerca di forti emozioni: con 90 cavalli e un litro di cubatura, il motore fa quello che può e anzi si ribella con una timbrica rauca se lo si strapazza troppo. E poco o nulla cambia adoperando il selettore degli stili di guida. Meglio invece godersi in tranquillità questa Kamiq grazie alla discreta insonorizzazione, al buon confort di marcia e, dettaglio non trascurabile, allagilità con cui si effettuano le manovre di parcheggio. Insomma, una vettura con tanto spazio, dal prezzo concorrenziale e soprattutto campionessa di risparmio grazie al metano: cosa potrebbe chiedere di più un buon padre di famiglia? In effetti, qualcosa cè: un bagagliaio più capiente. La bombola posteriore, infatti, sottrae un po di cubatura e i 278 litri dichiarati non sono poi tanti. il prezzo che bisogna pagare per fare un pieno sborsando meno di una cena a base di pizza e birra. COSIMO MURIANNI, REDAZIONE INCHIESTE BILANCIATA [DAY 2]. Lasciando da parte i pregiudizi (infondati), le auto a metano oggi in commercio sono, a mio avviso, molto intelligenti. Ti permettono di fare tanti chilometri con una spesa contenuta e non hanno nemmeno le vibrazioni e il suono poco piacevole di alcuni diesel di piccola cilindrata. Certo bisogna tenere conto di tempi di rifornimento un po più lunghi, ma una volta arrivati alla cassa del benzinaio ci si scorda subito di quei cinque minuti di attesa. A parte questo, comè guidare unauto a metano? La risposta, semplice ma per nulla scontata è "come unauto a benzina". E la Skoda Kamiq lo dimostra fin dai primi metri. La piccola Suv boema ti porta ovunque con estrema facilità: è comoda, ha un assetto morbido, ma non troppo, e a bordo regna il silenzio. Lo sterzo poi, non sembra quasi quello di una crossover cittadina: pur essendo molto leggero, è rapido e preciso. Ciò la rende una vettura piacevole da guidare anche nel misto stretto e per nulla goffa: nei cambi di direzione è agile e quando si imposta una traiettoria la mantiene con precisione, infondendo nel guidatore una sensazione di stabilità che, in alcuni casi, invita a spingere sullacceleratore. Il mille turbo brilla per reattività ed elasticità, ma dallalto dei suoi 95 CV non può fare miracoli quando si va di fretta. Se dovessi descrivere questa Kamiq G-Tec con una sola parola, dunque, non avrei dubbi: bilanciata. Sì, perché è unauto facile: piccola ma non claustrofobica, scattante ma non assetata. O meglio, attenta al portafogli. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE ORDINATA E PRATICA, SENZA ECCESSI [DAY 3]. sicuramente una questione di gusti, ma a me non dispiacciono affatto le auto che offrono un abitacolo semplice e razionale come quello della Kamiq. Una volta a bordo non cè nulla che ti colpisca particolarmente, ma tutto, dalla strumentazione ai comandi, è ordinato e al posto giusto. Sullallestimento in prova mancano alcuni vezzi di ultima generazione, come il Virtual cockpit, ma alla fine ci si destreggia senza problemi fra tasti, menù e funzioni varie. I due elementi circolari sul cruscotto riportano da un latoil contagiri e lautonomia a metano, dallaltro il contachilometri e lautonomia a benzina, mentre il riquadro al centro, che racchiude le informazioni del computer di bordo, si gestisce tramite lampio tasto posto alla base. Insomma, spiccano la semplicità e la praticità, due caratteristiche che si ritrovano anche nel touchscreen da 9,2 al centro della plancia, dotato di tasti a sfioramento ai lati per i sei menù principali e di uninterfaccia dalla grafica chiara. molto comoda la possibilità di suddividere lo schermo in tre parti, per consultare contemporaneamente più elementi, mantenendo il principale in primo piano. E non mancano una sim dati integrata e la compatibilità con gli standard Apple CarPlay e Android Auto, dotazioni a cui si aggiunge la ricarica wireless per il cellulare. Anche per quanto riguarda lo spazio di bordo, la Kamiq si rivela funzionale. Oltre alla phone box, posizionata alla base della console centrale, sul tunnel ci sono tre porta-bevande, mentre in corrispondenza del cielo si trova il classico ripostiglio a scomparsa per gli occhiali. Decisamente più piccolo rispetto alla media, invece, è il pozzetto del bracciolo. Chi siede al volante può giocare con lampia escursione in altezza del sedile e scegliere di dominare la strada o di adottare una posizione più vicina al pavimento e più sportiva, mentre i passeggeri posteriori sono accolti bene: a patto di rinunciare allospite al centro, che avrebbe difficoltà a trovare posto, anche per la presenza del tunnel in mezzo ai piedi, cè tanto spazio, soprattutto per le ginocchia. Sia davanti sia dietro sono disponibili due prese Usb, tutte con ingresso di tipo C: una scelta sicuramente moderna, quella di Skoda, ma controcorrente, che potrebbe costringere molti utenti a ricorrere a un adattatore. Il vano di carico è nella media quanto a capienza, ma resta ben sfruttabile. Peccato solo che, una volta ribaltato con frazionamento 60:40, il divano resti leggermente sollevato. In marcia, infine, ho apprezzato linsonorizzazione complessiva, le sospensioni, capaci di assorbire bene pavé, buche e tombini e la frizione leggera. Il cambio manuale, invece, è un po contrastato, ma su questa versione il doppia frizione non è disponibile neppure a richiesta. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA/KAMIQ/KAMIQ-10-G-TEC-AMBITION-134683201910 2020-11-11 09:09:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/11/hyundai_kona_elettrica_2021_autonomia_batteria_interni/gallery/rbig/2020-Hyundai-Kona-Electric-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33081 Hyundai Kona - Nuovo look per lelettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33081&tipo=fv Lanciata nel 2018, la HYUNDAI KONA ELECTRIC [1] ha saputo aggiornarsi per andare incontro alle esigenze della clientela. Dopo aver venduto oltre 120 mila unità in tutto il mondo, 53.000 delle quali solo in Europa, la Casa coreana ha infatti presentato una nuova versione della Suv elettrica, caratterizzata da unestetica rinnovata e da nuove tecnologie. Le versioni rimangono due, la Long Range e la Standard, con unautonomia che può arrivare fino a 484 km nel ciclo Wltp. LOOK AGGIORNATO NEI PUNTI GIUSTI. Le principali modifiche estetiche si concentrano sul frontale dove debuttano nuove luci diurne a Led e altri dettagli aggiornati, come i fari a Led che integrano la tecnologia multifaceted reflector per incanalare meglio il fascio di luce verso la strada. Nuove sono anche le prese daria verticali, pensate per ridurre la turbolenza nella zona delle ruote a tutto vantaggio dellaerodinamica e, conseguentemente, dellefficienza di marcia. ARRIVA IL (DOPPIO) MAXI SCHERMO. Allinterno dellabitacolo debutta un nuovo quadro strumenti da 10,25", mentre le altre modifiche sono in linea con quelle introdotte dal Model Year 2020 della Suv. Al centro della plancia debutta un nuovo sistema di infotainment Avn (acronimo di AudioVideoNavigation) dotato di un touch screen da 10,25" con sistemi di connettività avanzata. Non manca la compatibilità con Android Auto e Apple CarPlay, che diventa wireless solo scegliendo la versione con schermo da 8". DUE MOTORI, STESSA COPPIA. Come anticipato, i clienti possono scegliere due differenti powertrain. Il primo, proposto sulla versione Long Range, ha una batteria da 64 kWh che garantisce unautonomia di 484 km e un motore elettrico da 204 CV e 395 Nm: lo 0-100 km/h viene portato a termine in 7,9 secondi e la velocità massima è di 167 km/h. La Hyundai Kona Electric Standard, invece, dispone di un accumulatore da 39,2 kWh per unautonomia massima di 305 km. In questo caso il motore è meno potente, 136 CV, ma la coppia è la stessa della Long Range: le prestazioni sono leggermente inferiori, 0-100 km/h in 9,9 secondi e 155 km/h di punta. Entrambe le versioni dispongono del Smart Adjustable Regenerative Braking, un sistema che consente al guidatore di regolare la frenata rigenerativa secondo le proprie preferenze, potendo arrivare anche a fermare completamente lauto senza intervenire sui freni. Non mancano, inoltre, diversi sistemi di assistenza e di sicurezza alla guida aggiornati come la frenata automatica demergenza, il mantenimento della traiettoria, il cruise control adattivo e i nuovi Blind Spot Collision Avoidance, Safety Exit Warning, Rear Cross-Traffic Collision Avoidance Assist e REAR SEAT ALERT [2]. LA RICARICA. Per ripristinare lautonomia della Kona Electric i clienti potranno sfruttare diverse soluzioni, optando per caricatori di bordo da 7,2 o 10,5 kW o per sistemi di ricarica rapida a corrente continua da 50 o 100 kW. Con questi ultimi è possibile passare dal 10 all80% della carica in tempi che variano dai 47 minuti della versione più potente, ai 64 minuti della 64 kWh con sistema 50 kW. Utilizzando la corrente alternata, con il caricatore da 10,5 kW servono sei ore e 50 minuti per passare dal 10 al 100% dellautonomia della Long Range, che salgono a 9 ore e 15 minuti utilizzando il sistema a 7,2 kW: per la Standard i tempi sono inferiori, quattro ore e venti minuti e sei ore. Utilizzando una presa di corrente domestica (220V/12A) inevitabilmente i tempi necessari per la fare il pieno di elettroni si allungano: 17 ore per la Standard e 28 ore per la Long Range. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/09/29/HYUNDAI_KONA_ELETTRICA_PRESA_PER_UN_GIORNO_DAY_1_VIDEO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2019/08/02/HYUNDAI_IL_REAR_OCCUPANT_ALERT_DI_SERIE_DAL_2022.HTML 2020-11-11 09:09:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/11/10/toyota_gr_yaris_motore_scheda_tecnica_e_guida/gallery/rbig/2020-Toyota-GR-Yaris-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33080 Toyota GR Yaris - Dal Mondiale rally alla strada: è subito instant classic http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33080&tipo=fv Quando ero un aitante giovanotto (si parla dei primi anni 90, non del secondo dopoguerra), gli appassionati della mia età sbavavano per le versioni stradali delle 4x4 che correvano nel Mondiale rallye. La Delta 4WD e Integrale, ovviamente. Ma anche la Celica. LEscort RS Cosworth. LImpreza. La 323 4WD e GT-R (di cui in Francia provai addirittura il modello da gara, in uno stint su sterrato assieme a Hannu Mikkola di cui potrei raccontare ogni singolo metro, a distanza di 30 anni). Cera da capirla, questa pazzia collettiva dei petrolhead, su cui peraltro le Case facevano un sacco di soldi. Fino a quel momento, il concetto di sportività era declinato dalle tradizionali coupé, magari pure eleganti e belle da guidare, ma dallimmagine troppo commendatoriale per chi navigava sotto i 30 anni. Questi oggetti, invece, discendendo in maniera diretta da una stirpe abituata a darsi battaglia in gara, conferivano una diversa accezione allintera nozione di automobile veloce: corpo vettura derivato da un modello mass market epperò clamorosamente tormentato dalle appendici corsaiole, motore turbo, una valanga e mezza di cavalli, trazione integrale, e non ultimo lindefinibile piacere di contribuire alla missione agonistica del marchio prescelto, ché lacquisto sconsiderato (per le tasche di molti, intendo) serviva a raggiungere i volumi minimi imposti dalle omologazioni per partecipare al Mondiale. Purtroppo quella delle piccole bombe 4x4 è stata una stagione relativamente corta (non è un caso che oggi siano ricercatissime dai collezionisti), lasciando dolorose nostalgie in chi per loro delirava. Il lungo preambolo per dire che quando ho appreso che TOYOTA [1] avrebbe organizzato a Vairano cioè casa nostra, che è anche comodo il lancio della YARIS GR [2] non ho perso tempo nel far valere sulla redazione lo ius primae noctis automobilistico che spetta per diritto divino al direttore. Ho avuto ragione. Dopo un pomeriggio di ruote fumanti tra pista e fuori posso dire che la piccoletta giapponese è la degna erede delle illustri progenitrici. SAPORE DI WRC. Dimostrando come sempre un approccio al problema quantomeno singolare, i giapponesi volendo correre nel Wrc invece di adattare un modello esistente come fanno tutti, con tutti i compromessi che ciò comporta, hanno ribaltato lidea, realizzando un modello apparentato alla lontana con quello di serie ma che avesse già in sé tutti gli elementi per trasformarsi in una versione da corsa. E lo si capisce da tutta una serie di dettagli. Il tempo di produzione, per esempio: la Casa giura che per costruire una GR ci si impiega 10 volte di più rispetto a una normale. Poi le dimensioni: la GR è di 55 mm più lunga della Yaris da famiglia, 60 mm più larga, 45 mm più bassa (che diventano 100 al posteriore). E il pianale non è il GA-B che ha debuttato nella serie attuale della Yaris, ma un ibrido (principio che a Tokyo piace assai, è evidente) che unisce la GA-B (davanti) con la GA-C di Corolla e CH-R (dietro). Pure il tetto è diverso: sulla GR (che sta per Gazoo Racing, a proposito) è stato disegnato più basso perché sulla macchina da gara laria fluisca meglio sullo spoiler. Per qualche ragione che i tecnici non mi hanno voluto o saputo spiegare, anche la posizione di guida non è la stessa: si sta seduti più in alto, e per chi come me unisce un po di centimetri sopra i 180 a una stazza non da silfide lo spazio manca e la leva del cambio sembra lontana. INSTANT CLASSIC. Per fortuna, queste triviali considerazioni assumono importanza relativa quando si inizia a spingere il tre cilindri turbo da 261 cavalli. Come mi diceva Gordon Murray in UNA RECENTE INTERVISTA [3], la sportività non dipende dal peso, ma dal rapporto peso/potenza. E qui la GR fa faville. Avendo tolto il grasso superfluo (tetto di fibra di carbonio -3,5 kg, porte/cofano/portellone di alluminio -24 kg e cosi via), la giapponesina ferma la bilancia a 1.285 kg. Significa che ogni cavallo vapore deve portarsi dietro meno di 5 chilogrammi di macchina. Significa che a questo livello di prezzo (un filo sotto i 40 mila euro) è probabilmente impossibile trovare una macchina così agile e facile da portare al limite. Merito, in buona sostanza, di una trasmissione integrale che, per quanto leggera, non è affatto basica - cè un differenziale centrale che in Normal ripartisce la coppia 40:60 tra davanti e dietro, in Sport 30:70 (il mio preferito) e Track 50:50 e della Toyota Italia, che ha deciso di importare soltanto lallestimento più driver oriented, battezzato Circuit: prevede cerchi da 18 pollici, un assetto più rigido, Michelin Pilot 4S e, soprattutto, un differenziale davanti e uno dietro. La dotazione tecnica consente non soltanto di mettere a terra la cavalleria senza indecisioni (ho unidiosincrasia verso le trazioni anteriori esagerate, con le loro continue reazioni al volante: la Mini GP provata di recente, per dire, è un bellissimo oggetto, però chi ama la guida pulita troverà sempre eccessiva la cavalleria), ma soprattutto di gestire i trasferimenti di carico giocando sullagilità. Difetti: un po troppo sottosterzo in Track se si anticipa lapertura del gas, freno un po "morto" allattacco, manovrabilità del cambio manuale a sei marce migliorabile quando si va giù brutali (in compenso cè il tastino per allineare automaticamente il regime del motore a quello del cambio in scalata). Tocchi da rally: cè un freno a mano come Dio comanda, con il quale puoi divertirti a fare i tornanti à la Loeb (tra laltro, sgancia la trazione al bloccaggio delle ruote) e pure una placca che recita "Developed for the Fia World Rally Championship". Curiosità: la GR viene prodotta in uno stabilimento giapponese dedicato, a Motomachi. A mio modesto avviso, una instant classic. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TOYOTA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/10/TOYOTA_GR_YARIS_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/QLEGGENDE/PREMIUM/2020/09/04/GORDON_MURRAY_LA_FILOSOFIA_DELLA_SUPERCAR_T_50_DATI_MOTORE_TECNICA.HTML 2020-11-10 22:12:57 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/10/auto_elettriche_il_vaticano_va_verso_una_flotta_a_emissioni_zero_/gallery/rbig/2020-opel-ampera-e-papa-francesco-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33079 Auto elettriche - Il Vaticano verso una flotta a emissioni zero http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33079&tipo=fv Tra qualche anno il Vaticano avrà un PARCO AUTO COMPLETAMENTE ELETTRICO [1]: lo ha anticipato Roberto Mingucci, capo ufficio Laboratori e Impianti del Governatorato, in unintervista allOsservatore Romano. La Santa sede ha fatto un altro passo verso la mobilità a emissioni zero con linstallazione di nuove colonnine di ricarica, ma si tratta solo di un passaggio allinterno di un più ampio programma che, progressivamente, porterà lintera flotta a non utilizzare più lenergia termica. LA RICARICA ATTUALMENTE NON è ACCESSIBILE AI PRIVATI. La scelta appare naturale viste le percorrenze limitate che le auto pontificie normalmente affrontano: La Direzione delle infrastrutture e dei servizi ha spiegato Mingucci con gli automezzi in dotazione ha una percorrenza media di circa 6 mila chilometri lanno. Pertanto, a noi conviene usare lenergia elettrica. Il capo ufficio Laboratori e Impianti del Vaticano ha annunciato che, a breve, verranno avviate collaborazioni con le Case per la fornitura di vetture a batteria. Saranno poi installate ulteriori paline in luoghi come Santa Maria Maggiore, San Giovanni e in prossimità della Basilica di San Paolo fuori le mura. Al momento, laccesso ai punti di ricarica nel Vaticano è riservato alle sole auto istituzionali, e non a quelle dei privati. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTO-ELETTRICHE 2020-11-10 19:00:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/10/cruise_guida_autonoma_consegna_a_domicilio_spesa_walmart/gallery/rbig/2020-cruise-walmart-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33078 Cruise e Walmart - Le auto a guida autonoma consegnano la spesa a domicilio http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33078&tipo=fv La catena di supermercati WALMART, negli Stati Uniti, ha annunciato che dallanno prossimo comincerà a usare i veicoli a guida autonoma della CRUISE [1] per consegnare la spesa a domicilio. Inizialmente, lazienda americana si limiterà a un programma pilota che si svolgerà a Scottsdale, in Arizona: ancora non è noto il numero di vetture che verranno messe a disposizione. UNO DEI TANTI TEST IN CORSO. Le auto della controllata della General Motors non sono nuove a questo tipo di impiego: da diverso tempo, infatti, la compagnia californiana STA TESTANDO I SUOI VEICOLI A SAN FRANCISCO [2] e Phoenix, e proprio nel Golden State, oltre a operare come taxi senza conducente, le Cruise hanno anche fornito servizi di consegna di generi alimentari ai residenti. Questo è solo uno dei vari programmi che la Walmart sta portando avanti nellambito del "delivery automatizzato": in precedenza, la catena ha collaborato con le startup tecnologiche Flytrex, Nuro e Gatik in diverse località degli Stati Uniti, arrivando a coinvolgere anche la Ford in un progetto pilota a Miami. Per questa collaborazione con la Walmart, la Cruise ha dichiarato di volersi concentrare sulluso di sensori dotati di tecnologia laser. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CRUISE [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/10/16/GUIDA_AUTONOMA_CRUISE_AVVIA_TEST_SENZA_CONDUCENTE_SAN_FRANCISCO.HTML 2020-11-10 18:33:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/10/bizzarrini_ulrich_bez_aston_martin/gallery/rbig/2020-Bizzarrini-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33077 Bizzarrini - Gli ex Aston Martin riportano in vita il marchio livornese http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33077&tipo=fv La BIZZARRINI potrebbe presto rinascere. Lo storico marchio livornese ha infatti attirato linteresse di un gruppo di investitori esteri, tra i quali figura anche lex ceo dellAston Martin Ulrich Bez: lobiettivo è quello di tornare a produrre automobili sportive, riproponendo versioni moderne dei modelli storici ma anche vetture totalmente inedite. Già lanno prossimo, lazienda dovrebbe svelare un primo prototipo di auto sportiva pensata per collezionisti: il prezzo dovrebbe aggirarsi attorno al milione di euro e, almeno per il momento, non dovrebbe esserci spazio per propulsori ibridi o elettrici. NON SOLO BEZ. Nella cordata di investitori pronta a rilevare la Bizzarrini figura anche il kuwaitiano Rezam Alroumi, il quale, alla guida della Adeem Investments, nel 2007 fornì i fondi necessari per rilevare lAston Martin dalla Ford. E che proprio la scorsa settimana, come riportato da Automotive News, ha ceduto la sua ultima quota di azioni del costruttore britannico. Tra gli altri ex di Gaydon che hanno creduto nel progetto ci sono anche Christopher Sheppard (membro del board di Aston Martin Works), che diventerà ceo della società, e Janette Green, la quale assumerà il ruolo di chief marketing officer dopo anni alla guida della comunicazione del marchio britannico. La Bizzarrini entrerà a far parte del Pegasus Group di Rezam Alroumi: questultimo, oltre a possedere il 50% della Aston Martin Works, controlla diverse concessionarie di supercar a Ginevra, Londra e nel Medio Oriente. NON è LA PRIMA VOLTA. I più attenti ricorderanno che già nel 2005 litaliana Vgm Motors di Giovanni Mariani tentò di riportare in vita il marchio Bizzarrini, presentando un anno dopo al Salone di Ginevra la concept GTS 4.1 V Ghepardo con carrozzeria dalluminio e motore V8 da 550 CV firmato Alpina. Lazienda lanciò anche una supermotard, la VGM 650 [1], anchessa mai entrata in produzione. I sogni della Vgm sfumarono pochi anni dopo: nel 2011 la società venne messa in liquidazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://XOFFROAD.DUERUOTE.IT/NEWS/MOTO/2019/05/22/CHI-LE-HA-VISTE-BIZZARRINI-VGM-650.HTML 2020-11-10 18:14:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/10/citroen_il_motore_bluehdi_140_debutta_sulle_monovolume/gallery/rbig/2020-citroen-spacetourer-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33076 Citroën - Il motore BlueHDi 140 debutta sulle monovolume http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33076&tipo=fv La CITROëN [1] ha aggiornato la gamma dei modelli SpaceTourer, SpaceTourer Business e Jumpy Atlante introducendo i propulsori Euro 6d. Accanto ai già noti 1.5 BlueHDi 120 e 2.0 BlueHDi 180 Eat8, si aggiunge ora il nuovo 2.0 BlueHDi 140 che sostituisce le precedenti varianti 120 e 150. Lunità eroga 145 CV e può essere abbinata al cambio manuale sei marce oppure allautomatico Eat8 otto marce. I PREZZI. Sulla SpaceTourer (da cinque a otto posti) il BlueHDi è disponibile in tutte le varianti di carrozzeria e di allestimento con prezzi compresi tra 36.850 e 45.550 euro. Sulla SpaceTourer Business (da sei a nove posti) è invece possibile scegliere le varianti M ed XL con prezzi compresi tra 35.200 e 44.100 euro. Sulla Jumpy Atlante (da tre a nove posti) lallestimento unico in taglia M ed XL è proposto rispettivamente a 32.600 e 33.500 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN 2020-11-10 17:12:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/10/emissioni_diesel_la_commissione_ue_respinge_la_richiesta_di_rinvio_per_l_introduzione_del_nuovo_standard_euro_6d/gallery/rbig/scarichi-auto-emissioni.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33074 Emissioni diesel - LEuropa: nessun rinvio per lintroduzione dello standard Euro 6d http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33074&tipo=fv La COMMISSIONE EUROPEA ha respinto la richiesta del settore automobilistico di rinviare lintroduzione, dal prossimo 1 gennaio, del nuovo standard di omologazione per i veicoli diesel EURO 6D ISC-FCM. La richiesta, secondo quanto riportato da Automotive News, era stata indirizzata dallACEA [1] al commissario Thierry Breton lo scorso luglio: lassociazione aveva, in particolare, chiesto una sospensione di sei mesi per le conseguenze dellemergenza CORONAVIRUS [2]. I MOTIVI DEL NO. LAcea aveva attribuito alle misure restrittive varate dai governi nazionali e alle relative serrate produttive limpossibilità di vendere circa 600 mila veicoli già assemblati prima dellentrata in vigore del nuovo standard. Inoltre, lassociazione aveva lanciato un avvertimento sulle difficoltà emerse nel riavviare lassemblaggio di alcuni modelli e sui conseguenti rischi per i livelli occupazionali. Nel rigettare la richiesta, la Commissione europea ha fatto presente che i piani di ripresa dellUe e di ogni singolo Stato membro aiuteranno ad agevolare gli investimenti necessari per sostenere lindustria automobilistica e renderla più digitale, rafforzandone al contempo la resilienza: "La Commissione ha indicato chiaramente allindustria automobilistica che la flessibilità normativa non dovrebbe comportare alcun ritardo o annullamento delle ambizioni ambientali dellUe e dei suoi impegni sullaccordo per il clima di Parigi, nonché sugli obiettivi del Green Deal europeo", ha affermato listituzione in una dichiarazione inviata ad Automotive News Europe. "Una rigorosa normativa ambientale è il modo migliore per promuovere la competitività e linnovazione. anche importante garantire la fiducia dei cittadini sul fatto che lUe possa migliorare la loro salute e il loro ambiente". I NUOVI STANDARD. La normativa Euro 6 limita le emissioni di particelle inquinanti come lossido di azoto, il monossido di carbonio o il particolato fine. Lo standard Euro 6d ISC-FCM è pensato per replicare al meglio le condizioni di guida reale ed è destinato a limitare soprattutto le emissioni di ossido di azoto (NOx) dei motori diesel a 80 milligrammi per km, sia su strada, sia sul banco di prova. Tra laltro, è incluso anche un nuovo sistema di monitoraggio del consumo di carburante (FCM). La normativa stabilisce un margine di errore per tenere conto di eventuali letture imprecise tramite i sistemi portatili di misurazione delle emissioni (Pems) delle agenzie di controllo, anche se è prevista una sua graduale cancellazione entro il 2023: in particolare, tale margine consente ai veicoli di emettere non più di 1,43 volte la quantità di NOx rilevata in laboratorio. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ACEA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-10 15:50:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/11/10/fiat_500_elettrica_abbonamento_leasys/gallery/rbig/2020-Fiat-500-elettrica-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33075 Fiat Nuova 500 - Lelettrica è anche in abbonamento http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33075&tipo=fv La FIAT 500 ELETTRICA [1] si può ordinare anche su Amazon, in abbonamento mensile. FCA Bank e LEASYS [2] hanno presentato una nuova soluzione di noleggio per il Cinquino a batteria con una durata variabile da 30 giorni a un anno. Dopo il primo mese, il servizio può essere disdetto senza alcuna penalità. I COSTI. Per sottoscrivere labbonamento basta acquistare il voucher CarCloud Electric 500e da 199 euro direttamente su Amazon e convertirlo sul sito Leasys, accedendo così al servizio. Il costo base è di 349 euro al mese e il noleggio ha una durata massima di un anno con una percorrenza massima mensile di 1.500 km (cumulabili). Aderendo al servizio entro il primo di dicembre, inoltre, i clienti potranno guidare allo stesso prezzo una Jeep Renegade o Compass 4xe Plug-in hybrid in attesa di mettersi al volante del proprio esemplare della 500 elettrica, che sarà ritirabile unicamente nei Mobility Store delle città di Milano, Roma e Torino. I SERVIZI AGGIUNTIVI. Come per tutte le altre soluzioni di noleggo Leasys CarCloud, anche quella dedicata alla 500 elettrica può essere arricchita con servizi opzionali. Per consentire anche a unaltra persona di guidare la vettura è necessario aggiungere 39 euro allabbonamento mensile, per la consegna a domicilio si pagano 49 euro (59 nel raggio tra i 20 e i 30 km), mentre il pacchetto con 1.500 km aggiuntivi è proposto a 99 euro: per ogni chilometro extra soglia è previsto un costo aggiuntivo di 0,18 euro. Con la polizza Super Cover Zero Excess da 89 euro, invece, viene eliminato limporto dovuto dal cliente in caso di danni (anche vandalici, a cristalli e ruote), furto o incendio: il servizio, tuttavia, "non trova completa applicazione in caso di furto totale/parziale o incendio del veicolo avvenuti in Calabria, Campania, in Puglia, nella città di Catania e provincia". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/03/NUOVA_FIAT_500_ELETTRICA_2020_PREZZO_AUTONOMIA_MOTORE_E_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASYS 2020-11-10 15:50:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/01/29/cadillac_aggiornato_il_super_cruise_con_nuove_funzioni/gallery/rbig/2020-cadillac-super-cruise-02.JPG http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33073 Cadillac - Il Super Cruise si aggiorna con nuove funzioni - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33073&tipo=fv La CADILLAC [1] evolve il SUPER CRUISE [2], nome che indica il sistema di guida assistita già disponibile su alcuni modelli del marchio americano dal 2017. La versione aggiornata sarà introdotta sulle berline CT4 E CT5 [3] e sarà poi una delle dotazioni di riferimento della nuova generazione della Escalade, attesa al debutto nei prossimi mesi. SI AGGIUNGE IL LANE CHANGE ON DEMAND. Laggiornamento è nato per rendere il sistema più completo ma anche più intuitivo da utilizzare. Per questo motivo è stata rivista linterfaccia ed è stato migliorato il funzionamento del software di controllo nelle fasi di guida assistita e nelle attivazioni e disattivazioni. La novità principale è la disponibilità del Lane Change on Demand, grazie al quale la vettura è ora in grado di cambiare corsia automaticamente se viene azionato lindicatore di direzione. In questo caso lauto ricorre ai sensori per valutare il momento più adatto per limmissione in base al traffico, inviando al guidatore una serie di messaggi di conferma del funzionamento. IL LAVORO CONGIUNTO DEI SENSORI. Il Super Cruise può contare su radar e telecamere, ma utilizza anche il segnale Gps e un sensore Lidar per ricostruire lambiente circostante. Lintroduzione del Lane Change ha imposto una diversa e più precisa gestione dei dati relativi al traffico dietro alla vettura, così da garantire la massima sicurezza e fluidità di movimento al veicolo quando è gestito dallelettronica di bordo. Il miglioramento delle mappe Gps consentirà anche di fornire al sistema dati più precisi per abilitare la guida assistita su un maggior numero di strade: secondo la Casa americana, la versione attuale del Super Cruise può già essere utilizzata su un totale di 320 mila km di autostrade americane e canadesi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/SALONE-DI-SHANGHAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVE_TECNOLOGIE/2014/09/08/CADILLAC_SUPER_CRUISE_GUIDA_SEMI_AUTONOMA_E_TECNOLOGIA_V2V_SUI_MODELLI_2017.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/31/CADILLAC_CT4_V_E_CT5_V_FOTO_MOTORI_SCHEDA_TECNICA.HTML 2020-11-10 15:25:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/10/hyundai_si_amplia_la_gamma_a_ruote_alte_e_quella_sportiva/gallery/rbig/2020-Hyundai-Tucson-21.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33072 Hyundai - Nel 2021 si amplieranno la gamma delle Suv e quella sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33072&tipo=fv Presentando la NUOVA TUCSON [1] per gli Stati Uniti, con un primo assaggio anche della VARIANTE N-LINE [2], la HYUNDAI [3] ha comunicato alcune novità relative alle proprie attività, non soltanto americane. Le principali riguardano il rinnovamento e lespansione della famiglia delle Suv lungo tutto il corso del 2021, ma anche limminente potenziamento della gamma sportiva attraverso il lancio di ulteriori modelli a marchio N. Il costruttore, poi, ha annunciato il rilascio della piattaforma per linfotainment e la connnettività sviluppata con Nvidia, che sarà installata su tutti i nuovi modelli Hyundai, Kia e Genesis a partire dal 2022. E ha fissato un orizzonte per lambizioso progetto dei "taxi volanti", prevedendone le prime applicazioni "entro il 2028 o anche prima". LA SUV ELETTRICA IONIQ 5 E LE ALTRE. Partendo dal prodotto, la strategia commerciale della Hyundai varia su più fronti sotto il profilo delle propulsioni, dalla benzina allibrido tradizionale passando per il plug-in e lelettrico puro. Ma, comè inevitabile, il costruttore si concentra soprattutto sui modelli più in voga, ovvero quelli a ruote alte: in tutto, lanno prossimo verranno lanciate 12 novità tra Suv e pick-up, includendo nel conteggio anche i restyling e inedite proposte frutto dellelettrificazione. I debutti interessano la Tucson, la Santa Fe, la Kona, il pick-up Santa Cruz e la SPORT UTILITY ELETTRICA IONIQ 5 [4], derivata dalla 45 Concept e realizzata su una piattaforma progettata ex novo per le elettriche del MARCHIO IONIQ [5]. UNINIEZIONE DI CAVALLI. Lespansione sul mercato sarà alimentata anche da vetture sportive o sportiveggianti: in questo senso, il costruttore coreano ha promesso tre nuove varianti N e quattro proposte N Line da qui al 2022, che interessano la gamma a stelle e strisce e non solo. La prossima Hyundai ad alte prestazioni sarà infatti la Elantra N, ma sulla rampa di lancio ci sono anche due Suv, che potrebbero essere la Kona N (I CUI COLLAUDI SONO BEN AVVIATI [6]) e la Tucson N. CON NVIDIA LA SICUREZZA SALIRà DI LIVELLO CON GLI AGGIORNAMENTI. Per il prossimo futuro, il gruppo Hyundai sta compiendo passi importanti anche sul fronte della connettività e dellintelligenza artificiale: la partnership tecnologica con Nvidia, attiva dal 2015, ha dato vita a una piattaforma per linfotainment di nuova generazione, denominata Ivi (In Vehicle Infotainment) che verrà declinata su tutta la gamma, dai modelli daccesso alle proposte premium. Alla base ci sono unarchitettura informatica centralizzata e un sistema operativo che promettono di migliorare sensibilmente lesperienza a bordo, grazie allautoapprendimento ("deep learning") e a una connettività potenziata che amplierà lofferta di servizi in auto, sempre più tarati sulle preferenze apprese dagli utenti. Il sistema permetterà alle vetture coreane di dialogare con le infrastrutture, mentre gli sviluppi nellintelligenza artificiale andranno a migliorare anche la sicurezza attiva, con nuove funzionalità che potranno essere implementate tramite aggiornamenti lungo tutto il ciclo di vita del veicolo. TAXI AL DECOLLO NEL 2028. Il presidente e ad della filiale americana della Hyundai, José Munoz, si è poi soffermato sulla partnership con Uber per il "taxi volante", un progetto presentato al Ces di Las Vegas lo scorso gennaio. Secondo Munoz, questo servizio sarà operativo negli aeroporti di Los Angeles e New York (JFK) "nel 2028, o anche prima". Il manager ha ricordato che la Casa sta già sviluppando "dispositivi volanti", alimentati da batterie e spinti da motori elettrici, che potranno trasportare cinque o sei passeggeri dai centri città agli aeroporti in poco tempo, sorvolando il traffico. ULTERIORI INVESTIMENTI NELLA ROBOTICA. Infine, proprio nelle ultime ore hanno preso corpo voci che riguardano nuove acquisizioni da parte del gruppo coreano in ambito tecnologico: la Hyundai starebbe infatti per assumere il controllo della Boston Dynamics, importante società americana di ingegneria e robotica appartenente al gruppo Softbank. La trattativa, che metterebbe sul piatto una cifra di almeno un miliardo di dollari, non è stata al momento confermata dalle parti interessate, trincerate nella diplomazia di rito. Per ora, la Hyundai ha semplicemente dichiarato di voler "esplorare possibili opportunità di investimenti e partnership", mentre la Boston Dynamics ha sottolineato linteresse di "nuovi partner ad avere rapporti commerciali più stretti". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/15/HYUNDAI_TUCSON_IBRIDA_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/10/HYUNDAI_TUCSON_CARATTERISTICHE_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_DELL_ALLESTIMENTO_N_LINE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/27/HYUNDAI_NEL_2021_UN_SUV_ELETTRICO_BASATO_SULLA_PIATTAFORMA_E_GMP.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/08/10/HYUNDAI_IONIQ_DIVENTA_UN_BRAND_TRE_NUOVE_ELETTRICHE_DAL_2021.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2020/07/25/HYUNDAI_KONA_N_PRIMI_TEST_AL_NURBURGRING_PER_LA_VARIANTE_SPORTIVA.HTML 2020-11-10 14:06:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/10/hyundai_si_amplia_la_gamma_a_ruote_alte_e_quella_sportiva/gallery/rbig/2020-Hyundai-Tucson-21.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33071 Hyundai - Nel 2021 si ampliano la gamma a ruote alte e quella sportiva http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33071&tipo=fv Presentando la NUOVA TUCSON [1] per gli Stati Uniti, con un primo assaggio anche della VARIANTE N-LINE [2], la HYUNDAI [3] ha comunicato alcune novità relative alle proprie attività, non soltanto americane. Le principali riguardano il rinnovamento e lespansione della famiglia delle Suv lungo tutto il corso del 2021, ma anche limminente potenziamento della gamma sportiva attraverso il lancio di ulteriori modelli a marchio N. Il costruttore, poi, ha annunciato il rilascio della piattaforma per linfotainment e la connnettività sviluppata con Nvidia, che sarà installata su tutti i nuovi modelli Hyundai, Kia e Genesis a partire dal 2022. E ha fissato un orizzonte per lambizioso progetto dei "taxi volanti", prevedendone le prime applicazioni "entro il 2028 o anche prima". LA SUV ELETTRICA IONIQ 5 E LE ALTRE, Partendo dal prodotto, la strategia commerciale della Hyundai varia su più fronti sotto il profilo delle propulsioni, dalla benzina allibrido tradizionale passando per il plug-in e lelettrico puro. Ma, comè inevitabile, il costruttore si concentra soprattutto sui modelli più in voga, ovvero quelli a ruote alte: in tutto, lanno prossimo verranno lanciate 12 novità tra Suv e pick-up, includendo nel conteggio anche i restyling e inedite proposte frutto dellelettrificazione. I debutti interessano la Tucson, la Santa Fe, la Kona, il pick-up Santa Cruz e la SPORT UTILITY ELETTRICA IONIQ 5 [4], derivata dalla 45 Concept e realizzata su una piattaforma progettata ex novo per le elettriche del MARCHIO IONIQ [5]. UNINIEZIONE DI CAVALLI. Lespansione sul mercato sarà alimentata anche da vetture sportive o sportiveggianti: in questo senso, il costruttore coreano ha promesso tre nuove varianti N e quattro proposte N Line da qui al 2022, che interessano la gamma a stelle e strisce e non solo. La prossima Hyundai ad alte prestazioni sarà infatti la Elantra N, ma sulla rampa di lancio ci sono anche due Suv, che potrebbero essere la Kona N (I CUI COLLAUDI SONO BEN AVVIATI [6]) e la Tucson N. CON NVIDIA LA SICUREZZA SALIRà DI LIVELLO CON GLI AGGIORNAMENTI. Per il prossimo futuro, il gruppo Hyundai sta compiendo passi importanti anche sul fronte della connettività e dellintelligenza artificiale: la partnership tecnologica con Nvidia, attiva dal 2015, ha dato vita a una piattaforma per linfotainment di nuova generazione, denominata Ivi (In Vehicle Infotainment) che verrà declinata su tutta la gamma, dai modelli daccesso alle proposte premium. Alla base ci sono unarchitettura informatica centralizzata e sistema operativo che promettono di migliorare sensibilmente lesperienza a bordo, grazie allautoapprendimento ("deep learning") e a una connettività potenziata che amplierà lofferta di servizi in auto, sempre più tarati sulle preferenze apprese dagli utenti. Il sistema permetterà alle vetture coreane di dialogare con le infrastrutture, mentre gli sviluppi nellintelligenza artificiale andranno a migliorare anche la sicurezza attiva, con nuove funzionalità che potranno essere implementate tramite aggiornamenti lungo tutto il ciclo di vita del veicolo. TAXI AL DECOLLO NEL 2028. Il presidente e ad della filiale americana della Hyundai, José Munoz, si è poi soffermato sulla partnership con Uber per il "taxi volante", un progetto presentato al Ces di Las Vegas lo scorso gennaio. Secondo Munoz, questo servizio sarà operativo negli aeroporti di Los Angeles e New York (JFK) "nel 2028, o anche prima". Il manager ha ricordato che la Casa sta già sviluppando "dispositivi volanti", alimentati da batterie e spinti da motori elettrici, che potranno trasportare cinque o sei passeggeri dai centri città agli aeroporti in poco tempo, sorvolando il traffico. ULTERIORI INVESTIMENTI NELLA ROBOTICA. Infine, proprio nelle ultime ore hanno preso corpo voci che riguardano nuove acquisizioni da parte del gruppo coreano in ambito tecnologico: la Hyundai starebbe infatti per assumere il controllo della Boston Dynamics, importante società americana di ingegneria e robotica appartenente al gruppo Softbank. La trattativa, che metterebbe sul piatto una cifra di almeno un miliardo di dollari, non è stata al momento confermata dalle parti interessate, trincerate nella diplomazia di rito. Per ora, la Hyundai ha semplicemente dichiarato di voler "esplorare possibili opportunità di investimenti e partnership", mentre la Boston Dynamics ha sottolineato linteresse di "nuovi partner, interessati ad avere rapporti commerciali più stretti". Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/15/HYUNDAI_TUCSON_IBRIDA_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/11/10/HYUNDAI_TUCSON_CARATTERISTICHE_IMMAGINI_ANTICIPAZIONI_DELL_ALLESTIMENTO_N_LINE.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/27/HYUNDAI_NEL_2021_UN_SUV_ELETTRICO_BASATO_SULLA_PIATTAFORMA_E_GMP.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/08/10/HYUNDAI_IONIQ_DIVENTA_UN_BRAND_TRE_NUOVE_ELETTRICHE_DAL_2021.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2020/07/25/HYUNDAI_KONA_N_PRIMI_TEST_AL_NURBURGRING_PER_LA_VARIANTE_SPORTIVA.HTML 2020-11-10 13:35:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/10/borocrazia_la_validita_delle_patenti_sara_prorogata_al_30_aprile_2021/gallery/rbig/Punti-patente.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33069 Patenti - La validità sarà prorogata al 30 aprile 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33069&tipo=fv Una nuova proroga sulle patenti è in arrivo. Un emendamento allultimo disegno di legge Covid, infatti, sposta dal 31 dicembre 2020 al 30 aprile 2021 la validità dei permessi di guida scaduti a partire dal 31 gennaio 2020. La modifica è stata approvata in commissione Affari costituzionali al Senato, durante lesame del decreto legge del 7 ottobre scorso sulla proroga dello stato di emergenza e con la benedizione del ministero dei Trasporti. Il testo sbarcherà oggi pomeriggio nellaula di Palazzo Madama e successivamente sarà trasmesso alla Camera per la definitiva conversione in legge. Se, come probabile, la correzione sarà confermata, si avrà uno scenario che, per quanto riguarda la circolazione sul territorio nazionale con permessi di guida rilasciati dalle autorità italiane, supera definitivamente il regolamento europeo 2020/698 che aveva prorogato la validità delle patenti per sette mesi. Ecco il dettaglio delle modifiche: CIRCOLAZIONE IN ITALIA: le patenti rilasciate in Italia con scadenza compresa tra il 31 gennaio e il 30 aprile 2021 sono valide sino al 30 aprile 2021. Circolazione in altri paesi Ue: la validità delle patenti di guida rilasciate in Italia con scadenza compresa tra l1 febbraio e il 31 agosto 2020 è prorogata di sette mesi che decorrono dalla scadenza annotata sul documento. 2020-11-10 13:11:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/10/22/fiat_500_elettrica_guida_su_strada_interni_autonomia/gallery/rbig/2020-Fiat-500-3-1-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33070 Fiat 500 3+1 - Non solo è elettrica, ma anche più accessibile - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33070&tipo=fv Accessibile in tutti i sensi: sia perché sono stati annunciati i PREZZI DELLE VERSIONI PIù ECONOMICHE [1] (e si tratta di un listino dingresso interessante: 15.900 euro con gli incentivi), sia perché ora è arrivata anche la 500 3+1 [2], con una mini porta in più sulla destra per facilitare laccesso al sedile posteriore, per sedersi o agganciare i seggiolini per bambini. 40 centimetri possono non sembrare molti, ma leliminazione del montante centrale e gli 83 gradi di apertura permettono di accedere sia davanti, sia dietro con la massima semplicità. Scoprite con noi come è fatta la 3+1! Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_ELETTRICA_PREZZO_BASE_CON_INCENTIVI_AUTONOMIA_INTERNI_ALLESTIMENTI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_3_1_ELETTRICA_DIMENSIONI_AUTONOMIA_INTERNI.HTML 2020-11-10 13:11:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/10/borocrazia_la_validita_delle_patenti_sara_prorogata_al_30_aprile_2021/gallery/rbig/Punti-patente.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33068 Burocrazia - La validità delle patenti sarà prorogata al 30 aprile 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33068&tipo=fv Una nuova proroga sulle patenti è in arrivo. Un emendamento allultimo Dl Covid, infatti, sposta dal 31 dicembre 2020 al 30 aprile 2021 la scadenza dei permessi di guida la cui validità è terminata a partire dal 31 gennaio 2020. Questa modifica è stata approvata, con la benedizione del ministero dei Trasporti, in commissione Affari costituzionali al Senato durante lesame del decreto legge del 7 ottobre scorso sulla proroga dello stato di emergenza. Il testo sbarcherà oggi pomeriggio nellaula di palazzo Madama e successivamente sarà trasmesso alla Camera per la definitiva conversione in legge. Se, come probabile, la correzione sarà confermata, si avrà dunque uno scenario che, per quanto riguarda la circolazione in Italia con permessi di guida rilasciati dalle autorità italiane, supera definitivamente il regolamento europeo 2020/698 che aveva prorogato la validità delle patenti per sette mesi. CIRCOLAZIONE IN ITALIA: le patenti rilasciate in Italia con scadenza compresa tra il 31 gennaio e il 30 aprile 2021 sono valide sino al 30 aprile 2021; Circolazione in altri paesi Ue: la validità delle patenti di guida rilasciate in Italia con scadenza compresa tra l1 febbraio e il 31 agosto 2020 è prorogata di sette mesi che decorrono dalla scadenza annotata sul documento. 2020-11-10 12:39:25 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/10/land_rover_discovery_le_novita_del_model_year_2021/gallery/rbig/2020-land-rover-discovery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33066 Land Rover Discovery - Le novità del Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33066&tipo=fv Anche per la LAND ROVER DISCOVERY [1] è arrivato il momento del passaggio al Model Year 2021. Laggiornamento è di sostanza, dal momento che introduce nuovi powertrain elettrificati e linfotainment più recente del gruppo inglese. Non mancano, inoltre, alcuni ritocchi sul piano del design e delle dotazioni. Gli ordini sono già aperti in Inghilterra e a stretto giro si conosceranno anche i listini riservati al mercato italiano. IL RESTYLING NEL DETTAGLIO. La Discovery 2021 si riconosce per il nuovo taglio dei gruppi ottici a Led anteriori e posteriori, dotati ora degli indicatori di direzione dinamici. Anche le luci diurne, sempre a Led, presentano uno stile rinnovato, così come i paraurti, mentre lungo la fiancata spicca il motivo ornamentale in tinta contrastante con il logo del modello. Inoltre, lallestimento R-Dynamic propone le finiture Gloss Black e Shadow Atlas, principali tratti distintivi della vettura rispetto alle altre versioni. NUOVO INFOTAINMENT DA 11,4 POLLICI. Ladozione della piattaforma tecnologica Eva 2.0 ha consentito di portare a bordo della Discovery linfotainment Pivi Pro da 11,4", dotato della doppia Sim per la gestione degli aggiornamenti Software-Over-The-Air. La strumentazione viene gestita dallo schermo riconfigurabile da 12,3" e dallhead-up display a colori. Inoltre, è possibile collegare via bluetooth due smartphone allo stesso tempo. Il climatizzatore quadrizona è dotato dello ionizzatore e del sistema di filtraggio PM2.5, mentre sul piano estetico è stata ridisegnata la leva del cambio automatico. Labitacolo da cinque o sette posti (fino a cinque Isofix) è impreziosito anche dai nuovi dettagli delle finiture e dalle prese Usb per ogni passeggero. Tra gli accessori spiccano il portellone con i comandi gestuali, il riscaldamento della seconda fila di sedili e lActivity Key di seconda generazione. MILD HYBRID PER TUTTI I SEI CILINDRI IN LINEA. Seguendo levoluzione degli altri modelli del GRUPPO JAGUAR LAND ROVER [2], anche la Discovery ha aggiornato la propria gamma propulsori, dando ampio spazio allelettrificazione e introducendo i più recenti motori a sei cilindri in linea con tecnologia mild hybrid a 48V. I clienti potranno quindi scegliere tra la versione a benzina P360 da 360 CV e 500 Nm e quelle diesel D250 da 250 CV e 570 Nm e D300 da 300 CV e 650 Nm. Alla base della gamma rimane invece la P300 con il quattro cilindri 2.0 da 300 CV e 400 Nm, priva del sistema ibrido. Per i modelli a sei cilindri la Casa prevede ladozione della trazione integrale a controllo elettronico con Terrain Response 2, mentre per tutte le versioni sono di serie sia il cambio automatico sia le sospensioni pneumatiche Adaptive Dynamics. Per la guida off-road, infine, è possibile contare sul ClearSight Ground View, che sfrutta le telecamere esterne per mostrare al guidatore i punti più difficili del percorso rendendo virtualmente invisibile il cofano anteriore. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/LAND_ROVER/DISCOVERY.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-JAGUAR-LANDROVER 2020-11-10 12:16:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/02/06/general_motors_il_nuovo_super_cruise_disponibile_in_22_veicoli_entro_il_2023/gallery/rbig/2020-cadillac-super-cruise-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33067 General Motors - Il nuovo Super Cruise disponibile in 22 veicoli entro il 2023 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33067&tipo=fv La GENERAL MOTORS [1] ha in programma di estendere il suo sistema di guida assistita Super Cruise a decine di modelli nei prossimi anni. Entro il 2023, secondo quanto indicato dai vertici aziendali nel corso di un incontro con gli analisti, saranno 22 i veicoli a esserne dotati, di cui 10 entro la fine dellanno prossimo. NON SOLO CADILLAC. Il sistema, di livello 2 secondo la classificazione Sae, utilizza sensori, radar e telecamere per consentire al veicolo di sterzare, accelerare e frenare automaticamente in alcune situazioni di marcia. Tuttavia, pochi giorni fa la General Motors HA LANCIATO UN AGGIORNAMENTO DELLA SUITE [2] con nuove soluzioni e funzionalità, come il cambio di corsia, simili a quelle dellAutopilot della Tesla. Al momento il Super Cruise è disponibile esclusivamente per la berlina Cadillac CT6. Laggiornamento sarà disponibile, a partire dalla seconda metà dellanno, su altre due vetture del marchio americano (CT4 E CT5 [3]) e sulla prossima generazione della Escalade, ma dal 2021 sarà offerto anche su modelli di altri brand della GM, tra cui pick-up e grandi Suv. GLI OBIETTIVI DELLA GM. Il SUPER CRUISE è STATO LANCIATO NEL 2017 [4], due anni dopo il debutto dellAutopilot, ma rispetto al sistema della Tesla non ha attratto le attenzioni dei consumatori. La General Motors ha iniziato il suo sviluppo già nel 2010, ma non lo ha mai pubblicizzato con enfasi. Ha, invece, preferito un approccio più conservativo rispetto ai californiani limitandone lutilizzo a poco più di 320 mila chilometri di strade tra Stati Uniti e Canada appositamente mappate. Il Super Cruise, caratterizzato, tra laltro, da soluzioni di riconoscimento facciale per stabilire lo stato di attenzione dei conducenti, è solo uno dei tanti sistemi di guida assistita in fase di sviluppo in tutto il mondo. Daltronde la domanda potenziale sembra immensa: Dan Amman, amministratore delegato della Cruise, ha indicato un valore di mercato a livello globale di 8 mila miliardi di dollari, di cui 5 mila miliardi nel ride-sharing, 2 mila miliardi nelle flotte e la restante parte in servizi e gestione dati. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/tags/general-motors [2] https://www.quattroruote.it/news/tecnologia/2020/01/29/cadillac_aggiornato_il_super_cruise_con_nuove_funzioni.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/31/CADILLAC_CT4_V_E_CT5_V_FOTO_MOTORI_SCHEDA_TECNICA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVE_TECNOLOGIE/2017/04/11/CADILLAC_SUPERCRUISE_GUIDA_SEMIAUTONOMA_IN_AUTOSTRADA_SULLA_CT6_MY_2018.HTML 2020-11-10 12:16:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/10/chevrolet_bolt_euv_teaser_anticipazioni_interni_disponibilita_immagini_video_suv_elettrica/gallery/rbig/2020-chevrolet-bolt-euv-teaser-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33065 Chevrolet Bolt Euv - Nuovo teaser della Suv elettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33065&tipo=fv La CHEVROLET [1] ha pubblicato un nuovo video della BOLT EUV, la Suv a zero emissioni derivata dalla Bolt e destinata al solo mercato americano. Questa volta il teaser, che segue le ANTICIPAZIONI DI AGOSTO [2], si concentra sugli interni, in particolare sullo schermo dellinfotainment che mostra il flusso di energia del veicolo. LA PRIMA EV CON IL SUPER CRUISE. Dalla schermata si può notare il profilo della vettura, una conferma del fatto che la nuova versione della Bolt avrà una parentela molto stretta con unaltra Suv a batteria prodotta dalla GM: la BUICK VELITE 7, disponibile solo in Cina. Guardando più attentamente, è possibile intravedere anche il quadro strumenti digitale, che presenta uninterfaccia diversa rispetto alla versione attuale. La Casa statunitense, inoltre, ha dichiarato che la Bolt Euv sarà il suo primo veicolo elettrico a essere dotato del SUPER CRUISE [3], il sistema di guida assistita di livello 2 sviluppato dalla General Motors, e ha confermato che linizio della produzione è previsto per lestate del 2021. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CHEVROLET [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/27/CHEVROLET_SPUNTANO_I_TEASER_DELLE_BOLT_EV_ED_EUV_.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/02/06/GENERAL_MOTORS_IL_NUOVO_SUPER_CRUISE_DISPONIBILE_IN_22_VEICOLI_ENTRO_IL_2023.HTML 2020-11-10 12:16:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/10/formula_1_ecco_il_calendari_provvisorio_con_23_gare/gallery/rbig/2020-f1-calendario-2021.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33064 Formula 1 - Ecco il calendario provvisorio con 23 gare http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33064&tipo=fv La FORMULA 1 ha annunciato oggi il CALENDARIO PROVVISORIO PER IL MONDIALE 2021 che sarà sottoposto per approvazione al Consiglio Mondiale della FIA, il prossimo dicembre. VERSO LA NORMALITà. Lobiettivo del circus è quello di tornare a un calendario tradizionale, dopo la parentesi di questo 2020. I piani per il prossimo anno sono stati elaborati dopo un lungo dialogo con tutti i promotori e le loro autorità locali e nazionali, tenendo sempre conto della situazione Covid-19 in continua evoluzione. Tutti sono fiduciosi che le misure di sicurezza utilizzate questanno possano continuare a essere utilizzate anche la prossima stagione, così da consentirne lo svolgimento consueto. IL CALENDARIO DEL MONDIALE F.1 2021, SOGGETTO AD APPROVAZIONE 21 Marzo, Australia 28 Marzo, Bahrain 11 Aprile, Cina 25 Aprile - luogo da definire 9 Maggio - Spagna 23 Maggio - Monaco 6 Giugno - Azerbaijan 13 Giugno - Canada 27 Giugno - Francia 4 Luglio - Austria 18 Luglio - Gran Bretagna 1 Agosto - Ungheria 29 Agosto - Belgio 5 Settembre - Olanda 12 Settembre - Italia 26 Settembre - Russia 3 Ottobre - Singapore 10 Ottobre - Giappone 24 Ottobre - USA 31 Ottobre - Messico 14 Novembre - Brasile 28 Novembre - Arabia Saudita 5 Dicembre - Abu Dhabi 2020-11-10 11:45:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/assicurazioni/2020/11/10/rc_auto_a_settembre_il_costo_delle_polizze_e_diminuito_del_5_1/gallery/rbig/2020-traffico.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33063 Rc auto - A settembre il costo delle polizze è diminuito del 5,1% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33063&tipo=fv Continua a diminuire il costo delle assicurazioni. In base agli ultimi dati diffusi dallAnia, lAssociazione delle compagnie, a settembre il premio medio delle polizze Rc auto giunte in scadenza - escluse dunque le coperture non obbligatorio come furto e incendio, atti vandalici eccetera - è sceso a 326 euro, 18 in meno rispetto ai 344 euro di settembre 2019 (-5,1%). Il dato si riferisce al cosiddetto premio puro, cioè al netto delle imposte e del contributo al Servizio sanitario nazionale. Se si considerano anche queste due voci, che incidono mediamente per il 26,2%, la cifra che i guidatori hanno pagato per assicurare il proprio veicolo è, ovviamente, più alta: 412 euro, ma la diminuzione, in termini percentuali, è analoga (-5,1%). EFFETTO COVID. Secondo lAnia, ha contribuito a tale decremento la scontistica dei premi che molte compagnie stanno applicando al rinnovo della polizza a favore degli assicurati per riconoscere in qualche misura il mancato utilizzo del mezzo a seguito del divieto di circolazione imposto dalle misure restrittive per la pandemia da Covid-19. ESCLUSI I NUOVI CONTRATTI. Il dato, precisa lAnia, considera le sole polizze che sono giunte al rinnovo nei portafogli delle imprese, le sole di cui si conosce il premio pagato nellannualità precedente, pari a circa 2,36 milioni. Sono esclusi dunque dalla rilevazione i nuovi contratti stipulati che, almeno in parte, si riferiscono ad assicurati che cambiano compagnia per ottenere un premio più vantaggioso e che sperimentano, quindi, una riduzione in media più elevata di quella che si può ottenere non cambiando assicurazione. Il calcolo dellassociazione, inoltre, non comprende gli eventuali sconti che gli assicurati spesso riescono a ottenere al momento delleffettiva stipula del contratto. DAL 2012 IL CALO è STATO DEL 27%. Da quando è stata avviata la rilevazione mensile, nel settembre 2012, il premio puro è passato da 448 a 326 euro, con un calo del 27,1%. 2020-11-10 11:19:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/10/hyundai_tucson_caratteristiche_immagini_anticipazioni_dell_allestimento_n_line/gallery/rbig/2020-hyundai-tucson-n-line-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33061 Hyundai Tucson - Prime immagini della variante N Line http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33061&tipo=fv A meno di due mesi dalla presentazione della nuova generazione della TUCSON [1], la HYUNDAI [2] ha confermato, con alcune immagini ufficiali, anche larrivo dellallestimento N LINE. La Casa coreana ha deciso di offrire questa variante più dinamica su gran parte dei propri modelli, ispirandosi ai successi delle declinazioni sportive N. Il lancio commerciale della Tucson N Line è fissato per la primavera del 2021. PARAURTI E CERCHI FANNO LA DIFFERENZA. Il design della Tucson rompe con il passato introducendo uno stile molto più personale e ricercato. Con la versione N Line i tratti vengono ulteriormente valorizzati grazie ai paraurti e ai cerchi di lega specifici. Davanti si possono notare le prese daria modificate, le scanalature laterali e i doppi fendinebbia a Led, oltre a una più ampia finitura metallica sul lato più basso del frontale. Dietro, invece, spicca una sezione inferiore in tinta argento, con i terminali di scarico a vista e un differente posizionamento dei catarifrangenti nelle nicchie laterali. Altre personalizzazioni riguardano la selezione delle tinte esterne, la dotazione degli accessori e le finiture dentro labitacolo: questultimo, tuttavia, non è stato ancora mostrato. SUBITO IBRIDA. Non è dato sapere, per il momento, se la Tucson N Line porterà in dote nuove motorizzazioni rispetto a quelle già annunciate. Per il momento, la Suv è stata presentata nelle varianti 1.6 T-GDI da 150 e 180 CV, 1.6 CRDi da 136 CV (disponibile anche con tecnologia mild hybrid a 48V) e 1.6 T-GDI Hybrid da 230 CV. Nel corso del 2021 la Hyundai introdurrà anche una plug-in hybrid, della quale non sono però ancora note le caratteristiche. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/15/HYUNDAI_TUCSON_IBRIDA_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO.HTML [2] https://www.quattroruote.it/listino/hyundai 2020-11-10 10:51:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/11/10/lombardia_zona_rossa_blocco_traffico/gallery/rbig/bandiera_regione_Lombardia.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33062 Coronavirus - Lombardia, sospesi i blocchi del traffico http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33062&tipo=fv A seguito dellinserimento della Lombardia tra le zone rosse, la Giunta regionale ha approvato la sospensione dellapplicazione delle misure temporanee di blocco della circolazione previste per migliorare la qualità dellaria. Tale provvedimento rimarrà valido anche quando la regione diventerà zona arancione e prevede la temporanea cessazione delle disposizioni di primo e secondo livello relativamente ai veicoli a motore. STOP AI BLOCCHI, PER ORA. La decisione è stata applicata per consentire ai cittadini di circolare, nei casi previsti dalla legge, anche con automobili che verrebbero fermate dai blocchi, così da evitare lutilizzo dei mezzi pubblici. In questa situazione di emergenza - ha spiegato Raffaella Cattaneo, assessore allAmbiente e al Clima il nostro obiettivo prioritario è il contenimento dellinfezione e delle occasioni di trasmissione del virus, senza tralasciare lattenzione allambiente. In caso di superamento dei limiti, le misure temporanee di primo e secondo livello continueranno ad applicarsi ai riscaldamenti e allagricoltura. Avendo i mezzi pubblici una capacità di trasporto ridotta ed essendo la Lombardia in zona rossa, con una mobilità già di per sé limitata, abbiamo ritenuto di non penalizzare gli spostamenti necessari. Anche in considerazione del fatto che gli spostamenti privati riducono il più possibile i rischi derivanti da forme di aggregazione". CON LA ZONA GIALLA TORNERANNO LE LIMITAZIONI. Fino a quando la Lombardia rimarrà una zona con limitazione alla mobilità saranno dunque sospesi i blocchi alla circolazione per le auto diesel fino a euro 4 in ambito urbano. Rimangono comunque in vigore le misure di primo livello sul riscaldamento domestico e lagricoltura, oltre al divieto di accensione di fuochi allaperto. Nella città di Milano, inoltre, COME GIà ANNUNCIATO [1], sono state sospese lArea B e lArea C, oltre alla sosta a pagamento nei parcheggi delimitati con strisce gialle o blu. LAUTODROMO DI MONZA ACCOGLIE LE AMBULANZE. A seguito dellimpennata dei casi in Brianza, lospedale San Gerardo di Monza ha dovuto sospendere temporaneamente le attività di accettazione del pronto soccorso per i pazienti meno gravi. Per ovviare al problema allinterno del paddock dellAutodromo di Monza, che sorge a poche centinaia di metri dal nosocomio cittadino, è stato allestito un check point per le ambulanze in codice verde. Il personale medico può così effettuare i tamponi e, in caso di positività, dirottare i pazienti meno gravi nelle altre strutture lombarde attrezzate per fronteggiare la pandemia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/11/05/MILANO_AREA_C_SOSPESA_DAL_5_NOVEMBRE.HTML 2020-11-10 10:51:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/etc/designs/quattroruote/img/placeholder_QRT_800x450.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33060 Chevrolet Bolt EUV - Diffuso un nuovo teaser della Suv elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33060&tipo=fv 2020-11-10 10:28:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/09/skoda_kamiq_una_settimana_con_la_g_tec_a_metano/gallery/rbig/2020-Skoda-Kamiq-G-Tec-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33059 Skoda Kamiq - Una settimana con la 1.0 G-Tec a metano [Day 2] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33059&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SKODA KAMIQ 1.0 G-TEC [1] in allestimento Ambition. La piccola Suv è omologata come vettura monovalente a metano, ma è dotata di doppia alimentazione grazie a un serbatoio da appena nove litri per la benzina: le bombole per il gas naturale, posizionate sotto il pianale, sono capaci di contenere 13,8 kg di metano. Il motore è un 1.0 tre cilindri turbo da 90 cavalli e 145 Nm di coppia con cambio manuale a sei rapporti e trazione anteriore. La Kamiq rientra nella categoria delle B-Suv ed è lunga 424 cm, larga 174 cm, alta 153 cm e ha un passo di 264 cm. In questo allestimento, ha un prezzo di partenza di 23.140 euro, ma lesemplare utilizzato per il Diario è equipaggiato con una serie di accessori opzionali, come lAmbient light bianco (220 euro), i cerchi di lega modello Braga da 17 (320 euro), il Comfort pack (540 euro per due prese Usb tipo C per i passeggeri posteriori, climatizzatore automatico a due zone con filtro combinato, selettore stile di guida, sedile passeggero anteriore regolabile in altezza e retrovisore interno antiriflesso), i proiettori anteriori full Led adattivi, i fendinebbia cornering abbinati agli indicatori di direzione dinamici (910 euro), i fanali posteriori full Led (180 euro), il City pack (620 euro per sensori parcheggio anteriori e posteriori, frenata demergenza automatica, sensore pioggia, retrovisori ripiegabili elettricamente e retrocamera), il Simply clever pack 2 (180 euro per presa 12V nel vano bagagli, protezione bordo porte e vano portaoggetti sotto i sedili anteriori) e la vernice metallizzata (650 euro). Il prezzo di questa Kamiq arriva dunque a 26.720 euro, compresa la plancia Silver Haptic con inserti decorativi neri (senza sovrapprezzo). SUV DI SOSTANZA [DAY 1]. Niente fronzoli, pochissimi effetti speciali e tanta, tanta sostanza. Questo, in sintesi, potrebbe essere il giudizio sulla Skoda Kamiq che mi accingo a guidare per il nostro Diario di bordo. La mia esperienza inizia con un bel pieno di metano effettuato alla stazione di servizio vicino alla redazione. Riempite le bombole, pagati 13,33 euro (un brivido!) il display ci restituisce unautonomia di 240 chilometri che si vanno ad aggiungere agli 80 stimati con la benzina residua (il serbatoio segnava poco più della metà dei soli nove litri), quanto basta per stare più tranquilli. La prima impressione a bordo della Kamiq è quella di spaziosità: si ha la sensazione di essere entrati in una vettura più grande di quello che è in realtà. Molto accogliente il posto guida anche se ho dovuto faticare più del solito a trovare la posizione corretta giocando con volante, seduta e schienale. Ma una volta trovata la postura ideale, si sta davvero bene al posto di comando: buona visuale in tutte le direzioni e comandi facilmente raggiungibili senza distrarsi troppo. Il motore si avvia in maniera molto discreta: frizione e cambio sono piacevoli da azionare e permettono di snocciolare i sei rapporti in scioltezza. Ma, sia ben chiaro, inutile esplorare la zona rossa del contagiri alla ricerca di forti emozioni: con 90 cavalli e un litro di cubatura, il motore fa quello che può e anzi si ribella con una timbrica rauca se lo si strapazza troppo. E poco o nulla cambia adoperando il selettore degli stili di guida. Meglio invece godersi in tranquillità questa Kamiq grazie alla discreta insonorizzazione, al buon confort di marcia e, dettaglio non trascurabile, allagilità con cui si effettuano le manovre di parcheggio. Insomma, una vettura con tanto spazio, dal prezzo concorrenziale e soprattutto campionessa di risparmio grazie al metano: cosa potrebbe chiedere di più un buon padre di famiglia? In effetti, qualcosa cè: un bagagliaio più capiente. La bombola posteriore, infatti, sottrae un po di cubatura e i 278 litri dichiarati non sono poi tanti. il prezzo che bisogna pagare per fare un pieno sborsando meno di una cena a base di pizza e birra. COSIMO MURIANNI, REDAZIONE INCHIESTE BILANCIATA [DAY 2]. Lasciando da parte i pregiudizi (infondati), le auto a metano oggi in commercio sono, a mio avviso, molto intelligenti. Ti permettono di fare tanti chilometri con una spesa contenuta e non hanno nemmeno le vibrazioni e il suono poco piacevole di alcuni diesel di piccola cilindrata. Certo bisogna tenere conto di tempi di rifornimento un po più lunghi, ma una volta arrivati alla cassa del benzinaio ci si scorda subito di quei cinque minuti di attesa. A parte questo, comè guidare unauto a metano? La risposta, semplice ma per nulla scontata è "come unauto a benzina". E la Skoda Kamiq lo dimostra fin dai primi metri. La piccola Suv boema ti porta ovunque con estrema facilità: è comoda, ha un assetto morbido, ma non troppo, e a bordo regna il silenzio. Lo sterzo poi, non sembra quasi quello di una crossover cittadina: pur essendo molto leggero, è rapido e preciso. Ciò la rende una vettura piacevole da guidare anche nel misto stretto e per nulla goffa: nei cambi di direzione è agile e quando si imposta una traiettoria la mantiene con precisione, infondendo nel guidatore una sensazione di stabilità che, in alcuni casi, invita a spingere sullacceleratore. Il mille turbo brilla per reattività ed elasticità, ma dallalto dei suoi 95 CV non può fare miracoli quando si va di fretta. Se dovessi descrivere questa Kamiq G-Tec con una sola parola, dunque, non avrei dubbi: bilanciata. Sì, perché è unauto facile: piccola ma non claustrofobica, scattante ma non assetata. O meglio, attenta al portafogli. MIRCO MAGNI, REDAZIONE ONLINE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA/KAMIQ/KAMIQ-10-G-TEC-AMBITION-134683201910 2020-11-10 09:34:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/11/09/dpcm_novembre_regioni_arancioni_/gallery/rbig/mappa-Italia-coronavirus-9-novembre.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33058 Coronavirus - Cinque nuove regioni arancioni da mercoledì http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33058&tipo=fv Abruzzo, Basilicata, Liguria, Toscana e Umbria diventeranno regioni arancioni a partire da mercoledì 11 novembre, mentre già da domani la Campania potrebbe passare da zona gialla a rossa. A firmare lordinanza con la nuova categorizzazione regionale è stato il ministro della Salute, Roberto Speranza, dopo aver analizzato i dati sui contagi degli ultimi giorni. Limpennata di tamponi positivi ha infatti portato alla decisione di estendere ad altre zone dItalia le limitazioni previste dal DPCM 3 NOVEMBRE [1]: le restrizioni, come per le altre zone della Penisola, saranno valide almeno per 14 giorni. ZONA ROSSA ANCHE A BOLZANO, CAMPANIA A RISCHIO. Anche la Provincia di Bolzano è diventata zona Rossa: nonostante il ministero della Salute non abbia ancora assegnato ufficialmente al territorio trentino questo status, Arno Kompatscher, governatore della Provincia autonoma, ha deciso di applicare le massime restrizioni previste dal Decreto firmato dal premier Conte. Per conoscere le sorti della Regione Campania, invece, bisognerà attendere fino a domani: "La giornata di martedì - ha affermato il ministro Speranza - sarà dedicata ad analizzare la situazione dei dati in Campania. Lha chiesto il governatore Vincenzo De Luca e noi siamo stati daccordo sulla necessità di approfondire il quadro per decidere in che fascia deve stare la Regione". Nelle zone rosse - tra le quali vi sono anche Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle dAosta - sono vietati, tra le altre cose, gli spostamenti allinterno del territorio e, conseguentemente, anche al di fuori dei confini regionali salvo casi di necessità, urgenza, motivi di salute, lavoro e istruzione. LE REGOLE PER LE ZONE GIALLE. Anche nelle zone gialle - Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana e Umbria - è vietato ogni spostamento, in entrata e in uscita dai confini regionali, salvo che per le esigenze sopracitate. In questo caso è però possibile viaggiare allinterno del territorio per gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare la didattica in presenza. inoltre consentito il rientro al proprio domicilio o abitazione, ma rimane anche in questo caso vietato ogni spostamento in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, sempre salvo esigenze lavorative, situazioni di necessità, di salute o di studio o per usufruire di servizi non sospesi e disponibili allinterno del proprio comune. Lautocertificazione non è necessaria per circolare allinterno dei comune di residenza, ma deve essere portata con sé in caso si debbano varcare i confini regionali ed entrare allinterno di una delle zone rosse. LA SITUAZIONE IN ITALIA DA MERCOLEDì 11 NOVEMBRE: ZONA ROSSA: Calabria, Lombardia, Piemonte, Provincia di Bolzano e Valle dAosta ZONA ARANCIONE: Abruzzo, Basilicata, Liguria, Puglia, Sicilia, Toscana e Umbria ZONA GIALLA: Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Marche, Molise, Provincia di Trento, Sardegna, Veneto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/11/04/DPCM_3_NOVEMBRE_.HTML 2020-11-09 22:33:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/09/fca_bank_prestito_obbligazionario_da_850_milioni_di_euro/gallery/rbig/2020-FCA-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33057 FCA Bank - Collocato bond da 850 milioni, richieste per oltre 5 miliardi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33057&tipo=fv Boom di richieste tra gli investitori del mercato obbligazionario per lultimo bond emesso da FCA Bank. La joint venture finanziaria tra la FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [1] e listituto di credito francese Crédit Agricole ha collocato, tramite la sua filiale irlandese, un titolo di debito da 850 milioni di euro, registrando una domanda per oltre 5 miliardi da 277 richiedenti. CEDOLA AL MINIMO STORICO. Il prestito, con scadenza nel novembre del 2023, è caratterizzato da una cedola a tasso fisso dello 0,125%, il minimo storico mai registrato sul mercato obbligazionario europeo da FCA Bank, realtà nata nel 2015 ma con radici risalenti al 2006 in una prima partnership tra lallora Fiat e la Banque Verte. Si tratta, tra laltro, della terza emissioni completata da inizio anno. A settembre è stato collocato un bond al 2023 da 800 milioni di euro, con una cedola allo 0,5% e un libro ordini di 3,2 miliardi provenienti da 180 investitori. A gennaio, invece, è stato emesso un prestito da 850 milioni di euro, con cedola dello 0,25%, che ha registrato una domanda di oltre 3 miliardi da più di 200 investitori. MERCATO FAVOREVOLE. Lultima operazione è stata condotta con un duplice obiettivo: rafforzare ulteriormente la posizione finanziaria del gruppo anche in vista degli investimenti nei nuovi servizi per la mobilità e nella continua espansione delle attività di finanziamento o leasing nel Vecchio Continente e anticipare il piano di rifinanziamento per il 2021 sfruttando le condizioni favorevoli del mercato obbligazionario europeo. Nelle ultime settimane numerosi emittenti hanno piazzato prestiti obbligazionari di importo cosiddetto benchmark (oltre 500 milioni di euro) spuntando rendimenti fortemente contenuti grazie anche ai programmi di acquisto varati dalla Banca Centrale Europea per stabilizzare il mercato e contenere le conseguenze della pandemia sulla stabilità finanziaria dellEurozona. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA 2020-11-09 21:13:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/11/09/distribuzione_noleggiare_si_affida_a_google_per_crescere_sul_web/gallery/rbig/2020_noleggiare_google.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33056 Auto e internet - Noleggiare si affida a Google per crescere sul web http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33056&tipo=fv In periodi di lockdown lautomotive ha dovuto ricorrere al digitale per rimanere operativo sul mercato. Un virtuoso esempio di questa tendenza arriva da NOLEGGIARE, società attiva dal 2006 e con oltre 35 sedi sparse in tutto il Paese, a marzo scorso trovatasi di fronte a una domanda quasi azzerata e costretta a sostenere gli alti costi delle auto rimaste inutilizzate. In questa circostanza, la società di noleggio ha incrementato la propria flotta di veicoli e la propria presenza online, tanto che GOOGLE [1], nellambito del progetto Small Business, lha selezionata tra le aziende che hanno raggiunto le top performance dopo il periodo di stop dovuto al coronavirus. Nei mesi compresi tra giugno e settembre, infatti, Noleggiare ha riscontrato un aumento dell800% del traffico sul sito internet e una crescita del 1.400% delle conversioni sulle prenotazioni: di questo exploit, e della crescente importanza del canale internet per lauto, abbiamo parlato con ALBERTO FRASARIN, country director di Google Customer Solutions, e con FRANCO TOMASI, amministratore delegato di Noleggiare. LA RETE COME UN GRANDE CENTRO COMMERCIALE. Anzitutto bisogna capire se si debba parlare di e-commerce o, piuttosto, di info-commerce: Questanno abbiamo assistito a unaccelerazione notevole nellutilizzo della tecnologia, con i risultati di circa cinque anni in sole otto settimane, secondo uno studio MCKINSEY. Nei diversi settori - ha detto Fasarin - si vedono idee innovative realizzate con il supporto del digitale, che si sono rivelate fondamentali soprattutto nei mesi di chiusura dei punti vendita fisici, consentendo alle persone di vivere una nuova esperienza. E se rimane limportanza della componente fisica, la rete assolve perfettamente il suo ruolo complementare. Questo - ha spiegato il country director di Google Customer Solutions - avviene sempre in unottica di esperienza integrata, dove online e offline coesistono in un concetto di omnicanalità. Perciò, e-commerce o info-commerce non sono in contrapposizione luno con laltro, sono due facce della stessa medaglia che si trovano nella maggior parte dei casi a coesistere. ESPERIENZE DIRETTE, MA VIRTUALI. Anche per Tomasi e-commerce e info-commerce sono compatibili: Le persone trascorrono la maggior parte del loro tempo su internet e quasi tutte le decisioni reali vengono comunque attuate rapportandosi con le informazioni che il web mette a disposizione", ha sottolineato lad di Noleggiare. "Le aziende oggi sono strutturate per offrire ai clienti strumenti tecnologicamente avanzati e processi di acquisto da remoto innovativi. Abbiamo esperienze dirette sullacquisto di vetture senza mai essere stati fisicamente in punto vendita, valutazioni e perizie sulle auto in permuta a distanza e le consegne a domicilio ormai fanno parte del ciclo di acquisto in questo settore. La formula pay per use rimane comunque quella più congeniale al processo di acquisto online. E-commerce e info-commerce nel settore automotive, o ancora più precisamente nel settore rent-a-car, devono necessariamente - ha concluso Tomasi - essere sovrapponibili. LAUTOMOTIVE SUL WEB. Secondo Frasarin, poi, parlando di mobilità ci si avvicina in un certo senso anche al concetto di viaggio: la ricerca dellautomobile non è più unicamente legata al possesso, ma alluso che ne verrà fatto. Da qui deriva anche linteresse verso il noleggio a medio o a lungo termine. Inoltre, osserviamo una tendenza verso una mobilità integrata, che vede quindi una complementarità tra lauto e altri mezzi o modalità di trasporto, ha chiosato il manager di Google. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GOOGLE 2020-11-09 19:24:55 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/09/skoda_octavia_aggiornamento_gamma_motori_trasmissioni_allestimenti/gallery/rbig/2020-skoda-octavia-0001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33054 Skoda Octavia - A listino la 1.5 e-Tec mild hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33054&tipo=fv La SKODA [1] allarga ulteriormente la gamma della OCTAVIA [2] con lintroduzione della variante mild hybrid 1.5 e-Tec, oltre a nuove combinazioni di motori, benzina o diesel, e trasmissioni. La e-Tec è disponibile in abbinamento agli allestimenti Ambition, Executive e Style, ai quali si aggiunge linedita Scout a trazione anteriore, con prezzi a partire da 29.000 euro. MILD HYBRID DA 150 CV. La Octavia 1.5 e-TEC affianca la 1.0 e-Tec già a listino e dichiara una potenza di 150 CV e 250 Nm. Di serie è previsto il cambio automatico Dsg doppia frizione a sette marce: secondo la Casa grazie al supporto della parte ibrida, che fornisce anche vantaggi dal punto di vista fiscale, i consumi sono ridotti fino all8% rispetto alla variante non elettrificata. NUOVE COMBINAZIONI DI MOTORI E CAMBI. La Octavia ora è offerta anche nella versione sportiva RS 2.0 TSI da 245 CV con cambio manuale, disponibile a partire da 36.350 euro. Per quanto riguarda le varianti a gasolio, invece, vengono proposte la 2.0 TDI Evo da 115 CV con cambio Dsg (a partire da 29.350 euro) e la 2.0 TDI Evo da 150 CV con cambio manuale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SKODA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SKODA/OCTAVIA 2020-11-09 19:01:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/aziende/2020/11/09/distribuzione_noleggiare_si_affida_a_google_per_crescere_sul_web/gallery/rbig/2020_noleggiare_google.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33055 Auto e internet - Noleggiare si affida a Google per crescere sul Web http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33055&tipo=fv In periodi di lockdown lautomotive ha dovuto ricorrere al digitale per rimanere operativo sul mercato. Un virtuoso esempio di questa tendenza arriva da NOLEGGIARE, società attiva dal 2006 e con oltre 35 sedi sparse in tutto il Paese, a marzo scorso trovatasi di fronte a una domanda quasi azzerata e costretta a sostenere gli alti costi delle auto rimaste inutilizzate. In questa circostanza, la società di noleggio ha incrementato la propria flotta di veicoli e la propria presenza online, tanto che GOOGLE [1], nellambito del progetto Small Business, lha selezionata tra le aziende che hanno raggiunto le top performance dopo il periodo di stop dovuto al coronavirus. Nei mesi compresi tra giugno e settembre, infatti, Noleggiare ha riscontrato un aumento dell800% del traffico sul sito internet e una crescita del 1400% delle conversioni sulle prenotazioni: di questo exploit, e della crescente importanza del canale internet per lauto, abbiamo parlato con ALBERTO FRASARIN, Country director di Google Customer Solutions, e con FRANCO TOMASI, amministratore delegato di Noleggiare. LA RETE COME UN GRANDE CENTRO COMMERCIALE. Anzitutto bisogna capire se si debba parlare di e-commerce o, piuttosto, di info-commerce: Questanno abbiamo assistito a unaccelerazione notevole nellutilizzo della tecnologia, con i risultati di circa cinque anni in sole otto settimane, secondo uno studio MCKINSEY. Nei diversi settori - ha detto Fasarin - si vedono idee innovative realizzate con il supporto del digitale, che si sono rivelate fondamentali soprattutto nei mesi di chiusura dei punti vendita fisici, consentendo alle persone di vivere una nuova esperienza. E se rimane limportanza della componente fisica, la rete assolve perfettamente il suo ruolo complementare. Questo - ha spiegato il Country director di Google Customer Solutions - avviene sempre in unottica di esperienza integrata, dove online e offline coesistono in un concetto di omnicanalità. Perciò, e-commerce o info-commerce non sono in contrapposizione luno con laltro, sono due facce della stessa medaglia che si trovano nella maggior parte dei casi a coesistere. ESPERIENZE DIRETTE, MA VIRTUALI. Anche per Tomasi e-commerce e info-commerce sono compatibili: Le persone trascorrono la maggior parte del loro tempo su internet e quasi tutte le decisioni reali vengono comunque attuate rapportandosi con le informazioni che il web mette a disposizione" ha sottolineato lad di Noleggiare. "Le aziende oggi sono strutturate per offrire ai clienti strumenti tecnologicamente avanzati e processi di acquisto da remoto innovativi. Abbiamo esperienze dirette sullacquisto di vetture senza mai essere stati fisicamente in punto vendita, valutazioni e perizie sulle auto in permuta a distanza e le consegne a domicilio ormai fanno parte del ciclo di acquisto in questo settore . La formula pay per use rimane comunque quella più congeniale al processo di acquisto online. E-commerce ed info-commerce nel settore automotive, o ancora più precisamente nel settore rent-a-car, devono necessariamente - ha concluso Tomasi - essere sovrapponibili. LAUTOMOTIVE SUL WEB. Secondo Frasarin, poi, parlando di mobilità ci si avvicina in un certo senso anche al concetto del viaggio: la ricerca dellautomobile non è più unicamente legata al possesso, ma alluso che ne verrà fatto: da qui deriva anche linteresse verso il noleggio a medio o a lungo termine. Inoltre, ha detto il manager di Google, osserviamo una tendenza verso una mobilità integrata, che vede quindi una complementarità tra lauto e altri mezzi o modalità di trasporto, ha chiosato Fasarin. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GOOGLE 2020-11-09 19:01:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/09/audi_a4_a5_e_q5_model_year_2021_introduzione_tecnologia_mild_hybrid_su_tutta_la_gamma/gallery/rbig/2020-audi-a4-a5-q5-mild-hybrid-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33053 Audi A4, A5 e Q5 - Lelettrificazione è ora su tutta la gamma http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33053&tipo=fv Con lultimo aggiornamento della gamma e lintroduzione del V6 TDI Mhev da 286 CV, lAUDI [1] completa lelettrificazione dei propri modelli premium di taglia media. Il sistema mild hybrid è infatti ora disponibile su tutte le versioni benzina e diesel dei modelli A4 [2], A5 [3], Q5 [4], S4 e S5 [5]. IBRIDO LEGGERO PER TUTTE. La Casa tedesca ha raggiunto questo risultato adottando due differenti soluzioni tecnologiche, a 12 o 48 Volt, in base al powetrain installato sul veicolo. Queste consentono pertanto di sfruttare sia le agevolazioni fiscali sia i vantaggi pratici relativi alle riduzioni dei consumi. Il mild hybrid è offerto sui motori a quattro e sei cilindri diesel e benzina, con cambio automatico con convertitore o a doppia frizione e contribuisce, assieme ai sistemi twin-dosing SCR dei motori a gasolio, a ottenere lomologazione Euro 6d. LAudi prevede inoltre di introdurre sul mercato, entro il 2025, altri 30 modelli elettrificati: oltre alle varianti plug-in hybrid, dovrebbero infatti debuttare anche una serie di veicoli full electric. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/27/AUDI_A4_MODEL_YEAR_2021_NOVITA_CARATTERISTICHE_PREZZI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/08/07/AUDI_A5_TUTTE_LE_NOVITA_DEL_MODEL_YEAR_2021.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/29/AUDI_Q5_IBRIDA_PREZZO_DIMENSIONI_RESTYLING.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/01/13/AUDI_S5_IL_RESTYLING_IN_ITALIA_CON_PREZZI_DA_79_900_EURO.HTML 2020-11-09 18:03:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/09/polestar_vendite_ferme_in_francia_per_una_disputa_con_la_citroen/gallery/rbig/2020-Polestar-Precept-007.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33052 Polestar - Stop alle vendite in Francia per una disputa legale con la Citroën http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33052&tipo=fv Nuovi problemi per la POLESTAR [1] dopo il RICHIAMO A INIZIO OTTOBRE DI TUTTE LE ELETTRICHE GIà CONSEGNATE [2]. Secondo quanto riportato da AUTOMOTIVE NEWS [3], la vendita dei veicoli del marchio svedese in Francia è stata bloccata a causa di una disputa legale con la Citroën relativa al logo. LA SENTENZA. In particolare, un tribunale francese ha chiuso una causa risalente al 2017 stabilendo che lemblema della Polestar è talmente simile nel nel design al double chevron del marchio di gruppo PSA, come anche al logo della DS, da poter determinare confusione nei potenziali clienti. Il tribunale, inoltre, ha condannato gli svedesi a pagare danni per 150.000 euro alla Citroën e spese legali per 70 mila, vietando lutilizzo del logo in Francia per sei mesi. SITO BLOCCATO. La sentenza ha dunque bloccato le iniziative commerciali e di marketing avviate in Europa per la Polestar 2, la BERLINA ELETTRICA PRODOTTA IN CINA [4] e diretta concorrente della Tesla Model 3 nei mercati di Cina, Europa e Stati Uniti. Il nuovo modello a emissioni zero è DISPONIBILE NEL VECCHIO CONTINENTE DALLA FINE DI LUGLIO [5] [6], ma i francesi al momento non possono nemmeno configurarla attraverso il sito internet: "Il sito della Polestar non è accessibile al pubblico francese a causa delle restrizioni territoriali sulluso dei marchi francesi n. 016898173 e n. 01689532", si legge allindirizzo della pagina. Le vendite oltralpe della Polestar 2 potrebbero riprendere allinizio dellanno prossimo, ma - riporta Automotive News - non è chiaro se la berlina sarà disponibile né tantomeno se gli svedesi saranno costretti a cambiare il logo per commercializzare le loro vetture in Francia. Per ora, la Polestar si è limitata a sottolineare di non essere operativa sul mercato transalpino, di non essere intenzionata, al momento, ad avviare attività commerciali e di non poter comunicare ulteriori dettagli a causa di una "questione legale in corso". IL RIFIUTO SVEDESE. Nel settembre del 2017, secondo i documenti del tribunale francese, il gruppo PSA ha chiesto per la prima volta alla Volvo di interrompere luso del logo Polestar ricevendo un secco rifiuto. A Göteborg hanno ritenuto che i due marchi non fossero simili spingendo la Citroën prima a presentare un esposto allUfficio per la proprietà intellettuale dellUE (Euipo) e poi ad avviare una causa in Francia, accusando la Volvo di violazione del marchio e concorrenza sleale, chiedendo inoltre di vietare lutilizzo del logo della Polestar e un risarcimento danni di 320.000 euro. Il tribunale ha dato solo in parte ragione alla Casa francese: ha infatti dichiarato che i legami tra i due loghi "sembrano deboli", ma allo stesso tempo ha evidenziato come il double chevron sia in uso da quasi 100 anni e sia talmente noto in Francia da generare il rischio di confusione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/POLESTAR [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2020/10/05/POLESTAR_2_ELETTRICA_RICHIAMO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://EUROPE.AUTONEWS.COM/AUTOMAKERS/VOLVO-BACKED-POLESTAR-BLOCKED-FRENCH-MARKET-CITROEN-LOGO-DISPUTE [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.GOOGLE.IT/AMP/S/WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/24/POLESTAR_2_AL_VIA_LA_PRODUZIONE_IN_CINA.AMP.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.GOOGLE.IT/AMP/S/WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/07/29/POLESTAR_2_CONSEGNATO_PRIMO_ESEMPLARE_ELETTRICA_IN_EUROPA.AMP.HTML [6] https://www.google.it/amp/s/www.quattroruote.it/news/eventi/2020/07/29/polestar_2_consegnato_primo_esemplare_elettrica_in_europa.amp.html 2020-11-09 16:16:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/09/polestar_vendite_ferme_in_francia_per_una_disputa_con_la_citroen/gallery/rbig/2020-Polestar-Precept-007.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33050 Polestar - Stop alle vendite Francia per una disputa legale con la Citroën http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33050&tipo=fv Nuovi problemi per la POLESTAR [1] dopo il RICHIAMO A INIZIO OTTOBRE DI TUTTE LE ELETTRICHE GIà CONSEGNATE [2]. Secondo quanto riportato da AUTOMOTIVE NEWS [3], la vendita dei veicoli del marchio svedese in Francia è stata bloccata a causa di una disputa legale con la Citroën relativa al logo. LA SENTENZA. In particolare, un tribunale francese ha chiuso una causa risalente al 2017 stabilendo che lemblema della Polestar è talmente simile nel nel design al "double chevron" del marchio di gruppo PSA, come anche al logo della DS, da poter determinare confusione nei potenziali clienti. Il tribunale, inoltre, ha condannato gli svedesi a pagare danni per 150.000 euro alla Citroën e spese legali per 70 mila, vietando lutilizzo del logo in Francia per sei mesi. SITO BLOCCATO. La sentenza ha dunque bloccato le iniziative commerciali e di marketing avviate in Europa per la Polestar 2, la BERLINA ELETTRICA PRODOTTA IN CINA [4] e diretta concorrente della Tesla Model 3 nei mercati di Cina, Europa e Stati Uniti. Il nuovo modello a emissioni zero è DISPONIBILE NEL VECCHIO CONTINENTE DALLA FINE DI LUGLIO [5] [6], ma i francesi al momento non possono nemmeno configurarla attraverso il sito internet: "Il sito della Polestar non è accessibile al pubblico francese a causa delle restrizioni territoriali sulluso dei marchi francesi n. 016898173 e n. 01689532", si legge allindirizzo della pagina. Le vendite oltralpe della Polestar 2 potrebbero riprendere allinizio dellanno prossimo ma, riporta Automotive News, non è chiaro se la berlina sarà disponibile né tantomeno se gli svedesi saranno costretti a cambiare il logo per commercializzare le loro vetture in Francia. Per ora, la Polestar si è limitata a sottolineare di non essere operativa sul mercato transalpino, di non essere intenzionata, al momento, ad avviare attività commerciali e di non poter comunicare ulteriori dettagli a causa di una "questione legale in corso". IL RIFIUTO SVEDESE. Nel settembre del 2017, secondo i documenti del tribunale francese, il gruppo PSA ha chiesto per la prima volta alla Volvo di interrompere luso del logo Polestar ricevendo un secco rifiuto. A Goteborg hanno ritenuto che i due marchi non fossero simili spingendo la Citroën prima a presentare un esposto allUfficio per la proprietà intellettuale dellUE (Euipo) e poi ad avviare una causa in Francia, accusando la Volvo di violazione del marchio e concorrenza sleale, chiedendo inoltre di vietare lutilizzo del logo della Polestar e un risarcimento danni di 320.000 euro. Il tribunale ha dato solo in parte ragione alla Casa francese: ha infatti dichiarato che i legami tra i due loghi "sembrano deboli", ma allo stesso tempo ha evidenziato come il "double chevron" sia in uso da quasi 100 anni e sia talmente noto in Francia da generare il rischio di confusione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/POLESTAR [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2020/10/05/POLESTAR_2_ELETTRICA_RICHIAMO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://EUROPE.AUTONEWS.COM/AUTOMAKERS/VOLVO-BACKED-POLESTAR-BLOCKED-FRENCH-MARKET-CITROEN-LOGO-DISPUTE [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.GOOGLE.IT/AMP/S/WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/24/POLESTAR_2_AL_VIA_LA_PRODUZIONE_IN_CINA.AMP.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.GOOGLE.IT/AMP/S/WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/07/29/POLESTAR_2_CONSEGNATO_PRIMO_ESEMPLARE_ELETTRICA_IN_EUROPA.AMP.HTML [6] https://www.google.it/amp/s/www.quattroruote.it/news/eventi/2020/07/29/polestar_2_consegnato_primo_esemplare_elettrica_in_europa.amp.html 2020-11-09 15:49:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/common/rbig/placeholder-quattroruote.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33051 Skoda Octavia - A listino nuovi motori e allestimenti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33051&tipo=fv 2020-11-09 15:49:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/09/ssangyong_rexton_restyling_novita_uscita/gallery/rbig/2020-ssangyong-rexton-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33048 SsangYong Rexton - La Suv coreana rinnova stile e contenuti http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33048&tipo=fv La SSANGYONG [1] presenta la nuova generazione della REXTON [2], che inizialmente sarà resa disponibile in Corea, mentre larrivo in Italia è previsto nel corso del primo trimestre del 2021, a prezzi ancora da stabilire. LO STILE CAMBIA COMPLETAMENTE. Levoluzione del design del marchio ha modificato radicalmente laspetto della Suv, e lo stesso succederà anche per la sorella minore KORANDO [3]. Il frontale della Rexton propone infatti una nuova griglia di grandi dimensioni abbinata ai sottili gruppi ottici Full Led, mentre i passaruota bombati danno vita a linee che movimentano la fiancata. Il posteriore è più tradizionale, con i gruppi ottici a Led orizzontali e le finiture cromate per gli alloggiamenti degli scarichi nel paraurti. INFOTAINMENT AL PASSO CON I TEMPI E TANTO SPAZIO. Gli interni sono stati ridisegnati intorno al display centrale da 12,3 pollici dellinfotainment e al pannello, di pari diagonale, utilizzato per la strumentazione digitale. Inoltre, sono previsti comandi touch anche per le funzioni secondarie, mentre i sedili sono stati ridisegnati per offrire un maggiore confort. Tra le dotazioni viene proposto il Rear Cabin Talk, per facilitare il dialogo tre le due file di passeggeri a bordo. Il bagagliaio ha una capacità variabile da 784 a 1.977 litri. DIESEL AUTOMATICO E NUOVI ADAS. Per il momento, la gamma motori è composta solamente da un quattro cilindri 2.2 litri diesel. Lultima variante di questo propulsore raggiunge una potenza massima di 202 CV e 450 Nm, ed è abbinata ad un nuovo cambio automatico a otto marce con comando elettronico shift-by-wire e alla trazione integrale con differenziale posteriore autobloccante. Una ulteriore novità tecnica è lintroduzione del servosterzo elettrico e del Trailer Sway Control, una modalità dedicata al controllo della stabilità quando si traina un rimorchio. Tra gli Adas, invece, sono presenti lIntelligent Adaptive Cruise Control, il Blind Spot Detection Warning, il Blind Spot Collision, il Lane Change Collision Warning, il Rear Cross Traffic Collision Assist, la frenata automatica demergenza e le telecamere con visuale a 360 gradi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SSANGYONG [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SSANGYONG-REXTON [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/21/SSANGYONG_KORANDO_PRIMI_TEASER_DELLA_SUV_ELETTRICA.HTML 2020-11-09 14:54:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/09/fca_psa_stellantis_logo/gallery/rbig/FCA-PSA-Stellantis_logo.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33049 FCA-PSA - Svelato il nuovo logo di Stellantis - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33049&tipo=fv FCA [1] e PSA [2] hanno svelato il logo di STELLANTIS [3], il gruppo che nascerà dalla loro fusione. Il nuovo simbolo è stato ideato per rappresentare il ricco patrimonio delle due aziende la forza dei 14 marchi che comporranno il nuovo colosso automobilistico. I designer hanno voluto sottolineare anche la diversità di talento il know-how dei dipendenti in tutto il mondo: insime al nome latino che significa "essere illuminato di stelle", il nuovo logo rappresenta visivamente "lo spirito di ottimismo, energia e rinnovamento di unazienda caratterizzata dalla sua diversità e innovatività e determinata a essere uno dei leader nella nuova era della mobilità sostenibile". FUSIONE ENTRO MARZO. Con la presentazione del nuovo logo i due gruppi hanno fatto un altro passo in avanti verso il completamento della loro fusione. Il gruppo Stellantis dovrebbe nascere ufficialmente entro la fine del primo trimestre del prossimo anno, come previsto dai piani originari svelati dalle due aziende lo scorso dicembre. Bisognerà però ancora attendere i verdetti delle autorità sul soddisfacimento dei requisiti antitrust, oltre che lapprovazione alla fusione da parte degli azionisti di entrambi i gruppi, che si riuniranno nelle rispettive assemblee straordinarie nelle prossime settimane. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS 2020-11-09 14:54:58 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/09/fca_psa_stellantis_logo/gallery/rbig/FCA-PSA-Stellantis_logo.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33047 FCA-PSA - Svelato il nuovo logo di Stellantis http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33047&tipo=fv FCA [1] e PSA [2] hanno svelato il logo di STELLANTIS [3], il gruppo che nascerà dalla loro fusione. IN AGGIORNAMENTO Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS 2020-11-09 14:26:27 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/09/stati_uniti_la_volvo_richiama_54_mila_vetture_per_un_difetto_dell_airbag/gallery/rbig/2020-volvo-motori-elettrici-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33046 Stati Uniti - Volvo richiama 54 mila vetture per un difetto dellairbag http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33046&tipo=fv La VOLVO [1] ha avviato un richiamo negli Stati Uniti che coinvolge circa 54 mila veicoli per un difetto allAIRBAG [2] frontale, lato conducente, collegato a un caso di incidente mortale. La campagna riguarda esemplari di S80 e S60 prodotti dal 2001 al 2003, tutti immatricolati negli Usa. Il problema: nelle zone ad alta umidità, allattivazione del dispositivo di sicurezza, il sistema di gonfiaggio potrebbe rompersi scagliando schegge di metallo: circostanze che sono risultate fatali a un automobilista americano lanno scorso. DA MARZO LE RIPARAZIONI. Da oltre un anno lepisodio è oggetto di confronto tra lNhtsa e la Volvo, ma lavviso ufficiale di richiamo è invece partito sabato scorso. Al momento, si tratta dellunico caso al mondo connesso a questo airbag, che è fornito dalla ZF e utilizza un particolare propellente (5AT-148N) per il gonfiaggio: la Casa svedese provvederà a sostituire il componente gratuitamente, tuttavia i ricambi saranno disponibili solo da marzo. La Volvo e la Nhtsa, comunque, stanno ancora raccogliendo informazioni per valutare un eventuale ampliamento della campagna. La ZF ha invece commentato la vicenda ribadendo la massima collaborazione con il costruttore scandinavo e lNhtsa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLVO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AIRBAG 2020-11-09 13:32:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/09/e_mob_fca_partecipa_alla_conferenza_nazionale_mobilita_elettrica_italia/gallery/rbig/2020-fca-e_mob-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33045 Gruppo FCA - A e_mob uno sguardo al futuro della mobilità http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33045&tipo=fv Prende il via la quarta edizione di E_MOB, la conferenza nazionale sulla mobilità elettrica, alla quale partecipa anche il GRUPPO FCA [1] partecipa con i marchi FIAT [2], JEEP [3], FIAT PROFESSIONAL [4] ed E-MOBILITY. Il convegno, che durerà tre giorni, si svolge interamente online e si può seguire in diretta streaming registrandosi a QUESTO SITO INTERNET [5]. UN TEMA, TANTI ARGOMENTI. Nella prima giornata, dedicata ai meeting di carattere istituzionale, tecnico e normativo, sono in programma confronti tra i maggiori esponenti della mobilità a zero emissioni in Italia. Lobiettivo è quello di analizzare e approfondire le soluzioni necessarie per lo sviluppo del trasporto elettrico e delle infrastrutture nel nostro Paese, oltre a discutere del fondamentale supporto degli enti governativi. Il gruppo italo-americano è coinvolto nel panel dedicato ai servizi di mobilità per chi vive nei condomini, necessari per ampliare la diffusione dei veicoli a batteria privati, mentre mercoledì 11 novembre, a partire dalle 11.30, è in programma una tavola rotonda sui nuovi prodotti elettrificati presenti sul mercato, in cui alcuni manager di FCA illustreranno le caratteristiche dei modelli già in vendita, ossia la nuova 500 ELETTRICA [6] e le JEEP RENEGADE E COMPASS 4XE [7] ibride plug-in, e di quelli che arriveranno presto, come lE-DUCATO [8]. Inoltre, verranno spiegati alcuni servizi offerti dallazienda, tra cui le app pensate per avvicinare i clienti alla mobilità sostenibile, quelle di supporto a chi ha già acquistato una vettura del gruppo a zero emissioni o elettrificata e i dispositivi che facilitano le operazioni di ricarica, come leasyWallbox. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO_FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FIAT [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FIAT_PROFESSIONAL [5] http://emob.livebit.it/ [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/500_ELETTRICA [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/22/JEEP_COMPASS_4XE_E_RENEGADE_4XE_PREZZO_IBRIDA_PLUG_IN.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/05/FIAT_DUCATO_ELETTRICO_AUTONOMIA_POTENZA_CARATTERISTICHE_TECNICHE.HTML 2020-11-09 13:11:19 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/11/09/stati_uniti_la_volvo_richiama_54_mila_vetture_per_un_difetto_dell_airbag/gallery/rbig/2020-volvo-motori-elettrici-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33044 Stati Uniti - La Volvo richiama 54 mila vetture per un difetto dellairbag http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33044&tipo=fv La VOLVO [1] ha avviato un richiamo negli Stati Uniti che coinvolge circa 54 mila veicoli per un difetto allAIRBAG [2] frontale, lato conducente, collegato a un caso di incidente mortale. La campagna riguarda esemplari di S80 e S60 prodotti dal 2001 al 2003, tutti immatricolati negli Usa. Il problema: nelle zone ad alta umidità, allattivazione del dispositivo di sicurezza, il sistema di gonfiaggio potrebbe rompersi scagliando schegge di metallo: circostanze che sono risultate fatali a un automobilista americano lanno scorso. DA MARZO LE RIPARAZIONI. Da oltre un anno lepisodio è oggetto di confronto tra lNhtsa e la Volvo, ma lavviso ufficiale di richiamo è invece partito sabato scorso. Al momento, si tratta dellunico caso al mondo connesso a questo airbag, che è fornito dalla ZF e utilizza un particolare propellente (5AT-148N) per il gonfiaggio: la Casa svedese provvederà a sostituire il componente gratuitamente, tuttavia i ricambi saranno disponibili solo da marzo. La Volvo e la Nhtsa, comunque, stanno ancora raccogliendo informazioni per valutare un eventuale ampliamento della campagna. La ZF ha invece commentato la vicenda ribadendo la massimo collaborazione con il costruttore scandinavo e lNhtsa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLVO [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AIRBAG 2020-11-09 12:38:09 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/09/toyota_c_hr_caratteristiche_interni_e_dotazioni_della_variante_gr_sport/gallery/rbig/2020-toyota-c-hr-gr-sport-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33043 Toyota C-HR - Arriva in Italia la GR Sport http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33043&tipo=fv La TOYOTA [1] introduce in Italia la C-HR GR SPORT. Si tratta di un allestimento sportivo della crossover firmato dal reparto Gazoo Racing, già autore dell omonima variante della COROLLA [2] e delle sportive GR YARIS [3] e GR SUPRA [4]. Le consegne inizieranno a partire da gennaio 2021, quando si conoscerà anche il prezzo di listino della vettura. LOOK SPORTIVO. Per la C-HR europea, a differenza di quella GIAPPONESE [5], la Toyota prevede un pacchetto di accessori finalizzato ad esaltarne in maniera discreta le caratteristiche. Si possono infatti trovare le finiture Piano Black per i paraurti, i loghi dedicati, la griglia anteriore cromata scura, lo splitter anteriore specifico, i cerchi di lega da 19" con pneumatici 225/45, lelemento posteriore brunito sul portellone e la verniciatura bicolore in cinque varianti, tra le quali spicca linedita Dynamic Grey con tetto nero. Gli interni propongono la finitura Cool Silver e i rivestimenti di pelle e Alcantara con cuciture rosse estese anche al volante e alla leva del cambio. Sono specifici pure i battitacco, la grafica della strumentazione digitale e il comando di accensione. DOTAZIONI COMPLETE. La dotazione di serie della GR Sport include anche lassetto sportivo, la taratura dedicata dello sterzo, i gruppi ottici Full Led, i vetri posteriori oscurati, gli specchietti ripiegabili elettricamente, linfotainment con navigazione e impianto audio Jbl, i sedili anteriori riscaldabili e il pacchetto di Adas Toyota Safety Sense. Questultimo comprende il Lane Trace Assist, lAdaptive Cruise Control con Road Sign Assist e la frenata demergenza con il riconoscimento dei pedoni, lassistente di svolta e lassistenza alla sterzata demergenza. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/26/TOYOTA_COROLLA_SALONE_GINEVRA_NUOVE_VERSIONI_GR_SPORT_E_TREK.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/TOYOTA-GR-YARIS [4] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/03/20/toyota_gr_supra_2_0_litri_258_cv_dotazioni_prezzo_.html [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/10/18/TOYOTA_C_HR_IN_ARRIVO_LA_GR_SPORT_PER_IL_MERCATO_GIAPPONESE.HTML 2020-11-09 12:11:28 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/accessori/2020/11/09/mopar_hellcrate_redeye_supercharged_hemi/gallery/rbig/2020-mopar-motori-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33042 Mopar - Il V8 Hemi da 807 cavalli è in vendita http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33042&tipo=fv Gli appassionati americani di elaborazioni e restomod possono contare su un nuovo propulsore firmato MOPAR [1]: si tratta dellHellcreate Redeye Supercharged Hemi, ovvero dellunità in dote alla serie limitata DODGE CHALLENGER SRT DEMON [2]. Questo V8 eroga 807 CV ed è ora disponibile come "crate engine", ovvero come powertrain separato da abbinare a telai e trasmissioni diverse da quelle originali, in particolar modo ai modelli Dodge e Chrysler costruiti prima del 1976. Il motore affianca quelli già disponibili a listino: il 5.7 Hemi da 375 CV, il 6.4 Hemi da 485 CV, il 6.2 Supercharged Hemi da 707 CV e lHellephant 426 Supercharged da 1.000 CV. 807 CV CON TANTE PARTI SPECIFICHE. La filosofia dei "crate engine" è ormai una tradizione delle Case americane, che da tempo hanno intercettato questa nicchia di mercato offrendo prodotti specializzati, ma allo stesso tempo derivati dalla serie. In questo caso si tratta di un V8 6.2 con compressore volumetrico da 807 CV e 972 Nm di coppia massima alimentato con benzina verde a 91 ottani. Rispetto al propulsore della Demon, il motore offerto in aftermarket vanta un compressore più grande, con una maggiore pressione di sovralimentazione, un nuovo albero motore di alluminio, camme e pistoni modificati, la valvole rinforzate, una lubrificazione ad hoc e il limitatore di giri portato da 6.200 a 6.500 giri. Ogni unità viene testata sul banco prima di essere deliberata e, ovviamente, luso di carburanti più performanti consente di migliorare ulteriormente le prestazioni. Il "cuore", completo di elettronica, è disponibile al prezzo di 21.807 dollari, pari a circa 18.400 euro al cambio attuale. Questo motore è predisposto per essere abbinato al cambio automatico, ma sono disponibili anche kit di conversione per quello manuale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MOPAR [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/05/31/DODGE_CHALLENGER_SRT_DEMON.HTML 2020-11-09 10:49:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/11/09/skoda_kamiq_una_settimana_con_la_g_tec_a_metano/gallery/rbig/2020-Skoda-Kamiq-G-Tec-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33041 Skoda Kamiq - Una settimana con la 1.0 G-Tec a metano [Day 1] http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33041&tipo=fv La protagonista del Diario di bordo di questa settimana è la SKODA KAMIQ 1.0 G-TEC [1] in allestimento Ambition. La piccola Suv è omologata come vettura monovalente a metano, ma è dotata di doppia alimentazione grazie a un serbatoio da appena nove litri per la benzina: le bombole per il gas naturale, posizionate sotto il pianale, sono capaci di contenere 13,8 kg di metano. Il motore è un 1.0 tre cilindri turbo da 90 cavalli e 145 Nm di coppia con cambio manuale a sei rapporti e trazione anteriore. La Kamiq rientra nella categoria delle B-Suv ed è lunga 424 cm, larga 174 cm, alta 153 cm e con un passo di 264 cm. In questo allestimento, ha un prezzo di partenza di 23.140 euro, ma lesemplare utilizzato per il Diario è equipaggiato con una serie di accessori opzionali, come lAmbient light bianco (220 euro), i cerchi di lega modello Braga da 17 (320 euro), il Comfort pack (540 euro per due prese Usb tipo C per i passeggeri posteriori, climatizzatore automatico a due zone con filtro combinato, selettore stile di guida, sedile passeggero anteriore regolabile in altezza e retrovisore interno antiriflesso), i proiettori anteriori full Led adattivi, i fendinebbia cornering abbinati agli indicatori di direzione dinamici (910 euro), i fanali posteriori full Led (180 euro), il City pack (620 euro per sensori parcheggio anteriori e posteriori, frenata demergenza automatica, sensore pioggia, retrovisori ripiegabili elettricamente e retrocamera), il Simply clever pack 2 (180 euro per presa 12 V nel vano bagagli, protezione bordo porte e vano portaoggetti sotto i sedili anteriori) e la vernice metallizzata (650 euro). Il prezzo totale della nostra Kamiq arriva dunque a 26.720 euro, compresa la plancia Silver Haptic con inserti decorativi neri (senza sovrapprezzo). SUV DI SOSTANZA [DAY 1]. Niente fronzoli, pochissimi effetti speciali e tanta, tanta sostanza. Questo, in sintesi, potrebbe essere il giudizio sulla Skoda Kamiq che mi accingo a guidare per il nostro Diario di bordo. La mia esperienza inizia con un bel pieno di metano effettuato alla stazione di servizio vicino alla redazione. Riempite le bombole, pagati 13,33 euro (un brivido!) il display ci restituisce unautonomia di 240 chilometri che si vanno ad aggiungere agli 80 stimati con la benzina residua (il serbatoio segnava poco più della metà dei soli nove litri), quanto basta per stare più tranquilli. La prima impressione a bordo della Kamiq è quella di spaziosità: si ha la sensazione di essere entrati in una vettura più grande di quello che è in realtà. Molto accogliente il posto guida anche se ho dovuto faticare più del solito a trovare la posizione corretta giocando con volante, seduta e schienale. Ma una volta trovata la postura ideale, si sta davvero bene al posto di comando: buona visuale in tutte le direzioni e comandi facilmente raggiungibili senza distrarsi troppo. Il motore si avvia in maniera molto discreta: frizione e cambio sono piacevoli da azionare e permettono di snocciolare i sei rapporti in scioltezza. Ma, sia ben chiaro, inutile esplorare la zona rossa del contagiri alla ricerca di forti emozioni: con 90 cavalli e un litro di cubatura, il motore fa quello che può e anzi si ribella con una timbrica rauca se lo si strapazza troppo. E poco o nulla cambia adoperando il selettore degli stili di guida. Meglio invece godersi in tranquillità questa Kamiq grazie alla discreta insonorizzazione, al buon confort di marcia e, dettaglio non trascurabile, allagilità con cui si effettuano le manovre di parcheggio. Insomma, una vettura con tanto spazio, dal prezzo concorrenziale e soprattutto campionessa di risparmio grazie al metano: cosa potrebbe chiedere di più un buon padre di famiglia? In effetti, qualcosa cè: un bagagliaio più capiente. La bombola posteriore, infatti, sottrae un po di cubatura e i 278 litri dichiarati non sono poi tanti. il prezzo che bisogna pagare per fare un pieno sborsando meno di una cena a base di pizza e birra. COSIMO MURIANNI, REDAZIONE INCHIESTE Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA/KAMIQ/KAMIQ-10-G-TEC-AMBITION-134683201910 2020-11-09 09:26:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/08/alfa_romeo_le_berline_dal_secondo_dopoguerra_a_oggi_foto_gallery/gallery/rbig/berline-alfa-romeo-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33040 Alfa Romeo - Le berline dal secondo dopoguerra a oggi FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33040&tipo=fv Al termine della Seconda guerra mondiale il marchio ALFA ROMEO [1], come tanti altri storici costruttori, deve riorganizzare la propria attività produttiva. Gli stessi operai aiutano a sgomberare le macerie degli stabilimenti del Portello, distrutti dalle bombe. Viene ripreso lassemblaggio di modelli prebellici con qualche piccolo aggiornamento: validi e prestigiosi, certo, ma anche esosi per il pubblico dellepoca. LA 1900. Serve una vera produzione, con unautomobile attuale e dai prezzi più accessibili. Viene quindi dato il via al progetto della 1900, che vede la luce come prototipo il 4 maggio del 1950, al Salone di Torino, per poi entrare in produzione pochi mesi dopo. Di fatto, è la prima berlina di concezione moderna del marchio, con una carrozzeria a tre volumi e linee che seguono le mode degli anni 50. LA RASSEGNA. Ne seguiranno tante altre dalle forme più svariate, che raccogliamo nella nostra galleria dimmagini: modelli quasi mai banali, alcuni dei quali hanno lasciato un segno indelebile nella storia delle quattro ruote e nel cuore dei più grandi appassionati di auto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/ALFA-ROMEO 2020-11-08 11:13:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2016/11/10/stati_uniti_tutte_le_auto_presidenziali/gallery/rbig/1-TaftMotorCar1909.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33039 Stati Uniti - "Biden batte Trump": ecco tutte le auto dei presidenti Usa - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33039&tipo=fv Secondo le proiezioni dei media Usa, JOE BIDEN è già il 46 presidente degli Stati Uniti dAmerica. Dopo un estenuante conteggio dei voti, tuttora sotto la minaccia dei ricorsi di DONALD TRUMP, lex vice di Barack Obama ha raggiunto e superato la fatidica soglia dei 270 grandi elettori. Trump non ci sta e continua a evocare brogli, assicurando che la partita "non è finita": in ogni caso, una volta risolte le dispute e indipendentemente dal loro esito, il prossimo presidente inaugurerà il suo mandato il 20 gennaio 2021, con la consueta cerimonia dinsediamento. Una cerimonia che, in passato, ha visto più volte lesordio della nuova presidential state car, la limousine del principale inquilino della Casa Bianca, come accaduto con la Cadillac One di Barack Obama. DOTAZIONI DASSALTO. Al pari dellomonima berlinona di Trump, che al contrario è arrivata quasi due anni dopo linsediamento del tycoon a Washington, è un modello derivato dallo Chevrolet Kodiak, un medium truck, e ha una dotazione che comprende pneumatici runflat rinforzati con il kevlar, serbatoio corazzato e blindatura pesante. Nellabitacolo, entrambe le limo sono state equipaggiate con visori notturni, riserve di ossigeno e persino delle sacche contenenti il sangue dello stesso gruppo del presidente. Non mancano poi i sistemi antincendio e i fucili a pompa a disposizione degli agenti di scorta. LA CAROVANA E I SUOI AUTISTI. Di fatto, la limousine al servizio del presidente di turno è un vero e proprio mezzo militare in abito da sera, ovunque seguito da una lunghissima carovana di veicoli. Tra questi, il mobile command and control vehicle, un furgone con il quale lauto più scortata al mondo è in continuo contatto radio e video. I mezzi che trasportano giornalisti, operatori e personale di supporto sono spesso guidati da comunissimi cittadini volontari, arruolati per loccasione senza alcuna preparazione specifica. A patto che abbiano una fedina penale e automobilistica immacolata. LE ALTRE LIMO. Quella delle Presidential state car - visibili nella nostra gallery - è una lunga serie di auto che parte dal 1939. Anche prima, se si aggiungono quei veicoli al servizio dei vari presidenti che non sono stati allestiti con specifiche richieste della Casa Bianca. Fu William Howard Taft (1909-1913) il primo ad avere a disposizione una flotta di mezzi a trazione diversa da quella animale. Tra questi, anche un avveniristico (per lepoca) veicolo elettrico: la Baker Victoria. La Lincoln Serie K Sunshine Special fu la prima auto allestita secondo i dettami della Casa Bianca e prestò servizio sotto la presidenza di Franklin D. Roosevelt (1933-1945). LE LINCOLN CONTINENTAL E GLI ATTENTATI. Ma la più famosa fu una speciale Lincoln Continental del 1961 - la SS-100-XX - nota per essere stata la vettura su cui viaggiava John Fitzgerald Kennedy (1961-1963) il 22 novembre 1963, quando venne ferito mortalmente da due colpi di fucile. Sulla Continental blindata del 1972, Gerald Ford (1974-1977) venne caricato in fretta dagli agenti della scorta dopo aver subito un tentativo di omicidio da parte di Sara Jane Moore, che gli sparò, mancandolo, con una calibro 38 il 22 settembre 1975. Meno fortuna del predecessore ebbe Ronald Reagan (1981-1989): il 30 marzo 1981, mentre usciva dal Washington Hilton Hotel per salire sulla Continental blindata, uno squilibrato - John Hinckley Jr. - gli sparò, perforandogli il polmone sinistro. LA SICUREZZA. Da qui, la segretezza che caratterizza molte delle tecnologie volte alla salvaguardia del presidente. Anche quando lOfficial State Car è stata ormai congedata. il caso della Cadillac Fleetwood di Bill Clinton (1993-2001), ora esposta presso il Clinton Presidential Center: per laccesso allabitacolo - negato al pubblico - gli addetti della struttura devono inoltrare specifica richiesta ai servizi segreti. 2020-11-07 19:14:11 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2016/11/10/stati_uniti_tutte_le_auto_presidenziali/gallery/rbig/1-TaftMotorCar1909.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33038 Stati Uniti - Joe Biden batte Trump: ecco tutte le auto dei presidenti Usa - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33038&tipo=fv JOE BIDEN è il 46 presidente degli Stati Uniti dAmerica. Dopo un estenuante conteggio dei voti, tuttora sotto la minaccia dei ricorsi di DONALD TRUMP, lex vice di Barack Obama ha finalmente raggiunto e superato la fatidica soglia dei 270 grandi elettori. Trump non ci sta e continua a evocare brogli, assicurando che la partita "non è finita": in ogni caso, risolte le dispute, il prossimo presidente inaugurerà il suo mandato il 20 gennaio 2021, con la consueta cerimonia dinsediamento. Una cerimonia che, in passato, ha visto più volte lesordio della nuova Presidential state car, la limousine del principale inquilino della Casa Bianca, come accaduto con la Cadillac One di Barack Obama. DOTAZIONI DASSALTO. Al pari dellomonima berlinona di Trump, che al contrario è arrivata quasi due anni dopo linsediamento del tycoon a Washington, è un modello derivato dallo Chevrolet Kodiak, un medium truck, e ha una dotazione che comprende pneumatici runflat rinforzati con il kevlar, serbatoio corazzato e blindatura pesante. Nellabitacolo, entrambe le limo sono state equipaggiate con visori notturni, riserve di ossigeno e persino delle sacche contenenti il sangue dello stesso gruppo del presidente. Non mancano poi i sistemi antincendio e i fucili a pompa a disposizione degli agenti di scorta. LA CAROVANA E I SUOI AUTISTI. Di fatto, la limousine al servizio del presidente di turno è un vero e proprio mezzo militare in abito da sera, ovunque seguito da una lunghissima carovana di veicoli. Tra questi, il mobile command and control vehicle, un furgone con il quale lauto più scortata al mondo è in continuo contatto radio e video. I mezzi che trasportano giornalisti, operatori e personale di supporto sono spesso guidati da comunissimi cittadini volontari, arruolati per loccasione senza alcuna preparazione specifica. A patto che abbiano una fedina penale e automobilistica immacolata. LE ALTRE LIMO. Quella delle Presidential state car - visibili nella nostra gallery - è una lunga serie di auto che parte dal 1939. Anche prima, se si aggiungono quei veicoli al servizio dei vari presidenti che non sono stati allestiti con specifiche richieste della Casa Bianca. Fu William Howard Taft (1909-1913) il primo ad avere a disposizione una flotta di mezzi a trazione diversa da quella animale. Tra questi, anche un avveniristico (per lepoca) veicolo elettrico: la Baker Victoria. La Lincoln Serie K Sunshine Special fu la prima auto allestita secondo i dettami della Casa Bianca e prestò servizio sotto la presidenza di Franklin D. Roosevelt (1933-1945). LE LINCOLN CONTINENTAL E GLI ATTENTATI. Ma la più famosa fu una speciale Lincoln Continental del 1961 - la SS-100-XX - nota per essere stata la vettura su cui viaggiava John Fitzgerald Kennedy (1961-1963) il 22 novembre 1963, quando venne ferito mortalmente da due colpi di fucile. Sulla Continental blindata del 1972, Gerald Ford (1974-1977) venne caricato in fretta dagli agenti della scorta dopo aver subito un tentativo di omicidio da parte di Sara Jane Moore, che gli sparò, mancandolo, con una calibro 38 il 22 settembre 1975. Meno fortuna del predecessore ebbe Ronald Reagan (1981-1989): il 30 marzo 1981, mentre usciva dal Washington Hilton Hotel per salire sulla Continental blindata, uno squilibrato - John Hinckley Jr. - gli sparò, perforandogli il polmone sinistro. LA SICUREZZA. Da qui, la segretezza che caratterizza molte delle tecnologie volte alla salvaguardia del presidente. Anche quando lOfficial State Car è stata ormai congedata. il caso della Cadillac Fleetwood di Bill Clinton (1993-2001), ora esposta presso il Clinton Presidential Center: per laccesso allabitacolo - negato al pubblico - gli addetti della struttura devono inoltrare specifica richiesta ai servizi segreti. 2020-11-07 18:21:40 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/07/bonus_mobilita_i_furbetti_dell_incentivo/gallery/rbig/2020-monopattini-2.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33037 Bonus mobilità - Monopattini e voucher, ecco chi lucra sugli incentivi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33037&tipo=fv Un vero e proprio suk degli incentivi. O meglio, un mercato parallelo di voucher e monopattini, fiorito in palese violazione delle disposizoni e delle finalità con cui il governo ha concepito il Bonus mobilità. Pochi giorni dopo la chiusura del CLICK-DAY [1] del 3 novembre, che ha esaurito in 24 ore i 215 milioni stanziati, lemissione dei buoni digitali (alternativa alla richiesta di rimborso) ha scatenato gli appetiti di diversi furbetti che stanno tentando di lucrare sul beneficio ottenuto. Come? Rivendendo i prodotti acquistati con i contributi. Se non, addirittura, i voucher stessi. TANTE ADESIONI. Andiamo con ordine: comè noto, i buoni emessi danno diritto a una decurtazione del 60% del prezzo di vendita di una bici o di un mezzo elettrico da ultimo miglio, fino a un massimo di 500 euro. Per ottenere il contributo, basta presentare il voucher digitale ai commercianti che hanno aderito alliniziativa. Ebbene, nel pomeriggio del 3 novembre, la società che gestisce il portale dichiarava di aver già acquisito circa 104 mila domande (salite poi a 600 mila): di queste, ben 35.714 avevano per oggetto lemissione dei voucher. In pratica, una richiesta su tre. UN MESE PER LACQUISTO. Dopo lemissione del voucher - strettamente personale - i richiedenti hanno 30 giorni di tempo per effettuare lacquisto. I meno tempestivi, cioè coloro che hanno ottenuto il buono nella mattina del 4 novembre, potranno sfruttare il bonus fino al 3 dicembre. Non tutti i richiedenti lo faranno: cè chi rinuncerà allacquisto e chi, invece, tenterà di vendere il buono digitale a terzi. Senza dimenticare chi, pur avendo già sfruttato il buono, metterà subito in vendita il bene acquistato a una cifra decisamente superiore a quella effettivamente pagata. E al tempo stesso, inferiore al prezzo di mercato. GLI ANNUNCI. Il ministro dellAmbiente Sergio Costa ha dichiarato di aver ben presente la situazione e di aver già coinvolto la Guardia di Finanza per vigilare sul corretto utilizzo del beneficio ed effettuare le opportune verifiche: "Usi difformi", ha assicurato il governo, "saranno severamente puniti". Eppure, sui principali portali di e-commerce continuano a fioccare annunci non solo di chi ha tentato o sta tentando di vendere beni già acquistati e "scontati", ma pure di chi intende commercializzare i voucher stessi, promettendo di essere presenti al momento dellacquisto. Insomma, visto che il buono non è cedibile a terzi, i furbetti si offrono persino di "accompagnare" gli acquirenti. CHI ACQUISTA. Il potenziale acquirente del voucher, con buona probabilità, è una persona che non ha potuto inoltrare domanda per la mancanza di uno o più requisiti, come quello della residenza: le richieste, infatti, potevano pervenire solo da abitanti di Comuni con almeno 50 mila abitanti, capoluoghi di provincia o facenti parte di aree metropolitane. Ma potrebbe anche essere qualcuno che, più semplicemente, non ha fatto in tempo a richiedere il buono sul portale: UNA SECONDA CHANCE è PREVISTA DAL 9 NOVEMBRE AL 9 DICEMBRE [2], ma solo per chi era interessato al rimborso e non ha fatto in tempo a richiederlo. E non per chi desiderava il buono digitale. IN BARBA ALLE REGOLE. Come detto, tanti sono coloro che hanno già sfruttato il voucher nei negozi e ora tentano di rivendere il mezzo come nuovo, con tanto di ricevuta e garanzia, a un prezzo piuttosto vantaggioso. Soltanto oggi, su noti siti di compravendita tra privati, abbiamo trovato nunerosi annunci di monopattini nuovi (più facili da rivendere, al contrario delle bici), acquistati dai venditori a partire dal 3 novembre. Tra questi, cè addirittura chi pubblica limmagine dello scontrino del mezzo, dal quale si evince il prezzo finale al netto dello sconto (399,90 euro), il pagamento effettuato (159,96 euro) e quello non riscosso (239,94), il che prova lacquisto tramite voucher. Se si trattasse di un effettivo ripensamento, linserzionista potrebbe semplicemente restituire il bene al negozio, come la legge gli consente. E invece, il monopattino viene rivenduto a un prezzo decisamente superiore alleffettivo costo sostenuto per lacquisto. Ma questo è solo uno di tanti esempi che - si spera - dovranno finire al vaglio delle autorità. Nel frattempo, il florido suk va avanti: fatto lincentivo, trovato linganno. Come spesso accade in Italia. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/11/03/bonus_mobilita_il_click_day_parte_male_il_portale_e_subito_in_tilt_.html [2] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/11/05/bonus_mobilita_le_richieste_di_rimborso_ripartiranno_il_9_novembre.html 2020-11-07 16:59:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/11/05/giappone_magarigawa_nuovo_circuito_privato_resort_progettato_da_tilke/gallery/rbig/2020-magarigawa-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33036 Giappone - Magarigawa, in arrivo una nuova pista privata - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33036&tipo=fv Cosa rende una pista leggendaria? Che cosa fa sì che un circuito sia da percorrere almeno una volta nella vita? il design delle curve, lopinione dei piloti o il calibro delle gare disputate che rendono speciale un tracciato? O forse tutti e tre? Il Gran Premio di Monaco, per esempio, è considerato uno dei più grandi eventi automobilistici del mondo ed è parte integrante della Triple Crown del motorsport. Nonostante questo la pista del Principato non è tra le preferite dei piloti, a differenza di Spa Francorchamps, Suzuka, Silverstone o Laguna Seca. Traendo spunto da questi tracciati, la concessionaria britannica di auto sportive CORNES MOTORS ha deciso di realizzare in Giappone un nuovo resort per gli amanti della guida. Entro il 2022 a unora a sud di Tokyo nascerà così il nuovo complesso di MAGARIGAWA che punta a rivaleggiare, per emozioni e coinvolgimento del pilota, con le migliori piste del mondo. E dopo aver provato in prima persona al simulatore il nuovo tracciato, devo dire che potrebbe davvero essere allaltezza dei più blasonati circuiti a livello globale. Cè LA FIRMA DI TILKE. Dopo tutto, il progetto mette insieme i migliori esperti nei rispettivi campi: dai progettisti della pista, alle catene di hotel di lusso, ai decoratori di interni acclamati a livello internazionale, fino ai vincitori di Le Mans. Disegnato dai progettisti dello studio TILKE ENGINEERS AND ARCHITECTS gli stessi che hanno creato tracciati come il Circuit of the Americas, lautodromo di Sochi, il Red Bull Ring e lo Yas Marina Circuit , Magarigawa disporrà di un tracciato LUNGO CIRCA 3.5 CHILOMETRI che vanterà 22 curve, di cui molte cieche, un rettilineo lungo 795 metri e un cambio di elevazione di circa 80 metri. Spingendo una Lamborghini Huracán Performante al massimo sul simulatore, ho capito che Tilke è riuscito a creare un tracciato di primordine, con un rettifilo da oltre 260 chilometri allora, seguito da un difficile tornante che obbliga a tre rapidi cambi di direzione nel giro di pochi secondi. Correre qui, inoltre, richiede una buona memoria della conformazione della pista, specialmente quando ti ritrovi a percorrere una curva cieca a sinistra, in salita, dove le uniche cose che puoi vedere sono il blu del cielo, gli alberi e lasfalto che scompare. UN RESORT DI LUSSO. Situato a Minamiboso, nella prefettura di Chiba, il Magarigawa si trova a poco più di unora a sud di Tokyo e a 90 minuti da Haneda e Narita, i due aeroporti internazionali della capitale, in unarea montuosa dove il terreno è ricoperto da fitte foreste. A rendere il resort unico sarà la collaborazione con Kanaya Hotels, unazienda responsabile di alcuni degli alberghi più esclusivi del Giappone, tutti caratterizzati da lusso, sorgenti calde "onsen" e cucina raffinata. Kanaya gestirà le stanze dei soci e la lussuosa clubhouse, che sarà curata dallinterior designer di fama internazionale Joyce Wang. Al Magarigawa, inoltre, Masanori Sekiya, pilota giapponese vincitore della 24 Ore di Le Mans del 1995, si occuperà di un programma avanzato di formazione dei soci del resort. SOLO PER I SOCI. Secondo i piani della Cornes Motors, il circuito non ospiterà eventi sportivi, ma rimarrà a uso esclusivo dei soci di un club privato, per il quale sarà richiesta una quota discrizione di circa 300 mila dollari (254 mila euro). Già più di 100 appassionati da Giappone, Cina e Hong Kong si sono associati, ma nel prossimo futuro il club cercherà di attrarre soci anche dagli Stati Uniti e dallEuropa, con lobiettivo di arrivare a un totale di 500 iscritti. Il Magarigawa, a prima vista, sembra essere un resort di prima classe e con Hermann Tilke che sta gestendo il progetto della pista, la struttura sicuramente saprà farsi notare nel mondo delle corse quando sarà operativa. 2020-11-07 15:11:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/07/incentivi_auto_finiti_anche_quelli_della_fascia_61_90_g_km/gallery/rbig/dealer.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33035 Incentivi auto - Esauriti anche i contributi per la fascia 61-90 g/km di CO2 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33035&tipo=fv COME PREVISTO [1], sono terminati anche gli incentivi per le auto con emissioni di anidride carbonica comprese tra 61 e 90 g/km. I 150 milioni STANZIATI AD AGOSTO [2] dal governo sono terminati ieri, dopo che L11 SETTEMBRE [3] erano andati esauriti anche i contributi previsti per la fascia immediatamente superiore (91-110). Restano a disposizione poco più di 20 milioni del cosiddetto superecobonus per le auto che rientrano nella fascia 0-60 g/km, cioè le elettriche e le ibride plug-in, che peraltro possono contare sul robusto rifinanziamento del vecchio ecobonus: fino a esaurimento dei fondi (sono ancora disponibili 111 milioni), questultimo proseguirà anche nel 2021. I CONTRIBUTI. Fascia per fascia, ecco quali sono i contributi previsti fino al 31 dicembre - sempre salvo esaurimento - dal decreto Agosto. Ricordiamo che mentre il bonus statale va detratto dal prezzo finale, quello del concessionario è relativo al prezzo imponibile: beneficiano dellincentivo le vetture con prezzo di listino fino a 40 mila euro (compresi gli accessori ma al netto dellIva, escluse Ipt e messa su strada) nella fascia 61-90 g/km e fino a 50 mila euro (compresi gli accessori ma al netto dellIva, escluse Ipt e messa su strada) nella fascia 0 a 60 g/km. - 0-20 G/KM: 8.000 euro con rottamazione (+2.000 euro di contributo del concessionario), 5.000 euro senza rottamazione (+1.000 euro di contributo del concessionario); - 21-60 G/KM: 4.500 euro con rottamazione (+2.000 euro di contributo del concessionario), 2.500 euro senza rottamazione (+1.000 euro di contributo del concessionario). Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/11/05/incentivi_auto_stanno_per_finire_anche_quelli_per_la_fascia_61_90.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/09/11/INCENTIVI_AUTO_ECOBONUS_ESAURITI_I_FONDI_PER_LA_FASCIA_91_110_G_KM.HTML 2020-11-07 12:24:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/07/stradali_da_pista_dal_traffico_alle_corse_e_viceversa_foto_gallery/gallery/rbig/stradali-da-pista-foto-gallery-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33034 Stradali da pista - Dal traffico alle corse e viceversa FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33034&tipo=fv In questa nuova galleria di immagini abbiamo raccolto una serie di modelli che hanno preso parte ai campionati Fia GT e Wec, ma che sono stati proposti anche in versione stradale, spesso per ottenere lammissione alle categorie agonistiche. Proprio i nuovi regolamenti del Mondiale Endurance e del WEATHERTECH SPORTSCAR CHAMPIONSHIP [1] dovrebbero segnare, nel 2022, il ritorno in pista di vetture costruite e omologate per luso stradale, grazie alla nuova categoria delle hypercar (LMH) di cui vi anticipiamo alcuni modelli al termine della nostra rassegna. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/sport/2020/01/25/mondiale_endurance_verso_un_regolamento_comune_con_imsa.html 2020-11-07 11:28:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/06/dtm_svelati_calendario_e_regolamenti_2021/gallery/rbig/2020-dtm-calendario-regolamenti.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33033 DTM - Svelati calendario e regolamenti 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33033&tipo=fv Il CAMPIONATO TURISMO TEDESCO ha svelato CALENDARIO E REGOLAMENTI PER LA STAGIONE 2021: in programma cè la tappa di Monza a giugno in una data ancora da definire mentre tra le novità tecniche più salienti cè lintroduzione delle vetture GT3, il Balance of Performance e un sistema di zavorre (Success Blast) per i vincitori di ogni gara. COSA CAMBIA. Per non scomparire del tutto, il DTM ha dovuto sapersi adattare ai tempi che cambiano. Così, questanno finisce lera delle vetture Class 1, considerate troppo costose dai costruttori e ormai ingestibili. Dal prossimo anno, scenderanno in pista le vetture di categoria GT3, sviluppate seguendo il regolamento base della FIA. Per poter avere prestazioni simili tra i modelli, lorganizzatore ha scelto di utilizzare il classico sistema Balance of Performance. Il BoP è pensato per limitare le differenze per le vetture derivanti dalla serie e tiene conto di molti fattori. Ma la novità più importante sarà il Success Blast, con i primi tre classificati che avranno per la gara successiva una zavorra rispettivamente di 25, 18 e 15 Kg a seconda della posizione finale. Resta invariato invece il format del weekend, con doppia gara da 55 minuti più un giro finale e una sosta ai box obbligatoria per un cambio gomme. IL CALENDARIO. Situazione globale sanitaria permettendo, il campionato DTM prevede di disputare 9 appuntamenti da maggio a ottobre 2021. Si comincia dalla Russia il prossimo 28 maggio, con lappuntamento ad Igora Drive, per poi trasferirsi a Monza (a metà o a fine giugno). Lultima tappa si correrà a Hockenheim il 3 ottobre. DTM 2021 - CALENDARIO PROVVISORIO Igora Drive | Russia, 28-30 maggio Monza | Italia, 11-13 giugno oppure 18-20 giugno Norisring | Germania, 2-4 luglio Lausitzring | Germania, 23-25 luglio Zolder | Belgio, 6-8 agosto Nürburgring | Germania, 20-22 agosto Red Bull Ring | Austria, 3-5 settembre Assen | Olanda, 17-19 settembre Hockenheim | Germania, 1-3 ottobre 2020-11-06 20:19:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/06/fca_psa_stellantis_fusione_approvata_anche_in_brasile/gallery/rbig/2020-Stellantis-fusione-FCA-PSA.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33032 Stellantis - FCA-PSA, fusione approvata anche in Brasile http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33032&tipo=fv Anche le autorità brasiliane hanno dato il via libera alla FUSIONE TRA I GRUPPI FCA E PSA [1]. Lantitrust del Paese sudamericano, il Cade (Conselho Administrativo de Defesa Econmica), ha infatti approvato lunione tra i due colossi automobilistici e tra 15 giorni la sentenza diventerà effettiva ai sensi delle leggi brasiliane. Le due aziende formeranno insieme il nuovo gruppo STELLANTIS [2], la cui costituzione è stata già avallata da diverse autorità mondiali attive nella vigilanza dei mercati, come quelle russe, giapponesi, statunitensi e cinesi. IL VIA LIBERO DELLUE è IN ARRIVO. Lapprovazione dallantitrust europeo, tuttavia, non è ancora arrivata. Le autorità del Vecchio Continente potrebbero però presto dare IL VIA LIBERA ALLA FUSIONE [3], che potrebbe così essere completata entro i primi mesi del prossimo anno, come previsto dal progetto presentato negli scorsi mesi dalle due aziende. A sbloccare la decisione sarebbe stato il nuovo piano proposto alla Commissione Europea per la produzione di veicoli commerciali leggeri IN PARTNERSHIP CON LA TOYOTA [4]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/25/STELLANTIS_FUSIONE_FCA_PSA_TOYOTA.HTML 2020-11-06 19:56:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/06/toyota_rav4_black_edition_prezzo_disponibilita_caratteristiche_immagini/gallery/rbig/2020-toyota-rav4-black-edition-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33030 Toyota Rav4 - A listino la variante Black Edition http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33030&tipo=fv La TOYOTA [1] presenta la RAV4 HYBRID [2] Black Edition, una versione della Suv caratterizzata dalla predominanza del colore nero per esterni e interni. La vettura, già ordinabile, è offerta con prezzi a partire da 38.250 EURO nella versione 2WD e le consegne inizieranno nel mese di novembre. NERO (QUASI) OVUNQUE. La carrozzeria è verniciata interamente nella tinta Deep Black Met, che mette in risalto le superfici e gli spigoli. Il nero trova posto anche su dettagli, come le calotte degli specchietti retrovisori esterni, le modanature posteriori, lo spoiler e sui cerchi di lega da 19", caratterizzati da una finitura lucida. Il tema total black continua anche sul frontale, in particolare nel paraurti inferiore e nella calandra, dove risalta il logo cromato della Casa. Entrando nellabitacolo spiccano i sedili rivestiti di pelle sintetica "Leather Tex" nera con cuciture grigie, oltre al rivestimento del cielo e alle finiture interne nere. Le dotazioni di serie ricalcano quelle dellallestimento Style e includono i sensori di parcheggio, un impianto audio premium JBL a nove altoparlanti e un caricatore wireless per smartphone. Per quanto riguarda la connettività, non mancano Apple CarPlay e Android Auto, mentre lato sicurezza è presente il sistema Toyota Safety Sense. TRE MODI PER AVERLA. Oltre allacquisto, è possibile usufruire della formula PAY PER DRIVE CONNECTED, che prevede la possibilità di restituire lauto in qualsiasi momento, con rate a partire da 335 euro e un anticipo di 8.700 euro. In alternativa, è disponibile la nuova formula di noleggio KINTO ONE, con canone mensile a partire da 475 euro per 48 mesi e una percorrenza di 60.000 km. La rata include la manutenzione ordinaria e straordinaria, i servizi assicurativi e il Lojack Classic, un sistema di recupero dei veicoli rubati basato sulla tecnologia in radiofrequenza. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA/RAV4 2020-11-06 19:27:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/06/fca_psa_stellantis_fusione_approvata_anche_in_brasile/gallery/rbig/2020-Stellantis-fusione-FCA-PSA.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33031 FCA-PSA - Stellantis, fusione approvata anche in Brasile http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33031&tipo=fv Anche le autorità brasiliane hanno dato il via libera alla FUSIONE TRA I GRUPPI FCA E PSA [1]. Lantitrust del Paese sudamericano, il Cade (Conselho Administrativo de Defesa Econmica), ha infatti approvato lunione tra i due colossi automobilistici e tra 15 giorni la sentenza diventerà effettiva ai sensi delle leggi brasiliane. Le due aziende formeranno insieme il nuovo gruppo STELLANTIS [2], la cui costituzione è stata già avallata da diverse autorità mondiali attive nella vigilanza dei mercati, come quelle russe, giapponesi, statunitensi e cinesi. IL VIA LIBERO DELLUE è IN ARRIVO. Lapprovazione dallantitrust europeo, tuttavia, non è ancora arrivata. Le autorità del Vecchio Continente potrebbero però presto dare IL VIA LIBERA ALLA FUSIONE [3], che potrebbe così essere completata entro i primi mesi del prossimo anno, come previsto dal progetto presentato negli scorsi mesi dalle due aziende. A sbloccare la decisione sarebbe stato il nuovo piano proposto alla Commissione Europea per la produzione di veicoli commerciali leggeri IN PARTNERSHIP CON LA TOYOTA [4]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/18/FUSIONE_FCA_PSA_RAGGIUNTO_L_ACCORDO_ECCO_TUTTI_I_DETTAGLI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/26/FCA_PSA_L_ANTITRUST_UE_PRONTO_AD_AUTORIZZARE_LA_FUSIONE.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/25/STELLANTIS_FUSIONE_FCA_PSA_TOYOTA.HTML 2020-11-06 19:27:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/06/audi_sq5_2021_restyling_novita_caratteristiche/gallery/rbig/2020-audi-sq5-restyling-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33029 Audi SQ5 - Il restyling debutta negli Usa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33029&tipo=fv LAUDI [1] ha anticipato negli Stati Uniti il debutto del restyling della SQ5, che segue di poco laggiornamento dellintera GAMMA Q5 [2]. La versione sportiva viene proposta in America con la motorizzazione V6 3.0 benzina da 350 CV e 473 Nm con trazione quattro e cambio Tiptronic otto marce, capace di toccare le 60 miglia orarie da fermo in 4,7 secondi e limitata elettronicamente a una velocità massima di 250 km/h. In Europa, la versione uscente era offerta solo con MOTORE 3.0 TDI MILD HYBRID DA 347 CV [3] e non sappiamo ancora se questa scelta sarà confermata. IL CLASSICO LOOK DEI MODELLI S. La nuova Audi SQ5 adotta le classiche modifiche comuni ai modelli S: i paraurti sportivi con prese daria maggiorate, le finiture nere del single frame, con motivo specifico, e delle altre griglie, i loghi personalizzati, i cerchi di lega da 20", lo spoiler posteriore sul portellone e limpianto di scarico con quattro terminali a vista integrati nel diffusore. Gli interni propongono invece il volante sportivo, i rivestimenti di pelle e tessuto e le finiture specifiche. Inoltre, fanno parte della dotazione di serie anche le sospensioni a controllo elettronico e limpianto frenante sportivo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/10/05/AUDI_Q5_PREZZO_INTERNI_MOTORI_35_TDI_40_TFSI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/09/AUDI_SQ5_TDI_PREZZO_MOTORE_PRESTAZIONI.HTML 2020-11-06 17:35:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/06/mur_avviato_un_progetto_per_decarbonizzare_la_filiera_dell_idrogeno/gallery/rbig/10-curiosità-idrogeno-foto-gallery-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33028 Mur - Avviato un progetto per decarbonizzare la filiera dellidrogeno http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33028&tipo=fv Il ministero dellUniversità e della Ricerca (Mur) ha fornito le prime linee guida per una ricerca sullIDROGENO [1] che porterà alla decarbonizzazione della filiera legata a questa fonte energetica alternativa. Il progetto, che ha come riferimento il programma varato nel luglio scorso dalla Commissione Europea (intitolato "Una strategia per lidrogeno per unEuropa climaticamente neutra"), punta a trovare soluzioni per la produzione, lo stoccaggio, la distribuzione e lutilizzo di idrogeno senza emissioni di CO2. GLI OBIETTIVI. Identificato dallacronimo Siri (Strategia Italiana Ricerca Idrogeno), il piano individua tre obiettivi: aumentare la competitività dei prodotti della ricerca italiani e le probabilità di successo nei bandi competitivi europei (Horizon Europe); creare una sinergia con le iniziative dellindustria nazionale e con quelle varate dalle amministrazioni locali; incrementare le risorse destinate ai vari settori di ricerca e sviluppo riguardanti lidrogeno, al fine di colmare il divario con gli altri Paesi europei, che da tempo hanno portato avanti iniziative nel settore. Le linee guida del Mur prendono in considerazione, tra le varie applicazioni finali, figura ovviamente anche la mobilità sostenibile. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUTO-A-IDROGENO 2020-11-06 16:59:10 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/06/lego_set_ghostbuster_ecto_1_ambulanza_prezzo_disponibilita/gallery/rbig/2020-lego-ghostbusters-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33027 Lego - La versione di mattoncini della Ecto-1 di Ghostbusters http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33027&tipo=fv Il prossimo anno uscirà nei cinema "GHOSTBUSTERS: AFTERLIFE", un nuovo capitolo della saga degli acchiappafantasmi ambientato 30 anni dopo gli avvenimenti di "Ghostbusters II". Proprio in onore della nuova pellicola, la LEGO [1] ha lanciato un set di mattoncini ispirato alla protagonista a quattro ruote della serie: la ECTO-1. PIù REALISTICA CHE MAI. La Ectomobile, come di certo sapranno i fan, è una CADILLAC MILLER-METEOR del 1959 convertita in ambulanza che i protagonisti guidano per le strade di New York in cerca di spettri da catturare. Il modellino misura circa 47 centimetri di lunghezza, 16,5 centimetri di larghezza e 22,5 centimetri di altezza, rendendolo la Ecto-1 di Lego più grande mai realizzata. Lazienda danese, inoltre, ha dichiarato che questa è la loro ricostruzione più dettagliata della famosa auto, in cui spiccano alcuni elementi presenti nel nuovo film, come il "fiuta fantasmi" che si muove grazie a un meccanismo attivato dalle ruote, un sedile posteriore estensibile verso lesterno per lartigliere e un volante funzionante, oltre a tutta una serie di trappole e altre apparecchiature per il rilevamento del paranormale. Il set, che sarà in vendita a partire dal 15 novembre a 199,99 euro, è composto da 2.352 pezzi e rientra nella gamma Lego Creator Expert, pensata per un pubblico adulto. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEGO 2020-11-06 15:40:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/06/ford_ecosport_foto_caratteristiche_prezzo/gallery/rbig/2020-ford-ecosport-active-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33026 Ford EcoSport - A listino la versione Active: prime immagini e informazioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33026&tipo=fv La FORD [1] ha diffuso le immagini ufficiali della ECOSPORT ACTIVE [2] e tutte le informazioni relative al mercato italiano: la vettura è in promozione a partire da 18.000 euro contro un listino fissato a quota 24.000 euro. La formula Active, già proposta sulla Fiesta e sulla Focus, ha ottenuto un importante successo di vendite e viene ora estesa alla Suv compatta per sottolinearne ulteriormente lanima off-road. LOOK OFF-ROAD E ACCESSORI ESCLUSIVI. Le modifiche previste per questa versione includono gli inserti in plastica grezza per i passaruota, i cerchi di lega da 17", gli inserti di plastica nei paraurti e le finiture in nero lucido della griglia frontale e delle cornici dei fendinebbia, oltre al tetto nero. Labitacolo propone inoltre rivestimenti di pelle e tessuto con cuciture in tinta contrastante, tappetini personalizzati e il volante foderato di pelle. SOLO 1.0 BENZINA. In Italia, la Ford EcoSport Active è offerta nella sola variante 1.0 EcoBoost 125 CV con cambio manuale. I clienti possono scegliere sei tinte esterne, cinque delle quali metallizzate (opzionali), mentre la lista degli accessori include i pneumatici all season, il gancio di traino, i fari allo xeno, il pacchetto Driver Assistance (che include il Blind Spot Monitor, la retrocamera, i sensori di parcheggio anteriori e gli abbaglianti automatici), il winter pack (parabrezza, volante e sedili riscaldabili), lX Pack con infotainment Sync 3, limpianto audio B O, il keyless e gli specchietti ripiegabili. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/02/FORD_ECOSPORT_ACTIVE_IMMAGINI_CARATTERISTICHE_USCITA.HTML 2020-11-06 13:49:20 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/06/volkswagen_golf_aggiornamento_gamma_motori_berlina_e_variant/gallery/rbig/2020-golf-variant-motori-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33025 Volkswagen Golf - Si aggiorna la gamma motori per la berlina e la Variant http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33025&tipo=fv I listini italiani della VOLKSWAGEN GOLF [1] si arricchiscono con nuove varianti, tra combinazioni di powertrain e carrozzerie per il Model Year 2021. Le novità non riguardano solo i motori diesel e benzina, ma anche le declinazioni elettrificate e bifuel, che vanno a completare lofferta del modello ampliando significativamente pure la gamma della Variant appena lanciata. TRE NUOVE OPZIONI PER LA BERLINA... Per la Golf a cinque porte sono ora disponibili le versioni 1.5 eTSI da 130 CV con il cambio automatico Dsg (che affianca quella da 150 CV a partire da 30.150 euro), la eHybrid plug-in da 204 CV (che affianca la GTE da 245 CV a partire da 38.500 euro) e la 2.0 TDI da 115 CV con cambio Dsg a sette marce, proposta a partire da 31.950 euro. ...E SETTE PER LA WAGON. La GOLF VARIANT [2], al debutto lo scorso settembre, integra a sua volta nella propria gamma sette nuove motorizzazioni. Arrivano infatti i benzina 1.0 TSI EVO da 110 CV (a partire da 27.050 euro) e 1.5 TSI EVO da 130 e 150 CV (a partire da 28.400 euro). Seguono, quindi, librido 1.5 eTSI da 130 e 150 CV Dsg (a partire da 31.100 euro), il diesel 2.0 TDI da 115 CV Dsg (a partire da 32.900 euro) e la versione bifuel a metano 1.5 TGI da 130 CV Dsg, disponibile a partire da 33.450 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN/GOLF [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/09/VOLKSWAGEN_GOLF_VARIANT_DIMENSIONI_INTERNI_BAGAGLIAIO_MOTORI_USCITA.HTML 2020-11-06 11:58:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/06/volkswagen_id_4_svelate_in_cina_le_versioni_crozz_e_x_della_suv_elettrica/gallery/rbig/2020-volkswagen-id4-cina-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33024 Volkswagen ID.4 - Svelate in Cina le versioni Crozz e X della Suv elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33024&tipo=fv La VOLKSWAGEN [1] presenta la gamma elettrica ID sul mercato cinese svelando due allestimenti della ID.4 [2] studiati espressamente per i clienti asiatici. Attesa sul mercato allinizio del 2021 e prodotta localmente in collaborazione con la FAW e con la SAIC, la Suv sarà declinata nelle varianti Crozz ed X: il differente design dei paraurti e dei gruppi ottici rende subito riconoscibili le due vetture tra loro, ma sono previste anche finiture specifiche e un differente livello di dotazioni. Per il momento, i dati tecnici completi non sono noti, ma sappiamo già che lautonomia secondo il ciclo di omologazione locale supererà i 500 km: la variante europea, invece, dichiara 520 km con le batterie da 77 kWh, unica opzione al momento prevista. IN CINA, OTTO MODELLI DELLA FAMIGLIA ID. Entro il 2023, la gamma ID della Volkswagen sarà composta in Cina da otto modelli, ma per il momento la Casa non ha fornito ulteriori informazioni sulle novità che si andranno ad aggiungere. Per supportare il previsto aumento delle vendite di modelli elettrici, il costruttore tedesco sta lavorando anche ad una espansione della rete di ricarica. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/09/23/VOLKSWAGEN_ID4_PREZZO_DIMENSIONI_INTERNI_USCITA.HTML 2020-11-06 11:31:18 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/06/pony_ai_raccolti_altri_267_milioni_di_dollari_per_i_programmi_di_sviluppo/gallery/rbig/Toyota-Ponyai.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33023 Pony.ai - Raccolti altri 267 milioni di dollari per i programmi di sviluppo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33023&tipo=fv La Pony.ai ha raccolto 267 milioni di dollari (225,6 milioni di euro) nella fase iniziale del suo ultimo round di finanziamenti e ha raggiunto una valutazione di 5,3 miliardi di dollari (4,48 miliardi di euro). Le nuove risorse saranno destinate a sostenere un ambizioso programma di sviluppo di tecnologie per la guida autonoma tra gli Stati Uniti e la Cina, patria dei suoi fondatori, James Peng e Lou Tiancheng, che sono ex dipendenti della Baidu nella Silicon Valley. GLI INVESTITORI. Loperazione di finanziamento, chiusa a solo otto mesi da unanaloga raccolta da 462 milioni, di cui 400 VERSATI DALLA TOYOTA [1], ha visto quale maggior investitore un veicolo di investimenti nel campo dellinnovazione promosso da uno dei maggiori fondi pensionistici al mondo, lOntario Teachers Pension Plan Board. La Pony.ai, che tra i propri azionisti può contare anche su Sequoia Capital China, Beijing Kunlun Tech e il costruttore cinese Faw, è ora tra le startup per la guida autonoma indipendenti di maggior valore al mondo, avendo superato le rivali Aurora e Nuro. Del resto, gli investimenti nel campo delle tecnologie per i veicoli senza conducente sono in costante crescita grazie ai programmi di sviluppo di operatori tecnologici come Uber e Waymo, nonché di Case automobilistiche come la General Motors, con la controllata Cruise, la Ford e la Volkswagen, azioniste della Argo. Un ulteriore contributo è dato poi dal sempre maggiore interesse in questo campo di grandi investitori finanziari, attratti dalle opportunità di un un mercato ancora in fase iniziale ma dalle grandi potenzialità future. LE INIZIATIVE. Con le nuove risorse, la startup punta a rafforzare le attività di ricerca e sviluppo e a valutare lavvio di servizi di mobilità con la Toyota. La Pony.ai ha già iniziato lanno scorso a testare tecnologie per la guida autonoma nei veicoli commerciali avviando attività di sperimentazione tra Fremont, in California, e le città cinesi di Guangzhou e Pechino. Inoltre, è stato inaugurato un polo operativo a Shanghai e al China International Import Expo, una fiera iniziata mercoledì scorso, ha presentato una Suv della Lexus e un camion della Faw dotati di tecnologie per la guida autonoma. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/26/GUIDA_AUTONOMA_LA_TOYOTA_INVESTE_400_MILIONI_DI_DOLLARI_NELLA_STARTUP_PONY_AI.HTML 2020-11-06 10:39:14 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/primo_contatto/2020/09/16/seat_ateca_al_volante_della_2_0_tdi_dsg_4drive_fr/gallery/rbig/2020-seat-tarraco-fr-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33022 Seat Ateca - Al volante della 2.0 TDI Dsg 4Drive FR - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33022&tipo=fv La SEAT ATECA [1] si rinnova aggiornando la famiglia di motori e introducendo molte tecnologie di ultima generazione: puntando su queste novità, la Suv spagnola ribadisce il proprio ruolo di anello di congiunzione fra la più piccola ARONA [2] e la TARRACO [3], anchessa interessata da un aggiornamento. NUOVO LOOK ED ESTESA DIGITALIZZAZIONE. Formalmente, il nuovo model year dellAteca si distingue dal precedente soprattutto allo sguardo: in particolare, il frontale eredita i tratti fondamentali della Tarraco e della Leon grazie alla mascherina esagonale, allassottigliamento della fanaleria full Led e allo scudo paraurti ridisegnato. Nellabitacolo spicca il nuovo display centrale dellinfotainment, che ora è touch e può essere da 8,25" o da 9,2" di diagonale. In questo caso, il sistema integra la compatibilità wireless con Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink, la connettività da remoto (grazie alla Sim di bordo) e anche lassistente personale, che risponde in maniera solerte alle richieste. In pratica, si tratta dello stesso sistema portato alla ribalta dalla VOLKSWAGEN GOLF 8 [4], che consente di usufruire di diversi servizi online. La digitalizzazione può essere completata optando per la strumentazione configurabile, mentre il corredo tecnologico è ampliato da Adas di ultima generazione. FAMIGLIA RIVOLUZIONATA. La nuova gamma motori dellAteca rinuncia alle versioni TDI 1.6 da 115 CV e 2.0 da 190 CV: la prima sarà sostituita, nel giro di qualche settimana, da una 2.0 litri da 115 CV con cambio manuale, mentre la seconda lascia allunità da 150 CV il posizionamento al vertice tra i turbodiesel. Nello specifico, il 2.0 litri TDI si avvale di un nuovo sistema SCR e della doppia iniezione di urea per contenere le emissioni inquinanti. Il repertorio delle unità a benzina TSI è sempre composto dal tre cilindri 1.0 da 115 CV, dall1.5 da 150 CV con disattivazione di due cilindri ai carichi parziali e dal 2.0 litri da 190 CV. La riformulazione dellofferta è completata dallintreccio fra motori e allestimenti, alcuni dei quali inediti. Ora, lentry level è il Reference ed è abbinabile solo al motore 1.0 TSI; il Business, linedito Xperience, così come lo sportiveggiante FR, sinterfacciano invece con lintera offerta, che consente di abbinare le unità da 150 CV anche al cambio Dsg o di optare per la trazione integrale nelle Ateca più potenti. I prezzi della gamma rinnovata partono da 24.150 e arrivano a 38.350 euro, anche se una promozione abbassa la cifra dingresso a 19.900 euro. COME VA LA 2.0 TDI DSG 4DRIVE FR. Con laggiornamento della gamma dellAteca rimane sempre la 2.0 TDI FR abbinata alla cambio a doppia frizione e alla trazione integrale. Al pari di tutte le altre, questa versione non è cambiata sul fronte del rendimento, del dinamismo e delle prestazioni: tocca ancora i 196 km/h, raggiunge i 100 in 8,8 secondi e percorre in media 15,9 chilometri con un litro. Un valore non molto lontano dai 14,5 km/l riportati dal computer di bordo dopo un primo contatto svolto quasi interamente su strade extraurbane collinari. Il turbodiesel da 150 CV è spigliato quando lago del contagiri savvicina a 2.000 giri, anche se non sempre sommessamente, e reagisce con buona incisività sino a quota 4.000, specie utilizzando il profilo Sport. Questultimo conferisce maggiore reattività e rigore alla vettura, specie quando lassetto con taratura sportiva viene integrato dagli ammortizzatori adattivi e dai cerchi da 19". Un cocktail che, però, influenza lassorbimento delle asperità. ALLESTIMENTO FR E TDI DA 200 CV PER LA TARRACO. Allaggiornamento dellAteca si affianca quello della Tarraco: le novità di punta del MY 2021 sono lallestimento FR e lultima evoluzione del 2.0 TDI made in Volkswagen, che ora sviluppa 200 CV e manda in pensione le versioni da 190 CV, posizionandosi in cima allofferta in attesa della variante ibrida plug-in da 245 CV. Il nuovo turbodiesel entra anche nellallestimento Xcellence, mentre per tutte le Tarraco sono disponibili gli stessi sistemi di connettività e ausilio alla guida proposti dalla nuova edizione dellAteca. Il listino oscilla tra i 31.200 e i 46.700 euro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/ATECA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/ARONA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SEAT/TARRACO [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN/GOLF 2020-11-06 10:09:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/06/toyota_risultati_finanziari_terzo_trimestre_2020/gallery/rbig/2020-logo-Toyota-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33021 Toyota - Trimestrale in calo, ma previsioni in rialzo grazie alla Cina http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33021&tipo=fv La TOYOTA [1] ha chiuso il secondo trimestre dellesercizio fiscale al 31 marzo 2021 con risultati, nel complesso, negativi. Eppure il colosso nipponico, per effetto del miglioramento del mercato cinese, ha deciso di rivedere al rialzo le stime per lintero anno. I NUMERI. Nel dettaglio, il costruttore giapponese ha riscontrato un calo dellutile netto trimestrale dell11% a 470,53 miliardi di yen (pari a 3,8 miliardi di euro), al di sopra delle attese del mercato, che erano poste intorno ai 290 miliardi di yen (2,37 miliardi di euro). Un analogo tasso di declino si è registrato per i ricavi, scesi a 6.774 miliardi di yen (55,28 miliardi di euro). Ancor peggio è risultato landamento dellutile operativo, contrattosi del 23% a 506 miliardi (4,13 miliardi di euro), con il contributo del Nord America, protagonista di un balzo del 61% a 187,3 miliardi di yen (1,53 miliardi di euro), che va ad annullare parzialmente le performance negative di altre aree geografiche presidiate, a partire dal Giappone, dove il dato ha subito una flessione del 58% a 164,9 miliardi di yen (1,35 miliardi di euro). I TARGET. Malgrado una trimestrale con flessioni generalizzate per le principali voci del conto economico, i vertici aziendali della Casa giapponese hanno deciso di migliorare le previsioni per lintero esercizio, tenendo conto sia di un contesto valutario più favorevole sia di una contestuale revisione del piano vendite. I volumi sono, infatti, attesi a 7,5 milioni di unità, 300 mila in più rispetto alla precedenti stime anche se di quasi 1,5 milioni inferiori allo scorso esercizio (comprendendo anche le controllate Daihatsu e Hino Motors, le stime di vendita salgono da 9,1 milioni a 9,4 milioni di unità). A fronte di ricavi previsti a 26 mila miliardi di yen (212 miliardi di euro), in calo del 13% e non più del 20%, lutile netto è atteso a 1.420 miliardi (11,6 milioni di euro), con una contrazione rivista dal 64% al 30%. Infine, lutile operativo dovrebbe scendere dai 2.470 miliardi (20,16 miliardi di euro) dellesercizio 2020 a 1.300 miliardi (10,6 miliardi di euro), una stima più che doppia rispetto a quella originaria di 500 milioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TOYOTA 2020-11-06 10:09:12 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/11/05/milano_area_c_sospesa_dal_5_novembre/gallery/rbig/2020-Area-C-Milano-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33020 Milano - Area C sospesa dal 5 novembre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33020&tipo=fv Su indicazione del sindaco Sala, il Comune di Milano ha sospeso lAREA C [1] a seguito dellintroduzione delle nuove misure per il contenimento della pandemia. Dopo la firma del DPCM 3 NOVEMBRE [2], il capoluogo lombardo ha comunicato anche la sospensione della sosta a pagamento su tutto il territorio cittadino: sarà dunque possibile parcheggiare liberamente nelle zone delimitate da strisce blu o gialle. Entrambi i provvedimenti sono entrati in vigore oggi, giovedì 5 novembre 2020, e resteranno validi fino a prossima comunicazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AREA-C [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/11/04/DPCM_3_NOVEMBRE_.HTML 2020-11-05 19:59:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/05/bentley_dal_2030_solo_elettriche/gallery/rbig/2020-Bentley-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33019 Bentley - Dal 2030 solo auto elettriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33019&tipo=fv Entro il 2026 la BENTLEY [1] venderà solo auto elettriche e ibride plug-in. E dal 2030 non produrrà più motori a benzina, diventando un marchio a emissioni zero. Lambizioso programma delettrificazione Beyond 100 è stato svelato dai manager della B alata durante una presentazione tenutasi allinterno della nuova fabbrica del marchio e trasmessa in live streaming in tutto il mondo. Gli obiettivi della Casa britannica però vanno oltre la produzione di automobili e comprendono anche la totale decarbonizzazione della filiera produttiva. LA PRIMA ELETTRICA NEL 2025. A dare una decisa svolta alla transizione ecosostenibile del marchio sarà una famiglia di elettriche: la prima Bentley a batteria arriverà sul mercato nel 2025 e sarà presto seguita da nuovi modelli a elettroni, tutti carbon neutral "dalla culla alla tomba". Dal 2030, poi, la B alata diventerà un marchio full electric: nella gamma del prossimo decennio non vi sarà spazio per vetture con motori a combustione interna. Nei prossimi anni (da Crewe non hanno specificato quando, _ndr_) terminerà definitivamente la produzione degli iconici propulsori a dodici cilindri da sempre fiore allocchiello del marchio. Il ceo Adrian Hallmark ha però rassicurato gli appassionati: "Non faremo solo auto elettriche, faremo delle vere Bentley", tanto dal punto di vista della qualità costruttiva, tanto da quello delle performance. TRANSIZIONE IBRIDA. Le ibride plug-in avranno un ruolo cruciale nella progressiva trasformazione del brand: dopo la Bentayga anche altri modelli del marchio sono destinati ad accogliere delle versioni alla spina allinterno della propria gamma, due dei quali debutteranno nel 2021. Dovrebbe trattarsi delle vetture della famiglia Continental: la GT, anche in versione Cabrio, e lammiraglia Flying Spur, di recente aggiornata con un nuovo V8 biturbo. Questultimo non dovrebbe però fare da base al unovo powertrain ibrido plug-in: come sulla Bentayga hybrid, anche sulla berlina e sulle due porte sarà probabilmente utilizzato un sei cilindri turbobenzina da oltre 300 CV abbinato a ununità elettrica da circa 130 CV: la potenza complessiva potrebbe aggirarsi attorno ai 450 CV, mentre lautonomia in elettrico, se i nuovi modelli utilizzeranno la stessa batteria da 13 kWh della Suv, potrebbe essere nellordine dei 50 km. OBIETTIVO CARBON NEUTRAL. La prima elettrica, tuttavia, sarà solo uno dei tasselli della strategia green della Casa. Già lo scorso anno la fabbrica di Crewe è diventata il primo stabilimento automobilistico britannico certificato carbon neutral dalla Carbon Trust. Per raggiungere questo traguardo la Bentley ha implementato diverse tecnologie per la produzione, dal riciclaggio dellacqua del reparto verniciatura allutilizzo di elettricità prodotta da fonti rinnovabili, come i 30.000 pannelli fotovoltaici installati dallazienda. Con queste e altre iniziative ambientali, la Bentley punta a rendere il suo quartier generale di Crewe climate positive (cioé diventare unazienda che "cattura" dallatmosfera più CO2 di quella che emette,_ ndr_) entro il 2025, riducendo del 75% (rispetto al 2010) limpatto ambientale dellintera filiera produttiva. Entro il 2030, poi, la Bentley diventerà unazienda 100% carbon neutral, dallestrazione delle materie prime alla realizzazione delle vetture fino al loro smaltimento a fine ciclo vita. PLASTIC FREE. Sempre entro i prossimi cinque anni la Casa intende dire addio alla plastica. Il costruttore ha infatti iniziato da tempo a sivluppare nuovi materiali ecocompatibili con i quali potrà sostituire i componenti attualmente realizzati con poliuretano e altri polimeri. Oltre a questo, le nuove tecnologie permetteranno di tenere sotto controllo anche tutte le fasi della filiera produttiva, certificandone lecosostenibilità. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BENTLEY.HTML 2020-11-05 19:28:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/05/porsche_nuovo_negozio_shop_online_digitale_acquisto_auto_nuove_usate/gallery/rbig/2020-porsche-online-shop-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33018 Porsche Online Shop - Le sportive si acquistano anche su internet http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33018&tipo=fv PORSCHE [1] Italia presenta la nuova piattaforma PORSCHE ONLINE SHOP per la vendita di vetture nuove e usate. I clienti potranno visionare gli esemplari in pronta consegna nella rete delle concessionarie ufficiali e procedere allacquisto del veicolo online, eseguendo la maggior parte delle pratiche necessarie via internet. COMPRARE UNAUTO CON POCHI CLICK. Il sistema è legato ai 30 Centri Porsche presenti sul territorio e affianca il canale di vendita tradizionale. Oltre a visionare le vetture, sarà possibile valutare le forme di pagamento, incluse simulazioni di canoni leasing e, in caso di acquisto, sarà possibile inserire i dati del proprio veicolo usato per ottenere una valutazione preliminare. Oltre alle auto, la piattaforma consente anche di comprare gli accessori Porsche Design Sportswear, Tequipment e i corsi Porsche Experience. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/PORSCHE 2020-11-05 19:06:08 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/05/aznom_palladium_caratteristiche_dimensioni_motori_potenza_/gallery/rbig/2020-aznom-palladium-22.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33017 Aznom Palladium - Debutta la "hyper-limousine" da 710 CV http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33017&tipo=fv La PALLADIUM è lultimo progetto dellitaliana AZNOM [1]. La limousine a ruote alte combina il lusso con la potenza per potersi adattare a diversi tipi di terreno e richiama il mondo del coachbuilding del passato. Latelier di Monza produrrà 10 esemplari personalizzati di questo modello, che verranno realizzati attraverso delle tecniche artigianali su specifica richiesta di ogni cliente. 710 CV DAL V8 BITURBO. Definita dai suoi creatori come una "hyper-limousine", la vettura deriva dal progetto ATULUX DEL 2018 [2], reincarnazione a tre volumi di un pick-up americano che sfrutta la meccanica del Ram. La Palladium, in effetti, nasce a sua volta sulla base del Ram 1500, come si può evincere dal design della plancia. Il propulsore è un V8 5.7 elaborato con un kit biturbo dalla Monza Garage e capace di erogare 710 CV e 950 Nm di coppia. Dotata del cambio automatico con marce ridotte e della trazione integrale, la Palladium può passare da 0 a 100 km/h in 4,5 secondi nonostante una massa a vuoto di 2.621 kg, mentre la velocità è autolimitata a 210 km/h. Limpianto frenante fornito dalla Brembo utilizza i dischi anteriori da 408 mm, con le pinze a sei pistoncini che hanno imposto ladozione di cerchi da 22" abbinati a pneumatici 285/45. Lassetto prevede quattro livelli di altezza, mentre gli ammortizzatori sfruttano la tecnologia Frd per una migliore reattività. In opzione, è possibile installare il sistema mild hybrid eTorque. DESIGN E ARTIGIANALITà ITALIANA. Dopo la Atulux, lidea della Aznom di creare un modello di nicchia destinato agli appassionati in cerca di un mezzo inarrestabile ma, al tempo stesso, lussuoso ed esclusivo, è stata ulteriormente sviluppata con questo modello, frutto di un design completamente personalizzato in due anni di lavoro. La limousine misura 5,96 metri di lunghezza e un passo di 3,67. Altezza e larghezza, invece, raggiungono rispettivamente 1,97 e 2,08 metri. La linea proviene dallo Studio Camal di Torino e punta sulle forme imponenti proprie di un veicolo a ruote alte. Sul frontale spicca in particolare la mascherina, sia per le dimensioni considerevoli sia per gli elementi verticali con illuminazione a Led di cui è dotata. Il piccolo cristallo sul montante posteriore (definito Horizon Window) richiama invece alle limousine più classiche, mentre il posteriore presenta dei tratti sportivi definiti dalla presenza del diffusore e dalla particolare forma degli scarichi, oltre ai fari costituiti da ununica fascia orizzonale, sempre a Led. Il cofano e il tetto sono di carbonio, mentre i paraurti sono di materiale composito. PELLE FOGLIZZO DA CIMA A FONDO. però dentro labitacolo che emerge lanima lussuosa del progetto. Se la plancia, infatti, è quella di serie quanto a comandi e dotazioni, le finiture sono state invece completamente riviste, con la zona posteriore realizzata da zero: qui, nello specifico, oltre a un divano vero e proprio, si trovano anche due tablet Surface X Pro, un cronografo doro e palladio integrato nella console, il vano refrigerato a scomparsa e un sistema di climatizzazione separato da quello anteriore. Tutti i particolari, incluso il padiglione, sono rivestiti di pelle Foglizzo, mentre i pannelli delle portiere sono impreziositi da dei display che comandano le principali funzioni di bordo. Il bagagliaio da 621 litri ospita, inoltre, un set di valigie prodotto con gli stessi pellami degli interni e un ombrello firmato Francesco Maglia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AZNOM [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/05/14/AZNOM_ATULUX_IL_RAM_1500_DIVENTA_UNA_LUSSUOSA_TRE_VOLUMI.HTML 2020-11-05 18:37:44 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/05/formula_1_nel_2021_si_correra_il_gp_dell_arabia_saudita/gallery/rbig/2020-gp-arabia-saudita-f1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33016 Formula 1 - Nel 2021 si correrà il GP dellArabia Saudita http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33016&tipo=fv Il calendario del MONDIALE DI FORMULA 1 del prossimo anno non è ancora stato svelato, ma il circus ha già annunciato che ci sarà una grande novità. A novembre 2021, infatti, si correrà il PRIMO GRAN PREMIO DELLARABIA SAUDITA. ACCORDO A LUNGO TERMINE. La location sarà senzaltro spettacolare. Levento si terrà a Gedda, la seconda città più popolata dellArabia Saudita, che sorge sulla costa occidentale del paese. Per il momento, il tracciato non è ancora stato confermato: tutto quello che si sa è che sarà un circuito cittadino e che si correrà in notturna. Tuttavia, nei piani degli organizzatori, cè la costruzione di un impianto permanente su cui far correre la Formula 1 nei prossimi anni, a conferma dellimpegno pluriennale preso tra le parti. Il circuito cittadino che ospiterà il primo GP dellArabia Saudita si snoderà a Gedda Corniche, località costiera che dista 30 km dal centro città. La pista dovrebbe abbracciare il lungomare, per uno straordinario evento sotto le luci artificiali. CALENDARIO A 23 GARE. Chase Carey, presidente e ceo uscente della Formula 1, ha detto: LArabia Saudita sta rapidamente diventando il centro per i grandi eventi sportivi e dintrattenimento, siamo lieti che tra questi ci sarà anche la F.1. Si tratta di un mercato molto ambito dalla Formula 1, poiché il 70% della popolazione saudita ha meno di trentanni. E non a caso, Carey ha sottolineato: Non vediamo lora di raggiungere nuovi fan. Il resto del calendario del Mondiale 2021 sarà svelato nelle prossime settimane, per poi essere sottoposto ad approvazione da parte del Consiglio Mondiale della FIA, il prossimo dicembre. 2020-11-05 17:31:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/05/citroen_c3_aircross_arriva_il_motore_diesel_bluehdi_da_110_cavalli/gallery/rbig/2020-citroen-c3-aircross-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33015 Citroën C3 Aircross - A listino il motore diesel BlueHDi da 110 cavalli http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33015&tipo=fv La gamma della CITROëN C3 AIRCROSS [1] si amplia introducendo un nuovo propulsore diesel da 110 CV, disponibile con prezzi compresi tra 20.400 e 24.150 euro. Il BlueHDi 110 da 1.5 litri sostituisce la precedente variante da 100 CV e affianca quella più potente da 120 CV abbinata al cambio automatico. I NUMERI DEL MOTORE. Il nuovo BlueHDi 110 è omologato Euro 6.2 ed è accoppiato al cambio manuale a sei marce: in questa configurazione dichiara un consumo medio di 3,6 l/100 km e, alla voce emissioni, 94 g/km di CO2. Questa motorizzazione è compatibile con tutti gli allestimenti già previsti per la Suv compatta: Live, Feel, Shine, Shine Pack, C-Series e Rip Curl. Oltre ai diesel, la C3 Aircross offre anche i motori benzina Puretech da 110 CV, con cambio manuale, e da 130 CV, con cambio automatico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/CITROEN/C3-AIRCROSS 2020-11-05 16:36:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/05/gruppo_volkswagen_diess_cambieremo_strategie_per_spingere_su_elettriche_e_autonome/gallery/rbig/2019-Volkswagen-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33014 Gruppo Volkswagen - Diess: "Cambieremo strategia per accelerare su elettriche e autonome" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33014&tipo=fv Il GRUPPO VOLKSWAGEN [1] si apresta a modificare propri piani strategici al fine di intensificare gli investimenti nello sviluppo di tecnologie per la guida autonoma e per la mobilità elettrica, ma anche per affrontare le conseguenze della pandemia del CORONAVIRUS [2]. A tal proposito, lamministratore delegato Herbert Diess ha rivelato, durante un evento organizzato dallagenzia Bloomberg, che nella prossima settimana è in programma una riunione dei consigli di gestione e sorveglianza per discutere delle tendenze di lungo termine del mercato automobilistico e delle relative implicazioni sulle attività produttive, commerciali e sui programmi di investimento. VERSO UN TAGLIO AI MODELLI. Una delle decisioni più importanti riguarderà il piano prodotti. "Ci sono diversi milioni di auto mancanti nella nostra pianificazione", ha spiegato Diess, aggiungendo che le vendite in alcuni mercati non torneranno ai livelli pre-crisi fino al 2023. Pertanto, il gruppo tedesco sarà costretto a ridurre la gamma dei modelli e tale decisione avrà un impatto su alcuni stabilimenti. BENTLEY: FUTURO ELETTRICO. Diess ha poi affrontato un punto importante relativo alle strategie per la mobilità del futuro: a Wolfsburg puntano a raddoppiare le vendite di veicoli alla spina sia questanno sia lanno prossimo, e per raggiungere lobiettivo intendono procedere con una pervasiva elettrificazione, che andrà a riguardare anche marchi di nicchia. "Bentley diventerà nei prossimi quattro o cinque anni un brand elettrico", ha rivelato Diess, sottolineando limportanza di aumentare la spinta verso la mobilità a emissioni zero con un passaggio radicale alle auto elettriche. Del resto, per lad si tratta di una questione di pura sopravvivenza, anche se la pandemia rischia di produrre effetti devastanti nel breve termine: infatti, per quanto il gruppo Volkswagen possa contare su solidi ordini, ha spiegato Deiss, le performance dei prossimi mesi sono legate a quelle economie che meglio controllano londata dei contagi ed evitano restrizioni dannose per la domanda dei consumatori e per le attività produttive. Un nuovo lockdown totale, ha ammesso il manager, sarebbe "difficile da gestire", ciononostante il gruppo ha intenzione di proseguire con investimenti massicci sulle nuove tecnologie per evitare di perdere terreno nel processo di radicale trasformazione che sta interessanto il settore. ELEZIONI USA? MEGLIO BIDEN. "Se non sei abbastanza veloce, non sopravviverai", ha avvertito Diess: "Nel lungo termine, il cambiamento climatico sarà la sfida più grande che lumanità dovrà affrontare". A tal proposito, il numero uno del costruttore tedesco ha indicato Joe Biden, candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti, come ideale prossimo inquilino della Casa Bianca: "Un programma democratico - ha spiegato Diess - sarebbe più allineato con la nostra strategia globale per combattere il cambiamento climatico e passare allelettrico". LA RICORSA A WAYMO. I tedeschi stanno anche cercando di recuperare il divario nella guida autonoma rispetto al leader Waymo, lazienda statunitense nata da una costola del progetto della Google Car. Diess si è detto convinto che lindustria automobilistica possa portare sulle strade veicoli completamente autonomi tra cinque o dieci anni e, parlando della Volkswagen, considera la sua azienda seconda ai soli statunitensi in termini di capacità tecnologica. Del resto, IL GRUPPO TEDESCO SI è ALLEATO CON LA FORD [3] proprio per aumentare le proprie competenze e quindi rafforzare le attività di sviluppo e ingegnerizzazione nel campo della guida automatizzata. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/10/29/VOLKSWAGEN_CREATA_UNA_SOCIETA_APPOSITA_PER_LA_GUIDA_AUTONOMA.HTML 2020-11-05 16:13:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/tecnologia/2020/11/05/jeep_renegade_4xe_primi_report_test_rse_powertrain_plug_in_hybrid/gallery/rbig/2020-jeep-renegade-4xe-rse-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33013 Jeep Renegade 4xe - Arrivano i primi report dei test sui powertrain plug-in hybrid http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33013&tipo=fv La RSE prosegue i suoi test sulle JEEP RENEGADE 4XE [1]. La società, specializzata nelle attività di ricerca nel settore elettrico, ha avviato alcuni mesi fa una COLLABORAZIONE CON LA DIVISIONE E-MOBILITY DI FCA [2] finalizzata alla raccolta dei dati relativi allutilizzo dei veicoli elettrificati. Un accordo che ha comportato la consegna, al Mirafiori Motor Village di Torino, di due esemplari della Suv ibrida plug-in nellallestimento Limited da 190 CV. Il programma di sperimentazione, cominciato lo scorso giugno, prevede una durata complessiva di sei mesi e lente del gruppo italoamericano ha ricevuto i primi report sulle funzionalità delle vetture in prova. I TEST. Dallo scorso giugno, infatti, la RSE ha messo alla corda entrambe le Renegade per oltre 22 mila chilometri al fine di valutarne le caratteristiche tecniche, le prestazioni e i tempi di ricarica e in modo da consentire alla Casa di migliorare le performance del modello. Nello specifico, i due esemplari sono stati sfruttati sia da un unico conducente, sia come vetture di servizio nello svolgimento di diverse attività. La società ha inoltre proposto una serie di questionari di gradimento ai viaggiatori, i quali hanno potuto così esprimere i punti di forza e le eventuali critiche riscontrate. I PRIMI RISULTATI. Il report fornito dalla RSE ha evidenziato come la componente a zero emissioni delle Renegade garantisca potenze di ricarica più elevate rispetto a quelle di altri veicoli dotati della tecnologia plug-in e apporti benefici alla guida. Le prove termineranno nel mese di dicembre, quando la società fornirà alle-Mobility tutti i dati sulle analisi effettuate. In particolare, la RSE si occuperà di testare anche i consumi delle due auto, che verranno provate su percorsi ripetibili in modalità differenti e in varie condizioni: dal carico a bordo al tipo di tragitto, dallautonomia disponibile al clima esterno. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/01/22/JEEP_COMPASS_4XE_E_RENEGADE_4XE_PREZZO_IBRIDA_PLUG_IN.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/TECNOLOGIA/2020/06/15/GRUPPO_FCA_E_MOBILITY_PARTNER_RSE_CONSEGNA_JEEP_RENEGADE_4XE_TEST_MOBILITA_ELETTRICA.HTML 2020-11-05 14:48:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/05/audi_e_tron_gt_nuovi_dettagli_sulla_prima_rs_elettrica/gallery/rbig/2020-Audi-e-tron-GT-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33012 Audi e-tron GT - Nuovi dettagli sulla prima RS elettrica - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33012&tipo=fv Due versioni, entrambe a due motori, e potenze fino a 646 CV: lAUDI RS E-TRON GT [1] sarà un concentrato di tecnologia destinato a diventare la punta di diamante dellofferta AUDI SPORT [2]. Basata sulla stessa piattaforma della PORSCHE TAYCAN [3], la berlina elettrica dei Quattro anelli sfrutta soluzioni tecniche derivate dalla FORMULA E [4] per garantire prestazioni elevatissime. Per scoprire alcuni dei dettagli della sua meccanica e del nuovo powertrain a zero emissioni abbiamo partecipato a una tavola rotonda organizzata dallAudi, durante la quale sono emerse diverse informazioni inedite, a partire dal prezzo: in Germania la e-tron GT sarà proposta con un listino di partenza di circa 138 mila euro, il doppio rispetto alla SUV E-TRON [5], ma in linea con quello della R8 V10 a trazione posteriore. TESTA A TESTA CON LA RS6. La e-tron GT avrà una potenza di 440 CV, mentre la variante più potente, che dovrebbe prendere il nome di RS e-tron GT, arriverà a 598 CV, che potranno però salire a 646 con la funzione di Overboost (il nome è ripreso dal sistema che aumenta la pressione delle turbine nei motori termici, ma il funzionamento, ovviamente, sarà totalmente differente, _ndr_). La coppia massima sarà di 830 Nm: per lo 0-100 km/h basteranno meno di 3,5 secondi, mentre la velocità massima sarà di 250 km/h. Per fare un confronto, con 600 CV e 800 Nm lAUDI RS 6 AVANT [6] scatta da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e tocca la stessa velocità massima (limitata elettronicamente). Il peso delle due vetture, infatti, è simile: 2.150 kg per la familiare e 2.300 kg per la quattro porte elettrica, equamente ripartiti sui due assi QUATTRO RUOTE STERZANTI E ASSETTO PNEUMATICO. Tutte le e-tron GT disporranno di serie della trazione integrale: per ogni asse è previsto un motore elettrico dedicato. Lunità propulsiva anteriore, con trasmissione a marcia singola, avrà una potenza di 238 CV e verrà utilizzata praticamente in ogni condizione di marcia. La posteriore da 455 CV, invece, potrà essere abbinata a un differenziale a slittamento limitato, disporrà di un cambio a due rapporti e potrà essere esclusa nella modalità Eco per massimizzare lefficienza: in questa impostazione, inoltre, per migliorare lefficienza aerodinamica la berlina si potrà abbassare grazie a un assetto pneumatico a tre camere. Questultimo sarà regolabile secondo le preferenze del guidatore e risponderà alle modifiche del setup in pochi millisecondi, così da garantire elevate prestazioni dinamiche e un confort degno di unammiraglia. Oltre a questo di serie verrà proposto lasse posteriore sterzante che permetterà di rendere più agile la vettura nel misto stretto e migliorare la tenuta nelle curve più veloci. LE BATTERIE. I due propulsori elettrici saranno alimentati da una batteria collocata sul fondo della vettura, tra i due assi. Questa soluzione, largamente utilizzata sulle vetture elettriche di ogni tipo, consentirà di abbassare il baricentro della e-tron GT ancora più in basso rispetto a quello di una R8. Il pacco batterie, formato da 396 celle suddivise in 33 moduli, avrà una capacità netta di 83,7 kWh (93,4 kWh lordi) e dovrebbe garantire una percorrenza di diverse centinaia di chilometri. Per la ricarica è previsto un sistema a 270 kW con delle funzioni pensate per i lunghi viaggi: quando la vettura si avvicina alla destinazione, o al punto di ricarica selezionato sul navigatore, può infatti iniziare automaticamente a raffreddare gli accumulatori, così da garantire una velocità di trasferimento dellenergia elevata già nei primi minuti di ricarica. IN ARRIVO NUOVE IBRIDE PLUG-IN SPORTIVE. Presentando la nuova elettrica, lAudi ha anche fatto il punto sulla strategia delettrificazione della gamma sportiva. I modelli più diffusi, come le RS 3, RS 4 e RS 6 continueranno a utilizzare motori termici (anche il cinque cilindri è confermato) ma, parallelamente, arriveranno nuovi modelli elettrificati. Oltre alle vetture a emissioni zero come la RS e-tron GT, Ingolstadt lancerà anche una nuova gamma di ibride plug-in ad alte prestazioni firmate Audi Sport: per il momento la Casa non ha fornito ulteriori informazioni, limitandosi ad affermare che i segmenti sui quali introdurre queste high performance Phev sono ancora in fase di definizione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUDI-E-TRON-GT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/18/PORSCHE_TAYCAN_VIDEO_PAOLO_MASSAI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA-E [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/E-TRON [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI/A6-STATION/RS-6-AVANT-40-TFSI-V8-QUATTRO-TIPTRONIC-133931201910 2020-11-05 13:02:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/05/bonus_mobilita_le_richieste_di_rimborso_ripartiranno_il_9_novembre/gallery/rbig/2020-bonus-mobilità-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33011 Bonus mobilità - Le richieste di rimborso ripartiranno il 9 novembre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33011&tipo=fv Già dopo la chiusura tra le polemiche del clickday, il ministro dellAmbiente Sergio Costa aveva detto più volte: Rimborseremo tutti, promettendo un rimedio a quegli italiani che, A CAUSA DEI PROBLEMI TECNICI [1], NON SONO RIUSCITI A INOLTRARE IN TEMPO LA DOMANDA [2] per il BONUS MOBILITà [3] (il recupero del 60% del costo sostenuto per lacquisto di una bici o di un mezzo elettrico da ultimo miglio, fino a un massimo di 500 euro). Ora sembra giunto il momento di passare ai fatti con la riattivazione delle domande di rimborso. LE DATE. stato lo stesso ministro ad annunciare liniziativa nel corso del format Tutto in Famiglia di Radio Cusano Campus: Dato che ci sono stati incidenti tecnici e che qualcuno non è riuscito ad avere il cosiddetto ristoro, ho deciso che, dal 9 novembre al 9 dicembre, tutti coloro che sono rimasti esclusi potranno fare richiesta iscrivendosi al portale, con la promessa che le risorse mancanti verranno iscritte al bilancio del ministero dellAmbiente. Alcuni fondi potrebbero arrivare dai buoni digitali emessi e non utilizzati, che hanno una validità di 30 giorni e che non possono essere ceduti a terzi: Ho già attivato la guardia finanza perché il bonus è personale e stiamo già individuando delle persone che lhanno messo in vendita in maniera truffaldina, le parole di Sergio Costa. IL PUNTO SULLE POLEMICHE. Lo stesso titolare del dicastero di via Cristoforo Colombo è poi intervenuto sui disagi del click-day: I tecnici mi avevano assicurato che avrebbe funzionato tutto in modo veloce, in realtà non è stato così, almeno nelle prime 7-8 ore, con code pesanti che giustamente hanno fatto arrabbiare i cittadini. Nel pomeriggio, poi, la piattaforma ha cominciato a girare bene. Mi sono messo in contatto con gli amministratori dei vari provider che sono stati al mio fianco ora per ora per aggiustare la cosa. Il ministro, comunque, si ritiene soddisfatto dellelevato numero di richieste: Dal punto di vista della partecipazione degli italiani è un dato molto positivo: vuol dire che cè una voglia di nuova mobilità, ha osservato Costa. GLI INCENTIVI DEL 2021. Coloro che invece non hanno ancora acquistato la bicicletta e vorranno farlo - ha poi aggiunto il ministro - da gennaio potranno usufruire dei vecchi benefici rottamando un veicolo più inquinante. Il riferimento, in questo caso, è allecorottamazione prevista per il 2021, quando sarà possibile ottenere un buono di 1.500 euro demolendo unauto con omologazione Euro 3 o precedenti o di 500 euro se il mezzo rottamato è una moto o uno scooter. Il contributo, che avrà validità triennale, sarà utilizzabile per lacquisto di bici a pedalata assistita o di mezzi elettrici da ultimo miglio, ma anche per abbonamenti ai trasporti e ai servizi di mobilità in condivisione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/11/03/BONUS_MOBILITA_IL_CLICK_DAY_PARTE_MALE_IL_PORTALE_E_SUBITO_IN_TILT_.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/11/04/bonus_mobilita_esaurimento_fondi_dopo_click_day.html [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BONUS-MOBILITA 2020-11-05 13:02:33 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/05/hyundai_i20_prezzo_motori_dimensioni_caratteristiche_immagini/gallery/rbig/2020-hyundai-i20-0001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33010 Hyundai i20 - In Italia con prezzi a partire da 16.950 euro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33010&tipo=fv La HYUNDAI [1] ha introdotto in Italia la NUOVA I20 [2] con prezzi a partire da 16.950 euro. La gamma di motorizzazioni include il benzina quattro cilindri 1.2 aspirato e il tre cilindri 1.0 T-GDI. Il primo eroga 84 CV e 117 Nm e con il cambio manuale dichiara un consumo medio di 4,8-5,3 l/100 km con 117-127 g/km di CO2 emessa. L1.0 T-GDI è dotato di sistema mild hybrid a 48V ed eroga 100 CV e 175 Nm: è proposto sia con cambio manuale automatizzato iMT sia con lautomatico Dct. Con il manuale, questa versione della i20 dichiara una media di 4,9-5,4 l/100 km ed emissioni di CO2 di 112-122 g/km, mentre con lautomatico passa a 5,0-5,6 /100 km e 115-128 g/km. CONNECTLINE E BOSE. La gamma è composta da due allestimenti denominati ConnectLine e Bose. Il primo offre di serie il sistema di sicurezza eCall, il pacchetto di Adas Smartsense, i cerchi di lega da 16" con pneumatici misura 195/55, le luci diurne a Led, gli specchietti elettrici, il climatizzatore manuale, la strumentazione digitale con schermo da 10,25", linfotainment BlueLink con display da 8" completo di retrocamera, il sensore luci e pioggia, i sensori di parcheggio posteriori, il volante rivestito di pelle e la ricarica wireless per lo smartphone. La versione Bose aggiunge limpianto audio Premium Sound con woofer, linfotainment con display da 10,25", i cerchi da 17" con pneumatici 215/45 e le finiture interne bicolore. La lista degli optional è limitata alle tinte metallizzate e bicolore, ai sensori di parcheggio anteriori, oltre che alle dotazioni specifiche da aggiungere evntualmente alla versione ConnectLine. NEL 2021 NLINE ED N. Nella primavera del 2021 si aggiungerà a listino lallestimento N Line, caratterizzato da soluzioni specifiche per laerodinamica, lassetto e le finiture. La N Line sarà offerta in combinazione con il 1.2 MPI e con il 1.0 T-GDI, ma questultimo anche nella più potente variante da 120 CV. Non sono invece ancora disponibili informazioni relative al lancio commerciale della I20 N [3] da 204 CV, recentemente annunciata. HYUNDAI I20 1.2 MPI ConnectLine: 16.950 euro 1.2 MPI Bose: 19.200 euro 1.0 T-GDI 48V ConnectLine iMT: 19.150 euro 1.0 T-GDI 48V Bose iMT: 21.400 euro 1.0 T-GDI 48V Bose DCT: 22.600 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/10/14/HYUNDAI_I20_AL_VOLANTE_DELLA_1_0_T_GDI_MILD_HYBRID_A_48V.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/21/HYUNDAI_I20_N_MOTORE_PRESTAZIONI_INTERNI_USCITA.HTML 2020-11-05 12:32:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/05/audi_e_tron_gt_nuovi_dettagli_sulla_prima_rs_elettrica/gallery/rbig/2020-Audi-e-tron-GT-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33007 Audi e-tron GT - Nuovi dettagli sulla prima RS elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33007&tipo=fv Due versioni, entrambe a due motori, e potenze fino a 646 CV: lAUDI RS E-TRON GT [1] sarà un concentrato di tecnologia destinato a diventare la punta di diamante dellofferta AUDI SPORT [2]. Basata sulla stessa piattaforma della PORSCHE TAYCAN [3], la berlina elettrica dei Quattro anelli sfrutta soluzioni tecniche derivate dalla FORMULA E [4] per garantire prestazioni elevatissime. Per scoprire alcuni dei dettagli della sua meccanica e del nuovo powertrain a zero emissioni abbiamo partecipato a una tavola rotonda organizzata dallAudi, durante la quale sono emerse diverse informazioni inedite, a partire dal prezzo: in Germania la e-tron GT sarà proposta con un listino di partenza di circa 138 mila euro, il doppio rispetto alla SUV E-TRON [5], ma in linea con quello della R8 V10 a trazione posteriore. TESTA A TESTA CON LA RS6. La e-tron GT avrà una potenza di 440 CV, mentre la variante più potente, che dovrebbe prendere il nome di RS e-tron GT, arriverà a 598 CV, che potranno però salire a 646 con la funzione di Overboost (il nome è ripreso dal sistema che aumenta la pressione delle turbine nei motori termici, ma il funzionamento, ovviamente, sarà totalmente differente, _ndr_). La coppia massima sarà di 830 Nm: per lo 0-100 km/h basteranno meno di 3,5 secondi, mentre la velocità massima sarà di 250 km/h. Per fare un confronto, con 600 CV e 800 Nm lAUDI RS 6 AVANT [6] scatta da 0 a 100 km/h in 3,6 secondi e tocca la stessa velocità massima (limitata elettronicamente). Il peso delle due vetture, infatti, è simile: 2.150 kg per la familiare e 2.300 kg per la quattro porte elettrica, equamente ripartiti sui due assi QUATTRO RUOTE STERZANTI E ASSETTO PNEUMATICO. Tutte le e-tron GT disporranno di serie della trazione integrale: per ogni asse è previsto un motore elettrico dedicato. Lunità propulsiva anteriore, con trasmissione a marcia singola, avrà una potenza di 238 CV e verrà utilizzata praticamente in ogni condizione di marcia. La posteriore da 455 CV, invece, potrà essere abbinata a un differenziale a slittamento limitato, disporrà di un cambio a due rapporti e potrà essere esclusa nella modalità Eco per massimizzare lefficienza: in questa impostazione, inoltre, per migliorare lefficienza aerodinamica la berlina si potrà abbassare grazie a un assetto pneumatico a tre camere. Questultimo sarà regolabile secondo le preferenze del guidatore e risponderà alle modifiche del setup in pochi millisecondi, così da garantire elevate prestazioni dinamiche e un confort degno di unammiraglia. Oltre a questo di serie verrà proposto lasse posteriore sterzante che permetterà di rendere più agile la vettura nel misto stretto e migliorare la tenuta nelle curve più veloci. LE BATTERIE. I due propulsori elettrici saranno alimentati da una batteria collocata sul fondo della vettura, tra i due assi. Questa soluzione, largamente utilizzata sulle vetture elettriche di ogni tipo, consentirà di abbassare il baricentro della e-tron GT ancora più in basso rispetto a quello di una R8. Il pacco batterie, formato da 396 celle suddivise in 33 moduli, avrà una capacità netta di 83,7 kWh (93,4 kWh lordi) e dovrebbe garantire una percorrenza di diverse centinaia di chilometri. Per la ricarica è previsto un sistema a 270 kW con delle funzioni pensate per i lunghi viaggi: quando la vettura si avvicina alla destinazione, o al punto di ricarica selezionato sul navigatore, può infatti iniziare automaticamente a raffreddare gli accumulatori, così da garantire una velocità di trasferimento dellenergia elevata già nei primi minuti di ricarica. IN ARRIVO NUOVE IBRIDE PLUG-IN SPORTIVE. Presentando la nuova elettrica, lAudi ha anche fatto il punto sulla strategia delettrificazione della gamma sportiva. I modelli più diffusi, come le RS 3, RS 4 e RS 6 continueranno a utilizzare motori termici (anche il cinque cilindri è confermato) ma, parallelamente, arriveranno nuovi modelli elettrificati. Oltre alle vetture a emissioni zero come la RS e-tron GT, Ingolstadt lancerà anche una nuova gamma di ibride plug-in ad alte prestazioni firmate Audi Sport: per il momento la Casa non ha fornito ulteriori informazioni, limitandosi ad affermare che i segmenti sui quali introdurre queste high performance Phev sono ancora in fase di definizione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/AUDI-E-TRON-GT [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/18/PORSCHE_TAYCAN_VIDEO_PAOLO_MASSAI.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA-E [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/AUDI/E-TRON [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI/A6-STATION/RS-6-AVANT-40-TFSI-V8-QUATTRO-TIPTRONIC-133931201910 2020-11-05 12:05:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/05/nissan_navara_2021_restyling_scheda_tecnica_allestimento_pro_x/gallery/rbig/2020-nissan-navara-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33009 Nissan Navara - Prime immagini del restyling - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33009&tipo=fv Tempo di restyling per il NISSAN NAVARA [1], che in Giappone e in altri mercati (per esempio quello sudamericano, dove è conosciuto con il nome di Frontier) si svela nella nuova veste. un aggiornamento di sostanza, quello del pick-up asiatico, che è stato ridisegnato sia allanteriore sia al posteriore, ma anche arricchito di tecnologie di assistenza alla guida e, per la prima volta, viene proposto nellallestimento avventuriero Pro-4X, configurato da un pacchetto di optional dedicato. Le vendite partiranno a dicembre in Thailandia e a seguire negli altri mercati. UN MUSO TUTTO NUOVO. Il look cambia soprattutto al frontale, dove gli interventi sono evidenti al colpo docchio: è inedito il design dei fari a Led così come quello della griglia, più massiccia e prominente, ed è stato interamente ristilizzato il paraurti, con gli alloggiamenti dei fendinebbia sviluppati in verticale e sollevati verso i passaruota, disegnando due fossette su uno sguardo divenuto decisamente più grintoso. Anche al posteriore il Navara è più scolpito di prima e sfoggia una firma luminosa riconoscibile dai Led a forma di C. PIù HIGH-TECH. Se gli interni si limitano a piccoli aggiornamenti dellinfotainment e di alcuni elementi, come per esempio il volante, ben più consistente è il contributo tecnologico del restyling: nella gamma del pick-up verranno infatti resi disponibili, in tutti i mercati, lIntelligent Forward Collision Warning, la frenata automatica demergenza e lIntelligent Around View Monitor, che sfrutta quattro telecamere per monitorare il perimetro nelle manovre ed è dotato di una funzione specifica dedicata alla guida in fuoristrada, che a basse velocità, e con il 4x4 inserito, permette di visualizzare gli ostacoli circostanti presenti sul percorso. Il nuovo modello può contare anche su un assale posteriore rinforzato e su una ritaratura dello sterzo che, secondo la Casa, dovrebbe renderlo più manovrabile alle basse velocità e più reattivo nella guida spedita. LA VERSIONE PRO-4X. Senza per il momento fornire dettagli, nemmeno sulla gamma motori, la Nissan promette anche una maggiore capacità di carico sul pianale e dichiara di aver migliorato ridotto sensibilmente rumorosità e vibrazioni nellabitacolo della Navara. Per caratterizzarne ulteriormente la presenza su strada, infine, viene proposto linedito pacchetto Pro-4X, che include elementi in nero lucido (dalla griglia ai cerchi passando per le barre al tetto, gli specchietti, le maniglie e altri ancora) alternati a inserti arancioni e ruote da 17 con pneumatici da off-road. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/06/04/NISSAN_NAVARA_2019_NOVITA_INTERNI_MOTORI_E_TEMPI_DI_USCITA.HTML 2020-11-05 12:05:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/05/fca_psa_tagli_modelli_e_marchi/gallery/rbig/2020-Jeep-Renegade-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33008 FCA-PSA - In Cina meno marchi, modelli e fabbriche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33008&tipo=fv Il gruppo STELLANTIS [1] non è ancora nato ufficialmente e il prossimo amministratore delegato Carlos Tavares, forse, non ha iniziato neanche a lavorare sul PIANO INDUSTRIALE [2] del nuovo colosso del settore auto. Eppure stanno iniziando a emergere gradualmente alcune indicazioni sulle prossime strategie della relatà frutto della fusione tra la FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [3] e la francese PSA [4]. Dopo le indiscrezioni sulle INIZIATIVE PER I SEGMENTI A E B [5], Autonews fornisce un quadro di quelle che dovrebbero essere le mosse per rilanciare le attività in Cina. RIDIMENSIONAMENTO. Per recuperare il divario rispetto alla concorrenza, Stellantis porterà avanti un piano allinsegna del ridimensionamento e della riorganizzazione: meno marchi, meno modelli e meno fabbriche è la sintesi di Autonews sulla base di quanto affermato da Philippe de Rovira, direttore finanziario del costruttore transalpino. "Non è ragionevole pensare che continueremo con così tanti marchi, così tante piattaforme e così tante famiglie di modelli, visti i volumi che stanno registrando le due realtà", ha affermato de Rovira, ricordando la recente vendita di uno stabilimento della joint venture Dpca con Dongfeng e la chiusura di un altro sito, con lobiettivo di ridurre i costi fissi. I francesi hanno anche sciolto la joint venture con Changan per la produzione di veicoli a marchio DS e dismesso una FABBRICA A SHENZHEN [6]. "Abbiamo compiuto progressi significativi nella riduzione della capacità. Abbiamo ancora due stabilimenti e stiamo lavorando per ridurre ulteriormente i costi fissi", ha aggiunto de Rovira. LA PRESENZA. La Cina, ricorda la rivista, era un tempo il maggior mercato singolo del gruppo PSA, con oltre 700 mila vendite nel 2014. Lanno scorso, però, i volumi sono scesi a circa 119 mila vetture e questanno sono destinati a calare ulteriormente a meno di 50 mila (nei primi nove mesi dellanno scorso è stato registrato un -64% a 31.239 veicoli). La Fiat Chrysler è ormai presente in Cina solo con il marchio JEEP [7] e con una produzione locale, tramite la joint venture con Gac Motor, limitata a Grand Commander, Renegade, Compass e Cherokee. Anche nel suo caso le vendite sono molto lontane dai livelli raggiunti dai concorrenti diretti, in grado di offrire ai cinesi prodotti a prezzi più abbordabili e più in linea con le loro esigenze e aspettative: a settembre sono calate del 36% a 3.862 unità e nei primi nove mesi del 47% a 27.675. GLI OBIETTIVI DI TAVARES. In tale contesto Tavares ha più volte escluso un addio al mercato cinese e al contempo messo in chiaro la necessità di procedere con un rilancio delle attività potendo contare proprio sulla possibilità di generare sinergie con la Fiat Chrysler. Intanto, però, la priorità è riorganizzare le attività cinesi del gruppo PSA. Il PROGRAMMA [8], in particolare, prevede il taglio di diverse migliaia di posti di lavoro anche per ridurre il break-even operativo in corrispondenza di vendite intorno a 150 mila unità. La ristrutturazione sarà accompagnata anche da una rifocalizzazione della gamma prodotto con lobiettivo di soddisfare meglio le richieste del mercato e quindi aumentare i volumi commerciali a 250 mila vetture lanno prossimo e a 400 mila entro il 2025. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/STELLANTIS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/03/06/FUSIONE_FCA_PSA_TAVARES_PER_IL_PIANO_INDUSTRIALE_CI_VORRA_UN_PO_DI_TEMPO_.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-PSA [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/15/GRUPPO_PSA_ADDIO_SEGMENTO_A_NUOVE_CONFERME_SULLO_STOP_A_PEUGEOT_108_E_CITROEN_C1.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/11/29/GRUPPO_PSA_PRONTA_LA_CESSIONE_DELLA_FABBRICA_DS_IN_CINA.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/JEEP.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/08/12/GRUPPO_PSA_IN_VISTA_UN_PROFONDO_RIASSETTO_DELLE_ATTIVITA_IN_CINA.HTML 2020-11-05 12:05:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/11/05/lamborghini_huracan_supercar_polizia_di_stato_trasporto_rene_trapianto_ospedale_gemelli_roma/gallery/rbig/lamborghini-huracan-polizia-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33005 Lamborghini - La corsa della Huracán della Polizia per il trasporto di un rene VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33005&tipo=fv Per la LAMBORGHINI [1] la consegna di modelli come la GALLARDO [2] e la HURACáN [3] alla Polizia di Stato, decorate con la livrea del noto corpo delle forze armate, rappresenta unoperazione dimmagine, certo, ma non solo. Poter usufruire di una supercar di questo genere costituisce anche un aiuto significativo per alcune situazioni molto delicate, come il trasporto rapido degli organi. LOPERAZIONE. La testimonianza arriva da una clip diffusa proprio sul canale Twitter ufficiale dalla Polizia, che documenta la consegna di un rene, prelevato poche ore prima a Padova, nella capitale Roma. Loperazione, che si è conclusa al Policlinico Gemelli, è avvenuta lo scorso ottobre nellambito di una donazione da vivente definita "crossover", cioè di uno scambio tra coppie incompatibili, dove il familiare di un paziente in attesa di trapianto dona lorgano a un altro paziente, il cui partner a sua volta lo restituisce, come spiega il CENTRO NAZIONALE TRAPIANTI. TRASPORTO SU GOMMA. Si tratta quindi di unoperazione urgente, anche se non in maniera eccessiva: nel 60% delle donazioni il trasporto avviene per via aerea, ma per quegli organi che possono sopravvivere fuori dal corpo per più tempo, come i reni, può bastare il trasporto su una Huracán dotata di un V10 aspirato da 610 CV e capace di toccare i 325 km/h di velocità massima: la stessa che ABBIAMO PORTATO IN PISTA [4] qualche tempo fa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAMBORGHINI [2] https://www.quattroruote.it/news/sicurezza/2004/05/13/gallardo_in_uniforme.html [3] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2017/03/30/lamborghini_una_nuova_huracan_per_la_polizia_video.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://TV.QUATTRORUOTE.IT/LE-PROVE-DI-QUATTRORUOTE/VIDEO/LAMBORGHINI-HURACAN-POLIZIA-MP4 2020-11-05 11:09:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/05/incentivi_auto_stanno_per_finire_anche_quelli_per_la_fascia_61_90/gallery/rbig/dealer.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33006 Ecobonus - Incentivi, stanno per finire anche quelli per la fascia 61-90 g/km http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33006&tipo=fv Sono agli sgoccioli gli incentivi per le auto con emissioni di anidride carbonica comprese tra 61 e 90 g/km. Dei 150 milioni di euro messi a disposizione dallo Stato con il cosiddetto DECRETO AGOSTO [1], entrato in vigore il 15 agosto, questa mattina, allapertura delle concessionarie, erano rimasti in cassa appena 5 milioni. probabile, dunque, che entro la fine della settimana anche questo rubinetto si chiuderà, nemmeno due mesi dopo lesaurimento dei fondi destinati alle auto comprese nella fascia di emissioni 91-110 g/km, TERMINATI L11 SETTEMBRE [2]. NESSUN PROBLEMA PER LA FASCIA 0-60. Dovrebbero bastare fino alla fine dellanno, invece, i quasi 22 milioni residui, rispetto ai 50 stanziati in estate, per la fascia 0-60 g/km, quella delle auto elettriche e di alcune ibride, in gran parte plug-in. Peraltro le auto che rientrano in questa fascia possono comunque contare sul maxi rifinanziamento del vecchio ecobonus, che però prevede un contributo statale leggermente inferiore, in vigore da marzo 2019 e valido fino a tutto il 2021 e per il quale sono ancora disponibili oltre 115 milioni di euro. I CONTRIBUTI. Ecco fascia per fascia i contributi previsti fino al 31 dicembre, salvo esaurimento fondi, dal decreto Agosto (ricordando che mentre il bonus statale va detratto dal prezzo finale, quello del concessionario va detratto dal prezzo imponibile e che beneficiano dellincentivo le vetture con prezzo di listino fino a 40 mila euro (compresi gli accessori ma al netto dellIva, escluse Ipt e messa su strada) nella fascia 61-90 g/km e 50 mila euro (compresi gli accessori ma al netto dellIva, escluse Ipt e messa su strada) nella fascia 0 a 60 g/km. - 0-20 G/KM: 8.000 euro con rottamazione (+2.000 euro di contributo del concessionario), 5.000 euro senza rottamazione (+1.000 euro di contributo del concessionario); - 21-60 G/KM: 4.500 euro con rottamazione (+2.000 euro di contributo del concessionario), 2.500 euro senza rottamazione (+1.000 euro di contributo del concessionario); - 61-90 G/KM: 1.750 euro con rottamazione (+2.000 euro di contributo del concessionario), 1.000 euro senza rottamazione (+1.000 euro di contributo del concessionario). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/09/11/INCENTIVI_AUTO_ECOBONUS_ESAURITI_I_FONDI_PER_LA_FASCIA_91_110_G_KM.HTML 2020-11-05 11:09:50 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/11/03/dpcm_3_novembre_/gallery/rbig/2020-Giuseppe-Conte-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33004 Coronavirus - Conte firma il nuovo Dpcm: ecco tutti i dettagli http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33004&tipo=fv Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm con cui il governo stringe le maglie delle misure anti CORONAVIRUS [1]. Il decreto emergenziale sarà in vigore da venerdì 6 novembre fino al prossimo 3 dicembre e prevede diverse novità rispetto ai Dpcm precedenti: tra queste, il coprifuoco dalle 22 alle 5 per tutto il Paese, la chiusura di tutti i bar e ristoranti dalle 18 e un nuovo meccanismo pensato per far scattare automaticamente il lockdown nelle regioni più a rischio, da definire nelle prossime ore. Inizialmente il nuovo Dpcm sarebbe dovuto entrare in vigore giovedì 5 novembre ma il governo ha deciso di posticiparlo di un giorno "per consentire a tutti di disporre del tempo utile per organizzare le proprie attività". LIMITAZIONI AGLI SPOSTAMENTI. Nel documento firmato dal capo dellesecutivo sono presenti diverse misure di contenimento del contagio, alcune delle quali limitano anche la possibilità di spostamento dei cittadini già nel cosiddetto scenario 3. Per le aree del Paese "caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto", le cosiddette regioni rosse - cioè quelle con la più alta concentrazione di casi come la Lombardia, il Piemonte, la Calabria e la Valle dAosta - viene imposto un divieto di spostamento, con mezzi pubblici o privati, al di fuori del proprio comune di residenza e, conseguentemente, anche in entrata e in uscita dai confini regionali per due settimane. Restano aperte le aree di rifornimento carburante autostradali. Potrebbe inoltre tornare lautocertificazione per chi, per validi motivi (lavoro, necessità o salute), dovrà spostarsi allinterno della regione, fermo restando il diritto di rientro "presso il proprio domicilio, abitazione o residenza". In questo scenario, tuttavia, il ministro della Salute, Roberto Speranza, dovrebbe poter adottare ordinanze specifiche, valutando lesenzione dallapplicazione di una o più misure insieme al presidente della Regione. LE REGIONI ARANCIONI E GIALLE. Sono previste anche regioni arancioni, le quali presentano un rischio più basso, ma potenzialmente in aumento: qui saranno vietati gli spostamenti al di fuori del comune di residenza e i ristoranti e i bar rimarranno chiusi per tutto il giorno. Le restanti regioni sono considerate gialle (in precedenza indicate come verdi): verranno applicate solo limitazioni come il dimezzamento dei posti a sedere sui mezzi pubblici e lo stop, nei weekend, dei centri commerciali. Per tutta la settimana, chiusi anche musei, teatri e cinema. IL NODO TRASPORTI PUBBLICI. Nelle regioni senza limitazioni di spostamento per i cittadini, i mezzi pubblici del trasporto locale e ferroviario regionale rimarranno fruibili con un coefficiente di riempimento del 50%. A cambiare è anche la norma che riguarda il divieto di assembramento e la possibilità dei Comuni di chiudere strade e piazze: prima valeva unicamente dopo le 21, mentre ora la misura può essere disposta lungo tutto larco della giornata, su tutto il territorio nazionale. CONCESSIONARI E AUTORICAMBI APERTI IN TUTTA ITALIA. Nellallegato 23 (SCARICABILE QUI [2]) il governo ha indicato tutte le attività commerciali che potranno rimanere aperte anche allinterno delle zone rosse. Tra queste vi sono anche quelle attive nel "commercio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori". Concessionarie, meccanici e autoricambi potranno dunque rimanere aperti in tutto il Paese. TAXI E NCC. Per quanto riguarda i servizi di trasporto non di linea, il governo invita a non far occupare ai passeggeri il posto accanto al conducente: a bordo potranno salire al massimo due passeggeri, ma nel decreto non è specificato se questa limitazione si applica anche ai mezzi a sette o nove posti, come pulmini e minivan. Il conducente dovrà indossare dispositivi di protezione. IL SETTORE DEL NOLEGGIO. Secondo le nuove imposizioni del governo, i noleggiatori dovranno assicurare la pulizia dei veicoli prima di ogni nuova consegna, utilizzando prodotti disinfettanti per le superfici toccate più di frequente come il volante, la leva del cambio, il display, le manopole e i pulsanti. Per i servizi di bike sharing e di car sharing, infine, dovrà essere sempre raccomandata ligienizzazione frequente delle mani da parte dei clienti. REGIONI ROSSE: Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle dAosta REGIONI ARANCIONI: Puglia e Sicilia REGIONI GIALLE: Abruzzo, Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Molise, Sardegna, Toscana, Umbria, Veneto, Trentino Alto Adige e province di Trento e Bolzano Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/11/04/DPCM_3_NOVEMBRE_/_JCR_CONTENT/CONTENT/ARTICLE_ATTACHMENT_761960902/FILE.RES/DPCM_3_NOVEMBRE_2020.PDF 2020-11-04 22:01:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/04/subaru_brz_2021_uscita_/gallery/rbig/2020-Subaru-BRZ-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33003 Subaru BRZ - Primo sguardo alla nuova generazione - VIDEO http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33003&tipo=fv La SUBARU [1] ha fissato per il 18 novembre il debutto online della seconda generazione della sportiva BRZ [2]. Lannuncio è stato accompagnato da un teaser che mostra per la prima volta una porzione del frontale, mentre non ci sono ancora informazioni sulla meccanica. Curiosamente la TOYOTA [3] non ha ancora fatto annunci sulla sorella GT86, anchessa attesa al cambio generazionale sulla medesima piattaforma. NUOVO LOOK. Il teaser mostra per la prima volta i gruppi ottici, il cofano e una porzione del paraurti della nuova Subaru BRZ, della quale fino a oggi avevano visto DELLE FOTO SPIA [4] dove non era possibile apprezzare questi particolari. Il design del frontale è molto diverso da quello attuale: il faro risulta meno allungato verso il centro e allinterno ospita due elementi principali e la luce diurna a Led nella sezione inferiore. La mascherina e il paraurti non sono ben visibili, ma il taglio del cofano motore ricorda quello attuale ed è caratterizzato da linee e bombature di foggia sportiva. SICURAMENTE PIù POTENTE. La Subaru BRZ potrebbe crescere sotto molti punti di vista: se le dimensioni non dovrebbero cambiare molto rispetto alle attuali, è invece probabile che la piattaforma aggiornata possa offrire una maggiore rigidità torsionale e carreggiate più generose. Gli appassionati però sono ansiosi di sapere cosa si nasconderà dentro il cofano: al posto del 2.0 aspirato da 200 CV attuale potrebbe essere disponibile un boxer di cilindrata e potenza superiore, mentre altre indiscrezioni parlano di ununità sovralimentata ancora più prestazionale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/05/SUBARU_BRZ_TEASER_SECONDA_GENERAZIONE_CARATTERISTICHE_E_ANTICIPAZIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TOYOTA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2020/10/04/SUBARU_BRZ_LA_NUOVA_GENERAZIONE_E_ALLE_PRESE_CON_I_COLLAUDI.HTML 2020-11-04 19:45:23 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/04/cassa_depositi_e_prestiti_presentato_l_acceleratore_automotive/gallery/rbig/CDP-Acceleratore-Automotive.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33001 Cassa Depositi e Prestiti - Presentato lAcceleratore Automotive http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33001&tipo=fv 20 milioni di euro al servizio dellinnovazione automotive. questo il capitale che lAcceleratore Automotive promette di mobilitare allinterno della filiera dellauto, supportando il modello di business delle start-up coinvolte nel settore, soprattutto in questa fase di transizione della mobilità. Liniziativa, che nasce dalla collaborazione del Fondo Acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, la Fondazione Modena e Unicredit, è stata presentata questa mattina in occasione dellinaugurazione virtuale dello Spazio Cdp a Modena. SUPPORTO ALLE START-UP. Per supportare le nuove realtà del settore delle quattro ruote lacceleratore si avvale della partecipazione di Crit, broker emiliano specializzato in ricerca e analisi di tecnologie industriali e Plug and play, la più grande innovation platform al mondo, nonché dei grandi nomi dellindustria dellauto in qualità di sponsor o mentor: Con lobiettivo di far crescere in Italia uno dei più importanti ecosistemi di innovazione al mondo in questo ambito, lAcceleratore Automotive farà leva sulle aziende già PRESENTI NELLAREA [1], per favorire investimenti nel capitale umano e stimolare la crescita delle migliori start-up italiane, le parole di Giovanni Gorno Tempini, presidente di Cassa Depositi e Prestiti. Le realtà più innovative verranno così supportate in un percorso semestrale di validazione e valorizzazione del modello di business fin dalla loro fase embrionale, al termine del quale le migliori beneficeranno di un ulteriore investimento dellacceleratore. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2018/04/26/q_maps_alla_scoperta_della_motor_valley_video.html 2020-11-04 17:33:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/04/rapporto_audimob_trasporti_sempre_piu_cittadini_scelgono_l_auto/gallery/rbig/2020-mobilità-milano-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33002 Rapporto Audimob - Sempre più cittadini scelgono lauto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33002&tipo=fv Lauto come scudo contro il CORONAVIRUS [1] in unItalia che centellina gli spostamenti e guarda con interesse alla nuova mobilità, specialmente ai MONOPATTINI ELETTRICI [2], auspicandosi sia resa più sicura: è il quadro che emerge dal Rapporto Audimob sulla Mobilità degli Italiani, uno studio realizzato da Isofort (lIstituto Superiore di Formazione e Ricerca per i Trasporti) in collaborazione con il Cnel e il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. IN MACCHINA PER PROTEGGERSI DAL CONTAGIO. Lennesima fotografia dellItalia in movimento al tempo del Covid-19 mette ancora una volta le quattro ruote al centro della scena, con una domanda in crescita nel trasporto privato sulla scia di un trend già avviato nel 2019 (+3,5% al 62,5%) e rinforzato, oggi, dal timore dei contagi. Nello scenario pandemico, e in particolare durante il lockdown (-67%), sono crollati gli spostamenti giornalieri e, di conseguenza, i passeggeri per km percorsi (due indicatori in crescita nel biennio 2017-2019, rispettivamente dell8 e del 14%) ma lautomobile è rimasto il mezzo preferito e, soprattutto, quello ritenuto più sicuro. Viceversa, i trasporti pubblici, il cui utilizzo risultava in crescita anche nel 2019 (+1,1%), hanno incassato un duro colpo per la paura degli utenti di contrarre il virus: oltre un terzo dello share di mercato e quasi il 50% dei passeggeri sono così andati persi. La ricerca, poi, evidenzia, comera prevedibile, che durante la serrata si è registrato un calo drastico degli incidenti, di circa il 72% a marzo e dell85% ad aprile. PEDONI, BICI E MONOPATTINI. Audimob ha analizzato anche la cosiddetta mobilità dolce, in questo 2020 protagonista nelle politiche urbanistiche di alcune città e sostenuta, nei mesi scorsi, dagli incentivi del BONUS MOBILITà [3]. Dal rapporto emerge che, nel 2019, la quota di cittadini che si muovevano a piedi, in bicicletta o con altri mezzi è scesa di quattro punti percentuali (attestandosi al 24,1%), in controtendenza con gli anni precedenti in cui era in forte aumento. Di sicuro, il 2020 ha dato un impulso alla mobilità alternativa e ha acceso i riflettori sui monopattini elettrici, nuovi attori della scena urbana anche grazie al noleggio condiviso, che conta sei operatori in una ventina di città italiane e una flotta complessiva di oltre 27 mila veicoli. Secondo lo studio, quasi una persona su due (43%) manifesta interesse verso questo mezzo di spostamento, ma al contempo CHIEDE REGOLE RIGIDE [4] (80%) per lutilizzo. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/MONOPATTINI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/BONUS-MOBILITA [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/VIABILITA/2020/10/27/SUL_NUMERO_DI_NOVEMBRE_INCHIESTA_FOLLIA_URBANA.HTML 2020-11-04 17:33:48 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/04/enel_x_colonnine_ricarica_nei_ristoranti_fast_food_mcdonalds_/gallery/rbig/2020-enelx-mcdonalds-02.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=33000 Enel X - Lauto elettrica si ricarica anche da McDonalds http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=33000&tipo=fv ENEL X [1] e MCDONALDS hanno siglato un accordo che porterà, entro la fine del 2021, allattivazione di 200 PUNTI DI RICARICA per auto elettriche posizionati nei parcheggi di 100 ristoranti della catena presenti in Italia. RIEMPIRE LA PANCIA E LE BATTERIE. Il progetto intende sfruttare la capillare diffusione dei fast food statunitensi sul territorio nazionale per ampliare la rete di infrastrutture di ricarica. La partnership, infatti, prevede linstallazione delle stazioni JuicePole e JuicePump che consentiranno il rifornimento contemporaneo di due veicoli, con potenza erogabile fino a 22 kW in AC per le prime e di almeno 50 kW in DC per le seconde. Attraverso le JuicePump saranno sufficienti, in media, circa 30 minuti per completare una ricarica: un tempo grossomodo equivalente a quello che mediamente i clienti italiani di McDonalds trascorrono allinterno del fast food. Le prime stazioni di ricarica sono state installate nei McDonalds di Desio, Eboli, Loreto, San Benedetto del Tronto, Ancona e Osimo. Prossimamente toccherà anche ai punti vendita di Piombino, Barberino di Mugello, Alessandria, Quartu SantElena e Firenze. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/ENEL_X 2020-11-04 15:39:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/04/bmw_ix3_elettrica_autonomia_interni/gallery/rbig/2020-BMW-ix3-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32999 BMW iX3 - La Suv elettrica anticipa la strategia per il futuro http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32999&tipo=fv BMW [1] a batteria equivale per tutti alla I3 [2], loriginale elettrica sviluppata ex novo e lanciata nel 2013. Per il suo secondo modello esclusivamente a corrente la Casa di Monaco ha invece seguito una strada diversa: ha trasformato il suo modello più venduto, la X3 [3], sostituendo il propulsore tradizionale con un powertrain elettrico di ultima generazione, progettato e costruito dalla BMW stessa e alimentato con una batteria agli ioni di litio da 80 kWh che garantisce unautonomia (misurata col ciclo Wltp) di 460 km. Così è nata la nuova BMW IX3 [4]. DIESEL, BENZINA, IBRIDA O ELETTRICA. Si aggiunge così un ulteriore tassello nella strategia di elettrificazione del costruttore bavarese, che è ben conscio che la domanda di vetture a batteria è in crescita ma a un ritmo diverso nelle varie parti del mondo e le vendite di vetture convenzionali, a benzina e diesel, è ancora preponderante e lo sarà ancora per molti anni. Infatti, oggi il 14% delle vendite della BMW è relativo a vetture elettrificate, quota che salirà al 25% nel 2025 e nel 2030 due terzi delle consegne sarà rappresentato da auto almeno in parte spinte da motori elettrici. Così, la Casa di Monaco offre ai clienti la X3 in tutte le propulsioni oggi disponibili: quelle tradizionali, ovviamente, ma anche la plug-in e quella completamente elettrica. E nei prossimi anni questa politica proseguirà, mentre in futuro verranno prodotte piattaforme dedicate per le EV. Sempre parlando di scelte strategiche, a Monaco ritengono che le celle a combustibile siano adatte solo ai modelli più grandi, perché limpatto ambientale sullintero ciclo di vita è meno favorevole di quello delle auto a batteria (la iX3 ha emissioni di CO2 complessive inferiori del 30% rispetto alle versioni con motore termico, e del 60% se viene alimentata con energia rinnovabile); per la stessa ragione alla BMW sono tiepidi nei confronti dei combustibili a basso contenuto di carbonio come quelli biologici o ricavati tramite lelettrolisi dellacqua. TERRE RARE ADDIO. Il nuovo propulsore a corrente da 210 kW (286 CV) della iX3, che equipaggerà anche i prossimi modelli a batteria della Casa, è del tipo sincrono, ma invece del solito rotore coi magneti permanenti crea il campo magnetico necessario per il funzionamento grazie a un avvolgimento di spire percorse dalla corrente. Ciò ha comportato ladozione di contatti striscianti sul rotore (che comunque sono progettati per non avere problemi di usura) ma ha consentito di fare a meno delle terre rare necessarie alla fabbricazione dei magneti. Inoltre, la possibilità di variare lentità del campo magnetico dà un ulteriore grado di libertà sul controllo dellerogazione di coppia e della rigenerazione. Questa unità, secondo la BMW, è contraddistinta da un rendimento molto elevato (fino al 93%) e ciò, assieme allefficienza globale della vettura, consente di limitare il consumo di energia e quindi di ottenere unautonomia elevata con una batteria non troppo grande e pesante. Questultima è stata sviluppata in casa e prodotta da fornitori esterni su specifiche BMW e ha densità di energia superiore del 20% rispetto a quella di ultima generazione montata sulla i3. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BMW.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW/I3 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/BMW/X3.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/BMW_IX3_DEBUTTO_SUV_ELETTRICA_CARATTERISTICHE_TECNICHE_INTERNI_PREZZI.HTML 2020-11-04 15:39:01 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/04/volkswagen_e_tharu_svelata_la_suv_elettrica_per_la_cina/gallery/rbig/2020-volkswagen-e-tharu-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32998 Volkswagen e-Tharu - Svelata la Suv elettrica per la Cina http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32998&tipo=fv Mentre le attenzioni sono tutte per le nuove ID.3 e ID.4, la VOLKSWAGEN [1] presenta in Cina anche una elettrica più tradizionale. Si tratta della e-Tharu, versione ad emissioni zero della SUV PRODOTTA IN COLLABORAZIONE CON LA SAIC [2] e imparentata sia con la Tiguan europea sia con la americana Taos. La vettura sarà proposta in Cina a partire da 194.800 yuan, pari a circa 24.800 euro al cambio attuale. 315 KM DI AUTONOMIA NEL CICLO CINESE. La e-Tharu utilizza la piattaforma modulare Mqb e adotta un motore elettrico da 136 CV e 290 Nm di coppia massima, abbinato a batterie al litio da 44,1 kWh. In questa configurazione, la Suv è in grado di percorrere fino a 415 km procedendo a 60 km/h costanti, mentre lautonomia dichiarata, calcolata nel ciclo Nedc cinese, è pari a 315 km. La velocità massima è limitata a 150 km/h e non sono stati comunicati né i tempi di ricarica né la tipologia di colonnine rapide compatibili. Gli interni sono stati aggiornati con nuovi comandi a sfioramento per la climatizzazione e con un display più ampio per linfotainment, privo dei bottoni laterali precedenti. Da un punto di vista estetico, la vettura si distingue per le nuove luci diurne a Led inserite nel paraurti. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/16/VOLKSWAGEN_THARU_FOTO_DIMENSIONI_INFORMAZIONI.HTML 2020-11-04 13:21:54 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/04/bonus_mobilita_esaurimento_fondi_dopo_click_day/gallery/rbig/bici-bonus-mobilità-click-day-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32997 Bonus mobilità - Già esauriti i fondi dopo il click-day, il ministero ne promette di nuovi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32997&tipo=fv 215 milioni di euro volatilizzati in poco più di 24 ore. Nonostante i PROBLEMI RISCONTRATI IL 3 NOVEMBRE [1], quando molti utenti hanno avuto difficoltà ad accedere al portale e ad autenticarsi tramite lo Spid, al ministero dellAmbiente è stata inoltrata una mole imponente di domande, trainate soprattutto dalle richieste di rimborso di chi, negli ultimi meesi, aveva già acquistato una bici o un mezzo elettrico da ultimo miglio (soprattutto monopattini). I NUMERI. La conferma arriva da un post di Sergio Costa, ministro dellAmbiente, grazie al quale apprendiamo che, alle 19.30 del 3 novembre, erano già state inoltrate più di 104 mila domande, tra cui 68.556 richieste di rimborso. Sembrano tuttavia diversi gli utenti che, pur avendone i requisiti, non sono riusciti a richiedere lerogazione del 60% dellimporto già speso. ALTRO DENARO IN ARRIVO. Proprio a loro si rivolge il messaggio apparso questa mattina sul portale delliniziativa, che sembra promettere nuovi fondi nel breve periodo: "[] Il ministero dellAmbiente è impegnato nel reperire ulteriori risorse da appostare per lannualità 2020 del Programma sperimentale buono mobilità", si legge sul sito. "Pertanto, chi ha effettuato acquisti di beni e servizi incentivati dal Programma tra il 4 maggio e il 2 novembre 2020 e non ha ottenuto il rimborso per mancanza di risorse, è invitato a conservare i relativi documenti contabili". Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/11/03/bonus_mobilita_il_click_day_parte_male_il_portale_e_subito_in_tilt_.html 2020-11-04 12:51:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/04/bmw_auto_elettriche_in_tutti_gli_impianti_tedeschi_entro_il_2022/gallery/rbig/BMW-sede.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32996 BMW - Entro il 2022 verranno prodotte elettriche in tutti gli impianti tedeschi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32996&tipo=fv Il gruppo BMW [1] intende accelerare le strategie di mobilità elettrica e, nel 2022, produrrà un nuovo modello alla spina anche nello stabilimento bavarese di Regensburg (Ratisbona): in questo modo, entro due anni, tutti e quattro gli impianti di assemblaggio tedeschi della Casa dellElica assembleranno veicoli a emissioni zero. Per quanto riguarda gli altri tre, LIPSIA REALIZZA GIà LA I3 DAL 2013 E LO FARà FINO AL 2024 [2], mentre le fabbriche di Monaco di Baviera e di Dingolfing sforneranno dallanno prossimo, rispettivamente, LA I4 [3] e la INEXT [4]. LE STRATEGIE. La decisione della BMW ha una duplice valenza. Da una parte, intende saturare la capacità produttiva nel lungo termine, dallaltra preservare i livelli occupazionali negli stabilimenti tedeschi. Il gruppo bavarese ha anche iniziato a incrementare la produzione di componenti per trasmissioni destinate a modelli elettrificati: dal 2022, DINGOLFING AVRà LA CAPACITà DI ASSEMBLARE PROPULSORI PER UN MASSIMO DI 500 MILA VEICOLI [5] lanno, mentre a Lipsia e a Regensburg saranno fabbricate le batterie. Il tutto rientra in una più ampia strategia per lelettrificazione volta a ridurre le emissioni di CO2 lungo lintero ciclo di vita dei modelli, dalla filiera dellapprovvigionamento ai processi produttivi fino al riciclo e allo smaltimento delle componenti. Lobiettivo è tagliare, entro il 2030, le emissioni totali di almeno un terzo rispetto al 2019 e quelle dei veicoli del 40% per chilometro percorso durante lintero ciclo. LELETTRIFICAZIONE. La leva principale per raggiungere questi traguardi è rappresentata da una sempre più ampia offerta di modelli alla spina: nei prossimi dieci anni, il gruppo prevede oltre sette milioni di veicoli elettrificati sulle strade di tutto il mondo, due terzi dei quali completamente elettrici. Già dallanno prossimo saranno presenti nella gamma cinque modelli a emissioni zero: la BMW i3, la MINI COOPER SE [6], la BMW IX3 [7], la iNext e la I4 [8]. A questi si aggiungerà anche lammiraglia, la BMW SERIE 7 [9], che sarà disponibile con quattro tipologie di motorizzazioni: diesel, benzina, ibrido plug-in ed elettrico. Una scelta analoga riguarderà le BMW X1 e BMW Serie 5. Nel complesso, entro il 2023 saranno 25 i modelli elettrificati su strada, 13 dei quali a batteria. Lo sforzo, che prevede investimenti in R S per 30 miliardi fino al 2025, ha comunque già portato i frutti auspicati a Monaco di Baviera, visto che alla fine dellanno sarà raggiunto e superato il limite alle emissioni imposto dallUnione Europea: il gruppo sostiene di aver raggiunto livelli del 20% inferiori ai requisiti previsti per il 2019. I CONTI. Tutte le indicazioni sul fronte elettrico sono state fornite alla presentazione dei risultati finanziari del terzo trimestre, chiuso con un aumento delle vendite e degli utili grazie alla ripresa della domanda in alcune aree geografiche chiave come la Cina e al taglio dei costi intrapreso per ridurre limpatto della pandemia del CORONAVIRUS [10] (le spese in R S sono state ridotte del 2,5% e quelle su impianti e immobili del 28,2%). Tra luglio e settembre, le consegne sono cresciute dell8,6% a 675.592 unità mentre i ricavi sono scesi dell1,4% a 26,28 miliardi. Tuttavia, grazie al contributo della joint venture cinese BMW Brilliance, lutile pre-tasse è migliorato del 9,6% a 2,46 miliardi, per un margine in crescita dall8,4% al 9,4%, e i profitti del 17,4% a 1,8 miliardi. Nel solo segmento automotive, a fronte di ricavi in calo del 4,6% a 21,96 miliardi, lutile operativo è sceso del 2,2% a 1,477 miliardi per un margine comunque in lieve miglioramento, dal 6,6% al 6,7%, a dimostrazione del contributo decisivo delle attività in Cina. I TARGET. I dati del trimestre dimostrano una "sensibile ripresa delle performance finanziarie, anche se la crisi affrontata nei mesi primaverili fa sentire tutto il suo impatto sui conti dei primi nove mesi dellanno: consegne in calo del 12,5% (1,64 milioni di unità), ricavi in discesa del 7,1% (69,5 miliardi), utile pre-tasse in flessione del 41,5% (2,96 miliardi), per un margine in contrazione dal 6,8% al 4,3% e un utile netto crollato del 39,8% (2,18 miliardi). Ancor più pesante si è rivelato limpatto sulle sole attività automobilistiche, come dimostrato dal tonfo dei ricavi del 15,5%, a 54,83 miliardi, dellutile operativo del 94,3%, a 152 milioni, e del margine operativo dal 4,1% allo 0,3%. "La performance del terzo trimestre sottolinea la forza operativa e la capacità del gruppo BMW di operare bene in un ambiente difficile. Abbiamo migliorato gli utili rispetto a un anno fa e siamo quindi fermamente sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi per lintero anno", ha commentato lamministratore delegato Oliver Zipse. In particolare, nel contesto di un periodo "politicamente ed economicamente turbolento" e di una domanda "notevolmente ridotta" in tutti i mercati chiave, il costruttore prevede delle consegne annuali "significativamente inferiori" rispetto al 2019, mentre il margine operativo automotive è atteso tra il break even e il 3. "Significativamente inferiore", inoltre, è lutile pre-tasse consolidato preventivato. Tali previsioni, come hanno avvertito tanti altri costruttori, vanno considerate in assenza di particolari recrudescenze della pandemia. A tal proposito, a Monaco parlano di un persistente livello di incertezza in scia alle nuove misure di lockdown, ma si dicono "pronti ad agire rapidamente e con decisione" in caso di sviluppi negativi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/01/02/BMW_LA_I3_SARA_PRODOTTA_ALMENO_FINO_AL_2024.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/10/BMW_LO_STABILIMENTO_DI_MONACO_E_PRONTO_A_COSTRUIRE_LA_NUOVA_I4.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/27/BMW_INEXT_COLLAUDI_ESTREMI_PER_LA_SUV_ELETTRICA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/06/GRUPPO_BMW_ESPANSIONE_PRODUZIONE_COMPONENTI_MOTORI_ELETTRICI_STABILIMENTO_DINGOLFING.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/01/29/MINI_ELETTRICA_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/BMW_IX3_DEBUTTO_SUV_ELETTRICA_CARATTERISTICHE_TECNICHE_INTERNI_PREZZI.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/03/03/BMW_I4_FOTO_BATTERIE_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/19/BMW_SERIE_7_LA_PROSSIMA_GENERAZIONE_SARA_ANCHE_ELETTRICA.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-04 11:02:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/04/bmw_auto_elettriche_in_tutti_gli_impianti_tedeschi_entro_il_2022/gallery/rbig/BMW-sede.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32995 BMW - Entro il 2022 verranno prodotte auto elettriche in tutti gli impianti tedeschi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32995&tipo=fv Il gruppo BMW [1] intende accelerare le strategie di mobilità elettrica e, nel 2022, produrrà un nuovo modello alla spina anche nello stabilimento bavarese di Regensburg (Ratisbona): in questo modo, entro due anni, tutti e quattro gli impianti di assemblaggio tedeschi della Casa dellElica assembleranno veicoli a emissioni zero. Per quanto riguarda gli altri tre, LIPSIA REALIZZA GIà LA I3 DAL 2013 E LO FARà FINO AL 2024 [2], mentre le fabbriche di Monaco di Baviera e di Dingolfing sforneranno dallanno prossimo, rispettivamente, LA I4 [3] e la INEXT [4]. LE STRATEGIE. La decisione della BMW ha una duplice valenza. Da una parte, intende saturare la capacità produttiva nel lungo termine, dallaltra preservare i livelli occupazionali negli stabilimenti tedeschi. Il gruppo bavarese ha anche iniziato a incrementare la produzione di componenti per trasmissioni destinate a modelli elettrificati: dal 2022, DINGOLFING AVRà LA CAPACITà DI ASSEMBLARE PROPULSORI PER UN MASSIMO DI 500 MILA VEICOLI [5] lanno, mentre a Lipsia e a Regensburg saranno fabbricate le batterie. Il tutto rientra in una più ampia strategia per lelettrificazione volta a ridurre le emissioni di CO2 lungo lintero ciclo di vita dei modelli, dalla filiera dellapprovvigionamento ai processi produttivi fino al riciclo e allo smaltimento delle componenti. Lobiettivo è tagliare, entro il 2030, le emissioni totali di almeno un terzo rispetto al 2019 e quelle dei veicoli del 40% per chilometro percorso durante lintero ciclo. LELETTRIFICAZIONE. La leva principale per raggiungere questi traguardi è rappresentata da una sempre più ampia offerta di modelli alla spina: nei prossimi dieci anni, il gruppo prevede oltre sette milioni di veicoli elettrificati sulle strade di tutto il mondo, due terzi dei quali completamente elettrici. Già dallanno prossimo saranno presenti nella gamma cinque modelli a emissioni zero: la BMW i3, la MINI COOPER SE [6], la BMW IX3 [7], la iNext e la I4 [8]. A questi si aggiungerà anche lammiraglia, la BMW SERIE 7 [9], che sarà disponibile con quattro tipologie di motorizzazioni: diesel, benzina, ibrido plug-in ed elettrico. Una scelta analoga riguarderà le BMW X1 e BMW Serie 5. Nel complesso, entro il 2023 saranno 25 i modelli elettrificati su strada, 13 dei quali a batteria. Lo sforzo, che prevede investimenti in R S per 30 miliardi fino al 2025, ha comunque già portato i frutti auspicati a Monaco di Baviera, visto che alla fine dellanno sarà raggiunto e superato il limite alle emissioni imposto dallUnione Europea: il gruppo sostiene di aver raggiunto livelli del 20% inferiori ai requisiti previsti per il 2019. I CONTI. Tutte le indicazioni sul fronte elettrico sono state fornite alla presentazione dei risultati finanziari del terzo trimestre, chiuso con un aumento delle vendite e degli utili grazie alla ripresa della domanda in alcune aree geografiche chiave come la Cina e al taglio dei costi intrapreso per ridurre limpatto della pandemia del CORONAVIRUS [10] (le spese in R S sono state ridotte del 2,5% e quelle su impianti e immobili del 28,2%). Tra luglio e settembre, le consegne sono cresciute dell8,6% a 675.592 unità mentre i ricavi sono scesi dell1,4% a 26,28 miliardi. Tuttavia, grazie al contributo della joint venture cinese BMW Brilliance, lutile pre-tasse è migliorato del 9,6% a 2,46 miliardi, per un margine in crescita dall8,4% al 9,4%, e i profitti del 17,4% a 1,8 miliardi. Nel solo segmento automotive, a fronte di ricavi in calo del 4,6% a 21,96 miliardi, lutile operativo è sceso del 2,2% a 1,477 miliardi per un margine comunque in lieve miglioramento, dal 6,6% al 6,7%, a dimostrazione del contributo decisivo delle attività in Cina. I TARGET. Si tratta, comunque, di dati in "sensibile ripresa" rispetto a quelli dei primi sei mesi dellanno, che hanno pagato pesantemente limpatto della crisi affrontata in primavera: consegne in calo del 12,5% (1,64 milioni di unità), ricavi in discesa del 7,1% (69,5 miliardi), utile pre-tasse in flessione del 41,5% (2,96 miliardi), per un margine in contrazione dal 6,8% al 4,3%, e utile netto crollato del 39,8% (2,18 miliardi). Ancor più pesante si è rivelato limpatto sulle sole attività automobilistiche, come dimostrato dal tonfo dei ricavi del 15,5%, a 54,83 miliardi, dellutile operativo del 94,3%, a 152 milioni, e del margine operativo dal 4,1% allo 0,3%. "La performance del terzo trimestre sottolinea la forza operativa e la capacità del gruppo BMW di operare bene in un ambiente difficile. Abbiamo migliorato gli utili rispetto a un anno fa e siamo quindi fermamente sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi per lintero anno", ha commentato lamministratore delegato Oliver Zipse. In particolare, nel contesto di un periodo "politicamente ed economicamente turbolento" e di una domanda "notevolmente ridotta" in tutti i mercati chiave, le consegne annuali sono previste "significativamente inferiori" rispetto al 2019 mentre il margine operativo automotive è atteso tra il break-even e il 3. Lutile pre-tasse consolidato preventivato è "significativamente inferiore". Tali previsioni, come hanno avvertito tanti altri costruttori, vanno considerate in assenza di particolari recrudescenze della pandemia. A tal proposito, a Monaco di Baviera parlano di un persistente livello di incertezza in scia alle nuove misure di lockdown, ma si dicono "pronti ad agire rapidamente e con decisione" in caso di sviluppi negativi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/ECOLOGIA/2020/01/02/BMW_LA_I3_SARA_PRODOTTA_ALMENO_FINO_AL_2024.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/10/BMW_LO_STABILIMENTO_DI_MONACO_E_PRONTO_A_COSTRUIRE_LA_NUOVA_I4.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/27/BMW_INEXT_COLLAUDI_ESTREMI_PER_LA_SUV_ELETTRICA.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/02/06/GRUPPO_BMW_ESPANSIONE_PRODUZIONE_COMPONENTI_MOTORI_ELETTRICI_STABILIMENTO_DINGOLFING.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/01/29/MINI_ELETTRICA_PREZZO_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/07/14/BMW_IX3_DEBUTTO_SUV_ELETTRICA_CARATTERISTICHE_TECNICHE_INTERNI_PREZZI.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/CONCEPT/2020/03/03/BMW_I4_FOTO_BATTERIE_AUTONOMIA_PRESTAZIONI.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/19/BMW_SERIE_7_LA_PROSSIMA_GENERAZIONE_SARA_ANCHE_ELETTRICA.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-04 10:34:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/04/mazda_cx_3_caratteristiche_motore_e_prezzo_del_model_year_2021_in_italia/gallery/rbig/2020-Mazda-CX-3-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32994 Mazda CX-3 - Le novità del Model Year 2021 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32994&tipo=fv La MAZDA [1] ha presentato in Italia il Model Year 2021 della CX-3 [2]. La crossover sarà disponibile, entro poche settimane, a un prezzo di partenza di 23.150 euro, con dotazioni rinnovate e piccoli aggiornamenti di carattere estetico. Lunico propulsore offerto dalla Casa è il 2.0 benzina Skyactiv-G da 121 CV abbinato al cambio manuale o automatico a sei marce: la sola variante manuale offre la disattivazione dei cilindri ai carichi parziali, che consente di ridurre fino al 14% i consumi e le emissioni. DOTAZIONI PIù RICCHE PER EXECUTIVE ED EXCEED. Laggiornamento della CX-3 si riconosce principalmente per i nuovi loghi e per le modifiche proposte dentro labitacolo: i sedili sono stati infatti ridisegnati per offrire un maggiore confort a bordo e derivano da quelli della CX-30. Lallestimento Executive propone di serie la frenata automatica con il riconoscimento dei pedoni diurno e notturno, i cerchi di lega da 18", linfotainment Mazda Connect con connessione wireless compatibile con Apple CarPlay e Android Auto, il climatizzatore automatico, i sensori di parcheggio, i vetri oscurati posteriori e i sensori luce e pioggia. La più ricca Exceed, invece, disponibile a un prezzo di 25.000 euro, aggiunge i gruppi ottici Full Led, la Smart Key, lhead-up display, la retrocamera, le finiture esterne cromate e gli interni di pelle e tessuto. PRINCIPALI OPZIONI. La lista degli optional include il pacchetto di Adas i-Activesense con il cruise control adattivo, il Blind Spot Monitoring, il riconoscimento dei segnali della strada e i gruppi ottici Matrix Led, gli interni di pelle con i sedili riscaldabili e regolabili elettricamente e limpianto audio Bose. Tra le nove tinte esterne disponibili, infine, fa il suo debutto la variante Polymetal Gray. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MAZDA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/05/MAZDA_PRESENTATA_LA_VERSIONE_2020_DELLA_CX_3.HTML 2020-11-04 10:34:05 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/11/03/dpcm_3_novembre_/gallery/rbig/2020-Giuseppe-Conte-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32993 Coronavirus - Conte firma il nuovo Dpcm: stop agli spostamenti nelle regioni rosse http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32993&tipo=fv Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm con cui il governo stringe le maglie delle misure anti CORONAVIRUS [1]. Il decreto emergenziale sarà in vigore da domani, giovedì 5 novembre, fino al prossimo 3 dicembre e prevede diverse novità rispetto ai Dpcm precedenti: tra queste, il coprifuoco dalle 22 alle 5 per tutto il Paese, la chiusura di tutti i bar e ristoranti dalle 18 e un nuovo meccanismo pensato per far scattare automaticamente il lockdown nelle regioni più a rischio, da definire nelle prossime ore. LIMITAZIONI AGLI SPOSTAMENTI. Nel documento firmato dal capo dellesecutivo sono presenti diverse misure di contenimento del contagio, alcune delle quali limitano anche la possibilità di spostamento dei cittadini già nel cosiddetto scenario 3. Per le aree del Paese "caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto", le cosiddette regioni rosse, cioè quelle con la più alta concentrazione di casi, viene imposto un divieto di spostamento, con mezzi pubblici o privati, al di fuori del proprio comune di residenza e, conseguentemente, anche in entrata e in uscita dai confini regionali per due settimane. Restano aperte le aree di rifornimento carburante autostradali. Potrebbe inoltre tornare lautocertificazione per chi, per validi motivi (lavoro, necessità o salute), dovrà spostarsi allinterno della regione, fermo restando il diritto di rientro "presso il proprio domicilio, abitazione o residenza". In questo scenario, tuttavia, il ministro della Salute, Roberto Speranza, dovrebbe poter adottare ordinanze specifiche, valutando lesenzione dallapplicazione di una o più misure insieme al presidente della Regione. LE REGIONI ARANCIONI E VERDI. Sono previste anche regioni arancioni, le quali presentano un rischio più basso, ma potenzialmente in aumento: qui saranno vietati gli spostamenti al di fuori del comune di residenza e i ristoranti e i bar rimarranno chiusi per tutto il giorno. Le restanti regioni sono considerate verdi: verranno applicate solo limitazioni come il dimezzamento dei posti a sedere sui mezzi pubblici e lo stop, nei weekend, dei centri commerciali. Per tutta la settimana, chiusi anche musei, teatri e cinema. IL NODO TRASPORTI PUBBLICI. Nelle regioni senza limitazioni di spostamento per i cittadini, i mezzi pubblici del trasporto locale e ferroviario regionale rimarranno fruibili con un coefficiente di riempimento del 50%. A cambiare è anche la norma che riguarda il divieto di assembramento e la possibilità dei Comuni di chiudere strade e piazze: prima valeva unicamente dopo le 21, mentre ora la misura può essere disposta lungo tutto larco della giornata, su tutto il territorio nazionale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-04 10:05:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/viabilita/2020/11/03/dpcm_3_novembre_/gallery/rbig/2020-Giuseppe-Conte-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32992 Coronavirus - Conte firma il nuovo Dpcm: stop agli spostamenti nelle Regioni rosse http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32992&tipo=fv Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm con cui il governo stringe le maglie delle misure anti CORONAVIRUS [1]. Il decreto emergenziale sarà in vigore da domani, giovedì 5 novembre, fino al prossimo 3 dicembre e prevede diverse novità rispetto ai Dpcm precedenti: tra queste il coprifuoco dalle 22 alle 5 per tutto il Paese, la chiusura di tutti i bar e ristoranti dalle 18 e un nuovo meccanismo pensato per far scattare automaticamente il lockdown nelle Regioni più a rischio, da definire nelle prossime ore. LIMITAZIONI AGLI SPOSTAMENTI. Nel documento firmato dal capo dellesecutivo sono presenti diverse misure di contenimento del contagio, alcune delle quali limitano anche la possibilità di spostamento dei cittadini già nel cosiddetto scenario 3. Per le aree del Paese "caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto", le cosiddette Regioni rosse, cioè quelle con la più alta concentrazione di casi, viene imposto un divieto di spostamento, con mezzi pubblici o privati, al di fuori del proprio Comune di residenza e, conseguentemente, anche in entrata e in uscita dai confini regionali per due settimane. Restano aperte le aree di rifornimento carburante autostradali. Potrebbe inoltre tornare lautocertificazione per chi, con validi motivi (lavoro, necessità o salute), dovrà spostarsi allinterno della Regione, fermo restando il diritto di rientro "presso il proprio domicilio, abitazione o residenza". In questo scenario, tuttavia, il ministro della Salute Roberto Speranza dovrebbe poter adottare delle ordinanze specifiche valutando lesenzione dallapplicazione di una o più misure insieme al presidente della Regione. LE REGIONI ARANCIONI E VERDI. Sono previste anche delle Regioni arancioni, le quali presentano un rischio più basso ma potenzialmente in aumento: qui saranno vietati gli spostamenti al di fuori del Comune di residenza e i ristoranti e i bar rimarranno chiusi per tutto il giorno. Le restanti Regioni sono considerate "verdi": verranno applicate solo limitazioni come il dimezzamento dei posti a sedere sui mezzi pubblici e lo stop, nei weekend, dei centri commerciali. Per tutta la settimana chiusi anche musei, teatri e cinema. IL NODO TRASPORTI PUBBLICI. Nelle Regioni senza limitazioni di spostamento per i cittadini, i mezzi pubblici del trasporto locale e ferroviario regionale rimarranno fruibili con un coefficiente di riempimento del 50%. A cambiare è anche la norma che riguarda il divieto di assembramento e la possibilità dei Comuni di chiudere strade e piazze: prima valeva unicamente dopo le 21, mentre ora la misura può essere disposta lungo tutto larco della giornata, su tutto il territorio nazionale. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-04 09:11:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/04/volkswagen_golf_8_r_2021_motore_cavalli_prestazioni_interni_uscita/gallery/rbig/2020-Volkswagen-Golf-R-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32991 Volkswagen Golf - 320 CV e Drift mode per la nuova R http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32991&tipo=fv Dopo la GTI [1] e la GTI CLUBSPORT [2], la VOLKSWAGEN [3] amplia la gamma sportiva della GOLF [4] con la nuova R. Che, con 320 cavalli e 420 Nm, diventa la più potente della famiglia (la Clubsport ha 300 CV), senza perdere, però, le sue doti di versatilità. Dotata di una trazione integrale intelligente profondamente rinnovata nella logica di funzionamento, la quinta edizione della Golf R - un modello nato nel 2002 con la 4 R32 - si presenta con numeri notevoli: 0-100 km/h in 4,7 secondi e velocità massima limitata a 250 km/h (ma col già noto pacchetto opzionale R-Performance, che include uno spoiler più ampio, i cerchi da 19 e le due modalità di guida aggiuntive Special e Drift, può toccare i 270). In pratica, si è voluto confermare la possibilità di avere anche una R più performante e ludica. Entro qualche settimana, quando si apriranno gli ordini e verrà ufficializzato il prezzo di listino dellauto, il cui arrivo nelle concessionarie italiane è previsto per linizio del 2021. SPOILER E SCARICHI RACING. Evidenti le differenze estetiche rispetto alle altre Golf sportive: un nuovo fascione anteriore completo di splitter e prese daria grandi. Nella parte superiore della calandra, la Golf R presenta un profilo blu, che si illumina come una striscia a Led non appena si avvia il motore. E sono pure a Led i gruppi ottici anteriori. Come tutte le Golf 8, anche la R è offerta solo in versione cinque porte e si fa notare per i cerchi di lega da 18, i sottoporta, i gusci dei retrovisori in color cromo opaco. Oltre ai cerchi standard, la Golf R può essere equipaggiata con quelli opzionali da 19. Oppure con altre soluzioni a richiesta, come i 18 invernali e i 19 con pneumatici semi-slick pensati per i track day. In coda si segnala il fascione ridisegnato, che include un ampio diffusore in nero lucido. I doppi scarichi standard hanno terminali controllati da paratie, ma sarà possibile scegliere ancora limpianto opzionale Akrapovi di titanio, più leggero di sette chili, in cui il sound può essere variato mediante valvole. La dotazione in coda si completa con uno spoiler che contribuisce al carico aerodinamico. Tre i colori di carrozzeria: Lapiz blue metallic, Pure white e Deep black pearl effect. CONTAGIRI ORIZZONTALE. Anche la Golf R beneficia dellelevata digitalizzazione che caratterizza il resto della gamma. Qui, ovviamente, grafiche e funzionalità dei sistemi Discover media (con monitor da 10, navigatore e comandi vocali) e del Discover Cockpit pro (con strumentazione full digital) sono specifiche per la Golf integrale. Una grafica ad hoc con il logo R distingue il Digital cockpit pro, che su questo modello aggiunge, per esempio, il contagiri centrale rotondo. Ma la Golf R offre anche un inedito look 3D, noto come R-View. Così, si può visualizzare anche un contagiri orizzontale posizionato nella parte superiore del display, con scala che va da 0 a 8.000 giri. Quando si guida in pista in manuale le luci progressive di cambiata diventano molto utili, perché la salita di marcia automatica viene disattivata nelle modalità Special e Drift. Il Digital cockpit pro mostra anche informazioni come la temperatura del cambio, potenza e coppia, le forze G laterali e longitudinali e la distribuzione della coppia del sistema 4x4. E cè anche un cronometro per chi si lancia in un giro di pista. Anche il resto dellabitacolo è stato personalizzato. A partire dai sedili anteriori, molto sportivi, dotati di appoggiatesta integrati (e disponibili anche rivestiti di pelle nappa nera). Pure il volante è dedicato, ed è dotato di paddle del cambio Dsg e questo farà contenti gli appassionati finalmente più grandi di quelli degli altri modelli della Casa. Sulla razza sinistra si trova il pulsante R, con cui si selezionano le modalità di guida o si passa direttamente al profilo Race. La dotazione include anche la pedaliera sportiva dacciaio spazzolato. VENTI CV IN PIù. La Golf R è equipaggiata con il quattro cilindri due litri turbobenzina più potente della famiglia EA888, evo4. Il motore eroga 320 CV, venti in più della R precedente, mentre la coppia è cresciuta da 400 a 420 Nm, ed è disponibile tra i 2.100 e i 5.350 giri/min, a garanzia di unottima guidabilità ad ampio spettro. Grazie alla regolazione del liquido di raffreddamento completamente elettronica, il motore TSI della Golf R vanta una gestione termica molto efficiente, importante nellutilizzo estremo, e una breve fase di riscaldamento. Il 2.0 turbo è abbinato al cambio Dsg a sette rapporti e alla trazione integrale. RIPARTIZIONE ANCHE POSTERIORE. E arriviamo al cuore della Golf R. Il nuovo sistema di trazione integrale si chiama 4Motion con R-Performance torque vectoring. Il retrotreno multilink riprogettato ripartisce infatti la coppia non solo tra avantreno e retrotreno, ma e questa è la chicca pure fra le stesse ruote posteriori. Il sistema centralizzato può farlo in modo separato tra i due semiassi, grazie a distinti pacchi frizione: può inviare anche il 100% della coppia disponibile a una ruota sola, e frenare la interna, priva di coppia, per far girare la vettura più stretta. In questo modo si può ridurre il raggio di sterzata e neutralizzare eventuali errori di guida e il sottosterzo, aumentando al contempo lagilità. Una caratteristica ben supportata dallo sterzo progressivo, di serie sulla Golf R. Il driver può intervenire sul funzionamento del 4Motion, e su altri parametri dinamici, selezionando le varie modalità di guida: Comfort, Sport, Race, Individual, che sono ben spaziate. In combinazione col pacchetto opzionale R-Performance, si aggiungono i profili Special e Drift. Il primo è stato messo a punto e configurato su misura per il Nürburgring Nordschleife, con un settaggio più morbido del Dcc rispetto alla modalità Race, per garantire la massima aderenza sul manto ondulato della pista tedesca. Insomma, è un po come aver caricato tutto il database dei test per mettere il cliente nelle migliori condizioni di fare il best lap al Ring. Il risultato, per la Casa, è un tempo sul giro di 17 secondi inferiore a quello della Golf 7 R. Con il programma Drift, invece, i parametri dellEsc (che cambia a Esc Sport) e la distribuzione della potenza tramite la trazione integrale consentono alla Golf R di derapare su strade chiuse al traffico. E per assicurarsi che le condizioni siano davvero queste, linfotainment visualizza sempre una richiesta di conferma prima di attivare il programma. DIALOGO FRA SISTEMI. Per la prima volta, inoltre, il 4Motion con R-Performance torque vectoring è strettamente integrato al Dcc, come al blocco del differenziale elettronico Xds e allo sterzo progressivo: il tutto è coordinato dal Vehicle dynamics manager. Un sistema intelligente che assicura un comportamento stradale agile, preciso, efficace, e può intervenire anche frenando le ruote interne in curva, per ridurre il sottosterzo. Ma può pure contribuire a limitare il rollio tramite il Dcc. Si ottiene così una vettura pronta e precisa, con una risposta dello sterzo più diretta, che garantisce una guida molto veloce e sicura (viene monitorato anche il sovrasterzo). ASSETTO RIBASSATO. Oltre alla carrozzeria ribassata di 20 millimetri rispetto ai modelli standard, la Golf R mostra altre soluzioni dedicate per ottenere prestazioni eccellenti, pur mantenendo unottima guidabilità: la taratura di molle e barre stabilizzatrici è più rigida del 10% rispetto alla Golf 7 R, mentre è stato aumentato langolo di camber negativo allavantreno (-120). Questultimo favorisce una guida più veloce ed efficace in fase di appoggio. Mentre il retrotreno è stato reso più fluido e adattabile al nuovo schema di trazione, con nuovi attacchi e supporti, e una taratura a sua volta più rigida del 10% relativa a molle e barre. Per quanto riguarda i controlli di stabilità, si possono selezionare due livelli: Esc Sport, in cui la soglia di intervento risulta più elevata, ed Esc off, in cui i guidatori più esperti possono disattivare completamente il sistema. Tuttavia, in caso demergenza, per esempio il Front Assist può riattivare lEsc. Ultimi, ma non per ordine di importanza, i freni. Considerate le prestazioni, la Golf R può contare su un avantreno con dischi che aumentano dai 340x30 mm del modello uscente ai 357x34 mm della nuova versione. Mentre il pedale, assicura la Casa, vanta una corsa corta, una risposta pronta alle alte velocità, pur restando ben modulabile. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/27/VOLKSWAGEN_GOLF_8_GTI_GTD_E_GTE_2020.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://AUTHOR.EDIDOMUS.IT/CONTENT/QUATTRORUOTE/IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/14/VOLKSWAGEN_GOLF_GTI_CLUBSPORT_MOTORE_PRESTAZIONI_INTERNI_USCITA.HTML# [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/MODELLI-AUTO/VOLKSWAGEN/GOLF.HTML 2020-11-04 00:21:06 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/cronaca/2020/11/03/codice_della_strada_multe_fuorilegge_un_comune_su_due/gallery/rbig/autovelox.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32990 Codice della strada - Multe, fuorilegge un Comune su due http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32990&tipo=fv Sulle multe, metà dei Comuni italiani è fuorilegge. Lo rivela il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti in risposta a uninterrogazione del deputato di Forza Italia Simone Baldelli: sui 7.903 enti risultanti dallultimo aggiornamento Istat, solo 4.695 hanno inserito sulla piattaforma informatica del ministero dellInterno, entro la scadenza del 30 settembre, la relazione dettagliata sui proventi 2019 delle sanzioni amministrative e sul loro utilizzo. Appena il 59,4%. Tuttavia, rivela il dicastero di Piazza di Porta Pia, di queste relazioni 4.015 - poco più della metà - risultano "regolari" e 680 irregolari. Solo unamministrazione ha evidenziato limpossibilità di procedere allinserimento dei dati per difficoltà tecniche, provvedendo comunque allinvio di una relazione cartacea. Modalità, rivela il ministero utilizzata anche da qualche altro ente. PROROGA DI QUATTRO MESI. La cosa incredibile è che per adempiere a questo obbligo, previsto per la prima volta entro il 31 maggio di questanno, le amministrazioni hanno beneficiato anche di una proroga di quattro mesi, generosamente concessa dal ministero dellInterno a causa dellemergenza Covid-19. Ma la cosa più incredibile è che per obbligare gli enti locali a rendicontare i proventi delle multe ci sono voluti ben dieci anni: questobbligo, infatti, fu introdotto con la legge 120/2010, lultima grande riforma del Codice della strada, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale il 29 luglio 2010. La legge, tuttavia, come spesso accade a norme che hanno bisogno di essere compiutamente disciplinate, ne demandò lattuazione a un successivo decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, "di concerto con il ministro dellInterno, sentita la Conferenza Stato-Città e autonomie locali". Decreto che però, a causa dellostruzionismo dei Comuni, è arrivato in porto solo a fine 2019. BALDELLI (FI): IL GOVERNO MULTI I COMUNI. "Il governo porti in parlamento e pubblichi questi dati", ha twittato Baldelli. "E multi i Comuni che hanno violato il Codice della strada come gli stessi Comuni fanno con gli automobilisti trasgressori". La norma, infatti, prevede sanzioni per le amministrazioni inadempienti: per lente che non ha trasmesso la relazione o che avrà utilizzato i soldi delle multe in maniera diversa da quanto previsto dal Codice della strada, cioè prevalentemente per il miglioramento della sicurezza stradale, è prevista una decurtazione del 90% della parte di proventi da violazione dei limiti di velocità accertate su strade di proprietà di un altro ente, che per legge devono essere divise a metà tra i due enti. Non solo. Il responsabile dellinadempimento è perseguibile, disciplinarmente e per danno erariale. 2020-11-03 18:49:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/03/think_factory_2020_fca_nelle_universita_a_caccia_di_idee_per_la_mobilita_alternativa/gallery/rbig/fca-impianto-v2g-mirafiori-torino-11.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32988 Think Factory 2020 - FCA: nelle università a caccia di idee per la mobilità alternativa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32988&tipo=fv FCA [1] punta sui giovani per raccogliere idee sullautomotive del futuro. E-Mobility, la divisione del costruttore torinese specializzata nella mobilità alternativa, ha lanciato il progetto Think Factory 2020: si tratta di un piano, sviluppato in collaborazione con alcune università italiane, che punta a creare un laboratorio di idee sulle tecnologie e sui servizi legati al mondo dei veicoli elettrici. UN BRAINSTORMING COMPETITIVO. Think Factory 2020 si articola in tre programmi distinti. Il primo, portato avanti al Policlinico di Torino, alla Bocconi di Milano e allUniversità di Bologna, prevede delle "sfide" tra studenti, chiamati a confrontarsi sui temi più attuali della mobilità alternativa: a Torino, per esempio, è stato chiesto ai corsisti di elaborare una soluzione per ottimizzare il sistema di ricarica delle batterie delle vetture elettriche, mentre nellateneo felsineo il confronto era sullargomento Bev Next Gen e i gruppi partecipanti erano chiamati a proporre idee per semplificare il sistema di trazione delle vetture elettriche, in modo da poterle integrare con le future reti intelligenti. LEZIONI E HACKATHON. Liniziativa di FCA prevede anche dei webinair e delle lectio magistralis, al centro delle collaborazioni con lUniversità di Palermo, durante No Smog Mobility, e con il Politecnico di Milano. Infine, con gli "hackathon" e-Mobility testerà le capacità di problem solving degli studenti, chiamati a presentare, nel corso di una sola giornata di lavoro, un progetto innovativo sul tema Vehicle to X. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FCA 2020-11-03 17:31:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/03/mitsubishi_zero_emissioni_nel_2050_50_vendite_elettriche_nel_2030/gallery/rbig/2020-mitsubishi.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32989 Mitsubishi - La strategia elettrica prevede il passaggio totale alle zero emissioni entro il 2050 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32989&tipo=fv La MITSUBISHI [1] ha varato un piano strategico a lungo termine, che prevede un taglio delle emissioni, rispetto al 2010, del 40% entro il 2030 e il successivo azzeramento totale a partire dal 2050. Per raggiungere questo obiettivo, la Casa giapponese mira ad arrivare a vendere il 50% delle vetture elettrificate prodotte già entro il 2030, puntando soprattutto su alcuni mercati strategici: tra questi non figura lEuropa, esclusa dopo il recente PIANO DI RISTRUTTURAZIONE [2] annunciato. SPAZIO ALLELETTRICO IN TUTTE LE SUE FORME. Partendo dalle indicazioni scaturite dagli accordi di Parigi del 2015 sullinquinamento globale, gli sforzi della Mitsubishi si orienteranno su vari fronti: i metodi di produzione, limpatto sullinquinamento dellintero ciclo di vita dei veicoli, le fonti di energia rinnovabili e la collaborazione con gli enti governativi. Il costruttore punterà, in particolare, sulla tecnologia plug-in hybrid attualmente già disponibile, ma aggiungerà anche delle varianti elettriche alla propria gamma, in merito alle quali, tuttavia, non si conoscono per il momento i dettagli. Altri sforzi saranno invece indirizzati alladozione dei sistemi V2X per il dialogo tra i veicoli e le infrastrutture e ai metodi di riciclo delle batterie, in modo da poter creare degli accumulatori statici da utilizzare anche in ambiti diversi da quello automotive. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/MITSUBISHI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/27/MITSUBISHI_AL_VIA_PIANO_DI_RISTRUTTURAZIONE_ADDIO_ALLA_PAJERO.HTML 2020-11-03 17:31:51 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/03/lamborghini_huracan_evo_colori_personalizzazioni_fluo_capsule/gallery/rbig/2020-lamborghini-huracan-evo-fluo-capsule-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32987 Lamborghini Huracán Evo - Nuovo look con il pacchetto Fluo Capsule http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32987&tipo=fv Per i clienti che sceglieranno la Huracán Evo Model Year 2021, la LAMBORGHINI [1] ha previsto una nuova possibilità di personalizzazione: si tratta del pacchetto Fluo Capsule, che include una serie di colori esterni opachi con e finiture coordinate per labitacolo: una proposta simile alla PEARL CAPSULE LANCIATA DAI POCHI MESI SULLA URUS [2] e basta, in quel caso, sulle tinte perlate. CINQUE VERNICIATURE OPACHE ESCLUSIVE. Le opzioni previste per la Huracán sono il verde Shock, larancio Livrea, il celeste Fedra, larancio Dac e il giallo Clarus. Scegliendo questo pacchetto, la personalizzazione comprende anche la finitura in nero opaco delle minigonne, del tetto, del paraurti anteriore e di alcuni dettagli degli specchietti e del diffusore posteriore. Labitacolo, poi, riprende la colorazione esterna nella finitura della cover del pulsante di avviamento e per i ricambi sui poggiatesta. Inoltre, come optional separato, sono disponibili nuovi sedili sportivi rivestiti di Alcantara e pelle. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/LAMBORGHINI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/06/17/LAMBORGHINI_URUS_NASCE_LA_LINEA_PERSONALIZZAZIONI_PEARL_CAPSULE.HTML 2020-11-03 14:50:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/11/03/leasys_car_sharing_leasysgo_fiat_500_elettrica/gallery/rbig/2020-leasysgo!-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32986 LeasysGO! - Al via il car sharing con la 500 elettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32986&tipo=fv In concomitanza con larrivo della NUOVA FIAT 500 ELETTRICA [1], FCA Bank e la sua controllata LEASYS [2] hanno annunciato il lancio di LEASYSGO!, un servizio di car sharing con una flotta interamente composta dalla citycar a zero emissioni. ANCORA UN PO DI PAZIENZA. Fino a dicembre 2020, la piattaforma sarà disponibile solo per i dipendenti FCA di Torino, che avranno la possibilità di provarla per primi, mentre bisognerà aspettare il 2021 affinché sia operativa anche a Milano, Roma, Barcellona e a Lione, con una flotta che arriverà a contare più di 2 mila elettriche. Terminato il periodo di test, il servizio sarà aperto al pubblico e si potrà acquistare un voucher discrizione su Amazon, per poi convertirlo sulla piattaforma digitale LeasysGO!. Le prenotazioni saranno gestibili tramite unapp sullo smartphone: per poter guidare una 500 a batteria, si dovrà pagare una tariffa mensile che comprenderà due ore al mese di utilizzo. Una volta esaurite le due ore di sharing, il servizio diventerà pay-per-use, cioè si pagherà per ogni minuto di guida aggiuntivo. Al momento non si conoscono ancora le tariffe, ma la ricarica elettrica delle auto sarà totalmente gratuita e gestita dal team di LeasysGO!, così i clienti troveranno sempre vettura pronta alluso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/03/03/NUOVA_FIAT_500_ELETTRICA_2020_PREZZO_AUTONOMIA_MOTORE_E_USCITA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/LEASYS 2020-11-03 14:19:03 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/03/ferrari_trimestrale_/gallery/rbig/2020-Ferrari.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32985 Ferrari - Nel terzo trimestre calano ricavi e consegne, utili in crescita http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32985&tipo=fv La FERRARI [1] chiude il terzo trimestre con performance finanziarie contrastanti, ma comunque positive nonostante il persistente impatto della crisi del CORONAVIRUS [2]. I ricavi e le consegne sono risultati in calo, anche per una precisa scelta strategica volta a recuperare quanto perso durante il lockdown primaverile, mentre la redditività, soprattutto quella operativa, si è mantenuta sui tradizionali livelli elevati e ha quindi spinto il management a migliorare i target annuali. CALANO LE CONSEGNE. Nello specifico, le consegne trimestrali si sono attestate su 2.313 unità, il 6,5% in meno rispetto al pari periodo dellanno scorso. Il calo, spiegano da Maranello, è legato alla "cadenza del piano di produzione per lintero anno", il quale prevede "il recupero di 500 unità delle 2.000 perse a seguito della sospensione produttiva di sette settimane per il Covid-19". Le vendite dei modelli a otto cilindri sono diminuite del 12,8%, mentre quelle dei V12 hanno registrato un aumento del 15,4%. "Laccelerazione delle consegne della F8 Spider e della 812 GTS, principalmente nella regione Emea, sta gradualmente compensando la famiglia 488 Pista e la Ferrari Portofino, che hanno sostanzialmente raggiunto la fine del loro ciclo vita. Le consegne delle Ferrari Monza SP1 e SP2 proseguono secondo il programma originario", spiega ancora la Ferrari, confermando larrivo delle prime SF90 Stradale e Roma nel quarto trimestre. Le consegne del trimestre sono state anche influenzate dalle "scelte di allocazione geografica" operate in funzione del ritmo di introduzione dei singoli prodotti. Di conseguenza, la regione Emea ha registrato un aumento del 12,7%, le Americhe una flessione del 34,7%, la Cina continentale, Hong Kong e Taiwan una diminuzione del 25,2%, mentre la regione Resto dellApac è in linea con lanno scorso. LANDAMENTO DEI RICAVI. Anche in ricavi sono risultati in calo, ma a un tasso inferiore della metà rispetto a quello delle consegne grazie al miglior mix di prezzo: il fatturato, infatti, è sceso del 3,2% a 888 milioni di euro, al di sotto dei 904 milioni attesi dal mercato borsistico. Tuttavia, le Monza SP1 e SP2 hanno spinto le vendite a crescere del 2,6% a 727 milioni compensando i minori volumi dovuti soprattutto alla fine della produzione della 488 Pista, che implica anche un contributo inferiore dai programmi di personalizzazione, e alla Ferrari Portofino, prossima alla fine del suo ciclo vita. I ricavi dei Motori, pari a 44 milioni, risultano in calo del 4,4% mentre le Sponsorizzazioni, i proventi commerciali e relativi al marchio, ne hanno generati per 93 milioni, il 30,9% in meno a causa della riduzione delle gare di Formula 1. IN CRESCITA LA REDDITIVITà. Nonostante la contrazione dei ricavi, il conto economico mostra una crescita della redditività. LEbitda è aumentato del 6,4% a quota 330 milioni, con un margine in miglioramento di 330 punti base al 37,2%, mentre lutile operativo si è attestato su 222 milioni, sostanzialmente in linea con lanno scorso, per unincidenza sui ricavi passata dal 24,8% al 25%. Infine i profitti netti, nonostante i minori introiti legati alla particolare situazione della stagione del massimo campionato di automobilismo (-60 milioni), sono aumentati da 169 milioni a 171 milioni, per un utile per azione in salita da 90 a 92 centesimi, ben al di sopra degli 81 centesimi previsti dal consenso degli analisti. La Ferrari, inoltre, ha generato un flusso di cassa positivo per 77 milioni riuscendo al contempo a ridurre lindebitamento industriale netto a 715 milioni dai 776 milioni al 30 giugno, nonché a incrementare la liquidità in cassa da 1,812 a 1,879 miliardi (incluse linee di credito non utilizzate per 700 milioni). MIGLIORATI I TARGET. Landamento del trimestre porta i primi nove mesi dellanno a mostrare un calo delle consegne del 17% a 6.440 unità, dei ricavi del 16% a 2,39 miliardi, dellEbitda del 18% a 771 milioni, dellutile operativo del 33% a 465 milioni e dellutile netto del 35% a 346 milioni. In virtù di tali numeri, i vertici aziendali hanno deciso di rivedere i target per lintero 2020 ponendoli intorno alla soglia massima dei precedenti intervalli di stima. Se i ricavi sono visti sempre in flessione dai 3,8 miliardi del 2019 a oltre 3,4 miliardi, lEbitda è atteso in calo da 1,27 a 1,125 miliardi (1,075-1,125 miliardi la precedente stima) e lutile operativo da 920 a 700 milioni (650-700 milioni). LEps dovrebbe calare dai 3,71 euro del 2019 a 2,8 euro (2,6/2,8 euro) e i flussi di cassa da 700 milioni a 150 milioni (100-150 milioni). Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-03 13:52:04 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/03/ferrari_trimestrale_/gallery/rbig/2020-Ferrari.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32984 Ferrari - Nel terzo trimestre in calo ricavi e consegne, utili in crescita http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32984&tipo=fv La FERRARI [1] chiude il terzo trimestre con performance finanziarie contrastanti ma comunque positive nonostante il persistente impatto della crisi del CORONAVIRUS [2]. I ricavi e le consegne sono risultati in calo, anche per una precisa scelta strategica volta a recuperare quanto perso durante il lockdown primaverile, mentre la redditività, soprattutto quella operativa, si è mantenuta sui tradizionali livelli elevati e ha quindi spinto il management a migliorare i target annuali. CALANO LE CONSEGNE. Nello specifico, le consegne trimestrali si sono attestate a 2.313 unità, il 6,5% in meno rispetto al pari periodo dellanno scorso. Il calo, spiegano da Maranello, è legato alla "cadenza del piano di produzione per lintero anno", che "prevede il recupero di 500 unità delle 2.000 vetture perse a seguito della sospensione produttiva di sette settimane a causa della pandemia da Covid-19". Le vendite dei modelli a otto cilindri sono diminuite del 12,8%, mentre quelle dei V12 hanno registrato un aumento del 15,4%. "Laccelerazione delle consegne della F8 Spider e della 812 GTS, principalmente in Emea, sta gradualmente compensando la famiglia 488 Pista e la Ferrari Portofino, che hanno sostanzialmente raggiunto la fine del loro ciclo vita. Le consegne delle Ferrari Monza SP1 e SP2 proseguono secondo il programma originario", spiega ancora la Ferrari, confermando larrivo delle prime SF90 Stradale e Roma nel quarto trimestre. Le consegne del trimestre sono state anche influenzate dalle "scelte di allocazione geografica" operate in funzione del ritmo di introduzione dei singoli prodotti. Di conseguenza, la regione Emea ha registrato un aumento del 12,7%, le Americhe una flessione del 34,7%, la Cina Continentale, Hong Kong e Taiwan una diminuzione del 25,2% mentre la regione Resto dellApac è in linea con lanno scorso. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS 2020-11-03 13:27:56 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/burocrazia/2020/11/03/bonus_mobilita_il_click_day_parte_male_il_portale_e_subito_in_tilt_/gallery/rbig/2020-bici-rimborso-bonus-mobilità-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32983 Bonus mobilità - Il click-day parte male: il portale va subito in tilt http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32983&tipo=fv Il tanto atteso click-day che dà il via alle richieste di rimborso del BONUS MOBILITà è finalmente arrivato. Purtroppo, il PORTALE [1] è stato subito preso dassalto dagli utenti, facendo andare i server in tilt per i troppi accessi fin dallapertura delle operazioni, programmata per le ore 9.00 del 3 novembre. Un esito tuttaltro che inatteso, visto il boom di vendite di monopattini elettrici e bici che ha interessato il Paese (e non solo i Comuni coinvolti dallincentivo) a partire dallo SCORSO MAGGIO [2]. IL PORTALE. Pochi fortunati sono riusciti a entrare in una virtual room, in attesa di un posto in coda per le operazioni di rimborso o di richiesta del buono (si presume che, a mandare al collasso il sito, siano stati gli interessati al ristoro della spesa effettuata e non al coupon digitale). Buono, lo ricordiamo, per un valore pari al 60% del prezzo dacquisto del mezzo da mobilità dolce, fino a un massimo di 500 euro. Ma le persone in attesa sono tantissime, come si evince dallo screenshot postato da un ironico utente di Twitter, dove risulta una coda di ben 291.337 persone. E, proprio sul noto social network, impazza da questa mattina lhashtag #BUONOMOBILITà. LE SOMME STANZIATE. Prima di entrare nella sala dattesa virtuale è apparsa sui monitor dei richiedenti una schermata con i fondi residui del Bonus bici (o Bonus monopattino, se preferite), cioè 215 milioni di euro allavvio di giornata. Tantissimi, tenendo conto che per lacquisto delle automobili nella fascia da 91 a 110 g/km di CO2, cioè quella con il bacino di potenziali acquirenti più ampio tra le varie interessate dallECOBONUS [3], sono stati stanziati solo 50 milioni. Nonostante, ovviamente, lincentivo sia più corposo rispetto a quello dei mezzi da ultimo miglio: 750 euro senza rottamazione e 1.500 con un usato ultradecennale da demolire, ai quali si aggiunge il contributo obbligatorio del dealer (rispettivamente 1.000 e 2.000 euro). Non a caso, i fondi per queste auto SONO TERMINATI DOPO POCHI GIORNI [4] e si attende ora il loro rifinanziamento. Links: ------ [1] http://buonomobilita.it/ [2] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/06/09/biciclette_vendite_maggio_2020.html [3] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/08/08/incentivi_auto_decreto_agosto.html [4] https://www.quattroruote.it/news/ecologia/2020/09/11/incentivi_auto_ecobonus_esauriti_i_fondi_per_la_fascia_91_110_g_km.html 2020-11-03 12:28:30 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/03/gruppo_volkswagen_previste_multe_per_il_mancato_raggiungimento_degli_obiettivi_sulla_co2/gallery/rbig/gruppo-volkswagen-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32982 Gruppo Volkswagen - Previste multe per il mancato raggiungimento degli obiettivi sulla CO2 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32982&tipo=fv Il GRUPPO VOLKSWAGEN [1] prevede multe per il mancato raggiungimento degli obiettivi sulla CO2 relativi al 2020: lannuncio è stato dato presentando I CONTI DELLULTIMA TRIMESTRALE [2]. Nel tentativo di evitare sanzioni, il costruttore ha recentemente formato un pool con la MG, ma anche questa soluzione potrebbe non bastare per evitare, a fine anno, oneri straordinari nelle attività europee. LA ID.3 NON HA INCISO ABBASTANZA. In questo momento non possiamo promettere che saremo conformi alle normative: sarà una gara difficile, ha ammesso Christian Dahlheim, direttore delle vendite del gruppo Volkswagen. La causa, in buona parte, risiederebbe negli INTOPPI RISCONTRATI AL LANCIO DELLELETTRICA ID.3 [3] per via dei PROBLEMI AL SOFTWARE [4]: per ora, ha detto Dahlheim, gli ordini dellelettrica superano di poco le 40 mila unità. NESSUNA PREOCCUPAZIONE PER IL FUTURO. Chiaramente, il gruppo ha già preso delle precauzioni, accantonando circa 200 milioni di euro per far fronte a eventuali multe. Un problema che, ne sono certi in quel di Wolfsburg, non si ripeterà negli anni a venire: con il lancio di nuovi modelli elettrici ed elettrificati, infatti, il gruppo tedesco si sente al sicuro in vista del 2021 e ancor di più nel lungo periodo, prevedendo di introdurre 75 nuovi modelli a emissioni zero da qui al 2029. Le probabili sanzioni del 2020, ha assicurato il capo delle operazioni finanziarie, Frank Witter, non avranno effetti negativi sullutile operativo, essendo già state preventivate. IL POOL CON LA MG. Finora la Volkswagen ha fatto di tutto per raggiungere il proprio obiettivo sulle emissioni di fine anno, compreso il ricorso al meccanismo del raggruppamento (il cosiddetto pool) per poter conteggiare nelle immatricolazioni modelli di costruttori concorrenti che aiutino a ridurre la CO2 media. Nella fattispecie, laccordo è stato fatto nel settembre scorso con la MG e rientra in un meccanismo di alleanze già consolidato: il marchio inglese, ma finanziato da capitali cinesi, è infatti di proprietà della SAIC, colosso asiatico con cui il gruppo di Wolfsburg ha stipulato una importante joint venture in Cina. In questo modo, i tedeschi hanno potuto calcolare tra le proprie vendite quelle delle elettriche e delle plug-in sino-britanniche: troppo basse, però, per influire sul risultato. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-VOLKSWAGEN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/11/03/GRUPPO_VOLKSWAGEN_RISULTATI_FINANZIARI_AUDI_PORSCHE_SEAT_SKODA_BENTLEY.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/06/17/VOLKSWAGEN_ID_3_APERTI_GLI_ORDINI_IN_ITALIA_PER_LA_FIRST_EDITION.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/19/VOLKSWAGEN_ID_3_SOFTWARE_ELETTRICA.HTML 2020-11-03 11:59:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/03/stati_uniti_fca_rischia_sanzioni_da_oltre_700_milioni_/gallery/rbig/2020-FCA-03.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32981 Stati Uniti - FCA rischia sanzioni da oltre 700 milioni http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32981&tipo=fv FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [1] potrebbe sostenere oneri per un massimo di 722 milioni di euro per le proprie attività negli Stati Uniti: le spese deriverebbero in parte da possibili sanzioni comminate al gruppo italo-americano per il mancato rispetto dei limiti sulla riduzione dei consumi, e in parte dalla necessità di chiudere unindagine avviata dal dipartimento di Giustizia per le emissioni in eccesso dei veicoli diesel. La prima questione è direttamente legata a una sentenza di una corte dAppello che lo scorso agosto ha, in sostanza, rigettato lordine emesso nel luglio del 2019 dallamministrazione Trump per sospendere un regolamento della National Highway Traffic Safety Administration (Nhtsa) in base al quale vengono più che raddoppiate le sanzioni alle Case automobilistiche non conformi ai requisiti di efficienza del carburante. IMPATTO SIGNIFICATIVO. La sentenza, secondo quanto precisato dal costruttore italo-americano in un avviso alla Sec (la Commissione statunitense di vigilanza dei mercati finanziari), potrebbe avere un impatto significativo. In particolare, vengono citati oneri fino a 500 milioni di euro in funzione, tra le altre cose, "della capacità del gruppo di implementare azioni future sul prodotto o altre iniziative per modificare lutilizzo dei crediti". La Fiat Chrysler ha pagato, nellottobre del 2019, UNA MULTA DI 79 MILIONI DI DOLLARI [2] per non aver soddisfatto i requisiti, relativi al 2017, sul fronte del risparmio di carburante. Nel 2018, per il mancato rispetto dei limiti del 2016, la multa è stata di 77,3 milioni di dollari. Nel deposito alla Sec, il gruppo ha comunque fatto presente alcuni fattori di incertezza: non si sa, per esempio, se la Nhtsa "farà ricorso contro la sentenza" e non è chiaro nemmeno se la sentenza possa essere applicata retroattivamente ai veicoli del Model Year 2019. In tal caso, la Fiat Chrysler dovrebbe essere obbligata ad accantonare risorse aggiuntive non solo per le maggiori sanzioni, ma anche per acquistare ulteriori crediti ambientali. LINDAGINE DEL DOJ. La seconda questione, per la quale FCA ha messo da parte 222 milioni di euro, riguarda i risvolti penali dellindagine del dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulle emissioni diesel negli Stati Uniti. Nel gennaio del 2019, il gruppo ha concordato il PAGAMENTO DI 800 MILIONI DI DOLLARI [3] per risolvere le accuse, in sede civile, dello stesso dipartimento di Giustizia, del California Air Resources Board e dei proprietari di veicoli per lutilizzo di un software illegale che falsificava le emissioni dei diesel. La Fiat Chrysler, CHE A SETTEMBRE HA PAGATO 9,5 MILIONI DI DOLLARI [4] per archiviare le accuse di informazioni fuorvianti agli investitori in merito a un processo di revisione interno sui sistemi di controllo delle emissioni, sta ancora conducendo le relative trattative per chiudere linchiesta penale e, come da prassi, non ha fornito garanzie sulla chiusura di unaccordo con il dipartimento di Giustizia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FCA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/10/17/GRUPPO_FCA_USA_SANZIONI_PER_IL_MANCATO_RISPETTO_DEI_LIMITI_SU_CONSUMI_ED_EMISSIONI.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/01/10/EMISSIONI_DIESEL_FCA_PAGHERA_OLTRE_700_MILIONI_DI_DOLLARI_PER_CHIUDERE_LA_CAUSA_NEGLI_USA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/09/29/FCA_DALLA_SEC_SANZIONE_DI_9_5_MILIONI_DI_DOLLARI.HTML 2020-11-03 11:05:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/03/pirelli_rivian_pneumatici_su_misura_per_suv_e_pick_up_elettrici/gallery/rbig/2020-rivian-pirelli-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32980 Pirelli - Tre pneumatici per le elettriche della Rivian http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32980&tipo=fv La RIVIAN [1], startup statunitense specializzata in veicoli elettrici, ha collaborato con la PIRELLI [2] per realizzare tre tipi di pneumatici che verranno equipaggiati dal pick-up R1T [3] (la cui produzione inizierà nel giugno 2021) e dalla Suv R1S [4]. OBIETTIVO EFFICIENZA. Le gomme, realizzate su misura per il costruttore americano, appartengono alla gamma Scorpion e presentano la marcatura personalizzata "RIV" sulla spalla. Tra queste, lo SCORPION VERDE ALL SEASON è stato pensato per offrire una maggiore autonomia alle vetture a batterie grazie a una bassa resistenza al rotolamento, ottenuta utilizzando una mescola a più alto contenuto di silice e un design dedicato dello stampo, che restringe il disegno del battistrada e mantiene una distribuzione ottimale della pressione dellimpronta. Questo pneumatico, inoltre, presenta una taglia speciale e unica nel settore: misura infatti 275/55 R21. PIù GRIP. Lo SCORPION ZERO ALL SEASON, da 22 pollici, è stato invece sviluppato per avere il maggior grip possibile nellutilizzo sportivo, senza sacrificare la bassa resistenza al rotolamento. Il risultato è stato raggiunto grazie allutilizzo di nano-compositi e ad uno stampo dedicato con una larghezza del battistrada maggiore, in grado di fornire una area di contatto più ampia. Lo SCORPION ALL TERRAIN PLUS, infine, è da 20 pollici ed è stato progettato con obiettivi diversi, ossia ottimizzare la durata, la resistenza allusura e la trazione, anche sulla neve. Le scanalature profonde e i tasselli indipendenti, infatti, aiutano a fornire lazione di artiglio necessaria per garantire laderenza sui terreni sconnessi, mentre gli eiettori di pietre coniche resistono alle forature espellendo i sassi dal battistrada, senza sacrificare la bassa resistenza al rotolamento. Questultima è stata ottenuta usando uno stampo dedicato in modo da ridurre il peso dello pneumatico, aggiungendo poi una speciale mescola per autocarri leggeri che ha reso le gomme più resistenti a tagli e lacerazioni. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/RIVIAN [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/PIRELLI [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/26/RIVIAN_R1T_DEBUTTA_IL_PICK_UP_ASPETTANDO_LA_SUV_R1S.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2018/11/28/RIVIAN_R1S_SUV_ELETTRICA_FOTO_BATTERIA_INFORMAZIONI.HTML 2020-11-03 10:42:13 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/03/suzuki_italia_mirko_dall_agnola_e_il_nuovo_direttore_della_divisione_auto/gallery/rbig/2020-suzuki-dall-agnola-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32979 Suzuki Italia - Mirko DallAgnola è il nuovo direttore della divisione auto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32979&tipo=fv La SUZUKI [1] Italia ha assegnato a MIRKO DALLAGNOLA il ruolo di direttore della divisione auto. Il manager veronese, al servizio della Casa giapponese dal 2004, ha assunto lincarico lo scorso 15 ottobre. LA CARRIERA. DallAgnola è laureato in ingegneria meccanica e ha iniziato la sua carriera professionale nel mondo automotive nel 2002 presso la Honda Italia. Dopo il suo passaggio alla Suzuki, il manager ha svolto vari incarichi nei settori di vendita e post vendita e, dal 2010, lavorando in qualità di direttore commerciale della divisione italiana, ruolo che manterrà ad interim. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/SUZUKI 2020-11-03 10:13:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/03/emissioni_honda_aderisce_al_pool_di_fca_e_tesla/gallery/rbig/2020-Honda-logo-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32978 Emissioni - La Honda aderisce al "pool" di FCA e Tesla http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32978&tipo=fv La HONDA [1] ha deciso di aderire al "pool" della FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES [2] e della TESLA [3] per evitare le multe imposte dallUnione Europea per il mancato rispetto dei limiti sulle emissioni. I giapponesi hanno unito le forze con i concorrenti nel campo delle autovetture la scorsa settimana sulla base di un documento inviato alla Commissione Europea. POCHI DETTAGLI. Il pool è uno strumento creato da Bruxelles per concedere ai costruttori la possibilità di condividere i dati sulle rispettive flotte ed evitare così di pagare le pesanti multe stabilite in caso di mancato rispetto dei limiti sulle emissioni di anidride carbonica: il vincolo per il 2020-21 è di 95 grammi di CO2 al km per le autovetture. Per ora non sono emersi dettagli sullaccordo che ha portato la Honda a entrare nello schema di condivisione costituito da FCA e Tesla LANNO SCORSO [4] e pertanto non è chiaro lammontare dei pagamenti a carico dei giapponesi. Del resto si tratta di informazioni sensibili che possono essere tenute segrete, per quanto non manchino indicazioni in tal senso. IL RUOLO DEI CALIFORNIANI. La Tesla, per esempio, ha generato, tra gennaio e settembre di questanno, per quasi 1,2 miliardi di dollari (in crescita rispetto, per esempio, agli 1,4 miliardi tra il 2016 e il 2018) dalla vendita di crediti ambientali tra gli Stati Uniti e lEuropa. Ovviamente non si conoscono gli introiti legati alla sola FCA o ad altre realtà automobilistiche o comunque industriali. Secondo stime della Jato Dynamics, il costruttore italo-americano, sulla base delle vendite del 2019 e in assenza di cambiamenti sostanziali nel mix di prodotto, rischia di non rispettare i limiti per il 2021 e quindi di dover pagare una multa di quasi 3 miliardi. Tuttavia, anche sulla base DELLE ELABORAZIONI [5] della Federazione europea per i trasporti e lambiente (Transport Environment) gli esborsi da "poche centinaia di milioni" a favore della Tesla consentiranno alla Fiat Chrysler di non pagare ammende multimiliardarie e di avere tempo sufficiente per aspettare gli effetti positivi della fusione con la PSA e del lancio di modelli come la 500 elettrica. LE VENDITE HONDA. Lo strumento del pooling è comunque sempre più utilizzato allinterno del settore. Lo dimostra la decisione della stessa FCA e della PSA di unire le flotte nel segmento dei VEICOLI COMMERCIALI [6] così come lanaloga decisione della Ford di allearsi con la sua ex controllata Volvo, capace di raggiungere e superare i suoi obiettivi SUL FRONTE DELLE EMISSIONI [7]. La Casa dellOvale blu non ha fornito spiegazioni né dettagli, ma si pensa che le difficoltà nel lancio della versione ibrida della KUGA [8] rappresentino un ostacolo difficilmente superabile nel breve termine. Caso simile dovrebbe riguardare la Honda. Secondo alcuni analisti sarebbero state le vendite delle elettriche sotto le aspettative a spingere i giapponesi a ricorrere al pooling. I BENEFICI DEL POOLING. Del resto la forte crescita della Tesla sul mercato europeo e le previsioni su un ulteriore incremento delle vendite negli ultimi tre mesi dellanno rappresentano un fattore positivo che potrebbe consentire alla Honda di rispettare i limiti evitando multe salate in vista del lancio dei nuovi modelli elettrificati. La Casa nipponica, infatti, ha spiegato, tramite un portavoce, come il pooling rappresenti unulteriore iniziativa ideale per adeguarsi alle normative insieme al lancio delle versioni ibride ed elettriche della CR-V [9] e della JAZZ [10]. Dal prossimo anno la situazione potrebbe cambiare radicalmente non solo con larrivo di nuovi prodotti alla spina sul mercato, ma anche per effetto della fusione tra FCA e PSA. Per il gruppo italo-americano laccordo con la Tesla (non influenzato dallingresso della Honda) scade lanno prossimo, dopo di che, come dimostrato con il pooling nei veicoli commerciali, potrà sfruttare le sinergie con i francesi allinterno di STELLANTIS [11]. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/HONDA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GRUPPO-FCA [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/TESLA.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/04/07/GRUPPO_FCA_ACCORDO_CON_TESLA_PER_RIDURRE_LE_EMISSIONI_MEDIE_DEI_MODELLI_EUROPEI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/12/EMISSIONI_MULTE_UNIONE_EUROPEA_2021.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/29/FCA_PSA_POOL_EMISSIONI.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/29/VOLVO_SUPERATI_GLI_OBIETTIVI_SULLA_CO2_E_POOL_CON_LA_FORD.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SICUREZZA/2020/08/11/FORD_RICHIAMO_KUGA_PLUG_IN_HYBRID.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/DIARIO_DI_BORDO/2019/05/20/HONDA_UNA_SETTIMANA_CON_LA_CR_V_HYBRID.HTML [10] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/12/HONDA_JAZZ_HYBRID_2020_CONSUMI_EMISSIONI_E_PREZZO.HTML [11] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/07/15/FUSIONE_FCA_PSA_IL_NOME_DEL_NUOVO_GRUPPO_E_STELLANTIS.HTML 2020-11-03 10:13:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/03/gruppo_volkswagen_risultati_finanziari_audi_porsche_seat_skoda_bentley/gallery/rbig/volkswagengroup.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32977 Gruppo Volkswagen - Le performance finanziarie marca per marca: traina la Porsche http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32977&tipo=fv Il gruppo Volkswagen è RIUSCITO A TORNARE IN UTILE NEL TERZO TRIMESTRE [1] approfittando soprattutto della ripresa della domanda in alcuni mercati come la Cina e beneficiando delle numerose "contromisure" prese per fronteggiare le conseguenze della pandemia del CORONAVIRUS [2]. Sono, però, i risultati dei primi nove mesi a fornire un quadro più esaustivo dellimpatto della crisi e, soprattutto, della reazione di ogni singolo marchio automobilistico. I NUMERI DEL GRUPPO. I dati consolidati mostrano, innanzitutto, un calo delle consegne del 18,7% a 6,5 milioni circa di veicoli, per una contrazione del fatturato del 16,7% a 155,5 miliardi, mentre lutile operativo, prima delle voci straordinarie come gli oneri per il dieselgate (scesi da 1,3 miliardi a 700 milioni), si è attestato a 2,4 miliardi: un risultato in deciso calo rispetto ai 14,8 miliardi del pari periodo dellanno scorso. Il motivo è legato non solo ai minori volumi ma anche ad altri fattori, come il contesto valutario sfavorevole o la svalutazione di strumenti derivati, solo in parte compensati dalla rivalutazione della joint venture con la Ford per la guida autonoma. Alla fine, lutile lordo risulta in flessione da 14,6 miliardi a 2,3 miliardi e quello netto dell84,5% a 1,7 miliardi. Senza "le contromisure" indicate dal gruppo di Wolfsburg "per contenere i costi, garantire liquidità e ridurre il capitale circolante" e soprattutto senza la possibilità di fare leva sulle dimensioni e sullampiezza della presenza geografica a livello globale, probabilmente gli effetti della pandemia sarebbero stati ancora più forti. Del resto, basta guardare landamento di ogni singolo marchio. VW IN ROSSO. Per esempio, il brand VOLKSWAGEN [3] ha visto le vendite scendere del 31,1% a 1,9 milioni di veicoli e il fatturato del 27,9% a 47,2 miliardi, mentre il risultato operativo al lordo delle voci straordinarie è passato da un utile di 3,2 miliardi a una perdita di 1 miliardo con i minori volumi e gli oneri del dieselgate (solo in lieve calo da 700 a 600 milioni): fattori non sufficientemente compensati dal taglio dei costi e dal miglior mix di prezzo. LA CINA AIUTA AUDI. Non dissimile landamento dellAUDI [4], anche se in questo caso è stato decisivo il contributo della Cina. Le vendite sono scese da 900 mila a 682 mila, con la LAMBORGHINI [5] in calo da 6.418 a 5.696 unità, ma le joint venture cinesi hanno visto una crescita da 430 mila a 475 mila. Eppure, il fatturato è sceso da 41,3 a 33,3 miliardi e lutile operativo da 3,2 miliardi ad appena 200 milioni per la diminuzione dei volumi, gli oneri legati alla valutazione dei derivati, gli effetti negativi dei tassi di cambio, i maggiori incentivi alle vendite e le spese per il dieselgate (100 milioni). SKODA, SEAT E BENTLEY. Al contrario, ha fornito un maggior contributo alla redditività di gruppo la SKODA [6], capace di sfruttare il taglio dei costi e lottimizzazione delle spese di prodotto per compensare minori volumi (-25,9% a 596 mila) e tassi di cambio negativi. A fronte di ricavi scesi da 14,8 a 12 miliardi, lutile operativo è calato a 469 milioni dagli 1,175 miliardi di un anno fa. Male, invece, la SEAT [7], con vendite in discesa del 38,3% a 319 mila unità, ricavi in flessione del 31,5% a 6 miliardi e una perdita operativa di 290 milioni, contro lutile di 248 milioni dei primi nove mesi del 2019. In perdita anche la BENTLEY [8] nonostante vendite in salita da 7.224 a 7.610 e un fatturato cresciuto da 1,3 a 1,4 miliardi. Il risultato operativo è in rosso per 52 milioni (utile di 65 milioni un anno fa) a causa di oneri una tantum, per un totale di 40 milioni legati a interventi di ristrutturazione, e dei tassi di cambio sfavorevoli. IL CONTRIBUTO DELLA PORSCHE. Alla fine, a sostenere il conto economico ci ha pensato la PORSCHE [9]. A fronte di vendite in calo dell11,6% a 181.000 vetture e di un fatturato sceso da 18,7 a 17,5 miliardi, lutile operativo è passato da 3,2 a 1,9 miliardi, quasi l80% del dato consolidato, per unincidenza sui ricavi tornata a doppia cifra (10,8%), anche se ancora lontana dallobiettivo strategico del 15%. Per le altre attività bastano i dati sulla redditività operativa. La Volkswagen Veicoli Commerciali è in rosso per 362 milioni (497 milioni di utile un anno fa), la Scania è scesa da 1,2 a 419 milioni, la Man è passata in perdita per 461 milioni (297 milioni) e la divisione Power Engineering è calata da 91 a 66 milioni. LE PREVISIONI. In sintesi, una situazione variegata con molte ombre e anche tante luci. Luci che potrebbero anche aumentare di intensità in caso di conferma delle previsioni per il 2020. "A seconda dellandamento futuro della pandemia, siamo cautamente ottimisti sul fatto che saremo in grado di continuare a stabilizzare la nostra attività nei restanti mesi dellanno e di mettere il gruppo Volkswagen su una base solida e sostenibile per il futuro", ha spiegato il direttore finanziario Frank Witter. Nello specifico, sono previsti consegne e ricavi "significativamente" inferiori al 2019 e un utile operativo "notevolmente" al di sotto dellanno scorso ma comunque in "territorio positivo". E lo sarà grazie soprattutto alla Porsche, visto che a Zuffenhausen si aspettano un margine operativo a doppia cifra (un obiettivo del 15% è stato, invece, definito "irrealistico"). Contributi positivi, per quanto "fortemente in calo" sul 2019, dovrebbero arrivare anche dalla Volkswagen e dallAudi mentre la Skoda ha preferito non fornire indicazioni per limpossibilità di elaborare previsioni affidabili. LA SINTESI. Lanalisi di ogni singolo marchio si può concludere con un messaggio solo in parte positivo: il gruppo Volkswagen è riuscito a superare la prova del coronavirus anche se deve ringraziare le performance dellAudi e della Porsche in Cina. Tuttavia, con il peggioramento dellemergenza sanitaria e le nuove misure di lockdown, in particolare in Europa, aumenta il rischio che le contromisure adottate non siano sufficienti e debbano essere ampliate e rafforzate. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/29/GRUPPO_VOLKSWAGEN_TRIMESTRALE_DI_NUOVO_IN_UTILE_GRAZIE_ALLA_CINA.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CORONAVIRUS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/VOLKSWAGEN.HTML [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/LAMBORGHINI.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SKODA.HTML [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/SEAT.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/BENTLEY.HTML [9] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/PORSCHE.HTML 2020-11-03 09:19:46 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/02/mercato_auto_italia_ottobre_2020/gallery/rbig/2020-mercato-auto-ottobre.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32976 Mercato auto Italia - A ottobre torna in negativo: -0,2% http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32976&tipo=fv Dopo un mese di settembre in spolvero, con una CRESCITA DEL 9,5% [1], la domanda di auto nuove in Italia torna in territorio negativo seppur di poco. Secondo i dati del Ministero dei Trasporti, ottobre si è chiuso con 156.978 veicoli registrati, lo 0,2% in meno rispetto allo stesso mese dellanno scorso, anche a causa del venir meno delleffetto positivo legato agli incentivi alla rottamazione, quantomeno per una parte del parco auto oggetto delle agevolazioni. Il PROGRAMMA DI INCENTIVAZIONE [2] è andato rapidamente incontro allesaurimento dei fondi: già nella seconda settimana di settembre, infatti, i fondi per la fascia di emissione tra 91 e 110 g/km si sono esauriti mentre sono rimasti a disposizione ben poche risorse per le altre fasce. IL CONSUNTIVO. I primi dieci mesi dellanno, per colpa dei pesanti andamenti registrati tra aprile e luglio, si chiudono con un calo del 30,9% rispetto al corrispondente periodo del 2019, con 1.123.194 unità, un dato che spinge le associazioni e gli esperti a parlare di prospettive cupe per il 2020. Le previsioni per fine anno afferma il presidente dellUnrae, Michele Crisci proiettano un livello di immatricolazioni che dovrebbe attestarsi probabilmente al di sotto di 1.400.000 unità, in calo di oltre il 27% rispetto al 2019, una riduzione drammatica che ha un solo precedente nella storia moderna. Senza contare poi un eventuale e possibile nuovo lockdown generalizzato che peggiorerebbe ulteriormente la già pesante situazione. BENE FCA. In tale contesto spicca landamento dell gruppo FCA. Dopo il +17,4% di settembre, il costruttore italo-americano mette a segno una crescita del 12,5% a 38.130 unità.Tra i vari marchi, la Fiat registra 25.360 auto (+17,85%), seguita dalla Jeep con 6.262 (+15,2%), mentre gli altri marchi subiscono dei cali: la Lancia, con 4.716 immatricolazioni, flette del 2,7%, lAlfa Romeo, con 1.598, del 15,9% e la Maserati, con 150 esemplari, del 3,9%. POSITIVA PSA. Il gruppo PSA, invece, segna un marginale rialzo: sono 23.207 le registrazioni, lo 0,5% in più rispetto a ottobre 2019, un tasso comunque decisamente migliore rispetto al -13,8% subito a settembre. A trainare le performance sono soprattutto la Citroën, con 7.931 registrazioni e un +15,7%, e la Opel, con 6.136 immatricolazioni e un +3,5%. Male, invece, la Peugeot (-11,6% e 8.648 unità) e la DS (-7,7% e 492 unità). VOLKSWAGEN. In forte flessione risulta landamento del gruppo Volkswagen, con 23.451 volumi e un calo del 12,2%. Il grosso del declino è legato al marchio omonimo, in discesa di ben il 24,8% a 12.737 registrazioni. Positivi tutti gli altri brand: +0,9% per lAudi (5.618), +100% per la Lamborghini (24), +8% per la Seat (2.339), +33,6% per la Skoda (2.733). FORD E RENAULT. Bene anche la Renault con 14.681 auto targate +8,6%. Nello specifico, il marchio della Losanga immatricola 9,124 veicoli (+8,9%) e la Dacia 5.557 (+8,1%). Flette, invece, la Ford: sono 10.285 le unità immatricolate, il 4,8% in meno rispetto a un anno fa. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/MERCATO/2020/10/01/MERCATO_AUTO_ITALIA_SETTEMBRE_2020.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/07/31/INCENTIVI_AUTO_AL_VIA_LE_RICHIESTE_PER_I_CONTRIBUTI.HTML 2020-11-02 18:38:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/nidec_nuova_fabbrica_di_motori_elettrici_in_europa/gallery/rbig/2020-nidec.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32975 Nidec<br> - Powertrain elettrici, i giapponesi apriranno una fabbrica in Europa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32975&tipo=fv La NIDEC guarda allEuropa per lapertura di una fabbrica di powertrain elettrici. Lindiscrezione, pubblicata dal Nikkei, parla di un investimento di 1,6 miliardi di euro da parte dellazienda giapponese specializzata in sistemi di ricarica e motori a emissioni zero. Il nuovo stabilimento dovrebbe essere inaugurato in Serbia entro il 2023 con una capacità produttiva tra i 200 e i 300 mila propulsori allanno. OBIETTIVI AMBIZIOSI. Il nuovo impianto europeo si occuperà di produrre powertrain EAXLE, una soluzione nella quale il motore elettrico, lelettronica di potenza e la tramissione sono integrati in ununità compatta direttamente collegata allasse dellauto. La multinazionale asiatica punta a una quota di mercato del 35% entro il 2030: per questo, la fabbrica serba andrà ad affiancare una struttura gemella già costruita in Cina. La sfida è con le concorrenti Denso e Aisin, anchesse giapponesi, che nel 2019 hanno costituito la joint venture chiamata BluE Nexus. 2020-11-02 18:38:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/gruppo_bmw_per_il_10_novembre_attese_nuove_anteprime_mondiali/gallery/rbig/2020-bmw-next-gen-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32974 Gruppo BMW - Nuove anteprime mondiali il 10 novembre http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32974&tipo=fv La BMW [1] sta preparando levento digitale #NextGen fissato per il 10 novembre prossimo e ha già anticipato alcuni dei contenuti della kermesse virtuale: si parlerà di mobilità e di scenari futuri, ma lattenzione sarà incentrata soprattutto sulle novità di prodotto di casa BMW e Mini. LA INEXT DEFINITIVA E UNA NUOVA MINI. La BMW presenterà il DESIGN DEFINITIVO DELLA INEXT [2] e probabilmente ne annuncerà anche tempi e modalità del lancio commerciale. La crossover elettrica rappresenta la vetrina tecnologica del marchio: porterà infatti al debutto una nuova interfaccia utente, soluzioni di connettività avanzata e la guida assistita di livello 3, mentre il powertrain di quinta generazione promette 600 km di autonomia. Per quanto riguarda il marchio Mini, si parla di un debutto in anteprima mondiale ma senza scendere troppo nei dettagli: potrebbe trattarsi di un nuovo modello e emissioni zero compatto annunciato nei giorni scorsi, frutto di una strategia incentrata sullelettrificazione della gamma e sulla FUTURA ESPANSIONE IN CINA [3]. GLI ALTRI TEMI DELLEVENTo. Oltre alle vetture, levento proporrà anche altri contenuti, come levoluzione delle collaborazioni aperte con altre aziende interne ed esterne allautomotive. Si parlerà di Sim racers, di mobilità, di intelligenza artificiale e anche del progetto Electrified Wingsuit by BMW i, creato in collaborazione con Peter Salzmann, per una tuta alare elettrica. Saranno infine presentati i tre finalisti del concorso #NextGen Moving Tomorrow Pitch indetto per gli studenti, ai quali è stato chiesto di mostrare la propria visione della mobilità premium nellanno 2040. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/BMW [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/FOTO_SPIA/2020/06/18/BMW_INEXT_COLLAUDI_AL_NURBURGRING_PER_LA_SUV_ELETTRICA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/EVENTI/2020/10/30/MINI_COOPER_SE_FLASH_LUCCA_CHANGES_CARMINE_DI_GIANDOMENICO.HTML 2020-11-02 16:16:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/volvo_progettazione_e_sviluppo_interno_dei_motori_elettrici/gallery/rbig/2020-volvo-motori-elettrici-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32973 Volvo - I motori elettrici saranno sviluppati internamente http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32973&tipo=fv La VOLVO [1] progetterà e svilupperà internamente i motori elettrici della prossima generazione di auto a batteria e ibride plug-in. Lobiettivo a lungo termine della Casa svedese, infatti, è quello di diventare un produttore di veicoli a zero emissioni. CHI FA DA Sé, FA PER TRE. Il costruttore ha appena inaugurato un nuovo laboratorio a Shanghai, in Cina, che si concentrerà principalmente sullo sviluppo dei powertrain da utilizzare nei prossimi modelli basati sulla piattaforma modulare Spa 2. Questo impianto va ad aggiungersi alla rete globale di strutture per lo sviluppo e il collaudo di componenti per auto a batteria, che include un secondo laboratorio impegnato nello sviluppo dei propulsori elettrici a Göteborg e altri dedicati agli accumulatori in Svezia e Cina. Sviluppare internamente i motori a zero emissioni consentirà agli ingegneri della Volvo di ottimizzare ulteriormente lintera catena cinematica nelle nuove vetture, in modo da poter ottenere unefficienza energetica e delle prestazioni migliori. GLI OBIETTIVI AMBIENTALI. Entro il 2025 la Casa svedese punta a raggiungere il 50% delle proprie vendite con modelli a batteria e i nuovi investimenti per lo sviluppo di propulsori di nuova generazione saranno cruciali per centrare questo obiettivo. Tutto ciò fa parte del piano ambientale della Volvo, che ambisce a diventare una realtà a impatto zero sul clima entro il 2040 e che, come primo passo tangibile, mira a ridurre del 40% limpronta di carbonio nel ciclo di vita di ogni auto prodotta tra il 2018 e il 2025. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/VOLVO 2020-11-02 16:16:52 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/germania_governo_eroga_due_miliardi_di_euro_per_transizione_ecologica_automotive/gallery/rbig/228633_4042_big_berlino_porta_di_brandeburg1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32972 Germania - Il governo stanzia due miliardi di euro per la transizione ecologica dellautomotive http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32972&tipo=fv Il governo tedesco ha varato un programma da due miliardi di euro per favorire la transizione energetica e lo sviluppo tecnologico della filiera automobilistica nazionale. Il progetto, delineato nei suoi punti chiave dal ministro dellEconomia Peter Altmaier, entrerà in vigore l1 gennaio prossimo e sarà valido fino al 2024. GLI OBIETTIVI. Oltre ad aiutare le imprese a sviluppare motori ecologici e tecnologie per la guida autonoma, liniziativa di Berlino punta a promuovere le attività di ricerca e sviluppo nel campo della digitalizzazione, della stampa 3D, dellintelligenza artificiale, dellinformatica e a fornire supporto a consorzi di aziende per la formazione dei dipendenti. Il governo federale intende coprire i costi per rendere gli impianti di produzione più rispettosi dellambiente, rispettivamente fino al 60% per le grandi aziende e all80% per le piccole e medie imprese. In sostanza, saranno tre i pilastri su cui si fonderà la proposta di Altmaier: investimenti in nuovi sistemi produttivi, industria 4.0 e ambiente. Il programma, legato a un più ampio pacchetto di stimoli economici volti a contenere gli effetti della crisi sulleconomia tedesca, sarà ora sottoposto allesame degli altri ministeri. 2020-11-02 15:52:59 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/germania_tesla_multa_da_12_milioni_per_violazioni_nel_riciclo_delle_batterie/gallery/rbig/2020-tesla%20(1).jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32971 Germania - Tesla, multa da 12 milioni per violazioni nel riciclo delle batterie http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32971&tipo=fv La TESLA [1] è stata condannata a pagare una multa di 12 milioni di euro in Germania per la presunta violazione delle leggi tedesche sul riciclo delle batterie per le auto elettriche. La Casa californiana, secondo quanto riporta un documento inviato alla Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, è stata sanzionata dalla Umweltbundesamt, lagenzia federale tedesca per la protezione ambientale. LA VIOLAZIONE. La Casa californiana non avrebbe, in particolare, osservato la normativa che impone alle Case automobilistiche di prendere in consegna le batterie a fine ciclo per smaltirle in mondo ecologico. La Tesla ha puntualizzato di aver rispettato i dettami legislativi e ha sottolineato che la multa non è legata al mancato rispetto delle normative, ma allinadempimento di determinati obblighi amministrativi. "Abbiamo presentato la nostra obiezione" hanno spiegato da Palo Alto, precisando di non intravedere alcun impatto negativo di natura sostanziale sulle attività operative. Detto ciò, si tratta, comunque, dellennesimo problema affrontato dalla Tesla in Germania, dove il progetto per la realizzazione della PRIMA GIGAFACTORY EUROPEA [2] sta incontrando alcuni ostacoli, compreso il recente LICENZIAMENTO DEL RESPONSABILE DEL PROGETTO, EVAN HORETSKY [3]. Motivazioni ufficiali riguardo alla sua uscita dalla Tesla non sono noti, ma una delle cause sembra essere legata allo stop ai lavori di costruzione generati dal mancato pagamento delle bollette per lacqua. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/TESLA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/12/11/TESLA_LA_GIGAFACTORY_TEDESCA_PRODURRA_500000_AUTO_ALL_ANNO.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/23/TESLA_SE_NE_VA_UN_ALTRO_MANAGER_LICENZIATO_MISTER_GIGAFACTORY.HTML 2020-11-02 13:37:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/11/02/jeep_gladiator_willys_immagini_e_caratteristiche_dell_allestimento/gallery/rbig/2020-jeep-gladiator-willys-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32970 Jeep Gladiator - Negli Usa debutta lallestimento Willys http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32970&tipo=fv La JEEP [1] ha introdotto negli Stati Uniti la GLADIATOR [2] Willys, un inedito allestimento del pick-up dai contenuti esclusivi, ripresi dalla omonima variante della Wrangle: sarà proposto in abbinamento alle versioni Sport e Sport S con il solo motore V6 3.6 Pentastar. TUTTO QUELLO CHE SERVE PER LOFF-ROAD. La dotazione di serie include il differenziale autobloccante posteriore, la trazione integrale Command-Trac, il cambio con marce ridotte, gli ammortizzatori, le barre della versione Rubicon e i pneumatici da 32" BFGoodrich con cerchi da 17" color nero lucido. Oltre ai loghi sul cofano, la Willys si distingue anche per la finitura nera della griglia frontale, mentre per la verniciatura è possibile scegliere tra otto tinte esterne. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/JEEP [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/07/JEEP_NUOVE_VERSIONI_PER_GLADIATOR_E_WRANGLER.HTML 2020-11-02 12:38:49 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/audi_duesmann_tra_dieci_anni_quasi_solo_elettriche_nella_gamma/gallery/rbig/2019-Audi-Markus-Duesmann-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32969 Audi - Duesmann: "Tra dieci anni quasi solo elettriche nella gamma" http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32969&tipo=fv Tra dieci anni lAUDI [1] potrebbe dedicarsi quasi esclusivamente alla produzione di auto elettriche: lo ha rivelato lamministratore delegato della Casa di Ingolstadt, MARKUS DUESMANN [2], in unintervista alledizione domenicale dellAugsburger Allgemeine: "Mi aspetto che continueremo a offrire auto con motori a combustione interna dopo il 2030, ma il loro peso sul totale sarà solo molto esiguo" ha detto il numero uno del marchio dei Quattro anelli. SOLO A BATTERIA, NO ALLE FUEL CELL. Dallintervista emerge anche che lAudi farà affidamento solo sulla tecnologia dellelettrico a batteria. Duesmann, infatti, non ritiene che le celle a combustibile possano prevalere sugli attuali sistemi powertrain elettrici nel segmento delle autovetture. SERVONO PIù INFRASTRUTTURE. Al pari di quanto chiesto dallintero settore automobilistico tedesco e ancor di più dal numero uno del gruppo Volkswagen, Herbert Diess, Duesmann ha poi ribadito lappello al governo federale tedesco per espandere il più velocemente possibile la rete di ricariche pubbliche in Germania. "Il mercato sta crescendo rapidamente, linfrastruttura deve andare di pari passo", ha sottolineato lad dellAudi. "Dobbiamo diventare più veloci noi ma soprattutto la politica, attraverso procedure di approvazione più rapide per le stazioni di ricarica". Secondo il manager, dunque, è necessario fornire stazioni di ricarica ovunque ci siano veicoli in circolazione. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/AUDI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2019/11/15/AUDI_MARKUS_DUESMANN_E_IL_NUOVO_AMMINISTRATORE_DELEGATO.HTML 2020-11-02 11:42:47 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/mercato/2020/11/02/fiat_tipo_prezzi_listino_motori_allestimenti_e_interni/gallery/rbig/Fiat-Tipo-2020.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32968 Fiat Tipo - Tutti i prezzi e le versioni disponibili http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32968&tipo=fv La FIAT [1] ha diffuso i listini completi della TIPO RESTYLING [2], confermando anche le specifiche delle dotazioni. La cinque porte è proposta a partire da 18.500 euro, con la SW disponibile con un incremento di 1.500 euro. Oltre alle versioni base, City Life, Life e Business comuni a entrambe le varianti di carrozzeria, la cinque porte è proposta anche nelle inedite versioni City Cross e Cross. inoltre confermato il prezzo di lancio di 13.900 euro annunciato alla presentazione della vettura. TRE MOTORI AGGIORNATI E NUOVO INFOTAINMENT. La Fiat ha introdotto sul restyling della Tipo il nuovo logo frontale nella mascherina e ha anche ridisegnato i gruppi ottici a Led e i paraurti. Labitacolo è stato rivisto nelle finiture e soprattutto dotato dellinfotainment Uconnect con schermo da 7" o 10", che offre le più recenti soluzioni di connettività ed è condiviso con la NUOVA 500 ELETTRICA [3]. Nuova anche la gamma di propulsori Euro 6d-Final: lunico benzina è il tre cilindri turbo T3 1.0 da 100 CV e 190 Nm di coppia massima, affiancato dai diesel 1.3 Mjet da 95 CV e 200 Nm e 1.6 Mjet da 130 CV e 320 Nm. Il turbobenzina e il più piccolo dei motori a gasolio propongono un cambio manuale cinque marce e i freni a tamburo posteriori, mentre il 1.6 Mjet diesel adotta un manuale sei marce (oltre ai quattro freni a disco) ma nei listini, per ora, non cè traccia della trasmissione automatica offerta in precedenza. Per il 1.0 benzina, che spinge la Tipo fino a 191 km/h (0-100 km/h in 11,8-12,2 secondi a seconda della versione) la Fiat dichiara un consumo medio di 5,7 l/100 km e 125-132 g/km di CO2 nel ciclo Nedc correlato, mentre il 1.3 diesel si ferma a 4,5 l/100 km e 113-119 g/km ed è lunico adatto anche ai neopatentati: con questo motore la Tipo raggiunge i 181 km/h e impiega da 13,3 a 13,8 secondi per raggiungere i 100 km/h da fermo. Per il più potente 1.6 diesel la Casa dichiara invece un consumo medio di 4,7 l/100 km e 118-123 g/km: questo quattro cilindri è il più brillante dellattuale gamma con una punta massima di 208 km/h e un tempo compreso tra 9,8 e 10,5 secondi per lo 0-100 km/h. I CONSUMI. Per la Tipo 1.0 benzina la Casa dichiara un consumo medio di 5,7 l/100 km e 125-132 g/km di CO2 nel ciclo Wltp, mentre il 1.3 diesel si ferma a 4,5 l/100 km e 113-119 g/km. Questultimo è lunico motore attualmente disponibile in gamma adatto anche ai neopatentati. Per la più potente Fiat Tipo 1.6 Mjet diesel il Lingotto dichiara invece un consumo medio di 4,7 l/100 km e 118-123 g/km di emissioni di CO2. LA TIPO CROSS. Le inedite versioni City Cross e Cross a cinque porte sono contraddistinte da un look ispirato al mondo dei crossover. Troviamo infatti paraurti, passaruota e minigonne con protezioni in plastica grezza, cerchi in lega dedicati e barre sul tetto, oltre a finiture argento estese anche alle calotte degli specchietti. La personalizzazione prosegue allinterno, dove sono previste finiture specifiche: Tessuto nero con doppia cucitura per la City Cross e tessuto Melange con inserti e doppie cuciture sulla Cross. LE DIMENSIONI. Tutte le Tipo 2020, wagon compresa, sono accomunate dallo stesso passo di 2.638 mm. A variare sono però le dimensioni: la pi piccola è la Tipo cinque porte con 4.368 mm di lunghezza, seguita dalla Tipo Cross (4.386 mm) e dalla Tipo Station Wagon (4.571 mm). La Cross è anche più larga e alta rispetto alle sorelle: 1.802 mm di larghezza (+10 mm) e 1.556 mm daltezza (+12 mm rispetto alla hatchback). A variare sono anche labitabilità interna e il bagagliaio: le Tipo cinque porte e Tipo Cross hanno un vano da 440 litri, mentre la Tipo Station Wagon arriva a 550 litri. VERSIONI E ACCESSORI. Lallestimento base offre di serie i cerchi di lamiera da 16", il climatizzatore manuale, linfotainment Uconnect con radio Dab e bluetooth, il Traffic Sign Recognition, il Lane Keep Assist, lo Speed Assist e gli specchietti laterali con calotte di plastica grezza. La variante TIPO CITY LIFE aggiunge i cerchi di lega, lo Uconnect con display da 7", le luci diurne a Led, il volante rivestito di pelle, il Cruise Control, i vetri elettrici posteriori e il climatizzatore automatico. Passando alla TIPO LIFE si ottengono anche i fari Full Led, i sensori di parcheggio, il bracciolo anteriore, i retrovisori elettrici con calotte in tinta, i fendinebbia a Led, i sensori luci e pioggia, il display da 7" della strumentazione e lo specchietto interno elettrocromatico. La TIPO BUSINESS aggiunge il navigatore satellitare, la retrocamera, la presa Usb posteriore e il pacchetto di Adas che include la frenata automatica, il Blind Spot monitoring e il Cruise Control adattivo. La FIAT TIPO CITY CROSS si distingue per i paraurti e le finiture esterne specifiche, le barre sul tetto e le luci a Led posteriori, mentre la TIPO CROSS aggiunge anche i cerchi da 17", lAutonomous City Brake, i sensori di parcheggio anteriori e i cristalli posteriori oscurati. Tra gli optional citiamo i rivestimenti interni di pelle (900 euro), il sistema Keyless (300 euro), i sedili riscaldabili (300 euro), la ricarica wireless anteriore (150 euro), linfotainment con display da 10" con servizi Mopar Connect (400 euro) e i pacchetti di Adas per i modelli meno accessoriati, come il Safety Pack (700 euro) che include il Blind Spot, il cruise control adattivo e la frenata automatica demergenza. Listino prezzi Fiat Tipo 2020: Fiat Tipo 1.0 100 CV: 18.500 euro Fiat Tipo 1.0 100 CV City Life: 20.000 euro Fiat Tipo 1.0 100 CV Life: 21.500 euro Fiat Tipo 1.0 100 CV Business: 22.400 euro Fiat Tipo 1.0 100 CV City Cross: 21.500 euro Fiat Tipo 1.0 100 CV Cross: 23.400 euro Fiat Tipo 1.3 Mjet 95 CV: 20.600 euro Fiat Tipo 1.3 Mjet 95 CV City Life: 22.100 euro Fiat Tipo 1.3 Mjet 95 CV Life: 23.600 euro Fiat Tipo 1.3 Mjet 95 CV Business: 24.500 euro Fiat Tipo 1.3 Mjet 95 CV City Cross: 23.600 euro Fiat Tipo 1.3 Mjet 95 CV Cross: 25.600 euro Fiat Tipo 1.6 Mjet 130 CV City Life: 23.500 euro Fiat Tipo 1.6 Mjet 130 CV Life: 25.000 euro Fiat Tipo 1.6 Mjet 130 CV Business: 25.900 euro Fiat Tipo 1.6 Mjet 130 CV City Cross: 25.000 euro Fiat Tipo 1.6 Mjet 130 CV Cross: 27.000 euro Listino prezzi Fiat Tipo SW 2020: Fiat Tipo SW 1.0 100 CV: 20.000 euro Fiat Tipo SW 1.0 100 CV City Life: 21.500 euro Fiat Tipo SW 1.0 100 CV Life: 23.000 euro Fiat Tipo SW 1.0 100 CV Business: 23.900 euro Fiat Tipo SW 1.3 Mjet 95 CV: 22.100 euro Fiat Tipo SW 1.3 Mjet 95 CV City Life: 23.600 euro Fiat Tipo SW 1.3 Mjet 95 CV Life: 25.100 euro Fiat Tipo SW 1.3 Mjet 95 CV Business: 26.000 euro Fiat Tipo SW 1.6 Mjet 130 CV City Life: 25.000 euro Fiat Tipo SW 1.6 Mjet 130 CV Life: 26.500 euro Fiat Tipo SW 1.6 Mjet 130 CV Business: 27.400 euro Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FIAT.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/26/FIAT_TIPO_CROSS_PREZZO_INTERNI_MOTORI_USCITA.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/22/FIAT_500_ELETTRICA_PREZZO_BASE_CON_INCENTIVI_AUTONOMIA_INTERNI_ALLESTIMENTI.HTML 2020-11-02 11:16:07 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/industria-finanza/2020/11/02/hyundai_nuovo_ruolo_per_luc_donckerwolke_sara_chief_creative_officer/gallery/rbig/2020-luc-donckerwolke-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32967 Hyundai - Nuovo ruolo per Luc Donckerwolke: sarà Chief Creative Officer http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32967&tipo=fv Nuovo ruolo per Luc Donckerwolke allinterno del gruppo HYUNDAI [1]: il designer di origine belga sarà Chief Creative Officer e sarà responsabile delle comunicazioni relative al design, in particolare per quanto riguarda i marchi GENESIS [2] e IONIQ [3]. Lex Lamborghini, inoltre, riprenderà la carica di Executive Vice President nel gruppo. Donckerwolke AVEVA LASCIATO I PROPRI INCARICHI [4] nellaprile scorso per motivi personali. UNO OCCHIO SULLA NUOVA MOBILITà. Inizio con grande onore e orgoglio questo nuovo capitolo allinterno del Hyundai Motor Group per consolidarne la creatività le parole di Donckerwolke -. In collaborazione con i team di progettazione, comunicherò la varietà e la ricchezza del design dei marchi del gruppo. Il designer, con un passato alla Bentley prima di raggiungere il costruttore asiatico, verrà coinvolto anche nei progetti che riguardano la nuova mobilità e le concept. Sul fronte dei brand, SangYup Lee continuerà a guidare Hyundai e Genesis, mentre Karim Habib dirigerà le matite che disegnano le Kia. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/HYUNDAI [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/GENESIS [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/IONIQ [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/04/29/HYUNDAI_IL_DESIGNER_LUC_DONCKERWOLKE_SI_DIMETTE.HTML 2020-11-02 10:22:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/11/01/f_1_gp_emilia_romagna_risultati_gara/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32966 F.1, GP Emilia-Romagna - Imola, la Mercedes vince il titolo costruttori http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32966&tipo=fv Doppietta della Mercedes al Gran Premio dellEmilia-Romagna, tredicesima prova del Mondiale di Formula 1. LEWIS HAMILTON HA VINTO MERITATAMENTE LA CORSA, mettendo in scena una delle sue più belle gare in carriera. Battuto il poleman, Valtteri Bottas, che aveva subito anche il sorpasso di Verstappen, poi ritiratosi per una foratura. Sul podio di Imola sale anche la Renault, grazie a una magnifica prestazione di Daniel Ricciardo. Con questo risultato, la MERCEDES è MATEMATICAMENTE CAMPIONE DEL MONDO COSTRUTTORI per la settima volta consecutiva. NUOVO RECORD PER LA MERCEDES. La sua partenza non è stata delle migliori e ha dovuto ricostruire tutto con freddezza, a colpi di giri veloci e una sosta ai box ritardata, che gli ha consentito di tornare davanti a tutti e puntare dritto alla vittoria. "Questa è stata una gara spossante. Ma adesso sto vivendo un momento che mi scalda il cuore. Grazie al team che continua a spingere ed innovare: i veri eroi che non si celebrano mai abbastanza sono loro. Chi guarda da fuori può pensare che ci si abitua a questi successi, ma è fantastico vedere lo spirito di questa squadra e il settimo titolo consecutivo è un record speciale. Tutto il team lavora maniacalmente su ogni dettaglio della macchina ed è così che si raggiunge quasi la perfezione". _In aggiornamento..._ GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLA GARA A IMOLA [1] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-01 15:08:36 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/10/30/nomi_della_auto_quando_l_erede_cambia_forma_foto_gallery/gallery/rbig/ford_puma_nuova_e_vecchia.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32965 Nomi dauto - Quando lerede cambia forma FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32965&tipo=fv Quando lattuale FORD PUMA [1] è arrivata sul mercato, in tanti si saranno ricordati della piccola COUPé DEGLI ANNI 90 [2] che, assieme alla OPEL TIGRA [3], divenne loggetto del desiderio dei giovani di tutta Europa. Eppure, quello odierno è un modello di ben altre forme, tra le più gettonate Suv di segmento B. E allora perché utilizzare il nome di una vettura del tutto diversa? Di certo, Puma è un nome corto che evoca una destrezza felina: due caratteristiche, la compattezza e lagilità, che le Case amano sottolineare quando presentano un modello dalle dimensioni ridotte. Ed è forse questo il motivo per cui gli uffici marketing dellOvale Blu hanno optato per una soluzione nostalgica. Peraltro, quello della B-Suv non è un caso unico nel mondo dellauto, come dimostra la nostra rassegna, dove abbiamo raccolto vari esempi di vetture con nomi del passato che rievocano modelli molto diversi. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/PRIMO_CONTATTO/2020/01/14/FORD_PUMA_AL_VOLANTE_DELLA_1_0_ECOBOOST_HYBRID_ST_LINE_X.HTML [2] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2017/10/20/sportive_accessibili_quelle_coupe_degli_anni_novanta.html [3] https://www.quattroruote.it/news/eventi/2019/06/03/opel_calibra_e_tigra_le_coupe_che_dettavano_moda_foto_gallery.html 2020-11-01 11:19:00 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/10/31/sean_connery_e_morto_il_gentlemen_driver_del_cinema/gallery/rbig/2020-auto-Sean-Connery-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32964 Sean Connery - Addio al gentleman driver del cinema - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32964&tipo=fv Unaltra triste notizia si aggiunge a questo assurdo 2020: SEAN CONNERY, leggenda del cinema, si è spento a 90 anni alle Bahamas. Lattore scozzese, coetaneo di CLINT EASTWOOD [1], ha interpretato innumerevoli ruoli in decine di film per il grande schermo, oltre che in diverse produzioni televisive. Senza dubbio, è quello di James Bond il suo personaggio più popolare, ma non sono mancate altre interpretazioni di grande rilievo, come quella di Jimmy Malone ne Gli Intoccabili (1987), con cui ha ottenuto lOscar come Miglior attore non protagonista. Il suo volto, comunque, rimane legato indissolubilmente anche al mondo dellauto, e soprattutto alla più celebre delle Bond Car del cinema, lASTON MARTIN DB5, che troverete nella nostra galleria di immagini insieme ad alcune curiosità e altre auto della carriera di questo attore e gentlemen driver. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2020/05/31/clint_eastwood_le_auto_personali_e_quelle_dei_film_foto_gallery.html 2020-11-01 10:26:24 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/diario_di_bordo/2020/10/23/hyundai_i30_una_settimana_con_la_1_0_n_line/gallery/rbig/2020-Hyundai-i30-001.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32957 Hyundai i30 - Una settimana con la 1.0 N-Line http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32957&tipo=fv Il DIARIO DI BORDO [1] di questa settimana ha come protagonista la HYUNDAI I30 1.0 120 CV N-LINE equipaggiata con un tre cilindri bialbero mild hybrid 48V tutto dalluminio, dotato di turbocompressore, iniezione diretta e variatore di fase. Questunità a benzina sviluppa 120 CV e 172 Nm di coppia tra 1.500 e 4.000 giri/min. Stando ai dati dichiarati dalla Casa, in questa configurazione la i30 è in grado di raggiungere i 196 km/h e di accelerare da 0 a 100 km/h in 11,2 secondi. Il cambio è un manuale a sei rapporti. Interessanti i consumi: il combinato nel ciclo Wltp registra 5,2-6 l/100 km con emissioni di CO2 pari a 120-137 g/km. Lunga 4,34 metri e larga 1,79 metri, la cinque porte ha un passo di 2,65 metri e pesa in ordine di marcia 1.384 kg. Scendendo più nel dettaglio, sullallestimento N-Line sono di serie i cerchi di lega da 17" con pneumatici 225/45 e paraurti specifici, mentre allinterno è prevista una selleria dedicata con il volante e il pomello del cambio griffati N-Line. Non mancano, per citarne alcuni, equipaggiamenti comuni anche ad altre versioni come i sei airbag, lantifurto con radiocomando e immobilizer, la gestione automatica degli abbaglianti, lavviso di stanchezza del conducente, i fari Full Led, i vetri posteriori oscurati, i fanali posteriori a Led, il bracciolo centrale, il climatizzatore automatico bizona, il cruise control e altro ancora. Lesemplare del Diario dispone anche della vernice metallizzata Dark Knight (650 euro) e di due pacchetti integrativi: il Techno Pack (1.150 euro), che prevede sistema di navigazione con display touchscreen da 10.25", connettività Apple CarPlay e Android Auto, riconoscimento dei limiti di velocità e servizi telematici Bluelink, e il Safety Plus (750 euro), con airbag per le ginocchia del conducente, sistema anticollisione frontale con riconoscimento di veicoli, pedoni e ciclisti, monitoraggio degli angoli ciechi, RearCross-Traffic Collision Warning e mantenimento della corsia. Il listino della i30 1.0 120 CV mild hybrid N-Line parte da 27.450 euro, ma aggiungendo gli accessori sopra citati si sale a 30.000 euro: sfruttando le promozioni, i finanziamenti e la rottamazione, il prezzo può però scendere fino a 23.050 euro. TUTTA UNALTRA STORIA [DAY 1]. Come cambiano le cose. Ricordo molto bene la prima Hyundai che ho guidato: era una Pony seconda serie che un mio compagno di liceo acquistò (in realtà fu il padre a comprargliela) dopo aver fuso il motore di una malconcia Renault 5 TL, di quelle che avevano ancora la leva del cambio a manico di ombrello. A metà degli anni 80, non si poteva certo dire che la Pony fosse una delle vetture più riuscite di Giugiaro e, benché fosse venduta a un prezzo imbattibile, guidandola capivi subito quanto fosse distante, per esempio, da una Volkswagen Golf seconda serie. Ricordo bene la strumentazione che silluminava di un celeste sbiadito, il "gong" che segnalava la portiera aperta e quellandatura un po slegata che suggeriva di non eccedere con le spacconate. Come detto, le cose cambiano. Da allora sono passati più di 30 anni e di Hyundai ne ho guidate molte altre, tanto che oggi, al cospetto di questa i30 protagonista del nostro Diario di bordo, guardo il logo N-Line sulla fiancata e nutro aspettative di un certo livello. Se sulloriginalità dello stile si può discutere, gli interni non lasciano dubbi: il posto di guida è il regno del guidatore, con il sedile sportivo che, sebbene sia un po duro per i miei gusti, non è scomodo e contiene bene in curva. Le regolazioni sono ampie e chiunque può trovare la postura ideale con poco sforzo. La plancia offre tutti i comandi a portata di mano, disposti in maniera razionale, e cè anche molto spazio per riporre i piccoli oggetti. Insomma, parliamo di un posto di comando funzionale, ben rifinito, lontano anni luce da quelle soluzioni tutto stile e zero praticità. Il resto degli arredi interni segue la medesima filosofia: un mix di scuola tedesca e giapponese molto curato. Una volta in movimento, il mille tre cilindri non è certo un fulmine e si distingue più per regolarità e morbidezza che per brillantezza. Cambiando la modalità di guida da Normal in Sport, la strumentazione si colora di rosso e il motore acquista un filo più di grinta, ma è poca cosa. La strumentazione è sempre pronta a suggerirti di cambiare marcia, anche se stai dando gas: la "coscienza" di questa i30 è anzitutto ecologica. In compenso, la coreana mette sul piatto un cambio manuale ben manovrabile e un assetto calibrato con attenzione, dove la giusta taratura delle sospensioni offre un buon confort senza penalizzare la guida sportiveggiante. Mi sono piaciuti anche lo sterzo (che ha un giusto carico e una certa progressività) e i freni (potenti e modulabili), mentre ho trovato il pedale della frizione un po troppo pesante considerata la coppia in gioco. Insomma, tra le hatchback attuali, sicuramente la i30 sarà una protagonista. COSIMO MURIANNI, REDAZIONE INCHIESTE IN SPORT IL TRE è PIù GRADEVOLE [DAY 2]. Oggi sul mercato ci sono così tanti mille turbo tre cilindri da poter accontentare (quasi) tutti. Certo, ormai da loro ci si aspetta molto: bassi consumi, ovvio, ma anche prestazioni, gradevolezza e, perché no, libridizzazione. Come l1.0 T-GDI 120 CV della nostra Hyundai i30 N Line, ora abbinato infatti al sistema mild hybrid 48V e al cambio manuale intelligente a sei marce (iMT). Allavviamento a freddo il tre mostra solo qualche lieve vibrazione al minimo. Nelluso normale il rumore è sempre contenuto, anche se il timbro dato dal tipo di frazionamento si fa sentire. Nel percorso misto urbano-extraurbano che ho seguito, parto selezionando la modalità Eco. Così la taratura della centralina motore privilegia la regolarità derogazione e i consumi, non certo la prontezza. Il mille turbo gira bene, ma sembra quasi un po imbrigliato ai bassi; e la sensazione si ripete anche in modalità Normal. Intanto tengo docchio sul display lo schema che riporta i flussi denergia: in frenata e in rilascio il motore benzina ricarica la piccola batteria, mentre lenergia stoccata viene restituita sotto forma di brevi, ma utili spunti quando serve (per esempio, ai bassi regimi o in ripresa). Un aiuto che, di fatto, non si sente, come è impercettibile lottimo riavvio del motore tramite lo Start Stop (grazie al motogeneratore a cinghia). Così, per andare a vedere come si comporta davvero sotto pressione l1.0 T-GDI, passo in Sport. Oltre alla colorazione rossa della strumentazione digitale, ora il tre cilindri si ravviva, mostrandosi più pieno, gradevole e pimpante. Una maggiore verve che si ritrova, nonostante i primi rapporti del cambio molto spaziati, anche quando sinsiste a fondo con lacceleratore: in questo caso il contagiri arriva a sfondare quota 6.500, prima che il limitatore dica basta. Una soglia non certo eco, lo ammetto, ma che pochissimi tre cilindri possono raggiungere. Nonostante questa divagazione, il computer di bordo segna un buon 7,2 litri/100 km. ANDREA STASSANO, REDAZIONE AUTONOTIZIE IL GIUSTO COMPROMESSO [DAY 3]. Appena saliti a bordo si viene accolti da un ambiente sportiveggiante, con volante e leva del cambio rivestiti di pelle, sedili avvolgenti e pedaliera di alluminio. Ben leggibile il cruscotto digitale da 7", che cambia colore in base alla modalità di guida impostata, mentre al centro della plancia spicca lampio display touch da 10,25" del sistema dinfotainment. Prima di partire gioco un po con i menù, scoprendo che, oltre ai comandi vocali e alla compatibilità con gli standard Android Auto e Apple CarPlay, cè anche una simpatica funzione con una serie di effetti sonori preimpostati: giornata di pioggia, onde del mare, foresta vivace e tutta una serie di suoni pensati per far rilassare il guidatore anche nel traffico di tutti i giorni. Trovo che sia un po questa lessenza della i30 N-Line: offrire il giusto compromesso fra note confortevoli e appeal sportivo. E così, fatti i primi chilometri, si apprezzano sia le sedute, molto meno rigide di quanto la loro conformazione farebbe supporre, sia le sospensioni, che, nonostante i cerchi da 17, assorbono discretamente buche e tombini, senza però compromettere la stabilità e la tenuta quando si forza un po landatura in modalità Sport. Frizione leggera e cambio preciso negli innesti, anche se un po contrastato, completano il quadro, mentre la frenata è molto incisiva fin da subito e richiede un minimo di confidenza per imparare a modularla al meglio. Per quanto riguarda labitabilità, il divano accoglie bene due persone anche alte, sebbene lo spazio per le ginocchia, che possono sfruttare gli appositi incavi ricavati negli schienali anteriori, sia un po più limitato rispetto a quello per la testa. Il quinto passeggero, invece, come spesso capita, è meglio considerarlo solo per brevi tratti: non tanto per il tunnel centrale, che ospita le bocchette del climatizzatore bizona, quanto per il solito schienale-bracciolo, più piccolo e rigido rispetto ai due laterali. ALESSANDRO CARCANO, REDAZIONE MERCATO UN SALTO QUANTICO. [DAY 4] Che cambiamento ha fatto la Hyundai negli ultimi anni: da coreana a tedesca. I suoi ultimi prodotti hanno raggiunto uno standard qualitativo e tecnologico a livello delle migliori auto made in Germany, del resto la Casa asiatica non nasconde che la i30 abbia sempre avuto nel mirino sua maestà Volkswagen Golf. E oggi più che mai, lallieva si è portata al livello della maestra. Unimpressione confermata già dalla posizione di guida, fondamentale per poter apprezzare le caratteristiche dinamiche di unauto: è ben progettata, con il volante ampiamente regolabile e il sedile basso e avvolgente con sostegno estraibile sotto coscia che aumenta la comodità. Ci si sente ben inseriti nel corpo dellauto. La leva del cambio manuale, poi, è subito lì, a portata di mano, corta, con i suoi innesti precisi e sufficientemente contrastati: fa coppia con un pedale della frizione dal carico consistente ma non affaticante nel traffico. Se cercate una i30 sportiveggiante, lallestimento N-Line è quello che fa al caso vostro. Non solo per laspetto grintoso: vedi i cerchi da 17, il doppio terminale di scarico e le prese daria aggiuntive, anche se quelle posteriori finte non sono il massimo. Ma soprattutto per lassetto, che è un po più rigido rispetto a quello standard. La i30 rimane sempre stabile nei lunghi curvoni veloci, regalando una stabilità molto elevata, per contro, giunture stradali, buche e tombini arriveranno dritti al fondoschiena degli occupanti. Il tre cilindri turbo da 120 CV e 172 Nm di coppia, poi, ha proprio un bel caratterino. Lo 0-100 km/h in 11,2 secondi della scheda tecnica non gli rende giustizia, perché, spremendolo per bene, sa tirare fuori riprese brillanti e allunghi che non ti aspetteresti da un millino turbo. Insomma, la i30 si lascia guidare con piglio sportivo senza fare un plissé, anche grazie a freni potenti e vigorosi, che però peccano un po quanto a modulabilità: bisogna fare labitudine a una risposta brusca anche sfiorando il pedale. Ma le soddisfazioni al volante non mancano e mi riportano alla mente le qualità dinamiche di una Golf. E anche qualche richiamo estetico, soprattutto al posteriore, con un po di Ford Focus nel frontale. In questo senso, un pizzico di originalità in più, di certo, non avrebbe guastato. MARCO ROCCA, REDAZIONE WEBTV POCO FEELING CON IL MOTORE [DAY 5]. Come chi mi ha preceduto in questo diario di bordo, ho ben chiaro nella memoria quel mix di sorpresa e incredulità con il quale vennero accolte, negli anni 80, le prime Hyundai, marchio del quale, nel 1990, il gruppo Koelliker divenne importatore unico per lItalia. Ma il tempo dello stupore è finito ormai da un po e oggi la Casa coreana, per dire, è in grado di aggiudicarsi una sonora doppietta nel recente Rally mondiale di Sardegna con Sordo e Neuville, dando una bella lezione a una schiera di Toyota Yaris Wrc, capitanate nientemeno che da un pluricampione come Ogier. Ora, è naturale che le competizioni siano una cosa e la produzione di serie unaltra, ma resta il fatto che la tecnologia coreana si colloca ormai stabilmente ai vertici planetari nei più disparati settori, compreso quello automobilistico. Stando così le cose, mi chiedo, perché mi trovo sotto il piede destro un 3 cilindri che non riesce a soddisfare in pieno le mie aspettative, per di più abbinato a unaccoppiata frizione-cambio con la quale stento a entrare in confidenza? Se questultimo aspetto richiede forse soltanto un po di assuefazione, abituati come siamo ormai agli automatici di varie declinazioni, è probabilmente il frazionamento del propulsore che non riesce a entrare nelle mie corde. Tema sul quale potremmo aprire un ampio dibattito in redazione e - perché no - con chi legge queste note. Dal mio punto di vista, però, almeno alle andature cittadine (ché in autostrada, a velocità costante, le differenze diventano meno percepibili) anche questa i30 manca di quella fluidità che rende gradevole muoversi nel traffico urbano, tra un monopattino e una bike in sharing. Peccato, perché di frecce al proprio arco lhatchback coreana ne ha tante altre: il posto guida, la strumentazione di colore cangiante a seconda del settaggio impostato, il grande touch screen centrale, le plastiche dei rivestimenti gradevoli al tatto. EMILIO DELEIDI, REDAZIONE INCHIESTE Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/diario_di_bordo.html 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/31/f_1_gp_emilia_romagna_risultati_prove_libere/gallery/rbig/2020-mercedes-hamilton.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32950 F.1, GP Emilia-Romagna - Prove Libere: Hamilton vola, Verstappen insegue http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32950&tipo=fv LEWIS HAMILTON ha ottenuto il giro più veloce nellunica sessione di PROVE LIBERE DEL GRAN PREMIO DELLEMILIA-ROMAGNA, tredicesima prova del Mondiale di Formula 1. Il sei volte campione del mondo [1] ha fermato il cronometro sull1:14.726, portando a termine ben 46 giri del circuito di Imola. Secondo tempo per la Red Bull di Max Verstappen, staccato di quasi tre decimi, mentre Bottas è terzo con quasi mezzo secondo di ritardo. I PRIMI DIECI. Quella di oggi pomeriggio a Imola sarà una delle qualifiche più serrate dellanno, stando a quello che abbiamo visto durante gli unici novanta minuti di prove. A parte le prime tre posizioni, i distacchi sono tutto sommato contenuti. Pierre Gasly, che qui corre con un casco che omaggia il suo idolo Ayrton Senna, ha ottenuto il quarto tempo. Il pilota dellAlphaTauri ha preceduto la Ferrari di Charles Leclerc e le due Renault di Ricciardo e Ocon. A completare la Top 10 ci sono Kvyat, con la seconda delle AlphaTauri in pista, e poi Albon e Stroll. La qualifica sarà trasmessa in diretta su Sky e TV8 a partire dalle ore 14. IL CAVALLINO SOFFRE. Imola è una pista nuova per tanti piloti e non è certo una pista di facile interpretazione, sia dal punto di vista della guida che sotto il profilo dellassetto. La Ferrari però non sembra essere molto competitiva: Leclerc ha fatto molta fatica a portare in temperatura le gomme e si è lamentato più volte via radio, dicendo che la sua SF1000 era molto difficile da guidare. In difficoltà anche Vettel, solamente dodicesimo alla fine con quasi un secondo e mezzo di ritardo dalla vetta. Tra i piloti in netta difficoltà cè anche Albon: il pilota della Red Bull Racing è sotto pressione, perché sa che si sta giocando il futuro in F.1, con il team di Milton Keynes che sembra seriamente intenzionato a dare unopportunità a Nico Hulkenberg per il prossimo anno. GUARDA I RISULTATI DELLE PROVE LIBERE A IMOLA [2] Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/formula1/f1/pilota.shtml?hamilton_lewis_523079 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/31/renault_f_1_abiteboul_un_sistema_da_rivedere/gallery/rbig/2020-Cyril-Abiteboul-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32951 Renault F.1 - Abiteboul: Un sistema da rivedere http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32951&tipo=fv Francese, 43 anni, laureato allIstituto di tecnologia di Grenoble, CYRIL ABITEBOUL vanta una lunga militanza alla RENAULT [1], con la quale ha iniziato a collaborare già nei primi anni 2000, fino a diventare direttore esecutivo di Renault Sport F1 nel 2007. Luca De Meo lo ha messo ora alla guida del BRAND ALPINE [2], affidandogli il compito di svilupparlo e di portarlo al successo anche nei Gran Premi, dove dal 2021 sostituirà quello, finora utilizzato, della stessa Renault. Ed è proprio con lAlpine che inizia la chiacchierata che Abiteboul ha concesso in streaming a un gruppo di giornalisti italiani alla vigilia della gara di Imola. CYRIL, QUALE SARà LA SUA STRATEGIA PER LE ALPINE STRADALI NEI PROSSIMI ANNI? Siamo soltanto allinizio di un viaggio nuovo per me, quindi ci sono molte questioni aperte alle quali bisognerà dare una risposta. Quello che posso dire è che il progetto dellAlpine consiste nel connettere in un asset un certo numero di entità che abbiamo nel gruppo Renault, come la fabbrica di Dieppe, un grande marchio, lengineering, un team di persone impegnate in particolare in Formula 1 e la stessa F.1, da utilizzare come piattaforma di marketing. Fondamentalmente, quello che vogliamo fare è sviluppare il valore di questo business. Con questo marchio vogliamo individuare nicchie che non sono ancora state occupate dai diversi brand; abbiamo la possibilità di sviluppare unottima piattaforma come quella della A110, che è una grande macchina della quale vediamo molte possibili declinazioni future. Ma non ci vogliamo fermare lì: vogliamo creare dei punti di contatto tra il brand Alpine e la linea di prodotti Renault, cosa che trovo entusiasmante. Ma diremo di più allinizio del prossimo anno, quando Luca De Meo presenterà il piano strategico per tutto il gruppo Renault, Alpine compresa. PASSANDO AD ARGOMENTI PIù LEGGERI, QUANDO SI FARà FARE IL TATUAGGIO CHE HA PROMESSO A RICCIARDO NEL CASO IN CUI FOSSE RIUSCITO A SALIRE SUL PODIO DI UN GRAN PREMIO, COMè ACCADUTO? Quando usciremo dal lockdown e da questa situazione Perché con Daniel dobbiamo decidere dove farlo, non sul mio corpo, ma in quale località e le restrizioni in tema di viaggi ci obbligano a rimandare. Ma succederà, promesso! VENENDO ALLA F.1, SIETE FAVOREVOLI A UN CONGELAMENTO REGOLAMENTARE DELLE POWER UNIT ATTUALI? Se mi aveste fatto questa domanda sei mesi fa, quando la situazione spingeva fortemente a un abbassamento del budget cap e a una decisa riduzione dei costi, compresi quelli relativi ai motori, sarei stato favorevole. Ma a quellepoca, Red Bull Racing e Honda erano contrari e quindi è stata presa una strada differente. Da allora siamo stati molto impegnati nello sviluppo di una nuova piattaforma per il motore del 2022: quindi, chiedendomelo ora, la mia posizione è diversa da sei mesi fa e siamo chiaramente non intenzionati a fermare lo sviluppo di quella che sarà una piattaforma importante per noi. Dunque, non lo accetteremo. Ciò su cui siamo invece daccordo con i colleghi è che abbiamo bisogno di mettere in atto un meccanismo di controllo dei costi a medio-lungo termine per lo sviluppo futuro dei motori attraverso una sorta di agenda sostenibile per le nuove power unit. Che non significa però semplicemente congelare quelle attuali. CHE COSA PROPONETE, ALLORA, PER LA PROSSIMA GENERAZIONE DI POWER UNIT, PREVISTA PER IL 2026? Non ho una risposta da un punto di vista tecnico, ma ce lho sotto il profilo metodologico. In questo momento, particolarmente difficile sotto il profilo finanziario e umano, vorremmo vedere molta più collaborazione in F.1; sono rimasto molto impressionato da come, in marzo e aprile, i team abbiano messo insieme le loro conoscenze per trovare nuove soluzioni ingegneristiche per i respiratori destinati agli ospedali. Ecco, vorrei vedere questo stesso tipo di sforzo nellindirizzare i cambiamenti dei nuovi motori. Se saranno a idrogeno, elettrificati, a biofuel, non lo so: io, però, vorrei vedere dieci dei migliori ingegneri della Renault, dieci della Ferrari e altrettanti della Mercedes, insieme con la Fia, coinvolgere i ceo dei grandi costruttori presenti in F.1 per arrivare alla definizione di una soluzione condivisa e fantastica, punto di partenza per la competizione futura. ABBIAMO VISTO LUCA DE MEO AL SUO FIANCO NEI BOX DEI GRAN PREMI: LA SUA PRESENZA è DI AIUTO, IN QUESTO MOMENTO? molto importante, è una delle prime cose che ha fatto perché ama la Formula 1 e la mette al centro della strategia del gruppo Renault e questo è fondamentale. Gli piace il motorsport, apprezza quello che facciamo e conosce le difficoltà che comporta, capendo pienamente la portata della sfida che significa essere in F.1, lottare per le posizioni e per il podio. Per lui, siamo un esempio di quanto vogliamo fare e questo costituisce per noi una forte motivazione. COME GIUDICA LA STAGIONE DELLA RENAULT DISPUTATA FINORA? Penso sia una buona stagione, nella quale abbiamo ottenuto buoni risultati, il migliore dei quali è stato il podio di Daniel. Nell ultime sei gare, diciamo da Spa, credo che il nostro sia stato il team che abbia raccolto più punti dopo la Mercedes: le vetture sono state consistenti su piste molto diverse tra loro. Allo stesso tempo, devo dire che abbiamo alcune aree con chiari margini di miglioramento: come si è visto a Barcellona e a Portimao, soffriamo di una carenza di grip aerodinamico. Sono aspetti che speriamo di migliorare durante linverno. Un altro problema del team è stato quello dellaffidabilità, che ci è costato molti punti in campionato (circa 35) a causa dei ritiri, anche per incidenti: questo non è accettabile, se vuoi lottare per le prime posizioni in classifica. Potremmo essere in una situazione migliore, ma resta comunque la dimostrazione della competitività della squadra e del fatto che siamo sulla strada giusta per lottare per il titolo fra due o tre stagioni. QUAL è, DUNQUE, LOBBIETTIVO CHE VI RENDEREBBE FELICI ALLA FINE DI QUESTANNO? Siamo soddisfatti, ma la posizione finale non condizionerà il giudizio su quanto è stato fatto finora. La lotta per il terzo posto tra i Costruttori è ancora aperta, stiamo lottando per quelle tra la terza e la sesta e tutto è ancora possibile. Certo, il terzo posto mi renderebbe al 100% contento di questa stagione. QUANTO è IMPORTANTE IL RITORNO IN SQUADRA DI FERNANDO ALONSO? E VI HA GIà DATO DEI FEEDBACK SULLA VETTURA PER LA PROSSIMA STAGIONE? Sì, Fernando è già molto coinvolto come parte del team, è presente in Italia: è importante per lui respirare latmosfera del paddock, vedere il team in azione in pista. stato un paio di volte alle nostre due factory di Viry e di Enstone, ha partecipato ai meeting tecnici coi nostri piloti, è in grado di sentire quello che diciamo sulla macchina: è unottima cosa averlo intorno al tavolo e sentire le sue opinioni per il prossimo anno. Ha una grandissima esperienza in Formula 1, capisce non solo la macchina, ma il campionato, la squadra, lorganizzazione, la politica, gli aspetti commerciali: tutti, nel team, si aspettano di discutere da varie prospettive con Fernando e questo dà una grande motivazione a tutti noi. Vedi la luce brillare negli occhi della gente, quando guarda Fernando CHE COSA CHIEDETE A STEFANO DOMENICALI PER IL FUTURO DELLA FORMULA 1? Bella domanda La prima voce in agenda è molto chiara: siamo in una situazione di emergenza a causa del Covid, lanno prossimo non si tornerà alla normalità, quindi la cosa più importante è che i team siano in grado di fare fronte alle conseguenze economiche di questanno. un po quello che accade per i piccoli e medi business in giro per il mondo: sia le squadre private sia le Case hanno dovuto fare ricorso alle riserve di denaro di cui disponevano, ma un secondo anno sarebbe molto rischioso per parecchi team. Quindi, credo che la prima cosa sia fare in modo che i team subiscano un minore impatto economico. La seconda, riguarda il modo in cui abbiamo deciso di costruire la nostra società: siamo probabilmente troppo dipendenti dagli introiti legati ai promotori, perché una delle cose che non può cambiare è il ritorno dai ricavi televisivi. Dobbiamo rendere lo sport meno esposto a questo genere di crisi, riducendone la dipendenza dagli introiti, quindi rendendolo meno costoso o aumentando le entrate derivanti dai contenuti e dalle televisioni rispetto a quelle dei promotori. Quello che serve è cambiare business model e fare in modo che la F.1 resti rilevante per le generazioni più giovani. Quindi, tornando al discorso dei motori, dobbiamo dare una forte risposta al tema della loro sostenibilità economica. QUALE PILOTA LHA IMPRESSIONATA MAGGIORMENTE QUESTANNO? Charles Leclerc, sicuramente: è stato capace di portare la sua macchina a un livello superiore a quello effettivo. La questione non è Vettel, è Charles. TUTTI SONO ENTUSIASTI DELLE NUOVE PISTE DI QUESTANNO, COME MUGELLO, IMOLA, PORTIMAO: MA TEMIAMO SIA UN PROBLEMA DI DENARO. PENSA CHE SARà POSSIBILE VEDERE ANCORA DELLE GARE SU QUESTI CIRCUITI NELLE PROSSIME STAGIONI? Mi riferivo anche a questo, quando parlavo di cambiamento del business model: se si vuole controllare di più dove vogliamo correre, in quali piste vogliamo andare, dobbiamo dipendere di meno dai profitti del promoter e cercare di aumentare quelli relativi alle televisioni e ai contenuti. Come tutti, ho amato piste come quella di Portimao, dove vorremmo tornare, ma le circostanze economiche lo rendono totalmente impraticabile ed è per questo che dobbiamo rivedere il sistema, in modo da potere controllare maggiormente il nostro destino. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/RENAULT.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/19/ALPINE_IN_ARRIVO_UNA_NUOVA_SPORTIVA_E_UN_ELETTRICA.HTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/10/29/polestar_2_richiamo_dell_auto_elettrica_per_inverter_e_sistema_di_riscaldamento_difettosi/gallery/rbig/2020-Polestar-2-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32962 Polestar 2 - Nuovo richiamo per lelettrica http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32962&tipo=fv La POLESTAR [1] ha annunciato un richiamo per quasi tutti gli esemplari della sua prima auto elettrica, la 2 [2]: allinizio di ottobre era stato disposto UN PRIMO RICHIAMO [3], ma a differenza del precedente, il problema odierno è di tipo hardware e non software. UN RICHIAMO, DUE DIFETTI. Le componenti coinvolte sono due: una è linverter, laltra il sistema High Voltage Coolant Heater (HVCH), impiegato per il riscaldamento della cabina e della batteria. Nel primo caso le vetture coinvolte sono sono 4.586, mentre nel secondo sono 3.150, con la possibilità che un esemplare presenti solo uno dei due difetti o entrambi. La Casa ha dichiarato che i proprietari interessati verranno informati a partire dal 2 novembre: chi avrà entrambi i problemi potrà risolverli attraverso un intervento unico presso le officine autorizzate. Il costruttore ha inoltre annunciato che potrebbero verificarsi dei ritardi nelle consegne, poiché i veicoli difettosi non ancora ritirati dai clienti verranno aggiornati prima del ritiro. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/POLESTAR [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/02/27/POLESTAR_2_PREZZO_FOTO_AUTONOMIA_INFORMAZIONI.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/sicurezza/2020/10/05/polestar_2_elettrica_richiamo.html 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/nuovi-modelli/2020/10/30/volkswagen_golf_8_r_anticipazioni_motore_uscita/gallery/rbig/2020-volkswagen-golf-8-r-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32963 Volkswagen Golf 8 R - Un teaser anticipa il debutto imminente http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32963&tipo=fv La VOLKSWAGEN GOLF R DEBUTTERà UFFICIALMENTE IL PROSSIMO 4 NOVEMBRE [1]. Della vettura siamo per il momento in grado di vedere soltanto un teaser che mostra il logo R al centro del portellone posteriore, ma i dati tecnici non sono ancora stati svelati. A distanza di ventiquattrore dalla presentazione, la Casa aprirà i preordini della sportiva in tutta Europa, a un prezzo che non è ancora stato comunicato. ARRIVA IL TORQUE VECTORING E CRESCE LA POTENZA. Lottava serie della Golf è già stata declinata nelle pepate varianti GTI [2] e GTI CLUBSPORT [3] e cè quindi molta attesa per la R, che offrirà ancora la trazione integrale impreziosita da un nuovo sistema di torque vectoring al posteriore. Sembra piuttosto scontata ladozione del 2.0 TSI da 310 CV e 400 Nm comune alla cugina Audi S3, ma dopo luscita della GTI Clubsport da 300 CV la potenza potrebbe crescere ulteriormente per creare un maggiore distanziamento nella gamma. ELETTRONICA ANCORA PIù EVOLUTA PER DIVERTIRSI. La Volkswagen si è per il momento limitata a dire che la nuova R sarà più potente e dinamica della versione uscente da 300 CV. Inoltre, la Casa ha confermato ladozione di un nuovo sistema, il Vehicle Dynamics Manager, che controllerà la trazione integrale, il differenziale anteriore Xds e il Dcc. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/nuovi-modelli/2020/10/15/volkswagen_la_golf_r_8_debuttera_il_4_novembre.html [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/02/27/VOLKSWAGEN_GOLF_8_GTI_GTD_E_GTE_2020.HTML [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2020/10/14/VOLKSWAGEN_GOLF_GTI_CLUBSPORT_MOTORE_PRESTAZIONI_INTERNI_USCITA.HTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sicurezza/2020/10/30/ford_kuga_richiamo_sostituzione_delle_batteria_per_la_plug_in_hybrid/gallery/rbig/2020-Ford-Kuga-plug-in-hybrid-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32959 Ford Kuga Phev - La Casa sostituirà le batterie difettose http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32959&tipo=fv La FORD [1] ha comunicato che sostituirà lintero pacco batteria delle KUGA PLUG-IN HYBRID [2] interessate dal RICHIAMO DELLO SCORSO AGOSTO [3]. Questi esemplari, circa 21 mila al momento della prima comunicazione relativa alla campagna, presentano un difetto che potrebbe portare gli accumulatori a surriscaldarsi fino a prendere fuoco: secondo il costruttore, lunica soluzione per risolvere il problema in sicurezza è rimpiazzarli. UN DIFETTO NELLA FABBRICAZIONE. La Casa ha confermato che il difetto è dovuto a una contaminazione delle celle della batteria avvenuta durante il processo di produzione da parte del fornitore, la SAMSUNG, che le assembla in uno stabilimento ungherese. In attesa di avviare le riparazioni, il costruttore americano ha invitato i proprietari delle vetture coinvolte nella campagna di non viaggiare in modalità totalmente elettrica, ma di utilizzare soltanto la "Normal", e di non ricaricare lauto utilizzando fonti di corrente esterne. La Ford ha dichiarato che inizierà a contattare i proprietari delle Kuga a partire da novembre, in modo da organizzare la sostituzione degli accumulatori nelle officine autorizzate della rete. Gli interventi dovrebbero cominciare alla fine di dicembre e terminare entro marzo 2021. LOvale blu, inoltre, fornirà a tutti i clienti interessati unestensione della garanzia, o un pacchetto di servizi aggiuntivi, e una carta carburante dal valore di 500 euro a titolo di compensazione. IL PROBLEMA DELLE EMISSIONI. A causa del richiamo, e del conseguente stop alle vendite della Suv, la Ford si ritrovata nelle condizioni di non poter raggiungere gli obiettivi per la CO2 stabiliti dallUe per la fine del 2020, rischiando sanzioni salate. Di conseguenza, il costruttore americano ha stipulato un ACCORDO CON LA VOLVO [4] per formare un "pool" (raggruppamento), che le consente di sommare le proprie immatricolazioni a quelle degli svedesi, ampiamente in regola con i target sulle emissioni, per ottenere un valore medio più basso relativo alla propria flotta: una soluzione che consetirà alla Ford di rispettare le normative europee e, perciò, di non incorrere in multe. La Casa di Deaborn, tra laltro, nel terzo e nel quarto trimestre dellanno deve fare i conti con forti perdite, stimate tra i 500 milioni e i 600 milioni di dollari, proprio a causa dei problemi con la Kuga. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FORD [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/04/02/NUOVA_FORD_KUGA_DIMENSIONI_MOTORE_IBRIDO.HTML [3] https://www.quattroruote.it/news/sicurezza/2020/08/11/ford_richiamo_kuga_plug_in_hybrid.html [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2020/10/29/VOLVO_SUPERATI_GLI_OBIETTIVI_SULLA_CO2_E_POOL_CON_LA_FORD.HTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/noleggio/2020/10/30/toyota_yuko_diventa_kinto_share/gallery/rbig/2020_da_Yuko_a_kinto.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32960 Toyota - Yuko diventa Kinto Share http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32960&tipo=fv YUKO, il CAR SHARING [1] ibrido made in TOYOTA [2], cambia nome in KINTO SHARE e apre ufficialmente anche a MILANO, a BOLOGNA e CESENA. Oltre al nome e alle nuove città, che si aggiungono a Venezia e a Mestre, il servizio di car sharing con Yaris e Lexus avrà introdurrà un nuovo look per la app, le stesse autovetture e i parcheggi dedicati. NUOVE CITTà. A Milano, Bologna e Cesena, il servizio entrato nellecosistema KINTO [3] verrà inizialmente erogato solo in modalità station-based, mentre a Venezia e a Mestre continuerà a operare sia con parcheggi dedicati nei principali punti di interscambio (piazzale Roma, vicino alla stazione FS Santa Lucio, al Tronchetto, alla partenza dei traghetti, allaeroporto Marco Polo o in centro a Mestre), sia con il free floating. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CAR_SHARING [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/CAR_SHARING [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/KINTO 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/curiosita/2020/10/29/lamborghini_svelata_una_aventador_s_personalizzata_dallo_stilista_yamamoto/gallery/rbig/2020-lamborghini-ad-personam-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32961 Lamborghini - Svelata una Aventador S personalizzata dallo stilista Yamamoto http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32961&tipo=fv La LAMBORGHINI [1] ha aperto un nuovo Ad Personam Studio in Giappone. La Casa italiana ha scelto il "The Lounge Tokyo", nellesclusiva area di Roppongi, per creare il punto di riferimento dedicato ai clienti che vorranno personalizzare i propri modelli del Toro. UNA AVENTADOR S PERSONALIZZATA DA YAMAMOTO. Per inaugurare il nuovo spazio, la Lamborghini ha creato un esemplare unico della Aventador S in collaborazione con il designer di moda Yohji Yamamoto: per loccasione, lo stilista ha confezionato anche tre capi dabbigliamento coordinati. La partnership con Yamamoto è nata dopo la Fashion Week di Parigi del gennaio scorso, dando vita a una personalizzazione che combina in maniera unica colori e forme, rendendo la livrea della Aventador simile a un dipinto astratto. Il bianco, il grigio, il rosso e il nero si uniscono tra loro in sagome astratte e geometriche, mentre scritte bianche decorano le fiancate, il tetto, i sedili e la plancia, creando un vero pezzo da collezione. OLTRE METà DELLE LAMBO è PERSONALIZZATA IN FABBRICA. Nato nel 2016, il programma Ad Personam coinvolge ormai oltre la metà delle vetture Lamborghini vendute ogni anno e i clienti dimostrano di apprezzare sempre di più la possibilità di inserire dettagli unici sulla propria vettura. Le opzioni sono praticamente infinite e la presenza di un centro specializzato a Tokyo consentirà ai clienti giapponesi di vivere un esperienza ancora più esclusiva. Nello spazio previsto, infatti, sarà possibile toccare con mano i materiali e valutare la resa delle tinte sugli elementi delle hypercar, oltre a poter sfruttare sistemi di simulazione per testare le varie combinazioni di tinte ed accessori. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINOLAMBORGHINI 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/30/formula_1_l_alfa_romeo_conferma_raikkonen_e_giovinazzi/gallery/rbig/2020-raikkonen-giovinazzi.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32958 Formula 1 - LAlfa Romeo conferma Raikkonen e Giovinazzi http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32958&tipo=fv LAlfa Romeo Racing ha confermato la propria formazione di piloti per il Mondiale 2020 di Formula 1. KIMI RAIKKONEN E ANTONIO GIOVINAZZI SARANNO ANCORA COMPAGNI DI SQUADRA PER LA PROSSIMA STAGIONE. Alla vigilia del GP dellEmilia-Romagna, il team principal Frédéric Vasseur, ha detto: Siamo lieti di annunciare che Kimi e Antonio saranno con noi per unaltra stagione. Kimi non ha bisogno di presentazioni: il suo talento è ben conosciuto da tutti fin dal suo debutto nel 2001. In lui vediamo ancora tanta passione e motivazione. Antonio continua a crescere e svolge un ruolo cruciale per il team: si è meritato questo rinnovo contrattuale. VENTI ANNI IN F.1.Dopo aver rinnovato la partnership tra Alfa Romeo e Sauber Motorsport, non poteva che arrivare il rinnovo per i suoi due piloti. Kimi Raikkonen affronterà la sua diciannovesima stagione in Formula 1 e a dispetto delle tante voci che si erano rincorse sul suo futuro, il finlandese ha detto: Questa squadra è per me una seconda famiglia. Molte persone che avevo conosciuto nel 2001 lavorano ancora qui e latmosfera che si respira continua a darmi sempre nuove motivazioni. Il duro lavoro è più importante delle parole e questo si addice molto al mio stile. Credo nel progetto di questo team, altrimenti non sarei qui. GIOVINAZZI, NEL SEGNO DELLA CONTINUITà. Il futuro di Antonio Giovinazzi era forse più incerto, ma litaliano non si è lasciato distrarre dalle voci di mercato e ha continuato a lavorare sodo, meritandosi il rinnovo contrattuale per il 2021. Giovinazzi ha commentato la notizia del rinnovo dicendo: Sono felice che questo rapporto possa proseguire per un altro anno. La squadra fa molto affidamento sulle mie capacità e io voglio fare il massimo per ricompensare questa fiducia. Finora abbiamo ottenuto alcuni buoni risultati e penso di aver fatto la mia parte per la crescita del team. 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/30/formula_e_la_mercedes_benz_eq_svela_la_silver_arrow_02/gallery/rbig/2020-mercedes-formula-e.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32955 Formula E - La Mercedes-Benz EQ svela la Silver Arrow 02 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32955&tipo=fv Il team MERCEDES-BENZ EQ ha svelato i suoi piani per la prossima stagione, la prima in cui la FORMULA E avrà valenza di campionato mondiale targato FIA. Oltre a svelare la nuova Silver Arrow 02, il team ha confermato la coppa di piloti formata dallolandese Nyck de Vries e dal belga Stoffel Vandoorne. TEAM IN CRESCITA. Lo scorso agosto, nel gran finale di stagione, la Mercedes-Benz EQ ha chiuso la stagione in bellezza conquistando la prima doppietta nella categoria, con la vittoria di Vandoorne e il secondo posto di de Vries. Nella stagione 2021, la squadra andrà avanti nel segno della continuità e il team principal, Ian James, ha spiegato: Siamo rimasti davvero soddisfatti del lavoro svolto da Stoffel e Nyck. Entrambi hanno mostrato ottime prestazioni e acquisito esperienza con il team, dimostrando contestualmente le loro abilità. Hanno dimostrato di essere veloci e di saper gestire queste gare uniche nel loro genere. PILOTI AFFIATATI. Stoffel Vandoorne è pronto ad affrontare la sua terza stagione in Formula E. Finora ha disputato 24 ePrix, ottenendo una vittoria, due pole position e quattro podi. La scorsa stagione ha chiuso al secondo posto nel campionato piloti e ora sembra intenzionato a puntare ancora più in alto. Sembrano passati secoli dallultima gara. Abbiamo fatto dei test con la nuova vettura ed è stato bello tornare al volante, ma niente si può avvicinare alle emozioni di una gara. Nyck de Vries ha debuttato durante la sesta stagione della Formula E proprio con la Mercedes e si è confermato come il miglior rookie della stagione. stato un anno un po strano, con il Covid-19 tutto è cambiato dopo poche gare. Ho chiuso la stagione con un podio e non vedo lora di tornare in azione nel 2021. Mi sento a mio agio con il team e spero che potremo continuare a costruire un futuro di successo insieme. LA MONOPOSTO. La Mercedes-Benz EQ Silver Arrow 02 sarà larma con cui Vandoorne e de Vries affronteranno la prossima stagione. La monoposto è caratterizzata dalla classica livrea argentata con inserti blu, tipici del brand EQ. Tutte le novità di questa vettura sono sotto il cofano, poiché il team si è concentrato molto sullo sviluppo del powertrain. Dopo i test privati effettuati durante le scorse settimane, la Mercedes-Benz EQ è ora pronta ad affrontare il prossimo impegno ufficiale, i test collettivi che la categoria affronterà dal 27 novembre al 1 dicembre. Il Mondiale di Formula E partirà il prossimo 16 gennaio 2021, con una doppia gara a Santiago del Cile. 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/30/formula_1_da_alpha_tauri_e_randstad_una_lezione_per_le_aziende/gallery/rbig/2020-alpha-tauri-randstad-01.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32956 Formula 1 - Da Alpha Tauri e Randstad una lezione per le aziende http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32956&tipo=fv Dalla FORMULA 1 [1] le aziende, di qualsiasi genere, hanno molto da imparare. una tesi che sta molto a cuore alla RANDSTAD, gigante multinazionale del settore delle risorse umane e partner della scuderia ALPHA TAURI che, periodicamente, si presta a portare la propria testimonianza in favore di questo approccio. Questanno, alla vigilia del GRAN PREMIO DI IMOLA [2], laccento è stato posto su un tema di estrema attualità, la learning agility: la capacità, cioè, di affrontare in maniera efficace imprevisti e cambiamenti. E, di imprevisti, il 2020 è stato (e continua a essere) più che mai pieno. CAPACITà DI REAZIONE. Iniziamo, allora, delineando il concetto di learning agility: ci viene in aiuto Otello Valenti, direttore delle risorse umane della Randstad, secondo il quale si tratta della capacità di adattarsi ai cambiamenti rapidi e di gestire situazioni inattese, decidendo sulla base delle informazioni disponibili, che spesso sono poche, e trovando soluzioni alternative per raggiungere i propri obbiettivi. Proprio quello che deve fare il muretto di una squadra di F.1 durante una gara, ma anche quanto è richiesto al management di unazienda, soprattutto in una fase come quella che stiamo vivendo: basti pensare alla necessità che hanno avuto molte società, la primavera scorsa, di strutturarsi in modo da poter proseguire la propria attività anche durante il lockdown attraverso il telelavoro. Chi ha sofferto di meno questa situazione è stato chi era più avanzato tecnologicamente (e, in questo, la F.1 non ha quasi uguali); ma anche chi, nonostante fosse meno preparato alleventualità, è stato più rapido nel cogliere le nuove esigenze e nel dotarsi in tempi rapidi di sistemi adeguati, formando - se necessario - i propri collaboratori. LESPERIENZA DELLA PISTA. Lesempio della F.1 può essere illuminante al proposito. A raccontarlo è Guillaume Dezoteux, head of vehicle performance dellAlpha Tauri: il responsabile, cioè, di un gruppo di 26 ingegneri della squadra, che ha il compito di ottimizzare le prestazioni delle monoposto nei weekend di gara, di portarne avanti lo sviluppo nel corso della stagione e di far fronte a eventuali cambi regolamentari da un anno allaltro. Uno dei nostri doveri, spiega, è fare in modo che la squadra sia sempre in grado di gestire le situazioni più difficili. AllAlpha Tauri, per esempio, con lo scoppiare della pandemia ci siamo resi conto di non avere persone di back-up pronte a scendere in pista per sostituirne altre, qualora si fossero determinate, nel corso della stagione, situazioni di contagio. Abbiamo capito subito come fosse necessaria la formazione di altro personale, pronto per eventuali cambiamenti: così, oggi possiamo contare su di uno shadow performance team, una squadra ombra in grado dintervenire in qualsiasi momento. Dunque, la crisi ha offerto lopportunità per migliorare una struttura che rischiava di trovarsi in difficoltà a fronte della concretizzazione di un rischio. Bisogna anche dire, aggiunge Dezoteux, che spesso le persone sono restie a fare training, perché spiegare il proprio lavoro ad altri significa trasferire le competenze a un potenziale, futuro rivale: invece, allAlpha Tauri ciò è stato più facile di quanto ci aspettassimo e la formazione è stata vista come una scelta molto importante per la squadra. Del resto, come sottolinea Annalisa Bonifacio, head of talent acquisition della Randstad, il cambiamento, in unorganizzazione, è la cosa più difficile, perché genera preoccupazione: lemergenza lo ha favorito, imponendolo come necessità. Ora, però, ci troviamo in una nuova fase, nella quale la reazione rapida alla crisi deve lasciare il posto a una visione strategica consapevole e matura. Come dire: ben vengano gli interventi rapidi per far fronte a una situazione di crisi, poi però si deve far tesoro di questa esperienza per organizzarsi in maniera strutturata. Ancora una volta, la Formula 1 ci viene incontro con un esempio illuminante. SBAGLIANDO SIMPARA. Racconta Guillame Dezoteux: Al Gran Premio degli Stati Uniti del 2019, corso ad Austin, avevamo previsto una strategia con una sola sosta per Gasly: tutte le simulazioni confermavano che era la soluzione migliore. Io ero al muretto per prendere la decisione finale sul momento in cui far rientrare il pilota e ho confermato lo schema iniziale, ignorando dei segnali importanti: altri driver non riuscivano a preservare le gomme ed erano passati a una strategia su due soste. Per noi, aver confermato un unico pit stop è stato disastroso: i pneumatici erano finiti e negli ultimi 10 giri Pierre ha perso 10 posizioni. La colpa era mia, ma cercare i responsabili è un errore: è il metodo da mettere sotto esame, non la singola persona che ha fatto la scelta. Così, abbiamo analizzato i dettagli della gara, risentite le comunicazioni, rifatto lintero percorso che ci ha portati a quella decisione e cambiato i processi, con un approccio delicato, ma concreto. Abbiamo cambiato il nostro metodo di lavoro: tanto che, la settimana scorsa in Portogallo, siamo stati in grado di reagire in diretta ai dati che arrivavano dalla pista, di cambiare completamente la strategia passando a due soste e di ottenere con Gasly un ottimo quinto posto. Da un mio errore, attraverso il confronto, abbiamo ottenuto un miglioramento. Del resto, cè un detto che dice: A volte si vince, altre volte si impara. VERSO LA ROMAGNA. Anche Imola, dove si correrà domenica, rappresenta per i piloti una sfida: pochissimi ci hanno già corso, in altre categorie, per tutti costituisce unincognita ed è prevista una sola sessione di prove libere, invece delle solite tre. In questo è il metodo, che può essere di aiuto. Spiega Daniil Kvyat, laltro pilota dellAlpha Tauri: Quella di Imola è una pista di vecchia scuola, con dislivelli e belle curve: ci ho corso otto anni fa in Formula Renault e abbiamo fatto un filming day in estate. Tutto qui: quindi, era necessario prepararsi. In che modo? Interviene Gasly: Svolgendo test con il simulatore per trovare il set up adatto per la vettura, anche se il Covid ha reso più difficile andare in Inghilterra per utilizzarlo. Perché il problema non è solamente la messa a punto della monoposto: il pilota, oggi, ha a disposizione quasi un centinaio di settaggi regolabili attraverso il volante, sui quali deve intervenire in un contesto di estrema velocità e complessità ambientale (le altre macchine intorno, gli altri piloti, gli eventuali imprevisti come bandiere gialle e safety car ecc.). Mentre guidi, conclude Gasly, devi saper gestire un numero infinito di variabili in pochi istanti. Ecco, questo significa essere davvero multitasking: ma è unaltra lezione, che può arrivare sempre dalla Formula 1. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA-1 [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/SPORT/2020/10/29/FORMULA_1_NEL_WEEKEND_SI_CORRE_A_IMOLA.HTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/10/31/sean_connery_e_morto_il_gentlemen_driver_del_cinema/gallery/rbig/2020-auto-Sean-Connery-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32948 Sean Connery - morto il gentlemen driver del cinema - FOTO GALLERY http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32948&tipo=fv Unaltra triste notizia si aggiunge a questo assurdo 2020: SEAN CONNERY, leggenda del cinema, si è spento a 90 anni alle Bahamas. Lattore scozzese, coetaneo di CLINT EASTWOOD [1], ha interpretato innumerevoli ruoli in decine di film per il grande schermo, oltre che in diverse produzioni televisive. Senza dubbio, è quello di James Bond il suo personaggio più popolare, ma non sono mancate altre interpretazioni di grande rilievo, come quella di Jimmy Malone ne Gli Intoccabili (1987), con cui ha ottenuto lOscar come Miglior attore non protagonista. Il suo volto, comunque, rimane legato indissolubilmente anche al mondo dellauto, e soprattutto alla più celebre delle Bond Car del cinema, lASTON MARTIN DB5, che troverete nella nostra galleria di immagini insieme ad alcune curiosità e altre auto della carriera di questo attore e gentlemen driver. Links: ------ [1] https://www.quattroruote.it/news/curiosita/2020/05/31/clint_eastwood_le_auto_personali_e_quelle_dei_film_foto_gallery.html 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/31/f_1_gp_emilia_romagna_risultati_qualifiche/gallery/rbig/2020-mercedes-bottas.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32949 F.1, GP Emilia-Romagna - Imola, la pole position è di Valtteri Bottas http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32949&tipo=fv La MERCEDES ha monopolizzato la PRIMA FILA dello schieramento del GRAN PREMIO DELLEMILIA-ROMAGNA [1], tredicesima prova del Mondiale di Formula 1 2020. Valtteri Bottas ha conquistato la pole position allultimo giro utile: il finlandese ha fermato il cronometro sull1:13.609, strappando la prima posizione al compagno di squadra Hamilton per soli 97 millesimi. LE PAROLE DEI PROTAGONISTI. Valtteri Bottas partirà davanti a tutti domani e non ha nascosto tutta la sua soddisfazione: "Non è mai facile andare in pole. Questa pista mi piace davvero tanto ed è una bellissima sensazione spingere al massimo. Mi aspetto una bella lotta per domani, con Lewis e Max che mi daranno la caccia. Speriamo di avere un buon passo per giocarcela". Hamilton, un po deluso per il risultato finale, si aspetta una gara difficile: "Mi aspetto una gara noiosa domani, perché la pista è stretta e sarà complicato superare. Il punto più bell della pista? La location. Non costruiscono più piste così e mi chiedo perché". TORI SCATENATI. Terzo tempo per Max Verstappen che, nonostante un problema tecnico, è riuscito a stare vicino alle Mercedes. Max si conferma il primo inseguitore delle Mercedes, ma lolandese non è soddisfatto: "Onestamente, non è stata una gran qualifica. In Q2 abbiamo anche avuto un problema alla power unit. La terza posizione non è male, ma speriamo di fare una bella gara domani". Al suo fianco, domani, ci sarà PIERRE GASLY [2]. Il francese della SCUDERIA ALPHATAURI [3] ha fatto un ottimo lavoro, portando la sua AT01 in seconda fila: un grande risultato, arrivato dopo la sua conferma in squadra per la prossima stagione. Il team di Faenza si conferma molto competitivo a Imola, come dimostra lottavo posto di Kvyat. CAVALLINO CLAUDICANTE. Le sensazioni di stamattina sono state confermate: la Ferrari fatica a Imola. Charles Leclerc è riuscito a strappare a fatica il settimo tempo, accusando un ritardo di un secondo netto dal tempo della pole. Soffre ancora di più Sebastian Vettel, sprofondato nelle retrovie: è stato eliminato in Q2 e domani partirà dalla quattordicesima posizione. Delusione cocente anche per il pupillo italiano della FDA, Antonio Giovinazzi. Il pugliese, fresco di rinnovo, non è riuscito a scollare la sua Alfa Romeo Racing dallultima posizione. E non è andata meglio al compagno Kimi Raikkonen, che domani partirà solo due posizioni più avanti. GUARDA I RISULTATI COMPLETI DELLE QUALIFICHE A IMOLA [4] Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML?GRANPREMIO_EMILIA_ROMAGNA [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/PILOTA.SHTML?GASLY_PIERRE_545199 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/TEAM.SHTML?ALPHATAURI_21943 [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/FORMULA1/F1/RISULTATI.SHTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/ecologia/2020/10/30/elettriche_e_phev_quando_l_auto_alla_spina_entra_in_azienda/gallery/rbig/2020-EnelX-JuiceStation.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32947 Elettriche e Phev - Quando lauto alla spina entra in azienda http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32947&tipo=fv Unelettrica in azienda: questione di necessità o dimmagine? Ogni impresa ha le sue esigenze e lauto alla spina, full electric o plug-in, è sempre più un desiderio della clientela business. Peraltro, dallacquisto della vettura allinstallazione delle colonnine, non mancano le agevolazioni previste dal legislatore: scopriamole nei dettagli. VANTAGGI ELETTRICI. Le imprese italiane, al pari dei privati, possono beneficiare dellECOBONUS [1] statale riservato ai veicoli più ecologici e con un prezzo di listino non superiore a 50 mila euro. Nella fascia più virtuosa, quella che comprende le auto con emissioni tra 0 e 20 g/km di CO2, è previsto un beneficio massimo di 8 mila euro (in caso di rottamazione), ai quali se ne aggiungono altri 2 mila di contributo obbligatorio del dealer. Senza rottamazione, lincentivo scende a 5 mila euro, accompagnato da altri mille euro di contributo imposto al venditore. LE PLUG-IN. Meno consistente, ma pur sempre generoso, è lecobonus previsto per le Phev, ovvero le ibride alla spina che, di fatto, sono lunica tipologia dauto a rientrare nella seconda fascia dellincentivo, quella destinata ai modelli che emettono dai 21 g/km ai 60 g/km di CO2: in presenza di un veicolo da rottamare il beneficio è di 4.500 euro, ai quali si aggiungono i 2 mila euro di contributo obbligatorio della concessionaria. Se non si dispone di un usato da demolire, il bonus statale scende a 2.500 euro, ai quali vanno aggiunti altri mille euro di contributo del dealer. La disponibilità dei fondi, verificabile sul PORTALE DEDICATO [2], può essere soggetta a esaurimento, ma non mancano gli incentivi locali. LE COLONNINE. Limpresa che acquista uno o più veicoli elettrici può avere la necessità di installare almeno un punto di ricarica nel parcheggio aziendale. La stessa esigenza, in realtà, può essere dettata anche in assenza di una flotta "alla spina", magari come servizio o cortesia per il cliente, che potrà così ripristinare la batteria della propria auto mentre è parcheggiata. LA NORMATIVA. Va detto che, per il legislatore, non sono necessarie particolari autorizzazioni per linstallazione di una colonnina nel parcheggio aziendale, inquadrato come luogo privato aperto a terzi. In tal caso è obbligatorio un punto di ricarica di tipo Modo 3: basato sullo stesso standard di sicurezza dei charging point domestici, può operare solo a corrente alternata (AC) secondo due modalità, lenta (a 16 A e 230 V) e rapida (a 32 A e 400 V). LE TIPOLOGIE. Delineate tali caratteristiche, è quindi possibile installare una wallbox e una normale colonnina che non opera a corrente continua. Per esempio, rientra nella prima categoria la nuova JuiceBox di Enel X, pensata soprattutto per ambienti domestici e parcheggi condominiali o, appunto, aziendali, con una potenza fino a 22 kW a econda della versione. Nella seconda categoria, quella delle colonnine più tradizionali, rientra la nota JuicePole, sempre di Enel X (nella foto qui sopra), che può caricare a corrente alternata due veicoli alla volta fino a 22 kW. GLI INCENTIVI. Per lacquisto e la posa in opera di punti di ricarica non accessibili al pubblico, la legge di Stabilità 2019 ha previsto una detrazione fiscale del 50% fino a 1.500 euro complessivi. Come chiarito dalla risoluzione 32/A dellAgenzia delle Entrate, possono usufruire del beneficio, in vigore fino al 31 marzo 2021, anche le aziende e non solo i privati; in alternativa, questi ultimi possono godere del superbonus del 110%, qualora linstallazione della colonnina avvenga congiuntamente a interventi di efficientamento energetico dellimmobile. NOVITà IN ARRIVO. Infine, va ricordato che il recente DECRETO AGOSTO [3] ha previsto lo stanziamento di 90 milioni di euro, destinati a imprese e professionisti, per linstallazione di infrastrutture di ricarica, non cumulabili con altre agevolazioni. Per conoscerne entità e modalità di erogazione del contributo, previsto fino al 31 dicembre 2021, bisognerà attendere il decreto attuativo del ministero dello Sviluppo economico. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/BUROCRAZIA/2020/08/08/INCENTIVI_AUTO_DECRETO_AGOSTO.HTML [2] https://ecobonus.mise.gov.it/ [3] https://www.quattroruote.it/news/burocrazia/2020/08/08/incentivi_auto_decreto_agosto.html 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/eventi/2020/10/30/mini_cooper_se_flash_lucca_comics_carmine_di_giandomenico/gallery/rbig/2020-Mini-Cooper-SE-Flash-Carmine-Di-Giandomenico-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32953 Mini Cooper SE - A Lucca Changes un esemplare ispirato a Flash http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32953&tipo=fv Per ledizione 2020 di Lucca Changes, la MINI [1] ha presentato un esemplare della sua prima elettrica, la COOPER SE [2], ispirato a Flash. Durante levento internazionale dedicato al mondo dei fumetti, dellanimazione e dellimmaginario fantasy, la Casa britannica ha affidato una Mini a batteria a uno dei disegnatori italiani più noti allestero, nonché matita responsabile di oltre 34 numeri di Flash, Carmine di Giandomenico. 80 ANNI DI FLASH. Lartista ha verniciato la carrozzeria dellelettrica britannica disegnando due differenti versioni del supereroe della DC Comics. Ispirandosi alla copertina numero 123 dellalbo a fumetti, Di Giandomenico ha fatto incontrare Jay Garrick - la versione classica del supereoe, la golden age - con la sua reinterpretazione moderna, Barry Allen. Come sfondo è stata scelta Central City, la città che accomuna tutte le vetture di Flash, mentre sul cofano è stata disegnata la saetta simbolo del personaggio. Il tema della vettura non è stato scelto a caso: ledizione 2020 dellevento toscano celebra infatti gli 80 anni di Flash, comparso per la prima volta su un albo a fumetti nel 1940. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/MINI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/07/09/MINI_COOPER_SE_ELETTRICA_MOTORE_AUTONOMIA_USCITA.HTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/sport/2020/10/29/formula_1_nel_weekend_si_corre_a_imola/gallery/rbig/2020-autodromo-imola.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32954 Formula 1 - Nel weekend si corre a Imola http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32954&tipo=fv Dopo 14 anni dattesa, LA FORMULA 1 è PRONTA A TORNARE A IMOLA questo fine settimana. Sul circuito del Santerno si correrà il GRAN PREMIO DELLEMILIA-ROMAGNA, tredicesima prova del Mondiale 2020. IL CIRCUITO. Quello di Imola sarà il terzo appuntamento della F.1 nel nostro Paese: dopo il GP dItalia a Monza e il GP della Toscana al Mugello, adesso è arrivato il momento di Imola. Il circuito del Santerno ha ospitato unedizione del GP dItalia (1980), mentre dal 1981 al 2006 è stato teatro di ventisette edizioni del Gran Premio di San Marino. Da quel momento in avanti, gli appassionati di motorsport ne hanno sempre invocato il ritorno e anche se in condizioni speciali questanno sono stati accontentati. Il circuito dedicato a Enzo e Dino Ferrari è uno di quelli old-school, caratterizzato da vie di fuga in ghiaia, curve veloci, dislivelli e punti ciechi. Punti come le Acque Minerali o la Piratella sono diventate iconiche e poterle affrontare sulle moderne vetture di Formula 1 sarà unesperienza unica per i piloti. Si percorre in senso antiorario, con 12 curve a sinistra e 9 a destra. La sede stradale è molto stretta e fare dei sorpassi è davvero complicato: fondamentale, dunque, la strategia di gara. WEEKEND CORTO. Per consentire a uomini e mezzi di spostarsi da Portimao a Imola, è stato scelto di accorciare il fine settimana di gara a due soli giorni. Sabato mattina si terrà lunica sessione di prove libere nella quale i team dovranno ottimizzare le proprie vetture in vista delle qualifiche, previste per il primo pomeriggio. La gara si terrà domenica, con partenza prevista alle ore 13:10: al termine dei 63 giri, scopriremo chi sarà il vincitore del GP dellEmilia-Romagna. Con il weekend corto, cambia anche lallocazione delle gomme rispetto alle altre gare. Pirelli fornirà 10 set di gomme al posto dei consueti 13. Ogni pilota avrà 2 set di hard, 2 di medium e 6 di soft. Al termine delle prove libere, ogni pilota dovrà restiture 3 set di gomme, avendo così lo stesso numero di set per qualifiche e gara rispetto a qualsiasi altro weekend. Rimane invariata, invece, lallocazione delle gomme da bagnato, anche se le previsioni meteo escludono al momento la possibilità di pioggia durante il fine settimana. PORTE CHIUSE. Per effetto dellultimo DPCM in materia di contenimento dei contagi di Covid-19, la gara di Imola si disputerà a porte chiuse. Inizialmente era prevista la presenza di circa 13 mila persone, ma per effetto delle nuove restrizioni la società che gestisce limpianto è stata costretta a rivedere i propri piani e mettere in atto una procedura di rimborso dei ticket emessi. LA GARA IN TV. Il weekend del Gran Premio dellEmilia-Romagna si potrà seguire in tv, sia sul digitale terrestre - in chiaro, per tutti - sia sulla pay-tv Sky. Ecco il programma del weekend. Come sempre, sul nostro SPECIALE F.1 [1] troverete tutte le informazioni in tempo reale, i risultati e le statistiche. SABATO 31 OTTOBRE Prove Libere | dalle 10:00 in diretta su Sky Sport F1 Qualifiche | Dalle 14 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 DOMENICA 1 NOVEMBRE Gara | partenza alle 13:10 in diretta su Sky Sport F1 e TV8 Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/SPORT/FORMULA-1/ 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/https://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/foto_spia/2020/10/30/ferrari_purosangue_suv_foto_uscita_2022/gallery/rbig/2020-Ferrari-Purosangue-1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=32952 Ferrari Purosangue - Primo sguardo alla "Suv" del Cavallino http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=32952&tipo=fv 1929: la SCUDERIA FERRARI [1] viene fondata. 1950: il Cavallino entra in FORMULA 1 [2]. 2011: nasce la FF [3], la prima (e finora unica insieme allerede GTC4 [4] e alla SF90 STRADALE [5]) auto a trazione integrale di Maranello. 2022: arriva la PUROSANGUE [6], la prima Suv - se così la si potrà veramente definire - del Cavallino Rampante. La nuova quattro porte avrà un ruolo particolarmente importante, in quanto è destinata a cambiare per sempre la storia del costruttore modenese, tanto dal punto di vista della gamma, quanto da quello commerciale. Il segmento delle Suv, infatti, è tra i più redditizi del mercato e permetterebbe alla Ferrari di incrementare notevolmente le proprie (già floride) entrate: il mercato di riferimento sarà quello cinese, ma la Purosangue potrà conquistare diversi clienti anche in altre parti del globo, Stati Uniti e Paesi mediorientali in primis. Quello che è certo, tuttavia, è che la sport utility non andrà a ledere laura desclusività del marchio del Cavallino. La Purosangue non sarà a tiratura limitata, ma nonostante questo non ci si deve aspettare unimpennata nella produzione annuale di Maranello. TRANSAXLE, INTEGRALE E (QUASI CERTAMENTE) IBRIDA. Mai prima dora era stata avvistata una Ferrari "a ruote alte" e queste primissime foto spia dimostrano che sono già stati realizzati dei muletti per la messa a punto stradale del telaio e del powertrain della vettura. La Purosangue, infatti, si baserà su una nuova piattaforma con motore anteriore longitudinale transaxle (quindi con trasmissione al posteriore) sviluppata ad-hoc: quasi certamente, ospiterà motori elettrificati. La trazione sarà integrale, ma per il momento non è stato ufficialmente confermato il frazionamento del propulsore. Non sono da escludere più versioni, magari con un V8 biturbo per le varianti più performanti e IL NUOVO V6 [7] per i modelli daccesso. Molto probabilmente la Purosangue sarà proposta con motori ibridi plug-in, dunque in grado di viaggiare in modalità puramente termica, ibrida o totalmente elettrica per qualche decina di chilometri. SENZA COMPROMESSI. Lobiettivo del Cavallino, come AFFERMATO NEL 2018 [8] da Enrico Galliera, Chief Marketing e Commercial Officier del costruttore, è quello di creare una vettura in grado di garantire le stesse emozioni di guida di tutti gli altri modelli, senza avere compromessi con il Dna Ferrari e puntando a diventare il punto di riferimento nel suo segmento a livello di prestazioni. "Lapproccio allaccessibilità dellabitacolo - ha spiegato Galliera - sarà rivoluzionario": come si può vedere dal muletto, le portiere posteriori non saranno particolamente grandi, ma dovrebbero comunque consentire un agevole accesso ai sedili posteriori, sui quali potranno trovare spazio almeno due persone. Trattandosi di un modello totalmente inedito, non è infatti da escludere che la Purosangue possa essere proposta anche con un divano posteriore a tre posti, proprio come le (ipotetiche) concorrenti dei marchi Aston Martin, Bentley e Lamborghini. SARà DIVERSA. Analizzando queste prime foto spia, appare subito evidente come il muletto abbia ancora diversi componenti provvisori. Il primo indizio è sul cofano, dove è presente una gobba (ovviamente provvisoria) probabilmente ricavata per fare spazio al propulsore: il modello di serie potrebbe così avere dei passaruota più alti e muscolosi. Osservando il volante e il quadro strumenti, inoltre, è evidente come laltezza del frontale non corrisponda con quella dellabitacolo e come la portiera sia incernierata molto più avanti rispetto al posto di guida: potrebbe dunque trattarsi di un mulotipo e quindi di una vettura con meccanica in fase di sviluppo e carrozzeria provvisoria. Links: ------ [1] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/AUTO/FERRARI.HTML [2] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FORMULA-1 [3] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TUTTE-LE-AUTO/FERRARI/FF [4] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/LISTINO/FERRARI/GTC4LUSSO [5] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/NUOVI-MODELLI/2019/05/29/FERRARI_SF90_STRADALE_FOTO_MOTORE_IBRIDO_PRESTAZIONI.HTML [6] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/TAGS/FERRARI-PUROSANGUE [7] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/09/18/FERRARI_CONFERMATO_L_ARRIVO_DEI_V6.HTML [8] http://www.autosomma.it/HTTPS://WWW.QUATTRORUOTE.IT/NEWS/INDUSTRIA-FINANZA/2018/09/18/FERRARI_TUTTE_LE_NOVITA_DELLA_GAMMA_2022.HTML 2020-11-01 00:00:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/76058194_t.php http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=4134 anahwa http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=4134&tipo=fv fgvghghhgh 2015-04-26 17:56:17 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/ http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=1771 1111 http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=1771&tipo=fv lll 2014-11-22 20:56:32 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/http://www.quattroruote.it/content/dam/quattroruote/it/news/videogiochi/2014/07/24/forza_horizon_2_svelate_le_prime_100_vetture_5_sono_inedite/gallery/2014-forza1.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=20 Forza Horizon 2 - Svelate le prime 100 vetture: 5 sono inedite http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=20&tipo=fv Prime rivelazioni per Forza Horizon 2, il secondo capitolo dello spin-off della nota serie firmata Turn 10 Studios: luscita del racing game è prevista il prossimo 30 settembre per Xbox One e 360, ma nel frattempo i programmatori hanno diffuso la lista delle prime cento auto disponibili. E tra queste, oltre a ritorni "classici", ci sono alcune novità molto speciali. AUTO INEDITE. I primi nomi che saltano allocchio degli appassionati sono quelli di alcune new entry come la Renault Alpine A110 1600S del 1973 o il mitico van Volkswagen Type 2 Deluxe del 1963, le cui quotazioni oggi possono raggiungere anche i 200 mila dollari. E ancora: la Jeep Willys MB del 1945 e la bellissima Jaguar XK120 SE del 1954. Lultima vettura inedita è la Vauxhall Corsa VXR del 2013. AMBIENTAZIONE "APERTA". Come è noto, Horizon 2 offrirà unambientazione open world modellata sullEuropa del Sud, percorribile nella sua interezza e senza limitazioni; inoltre, dalla serie principale verrà importato il sistema "Drivatar", in grado di riprodurre gli stili di guida dei giocatori per rendere gli avversari più imprevedibili. LA LISTA. Di seguito, riportiamo lelenco delle prime cento protagoniste di Horizon 2: al momento del lancio, le vetture saranno il doppio. Presenti anche la Lamborghini Huracàn LP 610-4, "testimonial" del gioco, la Nissan GT-R Black Edition del 2012 e la Pagani Huayra. 2002 Acura RSX Type-S 2007 Alfa Romeo 8C Competizione 2011 Alfa Romeo Giulietta Quadrifoglio Verde 1986 Alfa Romeo Spider Quadrifoglio Verde 1964 Aston Martin DB5 2010 Aston Martin One-77 2012 Aston Martin Vanquish 2013 Audi R8 Coupé V10 plus 5.2 FSI quattro 1995 Audi RS 2 Avant 2006 Audi RS 4 2011 Audi RS 5 Coupé 2013 Audi S4 1997 BMW M3 1991 BMW M3 2012 BMW M5 2011 BMW X5 M 1990 Chevrolet Camaro IROC-Z 1979 Chevrolet Camaro Z28 2012 Chevrolet Camaro ZL1 1970 Chevrolet Chevelle SS-454 2014 Chevrolet Corvette Stingray 2009 Chevrolet Corvette ZR1 1995 Chevrolet Corvette ZR-1 1964 Chevrolet Impala SS 409 1970 Dodge Challenger R/T 2012 Dodge Charger SRT8 1957 Ferrari 250 California 1957 Ferrari 250 Testa Rossa 1994 Ferrari F355 Berlinetta 2012 Ferrari F12berlinetta 2007 Ferrari 430 Scuderia 2013 Ferrari LaFerrari 1980 Abarth Fiat 131 2010 Abarth 500 esseesse 2013 Abarth Punto Supersport 2009 Ford Focus RS 1969 Ford Mustang Boss 302 2000 Ford SVT Cobra R 1993 Ford SVT Cobra R 1987 Ford Sierra Cosworth RS500 2011 Ford Transit SuperSportVan 1997 Honda Civic Type R 2006 HUMMER H1 Alpha 2013 Hyundai Genesis Coupe 3.8 Track 1956 Jaguar D-Type 1961 Jaguar E-type S1 1954 Jaguar XK120 SE 1945 Jeep Willys MB 2011 Koenigsegg Agera 1997 Lamborghini Diablo SV 2014 Lamborghini Huracán LP 610-4 1982 Lancia 037 Stradale 2013 Lexus GS350 F Sport 2010 Lexus LFA 1956 Lotus Eleven 2012 Lotus Exige S 2010 Maserati Gran Turismo S 1994 Mazda MX-5 Miata 2011 Mazda RX-8 R3 2013 McLaren P1 2013 Mercedes-Benz A 45 AMG 2012 Mercedes-Benz C 63 AMG Coupé Black Series 2009 Mercedes-Benz SL 65 AMG Black Series 2012 Mercedes-Benz SLK 55 AMG 2011 Mercedes-Benz SLS AMG 1965 MINI Cooper S 1999 Mitsubishi Lancer Evolution VI GSR 2004 Mitsubishi Lancer Evolution VIII MR 2008 Mitsubishi Lancer Evolution X GSR 2010 Nissan 370Z 1969 Nissan Fairlady Z 432 1994 Nissan Fairlady Z Version S Twin Turbo 2000 Nissan Silvia Spec-R 1971 Nissan Skyline 2000GT-R 1993 Nissan Skyline GT-R V-Spec 2012 Pagani Huayra 2009 Pagani Zonda Cinque Roadster 1969 Pontiac GTO Judge 1973 Pontiac Firebird Trans Am SD-455 1987 Pontiac Firebird Trans Am GTA 1973 Renault Alpine A110 1600S 2003 Renault Sport Clio V6 2010 Renault Megane RS 250 2011 RUF Rt 12 S 1965 Shelby Cobra 427 S/C 1998 Subaru Impreza 22B STi 2005 Subaru Impreza WRX STI 2011 Subaru WRX STI 1994 Toyota Celica GT-Four ST205 2013 Toyota GT86 1995 Toyota MR2 GT 2005 TVR Sagaris 2012 Vauxhall Astra VXR 2009 Vauxhall Corsa VXR 2013 SRT Viper GTS 1992 Volkswagen Golf Gti 16v Mk2 2010 Volkswagen Golf R 1984 Volkswagen Rabbit GTI 2011 Volkswagen Scirocco R 1963 Volkswagen Type 2 De Luxe REDAZIONE ONLINE 2014-07-24 22:33:37 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/80541000._t.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=13 BMW Serie 2 Active Tourer http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=13&tipo=fv In Cina il 15% delle vendite totali. uno dei modelli pi importanti nell'intera storia del marchio, e a Monaco si aspettano grandi cose da lei. La BMW Serie 2 Active Tourer, per il Costruttore che l'ha cos fermamente voluta, l'auto delle prime volte: prima monovolume, primo modello a trazione anteriore, primo motore a tre cilindri. Roba da togliere il sonno a chi ha portato avanti il progetto, che arriver alla prima prova del fuoco il 27 settembre, giorno del debutto sui mercati europei. 2014-07-24 09:10:41 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/91801809._t.jpeg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=12 Peugeot 2008 Castagna http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=12&tipo=fv Nuovo esemplare unico realizzato sulla piccola crossoverProsegue la collaborazione tra Peugeot Italia e la Carrozzeria Castagna: dopo la one-off su base 508 RXH, l'atelier milanese ha ora trasformato una Peugeot 2008: anche la crossover pi abbordabile in gamma, cos, ha indossato per una volta i panni della fuoriserie. Esterni in indaco e rosso. La 2008 Castagna nasce da un lavoro di personalizzazione che passato per un evidente remake di interni ed esterni: la carrozzeria della "special" si gioca tutta sul contrasto tra il rosso (lucido e caratterizzato dalla presenza di gocce di diverso colore in sospensione), e l'indaco (opaco). A completare la policromia, le cromature nere e i dettagli in bianco, oltre alle finiture in legno grezzo che arricchiscono ulteriormente la creazione. 2014-07-24 09:09:45 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/69918031_t.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=11 Nissan Note Nismo http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=11&tipo=fv Le prime foto ufficiali della monovolume sportiva.La Nissan ha diffuso su Twitter le prime immagini della Note Nismo, inedita versione sportiva della monovolume compatta, che amplia ulteriormente la gamma di modelli griffati dal reparto sportivo ufficiale. I colori, bianco rosso e nero, sono quelli gi visti sulla Juke, sulla 370Z e sulla GT-R e il design dei paraurti e dei cerchi in lega cambia radicalmente l'immagine della vettura. Prese d'aria maggiorate, luci led diurne e accenti rossi sui profili la fanno sembrare davvero una piccola GT-R da famiglia, mentre l'interno dominato dal nero con accenti rossi. Per il momento la disponibilit della Note Nismo confermata soltanto per il mercato giapponese, dove sar in vendita in autunno. Ancora tutti da scoprire i dettagli tecnici, probabilmente simili a quelli della Juke, cos come ancora da confermare la disponibilit di questo modello in Europa. 2014-07-24 09:05:38 autosomma http://www.autosomma.it/adzoneuploadnews/19050826_t.jpg http://www.autosomma.it/adzoneblog_post.php?id=1 Salone di Los Angeles http://www.autosomma.it/blog_post.php?id=1&tipo=fv Il Salone di Los Angeles, in calendario dal 18 al 27 novembre, terrà a battesimo la versione rinnovata della Volkswagen CC (che nell'occasione perde il nome Passat). La coupé a quattro porte si adegua al family feeling della Casa tedesca con la griglia a listelli orizzontali e le luci posteriori a led ridisegnate. Nell'occasione del restyling viene aggiornata anche la dotazione di serie con nuovi accessori. L'arrivo nelle concessionarie europee è previsto a partire dal mese di febbraio 2012, prima in Germania, poi a seguire negli altri Paesi. 2011-11-03 11:12:18